PROVINCIA DI VERCELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI VERCELLI"

Transcript

1 PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2002 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A: CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L ACQUISTO DI BESTIAME DA RIPRODUZIONE. ISTRUZIONI OPERATIVE ad integrazione della D.G.R. n. 6 del 18/03/81 Le presenti disposizioni applicative definiscono gli aspetti che la L.R. 63/78 (e successive modificazioni ed integrazioni), così come adeguata alla normativa comunitaria in ordine agli aiuti di stato colla DGR n del 2 ottobre 2000 per quanto riguarda gli interventi nelle aziende agricole (GUCE serie C28 del 1 febbraio 2000), demanda a decisioni operative non definite dalla Legge stessa. Per quanto qui non previsto si fa riferimento: alla DGR n del 23/10/2000 per l applicazione della misura A del Piano di Sviluppo Rurale per l anno della Regione Piemonte; A DURATA INTERVENTO E DISPONIBILITA FINANZIARIA Il presente provvedimento ha validità triennale e decorre dalla data di assunzione della delibera di approvazione al 31/12/2004. Lo stanziamento disponibile ammonta a per il 2002, per il 2003 e per il B BENEFICIARI Possono accedere ai benefici le seguenti tipologie di impresa che raggiungono il reddito soglia previsto dal P.S.R oppure che hanno aderito alla misura B (insediamento giovani agricoltori) del predetto intervento: aziende agricole singole con titolare persona fisica; aziende agricole condotte da società di persone e cooperative agricole iscritte al registro prefettizio sezione agricolo. Sono escluse le società di capitali. C PROCEDURE E TERMINI

2 Il programma provinciale di aiuti per l acquisto di bestiame riproduttore ha validità per il periodo Le domande devono essere presentate al Settore Agricoltura Via Luigi Pirandello n. 8, Vercelli, presso cui può essere ritirata la specifica modulistica. Le istanze verranno istruite e finanziate in base all ordine di arrivo all Ufficio protocollo del Settore Agricoltura. Le pratiche inevase per carenza di disponibilità finanziarie, avranno priorità di finanziamento alle assegnazioni economiche dell anno successivo fino ad esaurimento dei fondi. I richiedenti associati in forma cooperativa devono inoltre presentare la seguente documentazione: I. Copia dell'atto costitutivo e dello Statuto (se non ancora agli atti dell'ufficio); II. III. IV. Elenco dei soci; Copia del verbale del Consiglio di Amministrazione che autorizza il Presidente o il suo delegato a presentare la richiesta di finanziamento, a sottoscrivere tutta la documentazione necessaria e a riscuotere il contributo assegnato, rilasciando ampia e liberatoria quietanza a nome e per conto della cooperativa; Autocertificazione attestante che la cooperativa si trova nel pieno e libero possesso ed esercizio dei propri diritti; V. Autocertificazione attestante l'iscrizione al Registro Prefettizio delle cooperative agricole e l'iscrizione nello schedario generale della cooperazione. Le dichiarazioni e le autocertificazioni presentate dal richiedente a supporto della domanda di finanziamento, rese nei modi previsti dalle vigenti normative, sollevano da ogni responsabilità i funzionari competenti delle istruttorie e dell adozione dei provvedimenti di attribuzione del finanziamento, fatta comunque salva la facoltà, per l ufficio istruttore, di effettuare i controlli ritenuti più opportuni. Per il 2003 e il 2004 la data di presentazione verrà prevista con specifico provvedimento del Direttore del Settore Agricoltura ad avvenuta verifica della disponibilità finanziaria nei pertinenti capitoli di bilancio. D FORMA, INTENSITA ED IMPORTO DEGLI AIUTI Gli aiuti vengono corrisposti sotto forma di contributi in conto capitale calcolati in percentuale sulla spesa ammessa. PERCENTUALE DI CONTRIBUTO SULLA SPESA MASSIMA ZONA SVANTAGGIATA ZONA NON SVANTAGGIATA (MONTAGNA E PARCHI) (COLLINA E PIANURA) 50 % 40 % L importo massimo ammissibile a contributo è pari a e il minimo a Le aziende devono rispettare le condizioni di ammissibilità previste dalla D.G.R. n del 2/10/2000 Adeguamento dei regimi di aiuto di stato nel settore agricolo. E MASSIMALI DI SPESA BESTIAME RIPRODUTTORE

