POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 15 giugno Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 15 giugno 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo"

Transcript

1 POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 15 giugno 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( ), edita da Giuffrè e aggiornata al decreto Destinazione Italia. In corsivo, nel sommario, le risposte più recenti. Sommario: SOSTITUZIONE GOCCIOLATOI BALCONI - MESSA A NORMA TUBATURA GAS - COSTRUZIONE VERANDA - UTILIZZO LOCALE ATER - ASSICURAZIONE - SPESE E MILLESIMI - LOCAZIONE E SPESE DI VIGILANZA - LOCAZIONE E RIPARAZIONE FINESTRE - ABUSO EDILIZIO E PRESCRIZIONE - SOSTITUZIONE PORTONE E APERTURA ELETTRICA - CALDAIA E VISUALE - CUCINA EN PLEIN AIR - ACQUISTO ALL ASTA E SPESE CONDOMINIALI - LOCAZIONE E CONDIZIONATORE - TRASFORMAZIONE DI VERANDA IN TERRAZZA - FORMALIZZAZIONE DELLA SERVITU - SPESE RIFACIMENTO FACCIATA - SPESE DI RISTRUTTURAZIONE E DETRAZIONE FISCALE - RIFACIMENTO PARCHEGGIO E DETRAZIONE FISCALE - RIPARAZIONE FOGNATURA - OBBLIGAZIONI DEL CONDOMINIO E RESPONSABILITA DEI CONDOMINI - LOCAZIONE E RIPARAZIONE POMPA SOMMERSA - DANNI DA CANNA FUMARIA - PARTECIPAZIONE DELL AMMINISTRATORE ALL ASSEMBLEA - LOCAZIONE E RIFACIMENTO FACCIATA - TINTEGGIATURA SOFFITTO BALCONE - LAVORI ABUSIVI SU PARTI COMUNI - LAVORO MALE ESEGUITO - MODIFICA TABELLA MILLESIMALE - RETTIFICA TABELLA MILLESIMALE - LOCAZIONE E

2 TOSAP - RISTRUTTURAZIONE ABITAZIONE IN COMPROPRIETÀ - LOCAZIONE SPAZIO COMUNE - RIPARTIZIONE SPESE PULIZIA E ILLUMINAZIONE SCALE - CONTESTAZIONE TABELLA PULIZIA E ILLUMINAZIONE SCALE - APPROPRIAZIONE SPAZIO COMUNE - PARCHEGGIO E PORTONE D INGRESSO - SERVITÙ E LAVORI DI MANUTENZIONE - INFILTRAZIONI DI ACQUA E CONSEGUENTE PERICOLO DI CROLLO - VIALETTO E SERVITÙ - SPOSTAMENTO CONTATORE - CAMBIO DI DESTINAZIONE - INSTALLAZIONE TUBO E CONTATORE - CANE E ASCENSORE - PROPRIETÀ DEL CAVEDIO - LASTRICO SOLARE AD USO ESCLUSIVO - RIFACIMENTO PARZIALE DEL TETTO - RIPARAZIONE TETTO - RIPRISTINO GRONDAIE - SPOSTAMENTO CONTATORI - ASSEMBLEA E DELEGA - ASSICURAZIONE - INADEMPIMENTO CONTRATTUALE - SCIOGLIMENTO COMUNIONE - RIFACIMENTO INTONACO - TUBATURA E MURO DI CONFINE - RIPARAZIONE GRONDE - USO IMPROPRIO DEL PIANEROTTOLO - INFILTRAZIONI DI ACQUA PIOVANA E GIARDINO PENSILE - TESTAMENTO E SPESE CONDOMINIALI - RISARCIMENTO DANNI SOSTITUZIONE GOCCIOLATOI BALCONI In un Condominio dotato di 14 balconi aggettanti e due non sporgenti ma a filo di muro sono stati sostituiti gli sgocciolatoi dell'acqua piovana perchè difettosi. L'amministratore intende ripartire la spesa fra tutti i condomini in proporzione ai millesimi di proprietà. Sui due balconi non aggettanti siti al piano terra, non è stato effettuato alcun tipo di lavoro poichè sprovvisti di sgocciolatoi. Dei rimanenti 12 balconi aggettanti, 10 hanno avuto la sostituzione di uno sgocciolatoio cadauno, mentre due abitanti al piano attico hanno

3 avuto la sostituzione di due sgocciolatoi cadauno. Ho dei dubbi circa la correttezza della ripartizione. L'uso della scala aerea utilizzata per i piani alti ha qualche incidenza? A. A Se, considerate le caratteristiche dell edificio, i gocciolatoi sono riguardabili come elementi di abbellimento della facciata, rientrano fra le parti comuni e in quanto tali la spesa occorrente alla loro sostituzione fa carico a tutti i condomini, in proporzione ai millesimi di proprietà. In caso contrario grava sui proprietari dei balconi. MESSA A NORMA TUBATURA GAS Abito in un condominio di 8 unità abitative, con tubi del gas di due condomini che passano liberamente per il vano scale. Ho più volte chiesto venissero messi a norma, ma senza risultato; ho fatto vari esposti a vari enti, ma senza risposta. Lo scorso mese di ottobre, in mia assenza, è stato fatto un impianto luce naturalmente senza predisporre il mio appartamento e la mia cantina per la presa a terra e togliendomi l'accensione della luce scale dall'interno che mia madre aveva fatto nel 1962 a sue spese quando era stato installato il citofono. Questo elettricista a lavoro finito rilascerà la dichiarazione di conformità ai condomini così mi è stato detto e naturalmente senza fare nessun accenno ad ai tubi del gas che dalle normative anti-incendio debbano essere coibentati. A. V.

4 La norma UNI-CIG 7129/08 stabilisce che le tubature metalliche del gas installate all esterno e a vista devono essere protette da urti e danneggiamenti. Se la tubatura non è a norma e l amministratore, invitato ad intervenire, non si attiva, il condomino può chiedere l interventi dei Vigili del fuoco ed eventualmente adire l A.G. COSTRUZIONE VERANDA Abito in un condominio di tre palazzi (il mio è di 32 condomini) del 1974, non di pregio e periferici. Volendo chiudere a veranda un mio balcone aggettante (a vetro e alluminio cm 390 x 140) in linea con balconi di altri piani affacciati in un cortile interno; oltre ai permessi comunali, necessito di permessi del condominio? Se si, del mio palazzo o totali? Eventualmente il consenso o il diniego dovrebbe essere unanime o a maggioranza (il Regolamento Assembleare del 1974 nulla dice)? Può alterare il decoro architettonico? Esistono già due strutture analoghe ma più piccole. A. G. E opportuno acquisire il consenso di tutti i condomini dell edificio in cui dovrebbe essere costruita la veranda, dal momento che la violazione del decoro architettonico potrebbe essere eccepita anche da un solo condomino. Se il decoro architettonico è stato significativamente alterato da precedenti interventi condotti da altri condomini, in un eventuale giudizio il giudice potrebbe tenerne conto. Questo tipo d intervento non comporta la modifica dei millesimi ai sensi dell art. 69 disp. att. c.c.

5 UTILIZZO LOCALE ATER Abito in un condominio con sei appartamenti, tre per ogni ala della casa. Sotto ogni ala ci sono tre locali classificati c6 e sono ognuno di ogni inquilino. Nell'ala sinistra ci sono affittuari di case popolari. Nell'altra ala sono ex inquilini che hanno riscattato. Uno di questi poi ha venduto solo l'appartamento al figlio di un affittuario dell'ala delle case popolari, mantenendo il locale al piano zero classificato c6. Quindi questo nuovo proprietario non avendo il locale al piano zero, usa quello del padre, affittuario. La domanda è la seguente è. Possibile che l'affittuario (padre) possa far usare quel locale all'altro proprietario (figlio)? Questo lo usa come fosse suo, ha le chiavi, lo apre per rimettere la moto ecc ecc. La domanda può sembrare sciocca ma siccome ho diversi problemi che scaturiscono proprio da questo volevo appunto capire come stanno le cose. M. de A. Di norma il regolamento delle case popolari in oggetto vieta agli assegnatari di subaffittare o cedere ad altri, in tutto o in parte, sia l alloggio che le sue pertinenze. Il lettore può verificare presso l ATER della Provincia in cui è ubicato l immobile se il regolamento contiene analoga clausola. ASSICURAZIONE Sono proprietario di un posto auto in un condominio costituito da un certo numero di unità immobiliari, cortile e posti auto (e solo di uno di questi sono proprietario) accessibili da strada comunale e protetti da sbarra. Nella prima assemblea condominiale l'amministratore ha incluso in tabella generale per tutti i proprietari (unità immobiliare e

6 posti auto) i costi dell'assicurazione dell'immobile e dell'acqua condominiale. Gradirei sapere se l'inclusione di tali costi é legittima, non avendo accesso all'edificio oggetto dell'assicurazione, né potendo utilizzare l'acqua condominiale di cui nulla é detto nel regolamento di condominio. Se dovesse essere legittimo l'inserimento in tabella generale dei costi di assicurazione dell'immobile e dell'acqua (l'amministratore afferma che è utilizzata per le pulizie anche del cortile dove sono i posti auto, io ho risposto che le spese di pulizia sono già previste sotto altra voce e includono i costi dei materiali utilizzati, sapone, acqua, ramazze ecc.) dovrei dedurne che dovrei pagare anche per le spese di manutenzione dell'impianto idrico (autoclave) e quelle dell'edificio in sé (ad esempio rifacimento facciata)? M. di L. Se l assicurazione ha per oggetto sia il fabbricato che il parcheggio, il lettore è tenuto a contribuire alla relativa spesa. Quanto all acqua, se vi ha accesso (quello che rileva è l uso potenziale e non l uso effettivo) è tenuto a contribuire anche a questa voce di spesa; In caso contrario l amministratore deve spiegargli in base a quale criterio deve contribuirvi, dal momento che già concorre alle spese di pulizia, ivi compresa l acqua. SPESE E MILLESIMI In una palazzina di 3 unità immobiliari tutte di uguale metratura: una al piano terra rialzato, una al primo piano e una al secondo, senza amministratore. Per la ripartizione delle spese (rifacimento della facciata, pulizia e luce scale, manutenzione terrazza condominiale ecc.) il tecnico ha suggerito di fare una scrittura privata piuttosto che il

7 calcolo dei millesimi che comporterebbe una cifra considerevole. Il suo consiglio è di ripartire i millesimi così: 250 piano terra rialzato, 350 primo piano e 400 per il secondo piano. I millesimi attribuiti potrebbero essere adeguate? Si possono obbligare gli altri 2 condomini a questa ripartizione considerando che da oltre 50 anni le spese sono sempre state divise per tre? G. P. P. Il condomino non può essere obbligato a contribuire alle spese comuni seguendo un criterio diverso da quello dei millesimi di proprietà; millesimi che sarebbe opportuno apprestare qualora i condomini non dovessero accordarsi sull adozione di un diverso criterio. LOCAZIONE E SPESE DI VIGILANZA Abito in un condominio di 50 unità immobiliari ove il proprietario è deceduto è il patrimonio è gestito da un curatore giudiziario. Le spese di gestione del condominio stanno andando alle stelle. Basta pensare che, senza alcuna richiesta dei conduttori, fu messa una sorte di guardiano per evitare le occupazioni abusive. Ora sono stati presentati i consuntivi dei tre anni trascorsi e quello per il 2015 ma il curatore non ha voluto fare alcun verbale affermando che non era dovuto in quanto noi non possiamo decidere nulla. Lui nella qualità di proprietario ci deve solo ascoltare e decidere. Non possiamo trovare alcuna norma che sancisce i nostri diritti? A. E.

8 Il proprietario unico dell edificio non può pretendere di scaricare sui conduttori, senza il loro consenso, le spese richieste dal servizio di vigilanza che abbia inteso attivare in corso di locazione per evitare l occupazione delle unità immobiliari sfitte. LOCAZIONE E RIPARAZIONE FINESTRE Da circa due mesi mio figlio ha in locazione un appartamento ove vive con la moglie e due bimbi di 3 anni e di 8 mesi. Nel corso delle ultime giornate piovose ha avuto modo di constatare che dalle finestre della camera da letto, del bagno e della camera dei bimbi, filtra acqua piovana. Vorrei sapere se il problema deve essere risolto dal locatore. C. di P. Il locatore deve, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1575, n. 2), e 1576, secondo comma, c.c., mantenere l abitazione in condizioni tali da servire all uso convenuto ed eseguire tutte le riparazioni necessarie, eccettuate quelle di piccola manutenzione, che sono a carico del conduttore. Il fatto che l acqua penetri da diverse finestre fa presumere che si renda necessario un intervento non di piccola manutenzione, gravante in quanto tale sul locatore. ABUSO EDILIZIO E PRESCRIZIONE

9 Sono proprietaria di un appartamento con annesso terrazzo esclusivo al 2 piano che fa da copertura al terrazzo sottostante, sulla stessa verticale. Il condomino dell appartanmento di sotto, circa 20 anni fa, ha costruito abusivamente una veranda con vetrate e alluminio ai laterali ed una tenda veneziana davanti ancorando tutto sotto la soletta del mio terrazzo; in più ha messo dei tegolini di alluminio nel frontalino per proteggersi dall acqua piovana. Essendo trascorsi poco piu di 20 anni posso fare una denuncia al comune (Ufficio tecnico), oppure è andato tutto in prescrizione? A. C. L abuso edilizio è un illecito di carattere permanente e in quanto tale non è soggetto a prescrizione (Cons. Stato 24/10/2013 n 5158). Gli altri condomini non possono essere chiamati a rispondere di un abuso al quale sono estranei. SOSTITUZIONE PORTONE E APERTURA ELETTRICA Nel condominio è stato sostituito il portone d'ingresso con il vecchio. Il citofono funzionava, ma con il nuovo sono stati staccati i fili elettrici in quanto il nuovo portone è molto pesante. Di fatto, il citofono lo abbiamo solo per bellezza e il portone è sempre aperto. Che posso fare per avere ancora il mio citofono? C'è una norma che mi tutela? L'amministratore dice che reclamo solo io. M.

10 Forse il lettore si riferisce all apertura automatizzata del portone e non al citofono. Nel qual caso, per quanto il portone sia pesante, non dovrebbe essere difficile elettrificarne l apertura, per cui il condomino può chiedere all amministratore di sottoporre il problema a un provetto installatore. Se invece la sostituzione del portone ha privato il condomino del servizio di citofono se ne può chiedere il ripristino all amministratore ed eventualmente al giudice. CALDAIA E VISUALE Sul palazzo di fronte, il condominio sta installando sul tetto del palazzo una caldaia per riscaldamento a gas. La distanza tra il palazzo in questione e quello in cui io risiedo è in linea d aria 20 metri circa. La caldaia in questione copre una buona parte della vista da me goduta (sono all attico), deturpa abbondantemente la visuale e il panorama risulta ampiamente compromesso. Chiedo se posso fare qualcosa per impedire questo scempio. E. P. Se la costruzione adiacente è a distanza legale, il vicino non può pretendere la rimozione della caldaia ivi installata; né può eccepire l alterazione del decoro architettonico dell edificio, in quanto estraneo al condominio in cui è avvenuta l installazione. CUCINA EN PLEIN AIR Cerco da anni una soluzione ad un problema che rende invivibile la mia vita condominiale.

11 Abito in un condominio di 24 appartamenti dove il mio vicino da diversi anni (fuori al balcone, accanto alla vetrata di divisione) ha sistemato un lavello e cucina a gas a più fuochi e ha istallato tendoni da sole bloccando la fuoriuscita degli odori che trovano tiraggio nel mio balcone. Da qualche mese, poi, ha sostituito la bombola del gas con l'impianto a metano ma quello che è oltremodo insopportabile è il cattivo odore, che costantemente, è generato dalle fritture e dalla cottura di cipolle. Questo mi induce a non utilizzare più il balcone e a chiudermi in casa con imposte chiuse. Ho più volte chiesto l'intervento dell'amministratore ma questi mi ha risposto che non può farci nulla, né tanto meno esiste un regolamento comunale che vieti di cucinare fuori ai balconi. Posso appellarmi a qualche riferimento normativo per rimediare a questo comportamento? R. L. L. Se le esalazioni provenienti dalla cucina installata dal vicino sul proprio balcone superano la normale tollerabilità di cui all art. 844 c.c., si può chiedere al giudice, all esito di una perizia disposta dal magistrato, che vengano ricondotte nella norma. ACQUISTO ALL ASTA E SPESE CONDOMINIALI Ho appena acquistato all asta un appartamento. In base all art.63 disp att. c.c. devo pagare le spese arretrate degli ultimi 2 anni. L amministratore mi addebita anche le spese personali riferibili al consumo di acqua e riscaldamento (c è un impianto centralizzato) degli esecutati riferibili al loro immobile. E corretto? P. D. T.

12 Le spese riguardanti il consumo di acqua da parte dei precedenti occupanti dell unità immobiliare rientrano fra le spese condominiali e in quanto tali sono assoggettate alla normativa dell art. 63 disp. att. c.c. LOCAZIONE E CONDIZIONATORE Il mio inquilino mi chiede di acquistare e installare, a mie spese, un condizionatore. Debbo provvedere? M. S. A meno che le condizioni climatiche dell unità immobiliare siano inspiegabilmente cambiate, rispetto all inizio della locazione, al punto tale da renderla inidonea all uso cui è destinata (evenienza peraltro meramente teorica), il conduttore non può pretendere che il locatore provveda, a proprie spese, all installazione di un condizionatore d aria. TRASFORMAZIONE DI VERANDA IN TERRAZZA Vorrei comperare un appartamento che ha una veranda uguale a quelle degli altri condomini, con un parapetto di cemento circa due metri che non mi piace per nulla. Si può abbassare il parapetto di circa un metro e trasformare la veranda in terrazza? R. F.

13 Per trasformare la veranda in terrazza è necessario, a parte le autorizzazioni amministrative, il consenso di tutti gli altri condomini, trattandosi d intervenire sul decoro architettonico dell edificio, la cui alterazione può essere contestata anche da un solo condomino. FORMALIZZAZIONE DELLA SERVITU Il proprietario di un garage su cui insiste una servitù di riscaldamento (tubi posizionati a soffitto) ha mutato la destinazione in casa di civile abitazione. La servitù è stata costituita per destinazione del padre di famiglia ed i tubi erano a vista. Risulta che il proprietario ha omesso di indicare l'esistenza della servitù al momento della richiesta di autorizzazione, omesso di denunciare il mutamento di destinazione e ha proceduto alla copertura con del carton gesso. I condomini ritengono che la copertura muti la natura giuridica della servitù e chiedono la stipula di un accordo nella forma del'atto pubblico in cui il proprietario si impegni a sostenere le spese relative ai maggiori danni (arredi, trasloco). Chiedono inoltre che l'atto venga trascritto al fine di tutela in caso di vendita o divisione dell'immobile. P. L. Il secondo comma dell art c.c. stabilisce che il proprietario del fondo servente non può compiere alcuna cosa che tenda a diminuire l esercizio della servitù o a renderlo più incomodo, per cui, alla luce delle modifiche apportate alla tubatura dal condominio, gli altri condomini si preoccupano giustamente di formalizzare con atto pubblico e conseguente trascrizione presso l Agenzia delle Entrate Servizi di pubblicità immobiliare

14 quella che dopo l intervento è diventata una servitù non apparente, che in caso di guasto renderebbe più costosa la riparazione, i cui maggiori oneri non possono che ricadere sul condomino che ha posto in essere l intervento. SPESE RIFACIMENTO FACCIATA Ho un quesito a cui l'amministratore di condominio non ha saputo rispondere in fase di riunione straordinaria per il rifacimento della facciata esterna del fabbricato. Io ed altri due condomini abitiamo nel basso fabbricato (Loft) all'interno del cortile del fabbricato principale. Volevo sapere se dobbiamo concorrere alle spese per il rifacimento della facciata esterna del fabbricato. D. M. Se, nell ambito del complesso condominiale, l unità immobiliare di un condomino è ubicata in una costruzione diversa da quella la cui facciata occorre rifare, non è tenuto a contribuire alla relativa spesa (Cass. 13/7/1996, n. 6359). Se invece l unità immobiliare è ubicata nell edificio interessato al rifacimento della facciata, il condomino è tenuto a contribuire alla spesa, ancorché l unità immobiliare non si apra sulla facciata. SPESE DI RISTRUTTURAZIONE E DETRAZIONE FISCALE Mia madre di 88 anni (disabile al 100%) ha effettuato una manutenzione alla palazzina, so che il 50% le verrà restituito dallo Stato, ma non so in quali tempi.

15 P. T. Il 50% va calcolato su un massimo di euro di spesa per unità immobiliare; questo importo sale a euro per le spese sostenute dal 26/6/2012 al 31/12/2015. L importo così calcolato non viene rimborsato dallo Stato ma si sostanzia in una detrazione d imposta da ripartire in dieci rate annuale di uguale ammontare. RIFACIMENTO PARCHEGGIO E DETRAZIONE FISCALE Il mio condominio vorrebbe rifare il parcheggio antistante l'edificio per motivi legati all'allagamento dello stesso per scarsa pendenza. Queste opere rientrano fra quelle detraibili ai fini IRPEF? G. C. G. L intervento fruisce dell agevolazione fiscale ai fini IRPEF, ai sensi del combinato disposto degli artt. 16-bis, lett. a), del T.U. delle imposte su rediti 22/12/1986, n. 917, e 3 del D.P.R. 6/6/2001, n RIPARAZIONE FOGNATURA Abito al piano terra di una palazzina di tre piani composta da 12 appartamenti. La fognatura condominiale si e rotta e ho subito due allagamenti di liquami. Abbiamo fatto subito una assemblea straordinaria prendendo la decisione di fare subito i lavori (è tutto

16 scritto a verbale). Sono passati 15 gironi dall assemblea ma i lavori non iniziano e si continua a scaricare con il problema che i liquami si infiltrano nei terreni vicini. Come posso tutelarmi e a chi ci si puo rivolgere per denunciare la cosa? A. P. Se il condominio, in persona dell amministratore, non si attiva per la riparazione dell impianto, il lettore può sollecitare l intervento dell Azienda Sanitaria Locale o rivolgersi al giudice, non senza aver prima idoneamente documentato l omissione. OBBLIGAZIONI DEL CONDOMINIO E RESPONSABILITA DEI CONDOMINI Abito in un grosso condominio, composto da sette edifici di sei piani cadauno, più negozi e attività esterne (in tutto circa 180 condomini). Un paio di mesi fa si è reso necessario spicconare tutti i frontalini del condominio dopo l'intervento dei vigili del fuoco, i quali - tramite fonogramma - hanno intimato la messa in sicurezza degli edifici tramite una ditta, che alla fine ha emesso regolare fattura di pagamento per un totale di euro. L'amministratore ha pattuito pagamenti mensili con la ditta, la quale a tutt'oggi non ha ricevuto nessun bonifico dal condominio (la motivazione addotta è che le persone non pagano e l amministratore non ha soldi in cassa). Ora la ditta minaccia di emettere un decreto ingiuntivo al condominio, con tutto quello che ne può conseguire. Le faccio presente che io sono una di quelle persone che addirittura hanno pagato in anticipo le quote spettanti. La mia domanda è: se viene emesso un decreto ingiuntivo per mancato pagamento alla ditta che ha effettuato il lavori, cosa può succedere? A. S.

17 Il secondo comma dell art. 63 disp. att. c.c., nel testo modificato dalla legge di riforma della materia, ha reintrodotto, dopo che le SS.UU della Corte di Cassazione l avevano cancellata (sentenza n dell 8/4/2008), la solidarietà passiva fra condomini per le obbligazioni assunte nel loro interesse dall amministratore, sia pure temperata dall obbligo della preventiva escussione: la norma, infatti, stabilisce che i creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini. LOCAZIONE E RIPARAZIONE POMPA SOMMERSA Ho dato in affitto una piccola villetta con giardino ad una persona che ha degli animali. nel giardino di questa villetta c'è un pozzo artesiano che questa persona usa per dare da bere agli animali e per innaffiare il giardino. Ora si è rotto il motorino del pozzo: a chi tocca pagarlo? A me o all'inquilino? D. L. Non trattandosi di piccola riparazione, la relativa spesa grava sul locatore ai sensi del primo comma dell art c.c. DANNI DA CANNA FUMARIA Abito al secondo piano di un condominio composto da tre piani. Il proprietario del terzo piano ha installato una stufa a pellets con la canna fumaria che esce sulla veranda invece che sul tetto! I fumi di tale canna cadono spesso e vanno a sporcare i panni stesi. Abbiamo

18 visto che ci sono normative che definiscono con chiarezza che la canna dei fumi vada sul tetto. Non riusciamo a venirne a capo, in quanto sia l'amministratore del condominio non vuole intervenire. Le chiedo di fornirmi delle possibilità di risoluzione. M. S. Se il condomino del terzo piano non provvede alla messa a norma della canna fumaria, non resta che rivolgersi al giudice, chiedendo in quella sede la condanna al risarcimento del danno (opportunamente documentato) e al pagamento delle spese di giudizio. PARTECIPAZIONE DELL AMMINISTRATORE ALL ASSEMBLEA Durante le Assemblee condominiali un condomino polemizza e rallenta i lavori sostenendo che l'amministratore di condominio non possa e non debba partecipare alle assemblee stesse. A suo dire tutte le problematiche assembleari dovrebbero essere discusse dai condomini soltanto e l'amministratore di condominio non dovrebbe partecipare alle discussioni ma andarsene addirittura in altra stanza. A me sembra assurdo. Ma che senso avrebbe pagare un amministratore di condominio soltanto per fargli stilare il bilancio senza poi poterlo interpellare o chiedergli ragguagli, spiegazioni e parerei in sede di assemblea? Chiedo di sapere se quel condomino abbia ragione, se l'amministratore può dare spiegazioni ai condomini in assemblea, se può dare pareri e possa essere liberamente essere "interrogato" durante i lavori assembleari. quali sono i poteri dell'amministratore in assemblea. C. F. P.

19 In teoria l amministratore può essere escluso dall assemblea. Di fatto, però, la sua partecipazione si rende necessaria sia per illustrare ai condomini il rendiconto della gestione, sia per raccogliere dagli stessi condomini proposte, suggerimenti e lamentele; trattasi pertanto di attività rientrate fra i suoi compiti di gestione, anche se non espressamente indicata dal codice (Cass. 12/3/2003, n. 3596). LOCAZIONE E RIFACIMENTO FACCIATA Per la realizzazione dei lavori condominale (facciata) nella terrazza privata dell'appartamento dove mio marito ed io viviamo e per cui paghiamo un affitto mensile, sarebbe necessaria solo l'autorizzazione del proprietario o anche la nostra? L. Per l esecuzione di lavori condominiali non occorre l autorizzazione dei conduttori delle un unità immobiliari. Se però i lavori si protraggono per più di venti giorni, il conduttore ha diritto a una riduzione del corrispettivo, proporzionata all intera durata dei lavori stessi e all entità del mancato godimento del bene (secondo comma art c.c.). TINTEGGIATURA SOFFITTO BALCONE Per aggiustare la soffitta dei balconi ed eseguire la pitturazione (in caso di perdita) a chi spettano le spese di addebito? G. S.

20 Le spese occorrenti alla manutenzione e al rifacimento dei balconi costituenti pertinenza dei vari appartamenti gravano sui rispettivi proprietari, con la sola eccezione di quelle relative agli elementi decorativi (per es. rivestimenti esterni), ma solo se riguardabili come destinati all'abbellimento della facciata nel suo insieme e non del singolo balcone, da porsi a carico del condominio su base millesimale (Cass. 28/11/1992, n ). LAVORI ABUSIVI SU PARTI COMUNI Sono stati eseguiti lavori abusivi relativi alla trasformazione dell'entrata pedonale condominiale. Tali lavori hanno comportato la variazione estetica con oscuramento parziale della visuale della piazza antistante la mia abitazione (facente parte del condominio). L'assemblea condominiale ha deliberato il progetto in sanatoria con il mio voto contrario. Può essere invalidata la decisione del condominio senza il voto unanime di tutti i condomini? Il comune può rilasciare il permesso di costruire senza l'approvazione unanime di tutti i condomini? P. Il Consiglio di Stato (sentenza n dell 11/4/2007) ha stabilito che la P.A. ha il poteredovere di verificare l esistenza, in capo al richiedente il permesso di costruire, di un titolo idoneo di godimento dell intero bene interessato dal progetto, e di subordinarne il rilascio al consenso di tutti i proprietari per la parte d intervento che interessa le parti comuni. Lo stesso Consiglio di Stato (sentenza n. 650 del 21/10/2003) ha stabilito che questo principio

21 trova applicazione anche nel caso di richiesta di concessione in sanatoria ex art. 13 L. 28/2/1985, n. 47 (ora art. 36 D.P.R. 6/6/2001, n. 380). LAVORO MALE ESEGUITO Mi hanno costruito 6 mesi fa una parete divisoria in carton gesso dove passano i tubi di acqua, luce, gas. Come si apre l acqua la parete non solo si allaga ma allaga tutta la cucina. Temo per i fili elettrici. Ho già scritto lettere di contestazione, inutilmente.a chi mi devo rivolgere per far fare una perizia, mettere a posto la parete e poi chiedere i danni, perché nel frattempo devo smontare tutta la cucina? L. E opportuno provare la cattiva esecuzione dei lavori ed i conseguenti danni attraverso un accertamento tecnico preventivo da chiedere al Tribunale con l assistenza di un avvocato. MODIFICA TABELLA MILLESIMALE Quattro anni fa l'assemblea ha approvato a maggioranza la nuova tabella millesimale. Purtroppo due condomini si sono opposti ed hanno intentato una causa. Circa due anni fa il Giudice ha riconosciuto valida l'approvazione della nuova tabella. I due condomini hanno presentato appello e la causa è ancora in corso. Giorni fa, durante l'assemblea, hanno ripreso a parlare dell'argomento, tentando di far approvare un'altra tabella millesimale, ma io mi sono opposto perché l'argomento non era all'ordine del giorno e perché c'era una causa in corso. Allora hanno richiesto ed ottenuto che tale argomento

22 venisse inserito come punto all'ordine del giorno della prossima assemblea. Se c'è una causa in corso sull' approvazione di una nuova tabella millesimale, è regolare discutere di un altra tabella millesimale e votarne l'approvazione? Non è forse vietato fino a che il giudice avrà emesso una sentenza definitiva? M. Se le parti in causa sono d accordo nel rimettere la modifica dell attuale tabella millesimale all assemblea, questa può deliberare in merito. Una volta intervenuta l approvazione, la Corte d Appello, su concorde istanza degli avvocati delle parti, pronuncerà l estinzione del procedimento per cessazione della materia del contendere. RETTIFICA TABELLA MILLESIMALE Nel rogito ho sottoscritto di accettare e conoscere il regolamento di condominio (anche se non mi fu consegnato perchè ne era sprovvisto anche l'amministratore che ha dovuto richiederlo all'archivio Notarile). Posso chiedere la revisione del regolamento condominiale per via giudiziale per rifare le tabelle millesimali (avendo avuto il diniego da tutti i condomini) perchè ho constatato successivamente che esiste una sola tabella che è quella generale di proprietà, sulla quale vengono ripartite le spese pulizia e luce scale? Il mio alloggio è situato al piano rialzato della scalinata. R. D. F.

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Agenda del condominio

Agenda del condominio Agenda del condominio Agenda del condominio Regione Toscana - Giunta Regionale Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Tutela dei consumatori e utenti, politiche di genere,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

LE REGOLE DELLE SPESE CONDOMINIALI

LE REGOLE DELLE SPESE CONDOMINIALI LE REGOLE DELLE SPESE CONDOMINIALI Voce per voce chi e quanto deve pagare La posizione dell acquirente, del conduttore, del coniuge separato e dell usufruttuario - Quando è consentito chiamarsi fuori La

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA Che tipo di abitazione Avete deciso di acquistare una casa. Vediamo gli aspetti più importanti da controllare sotto il profilo tecnico- legale. Non fatevi scrupolo a

Dettagli

Nuova guida breve al Condominio

Nuova guida breve al Condominio 2^ edizione! 1 Nuova guida breve al Condominio Una micro società con le sue regole. Guida aggiornata alla legge di riforma del condominio n. 220 dell 11 dicembre 2012, in vigore dal 18 giugno 2013. 2014

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento ottobre 2013 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Capo II Del condominio negli edifici

Capo II Del condominio negli edifici Capo II Del condominio negli edifici Articolo 1117. Parti comuni dell edificio. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell edificio, anche se aventi diritto a

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

SOPRAVVIVERE CONDOMINIO

SOPRAVVIVERE CONDOMINIO CONDOMINIO al Supplemento n. 2 - di Altroconsumo n. 251 - settembre 2011 Come difendersi da vicini molesti e amministratori distratti Anno XXXVII - Altroconsumo: via Valassina 22, 20159 Milano - Poste

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Codice civile

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Codice civile Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Codice civile Finito di stampare nel mese di Marzo 2013 presso: Tipografia Fabrizio Via Appia Km. 136 - Itri - Tel. 0771.727203 Dopo settanta anni,

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Via Petrarca, 32 38122 Trento Tel. 0461/984751 Fax 0461/265699

Via Petrarca, 32 38122 Trento Tel. 0461/984751 Fax 0461/265699 L acquisto della casa: le novità, le regole, i suggerimenti e le nuove opportunità. Provincia autonoma di Trento Assessorato all agricoltura, al commercio e turismo. Programma generale d intervento 2007-2008

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

L acquisto della casa:

L acquisto della casa: L acquisto della casa: le novità, le regole, i suggerimenti e le nuove opportunità. n 1/2008 Supplemento gratuito al numero odierno del giornale l Adige Provincia autonoma di Trento Programma generale

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Condominio. Le nuove regole per difendersi

Condominio. Le nuove regole per difendersi Condominio Le nuove regole per difendersi Anno XXXIX - Altroconsumo: via Valassina 22, 20159 Milano - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in a.p.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Capitolo1 Chi può fare domanda di contributo?

Capitolo1 Chi può fare domanda di contributo? Aggiornato al 24 luglio 2013 Capitolo1 Chi può fare domanda di contributo? QUESITO 1 Chi ha una abitazione concessa in comodato d uso potrebbe fare domanda per gli interventi sull articolo 1? La norma

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Assicurazione sul titolo di proprietà

Assicurazione sul titolo di proprietà Financial Services Commission of Ontario Assicurazione sul titolo di proprietà Se possedete un immobile o state pensando di acquistarlo, questa brochure vi aiuterà a comprendere le caratteristiche e i

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Il rendiconto della gestione condominiale - Art. 1130, comma 2, c.c.

Il rendiconto della gestione condominiale - Art. 1130, comma 2, c.c. Casa e condominio Il rendiconto della gestione condominiale - Art. 1130, comma 2, c.c. uso bollo FORMULA SUPERCONDOMINIO... RENDICONTO GESTIONE ESERCIZIO DAL... AL... * * * Situazione spese sostenute -

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

PRESENTAZIONE Andare d'accordo è difficile. C'è il geometra di sopra che quando scende le scale trema il palazzo, la segretaria dello studio di

PRESENTAZIONE Andare d'accordo è difficile. C'è il geometra di sopra che quando scende le scale trema il palazzo, la segretaria dello studio di 1 2 PRESENTAZIONE Andare d'accordo è difficile. C'è il geometra di sopra che quando scende le scale trema il palazzo, la segretaria dello studio di fronte che accoglie i clienti urlando salve! affacciata

Dettagli