Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 1"

Transcript

1 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 1

2 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 2

3 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 3

4 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 4

5 Nella società moderna la trasmissione di notizie, informazioni, idee ed opinioni avviene attraverso strumenti tecnologici di comunicazione: la stampa, la radio, la televisione, il cinema, i CD, i DVD, internet. Questi strumenti che permettono la trasmissione a distanza tra gli uomini, vengono comunemente chiamati mass media, contrazione dell'espressione anglo-latina media of mass comunication, che significa mezzi (dal latino media) di comunicazione di massa. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 5

6 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 6

7 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 7

8 I moderni mass media stanno mutando radicalmente la società perché hanno una forza di penetrazione ed un'estensione tali da determinare cambiamenti nel modo di pensare e di vivere di tutta una collettività. Le caratteristiche principali degli strumenti di comunicazione sono la loro capacità di abolire tempo e spazio e di raggiungere contemporaneamente, in diretta, milioni di persone. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 8

9 Per mezzo dei satelliti artificiali è oggi possibile trasmettere, per radio e televisione, un avvenimento nell'attimo stesso in cui si svolge in tutto il mondo. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 9

10 Secondo il più importante studioso della comunicazione di massa, il sociologo canadese Marshall Me Luhan, i mass media elettronici moderni portano a conoscenza di tutti i problemi di ciascuno, aboliscono le distanze, comprimono il mondo alla dimensione di un villaggio o di una tribù, dove tutto arriva a tutti, dove ciascuno ne viene a conoscenza e vi partecipa al momento stesso dell'avvenimento. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 10

11 I moderni mass media sono strumenti tecnologici per eccellenza, frutto di una tecnica sofisticata e all'avanguardia. La conoscenza dell'aspetto tecnologico è determinante per comprendere meglio i meccanismi di comunicazione propri di ciascuno strumento, allo scopo di farne un uso più intelligente. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 11

12 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 12

13 I MASS MEDIA E LA PUBBLICITA Il fenomeno pubblicitario La comunicazione di massa, in Italia, si sviluppa solo dopo gli anni cinquanta, insieme alla riduzione dell analfabetismo, all aumento del reddito familiare ed al maggior interesse per l informazione. La lettura dei giornali e delle riviste, anche se in aumento, è ancora piuttosto lontana dagli indici raggiunti dagli altri Paesi economicamente più progrediti. Invece, la diffusione della radio e della televisione, che non richiedono una specifica preparazione culturale da parte dell ascoltatore e lo coinvolgono globalmente, è stata la vera via di comunicazione per la grande massa della popolazione. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 13

14 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 14

15 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 15

16 In questa situazione si è sviluppato il fenomeno pubblicitario, che si è inserito perfettamente nell'industria dei mass media, sfruttandone sino in fondo le tecniche ed esasperandone le caratteristiche di convincimento. La tecnica pubblicitaria è indifferente ai contenuti: la stessa agenzia può fare pubblicità ad un detersivo, ad un formaggino o ad un medicinale. Soltanto la marca od il nome del prodotto hanno importanza e acquistano un'immagine attraverso la pubblicità: il contenuto del messaggio ha il solo scopo di influenzare coloro che lo ricevono ad acquistare quel certo bene o servizio. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 16

17 La pubblicità, per raggiungere il pubblico di potenziali consumatori, si serve di mezzi come la stampa, la radio, la televisione, il cinema, i cartelloni stradali. Si serve anche di canali di diffusione più selezionati, diretti in modo specifico a determinate categorie di persone, come la pubblicità per posta, su riviste specializzate, mostre ed esposizioni, e così via. Se la pubblicità si serve dei mass media come strumenti per la comunicazione pubblicitaria, d'altra parte essa è anche un'importante fonte di finanziamento per quegli stessi mass media: si pensi alla pubblicità a pagamento stampata sui giornali o trasmessa alla radio o alla televisione. Parola di Toro farcito Il golosastro non entrerà nella valle della buona merenda! Invece voi tutti piccoli visi pallidi, gustate con me Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 17

18 I tecnici pubblicitari hanno studiato attentamente i principi della comunicazione, applicandoli al mezzo (giornale, radio, TV), e di ciascuno ne hanno esaltato le caratteristiche tecniche, perché il mezzo stesso concorre alla formazione del messaggio. In altre parole, un messaggio pubblicitario destinato ad essere stampato, avrà un contenuto tale da esaltare le caratteristiche stesse del mezzo usato (un giornale quotidiano, una rivista rotocalco...), mentre un inserto pubblicitario televisivo avrà, a sua volta, contenuti più adatti al mezzo televisivo, e così via. Le maglie di Stefanel Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 18

19 La pubblicità, dunque, si avvale dello stesso schema utilizzato per spiegare il processo di comunicazione, e che abbiamo già analizzato pre cedentemente. Ma, in questo caso, è opportuno sottolineare alcune caratteristiche particolari della comunicazione pubblicitaria. Il segno o segnale pubblicitario (parola, disegno, fotografia, film) deve essere capace di catturare l'attenzione del pubblico ricevente, letteralmente bombardato da altri centinaia di messaggi che gli giungono da tutte le parti. Ecco, quindi, l'esigenza di ricorrere a segnali sempre più originali o, almeno, più colorati, più grandi, più insoliti. Il messaggio pubblicitario Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 19

20 Ma, come sappiamo, il segnale viene trasmesso usando uno speciale linguaggio (codice) che deve essere compreso da tutti coloro verso i quali è indirizzato: la pubblicità, allora, si differenzia secondo la fascia di pubblico che intende influenzare. Ad esempio, la pubblicità di una nuova merenda si serve di un giornale per ragazzi (mezzo), usando un linguaggio comprensibile ai ragazzi (codice). Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 20

21 La pubblicità, invece, di un profumo o di un rossetto si serve preferibilmente di un giornale femminile (mezzo), e usa un linguaggio indirizzato al pubblico di donne e ragazze, possibili acquirenti di quel prodotto. Ancora, la pubblicità di un paio di scarpe da pallone si serve delle pagine di un settimanale sportivo. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 21

22 E evidente che il messaggio pubblicitario ha senso solo se i destinatari del messaggio hanno l'effettiva possibilità di acquistare quel certo prodotto. Quindi, è proprio nei Paesi in cui grandi masse di persone godono di un alto reddito, che la pubblicità si è enormemente sviluppata ed ha persino modificato lo stesso modo di vivere, contribuendo in maniera determinante all'affermazione di quel fenomeno conosciuto come consumismo. In quei Paesi, invece, dove la popolazione o, almeno, una parte di essa, non ha ancora del tutto risolto problemi fondamentali come quelli del lavoro, della casa, dell'istruzione, dell'assistenza sanitaria, il fenomeno pubblicitario ha una presa inferiore, e spesso ha effetti irritanti, nel suo messaggio che rappresenta una realtà falsa ed irraggiungibile. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 22

23 Ne sono esempi alcune pubblicità che compaiono sui nostri schermi televisivi, che rappresentano modelli di vita molto lontani dal modello medio della realtà sociale italiana: sono messaggi che si rivolgono, evidentemente, ad un piccolo gruppo di riceventi, ma utilizzano, invece, un mezzo popolare come la TV che entra nelle case di milioni di persone Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 23

24 Comunicazione pagata Un'altra caratteristica della pubblicità è che si tratta di una comunicazione di massa pagata. In questo caso la comunicazione diventa merce e, come tale, ha un suo prezzo. Questo fattore ha, per anni, contribuito a far considerare con un certo atteggiamento di condanna il fenomeno pubblicitario: ne abbiamo un esempio considerando la pubblicità sui giornali. Quelli che, a torto o a ragione, si consideravano più seri, hanno dedicato uno spazio minore alla pubblicità rispetto ad altri considerati più disponibili ed inoltre hanno tollerato una pubblicità in formato ridotto, poco appariscente. Ma, come abbiamo detto, la pubblicità è merce, e viene quindi pagata, ed anche bene. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 24

25 Negli ultimi anni, perciò, la pubblicità è diventata la ciambella di salvataggio per molti giornali in crisi finanziaria, e solo attraverso di essa la stragrande maggioranza dei periodici e dei quotidiani riesce a sopravvivere. La pubblicità viene ormai comunemente utilizzata anche dai partiti politici che, al tempo delle elezioni, si servono dei mass media per far conoscere e propagandare le loro idee. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 25

26 Informazione e persuasione Il fenomeno pubblicitario è stato, ed è, variamente giudicato: talvolta esaltato, più spesso condannato. Secondo alcuni la pubblicità dovrebbe limitarsi ad informare il pubblico, illustrando correttamente le caratteristiche del prodotto con un linguaggio chiaro e concreto. Dovrebbe essere abolita qualsiasi forma, diretta o indiretta, di esortazione o persuasione ad acquistare un determinato prodotto. Ma, ribattono altri, la pubblicità è l'anima del commercio: in un regime economico come il nostro, nel quale la concorrenza tra i produttori si fa sempre più spietata ed il consumatore è spesso visto come una preda da conquistare, non è sufficiente informare, occorre persuadere, influenzare il compratore fino al punto da fargli ritenere indispensabile il possesso di quel certo bene. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 26

27 In questa pubblicità, l'importante è la «trovata», la cosa insolita: l'immagine di una pera imbottita al posto di un panino. Lo scopo di attirare l'attenzione del consumatore è stato, senza dubbio, raggiunto. Tutto può essere imbottito quando il sapore è Sottilette Kraft Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 27

28 Un facile terreno di conquista sono, per i persuasori occulti, i bambini, sia come consumatori di oggi (prodotti per l infanzia), sia come consumatori di domani. Possiamo facilmente verificare come i bambini molto piccoli imparino prestissimo le parole delle canzoncine degli inserti pubblicitari televisivi, e quale genitore oserà rifiutare l'acquisto di quel certo biscotto o quell'altra merendina che faranno del suo bambino un bambino sano e felice come quello della TV? Ma non vi sono limiti per i persuasori: i bambini, oltre che consumatori, possono diventare, direttamente o indirettamente, dei compratori. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 28

29 In questa pubblicità, diretta evidentemente alle mamme, si afferma categoricamente che soltanto con questo prodotto il bambino non farà i capricci e mangerà la sua merenda (o colazione, fa lo stesso). Il contenuto informativo, che si riferisce al numero di calorie del prodotto, è messo nettamente in second'ordine rispetto al messaggio persuasivo. Il significato dello slogan pubblicitario, volutamente esagerato, non è certo educativo: non si tratta quasi di un ricatto? Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 29

30 E allora fioriscono la Festa della Mamma e quella del Papà tutte ottime occasioni per vendere di più. Per non parlare, poi, del Natale, ridotto ormai, da diversi anni, ad una festa del consumismo più deteriore. Per i prodotti di larga diffusione, ma di lunga durata, come, ad esempio, gli elettrodomestici (frigorifero, televisore ecc.) o le automobili, le vendite dei nuovi modelli devono essere continuamente stimolate facendo apparire vecchi e sorpassati i modelli precedenti. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 30

31 Ma la vetta dell'abilità persuasiva è stata toccata con l'introduzione dello shopping, un termine inglese che potremmo tradurre con far spese. L'andare a far spese o, come si dice, l andar per negozi, è diventata quasi una forma di svago: si esce di casa per andare a comprare qualcosa e, nella maggioranza dei casi, non si sa neppure cosa. Ci penserà la pubblicità, nelle vie del centro ricche di vetrine invitanti, o nei grandi magazzini dagli scaffali colmi delle merci più disparate, a convincerci che abbiamo bisogno di quel certo prodotto, e quindi a spingerci a comprarlo. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 31

32 Meriti e demeriti della pubblicità Come spesso accade, si imputano ad uno strumento meriti e colpe che sono anzitutto di chi fa uso dello strumento. Nel nostro caso, si accusa la pubblicità, strumento di comunicazione, di sfruttare l'ignoranza del pubblico, di ricorrere a sottili tecniche di persuasione, di diffondere falsi valori. Ma la colpa è della pubblicità e non, piuttosto, di chi la manovra? Ed il consumatore, a sua volta, non ha anch'egli specifiche colpe? Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 32

33 Per utilizzare al meglio lo strumento pubblicitario occorre, da parte di chi invia il messaggio, un comportamento leale e responsabile; da parte degli organismi pubblici un controllo severo e costante a difesa del consumatore; da parte, infine, del pubblico, una maggiore conoscenza per capire il significato delle denominazioni e delle indicazioni Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 33

34 La pubblicità, piaccia o non piaccia, ha assunto un ruolo importantissimo nella nostra società. E se è vero che, spesso, la comunicazione pubblicitaria è stata e viene ancora usata per diffondere modelli di comportamento, come il consumismo, che non corrispondono ai reali interessi dell'intera società ma solo a quelli di alcuni gruppi di potere economico, è altrettanto vero che la comunicazione pubblicitaria può venire impiegata per diffondere dei valori che sono di maggior interesse per la collettività. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 34

35 Come esempi, per quanto riguarda modelli di comportamento consumistici, non è necessario fare dei riferimenti specifici: è sufficiente sfogliare una qualunque rivista, accendere la TV od ascoltare la radio. Come esempi contrari, purtroppo assai meno diffusi, possiamo citare le campagne ecologiche, quella per la raccolta del sangue, quelle per combattere contro certe malattie, e così via. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 35

36 Una pubblicità corretta assolve ad importanti funzioni: porta alla conoscenza dei consumatori nuovi prodotti e nuove tecniche, aumentando le loro possibilità di scelta; consente alle imprese di allargare il mercato, di farsi conoscere e, in ultima analisi, di produrre di più. Quanto è detto è valido non solo per i Paesi ad economia capitalista, come l'europa Occidentale o gli Stati Uniti, ma anche per quelli ad economia pianificata e centralizzata, dove, anche se in forme particolari, viene fatta della pubblicità commerciale. Per allontanare di mille miglia la morte da tuo figlio, certe volte bastano 20 centimetri. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 36

37 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 37

38 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 38

39 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 39

40 Il Codice di autodisciplina pubblicitaria I più importanti Enti che operano nel settore della Pubblicità si sono impegnati a seguire delle regole di comportamento, elencate in un Codice di autodisciplina pubblicitaria. Questo Codice ha lo scopo di assicurare che la pubblicità, nello svolgimento del suo ruolo particolarmente utile nel processo economico, venga realizzata soprattutto come servizio per l'informazione del pubblico, con speciale riguardo alla sua influenza sul consumatore. Riportiamo, come esempio, alcune di queste regole: Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 40

41 1. Lealtà pubblicitaria La pubblicità deve essere onesta, veritiera e corretta. Essa deve evitare tutto ciò che possa screditarla. 2. Pubblicità ingannevole La pubblicità deve evitare ogni dichiarazione o rappresentazione che sia tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità e esagerazioni..., specie per quanto riguarda le caratteristiche e gli effetti del prodotto, il prezzo, la gratuità Termini scientifici, citazioni tecniche, dati statistici I termini scientifici e le citazioni tecniche devono essere usati in modo appropriato. I dati statistici con limitata validità non devono essere presentati in modo da apparire come universalmente validi. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 41

42 4. Testimonianze Le testimonianze devono essere autentiche, responsabili e controllabili. 5. Dimostrazione della verità dei messaggi Chiunque si vale della pubblicità deve essere in grado di dimostrare... la veridicità dei dati, delle descrizioni, affermazioni, illustrazioni e la consistenza delle testimonianze usate. 6. Superstizione, credulità, paura La pubblicità deve evitare ogni forma di sfruttamento della superstizione, della credulità e, salvo ragioni giustificate, della paura. 7. Violenza, volgarità, indecenza La pubblicità non deve contenere affermazioni o rappresentazioni di violenza fisica o morale o tali che, secondo il gusto e la sensibilità dei consumatori, debbano ritenersi indecenti, volgari o ripugnanti. 8. Convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona La pubblicità non deve offendere le convinzioni morali, civili e religiose dei cittadini. La pubblicità deve rispettare la dignità della persona umana in tutte le sue forme ed espressioni. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 42

43 9. Bambini e adolescenti Una cura particolare deve essere posta nei messaggi che si rivolgono ai bambini e agli adolescenti o che possono essere da loro ricevuti. Questi messaggi non devono contenere nulla che possa danneggiarli psichicamente, moralmente o fisicamente e non devono inoltre abusare della loro naturale credulità o mancanza di esperienza. L'impiego di bambini e adolescenti in messaggi pubblicitari deve evitare ogni sfruttamento dei naturali sentimenti degli adulti per i più giovani. 10. Sicurezza Quando si tratta di prodotti suscettibili di presentare pericoli, specialmente se non possono facilmente essere riconosciuti come tali dal consumatore, la pubblicità deve indicarli con chiarezza. Comunque essa non deve contenere descrizioni o rappresentazioni tali da indurre i consumatori a trascurare le normali regole di prudenza o a diminuire il senso di vigilanza e di responsabilità verso i pericoli per la salute e per la sicurezza proprie e della collettività. Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 43

44 Prof. Cuzzola Antonino - I Mass Media e la Pubblicità - 44

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine I.C. di Balsorano (AQ) - Scuola Secondaria di I Grado La pubblicità è l arte di convincere i consumatori La pubblicità

Dettagli

PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO

PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO 40 ANNI DI PUBBLICITÀ VISTA DAL GIURÌ Campagne valutate, sospese, ritirate In occasione della Giornata della donna, 8 marzo 2008, la Città di Torino, attraverso il Settore Pari

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 23 NB. Una precisazione PURAMENTE FORMALE: nella numerazione delle lezioni sulle slide sono passata dalla lezione 20 alla 21 senza

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO Annunziata Gemma PREMESSA La pubblicità è una forma di comunicazione che ha lo scopo di indurre i potenziali acquirenti alla scelta di un prodotto o di un servizio o ad accrescere

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE UFFICIO V Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale relativa ai prodotti alimentari e alle

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

Norme a tutela dei consumatori. Obbligo di informativa sui prodotti posti in commercio - Artt. 6-7-9-11-12 D.Lgs. 206/2005 -

Norme a tutela dei consumatori. Obbligo di informativa sui prodotti posti in commercio - Artt. 6-7-9-11-12 D.Lgs. 206/2005 - TUTORIAL www.protezionecitta.it Norme a tutela dei consumatori Contenuto minimo Obbligo di informativa sui prodotti posti in commercio - Artt. 6-7-9-11-12 D.Lgs. 206/2005 - I prodotti o le confezioni dei

Dettagli

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Informazioni e indicazioni per i genitori Le tecnologie audiovisive e digitali sono strumenti molto utili per la formazione ed il divertimento

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione CARTA DI TORINO 2008 Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione Il testo è stato redatto dal Consiglio dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e dal Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 A CHE CI SERVE LA PUBBLICITÀ? Oltre a interrompere un film, la pubblicità

Dettagli

Proposta di legge in materia di tutela dei bambini nell ambito delle comunicazioni commerciali audiovisive

Proposta di legge in materia di tutela dei bambini nell ambito delle comunicazioni commerciali audiovisive Proposta di legge in materia di tutela dei bambini nell ambito delle comunicazioni commerciali audiovisive Colleghi deputati! I media tradizionali e i nuovi media possono costituire uno strumento utile

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

McLuhan: il medium è il messaggio

McLuhan: il medium è il messaggio McLuhan: il medium è il messaggio L espressione sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito anche dalla natura del medium stesso. Ogni medium va quindi studiato in base

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

La seduzione della pubblicità (3)

La seduzione della pubblicità (3) La seduzione della pubblicità (3) Il messaggio pubblicitario La pubblicità fa leva sui desideri del consumatore. Lo scopo di un messaggio pubblicitario è quello di spingere il pubblico a comportarsi in

Dettagli

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA 1. Leggi l articolo e scegli la parola giusta tra quelle fornite per riempire gli spazi. Tutti i giorni i messaggi pubblicitari ci prendono d assalto. Ovunque guardiamo,

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

L uso dell immagine femminile in pubblicità

L uso dell immagine femminile in pubblicità Ist it ut o dell Aut odisciplina Pubblicit aria LA TUTELA DELLA PERSONA L uso dell immagine femminile in pubblicità Vincenzo Guggino Segretario Generale Istituto dell Autodisciplina Pubblicitaria Ist it

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

Le famiglie, il motore dell economia

Le famiglie, il motore dell economia Le famiglie, il motore dell economia Sommario 1. Le famiglie, protagoniste dell'economia... 2 1.1 Le attività delle famiglie... 2 2. Il lavoro e le fonti di reddito... 2 3. I consumi... 3 3.1 La propensione

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VI LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ COMMERCIALE ATTRAVERSO I MEZZI DI COMUNICAZIONE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Premessa ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Sanasanità: anche nella pubblicità del farmaco

Sanasanità: anche nella pubblicità del farmaco Sanasanità: anche nella pubblicità del farmaco GIUSEPPE MAIOCCHI La pubblicità esiste. Osannata o vituperata che sia, non vi è dubbio che faccia parte ormai della nostra vita. Se ne può dare una definizione

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3694 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DE LUCA Athos COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 DICEMBRE 1998 Norme per l

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI Alessandria, li 26.03.2015 Prot. n. 1819 AP/C OGGETTO: Parere favorevole all apertura di un sito o di una pagina web su Internet. Alla Dott.ssa Michela Cecilia Francesca ROSSI e-mail: miki_rossi76@yahoo.it

Dettagli

ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, 1948

ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, 1948 il progetto ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, 1948 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua,

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI

CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI CODICE DI CONDOTTA PER L OFFERTA DEI SERVIZI A SOVRAPPREZZO E LA TUTELA DEI MINORI Premesso che: 1. gli operatori di comunicazioni mobili riconoscono l importanza di informare in maniera trasparente ed

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PREMESSA Il 20 novembre 1989 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione

Dettagli

Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo

Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo Atto di indirizzo sulle garanzie del pluralismo nell informazione e nei programmi di approfondimento del servizio pubblico radiotelevisivo La Commissione parlamentare per l indirizzo generale e la vigilanza

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

La Premessa. La piattaforma televisiva su internet

La Premessa. La piattaforma televisiva su internet La Premessa Nel mondo la televisione via internet ha avuto negli ultimi anni un fortissimo sviluppo. In America ad esempio è assolutamente normale fruire di questo tipo di media. Ricordiamo, per esempio,

Dettagli

YAHOO! SEARCH MARKETING Suggerimenti per aumentare il numero di visitatori del vostro sito

YAHOO! SEARCH MARKETING Suggerimenti per aumentare il numero di visitatori del vostro sito YAHOO! SEARCH MARKETING Suggerimenti per aumentare il numero di visitatori del vostro sito Siete alla ricerca di nuovi modi per incrementare il numero di visitatori del vostro sito Web? Nelle pagine che

Dettagli

OCCHIO AL CIBO, RAGAZZI

OCCHIO AL CIBO, RAGAZZI OCCHIO AL CIBO, RAGAZZI Dedicato a tutti i ragazzi che vogliono imitare i curatori della mostra, realizzandone una in proprio "Occhio al cibo" è una mostra che parla di alimentazione attraverso delle immagini.

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

LA FNC IPASVI, nell esercizio delle proprie prerogative istituzionali

LA FNC IPASVI, nell esercizio delle proprie prerogative istituzionali LA FNC IPASVI, nell esercizio delle proprie prerogative istituzionali Vista la normativa vigente ed in particolare il decreto legge del 4 luglio 2006, n. 223. "Disposizioni urgenti per il rilancio economico

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli

CODICE ETICO DELL'ORGANISMO DI MEDIAZIONE.

CODICE ETICO DELL'ORGANISMO DI MEDIAZIONE. CODICE ETICO DELL'ORGANISMO DI MEDIAZIONE. Il Codice Etico è una carta dei diritti e doveri morali che definisce la responsabilità etico sociale di ogni partecipante alla sua organizzazione. Formalizza

Dettagli

20 Novembre 2014. Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini

20 Novembre 2014. Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini 20 Novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini 1989 1997 Diritto

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE AZIENDALE LA COMUNICAZIONE AZIENDALE Attività finalizzata a trasmettere particolari contenuti a determinati destinatari FATTORI STRUTTURALI EMITTENTE CODICE STRUMENTI MESSAGGIO CANALE AUDIENCE Presidente - Consiglio

Dettagli

Pari opportunità nei media

Pari opportunità nei media Immagine Comune di Ravenna Pari opportunità nei media Mussi bollini Presidente Commissione Pari Opportunità RAI Vice Direttore RAI Ragazzi La comunicazione televisiva può influenzare ciò che accade nella

Dettagli

Corpo femminile e pubblicità. Questionario

Corpo femminile e pubblicità. Questionario Campione: 49 maschi Corpo femminile e pubblicità Questionario Il presente questionario intende raccogliere, presso un campione di giovani che seguono gli studi attinenti le arti figurative, opinioni e

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista.

La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista. PROFESSIONE E PUBBLICITÀ PROFESSIONALE La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista. Tuttavia: >>

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DI FRAMURA

BIBLIOTECA CIVICA DI FRAMURA BIBLIOTECA CIVICA DI FRAMURA Parliamo di biblioteca DI MARIA TERESA RIPAMONTI Quando si entra in biblioteca per la prima volta si rimane sorpresi e ci si chiede come si possa trovare qualcosa di speciale

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro INTRODUZIONE Il presente documento detta le linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita

Dettagli

SEZIONE I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni. 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

SEZIONE I Disposizioni generali. Articolo 1 Definizioni. 1. Ai fini del presente regolamento si intende: Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite, di cui alla delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001 integrato dalle modifiche apportate dalle delibere nn. 250/04/CSP, 34/05/CSP, 105/05/CSP,

Dettagli

I sottoscrittori del presente Codice di autoregolamentazione. Premesso:

I sottoscrittori del presente Codice di autoregolamentazione. Premesso: CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE IN MATERIA DI TELEVENDITE E SPOT DI TELEVENDITA DI BENI E SERVIZI DI ASTROLOGIA, DI CARTOMANZIA ED ASSIMILABILI, DI SERVIZI RELATIVI AI PRONOSTICI CONCERNENTI IL GIOCO DEL

Dettagli

Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS. Coordinamento scientifico nazionale: Bruna Zani

Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS. Coordinamento scientifico nazionale: Bruna Zani Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS Responsabile scientifico per il progetto Bruna Zani Responsabile scientifico per il progetto Pina Lalli Coordinamento scientifico nazionale:

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "http:// luigisettembrini.gov.it/wp-content/uploads/ 2014/02/iloquotidiano.it"Ilquotidianoinclasse.it

Dettagli

Publicidad en rasd-tv

Publicidad en rasd-tv Cari amici, Il 20 maggio 2009 sono state avviate le emissioni satellitari di RASD-TV e quindi i notiziari televisivi Saharawi sono andati sempre più incrementando il loro pubblico nel nord Africa, in particolare

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA

VENDITA PER CORRISPONDENZA VENDITA PER CORRISPONDENZA - Definizione - Pre-requisiti - Cosa occorre fare - Informazioni sull istanza - Normativa di riferimento - Codice attività ATECO - Annotazioni DEFINIZIONE Per vendita per corrispondenza

Dettagli

Segnalazione in materia di tutela del consumatore e di pubblicità ingannevole e comparativa

Segnalazione in materia di tutela del consumatore e di pubblicità ingannevole e comparativa Segnalazione in materia di tutela del consumatore e di pubblicità ingannevole e comparativa Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza Verdi, 6/a 00198 Roma tel. 06858211 - fax 0685821256

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

Lorenzo De Tomasi. Nuove idee per un nuovo diritto d autore

Lorenzo De Tomasi. Nuove idee per un nuovo diritto d autore Lorenzo De Tomasi Nuove idee per un nuovo diritto d autore Lorenzo De Tomasi Nuove idee per un nuovo diritto d autore La comunione della conoscenza. I diritti degli autori e il processo creativo. L editoria

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 Vademecum della disciplina sulla par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali

Dettagli

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura

Comune di Assago Area Istruzione e Cultura Comune di Assago Area Istruzione e Cultura I diritti dei bambini in parole semplici Il Consigliere delegato alla cultura Emilio Benzoni Il Sindaco Graziano Musella L Assessore alla Pubblica Istruzione

Dettagli

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS CODICE ETICO Art. 1 Premessa L'Associazione Sportiva Dilettantistica A.s.d. 360 MTB (di seguito l'associazione) opera nell ambito sportivo del ciclismo. L'Associazione riconosce lo sport quale strumento

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE 1.0 Missione Policart di Aquino G. & V. snc produce rotoli in carta ed etichette autoadesive per misuratori fiscali, calcolatrici, bilance e stampanti. 1.1 Il Codice Etico Aziendale Le responsabilità etiche

Dettagli

marketing 24/36 Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto

marketing 24/36 Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto marketing non convenzionale Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto buzz marketing guerrilla marketing viral marketing ambient marketing street marketing 24/36 Nulla di nuovo: è il

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE (Dott. Paolo Cardoso, Dott.ssa Roberta De Florio, Dott.ssa Eliana Lavilla) 1.1 Caratteristiche generali Comunicare all interno di un organizzazione non è più un atto

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

CONCORSO ARTISTICO APERTO A TUTTI SUL TEMA NO ALLAVIOLENZA SULLE DONNE

CONCORSO ARTISTICO APERTO A TUTTI SUL TEMA NO ALLAVIOLENZA SULLE DONNE Sezione Soci Francigena Il Personale Dipendente dei Negozi di S. Maria degli Angeli, Bastia Umbra, Cannara, Valfabbrica CONCORSO ARTISTICO APERTO A TUTTI SUL TEMA NO ALLAVIOLENZA SULLE DONNE Termine per

Dettagli

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007 TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione Novara 10 novembre 2007 Chi c è in casa? i libri, il giornale (1450 in Germania - 1600 in Inghilterra nasce il primo quotidiano), la fotografia ( 1827

Dettagli

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico Decreto Ministro Poste e Telecomunicazioni 9 dicembre 1993, n. 581 Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico (G.U. n.8 del 12.1.1994) IL MINISTRO DELLE

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

PROGETTO CONCITTADINI 2013/2014

PROGETTO CONCITTADINI 2013/2014 PROVINCIA DI RAVENNA Medaglia d Argento al Merito Civile SETTORE FORMAZIONE, LAVORO, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGETTO CONCITTADINI 2013/2014 Relazione incontro del 13 febbraio 2014 Giovedì 13 febbraio

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli