4.4. La Lettera dedicatoria all Accademia Parigina p «L espace n est ni corps, ni esprit; mais il est espace»» L infinito e l unità»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.4. La Lettera dedicatoria all Accademia Parigina p. 236 4.5. «L espace n est ni corps, ni esprit; mais il est espace»» 247 5. L infinito e l unità»"

Transcript

1

2 INDICE GENERALE Prefazione (di Giuseppe Lissa) p. 9 Premessa» 19 Abbreviazioni» Il vuoto e la catastrofe ontologica» La meccanizzazione della natura» Tra immaginazione e realtà» Il tramonto dell horror vacui» Il Récit e l esperimento del Puy de Dôme» Nuovi dubbi riguardo alla relazione sull esperimento del Puy de Dôme: la tesi di S. Matton» Il Traité du vide» Libertà di ricerca e trionfo del meccanicismo» Gli interlocutori della ragione» La scienza tra immaginazione e prevenzione» Tradizione, ragione e prevenzione» Il geometra all opera» Il Saggio sulle coniche e la Generatio conisectionem» La sete di unità e la ricerca di un metodo unico e generale» Probabilità e scommessa»

3 4.4. La Lettera dedicatoria all Accademia Parigina p «L espace n est ni corps, ni esprit; mais il est espace»» L infinito e l unità» La scienza ripudiata?» La roulette» Il concorso sulla roulette tra controversie ed errori» Amos Dettonville-Pascal inventore del calcolo integrale?» Filosofia e scienza nei Trattati sulla roulette» L infinito matematico e l infinito divino» 358 Conclusione» 375 Bibliografia» 391 I. Opere di carattere bibliografico» 391 II. Edizioni delle opere pascaliane in lingua originale» 391 Opere complete» 391 Opere scientifiche» 392 III. Traduzioni in lingua italiana» 392 Lettere provinciali e Pensieri» 392 Opere scientifiche» 393 IV. Bibliografia su Pascal savant» 394 V. Bibliografia generale» 447 Indice dei nomi»

4 PREFAZIONE «Se, dunque, certi spiriti fini non sono geometri, è perché sono del tutto incapaci di volgersi verso i princìpi della geometria; mentre la ragione per cui certi geometri difettano di finezza è che non scorgono quel che sta dinanzi ai loro occhi e che, essendo usi ai princìpi netti e tangibili della geometria, e a ragionare solo dopo averli ben veduti e maneggiati, si perdono nelle cose in cui ci vuol finezza, nelle quali i princìpi non si lasciano trattare alla stessa maniera. Infatti, esse si scorgono appena; si sentono più che non si vedano; è molto difficile farle sentire a chi non le senta da sé: sono talmente tenui e in così gran numero che occorre un senso molto perspicuo e molto delicato per sentirle, per giudicarne poi in modo retto e giusto secondo tale sentimento, senza poterle il più delle volte dimostrare con ordine rigoroso, come nella geometria, perché non se ne possiedono nella stessa maniera i princìpi e volerlo fare sarebbe un impresa senza fine. Bisogna cogliere la cosa di primo acchito con un solo sguardo, e non per progresso di ragionamento almeno fino a un certo punto» 1. Pascal pensa in un momento particolarmente delicato della storia dello spirito europeo. Egli pensa nel momento che segna il passaggio dal cosmo, dal «mondo chiuso all universo infinito», il momento in cui l uomo, avendo perso «il mondo in cui 1 B. Pascal, Pensieri, trad. it. P. Serini, Torino, Einaudi, 1962, p. 6. 9

5 viveva e al quale pensava», è costretto a mutare «lo stesso quadro istituzionale del suo pensiero». Questo determina una cesura decisiva, perché, quando perde il cosmo, l uomo perde anche il riferimento a una misura suscettibile di ordinare e orientare la sua vita. Insieme al cosmo vengono meno, infatti, le «idee» che avevano consentito di rappresentarsi «il mondo come un tutto finito, chiuso e gerarchicamente ordinato», che avevano, cioè, permesso di immaginarlo come un mondo «nel quale la gerarchia dei valori determinava la gerarchia e la struttura dell essere, risalendo dalla terra oscura, pesante e imperfetta, alla via via crescente perfezione delle stelle e delle sfere celesti». L universo «indefinito o infinito» che succede a quel mondo è «tenuto insieme dall identità delle sue componenti e leggi fondamentali, tutte collocate allo stesso livello d essere». E questo comporta conseguenze rilevantissime sul piano etico-religioso. Il passaggio determina, infatti, «lo sradicamento dal pensiero scientifico di ogni considerazione basata su concetti di valore, quale perfezione, armonia, significato e scopo, ed infine la completa svalorizzazione dell essere, il divorzio tra il mondo dei valori e il mondo dei fatti» 2. Dopo questo passaggio l uomo viene a trovarsi in una singolare quanto imbarazzante situazione. Il nuovo strumento di investigazione del quale si è fornito, la ragione matematica, gli consente, attraverso una sapiente utilizzazione degli esperimenti, un accesso diretto alla conoscenza dell universo. Essa lo aiuta, dunque, a orientarsi nel mondo nuovo, e non si limita a questo. Nel momento in cui gli rivela l incatenamento dell ordine meccanicistico che regola il funzionamento dell universo, gli consente di accedere anche al suo controllo. Poiché apre la strada alla «possibilità di far penetrare la teoria nell azione», mette a sua disposizione tutte le dimensioni del mondo esterno, dimostran- 2 A. Koyré, Dal mondo chiuso all universo infinito, trad. it. L. Cafiero, Milano, Feltrinelli, 1970, p

6 do che l intelligenza teorica è suscettibile di convertirsi in realtà, inaugurando la coesistenza tra «una tecnologia e una fisica» 3. In tale situazione nasce però un problema. La ragione matematica, che è essenzialmente facoltà di proporzioni, rivela una sproporzione di fondo. Essa rende visibile il fatto che nel nuovo universo, concepito come una smisurata costruzione meccanica, ordinantesi e funzionante secondo proprie leggi, esprimibili in termini matematici, proprio l uomo, che è il padrone di quella ragione, capace di interpretare quelle leggi e il linguaggio matematico che le esprime, non è in rapporto con la realtà di quell universo. A differenza del cosmo antico e medievale che era costruito intorno all uomo, ai suoi bisogni e alla sua destinazione, questo nuovo universo non si presenta come suscettibile d essere messo in rapporto con le sue sorti. In questo universo l uomo si trova gettato come uno straniero, come un essere inopinatamente precipitato «in un mondo in cui nulla è in rapporto con le sue aspirazioni umane» 4. Egli vi si ritrova, come dice Pascal, come un estraneo che non sa chi l abbia messo al mondo, né sa cosa sia il mondo, né sa che cosa sia egli stesso 5. Quest uomo si trova, dunque, in una situazione paradossale. Sa come funziona il mondo, sa come poter sfruttare questo sapere, ma non sa cosa sia il mondo e, in modo particolare, non comprende cosa sia il mondo umano che sembra sfuggire alle prese della sua ragione. Non lo comprende, né se pretende di avervi accesso, come vuole Cartesio, tramite la ragione scientifica, l esprit de géométrie, né se, come farà Bayle, sulle orme di Montaigne, abbandonandosi allo scetticismo, proclama l impotenza della ragione. 3 Idem, Dal mondo del pressappoco all universo della precisione, trad. it. P. Zambelli, Torino, Einaudi, 1967, p B. Groethuysen, Filosofia della rivoluzione francese, trad. it. G. Tarizzo, Milano, Il Saggiatore, 1967, p B. Pascal, Pensieri, cit., pp

7 Ma l uomo non può nutrirsi solo di dubbi. Egli non può inoltrarsi, come per l appunto fa Bayle, sulla strada della filosofia identificandola come una via di smarrimento. Egli non può limitarsi a dire, per l appunto come dice Bayle, che poiché «i lumi filosofici lo conducono soltanto a fargli, infine, ammettere di sapere di non sapere nulla, fatto che è il nec plus ultra della filosofia», «il miglior uso che si possa fare degli studi di filosofia è quello di riconoscere che essa sia una via di smarrimento» 6. Pascal, come si deduce dal frammento citato sui due «esprits», esclude perentoriamente una simile eventualità. Secondo lui, c è un pensiero che può farsi strada nel labirinto della condizione umana. Esso non è il pensiero razionale che getta luce sul modo d essere del mondo esterno, non è l esprit de géométrie. A differenza dell esprit de géométrie, che è uno strumento cui non manca una qual certa rigidità, questo pensiero è un congegno flessibilissimo, particolarmente adatto a sposare la variabilità e la multiformità del mondo umano. Questo pensiero è, per l appunto, l esprit de finesse. L uomo, dunque, non è destinato a rimanere fermo, imprigionato nella sua perplessità al cospetto del nuovo mondo che non lascia intravedere da nessuna parte un centro, suscettibile di ricondurlo ad unità. Egli può inoltrarsi in esso per condurre la sua ricerca. E può avventurarsi sia nel mondo fisico, nel mondo della natura, sia nel mondo umano, nel mondo della storia. Egli può dar corso alla sua ricerca in entrambi gli ambiti. Ma deve tener conto della linea di separazione che li attraversa. Il mondo dell unità è ormai finito. Pascal pensa nel momento in cui l essere descritto dall onto-teo-logia medievale è scoppiato, e la totalità del mondo è caduta in frantumi. Per questo il suo pensiero si presenta frammentario, quasi disperso. Tutte le sue opere, sia quelle scientifiche, sia quelle che, unificate, avrebbero 6 P. Bayle, Dictionnaire historique et critique, Article Bunel, note E, cit. in B. Groethuysen, op. cit., p

8 dovuto dar luogo al suo grande trattato sull uomo, i Pensieri, si presentano come annotazioni, in apparenza quasi slegate tra di loro come se fossero prive di un vero e proprio centro, intorno al quale ricomporsi in un ben preciso ordine. Ma si tratta solo d apparenza. Sia i suoi contributi scientifici, sia i suoi scritti sull uomo, al di là della loro frammentarietà, rivelano una volontà e una tensione all unificazione, che non si può discutere. Come dice Maria Vita Romeo in questo bel libro che, con notevole acribia e pazienza esegetica, si inoltra nella foresta degli scritti frammentari prodotti da Pascal nel corso di una vita breve, ma dedicata, quasi fino alla fine, alla ricerca della verità sul mondo e sull uomo, tutte le sue ricerche «appaiono collegate da un filo conduttore: la ricerca dell infinito» 7. Ragion per cui è possibile ritrovare e individuare nelle sue opere scientifiche, come in quelle etico-religiose, quelli che sono «gli elementi chiave del suo pensiero: il concetto di infinito e quello di unità» 8. Ma questa ricerca richiede la mobilitazione e l impiego sia dell esprit de géométrie sia dell esprit de finesse, che, sapientemente impiegati, ciascuno nel suo ambito, possono ambire a raccogliere i frammenti del mondo per ricomporli, in prospettiva, in una nuova unità. Maria Vita Romeo, che s è occupata del pensiero morale e religioso di Pascal in un altro libro su Verità e bene, uscito nella collana di filosofia e scienze umane «Dialogos» diretta da Giuseppe Pezzino 9 e che ha curato, per le Edizioni Greco 10, una versione italiana dei suoi Scritti di fisica, ci accompagna, quasi tenendoci per mano, con puntiglio e con competenza, lungo la strada percorsa da Pascal nel tentativo di costruire una visione 17 Infra, p Cfr. infra, p M. V. Romeo, Verità e bene. Saggio su Pascal, C.U.E.C.M., Catania, B. Pascal, Scritti di fisica, introduzione, traduzione e note di M. V. Romeo, Catania, Greco,

9 complessiva dell essere del mondo fisico. Ricostruisce le tappe del suo pensiero geometrico e fisico e fa vedere come Pascal abbia nel corso delle sue investigazioni elaborato una epistemologia ben precisa della ricerca scientifica. Questa epistemologia è fondata su un metodo rigoroso di indagine che lega tra loro comprensione ed esperienza in un legame indissolubile, di tipo circolare. Servendosi dell esprit de géométrie per vedere e comprendere, Pascal dimostra che per ben vedere e ben comprendere bisogna esser pronti a riconoscere che vi sono delle cose che non possono essere viste senza esser prima comprese. Egli ipotizza cioè che tra l esperimento e la comprensione razionale intercorra un rapporto molto particolare. Da una parte l esperimento verifica l ipotesi formulata prima di esso, consentendo così di accedere alla sua comprensione. Dall altra parte la comprensione, rendendo possibile la formulazione dell ipotesi, è alla base della costruzione dell esperimento. Nell interpretare, alla sua maniera, le caratteristiche dell esprit de géométrie, Pascal non abbraccia, dunque, né il razionalismo intransigente di Cartesio, né l empirismo intransigente di Bacone. Innova su questo punto sia rispetto all uno, sia rispetto all altro e, innovando, si ricollega alla grande tradizione che si era espressa al massimo livello in Galilei. Nel contesto che si determina con la costruzione e l applicazione di un simile metodo, diventa non dirimente se non addirittura poco rilevante, secondo la Romeo, stabilire se risulta vera l ipotesi avanzata in un celebre saggio, Pascal savant, da A. Koyré, ripresa e rilanciata in altri recenti studi che la Romeo discute con conoscenza di causa e intelligenza, secondo la quale alcuni degli esperimenti da lui descritti, per svariate ragioni tutte elencate nel testo, sono esperimenti mai fatti, esperimenti, dunque, immaginari. Non c è dubbio, Pascal si serve di esperimenti simili, di esperimenti fittizi ma, osserva la Romeo, questo fatto «non deve sor- 14

10 prenderci: i cosiddetti esperimenti mentali, infatti, fanno parte della tecnica scientifica sperimentale del XVII secolo» 11. E neanche il fatto che gli esperimenti descritti da Pascal presentano, a volte, un carattere innegabile di schematicità, deve scandalizzarci più di tanto. Che essi siano, a volte, frutto della sua immaginazione non li rende meno funzionali alla elaborazione della fisica nuova, la quale dipende, più che dalla discutibilità di simili esperimenti, dalla possibilità di definire «un metodo unico e generale», capace di forzare l enigma delle cose, facendoci accedere, per esempio, quando si studiano i comportamenti dei fluidi, alla formulazione «di una legge generale che racchiuda in sé i diversi casi particolari del comportamento» che essi hanno in natura 12. Ma la Romeo non si limita a ricostruire, interpretandola, la posizione di Pascal. Fa vedere anche come le riserve di Koyré derivino dai sospetti di Boyle e ricostruisce una bella pagina di storia della scienza, non universalmente nota, dimostrando, con analisi testuali circostanziate, che anche quando, in qualche modo, accordando fiducia alla sua fantasia teorica, Pascal si consente qualche confidenza con il reale, depurandolo dei suoi elementi accidentali per adeguarlo al razionale, egli non compromette mai il rigore e l attendibilità delle sue formulazioni. Ma quale è il senso delle sue ricostruzioni scientifiche? L epistemologia di Pascal approda, forse, dopo la seconda conversione, a una critica della scienza o, piuttosto, dell ideologia scientifica rivolta a colpire l orgoglio umano che essa produce, la volontà di potenza dell uomo che essa fonda e installa per ricondurlo all umiltà di fondo della sua condizione, che rimane miserabile anche quando i suoi saperi e i suoi poteri si allargano? Molte interpretazioni si sono orientate in questa direzione, costruendo quello che è diventato un po un cliché di un Pascal dispregiatore della scienza. 11 Cfr. infra, p Cfr. infra, p

11 La Romeo non le condivide. Ella pensa che le cose non stiano in questi termini. Secondo lei, mai Pascal giunge a svalutare la scienza. Egli non contraddice l indicazione fornita circa la necessità di tenere separato l ambito nel quale occorre esercitare l esprit de géométrie da quello nel quale occorre esercitare l esprit de finesse. L uno non può a un certo momento rivolgersi contro l altro per svalutarlo. E quando in un noto frammento scrive: «La scienza delle cose esteriori non ci consolerà dell ignoranza della morale al tempo di afflizione, ma la scienza della morale mi consolerà sempre dall ignoranza delle scienze esteriori», non intende affatto negare il valore della ricerca scientifica. Intende semplicemente dire che non bisogna mai «impegnarsi unicamente nello studio delle scienze esatte», che bisogna evitare questo pericolo «che ci indurrebbe inevitabilmente alla lassitude, distogliendoci così dal nostro obiettivo primario: la ricerca della verità ultima» 13. Per questo, anche quando, dopo la notte del Memoriale, ha ormai la mente occupata da altri problemi, egli «non smette mai di dedicare parte del suo tempo allo studio di quelle scienze astratte che, pur risultando inutili ai fini della salvezza, conservano ai suoi occhi una loro utilità» 14. La seconda conversione non interrompe perciò il suo accanito lavoro scientifico, che egli abbandona solo quando vi è costretto dal peggioramento delle sue condizioni di salute verificatosi verso la fine del Pensando, come si è detto, nel tempo in cui è venuta meno la possibilità di riferirsi a una totalità il cui senso sia immediatamente accessibile, Pascal non rinuncia, dunque, a scrutare il senso velato di questa totalità. Su questo punto si può concordare con la Romeo. Certo, egli respinge la concezione cartesiana costruita sul legame metafisico tra la religione e la scienza, e non pensa, come 13 Cfr. infra, p Cfr. infra, p

12 lo pensava Cartesio, che la ragione matematica sia in grado di restituire l unità e l armonia dell essere. Ritiene, infatti, che gli ambiti dell essere siano così differenti da dover essere esplorati servendosi di ragioni appropriate ad ognuno di essi. E insiste perciò sulla distinzione tra esprit de géométrie ed esprit de finesse. Ma cerca l unità e la cerca riflettendo, come dice giustamente la Romeo, sull infinito, sia sull infinito matematico, sia sull infinito metafisico, come dimostra il celebre frammento dei Pensieri nel quale Pascal li prende in considerazione, stabilendo tra loro un parallelo. Questo non si può negare. Non si può negare, però, nemmeno che l unità cercata non è l unità trovata e che l infinito matematico non è l infinito metafisico. Quel che, secondo me, è notevole nell impostazione di Pascal è che, dopo aver definito il modo d essere dell infinito matematico, egli ammette che l infinito metafisico non ha volto, non è qualcosa di identificabile. Nel momento in cui si rifiuta di imprigionare il volto dell infinito entro i confini identitari assegnatigli da un logos, desunto dal pensiero greco, come aveva fatto in parte la patristica, e senza incertezze la scolastica, Pascal recupera una concezione squisitamente religiosa dell infinito, la concezione per la quale l essenza dell infinito non è nella sua manifestazione. Egli comprende allora che l infinito non è alla portata di nessun sapere, né di quello costruito dall esprit de géométrie, né di quello costruito dall esprit de finesse. Questo non vuol dire che, in ultima istanza, si abbandoni alla disperazione nei confronti di ogni possibilità di stabilire un contatto con l infinito. Adoperato con la sapienza dovuta, l esprit de finesse ci apre la strada alla comprensione che, benché non sia alla nostra portata l accesso all infinito, non per questo viene meno la possibilità di ogni rapporto. Benché non ceda ai poteri della manifestazione, l Infinito si rivela. Ma lo fa senza che l uomo possa far niente per rendere possibile la rivelazione. La rivelazione è gratuita. Essa è un dono che l Infinito fa al fini- 17

13 to, il quale non ha altro potere in questa faccenda se non quello che, nella rinunzia a tutto il suo essere, lo spinge all accettazione. Accettazione non facile, perché essa comporta un assunzione di responsabilità che prende corpo in un movimento di rinuncia alle prerogative della libertà umana che può essere anche senza fine. Il gioco della grazia spiazza i giochi della conoscenza, sia della conoscenza costruita dall esprit de géométrie sia della conoscenza costruita dall esprit de finesse. È questo gioco a mantenere separate ragione e fede in una maniera tale da impedire alla prima di smentire la seconda e alla seconda di operare violenza nei confronti della prima. Per questo, se in un mondo, che, come il mondo moderno sembra uscito fuori dai suoi cardini, il Dio che era stato preso di mira dalla teologia, e che era stato concepito dalla tradizione come il fuoco visibile e invisibile della metafisica generale, si è nascosto, si vuole evitare che la totalità continui a rimanere frammentata e se si desidera, come lo desidera Pascal, che il pensiero si proietti, al di là dei frammenti, per attingere il cuore vivo di tutto quel che è e che diviene, occorre rivolgersi al Dio della fede, al «Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe e non dei filosofi e degli scienziati» e contare sul dono di rivelazione che si sprigiona dalla figura di Gesù Cristo, perché solo grazie a questo dono si accende la luce che illuminandolo a giorno fa vedere quale sia il senso che ha tutto quel che è e che diviene e che, in quanto tale, concerne eminentemente l uomo. Giuseppe Lissa 18

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

M. Heidegger, Che cosa significa pensare (1954), Sugarco, Milano, 1988, pp. 77-78

M. Heidegger, Che cosa significa pensare (1954), Sugarco, Milano, 1988, pp. 77-78 M. Heidegger, Che cosa significa pensare (1954), Sugarco, Milano, 1988, pp. 77-78 Gli ultimi uomini ammiccano. Che cosa significa? Ammiccare ha a che fare con scintillare, splendere, apparire. Ammiccare

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Pascal

a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Pascal a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Pascal 1623 1662 "se una persona si butta giù da un palazzo, noi fisici sappiamo dire con quale velocità toccherà il suolo, ma non perché lo ha fatto. Non a tutto

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno?

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno? 1 17 gennaio 2014 Introduzione al quarto incontro L introduzione è relativa a uno studio nuovo, che ho fatto, e ci introduce nella Scrittura per quanto riguarda il respiro: sono i primi cinque versetti

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

Introduzione alla storia lezione 1. Prof. Marco Bartoli

Introduzione alla storia lezione 1. Prof. Marco Bartoli Introduzione alla storia lezione 1 Prof. Marco Bartoli Vi piace la storia? Anche a giudicare dai programmi di studio della scuola italiana, vi è un progressivo disinteresse per l insegnamento della storia.

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

SENZA PAROLE. Illustrazione di Matteo Pericoli 2001

SENZA PAROLE. Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 SENZA PAROLE Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 Agente di viaggio. Vedo che ha deciso per la Transiberiana. Ottima scelta. Un viaggio difficile, ma che le darà enormi soddisfazioni. Cliente. Mi preoccupa

Dettagli

Le competenze chiave per la scuola del 21 secolo Report attività Studenti - dibattito competenze chiave - esperienze e proposte

Le competenze chiave per la scuola del 21 secolo Report attività Studenti - dibattito competenze chiave - esperienze e proposte Le competenze chiave per la scuola del 21 secolo Report attività Studenti - dibattito competenze chiave - esperienze e proposte Gruppo coordinato da Erika Gerardini,, AFSAI Con Valentina Riboldi e Silvia

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

ALEXANDRE KOYRÉ E LA NASCITA DELLA SCIENZA MODERNA

ALEXANDRE KOYRÉ E LA NASCITA DELLA SCIENZA MODERNA 261 ALEXANDRE KOYRÉ E LA NASCITA DELLA SCIENZA MODERNA GRAZIELLA FEDERICI VESCOVINI Dipartimento di Scienze dell Educazione, Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Firenze Alexandre Koyré,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PICCOLA CATECHESI SUL BATTESIMO PRESENTAZIONE PER GENITORI

PICCOLA CATECHESI SUL BATTESIMO PRESENTAZIONE PER GENITORI PICCOLA CATECHESI SUL BATTESIMO PRESENTAZIONE PER GENITORI PERCHE FACCIAMO IL BATTESIMO? 1. Obbedienti al comando di Gesù: Andate, fate discepole tutte le genti battezzandole nel nome del Padre e del Figlio

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Dio, il mondo e il Big- -Bang

Dio, il mondo e il Big- -Bang Dio, il mondo e il Big- -Bang come parlare di Dio creatore ome ha fatto Dio a fare il Mondo? Dio, i miracoli e le leggi della natura DIO e il Mondo Dio, Adamo ed Eva, e l evoluzione Dio o il Big Bang?

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003

Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003 PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe II liceo classico Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003 IL NEOPLATONISMO Plotino Dai molti all Uno, dall

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Maestro orologiaio e inventore

Maestro orologiaio e inventore 02 Maestro orologiaio e inventore Passione per la scienza, amore per l orologeria Autentico artista, François-Paul Journe esplora la misura del tempo per soddisfare il suo bisogno di creare. E da quel

Dettagli