arch. Romolo Balasso Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "arch. Romolo Balasso www.tecnojus.it Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI)"

Transcript

1 Il Il piano di di assetto del territorio in in relazione ai ai nuovi strumenti urbanistici. Un occasione per ripensare il il modello veneto 1 Castelfranco Veneto Perequazione e crediti edilizi svolta per l urbanistica veneta Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI) 2 Hotel Alla Torre ore 18 1

2 Sistema pianificatorio tradizionale Legge 1150/42: Zonizzazione funzionale omogenea Standard Esproprio Tecnica pianificatoria che entra in crisi 3 Punti di crisi Zoning (inteso come ordinata distribuzione sul territorio delle diverse funzioni urbane) 4 produce discriminazioni tra le proprietà (aree): Alcune diventano edificabili Altre espropriabili 2

3 Punti di crisi L esproprio si è rivelato un istituto eccessivamente: Oneroso Conflittuale Scinde la realizzazione delle opere collettive da quelle private (che su queste fondano la loro legittimità) 5 Punti di crisi Condizioni strutturali: Caducazione dei vincoli espropriativi Loro indennizzabiltà alla rinnovazione Aggravamento quadro economico e finanziario degli Enti Locali 6 3

4 Punti di crisi Mutamenti socio-politici e culturalidisciplinari: Passaggio da un urbanistica per provvedimenti ad un urbanistica per accordi Forte riconsiderazione del privato come soggetto attivo in grado di svolgere un ruolo pianificatorio 7 Punti di crisi Mutamenti socio-politici e culturalidisciplinari: Necessità di assicurare un risultato delle scelte pianificatorie: Utilizzazione dei meccanismi di mercato per associare l intervento pubblico a quello privato Necessità di introdurre anche nell urbanistica la giustizia distributiva tra oneri ed onori 8 4

5 Perequazione Nasce come tecnica pianificatoria (modelli perequativi): Ambito del comparto Ambito comparto allargato diventando anche uno strumento (complesso) di gestione urbanistica del territorio (governo) 9 Regione Veneto e L.R. 11/04 Perequazione urbanistica, definizione (art. 35) L equa ripartizione dei diritti edificatori e dei relativi oneri tra tutti i proprietari delle aree ed edifici interessati da un intervento da realizzare unitariamente 10 5

6 Modello perequativo Veneto Definizione dell ambito perequativo assoggettato ad intervento unitario Attribuzione di un valore edificatorio (indice di edificabilità) uniforme a tutte le proprietà prescindendo: dalla effettiva destinazione d uso assegnata alle singole aree Dalla localizzazione della capacità edificatoria (dove si costruisce) 11 Modello perequativo Veneto Definizione dell ambito perequativo assoggettato ad intervento unitario Prevedendo un area (localizzazione), solitamente ristretta, nella quale si dovrà concentrare l edificazione; 12 6

7 Modello perequativo Veneto 13 Definizione dell ambito perequativo assoggettato ad intervento unitario Individuando le aree da cedersi gratuitamente al Comune o da asservirsi per la realizzazione di servizi ed infrastrutture In alternativa alla cessione o al vincolo di destinazione ad uso pubblico di aree collettive, l utilizzo dell edificabilità può essere subordinato all impregno dei privati a realizzare infrastrutture e servizi di interesse generale per un valore equivalente Modello perequativo Veneto Definizione dell ambito perequativo assoggettato ad intervento unitario Individuando le aree per le compensazioni urbanistiche 14 7

8 Compensazione urbanistica Art. 37 L.R. 11/04, definizione: Aree oggetto di vincolo preordinato all esproprio i cui proprietari possono cedere al comune in cambio di una adeguata capacità edificatoria, sottoforma di credito edilizio da spendere su altre aree e/o edifici, anche di proprietà pubblica 15 L adeguata capacità edificatoria è oggetto di negoziazione/accordo Crediti edilizi 16 Art. 36 della L.R. 11/04 definiti al comma 4: Quantità volumetrica riconosciuta a seguito: degli interventi di: Demolizione delle opere incongrue Eliminazione degli elementi di degrado Miglioramento della qualità» Urbana» Paesaggistica» Architettonica» Ambientale Individuati e definiti dal P.A.T. Disciplinati dal P.I. 8

9 Crediti edilizi Art. 36 della L.R. 11/04 definiti al comma 4: Quantità volumetrica riconosciuta a seguito: Compensazione urbanistica 17 Sono annotati nel Crediti edilizi REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI 18 che forma il Piano degli Interventi, il quale deve: Individuare e disciplinare gli ambiti in cui è consentito l utilizzo dei crediti edilizi (prevedendo l attribuzione di indici di edificabilità differenziati in funzione degli obiettivi che danno origine al credito ovvero delle compensazioni urbanistiche) 9

10 Crediti edilizi Caratteristiche fondamentali: Sono collegati a degli obiettivi di natura pubblicistica: Acquisizione di aree ed edifici oggetto di vincolo preordinato all esproprio (compensazione urbanistica) Eliminazione delle opere incongrue e/o degli elementi di degrado Realizzazione di interventi di miglioramento delle qualità indicate (urbana, paesaggistica, architettonica ed ambientale) 19 Crediti edilizi Caratteristiche fondamentali: Sono liberamente commerciabili? Hanno dunque un VALORE 20 10

11 Crediti edilizi Altre caratteristiche: Non sono previsti vincoli particolari che: Richiedono una corrispondenza tra dare e avere perché entrano in gioco più VALORI L eliminazione di piccole ma significative quantità possono originare crediti quantitativamente maggiori L eliminazione di grandi ma poco significative quantità possono originare crediti quantitativamente minori 21 = la disuguaglianza è fisiologica Crediti edilizi Altre caratteristiche: Non sono previsti vincoli particolari che: Obbligano una corrispondenza funzionale tra l eliminato e il ricevuto L eliminazione di una quantità volumetrica di una certa destinazione Credito volumetrico funzionalmente diverso (oltre che quantitativamente) 22 11

12 Crediti edilizi Altre caratteristiche: Non risulta chiaro se il credito deve essere speso nel periodo di validità del Piano degli Interventi che lo disciplina (quindi a tempo indeterminato) Oppure se decade in caso di modifica del P.I. da parte dell Amministrazione che succede a quella che lo ha concesso 23 Crediti edilizi: sintesi Sono il risultato di una equazione tra: Quantità volumetrica da dare (demolire) Quantità volumetrica da ricevere (edificare) Le quantità stanno tra loro secondo un rapporto che inevitabilmente è centrato sui VALORI IN GIOCO 24 12

13 Crediti edilizi: sintesi Ma se le quantità (MC) sono da ritenersi fissi nel tempo (nel senso che 1mc sarà sempre 1 mc sempre che non varino i criteri prescelti per calcolare il volume) I valori possono variare nel tempo, nel senso che il valore di spesa può essere diverso da quello di acquisto in quanto legato al mercato immobiliare 25 Crediti edilizi: sintesi 26 Diverse possono essere le problematiche applicative, riferibili, ad esempio: Rapporto tra la quantità delle opere incongrue, gli elementi di degrado e gli interventi di miglioramento (individuati nel PAT) e la quantità di credi edilizi spendibili nel P.I. Correlazione tra opere incongrue ed elementi di degrado da demolire/eliminare e la concreta possibilità di spendere quelle quantità/valori nell ambito prescelto 13

14 Crediti edilizi: sintesi La possibilità che si determinino squilibri quantitativi o valoriali tra domanda/offerta di crediti edilizi per l edificabilità di un area Così come non sono da sottovalutare le questioni relativa ai bilanci pubblici degli enti locali e la programmazione/realizzazione delle opere pubbliche (questione amministrativa) La documentazione è scaricabile dal sito 14

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto Perequazione, crediti edilizi e premialità

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI Campagna Lupia, 23 maggio 2013 DAL PIANO STRATEGICO (PAT) AL PIANO OPERATIVO (PI) perequazione, compensazione, crediti edilizi OBIETTIVO: Costruire la

Dettagli

Regole che cambiano: accordi con i privati, perequazione, diritti edificatori

Regole che cambiano: accordi con i privati, perequazione, diritti edificatori Università IUAV di Venezia Regole che cambiano: accordi con i privati, perequazione, diritti edificatori Ezio Micelli Gli accordi con i privati Gli accordi con i privati nella Lr 11/04 Gli accordi con

Dettagli

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica COMUNE DI THIENE UFFICIO URBANISTICA CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica 1 Premessa Il presente documento detta i criteri di valutazione

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA Piano degli Interventi Art. 18 della Legge Regionale 11/2004 Norme per il governo del territorio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

Perequazione, Compensazione e Premialità edilizia Seminario del 29 ottobre 2009

Perequazione, Compensazione e Premialità edilizia Seminario del 29 ottobre 2009 Perequazione, Compensazione e Premialità edilizia Seminario del 29 ottobre 2009 La Perequazione 1) Definizione Volendo cercare una definizione sintetica che racchiuda in sé tutte le varie sfaccettature

Dettagli

Valore dei diritti e dei crediti edilizi

Valore dei diritti e dei crediti edilizi Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 Valore dei diritti e dei crediti edilizi Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch.

Dettagli

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione WORKSHOP MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PIANO: Tecniche attuative del Piano La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione Sala Conferenze Belvedere di San Leucio (CE) 19 febbraio 2015 Il principio

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

CRITERI PEREQUATIVI da APPLICARSI per il PIANO degli INTERVENTI

CRITERI PEREQUATIVI da APPLICARSI per il PIANO degli INTERVENTI PREMESSA La perequazione urbanistica contemplata nella legislazione regionale (art. 35 L.R. 11/2004) rappresenta il mezzo più efficace per l acquisizione delle aree pubbliche (aree a servizi infrastrutture)

Dettagli

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP)

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) Incontro Ordini professionali Regione Umbria Legge regionale 21 gennaio 2015, n.1 Testo unico governo del territorio e materie correlate Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) DIREZIONE PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

Perequazione Urbanistica

Perequazione Urbanistica Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia aprile 2013 Perequazione Urbanistica Che cosa è la perequazione urbanistica? è lo strumento utile a promuovere e governare

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B

REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B REGISTRO DELLE CESSIONI DEI DIRITTI EDIFICATORI DISPOSIZIONI APPLICATIVE ALLEGATO B INDICE Articolo 1 Oggetto e riferimenti normativi... 3 Articolo 2 Origine dei diritti edificatori... 3 Articolo 3 Struttura

Dettagli

Prof. Paolo urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Università degli studi di Chieti-Pescara Luiss Roma

Prof. Paolo urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Università degli studi di Chieti-Pescara Luiss Roma Prof. Paolo urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Università degli studi di Chieti-Pescara Luiss Roma La perequazione tra ipotesi di riforma nazionale e leggi regionali 1. Le ragioni della perequazione.

Dettagli

Comune di Quinto vic.no. Piano degli Interventi PIANO DEGLI INTERVENTI. Atto di Indirizzo Criteri perequativi da applicarsi nel PI P.R.G. P.I. P.A.T.

Comune di Quinto vic.no. Piano degli Interventi PIANO DEGLI INTERVENTI. Atto di Indirizzo Criteri perequativi da applicarsi nel PI P.R.G. P.I. P.A.T. Comune di Quinto vic.no Piano degli Interventi PIANO DEGLI INTERVENTI P.R.G. P.A.T. P.I. Atto di Indirizzo Criteri perequativi da applicarsi nel PI febbraio 2013 CRITERI PEREQUATIVI DA APPLICARSI NEL PIANO

Dettagli

PRC - Piano Regolatore Comunale

PRC - Piano Regolatore Comunale COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso Regione del Veneto PRC - Piano Regolatore Comunale Articolo 12 Legge Regionale 23 aprile 2004, n. 11 PI - Piano degli Interventi - Variante 3 Articoli 17 e

Dettagli

PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA,

PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA, PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA, CONTENUTO DELLA PROPRIETÀ FONDIARIA E DI DETERMINAZIONE DELL INDENNITÀ DI ESPROPRIO PREMESSA Un recente forum internazionale promosso dall UNECE

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE E INCENTIVAZIONE URBANISTICA. SCHEMI TEORICI E MODELLI OPERATIVI

PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE E INCENTIVAZIONE URBANISTICA. SCHEMI TEORICI E MODELLI OPERATIVI PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE ED INCENTIVAZIONE URBANISTICA: NUOVE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE E INCENTIVAZIONE URBANISTICA. SCHEMI TEORICI E MODELLI

Dettagli

LA PEREQUAZIONE URBANISTICA TRA DIRITTI EDIFICATORI E RICOMPOSIZIONE FONDIARIA (ossia la perequazione quale causa di negozi giuridici)

LA PEREQUAZIONE URBANISTICA TRA DIRITTI EDIFICATORI E RICOMPOSIZIONE FONDIARIA (ossia la perequazione quale causa di negozi giuridici) COMITATO DEI DISTRETTI NOTARILI DEL TRIVENETO LA PEREQUAZIONE URBANISTICA TRA DIRITTI EDIFICATORI E RICOMPOSIZIONE FONDIARIA (ossia la perequazione quale causa di negozi giuridici) Abano Terme 5 maggio

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI PIANO DEGLI INTERVENTI luglio 2014 a cura del Dipartimento Territorio Unità di Progetto Pianificazione Strategica e Territoriale INDICE DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità, contenuti ed efficacia del

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI Campagna Lupia, 23 maggio 2013 DAL PIANO STRATEGICO (PAT) AL PIANO OPERATIVO (PI) IL CREDITO EDILIZIO: NATURA GIURIDICA, ASPETTI CRITICI E PROBLEMATICHE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Il contributo della perequazione e della compensazione urbanistica alle politiche abitative

Il contributo della perequazione e della compensazione urbanistica alle politiche abitative Il contributo della perequazione e della compensazione urbanistica alle politiche abitative L'urbanistica negoziale e lo strumento perequativo a supporto delle politiche abitative Vittorio E. Bianchi Dirigente

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Comune di Casaleone Provincia di Verona. Piano degli Interventi Registro dei crediti edilizi

Comune di Casaleone Provincia di Verona. Piano degli Interventi Registro dei crediti edilizi Comune di Casaleone Provincia di Verona Piano degli Interventi Registro dei crediti edilizi settembre 2013 Comune di Casaleone Provincia di Verona Piano degli Interventi Registro dei crediti edilizi settembre

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DELLE PEREQUAZIONI ED INQUADRAMENTO NORMATIVO

PRINCIPI GENERALI DELLE PEREQUAZIONI ED INQUADRAMENTO NORMATIVO RELAZIONE al Convegno di Como dell 8 aprile 2011 PRINCIPI GENERALI DELLE PEREQUAZIONI ED INQUADRAMENTO NORMATIVO INTRODUZIONE Il compito che mi è stato affidato è quello di illustrare i principi generali

Dettagli

Nuove dimensioni del costruire fra Piani Casa e programmazione territoriale Hotel I Portici, Bologna, mercoledì 20.5.2009

Nuove dimensioni del costruire fra Piani Casa e programmazione territoriale Hotel I Portici, Bologna, mercoledì 20.5.2009 Nuove dimensioni del costruire fra Piani Casa e programmazione territoriale Hotel I Portici, Bologna, mercoledì 20.5.2009 Politiche per la casa, l Edilizia Residenziale Sociale Mario Piccinini* Le politiche

Dettagli

P.A.T. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. COMUNE DI VILLA DEL CONTE Provincia di PADOVA. VIA ROMA, 5 36026 POIANA MAGGIORE VI www.abitat.it gis@abitat.

P.A.T. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. COMUNE DI VILLA DEL CONTE Provincia di PADOVA. VIA ROMA, 5 36026 POIANA MAGGIORE VI www.abitat.it gis@abitat. COMUNE DI VILLA DEL CONTE Provincia di PADOVA P.A.T. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI PADOVA Settore Urbanistica COMUNE DI VILLA DEL CONTE Il Sindaco Francesco Cazzaro Il Segretario

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI MASSA SETTORE URBANISTICA SERVIZIO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO PIANO ATTUATIVO RELAZIONE ILLUSTRATIVA Previsioni interne al Comparto Frigido Incidenza delle previsioni

Dettagli

Comune di Spinea. Accordo di Pianificazione. Tempo Libero srl Aspen srl Pasqualetto Mario. ai sensi art 6 L.R. 11/2004

Comune di Spinea. Accordo di Pianificazione. Tempo Libero srl Aspen srl Pasqualetto Mario. ai sensi art 6 L.R. 11/2004 Comune di Spinea Venezia Tempo Libero srl Aspen srl Pasqualetto Mario Accordo di Pianificazione ai sensi art 6 L.R. 11/2004 Relazione Variante al Piano degli Interventi Aprile 2013 1 Aggiornamento Novembre

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

La valutazione nella pianificazione

La valutazione nella pianificazione Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La valutazione nella pianificazione Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Norme Tecniche Operative IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria Teresa Consoli IL PROGETTISTA ing. Mario

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 23-02-2007 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA. Riforma dell urbanistica e disciplina dell attività edilizia e del paesaggio.

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 23-02-2007 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA. Riforma dell urbanistica e disciplina dell attività edilizia e del paesaggio. LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 23-02-2007 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Riforma dell urbanistica e disciplina dell attività edilizia e del paesaggio. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE FRIULI-VENEZIA

Dettagli

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi Paolo Urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Convegno nazionale DS Roma 13 marzo 2006 Le politiche abitative. Una grande priorità Le politiche abitative per le fascie più deboli: le nuove modalità

Dettagli

Marcello De Carli APPUNTI SULLA PEREQUAZIONE URBANISTICA

Marcello De Carli APPUNTI SULLA PEREQUAZIONE URBANISTICA Marcello De Carli APPUNTI SULLA PEREQUAZIONE URBANISTICA Intervento del 29/03/2012 L intervento prende spunto da alcuni risultati della seconda fase di una ricerca promossa da Comune di Milano e Camera

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

INDICE TITOLO PRIMO 5 DISPOSIZIONI GENERALI 5

INDICE TITOLO PRIMO 5 DISPOSIZIONI GENERALI 5 Albignasego, gennaio 2013 INDICE TITOLO PRIMO 5 DISPOSIZIONI GENERALI 5 Articolo 1 - Il Piano Regolatore Comunale richiamo alla legislazione vigente 5 Articolo 2 Valori e contenuti strategici dell assetto

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Si chiede parere in merito all onerosità ovvero all eventuale gratuità di un intervento di ristrutturazione

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE EDILIZIA E PIANIFICAZIONE U.O. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE EDILIZIA E PIANIFICAZIONE U.O. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE EDILIZIA E PIANIFICAZIONE U.O. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROGETTO INTERSETTORIALE I.C.I. ATTRIBUZIONE DEL VALORE VENALE ALLE AREE EDIFICABILI DI REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

Piano degli Interventi Comune di Zimella -VR- Registro dei crediti edilizi

Piano degli Interventi Comune di Zimella -VR- Registro dei crediti edilizi Comune di ZIMELLA Provincia di Verona P.I. 2^ fase Elaborato N.T.O. Scala Registro dei Crediti Edilizi di cui all'art.17 comma 5 della LRV n 11/2004 GRUPPO DI LAVORO Ufficio Tecnico Comunale Geom. Claudio

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5 Castelfranco Emilia Area progetto PRU ex Case Operaie Il Comune di Castelfranco Emilia, presenta in sede di bando per la legge 19/98, una serie di ipotesi di riqualificazione urbana (su suggerimento di

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI CERVETERI. (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica. Regolamento comunale

COMUNE DI CERVETERI. (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica. Regolamento comunale COMUNE DI CERVETERI (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A Regolamento comunale Criteri di applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie

Dettagli

VARIANTE adottata dal C.C. con delibera. n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE

VARIANTE adottata dal C.C. con delibera. n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE - VARIANTE - Progettista: Sindaco: Segretario: VARIANTE adottata dal C.C. con delibera n del VARIANTE approvata dal C.C. con delibera n del - PIANO DEI SERVIZI - NORME TECNICHE commessa: 545/CH allegato:

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

Arbizzano di Valpolicella: quando una colata di cemento sferra il colpo di grazia a storia e territorio.

Arbizzano di Valpolicella: quando una colata di cemento sferra il colpo di grazia a storia e territorio. Arbizzano di Valpolicella: quando una colata di cemento sferra il colpo di grazia a storia e territorio. L obiettivo è accendere i riflettori su quanto sta accadendo in una delle zone più belle d Italia,

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento Comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione degli incentivi (Approvato con delibera di

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

Ristrutturare: come procedo?

Ristrutturare: come procedo? Ristrutturare: come procedo? Quando si deve fare una ristrutturazione è importante partire con il piede giusto. Agire a norma e stabilire patti chiari è fondamentale. Chiedi in comune quali sono gli obblighi

Dettagli

PGT: CREDITI VOLUMETRICI PARAMETRATI ALLA INDENNITA DI ESPROPRIAZIONE TAR LOMBARDIA, MILANO, II SEZIONE, 17 SETTEMBRE 2009 N. 4671

PGT: CREDITI VOLUMETRICI PARAMETRATI ALLA INDENNITA DI ESPROPRIAZIONE TAR LOMBARDIA, MILANO, II SEZIONE, 17 SETTEMBRE 2009 N. 4671 N PGT: CREDITI VOLUMETRICI PARAMETRATI ALLA INDENNITA DI ESPROPRIAZIONE TAR LOMBARDIA, MILANO, II SEZIONE, 17 SETTEMBRE 2009 N. 4671 A cura di Avv. Roberta Bertolani La sentenza in commento è relativa

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

INTRODUZIONE. Nel documento vengono analizzate e comparate le procedure per la redazione del PRG e dei PGT con le relative quantificazioni economiche.

INTRODUZIONE. Nel documento vengono analizzate e comparate le procedure per la redazione del PRG e dei PGT con le relative quantificazioni economiche. INTRODUZIONE Nel documento vengono analizzate e comparate le procedure per la redazione del PRG e dei PGT con le relative quantificazioni economiche. P.R.G. tradizionale L'incarico, normalmente, è conferito

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

Indirizzi comunali per l applicazione della Legge Regionale n. 24/2009 Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla

Indirizzi comunali per l applicazione della Legge Regionale n. 24/2009 Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla Indirizzi comunali per l applicazione della Legge Regionale n. 24/2009 Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. Disciplina

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A REGOLAMENTO ARREDI DELLE AREE PERTINENZIALI Atto collegato

Dettagli

Comune di Villa Guardia Provincia di Como

Comune di Villa Guardia Provincia di Como Agg.07/04/14- O:\UFFICI\UTC\MARZIA\STRUMENTI URBANISTICI\PGT\REGOLAMENTO NEGOZIAZIONE\REGOLAMENTO NEGOZIAZIONE-APPROVATO.DOC Comune di Villa Guardia Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali

PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali Direzione Legislazione Mercato Privato Ultimo aggiornamento: ottobre 2011 AMPLIAMENTO di edifici esistenti DEMOLIZIONE RICOSTRUZIONE Titolo abilitativo

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO... 1 INTRODUZIONE... 3 PROGETTO DI VARIANTE AL P.D.F... 5 CONCLUSIONI... 12

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO... 1 INTRODUZIONE... 3 PROGETTO DI VARIANTE AL P.D.F... 5 CONCLUSIONI... 12 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO... 1 INTRODUZIONE... 3 PROGETTO DI VARIANTE AL P.D.F.... 5 CONCLUSIONI... 12 1 1 ) INQUADRAMENTO GEOGRAFICO Il comune di San Vito risulta ubicato geograficamente nella parte Sud-Orientale

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato DOSSIERAGGIORNATOAL17marzo2010 Senzaalcuna specificazione divolume: AMPLIAMENTI EDIFICI AMMESSI DESTINAZIONI D'USO MUTAMENTO DESTINAZIONED'USO

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Il Piano Urbanistico Comunale (PUC) nella legge regionale 16/2004 norme sul governo del territorio

Il Piano Urbanistico Comunale (PUC) nella legge regionale 16/2004 norme sul governo del territorio Il Piano Urbanistico Comunale (PUC) nella legge regionale 16/2004 norme sul governo del territorio Slide desunte dal corso di Tecnica Urbanistica del prof. Mazzeo Articolo 22 Strumenti urbanistici comunali

Dettagli

STRUMENTI PER AFFRONTARE LA CRISI DEL SETTORE TREVISO 31 MAGGIO 2013

STRUMENTI PER AFFRONTARE LA CRISI DEL SETTORE TREVISO 31 MAGGIO 2013 STRUMENTI PER AFFRONTARE LA CRISI DEL SETTORE STRUMENTI PER AFFRONTARE LA CRISI DEL SETTORE d-recta s.r.l. La società è formata da 17 professionisti con diversi background tecnici, che assieme formano

Dettagli

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Bando di raccolta delle proposte di Accordi Pubblico-Privato COMUNE DI CALDOGNO (VI) REDAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

egge Circolare contenente indirizzi applicativi sulla leg primo, Disposizioni straordinarie per la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

egge Circolare contenente indirizzi applicativi sulla leg primo, Disposizioni straordinarie per la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. Allegato alla Delib.G.R. n. 9/15 del 2.3.2010 Circolare contenente indirizzi applicativi sulla leg egge ge regionale 23 ottobre 2009, n. 4, Disposizioni straordinarie per il sostegno dell'economia mediante

Dettagli

90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70)

90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 10898/11 Anno 2011 Ordine del giorno n. 38 90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70) Adozione variante urbanistica relativa all'ambito n. 2 - Risistemazione della

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEI CRITERI DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE IN MATERIA DI ABUSI EDILIZI DALLA

Dettagli

Modifiche e integrazioni ai sensi della: L.R. 20 agosto 2007, N. 23 (B.U.R. 22 agosto 2007, 1 suppl. ord. n. 23 al n. 34) 2

Modifiche e integrazioni ai sensi della: L.R. 20 agosto 2007, N. 23 (B.U.R. 22 agosto 2007, 1 suppl. ord. n. 23 al n. 34) 2 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Legge regionale 23 febbraio 2007, n. 5 1 RIFORMA DELL URBANISTICA E DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ EDILIZIA E DEL PAESAGGIO (B.U.R. 28 febbraio 2007, n. 9) TESTO COORDINATO

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

OSSERVAZIONI E CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE E NUOVO REGOLAMENTO URBANISTICO

OSSERVAZIONI E CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE E NUOVO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO provincia di Arezzo OSSERVAZIONI E CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE E NUOVO REGOLAMENTO URBANISTICO Adottati con pubblicazione nel BURT, 24/07/2013

Dettagli