4.4. La Lettera dedicatoria all Accademia Parigina p «L espace n est ni corps, ni esprit; mais il est espace»» L infinito e l unità»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.4. La Lettera dedicatoria all Accademia Parigina p. 236 4.5. «L espace n est ni corps, ni esprit; mais il est espace»» 247 5. L infinito e l unità»"

Transcript

1

2 INDICE GENERALE Prefazione (di Giuseppe Lissa) p. 9 Premessa» 19 Abbreviazioni» Il vuoto e la catastrofe ontologica» La meccanizzazione della natura» Tra immaginazione e realtà» Il tramonto dell horror vacui» Il Récit e l esperimento del Puy de Dôme» Nuovi dubbi riguardo alla relazione sull esperimento del Puy de Dôme: la tesi di S. Matton» Il Traité du vide» Libertà di ricerca e trionfo del meccanicismo» Gli interlocutori della ragione» La scienza tra immaginazione e prevenzione» Tradizione, ragione e prevenzione» Il geometra all opera» Il Saggio sulle coniche e la Generatio conisectionem» La sete di unità e la ricerca di un metodo unico e generale» Probabilità e scommessa»

3 4.4. La Lettera dedicatoria all Accademia Parigina p «L espace n est ni corps, ni esprit; mais il est espace»» L infinito e l unità» La scienza ripudiata?» La roulette» Il concorso sulla roulette tra controversie ed errori» Amos Dettonville-Pascal inventore del calcolo integrale?» Filosofia e scienza nei Trattati sulla roulette» L infinito matematico e l infinito divino» 358 Conclusione» 375 Bibliografia» 391 I. Opere di carattere bibliografico» 391 II. Edizioni delle opere pascaliane in lingua originale» 391 Opere complete» 391 Opere scientifiche» 392 III. Traduzioni in lingua italiana» 392 Lettere provinciali e Pensieri» 392 Opere scientifiche» 393 IV. Bibliografia su Pascal savant» 394 V. Bibliografia generale» 447 Indice dei nomi»

4 PREFAZIONE «Se, dunque, certi spiriti fini non sono geometri, è perché sono del tutto incapaci di volgersi verso i princìpi della geometria; mentre la ragione per cui certi geometri difettano di finezza è che non scorgono quel che sta dinanzi ai loro occhi e che, essendo usi ai princìpi netti e tangibili della geometria, e a ragionare solo dopo averli ben veduti e maneggiati, si perdono nelle cose in cui ci vuol finezza, nelle quali i princìpi non si lasciano trattare alla stessa maniera. Infatti, esse si scorgono appena; si sentono più che non si vedano; è molto difficile farle sentire a chi non le senta da sé: sono talmente tenui e in così gran numero che occorre un senso molto perspicuo e molto delicato per sentirle, per giudicarne poi in modo retto e giusto secondo tale sentimento, senza poterle il più delle volte dimostrare con ordine rigoroso, come nella geometria, perché non se ne possiedono nella stessa maniera i princìpi e volerlo fare sarebbe un impresa senza fine. Bisogna cogliere la cosa di primo acchito con un solo sguardo, e non per progresso di ragionamento almeno fino a un certo punto» 1. Pascal pensa in un momento particolarmente delicato della storia dello spirito europeo. Egli pensa nel momento che segna il passaggio dal cosmo, dal «mondo chiuso all universo infinito», il momento in cui l uomo, avendo perso «il mondo in cui 1 B. Pascal, Pensieri, trad. it. P. Serini, Torino, Einaudi, 1962, p. 6. 9

5 viveva e al quale pensava», è costretto a mutare «lo stesso quadro istituzionale del suo pensiero». Questo determina una cesura decisiva, perché, quando perde il cosmo, l uomo perde anche il riferimento a una misura suscettibile di ordinare e orientare la sua vita. Insieme al cosmo vengono meno, infatti, le «idee» che avevano consentito di rappresentarsi «il mondo come un tutto finito, chiuso e gerarchicamente ordinato», che avevano, cioè, permesso di immaginarlo come un mondo «nel quale la gerarchia dei valori determinava la gerarchia e la struttura dell essere, risalendo dalla terra oscura, pesante e imperfetta, alla via via crescente perfezione delle stelle e delle sfere celesti». L universo «indefinito o infinito» che succede a quel mondo è «tenuto insieme dall identità delle sue componenti e leggi fondamentali, tutte collocate allo stesso livello d essere». E questo comporta conseguenze rilevantissime sul piano etico-religioso. Il passaggio determina, infatti, «lo sradicamento dal pensiero scientifico di ogni considerazione basata su concetti di valore, quale perfezione, armonia, significato e scopo, ed infine la completa svalorizzazione dell essere, il divorzio tra il mondo dei valori e il mondo dei fatti» 2. Dopo questo passaggio l uomo viene a trovarsi in una singolare quanto imbarazzante situazione. Il nuovo strumento di investigazione del quale si è fornito, la ragione matematica, gli consente, attraverso una sapiente utilizzazione degli esperimenti, un accesso diretto alla conoscenza dell universo. Essa lo aiuta, dunque, a orientarsi nel mondo nuovo, e non si limita a questo. Nel momento in cui gli rivela l incatenamento dell ordine meccanicistico che regola il funzionamento dell universo, gli consente di accedere anche al suo controllo. Poiché apre la strada alla «possibilità di far penetrare la teoria nell azione», mette a sua disposizione tutte le dimensioni del mondo esterno, dimostran- 2 A. Koyré, Dal mondo chiuso all universo infinito, trad. it. L. Cafiero, Milano, Feltrinelli, 1970, p

6 do che l intelligenza teorica è suscettibile di convertirsi in realtà, inaugurando la coesistenza tra «una tecnologia e una fisica» 3. In tale situazione nasce però un problema. La ragione matematica, che è essenzialmente facoltà di proporzioni, rivela una sproporzione di fondo. Essa rende visibile il fatto che nel nuovo universo, concepito come una smisurata costruzione meccanica, ordinantesi e funzionante secondo proprie leggi, esprimibili in termini matematici, proprio l uomo, che è il padrone di quella ragione, capace di interpretare quelle leggi e il linguaggio matematico che le esprime, non è in rapporto con la realtà di quell universo. A differenza del cosmo antico e medievale che era costruito intorno all uomo, ai suoi bisogni e alla sua destinazione, questo nuovo universo non si presenta come suscettibile d essere messo in rapporto con le sue sorti. In questo universo l uomo si trova gettato come uno straniero, come un essere inopinatamente precipitato «in un mondo in cui nulla è in rapporto con le sue aspirazioni umane» 4. Egli vi si ritrova, come dice Pascal, come un estraneo che non sa chi l abbia messo al mondo, né sa cosa sia il mondo, né sa che cosa sia egli stesso 5. Quest uomo si trova, dunque, in una situazione paradossale. Sa come funziona il mondo, sa come poter sfruttare questo sapere, ma non sa cosa sia il mondo e, in modo particolare, non comprende cosa sia il mondo umano che sembra sfuggire alle prese della sua ragione. Non lo comprende, né se pretende di avervi accesso, come vuole Cartesio, tramite la ragione scientifica, l esprit de géométrie, né se, come farà Bayle, sulle orme di Montaigne, abbandonandosi allo scetticismo, proclama l impotenza della ragione. 3 Idem, Dal mondo del pressappoco all universo della precisione, trad. it. P. Zambelli, Torino, Einaudi, 1967, p B. Groethuysen, Filosofia della rivoluzione francese, trad. it. G. Tarizzo, Milano, Il Saggiatore, 1967, p B. Pascal, Pensieri, cit., pp

7 Ma l uomo non può nutrirsi solo di dubbi. Egli non può inoltrarsi, come per l appunto fa Bayle, sulla strada della filosofia identificandola come una via di smarrimento. Egli non può limitarsi a dire, per l appunto come dice Bayle, che poiché «i lumi filosofici lo conducono soltanto a fargli, infine, ammettere di sapere di non sapere nulla, fatto che è il nec plus ultra della filosofia», «il miglior uso che si possa fare degli studi di filosofia è quello di riconoscere che essa sia una via di smarrimento» 6. Pascal, come si deduce dal frammento citato sui due «esprits», esclude perentoriamente una simile eventualità. Secondo lui, c è un pensiero che può farsi strada nel labirinto della condizione umana. Esso non è il pensiero razionale che getta luce sul modo d essere del mondo esterno, non è l esprit de géométrie. A differenza dell esprit de géométrie, che è uno strumento cui non manca una qual certa rigidità, questo pensiero è un congegno flessibilissimo, particolarmente adatto a sposare la variabilità e la multiformità del mondo umano. Questo pensiero è, per l appunto, l esprit de finesse. L uomo, dunque, non è destinato a rimanere fermo, imprigionato nella sua perplessità al cospetto del nuovo mondo che non lascia intravedere da nessuna parte un centro, suscettibile di ricondurlo ad unità. Egli può inoltrarsi in esso per condurre la sua ricerca. E può avventurarsi sia nel mondo fisico, nel mondo della natura, sia nel mondo umano, nel mondo della storia. Egli può dar corso alla sua ricerca in entrambi gli ambiti. Ma deve tener conto della linea di separazione che li attraversa. Il mondo dell unità è ormai finito. Pascal pensa nel momento in cui l essere descritto dall onto-teo-logia medievale è scoppiato, e la totalità del mondo è caduta in frantumi. Per questo il suo pensiero si presenta frammentario, quasi disperso. Tutte le sue opere, sia quelle scientifiche, sia quelle che, unificate, avrebbero 6 P. Bayle, Dictionnaire historique et critique, Article Bunel, note E, cit. in B. Groethuysen, op. cit., p

8 dovuto dar luogo al suo grande trattato sull uomo, i Pensieri, si presentano come annotazioni, in apparenza quasi slegate tra di loro come se fossero prive di un vero e proprio centro, intorno al quale ricomporsi in un ben preciso ordine. Ma si tratta solo d apparenza. Sia i suoi contributi scientifici, sia i suoi scritti sull uomo, al di là della loro frammentarietà, rivelano una volontà e una tensione all unificazione, che non si può discutere. Come dice Maria Vita Romeo in questo bel libro che, con notevole acribia e pazienza esegetica, si inoltra nella foresta degli scritti frammentari prodotti da Pascal nel corso di una vita breve, ma dedicata, quasi fino alla fine, alla ricerca della verità sul mondo e sull uomo, tutte le sue ricerche «appaiono collegate da un filo conduttore: la ricerca dell infinito» 7. Ragion per cui è possibile ritrovare e individuare nelle sue opere scientifiche, come in quelle etico-religiose, quelli che sono «gli elementi chiave del suo pensiero: il concetto di infinito e quello di unità» 8. Ma questa ricerca richiede la mobilitazione e l impiego sia dell esprit de géométrie sia dell esprit de finesse, che, sapientemente impiegati, ciascuno nel suo ambito, possono ambire a raccogliere i frammenti del mondo per ricomporli, in prospettiva, in una nuova unità. Maria Vita Romeo, che s è occupata del pensiero morale e religioso di Pascal in un altro libro su Verità e bene, uscito nella collana di filosofia e scienze umane «Dialogos» diretta da Giuseppe Pezzino 9 e che ha curato, per le Edizioni Greco 10, una versione italiana dei suoi Scritti di fisica, ci accompagna, quasi tenendoci per mano, con puntiglio e con competenza, lungo la strada percorsa da Pascal nel tentativo di costruire una visione 17 Infra, p Cfr. infra, p M. V. Romeo, Verità e bene. Saggio su Pascal, C.U.E.C.M., Catania, B. Pascal, Scritti di fisica, introduzione, traduzione e note di M. V. Romeo, Catania, Greco,

9 complessiva dell essere del mondo fisico. Ricostruisce le tappe del suo pensiero geometrico e fisico e fa vedere come Pascal abbia nel corso delle sue investigazioni elaborato una epistemologia ben precisa della ricerca scientifica. Questa epistemologia è fondata su un metodo rigoroso di indagine che lega tra loro comprensione ed esperienza in un legame indissolubile, di tipo circolare. Servendosi dell esprit de géométrie per vedere e comprendere, Pascal dimostra che per ben vedere e ben comprendere bisogna esser pronti a riconoscere che vi sono delle cose che non possono essere viste senza esser prima comprese. Egli ipotizza cioè che tra l esperimento e la comprensione razionale intercorra un rapporto molto particolare. Da una parte l esperimento verifica l ipotesi formulata prima di esso, consentendo così di accedere alla sua comprensione. Dall altra parte la comprensione, rendendo possibile la formulazione dell ipotesi, è alla base della costruzione dell esperimento. Nell interpretare, alla sua maniera, le caratteristiche dell esprit de géométrie, Pascal non abbraccia, dunque, né il razionalismo intransigente di Cartesio, né l empirismo intransigente di Bacone. Innova su questo punto sia rispetto all uno, sia rispetto all altro e, innovando, si ricollega alla grande tradizione che si era espressa al massimo livello in Galilei. Nel contesto che si determina con la costruzione e l applicazione di un simile metodo, diventa non dirimente se non addirittura poco rilevante, secondo la Romeo, stabilire se risulta vera l ipotesi avanzata in un celebre saggio, Pascal savant, da A. Koyré, ripresa e rilanciata in altri recenti studi che la Romeo discute con conoscenza di causa e intelligenza, secondo la quale alcuni degli esperimenti da lui descritti, per svariate ragioni tutte elencate nel testo, sono esperimenti mai fatti, esperimenti, dunque, immaginari. Non c è dubbio, Pascal si serve di esperimenti simili, di esperimenti fittizi ma, osserva la Romeo, questo fatto «non deve sor- 14

10 prenderci: i cosiddetti esperimenti mentali, infatti, fanno parte della tecnica scientifica sperimentale del XVII secolo» 11. E neanche il fatto che gli esperimenti descritti da Pascal presentano, a volte, un carattere innegabile di schematicità, deve scandalizzarci più di tanto. Che essi siano, a volte, frutto della sua immaginazione non li rende meno funzionali alla elaborazione della fisica nuova, la quale dipende, più che dalla discutibilità di simili esperimenti, dalla possibilità di definire «un metodo unico e generale», capace di forzare l enigma delle cose, facendoci accedere, per esempio, quando si studiano i comportamenti dei fluidi, alla formulazione «di una legge generale che racchiuda in sé i diversi casi particolari del comportamento» che essi hanno in natura 12. Ma la Romeo non si limita a ricostruire, interpretandola, la posizione di Pascal. Fa vedere anche come le riserve di Koyré derivino dai sospetti di Boyle e ricostruisce una bella pagina di storia della scienza, non universalmente nota, dimostrando, con analisi testuali circostanziate, che anche quando, in qualche modo, accordando fiducia alla sua fantasia teorica, Pascal si consente qualche confidenza con il reale, depurandolo dei suoi elementi accidentali per adeguarlo al razionale, egli non compromette mai il rigore e l attendibilità delle sue formulazioni. Ma quale è il senso delle sue ricostruzioni scientifiche? L epistemologia di Pascal approda, forse, dopo la seconda conversione, a una critica della scienza o, piuttosto, dell ideologia scientifica rivolta a colpire l orgoglio umano che essa produce, la volontà di potenza dell uomo che essa fonda e installa per ricondurlo all umiltà di fondo della sua condizione, che rimane miserabile anche quando i suoi saperi e i suoi poteri si allargano? Molte interpretazioni si sono orientate in questa direzione, costruendo quello che è diventato un po un cliché di un Pascal dispregiatore della scienza. 11 Cfr. infra, p Cfr. infra, p

11 La Romeo non le condivide. Ella pensa che le cose non stiano in questi termini. Secondo lei, mai Pascal giunge a svalutare la scienza. Egli non contraddice l indicazione fornita circa la necessità di tenere separato l ambito nel quale occorre esercitare l esprit de géométrie da quello nel quale occorre esercitare l esprit de finesse. L uno non può a un certo momento rivolgersi contro l altro per svalutarlo. E quando in un noto frammento scrive: «La scienza delle cose esteriori non ci consolerà dell ignoranza della morale al tempo di afflizione, ma la scienza della morale mi consolerà sempre dall ignoranza delle scienze esteriori», non intende affatto negare il valore della ricerca scientifica. Intende semplicemente dire che non bisogna mai «impegnarsi unicamente nello studio delle scienze esatte», che bisogna evitare questo pericolo «che ci indurrebbe inevitabilmente alla lassitude, distogliendoci così dal nostro obiettivo primario: la ricerca della verità ultima» 13. Per questo, anche quando, dopo la notte del Memoriale, ha ormai la mente occupata da altri problemi, egli «non smette mai di dedicare parte del suo tempo allo studio di quelle scienze astratte che, pur risultando inutili ai fini della salvezza, conservano ai suoi occhi una loro utilità» 14. La seconda conversione non interrompe perciò il suo accanito lavoro scientifico, che egli abbandona solo quando vi è costretto dal peggioramento delle sue condizioni di salute verificatosi verso la fine del Pensando, come si è detto, nel tempo in cui è venuta meno la possibilità di riferirsi a una totalità il cui senso sia immediatamente accessibile, Pascal non rinuncia, dunque, a scrutare il senso velato di questa totalità. Su questo punto si può concordare con la Romeo. Certo, egli respinge la concezione cartesiana costruita sul legame metafisico tra la religione e la scienza, e non pensa, come 13 Cfr. infra, p Cfr. infra, p

12 lo pensava Cartesio, che la ragione matematica sia in grado di restituire l unità e l armonia dell essere. Ritiene, infatti, che gli ambiti dell essere siano così differenti da dover essere esplorati servendosi di ragioni appropriate ad ognuno di essi. E insiste perciò sulla distinzione tra esprit de géométrie ed esprit de finesse. Ma cerca l unità e la cerca riflettendo, come dice giustamente la Romeo, sull infinito, sia sull infinito matematico, sia sull infinito metafisico, come dimostra il celebre frammento dei Pensieri nel quale Pascal li prende in considerazione, stabilendo tra loro un parallelo. Questo non si può negare. Non si può negare, però, nemmeno che l unità cercata non è l unità trovata e che l infinito matematico non è l infinito metafisico. Quel che, secondo me, è notevole nell impostazione di Pascal è che, dopo aver definito il modo d essere dell infinito matematico, egli ammette che l infinito metafisico non ha volto, non è qualcosa di identificabile. Nel momento in cui si rifiuta di imprigionare il volto dell infinito entro i confini identitari assegnatigli da un logos, desunto dal pensiero greco, come aveva fatto in parte la patristica, e senza incertezze la scolastica, Pascal recupera una concezione squisitamente religiosa dell infinito, la concezione per la quale l essenza dell infinito non è nella sua manifestazione. Egli comprende allora che l infinito non è alla portata di nessun sapere, né di quello costruito dall esprit de géométrie, né di quello costruito dall esprit de finesse. Questo non vuol dire che, in ultima istanza, si abbandoni alla disperazione nei confronti di ogni possibilità di stabilire un contatto con l infinito. Adoperato con la sapienza dovuta, l esprit de finesse ci apre la strada alla comprensione che, benché non sia alla nostra portata l accesso all infinito, non per questo viene meno la possibilità di ogni rapporto. Benché non ceda ai poteri della manifestazione, l Infinito si rivela. Ma lo fa senza che l uomo possa far niente per rendere possibile la rivelazione. La rivelazione è gratuita. Essa è un dono che l Infinito fa al fini- 17

13 to, il quale non ha altro potere in questa faccenda se non quello che, nella rinunzia a tutto il suo essere, lo spinge all accettazione. Accettazione non facile, perché essa comporta un assunzione di responsabilità che prende corpo in un movimento di rinuncia alle prerogative della libertà umana che può essere anche senza fine. Il gioco della grazia spiazza i giochi della conoscenza, sia della conoscenza costruita dall esprit de géométrie sia della conoscenza costruita dall esprit de finesse. È questo gioco a mantenere separate ragione e fede in una maniera tale da impedire alla prima di smentire la seconda e alla seconda di operare violenza nei confronti della prima. Per questo, se in un mondo, che, come il mondo moderno sembra uscito fuori dai suoi cardini, il Dio che era stato preso di mira dalla teologia, e che era stato concepito dalla tradizione come il fuoco visibile e invisibile della metafisica generale, si è nascosto, si vuole evitare che la totalità continui a rimanere frammentata e se si desidera, come lo desidera Pascal, che il pensiero si proietti, al di là dei frammenti, per attingere il cuore vivo di tutto quel che è e che diviene, occorre rivolgersi al Dio della fede, al «Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe e non dei filosofi e degli scienziati» e contare sul dono di rivelazione che si sprigiona dalla figura di Gesù Cristo, perché solo grazie a questo dono si accende la luce che illuminandolo a giorno fa vedere quale sia il senso che ha tutto quel che è e che diviene e che, in quanto tale, concerne eminentemente l uomo. Giuseppe Lissa 18

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

una chiave di lettura

una chiave di lettura LA SCIENZA NEL MEDIO EVO TRA OXFORD E PARIGI una chiave di lettura Alberto Strumia CIRAM - Università di Bologna Dipartimento di Matematica Università di Bari I L M E D I O E V O L U N I T À D E L S A

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

GIOVANNI SIAS 1 La tua domanda è ben posta per me, tutt altro che impropria, perché mi dà modo di precisare alcune cose che non ho ancora detto o che si potevano leggere solo fra le righe. Innanzitutto,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso

incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso incontro e condivisione la strada: un luogo non solo un percorso AGESCI ROUTE NAZIONALE 2014 Inventare la strada è un rischio, è il rischio: ma il rischio è la condizione della libertà, è l ambito della

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA approfondimenti biblici 07 Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA In verità, in verità vi dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio Quel che è nato dalla

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net. DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net. DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone PARTE I VICO E GROZIO Nella sua autobiografia Vico esprime gratitudine a Grozio, il fatto per Fassò risulta curioso in quanto Vico oppositore del Giusnaturalismo

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

Dall alchimia alla chimica

Dall alchimia alla chimica Dall alchimia alla chimica L alchimia (dall arabo al-kimiya = pietra filosofale; dal greco chymeia = mescolanza di liquidi) è intrisa di misticismo e di mistero. Anche se è errato considerare l alchimia

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli