AUTODROMO DI LOMBARDORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTODROMO DI LOMBARDORE"

Transcript

1 AUTODROMO DI LOMBARDORE ANALISI DELLE ESTERNALITÀ SOCIALI, ECONOMICHE E AMBIENTALI E INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI RISANAMENTO E INTEGRAZIONE 15 maggio 2008 Life Cycle Engineering Studio Ingegneri Associati c/o Environment park Via Livorno, TORINO tel fax Studio Paglia Associati Via per Cuceglio, Agliè (TO) tel fax

2 Studio realizzato da: Life Cycle Engineering (LCE) si occupa dall'inizio degli anni '90 di analisi del ciclo di vita (LCA, Life Cycle Assessment), è specializzato in Bilanci Ambientali, Progettazione Sostenibile (eco-design), reporting ambientale, etichettatura ecologica (Ecolabel e Dichiarazioni Ambientali di Prodotto - EPD), carbon management/emission trading (Protocollo di Kyoto) e consulenza per sistemi di gestione ambientale (ISO e EMAS) e per sistemi di acquisti verdi (Green Public Procurement). E' inoltre punto di riferimento per attività di formazione su questi temi sia a livello post lauream, sia aziendale (company seminars). Studio LCE è corrispondente per l'italia di Boustead Consulting Ltd., società inglese con esperienza trentennale nel settore dell'analisi del ciclo di vita (LCA) e di Granta Design Ltd., società inglese collegata all'università di Cambridge che svolge attività di supporto ad attività di scelta dei materiali e progettazione sostenibile. Lo Studio Paglia, con le due sedi di Agliè e di Torino, è una radicata struttura interprofessionale di consolidata esperienza ed elevata specializzazione in materia urbanistica. In particolare, dal 1993, è attivo nel settore della progettazione, della consulenza, della pianificazione e dell analisi urbanistica, occupandosi della redazione di: Piani Regolatori Generali e loro Varianti (strutturali e non); indagini sui sistemi urbani e territoriali, sul patrimonio edilizio e sullo stato attuativo dei PRG; Piani Urbani del Traffico; Piani del colore e dell arredo urbano; Piani Particolareggiati Esecutivi; Piani di Recupero; Piani per l Edilizia Economica e Popolare; Piani per gli Insediamenti Produttivi; Piani Esecutivi Convenzionati. Lo Studio Paglia fornisce inoltre consulenze specialistiche ad Amministrazioni pubbliche, soggetti privati e studi legali. con la gentile collaborazione del Dott. Stefano Roletti Fisico esperto di acustica e campi elettromagnetici e Progettista Turistico 1

3 sintesi del progetto Già negli anni 70 nella Valle del Torrente Fisca, laddove attualmente esercita la propria attività l Autodromo di Lombardore sotto la gestione della Motors Park Torino s.r.l, venivano svolte attività motoristiche principalmente su percorsi sterrati. Le competizioni, che in un primo tempo si svolgevano a livello amatoriale, si sono poi trasformate in gare di livello agonistico. Dal 1989 la pista, definitivamente tracciata ed asfaltata, ha assunto la propria configurazione attuale, con la funzione di ospitare gare e manifestazioni di velocità per moto ed auto sportive. A causa delle problematiche insorte negli anni e legate, soprattutto, al disturbo acustico generato dai mezzi circolanti sul circuito presso le vicine abitazioni, l attività dell Autodromo è stata fortemente limitata con una serie di provvedimenti ed ordinanze comunali, sia per quanto riguarda i periodi di apertura che la possibilità di ospitare gare e manifestazioni ufficiali. Questo progetto si pone come obiettivo quello di valutare le esternalità ambientali, sociali ed economiche, sia positive che negative, connesse all attività dell Autodromo di Lombardore tramite analisi tecnico-ambientali, economiche, di mercato e sociali connesse allo sviluppo del territorio. Inoltre verranno affrontate e valutate anche alcune delle più verosimili misure di risanamento e integrazione attuabili. L analisi, basata su un fondamento tecnico-scientifico, è destinata soprattutto al decisore politico locale, con il fine di agevolare la comprensione delle dinamiche sociali ed economiche territoriali connesse alla presenza di tale struttura nel comune di Lombardore e di poter valutare la ricaduta di eventuali scelte future riguardanti l area in oggetto. Nel progetto sono stati coinvolti diversi portatori di interesse individuabili sul territorio comunale dovendo, a volte prendere in considerazione anche stakeholder di zone limitrofe. Nello specifico sono stati contattati: il comune di Lombardore, i fruitori dell'autodromo, la proprietà dell'autodromo, i 2

4 cittadini di Lombardore, le attività commerciali e turistiche, le officine meccaniche e le riviste di settore. Attraverso varie modalità di raccolta dati sono state reperite, direttamente ed indirettamente, informazioni che hanno permesso effettuare una valutazione quali-quantitativa della situazione attuale in riferimento ai parametri ambientali, economici e sociali individuati come significativi. Gli indicatori utilizzati sono stati i seguenti: Esternalità Ambientali: inquinamento acustico, uso del suolo e paesaggio; Esternalità Economiche: contributo allo sviluppo dell economia locale, benefici economici immediati, sviluppo indotto turistico, contributo all immagine del territorio; Esternalità Sociali: utilità come valvola di sfogo, incidenza sul traffico, contributo all educazione stradale. I risultati di tale analisi possono essere riassunti con le seguenti considerazioni: la valutazione delle esternalità ambientali non può considerarsi negativa nel complesso; persistono alcune criticità non risolte legate al disturbo acustico generato dall attività dell autodromo, presso alcune abitazioni della vicina zona residenziale; allo stato attuale la localizzazione del circuito nella zona non è avvertita come un problema: viene, invece, giudicata negativamente la possibilità di un eventuale estensione del circuito verso la zona ambientalmente più integra occupata dal Parco delle Vaude; la valutazione delle esternalità economiche connesse all autodromo è decisamente negativa in relazione ad ognuno dei parametri considerati; i benefici economici derivanti dall attività del circuito sono irrilevanti per la collettività e limitati a pochi esercizi spiccatamente settoriali e di nicchia; allo stato attuale né le attività commerciali né il settore turistico godono di alcun vantaggio dalla presenza dell autodromo sul territorio; 3

5 la funzione sociale che è e può potenzialmente essere espletata dall autodromo per il territorio, viene giudicata positivamente da tutti gli stakeholder; le attuali possibilità di azione del circuito risultano molto limitate e, di conseguenza, le potenzialità di una simile struttura possono trovare una scarsa concretizzazione; viene generalmente ravvisato il grande calo di notorietà subita negli ultimi anni dal circuito, con conseguente perdita di immagine per il comune, il cui nome è spesso associato alla fama di tale attività; tutti i parametri per i quali è stato possibile effettuare una valutazione risultano incompatibili con i vari documenti di programmazione e pianificazione strategica urbanistica, economica e turistica presi in considerazione. In base ai tali risultati, alle linee programmatiche locali e sovra locali, al contesto attuale nel quale opera l autodromo ed alle reali possibilità/potenzialità del territorio, sono state ipotizzate e valutate cinque possibili alternative di sviluppo strutturale e funzionale del circuito: A. Mantenimento dell impianto nelle condizioni attuali: mantenimento delle attuali condizioni strutturali e di funzionamento, senza alcun intervento di modifica, integrazione e/o miglioramento. L attività dell autodromo proseguirebbe la propria attività come allo stato attuale, con le limitazioni imposte dalle autorità comunali. Non si provvederebbe, in tal caso, alla risoluzione delle problematiche connesse al disturbo acustico; B. Mantenimento dell impianto nelle condizioni attuali con interventi di mitigazione acustica: scenario comportante la realizzazione di interventi strutturali di mitigazione acustica (barriere fono-assorbenti o fono-isolanti) nel rispetto della classificazione acustica alla quale è soggetta l area ed in conformità a quanto previsto dall art. 5 del d.p.r. n. 304 del In tal caso l autodromo rientrerebbe dei provvedimenti adottati in mora della realizzazione di opere di abbattimento del disturbo acustico da esso generato; 4

6 C. Mantenimento dell impianto nelle condizioni attuali con interventi di mitigazione acustica e riconversione funzionale: l impianto verrebbe rivalutato senza modifiche strutturali al circuito, se non quelle concernenti gli imprescindibili interventi di bonifica acustica. La rivalutazione del sito seguirebbe i canali di sviluppo indicati nelle linee di programmazione e sviluppo locali : gli interventi di riconversione sarebbero limitati ad un re-indirizzamento funzionale dell impianto, con integrazione, rispetto alle attività svolte attualmente, di nuove iniziative ed eventi in grado di coinvolgere un bacino di utenza più vasto a maggiormente differenziato; D. Integrazione funzionale ed ampliamento dell impianto: ampliamento circuito verso ovest, fino al limitare del Parco della Vauda (per uno sviluppo complessivo di metri) con integrazione della struttura sportiva anche con servizi complementari, quali area meeting, strutture ricettive per gli ospiti naturali dell autodromo (commissari di gara, responsabili delle federazioni, etc.), uffici direzionali e amministrativi, in modo da renderla idonea ad ottenere le licenze necessarie ad ospitare gare fino a livello internazionale e da risolvere, contemporaneamente, le problematiche esistenti in merito al disturbo acustico presso le zone limitrofe. E. Riconversione strutturale e funzionale del sito: prevede la riconversione del sito, con conseguente smantellamento dell impianto esistente, così come previsto dal vigente PRGC, che reindirizza il sito verso la realizzazione di strutture per il tempo libero (turismo dolce, culturale ed ecologico). Gli indicatori utilizzati per la valutazione dei diversi scenari sono: Indicatori Ambientali: riduzione dell inquinamento acustico, grado di tutela della risorsa suolo, contenimento dell impatto paesaggistico; Indicatori Economici: contenimento dei costi di intervento / realizzazione, contributo allo sviluppo dell economia locale, sviluppo indotto turistico e contributo all immagine del territorio; 5

7 Indicatori Sociali: ampliamento del bacino di utenza, coerenza con gli indirizzi di sviluppo territoriale, creazione nuove opportunità lavorative. La valutazione degli scenari è stata effettuata tramite un sistema a punteggio dal quale scaturisce un giudizio qualitativo delle possibili alternative, effettuato in base ai diversi parametri sopra descritti. Su un punteggio massimo raggiungibile di 72 punti (si rimanda al capitolo 8.2 per una descrizione approfondita del metodo) la migliore alternativa è risultata quella descritta dallo scenario E - Riconversione strutturale e funzionale del sito (44 punti), che si prospetta come la soluzione più idonea, sia in riferimento alle possibili ricadute sul territorio, sia in relazione alla soluzione delle problematiche ambientali e paesaggistiche, sia per la conformità con gli indirizzi della pianificazione urbanistica locale e con gli orientamenti provinciali e Regionali in materia di turismo e valorizzazione del territorio. Va, però, considerato il fatto che tale soluzione comporta un notevole dispendio di risorse economiche, oltre che la volontà politica e culturale di indirizzare la crescita del territorio comunale verso forme socio-economiche che in Italia ancora non hanno un ruolo di grande rilievo. Più facilmente realizzabile, in una prospettiva futura a breve termine, appare invece lo scenario C - Mantenimento dell impianto nelle condizioni attuali con interventi di mitigazione acustica e riconversione funzionale (30 punti): ferma restando la necessità di sostenere un importante spesa per gli interventi di mitigazione acustica, la differenziazione dell offerta e l individuazione di manifestazioni collaterali anche non strettamente connesse al mondo dei motori, possono senza dubbio avere come risultato un significativo ampliamento del bacino di utenza della struttura. Gli indirizzi della strumentazione urbanistica locale, come quelli evidenziati dagli strumenti di pianificazione economico-strategica e di orientamento turistico, enfatizzano il ruolo della Riserva Naturale della Vauda e, in linea generale, l importanza di risorse di questo tipo all interno dello sviluppo delle forme di turismo e di fruizione cosiddette dolci. Questa alternativa, inoltre, è 6

8 preferibile agli scenari A e B anche poiché garantisce maggiori benefici in relazione agli aspetti sociali ed economici. Meno idonee al contesto appaiono, invece, le alternative offerte dagli altri scenari: scenario D - Integrazione funzionale ed ampliamento dell impianto (24 punti): da tale alternativa emergono alcuni contributi positivi relativamente alle esternalità sociali ed economiche. Permarrebbero ancora, invece, criticità legate ad alcuni aspetti ambientali, agli elevati costi di intervento ed una sostanziale incongruenza con gli indirizzi di sviluppo e programmazione territoriale, scenario B - Mantenimento dell impianto nelle condizioni attuali con interventi di mitigazione acustica (20 punti): pur prevedendo interventi di mitigazione del disturbo acustico, risulta penalizzato rispetto allo scenario D, a causa della meno favorevole valutazione delle esternalità correlate agli indicatori socio-economici, come il contenimento dei costi di intervento, il contributo allo sviluppo dell economia locale, lo sviluppo di un indotto turistico nonché in minor accrescimento potenziale del bacino di utenza; scenario A - Mantenimento dell impianto nelle condizioni attuali (15 punti): risulta la peggiore alternativa, ad eccezione della voce costi di intervento che, in questo caso, sarebbero limitati alle sole spese di gestione e manutenzione della struttura. Il mantenimento della situazione attuale non contribuisce, inoltre, in alcun modo alla mitigazione delle problematiche acustiche legate all attività dell impianto. L alternativa di non effettuare alcun tipo di azione sulla struttura risulta, perciò, inaccettabile ai fini di una migliore integrazione dell attività nel contesto territoriale e socio-economico locale. Esempi di progetti ed iniziative che potrebbero essere promossi nell eventualità di un intervento in linea con le prospettive descritte dallo scenario C, potrebbero riguardare: iniziative, connesse al settore moto ed automobilistico, a favore dello sviluppo di tecnologie innovative, pulite e più leggere per l ambiente 7

9 (gare di auto solari/elettriche, ecc ); promozione di progetti finalizzati all educazione stradale ed alla guida sicura in convenzione con enti ed associazioni del settore; supporto logistico per lo svolgimento di eventi sportivi/culturali realizzati in collaborazione con enti locali, associazioni, musei, ecc (es: museo dell automobile di Rivarolo, ecc ). 8

10 indice 1 obiettivi del progetto pag descrizione dell autodromo pag storia del circuito pag collocazione del sito pag accessibilità del sito pag informazioni generali pag studio delle problematiche acustiche pag il quadro normativo di riferimento pag il caso Lombardore pag caratteristiche idro-geologiche del sito pag linee di programmazione e sviluppo locali pag pianificazione urbanistica e territoriale locale pag programmazione economico-strategica territoriale pag il panorama dei circuiti motoristici in Italia pag i circuiti italiani pag il bacino di utenza dell area piemontese pag analisi delle esternalità allo stato attuale pag metodologia adottata pag identificazione degli stakeholder ed informazioni acquisite pag analisi delle informazioni raccolte pag valutazione delle esternalità pag analisi delle possibili alternative di sviluppo pag individuazione degli scenari pag valutazione degli scenari individuati pag giudizio sintetico sugli scenari di intervento individuati pag sintesi dei risultati pag analisi della migliore alternativa individuata pag. 85 allegati pag. 93 9

11 1 obiettivi del progetto La finalità del progetto è la valutazione delle esternalità ambientali, sociali ed economiche connesse all attività dell Autodromo di Lombardore e delle possibili misure di risanamento e integrazione attuabili. Il raggiungimento dell obiettivo avviene attraverso un percorso articolato e complesso poiché comprende considerazioni tecnico-ambientali, economiche, di mercato, sociali connesse allo sviluppo del territorio tutte e, soprattutto, strettamente correlate alle relazioni con le varie parti interessate dalla presenza e dal funzionamento dell autodromo allo stato attuale. I principali obiettivi secondo i quali lo studio è sviluppato sono: a) l identificazione delle esternalità, positive e negative, generate dall autodromo di Lombardore; b) un analisi qualitativa dei costi e dei benefici derivanti all ambiente e alla comunità locale dal funzionamento dell autodromo, con l identificazione delle caratteristiche del rapporto tra la struttura e il territorio in termini di impatto, fattori di rischio e opportunità di sviluppo, ecc ; c) l individuazione e descrizione delle possibili azioni che possono essere realizzate dalla Provincia di Torino o da eventuali altri soggetti, per consentire il miglioramento dell integrazione tra l autodromo e il territorio circostante, con il fine ultimo di giungere al risanamento complessivo dell area. L analisi è strutturata in modo da restituire risultati basati su un fondamento tecnico-scientifico oltre che facilmente comprensibili e fruibili da parte dei decisori locali. L approccio utilizzato è organizzato schematicamente secondo gli scenari più verosimili e significativi, tramite i quali è possibile confrontare la situazione attuale con alcuni progetti di possibile riqualificazione, integrazione o riconversione. 10

12 2 descrizione dell autodromo 2.1 storia del circuito Il circuito di Lombardore è stato inaugurato nel 1989, dopo nove mesi di lavoro che avevano trasformato l originario tracciato di autocross in un autodromo vero e proprio, unica struttura di questo genere nell area Piemontese, ma importante punto di riferimento anche per la Liguria e la Valle d Aosta. Il circuito nasce in realtà come un tracciato destinato, in via prioritaria, allo svolgimento di test per le auto da corsa, che venivano progettate e costruite dal proprietario, Ezio de Rosa; la sua unicità rispetto all area territoriale in cui è collocato ha, però, in breve portato il circuito di Lombardore a diventare un punto di incontro imprescindibile per tutti gli appassionati di motori piemontesi. Il circuito, nella sua conformazione planimetrica attuale, differisce notevolmente da quello originario a seguito di modifiche strutturali delle quali di seguito si un breve resoconto. All'inizio del 1973 pareva ormai certa la costruzione di un autodromo a Lombardore: sembrava non ci fossero né problemi economici, né politici, né burocratici. Le figure 2.2/2.3 schematizzano le due Figura 2.1 Prima ipotesi di tracciato del 1973 ipotesi di tracciato risalenti all epoca. All'inizio della primavera del 1973 iniziarono i lavori di tracciamento dei 400 metri di rettilineo davanti ai box, della prima curva a destra e del successivo rettilineo fino al torrente Fisca e, entro la fine dell anno, fu completata 11

13 l'acquisizione di tutti i terreni ed il tracciamento definitivo della pista. Era allora previsto anche un allungamento del tracciato a circa 6 km e la creazione di impianti sportivi di fatto mai realizzati. Figura 2.2 Ipotesi di tracciato alternativa proposta nel 1973 Costruito un tratto di circa 1,5 km e fatti alcuni lavori di sbancamento, il tracciato fu modificato rispetto ai progetti iniziali, come si può notare dalla mappa in figura 2.3. Figura 2.3 Tracciato modificato rispetto al primo progetto del Figura 2.4 Tracciato del circuito attivo fino al 1986 Nel frattempo i 400 azionisti della «Autodromo Torino - Lombardore» finanziarono circa la metà del capitale da raggiungere entro la fine del La costruzione del circuito, però, subì un interruzione ed i lavori non vennero ultimati. Dopo il tentativo fallito di costruire il circuito nel 1973, viene realizzato un circuito di autocross lungo circa 1,3 km, su fondo sterrato ed utilizzato probabilmente fino al 1985 o 1986, denominato Circuito Pietro Ostorero (figura 2.4). Dopo 3 anni di chiusura, il tracciato 12

14 fu asfaltato e riconvertito in autodromo. Il circuito, inaugurato il 23 luglio 1989 (figura 2.5), corrisponde per forma e sviluppo (circa 1,1 Km) al tracciato attuale. Successivamente furono presentati alcuni progetti, mai realizzati, per una variante di circa m, con allungamento del rettilineo box da 200 a 400 m. e per un nuovo possibile allungamento a metri. conformazione circuito lungo conformazione circuito breve Figura 2.5 Conformazione attuale del circuito di Lombardore risalente al 1989 Il circuito presenta, inoltre, la possibilità di sfruttare una variante per l utilizzo di un circuito corto adatto, per esempio, ai Go-kart, ma questa non viene attualmente sfruttata. Il tracciato attuale ha una lunghezza di metri, con una larghezza di carreggiata compresa tra i 10 e i 12 metri; comprendendo anche l area del paddock la superficie asfaltata complessiva è di circa m 2, a fronte dei circa inerbiti. Il circuito è dotato di una serie di spazi di servizio, quali un ampia tettoiabox, un bar con servizi che copre un utenza di circa 200 posti. La conformazione morfologica del sito regala all impianto ampi tratti di tribuna naturale (allo stato attuale il circuito non è invece dotato di tribune vere e proprie), per una capienza complessiva di poco più di posti. 13

15 2.2 collocazione del sito L autodromo è localizzato nella piccola valle del torrente Fisca, a ovest del nucleo abitato del centro storico. Figura 2.6 Localizzazione del Comune di Lombardore in riferimento alla città di Torino 14

16 GRANGE DI FRONT BOSCONERO RIVAROSSA CASELLE SAN BENIGNO LEINÌ VOLPIANO Figura 2.7 Localizzazione dell Autodromo di Lombardore con le principali vie di accesso e comunicazione. Figura 2.8 Alcune immagini aeree del circuito di Lombardore. 15

17 Figura 2.9 fotogramma aereo dell area (fonte: sito web della provincia di Torino) 2.3 accessibilità del sito L area di Lombardore è servita da importanti infrastrutture, che garantiscono al circuito un buon livello di accessibilità: La SS460, e il suo collegamento con la tangenziale torinese; L autostrada A4 (Milano Torino); L autostrada A5 (Torino-Aosta); L aeroporto di Caselle. 2.4 informazioni generali La struttura è aperta al pubblico 4 giorni e un pomeriggio a settimana, dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 18,30. Oltre ad aver ospitato alcune gare (come quelle relative ai campionati regionali di Motovelocità) e ad essere utilizzato come circuito per lo svolgimento di sessioni di prove libere e di test motociclistici e automobilistici, l autodromo ospita numerose manifestazioni: negli anni scorsi si sono svolti ad esempio il Memorial Alboreto e una delle tappe del raduno Euro Vespa del

18 In alcuni casi la struttura è stata utilizzata come set per spot pubblicitari, e ha anche ospitato eventi non direttamente correlati con il mondo dei motori, quali la recente Giornata sui pony, organizzata in collaborazione con la Polizia di Stato, che oltretutto utilizza abitualmente il circuito per le sue prove, per i corsi di guida delle reclute e per giornate dedicate all educazione stradale. Il circuito è omologato per attività sportive da CSAI (Commissione Sportiva Automobilistica Italiana) e FMI (Federazione Motociclistica Italiana), come più approfonditamente specificato al paragrafo

19 3 studio delle problematiche acustiche Una specifica attenzione è dedicata alla problematica dell inquinamento acustico ambientale generato dall Autodromo di Lombardore. Problematica che costituisce di certo una della motivazioni primarie che hanno indotto la Provincia di Torino a commissionare la realizzazione del presente studio di prospettiva. Dal punto di vista della problematica inquinamento acustico ambientale si è proceduto a compiere un analisi dello stato attuale e delle vicende storiche. Un analisi indispensabile per poter acquisire informazioni necessarie per l elaborazione dello studio, in quanto inerenti alcuni aspetti: aspetti ambientali: il grado di compromissione ambientale determinato dalle emissioni rumorose. A latere risulta utile conoscere le altre problematiche ambientali indotte dalla struttura sportiva (emissioni atmosferiche, rifiuti, traffico indotto,...); aspetti tecnico-amministrativo-legali: le attività, nel senso ampio del termine, di carattere tecnico-amministrativo-legale che hanno interessato e interessano la struttura sportiva. L analisi svolta ha interessato la documentazione amministrativo-tecnica resa disponibile dalla Provincia di Torino. Si è inoltre analizzato il quadro normativo di riferimento (legislazione nazionale e regionale e piani comunali relativi all inquinamento acustico) al fine di poter delineare per il caso specifico le possibili conseguenze derivanti dall applicazione delle disposizioni legislative vigenti. Infine, per poter affrontare il presente studio con un approccio che tenga conto dell esperienza maturata in situazioni analoghe, vengono analizzati alcuni casi studio del territorio nazionale (Autodromo di Monza, Circuito del Mugello,...). 18

20 3.1 il quadro normativo di riferimento L inquinamento acustico rappresenta una delle criticità ambientali maggiormente avvertite dalla popolazione e costituisce una rilevante e diffusa causa di disturbo e di conseguente riduzione della qualità della vita. Al fine di eliminare o limitare gli effetti di questo fattore inquinante strettamente connesso alle dinamiche di sviluppo socio-economico dei paesi industrializzati, risulta necessario intraprendere un processo di pianificazione territoriale globale che, sulla base dei principi di sostenibilità ambientale, consideri ed integri le esigenze di ogni elemento del territorio. La legislazione italiana ha affrontato questo complesso problema ambientale attraverso la Legge Quadro n 447 del 26 ottobre 1995, che stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell ambiente esterno e dell ambiente abitativo dall inquinamento acustico. Tra gli strumenti previsti dalla L. 447/95, risultano di importanza strategica la classificazione acustica del territorio, comunemente denominata zonizzazione acustica, e il conseguente Piano di Risanamento Acustico comunale (PRA). In posizione intermedia nel processo di controllo e contenimento dell inquinamento acustico delineato dalla L. 447/95 si collocano invece le valutazioni di impatto acustico e di clima acustico, azioni obbligatorie rispettivamente nei casi di nuove sorgenti di rumore rilevanti e di nuovi soggetti con elevata sensibilità all inquinamento acustico. L architettura normativa progettata dal legislatore e resa esecutiva attraverso la Legge Quadro 447/95, prevede l emanazione di numerosi decreti attuativi finalizzati a normare singolarmente ogni specificità amministrativa e tecnica propria delle problematiche connesse all inquinamento acustico ambientale. Tale impostazione determina un quadro normativo non ancora del tutto completo. Il quadro normativo di riferimento generale per la valutazione dell inquinamento acustico ambientale prodotto da impianti assimilabili all Autodromo di Lombardore è costituito dai seguenti provvedimenti legislativi: 19

21 Legge Quadro sull inquinamento acustico n 447 del 26 ottobre 1995; Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore del 14 novembre 1997; Decreto del Ministero dell Ambiente Tecniche di rilevamento e di misurazione dell inquinamento acustico del 16 marzo 1998; Decreto del Presidente della Repubblica n 341 Disciplina delle emissioni sonore di attività motoristiche del 3 aprile 2001 Legge Regionale n 52 Disposizioni per la tutela dell ambiente in materia di inquinamento acustico, del 20 ottobre Il D.P.C.M. Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore del 14/11/1997 definisce le classi di destinazione d uso del territorio e fissa i corrispondenti valori limite di emissione, i valori limite assoluti e differenziali di immissione, i valori di attenzione e di qualità; le classi di destinazione d uso sono quelle di riferimento per i Comuni per effettuare la progettazione del Piano di Classificazione Acustica. I limiti di emissione si applicano alle aree circostanti alle sorgenti utilizzate da persone e comunità. Nella tabella 3.1 si riportano i valori limite di emissione differenziati in funzione della classe acustica e del periodo di riferimento (diurno e notturno). VALORI LIMITE DI EMISSIONE (db(a)) CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO Periodo diurno ( ) Periodo notturno ( ) I aree particolarmente protette II aree ad uso prevalentemente residenziale III aree di tipo misto IV aree di intensa attività umana V aree prevalentemente industriali VI aree esclusivamente industriali Tabella Valori limite di emissione I limiti assoluti di immissione si applicano al rumore immesso nell ambiente esterno dall insieme di tutte le sorgenti significative in rapporto all area di studio. Nella successiva tabella 3.2 si riportano i valori limite assoluti di immissione differenziati in funzione della classe acustica e del periodo di riferimento (diurno e notturno). 20

22 VALORI LIMITE DI IMMISSIONE (db(a)) CLASSIFICAZIONE DEL TERRITORIO Periodo diurno ( ) Periodo notturno ( ) I aree particolarmente protette II aree ad uso prevalentemente residenziale III aree di tipo misto IV aree di intensa attività umana V aree prevalentemente industriali VI aree esclusivamente industriali Tabella Valori limite assoluti di immissione I limiti assoluti di immissione sono riferiti, come specificato dal Decreto del Ministero dell Ambiente Tecniche di rilevamento e misurazione dell inquinamento acustico del 16 marzo 1998, all ambiente esterno in prossimità o in corrispondenza dei ricettori. I limiti assoluti di immissione non si applicano al rumore derivante dalle infrastrutture dei trasporti (stradali, ferroviarie, marittime, aeroportuali e altre sorgenti di cui all art. 11 comma 1 L. 447/95) all interno delle fasce di pertinenza delle infrastrutture stesse. In questi casi la verifica della conformità normativa dei livelli di rumore ambientale dovrà essere effettuata in modo distinto a seconda del tipo di sorgente di rumore, in particolare: rumore derivante dall infrastruttura dei trasporti: confronto con i limiti specifici della fascia di pertinenza associata all infrastruttura; rumore proveniente dall insieme delle altre sorgenti: confronto con i limiti assoluti di immissione di zona. Tali fasce di pertinenza costituiscono di fatto delle zone di deroga parziale ai limiti per il rumore prodotto dalle infrastrutture di trasporto. I limiti differenziali di immissione si applicano al rumore immesso dall insieme delle sorgenti sonore considerate all interno degli ambienti abitativi e sono pari a 5 db(a) per il periodo diurno e 3 db(a) per il periodo notturno. Tali valori costituiscono il limite per la differenza massima tra il livello del rumore ambientale (quello in presenza delle emissioni sonore della sorgente considerata) e quello del rumore residuo (in assenza delle emissioni sonore della sorgente considerata). Tali valori limite differenziali non si applicano se sono verificate le condizioni di seguito riportate (effetti del rumore da ritenersi trascurabili ): 21

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno Comune di Ostellato Provincia di Ferrara Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno TITOLO I - GENERALITA...3 Art. 1 - Ambito di applicazione...3

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

La legge quadro sull inquinamento acustico

La legge quadro sull inquinamento acustico La legge quadro sull inquinamento acustico MASSIMO DONZELLINI** - FRANCESCO FERRARI *** - VALERIO MANZONI*** MARIO NOVO* 1. INTRODUZIONE L inquinamento da rumore, dovuto alle varie attività umane, traffico

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli