CONFIMI. Rassegna Stampa del 02/09/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFIMI. Rassegna Stampa del 02/09/2014"

Transcript

1 CONFIMI Rassegna Stampa del 02/09/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 02/09/2014 Il Manifesto - Nazionale «Il lavoro cambierà totalmente» 02/09/2014 Il Mattino - Napoli Sud Conti pubblici, ad agosto fabbisogno in calo: risparmiati dieci miliardi 02/09/2014 Corriere di Romagna - Ravenna Bassette, tutti soddisfatti per le telecamere 02/09/2014 Gazzetta di Modena - Nazionale Confimi, proposta sui problemi dell'articolo 18 02/09/2014 La Voce di Romagna - Ravenna Confimi spera nelle telecamere "Unico argine contro i criminali" CONFIMI WEB 01/09/ :28 12:28 Confimi Impresa: no abolizione art 18 ma soglia a 35 dipendenti 01/09/2014 it.notizie.yahoo.com_economia 12:31 Confimi Impresa: no abolizione art. 18, ma soglia a 35 dipendenti 01/09/ :55 Lavoro, Confimi: No ad abolizione art. 18, sì soglia a 35 dipendenti 01/09/ :22 Parte la videosorveglianza alle Bassette, più sicurezza per le aziende 01/09/2014 ildiariodellavoro.it 16:12 No abolizione art. 18, ma soglia a 35 dipendenti SCENARIO ECONOMIA 02/09/2014 Corriere della Sera - Nazionale Del Vecchio: ecco perché ho scelto un triumvirato 02/09/2014 Corriere della Sera - Nazionale quei sorpassi subiti in rete 19 21

3 02/09/2014 Corriere della Sera - Nazionale mini Job e Servizi all'impiego Sindacati e Aziende Alleati 02/09/2014 Corriere della Sera - Nazionale L'attivismo di Renzi copre un'economia tuttora in affanno 02/09/2014 Corriere della Sera - Nazionale Mercato Auto stabile ad Agosto il Record della Jeep (+81%) 02/09/2014 Corriere della Sera - Nazionale Generali chiama un manager Allianz per il vino 02/09/2014 Il Sole 24 Ore I dilemmi Bce e i rischi di inerzia europea 02/09/2014 Il Sole 24 Ore Nuova frenata europea Euro ai minimi dell'anno 02/09/2014 Il Sole 24 Ore Parigi e Berlino premono su Draghi 02/09/2014 Il Sole 24 Ore «La nuova Luxottica non ha bisogno di Guerra Ora è pronta per i miei figli»* 02/09/2014 La Repubblica - Nazionale "Basta con gli errori di Merkel e Bce o l'italia fallirà per il Fiscal compact" 02/09/2014 La Repubblica - Nazionale L'austerity blocca il risiko frequenze Ue: "Pari dignità per telefoni e tv" Mediaset esulta 02/09/2014 La Stampa - Nazionale "Usciremo da Telecom" Telefonica annuncia l'addio 02/09/2014 La Stampa - Nazionale Il settembre nero dei negozi Due chiusure ogni apertura** 02/09/2014 MF - Nazionale Guerra lascia con 45 milioni 02/09/2014 MF - Nazionale Lo scontro Draghi-Merkel allontana l'ipotesi QE 02/09/2014 MF - Nazionale I piani non cambiano, cresceremo ancora 02/09/2014 MF - Nazionale Dal taglio delle partecipate non più di 600 mln nel

4 02/09/2014 MF - Nazionale Al di là delle telefonate la Bce chiarisca defi nitivamente i suoi piani 02/09/2014 MF - Nazionale Le banche online vanno in rete SCENARIO PMI Il capitolo non contiene articoli

5 CONFIMI 5 articoli

6 02/09/2014 Il Manifesto - Ed. nazionale Pag. 3 (diffusione:24728, tiratura:83923) Rottamare La disciplina dei licenziamenti verrà rivoluzionata? Intanto emerge la proposta di alzare da 15 a 35 la soglia dei dipendenti ARTICOLO 18 Renzi accelera sulla riscrittura dello Statuto, ma non rivela i progetti sulla giusta causa «Il lavoro cambierà totalmente» Sacconi (Ncd) preme per abolire la storica tutela, Angeletti (Uil) apre alla riforma: «Con Monti lo abbiamo già modificato» Antonio Sciotto «Alla fine dei Mille giorni il diritto del lavoro sarà totalmente trasformato e l'italia sarà un Paese semplice, in cui investire o non investire». Una promessa, quella del premier ieri in conferenza stampa, indirizzata non solo al pubblico italiano (ormai sempre più impaziente per una ripresa che non arriva), ma soprattutto all'europa, alla Ue e alla Bce: con Angela Merkel e con gli altri partner dell'unione, con Francoforte, Matteo Renzi dovrà confrontarsi nelle prossime settimane, da leader del semestre europeo. Ma per chiedere più «flessibilità» sui conti, dovrà portare sul tavolo le famose «riforme» più volte invocate: quindi sulla delega del Jobs Act si dovrà accelerare, prima degli stessi 1000 giorni. Per Renzi, che vorrebbe passare alla storia come il politico che "sblocca" l'italia, appunto europeizzandola, il faro da seguire non può che essere quello della "capoclasse": «Dobbiamo rendere il nostro mercato del lavoro come quello tedesco. La Germania è un modello in particolare su questo - ha spiegato ieri - Quando ci renderemo conto che un imprenditore non può morire di pastoie burocratiche per assumere una persona, l'italia sarà finalmente un paese normale». Il presidente del consiglio conferma quindi di voler riformare in modo profondo lo Statuto dei lavoratori, e in quello che non sarà solo un maquillage rischia di finire male, quindi, anche l'articolo 18. Ma per il momento il premier continua a glissare, insistendo con la formula che «non è quello il problema»: «Il dibattito estivo sull'articolo 18 è un evergreen», ha detto con una battuta, rispondendo ai giornalisti. «In Italia i casi che vengono risolti con l'articolo 18 sono circa 40 mila - ha proseguito Renzi - e per l'80% finiscono con un accordo. Dei restanti 8000, solo 3000 circa vedono il lavoratore perdere. Quindi noi stiamo discutendo di un tema che riguarda 3000 persone l'anno in un paese che ha 60 milioni di abitanti. Il problema non è l'articolo 18, non lo è per me e non lo sarà». Eppure le pressioni per modificare l'articolo 18 sono forti. Ieri Maurizio Sacconi, campione della battaglia per conto dell'ncd, ha chiesto una correzione alla delega che presto verrà discussa in Parlamento (e proprio dalla Commissione Lavoro del Senato, che lui stesso presiede): «Il presidente del consiglio riconosce la necessità di riscrivere lo Statuto dei lavoratori, criterio che non è oggi compreso nella legge delega e che dovrà quindi essere introdotto», nota l'ex ministro del Lavoro. L'Ncd mira a «produrre un nuovo Testo Unico il cui contenuto fondamentale è la disciplina del contratto a tempo indeterminato. La regolazione del recesso non interessa solo i pochi casi di contenzioso, ma tutti i datori di lavoro che hanno più di 15 dipendenti e i moltissimi disoccupati perché influenza la propensione ad assumere». Apre alle riforme la Uil, con Luigi Angeletti: «Per noi è una cosa possibile - ha spiegato - Faccio osservare che anche con il governo Monti abbiamo, in qualche modo, modificato l'articolo 18. I sindacati sono dei riformisti per definizione». Una «soluzione» per riformare l'articolo 18, togliendolo a una corposa fetta di lavoratori ma senza abolirlo del tutto, la offre Confimi Impresa (Confederazione Industria manifatturiera italiana e dell'impresa privata): «No all'abolizione dell'articolo 18, sì invece allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35 - dice il presidente Paolo Agnelli - Questa modifica porterebbe alla fine delle paure della crescita per le piccole e medie imprese sotto i 15 dipendenti; alla fine dei motivi di nanismo di molte imprese; a eliminare l'uso fasullo dei co.co.pro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unità, al termine dell'utilizzo delle false partite Iva». CONFIMI - Rassegna Stampa 02/09/2014 6

7 02/09/2014 Il Manifesto - Ed. nazionale Pag. 3 (diffusione:24728, tiratura:83923) Dal fronte del Pd, il presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano (che a sua volta affronterà questo nodo nell'iter del ddl delega in Parlamento), cerca di spostare il dibattito dall'articolo 18 ai tanti contratti precarizzanti: «Gli ultimi dati Isfol danno ragione alla scommessa che come Pd abbiamo fatto insieme al ministro Poletti: far aumentare le assunzioni con l'apprendistato e il tempo determinato senza cannibalizzare il tempo indeterminato. Nel secondo trimestre 2014, il tempo determinato registra un +3,9%, l'apprendistato un +16,1% e il tempo indeterminato un +1,4%. Chiederemo al governo, nella delega, di disboscare la giungla delle modalità di impiego frutto della passata stagione di deregolazione». CONFIMI - Rassegna Stampa 02/09/2014 7

8 02/09/2014 Il Mattino - Napoli sud Pag. 6 (diffusione:79573, tiratura:108314) Conti pubblici, ad agosto fabbisogno in calo: risparmiati dieci miliardi In agosto si è realizzato fabbisogno del settore statale pari, in via provvisoria, a circa 7,5 miliardi, che si confronta con il fabbisogno di 9,421 miliardi del mese di agosto Lo comunica il ministero dell'economia. Nei primi otto mesi dell'anno il fabbisogno si è attestato a circa 50,4 miliardi, con un miglioramento di oltre 10,6 miliardi rispetto allo stesso periodo del In una nota il Tesoro commenta: «Il miglioramento registrato nel fabbisogno di agosto, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, è ascrivibile a minori pagamenti dal bilancio dello Stato, tra cui quelli per interessi sul debito pubblico, a fronte di una sostanziale invarianza degli incassi fiscali. Il miglioramento registrato nel fabbisogno di agosto, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, è dunque ascrivibile a minori pagamenti dal bilancio dello Stato, tra cui quelli per interessi sul debito pubblico, a fronte di una sostanziale invarianza degli incassi fiscali. Intanto ritorna in contrazione l'attività manifatturiera in Italia. Il relativo indice Pmi, calcolato da Markit Economics, è sceso ad agosto a 49,8 punti da 51,9 di luglio contro attese per un calo più contenuto a 51 punti. La soglia dei 50 punti fa da spartiacque tra espansione e contrazione del ciclo. «Il settore manifatturiero nell'eurozona ha perso ulteriore slancio», afferma l'economista di Markit Rob Dobson, sottolineando che le incertezze economiche e geopolitiche stanno pesando in particolar modo sull'attività manifatturiera. E così l'indice Pmi manifatturiero nell'eurozona è precipitato ai minimi da 13 mesi, mentre nei singoli Paesi tocca i minimi da 14 mesi in Italia, i minimi da 11 mesi in Germania e i minimi da 15 mesi in Francia. E sempre dal fronte del manifatturiero arriva il «No alla abolizione dell'articolo 18, sì invece allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35.» Paolo Agnelli, presidente di Confimi Impresa - Confederazione dell'industria Manifatturiera Italiana e dell'impresa Privata sottolinea che «questa modifica - aggiunge Agnelli -porterebbe alla fine delle paure della crescita per le Pmi sotto i 15 dipendenti; alla fine dei motivi di nanismo di molte imprese; all'eliminazione dell'uso fasullo dei co.co.pro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unità, al termine dell'utilizzo delle false partite Iva». «Questa soluzione inoltre - conclude Agnelli - renderebbe stabile anche la situazione di molti lavoratori che al momento vivono situazioni di precarietà». Infine sulla necessità di liberare l'apprendistato da costi e vincoli introdotti dalla riforma Fornero, rilanciare l'alternanza scuola-lavoro, valorizzare le competenze, importare in Italia l'esperienza tedesca del sistema di formazione duale, efficace collegamento tra il mondo della scuola ed il mondo delle imprese che consente ai giovani di conseguire un titolo di studio imparando un mestiere ha insistito il presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti. Apprezzando le parole di Renzi, in tema di riforme per rilanciare l'occupazione. «È questa la strada per affrontare il dramma della disoccupazione giovanile e potenziare la qualità manifatturiera made in Italy» sottolinea Merletti. «Bisogna utilizzare il Job Acts - continua - per definire un sistema di orientamento e di sostegno al lavoro». RIPRODUZIONE RISERVATA CONFIMI - Rassegna Stampa 02/09/2014 8

9 02/09/2014 Corriere di Romagna - Ravenna Pag. 9 SICUREZZA Bassette, tutti soddisfatti per le telecamere RAVENNA. «Do po un 2013 costellato di numerosi fenomeni delinquenziali ai danni di tante imprese, speriamo che un importante cambio di rotta arrivi grazie all' in stal lazione nella zona Bassette di un sistema di videosorveglianza, come anticipato nei giorni scorsi dall'as se ss ore ai lavori pubblici Andrea Corsini». E' l' auspicio di Mauro Basurto, segretario generale di Confimi Impresa Ravenna che delinea un quadro preoccupante sul fronte della sicurezza. «Molte nostre aziende situate in quella zona hanno subito furti e danni di ogni tipo negli ultimi due anni al punto che già dai primi mesi del 2013 avevamo in più occasioni sollevato questo problema alle istituzioni del territorio. La recente approvazione dei progetti esecutivi per la realizzazione degli impianti ci fa ben sperare che un simile deterrente ponga un freno all' attività delinquenziale che per tanti mesi ha tenuto in scacco le imprese della zona». CONFIMI - Rassegna Stampa 02/09/2014 9

10 02/09/2014 Gazzetta di Modena - Ed. nazionale Pag. 8 (diffusione:10626, tiratura:14183) Confimi, proposta sui problemi dell'articolo 18 Confimi, proposta sui problemi dell'articolo 18 Confimi, proposta sui problemi dell'articolo 18 Paolo Agnelli, presidente nazionale di Confimi Impresa - interviene nel dibattito sull'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. «No alla abolizione dell'articolo 18 - dice Agnelli - sì invece allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35. Questa modifica porterebbe alla fine delle paure della crescita per le pmi sotto i 15 dipendenti; alla eliminazione dell'uso fasullo dei co.co.pro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unità». CONFIMI - Rassegna Stampa 02/09/

11 02/09/2014 La Voce di Romagna - Ravenna Pag. 14 (diffusione:30000) VIDEOSORVEGLIANZA BASSETTE L'auspicio del segretario Basurto Confimi spera nelle telecamere "Unico argine contro i criminali" opo un 2013 costellato di numerosi fenomeni delinquenziali ai danni di tante imprese, speriamo che un cambio di rotta arrivi grazie all'installazione alle Bassette di un sistema di videosorveglianza". E' l'auspicio di Mauro Basurto, segretario generale di Confimi Impresa Ravenna, che ricorda in una nota come molte aziende situate in quella zona hanno subìto "furti e danni di ogni tipo negli ultimi due anni al punto che, già dai primi mesi del 2013, avevamo in più occasioni sollevato questo problema alle istituzioni. La recente approvazione dei progetti esecutivi per la realizzazione degli impianti (zona Bassette e Marchesato a Marina di Ravenna) ci fa ben sperare che un simile deterrente ponga un freno all'attività delinquenziale. Ancora una volta - conclude Basurto - la coesione tra sistema istituzionale ed economico confidiamo possa rappresentare il più efficace strumento per contrastare simili fenomeni e restituire tranquillità alle aziende già provate dalla crisi". Mauro Basurto segretario generale di Confimi Impresa Ravenna CONFIMI - Rassegna Stampa 02/09/

12 CONFIMI WEB 5 articoli

13 01/09/ :28 Sito Web 12:28 Confimi Impresa: no abolizione art 18 ma soglia a 35 dipendenti pagerank: 7 "Questa soluzione aiuterebbe stabilita' lavoratori" (ASCA) - Roma, 1 set Confimi Impresa, la confederazione dell'industria manifatturiera e dell'impresa privata, e' contraria all'abolizione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, ma chiede di alzare la soglia della tutela a 35 dipednenti. "No alla abolizione dell'articolo 18 - dice il presidente Paolo Agnelli - si' invece allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35". Questa modifica, aggiunge, "porterebbe alla fine delle paure della crescita per le Pmi sotto i 15 dipendenti; alla fine dei motivi di nanismo di molte imprese; all'eliminazione dell'uso fasullo dei cocopro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unita', al termine dell'utilizzo delle false partite Iva. Questa soluzione, inoltre, renderebbe stabile anche la situazione di molti lavoratori che al momento vivono situazioni di precarieta'". Vis CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 02/09/

14 01/09/ :31 it.notizie.yahoo.com_economia Sito Web Confimi Impresa: no abolizione art. 18, ma soglia a 35 dipendenti pagerank: 6 Roma, 1 set. (TMNews) - Confimi Impresa, la confederazione dell'industria manifatturiera e dell'impresa privata, è contraria all'abolizione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, ma chiede di alzare la soglia della tutela a 35 dipednenti. "No alla abolizione dell'articolo 18 - dice il presidente Paolo Agnelli - sì invece allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35". Questa modifica, aggiunge, "porterebbe alla fine delle paure della crescita per le Pmi sotto i 15 dipendenti; alla fine dei motivi di nanismo di molte imprese; all'eliminazione dell'uso fasullo dei cocopro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unità, al termine dell'utilizzo delle false partite Iva. Questa soluzione, inoltre, renderebbe stabile anche la situazione di molti lavoratori che al momento vivono situazioni di precarietà". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 02/09/

15 01/09/ :55 Sito Web Lavoro, Confimi: No ad abolizione art. 18, sì soglia a 35 dipendenti pagerank: 4 Roma, 1 set. (LaPresse) - Confimi Impresa dice "no all'abolizione dell'articolo 18", mentre è favorevole "allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35". Lo si legge in una nota del presidente della confederazione, Paolo Agnelli. "Questa modifica - aggiunge - porterebbe alla fine delle paure della crescita per le Pmi sotto i 15 dipendenti; alla fine dei motivi di nanismo di molte imprese; all'eliminazione dell'uso fasullo dei co.co.pro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unità, al termine dell'utilizzo delle false partite Iva". "Questa soluzione inoltre - conclude Agnelli - renderebbe stabile anche la situazione di molti lavoratori che al momento vivono situazioni di precarietà". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 02/09/

16 01/09/ :22 Sito Web Parte la videosorveglianza alle Bassette, più sicurezza per le aziende pagerank: 4 Dopo un 2013 costellato di numerosi fenomeni delinquenziali ai danni di tante imprese, speriamo che un importante cambio di rotta arrivi grazie all'installazione nella zona Bassette di un sistema di videosorveglianza, come anticipato nei giorni scorsi dall'assessore ai Lavori Pubblici Andrea Corsini. "Molte nostre aziende situate in quella zona hanno subito furti e danni di ogni tipo negli ultimi due anni - spiega Mauro Basurto, segretario generale di Confimi Impresa Ravenna - al punto che già dai primi mesi del 2013 avevamo in più occasioni sollevato questo problema alle istituzioni del territorio". "La recente approvazione dei progetti esecutivi per la realizzazione degli impianti (zona Bassette e Marchesato a Marina di Ravenna) ci fa ben sperare che un simile deterrente ponga un freno all'attività delinquenziale che per tanti mesi ha tenuto in scacco le imprese della zona. Ancora una volta - conclude Basurto - la coesione tra sistema istituzionale ed economico confidiamo possa rappresentare il più efficace strumento in nostro possesso per contrastare simili fenomeni e restituire un minimo di tranquillità alle aziende già provate dal complesso periodo ancora in atto". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 02/09/

17 01/09/ :12 ildiariodellavoro.it Sito Web No abolizione art. 18, ma soglia a 35 dipendenti Confimi Impresa, la confederazione dell'industria manifatturiera e dell'impresa privata, è contraria all'abolizione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, ma chiede di alzare la soglia della tutela a 35 dipednenti. "No alla abolizione dell'articolo 18 - dice il presidente Paolo Agnelli - sì invece allo spostamento della soglia della sua applicazione dai 15 addetti attuali ai 35". Questa modifica, aggiunge, "porterebbe alla fine delle paure della crescita per le Pmi sotto i 15 dipendenti; alla fine dei motivi di nanismo di molte imprese; all'eliminazione dell`uso fasullo dei cocopro; alla diminuzione del lavoro nero per gli eccedenti le 15 unità, al termine dell`utilizzo delle false partite Iva. Questa soluzione, inoltre, renderebbe stabile anche la situazione di molti lavoratori che al momento vivono situazioni di precarietà". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 02/09/

18 SCENARIO ECONOMIA 20 articoli

19 02/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) INTERVISTA Il futuro di Luxottica Del Vecchio: ecco perché ho scelto un triumvirato Fabio Tamburini di Fabio Tamburini e Daniela Polizzi a pagina 25 «Oggi si apre la terza fase di vita dell'azienda. All'inizio la nascita, poi il passo indietro del fondatore con la nomina di Andrea Guerra come amministratore delegato, ora un triumvirato perché, nel frattempo, l'azienda ha più che raddoppiato le vendite arrivando a 7,5 miliardi di euro». L'annuncio è di Leonardo Del Vecchio che, alla soglia degli 80 anni, ha deciso di riorganizzare il vertice di Luxottica e varare una nuova governance. «Guerra era l'unico capo azienda, mentre abbiamo deciso che è meglio averne tre, due amministratori delegati e un responsabile delle attività produttive, perché il gruppo è diventato molto più grande e globale. Così sarà facile anche ogni eventuale successione. Finché ci sono io, nel caso di uscita di un amministratore delegato solo al comando, non ci sono problemi, per l'esperienza che ho. Ma va tenuto conto della mia età, che non è più giovanile». La scommessa è continuare a crescere con obiettivi ambiziosi: «Il 6-7 % di aumento del fatturato all'anno per linee interne, che significa raddoppiare ancora nei prossimi dieci anni», aggiunge Del Vecchio, spiegando che, «se capita e sono profittevoli, aggiungeremo altre acquisizioni. In questo caso la crescita sarà ancora maggiore». Quando ha maturata la scelta del triumvirato? «Le prime riflessioni sono di quattro, cinque mesi fa, quando mi sono confrontato con Guerra proponendogli di farne parte». Come ha reagito? «L'ha presa come una caduta di fiducia nei suoi confronti. E ha reagito come avrei reagito io: non ha accettato e mi ha detto no. Così le strade hanno cominciato a dividersi. La frattura si è creata quando ho deciso di procedere e lui non ha cambiato posizione». Le prime incomprensioni sono cominciate con la partecipazione di Guerra alla Leopolda, l'iniziativa che ha lanciato Matteo Renzi? «Non ci ho neppure fatto caso. Mi ha dato un certo fastidio, invece, che abbia impiegato tre giorni a smentire le indiscrezioni sulla candidatura a ministro nel governo Renzi e, forse, il ritardo con cui me l'ha comunicato anche se non ho mai creduto molto al suo impegno in politica. Sono forzature in cui, soprattutto la televisione, è maestra. Vedono due insieme e dicono subito che fanno l'amore...». Lei conosce bene Guerra, lo ritiene più adatto come amministratore delegato di società come l'eni? «Certamente non ha le doti di un politico, che è un mestiere diverso con logiche diverse. In politica, per esempio, se uno caccia balle nessuno si stupisce troppo. Guerra non lo vedo portato e l'amministratore delegato dell'eni è già stato scelto. Oggi, secondo me, lo Stato avrebbe bisogno di coordinare le grandi aziende che ancora controlla. Un istituto com'era l'iri di una volta. E Guerra sarebbe perfetto». Ha condiviso la sua scelta di cedere le stock option quando era ancora in Luxottica? «In effetti quando un capo azienda vende i titoli della società c'è il rischio che ne derivi l'impressione di previsioni negative basate su notizie riservate. Nel caso di Luxottica, però, non è così perché le azioni cedute da Guerra le ho comprate io come facciamo da anni per tutte quelle vendute in blocchi, per evitare oscillazioni speculative. Quindi era una partita tutta interna al vertice del gruppo». Lei era d'accordo sulla fusione tra Luxottica e la Essilor, leader francese nella produzione di occhiali? «Non c'entra con l'uscita di Guerra. È stata una operazione a cui abbiamo lavorato e i francesi avevano accettato che il capo azienda diventasse lui. Io avrei mantenuto poco più del 30% ma non ho accettato perché, secondo il progetto, avrei contato come il maggior azionista di Essilor, che sarebbe sceso al 4% circa della nuova società». SCENARIO ECONOMIA - Rassegna Stampa 02/09/

20 02/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) Vi ha diviso anche l'intesa con Google? «Non c'entra neppure questo. Intanto perché più che un accordo strategico è una semplice collaborazione. Noi facciamo occhiali. Punto. A loro il compito di migliorare la tecnologia applicata, a cui noi collaboriamo. Più ci riusciranno meglio sarà». Nella nuova Luxottica lei tornerà operativo? «Per la verità non ho mai smesso di esserlo. Certo Guerra faceva bene e io quando uno fa bene non rompo le scatole. Adesso sono impegnato a far andare le cose ancora meglio». Il gruppo avrà un modello organizzativo diverso? «Un'altra novità è la creazione di un comitato direttivo formato dai manager del triumvirato e dal sottoscritto, che discuterà le decisioni da portare in consiglio di amministrazione». Suo figlio e suo nipote avranno ruoli particolari? «No. Stanno bene così come sono». Come giudica l'esordio del governo Renzi? «Ha il coraggio di dire quello che pensa. Dobbiamo soltanto sperare che riesca a farlo, anche se comincio ad avere qualche dubbio. I vincoli europei pesano». Cosa sarebbe necessario fare? «Ritrovare un po' di entusiasmo e voglia d'investire. Basterebbe una crescita anche piccola, magari dell'1%, per spezzare la spirale negativa. Siamo tutti mortificati da un'europa che ci strozza un po'. Servono più fiducia e più consumi. Occorrono riforme e puntare sullo sviluppo». Servono gli 80 euro in busta paga? «Li hanno criticati in tanti, ma è una leva che può funzionare». Condivide la critica di chi ritiene che il tasso di esperienza di troppi ministri sia troppo basso? «Le ministre giovani non sono certamente peggio dei loro predecessori, che dicevano sempre le stesse cose senza fare nulla. Meglio una ragazza con un po' di vivacità, anche se può sbagliare». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Leonardo Del Vecchio, 79 anni, è presidente di Luxottica, di cui controlla il 66%. Ha un patrimonio stimato di 19,5 miliardi di dollari SCENARIO ECONOMIA - Rassegna Stampa 02/09/

21 02/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'arretratezza digitale italiana quei sorpassi subiti in rete GIAN ANTONIO STELLA Ci ha spezzato le reni, per dirla ironicamente col Duce, anche la Grecia. Da ieri, sentenzia il sito netindex.com che misura la velocità di download domestica sulla base di cinque milioni di test al giorno, siamo novantottesimi al mondo. Dopo l'amata e malmessa Ellade e davanti al Kenya. Nel dicembre 2010 eravamo al 70º posto. Nel dicembre 2012 all'84º. Sempre più giù, giù, giù... Coi nostri mediocri 8,51 megabyte mediamente scaricabili al secondo siamo ultimi tra i Paesi del G8 (penultimo è il Canada che svetta dal 23,09: il triplo), penultimi tra quelli europei davanti alla Croazia e ultimissimi tra i 34 dell'ocse. Abissalmente lontani dalla velocità con cui scaricano dal Web i cinesi di Hong Kong, quasi undici volte la nostra, ma anche i sudcoreani, gli svedesi, gli svizzeri. C'è chi dirà: si tratta di realtà disomogenee e in qualche modo eccentriche rispetto alle realtà economiche, tanto da vedere ai primi posti per eccellenza della Rete la Romania, dove però i cittadini dialogano ancor peggio di noi con gli sportelli informatici pubblici. Vero. Resta il fatto che in classifica siamo staccati di 58 gradini dalla Cina, 65 dalla Spagna, 69 dalla Germania, 71 dalla Gran Bretagna, 76 dalla Francia con la quale fino a una dozzina di anni fa eravamo sostanzialmente alla pari. Per non dire della velocità di upload, cioè del tempo che si impiega per caricare un documento in Rete: quattro anni fa eravamo ottantaseiesimi. Oggi siamo al 157º posto. Molto ma molto più distanti dalla Francia che dal Congo o dal Burkina Faso. Ora, se il Web servisse solo ai ragazzini per dibattere dei tatuaggi preferiti o alle amanti della tisana per consigliare la menta piperita, poco male. Il nodo, come dimostra un'analisi di MM-One Group su dati Eurostat, è che la Rete è sempre più un volano per l'economia. Il fatturato delle imprese europee ricavato dal Web nel 2013 è stato in media del 14%. Ma la Gran Bretagna e la Slovacchia sono già al 18, la Repubblica ceca al 26, l'irlanda al 31%: quasi un euro su tre, a Dublino e dintorni, arriva via Internet. Noi siamo al 7%: la metà o meno delle altre europotenze. Per non dire del turismo, che vive un boom spropositato a livello planetario ma che solo parzialmente ci sfiora nonostante il nostro immenso patrimonio culturale, paesaggistico ed enogastronomico. Il business vacanziero europeo dipende per un quarto dal Web ma la quota si impenna fino al 39% nel Regno Unito. Noi siamo al 17%: nettamente sotto la Francia e la Spagna, le concorrenti dirette. Quanto al rapporto fra cittadini e pubblici sportelli, un'altra ricerca MM-One sui Paesi che sfruttano meglio le potenzialità della Rete dice che, se la Danimarca sta a 100, noi siamo a 9. Umiliante. Come se mancasse la consapevolezza, al centro e in periferia, di quanto il settore sia centrale. Come se nessuno si fosse accorto che perfino qui da noi, negli ultimi anni, come spiega l'agenda digitale italiana, il Web ha creato 700 mila posti di lavoro: sei volte più degli addetti di un settore storico quale la chimica. Eppure, davanti a un quadro così, lo stesso governo del primo premier incessantemente affaccendato tra Facebook e Twitter, WhatsApp ed Instagram pare aver deciso, stando alle bozze dello Sblocca Italia, di limitare gli aiuti per l'estensione della banda larga, sulla quale siamo in angoscioso ritardo sulla tabella di marcia europea, agli sgravi fiscali (sostanziosi o meno non si sa) per chi investirà sulle «aree a fallimento di mercato», quelle dove gli operatori non mettono soldi per paura di perderci. Che dire? #inboccaallupo. RIPRODUZIONE RISERVATA SCENARIO ECONOMIA - Rassegna Stampa 02/09/

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Studio Corno commercialisti, legali e consulenti internazionali CIS Italia centro studi impresa

Studio Corno commercialisti, legali e consulenti internazionali CIS Italia centro studi impresa RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 9 maggio 2014 RASSEGNA STAMPA Diritto e fisco: Beni d impresa; Imposta di bollo; Riforme; Economia:

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Quadro Macroeconomico attuale e previsioni future La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Eurogruppo/Ecofin e dal G7 non sono emerse novità di rilievo.

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 NOVITA Prima di iniziare a descrivere quanto è accaduto in settimana e valutare alcune opportunità, volevo parlarvi delle novità di Money Risk Analysis. Questo sito ha preso

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino?

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? Ambrosetti Club Economic Indicator Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? 3 settembre 2015 I primi sei mesi del 2015 si chiudono con un Prodotto Interno Lordo che torna finalmente col segno più (+0,3%),

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Fase di consolidamento in vista della ripresa Nel corso del 2015 il mercato immobiliare italiano e quello europeo dovrebbero lasciarsi alle spalle definitivamente le

Dettagli

Dollaro. Un grande punto interrogativo

Dollaro. Un grande punto interrogativo Dollaro. Un grande punto interrogativo Qualcosa sembra sfuggire, in questi giorni, agli occhi di noi comuni mortali. Dopo numerosi anni, il target del 6,5 così tanto ambito dalla Fed, sul tasso di disoccupazione,

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 10 marzo 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Nel corso delle ultime settimane abbiamo rivisto al

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 30 gennaio 2015 RASSEGNA STAMPA

RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 30 gennaio 2015 RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 30 gennaio 2015 RASSEGNA STAMPA Diritto e fisco: LAVORO; TELEFISCO; Economia: GERMANIA; IMPRESE;

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Breaking news. Quattro chiare domande

Breaking news. Quattro chiare domande Breaking news La BCE mantiene invariato il suo supporto al sistema bancario in Grecia. L Eurogruppo esclude ulteriori negoziati con la Grecia fino al referendum. Il Primo Ministro greco Tsipras invia una

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 02-06 2013 Numero 33 Il punto in breve La performance del mercato azionario inizia ad intimorire anche i più ottimisti. A Wall Street i listini continuano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA 10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA Agosto 2012 In questo momento l'europa va tutt'altro che evitata e riteniamo che l'attenzione che gravita intorno ai problemi fiscali abbia creato un'opportunità d'investimento,

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Rassegna del 23/06/2009

Rassegna del 23/06/2009 Rassegna del 23/06/2009... Corriere della Industria ancora giù. Protesta a Terminal sul piano Ferrari Giacomo Sera Fiat 1... Repubblica Marchionne, diktat ai manager Chrysler Tropea Salvatore 2... Sole

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Analisi Settimanale. 7-13 Settembre 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 7-13 Settembre 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 p9 Economia Economia Mercati FX Economia Mercati FX Mercati FX Termini Legali Si attende la reazione della Sterlina - Peter Rosenstreich

Dettagli

- Università e Ricerca Pag. L offerta di Bari. Corriere del Mezzogiorno 18.7.2011 2 Nuove regole: il primato del codice etico.

- Università e Ricerca Pag. L offerta di Bari. Corriere del Mezzogiorno 18.7.2011 2 Nuove regole: il primato del codice etico. RASSEGNA STAMPA DEL 17 18 LUGLIO 2011 - Università e Ricerca Pag. L offerta di Bari. Corriere del Mezzogiorno 18.7.2011 2 Nuove regole: il primato del codice etico. Corriere del Mezzogiorno 18.7.2011 5

Dettagli

COINCIDENZE? Coincidenze soprattutto nella sequenza di dati positivi, che confermano la necessità di tapering?

COINCIDENZE? Coincidenze soprattutto nella sequenza di dati positivi, che confermano la necessità di tapering? COINCIDENZE? Mercoledì 18 dicembre la Fed ha deciso di diminuire di 10 mld l entità degli acquisti di Titoli di Stato e Mbs, senza sorprendere più di tanto gli operatori. In sostanza è stato alzato molto

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Il QE potrebbe rianimare il settore Nell ultimo rapporto sull immobiliare europeo Standard&Poor s guarda al settore con maggiore ottimismo. Grazie al QE (Quantitative

Dettagli

PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010

PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010 PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010 2 CRESCITA ECONOMICA ANCORA LIMITATA Dopo due anni di recessione, il 2010 ha mostrato delle variazioni positive del PIL in quasi tutti i principali paesi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro dopo i massimi annuali (1,3995) ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3762 - Il cambio Usd/Yen è in

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

SmartHedge Report: Q3 2014

SmartHedge Report: Q3 2014 SmartHedge Report: Q3 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: fine del QE e rafforzamento del dollaro? Entro fine settembre la Federal

Dettagli