POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 15 giugno Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 15 giugno 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo"

Transcript

1 POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 15 giugno 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( ), edita da Giuffrè e aggiornata al decreto Destinazione Italia. In corsivo, nel sommario, le risposte più recenti. Sommario: SOSTITUZIONE GOCCIOLATOI BALCONI - MESSA A NORMA TUBATURA GAS - COSTRUZIONE VERANDA - UTILIZZO LOCALE ATER - ASSICURAZIONE - SPESE E MILLESIMI - LOCAZIONE E SPESE DI VIGILANZA - LOCAZIONE E RIPARAZIONE FINESTRE - ABUSO EDILIZIO E PRESCRIZIONE - SOSTITUZIONE PORTONE E APERTURA ELETTRICA - CALDAIA E VISUALE - CUCINA EN PLEIN AIR - ACQUISTO ALL ASTA E SPESE CONDOMINIALI - LOCAZIONE E CONDIZIONATORE - TRASFORMAZIONE DI VERANDA IN TERRAZZA - FORMALIZZAZIONE DELLA SERVITU - SPESE RIFACIMENTO FACCIATA - SPESE DI RISTRUTTURAZIONE E DETRAZIONE FISCALE - RIFACIMENTO PARCHEGGIO E DETRAZIONE FISCALE - RIPARAZIONE FOGNATURA - OBBLIGAZIONI DEL CONDOMINIO E RESPONSABILITA DEI CONDOMINI - LOCAZIONE E RIPARAZIONE POMPA SOMMERSA - DANNI DA CANNA FUMARIA - PARTECIPAZIONE DELL AMMINISTRATORE ALL ASSEMBLEA - LOCAZIONE E RIFACIMENTO FACCIATA - TINTEGGIATURA SOFFITTO BALCONE - LAVORI ABUSIVI SU PARTI COMUNI - LAVORO MALE ESEGUITO - MODIFICA TABELLA MILLESIMALE - RETTIFICA TABELLA MILLESIMALE - LOCAZIONE E

2 TOSAP - RISTRUTTURAZIONE ABITAZIONE IN COMPROPRIETÀ - LOCAZIONE SPAZIO COMUNE - RIPARTIZIONE SPESE PULIZIA E ILLUMINAZIONE SCALE - CONTESTAZIONE TABELLA PULIZIA E ILLUMINAZIONE SCALE - APPROPRIAZIONE SPAZIO COMUNE - PARCHEGGIO E PORTONE D INGRESSO - SERVITÙ E LAVORI DI MANUTENZIONE - INFILTRAZIONI DI ACQUA E CONSEGUENTE PERICOLO DI CROLLO - VIALETTO E SERVITÙ - SPOSTAMENTO CONTATORE - CAMBIO DI DESTINAZIONE - INSTALLAZIONE TUBO E CONTATORE - CANE E ASCENSORE - PROPRIETÀ DEL CAVEDIO - LASTRICO SOLARE AD USO ESCLUSIVO - RIFACIMENTO PARZIALE DEL TETTO - RIPARAZIONE TETTO - RIPRISTINO GRONDAIE - SPOSTAMENTO CONTATORI - ASSEMBLEA E DELEGA - ASSICURAZIONE - INADEMPIMENTO CONTRATTUALE - SCIOGLIMENTO COMUNIONE - RIFACIMENTO INTONACO - TUBATURA E MURO DI CONFINE - RIPARAZIONE GRONDE - USO IMPROPRIO DEL PIANEROTTOLO - INFILTRAZIONI DI ACQUA PIOVANA E GIARDINO PENSILE - TESTAMENTO E SPESE CONDOMINIALI - RISARCIMENTO DANNI SOSTITUZIONE GOCCIOLATOI BALCONI In un Condominio dotato di 14 balconi aggettanti e due non sporgenti ma a filo di muro sono stati sostituiti gli sgocciolatoi dell'acqua piovana perchè difettosi. L'amministratore intende ripartire la spesa fra tutti i condomini in proporzione ai millesimi di proprietà. Sui due balconi non aggettanti siti al piano terra, non è stato effettuato alcun tipo di lavoro poichè sprovvisti di sgocciolatoi. Dei rimanenti 12 balconi aggettanti, 10 hanno avuto la sostituzione di uno sgocciolatoio cadauno, mentre due abitanti al piano attico hanno

3 avuto la sostituzione di due sgocciolatoi cadauno. Ho dei dubbi circa la correttezza della ripartizione. L'uso della scala aerea utilizzata per i piani alti ha qualche incidenza? A. A Se, considerate le caratteristiche dell edificio, i gocciolatoi sono riguardabili come elementi di abbellimento della facciata, rientrano fra le parti comuni e in quanto tali la spesa occorrente alla loro sostituzione fa carico a tutti i condomini, in proporzione ai millesimi di proprietà. In caso contrario grava sui proprietari dei balconi. MESSA A NORMA TUBATURA GAS Abito in un condominio di 8 unità abitative, con tubi del gas di due condomini che passano liberamente per il vano scale. Ho più volte chiesto venissero messi a norma, ma senza risultato; ho fatto vari esposti a vari enti, ma senza risposta. Lo scorso mese di ottobre, in mia assenza, è stato fatto un impianto luce naturalmente senza predisporre il mio appartamento e la mia cantina per la presa a terra e togliendomi l'accensione della luce scale dall'interno che mia madre aveva fatto nel 1962 a sue spese quando era stato installato il citofono. Questo elettricista a lavoro finito rilascerà la dichiarazione di conformità ai condomini così mi è stato detto e naturalmente senza fare nessun accenno ad ai tubi del gas che dalle normative anti-incendio debbano essere coibentati. A. V.

4 La norma UNI-CIG 7129/08 stabilisce che le tubature metalliche del gas installate all esterno e a vista devono essere protette da urti e danneggiamenti. Se la tubatura non è a norma e l amministratore, invitato ad intervenire, non si attiva, il condomino può chiedere l interventi dei Vigili del fuoco ed eventualmente adire l A.G. COSTRUZIONE VERANDA Abito in un condominio di tre palazzi (il mio è di 32 condomini) del 1974, non di pregio e periferici. Volendo chiudere a veranda un mio balcone aggettante (a vetro e alluminio cm 390 x 140) in linea con balconi di altri piani affacciati in un cortile interno; oltre ai permessi comunali, necessito di permessi del condominio? Se si, del mio palazzo o totali? Eventualmente il consenso o il diniego dovrebbe essere unanime o a maggioranza (il Regolamento Assembleare del 1974 nulla dice)? Può alterare il decoro architettonico? Esistono già due strutture analoghe ma più piccole. A. G. E opportuno acquisire il consenso di tutti i condomini dell edificio in cui dovrebbe essere costruita la veranda, dal momento che la violazione del decoro architettonico potrebbe essere eccepita anche da un solo condomino. Se il decoro architettonico è stato significativamente alterato da precedenti interventi condotti da altri condomini, in un eventuale giudizio il giudice potrebbe tenerne conto. Questo tipo d intervento non comporta la modifica dei millesimi ai sensi dell art. 69 disp. att. c.c.

5 UTILIZZO LOCALE ATER Abito in un condominio con sei appartamenti, tre per ogni ala della casa. Sotto ogni ala ci sono tre locali classificati c6 e sono ognuno di ogni inquilino. Nell'ala sinistra ci sono affittuari di case popolari. Nell'altra ala sono ex inquilini che hanno riscattato. Uno di questi poi ha venduto solo l'appartamento al figlio di un affittuario dell'ala delle case popolari, mantenendo il locale al piano zero classificato c6. Quindi questo nuovo proprietario non avendo il locale al piano zero, usa quello del padre, affittuario. La domanda è la seguente è. Possibile che l'affittuario (padre) possa far usare quel locale all'altro proprietario (figlio)? Questo lo usa come fosse suo, ha le chiavi, lo apre per rimettere la moto ecc ecc. La domanda può sembrare sciocca ma siccome ho diversi problemi che scaturiscono proprio da questo volevo appunto capire come stanno le cose. M. de A. Di norma il regolamento delle case popolari in oggetto vieta agli assegnatari di subaffittare o cedere ad altri, in tutto o in parte, sia l alloggio che le sue pertinenze. Il lettore può verificare presso l ATER della Provincia in cui è ubicato l immobile se il regolamento contiene analoga clausola. ASSICURAZIONE Sono proprietario di un posto auto in un condominio costituito da un certo numero di unità immobiliari, cortile e posti auto (e solo di uno di questi sono proprietario) accessibili da strada comunale e protetti da sbarra. Nella prima assemblea condominiale l'amministratore ha incluso in tabella generale per tutti i proprietari (unità immobiliare e

6 posti auto) i costi dell'assicurazione dell'immobile e dell'acqua condominiale. Gradirei sapere se l'inclusione di tali costi é legittima, non avendo accesso all'edificio oggetto dell'assicurazione, né potendo utilizzare l'acqua condominiale di cui nulla é detto nel regolamento di condominio. Se dovesse essere legittimo l'inserimento in tabella generale dei costi di assicurazione dell'immobile e dell'acqua (l'amministratore afferma che è utilizzata per le pulizie anche del cortile dove sono i posti auto, io ho risposto che le spese di pulizia sono già previste sotto altra voce e includono i costi dei materiali utilizzati, sapone, acqua, ramazze ecc.) dovrei dedurne che dovrei pagare anche per le spese di manutenzione dell'impianto idrico (autoclave) e quelle dell'edificio in sé (ad esempio rifacimento facciata)? M. di L. Se l assicurazione ha per oggetto sia il fabbricato che il parcheggio, il lettore è tenuto a contribuire alla relativa spesa. Quanto all acqua, se vi ha accesso (quello che rileva è l uso potenziale e non l uso effettivo) è tenuto a contribuire anche a questa voce di spesa; In caso contrario l amministratore deve spiegargli in base a quale criterio deve contribuirvi, dal momento che già concorre alle spese di pulizia, ivi compresa l acqua. SPESE E MILLESIMI In una palazzina di 3 unità immobiliari tutte di uguale metratura: una al piano terra rialzato, una al primo piano e una al secondo, senza amministratore. Per la ripartizione delle spese (rifacimento della facciata, pulizia e luce scale, manutenzione terrazza condominiale ecc.) il tecnico ha suggerito di fare una scrittura privata piuttosto che il

7 calcolo dei millesimi che comporterebbe una cifra considerevole. Il suo consiglio è di ripartire i millesimi così: 250 piano terra rialzato, 350 primo piano e 400 per il secondo piano. I millesimi attribuiti potrebbero essere adeguate? Si possono obbligare gli altri 2 condomini a questa ripartizione considerando che da oltre 50 anni le spese sono sempre state divise per tre? G. P. P. Il condomino non può essere obbligato a contribuire alle spese comuni seguendo un criterio diverso da quello dei millesimi di proprietà; millesimi che sarebbe opportuno apprestare qualora i condomini non dovessero accordarsi sull adozione di un diverso criterio. LOCAZIONE E SPESE DI VIGILANZA Abito in un condominio di 50 unità immobiliari ove il proprietario è deceduto è il patrimonio è gestito da un curatore giudiziario. Le spese di gestione del condominio stanno andando alle stelle. Basta pensare che, senza alcuna richiesta dei conduttori, fu messa una sorte di guardiano per evitare le occupazioni abusive. Ora sono stati presentati i consuntivi dei tre anni trascorsi e quello per il 2015 ma il curatore non ha voluto fare alcun verbale affermando che non era dovuto in quanto noi non possiamo decidere nulla. Lui nella qualità di proprietario ci deve solo ascoltare e decidere. Non possiamo trovare alcuna norma che sancisce i nostri diritti? A. E.

8 Il proprietario unico dell edificio non può pretendere di scaricare sui conduttori, senza il loro consenso, le spese richieste dal servizio di vigilanza che abbia inteso attivare in corso di locazione per evitare l occupazione delle unità immobiliari sfitte. LOCAZIONE E RIPARAZIONE FINESTRE Da circa due mesi mio figlio ha in locazione un appartamento ove vive con la moglie e due bimbi di 3 anni e di 8 mesi. Nel corso delle ultime giornate piovose ha avuto modo di constatare che dalle finestre della camera da letto, del bagno e della camera dei bimbi, filtra acqua piovana. Vorrei sapere se il problema deve essere risolto dal locatore. C. di P. Il locatore deve, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1575, n. 2), e 1576, secondo comma, c.c., mantenere l abitazione in condizioni tali da servire all uso convenuto ed eseguire tutte le riparazioni necessarie, eccettuate quelle di piccola manutenzione, che sono a carico del conduttore. Il fatto che l acqua penetri da diverse finestre fa presumere che si renda necessario un intervento non di piccola manutenzione, gravante in quanto tale sul locatore. ABUSO EDILIZIO E PRESCRIZIONE

9 Sono proprietaria di un appartamento con annesso terrazzo esclusivo al 2 piano che fa da copertura al terrazzo sottostante, sulla stessa verticale. Il condomino dell appartanmento di sotto, circa 20 anni fa, ha costruito abusivamente una veranda con vetrate e alluminio ai laterali ed una tenda veneziana davanti ancorando tutto sotto la soletta del mio terrazzo; in più ha messo dei tegolini di alluminio nel frontalino per proteggersi dall acqua piovana. Essendo trascorsi poco piu di 20 anni posso fare una denuncia al comune (Ufficio tecnico), oppure è andato tutto in prescrizione? A. C. L abuso edilizio è un illecito di carattere permanente e in quanto tale non è soggetto a prescrizione (Cons. Stato 24/10/2013 n 5158). Gli altri condomini non possono essere chiamati a rispondere di un abuso al quale sono estranei. SOSTITUZIONE PORTONE E APERTURA ELETTRICA Nel condominio è stato sostituito il portone d'ingresso con il vecchio. Il citofono funzionava, ma con il nuovo sono stati staccati i fili elettrici in quanto il nuovo portone è molto pesante. Di fatto, il citofono lo abbiamo solo per bellezza e il portone è sempre aperto. Che posso fare per avere ancora il mio citofono? C'è una norma che mi tutela? L'amministratore dice che reclamo solo io. M.

10 Forse il lettore si riferisce all apertura automatizzata del portone e non al citofono. Nel qual caso, per quanto il portone sia pesante, non dovrebbe essere difficile elettrificarne l apertura, per cui il condomino può chiedere all amministratore di sottoporre il problema a un provetto installatore. Se invece la sostituzione del portone ha privato il condomino del servizio di citofono se ne può chiedere il ripristino all amministratore ed eventualmente al giudice. CALDAIA E VISUALE Sul palazzo di fronte, il condominio sta installando sul tetto del palazzo una caldaia per riscaldamento a gas. La distanza tra il palazzo in questione e quello in cui io risiedo è in linea d aria 20 metri circa. La caldaia in questione copre una buona parte della vista da me goduta (sono all attico), deturpa abbondantemente la visuale e il panorama risulta ampiamente compromesso. Chiedo se posso fare qualcosa per impedire questo scempio. E. P. Se la costruzione adiacente è a distanza legale, il vicino non può pretendere la rimozione della caldaia ivi installata; né può eccepire l alterazione del decoro architettonico dell edificio, in quanto estraneo al condominio in cui è avvenuta l installazione. CUCINA EN PLEIN AIR Cerco da anni una soluzione ad un problema che rende invivibile la mia vita condominiale.

11 Abito in un condominio di 24 appartamenti dove il mio vicino da diversi anni (fuori al balcone, accanto alla vetrata di divisione) ha sistemato un lavello e cucina a gas a più fuochi e ha istallato tendoni da sole bloccando la fuoriuscita degli odori che trovano tiraggio nel mio balcone. Da qualche mese, poi, ha sostituito la bombola del gas con l'impianto a metano ma quello che è oltremodo insopportabile è il cattivo odore, che costantemente, è generato dalle fritture e dalla cottura di cipolle. Questo mi induce a non utilizzare più il balcone e a chiudermi in casa con imposte chiuse. Ho più volte chiesto l'intervento dell'amministratore ma questi mi ha risposto che non può farci nulla, né tanto meno esiste un regolamento comunale che vieti di cucinare fuori ai balconi. Posso appellarmi a qualche riferimento normativo per rimediare a questo comportamento? R. L. L. Se le esalazioni provenienti dalla cucina installata dal vicino sul proprio balcone superano la normale tollerabilità di cui all art. 844 c.c., si può chiedere al giudice, all esito di una perizia disposta dal magistrato, che vengano ricondotte nella norma. ACQUISTO ALL ASTA E SPESE CONDOMINIALI Ho appena acquistato all asta un appartamento. In base all art.63 disp att. c.c. devo pagare le spese arretrate degli ultimi 2 anni. L amministratore mi addebita anche le spese personali riferibili al consumo di acqua e riscaldamento (c è un impianto centralizzato) degli esecutati riferibili al loro immobile. E corretto? P. D. T.

12 Le spese riguardanti il consumo di acqua da parte dei precedenti occupanti dell unità immobiliare rientrano fra le spese condominiali e in quanto tali sono assoggettate alla normativa dell art. 63 disp. att. c.c. LOCAZIONE E CONDIZIONATORE Il mio inquilino mi chiede di acquistare e installare, a mie spese, un condizionatore. Debbo provvedere? M. S. A meno che le condizioni climatiche dell unità immobiliare siano inspiegabilmente cambiate, rispetto all inizio della locazione, al punto tale da renderla inidonea all uso cui è destinata (evenienza peraltro meramente teorica), il conduttore non può pretendere che il locatore provveda, a proprie spese, all installazione di un condizionatore d aria. TRASFORMAZIONE DI VERANDA IN TERRAZZA Vorrei comperare un appartamento che ha una veranda uguale a quelle degli altri condomini, con un parapetto di cemento circa due metri che non mi piace per nulla. Si può abbassare il parapetto di circa un metro e trasformare la veranda in terrazza? R. F.

13 Per trasformare la veranda in terrazza è necessario, a parte le autorizzazioni amministrative, il consenso di tutti gli altri condomini, trattandosi d intervenire sul decoro architettonico dell edificio, la cui alterazione può essere contestata anche da un solo condomino. FORMALIZZAZIONE DELLA SERVITU Il proprietario di un garage su cui insiste una servitù di riscaldamento (tubi posizionati a soffitto) ha mutato la destinazione in casa di civile abitazione. La servitù è stata costituita per destinazione del padre di famiglia ed i tubi erano a vista. Risulta che il proprietario ha omesso di indicare l'esistenza della servitù al momento della richiesta di autorizzazione, omesso di denunciare il mutamento di destinazione e ha proceduto alla copertura con del carton gesso. I condomini ritengono che la copertura muti la natura giuridica della servitù e chiedono la stipula di un accordo nella forma del'atto pubblico in cui il proprietario si impegni a sostenere le spese relative ai maggiori danni (arredi, trasloco). Chiedono inoltre che l'atto venga trascritto al fine di tutela in caso di vendita o divisione dell'immobile. P. L. Il secondo comma dell art c.c. stabilisce che il proprietario del fondo servente non può compiere alcuna cosa che tenda a diminuire l esercizio della servitù o a renderlo più incomodo, per cui, alla luce delle modifiche apportate alla tubatura dal condominio, gli altri condomini si preoccupano giustamente di formalizzare con atto pubblico e conseguente trascrizione presso l Agenzia delle Entrate Servizi di pubblicità immobiliare

14 quella che dopo l intervento è diventata una servitù non apparente, che in caso di guasto renderebbe più costosa la riparazione, i cui maggiori oneri non possono che ricadere sul condomino che ha posto in essere l intervento. SPESE RIFACIMENTO FACCIATA Ho un quesito a cui l'amministratore di condominio non ha saputo rispondere in fase di riunione straordinaria per il rifacimento della facciata esterna del fabbricato. Io ed altri due condomini abitiamo nel basso fabbricato (Loft) all'interno del cortile del fabbricato principale. Volevo sapere se dobbiamo concorrere alle spese per il rifacimento della facciata esterna del fabbricato. D. M. Se, nell ambito del complesso condominiale, l unità immobiliare di un condomino è ubicata in una costruzione diversa da quella la cui facciata occorre rifare, non è tenuto a contribuire alla relativa spesa (Cass. 13/7/1996, n. 6359). Se invece l unità immobiliare è ubicata nell edificio interessato al rifacimento della facciata, il condomino è tenuto a contribuire alla spesa, ancorché l unità immobiliare non si apra sulla facciata. SPESE DI RISTRUTTURAZIONE E DETRAZIONE FISCALE Mia madre di 88 anni (disabile al 100%) ha effettuato una manutenzione alla palazzina, so che il 50% le verrà restituito dallo Stato, ma non so in quali tempi.

15 P. T. Il 50% va calcolato su un massimo di euro di spesa per unità immobiliare; questo importo sale a euro per le spese sostenute dal 26/6/2012 al 31/12/2015. L importo così calcolato non viene rimborsato dallo Stato ma si sostanzia in una detrazione d imposta da ripartire in dieci rate annuale di uguale ammontare. RIFACIMENTO PARCHEGGIO E DETRAZIONE FISCALE Il mio condominio vorrebbe rifare il parcheggio antistante l'edificio per motivi legati all'allagamento dello stesso per scarsa pendenza. Queste opere rientrano fra quelle detraibili ai fini IRPEF? G. C. G. L intervento fruisce dell agevolazione fiscale ai fini IRPEF, ai sensi del combinato disposto degli artt. 16-bis, lett. a), del T.U. delle imposte su rediti 22/12/1986, n. 917, e 3 del D.P.R. 6/6/2001, n RIPARAZIONE FOGNATURA Abito al piano terra di una palazzina di tre piani composta da 12 appartamenti. La fognatura condominiale si e rotta e ho subito due allagamenti di liquami. Abbiamo fatto subito una assemblea straordinaria prendendo la decisione di fare subito i lavori (è tutto

16 scritto a verbale). Sono passati 15 gironi dall assemblea ma i lavori non iniziano e si continua a scaricare con il problema che i liquami si infiltrano nei terreni vicini. Come posso tutelarmi e a chi ci si puo rivolgere per denunciare la cosa? A. P. Se il condominio, in persona dell amministratore, non si attiva per la riparazione dell impianto, il lettore può sollecitare l intervento dell Azienda Sanitaria Locale o rivolgersi al giudice, non senza aver prima idoneamente documentato l omissione. OBBLIGAZIONI DEL CONDOMINIO E RESPONSABILITA DEI CONDOMINI Abito in un grosso condominio, composto da sette edifici di sei piani cadauno, più negozi e attività esterne (in tutto circa 180 condomini). Un paio di mesi fa si è reso necessario spicconare tutti i frontalini del condominio dopo l'intervento dei vigili del fuoco, i quali - tramite fonogramma - hanno intimato la messa in sicurezza degli edifici tramite una ditta, che alla fine ha emesso regolare fattura di pagamento per un totale di euro. L'amministratore ha pattuito pagamenti mensili con la ditta, la quale a tutt'oggi non ha ricevuto nessun bonifico dal condominio (la motivazione addotta è che le persone non pagano e l amministratore non ha soldi in cassa). Ora la ditta minaccia di emettere un decreto ingiuntivo al condominio, con tutto quello che ne può conseguire. Le faccio presente che io sono una di quelle persone che addirittura hanno pagato in anticipo le quote spettanti. La mia domanda è: se viene emesso un decreto ingiuntivo per mancato pagamento alla ditta che ha effettuato il lavori, cosa può succedere? A. S.

17 Il secondo comma dell art. 63 disp. att. c.c., nel testo modificato dalla legge di riforma della materia, ha reintrodotto, dopo che le SS.UU della Corte di Cassazione l avevano cancellata (sentenza n dell 8/4/2008), la solidarietà passiva fra condomini per le obbligazioni assunte nel loro interesse dall amministratore, sia pure temperata dall obbligo della preventiva escussione: la norma, infatti, stabilisce che i creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini. LOCAZIONE E RIPARAZIONE POMPA SOMMERSA Ho dato in affitto una piccola villetta con giardino ad una persona che ha degli animali. nel giardino di questa villetta c'è un pozzo artesiano che questa persona usa per dare da bere agli animali e per innaffiare il giardino. Ora si è rotto il motorino del pozzo: a chi tocca pagarlo? A me o all'inquilino? D. L. Non trattandosi di piccola riparazione, la relativa spesa grava sul locatore ai sensi del primo comma dell art c.c. DANNI DA CANNA FUMARIA Abito al secondo piano di un condominio composto da tre piani. Il proprietario del terzo piano ha installato una stufa a pellets con la canna fumaria che esce sulla veranda invece che sul tetto! I fumi di tale canna cadono spesso e vanno a sporcare i panni stesi. Abbiamo

18 visto che ci sono normative che definiscono con chiarezza che la canna dei fumi vada sul tetto. Non riusciamo a venirne a capo, in quanto sia l'amministratore del condominio non vuole intervenire. Le chiedo di fornirmi delle possibilità di risoluzione. M. S. Se il condomino del terzo piano non provvede alla messa a norma della canna fumaria, non resta che rivolgersi al giudice, chiedendo in quella sede la condanna al risarcimento del danno (opportunamente documentato) e al pagamento delle spese di giudizio. PARTECIPAZIONE DELL AMMINISTRATORE ALL ASSEMBLEA Durante le Assemblee condominiali un condomino polemizza e rallenta i lavori sostenendo che l'amministratore di condominio non possa e non debba partecipare alle assemblee stesse. A suo dire tutte le problematiche assembleari dovrebbero essere discusse dai condomini soltanto e l'amministratore di condominio non dovrebbe partecipare alle discussioni ma andarsene addirittura in altra stanza. A me sembra assurdo. Ma che senso avrebbe pagare un amministratore di condominio soltanto per fargli stilare il bilancio senza poi poterlo interpellare o chiedergli ragguagli, spiegazioni e parerei in sede di assemblea? Chiedo di sapere se quel condomino abbia ragione, se l'amministratore può dare spiegazioni ai condomini in assemblea, se può dare pareri e possa essere liberamente essere "interrogato" durante i lavori assembleari. quali sono i poteri dell'amministratore in assemblea. C. F. P.

19 In teoria l amministratore può essere escluso dall assemblea. Di fatto, però, la sua partecipazione si rende necessaria sia per illustrare ai condomini il rendiconto della gestione, sia per raccogliere dagli stessi condomini proposte, suggerimenti e lamentele; trattasi pertanto di attività rientrate fra i suoi compiti di gestione, anche se non espressamente indicata dal codice (Cass. 12/3/2003, n. 3596). LOCAZIONE E RIFACIMENTO FACCIATA Per la realizzazione dei lavori condominale (facciata) nella terrazza privata dell'appartamento dove mio marito ed io viviamo e per cui paghiamo un affitto mensile, sarebbe necessaria solo l'autorizzazione del proprietario o anche la nostra? L. Per l esecuzione di lavori condominiali non occorre l autorizzazione dei conduttori delle un unità immobiliari. Se però i lavori si protraggono per più di venti giorni, il conduttore ha diritto a una riduzione del corrispettivo, proporzionata all intera durata dei lavori stessi e all entità del mancato godimento del bene (secondo comma art c.c.). TINTEGGIATURA SOFFITTO BALCONE Per aggiustare la soffitta dei balconi ed eseguire la pitturazione (in caso di perdita) a chi spettano le spese di addebito? G. S.

20 Le spese occorrenti alla manutenzione e al rifacimento dei balconi costituenti pertinenza dei vari appartamenti gravano sui rispettivi proprietari, con la sola eccezione di quelle relative agli elementi decorativi (per es. rivestimenti esterni), ma solo se riguardabili come destinati all'abbellimento della facciata nel suo insieme e non del singolo balcone, da porsi a carico del condominio su base millesimale (Cass. 28/11/1992, n ). LAVORI ABUSIVI SU PARTI COMUNI Sono stati eseguiti lavori abusivi relativi alla trasformazione dell'entrata pedonale condominiale. Tali lavori hanno comportato la variazione estetica con oscuramento parziale della visuale della piazza antistante la mia abitazione (facente parte del condominio). L'assemblea condominiale ha deliberato il progetto in sanatoria con il mio voto contrario. Può essere invalidata la decisione del condominio senza il voto unanime di tutti i condomini? Il comune può rilasciare il permesso di costruire senza l'approvazione unanime di tutti i condomini? P. Il Consiglio di Stato (sentenza n dell 11/4/2007) ha stabilito che la P.A. ha il poteredovere di verificare l esistenza, in capo al richiedente il permesso di costruire, di un titolo idoneo di godimento dell intero bene interessato dal progetto, e di subordinarne il rilascio al consenso di tutti i proprietari per la parte d intervento che interessa le parti comuni. Lo stesso Consiglio di Stato (sentenza n. 650 del 21/10/2003) ha stabilito che questo principio

21 trova applicazione anche nel caso di richiesta di concessione in sanatoria ex art. 13 L. 28/2/1985, n. 47 (ora art. 36 D.P.R. 6/6/2001, n. 380). LAVORO MALE ESEGUITO Mi hanno costruito 6 mesi fa una parete divisoria in carton gesso dove passano i tubi di acqua, luce, gas. Come si apre l acqua la parete non solo si allaga ma allaga tutta la cucina. Temo per i fili elettrici. Ho già scritto lettere di contestazione, inutilmente.a chi mi devo rivolgere per far fare una perizia, mettere a posto la parete e poi chiedere i danni, perché nel frattempo devo smontare tutta la cucina? L. E opportuno provare la cattiva esecuzione dei lavori ed i conseguenti danni attraverso un accertamento tecnico preventivo da chiedere al Tribunale con l assistenza di un avvocato. MODIFICA TABELLA MILLESIMALE Quattro anni fa l'assemblea ha approvato a maggioranza la nuova tabella millesimale. Purtroppo due condomini si sono opposti ed hanno intentato una causa. Circa due anni fa il Giudice ha riconosciuto valida l'approvazione della nuova tabella. I due condomini hanno presentato appello e la causa è ancora in corso. Giorni fa, durante l'assemblea, hanno ripreso a parlare dell'argomento, tentando di far approvare un'altra tabella millesimale, ma io mi sono opposto perché l'argomento non era all'ordine del giorno e perché c'era una causa in corso. Allora hanno richiesto ed ottenuto che tale argomento

22 venisse inserito come punto all'ordine del giorno della prossima assemblea. Se c'è una causa in corso sull' approvazione di una nuova tabella millesimale, è regolare discutere di un altra tabella millesimale e votarne l'approvazione? Non è forse vietato fino a che il giudice avrà emesso una sentenza definitiva? M. Se le parti in causa sono d accordo nel rimettere la modifica dell attuale tabella millesimale all assemblea, questa può deliberare in merito. Una volta intervenuta l approvazione, la Corte d Appello, su concorde istanza degli avvocati delle parti, pronuncerà l estinzione del procedimento per cessazione della materia del contendere. RETTIFICA TABELLA MILLESIMALE Nel rogito ho sottoscritto di accettare e conoscere il regolamento di condominio (anche se non mi fu consegnato perchè ne era sprovvisto anche l'amministratore che ha dovuto richiederlo all'archivio Notarile). Posso chiedere la revisione del regolamento condominiale per via giudiziale per rifare le tabelle millesimali (avendo avuto il diniego da tutti i condomini) perchè ho constatato successivamente che esiste una sola tabella che è quella generale di proprietà, sulla quale vengono ripartite le spese pulizia e luce scale? Il mio alloggio è situato al piano rialzato della scalinata. R. D. F.

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 10 gennaio 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( http://www.giuffre.it/it-it/products/374835.html ), edita da Giuffrè e

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 14 settembre 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 14 settembre 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 14 settembre 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( http://www.giuffre.it/it-it/products/374835.html ), edita da Giuffrè

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido I comproprietari di una unità immobiliare sono responsabili in solido nei riguardi del condominio, indipendentemente

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Delibera condominiale: nomi favorevoli e contrari La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine perentorio di trenta giorni a decorrere dalla

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. 1 PARTI COMUNI 2 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. - (Parti comuni

Dettagli

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in CONDOMINIO Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in via analogica, la disposizione dell art. 1132 c.c.,

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

- A cura del Prof. Onofrio Frenda -

- A cura del Prof. Onofrio Frenda - SIMULAZIONE DELLA PROVA DI ESAME DI ESTIMO Anno Scolastico 2009-0 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ COMPILAZIONE DELLE TABELLE MILLESIMALI PER UN EDIFICIO IN CONDOMINIO (Maturità tecnica per geometri

Dettagli

Studio Rag. De Blasio Giuseppe Alessandro

Studio Rag. De Blasio Giuseppe Alessandro CONDOMINIO: L ATTRIBUZIONE DELLE SPESE Tipo di parte comune e opere necessarie Chi paga Tipo di ripartizione Strutture Muri maestri: struttura, intonaco esterno, coperture esterne, colonne, archi portici

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI QUESITO 1 Chi ha una abitazione concessa in comodato d uso potrebbe fare domanda per gli interventi sull articolo 1? Se paga l IMUP su quell abitazione quale abitazione principale, si QUESITO 2 Sono finanziabili

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

Amministrazione Condomini. Ripartizione spese. Balconi Chi paga Tipo di ripartizione. Frontalini: per usura o vetustà dell'edificio Condominio al 100%

Amministrazione Condomini. Ripartizione spese. Balconi Chi paga Tipo di ripartizione. Frontalini: per usura o vetustà dell'edificio Condominio al 100% Amministrazione Condomini Ripartizione spese Balconi Chi paga Tipo di ripartizione Balconi sporgenti: manutenzione ordinaria struttura, pavimentazione, parapetti e ringhiere Proprietario singolo Balconi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI SEZIONE I: MEDIAZIONE IN TEMA DI COMPRAVENDITA E DI LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI Mediazione semplice Art. 1 Elementi dell incarico di vendita» 2

Dettagli

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15 INDICE PREMESSA................................................ 20 PREMESSA................................................ 15 1. AMMINISTRATORE: Nomina Dimissioni................... 17 1.01 Preventivo

Dettagli

Breve guida pratica al CONDOMINIO

Breve guida pratica al CONDOMINIO 1 Breve guida pratica al Una micro società con le sue regole. Quando nasce il condominio? 2 Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti almeno

Dettagli

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE ON-LINE - 1 - ON-LINE - 2 - QUESITO DELLA COMMITTENZA Buongiorno, La presente a chiedere cortesemente un 'informazione. Risiedo in una casa costituita da tre appartamenti disposti verticalmente e appartenenti

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2016 I quesiti più frequenti aggiornamento marzo 2016 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

PREMESSA. La determinazione di un valore di proprietà della cosa comune proporzionale alla proprietà singola è il valore millesimale.

PREMESSA. La determinazione di un valore di proprietà della cosa comune proporzionale alla proprietà singola è il valore millesimale. PREMESSA Il condominio trae le sue ragioni dalla comunione. Ma se la comunione ci indica un concorso di più soggetti nella titolarità di un diritto che è rappresentato da quote presumibilmente uguali,

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Creditore: condomini morosi Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli direttamente, senza che occorra procedere all escussione dei singoli

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA

PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA LEZIONE N.1 23 Settembre LEZIONE N.2 25 Settembre LEZIONE N.3 27 Settembre LEZIONE N.4 30 Settembre Saluto ai partecipanti al Corso da parte del Presidente Provinciale ANACI

Dettagli

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI STRUTTURE CHI PAGA RIPARTIZIONE Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Antenna privata Proprietario Al 100% Antenna centralizzata In parti uguali

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Riforma del Condominio L.220/2012

Riforma del Condominio L.220/2012 Riforma del Condominio L.220/2012 IMPORTANTI NOVITA PER TUTTI PROPRIETARI, CONDUTTORI, AMMINISTRATORI ED ALTRI TITOLARI DI DIRITTI REALI E DI GODIMENTO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO MODIFICA IL CODICE CIVILE,

Dettagli

VALIDITA' DELL'ASSEMBLEA

VALIDITA' DELL'ASSEMBLEA 1. DELIBERE A MAGGIORANZA ORDINARIA 2. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "A" 3. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "B" 4. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "C" 5. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "D" 6. DELIBERE

Dettagli

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO Primo accertamento: 18 ottobre 1929 Ultime revisioni a) Approvazione del testo da parte della Commissione Provinciale

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

Le principali maggioranze assembleari

Le principali maggioranze assembleari AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI Gestioni e consulenze condominiali Dott. Rag. Roberto Attisano - Codice Fiscale TTSRRT82H22L117H - Cell. 333 9784125 E-mail: amministrazioniattisano@gmail.com - www.amministrazioni.altervista.org

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Nuovo Art. 1117 bis c.c.: Sede : Via B. Buozzi 10 21013 GALLARATE (VA) Tel. 0331/772967 Cell. 334/8172125 RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Introduce il concetto di supercondominio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431)

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la Signora ROSSI MARIA nata a ROMA (RM) il 03/08/1966 domiciliata in ROMA (RM), VIA DELLE

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

Bonus mobili ed elettrodomestici

Bonus mobili ed elettrodomestici MAGGIO 2014 Bonus mobili ed elettrodomestici Come e quando richiedere l agevolazione fiscale La detrazione Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Modifica del rendiconto consuntivo Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del consuntivo senza che abbiano prima analizzato la situazione finanziaria

Dettagli

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio DIRITTI DEL CONDOMINO di Francesco Tavano Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio Testo utilissimo per condòmini, amministratori

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE 2. ACQUISTI IN UN CONDOMINIO IN CORSO DI COSTRUZIONE 3. ACQUISTI IN UN CONDOMINIO ESISTENTE

INDICE 1. INTRODUZIONE 2. ACQUISTI IN UN CONDOMINIO IN CORSO DI COSTRUZIONE 3. ACQUISTI IN UN CONDOMINIO ESISTENTE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. Questo libro... 15 1.2. Progettazione e costruzione di immobili... 15 1.3. Posizione dell immobile e dell unità immobiliare... 16 1.4. Mercato immobiliare... 16 1.5. Età degli

Dettagli

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Autore: Dott. P. Pirone La detrazione ai fini IRPEF Le spese sostenute per la ristrutturazione di immobili possono essere portare in detrazione dall

Dettagli

IL ConDomInIo negli EDIFICI L amministratore DI ConDomInIo

IL ConDomInIo negli EDIFICI L amministratore DI ConDomInIo Prefazione...XVII CAPITOLO I Il condominio negli edifici 1. La definizione di condominio...1 1.1. Il condominio come edificio...1 1.2. Il condominio quale soggetto di diritto...4 2. La definizione di condomino...6

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

Infiltrazioni di acqua nei condomini: chi deve risarcire il danno La legge è uguale per tutti.it

Infiltrazioni di acqua nei condomini: chi deve risarcire il danno La legge è uguale per tutti.it Infiltrazioni di acqua nei condomini: chi deve risarcire il danno La legge è uguale per tutti.it Redazione Macchie di umidità e infiltrazioni di acqua sono la principale causa dei litigi tra vicini di

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. Bonus mobili ed elettrodomestici, l Agenzia delle Entrate aggiorna la Guida e le FAQ

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. Bonus mobili ed elettrodomestici, l Agenzia delle Entrate aggiorna la Guida e le FAQ Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

Documenti delle Commissioni di Studio

Documenti delle Commissioni di Studio Documenti delle Commissioni di Studio GIUGNO 4, 2013 ANNO 1, NUMERO 4 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative COMMISSIONE FISCALITA Edilizia: Proroga delle detrazioni sulle ristrutturazioni e per gli

Dettagli

ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE N. 38 DEL 22.3.2013 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI REGGIO EMILIA

ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE N. 38 DEL 22.3.2013 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI REGGIO EMILIA ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE N. 38 DEL 22.3.2013 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, AGRICOLTURA E TRA ARTIGIANATO DI REGGIO EMILIA P.zza della Vittoria, 3 Reggio Emilia ********** CONTRATTO DI LOCAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Adottato con delibera Consiglio Comunale n. 81 del 15.04.2009

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

Regolamento sullo svolgimento delle assemblee separate di UniAbita Soc.

Regolamento sullo svolgimento delle assemblee separate di UniAbita Soc. REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI SPECIFICI DI ATTRIBUZIONE DELLE SPESE AI SENSI DEGLI ART. 16,17, 18 E 19 DEL REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSEGNAZIONE IN GODIMENTO DEGLI ALLOGGI, DEI BOX

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE. Da una parte... che sarà nel seguito di questo atto denominata parte promessa venditrice ;

CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE. Da una parte... che sarà nel seguito di questo atto denominata parte promessa venditrice ; CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE Fra i sottoscritti: Da una parte che sarà nel seguito di questo atto denominata parte promessa venditrice ; Dall altra parte: che stipula per sé o per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE Bozza del 29.11.2013 (2 passo) REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE PER L AUTORIMESSA SOTTERRANEA SULL IMMOBILE N. 1615 INTAVOLATA COME DIRITTO A SÉ STANTE E PERMANENTE SUL FONDO N. D NEL REGISTRO

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO L anno 2012 il giorno 29 del mese di novembre tra le parti: la Dott.ssa Daniela Rivieccio nata a XXXXXXXXXXXXXXXXXXX e residente a XXXXXXXXXXXXXXXXXXX, cod, fisc.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI PERIZIA DI STIMA. - Comune di Treviso, codice L407, Sezione Urbana A, Foglio 7

TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI PERIZIA DI STIMA. - Comune di Treviso, codice L407, Sezione Urbana A, Foglio 7 TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Esecuzione Immobiliare N. 686/08 PERIZIA DI STIMA DESCRIZIONE CATASTALE DELL UNITA IMMOBILIARE AGENZIA DEL TERRITORIO DI TREVISO, Catasto

Dettagli

Obbligatorio Regolarizzare il Catasto Prima di Vendere un Fabbricato

Obbligatorio Regolarizzare il Catasto Prima di Vendere un Fabbricato Obbligatorio Regolarizzare il Catasto Prima di Vendere un Fabbricato Dal primo luglio 2010 è entrata in vigore la norma che impone la verifica della regolarità catastale dei fabbricati prima del rogito.

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON. L anno duemilatredici addi del mese di giugno in Ponderano e nella TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON. L anno duemilatredici addi del mese di giugno in Ponderano e nella TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO. L anno duemilatredici addi del mese di giugno in Ponderano e nella casa Comunale TRA S o c i e t à C o o p e r a t i v a d i S o l i d a r i e t

Dettagli

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE La termoregolazione e contabilizzazione del calore sono poco praticate La ripartizione dei costi del servizio riscaldamento deve essere eseguita rispettando

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI

CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI Legge n. 13 del 09/01/1989 e circolare ministeriale Ministero dei Lavori Pubblici n. 1669 del 22/06/1989 La Legge n. 13

Dettagli

La Cambiale Errani Intestazione e Procure speciali

La Cambiale Errani Intestazione e Procure speciali COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE SISTEMA INFORMATIVO PER LA RICOSTRUZIONE Ordinanze n. 29, 51, 86 e s.m.i. Progetto SIEDER La Cambiale Errani Intestazione e Procure speciali con il supporto di:

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Perizia tecnica relazione integrativa

Perizia tecnica relazione integrativa Studio di Ingegneria Ing.Vincenzo Sanzone Via Palmerino n 42, Palermo Partita IVA : 05993070829 Email: ing.sanzone@libero.it Perizia tecnica relazione integrativa Condominio Via Selinunte n 9 Palermo,

Dettagli

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1 ALLEGATI Allegato 1 1. Coefficienti di destinazione e di piano Coeff. di piano per abitazioni plurifamiliari Piano Edifici con ascensore Edifici senza ascensore p. terreno e rialzato 0.97 p. primo 0.94

Dettagli

Bonus mobili ed elettrodomestici

Bonus mobili ed elettrodomestici Dicembre 2013 Bonus mobili ed elettrodomestici Come e quando richiedere l agevolazione fiscale La detrazione Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici

Dettagli

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI:

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: IL PRINCIPIO ART. 1123 C.C. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse

Dettagli

Le principali novità della riforma del condominio

Le principali novità della riforma del condominio Le principali novità della riforma del condominio Via libera del Senato alla riforma del condominio. La commissione Giustizia ieri ha approvato in sede deliberante la legge che cambia le regole per la

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

Regolamento condominiale della p.ed 837 C.c. Lavis sita in via Degasperi, 22

Regolamento condominiale della p.ed 837 C.c. Lavis sita in via Degasperi, 22 Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento condominiale della p.ed 837 C.c. Lavis sita in via Degasperi, 22 Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 90 del 12.12.1996

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA. Provincia di Bologna CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA. L anno, il giorno del mese di

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA. Provincia di Bologna CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA. L anno, il giorno del mese di COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna Rep. n CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA EMILIA N.369 DESTINATO AD ATTIVITA TERZIARIE SPECIALIZZATE L anno, il giorno

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video Quarto video 1 Nel primo video abbiamo parlato di: Le agevolazioni fiscali per la tua casa 1. introduzione alle agevolazioni fiscali; 2. in cosa consiste 3. chi può usufruirne, 4. cumulabilità con altre

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Caldaie È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali quanto per quelle centralizzate. L obbligo dello sbocco sopra il tetto è escluso soltanto

Dettagli

Bonus mobili ed elettrodomestici

Bonus mobili ed elettrodomestici Bonus mobili ed elettrodomestici Come e quando richiedere l agevolazione fiscale Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

N. 03/2014. 18 Ottobre 2014. RELATORE Avv. Simone Fadalti

N. 03/2014. 18 Ottobre 2014. RELATORE Avv. Simone Fadalti N. 03/2014 18 Ottobre 2014 RELATORE Avv. Simone Fadalti DEFINIZIONE Il lastrico solare è una struttura piana non circondata da soffitti o pareti, che non è situata a livello di altra porzione di piano

Dettagli

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36%

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Circolare N.137 del 19 ottobre 2011 Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che l art.2,

Dettagli

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini che non riescono ad avere la casa sufficientemente riscaldata o al contrario che si ritrovano

Dettagli

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari CONVEGNO CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Spese straordinarie in condominio: la procedura

Dettagli

---------------------------------------------- ! " # $ % & $ ' (# # )$ * !"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!#

---------------------------------------------- !  # $ % & $ ' (# # )$ * !#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# ----------------------------------------------! " # $ % & $ ' (# # )$ *!"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# I N D I C E Art. 1 L Autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni Art. 2 Costituzione

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI DETRAZIONI FISCALI Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 (termine

Dettagli

Quotidiano Casa - Casa, Arredamento, Architettura, Edilizia, Design, Domotica

Quotidiano Casa - Casa, Arredamento, Architettura, Edilizia, Design, Domotica http://www.quotidianocasa.it/2009/05/19/6908/condominio-posso-installare-sul-tetto-un-impianto-sola... Page 1 of 5 Quotidiano Casa - Casa, Arredamento, Architettura, Edilizia, Design, Domotica Salve, Guest.

Dettagli

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E CONTENUTO DEL CORSO I materiali utilizzati nel corso, il corso stesso e le prove finali d esame devono avere riguardo alle materie indicate

Dettagli

FAQ dell Agenzia delle Entrate disponibili sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it ed aggiornate al mese di gennaio 2015

FAQ dell Agenzia delle Entrate disponibili sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it ed aggiornate al mese di gennaio 2015 FAQ dell Agenzia delle Entrate disponibili sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it ed aggiornate al mese di gennaio 2015 BONUS RISTRUTTURAZIONI Si può usufruire della detrazione per i lavori di ristrutturazione

Dettagli

1 Condominio RESIDENZA LA RINASCENTE Via Braccianese Claudia n. 58 BRACCIANO

1 Condominio RESIDENZA LA RINASCENTE Via Braccianese Claudia n. 58 BRACCIANO Prot. n. 105 del 10 /11/2012 1 Condominio RESIDENZA LA RINASCENTE Via Braccianese Claudia n. 58 BRACCIANO VERBALE ASSEMBLEA STRAORDINARIA URGENTE T1 - T2 - L1 (A-B-C-D-E) DEL 8/11/2012 (convocata con avviso

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

36%. Chiarimenti ministeriali.

36%. Chiarimenti ministeriali. SERVIZIO INFORMATIVO ANGAISA 36%. Chiarimenti ministeriali. Circolare Agenzia Entrate n. 24 del 10.06.2004 Circolare Ministerale - Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - 10

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE

AREA PROFESSIONALIZZANTE LOMBARDIA Viale Monza 59 20127 Milano tel. 02.26119251 lombardia@enforma.biz VENETO via Lamarmora 12/2 30173 Mestre VE tel. 041.610918 veneto@enforma.biz www.enforma.biz Regione Lombardia Accreditamento

Dettagli