3 Nelle tabelle sotto specificate sono riportate le specie e le razze maggiormente rappresentative dell'allevamento di bestiame nella Provincia di Vercelli e pertanto ammissibili a beneficiare di contributo in conto capitale sull'acquisto di riproduttori e i relativi massimali di spesa (espressi in Euro). BOVINI PROVVISTI DI CERTIFICATO GENEALOGICO RAZZA GIOVENCA (fino a 3 anni) MANZA (da 1 a 2 anni) TORELLO (da 10 a 20 mesi) Bruna (rank 50 e oltre) 1.345,00 725, ,00 Frisona (rank 60 e oltre) 1.345,00 725,00 Pezzata Rossa d'oropa 1.345,00 725, ,00 (con certificato d iscrizione al registro anagrafico) Piemontese 1.660,00 930, ,00 BUFALINI CON CERTIFICATO GENEALOGICO Femmina di età compresa da 18 a 36 mesi 1.240,00 Toro bufalino di età compresa da 10 a 20 mesi 1.136,00 OVINI DI ETA' COMPRESA TRA 5 E 18 MESI Pecora con certificato genealogico 171,00 Pecora con certificato d'origine 119,00 Ariete con certificato genealogico 207,00 CAPRINI DI ETA' COMPRESA TRA 5 E 18 MESI Capra con certificato genealogico 181,00 Capra con certificato d'origine 130,00 Becco con certificato genealogico 260,00 SUINI DI ETA COMPRESA TRA 5 E 12 MESI Scrofa con certificato genealogico 413,00 Verro con certificato genealogico 723,00 Scrofetta ibrida F1 con certificato 258,00 CONIGLI DI ETA COMPRESA TRA 3 E 4 MESI Soggetto con certificato genealogico o ibrido certificato 16,00 STRUZZI Femmine (età superiore a 6 mesi) 413,00 Maschi (età superiore a 18 mesi) 413,00 F CAPI FINANZIABILI

4 Il numero massimo annuale di capi per i quali possono essere concessi gli aiuti è limitato all'equivalente di 16 UBA (Unità Bovini Adulti) per ogni imprenditore singolo, società di persone e cooperativa. I soggetti bovini e bufalini finanziati non potranno comunque superare i 20 capi annui per ogni imprenditore singolo, società di persone e cooperativa. L acquisto di bestiame bovino riproduttore maschile (torelli) è subordinato alla presenza in stalla di almeno 20 vacche. Limitatamente ai bovini di razza Frisona è ammissibile l acquisto solo di capi di sesso femminile, manze e/o giovenche, con indice genetico del rank uguale o superiore a 60. G DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER LE AZIENDE PRODUTTRICI E COMMERCIALIZZATRICI DI LATTE VACCINO Il settore della produzione di latte bovino è assoggettato al regime delle quote aziendali, pertanto il contributo sull'acquisto riproduttori non deve comportare l'aumento della produzione rispetto alla quota del richiedente. Detto intervento è finalizzato al miglioramento genetico delle mandrie, quindi l'acquisto di bestiame bovino femminile è ammissibile ai soli fini della rimonta (sostituzione) dei capi di fine carriera e a condizione che non determini l'aumento del numero di vacche presenti nell'allevamento. La percentuale di rimonta si intende pari al 20% dei capi in produzione presenti in stalla. Tuttavia in caso di produzione inferiore alla quota di riferimento ovvero acquisto e/o assegnazione di quote, potrà essere ammesso a contributo un numero di bovine tale da consentire di produrre almeno il 70% della stessa, affinché la predetta quota non subisca la riduzione prescritta dell'art.1, comma 3/bis della legge 7 aprile 2000 n.79. In ogni caso (rimonta o raggiungimento almeno del 70% della quota) il numero massimo di capi finanziabili non può superare quello indicato al punto F delle presenti istruzioni operative. H ESCLUSIONI Sono esclusi: 1. gli acquisti effettuati prima della presentazione della domanda di contributo; 2. le domande di nuovi allevamenti bovini da carne o non a norma con le disposizioni sanitarie di legge; 3. gli acquisti che determinano, nel settore carne bovina, un aumento di produzione (è tuttavia consentito l acquisto di bestiame selezionato e di alta genealogia al solo fine della rimonta nella misura del 20% dei capi presenti); I DESTINAZIONE DEGLI ACQUISTI Il bestiame da riproduzione acquistato con le agevolazioni sopra specificate non può essere alienato o comunque trasferito dalle aziende del Beneficiario per almeno 5 anni, salvo che se ne renda necessario l avvio alla macellazione perché ritenuto non più idoneo alla sua iniziale destinazione produttiva. In questo caso deve essere richiesta

5 autorizzazione al Settore. Parimenti il Beneficiario predetto non deve abbandonare l attività di allevatore nel suddetto termine temporale. I contravventori dovranno rimborsare l equivalente del contributo concesso, maggiorato degli interessi e quant altro previsto dalla normativa vigente L CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO Per la classificazione del territorio tra montagna e di altro tipo (collina e pianura) si fa riferimento all elenco dei Comuni di cui alle deliberazioni del Consiglio Regionale n del 12/05/88 e del 5/10/89, ai sensi della direttiva CEE 268/75. Se l azienda o la cooperativa ricade in territori di più comuni si fa riferimento a quello in cui ha la sede legale. M DATI PERSONALI E SENSIBILI La presenza di una domanda di finanziamento costituisce per la Provincia autorizzazione al trattamento per fini istituzionali dei dati personali e dei dati sensibili in essa contenuta. N DIVIETO DI CUMULABILITA Le agevolazioni concesse ai sensi delle presenti disposizioni non sono cumulabili con altri aiuti ottenuti per le medesime iniziative dalla Provincia o da altri Enti. O FALSE DICHIARAZIONI Ai sensi del DPR n. 445 del 28/12/2000 le dichiarazioni mendaci e falsità degli atti comporteranno il decadimento del contributo eventualmente concesso ed eventuali sanzioni amministrative e penali. P TABELLA DI CONVERSIONE DEI CAPI DI BESTIAME IN U.B.A. CONVERSIONE IN UNITA BESTIAME ADULTO (U.B.A.) SPECIE U.B.A. SPECIE U.B.A. OVINI: pecore montoni 0,15 altri soggetti 0,05 BOVINI: vacche (oltre tre anni) giovenche (23 anni) manze (12 anni) tori torelli vitelli e vitelle (oltre sei mesi) 1,00 0,80 0,60 1,00 0,70 0,40 CONIGLI ( x 100 capi): adulti riproduttori giovani ingrasso 2,50 1,10 BUFALINI: bufale (oltre tre anni) giovenche (23 anni) manze (12 anni) 1,00 0,80 0,60 STRUZZI: femmine maschi ,25

6 tori torelli vitelli e vitelle (oltre sei mesi) CAPRINI: capre becchi altri soggetti 1, ,40 0,15 0,05 SUINI: scrofe verri adulti sup. 6 mesi scrofette (36 mesi) magroni (36 mesi) suinetti fino a tre mesi 0,30 0,35 0,26 0,20 0,24 0,15

7 PROVINCIA DI VERCELLI SETTORE AGRICOLTURA AllaPROVINCIA DI VERCELLI SETTORE AGRICOLTURA Via L. Pirandello, VERCELLI PROGRAMMA OPERATIVO PROVINCIALE (EX ART. 15/A L.R. 63/78) DOMANDA DI CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER ACQUISTO DI BESTIAME DA RIPRODUZIONE RICHIEDENTE Nato a Codice fiscale Indirizzo Titolo di studio Data insediamento in azienda Il Telefono Titolare Legale rappresentante (barrare la casella che interessa) dell impresa sotto specificata. RAGIONE SOCIALE IMPRESA Denominazione Tipo impresa Codice fiscale Partita IVA Numero Registro Imprese RI CCIAA Codice Anagrafe Nazionale Allevamenti Indirizzo SEDE LEGALE O CENTRO AZIENDALE Telefono Fax

8 DIMENSIONI E DIRITTI DI PRODUZIONE IMPRESA Dati relativi a superficie, ULU e UBA ricavati dalla scheda aziendale riportata a pag. 3 Superficie totale = Ha Superficie Agricola Utilizzata (SAU) = Ha Zona altimetrica (*) Quota latte (in kg) periodo 2002/03 P.A.C. = Quote ovicaprini P.A.C. = Quote vacche nutrici Unità Lavoratrici Uomo (ULU) = n. Consegna A Consegna B Vendite Dir. A Vendita Dir. B P.A.C. = Quote all. bovini (*) Qualora l azienda o la cooperativa ricade in più comuni si fa riferimento a quello in cui ha sede il centro aziendale. A tal fine specificare nello spazio relativo i relativi fogli e mappali del N.C.T. = Comune : NCT foglio mappali ACQUISTI PREVISTI DI BESTIAME DA RIPRODUZIONE SPECIE RAZZA TIPO BESTIAME (*) NUMERO CAPI COSTO UNITARIO SPESA PREVISTA TOTALE SPESA (*) Per i bovini specificare il sesso e se trattasi di manze o giovenche. Per le altre specie precisare il sesso e se trattasi di capi in possesso di certificati genealogici oppure d origine. Per i bufalini sono ammissibili a contributo solo i soggetti muniti di certificati genealogici. 2/5

9 SCHEDA AZIENDALE COLTIVAZIONE PRINCIPALE COLTURE HA GIORNAT PRODU = UNITA E ZIONI FORAG. LAVOR. REIM = PIEGHI COLTIVAZIONE SECONDARIA SUCCESSIVA HA GIORNAT PROD = UNITA REIM = E ZIONI FORAG. PIEGHI LAVOR. ALTRO TERRRENO TOTALI ALLEVAMENTI CAPI GIORNAT E LAVOR. U.B.A. FABBISOGN O FORAGGER O VACCHE UNITA LAVORATIVE UOMO (U.L.U. ) BOVINI DA CARNE E ALLIEVI GIOR. LAV. = = PECORE E CAPRE 287 ALTRI OVINI E CAPRINI % AUTOAPPROVVIGIONAMENTO ALIMENTARE REIMPIEGHI = X 100 = 3/5

10 TOTALI FAB. FORAG. =

11 PROSPETTO ECONOMICO DI VERIFICA DELLA REDDITIVITA AZIENDALE ATTUALE (Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietàai sensi degli art. 2 e 4 della Legge 4 gennaio 1968 n. 15 ed in applicazione dell art. 3 della Legge 15 maggio 1997 n. 127 ed art. 2 Legge 16 giugno 1998 n. 191) Il sottoscritto il e residente in nato a presentatore di domanda di contributo ai sensi del Programma della Provincia di Vercelli (ex art. 15/a L. R. 63/78) Concessione di contributo in conto capitale per l acquisto di bestiame da riproduzione a conoscenza di quanto previsto dall art. 26 della Legge 4 gennaio1968 n. 15 sulla responsabilità penale che può andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci, DICHIARA che la redditività della propria azienda agricola è quella risultante dal prospetto seguente: PROSPETTO ECONOMICO Ricavo della vendita prodotti (esclusi reimpieghi in azienda), bestiame e ricavi da attivitàagrituristica. Autoconsumi familiari (esclusi reimpieghi aziendali) PRODUZIONE LORDA = Acquisti di materie prime, fattori di produzione (esclusi reimpieghi in az.) e bestiame Manutenzioni e riparazioni Affitti e noleggi Spese generali Ammortamenti Oneri sociali. Imposte, tasse e simili. Interessi passivi pagati. PRODUZIONE NETTA = REDDITO NETTO AGRICOLO = Compensazioni e integrazioni di reddito (PAC, IndennitàCompensative, Premio vacche nutri, Reg. CE n. 2078/92, Reg. CE n. 1257/99, ecc.) Altri ricavi caratteristici REDDITO NETTO INTEGRATO AZIENDALE PER LA VERIFICA DELLA REDDITIVITA = IMPORTI IN LIRE O EURO che i dati riportati nel prospetto sono riferiti all anno 2001; che la documentazione comprovante entrate ed uscite (fatture, contratti, ecc. ) sarà conservata per eventuali controlli; che l allevamento/i aziendale/i è/sono a norma delle disposizioni sanitarie di legge; 4/5

12 RICONOSCE che l Autoritàcompetente avràaccesso in ogni momento e senza restrizioni agli appezzamenti e impianti dell azienda ed alle sedi del richiedente per le ispezioni previste, nonché a tutta la documentazione necessaria; S IMPEGNA a riprodurre o integrare la presente domanda e a fornire ogni eventuale documentazione necessaria nonché a comunicare tempestivamente variazioni a quanto dichiarato nella domanda stessa. DICHIARA altresì di essere a conoscenza che: in caso di non finanziabilitàdella domanda per insufficiente disponibilitàeconomica o di applicazione di criteri di priorità non ha nulla da rivendicare nei confronti della Provincia di Vercelli; gli aiuti per l acquisto del bestiame descritto nel quadro Acquisti previsti di bestiame da riproduzione predetto non sono cumulabili con altri aiuti concessi per le medesime iniziative dalla Provincia o da altri Enti Pubblici; in caso di affermazioni fraudolenti saràpassibile delle sanzioni amministrative e penali previste dalla normativa vigente. AUTORIZZA ai sensi della legge n. 675/1996 l acquisizione ed il trattamento anche informatico dei dati contenuti nel presente modello e negli allegati, pure ai sensi dei controlli da parte della Provincia di Vercelli e/o di altri Organismi comunitari e nazionali. COMUNICA di scegliere la sotto specificata forma di pagamento (sbarrare la casella che interessa): accredito su c/c bancario. A tal fine dichiara di essere intestatario/cointestario del conto corrente con le seguenti coordinate bancarie = Cod. ABI Cod. CAB N. C/C presso l Istituto Bancario Agenzia indirizzo ; assegno circolare. Data IL DICHIARANTE (apporre la firma in presenza del Funzionario istruttore incaricato di ricevere la domanda, oppure allegare fotocopia di documento d identità) 12

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AGLI AIUTI ANNUALITA' 2014. IIIª rettifica

BANDO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AGLI AIUTI ANNUALITA' 2014. IIIª rettifica Allegato 1 alla Determinazione n. 2921 del 07.05.2015 LEGGE REGIONALE N.1 DEL 14 MAGGIO 2009, ART. 4 COMMA 20. (decreto assessoriale n. 894/DecA/16 del 29 aprile 2015) Aiuti per l acquisto di riproduttori

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 Provincia di Torino Servizio Agricoltura Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO DOMANDA PRESENTATA PER TRAMITE DI Data presentazione N.

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 6 DEL 12.03.2008 1 ART. 1 - ISTITUZIONE DEL

Dettagli

Allegato alla D.G.P. n.del.

Allegato alla D.G.P. n.del. Allegato alla D.G.P. n.del. Legge Regionale n. 12 del 23 Maggio 2008 art. 10 Programma Meccanizzazione Agricola. D.G.R. n. 40-9259 Del 21/07/2008 e D.G.R. n. 41-11192 Del 06/04/2009 BANDO PROVINCIALE 2010

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative Allegato 1 Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative A) PREMESSA L articolo 10 della L.R. n. 12 del 23

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

Fac-simile domanda All Organismo di garanzia

Fac-simile domanda All Organismo di garanzia Fac-simile domanda All Organismo di garanzia Alla Banca Domanda di contributo in regime de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1535/2007 della Commissione del 20 dicembre 2007, relativo all applicazione

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Allegato A al D.D.G. n /2012 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Modalità e procedure

Dettagli

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009 Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI OGGETTO: Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Con la presente si ha il piacere di comunicare

Dettagli

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella)

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella) Allegato A Scheda aziendale Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) N.B. compilare sempre i quadri sottostanti - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome Nome Sesso Data di nascita Comune Provincia

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA Allegato B al D.D.G. n 4186/2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI BANDO PREDISPOSTO CON I SEGUENTI ATTI: D.G.P. n. 532 del 25 maggio 2009 Programma di meccanizzazione agricola (ex art. 10 L.R. 12 del 25/05/2008) Concorso negli interessi su prestiti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative ALLEGATO 1) RELAZIONE TECNICA (da allegare alle istanze presentate ai sensi della Misura 121 del PSR 2007-2013 "Ammodernamento delle aziende agricole") Aziende non cooperative N. DOMANDA RICHIEDENTE DATI

Dettagli

Oggetto: Richiesta certificazione di qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale

Oggetto: Richiesta certificazione di qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (Modello istanza per aziende) AL COMUNE di AVOLA Prot. n. /GEN. Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura Prot. n. /SE e Forestazione - Largo Sicilia, c/o scuole elementari A. Caia, - 96012 Avola - SR -

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprenditori agricoli professionali (IAP) 1 titolari di aziende agricole, singoli o associati. Le

Dettagli

LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI PER LA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI PER LA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- - LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MODULO DI DOMANDA Allegato alla determinazione ARGEA Sardegna Area ispettiva n. 6492/2013 del 17/12/2013 All ARGEA Sardegna Area di coordinamento istruttorie e attività ispettive Viale Adua, 1 07100 SASSARI

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO

COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Protocollo CMC COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO Regolamento per l'adozione dei criteri e delle modalità di concessione dei contributi per la

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

1.1.1 Adempimenti specifici per la misura 2.1.4. Azione b) Sostegno all agricoltura biologica

1.1.1 Adempimenti specifici per la misura 2.1.4. Azione b) Sostegno all agricoltura biologica 1.1.1 Adempimenti specifici per la misura 2.1.4. Azione b) Sostegno all agricoltura biologica La misura è finalizzata a promuovere uno sviluppo sostenibile delle aree rurali, incoraggiando degli agricoltori

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALLE AZIENDE AGRICOLE PER L ACQUISTO DI ATTREZZATURE, FINALIZZATE ALLA QUALIFICAZIONE E ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI. Del. C.P. 72/04) ART.

Dettagli

INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DOMANDE DANNI ALLE STRUTTURE AGRICOLE

INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DOMANDE DANNI ALLE STRUTTURE AGRICOLE INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DOMANDE DANNI ALLE STRUTTURE AGRICOLE Richiesta concessione aiuti previsti dall'art. 5, comma 3 del Decreto Legislativo 29 marzo 2004, n. 102 nel testo modificato

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale AREA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO AGRICOLTURA E FORESTE TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO Per la concessione di sussidi finalizzati a ridurre

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P.

Cognome Nome Sesso. Comune Provincia C.A.P. Allegato A Scheda aziendale (schema ) A ----------------------------------------------------------------------- (i quadri sottostanti sono da compilare sempre) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge.

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge. Modello n. 4 Spett PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AGRICOLTURA ED EXPO VIA F.LLI CALVI 10 24100 BERGAMO OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di

Dettagli

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov.

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov. ALLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di Dipartimento Prevenzione Per il tramite del SUAP del COMUNE DI Segnalazione Certificata Inizio Attività ( S.C.I.A. ) ai fini della registrazione di nuovo allevamento

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER INCENTIVARE LE ATTIVITA AGRICOLE CON FONDO NEL COMUNE DI MALALBERGO.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER INCENTIVARE LE ATTIVITA AGRICOLE CON FONDO NEL COMUNE DI MALALBERGO. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER INCENTIVARE LE ATTIVITA AGRICOLE CON FONDO NEL COMUNE DI MALALBERGO. Obiettivi L Amministrazione comunale di Malalbergo, ponendosi come obiettivo la valorizzazione

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 BANDO PUBBLICO MISURA 115 Avviamento dei servizi di

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Oggetto: Richiesta certificazione di qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale ( I.A.P )

Oggetto: Richiesta certificazione di qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale ( I.A.P ) Scheda 3Ar Oggetto: Richiesta certificazione di qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale ( I.A.P ) Al COMUNE DI MESSINA Dipartimento Commercio-Artigianato P.zza della Repubblica 98123 Messina l

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI SETTORE AGRICOLTURA, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA GEOLOGICO E DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI VERCELLI SETTORE AGRICOLTURA, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA GEOLOGICO E DIFESA DEL SUOLO ALLEGATO A PROVINCIA DI VERCELLI SETTORE AGRICOLTURA, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, URBANISTICA GEOLOGICO E DIFESA DEL SUOLO Piano Operativo Provinciale Anno 2014 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO DEL COMUNE DI VICO DEL GARGANO

L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO DEL COMUNE DI VICO DEL GARGANO Regione Puglia Comune di Vico del Gargano (Provincia di Foggia) III SETTORE - Ufficio Tecnico Comunale Comunità Europea Largo Monastero, 6 - e-mail: ufficiotecnico@comune.vicodelgargano.fg.it tel. 0884_991007

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MODULO DI DOMANDA Allegato alla determinazione ARGEA Sardegna-Area ispettiva n. 5932/2009 del 17.12.2009 All ARGEA Sardegna Area di coordinamento delle attività ispettive Viale Adua, 1 07100 SASSARI DOMANDA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009 Normativa di riferimento. - Legge 8 agosto 1985, n. 443; - Legge regionale 19.10.1993, n.

Dettagli

DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1

DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1 Allegato 2) ZONA SOCIALE N. 6 DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1 AL SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: DOMANDA DI PRESTITO

Dettagli

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che:

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Codice DB1116 D.D. 7 ottobre 2014, n. 848 D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N Comuni di: Cappella Maggiore, Cison di Valmarino, Cordignano, Farra di Soligo, Follina, Fregona, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, Sarmede, Segusino, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio

Dettagli

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) A pena di revoca la rendicontazione dovrà essere formulata conformemente al presente

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Settore Agricoltura e Foreste

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Settore Agricoltura e Foreste All. C1 DD 6584/2007 Dec. di Medaglia d oro al V.M. PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Settore Agricoltura e Foreste Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale (PPSSAR) anno 2007 L.R. 34/2001

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

T Imposta di Bollo di euro 16,00

T Imposta di Bollo di euro 16,00 T Imposta di Bollo di euro 16,00 (contrassegno telematico) TITOLARE PARTITA IVA Al Presidente della Provincia di Settore/Servizio Cognome Nome _ Sede fissa operativa Via n. Città Prov.( ) Cap Tel. Fax

Dettagli

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto Titolo dell aiuto Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico, tramite il sostegno alle attività di tenuta dei

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Struttura Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali PSR 2007/2013 Istruzioni per la compilazione Istanze

Dettagli

MODELLO UNICO DI DOMANDA

MODELLO UNICO DI DOMANDA REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 00/0 ATTUATIVO REG. (CE) N. /0 ALLEGATO MODELLO UNICO DI DOMANDA Luglio 00 Protocollo Regionale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune)

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune) MODULO A. Spettabile Provincia di Torino Area Ambiente, Parchi, Risorse Idriche e tutela della Fauna Servizio Gestione Risorse Idriche Via Valeggio, 5 10128 Torino (copia in bollo alla Provincia, copia

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2008 Normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI. Comune di Caltagirone Provincia di Catania Servizio Politiche Energetiche Via S.Maria di Gesù,90 95041 Caltagirone (CT) 0933 41410-41448 fax 0933 41461 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

Allegato 1 al d.d.u.o. del

Allegato 1 al d.d.u.o. del Allegato 1 al d.d.u.o. del n BANDO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO DI FUNZIONAMENTO ai sensi della d.g.r. del 26/05/2010 n 62 Finlombarda S.p.A. Pagina 1 di 11 PREMESSA Finlombarda S.p.A. 1 in qualità di

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 CREDITI DI GESTIONE ISTRUZIONI OPERATIVE Pagina 1 1. PREMESSE La

Dettagli

COMUNE DI COPPARO Via Roma 28 Copparo - Settore Attività Produttive tel. 0532 864679/864652 fax: 0532/864660 e-mail: atprod@comune.copparo.fe.

COMUNE DI COPPARO Via Roma 28 Copparo - Settore Attività Produttive tel. 0532 864679/864652 fax: 0532/864660 e-mail: atprod@comune.copparo.fe. Prot. n del AGRIFIDI FERRARA CONSORZIO FERRARESE DI GARANZIA SOC. COOP. A.R.L. Via della Fiera 11 FERRARA Tel.0532/905235 Fax: 0532/902824 e-mail: agrifidiferrara@virgilio.it COMUNE DI COPPARO Via Roma

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis SSSSSSSSSSSSSSSSSSS SSSS INTERVENTI MONETARI Destinatari: lavoratori in C.I.G. ordinaria o straordinaria o in deroga, che nel periodo dall 01/01/2009 al 31/12/2009 abbiano maturato almeno 1.032 ore o 129

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C.so Cavour, 2 70100 BARI tel. 080/2174211 Sito web: http//www.ba.camcom.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C.so Cavour, 2 70100 BARI tel. 080/2174211 Sito web: http//www.ba.camcom. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C.so Cavour, 2 70100 BARI tel. 080/2174211 Sito web: http//www.ba.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI SICUREZZA ANTICRIMINE BANDO DI CONCORSO

Dettagli

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione Allegato alla Delib.G.R. n. 28/41 del 17.7.2013 Modifica delle direttive in materia di aiuto all avviamento delle organizzazioni dei produttori (OP), delle loro unioni (OC) non ortofrutta e dei consorzi

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Cod. Mod. PAMRF22C.rtf 06/2003 COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Art. 5 comma 3 e 5 Allegato D del P.R.R.A, modificato con D.G.R. n. 3733/92

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

AIUTI ALLA FILIERA CORTA

AIUTI ALLA FILIERA CORTA ALLEGATO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE AGRICOLTURA AIUTI ALLA FILIERA CORTA BANDO PER IMPRENDITORI AGRICOLI ASSOCIATI PER LA VENDITA DIRETTA MEDIANTE CONSEGNA A DOMICILIO INDICE. 1. Premessa 2. Disposizioni

Dettagli

1. Premessa 2. Presentazione delle domande di contributo

1. Premessa 2. Presentazione delle domande di contributo Allegato A Bando pubblico Aiuto di stato finalizzato all attivazione di un qualificato sistema di infrastrutture aziendali a sostegno del settore florovivaistico Annualità 2004 Area di intervento Provincia

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

Oggetto: Autotrasporto Finanziamenti per l aggregazione delle PMI Scadenza del 21 febbraio 2010 D.M. 6.11.2009 su G.U. n.273 del 23.11.2009.

Oggetto: Autotrasporto Finanziamenti per l aggregazione delle PMI Scadenza del 21 febbraio 2010 D.M. 6.11.2009 su G.U. n.273 del 23.11.2009. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 1 dicembre

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea

REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Modalità e procedure per la concessione delle agevolazioni previste dall articolo

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL Indice ART. 1 (FINALITÀ).......... 2 ART. 2 (INTERVENTI AMMISSIBILI)...... 2 ART. 3 (DESTINATARI)........ 2 ART. 4 (MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE)...... 2 ART. 5 (COSTI AMMISSIBILI).........

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

(da compilarsi obbligatoriamente in sede di presentazione della domanda in ogni sua voce e nelle Appendici A e B, a pena di esclusione dal contributo)

(da compilarsi obbligatoriamente in sede di presentazione della domanda in ogni sua voce e nelle Appendici A e B, a pena di esclusione dal contributo) Modulo A (da compilarsi obbligatoriamente in sede di presentazione della domanda in ogni sua voce e nelle Appendici A e B, a pena di esclusione dal contributo) Alla Regione Piemonte Direzione Cultura,

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov Richiesta agevolazione per versamenti cumulativi della tassa automobilistica con riduzione del 10% previsti all art. 4,. Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in «de minimis», ai sensi

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO SITO INTERNET

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO SITO INTERNET PAG. 1 1 trimestre 2012 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO SITO INTERNET Il presente bando è adottato con determinazione del Segretario Generale n. 355 del

Dettagli

ANOMALIE ANAGRAFICHE

ANOMALIE ANAGRAFICHE AMALIE ANAGRAFICHE / Partita IVA non indicata Certificato di attribuzione della Partita IVA o copia del certificato di attribuzione della Partita IVA con fotocopia documento di identità in corso di validità

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

L Indennizzo degli animali

L Indennizzo degli animali L Indennizzo degli animali Linee Guida e Modulistica 1 Sommario Premessa..3 Documentazione indennizzo L. 218/88....4 Documentazione indennizzo L. 33/68....5 Modello delega riscossione indennizzo....6 Modello

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali per promuovere

Dettagli

Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile. Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico

Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile. Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico Alla Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di All. A AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI in favore di ASSOCIAZIONI ONLUS CHE HANNO SUBITO DANNI A CAUSA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI ATMOSFERICI DEL 5 MARZO 2015 Si rende noto che

Dettagli

La D.G.R. n. 12-1641 del 29/06/2015 ha stabilito, tra l altro, che:

La D.G.R. n. 12-1641 del 29/06/2015 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU28S1 16/07/2015 Codice A17050 D.D. 8 luglio 2015, n. 416 D.G.R. n. 12-1641 del 29/6/2015. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli