VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY"

Transcript

1 VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY

2 1 ANNO Il primo anno si concentra sul fornire tutte le basi teorico-pratiche propedeutiche all acquisizione da parte dello studente di una struttura cognitivo-procedurale che faccia da sostrato al complesso pool di conoscenze tecniche, scientifiche, artistiche e produttive necessarie all inserimento nell ambiente professionale della critica, la comunicazione, il marketing e lo sviluppo di prodotti di intrattenimento interattivo. 2 ANNO Il secondo anno approfondisce quanto introdotto durante il primo, con maggiore attenzione alla formazione su campo e all esercitazione avanzata attraverso l analisi di strumenti e tecnologie innovative, tecniche, elementi di management, produzione e controllo gestione. 3 ANNO Nel terzo anno lo studente consoliderà le sue competenze per discutere la tesi e ottenere la LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE CON INDIRIZZO VIDEOGIOCHI L20 (GAME CULTURE, DESIGN, COMMUNICATION AND MARKETING). Ogni materia del programma si compone di lezioni frontali e laboratori a scelta tra quelli che saranno attivati. VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 1

3 GAME JOURNALISM METODOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE VIDEOLUDICA LA COMUNICAZIONE NELL ERA DELLA GLOBAL ENTERTAINMENT INDUSTRY STRUMENTI E TECNICHE DI GAME DEVELOPMENT ELEMENTI DI DIREZIONE ARTISTICA SOUND DESIGN E POST-PRODUZIONE AUDIO GAME DESIGN FUNDAMENTALS I VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 2

4 LOCALIZZAZIONE DELLE OPERE MULTIMEDIALI E INTERATTIVE IDEAZIONE E PROGETTAZIONE DI PRODOTTI VIDEOLUDICI GAME ARTS & TECHNOLOGY HOMO LUDENS: IL GIOCO NEL COMPORTAMENTO UMANO ELEMENTI DI ECONOMIA DELLA GAME INDUSTRY ERGONOMIA COGNITIVA SCENEGGIATURA INTERATTIVA GAME DESIGN FUNDAMENTALS II VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 3

5 INTERNET, SOCIAL AND GLOBAL COMMUNICATION MEDIA STRATEGIES CREATIVE DIRECTION GAME MEDIA CONTENT PRODUCING AND MANAGING GAME INDUSTRY MANAGEMENT: MARKETING AND PUBLISHING STRATEGIES ELEMENTI DI DIREZIONE ARTISTICA II STRUMENTI E TECNICHE DI GAME DEVELOPMENT II VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 4

6 GAME JOURNALISM Il corso spiega il percorso che ha portato il videogioco a essere, da un semplice esperimento, un espressione dell ingegno umano, nonché un industria solida e in continua evoluzione. In virtù di tale consapevolezza, lo studente sarà chiamato ad analizzare il videogioco da un punto di vista fenomenologico, collocando ogni singola opera all interno del contesto della critica videoludica. Partendo da questo skill-set analitico, lo studente sarà messo nella condizione di affrontare tutte le altre unità del corso. Storia del videogioco; Correnti di pensiero e analisi dei fenomeni culturali che ruotano attorno all industria dell interactive entertainment; Analisi e critica giornalistica; Tecniche di scrittura giornalistica; I laboratori si basano sulle tecniche di gioco di ruolo e simulazione, utilizzati per trasferire rapidamente agli studenti le competenze necessarie ad affrontare l ambiente di critica giornalistica in redazione e su campo sia dal punto di vista strettamente tecnico che da quello relazionale. Durante i laboratori gli studenti impareranno: Analisi storica e divulgazione videoludica; Strumenti e tecniche di preservazione: musealizzazione, archiviazione, catalogazione videogiochi; Tecniche di public speaking e moderazione nelle tavole rotonde e simulazione di Debate Club; Progettazione del concept di una mostra a tema videoludico; Simulazione di redazione (news e preview), coverage su campo (reporter in eventi), correzione di bozze, review, speciali, interviste; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 5

7 METODOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE VIDEOLUDICA Il videogioco, in virtù della sua natura interattiva e narrativa, richiede metodologie comunicative peculiari e radicalmente differenti da quelle di altri medium. Queste implicano una conoscenza sia del suo vasto retroterra che del suo attuale, complesso panorama. Immettere un nuovo prodotto e farlo penetrare in un mercato ad elevata concorrenza internazionale è una sfida che richiede una visione ampia sulle preferenze e gusti degli utenti, così come la preparazione alle dinamiche interne dell industria. La materia insegna allo studente i meccanismi che sono alla base delle varie attività di cui è composto il processo di marketing videoludico e l'acquisizione del funzionamento dei suoi diversi componenti (PR, ufficio stampa, community), fornendo allo stesso tempo il vocabolario necessario alla comprensione dei linguaggi di comunicazione essenziali dell industria dei videogiochi. Metodologie comunicative del settore videogiochi; Tecniche di penetrazione del prodotto e superamento della concorrenza; Struttura del marketing videoludico; Gestione di community; Durante i laboratori lo studente sarà guidato attraverso la procedura di creazione di un comunicato stampa in tutti i suoi dettagli, dalla comprensione del peso e della scelta delle singole parole fino alla formattazione maggiormente diffusa, in modo tale da creare uno strumento efficace e diretto, capace di farsi leggere. Lo studente imparerà a seguire tutte le diverse ramificazioni della fase di lancio, fino a comprendere la gestione del rapporto con i giornalisti - specializzati e non -, e con il pubblico, indispensabile elemento per la corretta reazione sulla base del feedback ricevuto. Durante i laboratori gli studenti impareranno: Attività di ufficio stampa e PR; Redazione di comunicati stampa; Social Media Lab; Community management; Simulazione di lancio e crisis management di un prodotto videoludico; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 6

8 LA COMUNICAZIONE NELL ERA DELLA GLOBAL ENTERTAINMENT INDUSTRY Comunicare i videogiochi. Quali leve, strategie, spunti e attività mettere in campo per comunicare al meglio nel mercato dei videogiochi. La comunicazione verso i media specializzati e quella a favore della stampa generalista. Differenti giornalisti, differenti strumenti. Come comunicare nella maniera più efficace al giusto target. Il segreto per la realizzazione di buon evento. La comunicazione tramite l evento ha regole chiare, che spesso è molto conveniente stravolgere. La comunicazione ai tempi del social. Chi spedirebbe una diapositiva ad un giornalista che domanda un immagine per il proprio articolo? A breve il paragone si potrà fare parafrasando un comunicato stampa agli strumenti social di cui disponiamo. Nessun comunicatore può fare questo mestiere se, oltre a conoscerli, non li sa usare. Comunicare con stile. Eticità, cultura della comunicazione e metodo forgiano lo stile del comunicatore, essere credibili e posizionarsi nella maniera più idonea è fondamentale. Elementi di comunicazione videoludica; Gestione rapporti con i Media; Comunicazione del marchio; Lo studente imparerà a prendersi cura di un determinato prodotto videoludico, curandone la comunicazione verso l esterno, individuandone i punti di forza e imparando come valorizzarli a livello comunicativo. Lo studente imparerà anche a pianificare una campagna di lancio, curando la reputation del brand attraverso gli strumenti di comunicazione tradizionali e online. Durante i laboratori gli studenti impareranno: Brand Communication; Product Management: ideazione e gestione di una campagna di lancio; Public Relations e Event Planning; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 7

9 STRUMENTI E TECNICHE DI GAME DEVELOPMENT Il corso fornisce le basi tecnologiche genericamente adottate nel processo di creazione di diverse tipologie di prodotti videoludici di varia estrazione. Attraverso l analisi dei più utilizzati game engine e tool attualmente disponibili, lo studente viene accompagnato in un percorso di comprensione dell intero processo di sviluppo dal punto di vista prettamente logico-tecnico, con lo scopo di acquisire la consapevolezza e il vocabolario necessari a fare proprie le dinamiche che soggiacciono a produzioni di varia entità, da quelle più piccole e indipendenti ai cosiddetti blockbuster. Il Corso alterna momenti teorico-pratici sulle piattaforme tecnologiche a momenti di approfondimento sui linguaggi di programmazione, la loro relazione sia con l hardware che con il software, così come il loro utilizzo all interno dei suddetti strumenti di sviluppo. Conoscere, saper distinguere e comprendere la destinazione di diversi game engine e tool di sviluppo; Accedere direttamente alle tecniche utilizzate dagli studi di sviluppo internazionali; Relazionarsi e acquisire il controllo di interfacce e procedure complesse; La logica che distingue i vari linguaggi di programmazione su cui si basano i game engine; Come la programmazione si relaziona con le piattaforme hardware-software su diversi tool di sviluppo; I laboratori sono di natura prevalentemente pratica e vedono gli studenti impegnati ad eseguire esercizi di difficoltà crescente all interno di ambienti di sviluppo comunemente usati per grandi produzioni rivolte alle home console o ai PC, così come quelli maggiormente orientati all ecosistema mobile. Eseguiranno esercizi individuali e di gruppo in ambiente Unity; Eseguiranno esercizi individuali e di gruppo in ambiente Unreal; Eseguiranno esercizi individuali e di gruppo in ambiente HMTL5; Eseguiranno test logico-attitudinali su diversi linguaggi di programmazione (C++, C#, HTML5); VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 8

10 ELEMENTI DI DIREZIONE ARTISTICA La materia si prefigge di trasferire allo studente i fondamentali dell aspetto visivo-artistico del videogioco, così come la comprensione dell approccio alle pratiche tecniche, strutturali, metodologiche e creative che vengono coinvolte nella generazione di prodotti interattivi, sia visivamente semplici e minimali che realistici e complessi. Scopo del corso è quello di rendere lo studente analiticamente capace di destreggiarsi attraverso le diverse e complesse discipline, correnti e strumenti artistico-tecnici coinvolti nello sviluppo di un videogioco. L obiettivo è quello di permettere allo studente di muoversi con disinvoltura attraverso le varie fasi artistiche dello sviluppo e di comprendere e saper comunicare concetti visivi sia in ambito bidimensionale che tridimensionale con un linguaggio standard all interno dell industry. Come i diversi stili e fraseggi artistici provenienti da libri, TV, cinema, altri media influenzano la direzione artistica dei videogiochi; Trovare una sintesi visiva attraverso l identificazione di un tema; Declinare la sintesi visiva sui vari ambiti di sviluppo (aspetto, personaggi, interfacce, packaging); Le basi funzionali dei principali software 2D/3D, così come quelle di tecniche miste (fotogrammetria, laserscan); Acquisiranno i concetti basici legati al full-performance capture e motion capture; I laboratori si concentreranno prevalentemente nell approfondimento teorico-tecnico dei diversi strumenti utilizzati in ambito artistico all interno della filiera produttiva, suddivisi per categorie estremamente definite e alternati con attività di gruppo. Effettueranno sessioni di brainstorming di gruppo su temi artistici; Creeranno case studies su prodotti esistenti; Assisteranno a test di motion capture tramite camere IR; Costruiranno un packaging per un prodotto esistente; Si cimenteranno nel Character design lab; Si cimenteranno nel Creature design lab; Si cimenteranno nel Vehicle and weapons design lab; Assisteranno a dimostrazioni sull uso di software di elaborazione grafica (Photoshop, Maya/3DS Max, ZBrush/MODO, Substance, ecc.) durante sessioni di simulazione di varie fasi dello sviluppo; Parteciperanno a simulazioni di reparti artistici attraverso esercizi individuali e di gruppo attraverso l uso di reference e mock-up; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 9

11 GAME DESIGN FUNDAMENTALS I Il game design è il cuore della produzione interattiva e stabilisce i concetti, la regia e l'andamento del progetto di sviluppo di un gioco. I Designer sono responsabili dei contenuti e dei documenti di game design che definiscono visione e specifiche del gioco, fungendo da progetto architettonico per il prodotto finale. Soprattutto, è responsabilità dei game designer immaginare e rendere verificabili e comprensibili gli elementi di interattività e intrattenimento, acquisendo la capacità di trasferirli al team di sviluppo. In questo corso gli studenti impareranno le abilità teoriche e comunicative vitali per elevare un'idea a prodotto percepito di alto valore dall'utenza di riferimento. Gli studenti verranno guidati attraverso il processo creativo-concettuale che parte dal duplice approccio mercato-target/istintivo-creativo, acquisendo conoscenze teoriche e pratiche relative alla fase concettuale, a quella di sviluppo e a quella di progettazione di un gioco. Come progettare e incorporare le meccaniche di gioco Pensiero procedurale Incorporazione di elementi artistici Progettazione di livelli e scenari La tecniche di redazione dei principali documenti di design (High concept, Pitch, Game design), secondo diversi approcci metodologici I laboratori saranno il cuore dell'applicazione di quanto studiato nelle sessioni in classe e si concentreranno su un approccio estremamente pratico che stimoli risultati tangibili nel tempo minore possibile, seguendo i cicli iterativi tipici dei metodi produttivi Agile, Scrum e Kanban. I laboratori saranno oggetto di auto-analisi e auto-valutazione guidate da parte di tutto il gruppo. Terranno sessioni di analisi di prodotti e applicazione del reverse engineering per individuare strutture e meccaniche di gioco, così come eviscerare i segreti delle leve emotive e tempistiche di reazione dell utente; Costruiranno prototipi fisici di giochi volti all'isolamento di meccaniche coerenti, al fine di essere capaci di isolarle in maniera reiterata in qualunque struttura digitale o analogica; Svolgeranno sessioni di analisi di giochi di ruolo pen and paper e board game, con il compito di individuare la player motivation, gli stimoli creativi e di interazione del giocatore; Produrranno scenari e ambienti su piattaforme di sviluppo avanzate (Unreal, Unity); Prepareranno documenti di progetto, quali high concept, pitch e game design brevi; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 10

12 LOCALIZZAZIONE DELLE OPERE MULTIMEDIALI E INTERATTIVE La globalizzazione impone che un videogioco sia un opera declinabile in diversi contesti territoriali. L obiettivo primario della localizzazione è rendere tali opere apprezzabili e fruibili in lingue e culture diverse da quelle in cui il videogioco viene sviluppato. La materia si propone di affrontare le problematiche correlate alla localizzazione nei diversi stadi di sviluppo e dal punto di vista delle diverse figure professionali coinvolte nella realizzazione del progetto. Particolare attenzione sarà dedicata alla creazione del Localisation Kit, strumento essenziale per ottimizzare i processi di traduzione, valorizzare voice-over e doppiaggio, e agevolare il Linguistic QA. Processi e struttura della localizzazione; Strumenti e tecniche di localizzazione; Creazione del Localisation Kit; I laboratori saranno incentrati sugli aspetti tecnico-pratici e artistici dei processi di localizzazione. Seguiranno i processi di localizzazione simulata; Struttureranno la documentazione e i sistemi di verifica; Impareranno la gestione dei file XML; Simuleranno sessioni di voice-over; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 11

13 IDEAZIONE E PROGETTAZIONE DI PRODOTTI VIDEOLUDICI Durante il primo modulo vengono forniti tutti gli elementi, basati su case-history reali, utili al processo di immaginazione, progettazione e avviamento di una start-up dedicata allo sviluppo di videogiochi. Particolare attenzione viene riservata alle attività di pitching verso investitori privati, superamento delle barriere di ingresso, rapporti con i publisher internazionali e fund-raising. Scopo del primo modulo è quello di preparare i futuri imprenditori del settore gaming ad affrontare il processo di fondazione di una nuova azienda di sviluppo. Durante il secondo modulo l attività viene direzionata più strettamente verso il processo di sviluppo del prodotto, passando attraverso le fasi di pre-produzione, produzione, testing, tuning, QA e distribuzione. Lo studente viene messo nella condizione di sfruttare strumenti del team management, così come di tool di controllo e gestione quali SVN/Git. Particolare attenzione viene riservata alle metodologie di sviluppo basate sul manifesto Agile, tra cui Scrum e Kanban. Investors pitching; Costruire una rete di contatti; Attività fieristica e di convention; Relazioni con i publisher; Processo di fondazione di uno studio di sviluppo; Gestione del team e acquisizione risorse; Metodo Agile/Scrum/Kanban per l accesso alla certificazione come ScrumMaster; Metodo Waterfall; Sistemi di controllo gestione; Questa materia costituisce il punto di incontro delle varie materie per la realizzazione del project work finale del corso biennale, con la partecipazione e il supporto di tutti gli altri docenti. Il prodotto finale sarà poi presentato e discusso dalla classe alla chiusura del corso. Redigeranno i principali documenti di produzione sulla falsariga di un prodotto da loro ipotizzato (risk estimate, SWOT analisys, production plan, 30 seconds pitch, profit&loss, executive summary); Simuleranno presentazioni pubbliche a investitori e si confronteranno con sessioni di Q&A; Parteciperanno a simulazioni di produzione sfruttando strumenti di controllo Scrum per la risoluzione e lo scioglimento degli ostacoli; Faranno esercizi per l ottimizzazione della comunicazione tramite Story Points; Impareranno a far convogliare le varie anime dello sviluppo in un prodotto completo in forma dimostrativa; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 12

14 GAME ARTS & TECHNOLOGIES La materia elaborerà la base degli insegnamenti appresi durante il I anno, per permettere allo studente di consolidare le sue conoscenze in ambito artistico, concentrandosi in particolar modo sugli aspetti tecnici. Lo studente è chiamato ad approfondire numerosi, diversi stili artistici e visivi, acquisendo un sostrato culturale estetico che mira a generare ed elaborare una modalità espressiva capace di relazionarsi con le figure di riferimento nella produzione, da quelle di management (lead) a quelle di sviluppo (artist). La ricerca di riferimenti artistici e culturali è affiancata dallo studio delle tecnologie che permettono la generazione delle immagini, la gestione dell espressività e le dinamiche dell animazione dei più diversi contesti di applicazione. Analisi del progetto artistico e delle sue funzioni semantiche all interno di un prodotto esistente; Acquisizione e padronanza delle culture mainstream e indie e loro interconnessione nella produzione dei videogiochi; Concettualizzazione licenze di elevato valore percepito nell immaginario collettivo; Strategie di comunicazione tra figure artistiche e tecniche; Le basi funzionali avanzate di tecniche miste legate all acquisizione delle immagini (fotogrammetria, laserscan); I concetti legati al full performance capture e motion capture; I laboratori del secondo anno dedicati ai reparti artistici sono contaminati da una serie di attività complesse legato al mondo dell immagine e della rappresentazione visiva nell insieme degli elementi che contraddistinguono e definiscono il videogioco. Parteciperanno a sessioni di gruppo per la realizzazione di opere o installazioni a tema videoludico; Elaboreranno, a seconda delle proprie inclinazioni, prodotti artistici legati ai videogiochi, come concept art, art bible o installazioni; Progetteranno il concept di una mostra o un evento a tema videoludico; Parteciperanno a sessioni di full performance capture e motion capture (tramite telecamere IR e sistemi di motion tracking) con relativa applicazione tecnica all interno della filiera produttiva; Seguiranno il processo di elaborazione digitale tramite ricostruzione di oggetti basata su Fotogrammetria; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 13

15 HOMO LUDENS: IL GIOCO NEL COMPORTAMENTO UMANO Attraverso le ultime nozioni derivanti dalle neuroscienze, la materia prevede di insegnare allo studente il rapporto che intercorre tra la psiche umana, la società e la fenomenologia videoludica. Lo studente sarà chiamato ad approfondire la conoscenza dei giochi non destinati al mercato di massa e quelli con applicazioni extra-entertainment. Scopo del corso è quello di trasferire le pratiche necessarie a usare un prodotto interattivo per l empowerment personale e, in generale, a definire come opera multimediale e interattiva possa aspirare a migliorare il nostro mondo. Le basi della psicologia cognitiva applicata al mondo dell interattività; Il concetto di Target Audience; L utilizzo della teoria dei giochi rivolta alla trasmissioni di informazioni; Le basi della comunicazione di massa; Abbandonare il concetto di intrattenimento in favore di quello di resa emotiva; Identificare prodotti interattivi per la loro effettiva funzione; Tramite una rassegna di case history di successo, lo studente apprenderà i modi in cui i videogiochi possono essere sfruttati per comunicare e incidere in maniera efficace idee di stampo propagandistico, con elevato shock value, di stampo terapeutico-psicologico e pubblicitario. Studieranno l utilizzo della propaganda nei prodotti interattivi; Proporranno concept di un Adult Game tramite l uso di temi controversi e provocatori; Progetteranno concept di un Serious Game; Progetteranno concept di un Advergame; Progetteranno concept di un News Game; Elaboreranno progetti di Gamification; Elaboreranno progetti di Edutainment; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 14

16 ELEMENTI DI MERCATO DELLA GAME INDUSTRY Attraverso questa materia lo studente è in grado di comprendere l entità e i numeri dell industria dei videogiochi, analizzando il suo rapporto con il mercato globale dell entertainment. Lo studente apprende poi quali sono i processi che regolano la game industry, ossia il publishing, la distribuzione fisica e digitale e i maggiori eventi di settore. Si tratta di conoscenze essenziali per il corretto posizionamento di un prodotto sul mercato, attraverso la cura strategica dell immagine e la relazione tra le diverse parti chiamate in causa nella complessa filiera produttivo-distributiva. Struttura ed attori dell industria; Mercato globale dell entertainment e sue relazioni con i videogiochi; Elementi di interazione sviluppo-publishing-distribuzione; Fiere di settore e loro meccanismi interni; Eventi e fiere rappresentano il punto di contatto tra stampa, pubblico e industria dei videogiochi; lo studente imparerà come gestire da insider questi momenti, e come sfruttarli per potenziare l impatto del proprio prodotto sul mercato. Organizzeranno e gestiranno la partecipazione a eventi e fiere di settore; Faranno esercizi di Brand management; Acquisiranno strategie di Product Management per la progettazione di una campagna di lancio; Parteciperanno a Social Media marketing e user engagement labs; Acquisiranno la comprensione e l utilizzo del web 2.0 e Internet of Things come strumenti di marketing strategico avazato; Elaboreranno la costruzione e il mantenimento di reputation di un prodotto videoludico. VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 15

17 ERGONOMIA COGNITIVA La materia si prefigge lo scopo di insegnare allo studente le modalità di interazione tra l uomo e la macchina. Questi viene così guidato attraverso l uso delle diverse interfacce shell e user, sfruttando a proprio vantaggio le rispettive particolarità e punti di forza. Oltre che su controller e HUD tradizionali, inoltre, particolare attenzione viene riservata alle ultime frontiere dell interazione aptica, come la realtà virtuale immersiva (tramite visore Oculus VR Rift ) e la realtà aumentata (principalmente rappresentata da Google Glass), in qualità di strumenti in grado di prospettare nuove regole nell ambito dell entertainment. Principi del rapporto uomo-macchina; Funzioni e tipologie delle interfacce digitali; Funzioni e tipologie dei dispositivi di input; Utilizzo e comprensione dell interazione aptica; Funzionamento e prospettive della VR e AR; I laboratori saranno incentrati nella comprensione della user experience che deriva dal rapporto tra uomo e macchina-sistema generato dai diversi tipi di interfacce fisiche e digitali attuali e futuribili. Eseguiranno simulazioni funzionali di interfacce fisiche e digitali; Sperimenteranno e parteciperanno a esercizi in realtà aumentata; Sperimenteranno e parteciperanno a esercizi realtà virtuale; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 16

18 SCENEGGIATURA INTERATTIVA Nonostante la natura tecnologica dell oggetto videogioco, la scrittura tradizionale ricopre un ruolo di primaria importanza all interno dei prodotti videoludici. La materia si prefigge di insegnare il rapporto tra storytelling e interattività, analizzando come la componente testuale viene declinata all interno dei vari modelli narrativi. Lo studente viene indirizzato alla scrittura creativa tramite nozioni fondamentali di sceneggiatura, per poi essere orientato verso l oggetto videogioco, con la stesura di un albero narrativo lineare e non lineare. Tecniche e regole di scrittura classica sui 3 atti; La teoria dell eroe dai mille volti; Analisi di diverse forme espressive (fumetti, cinema, TV) e loro relazione con l interattività; L uso di software specifici per la scrittura non lineare; I laboratori sono prettamente basati su esercizi di scrittura, rilettura e analisi da parte del gruppo, con particolari momenti di valutazione da parte di docenti di altre materie, quali design e produzione. Faranno esercizi di scrittura creativa; Impareranno la logica dei diagrammi di flusso per la costruzione di uno scheletro narrativo; Costruiranno l impalcatura narrativa di un prodotto videoludico, impostando il ritmo della sceneggiatura e gestendo il modo in cui il suo andamento fluido si interpola con la componente interattiva; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 17

19 GAME DESIGN FUNDAMENTALS II Il game design poggia le sue basi sulla comprensione della psicologia dell'utente e i suoi desideri di interazione, anticipandoli attraverso strumenti cognitivi e abilità tecnica. Un ottimo designer dimostra sempre consapevolezza teorica, ma riesce a declinarla in una tremenda capacità di applicazione pratica che sviluppi una interazione radicale e memorabile nella mente del giocatore. In questo corso avanzato gli studenti continuano con quanto appreso durante il primo anno, passando ad una fase più pratica che vede un costante impegno a trasformare la teoria in abilità di progettazione di basso livello. Gli studenti saranno chiamati ad esplorare diversi device, dispositivi di input e interfacce, gli elementi che legano il giocatore al gioco. Lo scopo principale sarà quello di completare il percorso di comprensione di cosa effettivamente influenza l'esperienza di gioco, così come le tecniche di narrazione tipiche dei prodotti interattivi. Tecniche avanzate di redazione di documenti di design (diagrammi di flusso, strumenti di rappresentazione visiva, mock-up); Interfacce narrative; Strumenti di input; Teoria astratta dei giochi; Progettazione di livelli e scenari (avanzato); La creazione dei principali documenti di design (High concept, Game design), secondo diversi approcci; I laboratori saranno il cuore dell'applicazione di quanto studiato nelle sessioni in classe e si concentreranno su un approccio estremamente pratico che stimoli risultati tangibili nel tempo minore possibile, seguendo i cicli iterativi tipici dei metodi produttivi Agile, Scrum e Kanban. I laboratori saranno oggetto di auto-analisi e auto-valutazione guidate da parte di tutto il gruppo. Terranno sessioni di analisi di prodotti e applicazione del reverse engineering per individuare strutture e meccaniche di gioco, così come eviscerare i segreti delle leve emotive e tempistiche di reazione sul giocatore; Costruiranno prototipi fisici di giochi volti all'isolamento di meccaniche coerenti, al fine di essere capaci di isolarle in maniera reiterata in qualunque struttura digitale o analogica; Svolgeranno sessioni di analisi di giochi di ruolo pen and paper e board game, con il compito di individuare la player motivation, gli stimoli creativi e di interazione del giocatore; Produrranno scenari e ambienti su piattaforme di sviluppo avanzate (UDK, Unity); Faranno esercizio di presentazione in pubblico di idee, concetti e prodotti, sia in lingua italiana che inglese; VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 18

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Il Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication è un percorso formativo post-laurea

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli