Sommario Parlamento Pulito inizia qui Minipost Editoriale. Volume 8, numero 11. Informazione. Minipost.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario 17.03.2013. Parlamento Pulito inizia qui Minipost 10.03.2013. Editoriale. Volume 8, numero 11. Informazione. Minipost."

Transcript

1 Volume 8, numero 11 Sommario Informazione Lega e cemento Passaparola - Pizzarotti e l'inceneritore di Parma P2 al governo: come sempre Parlamento Pulito inizia qui "Gli 8 punti del pd sono acqua calda" L'ambasciatore del Costa Rica smentisce l'espresso Politica senza soldi L'ambasciatore USA e il M5S MoVimento Il M5S rinuncia ai rimborsi elettorali, Bersani forse <em>#bersanifirmaqui</em> Il M5S si taglia gli stipendi, il Pd forse: #BersaniFalliFirmare Il MoVimento 5 Stelle e le sirene Muro del pianto L'uveite di Berlusconi e l'orchite degli italiani Povero Paese Editoriale "Il bisogno di quattrini, il bisogno di sempre più quattrini da buttare a palate sotto la caldaia della macchina, è uno dei principali fattori che determinano l'attegiamento pratico dei partiti davanti ai maggiori problemi che hanno comunque un riflesso nella vita economica del Paese. Gli amministratori dei partiti non possono trovare le decine e le centinana di milioni, necessari alla macchina, nei portafogli dei "tifosi" che delirano di entusiasmo ai discorsi dei propagandisti nei comizi politici; li trovano nelle casse delle organizzazioni padronali di categoria, nei conti correnti in banca dei grandi industriali e dei grandi proprietari terrieri, e nelle percentuali sugli affari, più o meno sporchi, resi possibili dagli interventi statali" Ernesto Rossi, 24 giugno Tratto dal libro "Contro l'industria dei partiti", Chiarelettere Parlamento Pulito inizia qui "Il 15 marzo entreremo nelle aule parlamentari: non lasciateci soli. Cerchiamo persone che vogliano aiutarci a far uscire dal buio questo Paese da affiancare ai gruppi parlamentari di Camera e Senato. Persone pulite, trasparenti e oneste, competenti e volenterose. Un Parlamento Pulito prima di tutto dall'assunzione degli assistenti e di coloro che lavoreranno con i gruppi. Sceglieremo i migliori tra i curricula che riceveremo, perché vogliamo svolgere un lavoro eccellente. Le figure ricercate sono: - Assistenti legislativi con laurea in materie giuridico-economiche con indirizzo pubblico, una profonda conoscenza del diritto costituzionale e diritto parlamentare. Questa figura seguirà i Portavoce nel lavoro delle Commissioni, preparerà proposte di legge, atti normativi ad hoc, proposte di emendamenti e rapporti sul lavoro delle commissioni. - Assistenti alla segreteria organizzativa con laurea in materie giuridico-economiche con indirizzo pubblico o esperienza comparabile, una forte capacità organizzativa e di gestione delle criticità. Seguirà i gruppi nell'organizzazione dell'agenda dei Portavoce per i lavori parlamentari e per la comunicazione con i cittadini e gli attivisti. Si richiede un'ottima conoscenza dei principali applicativi software di scrittura, database e fogli di calcolo, ed è indispensabile un'ottima conoscenza di Internet, i principali social network e della posta elettronica. - Direttore amministrativo con laurea in economia ed esperienza pregressa di contabilità, gestione dei flussi di cassa e dei flussi con la banca. - Revisore dei conti: iscritto all'albo, è responsabile del bilancio dei gruppi parlamentari in coordinamento con la società di revisione esterna. Dalla prossima settimana inizieremo ad incontrarvi. Il tempo stringe, se vuoi candidarti per lavorare in Parlamento puoi mandare il tuo curriculum vitae a Roberta Lombardi, capogruppo e portavoce M5S alla Camera 1

2 Lega e cemento Informazione "Tunnel delle Torricelle e passante nord. Questo é il fulcro del programma elettorale di Flavio Tosi dal Nonostante il progetto fosse osteggiato da firme e molti urbanisti avessero mostrato perplessità sull opera, la giunta veronese é andata avanti a testa bassa. Il passante nord, servirebbe a chiudere l anello circonvallatorio a nord della città e risolvere i problemi di traffico a nord del centro storico: 13 km totali, due corsie per senso di marcia. Peccato che quell area vi sia la zona collinare delle Torricelle. La Beverly Hills di Verona. Soluzione? Bucare le colline! Due Tunnel per un totale di 2.5 km. Inoltre, la superstrada a pedaggio, taglierà a metà terreni finora destinati ad uso agricolo. Facile pensare che, le porzioni di terreno vicine alla città, divengano a breve edificabili. Il costo dell opera é faraonico: circa ,00 di euro tutto in project financing. Il Bando di Gara é stato vinto da un Associazione Temporanea d Impresa composta da questi nomi: Technital, Girpa (già fallita), Simmon fiduciaria S.p.A., Finnat fiduciaria S.p.A. Ma non basta. Accanto a questi troviamo Verona Infrastrutture composta dalle seguenti imprese: Mazzi Costruzioni che attualmente versa in gravi problemi economici, Cordioli, SOVECO S.p.A., Gianantonio Parolini (fonte Corriere del Veneto). Alla luce del costo esorbitante, é certo l ingresso di qualcuno che possa sostenere il peso finanziario. Questo qualcuno é Mantovani S.p.A. il cui Amministratore Delegato Piergiorgio Baita é stato recentemente arrestato per un evasione fiscale da ,00 di euro. Questa azienda gigantesca, ha vinto in project financing i principali progetti del nord-est Italia. Il Mose di Venezia, l ospedale di Mestre, il Passante autostradale di Mestre, é nelle società che compaiono nel progetto della nuova autostrada Nogara - Mare, della Pedemontana Veneta, della SITAVE ( SIstema delle TAngenziali VEnete) ed anche nell EXPO di Milano Tra gli arrestati, troviamo anche l ex segretaria di Giancarlo Galan ed Amministratrice delegata di Adria Infrastrutture S.p.A.Claudia Minutillo. Secondo gli inquirenti i due sarebbero coinvolti in un giro di fatture false con un terzo protagonista William Colombelli di San Marino titolare di un agenzia di consulenze e sempre secondo gli inquirenti, tali importi non sarebbero serviti ad evadere il fisco, ma forse a pagare tangenti. La vicinanza con Giancarlo Galan, ex Presidente della Regione Veneto, é sottolineata dal fatto che quasi tutte le gare vinte dalla Mantovani S.p.A. sono state aggiudicate durante il mandato di questo Presidente. Sembra che alla Mantovani il Project Financing sia la specialità della casa. Alla luce di questi arresti, un comune attento, dovrebbe interrompere l iter per la realizzazione dell opera e fare chiarezza. Invece no, Il sindaco Tosi ha firmato la convenzione ed ora si attende la V.I.A. da Roma. Secondo il Primo cittadino ed il suo Assessore alla viabilità, l arresto dell AD di Mantovani S.p.A. é una questione privata ed aggiunge è stata arrestata una persona, non un azienda. Peccato che la legge dica l esatto contrario: dlgs 231/2001 art. 5: 1. L'ente e' responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio: a) da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell'ente o di una sua unita' organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale nonche' da persone che esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo dello stesso; b) da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti di cui alla lettera a) Riteniamo che questo progetto vada fermato, é uno scellerato consumo di territorio, non risolve alcun problema di traffico, anzi lo aumenta, costa troppo ed espone le amministrazioni ad infiltrazioni e speculazioni da cui, purtroppo, non sono ancora in grado di difendersi." Alessandro Gennari, M5S Verona "Gli 8 punti del pd sono acqua calda" "Cari amici, anche io sarei favorevole a una intesa tra M5S e PD, ma devo riconoscere che gli 8 punti del PD sono acqua calda. Manca il tema della riduzione dei costi della politica, l'eliminazione del finanziamento pubblico dei partiti, le indennità parlamentari sproporzionate, i rimborsi elettorali anche a chi è stato sconfitto; poi c'è il problema delle spese enormi degli organi costituzionali : fa bene Grillo a non accettarli; sarebbe un suicidio." Ferdinando Imposimato, presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione 2

3 Il M5S rinuncia ai rimborsi elettorali, Bersani forse <em>#bersanifirmaqui</em > MoVimento Il MoVimento 5 Stelle rinuncia ai contributi pubblici, previsti dalle leggi in vigore, per le spese sostenute dai partiti e dai movimenti politici e non richiederà né i rimborsi per le spese elettorali, né i contributi per l'attività politica. Si tratta di ,50 di euro che appartengono ai cittadini, anche in virtù di un referendum. Il M5S li rifiuta esattamente come per le elezioni amministrative. Le spese per la campagna elettorale sono state integralmente sostenute grazie ai contributi volontari raccolti e verranno comunque rendicontate. Il MoVimento 5 Stelle, anche tramite i propri eletti, svolgerà ogni azione diretta ad assicurare che i contributi ad esso spettanti non vengano erogati ad altre forze politiche, ma trattenuti all'erario. Il mio auspicio è che tutte le forze politiche seguano il nostro esempio, in particolare il pdmenoelle al quale spetta la quota più rilevante: oltre 45 milioni di euro (al pdl "solo" 38). Non è necessaria una legge, è sufficiente che Bersani dichiari su carta intestata, come ha fatto il M5S, la volontà di rifiutare i rimborsi elettorali con una firma. Per facilitare il compito ho preparato il documento che Bersani può firmare per ufficializzare il rifiuto. Bersani, firma qui! Meno parole e più fatti. PS: #BersaniFirmaQui è in questo momento il primo Trending Topic in Italia su Twitter. Grazie a tutti coloro che stanno partecipando! Passaparola - Pizzarotti e l'inceneritore di Parma Informazione Che cosa fare con un impianto, come dire, in questo stato di avanzamento di costruzione? Noi abbiamo seguito diverse strade. Inizialmente abbiamo verificato quale fosse il percorso di affidamento dello smaltimento rifiuti di Parma e provincia, con Iren, con l impianto di incenerimento che veniva messo a valle di tutto quello che è la raccolta dei rifiuti. I nostri tecnici si sono documentati circa la scadenza di affidamento che, dal nostro punto di vista, non era del dicembre 2014, ma dell ottobre Dico il nostro punto di vista perché tanti altri enti si sono espressi con date diverse: l organismo che doveva decidere ha detto che era giusto dicembre 2014, la Regione ha detto un altra data ancora. Adesso grazie alla nostra inchiesta, grazie al nostro lavoro, è iniziato il percorso che porterà tutto il sistema rifiuti della provincia di Parma ad andare a gara con un bando europeo, e lì si potranno inserire dei criteri anche di merito sulla gestione dei rifiuti. Federico Pizzarotti Claudio Messora di Byoblu intervista il Sindaco M5S Federico Pizzarotti sulla questione dell' inceneritore L iter autorizzativo di costruzione dell' inceneritore Claudio Messora: Federico Pizzarotti, il primo sindaco a 5 Stelle di un grande comune come Parma. Grandi onori, grande prestigio, grandi rogne. Una campagna elettorale all insegna di col fischio che faremo l inceneritore, adesso però in giro si dice che questo inceneritore si farà, e quindi questo fatto ti viene addebitato: fai le promesse e elettorali e poi non le mantieni. Sindaco Pizzarotti: È come viene anche posta no? Perché giustamente da tutta Italia non possono conoscere la problematica della nostra città e del nostro inceneritore, del suo percorso, che arriva da molto lontano, da molto prima che ci fossimo noi, perché parte dal 2005 tutto l iter. Quindi se potessi riassumerla non è con il fischio che noi lo faremo, ma con il fischio che noi lo vogliamo, perché il punto era che la costruzione era già iniziata nel Quando siamo arrivati al governo di questa città l inceneritore era già al 70%, quindi la nostra battaglia e il nostro intento è il fermarlo, non è il farlo partire, perché era già partito. La cittadinanza di Parma aveva già cercato di volersi esprimere nel non volere un impianto di questo tipo, c era stato un coordinamento che aveva creato una richiesta di referendum, che poi era stata bocciata dall allora Affari Istituzionali del comune di Parma. Quindi destra e sinistra, insieme, avevano detto che quel referendum non poteva essere accolto: già al tempo era stata negata la possibilità di esprimersi, cioè se l impianto fosse o meno voluto dalla cittadinanza. Il punto è questo, quindi: che cosa fare con un impianto, come dire, in questo stato di avanzamento di costruzione? Noi abbiamo seguito diverse strade. Inizialmente abbiamo verificato quale fosse il percorso di affidamento dello smaltimento rifiuti di Parma e provincia, con Iren, con l impianto di incenerimento che veniva messo a valle di tutto quello che è la raccolta dei rifiuti. I nostri tecnici si sono documentati circa la scadenza di affidamento che, dal nostro punto di vista, non era del dicembre 2014, ma dell ottobre Dico il nostro punto di vista perché tanti altri enti si sono espressi con date diverse: l organismo che doveva decidere ha detto che era giusto dicembre 2014, la Regione ha detto un altra data ancora. Adesso grazie alla nostra inchiesta, grazie al nostro lavoro, è iniziato il percorso che porterà tutto il sistema rifiuti della provincia di Parma ad andare a gara con un bando europeo, e lì si potranno inserire dei criteri anche di merito sulla gestione dei rifiuti. Un altro punto è vedere quale è stato l iter autorizzativo di costruzione di questo impianto, perché ricordiamoci sempre che la magistratura, che ha indagato e con con cui noi abbiamo collaborato fornendo indicazioni e informazioni, ha già stabilito che al di là del non avere ritenuto di sequestrare l impianto, che era la richiesta fatta dalla procura e per cui adesso siamo al terzo grado di giudizio, in cassazione, per appoggiare la richiesta di sequestro, comunque ha già espresso il fatto che vi sono stati dei gravi atti di corruzione e delle mancanze per quanto riguarda le gare di appalto della costruzione e di altri parti dell impianto. Tutto nasceva quindi sotto un cappello di non chiarezza e sicuramente non trasparenza. Abbiamo approcciato tutto l iter autorizzativo della costruzione, delle richieste, per vagliare se fosse tutto corretto. Il terzo punto era questo. Avevamo avuto contatti con una azienda olandese che si occupa, nel mondo, di smontare e recuperare parti di questi impianti, per poi rivenderli e riconvertirli in altri impianti. Serviva ovviamente una collaborazione tra l azienda che doveva cedere e smontare l impianto e questa azienda olandese. Questa collaborazione non c è stata. La risposta è stata: "Se volete ci presentate un vostro piano e poi lo valuteremo. Ma per costruire un piano di questa entità e che implichi questi costi serve un fitto lavoro di collaborazione. Evidentemente la disponibilità non c era. Quindi non mi sento di dire che sono state promesse disattese, perché il nostro impegno c è, c è tutti i giorni e ci sarà, perché quando partirà il punto è che ci sono sempre le emissioni da verificare, ricordiamocene. Questo sì che lo può fare il sindaco. Nel momento in cui c è uno sforamento, quindi un pericolo per la salute, il sindaco, come massima autorità sanitaria comunale, può bloccare un impianto di questo tipo come è già avvenuto per altri impianti simili in Italia che hanno sforato le emissioni,. Però si può agire lì, non c è adesso un altra forma. Arrivano molti attacchi, da qualsiasi testata nazionale di informazione, da esimi Onorevoli che smaniano per dare un opinione, forse per ripulirsi da quello che hanno fatto loro negli anni. Perché ricordiamo che questo impianto è stato voluto sia dalla destra che dalla sinistra, che hanno mandato 3

4 avanti l iter di costruzione mentre c erano già associazioni che dicevano: "Ripensiamoci, cerchiamo di fare un modello alternativo". Queste associazioni presentavano proposte concrete su quale potesse essere un modo diverso di gestire i rifiuti. Inizialmente le risposte erano: "Non è applicabile, voi ci state vendendo il mondo dei sogni". Ma il Comune e la Provincia di Reggio Emilia, per fare un esempio, hanno dismesso, perché a fine vita, il loro inceneritore, e stanno andando verso questo tipo di impianti di trattamento, quindi vuole dire che la possibilità c è, è sempre una questione di volontà. Sentirmi dire che noi abbiamo disatteso le promesse, quando il nostro impegno è questo, cioè portare avanti una battaglia anche culturale per fare capire che impianti di trattamento di questo tipo sono sbagliati, perché non riusano, non riciclano correttamente le risorse che potrebbero essere riutilizzate, perché in un pianeta finito non possiamo pensare che bruciare materie prime sia qualche cosa che porti giovamento a qualcuno Non regge dal punto di vista economico, perché si basa su tanti incentivi statali, senza i quali economicamente le tariffe aumenterebbero ancora di più: non dà vantaggi ai cittadini. C era stato venduto che avendo l inceneritore si sarebbero abbassate le tariffe, mentre abbiamo già dimostrato più volte, e lo dimostra il piano economico finanziario, che il livello di costo alla tonnellata rimarrà lo stesso, quindi senza vantaggi. Ci sono altri inceneritori in Italia, fatti in precedenza, con la stessa logica di un grande tonnellaggio, che importano rifiuti perché non riescono a mantenersi in piedi dal punto di vista economico. Dal punto di vista della salute, l Emilia Romagna è una delle regioni più inquinate al mondo. Tutti avrete visto le immagini in cui è in rosso tutta la Pianura Padana, a causa della sua conformazione geografica ma anche perché abbiamo 8 inceneritori in una regione così piccola e abbiamo la Via Emilia. Una serie di situazioni fortemente inquinanti, insomma: noi non vogliamo aggiungere qualche cosa a questo quadro. Penso che sarebbe fortemente sbagliato. Perché non arrivano gli stessi attacchi per chi ha fatto cadere giunte, con persone arrestate, per chi non ha saputo gestire i soldi dei cittadini? Ci accusano solo perché combattiamo per una cosa che è ovviamente molto grande, perché sottende a dei poteri economici e anche a un modello di sviluppo, ma io penso che noi abbiamo veramente la coscienza pulita. Claudio Messora: Io ho letto la ricostruzione che voi state pubblicando in questi giorni, e si parla anche della Provincia. Era una materia cioè di competenza della provincia? Perché mi sembra di avere capito che la Provincia non è stata molto collaborativa nei vostri confronti. Sindaco Pizzarotti: Il piano di gestione rifiuti, per quando è partito, era di ambito provinciale, e il Presidente della società che gestisce il piano dei rifiuti, in passato, che era provinciale, era il sindaco del comune di Parma, non il sindaco arrestato, ma quello prima, quindi di area centrodestra. Quindi avevamo l area centrosinistra, la provincia, che voleva questo tipo di impianto e il centrodestra, quindi il sindaco passato, che lo avallava completamente. Quindi non sistema coeso nel volere fare questo tipo di impianto. Claudio Messora: Però se non mi sbaglio, da questa ricostruzione emergerebbe che a gennaio dell anno scorso la vecchia giunta comunale si era opposta alla riapertura del cantiere del termovalorizzatore, che era stato chiuso per via di alcuni esposti. Me lo confermi, vero? Sindaco Pizzarotti Sì, era stata fatta una sospensione dal Comune e dai dirigenti comunali, perché c era un abuso, secondo il comune, nella costruzione di questo impianto. Quindi c era stata una sospensione, una chiusura dell impianto in cui tutti si era sollevati dal poter ridiscutere, perché c era solo la parte in cemento, non c erano ancora gli impianti, quindi tutto poteva essere fatto. Nessuno vuole demonizzare l'azienda, ma noi vogliamo un impianto diverso, il nostro messaggio è che noi vogliamo un trattamento che non bruci i rifiuti. Quindi in quel momento era chiuso l impianto. Di fatto quello che poi è emerso dalle indagini, lo dice la stessa procura, perché nel frattempo era caduta la giunta, il Comune non si è fatto parte dirigente nel controbattere al giudizio del Tar, che dava il via alla ripartenza dei lavori. Quindi nella memoria che era stata depositata per dare le giustificazioni del perché doveva essere chiusa e del perché il Comune lo riteneva abusivo, i documenti ci dicono che erano sparite delle parti che potevano confermare questa tesi, che non tutto era stato fatto per quanto riguarda una opposizione che potesse portare a un risultato diverso. Claudio Messora: Un atto quindi, presumibilmente, di sabotaggio? Sindaco Pizzarotti Questo non sta a me dirlo, sono fatti che noi abbiamo appreso dalle indagini anche della procura, quindi ci sono sentenze che già fanno intuire delle responsabilità, però è un altro ente che dovrà certificare. Claudio Messora: E in seguito alla chiusura di quel cantiere la Iren ha chiesto un risarcimento di circa 25 milioni di Euro? Sindaco Pizzarotti: Esatto, perché a causa del ritardo dei lavori loro hanno quantificato una cifra, dicono: "Visto che il blocco non era corretto, il Comune ci deve risarcire questa cifra". Claudio Messora: Forse sarebbe stato corretto se ci fossero state quelle parti mancanti. Magari si sarebbe capito meglio Sindaco Pizzarotti: Questo penso che sarà un lungo iter giudiziario, perché noi siamo confidenti che quello che era stato fatto era in quel momento corretto, anche perché ricordiamoci che l iter dell inceneritore inizia come opera pubblica, i cartelli che erano al di fuori del cantiere recitavano "opera pubblica", in un certo momento temporale questo è cambiato ed è diventata "opera privata di interesse pubblico". Quindi anche in questo il Comune non ha potere diretto su, come dire, una opera privata, è come dire che il comune potesse avere il potere di fermare una fabbrica di automobili no? Il tema è che in questo caso va a gestire una parte della collettività, perché è di interesse pubblico, quindi bisogna stare attenti su questo tipo di opere. Come in passato c erano le municipalizzate di diretto controllo dei comuni, ci deve essere un diretto controllo e la possibilità di agire su opere di questo tipo, mentre adesso di fatto l impianto soprattutto economico, quindi il piano economico finanziario, prevede che l inceneritore venga finito e in qualche modo l economia prevale su quello che potrebbero essere indicazioni diverse. Claudio Messora: Diciamo che la Provincia non è stata molto collaborativa. Io ho letto che avete richiesto spesse volte udienza e non vi è stata accordata. Avete proposto anche di mettere un commissario nella gestione di quanto vi doveva competere, ma anche questo commissario è stato rifiutato. E vero? Sindaco Pizzarotti: Sì, non un commissario, quanto un tecnico all interno della commissione che deve dare la certificazione della partenza dell inceneritore. Claudio Messora: Come mai questo ostracismo secondo te? Sindaco Pizzarotti: Questo non sta a me dirlo, non voglio dare giudizi Claudio Messora: Differenza di colore politico? Sindaco Pizzarotti: No, non penso che sia solo questo, perché in passato erano tutti d accordo, diciamo che c è la volontà, dal mio punto di vista, di portare a termine una cosa che è iniziata anche per dare un messaggio che è : "La politica vuole pensare a voi, e questo è il modo giusto di farlo", perché se pensiamo a come sono, in Emilia Romagna, quali sono gli impianti, dove sono sorti e di chi era, come dire, il colore, l'appartenenza, in cui sono sorti gli impianti, potremmo trovare abbastanza un mono colore, che ci dà l idea di forse quale è la loro idea di una gestione rifiuti. Siamo nel 2013, non siamo più nel 2001, anche una volta a Parma c era un altro inceneritore, una tecnologia completamente diversa, era stato chiuso, quindi era comunque un punto di partenza e non di arrivo. Il fatto di non avere più inceneritore, anche qui un altra grande cosa che non si dice è dove finiscono le ceneri dell inceneritore? Che in parte sono altamente tossiche e in un altra parte non sono ritenute tossiche? E quindi vengono equiparate e possono essere mischiate con cosa? Con il cemento e con gli asfalti, quindi grande parte di quelle ceneri noi le possiamo ritrovare nelle costruzioni anche se a norma di legge. Io non sto dicendo che si fanno illeciti, ma a norma di legge, mentre si va verso la bio-edilizia, i bio-materiali, chi vorrebbe avere in casa propria le ceneri dell inceneritore impastate con i propri mattoni, io penso nessuno! E in questo vecchio impianto noi abbiamo ancora tutte le ceneri da smaltire, perché nessuno le ha mai smaltite. La cosa che mi sento dire di più è dove li buttiamo, da qualche parte vanno buttati, non vorremmo mica diventare come altri esempi di città che li hanno in giro? Però invece si trasforma in cenere, come tutti i caminetti che abbiamo sempre visto, e questa cenere ha lo stesso tonnellaggio, senza superiore, di quello che potrebbe essere un percorso virtuoso fatto con impianti diversi. Dopo avere fatto una corretta raccolta differenziata spinta, dopo avere trattato e recuperato tutto quello che si può recuperare da questi materiali di scarto, quello che resta ha un tonnellaggio che è minore delle ceneri che escono da un inceneritore di questo tipo, è per questo che il messaggio è sbagliato. Claudio Messora: E stata già individuata una discarica che dovrebbe gestire e smaltire trenta mila tonnellate di rifiuti prodotti dall inceneritore? Sindaco Pizzarotti: A nostra conoscenza no, quindi è la azienda che in completa autonomia dovrà gestire in modo corretto questo tonnellaggio, ma è questo anche che deve trasparire, il fatto che si dà in affidamento la gestione dei nostri rifiuti, pure con tutti i parametri di legge, ma si perde il controllo diretto di quello che poi 4

5 avviene, quindi ci saranno altri organi preposti che dovranno vigilare. A monte noi pensiamo che sia sbagliato. Claudio Messora: L inceneritore dovrebbe gestire 160 mila tonnellate di rifiuti all anno, corretto? Sindaco Pizzarotti: Esatto, dove in grande parte c è la parte di rifiuti solidi urbani, ma in grande parte sono rifiuti speciali. Che cosa intendiamo per rifiuti speciali e poi uno pensa a rifiuti tossici? Sono quelli che provengono in grande parte dalle industrie, artigianato, imprese. Quindi il punto è che sono ritenuti speciali, ma sono materiali che possono essere riciclati anche questi, quindi anche in questo senso, per esempio scarti di ferro, ferrosi, ma scarti anche plastici, sono materie prime e seconde, possono essere riutilizzati, ma in tanti casi non hanno i requisiti di legge per cui possono essere riciclati, ma come sempre, e come ci ha insegnato la storia, se pensiamo all eternit o altro, la legge non tutela necessariamente la salute, ma può essere rivista in un modello che si deve rinnovare, quindi perché non rivederla? E fare in modo che tutti questi materiali possano essere prima di tutto venduti dalle aziende, perché se io vendo degli scarti di plastica la azienda ne ha un recupero di costi, invece se io devo conferirli a un impianto di smaltimento, la azienda paga, questo è un grande paradosso, quindi invece di riciclare e recuperare soldi, io pago perché vengano bruciati. Ecco, è questo che è il grande errore, secondo me, di questo modello. Claudio Messora: Dicevamo che questo impianto avrebbe una capacità di bruciamento rifiuti, non direi smaltimento, di 160 mila tonnellate annue. Tuttavia voi avete già innescato, con alcuni processi, un aumento della raccolta differenziata sul suolo urbano. A questo punto, se si conferiscono meno rifiuti in un impianto che ha bisogno di 160 mila tonnellate, che cosa succede? L impianto si avvia a chiusura o si iniziano a bruciare i rifiuti, per esempio, di Napoli? Sindaco Pizzarotti: Ecco, questa è una risposta che penso ci daranno le future amministrazioni sovra comunali, in futuro, perché anche in questo senso la Provincia ha sempre detto per adesso la norma prevede che si possano bruciare rifiuti solo della provincia, ma anche per completare il discorso di prima adesso la norma è sovra provinciale, cioè regionale, quindi la regionale fa un piano di smaltimento integrato che dovrà gestire i flussi dei rifiuti all interno della regione e immaginiamo poi uno scenario sovra regionale. Quindi noi abbiamo questi 7, con il nostro futuro 8, inceneritori, è inevitabile pensare che con i rifiuti che calano, perché la produzione cala, calano perché la raccolta differenziata aumenta, inevitabilmente, i più vecchi inizieranno a chiudere, e quindi ci saranno dei flussi di rifiuti che si muovano, anche qui con inquinamento, camion che si muovono per gestire i rifiuti, in tutte le province e quindi in quelli inceneritori residui. Invece con una visione diversa, noi dicevamo prima che abbiamo già iniziato a applicare il nostro modello, quindi raccolta differenziata spinta in tutto il territorio comunale, Parma aveva già una raccolta differenziata, ma aveva ancora i cassonetti, il modello della raccolta differenziata spinta ci dice che il cassonetto non aiuta a una corretta gestione dei rifiuti, perché incentiva il buttiamo tutto dentro il cassonetto, mentre quando sono obbligato a dividere, perché posso incorrere in sanzioni tutti sono più attenti, non abbiamo già iniziato il modello in centro storico e nel giro di due mesi siamo passati dal 46%, che diciamo è la media della città, al 70%, in un quartiere, entro il 2013 copriremo l 85% della popolazione di Parma che avrà questo modello, quindi raccolta differenziata porta a porta, senza cassonetti entro il 2014 raggiungeremo tutto il comune e inizieremo la fase di pagamento puntuale. L'inceneritore e i livelli di emissioni Claudio Messora: Senza cassonetti significa che io ho la mia spazzatura, me la differenzio e metto i sacchi dove? Davanti al palazzo? Sindaco Pizzarotti: Esatto, dipende se sono esercizi commerciali in sacchetti, ma se sono appartamenti il contenitore, quindi o condominiali o di singoli appartamenti, che metto fuori due volte la settimana e mi vengono ritirati, quindi anche con una comodità in questo senso e un controllo di separazione. Ma dicevo la tariffa puntuale permetterà a chi differenzia meglio, a chi produce meno rifiuti, di essere premiato, perché pagherà meno. E in un momento di crisi come questa le imprese, i piccoli negozi, gli esercizi commerciali come ristoranti e bar, ne avranno un grande beneficio, però questo andrà a beneficio di tutti, perché meno rifiuti vuole dire meno smaltimento e vorrebbe dire in tutti i casi meno incenerimento. Mentre il modello che dicevo prima o si avvierà allo spegnimento, perché non sarà alimentato, quindi come diciamo noi lo affameremo, o se il modello cambierà verranno importati rifiuti, contro tante promesse fatte da altri amministratori, che volevano tranquillizzare i cittadini dicendo saranno solo i nostri, serve solo alle nostre esigenze. Io dico che questo forse ci riserverà delle brutte sorprese in futuroclaudio Messora: Quindi una tarsu meritocratica. Cioè tu più differenzi e gestisci correttamente i tuoi rifiuti e meno paghi. Sindaco Pizzarotti: Esatto, ma ci sono tantissimi comuni in Italia, ma non solo al nord, c è un piccolo comune, diciamo un comune più piccolo del nostro, nella provincia di Parma, che già una raccolta differenziata a più dell 80%, dall 80% al 90%, che applica la tariffa puntuale, quindi attraverso ogni bidoncino ha dei codici a barre, in modo che si sa il peso di quello che ognuno conferisce, la raccolta differenziata nel cuba nel complessivo, ma solamente nel residuo, e si va a pagare solo quello che si butta via, questo è il modello del futuro. Claudio Messora: [ride] È fantastico Mi veniva in mente che viviamo in Italia e poi ci sarebbe la corsa a buttare i rifiuti nel bidoncino dell altro. Sindaco Pizzarotti: Però il modello che deve passare è che i virtuosi sono premiati, non bisogna pensare alla punizione, differenzio male e punizione, ma il messaggio è differenzio meglio ma produco meno rifiuti, produrre meno rifiuti vuole dire influenzare anche la grande distribuzione, quindi avere del packaging che sia sempre più differenziabile facilmente, per me dovrebbe essere obbligatorio, ci sono tante cose che sto già chiedendo ai nostri parlamentari, obbligatorio che ogni confezione sia indicato chiaramente in che tipo di smaltimento debba avvenire la confezione, ci sono sempre più case che producono prodotti con imballo in cartone, solo cartone e differenziabile molto facilmente e si può riciclare in eterno, come la plastica, quindi bisogna incentivare questo tipo di modelli. Claudio Messora: Torniamo all inceneritore, che è l obiettivo di questo documento. Voi avevate chiesto le dimissioni del vicepresidente dell Iren, che non erano mai arrivate. Poi però ci ha pensato la magistratura: sia il vicepresidente che il Presidente, credo, sono stati costretti a dimettersi. Corretto? Sindaco Pizzarotti: No cioè sì, ma nel senso il vicepresidente di Iren Spa e il Presidente di Iren Emilia, che è una delle società collegate a Iren e quindi sono due ruoli diversi, non sono Presidente e vicepresidente della stessa noi avevamo richiesto le dimissioni, proprio perché chi era il vicepresidente di Iren era anche il coordinatore regionale del PDL ed era anche un consigliere regionale, oltretutto medico, quindi con nessuna competenza di gestione aziendale e soprattutto in una azienda che gestisce servizi, quindi Idrico, rifiuti, energia. Quindi noi volevamo attuare una nomina di merito e di una persona competente in quell ambito, quindi noi avevamo chiesto le dimissioni senza volere entrare nella polemica politica, ma perché ci sembrava giusto cambiare quella posizione. Ci è stato risposto che non sembrava il caso alla persona di dimettersi, perché avrebbe danneggiato in qualche modo l' azienda e quindi per senso di responsabilità restava lì. Ecco, inchieste giudiziarie poi ci hanno portato agli arresti e alle dimissioni successive. Adesso abbiamo nominato una persona che sta portando avanti processi virtuosi anche in un certo modo per inserire una cultura di un certo tipo in una azienda che ricicla rifiuti, che dovrebbe gestire rifiuti. Fare capire che ricicla dei modi alternativi allo smaltimento che non siano l incenerimento, sono possibili, questo vuole dire anche cambiare la governance. Claudio Messora: Quindi voi avete nominato chi e in quale ruolo? Sindaco Pizzarotti: Noi abbiamo nominato Lorenzo Bagnacani, come vicepresidente di Iren Spa, che era una persona che era già amministratore delegato di aziende che gestivano la gestione soprattutto dell energia, non tanto dei rifiuti, ma che era una persona che aveva già lavorato come Presidente di una associazione che aveva contribuito alla chiusura dell inceneritore di Reggio Emilia, quindi era molto ferrato in materia di rifiuti e soprattutto nel fatto dell inceneritore. Claudio Messora: Dunque, ora, vicepresidente di Iren Spa sarebbe una persona che ha lottato in passato per la chiusura di alcuni inceneritori. Quindi si suppone che sia contraria all inceneritore Sindaco Pizzarotti: Sì, però il punto in quel caso non era quello, ho fatto una storia, perché poi è documentabile su internet questo, ma soprattutto è una persona competente, che ha svolto ruoli di amministratore delegato, quindi è una persona che sa leggere business, quindi che si deve orientare, una azienda che comunque deve dare utili, che da maggioranza pubblica, ancorché però è quotata in borsa e quindi risponde inevitabilmente alle logiche di mercato, e è questo, secondo me, il vizio di forma in aziende di questo tipo, se sono pubbliche devono esserlo al 100%, in modo che si persegua solamente il bene pubblico, potremmo fare esempi dell acqua, quindi ri-pubblicizzare l acqua e in una cercare di svenderla, che è 5

6 quello che leggiamo sui giornali, si cerca di fare. Quindi è una persona che ha delle competenze, non è per l inceneritore, è perché doveva essere la persona giusta al posto giusto, con una etica giusta, però è questo che vado a premiare. Claudio Messora: Arrivano dei primi feedback da questa persona? Sindaco Pizzarotti: Arrivano nella misura in cui ci si confronta su quello che potranno essere le tematiche del futuro e soprattutto di quello che vuole essere il messaggio che vuole portare la amministrazione. Claudio Messora: Cioè è una garanzia? Semplificando la domanda che si pone il cittadino che vi ha votato: questa persona potrà vigilare che i parametri vengono rispettati? Sindaco Pizzarotti: Assolutamente, però non è neanche una persona, perché deve essere così, sennò la politica chi ha insegnato un sistema, dal mio punto di vista, che è deviato, cioè influire sulle scelte delle persone, mentre deve avere delle persone con una etica chiara, che hanno le capacità e che quindi di cui ti fidi per portare avanti un messaggio, non devono essere imbeccate dal politico di turno, cioè una azienda deve reggersi su persone competenti che la sanno portare avanti. La seconda nomina è una indicazione, perché non è una nomina diretta, ma è stata data una indicazione, che è stata recepita, che era Raphael Rossi, che penso in Rete tutti conoscano per le sue competenze, per quanto riguarda la raccolta differenziata, per quanto riguarda sistemi di smaltimento alternativi e non solo, come Presidente di Iren Emilia e quindi la società che gestisce questo tipo di servizi per il territorio dell Emilia Romagna, quindi non solo Parma, ma anche Piacenza e Reggio Emilia. Questo con grande soddisfazione anche degli altri sindaci, hanno fatto dichiarazioni in questo senso, perché ne riconoscono le qualità e capacità. Claudio Messora: Facendo un passo indietro, Iren spa ha richiesto un risarcimento di 25 milioni di Euro. A chi l ha chiesto? Sindaco Pizzarotti: L ha richiesto al comune di Parma, quindi a uno dei suoi soci e questo è ovviamente un paradosso! Claudio Messora: E l iter della richiesta di risarcimento in questo momento a che punto è? Sindaco Pizzarotti: E' fermo in giudizio e quindi si aspetta, come dire, il Tribunale sarà una causa che andrà inevitabilmente avanti anni, perché comunque noi stiamo facendo opposizione, perché pensiamo di avere tutte le giustificazioni del fatto che l impianto andava fermato, non aveva le caratteristiche, quanto meno in quel momento, e quindi noi siamo Claudio Messora: Beh, non sei tu che hai fatto questo Sindaco Pizzarotti: No, la precedente amministrazione comunale, certamente, assolutamente. Anche perché la causa è arrivata prima, la causa è arrivata diciam (la richiesta di risarcimento) è arrivata quando noi eravamo già insediati e questa è stata un altra cosa che io ho cercato di fare capire, cioè volevo capire se sarebbe arrivata comunque qualsiasi colore politico si fosse insediato in questa amministrazione. Quello che ci è stato riportato, che stiamo comunque certificando, è che la decisione fosse stata presa prima, perché se fosse stata presa solamente dopo sarebbe sicuramente grave, quindi noi vogliamo fare chiarezza, abbiamo la massima fiducia di come si muovono questi organi, ma vogliamo esserne sicuri e certi e vederlo con i nostri occhi e atti alla mano. Claudio Messora: E i cittadini come stanno prendendo il processo che porterà alla apertura di questo inceneritore, visto che speravamo invece che si potesse fermare in qualche modo? Sindaco Pizzarotti: I cittadini sono inevitabilmente delusi, quelli che sono attenti e come dire erano impegnati, anche, in questo obiettivo, ma come siamo delusi anche noi, nel senso che siamo delusi non dal punto di vista della battaglia che portiamo avanti, perché sono dei passaggi, voglio dire, è un percorso, il cambiare paradigma culturale per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, è inevitabilmente un percorso, ma in questo momento bisognerebbe unirsi per fare capire che il messaggio che vogliamo e la gestione che vogliamo, è diversa, perché non ci deve essere un senso di delusione, ma di ripartenza, perché noi possiamo ancora fare tanto con la raccolta differenziata, vediamo, dimostriamo, arriviamo al 90% in un anno e dimostriamo che un impianto del genere non è necessario e poi vediamo dove, che cosa ci dirà la azienda e il resto della politica, se un impianto del genere serve, questo deve essere il tipo di spirito, non la battaglia è persa, ma la guerra continua. Claudio Messora: Avete avuto modo di fare verifiche sulla qualità dell impianto, delle emissioni, avete garanzie sul fatto che i parametri verranno rispettati? Avete qualche indicazione su come influirà questo impianto sulla salute dei cittadini, sia del paesino che sta intorno che di Parma e provincia? Sindaco Pizzarotti: Allora su questo, l impianto non è ancora partito, quindi adesso non ci sono emissioni, quindi adesso non è il momento adesso in cui si vanno a controllare i dati, ma quello che si sta già facendo è noi metteremo un pannello luminoso, fuori da una delle sedi del comune, fuori o dentro, comunque nella sede comunale che possa informare i cittadini di quali sono le emissioni, in modo che sia chiaro e trasparente a tutti quello che sta avvenendo in questo impianto. Ci sarà probabilmente anche una applicazione, quindi da utilizzare da smartphone, che possa informare sugli stessi dati, in modo da avere un monitoraggio, avere tanti occhi puntati su quello che sono le emissioni dell impianto, ma l impianto, per quanto riguarda la documentazione che era stata richiesta all epoca e che noi porteremo avanti con la massima serietà, di fatto ci si era attestati nel richiedere che non venissero sforate la metà delle emissioni di legge. Quindi neanche quello che veniva richiesto a livello nazionale, ma rispettare che si stia al di sotto della metà di queste cose. Quindi l impianto dal punto di vista delle dichiarazioni è ritenuto, per quanto riguarda le norme di legge, non per quanto riguarda comunque le emissioni in atmosfera, che qualsiasi cosa che vado a aggiungere anche se la norma di legge è qualche cosa in più a una aria pulita, che non è quella dell Emilia Romagna, ma come dire mi aumenta il tasso di inquinamento, comunque sono al di sotto della media dei parametri di legge, però il monitoraggio andrà fatto nel momento in cui partirà, c è già uno studio che analizza quello che è il prima, il durante e il dopo sul territorio di Parma fatto dalla A.S.L., c è l Arpa, che è l entità che deve monitorare e certificare i risultati che escono dall impianto, e noi vorremmo affiancare anche uno dei nostri tecnici, che possa verificare, insieme agli altri, di concreto, questi dati, per dare la massima attenzione e certificazione su quello che sono i reali dati che sono di questo impianto. Claudio Messora: Voi sapevate, durante la campagna elettorale, che questo impianto sarebbe stato quasi impossibile da fermare? Sindaco Pizzarotti: No, nella misura in cui noi abbiamo detto, io ho sempre detto noi faremo il massimo e cercheremo di vedere le carte, se pensiamo che in campagna elettorale, per esempio, una delle voci che girava era:"ah, ma se non volete attuarlo ci sarà una penale di pagare", in realtà non essendoci, come dicevo prima, un contratto vero e proprio, ma un affidamento, che in realtà deriva da quello che era prima la municipalizzata, perché il percorso con cui si è arrivati a Iren è la fusione di tutte le municipalizzate del territorio, quindi non c è un contratto vero e proprio, ma una eredità del passato, di quando le aziende erano in house, quindi in realtà non esiste nessuna penale, esiste il fatto che se noi, come dire, dicessimo questo impianto non può essere aperto, verrebbe fatta una causa del valore dell impianto al comune di Parma, quindi non è una penale, è come dire.. ci si rifarebbe sul comune Claudio Messora: Una causa immagino da miliardi Sindaco Pizzarotti: Esatto, il costo dell impianto è di 192 milioni di Euro a cui si andrebbero inevitabilmente a sovrapporre e aumentare con quello che sono gli interessi, i guadagni del futuro, quindi sarebbe una causa di centinaia di milioni che il comune non si può sicuramente permettere. Claudio Messora: Approfitto del fatto che sei qui per parlare del debito, perché tu hai preso le redini di una amministrazione comunale che ha ereditato un passivo molto pesante dalle amministrazioni precedenti Sindaco Pizzarotti: 840 milioni, perché è sempre bello ricordarlo, perché la serietà e la competenza soprattutto degli assessori che seguono le loro singole materie sta premiando, perché solo nel 2012 abbiamo pagato circa 82 milioni di Euro di debiti pregressi a fornitori! Quindi non debiti verso le banche, verso quel sistema bancario che aveva tanto finanziato alcune di queste partecipate, ma i fornitori, le aziende, dove dentro ci sono delle persone che come dire devono portare a casa uno stipendio, e nel 2013 pagheremo circa 52 milioni di Euro, sempre di debiti del passato! Quindi frenando tutto quello che sono gli investimenti, quello che sono i servizi e fanno parte di questi 840, quindi Claudio Messora: E le vostre previsioni quali sono? Cioè queste debito si potrà risanare? Quando? Sindaco Pizzarotti: Beh, il tema del debito è complesso, perché alcuni di questi debiti si ripagano concludendo le opere che si stanno attuando, se penso alla stazione sono circa 150 milioni di Euro di investimento, che adesso è messo a debito, mano a mano che finisce si paga il cantiere e si completano le opere, si vendono i terreni che praticamente dovevano compensare le spese della costruzione, si auto-ripaga, diciamo, così, quello che contesto io è il fatto che la nostra stazione poteva essere rimodernata con molto meno e senza avere un impatto così devastante sulla città, ma tanto è, dobbiamo portarla a conclusione per mettere in equilibrio i 6

7 conti del comune, quindi adesso tra marzo e aprile faremo il consolidato e penso che per tutti i cittadini saranno belle sorprese, perché noi ci aspettiamo che il debito sia già calato di molto, perché tra i debiti pagati, i debiti che stiamo pagando e le opere che si stanno via via concludendo una bella percentuale di questo debito inizierà a calare, però è una cosa che si chiuderà nel giro di quanto meno due mandati, cioè come dire, i prossimi 10 anni, non necessariamente nostri Non si abbandona mai una battaglia che si ritiene giusta Claudio Messora: Un altra cosa che ti addebitano è di avere portato avanti politiche di tassazione che in alcuni casi hanno svantaggiato alcune fasce di cittadini a discapito di altre. Sindaco Pizzarotti: Questo inevitabilmente è una conseguenza dei debiti di cui parlavamo, noi con l Imu e l IRPEF al massimo, quindi senza anche qui distinzione, per noi è anche un impegno e responsabilità che sentiamo tutti i giorni, con le tasse al massimo noi riusciamo a compensare, quindi anzi ci mancano due milioni di Euro, ma a compensare quello che prima erano il 2011 i contributi dello Stato, quindi lo Stato ha calato di trenta milioni i contributi verso il comune di Parma, ma come tutti gli altri Comuni, e quindi le tasse compensano, non ci danno maggiore ricchezza, non ci servono per pagare i debiti, compensano quello che non arriva dallo Stato. Quindi noi manteniamo in equilibrio un Comune cercando quindi di limare in quei servizi che erano o di eccellenza, che tutti siamo contenti quando abbiamo un servizio in più, ma se ce lo possiamo permettere. Quindi la scelta che abbiamo fatto, anche per l aumento delle rette, che è stata una cosa fortemente criticata, anche soprattutto dalle famiglie, il tema quale era? Mancava al bilancio degli educativi un milione e mezzo di Euro. Quindi la scelta era tagliare i servizi, quindi posti nelle scuole, asili, per un milione e mezzo di Euro Claudio Messora: È l approccio un po della Gelmini con l istruzione pubblica Sindaco Pizzarotti: O era alzare nelle fasce più alte di reddito Isee, alzare la retta in modo da compensare, quindi non toccando lo fasce più basse, per compensare questi tagli e non avere nessun bambino in più fuori dai servizi. A noi è sembrata la scelta migliore, perché penalizzare, lasciare fuori qualcuno che inevitabilmente sono le fasce più basse? Abbiamo cercato di compensarle ovvio che questa è una manovra che non è popolare, noi abbiamo fatto prima delle elezioni, perché comunque per noi era chiudere il bilancio, era un segno di concretezza, correttezza e di responsabilità, nessun altro comune dell Emilia Romagna, capoluogo, ha chiuso il bilancio prima delle elezioni! Chiediamoci anche in questo senso, perché è stata allungata la possibilità di chiudere il bilancio entro giugno? Invece di farlo a inizio anno, come dovrebbe essere fatto? Perché si voleva spostarlo, non era ancora chiara la data delle elezioni, dopo le elezioni, perché tutti i Comuni, e questa è una cosa terribile per l Italia, saranno costretti a fare tagli a servizi o controbilanciare con aumenti di tariffe e tasse. Il patto di stabilità è una delle grandi cose da cambiare della normativa nazionale, perché strozza i comuni, noi avremmo già potuto pagare, se non dovessimo rispettare il patto di stabilità, tutti quei fornitori che elencavo prima, dando anche nuova linfa alle aziende, che adesso sono in forte difficoltà, perché magari aspettano i pagamenti del comune e spalmare quello che sono questi pagamenti nel tempo, mentre dovendo rispettare questo equilibrio di bilancio noi siamo costretti a pagare piano piano, nel corso dell anno o degli anni. Allora il principio per cui era nato, cercare di non fare indebitare i comuni, è un principio sano, possiamo dire che si è dimostrato non efficace, perché tutti i vari, come dire, le varie amministrazioni si sono inventate delle cose per aggirare il patto di stabilità e farci trovare nella situazione in cui siamo, perché la amministrazione comunale precedente lo ammetteva anche pubblicamente, certo, abbiamo fatto delle società partecipate che non sono sotto il patto di stabilità per spendere soldi che noi non potremmo spendere, questo è molto grave, per me, come gestione dei soldi delle risorse pubbliche, ma altrettanto grave è non pensare di dovere cambiare questo tipo di cose, noi lo chiediamo molto fortemente anche ai nostri parlamentari di farsi azione concreta nel volere cambiare il patto di stabilità. Claudio Messora: La filosofia alla base del Movimento 5 Stelle vuole che il cittadino si occupi del bene comune, entrando direttamente nella gestione delle cariche istituzionali, e quando ha bisogno di competenze esterne, queste competenze arrivano dall intelligenza condivisa della rete. Per esempio qui a Parma, all inizio si era detto che ci sarebbero state tre figure che avrebbero partecipato alla definizione dei piani del futuro dell Amministrazione. Erano Loretta Napoleoni, Maurizio Pallante e Paoletti.. Allora, queste tre figure si sono poi viste? Hanno collaborato? E a che punto siamo? Sindaco Pizzarotti: Dipende dalle figure e i momenti, quindi la risposta è complessa, quindi con la Napoleoni abbiamo fatto alcuni incontri, soprattutto all inizio, per quelli che potevano essere prospettive, però è una persona sicuramente molto impegnata, anche a livello internazionale non è sempre facile mantenere poi nel tempo dei contatti. Con Paoletti invece ci stiamo confrontando molto più spesso e la persona che coinvolgiamo di più, perché vorremmo portare il progetto Shek a Parma, quindi per cercare di aiutare e mettere in Rete quello che sono, proprio nella filosofia del progetto, una serie di scontistiche che incentivino ad andare a acquistare nei negozi, soprattutto di vicinato, del comune di Parma, nel nostro caso, quindi usarlo anche come modello a livello nazionale. Con Maurizio Pallante ci siamo incontrati diverse volte, portiamo avanti dei progetti, ovviamente, che vanno nella direzione della decrescita felice, e anche quindi di portare delle esco a attuare delle riqualificazioni di edifici comunali, soprattutto, anche siamo indirizzati alle scuole e palestre, per riqualificazione energetica, quindi con lui e con delle persone aderenti poi al Movimento per la decrescita felice abbiamo e stiamo collaborando su temi di questo tipo, quindi come dire dipende dalle persone, ma poi ce ne sono in realtà tante altre, meno famose, magari, che da tutta Italia ci hanno dato delle disponibilità Claudio Messora: Queste come vengono selezionate? Sindaco Pizzarotti: Mah, in questo caso come dire, in questo genere di personaggi si erano offerti spontaneamente, ma ci arrivano richieste spontanee da tutta Italia di portare dei progetti o di portare delle idee che poi potrebbero essere sviluppate. Faccio un altro esempio, ci ha contattato un'azienda, con cui abbiamo già stretto dei rapporti, e che probabilmente in futuro sfocerà in un progetto concreto, che è mettere dei non so come dire, delle macchinette, in cui tu metti le bottigliette di plastica, le lattine, il vetro, ti erogano uno scontrino che tu puoi andare a spendere negli esercizi commerciali che aderiscono e sponsorizzano questo tipo di macchine, quindi questo ha un duplice vantaggio, forse anche triplice, culturale, il rifiuto, il riciclo è una risorsa, non va incenerito e si va sempre in questa direzione, ne ho un beneficio economico, non lo butto nel cestino indifferenziato, lo vado a mettere nella macchinetta, mi torna qualche cosa, e anche vado negli esercizi commerciali, che avranno determinate anche caratteristiche, che aderiscono a questa iniziativa, quindi faccio girare all interno della comunità questo tipo di risorse. Claudio Messora: Si parla tanto di democrazia interna al MoVimento. Senti la pressione di Grillo e Casaleggio sulle scelte del Comune? Sindaco Pizzarotti: Non li vedo mai, anzi tante volte anche Beppe scherzando dice sento più il mio idraulico che te, perché non riesce certe volte a sentirci, perché il lavoro del Sindaco è molto impegnativo e del nostro comune.. anche per tutto quello che abbiamo elencato è veramente tanto, però no, non ne sento la pressione, sono state anche le persone che hanno contribuito a farci arrivare qui. Loro non conoscevano gli assessori, la selezione l ho fatta io, li hanno conosciuti in occasione della campagna elettorale di febbraio. Claudio Messora: Hanno manifestato qualche volta una contrarietà per alcune decisioni, una critica, un consiglio, uno stimolo? Sindaco Pizzarotti: No, ho sempre avuto nei casi di difficoltà, come questo attacco a 360 gradi sull inceneritore, un aiuto, una vicinanza al dire facciamo trasparenza, diamo una mano anche noi a fare capire come stanno andando avanti le cose, però era non delle ingerenze nelle decisioni, quindi né a me né ai consiglieri comunali, però questo era avvenuto anche passato, ho sempre detto tutto il nostro programma, lo abbiamo fatto noi, come consiglieri, quelli che adesso si siedono in Consiglio Comunale e insieme a me e quindi lo abbiamo fatto insieme, nessuno ha mai dovuto validare il programma. Claudio Messora: E tu credi che questo modello potrà replicarsi anche a livello nazionale? Credi che a quel livello cipotrebbero essere ingerenze o saranno i parlamentari che decideranno in completa coscienza e autonomia? Sindaco Pizzarotti: Allora i parlamentari, come è stato per il Comune, si lo stanno facendo in questi giorni, si dovranno organizzare tra di loro per creare una loro organizzazione, visto che sono in tanti, perché io dico anche noi coordinarci in venti in Consiglio Comunale è sempre difficile confrontarsi e restare aggiornati su tutti i temi che vengono portati avanti sia dalla giunta che dai consiglieri comunali, in 150, se si considerano anche il Senato, sarà ancora più difficile, quindi dovranno crearsi una organizzazione, io ho detto 7

8 anche a Roma questo è un nuovo inizio, non è un punto di arriva arrivare in Parlamento, è una partenza per una ulteriore crescita del MoVimento, che dovrà sapersi organizzare verso il basso, quindi le amministrazioni comunali, i consiglieri comunali, per dialogare con i propri parlamentari, portare delle istanze, avere dei confronti, perché certe volte un errore del passato è:le leggi per come venivano applicate erano poi applicabili e coerenti con quello che dovevano fare i comuni Claudio Messora: E questa piattaforma nazionale con cui la base può decidere e relazionarsi con i parlamentari? Credi che si vedrà prima o poi? Sindaco Pizzarotti: Questo è, penso, di giorno in giorno una necessità sempre più stringente, perché ci vuole Claudio Messora: Grillo l ha appena annunciato Sindaco Pizzarotti: Esatto, io ho letto solo quello, poi non mi sono documentato sulle modalità, il testo e tutto quello che viene preventivato, che uscirà, però è ovviamente fondamentale, quindi come noi la stiamo costruendo anche a livello comunale per avere un raffronto con i parlamentari, portare dei contributi, come dicevo prima, perché se arrivano in un Comune a maggiore ragione arriveranno in Parlamento, ci sarà anche bisogno di scremare, ci sarà bisogno anche di un controllo degli progetti da parte degli altri partecipanti, perché arrivano anche tanti progetti non attuabili, anche al Comune, quindi arriva un po di tutto. Claudio Messora: Temi un certo tasso di defezione tra i parlamentari 5 Stelle, temi cambi di casacca? Temi insomma il cosiddetto scilipotismo? Sindaco Pizzarotti: Non lo so, cioè non è tanto lo scillipotismo, ma io parlerei più di Di Gregorio che di Scillipoti, è un fenomeno a mio avviso molto più grave, perché sottende, come dire, interessi, esatto, io dico interessi per restare da una parte che lascia intendere agli altri quello che vogliono, ma il punto è sicuramente il mondo è fatto di persone, quindi ci potranno essere persone che per disaffezione, per cambio di opinione, per non sapersi neanche confrontare, potranno anche cambiare idea, ma non per questo si dovranno demonizzare il MoVimento Claudio Messora: Quindi tu non credi che l articolo 67 della costituzione vada cambiato? Sindaco Pizzarotti: Non è questo il mio ambito, non mi son né documentato né voglio inserirmi in un discorso a livello nazionale, è sicuramente vero che se tu vieni eletto, questo è il punto, con un programma tu devi rispettare quel programma, secondo me questa è una cosa corretta, perché è come se noi domani ci inventassimo che tornando all esempio di prima invece l inceneritore è bellissimo e iniziassimo a dire è una scelta fantastica, quello è un tradire le promesse elettorali fatte. Se invece ci potesse essere un cambio di opinione sulle modalità, ma si resta coerenti a quello che è il programma, penso che sia in quello che nasce all interno delle persone, quindi non mi sento di condannarlo a prescindere, bisogna vedere sempre quali sono le motivazioni che scaturiscono, cioè se ti hanno comprato è un conto, se non riesci a gestire il confronto con gli altri, perché non è abitudine, cioè anche noi, diciamo, con i nostri consiglieri, è un percorso in continua evoluzione, perché secondo me noi del MoVimento siamo veramente entusiasti di quello che facciamo, e anche gli elettori, il grande entusiasmo porta, certe volte, a una insoddisfazione, cioè invece di vedere le cose belle, come in questo senso, applichiamo quello che diciamo, raccolta differenziata spinta ovunque, si enfatizza quello che non riusciamo a raggiungere. Questo secondo me tante volte è un pensiero tipicamente italiano, che è più importante il brutto che il bello, e invece bisogna inseguire assolutamente i risultati che raggiungiamo. Quindi certe volte vedo un "non sono riuscito subito a cambiare questa cosa, ah, non mi sento più di portarla avanti!" Invece è la costanza nel tempo che fa raggiungere gli obiettivi. Se io dovessi arrendermi per le critiche che mi fanno a livello nazionale avrei dovuto mollare già 6 mesi fa, invece l obiettivo più bello e quello più grande è quello del futuro, diciamo sempre non dobbiamo guardare al nostro mandato, ma costruire qualche cosa che resti per come dire i nostri figli e è questo l obiettivo finale. Claudio Messora: Quindi, in definitiva, non sei riuscito a bloccare l inceneritore, ma potresti riuscirci domani. Questo è il senso? Sindaco Pizzarotti: Non si abbandona mai una battaglia che si ritiene giusta, sennò si è perso in partenza. PS: L'iniziativa Parlamento Pulito comincia da qui sta per concludersi. Cercavamo: assistenti di segreteria, assistenti legislativi, direttori amministrativi e revisori dei conti. Abbiamo ricevuto ad oggi più di curricula e vi comunichiamo che domani, martedì 12 marzo ore 12,00, chiuderemo la casella di posta che in questi pochissimi giorni è stata inondata dalle vostre mail. Nei prossimo giorni ci metteremo al lavoro per selezionare quelli più in linea con le nostre esigenze. Vi ringraziamo per l'adesione. L'ambasciatore del Costa Rica smentisce l'espresso "Riguardo all'articolo ripreso dall'inchiesta dell'espresso in cui si rivela l'esistenza di società legate a Grillo in Costa Rica, paese definito "Paradiso Fiscale", mi permetto di sottolineare che il mio Paese è stato escluso dalla lista dei paradisi fiscali dalla Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) a seguito della promulgazione di leggi e trattati internazionali di scambio di informazioni tributarie (come segnalato prontamente sul blog, ndr), ragion per la quale il Costa Rica non fa più parte della lista nera come indicato" Jaime Feinzaig Rosenstein, Ambasciatore Costa Rica 8

9 L'uveite di Berlusconi e l'orchite degli italiani Muro del pianto Povero Paese Muro del pianto L'ambasciatore USA e il M5S >>>Guarda il resoconto dell'incontro del gruppo parlamentare M5S con la delegazione pd L'uveite, una malattia che ha molto a che fare con la vendemmiata di processi dello psiconano, è un'infiammazione di parte o di tutta la tunica media (vascolare) dell'occhio o che interessa le altre tuniche (sclera, cornea e retina). Rinchiuso in una suite di 200 metri quadri del San Raffaele, Berlusconi è curato giorno e notte amorevolmente, alla porta di uscita c'è un appuntato dei Carabinieri per evitarne forse la fuga. Silvio ammira dalla finestra la cupola enorme con l'angelone voluta da Don Verzè, più grande di quella di San Pietro. Forse riflette sulla caducità degli esseri umani, sulla sorte effimera che aspetta ognuno di noi, come è successo a Don Verzè e a Mario Cal, sul destino cinico e baro che attende Mediaset, la sua creatura prediletta. Chissà a cosa pensa, novello Argante di Molière. Fuori, i parlamentari del Pdl si sono recati al Tribunale di Milano in segno di protesta, a tenere una conferenza stampa contro le "visite fiscali", i "processi ad orologeria" e le "toghe rosse". Una lunga fila di deputati e senatori è entrata nell'edificio e si è fermata davanti all'aula dove si tiene il processo Ruby come gesto di sfida. Non vi è stata purtroppo alcuna retata favorita dall'evento. I parlamentari del pdl sono ancora convinti che Ruby sia la nipote di Mubarak, come hanno dimostrato a suo tempo con il voto in Parlamento, per questo assediano la magistratura, sono in buona fede. Si aggrappano a un vecchio signore che perde i pezzi come a un salvagente di marmo. Non hanno del resto alternative. Sparirebbero. Lo terranno insieme fino all'ultimo come la mummia di Lenin per esibirlo nei talk show con un altoparlante nascosto "No IMU, no IMU, no IMU". Berlusconi ha paura di fare la fine di Bottino Craxi, ma sarebbe invece la sua fortuna. In fuga sulle spiagge tunisine piene di Ruby senza la rottura di coglioni quotidiana dei suoi questuanti. Senza Ghedini, Alfano, Gelmini, senza Biondi, Gasparri, Cicchitto, Brunetta e soprattutto D'Alema Un paradiso terrestre. Si faccia condannare al più presto senza attenuanti e, prima dell'arresto, si dia alla latitanza. Ci guadagnerà in salute. Guarirà dall'uveite e gli italiani guariranno finalmente dall'orchite con cui li affligge da vent'anni. Ps: tutta la mia solidarietà ai magistrati di Milano Povero Paese dove deputati e senatori della Repubblica si umiliano in gruppo per il loro padrone e occupano un tribunale della Repubblica senza che nessuno intervenga, senza il minimo pudore. Come faranno a guardarsi in faccia? Povero Paese dove nel dopo elezioni si discute solo di alleanze, di poltrone, di cariche, di spartizioni e non di economia, di lavoro, di soluzioni ai problemi quotidiani. Povero Paese con l'informazione peggiore (di gran lunga) dell'occidente che usa il suo potere per infangare chiunque voglia il cambiamento, la trasparenza, la pulizia morale. Povero Paese dove un presidente della Repubblica invece di andare in prima serata in televisione a condannare un atto eversivo di portata enorme come la triste sfilata di parlamentari negli uffici giudiziari, riceve Alfano (ex ministro della Giustizia...) al Quirinale il giorno dopo. Povero Paese dove da vent'anni non esiste opposizione, ma un inciucio alla luce del sole, con un pdmenoelle incapace di pronunciarsi immediatamente sull'attacco alla magistratura di Milano, loro che volevano smacchiare i giaguari. Povero Paese dove il Monte dei Paschi di Siena è scomparso dall'informazione, il più grande scandalo economico della Repubblica relegato in una nota a piè pagina. Povero Paese dove nessuno si prende la responsabilità dello sfascio economico e morale, non il pdl, non il pdmenoelle, non le istituzioni, non le authority che dovevano vigilare, sembra che l'italia sia stata governata da fantasmi. Un Paese senza colpevoli. Povero Paese dove sui giornali e sulle televisioni dei partiti la verità è stravolta, il boffismo è consuetudine, e nessun organismo internazionale, a iniziare dalla UE si sente in obbligo di intervenire. Povero Paese dove la legge elettorale è in mano ai partiti che la usano, la modificano, la stravolgono per la loro convenienza e non per dare una vera rappresentanza ai cittadini. Povero Paese dove il governo si è sostituito per un decennio al Parlamento (formato da "nominati" dai segretari di partito dopo un osceno mercato delle vacche) e legifera a colpi di decreti legge. Povero Paese che si dice democratico, dove le leggi popolari, come Parlamento Pulito, non sono neppure discusse e i risultati dei referendum ignorati. Povero Paese in ostaggio degli interessi di tanti, di troppi, ma non del popolo italiano. Ora siamo a una svolta. Gli italiani lo hanno capito. " "Voi giovani siete il futuro dell Italia. Voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il MoVimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento. L ambasciatore Usa a Roma David Thorne parlando agli studenti del Liceo Visconti di Roma per la giornata dell orientamento professionale, ha detto: Tocca a voi ora agire per vostro Paese, un Paese importantissimo nel mondo. So che ci sono problemi e sfide in questo momento, problemi con la meritocrazia, ma voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento. Spero che molti di voi daranno un contributo positivo in questo senso per il vostro Paese. Parole che però non sono state gradite dal parlamentare Pd Michele Anzaldi che ha parlato di grave ingerenza e ha invitato il ministro degli Esteri Terzi a chiedere immediatamente spiegazioni all ambasciata americana e chieda al Dipartimento di Stato una correzione e una smentita rispetto a queste dichiarazionise confermate le dichiarazioni dell ambasciatore americano David Thorne di sostanziale appoggio al MoVimento 5 Stelle configurerebbero una gravissima ingerenza nelle vicende italiane. Proprio perché amici e ammiratori della grande democrazia americana non è davvero accettabile una simile entrata a gamba tesa, in un momento tanto delicato della nostra vita politica e istituzionale". Già a febbraio il segretario di Stato americano John Kerry, in visita in Italia, aveva incontrato esponenti della politica italiana e in quell occasione aveva chiarito che gli Usa guardano da tempo al fenomeno Grillo e c è molta attenzione al movimento, senza nessuna demonizzazione." segnalazione dal Fatto Quotidiano 9

10 Politica senza soldi Il M5S si taglia gli stipendi, il Pd forse: #BersaniFalliFirmare MoVimento Il MoVimento 5 Stelle e le sirene MoVimento Le attività necessarie per le campagna elettorale del M5S, come l'allestimento dei palchi, sono state realizzate grazie al volontariato dei cittadini attivi. Tutte le altre spese connesse e correlate sono state sostenute grazie a circa persone che hanno donato in media poco meno di 40 euro a testa per un totale di euro ad oggi. Tutte le voci di spesa saranno pubblicate, entro i termini di legge, nei prossimi giorni non appena sarà finita la meticolosa attività di rendicontazione. Non tutti i soldi che sono arrivati sono stati effettivamente spesi. Come anticipato la parte restante sarà destinata al conto corrente per i terremotati dell Emilia. Il M5S vive grazie alla partecipazione attiva di milioni di cittadini. E' possibile, ed è stato dimostrato, fare politica senza intermediazione dei partiti, senza bisogno di soldi pubblici e garantendo la massima trasparenza sulle fonti di finanziamento. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito. L indennità parlamentare del cittadino portavoce del MoVimento 5 Stelle sarà di 5 mila euro lordi mensili invece di euro lordi percepiti da tutti gli altri parlamentari. Il residuo sarà lasciato allo Stato insieme all assegno di solidarietà (o di fine mandato). Non è una novità. Il M5S l'ha già fatto nelle regioni in cui ha partecipato, come la Sicilia. Il risparmio per le casse dello Stato, grazie al M5S, sarà di oltre 12 milioni all'anno. Se ogni parlamentare seguisse l'esempio del M5S il risparmio annuale sarebbe circa 70 milioni, pari a 350 milioni per l'intera legislatura. Rivolgo un appello ai partiti, in particolare al partito con più parlamentari: il Pd. Bersani faccia firmare questo documento ai 468 parlamentari del Pd. I parlamentari che decideranno di autoridursi lo stipendio saranno menzionati sul blog. L'Italia giusta parte da qui. Ci aspettiamo numerose adesioni, almeno superiori a una. #BersaniFalliFirmare! Articolo di Paolo Becchi "Recitava una poesia di Pasolini: "Adesso i giornalisti di tutto il mondo (compresi quelli delle televisioni) vi leccano (come credo ancora si dica nel linguaggio delle Università) il culo". Così accade nella stampa italiana. Nell anno che ha preceduto la campagna elettorale, i giornali di regime "La Repubblica" in testa hanno tentato in tutti i modi di impedire l ascesa del MoVimento 5 Stelle: dai falsi scandali (caso Favia) alle accuse di populismo, demagogia, fascismo contro Grillo. Oggi quegli stessi giornali, cari deputati e senatori del MoVimento, vi leccano, come diceva il poeta, il culo. E, per farlo, chiamano a raccolta i loro intellettuali classici. "La Repubblica", infatti, pubblica in questi giorni ben due appelli firmati da professori, artisti, cantanti, forse anche nani e ballerine. Il primo è un appello a Beppe Grillo ed al MoVimento 5 Stelle: "se non ora, quando?", si chiedono i firmatari (primi Barbara Spinelli e Salvatore Settis). Grillo dovrebbe, secondo loro, stringere un alleanza con il Partito Democratico. Tutto qui, niente di più, niente di meno, retorica a parte. Il secondo (dal titolo "Facciamolo adesso!", a firma di Saviano, Benigni, Don Gallo, Jovanotti, e così via ) chiama le forze politiche "uscite vincenti dal voto" (perché, sono più d una? O il Pd è uscito vincente dal voto?!) a formare un Governo che, "nel nome della volontà popolare", volti finalmente pagina dopo vent anni di scandali, corruzione, illegalità. Grillo ha già replicato, come si dice, a tono: "L'intellettuale non è mai sfiorato dal dubbio, sorretto com è da un intelletto fuori misura per i comuni mortali. Se si schiera lo fa per motivi etici, morali, umanistici su indicazione del partito. Quando il pdmenoelle chiama, l'intellettuale risponde. Sempre! In fila per sei con il resto di due". Eppure qualche breve riflessione merita d esser fatta. Cosa stanno cercando di fare? Il Pd gioca le sue ultime carte: chiama a raccolta i suoi intellettuali. E gli intellettuali, con le loro dolci parole così pacate, così riflessive, così ragionevoli" sono chiamati ad incantare il MoVimento. "Io son Sirena", cantano. Il loro canto è affascinante, ed è quasi impossibile udire le loro parole senza cadervi in balìa. A voi, deputati e senatori del MoVimento, ora spetta la forza e l astuzia di Odisseo contro le Sirene, se volete proseguire il folle volo, bellissimo, del MoVimento. A voi spetta, oggi, di tappare con la cera le vostre orecchie per non ascoltare. Al Vostro capo politico, legate mani e piedi, e lasciate che sia lui a dover sopportare 10

11 il dolore che quel canto provoca. Non potete cambiare via: si deve passare anche per questa fatica, si deve passare anche per il canto delle Sirene. O le ingannerete, o perirete: è questa la prova da cui deve passare Odisseo, nel suo viaggio. Andate avanti come Odisseo e i suoi compagni, ed agli intellettuali de "La Repubblica" insegnate questi bellissimi passi: "E impossibile udire le Sirene e non cadere in loro balia: esse non si possono sfidare impunemente. Sida e accecamento sono la sessa cosa, e chi le sfida è già vittima del mito a cui si espone. Ma l astuzia è la sfida divenuta razionale. Odisseo non tenta di seguire un altra via da quella che passa davanti all isola delle Sirene. E non tenta neppure di fare assegnamento sul suo sapere superiore e di porgere libero ascolto alle maliarde, nell illusione che gli basti come scudo la sua libertà. Egli si fa piccolo piccolo, la sua nave segue il corso fatale e prestabilito" (Horkheimer Adorno, Dialettica dell Illuminismo). È solo così che potremo fare nostro questo viaggio che abbiamo intrapreso: "Di là navigammo avanti, sconvolti nel cuore". La rivoluzione del MoVimento ci ha dato questo viaggio, questo lungo viaggio che dobbiamo proseguire. In Italia è iniziata una rivoluzione legale. Forse riusciranno a fermarla, ma non con le voci delle loro Sirene. Ormai siamo in guerra e, se moriremo, lo faremo solo sul campo di battaglia delle prossime elezioni. È meglio un salto nel buio che un suicidio intellettualmente assistito." Paolo Becchi, autore del libro "Nuovi Scritti Corsari" P2 al governo: come sempre Informazione Licio Gelli presidente della Repubblica, tessera numero 1816 Silvio Berlusconi Ministro della Giustizia, tessera numero 2232 Fabrizio Cicchitto presidente Copasir. "Un ex-iscritto alla P2 alla commissione parlamentare di controllo dei servizi segreti? E perché no? Si tratta di Fabrizio Cicchitto, già capogruppo PDL alla Camera. Secondo un lancio di agenzia "la sua nomina oltre a placare le ambizioni interne al Pdl, leverebbe la presidenza del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica ai grillini che l hanno richiesta...". Ecco la geniale idea dopo che ieri due "vacche sacre" come Dini e Pisanu hanno espresso i loro timori che al M5S potessero andare le presidenze di importanti commissioni. Il primo dice al secondo: "Se i grillini arrivano in commissioni delicate come l Antimafia o il Copasir è un problema. E tu lo sai". E Pisanu avrebbe risposto: "Eccome, se avranno un questore renderanno pubblici i costi di qualsiasi cosa qui dentro. Caramelle comprese". Cosa c'è dietro il Copasir che i parlamentari non devono sapere? Ed ecco pronta l'idea Cicchitto al Copasir: membro del "cerchio magico" berlusconiano, per restare all'attualità, è uno degli organizzatori del presidio democratico di fronte al Tribunale di Milano in difesa dell'imputato di Arcore. In questa occasione definisce stalinisti i giudici che processano il Capo, per reati come induzione alla prostituzione minorile, e nazisti i medici che gli hanno fatto la visita fiscale. Per non dire del giudizio moderato che dà del M5S "un movimento che vuole radere al suolo le istituzioni politico parlamentari". Qualcun altro, come Berlusconi, le istituzioni ha provato invece direttamente a comprarle, come nel caso del senatore De Gregorio. Il Copasir, poi, non ha dato buona prova di sé negli ultimi anni. Non si è accorto che i servizi, in barba alla legge, avevano messo a libro paga alcuni giornalisti come Renato Farina e ad altri, come Guglielmo Sasinini, venivano forniti dossier riservati poi finiti nella Security Telecom. Non ha alzato un sopracciglio di fronte alle attività illegali come nel caso del rapimento di Abu Omar. Non ha controllato l'applicazione della legge (una norma pessima targata PD-PDL) che regola l'attività dei servizi, né ha contribuito a migliorarne gli aspetti più opachi. Facciamo tre esempi. La nuova legge non spiega cosa può essere oggetto di tutela e cosa no. E' segreto quello che decidono i servizi e se c'è la conferma del Premier o di un suo delegato. I criteri non sono conosciuti. Secondo: la nuova legge vieta ai magistrati che vogliano compulsare gli archivi per un'inchiesta in corso di utilizzare propri consulenti che non siano ufficiali di polizia giudiziaria. Se questa disposizione fosse stata applicata in passato, molte delle inchieste, tra le quali quelle sulle stragi Piazza Fontana, di Brescia, sui delitti Mattei e De Mauro, e anche quelle compiute dalle commissioni parlamentari d'inchiesta, non avrebbero potuto consultare e utilizzare le milioni di pagine provenienti dagli archivi dei servizi. Inchieste che hanno visto invece l'utilizzo di alcuni tra i migliori storici e studiosi di questo paese. Terzo punto: se un magistrato, o un ufficiale di Pg, chiede di visionare un atto proveniente da un servizio estero, secondo la prassi ricavabile dalla legge, i nostri apparati dovrebbero chiedere al collegato estero il permesso di rendere visibile al magistrato il documento richiesto. Con buona pace della segretezza dell'indagine, della sovranità e della sicurezza nazionale. Che la tutela del segreto sia importante non c'è alcun dubbio. Che i servizi segreti debbano poter operare, pure. Ma immaginare che a capo del Copasir finisca un ex-piduista è davvero troppo. Dopo Cicchitto Presidente della Commissione, avremo Licio Gelli come consulente?" Nicola Biondo 11

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli