RASSEGNA STAMPA & NEWS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA & NEWS"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA & NEWS Per iscriversi basta inviare una mail con oggetto si rassegna specificando che si acconsente al trattamento dei propri dati personali esclusivamente per le finalità di comunicazione anche istituzionale della presente Rassegna Stampa Se non vuoi più riceverla scrivi in oggetto No rassegna. Segnala eventuali doppi invii, cambi di indirizzo. In relazione al D.Lgs 196/2003 riguardante la "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali". La informiamo che questa Rassegna Stampa comunale, inviata in CCN (copia nascosta), non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale viene inviata ogni giorno gratuitamente con lo scopo di informare i cittadini su tutto ciò che riguarda il loro comune ed il territorio. Il titolare del trattamento è il Sindaco del comune di Spinea, Silvano Checchin; la responsabile è la dott.ssa Barbara Da Pieve. Al titolare e alla responsabile del trattamento Lei potrà rivolgersi per verificare i dati che la riguardano e farli eventualmente aggiornare, rettificare ed integrare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento, se trattati in violazione di legge (art. 7 del Codice). Desideriamo informarla che il trattamento dei suoi dati personali relativi alla mailinglist sarà effettuato conformemente alle disposizioni di legge, tutelando la sua riservatezza e i suoi diritti di cui all art. 7 e 13 del D.lgs 196/2003. La presente rassegna stampa è curata da Claudia Montagner. SOMMARIO DAI QUOTIDIANI: CRONACA IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG VI GIOCO D AZZARDO, UN PIANO DI CONTROLLI E PREVENZIONE IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG XVII E STATO UN RAGAZZINO A METTERE IL BLOCCO DI CEMENTO SUI BINARI IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG XVII SCUOLE PIU SICURE, ARRIVA LA TRANSENNA IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG XVII C È UNA "FIRMA" SULLA CANALETTA DEI CAVI LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 17 PROTOCOLLO PER LA LOTTA AL GIOCO D AZZARDO LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 17

2 MASSO SUI BINARI, RAGAZZINO DENUNCIATO LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 28 FRATELLINI SEPARATI DAL REGOLAMENTO Riportiamo un articolo che, per errore, non è stato inserito nella Rassegna Stampa di Martedì 24 febbraio. Ci scusiamo per l inconveniente. LA NUOVA VENEZIA MARTEDI 24 FEBBRAIO 2015 PAG 40 LA COMPAGNIA JUNIOR FA INCETTA DI PREMI DAL COMUNE: 28 FEBBRAIO: CONVEGNO SPRECOZERO?, SI GRAZIE FAMILY NET: SAPER FAR SQUADRA IL RUOLO DEI RAPPRESENTANTI DI CLASSE TEATRINO ZERO. CANCELLATO SPETTACOLO 7 MARZO: LA RUGGINE VIRGINIA PESTUGIA: VINCE IL CONCORSO MUSICALE PREMIO CONTEA

3 DAI QUOTIDIANI: CRONACA IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG VI GIOCO D AZZARDO, UN PIANO DI CONTROLLI E PREVENZIONE Ragazzi di 15, o addirittura di 13 anni, che gravitano attorno al gioco d azzardo, spesso attraverso videopoker oppure in rete. Un fenomeno allarmante se si pensa che diversi sindaci hanno segnalato con insistenza in questi mesi il problema della tutela delle fasce deboli alla Prefettura. E ieri mattina, proprio a Ca Corner, è stato siglato un protocollo molto articolato che mira a contenere il più possibile il problema che in troppi casi sfugge al controllo dei genitori. Alla firma dell accordo con la Prefettura hanno aderito sindaci e rappresentanti della Provincia e dei Comuni di Venezia, Caorle, Ceggia, Concordia Sagittaria, Jesolo, Marcon, Martellago, Mira, Musile di Piave, Noale, Portogruaro, Quarto d Altino, San Donà di Piave, San Michele al Tagliamento, Spinea e Vigonovo. Oltre a loro figurano anche i rappresentanti dei commercianti dei tabaccai, dell Ulss, dei Monopoli, dei consumatori e delle forze dell ordine. In base a questo accordo la Prefettura si impegna ad avviare un monitoraggio costante per potenziare l informazione e la formazione dei cittadini e degli operatori economici al fine di tutelare le vittime della dipendenza del gioco d azzardo patologico. La Questura istituirà un tavolo tecnico per verificare il rispetto delle norme a tutela dei minori, potenziando i controlli sulle autorizzazioni specie nei locali nelle vicinanze di scuole e chiese. E con l aiuto della Polizia postale ci sarà una campagna di sensibilizzazione sui rischi del gioco on line. Ci saranno anche delle attività formative rivolte ai commercianti. Con Sert e Ulss, poi, saranno attivati dei punti di ascolto e di orientamento per la diagnosi ed il sostegno psicologico nei confronti delle persone dipendenti da gioco d azzardo patologico. L ufficio scolastico provinciale, inoltre, avvierà percorsi di educazione alla legalità e promozione della salute. «In tale quadro - spiega la Prefettura - le associazioni di categoria e di volontariato avvieranno incontri con gli operatori economici, bancari e finanziari sulle ripercussioni negative sul piano sociale, familiare e lavorativo, attraverso l attivazione di misure di prevenzione, tra cui la riduzione della pubblicità indiscriminata ed incontrollata all esterno degli esercizi commerciali e l istituzione di "marchi di qualità"». I sindaci hanno apprezzato l iniziativa della Prefettura. «Si tratta di un problema noto da molto tempo che nei nostri territori interessa ragazzi che vanno dai 13 anni fino alla fine delle scuole superiori - spiega Andrea Cereser, sindaco di San Donà di Piave - ed ora sono state messe in campo azioni efficaci per contrastare il fenomeno. La Prefettura avrà un ruolo di coordinamento delle varie azioni di prevenzione.

4 Ci sarà un attività diretta soprattutto nei confronti dei genitori perchè troppo spesso non sanno che il proprio figlio ha questo problema. Una vera e propria forma di dipendenza - conclude Cereser - sulla quale bisogna intervenire». IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG XVII E STATO UN RAGAZZINO A METTERE IL BLOCCO DI CEMENTO SUI BINARI Mentre piazzava quel blocco di cemento sui binari ha pensato di filmare la scena per poi vantarsene con gli amici. E mentre "girava" col telefonino, non si rendeva conto del rischio che stava provocando. Pochi minuti dopo, infatti, l'ostacolo è stato centrato da un treno che ha rischiato il deragliamento. Ma per lui era solamente un gioco, un modo di vincere la noia. I carabinieri hanno identificato l autore della sconsiderata bravata del 29 gennaio scorso, a Spinea: si tratta di un 15enne del luogo, già noto per precedenti "numeri" e già seguito pure dai Servizi Sociali. Quasi un mese fa il ragazzo ha raccolto il blocco e l'ha spinto sui binari della linea «storica» all'altezza di Fornase. Ne ha fatto le spese alle 18 il convoglio partito da Verona e diretto a Mestre: il macchinista non potè evitare l'impatto a 130 chilometri orari, il treno si era danneggiato ma era riuscito ad arrivare alla stazione mestrina. Due i reati che gravano ora sul capo del ragazzo: danneggiamento e attentato alla sicurezza dei trasporti. Nessuna azione anti-tav, dunque. I carabinieri di Spinea si erano orientati subito sulla pista dell'atto vandalico fine a sè stesso, e hanno avuto ragione. In pochi giorni hanno stretto il cerchio attorno ad un gruppo di giovanissimi del posto arrivando poi all autore. Messo alle strette, e indotto a collaborare sia dalla madre che dagli assistenti sociali, il 15enne ha confessato le proprie responsabilità. Quel pomeriggio era assieme ad un coetaneo ai margini della ferrovia per "studiare" il luogo adatto dove giocare a soft-air, un'attività di gran moda tra i ragazzi, basata su tattiche militari e sull'utilizzo di pistole a pallini di vernice. Evidentemente, però, quella simulazione non gli bastava. Caduta l ipotesi di un collegamento, ben più seria appare la questione della bottiglietta incendiaria trovata lunedì, alle 13.05, sulla linea dell'alta velocità sempre a Fornase. Visti i precedenti analoghi sulla Firenze-Roma, vi sono vari elementi per sospettare un gesto anti-tav.

5 IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG XVII SCUOLE PIU SICURE, ARRIVA LA TRANSENNA Partirà a giorni a Spinea la sperimentazione dei parcheggi delle scuole "Goldoni" e "Collodi". Sarà illustrata in un incontro organizzato dall'assessore ai Lavori pubblici, Chinellato, per oggi alle alla "Goldoni". L'assessorato alla Viabilità ha effettuato dei sopralluoghi e si è confrontato con la Polizia locale per trovare la soluzione che oggi sarà appunto presentata e poi sperimentata: la chiusura della strada con una transenna, posta all'ingresso da via Cici, per mezz'ora in coincidenza con l arrivo a scuola e per mezz'ora con l'uscita dei bambini. Intanto qualche giorno fa alla "Mantegna" è stato ampliato il marciapiede, risolvendo il problema della grande pozzanghera che impediva una fluida uscita degli allievi nei giorni di pioggia. IL GAZZETTINO GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG XVII C È UNA "FIRMA" SULLA CANALETTA DEI CAVI Una firma, o presunta tale, c è. Chi ha collocato la bottiglia incendiaria a ridosso dei binari dell Alta velocità sulla tratta Venezia-Padova, in località Fornase, e ritrovata lunedì scorso, ha lasciato una scritta. Due parole "Sere" e "Boom" tracciate in maiuscolo con uno spray nero. Sono state notate su uno dei piloni vicino al luogo del ritrovamento della molotov. E a fugare i dubbi sul fatto che quelle "sigle" potessero essere antecedenti al fatto in questione, il riscontro che erano state vergate anche sul pozzetto di cemento contenente i cavi per l alimentazione elettrica, scelto per depositare l ordigno artigianale. Cosa significano quei due termini e soprattutto a cosa potrebbero rimandare? Gli investigatori della Digos, coordinati dal procuratore aggiunto di Venezia, Adelchi D Ippolito, stanno verificando sul territorio nazionale vi siano dei concreti collegamenti sullo sfondo di episodi simili riconducibili all area anarcoinsurrezionalista dei movimenti NoTav. Cade intanto l ipotesi dell atto dimostrativo e prende piede quella del fallito attentato, dato che la "bomba" non è esplosa solo perché l innesco, costruito con del nastro di carta e uno zampirone, si è spento prima di raggiungere la benzina, forse a causa dell umidità dovuta alla pioggia del week-end. Se la miccia avesse attecchito fino a infiammare la benzina contenuta nella bottiglietta di plastica appoggiata su un "letto" di diavolina, si sarebbe sviluppato un incendio di dimensioni piuttosto

6 considerevoli. Infine tramontata definitivamente l ipotesi - mai seriamente considerata - di un unica mano dietro a questa azione e al precedente del 29 gennaio: a gettare il blocco di cemento sulla linea "storica" è stato, come appurato dai carabinieri, un quindicenne del posto che, messo alle strette, ha confessato la bravata. LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 17 PROTOCOLLO PER LA LOTTA AL GIOCO D AZZARDO Dal 2008 ad oggi si sono rivolti al Serd dell Asl 12 quattrocento malati di gioco d azzardo. Ottanata solo lo corso anno, Si tratta di persone che passano il loro tempo a giocare e spendere soldi alle slot machine al bar o in solitudine davanti al proprio smartphone. Una piaga a cui ha dichiarato guerra la Prefettura di Venezia che ha organizzato un tavolo tecnico per il suo contrasto, la tutela dei minori e la ludopatia in accordo con i comuni della provincia, gli Enti morali e religiosi e le forze di polizia. Il Protocollo, firmato ieri in Prefettura, prevede l'istituzione di un tavolo provinciale di confronto interistituzionale, al fine di «procedere al monitoraggio del fenomeno ed all'individuazione degli interventi tesi a potenziare l'informazione e la formazione dei cittadini e degli operatori economici». Presenti alla firma il Commissario straordinario del Comune di Venezia, il commissario della Provincia, i sindaci di Caorle, Ceggia, Concordia Sagittaria, Jesolo, Marcon, Martellago, Mira, Musile di Piave, Noale, Portogruaro, Quarto d Altino, San Donà, San Michele al Tagliamento, Spinea e Vigonovo, i rappresentanti dell Ufficio Scolastico Territoriale, dell ANCI Veneto, dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato di Venezia, delle Asl del Veneto, della Camera di Commercio, delle Associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Federazione Italiana Tabaccai, Codacons e delle Associazioni di volontariato Libera, Uomo Mondo Onlus, Agesci, Azione Cattolica del Patriarcato di Venezia e della Fondazione Antonino Caponetto. Presenti i vertici delle forze di polizia. Annunciati controlli in collaborazione con i Monopoli di Stato nei locali che ospitano slot machine, mentre alla Polizia Postale e delle Telecomunicazioni l incarico di contrastare il gioco d azzardo in rete. È il primo protocollo del genere che viene firmato in Italia. Particolarmente significativa sarà inoltre l azione delle associazioni di categoria e di volontariato, che avranno il compito di sensibilizzare gli operatori economici, bancari e finanziari sulla delicata e complessa problematica e le conseguenti ripercussioni negative sul piano sociale, familiare e lavorativo, attraverso l attivazione di concrete misure di

7 prevenzione, tra cui la riduzione della pubblicità indiscriminata ed incontrollata all esterno degli esercizi commerciali, l istituzione di marchi di qualità che identifichino gli esercizi aderenti alle iniziative. LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 17 MASSO SUI BINARI, RAGAZZINO DENUNCIATO Scoperto e denunciato dai carabinieri il ragazzino che il 29 gennaio ha messo un grosso pezzo di cemento sui binari della linea Padova-Mestre in località Fornase a Spinea. Ha rischiato di far deragliare un treno regionale proveniente da Verona che è passato sopra al masso. Si tratta di un 15enne residente nella zona Spinea appassionato di soft air. Quella sera, stanco di giocare con un amico, ha provato a vedere che effetto faceva quel masso al passaggio di un treno. Gli inquirenti quindi sono convinti che questo episodio non sia legato alla bottiglia incendiaria trovata due giorni fa, sempre sulla Padova Mestre, poco lontano da dove è stato messo il masso. Subito dopo il fatto, i carabinieri della stazione di Spinea hanno collaborato con la Polizia Ferroviaria nelle indagini, giungendo in poco tempo a stringere il cerchio attorno ad gruppo di giovanissimi del posto. In particolare le attenzioni dei militari si sono concentrate su un quindicenne, già noto per qualche bravata e già seguito dai servizi sociali in quanto particolarmente irrequieto. Un ragazzo iperattivo. Una volta individuato il giovanissimo è stato messo alle strette. Un gran merito per la collaborazione del ragazzo con gli investigatori va alla madre e agli assistenti sociali che lo seguono. Il ragazzino ha ammesso davanti ai carabinieri di Spinea le proprie responsabilità. Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che il minore quella sera si era ritrovato con un coetaneo a Fornase per giocare con delle armi da soft-air ai margini della ferrovia. Dopo un po, probabilmente annoiato e stanco delle sparatorie col compagno, decideva di organizzare un gioco eccitante quanto pericoloso: porre un masso sulla linea ferroviaria per vedere l effetto che avrebbe fatto sui treni in transito. Il quindicenne ha preso quindi un grosso pezzo di cemento trovato poco distante e lo ha messo sui binari aspettando il passaggio del primo treno. Come se non bastasse il ragazzo si metteva anche a riprendere con il telefonino la propria bravata per il gusto di poterla poi mostrare ad altri amici. Passano pochi minuti e a far le spese del gesto inconsulto è stato il regionale in transito sulla linea storica Milano-Venezia che giunto al km 253 ha sbattuto violentemente a una velocità di circa 130 chilometri all ora contro il pezzo di cemento.

8 Immediata l attivazione dei freni di emergenza e l ispezione del treno che fortunatamente riportava solo danni alla carrozzeria. Tanto spavento anche tra i passeggeri che per fortuna non hanno riportato conseguenze. Il treno, arrivato in stazione a Mestre è stato portato in officina per le riparazioni. Il ragazzo è stato quindi denunciato per danneggiamento e attentato alla sicurezza dei trasporti. Gli investigatori dell Arma ribadiscono che questo episodio non ha collegamenti con il rinvenimento della bottiglietta incendiaria sulla linea alta velocità dei giorni scorsi. LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 17 ORDIGNO INCENDIARIO, INDAGINI SUI NO TAV Sarebbero collegati l attentato mancato alla linea alta velocità della Padova-Mestre con le scritte e gli striscioni trovati in centro storico e a Mestre nell ultimo anno. Scritte e striscioni attribuiti al mondo degli anarco insurrezionalisti che hanno abbracciato la filosofia No Tav. L ultimo episodio: le scritte sulle vetrine del circolo del Partito Democratico di via Visinoni a Zelarino. «Nessun processo, nessun tribunale, tutti liberi». E poi una serie di scritte offensive contro il Pd. Scritte fatte la notte del 28 gennaio scorso. E verso questi ambienti si stanno indirizzando le indagini della Digos della Questura. Del resto, oltre alla Val Di Susa, anche nel resto dell Italia del Nord si sta alzando il tiro dei contestatori dell opera ferroviaria. A coordinare le indagini è il procuratore aggiunto di Venezia Adelchi D'Ippolito, propenso ad attribuire ad una frangia, quella degli anarco insurrezionalisti, del movimento «No Tav» l'attentato non riuscito. Il sistema utilizzato a Fornase di Spinea assomiglia a quello che ha funzionato a Bologna, alcuni giorni prima di Natale, dove una bottiglia incendiaria alimentata dall'accelerante per colpire i cavi elettrici delle linee ferroviarie su cui viaggiano le Frecce, i treni a lunga percorrenza e ad alta velocità. In quel caso per diverse ore lo snodo di Bologna Viola è rimasto paralizzato. Non è chiaro se l attentato ha voluto essere solo dimostrativo o chi ha agito voleva incendiare i cavi. L'ordigno, che non doveva esplodere ma incendiarsi e bruciare i cavi, era molto artigianale e a quanto pare fatto da qualcuno che evidentemente non ha grande esperienza, visto che l'innesco invece che dar fuoco alla benzina si è spento lentamente. Non sono stati utilizzati i fiammiferi perché avrebbero dato pochissimo tempo per allontanarsi dal luogo a chi doveva accendere. Quanto allo zampirone non è la prima volta che viene utilizzato in questo genere di attentati. Altre volte ha funzionato. Lo zampirone era avvolto nel nastro adesivo di carta in modo che prendesse fuoco e incendiasse il litro di

9 benzina che poggiava su due sacchetti pieni (circa un chilo) di diavolina, quella utilizzata per accendere la legna nei caminetti o il carbone nel barbecue. La diavolina doveva servire per mantenere il fuoco anche quando la benzina, dopo la fiammata iniziale, avesse terminato di bruciare. LA NUOVA VENEZIA GIOVEDI 26 FEBBRAIO 2015 PAG 28 FRATELLINI SEPARATI DAL REGOLAMENTO Costretta a iscrivere il figlio in una scuola diversa da quella frequentata dal fratello, genitori sul piede di guerra per un sistema che appare tutto fuorché vicino alle esigenze delle famiglie. Il caso riguarda una famiglia di Chirignago che è stata costretta, per questioni di esubero nel proprio comune, ad iscrivere il loro primo figlio alla scuola Mantegna di Spinea, dunque fuori sede. Ora che la famiglia se ne è fatta una ragione e il bambino è integrato nella scuola, i genitori vorrebbero iscrivere anche il fratellino nello stesso istituto. Questione di comodità, per genitori entrambi lavoratori, che non hanno la possibilità di accompagnare, per giunta negli stessi orari, due bambini in due scuole diverse e distanti tra loro. La graduatoria di Spinea però non contempla tra i parametri di punteggio la presenza di un fratello nell istituto, per cui il fratellino minore rischia di rimanere escluso, costretto a iscriversi in un altra scuola. «Il problema, mio come quello di altri genitori, si presenta oggi al momento della iscrizione del secondo figlio in prima elementare nella stessa scuola dove c è una grave situazione di esubero: 45 iscritti per una sola sezione», spiega la mamma, «essendo vincolata agli orari scolastici del primo figlio è impossibile per me cambiare istituto. Abbiamo anche valutato di spostare il primo figlio in un altra scuola, dove la preside dava disponibilità per il secondo, ma ovviamente non ad accogliere il primo». Una situazione distante dalle esigenze delle famiglie che a quanto pare riguarda anche altri genitori in zona. Il 2 marzo la mamma in questione è riuscita a ottenere un colloquio, insieme all ex difensore civico, alla direzione generale all ufficio scolastico regionale, per cercare una soluzione al problema, che consideri le esigenze di tutte le famiglie con fratelli che chiedono di frequentare la stessa scuola.

10 Riportiamo un articolo che, per errore, non è stato inserito nella Rassegna Stampa di Martedì 24 febbraio. Ci scusiamo per l inconveniente. LA NUOVA VENEZIA MARTEDI 24 FEBBRAIO 2015 PAG 40 LA COMPAGNIA JUNIOR FA INCETTA DI PREMI Grande soddisfazione tra gli addetti ai lavori in questi ultimi giorni alla notizia che la compagnia junior di Teatrino Zero, costituita con i corsi di teatro delle Officine Pinelli che al Teatrino Zero hanno stabile residenza, ha passato le selezioni del Premio Giorgio Gaber per le nuove generazioni e potrà, quindi, presentare a maggio al Teatro Stabile di Grosseto I Dormienti, un progetto risultato tra i primi tre finalisti di Piccoli Palcoscenici 2014 lo scorso maggio per la regia di Roberta Borghi e testo di Paolo Zaffaina. Ma non solo. I Dormienti sono stati selezionati anche per partecipare al Festival Internazionale Teatro Lab 2015 e a marzo esordiranno nelle finali di Reggio Emilia. Il Premio Giorgio Gaber per le nuove generazioni, giunto al sesto anno di attività, assieme al Teatro stabile di Grosseto in collaborazione con Unicef Italia, ha ottenuto nel 2014 la Targa del Presidente della Repubblica ed è rivolto agli istituti d'istruzione ed agli organismi culturali italiani ed esteri. In provincia di Venezia tra i progetti ammessi ci sarà anche quello dell Istituto Superiore Stefanini, ma per prima volta un organismo culturale giovane come quello di Teatrinozero avrà l opportunità di essere nominato in un così prestigioso premio internazionale che non è solo un riconoscimento alla creatività giovanile, ma un luogo dove migliaia di ragazzi italiani e stranieri possono, per tre giorni, confrontarsi, mostrare le proprie idee e crescere, non solo artisticamente, grazie al lavoro collettivo.

11 DAL COMUNE: 28 FEBBRAIO: CONVEGNO SPRECOZERO?, SI GRAZIE In foto: l Assessora all Ambiente Stefania Busatta con Sara Fassini di Caritas e Alessandra Tiengo di Coop Adriatica Lo sapete quanto cibo spreca ogni anno una famiglia media? Una recentissima ricerca eseguita da Gfk Eurisko in collaborazione con Auchan e Simply ha quantificato le dimensioni dello spreco alimentare domestico in Italia. Ogni anno in media una famiglia italiana butta 49 kg di cibo, complessivamente vengono sprecati 1,19 milioni di tonnellate di alimenti. In termini economici questo corrisponde a circa 7,65 miliardi di euro (316 per famiglia). L'indagine ha anche "pesato" lo spreco annuale per le diverse tipologie di alimenti. Gli sprechi maggiori riguardano la verdura (10,7 kg), la frutta (9,9 kg), il pane (9,1 kg), e la pasta (6,0 kg) mentre minori risultano le quantità sprecate per gli alimenti più costosi: carne (4,5 kg), formaggi (2,1 kg), pesce (1,8 kg), surgelati (1,8 kg) e salumi (1,2). Di tutto questo e di molto altro si parlerà sabato a Spinea. Dopo aver firmato già nel 2011 il protocollo promosso dal Comune di Trieste contro lo spreco alimentare, il Comune di Spinea con Delibera di Consiglio 122 del 19 dicembre 2014, ha aderito, nell ambito della Carta di Bologna Stop food waist, feed the planet, a Sprecozero.net. Tale associazione, patrocinata dal Ministero dell Ambiente e dall ANCI, è finalizzata alla condivisione, alla promozione e alla diffusione delle migliori iniziative utili nella lotta agli sprechi da parte degli Enti territoriali. Lo spreco alimentare non solo è inaccettabile dal punto di vista etico, ma rappresenta un consistente problema ambientale dovuto all utilizzo improprio delle risorse energetiche, all uso insostenibile del suolo e allo smaltimento delle eccedenze alimentari. In occasione di EXPO 2015, dedicato al cibo e alla sostenibilità ambientale, l argomento del contrasto agli sprechi è più che mai attuale. La nostra visione complessiva - spiega l Assessora all Ambiente Stefania Busatta - è di porre in essere tutte le azioni possibili per promuovere la sostenibilità ambientale, anche

12 attraverso il costruttivo confronto con gli altri enti locali. Per tale ragione abbiamo prontamente aderito a Sprecozero.net, auspicando la promozione di istanze ed iniziative a livello nazionale ed europeo. Questo ovviamente concorre anche alle buone prassi finalizzate alla riduzione dell emissioni di CO2, così come promosso dal Patto dei Sindaci, a cui il Comune ha aderito nel Se da un lato sono importanti le azioni intraprese a livello comunale e sovra comunale, ci sono piccole ed insostituibili azioni quotidiane - prosegue l Assessora - che ciascuno di noi può attuare nella propria abitazione e che possono dare un contributo straordinario nella lotta allo spreco di cibo e di energia. Aderendo a Sprecozero.net, il Comune intende farsi parte attiva nell informazione e nella realizzazione di buone pratiche e promuovere un confronto a tutto campo. Di tutto questo si parlerà proprio nel convegno Sprecozero? Sì Grazie in programma sabato 28 febbraio alle 10 in Municipio. Il Convegno continua l Assessora Busatta sarà l occasione per fare rete e creare sinergie. Abbiamo ottenuto il prestigioso patrocinio di Expo 2015 proprio perché questo è un ulteriore tassello di tutta una serie di ampie iniziative che coinvolgeranno l intera città sulla sostenibilità ambientale. Grazie a tutti i relatori. FAMILY NET: SAPER FAR SQUADRA IL RUOLO DEI RAPPRESENTANTI DI CLASSE

13 Si svolgerà, oggi 26 febbraio alle ore presso la scuola media Ungaretti, il quarto evento del ciclo: Incontri Formativi per i Genitori, dal titolo Saper far squadra il ruolo dei rappresentanti di classe. L incontro sarà presentato, dalla Dott.ssa Monica Lazzaretto; responsabile ente di formazione Centro Studi della Cooperativa Olivotti. TEATRINO ZERO. CANCELLATO SPETTACOLO 7 MARZO: LA RUGGINE Teatrino Zero informa che per ragioni di ordine tecnico, lo spettacolo "La Ruggine", previsto per sabato 7 marzo, non andrà in scena. Teatrino Zero si scusa per l'imprevisto. VIRGINIA PESTUGIA: VINCE IL CONCORSO MUSICALE PREMIO CONTEA In foto: Virginia Pestugia durante un concerto Virginia Pestugia, giovane arpista di Spinea, ha vinto il primo premio al Concorso Musicale Internazionale Premio Contea che si è tenuto a Vidor (Treviso) dal 20 al 22 febbraio.

14 METEO OGGI DOMANI FARMACIE

15

RASSEGNA STAMPA & NEWS

RASSEGNA STAMPA & NEWS RASSEGNA STAMPA & NEWS Per iscriversi basta inviare una mail con oggetto si rassegna specificando che si acconsente al trattamento dei propri dati personali esclusivamente per le finalità di comunicazione

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016 COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione in collaborazione con Invita tutti i bambini delle SCUOLE ELEMENTARI di Villa del Conte e di Abbazia Pisani ed i

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI

UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI Milano, 3 Novembre 2014 UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI Uno dei più grandi punti di forza del Liceo Musicale

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Questura di Rovigo. Bilancio sociale 2008

Questura di Rovigo. Bilancio sociale 2008 Questura di Rovigo Bilancio sociale 2008 A cosa serve il bilancio? Fornire una corretta rappresentazione della realtà di un organizzazione capace di soddisfare le esigenze informative fondamentali di tutti

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA Bolzano 13/02/2013 COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PRONTI, ATTENTI C ERA UNA VOLTA! Percorso in italiano lingua veicolare o di introduzione alla lingua italiana Rivolto

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Lazise Provincia di Verona n. 223 Registro deliberazioni del 19-12-2013 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITÀ

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Regolamento concorso Scuole e Studenti Zero Emissioni Anno scolastico 2015-2016 Acqua: risorsa infinita? Informazioni preliminari Per l anno scolastico 2015-2016 il

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Il Titolo del progetto: Happy BioHour

Il Titolo del progetto: Happy BioHour Il Titolo del progetto: Happy BioHour L'evento: Un evento, qualunque sia il suo scopo, implica l incontro tra persone che si ritrovano per condividere un esperienza. Happy Biohour vuole essere un aperitivo

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori.

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori. I Servizi Educativi del Comune di Trieste rappresentano una tradizione storica, un patrimonio di tradizione culturale di cui la città e le famiglie vanno orgogliose. Un patrimonio storico che negli anni

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

Ai DIRIGENTI SCOLASTICI degli Istituti Comprensivi

Ai DIRIGENTI SCOLASTICI degli Istituti Comprensivi Prot. n. 178_2011 Pisa, 22 settembre 2011 Giochi della Gioventù Progetto Ai DIRIGENTI SCOLASTICI degli Istituti Comprensivi e p.c. Agli Insegnanti Elementari Agli Insegnanti di Educazione Fisica All Ufficio

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Progetto teatrale della Fondazione ADVENTUM e dell Ambulatorio Antiusura sul tema del sovraindebitamento e dell usura.

Progetto teatrale della Fondazione ADVENTUM e dell Ambulatorio Antiusura sul tema del sovraindebitamento e dell usura. Progetto teatrale della Fondazione ADVENTUM e dell Ambulatorio Antiusura sul tema del sovraindebitamento e dell usura. Premessa Il fenomeno dell'usura sta diventando un problema con risvolti di carattere

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO Anno scolastico 2010/2011 La Fondazione Zanetti ONLUS, ente non a scopo di lucro che ha come obiettivo

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO n. 04 a. s. 2012/2013 del 15 gennaio 2013

VERBALE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO n. 04 a. s. 2012/2013 del 15 gennaio 2013 LICEO GINNASIO STATALE «RAIMONDO FRANCHETTI» VENEZIA-MESTRE Corso del Popolo, 82 VE-MESTRE 30172 Tel. 041/5315531 Fax 041/5328524 e-mail: segreteria@liceofranchetti.it Cod. fiscale 82007660275 Cod. Scuola

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano In data di giovedì 4 giugno dalle ore 20.45 presso Auditorium Moscheni c/o la scuola secondaria F. Nullo si è tenuto il Comitato Genitori n. 4 per l anno

Dettagli

Test 1 COMPRENSIONE ORALE PRIMA PROVA COSA DEVI FARE?

Test 1 COMPRENSIONE ORALE PRIMA PROVA COSA DEVI FARE? 1 Test 1 COMPRENSIONE ORALE PRIMA PROVA Guarda la fotografia. Leggi le frasi. Ascolta. Segna con una la frase giusta. Attenzione: solo una frase delle tre (a/b/c) è giusta. Riascolta. durata totale 25

Dettagli

LA DISOSTRUZIONE PEDIATRICA NEL VERONESE

LA DISOSTRUZIONE PEDIATRICA NEL VERONESE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Verona PROGETTO LA DISOSTRUZIONE PEDIATRICA NEL VERONESE un progetto patrocinato dalla Il sogno... Sogno in maniera intensa di realizzare il più grande centro

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

COMUNE DI QUARTO D ALTINO

COMUNE DI QUARTO D ALTINO COPIA COMUNE DI QUARTO D ALTINO PROVINCIA DI VENEZIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 9 del 16-03-2015 Adunanza Ordinaria di Prima Convocazione - Seduta Pubblica O G G E T T O ORDINE

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DI DONNE VITTIME DI VIOLENZA - ANNO 2015 L anno duemila (201 ), il giorno del mese di in Siziano (Pv) presso la sede municipale in piazza G. Negri n.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE E AGENZIA DELLE ENTRATE E GUARDIA DI FINANZA E FONDAZIONE PER L EDUCAZIONE FINANZIARIA E AL RISPARMIO

PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE E AGENZIA DELLE ENTRATE E GUARDIA DI FINANZA E FONDAZIONE PER L EDUCAZIONE FINANZIARIA E AL RISPARMIO Direzione Regionale del Lazio PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI, GIOVANI E PARI OPPORTUNITA E AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E GUARDIA

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 13 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. 33 - Il Resto del Carlino pag. 23 - Prima Pagina pag. 15 - Modena Qui pag. 15 Sezione: Provincia Data:

Dettagli

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne 24 novembre 2008 Indice ===================================================================================== PREMESSA... 5 1.

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

LIONS CLUB GENOVA INTERNATIONAL Governatore Pier Angelo Moretto Anno Sociale 2014-2015

LIONS CLUB GENOVA INTERNATIONAL Governatore Pier Angelo Moretto Anno Sociale 2014-2015 LIONS CLUB GENOVA INTERNATIONAL Governatore Pier Angelo Moretto Anno Sociale 2014-2015 Progetto Help, Emergenza Lavoro, Ludopatia, usura In collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Piave, 62 20090 Vimodrone (MI) tel. 02 27 40 12 07 fax 02 25 012 42 e-mail: miic8b000l@istruzione.it sito: www.scuolavimodrone.it VERBALE COLLEGIO DOCENTI 24 febbraio 2015

Dettagli

La Cavour di domani. Le Vostre idee per migliorare il nostro paese. rivolto ai genitori dei bambini da 0 a 6 anni

La Cavour di domani. Le Vostre idee per migliorare il nostro paese. rivolto ai genitori dei bambini da 0 a 6 anni La Cavour di domani Le Vostre idee per migliorare il nostro paese QUESTIONARIO Ai genitori dei bambini da 0 a 6 anni rivolto ai genitori dei bambini da 0 a 6 anni Carissimi genitori, chiedo pochi minuti

Dettagli

1. Chi può partecipare

1. Chi può partecipare ALLEGATO A BANDO DEL PREMIO PROSPETTIVA DANZA 2014, QUINTA EDIZIONE Settore attività culturali del Comune di Padova PROGETTO DI RESIDENZE COREOGRAFICHE PREMIO PROSPETTIVA DANZA 2014 (3 4 maggio 2014) Padova,

Dettagli

Catalogo dei materiali di scarto riutilizzabili

Catalogo dei materiali di scarto riutilizzabili Catalogo dei materiali di scarto riutilizzabili Progetto promosso da Con il contributo di Partner Media Partner Con il patrocinio di Cooperativa ReFuture Legambiente Veneto in collaborazione con La Mente

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

La Rassegna stampa di !" #$! # %& ' #( # $ ) # *+,-.,# /*,0 1 +# 22# 342 5*+,67*#222 8# & 9 :;+7 42+* *4-#*/ +*#222 + #+*. # 5 6 # $!! ;# $#" ; 1! 1 4-#222 ;# 3+#222 1 3 2 422 #(! 1# Ultimo aggiornamento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA & NEWS

RASSEGNA STAMPA & NEWS RASSEGNA STAMPA & NEWS Per iscriversi basta inviare una mail con oggetto si rassegna specificando che si acconsente al trattamento dei propri dati personali esclusivamente per le finalità di comunicazione

Dettagli

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia Il I convegno dei Coordinamenti provinciali del volontariato di Protezione civile della Puglia CONVEGNI Quale futuro per il volontariato di Protezione civile pugliese? : è stato questo il tema di un interessante

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica dei condomìni con impianto di riscaldamento centralizzato

Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica dei condomìni con impianto di riscaldamento centralizzato Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica dei condomìni con impianto di riscaldamento centralizzato per i Condominii energivori ACCESSO GRATUITO e senza alcun vincolo alla Diagnosi Energetica Campagna

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

FCL NEWS MIGLIORIAMO INSIEME IL SITO DELLA NOSTRA FEDERAZIONE

FCL NEWS MIGLIORIAMO INSIEME IL SITO DELLA NOSTRA FEDERAZIONE FEDERAZIONE CAMPEGGIATORI LIGURIA FCL NEWS GIUGNO LUGLIO 2015 Numero 4 MIGLIORIAMO INSIEME IL SITO DELLA NOSTRA FEDERAZIONE Molti avranno già programmato la loro vacanza estiva, alcuni saranno già in viaggio,

Dettagli

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Comune di Beinasco Comune di Bruino 18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Oltre i campi 0/6 CIdiS 1 Premessa Allo scopo di fornire un contributo, che auspichiamo

Dettagli

COMUNE DI VALMADRERA (Provincia di Lecco) BANDO DI CONCORSO. Concorso Writers-Scuola Media di Valmadrera

COMUNE DI VALMADRERA (Provincia di Lecco) BANDO DI CONCORSO. Concorso Writers-Scuola Media di Valmadrera COMUNE DI VALMADRERA (Provincia di Lecco) BANDO DI CONCORSO Concorso Writers-Scuola Media di Valmadrera La Consulta Giovanile di Valmadrera, in collaborazione col Progetto FreeZone, ai sensi della Legge

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009 Comitato LibroParlato SanVito sezionestaccatadell Associazione CentroInternazionaledelLibroParlato A.Sernagiotto Relazionegiugno2009 Quest anno,oltreadivulgaregliargomentiprincipalilegatialladonazionedivoce,

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giornata Informativa Come creare o trovare il proprio lavoro nel mercato che cambia. Venezia, 17 marzo 2014

RASSEGNA STAMPA. Giornata Informativa Come creare o trovare il proprio lavoro nel mercato che cambia. Venezia, 17 marzo 2014 RASSEGNA STAMPA Giornata Informativa Come creare o trovare il proprio lavoro nel mercato che cambia Venezia, 17 marzo 2014 www.provincia.venezia.it 18 marzo 2014 Trovare lavoro in un mercato che cambia,

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

ESTATE 2016 QUATTRO LE SETTIMANE DEDICATE AI RAGAZZI

ESTATE 2016 QUATTRO LE SETTIMANE DEDICATE AI RAGAZZI ESTATE 2016 L ORATORIO ESTIVO IN SANTA BERNARDETTA dalla 1^ alla 5^ Primaria IN SS. NAZARO E CELSO dalla 1^ alla 5^ Primaria IN SAN GIOVANNI BONO dalla 1^ alla 3^ Media QUATTRO LE SETTIMANE DEDICATE AI

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

NB: la classe ha scelto il titolo REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO

NB: la classe ha scelto il titolo REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO Documento n. 6 TITOLI INDIVIDUATI DAI GRUPPI 1. AL FUOCO 2. REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO 3. ALLARME ANTI INCENDIO 4. UN INCENDIO A SCUOLA NB: la classe ha scelto il titolo REGOLE DA SEGUIRE IN

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna

F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna CORSO CONI F.I.G.C. OTTANA TESINA INDIVIDUALE DI DONATELLA SANNA CATEGORIA PICCOLI AMICI OBIETTIVI FATTORE TECNICO COORDINATIVO colpire la palla e capacità

Dettagli

SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE 2006-2007 COSTRUIAMO LA SPERANZA

SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE 2006-2007 COSTRUIAMO LA SPERANZA SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE COSTRUIAMO LA SPERANZA Il Villaggio SO.SPE Solidarietà e Speranza di Suor Paola in Via De Iacovacci 21 - Roma Obiettivo del Progetto Il Progetto si propone la realizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo

LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo LINEE GUIDA del Progetto Spazio Educativo La riflessione del gruppo che si occupa dello Spazio educativo è iniziata con l individuazione delle procedure, che hanno portato a modificare il contesto, e delle

Dettagli

Il portale Romagna attiva. Imprese e giovani si incontrano on line

Il portale Romagna attiva. Imprese e giovani si incontrano on line RASSEGNA STAMPA Il portale Romagna attiva. Imprese e giovani si incontrano on line 14 Giugno 2013 A cura dell Ufficio Comunicazione di CNA Forlì Cesena CNA Associazione Provinciale di Forlì-Cesena Via

Dettagli