CLASSE PRIMA: PERCORSO ROSSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE PRIMA: PERCORSO ROSSO"

Transcript

1 EQUIPE SCUOLA A CURA DI SAMARANI BARBARA CLASSE PRIMA: PERCORSO ROSSO Secondo bimestre: Dicembre Gennaio N. 2: NASCE GESU, LA LUCE DEL MONDO Obiettivi Specifici di Apprendimento: Gesù di Nazareth, l Emmanuele, il Dio con noi. Cogliere i segni cristiani del Natale e della Pasqua. Traguardi per lo sviluppo: l alunno riflette e confronta l attesa e la nascita di Gesù con il proprio vissuto. Inoltre coglie il significato della festa del Natale, attraverso la conoscenza dei principali simboli e dei brani evangelici legati ad essa. Scoprendo il Natale come la festa della nascita di Gesù, dono di Dio a tutti gli uomini del mondo, l alunno riconosce la presenza di Dio nei momenti di incontro, festa e amicizia vera, che gli uomini vivono. Percorsi di Apprendimento: prima di Natale a) L annuncio a Maria b) S. Lucia c) Nasce Gesù d) Un dono per Gesù dopo il Natale e) Arrivano i magi f) La via giusta g) Io e Gesù bambino 1 incontro (2 ore) Materiale: Bibbia - racconto semplificato dell annunciazione immagini colorate delle tappe principali del racconto o statuine del presepe a) L annuncio a Maria DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 1

2 Cantando l inno ci ritroviamo nel nostro angolo dell ascolto. L insegnante porta con sé una Bibbia, la apre e spiega agli alunni che sta per leggere una storia bellissima, che forse qualche bambino già conosce, ma non fa niente, perché c è chi non se la ricorda, ed è scritta su un libro molto importante: la Bibbia. Naturalmente il racconto che noi faremo dell annunciazione non sarà letto dal testo sacro (troppo difficile per alunni così piccoli), ma sarà adattato e semplificato: (ipotizzando di utilizzare le statuine del presepe, mostriamo l angelo) IL PERSONAGGIO PRINCIPALE IN QUESTA STORIA È UN ANGELO, DI LUI ABBIAMO GIÀ PARLATO POCO TEMPO FA, E SAPPIAMO CHE E UN TIPO MOLTO SPECIALE [ vd. percorso rosso, classe prima, primo bimestre, punto d)]. MA, COSA FA DI COSI SPECIALE UN ANGELO? (ascoltiamo le loro idee) ESATTO BAMBINI, LUI VOLA, VA IN PARADISO, ASCOLTA LE NOSTRE PREGHIERE, CI AIUTA, E UN SUO COMPITO IMPORTANTISSIMO E PORTARE I MESSAGGI PER DIO! CERTO! ALTRIMENTI, DIO, SAREBBE TROPPO OCCUPATO A PARLARE CON TUTTI, CHE NON AVREBBE IL TEMPO D ASCOLTARE CHI HA BISOGNO DI LUI! QUESTO ANGELO CHE SI CHIAMA GABRIELE, RICEVE DA DIO UN MESSAGGIO MOLTO SPECIALE DA PORTARE A UN BELLA E BRAVA RAGAZZA CHE ABITA A NAZARETH, UN PAESINO DELLA PALESTINA: SI CHIAMA MIRIAM, IN ITALIANO MARIA. (Mostrando Maria) DOVETE SAPERE CHE QUESTA RAGAZZA E MOLTO BRAVA: AIUTA LA MAMMA ANNA A PULIRE LA CASA, VA AL POZZO TUTTE LE MATTINE A RACCOGLIERE L ACQUA, CURA IL POLLAIO E IL SABATO VA A PREGARE DIO NELLA SINAGOGA, NON LE PIACE ANDARE IN GIRO PER IL SUO PAESE A CHIACCHIERARE, PREFERISCE AIUTARE LA MAMMA E FARE COMPAGNIA AL SUO PAPA GIOACCHINO (mostriamo la mamma Anna e il papà Gioacchino, possiamo scegliere due statuine del presepe che rappresentano una massaia e un contadino). UNA MATTINA, IN UN GIORNO SPECIALE, MENTRE E SOLA IN CASA, MARIA INCONTRA L ANGELO GABRIELE (avviciniamo l angelo a Maria). LUI LA CHIAMA: MARIA, MARIA, LEI SI VOLTA E IN UN PRIMO MOMENTO SI SPAVENTA, RESTA STUPITA NEL VEDERE UNA PERSONA CON LE ALI. POI LO GUARDA BENE E VEDE CHE E BUONO, GENTILE SPECIALE E ALLORA LO ASCOLTA. LUI PORTA UN MESSAGGIO IMPORTANTE, L ANGELO GABRIELE LE DICE: DIO TI HA SCELTA, MARIA, PRESTO DIVENTERAI MAMMA DI UN BELLISSIMO BAMBINO. DEVI ESSERE CONTENTA PERCHE NASCERA IN TE IL FIGLIO DI DIO, GESU (mostriamo il bambino Gesù). MARIA E MOLTO FELICE, LEI SI FIDA DI DIO, E ALLORA DICE: SI, VOGLIO DIVENTARE LA MAMMA DI GESU. COSI MARIA CON QUESTA BELLA NOTIZIA CORRE DALLA MAMMMA E DAL PAPA PER RACCONTARE TUTTO. (Mostrando Giuseppe) E POI CORRE DA GIUSEPPE, IL SUO FIDANZATO CHE E ONORATO D ASPETTARE UN FIGLIO, MANDATO DA DIO. Dopo il racconto chiediamo agli alunni un breve riassunto volgendo ad alcuni delle semplici domande: come si chiama l angelo? Che ragazza è Maria? Invitiamo i bambini a preparare il quaderno, dopo la data e il titolo: L ANNUNCIO A MARIA, li aiuteremo a scrivere un breve testo. Ad es. (alla lavagna indichiamo loro bene le lettere e gli spazi): L ANGELO GABRIELE ANNUNCIA A MARIA CHE DIVENTA MAMMA DI GESU. Li invitiamo ora a fare il disegno dell annuncio dell angelo, sotto il testo. VALENZA EDUCATIVA: accostare l alunno al testo evangelico dell annunciazione. L IRC porta l alunno a capire il messaggio di fiducia e fede espresso dalla figura di Maria. 2 incontro (2 ore) DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 2

3 Materiale: fieno per il mazzolino nastri di stoffa (rosa e azzurro) cartellone blu (70 X 100) immagini della storia di S. Lucia fogli A4 sagome di stelline su cartoncini gialli a) S. Lucia Con l inno ci portiamo nel nostro angolo di classe per ascoltare il racconto di oggi: molti bambini vedendo spuntare il fieno dalla borsa chiederanno, o avranno già intuito cosa faremo, è una festività molto attesa nella Diocesi di Crema. Fatto il cerchio, l insegnante rovescia il fieno in mezzo e chiede agli alunni di prenderne una manciata, di annusarlo, e di esprimere a cosa pensano. Poi, insieme, lo raggruppiamo in un grande e unico mazzo legato con i due fiocchi intrecciati e gli troviamo una sistemazione nella classe (verrà lasciato fino al 12 dicembre, poi il mattino del 13, al posto del mazzolino di fieno i bambini troveranno un cestino di dolcetti o una piccola sorpresina. Se non siamo in servizio in quella classe la mattina del 13 dicembre, chiediamo aiuto ai collaboratori e alle colleghe, sono sempre molto disponibili). Passiamo ora al racconto della storia della Santa. Senza entrare in particolari cruenti, che comunque qualche bambino non mancherà di voler raccontare, cerchiamo di focalizzare la loro attenzione sull amore che Lucia provava per Gesù: QUESTA E LA STORIA DI UNA RICCA RAGAZZA DI NOME LUCIA, ABITA A SIRACUSA, CITTA DELLA SICILIA. VIVE IN UNA GRANDE E BELLA CASA; E RICCA E HA TUTTO QUELLO CHE LE SERVE. A LUCIA PIACE PASSEGGIARE PER LE VIE DELLA SUA CITTA. UN GIORNO SENTE DUE PERSONE PARLARE DI GESU : DICONO CHE LUI E BUONO CON TUTTI, DICONO CHE INSEGNA TANTE COSE BELLE E CHE VUOLE BENE A CHIUNQUE. LUCIA DECIDE DI FARSI RACCONTARE DALLA SUA MAMMA QUALCOSA DEL FIGLIO DI DIO, PROPRIO GESU. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 3

4 LA MAMMA DI LUCIA LE SPIEGA CHE GESU VUOL VEDERE CHI GLI VUOLE BENE E, PER FARSI VEDERE DA LUI, BISOGNA RINUNCIARE ALLE RICCHEZZE, AIUTARE CHI HA BISOGNO, PERDONARE I CATTIVI, NON DIRE BUGIE E AMARE GESU CON TUTTO IL CUORE. LA MAMMA RACCONTA ANCHE CHE A SIRACUSA CI SONO I CATTIVI ROMANI, CHE NON VOGLIONO AMARE GESU E UCCIDONO TUTTI I CRISTIANI, CHE INVECE VOGLIONO BENE A GESU. LUCIA CAPISCE CHE STARE CON GESU E BELLO, ANCHE SE I ROMANI SONO GELOSI DI LUI E VOGLIONO UCCIDERE I SUOI AMICI. LUCIA NON PERDE TEMPO E DECIDE DI RINUNCIARE ALLE SUE RICCHEZZE: I SUOI VESTITI, I SUOI GIOIELLI, I SUOI SOLDI, SI, RINUNCIA A LORO, CIOE LI REGALA A CHI E POVERO O MALATO. SAPETE, BAMBINI, A SIRACUSA MOLTE PERSONE SONO AMMALATE, POVERE E BISOGNOSE E LUCIA LE VEDE TUTTI I GIORNI, MA QUANDO SCOPRE CHE GESU VUOLE BENE A TUTTI, DECIDE DI ESSERE L AMICA DI GESU E FA VEDERE QUELLO CHE SA FARE DI BUONO. LEI INIZIA AD AIUTARE: FA COMPAGNIA A CHI DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 4

5 E SOLO, PORTA IL PANE A CHI HA FAME, LE MEDICINE A CHI E MALATO E GUARISCE CHI HA BISOGNO. DICE UNA LEGGENDA CHE MOLTI BAMBINI SI AMMALAVANO AGLI OCCHI PER UNA BRUTTA MALATTIA E POI DIVENTAVANO CIECHI PER SEMPRE. LEI, CON UNA PREGHIERA A GESU E UNA CAREZZA SUI LORO OCCHI MALATI LI FACEVA GUARIRE. I BAMBINI LE VOLEVANO BENE ED ERANO FELICI. SAPETE CHE IL NOME LUCIA SIGNIFICA LUCE, PERCHE CON I SUOI MIRACOLI PERMETTE AI BAMBINI DI VEDERE ANCORA LA LUCE, MA ANCHE PERCHE LEI AMA GESU, FIGLIO DI DIO E LUCE DEL MONDO. LUCIA AMA MOLTO GESU E SPESSO VA IN CHIESA PER PREGARE: CHIEDE A GESU DI FAR DIVENTARE BUONI TUTTI, UOMINI E DONNE. MA, UN BRUTTO GIORNO, I ROMANI SCOPRONO CHE LEI E CRISTIANA, ALLORA LA CATTURANO E MINCCIANO DI UCCIDERLA SE LEI DICE CHE E AMICA DI GESU. LUCIA E MOLTO CORAGGIOSA E NON HA PAURA DI DIRE A TUTTI CHE VUOLE TANTO BENE A GESU! LEI SA QUAL E LA COSA GIUSTA! DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 5

6 I ROMANI ALLORA LA UCCIDONO, MA LEI E FELICE PERCHE GESU LE E SEMPRE VICINA. QUANDO ARRIVA IN CIELO LA ASPETTA UN SANTO MOLTO IMPORTANTE, AMICO DI GESU : E SAN PIETRO. LUI HA LE CHIAVI DEL PARADISO, E APRE LE PORTE SOLO PER FAR ENTRARE I BRAVI. LUCIA NELLA SUA VITA E STATA MOLTO BRAVA, PERCHE HA AMATO I BAMBINI, I POVERI E GLI AMMALATI PROPRIO COME FACEVA GESU. SAN PIETRO LE DICE: VIENI LUCIA, ENTRA IN PARADISO, CHE C E UNA SORPRESA PER TE. LUCIA VOLA IN PARADISO E INCONTRA GESU CHE LE DA UN COMPITO: CIAO LUCIA, SONO MOLTO CONTENTO DI TE E VOGLIO CHE TU CONTINUI A FARE DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 6

7 FELICI I BAMBINI. ALLORA, DEVI TORNARE SULLA TERRA UNA VOLTA ALL ANNO, PER PORTARE I REGALI AI BAMBINI BRAVI. TI FACCIO AIUTARE DA UN ASINELLO MOLTO GOLOSO DI FIENO, MA ALTRETTANTO BUONO E GENTILE. COSI, TUTTI GLI ANNI LUCIA, CHE E DIVENTATA SANTA, SCENDE DAL CIELO COL SUO AMICO ASINELLO PER REGALARE AI BAMBINI BUONI E AI LORO GENITORI TANTA FELICITA. LEI PORTA CON SE MOLTI REGALINI, SOPRATTUTTO PER QUEI BAMBINI CHE HANNO POCHI GIOCHI SE TU NE HAI TANTI, REGALALI A CHI NON NE HA, COSI SANTA LUCIA E GESU SARANNO CONTENTI DI TE E SARAI IL LORO AMICO SPECIALE. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 7

8 (Racconto tratto e adattato dalla Passio, scritta tra il V-VI secolo, permeata da un alone leggendario che vuole soprattutto dare risalto alla purezza della giovane e alla testimonianza di fede offerta). Dopo l ascolto, rivedendo le immagini, riassumiamo il racconto con gli alunni ponendo domande sul testo e sul suo insegnamento: dove abita Lucia? Cosa le racconta la sua mamma di Gesù? Lei è cristiana o romana? Cosa fa nella sua vita per essere amica di Gesù? Solo lei lo può fare o tutti possono fare le belle cose che ha insegnato Gesù? Cosa chiede Gesù ai suoi amici? Facciamo notare ai bambini che Gesù e Santa Lucia ci chiedono di essere buoni con tutti e allora chiediamo loro: cosa dobbiamo fare per essere buoni? Ascoltiamo le loro idee e insieme ci impegniamo a comportarci sempre bene, come Lucia ci ha insegnato. Invitiamo ora gli alunni a prendere il quaderno e a scrivere la data e il titolo: SANTA LUCIA E AMICA DI GESU. Passiamo poi a consegnare il foglio ½ A4 sul quale devono fare un disegno di Santa Lucia che sta arrivando a casa loro per portare i regali. Mentre disegnano noi prepariamo il titolo sul cartellone che poi accoglierà i loro disegni. I bambini che terminano prima possono ritagliare le stelle dal cartoncino giallo quando tutti i disegni saranno incollati sul cartellone decoreremo con un cielo di stelle. Se vogliamo, con il pastello bianco ogni bambino può scrivere il proprio nome vicino al suo disegno. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 8

9 Attacchiamo in classe il cartellone. La pagina sul quaderno dedicata a questa lezione resterà vuota sino al 13 dicembre, poi alla prima occasione, ritaglieremo i loro disegni dal cartellone e li incolleranno nello spazio sottostante il titolo. VALENZA EDUCATIVA: conoscere la figura di Santa Lucia. L IRC propone la vita di personaggi significativi per rivelare il messaggio d amore fraterno di Dio. 3 incontro (2 ore) Materiale: scatola contenente addobbi natalizi (palline dell albero, angioletto, candela natalizia, statuine del presepe della sacra famiglia, ) Bibbia immagini della nascita di Gesù musica natalizia b) Nasce Gesù Ci raccogliamo nel cerchio dell ascolto ed iniziamo dall osservazione degli oggetti natalizi contenuti nella scatola. Ascoltiamo i pensieri dei bambini aiutandoli a percepirel avvicinarsi di un momento molto speciale, nel quale le persone sentono il Natale un periodo per incontrarsi, stare bene insieme, fare del bene illuminati da una luce (Gesù). Raccontiamo il brano evangelico della nascita di Gesù, con semplici parole e mostrando immagini che aiutano i bambini a focalizzare le sequenze principali, riprendendo dall annunciazione: DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 9

10 DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 10

11 DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 11

12 (immagini tratte da L Ora di Religione ELLEDICI) Mostriamo ai bambini la Bibbia e spieghiamo che il racconto appena sentito è scritto nelle sue pagine. Riprendiamo con semplici domande e, mostrando una ad una le immagini, chiediamo: cosa succede a Maria di Nazaret? Dove va con Giuseppe? Perché? Cosa succede nel villaggio di Betlemme? Dove nasce Gesù? Qual è la luce che illumina la grotta? Chi viene avvisato della sua nascita?... Facciamo ora riflettere i bambini sulla loro di nascita, o quella di un fratellino o sorellina [argomento trattato nel percorso rosso, 1 bimestre, punto f)] riprendendo il senso della festa e della gioia che una famiglia vive in questo evento. Aiutiamo gli alunni a percepire la nascita di un bambino come una benedizione del Signore. Proponiamo ai bambini l ascolto di una breve poesia di Natale di V.E. Laurini: E NATO Una stella risplendente Veglia in alto alla capanna, dove un bimbo sorridente su la paglia fa la nanna. Lo riscaldano col fiato Una mucca e un asinello; la Madonna gli sta a lato e Giuseppe vecchierello. E Gesù: il Re celeste; è Gesù: il Dio d amore! Vo donargli la mia veste, vo donargli tutto il cuore. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 12

13 Passiamo ora alla fase operativa sul quaderno, dopo la data e il titolo: A NATALE NASCE GESU, aiutiamo i bambini a scrivere una breve didascalia. Può essere: NEL VILLAGGIO DI BETLEMME NASCE IL FIGLIO DI DIO, GESU. LUI E LA LUCE DEL MONDO. Invitiamo ora gli alunni a fare il disegno della sua nascita, intanto ascoltiamo insieme un po di musica natalizia. Le immagini che abbiamo visto con loro possono essere appese in sequenza in classe, oppure man mano che gli alunni finiscono, possono colorare delle semplici decorazioni per i vetri delle finestre della classe (angeli, candele, ) come quelli presentati dalle schede sottostanti tratte da L ORA DI RELIGIONE - ELLEDICI : DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 13

14 Comunque entrambi i lavori possono convivere, dipende dagli obiettivi che ci siamo prefissati di raggiungere. VALENZA EDUCATIVA: riflette sulla valenza della vita. L IRC aiuta l alunno a scoprire come la nascita di Gesù sia un dono d amore di Dio Padre verso tutti gli uomini e a cogliere la dimensione religiosa della festa del Natale. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 14

15 4 incontro (2 ore) Materiale: quaderni dei bambini c) Un dono per Gesù Per questa lezione i quaderni devono essere preparati dall insegnante: vogliamo che il dono per Gesù abbia le sembianze di un regalo speciale. Quindi su ogni quaderno dei bambini tagliamo una fessura nella pagina di forma quadrata (sarà il pacco regalo) e la incolliamo sulla pagina adiacente, in modo che la fessura si possa aprire. Ricordiamoci di lasciare nella parte alta della pagina lo spazio utile perché i bambini possano scrivere la data e il titolo. Infine disegniamo il fiocco. Ecco le indicazioni visive: Siamo ormai vicini al Natale, alle vacanze tante attese per poter passare un periodo di festa non chiassosa, un tempo di allegria raccolta, di gioia quieta e intensa, insieme ai propri cari. E il momento di invitare i nostri alunni ad una riflessione attraverso un bel racconto: vogliamo aiutarli a comprendere uno dei valori del Natale, un piccolo insegnamento che Gesù, venuto tra gli uomini, porta. Dopo esserci raccolti nel cerchio dell ascolto col nostro inno, mostriamo l immagine di Incantato ai bambini e ascoltiamo cosa pensano che stia facendo. Raccontiamo ora la sua storia Solo lo stupore conosce : UN GIORNO LE STATUINE DEL PRESEPIO SE LA PRESERO CON INCANTATO, PERCHE NON PORTAVA NESSUN DONO A GESU : NON HAI VEGOGNA? VIENI A GESU E NON PORTI NIENTE?. INCANTATO NON RISPONDEVA: ERA TOTALMENTE ASSORTO NEL GUARDARE IL BAMBINO. I RIMPROVERI SI FECERO PIU FITTI. ALLORA MARIA PRESE LE SUE DIFESE: INCANTATO NON VIENE A MANI VUOTE. VEDETE PORTA LA SUA MERAVIGLIA, IL SUO STUPORE! L AMORE DI DIO, FATTO BAMBINO PICCOLISSIMO, LO INCANTA. QUANDO TUTTI COMPRESERO, MARIA CONCLUSE: IL MONDO SARA MERAVIGLIOSO QUANDO GLI UOMINI, COME INCANTATO, SARANNO CAPACI DI STUPIRSI. CAPITE? DIO PER AMORE NOSTRO SI E FATTO UOMO PERCHE NOI DIVENTASSIMO DIVINI!. (di S. Gregorio di Nissa) DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 15

16 Altri racconti si prestano a belle e semplici riflessioni, come Il bambino che non arrivò a Betlemme di B. Ferrero, dove il piccolo Giona scopre i doni di Dio e vuole ringraziarlo; impara che è facile perché Dio si è fatto presente nella persona dei piccoli, dei poveri e dei deboli. Così i suoi doni si moltiplicano. Oppure La pecora nera alla grotta di Betlemme di Natale Maffioli, dove celebrando la festa dell amore di Dio, è giusto ricordarsi di quelli che son lontani da questo amore. In riferimento al racconto di Incantato, facciamo con gli alunni una semplice analisi attraverso domande: nella storia che abbiamo letto chi non è d accordo con Incantato? Cosa faceva di così sconveniente? Chi lo difende? Quale dono porta a Gesù? Cos è lo stupore? Voi avete mai provato stupore davanti a qualcosa o qualcuno? Aiutiamo i bambini a pensare ed esprimere il significato di questa parola, o di molti suoi sinonimi. Continuiamo spostando l attenzione dalla qualità di Incantato, alle qualità di ogni bambino attraverso un semplice gioco cooperativo a coppie: chiediamo loro di pensare ad una qualità del compagno che hanno alla loro destra, spiegando anche cosa intendiamo per qualità. Volendo portare gli alunni a pensare ad una qualità positiva e relazionale, specifichiamo che non può essere accompagnata da nessun oggetto, come era per Incantato (quindi non può essere: Giocare bene a pallone, dove il pallone è l oggetto senza il quale il giocare bene non può essere), ma deve riferirsi ad una capacità gentile, di aiuto, di bene, di rispetto, verso i genitori, i nonni, gli amici, gli insegnanti, i collaboratori scolastici, che abbiamo visto fare al compagno. Poiché nel cerchio dell ascolto ci siamo anche noi, possiamo iniziare presentando una qualità del bambino che sta alla nostra destra, raccontando anche l episodio. Possiamo proseguire in fila o se qualche alunno ha bisogno di ascoltare esempi dagli altri, possiamo lasciar parlare chi ha le idee chiare. L importante è che tutti si sentano indicare come DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 16

17 portatori di una buona qualità. Annoteremo su un foglio le qualità di ogni bambino espresse dal compagno e, comunque inviteremo tutti a ricordarsi la propria. A conclusione spieghiamo che le nostre buone qualità sono i regali che Gesù vuole a Natale da noi ma non solo a Natale, sempre. Invitiamo i bambini a sedersi al posto e consegniamo loro la seguente scheda, raccontando che questo treno sta andando da Gesù a portargli i dono che lui preferisce. (tratta da internet) Insieme ai bambini ricordiamo le qualità gentili e li aiutiamo a scriverne alcune nei vagoni. Consegniamo il quaderno e facciamo incollare la scheda con sotto il treno la scritta: UN TRENO DI DONI PER GESU. Nella pagina del pacco dono preparato da noi, dopo la data e il titolo: UN MIO DONO PER GESU, chiediamo ai bambini di disegnare quella volta che hanno espresso la loro qualità. Possono disegnare l episodio raccontato dal compagno o un altro che sentono di più. Diamo il tempo per colorare. VALENZA EDUCATIVA: scoprire in ognuno il dono gradito a Gesù, esprimere e sentire il suo valore, superiore ad ogni oggetto materiale. L IRC guida l alunno a scoprire le proprie capacità sociali ed affettive, utili a creare un ambiente ricco di benessere. 5 incontro (2 ore) DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 17

18 Materiale: Bibbia immagini dell arrivo dei magi a Betlemme per la drammatizzazione: 4 abiti lunghi a tinta unita e 3 corone di cartoncino, una stella cometa di media misura, che sia ben visibile in mano ad un bambino, 2 costumi da soldati romani, 3 tubi della carta casa (cannocchiali) e i doni dei magi disegnati (o realizzati con la carta crespa dorata) su 3 cartoncini colorati cartina dell universo - natività statuine dei magi d) Arrivano i magi Con l inno ci raccogliamo nell angolo dell ascolto. Guardando le sequenze della nascita di Gesù attaccate in classe e/o le loro decorazioni ai vetri, riprendiamo sinteticamente il racconto della nascita del Figlio di Dio. Mostriamo ora il Libro sacro e chiediamo loro come si chiama; lo apriamo e cerchiamo il racconto dell arrivo dei magi da Gesù. Mostriamo la pagina e le figure da guardare, mentre con parole semplici iniziamo a raccontare il brano evangelico (Mt 2, 1-12) presentando i nomi, il lavoro e il luogo di provenienza dei 3 magi. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 18

19 DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 19

20 (immagini tratte da L ORA DI RELIGIONE ELLEDICI) Riprendiamo il racconto con semplici domande, mostrando una ad una le immagini di nuovo: chi sono i magi? Qual è il loro lavoro? Chi cercano? Chi li guida? Chi è preoccupato per la nascita del nuovo re? Cosa fa re Erode? Quali sono i doni dei magi? DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 20

21 Dove vanno i magi dopo l incontro con Gesù? Passiamo ora alla drammatizzazione semplice del brano, eseguita da 7 alunni a turno: vestiamo 3 alunni da re magi e diamo loro in mano i doni e i cannocchiali, uno da re Erode e 2 da soldati romani, diamo la stella cometa ad un altro bambino e mettiamo la natività sulla cattedra. Creiamo in classe l itinerario che i magi devono compiere per raggiungere Gesù (ad es. i magi entrano dalla porta e con i cannocchiali cercano la stella, la seguono e si fermano dal re Erode, seduto su un banco circondato dai suoi soldati e, dopo aver letto le carte astronomiche (la carta dell universo), ripartono verso Gesù dove posano i doni. Riprendono la via del ritorno senza passare dal re romano). Durante il tragitto aiutiamo gli alunni a fare dei brevi dialoghi suggerendo loro semplici pensieri. Quando ogni gruppo avrà concluso la sua drammatizzazione facciamo un applauso. Terminata l attività invitiamo gli alunni ad ascoltare questa poesia, accompagnandola dalla visione delle statuine dei magi che vanno verso la natività (dalla tradizione popolare): DIETRO LA STELLA I re Magi sui cammelli vanno lenti nel deserto, poi s accampano all aperto e s avvolgono nei mantelli. Ma la stella in alto splende; levan gli occhi pensierosi, e il cammino allor riprende. Va e va la carovana sulla groppa dondolando vanno i re pensando alla meta ancor lontana. Ma una notte all improvviso la cometa s è fermata E Betlemme, è la capanna che laggiù di luce risplende; è il Bambino che ci attende! Ora ci rechiamo ordinatamente al posto e sul quaderno, dopo la data e il titolo: I MAGI PORTANO DONI A GESU, dettiamo un semplice testo e consegniamo loro una scheda da compilare e colorare. Ecco una semplice scheda: DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 21

22 (tratta da MAPPE cl. 1^ 2^ 3^ LE GUIDE JUVENILIA Juvenilia scuola) In tutto questo percorso abbiamo utilizzato spesso le statuine del presepe, potrebbe essere una buona idea collocarle, man mano che le presentiamo agli alunni, in un semplice presepe, su un tavolino in classe. La presenza in classe di un presepe è molto importante sia sul piano educativo che didattico, lo è ancor più se sono i bambini ad aiutarci a crearne uno, anche solo di carta (possiamo organizzarlo con le decorazioni sui vetri proposte nel punto c) da preparare a turno, volta per volta alla fine di ogni incontro). VALENZA EDUCATIVA: individuare gli aspetti principali della festa del Natale dalla nascita di Gesù all arrivo dei magi. L IRC motiva l alunno alla conoscenza dei brani biblici legati al Natale. 6 incontro (2 ore) Materiale: scheda e) La via giusta Riprendiamo con gli alunni il percorso della lezione Un dono per Gesù, al punto d) utilizzando i loro disegni: ogni bambino verrà alla cattedra a raccontare ai compagni la propria qualità. Diamo valore positivo al bene che queste qualità possono fare a noi stessi e agli altri. Invitiamo gli alunni a preparare il quaderno a pagina nuova e, dopo la data e il titolo LA VIA GIUSTA, diamo a tutti la scheda seguente da incollare: DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 22

23 SE CI COMPORTIAMO IN MODO SBAGLIATO SEGUIAMO LA VIA DEL SE FACCIAMO BUONE AZIONI SEGUIAMO LA VIA DEL... SCEGLI FRA LE PAROLE DENTRO IL RIQUADRO QUELLE DEL BENE E QUELLE DEL MALE E RISCRIVILE NELLE CASELLE GIUSTE. CATTIVO INVIDIOSO DISPETTOSO GENEROSO BUONO BUGIARDO SINCERO EGOISTA GENTILE UBBIDIENTE (tratta e adattata da COME IL SOLE EMI) Prendendo in considerazione una parola alla volta aiutiamo i bambini ad inserirla nella via giusta (qualche parola dovrà essere spiegata, presentiamo ai bambini alcuni esempi tratti dalle qualità che essi stessi hanno presentato all inizio della lezione). VALENZA EDUCATIVA: intuire la scelta che ogni persona può fare tra il bene ed il male. L IRC conduce l alunno verso una riflessione sull importanza del bene come segno di amore verso Gesù e i fratelli. Chiediamo agli alunni di portare, per la prossima lezione, una foto di quando erano piccoli. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 23

24 6 incontro (2 o 4 ore) Materiale: libro La famiglia di Gesù, PIEMME JUNIOR foto degli alunni da piccoli f) Io e Gesù bambino Formiamo il cerchio cantando il nostro inno e seduti guardiamo le foto degli alunni. Facciamo in modo che tutti possano vederle, quindi le facciamo passare di mano in mano, una alla volta: i compagni possono fare domande e il protagonista risponde. Alla fine poniamo le foto nel centro del cerchio dell ascolto, distribuite di fronte ai proprietari (se qualcuno fosse sprovvisto condividerà quella del compagno vicino). Ora guardiamo il libro La famiglia di Gesù riprendendo eventualmente tutta la storia della nascita di Gesù, poiché è ben presentata, e ci soffermiamo a vedere le immagini della vita di Gesù da bambino: in casa e nel gioco in strada con gli amici. Inoltre, confrontiamo passo passo le foto degli alunni con alcune immagini del libro, descrivendo somiglianze e diseguaglianze. Facciamo in modo che gli alunni partecipino alle osservazioni, poiché non devono essere quelle dell insegnante, e poniamo delle domande: - Maria e Giuseppe si sono conosciuti e da loro è nato il bambino Gesù; voi da chi siete nati? (chiediamo il nome dei genitori e se in qualche foto appaiono li mostriamo. Se vi sono casi di famiglie particolari e sappiamo che il bambino soffre per la sua situazione, evitiamo la domanda per tutti.) - Gesù appena nato dormiva nella mangiatoia, noi da piccoli dove dormivamo? (se in qualche foto si vede la culla o il lettino visioniamo la foto) - Appena nato Gesù era avvolto nelle fasce; voi invece? (visioniamo le foto relative all abbigliamento degli alunni) - I primi ad andare a trovare Gesù sono stati gli angeli e i pastori; chi è venuto a trovarvi quando siete nati? (ipotiziamo nonni, nonne, zii, ) - Gesù ha ricevuto dei doni; anche voi avete ricevuto dei doni da piccoli? - Cresciuto un po Gesù stava a casa con la mamma, che cucinava, puliva e tesseva. La vostra mamma cosa fa a casa? - Il papà di Gesù gli ha insegnato a fare il falegname; il vostro papà cosa fa? - Gesù vestiva con una tunica lunga, legata in vita da una cordicella; voi come vi vestite? - I giochi di Gesù erano poveri, fatti di legno, sassi, stoffa (es. la palla); qual è il vostro gioco preferito? - Gesù giocava per strada; voi dove giocate? - A casa Gesù mangia seduto per terra; voi dove vi sedete? L insegnante, tra le domande proposte, aggiunge quelle che ritiene più opportune per guidare gli alunni all osservazione del mondo ebraico ai tempi di Gesù. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 24

25 Consegniamo i quaderni ai bambini, dopo la data e il titolo IO E GESU, chiediamo agli alunni di piegare a metà verticalmente la pagina. A sinistra facciamo incollare, una sotto l altra le seguenti immagini: tratta da VERSO UNA TERRA NUOVA ELLEDICI Scuola) (tratte da SEMI DI PACE PIEMME Scuola) DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 25

26 Mentre gli alunni colorano i disegni dati loro, l insegnante passa a segnare con un pennarello colorato gli spazi a destra per i disegni relativi alla vita degli alunni e corrispondenti a quelli dell immagine di sinistra. In una seconda fase poniamo l attenzione sulla casa e sulla Sinagoga ai tempi di Gesù: integriamo i disegni presentati dal libro visionato la lezione precedente con alcuni dei seguenti ingranditi e colorati, tratti da L ORA DI RELIGIONE ELLEDICI: DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 26

27 Ad esempio Nonché un disegno della casa tipica dei tempi di Gesù: DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 27

28 Dopo la visione e la discussione sulle differenze ed eguaglianze, sempre relative all esperienza degli alunni, proponiamo la seguente scheda, dando noi l indicazione dei colori per la casa di Gesù e la Sinagoga: (tratta da MAPPE LE GUIDE JUVENILIA) VALENZA EDUCATIVA: conoscere la vita ai tempi di Gesù. L IRC aiuta l alunno a capire lo stile di vita, le usanze e le tradizioni del popolo d Israele di cui Gesù fa parte. DIOCESI DI CREMA - Ufficio IRC. A cura di Barbara Samarani 28

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PREMESSA: Il collegio docenti è composto da quattro insegnanti e la coordinatrice e si riunisce una volta al mese circa. Una cosa molto importante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO IRC

PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO IRC S Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) cuola dell'infanzia Ma PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO IRC ANNO 1 SCOLASTICO 2015-2016 Premessa Abbiamo scelto Don Bosco in primo luogo

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO L.RADICE

DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO L.RADICE DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO L.RADICE Scuola dell Infanzia Gela (CL) PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA (Adottato in tutte le scuole dell infanzia del Circolo) BAMBINI

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre

Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre Suddivisione del gruppo Due gruppi, dopo il momento comune della preghiera del

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

Ins.te Barbara Infante

Ins.te Barbara Infante PROGRAMMAZIONE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Scuola dell infanzia - I.C.S. Via dei Garofani Triennio 2014/15-2015/16-2016/17 Ins.te Barbara Infante - ANNI 3 - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

1. Documento conclusivo della sperimentazione nazionale sull IRC per la formazione dei docenti di religione cattolica della Scuola dell infanzia

1. Documento conclusivo della sperimentazione nazionale sull IRC per la formazione dei docenti di religione cattolica della Scuola dell infanzia 1. Documento conclusivo della sperimentazione nazionale sull IRC per la formazione dei docenti di religione cattolica della Scuola dell infanzia 1 - Orientamenti generali 1.1. La scuola dell infanzia,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

A.S. 2015/2016 5 ANNI :

A.S. 2015/2016 5 ANNI : : A.S. 2015/2016 5 ANNI Il tema unificante del lavoro è la Felicità, uno dei diritti fondamentali dell uomo. La felicità è lo stato d animo positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri.

Dettagli

N. 1: MOLTE DOMANDE, DIVERSE RISPOSTE

N. 1: MOLTE DOMANDE, DIVERSE RISPOSTE Classe Terza Percorso Rosso Primo bimestre 1 EQUIPE SCUOLA A CURA DI SAMARANI BARBARA CLASSE TERZA: PERCORSO ROSSO Primo bimestre: sett. - ott. nov. N. 1: MOLTE DOMANDE, DIVERSE RISPOSTE Obiettivi Specifici

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Seconda Disciplina/Macroarea/Camp o d esperienza BIAGIONI MARIA GRAZIA SANTI PAOLA G.GIUSTI DON MILANI Sezione RELIGIONE CATTOLICA Tavola di sintesi

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa.

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa. IOEGLIALTRI Capacità di rapportarsi agli altri attraverso il gioco in atteggiamento positivo di accoglienza Il bambino si apre alla capacità di interazione con i coetanei, con le insegnanti e identifica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli