ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L. CAMBI D. SERRANI. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L. CAMBI D. SERRANI. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2014/15"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L. CAMBI D. SERRANI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2014/15 ITE D.SERRANI LICEO SCIENTIFICO L. CAMBI Via S. di Santarosa 2/a Via Ippolito Nievo Falconara M.ma AN Falconara M.ma - AN tel tel/fax fax

2 Storia dell Istituto L Istituto di istruzione superiore Cambi- Serrani nasce nel 1998 quando, su proposta dell Ente locale, viene deciso l accorpamento delle due istituzioni già sedi staccate del Liceo Savoia di Ancona e dell ITC D.Serrani, successivamente dotate di autonomia rispettivamente nell a.s. 75/76 e nell a.s. 89/90. L aggregazione soddisfa l esigenza di dimensionare le strutture scolastiche promovendone la funzionalità, permettendo di strutturare un offerta formativa più unitaria nel biennio e più diversificata nel triennio, a seconda delle esigenze espresse dal territorio, senza rinunciare ai corsi e al tipo di preparazione attualmente in vigore. La varietà dell offerta mira a permettere una maggiore e reale possibilità di scelta dello studente e delle famiglie, presupposto necessario per l esplicarsi di un buon impegno nello studio. Presentazione del Piano dell Offerta Formativa Le pagine che seguono contengono il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) dell Istituto di Istruzione Superiore L. Cambi D. Serrani. È il documento fondamentale relativo all'identità culturale e progettuale dell Istituto; descrive e rende esplicite le caratteristiche culturali e progettuali del Cambi - Serrani ne precisa in modo dettagliato le scelte, offrendo un panorama completo delle attività previste per l anno scolastico in corso, mettendo in primo piano gli obiettivi generali ed educativi e le azioni che contribuiscono allo star bene a scuola. Il P.O.F., quindi, è il documento con cui l Istituto: o cerca di interpretare le esigenze di una società in trasformazione, per adeguare le proposte formativo-culturali; o esplicita le scelte culturali, didattiche ed organizzative che la scuola intende perseguire nel suo compito di formazione ed educazione; o assume impegni nei confronti dell utenza, delle famiglie, del contesto sociale; o si presenta alle altre istituzioni del territorio (enti locali, ASL, scuole, università, associazioni di categoria, imprese, altri soggetti pubblici e privati). In coerenza con gli obiettivi generali ed educativi degli indirizzi di studio, diviene impegnativa risposta (e, nel contempo, stimolo ulteriore) ad attese ed esigenze del contesto culturale, sociale ed economico del territorio. In fase d inizio d anno, è stato elaborato dal Collegio dei Docenti, tenendo conto delle osservazioni e pareri dei genitori e degli studenti risultanti dal monitoraggio effettuato al termine dell anno scolastico precedente; è stato, poi, formalmente approvato dal Consiglio d'istituto, che, preliminarmente, ne aveva tracciato anche le linee d indirizzo generale. È un documento pubblico, è consultabile presso la Segreteria e sul sito web della scuola ed è consegnato a chiunque ne faccia richiesta. Carta d identità e contratto educativo dell Istituto di Istruzione Superiore L. Cambi D. Serrani, investe le aree della decisionalità della scuola, cioè le scelte: o formative ed educative, in relazione a conoscenze da proporre, competenze da far acquisire, capacità da sviluppare, cercando di interpretare le esigenze di una società in trasformazione per adeguare le proposte scientifico - culturali; o curriculari, in ordine ai percorsi disciplinari, trasversali, integrativi, al curricolo implicito, che si perseguiranno; o didattiche, in rapporto all approccio metodologico, alle modalità di verifica, ai criteri di valutazione; o organizzative, per la definizione di ruoli e funzioni, l assegnazione di compiti, le modalità di coordinamento. Pagina 2

3 Comprende un piano di attività organizzato, intenzionale, possibile e verificabile, perché sottoposto a continuo giudizio degli utenti. Si sigla così un contratto fra le parti, in cui gli alunni devono sapere, saper fare, saper essere e saper vivere con gli altri; i docenti devono saper fare e saper comunicare sul piano didattico e saper educare sul piano formativo; i genitori devono collaborare e confrontarsi con i figli e la scuola; il personale non docente deve garantire specifici servizi e prestazioni funzionali. Il tutto nella logica di un servizio pubblico caratterizzato da negoziazione sociale e trasparenza, rivolta all efficacia, all efficienza ed alla produttività. L Offerta Formativa descritta in queste pagine persegue il raggiungimento di obiettivi didattici, che garantiscano competenze funzionali ad uno sviluppo continuo di conoscenze culturali e capacità relazionali e di obiettivi educativi legati a valori etici. Gli uni e gli altri trovano riscontro, poi, nella programmazione di classe ed impegnano tutti i Docenti sia nella coerenza educativa sia nell operatività disciplinare. Ogni alunno, con il proprio vissuto personale, la propria storia, la propria modalità relazionale è accolto dalla comunità educativa del nostro Istituto come valore in sé. Pertanto, il nostro primo impegno è di creare condizioni di contesto affinché, nel rispetto della singolarità, tutti i nostri studenti sviluppino le proprie potenzialità al livello massimo possibile a ciascuno. Tutte le attività della scuola concorrono a garantire un percorso formativo individuale, per educare alla cittadinanza attiva, alla responsabilità personale e sociale, mediante l acquisizione di conoscenze, lo sviluppo di capacità, la maturazione di competenze. Il Piano dell Offerta Formativa riporta analiticamente le volontà dichiarate ed i criteri regolativi della vita dell Istituto, funzionali alle finalità assunte; informa sull impianto organizzativo gestionale e didattico riportando le funzioni degli organismi e dei soggetti che hanno il compito di gestire, monitorare e valutare quanto esplicitato nel Piano. Infine, i Progetti, che ampliano ed integrano l Offerta Formativa di base, sostanziano il Piano, nell intento di rispondere alle legittime attese dei nostri studenti e delle loro famiglie, oggi. L'offerta formativa richiama la domanda della società rivolta oggi alla scuola, che soprattutto se statale, è il soggetto istituzionale primario della mediazione e della trasmissione educativa e culturale, strategica rispetto alla politica formativa del territorio. I Istituto si propone come un'agenzia educativa e formativa integrata nel territorio falconarese e tiene quindi conto da una parte delle peculiarità e delle esigenze del territorio, dall'altra delle problematiche e degli sbocchi della formazione scolastica in un quadro di riferimento internazionale. In tale ottica si è dotato di strumenti di indagine/ricerca per lo studio del territorio e la lettura/interpretazione dei suoi bisogni formativi. Le risorse esterne sono costituite, oltre che dall utenza, da una vasta rete di soggetti pubblici e privati quali: o l Amministrazione comunale o le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado o il servizio socio-sanitario della ASL di Falconara Marittima o l Università di Ancona e le sue sedi decentrate, nonché le Università delle regioni limitrofe o Soggetti, Enti e Associazioni con finalità sociali, culturali ed educative o gli esercizi finanziari e commerciali, turistici, le imprese industriali, che costituiscono una o potenziale occasione di collaborazione, anche per l attuazione di esperienze di stage rivolte agli alunni. Pagina 3

4 Princìpi L Istituto, in collaborazione con le famiglie, intende concorrere alla formazione del cittadino consapevole e attivo attraverso la promozione di una solida cultura di base, volta ad attivare negli studenti specifiche competenze espressive, riflessive, logiche ed operative. In modo particolare esso si caratterizza, fin dalla sua istituzione, per il ruolo di sintesi tra i saperi umanistico-letterari e quelli tecnici-scientifici, in un ottica di armonia e complementarietà fra le due componenti. L Istituto Cambi-Serrani vuole essere non solo il luogo della trasmissione formativa del sapere, ma il laboratorio dove gli studenti sono coattori e cogestori del processo di insegnamento- apprendimento, perché tutte le potenzialità entrino in gioco e si possano esprimere, oltre che con lo studio e l'impegno, con la creatività, la fantasia, la comunicazione. Fa leva sul fattore "motivazione" come primaria forma di lotta alla dispersione scolastica, attraverso interventi di sostegno-recupero e di orientamento, aiutando lo studente a realizzare lo stile costruttivo della fiducia. Finalità educative e culturali Le finalità delle attività curricolari, progettuali, integrative e complementari possono essere così sintetizzate: - concettualizzazione, attualizzazione e personalizzazione del sapere (saper conoscere, saper dire/comunicare, saper fare, saper decidere, saper essere) - consapevolezza della complessità e storicità del sistema socio-culturale, politico, economico a cui si appartiene - costruzione del senso della propria identità - acquisizione della corretta autostima - conoscenza di sé e degli altri, mediante adeguati processi di interiorizzazione - capacità di autovalutazione, di auto-orientamento/riorientamento e di progettazione del proprio futuro - esperienza di valori umani, civili e sociali necessari per l'esercizio di una cittadinanza consapevole in base a quanto si afferma negli obiettivi di Lisbona e nel nostro testo costituzionale. Il piano di studi del nostro Istituto risponde concretamente a tali obiettivi, abbinando alle discipline linguistiche e letterarie, lo studio delle discipline scientifiche e tecniche. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA La programmazione educativa persegue obiettivi comportamentali che mirano a formare nella persona dello studente un complesso di atteggiamenti fondamentali per la convivenza nella scuola e nella società e devono essere perseguiti con gradualità e continuità lungo tutto il corso degli studi. Consistono essenzialmente nell apprendere a: o mettersi in relazione costruttiva con gli altri, riconoscendone dignità e ruoli o rispettare le norme che regolano la convivenza a scuola e il funzionamento delle istituzioni scolastiche o partecipare attivamente al dialogo educativo con gli insegnanti e al lavoro di gruppo Pagina 4

5 o fruire responsabilmente delle offerte formative proposte dalla scuola o da altri Enti o usare correttamene i materiali e le attrezzature in dotazione o sviluppare il senso dei valori morali e dei principi etico-politici alla base della convivenza civile. La programmazione didattica, elaborata dal Collegio dei Docenti, attraverso le sue articolazioni funzionali, è costitutiva del Piano dell Offerta Formativa e mette in evidenza il rapporto qualificante tra questo e le trasformazioni in atto. Persegue obiettivi trasversali d'istruzione, educazione, formazione e orientamento. Tra questi sono considerati di base: o l educazione linguistica (linguaggi verbali e non, linguaggi disciplinari specifici, linguaggio o informatico; processi di comprensione e produzione, capacità di lettura e decodificazione o dei linguaggi mass-mediali; l attitudine/abitudine alla lettura e alla produzione scritta) o l acquisizione di metodologie e abilità di tipo induttivo (da rafforzare nel biennio) e di tipo deduttivo (da costruire nel triennio: astrazione e trasferimento autonomo di conoscenze da un ambito all altro) o l acquisizione di competenze trasversali, in funzione di un efficace comportamento organizzativo o la maturazione degli studenti sul sapere del loro tempo, attraverso la tendenziale coraggiosa modernizzazione dei contenuti o l integrazione cognitiva e socio-affettiva, con interventi mirati al sostegno-recupero e al rinforzo della motivazione e della fiducia o l assunzione di atteggiamenti e comportamenti corretti, improntati alla partecipazione responsabilità sociale (esercizio del diritto/dovere della cittadinanza). o obiettivi di apprendimento disciplinare e di aree disciplinari. Descrive: o le prestazioni degli studenti in modo operativo (saperi) modulate in: o conoscenze o abilità o competenze Verifica e valuta le predette prestazioni in termini di standard. Fissa i criteri, le modalità e gli strumenti delle verifiche e della valutazione periodica. Obiettivi didattici Gli obiettivi che l Istituto si prefigge di raggiungere sul piano delle conoscenze e delle competenze si possono distinguere secondo la scansione del curricolo interno degli studi -biennio e triennio - e con riferimento ai contenuti caratteristici delle singole discipline o di materie affini (area umanistico - letteraria, linguistica, tecnica, scientifica). Biennio Obiettivi cognitivi prioritari ed essenziali sono l acquisizione: o di un corretto metodo di studio Pagina 5

6 o di valide abilità comunicative o di adeguate capacità di risoluzione di problemi o elaborazione/produzione di testi o di elementi utili a formarsi giudizi e valutazioni consapevoli, anche riguardo al curricolo o scolastico intrapreso e alla sua corrispondenza alle doti e inclinazioni dello studente. Triennio In continuità con i risultati del biennio, si tratterà di: o consolidare le abilità di studio ed espressive o saper utilizzare e produrre documenti (anche di carattere specifico o settoriale: es. progetti, ricerche, approfondimenti) o maturare il senso dell equilibrio e della criticità nelle proprie valutazioni o acquisire le competenze di base necessarie a proseguire la formazione in ambito universitario o professionale. Per quanto concerne gli obiettivi cognitivi tipici delle singole discipline o aree, si fa riferimento alle programmazioni didattiche ed educative redatte da ogni docente e dai vari dipartimenti disciplinari. Il contratto formativo Il contratto formativo risponde alle esigenze di trasparenza, efficienza, efficacia dell'azione amministrativa ed è costitutivo dell'autonomia dell'istituto. È la dimensione metodologica ed operativa fondamentale a cui la scuola intende ispirarsi per raggiungere i propri obiettivi ed il piano dell'offerta formativa ne è la dichiarazione esplicita, formalizzata e partecipata. La pedagogia del contratto ricopre un ruolo importante, se considerata non come formalizzazione dell impegno dovuto, ma come atto pedagogico che permette allo studente di imparare attraverso la conoscenza degli obiettivi e delle situazioni di apprendimento e la consapevolezza delle proprie capacità, doveri, diritti. Per ottenere questo, ogni docente presenta alla classe la propria programmazione e le proprie strategie di intervento stabilendo con essa un accordo per lo svolgimento della regolare attività didattica. Gli allievi sono informati sull uso degli strumenti necessari per lavorare (libri, sussidi didattici, utilizzo laboratori), sui criteri di misurazione e valutazione, sul numero di verifiche orali e scritte per quadrimestre. Allo scopo di raggiungere la massima trasparenza, ogni docente espone chiaramente ai ragazzi: o le mete educative e didattiche comuni o il comportamento che gli alunni devono tenere negli ambienti scolastici o le strategie e le metodologie di intervento o i criteri di valutazione o gli eventuali interventi specifici (es. iniziative di recupero, sostegno) o le attività integrative programmate. Pagina 6

7 L organizzazione didattica Le metodologie di lavoro adottate dalla scuola o dal singolo insegnante sono: o lezione frontale o lezione guidata o lezione dialogata o lavoro di gruppo o lezione laboratoriale o ricerca individuale o di gruppo o discussione o percorsi individualizzati e per aree di progetto Nel rispetto della libertà di insegnamento e delle linee operative fissate dal Collegio dei Docenti, ogni docente sceglierà la metodologia che considererà più adeguata per il raggiungimento degli obiettivi fissati nella programmazione di classe e disciplinare. Il metodo scelto terrà conto dei seguenti elementi: o situazione di ingresso della classe o stili cognitivi e comportamentali degli studenti o obiettivi trasversali ed obiettivi specifici della disciplina o contenuti programmati Valutazione La verifica dell'apprendimento, indispensabile per procedere alla valutazione, è continua e sistematica, ha carattere formativo e non sanzionatorio. La verifica deve essere un fatto quotidiano, evento abituale dell'attività didattica, perché favorisce l'abitudine a studiare ogni giorno e permette di osservare il processo di apprendimento e di aggiustare in itinere l'intervento didattico. Tale verifica avviene attraverso l educazione all'autovalutazione, interventi spontanei o sollecitati, il controllo dei compiti e degli elaborati da svolgere a casa, il controllo degli appunti e della schedatura dei testi, eventuali lavori di gruppo. Al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi, per i quali è stato progettato e realizzato un intervento didattico, si procede alla verifica formativa e sommativa che determina la capacità di organizzare le abilità acquisite nel corso delle singole lezioni. Gli strumenti delle verifiche sono le prove scritte, pratiche e orali. Tutte le valutazioni assegnate dai docenti e dai Consigli di Classe sono inserite sul registro on line, con accesso attraverso il sito web dell Istituto dopo inserimento di ID e password. Il processo di valutazione (continua, formativa, orientativa, trasparente) si configura come momento formativo inteso a potenziare consapevolezza ed a promuovere i successi personali per incentivare la motivazione e favorire lo sviluppo delle potenzialità di ogni allievo, evitando di ridurre la valutazione finale ad una semplice misurazione, cioè ad una semplice media matematica dei voti conseguiti nelle prove di verifica. S intende pervenire ad un giudizio complessivo che tenga conto del progresso in tutto il processo di apprendimento e del raggiungimento degli obiettivi fissati. Saranno utilizzati i seguenti indicatori di voti Pagina 7

8 CRITERI COMUNI: CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA, COMPETENZA E CAPACITA' INDICATORI DESCRITTORI PE SO (*) LIVELLI PUNTEGGI GREZZI Individuati dai vari dipartimenti disciplinari A Gravemente Nessuna o frammentaria 1 insufficiente Insufficiente Superficiale/imprecisa 2 B C = A x B Conoscenza intesa come acquisizione di contenuti Sufficiente Essenziale e/o con lievi incertezze Discreto Ampia e abbastanza sicura 4 3 Competenza intesa come capacità di utilizzare in concreto le conoscenze acquisite Capacità intesa come abilità di rielaborare le conoscenze, arricchirle, incrementarne le competenze Buono/Ottimo Completa, approfondita e sicura Gravemente Non riesce ad applicare le insufficiente conoscenze Insufficiente Sa applicare le conoscenze in situazioni note, ma commette errori gravi Sufficiente Sa applicare le conoscenze in situazioni note, senza commettere errori gravi Discreto Sa applicare le conoscenze in situazioni nuove con alcune imprecisioni Buono/Ottimo Sa applicare le conoscenze in situazioni nuove e complesse senza commettere errori e imprecisioni Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Non è capace di ordinare i concetti essenziali in modo autonomo Ordina con difficoltà i concetti essenziali e solo dietro sollecitazione E' capace di ordinare i concetti essenziali ma in modo non totalmente autonomo e corretto Discreto E' capace di ordinare i 4 concetti in modo autonomo Buono/Ottimo E' capace di ordinare e 5 rielaborare i concetti complessi senza imprecisioni, in modo autonomo e originale Totale punteggio grezzo Voto in decimi (vedi tabella) (*) I pesi vanno assegnati ai rispettivi indicatori e vengono stabiliti a seconda della tipologia di verifica Pagina 8

9 ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA DIRIGENTE SCOLASTICA Prof.ssa Stefania Signorini CONSIGLIO DI ISTITUTO PRESIDENTE : Sabrina Marini MEMBRO DI DIRITTO: Prof. ssa Stefania Signorini DOCENTI: Prof.ssa. Monica Mazza Prof. Giovanni Graziosi Prof. Stefano Graziosi Prof.ssa Vignini Mariella Prof.ssa Manuela Montevecchi Prof.ssa Orietta Basili Prof. Esposito Pasquale Prof. Vidale Roberto - D.S. VICE PRESIDE: Prof.ssa Orietta Basili COLLABORATORI DEL PRESIDE: Prof.Daniele Lardini Prof.ssa Giuseppina Cesari DIRETTORE AMMINISTRATIVO: Sig.ra Fiorisa Sagrati GENITORI: Sig. Troncon Marco Genitore 2^ E Liceo Sig.ra Fusco Rita Genitore 2^ A ITE Sig.ra Marini Sabrina Genitore 4^ A ITE Sig. Renzi Claudio Genitore 4^A Liceo A.T.A.: Sig.ra Di Gesaro Patrizia Sig.ra Moroni Maria Luisa ALUNNI: Bartolucci Enrico, Casali Michele, Fracascia Giacomo, Grieco Marco FUNZIONI STRUMENTALI ASSEGNATE AI SENSI DELLA C.M N. 204 DEL 28/ 8/ 2000 I.T.E. : Prof. Giuseppe DI PAOLA (Gestione del POF) Prof.ssa Giovanna GRIFFO (Educ. alla salute) Prof.ssa Giuseppina CESARI (Orientamento in uscita) Prof.ssa Paola PAOLONI (Alternanza Scuola-Lavoro) Prof.ssa Luciana MASSACESI (Orientamento in entrata) LICEO: Prof.ssa Marina GIANNINI (Studenti Ed. Salute) Prof.ssa Marina MILLEVOLTE(Orientamento in uscita) Prof.ssa M. Antonella GIACCAGLIA (Gestione del POF ) Prof.sse Silvana SEVERINI e Manuela MONTEVECCHI (Orientamento in entrata) GIUNTA ESECUTIVA: Preside: Prof.ssa Stefania Signorini Direttore amministrativo: Sig.ra Fiorisa Sagrati Docente Prof.: Giovanni Graziosi Genitore: Marco Troncon Personale ATA: Maria Luisa Moroni Studente: Pagina 9

10 ORGANO DI GARANZIA Preside Prof.ssa Stefania Signorini Genitore Claudio Renzi Personale ATA: Maria Luisa Moroni Docente Prof.: Pasquale Esposito Studente Enrico Bartolucci GRUPPI DI LAVORO - REFERENTI SITO WEB Prof.ssa Neri Francesca, prof.ssa Basili Orietta, prof. ssa Elena Casaccia, sig.ra Lucchetti Silvia. COMENIUS - SCAMBI LINGUA I.T.E. - Prof. G. Di Paola Prof.ssa M. Mazza SCAMBI LINGUA LICEO Prof.sse Gallerani Valeria e De Angelis Manuela Martinangeli Lorena USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE LICEO - Prof. Manuela De Angelis I.T.E. - Prof. Pasquale Esposito CERTIFICAZIONI FCE - PET - DELF: LICEO Prof.ssa Gallerani Valeria e De Angelis Manuela I.T.E. Prof. Di Paola Giuseppe (inglese) - Prof.ssa Rossana Carloni (francese) RESPONSABILI DEI DIPARTIMENTI Dipartimenti di Istituto RELIGIONE DISEGNO E STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Prof.ssa Raponi Rosalba Domenica Prof. Roberto Angeloni Prof.ssa Roberta Palloni Dipartimenti del LICEO LETTERE MATEMATICA + MAT. E FISICA LINGUA INGLESE STORIA E FILOSOFIA SCIENZE NAT., CHIMICA,GEOGRAFIA Prof.ssa Michela D Onofrio Prof.ssa Valeria Gallerani Prof.ssa Marina Millevolte Prof.ssa Samuela Bravi Dipartimenti dell I.T.E. LETTERE Prof. Roberto Vidale LINGUE ESTERE Prof.ssa Monica Mazza MATEMATICA Prof. Graziosi Gaiovanni ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Nunzia Fioravante DISCIPLINE GIURIDICHE ECONOMICHE Prof. Daniele Gigli SCIENZE, CHIMICA E GEO., GEOGRAFIA Prof.ssa Giovanna Griffo INFORMATICA Prof.ssa Gabriella Frullini Pagina 10

11 COORDINATORI DI CLASSE I.T.E. LICEO 1A FIORAVANTE NUNZIA 1 A GIANNINI MARINA 1 B CASACCIA ELENA 1 B SA MARTINANGELI LORENA 2 A FRULLINI GRABRIELLA 1 C VIGNINI MARIELLA 2 B RE FIORELLA 1 D TOGNI CARLA 2 C GRIFFO GIOVANNA 1 E CORBELLI MARIA EMILIA 3 A GALLI ELEONORA 2 A ROSETTI CRISTIANA 3 B GAGIOTTI GIULIANA 2 B SA DE ANGELIS MANUELA 4 A GIGLI DANIELE 2 C ROMAGNOLI MIRIAM 4 B MAZZA MONICA 2 D MONTEVECCHI MANUELA 4 C VIDALE ROBERTO 2 E GRAZIOSI STEFANO 5 A GRAZIOSI GIOVANNI 3 A GALLERANI VALERIA 5 B DI PAOLA GIUSEPPE 3 B SA BASILI ORIETTA 3C SEVERINI SILVANA 4 A MASTROVINCENZO ELVIRA 4 B SA D'ONOFRIO MICHELA 5 A GIACCAGLIA M. ANTONELLA 5 B UBERTINI GIOVANNA CALENDARIO PER L ANNO SCOLASTICO 2014/15 Il calendario scolastico deliberato dalla Giunta Regionale in data 10 febbraio 2014 per l'a.s. 2014/15 risulta il seguente: - Inizio lezioni: lunedì 15 Settembre Termine lezioni: mercoledì 10 Giugno Le lezioni sono sospese nei seguenti giorni: Tutte le domeniche 1 novembre 2014 ( festa di tutti i santi) 8 dicembre 2014 (Immacolata Concezione) dal 24 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 (vacanze di Natale) dal 2 aprile al 7 aprile 2015 (vacanze di Pasqua) 25 aprile 2015 (Anniversario della Liberazione) 1 maggio 2015 (festa del lavoro) 2 maggio 2015 (ponte del 1 maggio) 8 maggio 2015 (festa del patrono) 1 giugno 2015 (ponte 2 giugno) 2 giugno 2015 ( festa Nazionale della Repubblica) Suddivisione dell anno scolastico Il Collegio dei Docenti ha confermato, anche per l anno 2014/2015, la suddivisione dell anno scolastico in due quadrimestri. Pagina 11

12 STRUTTURA DELL ORARIO GIORNALIERO DELL ITE NEI GIORNI CON 5 ORE DI LEZIONE PRIMA ORA dalle 8.00 alle 9.00 SECONDA ORA dalle 9.00 alle TERZA ORA dalle alle INTERVALLO dalle alle QUARTA ORA dalle alle QUINTA ORA dalle alle STRUTTURA DELL ORARIO GIORNALIERO DELL ITE NEI GIORNI CON 6 ORE DI LEZIONE PRIMA ORA dalle 8.00 alle 9.00 SECONDA ORA dalle 9.00 alle 9,55 INTERVALLO dalle 9,55 alle TERZA ORA dalle alle QUARTA ORA dalle alle INTERVALLO dalle 11,55 alle QUINTA ORA dalle alle SESTA ORA dalle alle STRUTTURA DELL ORARIO GIORNALIERO DEL LICEO PRIMA ORA dalle 8.00 alle 9.00 SECONDA ORA dalle 9.00 alle TERZA ORA dalle alle INTERVALLO dalle alle QUARTA ORA dalle alle QUINTA ORA dalle alle RISORSE DELL ISTITUTO personale documentazione aule scolastiche laboratori biblioteche aule audiovisivi palestre altri locali Pagina 12

13 .I CORSI DELL ISTITUTO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE / ECONOMICO CORSO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING: Il diplomato in "Amministrazione,Finanza e Marketing" possiede competenze generali ed approfondite nel campo dei fenomeni economico-aziendali nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione,pianificazione, programmazione amministrazione, finanze e controllo) degli strumenti di marketing e dell'economia sociale. Elementi caratterizzanti: o Scelta della seconda lingua comunitaria tra francese,spagnolo,tedesco. o Utilizzo sistematico delle nuove tecnologie informatiche o Approccio operativo all'economia Aziendale che viene svolta in laboratorio con software aggiornati ed uso di fogli elettronici e database (Excel-Access). o Progetto Alternanza scuola-lavoro: organizzazione di stage presso aziende ed enti pubblici durante l'attività didattica. o Settimana in lingua, gemellaggi e scambi di classe con l'estero. Attività teatrali in lingua Pagina 13

14 CORSO RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (*): Elementi caratterizzanti: o Scelta di tre lingue straniere con possibilità di inserimento del lettore di madrelingua. o Utilizzazione sistematica delle nuove tecnologie informatiche. (*) con partenza opzionale dalla classe terza dopo il biennio comune con Indirizzo "Amministrazione,Finanze e Marketing" Pagina 14

15 CORSO WEB MARKETING Elementi caratterizzanti Il corso forma figure professionali, come responsabili dei siti web, esperti di marketing e comunicazione on line, editori e web master, capaci di promuovere l azienda attraverso internet e i social network. Pagina 15

16 LICEO SCIENTIFICO CORSO: LICEO SCIENTIFICO DI NUOVO ORDINAMENTO Il corso di studi istituzionale realizza un curricolo culturalmente integrato fra l area scientifica e l area umanistica. Prevede il rafforzamento delle Scienze Naturali e della Fisica e un potenziamento delle ore di Matematica. Pagina 16

17 CORSO: LICEO SCIENTIFICO CON OPZIONE SCIENZE APPLICATE Attivato per le classi I II III - IV Il corso di studio prevede l introduzione dell Informatica, un potenziamento dell orario delle Scienze Naturali, un rafforzamento della Fisica e della Matematica. Pagina 17

18 CORSO: LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO ( corso ministeriale) Attivato per la classe I Il corso si caratterizza per il potenziamento delle scienze motorie e sportive e delle scienze naturali, rispetto al corso tradizionale. Sono presenti, inoltre,in sostituzione di Latino e di Disegno e Storia dell Arte, gli insegnamenti Diritto ed Economia dello Sport e Discipline Sportive. CORSO: LICEO SCIENTIFICO CON OPZIONE SCIENZE APPLICATE sperimentazione LICEO SPORTIVO Attivato per le classi I - II Il corso si caratterizza per il potenziamento di Scienze Motorie e Sportive e di Scienze Naturali. DISCIPLINE 1 ANNO 2 ANNO Lingua e letteratura italiana 4 4 Lingua e letteratura straniera 3 3 Storia e geografia 3 3 Storia - - Filosofia - - Matematica 5 4 Informatica 1 1 Fisica 1 2 Scienze naturali 3 3 Disegno e storia dell arte 1 1 Scienze motorie e sportive 5 5 Religione cattolica o 1 1 attività alternativa Totale ore settimanali Pagina 18

19 L'Istituto attiva una serie di progetti e corsi che sono rivolti a tutti gli studenti al fine di potenziare l'offerta Formativa e rispondere alle sempre più complesse esigenze di raccordo tra scuola e territorio. PROGETTI I.T.E. D.SERRANI WEBTROTTER A SCUOLA DI COSTITUZIONE SAFE BOOK III I GIOVANI E INTERNET E PREVENIRE LE DIPENDENZE INTERCULTURA E INTEGRAZIONE L ACQUA IN REDAZIONE RAGAZZI ALL OPERA! LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE IMPARA AD INTRAPRENDERE TEATRO Rivolto a tutti gli studenti del primo biennio. E volto a potenziare la capacità di svolgere ricerche e rispondere a quesiti di natura culturale attinenti a varie discipline scolastiche attraverso l uso di internet e dei dispositivi digitali. Gli studenti divisi per squadre parteciperanno a delle gare che si svolgeranno on-line. Patrocinato dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e AICA. Destinatari del progetto sono le classi seconde del Serrani e del Cambi che dopo aver approfondito la costituzione con incontri con studenti universitari, svolgeranno attività di peer tutoring con gli studenti delle scuole medie. Il progetto è rivolto alle classi seconde. Verranno approfondite tematiche che riguardano i cambiamenti fisici dell adolescente, gli stimoli affettivi, l attrazione e la prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili, i rischi di internet e il rispetto tra uomo e donna. Si fornirà ai ragazzi un percorso di educazione per arrivare allo sviluppo di una vita di relazione e sessuale matura e senza rischi. Progetti destinati al biennio e alle seconde classi. Si svolgeranno incontri con psicologi dell associazione Marco Vive e con la polizia postale. Prevenire le dipendenze ha lo scopo di far conoscere le conseguenze fisiche, psicologiche e sociali dell uso/abuso di sostanze che creano assuefazione. Si visiterà la comunità di S. Patrignano. Destinatari del progetto gli alunni del triennio. Il progetto ha lo scopo di educare al rispetto e alla valorizzazione delle differenze attraverso lo scambio, la relazione e la conoscenza delle associazioni (Tenda di Abramo e Avulss) e delle loro iniziative sul territorio. Il progetto è rivolto agli studenti delle seconde classi. L acqua è uno dei beni più preziosi per l umanità presente e futura che va salvaguardata attraverso un utilizzo efficace, non inquinante e sostenibile. Il progetto è finalizzato ad avvicinare i giovani al linguaggio musicale. Prima di ogni proiezione ci saranno degli incontri per approfondire l opera e il suo autore accompagnati da momenti di ascolto guidato. Destinatari gli studenti delle quarte e quinte. Con la collaborazione dei teatri Pergolesi e Moriconi di Jesi Destinatari del progetto gli alunni delle classi quinte. Ha lo scopo di promuovere fra i giovani una più ampia diffusione della cultura imprenditoriale ed approfondire il ruolo sociale ed economico svolto dall artigianato e dalle piccole-medie imprese nel territorio. Consulenti CNA e imprenditori soci della Confederazione svolgeranno attività di orientamento finalizzate alla trasmissione degli elementi necessari alla definizione di un idea imprenditoriale. Il progetto si basa su un percorso formativo legato al contesto imprenditoriale locale centrato sull interpretazione dei diversi ruoli d impresa. Gli studenti pianificano il progetto di impresa attraverso tappe del percorso che prevedono una parte teorica in aula e una applicativa, articolata in visita aziendali e laboratori d impresa. Il progetto prevede il coinvolgimento degli studenti dell ITE e del Liceo. L attività consiste nel laboratorio teatrale e nell allestimento di uno spettacolo con la collaborazione di un operatore esterno qualificato. Pagina 19

20 IMPARIAMO IL CINESE CERTIFICAZIONI SETTIMANA IN LINGUA INGLESE MINI SETTIMANA IN LINGUA TEDESCA, FRANCESE E SPAGNOLA OLIMPIADI DELLA MATEMATICA PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER ECDL ECDL ADVANCED ALS LIBERA CORSI DI RECUPERO E SOSTEGNO Il progetto consiste nell apprendimento basilare della lingua cinese con il supporto di esperti. Al termine del corso, totalmente gratuito, lo studente sarà in grado di comprendere e usare espressioni di uso quotidiano e frasi basilari utili a soddisfare bisogni di tipo concreto. Le lezioni, con cadenza settimanale, inizieranno a novembre e termineranno a maggio. Destinatari gli studenti delle seconde e terze classi del Serrani. Il progetto prevede come obiettivo il miglioramento delle competenze linguistiche in tutte le lingue oggetto di studio. Gli studenti vengono preparati a sostenere esami tenuti da enti esterni quali: DELF e DFP (francese), DELE (spagnolo), Goethe Institut (tedesco) e Cambridge ESOL (inglese). Il progetto è rivolto a tutti gli studenti e prevede corsi pomeridiani ed esami con certificazione del possesso della lingua a diversi livelli. In inglese PET- FCE CAE, i certificati rilasciati sono spendibili nel mondo del lavoro e riconosciuti da molte università Obiettivo del progetto è praticare la lingua in modo semplice, naturale, piacevole e divertente, conoscere le abitudini, tradizioni, usi e costumi del Regno Unito, acquisire autonomia linguistica. Il progetto è rivolto alle classi prime nella prima settimana di febbraio. Il progetto prevede come obiettivo il miglioramento delle competenze linguistiche attraverso lo stimolo, la motivazione e l'interesse allo studio della lingua. Destinatari sono gli studenti delle seconde/terze classi. Gli studenti del biennio e del triennio dell'istituto sono sottoposti a delle prove che riguardano quesiti di carattere logico-matematiche che sollecitano le capacità di intuizione e le conoscenze matematiche su argomenti che spaziano nelle diverse aree della disciplina. Le competenze e le conoscenze del computer sono ormai bagaglio culturale dei nostri studenti e la completa padronanza del mezzo informatico è requisito essenziale per il loro futuro. L ECDL - European Computer Driving Licence - Patente Europea del Computer è l unica certificazione internazionale che attesta la capacità di usare il personal computer a diversi livelli di approfondimento e di specializzazione spendibile in ogni ambiente di lavoro e può dare luogo a crediti per i corsi universitari. Destinatari del progetto sono tutti gli studenti i quali possono accedere ai corsi offerti gratuitamente dalla scuola che è test center per la certificazione europea di informatica sia a livello di base che avanzato. Questa certificazione attesta una conoscenza più approfondita di quattro moduli dell ECDL: Elaborazione testi, Foglio elettronico, Basi di dati, Strumenti di presentazione. Destinatari gli studenti delle classi quarte. Il tirocinio viene svolto presso aziende pubbliche e private della zona, ha la durata di 2 settimane nel I quadrimestre e di 1 settimana a fine maggio. Stage estivo facoltativo per le classi quarte. Sono previste anche visite alle aziende e alle istituzioni locali e incontri con esperti del mondo del lavoro Il nostro Istituto aderisce all associazione Libera ( Associazioni, nomi e numeri contro le mafie) e partecipa a progetti in relazione all educazione alla legalità a alla responsabilità civile, anche attraverso incontri-dibattito con esponenti della stessa associazione. Per reinserire con efficacia nel percorso educativo-didattico, per intervenire sui problemi dell'apprendimento in tempi utili e potenziare abilità e capacità. Essi saranno scelti all'interno dei consigli di classe, dando priorità per quanto riguarda il recupero, alle seguenti materie: economia aziendale, italiano, matematica, lingue e scienze delle finanze. La frequenza ai corsi è obbligatoria per gli studenti indicati dal Consiglio di Classe. Le assenze degli studenti vengono segnalate Pagina 20

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli