PROGETTI INNOVATIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL AIDS ED ALLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI INNOVATIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL AIDS ED ALLA"

Transcript

1 ROMA: UN CENTRO DI ECCELLENZA DELLA RICERCA BIOMEDICA VOLTO A MIGLIORARE LA SALUTE DEL CITTADINO. PROGETTI INNOVATIVI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL AIDS ED ALLA COOPERAZIONE TRA PUBBLICO E PRIVATO B. Ensoli Reparto AIDS, Istituto Superiore di Sanità, Roma La Sanità ha come fine principale il miglioramento della salute e del benessere del cittadino a livello locale, regionale, nazionale, ed europeo, ma anche volto ai Paesi in via di sviluppo quale il continente africano ed asiatico, come indicato anche dalle linee guida europee, WHO (OMS), UN e dal G8. Il miglioramento della salute del cittadino si affida all'avanzamento della medicina preventiva ed al miglioramento, qualitativo e quantitativo, dell'assistenza. Tuttavia, l apporto forse più importante per la sconfitta delle grandi malattie (AIDS, cardiovascolari, tumori, etc.) viene dalla ricerca biomedica, che comporta profonde innovazioni sia in campo sanitario che industriale, con sviluppi socioeconomici importanti. Affinché, però, la ricerca possa condurre ad una innovazione praticamente concretizzabile sul campo, necessita di meccanismi, strumenti e cooperazioni strategiche essenziali, che dimostrano quanto indispensabile sia l'interazione e la cooperazione tra pubblico e privato, come anche esemplificato da nuovi progetti nazionali, europei ed extraeuropei (USA, DC). Un siffatto impianto, tuttavia richiede nuove forme di interazione tra pubblico e privato, caratterizzate da meccanismi semplici, trasparenti e di mutuo interesse, in grado di dare pieno supporto e rapidità e, quindi, efficacia all'implementazione e alla realizzazione di progetti comuni pubblico/privato sia a livello nazionale che internazionale. Esemplare, sotto questi aspetti, è il complesso di attività ed interazioni avviate dalla scoperta di un nuovo farmaco o vaccino di potenziale efficacia nell'uomo. Dopo una prima fase di ricerca di base, è necessaria una lunga fase di sperimentazione sull animale e poi sull uomo che richiede un impegno elevatissimo sia in termini di tempo (anni) che di risorse economiche (centinaia di milioni di Euro), e che necessita dell apporto dell'industria (per lo sviluppo, approvazione dalle istituzioni di controllo, registrazione, produzione e distribuzione). 1

2 Ricerca di base Fase preclinica Fase clinica Stadi di sviluppo del vaccino Ricerca di base Dallo stadio preclinico alla fase I Dalla fase I alla fase II Dalla fase II alla fase III Dalla fase III alla registrazione Dalla registrazione alla commercializzazione Totale 2-4 anni 2-3 anni 2 anni 3 anni 1 anno 1.5 anni anni D altra parte, l'interesse e la cooperazione dell'industria richiede l'immediata protezione delle proprietà intellettuali della scoperta (brevetto) necessaria per garantire un impegno progettuale finanziario da parte dell industria. Tale cooperazione tra pubblico e privato deve garantire la realizzazione del progetto in tutte le sue fasi di sperimentazione, ed un ritorno alle parti e, soprattutto, al cittadino. Tale tipo di ricerca biomedica chiamata -traslational research (dal bancone di laboratorio al letto del paziente)- necessita della cooperazione tra pubblico (ricerca di base, preclinica e clinica) ed il privato (l'industria che sviluppa e produce ed eventualmente commercializza il prodotto cui è concessa la licenza del brevetto), e comporta esiti positivi per la salute del cittadino in primo luogo, ma anche per l'innovazione e l'occupazione del paese. Ricerca Biomedica Ricerca di base 1 check point innovazione/brevetto/coinvolgimento del Privato (Industria e Start Up) 2 check point Sviluppo preclinico Sviluppo clinico (fase I, II, III) 3 check point Registrazione Distribuzione Al cittadino 2

3 La cooperazione tra pubblico e privato nella ricerca biomedica è un meccanismo già collaudato da tempo negli USA e rappresenta una risorsa di sempre più frequente utilizzo anche in Europa. L'esempio più importante è forse rappresentato dalla connessione che la Commissione Europea sta attuando tra il sesto programma quadro Europeo per la ricerca ed il programma di sviluppo industriale EUREKA. Ciò al fine di implementare lo sviluppo industriale europeo, che langue, e di portare in sviluppo e, quindi, trasformare in prodotti, i risultati della ricerca europea. ESEMPI DI PROGETTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI DI COOPERAZIONE TRA PUBBLICO E PRIVATO IN ITALIA NELL AMBITO DELLA RICERCA BIOMEDICA, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INFEZIONE DA HIV/AIDS Sono riportati di seguito alcuni esempi di progetti innovativi che l'italia ed in particolare l'iss sta attuando nell'ambito di progetti nazionali ed internazionali riguardanti la ricerca sull'aids e che coinvolgono o coinvolgeranno l'industria nell'ambito di cooperazioni volte a debellare questa grave e mortale malattia. A: Vaccino contro l'aids: 1. Sviluppo del vaccino Tat e sperimentazione clinica In ISS abbiamo sviluppato un nuovo vaccino contro l'aids basato sulla proteina Tat del virus HIV che si è dimostrato essere sicuro, immunogenico ed efficace nel modello della scimmia. Questo vaccino è stato prodotto in Scozia per la fase I della sperimentazione clinica (poiché in Italia mancano strutture di produzione pubbliche) secondo tutti i requisiti di legge ed approvato dal Ministero della Salute per l'uso nell'uomo. Il vaccino Tat, dopo aver ricevuto l'ultima approvazione richiesta (comitato etico nazionale e locali dei centri clinici), è entrato nella fase I della sperimentazione nell'uomo, sia nell individuo sano (protocollo preventivo) che nell individuo infettato (protocollo terapeutico) in 4 centri clinici: Istituto San Gallicano, Spallanzani e Policlinico Umberto I di Roma ed il San Raffaele di Milano. L'ISS detiene i brevetti (8) su questo nuovo vaccino ed è lo sponsor della sperimentazione. La fase I si concluderà a breve ed i risultati preliminari sono estremamente soddisfacenti. Pertanto, dopo la fase I seguiranno le sperimentazioni di fase II e III che coinvolgeranno un numero crescente di volontari, fino a molte migliaia, e che dovrà essere necessariamente sperimentato sia in Italia che nei Paesi in via di sviluppo. Ciò richiede almeno altri cinque anni di lavoro e fondi ingentissimi. E' dunque chiaro che l'industria dovrà essere coinvolta insieme al settore pubblico sia nazionale che internazionale, sia per le proprie capacità nel campo della produzione che della registrazione, commercializzazione e distribuzione. Un tale meccanismo può essere avviato tramite accordi di licenza con l'industria interessata che possieda le 3

4 caratteristiche idonee alla realizzazione del progetto e che garantisca la sua esecuzione nei limiti previsti dall'accordo specifico. Il coinvolgimento di Comitati di esperti nazionali e internazionali tecnico-scientifici, di agenzie regolatorie, etiche e con rappresentanti della comunità sociale (Community Advisory Boards) assicurerà lo svolgimento del progetto secondo i più elevati standard qualitativi. Numero stimato di adulti e bambini che vivevano con l infezione da HIV/AIDS alla fine del 2004 North America 1.0 million [ million] Caribbean [ ] Latin America 1.7 million [ million] Western & Central Europe [ ] North Africa & Middle East [ million] Sub-Saharan Africa 25.4 million [ million] Eastern Europe & Central Asia 1.4 million [ million] East Asia 1.1 million [ million] South & South-East Asia 7.1 million [ million] Oceania [ ] Total: Totale: ( ) milioni million E-4 December 2004 Numero stimato di adulti e bambini deceduti per infezione da HIV/AIDS nel corso del 2004 North America [ ] Caribbean [ ] Latin America [ ] Western & Central Europe [<8 500] North Africa & Middle East [ ] Sub-Saharan Africa 2.3 million [ million] Eastern Europe & Central Asia [ ] East Asia [ ] South & South-East Asia [ ] Oceania 700 [<1 700] Total: Totale: (35.9 ( ) 44.3) milioni million E-4 December

5 Scambio di siringhe tra tossicodipendenti SANGUE ed emoderivati Trasmissione verticale Rapporti sessuali Accelerare lo Sviluppo di un Vaccino per l infezione da HIV/AIDS è la Migliore Speranza per Fermare questa Devastazione Problemi per lo sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS Quasi tutti gli approcci vaccinali studiati hanno avuto, come principale bersaglio le proteine strutturali di HIV e, quasi esclusivamente, quelle del rivestimento esterno (envelope, ENV). Questi approcci sono stati utilizzati con la finalità di sviluppare un vaccino contro l HIV, il cui obiettivo principale era quello di ottenere un immunità sterilizzante (anticorpi in grado di bloccare l entrata del virus nelle cellule). Tuttavia, l estrema variabilità del virus proprio negli antigeni di superficie da paese a paese, da individuo ad individuo e nello stesso individuo nel tempo, è alla base degli insuccessi finora conseguiti. 5

6 Vaccino basato sul Tat di HIV-1: 1. Ruolo chiave nel ciclo vitale del virus (espressione nelle fasi iniziali) e nella patogenesi dell AIDS 2. Immunogenico: risposte immuni (umorali e cellulari) al Tat correlano con la non progressione verso l AIDS (infezione naturale in uomini/scimmie) 3. Sequenza conservata fra gli isolati di HIV nelle varie aree del mondo 4. Può essere utilizzato come vaccino sia preventivo che terapeutico Sviluppo di un vaccino per l HIV Governo Accademia Industria Agenzia Regolatoria Sviluppo di candidati vaccinali Valutazione -Sicurezza - Immunogenicità in topi Validazione -Sicurezza Approvazione - Immunogenicità regolatoria - Efficacia in scimmie monkeys Trial nell uomo Attività di supporto (database, siti web, brevetti) Risultati dell infezione sperimentale nelle scimmie vaccinate e di controllo Nel 70% delle scimmie vaccinate l infezione virale è stata bloccata e gli animali sono risultati negativi per tutti i parametri di replicazione virale indagati, non hanno mostrato nessuna riduzione del numero delle cellule T CD4+ e sono rimasti sani (2 anni). Tutte le scimmie di controllo sono risultate altamente infettate ed hanno mostrato la caduta delle cellule T CD4+ ed AIDS. 6

7 Le fasi di sviluppo di un vaccino per l HIV Ricerca di base Sviluppo preclinico Studi clinici Strategie vaccinali Fase I/II (sicurezza, immunogenicità) Fase III (efficacia) (efficacia) UNAIDS August 1998 VACCINO PREVENTIVO Trial di fase I sull innocuità ed immunogenicità della proteina Tat di HIV-1 ricombinante in volontari adulti sani. (Numero di Protocollo: ISS-P001) VACCINO TERAPEUTICO Trial di fase I sull innocuità ed immunogenicità della proteina Tat di HIV-1 ricombinante in volontari infetti da HIV-1. (Numero di Protocollo: ISS-T001) OBIETTIVI Endpoint Primario: Valutazione dell innocuità del preparato vaccinale Endpoint Secondario: Valutazione dell immunogenicità del preparato vaccinale SPERIMENTAZIONE CLINICA PREVENTIVA E TERAPEUTICA DI FASE 1 CON IL VACCINO TAT Università La Sapienza Roma SPONSOR Istituto Superiore di Sanità, Rome Reparto AIDS SITI CLINICI Ospedale L. Spallanzani Roma LABORATORIO CENTRALE DI VIROLOGIA ED IMMUNOLOGIA San Gallicano ed ISS, Roma CONSULENZA PSICHIATRICA Ospedale San Raffaele, Milano CAB Ospedale San Gallicano Roma TVA Ospedale San Raffaele Milano Timeline dello sviluppo clinico del vaccino Tat Reparto di Epidemiologia, ISS, Roma Fase I Italia Fase II Community Advisory Board ORGANIZZAZIONE DI RICERCA E CONSULENZA PAREXEL International Corporation Fase II Africa Fase III 7 Italia - Africa

8 La scoperta di questo nuovo vaccino ed i relativi brevetti hanno inoltre permesso accordi industriali e progetti nazionali, comunitari ed internazionali coordinati dall ISS e di spicco per l'italia e che richiedono una stretta cooperazione tra pubblico e privato. 2. Progetto nazionale AIDS: Azione concertata italiana per lo sviluppo di un vaccino contro l'hiv/aids (ICAV) Nell'ambito del progetto nazionale AIDS, coordinato dall ISS, ed in base ai recenti risultati italiani, abbiamo costituito nel 1998 l'azione Concertata Italiana per lo Sviluppo di un Vaccino contro l'hiv/aids (ICAV) che unisce circa 70 gruppi di ricerca nazionali esperti nel merito, sia extramurali che intramurali. L ICAV è coordinata dall'iss e supportata finanziariamente dal Ministero della Salute nell'ambito del Progetto Nazionale AIDS. Il lavoro svolto dall'icav ha portato già ad un ingente numero di nuove scoperte, brevetti, pubblicazioni e sta concretamente facendo avanzare lo sviluppo di un vaccino per l'aids in tutti i suoi aspetti, da quelli tecnicoscientifici a quelli di produzione fino a quelli etico-sociali di coinvolgimento della comunità per la parte riguardante la sperimentazione clinica e l interazione con i paesi in via di sviluppo (Africa). Tale azione concertata unisce, quindi, a questi fini le migliori menti italiane e costituisce la base essenziale per la partecipazione italiana a progetti comunitari, di cooperazione con gli USA, con i paesi in via di sviluppo e con l'industria, volti allo sviluppo di un vaccino efficace contro l'hiv/aids. L'ICAV, sia nella sua controparte intramurale che extramurale, permetterà all'italia non solo di agire con efficacia nel combattere questa malattia, ma anche di creare innovazione, competitività e sviluppo industriale. Per esempio, l Università di Urbino (Prof. M. Magnani) in collaborazione con l ISS, ha creato una struttura di produzione del vaccino Tat e di sue componenti (pubblico/privata) con fondi locali, nazionali ed europei, che consentirà all'italia di produrre il vaccino per le seguenti fasi di sperimentazione e che potrà sostenere anche altri Paesi sia attraverso la produzione sia sulle basi di un trasferimento di tecnologie, con risultati accessori, seppure non minori, di creazione di centri di occupazione e di richiamo di cervelli in fuga all'estero. La creazione di una fondazione ad hoc per lo sviluppo del vaccino, potrebbe rappresentare il meccanismo chiave per creare una struttura flessibile, trasparente che possa accogliere sia fondi pubblici che privati, nazionali ed internazionali unicamente votate allo scopo. 3. Accordo ISS/Chiron Corporation E' un accordo di sviluppo industriale tra ISS e la Chiron Corporation (Emerville, USA) volto allo sviluppo di un nuovo vaccino di combinazione che unisce il Tat (ISS) al prodotto vaccinale della Chiron (Env). L'accordo si basa sui risultati conseguiti ed i brevetti posseduti dalle due controparti 8

9 che stanno sperimentando nell'uomo i propri vaccini, ed e' basato sull'ipotesi che un vaccino che combini geni strutturali e regolatori possa avere dei vantaggi rispetto a quello singolo. Poiché sono necessari circa anni per lo sviluppo e la sperimentazione sull'uomo di un nuovo vaccino, non è pensabile attendere i risultati di efficacia derivanti da trial clinici di fase III, prima di sviluppare vaccini di seconda generazione che siano migliori, più facilmente somministrabili o più economici. Pertanto questo accordo prevede lo sviluppo di un vaccino di seconda generazione che seguirà una strada parallela di sperimentazione rispetto ai vaccini singoli. Il progetto e' finanziato al 50% dalla Chiron Corporation e dal Ministero della Salute ed ha una durata di tre anni. I risultati nell'animale hanno già confermato l indicazione di proseguire con lo sviluppo clinico sull'uomo e, quindi, saranno necessari ulteriori (ed ingenti) fondi, che dovranno venire sia dal pubblico che dal privato. A questo proposito si sta già investigando la possibilità di realizzare cooperazioni strategiche con il National Institutes of Health americano. 4. Progetti europei (Sesto Programma Quadro Europeo): AIDS VACCINE INTEGRATED PROJECT (AVIP) e VERY INNOVATIVE AIDS VACCINE (VIAV) In base ai risultati tecnico scientifici e brevettuali ottenuti, l'iss e, quindi, l'italia si è proposta come coordinatore di un ambizioso progetto europeo di 5 anni per lo sviluppo di un vaccino contro l'aids chiamato AIDS Vaccine Integrated Project (AVIP) nell'ambito del sesto programma quadro europeo. Tale progetto si propone di coordinare gli sforzi europei sul vaccino ed ha come fini principali la comparazione in fase I (clinica) sull'uomo di quattro nuovi candidati vaccinali prodotti da vari paesi europei per l individuazione di quelli più idonei da sperimentare in Africa in fasi di sviluppo più avanzato. Il progetto comprende anche il trasferimento di moderne tecnologie ai paesi in via di sviluppo, e la realizzazione di training per i giovani. I paesi coinvolti sono Italia, Francia, Svezia, Finlandia, Germania, Inghilterra, Estonia, e Sudafrica. Sia la media che la grande industria partecipa al progetto al fine di produrre i candidati vaccinali prescelti. Tale progetto europeo, di cui l ISS è il coordinatore, è stato il prescelto dalla Commissione Europea tra quelli presentati dai vari Paesi. Non ultimo, tale progetto ha attirato l interesse del Dipartimento di Stato Americano che ha proposto di aggiungere un ulteriore cofinanziamento per due anni al fine di espandere e velocizzare il programma. 9

10 AIDS VACCINE INTEGRATED PROJECT (AVIP) POVERTY DISEASES - FP6 INTEGRATED PROJECT EUROPEAN COMMISSION Obiettivi dell AVIP 1. Trials clinici di fase I in Europa con 4 nuovi candidati vaccinali che associano antigeni regolatori e strutturali dell HIV-1 e sono in stadio avanzato di sviluppo (studi clinici di fase I e/o formulazione in GMP completata per i singoli antigeni). Questi nuovi vaccini saranno valutati in modelli preclinici (topi e scimmie) per selezionare la migliore formulazione e il miglior protocollo di immunizzazione da valutare nei trials clinici di fase I. 2. Trasferimento di tecnologie e studi della risposta immunitaria in Africa, essenziali per la conduzione, nell ambito dell EDCTP, di futuri trials di fase II/III in Africa. Analisi del riconoscimento immunologico crociato degli antigeni contenuti nei nuovi vaccini da parte di individui infetti con ceppi virali diversi da B e, da parte dei soggetti vaccinati, degli antigeni appartenenti a ceppi diversi da B. 3. Training e sensibilizzazione e coinvolgimento delle comunità locali (EU e paesi in via di sviluppo). 10

11 AVIP CONSORTIUM P name Ensoli Wahren Le Grand Caputo Guzman P # Institution Istituto Superiore di Sanità Karolinska Institute Commissariàt à l Energie Atomique University of Ferrara German Research Centre for Biotechnology P short name ISS KI CEA UNIFE GBF Country Italy Sweden France Italy Germany Sub-contractors IRCCS IFO-San Gallicano Hospital; IRCCS San Raffale Hospital Vecura Gene Therapy Center Magnani 6 University of Urbino UNIURB Italy Excell Biotech Krohn Erfle Rappuoli Gotch Vardas Janse Van Rensburg Clerici Poli Holmes FIT Biotech Oyj Plc Centre for Environmental and Health Research CHIRON S.r.l. Imperial College of Science, technology and Medicine University of the Witwatersrand University of Stellenbosch University of Milan Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor National Institute for Biological Standards and Control FIT GSF CHIRON ICSTM WHC US UNIMI DIBIT NIBSC Finland Germany Italy United Kingdom South Africa South Africa Italy Italy United Kingdom Tampere University Hospital; Helsinki University Hospital Ludwig-Maximilians Universitat; Impfstoffwerk Dessau Tornau; Excell Biotech University of Natal, Durban ADVISORY BOARD S. Berkley (IAVI), P. Johnston (NIH), D. Weiner (USA); K. Cichuteck (EMEA); F. Gannon (EMBO); S. Mboup (Senegal); F. Mhalu (Tanzania); T. Tucker (SAAVI); H. Wigzell (Sweden) STEERING COMMITTEE Coordinator: B. Ensoli, Istituto Superiore di Sanità, Italy Co-coordinator: B. Wahren, Karolinska Institute, Sweden MONITORING COMMITTEE F. Chiodi (Sweden); F. Lemonnier (France); C. Peckham (UK); C.F. Perno (Italy) SCIENTIFIC STRUCTURE ADMINISTRATIVE STRUCTURE WP 1 PI: LEGRAND (France) Co-PI: CAPUTO (Italy) WP 2 PI: MAGNANI (Italy) Co-PI: KROHN (Finland) WP 3 PI: ENSOLI (Italy) Co-PI: ERFLE (Germany) WP 4 (United Kingdom PI: WAHREN (Sweden) Co-PI: GOTCH ) WP 5 PI: VARDAS/JANSE VAN RENSBURG (South Africa) Co-PI: CLERICI (Italy) WP 6 PI: HOLMES (United Kingdom) CO-PI: GUZMAN (Germany) AVIP Training WP7 Coordination of Science, Training, Business and Administrative Management 11

12 Un altro progetto europeo, sempre coordinato dall ISS, è rappresentato dal VIAV (very innovative AIDS vaccine), un progetto di 2 anni di ricerca di base connesso all AVIP e che alimenterà lo stesso con nuovi prodotti vaccinali e che coinvolge centri di ricerca e SME in Italia, Danimarca, Svezia ed Austria. 5. Accordo Italy/USA (ISS/NIH) I risultati conseguiti dall'italia sono alla base di un accordo per il vaccino contro l'aids con il National Institute of Health (NIH, USA). Tale cooperazione, iniziata nel 1998, si prefigge lo sviluppo di nuovi sistemi vaccinali di veicolazione e di somministrazione, ed è stata recentemente rinnovata e sottoscritta a Palazzo Chigi (Luglio 2003) tra il governo americano ed italiano, nell'ambito di un accordo più ampio che copre vari settori della ricerca biomedica e che è adesso in fase di attuazione. Tale cooperazione coinvolge fondi nazionali di entrambi i paesi. Tale accordo coinvolge anche i paesi in via di sviluppo tramite il Fogarty Center americano (NIH) e progetti di cooperazione tra ISS ed il ministero degli Affari Esteri Italiano. 6. Accordi con i Paesi in via di sviluppo Tramite progetti di cooperazione con il MAE e il WHO, l'italia svolge una grande attività nei paesi in via di sviluppo nel campo dell'aids. Eccetto il Global Fund ed in cui, purtroppo ed a torto, non è contemplata la ricerca sul vaccino, l'italia svolge attività di capacity building, technology transfer e di ricerca sul vaccino in Sud Africa, Swaziland ed Uganda, a livello locale, regionale e nazionale. Tali attività rappresenteranno la base per lo sviluppo di una cooperazione internazionale in ambito comunitario e con gli USA e sono strettamente connesse con i progetti nazionali ed internazionali discussi precedentemente. 7. Gli immigrati: una risorsa per la città di Roma. Il ruolo del San Gallicano La Sanità come strumento di prevenzione e cura rappresenta una chiave fondamentale per l integrazione degli immigrati e gli emarginati nel tessuto socio-economico. Le malattie della povertà (AIDS, TBC, Malaria) rappresentano il flagello dei Paesi in via di sviluppo e, spesso, degli immigrati come anche degli emarginati. La sperimentazione clinica del vaccino italiano (fase II) coinvolgerà anche gli immigrati grazie al coinvolgimento dell Istituto San Gallicano, un istituto storico per la prevenzione e l assistenza degli immigrati ed emarginati, che svolge un ruolo chiave per il loro welfare ed integrazione. Il San Gallicano è inoltre l unico centro clinico validato da agenzie internazionali (ISO 9001) e identificato dal WHO (OMS) come centro per gli immigrati e per la ricerca sulle malattie della povertà. 12

13 lo sviluppo del vaccino contro l AIDS è, quindi, strumento di medicina preventiva (anche solo per tutti gli esami/analisi necessari allo screening dei soggetti che spesso svelano patologie misconosciute e/o iniziali) e di solidarietà. A questo proposito è nato anche un programma dall Ordine della Jarretière femminile chiamato La mia Africa in Italia, che, in cooperazione con l Istituto San Gallicano, si propone di dare supporto alla ricerca sul vaccino come strumento di integrazione e assistenza degli immigrati. 8. La Global Vaccine Enterprise (GVE). E una recente iniziativa presentata al meeting G8 di Sea Island (USA) sponsorizzata dalla Bill and Melinda Gates Foundation ed i National Institutes of Health (USA), che si propone di mettere in network tutte le istituzioni pubbliche e private (virtual institutes) focalizzate sui vari aspetti dello sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS a livello globale e di cofinanziare tutte le iniziative valide nell ambito di programmi nazionali, europei ed extraeuropei votati a questo scopo. A questo fine, ed in grande sinergia con il MAE, siamo riusciti ad inserire l Italia ed il programma nazionale AIDS, coordinato dall ISS, all interno della GVE, che sta muovendo i suoi primi passi verso un sicuro successo. La creazione di una fondazione ad hoc per lo sviluppo del vaccino, potrebbe rappresentare il meccanismo chiave per creare una struttura flessibile, trasparente che possa accogliere sia fondi pubblici che privati, nazionali ed internazionali unicamente votati allo scopo. PROGRAMMA TRASLAZIONALE DI UN VACCINO PER L HIV/AIDS: Cooperazioni Nazionali ed Internazionali Commissione EU IAVI FP6-AVIP MAE e Paesi in Via di Sviluppo CHIRON ICAV ISS Roma Scienza di Base (scoperta) Preclinico (validazione) Sviluppo/produzione GMP Regolamentazione per approvazione Trial clinici Capacity building USA - NIH - Global Vaccine Enterprise Università di Urbino (Struttura GMP) 13

14 In conclusione, questi vari esempi di progetti innovativi nella ricerca biomedica sottolineano la necessità di scelte istituzionali strategiche, la necessità di strutture idonee alla brevettazione dell innovazione e, quindi, al coinvolgimento del privato in una cooperazione pubblico-privato, che è la sola in grado di portare al cittadino i frutti della ricerca al fine di migliorarne la qualità di vita e risolvere i problemi connessi con le grandi malattie del secolo. Si spera che i meccanismi e i finanziamenti finalizzati a questi scopi ed i relativi meccanismi amministrativi siano sempre più efficaci, flessibili ed idonei a sostenere tale sviluppo, di cui ambedue le parti, sia il pubblico che il privato, possono grandemente avvantaggiarsi con il beneficio sia per i cittadini che per l occupazione di scienziati, personale tecnico specializzato e dei giovani. Una devolution che affondi le sue radici nella consapevolezza profonda della propria missione sociale e sappia quindi affrontare le difficoltà specifiche e valorizzare le potenzialità del tessuto sociale cui si rivolge nelle diverse aree geografiche può rappresentare uno strumento estremamente duttile ed efficace nel portare alla realizzazione sul campo di grandi progetti locali, regionali, nazionali, europei ed extraeuropei rivolti, in ultima analisi, al miglioramento della qualità della vita dei cittadini. 14

Sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS. Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Reparto AIDS Istituto Superiore di Sanità Roma, Italia

Sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS. Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Reparto AIDS Istituto Superiore di Sanità Roma, Italia Sviluppo di un vaccino contro l HIV/AIDS Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Reparto AIDS Istituto Superiore di Sanità Roma, Italia Numero stimato di adulti e bambini che vivevano con l infezione da HIV/AIDS alla

Dettagli

1 Dicembre 2009 Ferrara. Sviluppo di un vaccino contro l'aids. Riccardo Gavioli University of Ferrara

1 Dicembre 2009 Ferrara. Sviluppo di un vaccino contro l'aids. Riccardo Gavioli University of Ferrara 1 Dicembre 2009 Ferrara Sviluppo di un vaccino contro l'aids Riccardo Gavioli University of Ferrara Human Immunodeficiency Virus (HIV) AIDS identificato nel 1981 HIV isolato nel 1983 HIV è un virus a RNA

Dettagli

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155 Finanziato dalla Unione Europea Contratto No. FP6-RII3-026155 Visione d insieme della struttura di FP6 2 Finanziato dalla Unione Europea EUPRIM-NET European Primate Network: Infrastrutture Specializzate

Dettagli

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo 08/02/2011 L epidemia di HIV/AIDS nel mondo Gennaio 2011 Dipartimento di HIV/AIDS - OMS Dr. Antonio Gerbase L'infezione e la trasmissione 1 L'infezione, la malattia HIV (virus dell'immunodeficienza umana)

Dettagli

Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008. Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo

Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008. Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008 Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo Epidemiologia della infezione da HIV Diagnosi di infezione Terapia antiretrovirale Gravidanza

Dettagli

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS 800.861.061 Reparto Epidemiologia Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Istituto Superiore di Sanità QUESITI

Dettagli

Dr Angelico Carta 28 Novembre 2007 Azienda Ospedaliera Brotzu

Dr Angelico Carta 28 Novembre 2007 Azienda Ospedaliera Brotzu Dr Angelico Carta 28 Novembre 2007 Azienda Ospedaliera Brotzu Il nostro Paese e carente nella ricerca clinica finalizzata allo sviluppo e registrazione di farmaci. Fase Uno srl è un iniziativa che intende

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

San Marino, 5 gennaio 2010/1709 d.f.r. Prot. N. 8/2010

San Marino, 5 gennaio 2010/1709 d.f.r. Prot. N. 8/2010 Prot. N. 8/2010 San Marino, 5 gennaio 2010/1709 d.f.r. Ill.mo Claudio PODESCHI Segretario di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale, la Previdenza, la Famiglia e gli Affari Sociali, le Pari Opportunità

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

Roberto Fantozzi. Università di Torino. Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Roberto Fantozzi. Università di Torino. Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Roberto Fantozzi Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Università di Torino Comitato Etico Interaziendale A.O.U. Maggiore della Carità, Novara Regione Piemonte D.R.G. n. 25 6008 del 2013 Art.

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

The Michael j. Fox Foundation: UN MODELLO PER ACCELERARE LA RICERCA TRASLAZIONALE. Maurizio Facheris, MD, MSc

The Michael j. Fox Foundation: UN MODELLO PER ACCELERARE LA RICERCA TRASLAZIONALE. Maurizio Facheris, MD, MSc The Michael j. Fox Foundation: UN MODELLO PER ACCELERARE LA RICERCA TRASLAZIONALE Maurizio Facheris, MD, MSc La Michael J. Fox Foundation - MJFF PER PRODURRE UN NUOVO FARMACO PER LA MALATTIA DI PARKINSON

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Il nuovo Istituto di Ricerca Urologica al San Raffaele di Milano

Il nuovo Istituto di Ricerca Urologica al San Raffaele di Milano Il nuovo Istituto di Ricerca Urologica al San Raffaele di Milano Ogni anno 50 mila persone chiedono aiuto alla Urologia del San Raffaele per problemi di salute di varia natura Dai bambini agli anziani,

Dettagli

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA 1. PREMESSA 1.1. European Advanced Translational Research

Dettagli

XII Congresso Nazionale Società di Scienze Farmacologiche Applicate SSFA Crocevia dello sviluppo del farmaco

XII Congresso Nazionale Società di Scienze Farmacologiche Applicate SSFA Crocevia dello sviluppo del farmaco XII Congresso Nazionale Società di Scienze Farmacologiche Applicate SSFA Crocevia dello sviluppo del farmaco Prospettive della ricerca clinica in Italia Maurizio de Cicco, Vice Presidente Milano, 30 marzo

Dettagli

Il trasferimento all industria

Il trasferimento all industria Il trasferimento all industria Daniela Bellomo Direttore Centro di Trasferimento Biotecnologico Parco Scientifico San Raffaele Science Park Raf SpA Genova 28 Novembre 2007 INDICE DELLA PRESENTAZIONE La

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Alba Carola Finarelli, Erika Massimiliani Servizio Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Direttore, Dipartimento del Farmaco, Istituto Superiore di Sanità, Roma

Direttore, Dipartimento del Farmaco, Istituto Superiore di Sanità, Roma Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome Cognome STEFANO VELLA Indirizzo Istituto Superiore di Sanità (ISS) -Viale Regina Elena 299 00161 ROMA Telefono Fax E-mail Cittadinanza italiana Data

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005

DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005 DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005 Oggetto: FINANZIAMENTO DI STUDI CLINICI A DIRETTO GOVERNO REGIONALE. APPROVAZIONE DEL BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI DESTINATI A PROGETTI DI RICERCA

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

GOOD CLINICAL PRACTICES

GOOD CLINICAL PRACTICES GOOD CLINICAL PRACTICES Marco Ercolani, MD Trieste, 21 maggio 2008 GOOD CLINICAL PRACTICE UNA SERIE DI PRINCIPI CHE GUIDANO IL DISEGNO, LA CONDUZIONE, LA REGISTRAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEGLI STUDI CLINICI,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità

Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità XIII Convegno dell NFP: «Salute e migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali» Istituto Superiore

Dettagli

AIDS: oltre la malattia

AIDS: oltre la malattia AIDS: oltre la malattia PREMESSA L'Africa sub-sahariana è la regione maggiormente colpita dalla pandemia di HIV/AIDS: qui vivono 30 milioni di soggetti portatori di HIV (pari a tre quarti dei sieropositivi

Dettagli

Considero un grande onore, oltre che un privilegio, essere presente a questa

Considero un grande onore, oltre che un privilegio, essere presente a questa Considero un grande onore, oltre che un privilegio, essere presente a questa Cerimonia d inaugurazione di questa Università che considero già una grande Università. La grandezza di un istituzione come

Dettagli

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Sergio Dompé Presidente Farmindustria Malattie rare e disabilità Siamo rari ma tanti Roma, 1 dicembre 2006 Ogni quattro mesi, uno di vita in più Italia:

Dettagli

Boehringer Ingelheim. Obiettivo salute

Boehringer Ingelheim. Obiettivo salute Boehringer Ingelheim Obiettivo salute 124 anni di esperienza al servizio della salute Presente in 47 paesi con oltre 41.000 dipendenti Sedi Boehringer Ingelheim nel mondo Tra le prime 20 aziende farmaceutiche

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Scuola Diritti Umani 2005. Giovanni Foglia Manzillo

Scuola Diritti Umani 2005. Giovanni Foglia Manzillo Scuola Diritti Umani 2005 Giovanni Foglia Manzillo DIRITTO facoltà, tutelata dalla legge, di assumere un determinato comportamento in funzione dei propri interessi possibilità offerta e garantita ad una

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

Nerviano Medical Sciences

Nerviano Medical Sciences Nerviano Medical Sciences Sinergie ROL-NMS 28 gennaio 2011 1 Sinergie ROL/NMS 1. Apertura sistemica della ricerca di NMS da un lato verso il mondo accademico, regionale in primis ma nazionale e internazionale

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

Introduzione. Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Dott. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it PATOLOGIA da HIV / AIDS Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 La trasmissione infettiva... 3 Vie e modalità di trasmissione...

Dettagli

Il futuro dell Industria Farmaceutica: Lombardia, Italia, Europa

Il futuro dell Industria Farmaceutica: Lombardia, Italia, Europa Il futuro dell Industria Farmaceutica: Lombardia, Italia, Europa Milano, 21 settembre 07 di Roberto Formigoni Presidente della Regione Lombardia Sono lieto di intervenire oggi a questo appuntamento con

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

LA CAMPAGNA GLOBALE DELL UNICEF 2005-2010

LA CAMPAGNA GLOBALE DELL UNICEF 2005-2010 LA CAMPAGNA GLOBALE DELL UNICEF 2005-2010 Ogni minuto un bambino muore per cause collegate all HIV/AIDS. Ogni 15 secondi un adolescente tra 15 e 24 anni di età viene contagiato dall HIV. Nel mondo, 15,2

Dettagli

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica bambini vaccinati anche per i vaccini non obbligatori incentivando opportunamente il personale addetto alle vaccinazioni ed i pediatri di famiglia. Gli incentivi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo E-mail BIOCCA MARCO Nazionalità I Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) 2001-2011 Nome

Dettagli

SVILUPPO CLINICO: STUDI DI FASE E STUDI NON INTERVENTISTICI

SVILUPPO CLINICO: STUDI DI FASE E STUDI NON INTERVENTISTICI Clinical Education Program www.pharmaeducationcenter.it SVILUPPO CLINICO: STUDI DI FASE E STUDI NON INTERVENTISTICI 24 Novembre 2015 Firenze - Sede Pharma Education Center Fasi di sviluppo clinico e preclinico

Dettagli

IL Vaccino Italiano contro l AIDSl

IL Vaccino Italiano contro l AIDSl IL Vaccino Italiano contro l AIDSl Palazzo della Cultura, Latina 9 Ottobre 2009 Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Centro Nazionale AIDS Istituto Superiore di Sanità Roma, Italia Numero stimato di adulti e bambini

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

Ufficio Stampa mercoledì 17 dicembre 2014. Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione

Ufficio Stampa mercoledì 17 dicembre 2014. Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione PRATO La generosità della Fondazione Sandro Pitigliani per la lotta contro i tumori Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione Strumenti ed attrezzature per migliorare

Dettagli

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema La Fondazione Neuromed è un organizzazione relativamente giovane, nata nel

Dettagli

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST VENTICINQUE ANNI DI ATTIVITÀ DEL TELEFONO VERDE AIDS E IST DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: DAL COUNSELLING TELEFONICO ALL INTERVENTO IN RETE Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione

Dettagli

ALLEGATO 1a ALLA DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI AD USO UMANO

ALLEGATO 1a ALLA DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI AD USO UMANO AZIENDE OSPEDALIERE DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE A.CARDARELLI/SANTOBO PAULIPON COMITATO ETICO Tel/fax: 081/7472553 e-mail : comitato.etico@aocardarelli.it ALLEGATO 1a ALLA DOMANDA DI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITA

DELIBERAZIONE N. DEL FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITA REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 154 14/04/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 5412 DEL 09/04/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO Prot.

Dettagli

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE L UFFICIO RICERCHE CLINICHE E LE SPERIMENTAZIONE CLINICHE NELL IRCCS OSPEDALE SAN RAFFAELE Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche IRCCS Ospedale

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Incentivazione della ricerca clinica in Italia

Incentivazione della ricerca clinica in Italia Incentivazione della ricerca clinica in Italia Documento di posizione a cura del Gruppo di lavoro Farmaco Biotech, sottogruppo Sperimentazione Clinica Lo scenario di riferimento Nel contesto europeo l

Dettagli

Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria.

Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria. WORKSHOP Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria. 9 10 Novembre 2005 REPV BBLICA ITA LIANA Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena,299 - Roma Infezione da HPV: dalla

Dettagli

Domande e Risposte sul vaccino italiano per l AIDS Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Direttore del Centro Nazionale AIDS dell Istituto Superiore di sanità

Domande e Risposte sul vaccino italiano per l AIDS Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Direttore del Centro Nazionale AIDS dell Istituto Superiore di sanità Domande e Risposte sul vaccino italiano per l AIDS Barbara Ensoli, M.D., Ph.D. Direttore del Centro Nazionale AIDS dell Istituto Superiore di sanità A. Sugli attacchi al vaccino italiano per l'aids (vaccino

Dettagli

Programma di Ricerca Regione - Università. Bando Giovani Ricercatori Alessandro Liberati 2013. (Area 1 Ricerca Innovativa )

Programma di Ricerca Regione - Università. Bando Giovani Ricercatori Alessandro Liberati 2013. (Area 1 Ricerca Innovativa ) Programma di Ricerca Regione - Università (Area 1 Ricerca Innovativa ) 1. Finalità e caratteristiche generali Il Servizio sanitario regionale (SSR) ha identificato la ricerca come sua funzione istituzionale

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Giuseppe Colpani Direttore Generale, AREA Science Park IV Convegno Codau, Venezia, 22-23 settembre 2006 Spunti relazione La Torre

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

CELLULE STAMINALI DA TESSUTO ADULTO

CELLULE STAMINALI DA TESSUTO ADULTO FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE BRESCIA ASSOCIAZIONE ITALIANA COLTURE CELLULARI-ONLUS (ITALIAN BRANCH OF THE EUROPEAN TISSUE CULTURE SOCIETY) CENTRO SUBSTRATI CELLULARI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO

Dettagli

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna.

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE N 1485 d iniziativa del deputato VARGIU Presentata il

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE. Virginia Di Bari. Nome e Cognome Indirizzo

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE. Virginia Di Bari. Nome e Cognome Indirizzo VIRGINIA DI BARI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo Virginia Di Bari Telefono 06 55 170 942 Fax E-mail Nazionalità INMI L. Spallanzani IRCCS, Dipartimento di Epidemiologia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GUALTIERO WALTER RICCIARDI L.go Francesco Vito.1 00168 Roma Telefono 06/35019534 Fax 06/35019535

Dettagli

Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007

Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007 Decreto Legislativo n. 200 del 6 novembre 2007 Attuazione della direttiva 2005/28/CE relativa ai principi e le linee guida dettagliate per la buona pratica clinica, ai medicinali in fase di sperimentazione

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n.229/99; DL n. 269 del 30/9/2003

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna

Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna Dal 17 febbraio all 8 agosto 2014, la LILA ha messo in

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCO TOSI Indirizzo Via A. Cecchi 9/3 I-20146 Milano Telefono +39 348 3229836 Fax E-mail C.F. Nazionalità marco_tosi@fastwebnet.it

Dettagli

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO STATUTARIO DEL COMITATO ETICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Art. 1 Costituzione Il Comitato Etico della Provincia di Bergamo (di seguito CE) è un organismo indipendente istituito con Delibera

Dettagli

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS P rogramma Regionale sulle Dipendenze n 05 Anno 2009 ADOLESCENZA DROG HE E AIDS Programma Regionale sulle Dipendenze - Regione Veneto TEEN s PAPER n 05 - Anno 2009 A cura di: Dipartimento delle Dipendenze

Dettagli

CONSORZIO CREDITS4HEALTH - PARTNER

CONSORZIO CREDITS4HEALTH - PARTNER CONSORZIO CREDITS4HEALTH - PARTNER UNIFI Università degli Studi di Firenze L Università degli studi di Firenze (UNIFI), grazie ai suoi 24 Dipartimenti raggruppati in 5 Aree di studio, rappresenta un punto

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Estensori: Paolo Bruzzi Giorgio Musso GianMario Sambuceti Del Dipartimento Salute: Cristina Grandi Simonetta Oliveri Laura Paleari Gabriella Paoli

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

I nuovi modelli del Sistema Sanità: sostenibilità, digitalizzazione ed innovazione

I nuovi modelli del Sistema Sanità: sostenibilità, digitalizzazione ed innovazione 4 HEALTHCARE SUMMIT I nuovi modelli del Sistema Sanità: sostenibilità, digitalizzazione ed innovazione Contributo alla tavola rotonda: Nuovi Business Models ed Innovazione Tecnologica per il SSN: risparmiare

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI UMANITARI N 2 anno 2010

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI UMANITARI N 2 anno 2010 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI UMANITARI N 2 anno 2010 La Fondazione HLF - Human Life Fund con sede in Roma, Via G. Carissimi, n. 26, C.F. [97324910583] (di seguito HLF

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità

M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità Milano Italy M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità Da giugno 2010 a febbraio 2011 www.sdabocconi.it/masan Empower your vision significa confrontarsi e acquisire prospettive differenti

Dettagli

O R I G I N A L E R E G I O N P U G L. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

O R I G I N A L E R E G I O N P U G L. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N P U G L E IA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area: POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Codice CIFRA: ATP / DEL / 2013 / OGGETTO:

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca Ricerca si cura meglio dove si fa ricerca Si cura meglio dove si fa ricerca Il grande impegno del Centro CARDIOLOGICO Monzino nella ricerca permette di ottenere risultati che tempestivamente possono essere

Dettagli