Introduzione al software engineering"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al software engineering""

Transcript

1 Laurea in Ingegneria Informatica! SAPIENZA Università di Roma! (sede di Rieti)! Progettazione del Software! A.A.2009/10! E.Casalicchio! 1 Introduzione al software engineering" L1.2" # Software! # Contesto organizzativo" # L$ingegneria del software" # Qualità" # Modularizzazione " # Principi di base dell$orientazione agli oggetti" 2

2 Il software" Cos$è" # Il prodotto che professionisti costruiscono e supportano nel lungo termine." # Programmi che vengono eseguiti su computer di ogni dimensione e architettura" # Contenuti e documenti" Chi lo fa" # Software engineers" # Ogniuno lo puo$ utilizzare direttamente ed indirettamente" Perchè è importante" # Influenza gli aspetti della nostra vita" # È pervasivo nel commercio, nella cultura e nella vita di tutti i giorni" 3 Il software" Quali sono i passi" # Applicazione di un processo agile and adaptable che porti ad un risultato di high quality che soddisfi le esigenze dell$utente finale." # ossia applicazione di un software engineering approach " Qual$è il prodotto finale - per il sw engineer " # Programmi, contenuti (dati) e documentazione ossia il software" Qual$è il prodotto finale - per l$utente finale" # Le informazioni risultanti " 4

3 Il software" Possibile definizione di software" Il software è: " 1.# Istruzioni (programmi per computer) che quando eseguite forniscono le funzionalità, le proprietà/caratteristiche e le prestazioni prestabilite;" 2.# Strutture dati mediante le quali i programmi trattano adeguatamente le informazioni" 3.# Documenti che descrivono le operazioni e l$uso dei programmi" 5 Perchè è diverso da altri prodotti (I)" Il software si sviluppa o si struttura ma non si fabbrica nel senso tradizionale" # Diversi problemi di qualità " # Produzione di HW e SW sono basate su processi profondamente diversi" # I costi del SW si concetrano nell$ingegnerizzazione" 6

4 Perchè è diverso da altri prodotti (II)" Il software non si consuma (failure rate HW vs SW)" La maggior parte del software viene realizzato in modo specifico e non mediante assemblaggio di componenti:" # Per alcuni settori le cose stanno cambiando " # Si va sempre più verso il service computing" 7 Classificazione del software" Rispetto agli obiettivi" Rispetto al flusso di controllo" Rispetto agli elementi di interesse primario" 8

5 Classificazione del software! Rispetto agli obiettivi" System software" # Programmi scritti per servire altri programmi" # Compilers, editors, file manager, OS, drivers, networking, " Application software" # Risolvono specifiche esigenze di lavoro" # Business oriented (gestionali, dss, elab. dati, controllo di processo)" # Controllo di business function in tempo reale (e.g. point-of-sale transaction processing)" Engineering/scientific software" # Calcolo intensivo" # Real time e event-based systems" 9 Classificazione del software! Rispetto agli obiettivi" Embedded software" # Controllo di prodotti e sistemi per il consumatore" # Dai forni a microonde alle automobili ed impianti industriali" Product-line software" # Per aumentare la produttività aziendale " # Funzionalità di massa o di nicchia" Web applications" # Un nuovo approccio di concepire l$architettare e la fruizione di applicazioni di ogni genere " Ubiquitus computing, " # Software che sfrutta la proprietà di full-distributed computing, ossia il calcolo distribuito su ogni genere di dispositivo di elaborazione" 10

6 Classificazione del software! Rispetto al flusso di controllo! Sequenziali: un unico flusso di controllo governa l$evoluzione dell'applicazione" Concorrenti: le varie attività necessitano di sincronizzazione e comunicazione " Composte da varie attività sequenziali che possono (e devono) essere sincronizzate al fine di garantire la correttezza" " "! corsi di Sistemi Operativi" Dipendenti dal tempo: esistono vincoli temporali riguardanti sia la velocità di esecuzione delle attività sia la necessità di sincronizzare le attività stesse" 11 Classificazione delle applicazioni Rispetto agli elementi di interesse primario! Orientate alla realizzazione di funzioni: la complessità prevalente del sistema riguarda le funzioni da realizzare" Orientate alla gestione dei dati: l$aspetto prevalente è rappresentato dai dati che vengono memorizzati, ricercati, e modificati, e che costituiscono il patrimonio informativo di una organizzazione" "! corso di Basi di Dati" Orientate al controllo: la complessità prevalente del sistema riguarda il controllo delle attività che si sincronizzano e cooperano durante l'evoluzione del sistema" "! ad es. corsi di Sistemi Operativi" 12

7 Applicazioni di interesse per questo corso" Sequenziali" Orientate alla realizzazione di funzioni" "Sono le applicazioni più tradizionali, e vengono spesso adottate come riferimento per i metodi e le tecniche di base per la progettazione" 13 Esercizio" Considerare i seguenti contesti applicativi:" 1.# sistema di controllo di una centrale nucleare" 2.# sistema di prenotazione dei voli di un aeroporto" 3.# risolutore di sistemi di equazioni" 4.# sistema di gestione di una banca dati" 5.# sistema operativo di un elaboratore elettronico" Per ciascuno di essi, fareste ricorso ad applicazioni! sequenziali, concorrenti o dipendenti dal tempo?! 14

8 Introduzione al software engineering" L1.2" # Software" # Contesto organizzativo! # Il processo del software" # Qualità" # Modularizzazione " # Principi di base dell$orientazione agli oggetti" 15 Il contesto organizzativo" Attori nella progettazione del software:" # Committente" # Esperti del domino" # Analista" # Progettista " # Programmatore " # Utente finale" # Manutentore" 16

9 Esercizio" Il Comune di XYZ intende automatizzare la gestione delle informazioni relative alle contravvenzioni elevate sul suo territorio. " In particolare, intende dotare ogni vigile di un dispositivo palmare che gli consenta di comunicare al sistema informatico il veicolo a cui è stata comminata la contravvenzione, il luogo in cui è stata elevata e la natura dell$infrazione." Il sistema informatico provvederà a notificare, tramite posta ordinaria, la contravvenzione al cittadino interessato." Il Comune bandisce una gara per la realizzazione e manutenzione del sistema, che viene vinta dalla Ditta ABC." Quali sono gli attori coinvolti in questa applicazione SW?! 17 Soluzione esercizio" Committente: Comune di XYZ" Esperto del domino: funzionario del Comune, o altro professionista designato, esperto del Codice della Strada" Utenti finali: vigili" Progettista " Analista" Programmatore" Manutentore" Personale " della " ditta ABC" 18

10 Introduzione all$ingegneria del software" L1.2" # Software" # Contesto organizzativo" # Il processo del software! # Qualità" # Modularizzazione " # Principi di base dell$orientazione agli oggetti" 19 Cos$è" Una visione generica di processo" # una serie di passi predicibili, una road map che aiuta nel creare risultati di elevata qualità e nei tempi attesi. " # questa road map è il software process " Chi lo fa" # software engineers e managers (adattamento alle esigenze del progetto)" # committente (definizione, costruzione e testing)" Perchè è importante" # fornisce: stabilità, controllo, organizzazione" # agile solo attività, controlli e documentazione appropriate" Quali sono i passi" # dipendono dal progetto" Quale è il risultato finale" # programmi, documenti e dati" 20

11 Software engineering definizioni" [Bauer %69] L$utilizzo e l$applicazione di sound engineering principles per ottenere, in maniera economicamente vantaggiosa, software affidabile ed efficiente, eseguibile su macchine reali." [IEEE %93] (1) l$applicazione di un approccio sistematico, disciplinato e quantificabile per lo sviluppo, l$operazione e la manutenzione del software. (2) lo studio degli approcci in (1)." sistamaticità e disciplina sono concetti che devono beneficiare di adattabilità e agilità! 21 Il concetto di processo di sviluppo" -#tiene insieme i livelli tecnologici " -#consente lo sviluppo razionale del sw entro i tempi previsti" -#definisce un framework per fornire sw engineering technologies" Supporto automatizzato, in tutto o in parte, ai metodi e processo" tools! Process model! Methods! a quality focus! Fasi tecniche relative alla costruzione del sw:" requirement analysis,design modeling, program construction, testing, support." organizzazione dedicata alla qualità" 22

12 Il concetto di process framework " 0. Software process" 0.1. Process framework" Umbrella activities" Framework activity" " Software engineering action" "... "" " k Software engineering action" Framework activity" " Software engineering action"..."..." n Framework activity" Attività trasversali applicabili durante tutta la durata del processo" set di task che producono un sw engineering work product (e.g. design)" (small number) applicabili a tutti i proggetti software indipendentemente dalla loro dimensione e complessità" 23 Process framework generico" Applicabile alla maggior parte dei progetti ed utile per descrivere la maggior parte dei modelli di processo" Umbrella activities" # software project tracking and control" # Risk management" # Software quality assurance" # Formal technical reviews" # Measurement" # Software configuration management" # Reusability management" # Work product preparation and production" 24

13 Communication" Framework activities" # Comunicazione e collaborazione con il cliente" Planning" # Descrive le operazioni che devono essere svolte, i rischi, le risorse, i prodotti, la pianificazione" Modeling" # Creazione di modelli x la comprensione dei requisiti sw e progettuali" Construction" # Generazione codice e testing" Deployment" # Distribuzione del sw" Umbrella activities" # software project tracking and control" # Risk management" # Software quality assurance" # Formal technical reviews" # Measurement" # Software configuration management" # Reusability management" # Work product preparation and production" 25 Umbrella activities" Software project tracking and control" # individuare possibili fattori antagonisti " # agire per mantenere lo schedule" Risk management" # individuare ed analizzare rischi che possono avere effetti negativi sul prodotto finale e/o sulla sua qualità" Software quality assurance" # definisce e conduce attività per assicurare la qualità del prodotto" Formal technical reviews" # revisione dei work products per individuare e rimuovere errori prima di che essi vengano propagati sulla successiva action o activity" Umbrella activities" # software project tracking and control" # Risk management" # Software quality assurance" # Formal technical reviews" # Measurement" # Software configuration management" # Reusability management" # Work product preparation and production" 26

14 Measurement" Umbrella activities" # raccoglie misure sul processo, sul progetto e sui prodotti" # misure utili per garantire che i requisiti siano soddisfatti" Software configuration management" # gestisce eventuali cambiamenti (nel processo) in corso d$opera" Reusability management" # definisce criteri per ottenere work product riutilizzabili" # inizia meccanismi per realizzare componenti riutilizzabili" Work product preparation and production" # attività per creare i work product documentali (modelli, documenti, log, form, list)" Umbrella activities" # software project tracking and control" # Risk management" # Software quality assurance" # Formal technical reviews" # Measurement" # Software configuration management" # Reusability management" # Work product preparation and production" 27 Software engineering actions" Communication" Planning" Modeling" Construction" Deployment" Studio di fattibilità e raccolta dei requisiti" Analisi dei requisiti" Progettazione e realizzazione" Verifica" Manutenzione" Ciclo di vita del software" 28

15 Software engineering tasks" 1.# Studio di fattibilità e raccolta dei requisiti" # valutare costi e benefici" # pianificare le attività e le risorse del progetto" # individuare l'ambiente di programmazione (hardware/software)" # raccogliere i requisiti" 2.# Analisi dei requisiti" # si occupa del cosa l$applicazione dovrà realizzare" # descrivere il dominio dell$applicazione e specificare le funzioni delle varie componenti: lo schema concettuale" 3.# Progetto e realizzazione" # si occupa del come l$applicazione dovrà realizzare le sue funzioni" # definire l'architettura del programma" # scegliere le strutture di rappresentazione " # scrivere il codice del programma e produrre la documentazione" 29 Ciclo di vita del software" 1.# Studio di fattibilità" 2.# Analisi dei requisiti" 3.# Progetto e realizzazione" 4.# Verifica" # Il programma svolge correttamente, completamente, efficientemente il compito per cui è stato sviluppato?" 5.# Manutenzione" # Controllo del programma durante l'esercizio" # Correzione e aggiornamento del programma" " " " "" 30

16 Personal Software Process (PSP)" Recommends five framework activities:" # Planning" # High-level design" # High-level design review" # Development" # Postmortem" stresses the need for each software engineer to identify errors early and as important, to understand the types of errors! These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001, Team Software Process (TSP)" Each project is launched using a script that defines the tasks to be accomplished" Teams are self-directed" Measurement is encouraged" Measures are analyzed with the intent of improving the team process" These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

17 The Primary Goal of Any Software Process: High Quality" Remember:" High quality = project timeliness" Why?" Less rework!" These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001, Come organizzare, ossia quale deve essere la sequenza con cui vengono eseguite le framework activities, sw engineerig actions and tasks"?" 34

18 (prescriptive) Process models" Cos$è" # definiscono un set di attività, azioni, task, milestone e work product necessari a produrre high quality software" # Definisco la sequenza con cui vengono svolte le framework activities e le software engineering actions" Chi lo fa" # software engineers e managers (adattamento alle esigenze del progetto)" # committente" Perchè è importante" # fornisce: stabilità, controllo, organizzazione" # modelli prescrittivi sono rigorosi...ma vanno sempre adattati" Quali sono i passi" # un insieme di attività organizzate un un process flow che può essere lineare, incrementale, evolutivo" Quale è il risultato" # programmi, documenti e dati" 35 Modelli di processo Prescrittivi" Lineari" # the waterfall model" # the incremental model & RAD model" Evolutivi" # the prototype model" # the spiral model" The unified process" Ci dicono come vengono organizzate le fasi del processo/ciclo di vita " 36

19 The Waterfall Model" Communication project initiation requirement gathering Planning estimating scheduling tracking Modeling analysis design Construction code test Deployment delivery support feedback These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001, The Incremental Model" increment # n Co m m u n i c a t i o n P l a n n i n g M o d e l i n g analysis design Co n s t ru c t i o n code test De p l o y m e n t d e l i v e ry fe e d b a c k increment # 2 delivery of nth increment Co m m u n i c a t i o n P l a n n i n g increment # 1 M o d e l i n g analysis design Co n s t ru c t i o n code test De p l o y m e n t d e l i v e ry fe e d b a c k delivery of 2nd increment Co m m u n i c a t i o n P l a n n i n g M o d e l i n g analysis design Co n s t ru c t i o n code test De p l o y m e n t d e l i v e ry fe e d b a c k delivery of 1st increment project calendar time These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

20 The RAD Model" Team # n Mo d e lin g business modeling data modeling process modeling Com munication Team # 2 Mo d el i ng business modeling data modeling process modeling Co n st ru ct io n component reuse automatic code generation testing P lan n in g Team # 1 M ode lin g business modeling data modeling process modeling Co nstructi o n component reuse automatic code generation testing De ploym e n t integration delivery feedback Con stru ction component reuse automatic code generation testing days These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001, Evolutionary Models: Prototyping" Com munication Q u ick p lan Mo d e lin g Quick desig n Deployment De live ry & Fe e dback Con stru ction of prototype These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

21 Evolutionary Models: The Spiral" communication planning estimation scheduling risk analysis start modeling analysis design deployment delivery feedback construction code test These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001, Still Other Process Models" Component based development" # the process to apply when reuse is a development objective" Formal methods" # emphasizes the mathematical specification of requirements" AOSD" # provides a process and methodological approach for defining, specifying, designing, and constructing aspects" Unified Process" # a use-case driven, architecture-centric, iterative and incremental software process closely aligned with the Unified Modeling Language (UML)" These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

22 The Unified Process (UP)! Riconosce l$importanza della comunicazione con il cliente e dell$adozione di metodi lineari per descrivere il punto di vista del cliente nei confronti del sistema (es. use case)" Pone l$accento sul ruolo dell$architettura del software:" # Comprensibilità" # Adattabilità a successive modifiche" # Riuso" Suggerisce un flusso iterativo e incrementale, con un andamento evolutivo fondamentale per le moderne attività di sviluppo software" I methods su cui si basa il UP sono UML e OOP! tools! UML, OOP,! The unified process! a quality focus! 43 The Unified Process (UP)" Elabor elaboration" ation inception" Incep tion inception" constr uction Release software increment tr ansition prod uction These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

23 Le fasi del processo unificato" Si passa da una fase all$altra solo se lo stato di avanzamento è sufficiente e l$analisi dei rischi è soddisfacente." Inception (Comunication and planning)! # Use case" # Architettura grezza " # Identificazione di risorse, rischi, schedule " Elaboration (Comunicazione, pianificazione e modellazione)! # Espanzione use case, architettura" # Realizzazione di 5 viste distinte: use case, modello analitico, modello di progettazione, modello implementativo e modello di deployment" # (optional) prototipo eseguibile" Construction! Transition! # Distribuzione versione beta," # Monitoraggio" # Preparazione supporto (manuali)" 45 UP Phases" Workflows UP Phases Inception Elaboration Construction Transition Production Requirements Analysis Design Implementation Test Support Iterations #1 #2 #n-1 #n These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

24 UP Work Products" Inception phase Vision document Initial use-case model Initial project glossary Initial business case Initial risk assessment. Project plan, phases and iterations. Business model, if necessary. One or more prototypes Inceptio n Elaboration phase Use-case model Supplementary requirements including non-functional Analysis model Software architecture Description. Executable architectural prototype. Preliminary design model Revised risk list Project plan including iteration plan adapted workflows milestones technical work products Preliminary user manual Construction phase Design model Software components Integrated software increment Test plan and procedure Test cases Support documentation user manuals installation manuals description of current increment Transition phase Delivered software increment Beta test reports General user feedback These courseware materials are to be used in conjunction with Software Engineering: A Practitioner s Approach, 6/e and are provided with permission by R.S. Pressman & Associates, Inc., copyright 1996, 2001,

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA pag. 1 La Societa CAE Technologies Srl e stata fondata nel marzo 2013. Il nome breve della CAE Technologies Srl e CAETECH.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS GESIRAD Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS Copyright Siemens AG Healthcare Sector 2009. For internal use only. Roma, 8 marzo 2011 Pellegrini

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Crema 14 dicembre 2010 Sergio Oltolina Senior Technical Manager Architetture e Consulenza Direzione Centrale Ricerca

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Brescia MASTER

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

European ICT Professional Profiles

European ICT Professional Profiles CEN Workshop ICT Skills CWA European ICT Professional Profiles Il presente CEN Workshop Agreement (CWA) definisce un set di profili europei nel settore dell ICT; Usando lo European e-competence Framework

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli