PROGETTI INNOVATIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL AIDS ED ALLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI INNOVATIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL AIDS ED ALLA"

Transcript

1 ROMA: UN CENTRO DI ECCELLENZA DELLA RICERCA BIOMEDICA VOLTO A MIGLIORARE LA SALUTE DEL CITTADINO. PROGETTI INNOVATIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL AIDS ED ALLA COOPERAZIONE TRA PUBBLICO E PRIVATO B. Ensoli Reparto AIDS, Istituto Superiore di Sanità, Roma La Sanità ha come fine principale il miglioramento della salute e del benessere del cittadino a livello locale, regionale, nazionale, ed europeo, ma anche volto ai Paesi in via di sviluppo quale il continente africano ed asiatico, come indicato anche dalle linee guida europee, WHO (OMS), UN e dal G8. Il miglioramento della salute del cittadino si affida all'avanzamento della medicina preventiva ed al miglioramento, qualitativo e quantitativo, dell'assistenza. Tuttavia, l apporto forse più importante per la sconfitta delle grandi malattie (AIDS, cardiovascolari, tumori, etc.) viene dalla ricerca biomedica, che comporta profonde innovazioni sia in campo sanitario che industriale, con sviluppi socioeconomici importanti. Affinché, però, la ricerca possa condurre ad una innovazione praticamente concretizzabile sul campo, necessita di meccanismi, strumenti e cooperazioni strategiche essenziali, che dimostrano quanto indispensabile sia l'interazione e la cooperazione tra pubblico e privato, come anche esemplificato da nuovi progetti nazionali, europei ed extraeuropei (USA, DC). Un siffatto impianto, tuttavia richiede nuove forme di interazione tra pubblico e privato, caratterizzate da meccanismi semplici, trasparenti e di mutuo interesse, in grado di dare pieno supporto e rapidità e, quindi, efficacia all'implementazione e alla realizzazione di progetti comuni pubblico/privato sia a livello nazionale che internazionale. Esemplare, sotto questi aspetti, è il complesso di attività ed interazioni avviate dalla scoperta di un nuovo farmaco o vaccino di potenziale efficacia nell'uomo. Dopo una prima fase di ricerca di base, è necessaria una lunga fase di sperimentazione sull animale e poi sull uomo che richiede un impegno elevatissimo sia in termini di tempo (anni) che di risorse economiche (centinaia di milioni di Euro), e che necessita dell apporto dell'industria (per lo sviluppo, approvazione dalle istituzioni di controllo, registrazione, produzione e distribuzione). 1

2 Ricerca di base Fase preclinica Fase clinica Stadi di sviluppo del vaccino Ricerca di base Dallo stadio preclinico alla fase I Dalla fase I alla fase II Dalla fase II alla fase III Dalla fase III alla registrazione Dalla registrazione alla commercializzazione Totale 2-4 anni 2-3 anni 2 anni 3 anni 1 anno 1.5 anni anni D altra parte, l'interesse e la cooperazione dell'industria richiede l'immediata protezione delle proprietà intellettuali della scoperta (brevetto) necessaria per garantire un impegno progettuale finanziario da parte dell industria. Tale cooperazione tra pubblico e privato deve garantire la realizzazione del progetto in tutte le sue fasi di sperimentazione, ed un ritorno alle parti e, soprattutto, al cittadino. Tale tipo di ricerca biomedica chiamata -traslational research (dal bancone di laboratorio al letto del paziente)- necessita della cooperazione tra pubblico (ricerca di base, preclinica e clinica) ed il privato (l'industria che sviluppa e produce ed eventualmente commercializza il prodotto cui è concessa la licenza del brevetto), e comporta esiti positivi per la salute del cittadino in primo luogo, ma anche per l'innovazione e l'occupazione del paese. Ricerca Biomedica Ricerca di base 1 check point innovazione/brevetto/coinvolgimento del Privato (Industria e Start Up) 2 check point Sviluppo preclinico Sviluppo clinico (fase I, II, III) 3 check point Registrazione Distribuzione Al cittadino 2

3 La cooperazione tra pubblico e privato nella ricerca biomedica è un meccanismo già collaudato da tempo negli USA e rappresenta una risorsa di sempre più frequente utilizzo anche in Europa. L'esempio più importante è forse rappresentato dalla connessione che la Commissione Europea sta attuando tra il sesto programma quadro Europeo per la ricerca ed il programma di sviluppo industriale EUREKA. Ciò al fine di implementare lo sviluppo industriale europeo, che langue, e di portare in sviluppo e, quindi, trasformare in prodotti, i risultati della ricerca europea. ESEMPI DI PROGETTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI DI COOPERAZIONE TRA PUBBLICO E PRIVATO IN ITALIA NELL AMBITO DELLA RICERCA BIOMEDICA, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INFEZIONE DA HIV/AIDS Sono riportati di seguito alcuni esempi di progetti innovativi che l'italia ed in particolare l'iss sta attuando nell'ambito di progetti nazionali ed internazionali riguardanti la ricerca sull'aids e che coinvolgono o coinvolgeranno l'industria nell'ambito di cooperazioni volte a debellare questa grave e mortale malattia. A: Vaccino contro l'aids: 1. Sviluppo del vaccino Tat e sperimentazione clinica In ISS abbiamo sviluppato un nuovo vaccino contro l'aids basato sulla proteina Tat del virus HIV che si è dimostrato essere sicuro, immunogenico ed efficace nel modello della scimmia. Questo vaccino è stato prodotto in Scozia per la fase I della sperimentazione clinica (poiché in Italia mancano strutture di produzione pubbliche) secondo tutti i requisiti di legge ed approvato dal Ministero della Salute per l'uso nell'uomo. Il vaccino Tat, dopo aver ricevuto l'ultima approvazione richiesta (comitato etico nazionale e locali dei centri clinici), è entrato nella fase I della sperimentazione nell'uomo, sia nell individuo sano (protocollo preventivo) che nell individuo infettato (protocollo terapeutico) in 4 centri clinici: Istituto San Gallicano, Spallanzani e Policlinico Umberto I di Roma ed il San Raffaele di Milano. L'ISS detiene i brevetti (8) su questo nuovo vaccino ed è lo sponsor della sperimentazione. La fase I si concluderà a breve ed i risultati preliminari sono estremamente soddisfacenti. Pertanto, dopo la fase I seguiranno le sperimentazioni di fase II e III che coinvolgeranno un numero crescente di volontari, fino a molte migliaia, e che dovrà essere necessariamente sperimentato sia in Italia che nei Paesi in via di sviluppo. Ciò richiede almeno altri cinque anni di lavoro e fondi ingentissimi. E' dunque chiaro che l'industria dovrà essere coinvolta insieme al settore pubblico sia nazionale che internazionale, sia per le proprie capacità nel campo della produzione che della registrazione, commercializzazione e distribuzione. Un tale meccanismo può essere avviato tramite accordi di licenza con l'industria interessata che possieda le 3

4 caratteristiche idonee alla realizzazione del progetto e che garantisca la sua esecuzione nei limiti previsti dall'accordo specifico. Il coinvolgimento di Comitati di esperti nazionali e internazionali tecnico-scientifici, di agenzie regolatorie, etiche e con rappresentanti della comunità sociale (Community Advisory Boards) assicurerà lo svolgimento del progetto secondo i più elevati standard qualitativi. Numero stimato di adulti e bambini che vivevano con l infezione da HIV/AIDS alla fine del 2004 North America 1.0 million [ million] Caribbean [ ] Latin America 1.7 million [ million] Western & Central Europe [ ] North Africa & Middle East [ million] Sub-Saharan Africa 25.4 million [ million] Eastern Europe & Central Asia 1.4 million [ million] East Asia 1.1 million [ million] South & South-East Asia 7.1 million [ million] Oceania [ ] Total: Totale: ( ) milioni million E-4 December 2004 Numero stimato di adulti e bambini deceduti per infezione da HIV/AIDS nel corso del 2004 North America [ ] Caribbean [ ] Latin America [ ] Western & Central Europe [<8 500] North Africa & Middle East [ ] Sub-Saharan Africa 2.3 million [ million] Eastern Europe & Central Asia [ ] East Asia [ ] South & South-East Asia [ ] Oceania 700 [<1 700] Total: Totale: (35.9 ( ) 44.3) milioni million E-4 December

5 Scambio di siringhe tra tossicodipendenti SANGUE ed emoderivati Trasmissione verticale Rapporti sessuali Accelerare lo Sviluppo di un Vaccino per l infezione da HIV/AIDS è la Migliore Speranza per Fermare questa Devastazione Problemi per lo sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS Quasi tutti gli approcci vaccinali studiati hanno avuto, come principale bersaglio le proteine strutturali di HIV e, quasi esclusivamente, quelle del rivestimento esterno (envelope, ENV). Questi approcci sono stati utilizzati con la finalità di sviluppare un vaccino contro l HIV, il cui obiettivo principale era quello di ottenere un immunità sterilizzante (anticorpi in grado di bloccare l entrata del virus nelle cellule). Tuttavia, l estrema variabilità del virus proprio negli antigeni di superficie da paese a paese, da individuo ad individuo e nello stesso individuo nel tempo, è alla base degli insuccessi finora conseguiti. 5

6 Vaccino basato sul Tat di HIV-1: 1. Ruolo chiave nel ciclo vitale del virus (espressione nelle fasi iniziali) e nella patogenesi dell AIDS 2. Immunogenico: risposte immuni (umorali e cellulari) al Tat correlano con la non progressione verso l AIDS (infezione naturale in uomini/scimmie) 3. Sequenza conservata fra gli isolati di HIV nelle varie aree del mondo 4. Può essere utilizzato come vaccino sia preventivo che terapeutico Sviluppo di un vaccino per l HIV Governo Accademia Industria Agenzia Regolatoria Sviluppo di candidati vaccinali Valutazione -Sicurezza - Immunogenicità in topi Validazione -Sicurezza Approvazione - Immunogenicità regolatoria - Efficacia in scimmie monkeys Trial nell uomo Attività di supporto (database, siti web, brevetti) Risultati dell infezione sperimentale nelle scimmie vaccinate e di controllo Nel 70% delle scimmie vaccinate l infezione virale è stata bloccata e gli animali sono risultati negativi per tutti i parametri di replicazione virale indagati, non hanno mostrato nessuna riduzione del numero delle cellule T CD4+ e sono rimasti sani (2 anni). Tutte le scimmie di controllo sono risultate altamente infettate ed hanno mostrato la caduta delle cellule T CD4+ ed AIDS. 6

7 Le fasi di sviluppo di un vaccino per l HIV Ricerca di base Sviluppo preclinico Studi clinici Strategie vaccinali Fase I/II (sicurezza, immunogenicità) Fase III (efficacia) (efficacia) UNAIDS August 1998 VACCINO PREVENTIVO Trial di fase I sull innocuità ed immunogenicità della proteina Tat di HIV-1 ricombinante in volontari adulti sani. (Numero di Protocollo: ISS-P001) VACCINO TERAPEUTICO Trial di fase I sull innocuità ed immunogenicità della proteina Tat di HIV-1 ricombinante in volontari infetti da HIV-1. (Numero di Protocollo: ISS-T001) OBIETTIVI Endpoint Primario: Valutazione dell innocuità del preparato vaccinale Endpoint Secondario: Valutazione dell immunogenicità del preparato vaccinale SPERIMENTAZIONE CLINICA PREVENTIVA E TERAPEUTICA DI FASE 1 CON IL VACCINO TAT Università La Sapienza Roma SPONSOR Istituto Superiore di Sanità, Rome Reparto AIDS SITI CLINICI Ospedale L. Spallanzani Roma LABORATORIO CENTRALE DI VIROLOGIA ED IMMUNOLOGIA San Gallicano ed ISS, Roma CONSULENZA PSICHIATRICA Ospedale San Raffaele, Milano CAB Ospedale San Gallicano Roma TVA Ospedale San Raffaele Milano Timeline dello sviluppo clinico del vaccino Tat Reparto di Epidemiologia, ISS, Roma Fase I Italia Fase II Community Advisory Board ORGANIZZAZIONE DI RICERCA E CONSULENZA PAREXEL International Corporation Fase II Africa Fase III 7 Italia - Africa

8 La scoperta di questo nuovo vaccino ed i relativi brevetti hanno inoltre permesso accordi industriali e progetti nazionali, comunitari ed internazionali coordinati dall ISS e di spicco per l'italia e che richiedono una stretta cooperazione tra pubblico e privato. 2. Progetto nazionale AIDS: Azione concertata italiana per lo sviluppo di un vaccino contro l'hiv/aids (ICAV) Nell'ambito del progetto nazionale AIDS, coordinato dall ISS, ed in base ai recenti risultati italiani, abbiamo costituito nel 1998 l'azione Concertata Italiana per lo Sviluppo di un Vaccino contro l'hiv/aids (ICAV) che unisce circa 70 gruppi di ricerca nazionali esperti nel merito, sia extramurali che intramurali. L ICAV è coordinata dall'iss e supportata finanziariamente dal Ministero della Salute nell'ambito del Progetto Nazionale AIDS. Il lavoro svolto dall'icav ha portato già ad un ingente numero di nuove scoperte, brevetti, pubblicazioni e sta concretamente facendo avanzare lo sviluppo di un vaccino per l'aids in tutti i suoi aspetti, da quelli tecnicoscientifici a quelli di produzione fino a quelli etico-sociali di coinvolgimento della comunità per la parte riguardante la sperimentazione clinica e l interazione con i paesi in via di sviluppo (Africa). Tale azione concertata unisce, quindi, a questi fini le migliori menti italiane e costituisce la base essenziale per la partecipazione italiana a progetti comunitari, di cooperazione con gli USA, con i paesi in via di sviluppo e con l'industria, volti allo sviluppo di un vaccino efficace contro l'hiv/aids. L'ICAV, sia nella sua controparte intramurale che extramurale, permetterà all'italia non solo di agire con efficacia nel combattere questa malattia, ma anche di creare innovazione, competitività e sviluppo industriale. Per esempio, l Università di Urbino (Prof. M. Magnani) in collaborazione con l ISS, ha creato una struttura di produzione del vaccino Tat e di sue componenti (pubblico/privata) con fondi locali, nazionali ed europei, che consentirà all'italia di produrre il vaccino per le seguenti fasi di sperimentazione e che potrà sostenere anche altri Paesi sia attraverso la produzione sia sulle basi di un trasferimento di tecnologie, con risultati accessori, seppure non minori, di creazione di centri di occupazione e di richiamo di cervelli in fuga all'estero. La creazione di una fondazione ad hoc per lo sviluppo del vaccino, potrebbe rappresentare il meccanismo chiave per creare una struttura flessibile, trasparente che possa accogliere sia fondi pubblici che privati, nazionali ed internazionali unicamente votate allo scopo. 3. Accordo ISS/Chiron Corporation E' un accordo di sviluppo industriale tra ISS e la Chiron Corporation (Emerville, USA) volto allo sviluppo di un nuovo vaccino di combinazione che unisce il Tat (ISS) al prodotto vaccinale della Chiron (Env). L'accordo si basa sui risultati conseguiti ed i brevetti posseduti dalle due controparti 8

9 che stanno sperimentando nell'uomo i propri vaccini, ed e' basato sull'ipotesi che un vaccino che combini geni strutturali e regolatori possa avere dei vantaggi rispetto a quello singolo. Poiché sono necessari circa anni per lo sviluppo e la sperimentazione sull'uomo di un nuovo vaccino, non è pensabile attendere i risultati di efficacia derivanti da trial clinici di fase III, prima di sviluppare vaccini di seconda generazione che siano migliori, più facilmente somministrabili o più economici. Pertanto questo accordo prevede lo sviluppo di un vaccino di seconda generazione che seguirà una strada parallela di sperimentazione rispetto ai vaccini singoli. Il progetto e' finanziato al 50% dalla Chiron Corporation e dal Ministero della Salute ed ha una durata di tre anni. I risultati nell'animale hanno già confermato l indicazione di proseguire con lo sviluppo clinico sull'uomo e, quindi, saranno necessari ulteriori (ed ingenti) fondi, che dovranno venire sia dal pubblico che dal privato. A questo proposito si sta già investigando la possibilità di realizzare cooperazioni strategiche con il National Institutes of Health americano. 4. Progetti europei (Sesto Programma Quadro Europeo): AIDS VACCINE INTEGRATED PROJECT (AVIP) e VERY INNOVATIVE AIDS VACCINE (VIAV) In base ai risultati tecnico scientifici e brevettuali ottenuti, l'iss e, quindi, l'italia si è proposta come coordinatore di un ambizioso progetto europeo di 5 anni per lo sviluppo di un vaccino contro l'aids chiamato AIDS Vaccine Integrated Project (AVIP) nell'ambito del sesto programma quadro europeo. Tale progetto si propone di coordinare gli sforzi europei sul vaccino ed ha come fini principali la comparazione in fase I (clinica) sull'uomo di quattro nuovi candidati vaccinali prodotti da vari paesi europei per l individuazione di quelli più idonei da sperimentare in Africa in fasi di sviluppo più avanzato. Il progetto comprende anche il trasferimento di moderne tecnologie ai paesi in via di sviluppo, e la realizzazione di training per i giovani. I paesi coinvolti sono Italia, Francia, Svezia, Finlandia, Germania, Inghilterra, Estonia, e Sudafrica. Sia la media che la grande industria partecipa al progetto al fine di produrre i candidati vaccinali prescelti. Tale progetto europeo, di cui l ISS è il coordinatore, è stato il prescelto dalla Commissione Europea tra quelli presentati dai vari Paesi. Non ultimo, tale progetto ha attirato l interesse del Dipartimento di Stato Americano che ha proposto di aggiungere un ulteriore cofinanziamento per due anni al fine di espandere e velocizzare il programma. 9

10 AIDS VACCINE INTEGRATED PROJECT (AVIP) POVERTY DISEASES - FP6 INTEGRATED PROJECT EUROPEAN COMMISSION Obiettivi dell AVIP 1. Trials clinici di fase I in Europa con 4 nuovi candidati vaccinali che associano antigeni regolatori e strutturali dell HIV-1 e sono in stadio avanzato di sviluppo (studi clinici di fase I e/o formulazione in GMP completata per i singoli antigeni). Questi nuovi vaccini saranno valutati in modelli preclinici (topi e scimmie) per selezionare la migliore formulazione e il miglior protocollo di immunizzazione da valutare nei trials clinici di fase I. 2. Trasferimento di tecnologie e studi della risposta immunitaria in Africa, essenziali per la conduzione, nell ambito dell EDCTP, di futuri trials di fase II/III in Africa. Analisi del riconoscimento immunologico crociato degli antigeni contenuti nei nuovi vaccini da parte di individui infetti con ceppi virali diversi da B e, da parte dei soggetti vaccinati, degli antigeni appartenenti a ceppi diversi da B. 3. Training e sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità locali (EU e paesi in via di sviluppo). 10

11 AVIP CONSORTIUM P name Ensoli Wahren Le Grand Caputo Guzman P # Institution Istituto Superiore di Sanità Karolinska Institute Commissariàt à l Energie Atomique University of Ferrara German Research Centre for Biotechnology P short name ISS KI CEA UNIFE GBF Country Italy Sweden France Italy Germany Sub-contractors IRCCS IFO-San Gallicano Hospital; IRCCS San Raffale Hospital Vecura Gene Therapy Center Magnani 6 University of Urbino UNIURB Italy Excell Biotech Krohn Erfle Rappuoli Gotch Vardas Janse Van Rensburg Clerici Poli Holmes FIT Biotech Oyj Plc Centre for Environmental and Health Research CHIRON S.r.l. Imperial College of Science, technology and Medicine University of the Witwatersrand University of Stellenbosch University of Milan Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor National Institute for Biological Standards and Control FIT GSF CHIRON ICSTM WHC US UNIMI DIBIT NIBSC Finland Germany Italy United Kingdom South Africa South Africa Italy Italy United Kingdom Tampere University Hospital; Helsinki University Hospital Ludwig-Maximilians Universitat; Impfstoffwerk Dessau Tornau; Excell Biotech University of Natal, Durban ADVISORY BOARD S. Berkley (IAVI), P. Johnston (NIH), D. Weiner (USA); K. Cichuteck (EMEA); F. Gannon (EMBO); S. Mboup (Senegal); F. Mhalu (Tanzania); T. Tucker (SAAVI); H. Wigzell (Sweden) STEERING COMMITTEE Coordinator: B. Ensoli, Istituto Superiore di Sanità, Italy Co-coordinator: B. Wahren, Karolinska Institute, Sweden MONITORING COMMITTEE F. Chiodi (Sweden); F. Lemonnier (France); C. Peckham (UK); C.F. Perno (Italy) SCIENTIFIC STRUCTURE ADMINISTRATIVE STRUCTURE WP 1 PI: LEGRAND (France) Co-PI: CAPUTO (Italy) WP 2 PI: MAGNANI (Italy) Co-PI: KROHN (Finland) WP 3 PI: ENSOLI (Italy) Co-PI: ERFLE (Germany) WP 4 (United Kingdom PI: WAHREN (Sweden) Co-PI: GOTCH ) WP 5 PI: VARDAS/JANSE VAN RENSBURG (South Africa) Co-PI: CLERICI (Italy) WP 6 PI: HOLMES (United Kingdom) CO-PI: GUZMAN (Germany) AVIP Training WP7 Coordination of Science, Training, Business and Administrative Management 11

12 Un altro progetto europeo, sempre coordinato dall ISS, è rappresentato dal VIAV (very innovative AIDS vaccine), un progetto di 2 anni di ricerca di base connesso all AVIP e che alimenterà lo stesso con nuovi prodotti vaccinali e che coinvolge centri di ricerca e SME in Italia, Danimarca, Svezia ed Austria. 5. Accordo Italy/USA (ISS/NIH) I risultati conseguiti dall'italia sono alla base di un accordo per il vaccino contro l'aids con il National Institute of Health (NIH, USA). Tale cooperazione, iniziata nel 1998, si prefigge lo sviluppo di nuovi sistemi vaccinali di veicolazione e di somministrazione, ed è stata recentemente rinnovata e sottoscritta a Palazzo Chigi (Luglio 2003) tra il governo americano ed italiano, nell'ambito di un accordo più ampio che copre vari settori della ricerca biomedica e che è adesso in fase di attuazione. Tale cooperazione coinvolge fondi nazionali di entrambi i paesi. Tale accordo coinvolge anche i paesi in via di sviluppo tramite il Fogarty Center americano (NIH) e progetti di cooperazione tra ISS ed il ministero degli Affari Esteri Italiano. 6. Accordi con i Paesi in via di sviluppo Tramite progetti di cooperazione con il MAE e il WHO, l'italia svolge una grande attività nei paesi in via di sviluppo nel campo dell'aids. Eccetto il Global Fund ed in cui, purtroppo ed a torto, non è contemplata la ricerca sul vaccino, l'italia svolge attività di capacity building, technology transfer e di ricerca sul vaccino in Sud Africa, Swaziland ed Uganda, a livello locale, regionale e nazionale. Tali attività rappresenteranno la base per lo sviluppo di una cooperazione internazionale in ambito comunitario e con gli USA e sono strettamente connesse con i progetti nazionali ed internazionali discussi precedentemente. 7. Gli immigrati: una risorsa per la città di Roma. Il ruolo del San Gallicano La Sanità come strumento di prevenzione e cura rappresenta una chiave fondamentale per l integrazione degli immigrati e gli emarginati nel tessuto socio-economico. Le malattie della povertà (AIDS, TBC, Malaria) rappresentano il flagello dei Paesi in via di sviluppo e, spesso, degli immigrati come anche degli emarginati. La sperimentazione clinica del vaccino italiano (fase II) coinvolgerà anche gli immigrati grazie al coinvolgimento dell Istituto San Gallicano, un istituto storico per la prevenzione e l assistenza degli immigrati ed emarginati, che svolge un ruolo chiave per il loro welfare ed integrazione. Il San Gallicano è inoltre l unico centro clinico validato da agenzie internazionali (ISO 9001) e identificato dal WHO (OMS) come centro per gli immigrati e per la ricerca sulle malattie della povertà. 12

13 lo sviluppo del vaccino contro l AIDS è, quindi, strumento di medicina preventiva (anche solo per tutti gli esami/analisi necessari allo screening dei soggetti che spesso svelano patologie misconosciute e/o iniziali) e di solidarietà. A questo proposito è nato anche un programma dall Ordine della Jarretière femminile chiamato La mia Africa in Italia, che, in cooperazione con l Istituto San Gallicano, si propone di dare supporto alla ricerca sul vaccino come strumento di integrazione e assistenza degli immigrati. 8. La Global Vaccine Enterprise (GVE). E una recente iniziativa presentata al meeting G8 di Sea Island (USA) sponsorizzata dalla Bill and Melinda Gates Foundation ed i National Institutes of Health (USA), che si propone di mettere in network tutte le istituzioni pubbliche e private (virtual institutes) focalizzate sui vari aspetti dello sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS a livello globale e di cofinanziare tutte le iniziative valide nell ambito di programmi nazionali, europei ed extraeuropei votati a questo scopo. A questo fine, ed in grande sinergia con il MAE, siamo riusciti ad inserire l Italia ed il programma nazionale AIDS, coordinato dall ISS, all interno della GVE, che sta muovendo i suoi primi passi verso un sicuro successo. La creazione di una fondazione ad hoc per lo sviluppo del vaccino, potrebbe rappresentare il meccanismo chiave per creare una struttura flessibile, trasparente che possa accogliere sia fondi pubblici che privati, nazionali ed internazionali unicamente votati allo scopo. PROGRAMMA TRASLAZIONALE DI UN VACCINO PER L HIV/AIDS: Cooperazioni Nazionali ed Internazionali Commissione EU IAVI FP6-AVIP MAE e Paesi in Via di Sviluppo CHIRON ICAV ISS Roma Scienza di Base (scoperta) Preclinico (validazione) Sviluppo/produzione GMP Regolamentazione per approvazione Trial clinici Capacity building USA - NIH - Global Vaccine Enterprise Università di Urbino (Struttura GMP) 13

14 In conclusione, questi vari esempi di progetti innovativi nella ricerca biomedica sottolineano la necessità di scelte istituzionali strategiche, la necessità di strutture idonee alla brevettazione dell innovazione e, quindi, al coinvolgimento del privato in una cooperazione pubblico-privato, che è la sola in grado di portare al cittadino i frutti della ricerca al fine di migliorarne la qualità di vita e risolvere i problemi connessi con le grandi malattie del secolo. Si spera che i meccanismi e i finanziamenti finalizzati a questi scopi ed i relativi meccanismi amministrativi siano sempre più efficaci, flessibili ed idonei a sostenere tale sviluppo, di cui ambedue le parti, sia il pubblico che il privato, possono grandemente avvantaggiarsi con il beneficio sia per i cittadini che per l occupazione di scienziati, personale tecnico specializzato e dei giovani. Una devolution che affondi le sue radici nella consapevolezza profonda della propria missione sociale e sappia quindi affrontare le difficoltà specifiche e valorizzare le potenzialità del tessuto sociale cui si rivolge nelle diverse aree geografiche può rappresentare uno strumento estremamente duttile ed efficace nel portare alla realizzazione sul campo di grandi progetti locali, regionali, nazionali, europei ed extraeuropei rivolti, in ultima analisi, al miglioramento della qualità della vita dei cittadini. 14

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche n profit A cura di SIF Clinica In collaborazione con: Segreteria Scientifica e Membri dei Comitati Etici

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

1 $ per 1 vita. Contenuto

1 $ per 1 vita. Contenuto Cooperazione allo svilupp 1 $ per 1 vita 1 $ per 1 vita Regia: Frédéric Laffont Produzione: Interscoop Cinétévé ARTE Francia Congo Bangladesh 2009 Riprese: Frédéric Laffont, Didier Portal (Congo) Montaggio:

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli