ANALISI DEL POSIZIONAMENTO DELLA MARCA TERRITORIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEL POSIZIONAMENTO DELLA MARCA TERRITORIALE"

Transcript

1 OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE ANALISI DEL POSIZIONAMENTO DELLA MARCA TERRITORIALE A cura di

2 Sommario Premessa... 3 La percezione diffusa delle marche... 5 I principali valori percepiti del territorio... 5 La percezione della destinazione... 7 La comunicazione dell immagine di marca. Il piano promozionale regionale I mercati potenziali per la regione Pagina 2

3 Premessa L identità di un territorio in termini di posizionamento di immagine è essenzialmente determinata dal sistema delle risorse naturali e antropologiche e dalla configurazione socio-economica; nel caso delle Marche, queste classi di attributi non hanno in generale prodotto una specifica e radicata connotazione di immagine. Lo stesso importante progresso economico sviluppato dalla regione nei vari ambiti produttivi in particolare a partire dal dopoguerra, non ha di fatto realizzato il complemento di una marcata visibilità. Al contrario, le Marche hanno storicamente suscitato una percezione legata all indistinto contesto della provincia media italiana, con il relativo corredo di connotazioni di segno non esclusivamente positivo. Dunque un paradigma della duplice espressività della dimensione provinciale, afferente alla meno edificante accezione di provincialismo e al contempo al concetto di provincialità, che al contrario ne designa l insieme dei valori qualificanti. Le Marche come paradigma di attributi di provincialità e provincialismo Provincialismo Immagine indistinta Scarso appeal Marginalità Contesto meno evoluto Scarsa apertura Minore capacità innovativa Monotonia Provincialità Autenticità Ritmi slow Sicurezza sociale Operosità Facilità Genuinità e tradizioni Qualità dell ambiente e del paesaggio Negli anni recenti tuttavia si è assistito ad una crescente rivalutazione della territorialità in reazione ai mutamenti socio-economici attraverso i quali si è manifestato il fenomeno della globalizzazione, con i noti effetti destabilizzanti per la capacità competitiva dei paesi investiti dal cosiddetto mercato globale: una questione non meramente economica e di mercato, altresì di identità che ha resa ineludibile la necessità di implementare strategie di riposizionamento. Pagina 3

4 In questa ottica, se il nuovo asset della competitività per l Italia si incardina intorno all argomento del Made in Italy, inteso come fattore di unicità e di eccellenza qualitativa che si manifesta in ogni espressione del suo variegato patrimonio (dall arte alla gastronomia, dal design al paesaggio, e oltre), la provincia italiana, ovvero i contesti territoriali, ne è il laboratorio. Pagina 4

5 La percezione diffusa delle marche I principali valori percepiti del territorio È dunque in tale scenario che le Marche hanno negli ultimi anni progressivamente conquistato un appeal generato proprio dalla capacità di realizzare il paradigma di quella Italia minore intesa come contesto virtuoso, che custodisce fra i valori più qualificanti del Sistema Italia, dal patrimonio multiforme, orientando dunque la percezione sugli elementi della provincialità sopra enunciati, come vantaggio competitivo. L identità percepita sostanzialmente interpreta la più autentica anima del territorio, legata in primis: ad una economia agricola che ha fortemente caratterizzato non solo le produzioni tipiche e le tradizioni gastronomiche, ma anche il paesaggio il cui tratto distintivo è proprio la campagna marchigiana; armonia del paesaggio /la campagna tradizioni e autenticità allo sviluppo di un tessuto diffuso di imprese artigiane e dell industria manifatturiera che rappresentano un modello di evoluzione da un economia agricola ad un sistema produttivo, originato da un radicato spirito di operosità e dedizione al lavoro e da una diffusa attitudine imprenditoriale, testimoniata anche dalla presenza di importanti realtà industriali; operosità all understatement come inclinazione alla misura e alla riservatezza, alla non ostentazione, che trova altresì rispondenza sia in una certa esitazione nella comunicazione del patrimonio posseduto e prodotto; sia in una dotazione di attrattive caratterizzate da un indiscutibile pregio, tuttavia prive di elementi di forte vistosità e maturate in risorse, ovvero capaci di produrre di per sé reddito e notorietà. Diversamente da quanto si possa considerare ad esempio per Pagina 5

6 emergenze assurte a simbolo della Marca Italia, quali ad esempio il paesaggio della Val d Orcia o la Costiera amalfitana o ancora la ceramica di Deruta. understatement dimensione intima a condizioni di sicurezza sociale, benessere diffuso, efficienza che convergono insieme ai fattori sopra evidenziati nella realizzazione di un buon livello della qualità della vita. buon vivere sicurezza Pagina 6

7 La percezione della destinazione La percezione delle Marche a lungo consolidata come destinazione turistica è stata condizionata prioritariamente da alcuni fattori, in parte sopra già accennati: la presenza di un patrimonio multiforme (emergenze di carattere naturalistico, storicoarchitettonico, artigianato artistico) tuttavia caratterizzato da componenti non vistose e di particolare appeal, che non ha innescato una salda tradizione turistica; una incerta considerazione del turismo come comparto strategico per l economia regionale; contestualmente una comunicazione turistica scarsamente efficace. Nel tempo si è dunque prodotta una percezione come: territorio a prevalente uso interno, ovvero prioritariamente destinato ad una fruizione da parte della domanda regionale e dei bacini di prossimità, come luogo di soggiorno nelle località costiere (storicamente sviluppatesi come stazioni climatiche che ospitavano le residenze estive dell aristocrazia e dell alta borghesia locali), presso case di proprietà o alloggi in affitto; percepito in ogni caso come luogo di vacanza per famiglie, al quale si associano le caratteristiche di quiete e sicurezza; assimilato a territorio di transito e meta di escursioni giornaliere dirette verso alcuni poli di attrazione, quali il Santuario di Loreto e Urbino o le Grotte di Frasassi. In tempi più recenti, sulla spinta di fattori di contesto relativi all evoluzione del consumo turistico, quali: - ricerca di mete alternative alle destinazioni consuete e più affermate; - interesse per l Italia minore; - affermazione della formula di vacanza short-break, e di un crescente impegno dell Amministrazione regionale nelle politiche di valorizzazione del territorio in funzione turistica, le Marche hanno progressivamente conquistato quote di mercato e gradualmente acquisito un posizionamento più definito in termini di immagine turistica e un maggiore appeal, consolidati intorno ad alcuni specifici argomenti: Pagina 7

8 Territorio da scoprire, meta inconsueta L estraneità delle Marche al panorama delle destinazioni più affermate e dunque più frequentate, asseconda una crescente domanda di esplorazione di nuove realtà che abbiano conservato il plus di luoghi autentici, proprio perché estranei alla massificazione dell esperienza turistica. Parimenti, si osserva una ormai sempre più diffusa propensione a consumare varie occasioni di viaggio di minore durata rispetto ai lunghi soggiorni, ma reiterate nel corso dell anno, anche in relazione a un impiego del tempo libero che sempre più include la vacanza breve, trasversalmente agli stili di vita e alla capacità di spesa. Le Marche rappresentano la variante di una combinazione di attrattive che descrivono determinate ambientazioni di interesse turistico di per sé non esclusive, in quanto caratterizzanti molte realtà territoriali (il mix di fascino del paesaggio, borghi antichi, tradizioni culinarie, varietà degli scenari con montagne, collina/campagna e il mare), connotata dal plus della non appartenenza alla usualità della geografia turistica e dalla particolare suggestione che assumono in questa regione. Si prestano dunque a formule di fruizione adeguate alle esigenze di scoperta e di breve vacanza come lo short break, che ha un peso significativo nella progressiva crescita della regione come destinazione di viaggio. Terra dalle molteplici risorse (arte, natura, paesaggio, buon bere e buon mangiare ), valore aggiunto che rafforza la principale motivazione di consumo, tuttora rappresentata dal soggiorno estivo al mare La vacanza al mare resta la principale motivazione di viaggio nelle Marche; un prodotto tradizionale, da sempre vocato ad accogliere il segmento delle famiglie, con una forte incidenza di una clientela fidelizzata e di prossimità. Tuttavia proprio l appeal di meta alternativa, da scoprire e ricca di variabili di consumo per la articolata gamma di attrattive, ha stimolato un ampliamento dei profili di domanda associata agli stessi prodotti consolidati, sensibile al fascino dei borghi dell entroterra per le escursioni dopo il Pagina 8

9 mare, alla movida dei centri costieri (non più solo per famiglie) come la Riviera delle Palme, e alla suggestione delle spiagge appartate del promontorio del Cònero. Dunque una domanda con esigenze di consumo specifiche e diversificate. Buen retiro, luogo di elezione per acquistare casolari e abitazioni nei borghi storici, alternativo a destinazioni di pregio ma ormai sature quali Toscana e Umbria. Analogamente a quanto verificatosi in Toscana e in Umbria, le Marche conoscono il fenomeno dell interesse per la campagna e per i borghi da parte di artisti e stranieri in cerca di un buen retiro, ovvero di un luogo di ispirazione creativa o più semplicemente un contesto di quiete e bellezza altresì rispondente ad un qualità della vita misurata su parametri di sostenibilità (ritmi slow, salubrità, cibo, estetica dei luoghi, acquisizione di antiche abitudini). Le Marche offrono infatti opportunità di acquisto ormai rarefatte nelle due regioni limitrofe, per condizioni di mercato sempre meno favorevoli. In un articolo pubblicato nell estate del 2011 da un quotidiano anglosassone, le Marche erano definite la Nuova Florida, ovvero un contesto che rivela un potenziale nello sviluppare una offerta appetibile per la domanda (in prevalenza generata dai paesi di lingua anglofona) di stanzialità o di lunghi soggiorni, in cerca di alternative a destinazioni quali la Florida o il Sud della Francia. Ancora, recentemente la rivista dell associazione americana AARP, organismo non-profit che raggruppa negli USA circa 37 milioni di persone over 50 e pensionati, ha definito le Marche uno dei cinque paradisi terrestri in cui vivere. Gli aspetti enucleati testimoniano una percezione sempre più sintonizzata sul pregio e sulla particolare suggestione del patrimonio regionale, attestando il crescente appeal delle Marche come destinazione di viaggio, ben sintetizzato dalla definizione di Marcheshire. Pagina 9

10 La comunicazione dell immagine di marca. Il piano promozionale regionale Il Piano promozionale avviato della Regione ha impostato una comunicazione turistica finalizzata alla costruzione di un brand della destinazione, in grado di correggere il difetto di visibilità e di una immagine indistinta e di una credibilità come destinazione di viaggio, affrancata dal monoprodotto mare e dunque dalla stagionalità della frequentazione. Il concept della campagna promozionale si riassume negli slogan Marche, le scoprirai all infinito e Marche di charme: turismo a cinque sensi Essi alludono ad un posizionamento obiettivo dell immagine turistica della regione, che elabora il pregio intrinseco della territorialità come dimensione che custodisce valori autentici e per questo irripetibili. I principali driver del progetto di comunicazione sono: lo charme e l incanto delle atmosfere, degli scenari paesaggistici, delle ambientazioni di borghi la scoperta e la sorpresa per un territorio dalle inattese ricchezza e varietà di risorse la completezza dell esperienza possibile alla quale allude il riferimento ai cinque sensi, determinata da una gamma di opzioni di consumo in grado di assecondare ogni aspettativa ed esigenza di fruizione la qualità come tratto distintivo, cifra di ogni output del territorio che raggiunge espressioni di eccellenza: il vino e il cibo, l artigianato e l accoglienza, l ambiente e il paesaggio, le manifatture Pagina 10

11 l estetica come attributo diffuso, connotante non solo il contesto naturale, ma assunto come valore ispiratore nei molteplici ambiti del fare e del produrre. Ne sono testimonianza la radicata tradizione espressa ai massimi livelli nelle varie arti (musica, poesia e pittura), così come molteplici realtà del tessuto manifatturiero e dell artigianato artistico. L efficacia del piano fa altresì leva sulla scelta dei testimonial: fulcro della campagna di comunicazione è l accostamento Dustin Hoffman - Giacomo Leopardi. L attore è infatti ritratto nell atto di declamare la famosa lirica leopardiana dell Infinito, sullo sfondo dei suggestivi e variegati paesaggi della regione. La scelta di un personaggio di riconosciuta fama, con una immagine consolidata di attore dall indiscusso talento e spessore artistico, allude all obiettivo di accreditare le Marche come destinazione di viaggio presso un pubblico ampio, internazionale. L attore è rappresentato infatti come estimatore delle Marche e più ancora nella campagna quasi come un habitué, un marchigiano egli stesso, ritratto con atteggiamento disinvolto nell atto della fruizione del patrimonio marchigiano e in particolare delle sue eccellenze (a tavola, al teatro, ecc.). La figura di Giacomo Leopardi rimanda invece al binomio dell eccellenza culturale ed artistica con la popolarità della sua figura (è infatti fra i poeti più tradotti al mondo); inoltre la sua poesia è evocativa della lirica del paesaggio ed ha un importante ruolo influenza nell immaginario della terra marchigiana. Pagina 11

12 Testimonial Ruolo messaggio comunicato Slogan Ambientazione Valori comunicati Target /pubblico di riferimento Dustin Hoffman Estimatore delle Marche Gusta le Marche DH seduto ad una tavola imbandita di prodotti tipici Tradizione Autenticità Qualità Mercato internazionale: USA e altri paese anglofoni Habitué delle Marche Un marchigiano adottivo: ha familiarità con il Assapora le Marche DH nell atto di degustare i Vini marchigiani Eccellenze Charme Domanda scelta, consapevole, in grado di apprezzare il particolare appeal delle Marche territorio Ascolta le Marche DH a teatro, in un teatro storico Tradizione artistica Vive le Marche Guarda le Marche DH sullo sfondo di un mosaico dei paesaggi Estetica e charme del paesaggio Le Marche sono una terra in cui vivere Tocca le Marche DH indossa abiti Made in Marche Prodotti e manifatture di qualità Made in Marche Eccellenza della tradizione manifatturiera Turismo culturale Giacomo Leopardi Cantore del paesaggio marchigiano Infinito Terre dell Infinito Paesaggio marchigiano: monti azzurri, campagna Valori culturali di eccellenza Lirica del paesaggio Domanda sensibile alle suggestioni poetiche del paesaggio, degli ambienti urbani, della vocazione artistica delle Marche Pagina 12

13 Target privilegiato della campagna promozionale è una domanda scelta, un turismo consapevole e sensibile ai valori della territorialità; motivato dal desiderio e dalla curiosità della scoperta e pronto alla meraviglia degli inattesi tesori che la regione custodisce; in grado di riconoscere e apprezzare le eccellenze. L effetto positivo delle iniziative promozionali sull andamento della domanda è misurato dall indice che rapporta campagna di comunicazione e andamento dei flussi turistici, in crescita dell 8%. Pagina 13

14 La mappa delle eccellenze La percezione diffusa e consolidata delle Marche può essere dunque ricondotta in sintesi a tre principali contenuti: fascino dell Italia minore fascino del territorio da esplorare appeal del Made in Marche vi si aggiunge una molteplicità di possibili opzioni di fruizione, cui peraltro allude uno slogan a lungo ricorrente delle Marche come regione al plurale. Dunque una visibilità emersa sulla spinta dell affermarsi della territorialità come vantaggio competitivo, pure in assenza di fattori di unicità, capaci di un ruolo nell immaginario legato alla destinazione Italia. Gli esiti della recente Indagine sul Turismo Internazionale Organizzato pongono in risalto come, pur a fronte di un volume crescente dei flussi stranieri accolti nelle Marche, la regione risulti tuttavia in deficit di notorietà, principale ragione addotta dai T.O. intervistati della mancata commercializzazione delle varie provincie, in stretta relazione con il debole interesse per il territorio manifestato dalla domanda turistica. L obiettivo di posizionamento dell immagine territoriale perseguito dal Piano promozionale regionale è legato all identità delle Marche come destinazione d eccellenza. Pure nel difetto di unicità e mirabilia, il patrimonio delle Marche consente infatti di comporre una nutrita mappa delle eccellenze regionali, ovvero di realtà che esprimono ad elevati livelli gli atout del territorio per le varie classi di risorse. Espressioni di eccellenza in grado di veicolare e di realizzare un maggiore grado di notorietà della regione e un appeal determinato da fattori distintivi. E un attributo di plus che di fatto amplifica l attrattività delle stesse eccellenze, va senza dubbio riconosciuto nel carattere inatteso della loro appartenenza territoriale, che sostanzia il concept della stessa campagna promozionale, ovvero l invito alla scoperta della regione. Pagina 14

15 L elaborato grafico che segue rappresenta la filiera del patrimonio di eccellenze delle Marche. Intorno alle principali Eccellenze si sviluppa infatti una filiera costituita dai Valori corrispondenti che animano la motivazione del viaggio e determinano la cifra della destinazione, i suoi fattori di competitività. Ai Valori si connette il Testimonial, ove individuabile, ovvero l ambasciatore, il soggetto che testimonia l Eccellenza e ne accredita il potenziale di appeal, consegnandola all immaginario che accompagna l affermarsi della destinazione. Infine il Brand realizza la riconoscibilità e la notorietà raggiunte da alcune realtà appartenenti alla classe delle Eccellenze. La rassegna delle eccellenze non è esaustiva né particolareggiata e vi si includono realtà che attengono ad ambiti non di immediata connessione con il comparto turistico. La crescita economica e lo sviluppo industriale si trovano in rapporto di continuità e di intima relazione con la antiche tradizioni artigianali, che sono divenute ambiti di specializzazione approdati sia all esclusività del prodotto fatto a mano (gli strumenti musicali, le calzature) ecc., sia alle grandi realtà industriali, entrambi attestati sull eccellenza delle creazioni Nelle Marche si contano sette distretti industriali: - Industriale Plurisettoriale - Tessile-abbigliamento - Legno-mobili - Meccanica - Pelli, cuoio e calzature - Calzature - Agro-industriale tutti caratterizzati da realtà di eccellenza riconosciuta in ambito mondiale, importanti vessilli del Made in Italy. Pagina 15

16 Il ruolo dei distretti non è legato solamente allo sviluppo economico del territorio, altresì di attivatore della sua evoluzione culturale, con riferimento ai valori della creatività, dell ingegno e dell originalità ispirati dal territorio stesso e trasformati in cultura del fare. Vanno osservati tuttavia discreti margini di crescita nella capacità delle grandi realtà affermate, dei grandi brand di veicolare l immagine delle Marche presso il grande pubblico, contribuendo ad accrescerne la notorietà con un coinvolgimento più attivo nella affermazione del Made in Marche. Come anticipato, il repertorio delle Eccellenze non è esaustivo; è tuttavia esemplificativo di una condizione di sistema che conferisce una solida credibilità alla regione come destinazione turistica. Una credibilità che deriva dall essere un territorio che ha sedimentato valori autentici nel corso della propria storia e del proprio sviluppo, che ha conservato attrattive, memorie, risorse e al contempo ha creato valore e prodotto quei benefici che realizzano la qualità della vita per chi lo abita. In tal senso le Marche possono costituire il paradigma di uno sviluppo turistico conseguito per effetto di una qualità del vivere che diviene attitudine all accoglienza, intesa come reale capacità di - sviluppare una esperienza totale ed autentica del luogo, e dunque - aderire ad una accezione più evoluta del viaggiare - sintonizzare l offerta sulla direzione dei mutamenti in atto nel consumo turistico. Pagina 16

17 Valori espressi Eccellenze Testimonial Brand Quiete / Intimismo Misticismo Natura Paesaggio Basiliche, chiese, abbazie Mare Montagne Grotte Giacomo Leopardi Tullio Pericoli La campagna marchigiana Santuario di Loreto Basilica di S. Nicola di Tolentino Conero e Sirolo Riviera delle Palme Parco nazionale dei Monti Sibillini Grotte di Frasassi Identità etnoantropologica Antiche civiltà italiche Piceni Ispirazione artistica Poesia Giacomo Leopardi Ispirazione artistica Ispirazione artistica Antico e Storia Laboriosità / Creatività / Tecnologia Artigianato artistico Pittura Musica 18 Borghi più belli d Italia 17 Bandiere arancioni Città d arte 73 Teatri storici Italian Lifestyle Moda e design Ludo Fun /Entertainment Strumenti musicali Ceramiche artistiche Raffaello Sanzio Lorenzo Lotto Enzo Cucchi Gioacchini Rossini G. B. Pergolesi Beniamino Gigli Gaspare Spontini Diego Della Valle Iginio Straffi Musicisti, cantautori Rossini Opera Festival Stagione Sferisterio Musicultura Urbino / Unesco Ascoli Piceno Tod s Cartiere Fabriano Poltrona Frau Outlet diffuso dei grandi brand della moda Distretto della calzatura Distretto del cappello I Guzzini Illuminazione F.lli Guzzini Home Distretto mobiliero Winx Club Tommy & Oscar Clementoni Giochi Castelfidardo Eko Ceramica di Pesaro Pagina 17

18 Valori espressi Eccellenze Testimonial Brand Terroir / Food Sport Vini DOC e DOCG Tartufo Salumi Ristorazione di eccellenza Scherma Basket Cuochi di Marca Moreno Cedroni Mario Uliassi Valentino Rossi Valentina Vezzali Rosso Conero Rosso Piceno Lacrima di Morro Verdicchio di Jesi Verdicchio di Matelica Acqualagna Ciauscolo Madonnina del Pescatore Ristorante Uliassi Pagina 18

19 I mercati potenziali per la regione Le tabelle riportate nel seguito presentano un set di tipologie di risorse e motivazioni riconducibili alla gamma dei prodotti possibili e in fase di avvio per la destinazione Marche, evidenziandone tuttavia l assenza nel novero delle principali destinazioni associate a quella gamma di esperienze, fatta eccezione per la componente Cantine e Strade del Vino. I luoghi visitati durante il soggiorno peso % MERCATI DI PROVENIENZA Mercati più interessati 1 Maggiori flussi Regioni più interessate 2 DESTINAZIONI Maggiori flussi Parchi e natura 35,1 Cattedrali e luoghi dello spirito 21,7 Musei e pinacoteche 17,3 Artigianato tipico 11,5 1 Svezia Germania Valle d'aosta Trentino Alto Adige Trentino Alto 2 Finlandia Francia Adige Veneto 3 Austria Austria Molise Emilia Romagna 1 Repubblica Ceca Germania Lombardia Veneto 2 Australia Regno Unito Puglia Lombardia 3 Regno Unito Francia Sicilia Lazio 1 Giappone Regno Unito Lazio Veneto 2 Brasile Germania Lombardia Lazio 3 Canada Francia Calabria Lombardia 1 Trentino Alto Adige- Cina Germania Liguria Veneto 2 Trentino Alto Svezia Regno Unito Adige Emilia Romagna 3 Austria Svizzera Calabria Toscana Siti archeologici 10,1 1 Giappone Germania Lazio Lazio 2 Spagna Regno Unito Campania Veneto Cantine e strade del vino 6,9 3 Brasile Francia Calabria Toscana 1 Finlandia Germania Valle d'aosta Veneto 2 Cina Francia Umbria Toscana 3 Norvegia Regno Unito Marche Lazio Fonte: Osservatorio Nazionale del Turismo-dati Unioncamere 1 Percentuale di turisti che visita i luoghi di interesse per Paese di provenienza. 2 Percentuale di turisti nella regione che visitano i luoghi di interesse sul totale turisti della regione Pagina 19

20 Le motivazioni principali del soggiorno peso % Sport 9,5 1 2 MERCATI DI PROVENIENZA Mercati più interessati 3 Maggiori flussi DESTINAZIONI Regioni più interessate 4 Finlandia Germania Valle d'aosta Trentino Alto Svizzera Svizzera Adige Maggiori flussi Trentino Alto Adige Veneto 3 Germania Regno Unito Liguria Liguria Interessi enogastronomici 5,4 1 Irlanda Germania Molise Lazio 2 Repubblica Ceca Regno Unito Lazio Veneto 3 Stati Uniti Stati Uniti Umbria Emilia Romagna Fonte: Osservatorio Nazionale del Turismo - dati Unioncamere A fronte dell ampia dotazione di attrattive turistiche, di risorse di pregio e di espressioni di eccellenza, il posizionamento delle Marche come destinazione è infatti descritto dall attuale ciclo di vita dei prodotti turistici, che si articola in sintesi come segue: - Prodotti consolidati, in particolare i prodotti Mare, Turismo Rurale, Religioso; - Prodotti in fase di sviluppo, quali i prodotti Enogastronomico, Culturale, Sport e Natura; - Prodotti emergenti, rappresentati dallo Shopping, Wellness, Spirituale. Le Marche sono dunque una destinazione in fase di sviluppo e di progressiva affermazione, con un portfolio di prevalenti prodotti da rafforzare e implementare legati proprio ai fattori di competitività in precedenza evidenziati. Questi ultimi infatti sono in grado di determinare la strutturazione di un offerta di esperienze molteplici, interprete dei più aggiornati orientamenti del mercato, le cui parole chiave sono: - Esperienza, ovvero unicità e forte caratterizzazione del viaggio; - Qualità e Prezzo; - Possibilità di scelta, fra diverse alternative di fruizione del territorio, fra varie opzioni di servizio; 3 Percentuale di turisti per singola provenienza per motivazione, sul totale turisti di quella provenienza 4 Percentuale di turisti nella regione per motivazione sul totale turisti della regione Pagina 20

21 - Accessibilità: della destinazione e delle informazioni per comporre da sé l esperienza ricercata. L affermazione delle Marche come destinazione è sostanzialmente connessa al superamento di alcuni importanti nodi critici, in primis: - l attrattività della destinazione per il mercato internazionale, tuttora condizionata da un basso livello di notorietà; - la diversificazione dei prodotti per segmenti a fronte di una offerta ad oggi orientata alla proposta del territorio, più che del prodotto; - il processo di promo-commercializzazione del prodotto, poco orientato al consumatore finale e di scarso supporto agli operatori del territorio. Il Piano di Promozione regionale di fatto è orientato su logiche di prodotto e sulla connotazione del viaggio nelle Marche come dinamica esperienziale dal valore unico. La campagna di comunicazione turistica incentrata sullo slogan delle Marche a cinque sensi allude a specifiche direttrici di sviluppo di una gamma ulteriormente segmentabile di prodotti destinati a nicchie di mercato. La realizzazione dell obiettivo del riposizionamento turistico della regione infatti necessita di assumere come direttrice dello sviluppo il passaggio da un modello turistico incentrato sulla destinazione ad un modello che si incardina sull esperienza offerta e sulle condizioni di accessibilità e fruibilità della stessa. Pagina 21

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti IL PROGETTO PArC Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti PREMESSA L incontro tra produttori e consumatori sta acquisendo

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

local marketing progetti di rete

local marketing progetti di rete local marketing progetti di rete local marketing e progetti di rete I territori sono da sempre al centro del nostro interesse. Da sempre CoopCulture è impegnata nella scoperta del territorio e della sua

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

CUSTOMER CARE TURISTI

CUSTOMER CARE TURISTI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con CUSTOMER CARE TURISTI RAPPORTO ANNUALE Marzo 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Versione: 1.0

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Il turismo in Puglia nel 2011

Il turismo in Puglia nel 2011 Il turismo in Puglia nel 2011 Key words Internazionalizzazione Consolidamento Innovazione A cura di: Osservatorio del Turismo della Regione Puglia PUGLIA 2011: INTERNAZIONALIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO La

Dettagli

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%)

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%) Il monitoraggio dei dati per la formulazione dell offerta turistica regionale a cura dell Osservatorio turistico Dipartimento regionale turismo, sport e spettacolo 1. Lo scenario e le macrodinamiche Nel

Dettagli

Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti

Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti 1 di 5 23/12/2012 22.10 prima pagina chi siamo Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti specializzati Il consolidarsi delle nicchie è una delle tendenze più significative che hanno permeato

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Le Imprese della ristorazione

Le Imprese della ristorazione Le Imprese della ristorazione Milano, 28 maggio 2012 PERCORSO 1. SISTEMA CONCORRENZIALE 2. ECONOMICS 3. STRUTTURA E SEGMENTAZIONE DELL OFFERTA 4. UN CASO DI SUCCESSO: IL QUICK CASUAL 5. COSTRUIRE LA FORMULA

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

COVER STORY. Le aspettative dei turisti per l EXPO di Milano. OSPITALITà RISTORAZIONE FORMAZIONE CULTURA PROFESSIONALe

COVER STORY. Le aspettative dei turisti per l EXPO di Milano. OSPITALITà RISTORAZIONE FORMAZIONE CULTURA PROFESSIONALe OSPITALITà RISTORAZIONE FORMAZIONE CULTURA PROFESSIONALe Anno X - n 46 - Maggio/Giugno 2015 - EDI HOUSE - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

IDENTIKIT, BISOGNI E OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO DEGLI IMPRENDITORI TURISTICI

IDENTIKIT, BISOGNI E OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO DEGLI IMPRENDITORI TURISTICI Osservatorio turistico della Regione Marche IDENTIKIT, BISOGNI E OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO DEGLI IMPRENDITORI TURISTICI 2011 Dicembre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente:

Dettagli

PERIODO DI RIFERIMENTO: GENNAIO 2011 OTTOBRE 2014

PERIODO DI RIFERIMENTO: GENNAIO 2011 OTTOBRE 2014 MONITORAGGIO E ANALISI DELLA REPUTAZIONE ONLINE DEI COMUNI DI BARGA, BORGO A MOZZANO, CAPANNORI, FORTE DEI MARMI, LUCCA, PIETRASANTA E VIAREGGIO E DELLE AREE DELLA GARFAGNANA, LUCCHESIA, MEDIAVALLE E VERSILIA.

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia Presentazione dei risultati della ricerca Palermo, 11 luglio 2014 Obiettivi

Dettagli

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 Misurare in tempo reale la competitività della destinazione Puglia e monitorare le variazioni quali/quantitative dei flussi turistici

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

Brief per il laboratorio

Brief per il laboratorio Brief per il laboratorio Il materiale allegato, campagne pubblicitarie per incentivare il turismo, realizzate da nazioni, regioni e una provincia, è stato selezionato per la sua qualità. Si tratta infatti

Dettagli

VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri -

VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri - VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri - Gli affitti turistici, si sa, sono entrati in una crisi profonda: non serve essere in prima linea sul mare o nel centro della

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo beta Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo [pag. 2] Perché scegliere VisitItaly [pag. 3] Il pacchetto promozionale VisitItaly [pag. 5] Newsletter [pag.

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI?

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? PRODOTTO ITALIA: I TREND DELLA DOMANDA ESTERA DATI DELL OSSERVATORIO MERCATI ESTERI TTG ITALIA A cura di Paola Tournour-Viron per

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

La storia che vorrei L Opera e il cibo per Expo Milano 2015

La storia che vorrei L Opera e il cibo per Expo Milano 2015 La storia che vorrei L Opera e il cibo per Expo Milano 2015 SOGGETTO PROPONENTE TITOLO DESCRIZIONE LINGUA MOTIVAZIONE DESTINATARI ENTITÀ DEI PREMI NATURA DEI PREMI PERSONA DI CONTATTO HOC-LAB (http://hoc.elet.polimi.it/hoc/)

Dettagli

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Convegno IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE Intervento di Guido Venturini Touring Club Italiano Il turismo: cultura e prodotti del territorio

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

Manuela Rafaiani Responsabile Relazioni Istituzionali Società Colony Capital Italia

Manuela Rafaiani Responsabile Relazioni Istituzionali Società Colony Capital Italia Manuela Rafaiani Responsabile Relazioni Istituzionali Società Colony Capital Italia Il turismo come sistema All interno di un sistema turistico globale, connotato da una forte competitività come quella

Dettagli

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino.

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino Introduzione Mara Manente Sala Europa, Unioncamere del Veneto Venezia 1 Marzo 2013 Il quadro di riferimento

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE per Osservatorio Nazionale del turismo INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE Maggio 2008 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

COMITATO TECNICO INDUSTRIA CREATIVA, CULTURA E TURISMO

COMITATO TECNICO INDUSTRIA CREATIVA, CULTURA E TURISMO Giampaolo Letta COMITATO TECNICO INDUSTRIA CREATIVA, CULTURA E TURISMO Linee di indirizzo 5 dicembre 2012 Scenario Le industrie culturali e creative hanno accresciuto il loro ruolo nella società della

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

Umbria App, un Progetto per la valorizzazione territoriale

Umbria App, un Progetto per la valorizzazione territoriale Umbria App, un Progetto per la valorizzazione territoriale Il progetto Umbria App nasce nel 2011 per iniziativa della Regione ed è finalizzato a rafforzare il brand Regione Umbria, in particolare nella

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA REGIONE LIGURIA FOCUS SUI PRODOTTI PRINCIPALI DEL TERRITORIO Rapporto annuale 2011 Febbraio

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

L America viene scelta come destinazione enogastronomica, oltre che dagli stessi americani, dai canadesi per motivi di vicinanza

L America viene scelta come destinazione enogastronomica, oltre che dagli stessi americani, dai canadesi per motivi di vicinanza Lancio del turismo in Piemonte Sviluppare il turismo in Piemonte: studio di ricerca sul potenziale di sviluppo del segmento turistico Enogastronomia Sintesi dello studio L enogastronomia indica tutto ciò

Dettagli

ROMA: NON C E ECONOMIA SENZA CULTURA. - dati e tendenze* -

ROMA: NON C E ECONOMIA SENZA CULTURA. - dati e tendenze* - ROMA: NON C E ECONOMIA SENZA CULTURA Proposte per un nuovo modello di città - dati e tendenze* - La dotazione culturale e l offerta L area della Capitale si distingue nel panorama nazionale, e non solo,

Dettagli

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme Dipartimento di Scienze Aziendali Comune di Monsummano Terme LA PAROLA AI TURISTI INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE Marzo 2012 dott.ssa Ilaria Ferrati dott.ssa Eva Accardo

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Città di Noto STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Azione di promozione e di marketing internazionale del Distretto del Sud Est per l incremento e la destagionalizzazione dei flussi turistici Noto, 27 novembre

Dettagli

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Prof. Gianfranco Viesti Presidente dell ARTI (in collaborazione con Prof. Pierfelice Rosato, Un. Salento) Forum Regionale del Turismo Bari 24 maggio

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Il turismo in Trentino nell estate 2014

Il turismo in Trentino nell estate 2014 Il turismo in Trentino nell estate 2014 dicembre 2014 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche nella stagione estiva 2014,

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 4 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 4 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 4 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton La marca del territorio: definizione La marca, quando riferita all impresa,

Dettagli

STRATEGIE REGIONALI DELLA PROMOZIONE TURISTICA

STRATEGIE REGIONALI DELLA PROMOZIONE TURISTICA STRATEGIE REGIONALI DELLA PROMOZIONE TURISTICA Marzia Baracchino Responsabile Settore promozione Turistica PIANO STRATEGICO REGIONALE per il TURISMO PIANO STRATEGICO REGIONALE per il TURISMO miglioramento

Dettagli

Pacchetti e Prezzi. proposta 2015

Pacchetti e Prezzi. proposta 2015 Pacchetti e Prezzi proposta 2015 pacchetto isbo plus 8 giorni 7 notti / domenica domenica x incluso / escluso sistemazione presso Villa Garulli / Villa Quiete proposta a proposta b prezzo 1.499,00* 1.299,00*

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA

THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA ' LA FAMIGLIA, LE PERSONE, I VALORI, IL BRAND, LA TECNOLOGIA, I MERCATI... RAFFIGURAZIONE DI UN AZIENDA ' AL PASSO CON I TEMPI GD DORIGO rappresenta una delle

Dettagli

Aggiornamento Agosto 2011

Aggiornamento Agosto 2011 Aggiornamento Agosto 2011 Il punto di partenza: Simon Anholt Nation Brands Index City Brands Index Conoscibilità degli eventi Competitive Identity Simon Anholt Oggi, ogni luogo sulla terra vuole far qualcosa

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale

La pianificazione turistica territoriale La pianificazione turistica territoriale Università di Urbino, 24 novembre 2004 LORENZA ROSSINI 1 L approccio per distretti E prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale : L Europa investe nelle zone rurali

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale : L Europa investe nelle zone rurali FEASR Fondo europeo agricolo : L Europa GAL SIBILLA Società Consortile a r. l. Località Rio, 1 62032 Camerino (MC) P. IVA 01451540437 Telefono 0737 637552 Fax 0737 637552 E mail info@galsibilla.it Piano

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva Rimini Bike Hotels 2013 A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva aprile 2012 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Oggi il turismo e le motivazioni che lo alimentano sono profondamente cambiate Ci

Dettagli

PREMIO MARKETING 2014. Maria Elisa Buttelli Antonella D Arienzo Michele Ferrara Manuela Giordano Francesca Gori Umberto Torromeo Sabrina Tosti Guerra

PREMIO MARKETING 2014. Maria Elisa Buttelli Antonella D Arienzo Michele Ferrara Manuela Giordano Francesca Gori Umberto Torromeo Sabrina Tosti Guerra PREMIO MARKETING 2014 Maria Elisa Buttelli Antonella D Arienzo Michele Ferrara Manuela Giordano Francesca Gori Umberto Torromeo Sabrina Tosti Guerra 0 1 2 3 profilo analitico + 0,51% Arrivi rispetto al

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace Istituito nel 1999 con la legge n. 144/99, il canale della formazione tecnica superiore ha vissuto un articolato processo di adeguamento

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli