CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica"

Transcript

1 COMUNE DI THIENE UFFICIO URBANISTICA CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica 1

2 Premessa Il presente documento detta i criteri di valutazione e di applicazione della perequazione urbanistica, del credito edilizio e della compensazione. Questi nuovi istituti da impiegare per l attuazione del PAT e nei PI sono stati introdotti dalla legge regionale 11/2004 con gli artt. 35, 36 e 37. Il PAT del Comune di Thiene entrato in vigore il 26 maggio 2011 ha disciplinato ulteriormente tali istituti agli articoli 49, 50 e 51 delle Norme di Attuazione. L applicazione dei principi perequativi, del credito edilizio e della compensazione pongono molteplici criticità, sotto i profili giuridico ed economico; d altra parte essi costituiscono una grande opportunità sia in alternativa a strumenti come l esproprio, sia per la realizzazione di dotazioni territoriali ed opere di pubblico interesse che la carenza di disponibilità finanziarie e di spesa da parte degli Enti locali, rende sempre più difficili. Al fine di procedere nell applicazione dei suddetti principi appare fondamentale determinare prioritariamente: a. per il credito edilizio e la compensazione - le regole applicative - i parametri di trasformazione dei volumi esistenti in ragione delle diverse destinazioni d uso, b. per la perequazione: - le regole applicative - i valori da applicare nella determinazione del vantaggio stimato; - il vantaggio economico generato. Tale predeterminazione è passaggio indispensabile, non solo ai fini dell attivazione delle procedure competitive e comparative finalizzate alla individuazione di soggetti con i quali concludere accordi di pianificazione ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004, ma anche per l attivazione di eventuali operazioni di riqualificazione. Quindi il piano degli interventi preciserà e definirà puntualmente interventi e normative sulla base dei presenti criteri generali e recepirà gli accordi con i privati sottoscritti ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004, in particolare definendo, in relazione alle singole aree, il cosiddetto INDICE EDILIZIO DI ZONA (IEZ) che rappresenta la potenzialità massima di cubatura realizzabile in una singola Zona Territoriale Omogenea ZTO. Il raggiungimento di tale indice, può avvenire, a seconda dei casi che saranno di seguito enucleati e descritti, con il concorso, in quote diverse ed eventualmente combinate tra loro, di crediti edilizi, di volumi attribuiti dal PI previa perequazione, ovvero in relazione all esistenza di precedenti previsioni di piano. La necessità di fissare regole precise è imprescindibile al fine di garantire l applicazione di criteri di valutazione omogenei per tutte le operazioni di trasformazione previste dal PI. Per tutto ciò, al fine di minimizzare distorsioni nell applicazione, si è optato per meccanismi che restino nell ambito della facoltatività dell operatore privato, quanto meno tra le due opzioni : credito o perequazione; il credito infatti può 2

3 essere sfruttato entro un ampio insieme di aree non predeterminate univocamente. Certamente questi meccanismi determinano una nuova concezione della pianificazione urbanistica; il Piano degli Interventi non è predeterminato a priori, approvato una volta per tutte; la pianificazione è costantemente in divenire, testa mano a mano la sua efficacia mediante bandi, stralci di piani degli interventi e pianificazione attuativa per meglio rispondere alle esigenze di flessibilità di un mondo costantemente in trasformazione. Infine va ricordato che la perequazione rappresenta un dispositivo per l acquisizione delle dotazioni territoriali al quale devono essere affiancati altri strumenti attuativi e gestionali in funzione degli strumenti che si intende attuare. Il suo ruolo non può essere quindi sovradimensionato rispetto alle effettive potenzialità stabilite nel PI. Analogamente l operatività del credito edilizio è circoscritta ai progetti caratterizzati da operazioni di riqualificazione ambientale e urbana che comportano demolizione di fabbricati e manufatti. 3

4 CREDITO EDILIZIO e COMPENSAZIONE 1. Definizioni generali Il credito edilizio è una quantità di volumetria o superficie edificabile attribuita dall Amministrazione ad un operatore privato allo scopo di attivare un processo di trasformazione urbanistica. - CREDITO DA TRASFORMAZIONI - La compensazione urbanistica può essere rappresentata con un credito edilizio riconosciuto a titolo compensativo ai proprietari di beni immobili oggetto di vincolo preordinato all esproprio quali aree per servizi e opere pubbliche, qualora tali beni vengano ceduti all Amministrazione. - CREDITO DA COMPENSAZIONI - Il registro dei crediti è un documento nel quale verranno annotati i crediti edilizi che saranno liberamente commerciabili all interno del territorio comunale, con le modalità e i limiti di cui ai successivi criteri e nelle forme previste dalla legge. (vd. Art. 5 comma 3 L. 106/2011 cd. Decreto Sviluppo) Il registro dei crediti edilizi è elemento costitutivo del Piano degli Interventi ai sensi dell art. 17 della Legge Regionale n. 11 del 2004, e quindi è strumento funzionale all attuazione degli interventi in esso previsti. Nel Registro sono annotati i seguenti elementi: a) dati identificativi catastali della particella cui afferiscono i crediti e edilizi attribuiti a seguito di accordo con il Comune di Thiene e della particella di atterraggio dei crediti (dopo la compravendita); b) quantità e destinazione urbanistica dei crediti edilizi riconosciuti in origine dal Comune alla particella catastale; c) quantità e destinazione urbanistica dei crediti edilizi, riconosciuti dal Comune, in seguito a trasformazione e alla compravendita tra privati; d) quantità e destinazione dei crediti edilizi utilizzati dalla proprietà, e quindi posti in detrazione; d) estremi degli atti comunali attinenti al riconoscimento dei Crediti Edilizi ovvero degli atti notarili attinenti all acquisto o alla cessione di Crediti Edilizi; e) volture catastali. Il registro dei crediti sarà consultabile nel sito internet comunale con scopi informativi e pubblicitari nonché a fini impositivi. Il credito edilizio per il quale non siano individuate le aree di atterraggio è valido ed efficace per 20 anni dalla sottoscrizione dell accordo con il Comune di Thiene e la conseguente annotazione nel registro dei crediti edilizi. Entro 20 anni 4

5 dall annotazione del credito nel registro dei crediti edilizi dovranno essere comunicate al Comune da parte del titolare del credito le aree di atterraggio del medesimo e la disponibilità dell eventuale diverso proprietario delle stesse a riceverlo. All annotazione nel registro della individuazione delle aree di atterraggio, previa verifica di conformità alle direttive e prescrizioni del PRG, consegue la assimilazione dello stesso ad ordinaria previsione urbanistica del Piano degli Interventi, con ogni conseguente effetto in ordine al contenuto, all efficacia e alla validità delle relative previsioni edificatorie. La riserva di volume per credito edilizio e perequazione per la sola destinazione residenziale connessa al dimensionamento degli standard, deriva: - dalla volumetria già prevista dal PRG negli strumenti attuativi che decadono o non vengono attuati, nel rispetto delle quantità fissate per ogni ATO; - dalla costituzione di un fondo mediante prelievo, con il Piano degli Interventi, dalla nuova volumetria prevista dal PAT (mc ) in disponibilità all Amministrazione. I processi di trasformazione che utilizzano crediti sono soggetti a Permesso di Costruire convenzionato che attesti la titolarità dell intervento e riporti l ammontare della capacità edificatoria del credito. 5

6 2. Riconoscimento L art. 50 delle Norme di Attuazione del PAT stabilisce che il credito edilizio è riconosciuto in conseguenza: a. della demolizione delle opere incongrue; b. della eliminazione degli elementi di degrado; c. del miglioramento della qualità urbana paesaggistica, architettonica e ambientale; d. compensazione di cui all articolo 37 della L.R. 11/'04. demolizione delle opere incongrue Alcune opere incongrue sono già individuate nella tavola n 4 del PAT e la disciplina di riferimento è quella contenuta all art. 48 delle Norme di Attuazione. L individuazione delle opere incongrue dovrà essere integrata e definita con il Piano degli Interventi in relazione alla loro inadeguatezza rispetto all ambiente e al paesaggio circostante ed alla urgenza per le quali è necessario programmare azioni volte alla loro eliminazione e/o mitigazione. eliminazione degli elementi di degrado; Gli elementi di degrado sono manufatti in palese contrasto con gli elementi qualificanti il territorio, anche se modificato ad usi agricoli. Gli elementi qualificanti sono stati individuati nelle tavole n 1, 2 e 4 del PAT con l indicazione: - delle aree soggette a vincolo paesaggistico; - delle aree di notevole interesse pubblico; delle aree boscate - dei beni culturali, delle ville venete, e dei loro contesti figurativi; - del centro storico; - delle invarianti di natura paesaggistica e agricolo produttiva; - degli ambiti a cui attribuire obiettivi di tutela, riqualificazione e valorizzazione; - dei coni visuali di pregio e di degrado. Piani degli Interventi tematici, in particolare quelli per il centro storico e per il paesaggio e l ambiente, definiranno anche in modo puntuale gli elementi in contrasto con gli elementi qualificanti. miglioramento della qualità urbana paesaggistica, architettonica e ambientale; Sono gli interventi riconducili alla ristrutturazione urbanistica che prevedono la riqualificazione di un area o di edifici dismessi, di tessuti edilizi degradati con il completamento di servizi mancanti, delle opere di urbanizzazione, di interventi di mitigazione ambientale e anche con riprogettazione morfologica, o di implementazione quantitativa e qualitativa degli spazi pubblici, talora anche con riprogettazione morfologica. 6

7 Rientrano in tale fattispecie gli interventi nelle aree elencate nelle Norme di Attuazione del PAT all art. 38 AREE DI RIQUALIFICAZIONE RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE del punto a) IN AMBITO URBANO e tutti i piani di recupero già individuati dal PRG. compensazione di cui all articolo 37 della L.R. 11/'04. La compensazione urbanistica si applica in luogo dell espropriazione al fine dell acquisizione di aree oggetto di vincolo, per finalità e opere pubbliche, permettendo ai proprietari di recuperare adeguata capacità edificatoria nelle forme del credito edilizio. La cessione riguarda perlopiù aree ma potrebbe interessare anche edifici per i quali si prevedono specifici parametri. Non si prevedono opere di sistemazione delle aree o demolizioni a carico dei proprietari; nel caso in cui venissero realizzate si prevede un indice premiante. Al punto 5 successivo sono specificate le modalità applicative. 7

8 3. AMBITI, NEI QUALI UTILIZZARE I CREDITI EDILIZI Il credito è innanzi tutto un potenziale di edificazione da impiegare, in alternativa o in concorso con l applicazione della perequazione urbanistica, nelle aree di trasformazione urbanistica, quali: > le aree trasformabili a seguito di decadenza, ai sensi dell art. 5 commi 6 e 7 delle Norme di Attuazione del PAT, degli strumenti attuativi previsti dal PRG; > le aree trasformabili di cui alla tavola 4, comprese all interno dei limiti fisici della nuova edificazione che saranno soggette a strumento attuativo; > le aree di completamento specificamente individuate dal PI. All interno delle aree trasformabili a seguito di decadenza degli strumenti attuativi previsti dal PRG la volumetria edificabile sarà: 1. per il 30% dell indice edilizio di zona (IEZ) attribuita dal PI; 2. per il 40% derivante da crediti edilizi da acquisire; 3. per la parte rimanente sono previsti seguenti indici premianti per l accoglimento all interno del SUA di volumetrie derivate da crediti edilizi, secondo i seguenti scaglioni: % per l accoglimento di almeno il 25% della suddetta quota del 40%; % per l accoglimento di almeno il 50% della suddetta quota del 40%; % per l accoglimento di almeno il 75% della suddetta quota del 40%; In alternativa la volumetria di cui ai punti 2. e 3. può essere acquisita con le modalità di cui al successivo punto (perequazione). All interno delle aree trasformabili di cui alla tavola 4, comprese all interno dei limiti fisici della nuova edificazione che saranno soggette a strumento attuativo la volumetria edificabile sarà 1. per il 20% dell indice edilizio di zona (IEZ) attribuita dal PI; 2. per il 50% derivante da crediti edilizi da acquisire; 3. per la parte rimanente sono previsti seguenti indici premianti per l accoglimento all interno del SUA di volumetrie derivate da crediti edilizi, secondo i seguenti scaglioni: % per l accoglimento di almeno il 25% della suddetta quota del 50%; % per l accoglimento di almeno il 50% della suddetta quota del 50%; % per l accoglimento di almeno il 75% della suddetta quota del 50%. 8

9 In alternativa la volumetria di cui ai punti 2. e 3. può essere acquista con le modalità di cui al successivo punto (perequazione). All interno delle Aree di riqualificazione e conversione il credito edilizio sarà calcolato usufruendo della conversione del volume o superficie esistente mediante calcolo secondo i principi espressi nel paragrafo 4. Consistenza, di seguito riportato; tali volumi non saranno oggetto di perequazione. All interno delle Aree di completamento è possibile collocare volumetrie di credito edilizio in aggiunta agli indici massimi esistenti fino al raggiungimento dell IEZ. 9

10 4. Consistenza - determinazione del credito edilizio attraverso coefficienti di conversione e premianti. Per la determinazione del credito edilizio sembrerebbe, dalle rare esperienze e normative che si sono potute esaminare, non si possa prescindere dal rapporto/confronto e valutazione del valore monetario di mercato, delle opere da demolire o riqualificare e quello della volumetria assegnata quale credito edilizio commerciabile. Tale procedura appare difficoltosa: - per le diverse caratteristiche delle opere esistenti che influiscono sul loro valore; - per la quantità e qualità delle opere previste in demolizione e riqualificazione; - per la variabilità e l alternanza del mercato immobiliare. Con il presente atto però si è cercato di ovviare, almeno in parte, alla determinazione del credito attraverso la stima dei soli valori monetari, che anche in presenza di formule stabilite, possono risultare aleatori a seconda dei diversi casi e dei tempi di applicazione e risentire di eventuali valutazioni e contrattazioni tra i privati e l Amministrazione. Si vuole in essenza stabilire dei coefficienti che consentano di determinare il credito edilizio in termini di volumetria o di superficie a seconda delle diverse destinazioni d uso, limitando quindi le conseguenze dell instabilità dei valori immobiliari. 4.1 Definizione criteri di conversione Si sono individuati dei criteri di conversione, ritenendo che una volumetria o superficie con una certa destinazione d uso e ora localizzata in una certa zona, se trasferita e impiegata in zona diversa, debba essere trasformata in ragione dei seguenti coefficienti: 1 coefficiente (DESTINAZIONE D USO) a. in parte derivato dal valore di mercato che è diverso per le differenti destinazioni d uso; b. in parte derivato dal cosiddetto carico urbanistico che ha una diversa incidenza a seconda della destinazione d uso; il 1 coefficiente è composto da due fattori ai quali si è ritenuto dare un diverso peso ai fini della definizione del coefficiente: - il fattore a. ha una incidenza del 70%; - il fattore b. ha una incidenza del 30%. 10

11 2 coefficiente (LOCALIZZAZIONE) c. derivato dalla modifica del valore di mercato rispetto alle diverse zone identificabili sul territorio; 4.2 Modalità di definizione dei coefficienti di conversione 1 coefficiente a. valore di mercato / destinazioni d uso Quale riferimento per la determinazione dei valori di mercato sono stati utilizzati i cosiddetti valori OMI dell Osservatorio del Mercato Immobiliare pubblicati dall Agenzia del Territorio. Sono stati utilizzati valori medi riferiti al 2 semestre 2010 (ultimi disponibili) che pur essendo indicazioni di larga massima, dato che solo una stima puntuale può definire il valore di mercato di un immobile, possono ritenersi indicativi e rappresentativi in quanto rapportabili tra loro al fine della determinazione di un coefficiente. I valori sono suddivisi per destinazioni d uso e riferiti alle zone OMI nelle quali gli immobili e i loro valori presentano caratteristiche di omogeneità. Il fattore rappresenta il passaggio dalla destinazione d uso attuale a quella nuova ed è stato calcolato mediante il rapporto tra il valore a metro quadrato della destinazione d uso attuale dell immobile e la destinazione d uso della nuova superficie che costituirà il credito edilizio. Nella sezione degli allegati al presente documento sono inserite una planimetria delle zone OMI e la tabella A per la determinazione dei fattori. Verificato che le zone OMI comprendono vaste porzioni del territorio nelle quali vi sono zone agricole ma anche insediamenti residenziali cospicui come ad esempio le frazioni di Santo e Rozzampia nelle quali i valori immobiliari non sono certo quelli agricoli si stabilisce quanto segue: - i coefficienti da utilizzare per le zone agricole, come identificate dal PRG vigente, comprese nelle zone OMI C1, D1 e D2, saranno quelli della zona OMI D3; - i coefficienti da utilizzare per le zone diverse dalle zone agricole (residenziali etc.) come identificate dal PRG vigente, e comprese nella zona OMI D3, sono quelle indicate nella tabelle della zona D1. b. valore di mercato / zone Il secondo fattore considera il cosiddetto carico urbanistico che si determina dall insediamento di una destinazione d uso piuttosto che di un altra. Il carico urbanistico è in sostanza determinabile con la quantità di servizi e quindi di opere di urbanizzazione primaria e secondaria che una destinazione d uso comporta; ad esempio un insediamento residenziale implica una serie di servizi pubblici e standard (verde, parcheggi, scuole, reti tecnologiche) che ad una zona produttiva non necessitano o sono diversi. 11

12 Quali parametri da utilizzare per la determinazione del coefficiente sono stati ritenuti idonei quelli contenuti nelle tabelle per la determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione e della quota del costruzione allegato A alla legge regionale 27 giugno 1985, n 61. Nelle tabelle è indicato per le diverse destinazioni d uso il costo teorico base delle opere di urbanizzazione e i parametri per la determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione. Il fattore rappresenta il passaggio dalla destinazione d uso attuale a quella nuova per le diverse destinazioni d uso ed è stato calcolato mediante il rapporto tra il parametro di incidenza a metro quadrato della destinazione d uso attuale dell immobile e la destinazione d uso della nuova superficie che costituirà il credito edilizio. I coefficienti sono contenuti nella tabella C nella sezione degli allegati. 2 coefficiente carico urbanistico / zone Sempre utilizzando i valori di mercato OMI si è calcolato il coefficiente che rappresenta il trasferimento di una destinazione d uso da una zona OMI ad un altra, in ragione del fatto che i valori di mercato di una medesima destinazione d uso si modificano a seconda se l immobile è ad esempio in zona residenziale o agricola. I coefficienti sono contenuti nella tabella B nella sezione degli allegati. 4.3 Modalità di definizione degli incentivi premianti Oltre ai coefficienti di conversione vengono stabiliti degli incentivi premianti che andranno sommati al credito calcolato con i coefficienti suddetti. Gli incentivi premianti hanno principalmente lo scopo di favorire l avvio del meccanismo incentivando l interesse degli operatori. Essi sono in pratica rapportati ai benefici pubblici aggiuntivi derivanti dall operazione che possono essere diretti per la pubblica amministrazione e/o indiretti per il territorio. Anche in questo caso si è cercato di individuare un coefficiente che consentisse una equa applicazione indipendentemente dai diversi casi e dai costi delle aree o delle opere messe in atto. Questi incentivi in aumento del credito sono riconosciuti per: - la cessione delle aree oggetto di credito al Comune; - la formazione, previo convenzionamento, di sistemi ecologici ambientali; - la realizzazione di interventi di miglioramento della qualità urbana, paesaggistica ed architettonica; 1. Cessione di aree al Comune di Thiene > 0,04 mq/mq mq di superficie utile edificata per mq di superficie area ceduta - per le aree oggetto di ripristino e riqualificazione che vengano 12

13 cedute al Comune di Thiene per la realizzazione di opere o per l incremento di standard urbanistici già previsti dal PRG. Le aree dovranno essere cedute prive di manufatti sopra e sotto suolo, eventualmente bonificate. 2. Realizzazione sistemi ecologici e ambientali > 0,03 mq/mq mq di superficie utile edificata per mq di superficie area oggetto di sistemi ecologici ambientali - sono da intendersi le opere per migliorare la naturalità la realizzazione di interventi di mitigazione quali le fasce boscate e l eliminazione dei coni visuali di degrado. Le aree dovranno essere realizzate secondo progetti specifici e soggette di convenzionamento per la gestione privata delle medesime. 3. Miglioramento della qualità urbana, paesaggistica ed architettonica In questo caso l incentivo premiante è applicabile esclusivamente per interventi di messa in sicurezza e bonifica dei terreni, ai sensi dell art. 242 comma 2 del D.Lgs 3 aprile 2006 n > 0,01 mq/mq mq di superficie utile edificata per mq di superficie area oggetto di intervento. 13

14 5. AMBITI, NEI QUALI UTILIZZARE LA COMPENSAZIONE URBANISTICA La compensazione urbanistica si applica con modalità diverse nei seguenti casi: a. cessione di area utilizzata a scopi agricoli; b. cessione di area destinata ad edificazione; c. cessione di area con manufatti. CONSISTENZA DELLA COMPENSAZIONE URBANISTICA La determinazione del credito edilizio corrispondente alla compensazione, sarà così effettuato rispetto ai casi suddetti: a. cessione di area utilizzata a scopi agricoli; si applica il coefficiente premiante di 0,04 mq/mq di cui al punto 1. suddetto; b. cessione di area destinata ad edificazione; si applica il coefficiente premiante di.0,04 mq/mq di cui al punto 1. suddetto + la volumetria calcolata determinando il volume edificabile / il valore a mc stabilito al punto Vantaggio economico del capitolo perequazione; c. cessione di area con manufatti. si applica il coefficiente premiante di.0,04 mq/mq di cui al punto 1. suddetto + la volumetria calcolata determinando (il volume edificabile / il valore a mc stabilito al punto Vantaggio economico del capitolo perequazione + costo di costruzione manufatto esistente calcolato applicando valori Camera di Commercio deprezzati per vetustà e altro. 14

15 PEREQUAZIONE 1. Premesse L art. 35 della L.R. 11/2004 definisce gli obiettivi della perequazione urbanistica che persegue l equa distribuzione, tra i proprietari degli immobili interessati dagli interventi, dei diritti edificatori riconosciuti dalla pianificazione urbanistica e degli oneri derivanti dalla realizzazione delle dotazioni territoriali Con la perequazione urbanistica è in primo luogo, possibile per l amministrazione innovare le modalità di acquisizione di aree destinati allo sviluppo delle attrezzature collettive, dei servizi e delle infrastrutture lasciando all esproprio per pubblica utilità un ruolo secondario. La perequazione, inoltre è il riconoscimento di una quantità volumetrica a fronte della realizzazione di opere pubbliche o cessione di aree in favore del comune, calcolata sulla base del vantaggio economico stimato. Il Comune di Thiene aveva già approvato con deliberazione consiliare n 161/2004 Indirizzi e criteri di valutazione per l attuazione del piano regolatore attraverso atti di urbanistica negoziata e concertata che costituiva in mancanza di norme nazionali o regionali un supporto per la definizione di criteri trasparenti e omogenei nelle seguenti ipotesi: 1. di Varianti parziali al P.R.G.; 2. di Strumenti Attuativi comprendenti zone F per servizi ed attrezzature; 3. di Programmi integrati o più in generale di Programmi di Riqualificazione Urbanistica. Tali criteri sono stati applicati più volte per i casi di cui ai punti 1. e 2. 15

16 2. Applicabilità PEREQUAZIONE OBBLIGATORIA La perequazione deve essere applicata obbligatoriamente all interno di ambiti di pianificazione attuativa per la ripartizione dei diritti edificatori tra tutti i proprietari degli immobili interessati dal piano attuativo. (comma 2 art. 49 NTA del PAT) Ad esempio nel caso in cui all interno di uno stesso ambito territoriale siano individuate aree edificabili e aree a standard quali verde e parcheggi pubblici, aree per servizi, tutti i proprietari di aree hanno il medesimo diritto edificatorio anche se la volumetria sarà in fase progettuale concentrata per lasciare spazio alle aree a standard suddette. PEREQUAZIONE PER VOLONTA DEL PROPRIETARIO Il PI prevede inoltre che la perequazione, può essere applicata su richiesta del proprietario e previo accordo nei seguenti casi: 1. aree di riqualificazione e trasformazione della città in ambito urbano art.38 NdA 2. aree gia destinate a strumentazione attuativa dal PRG ma decadute ai sensi art. 5 commi 6 e 7 NdA del PAT, o mai attuate; 3. aree che da agricole divengono urbane perché destinate ad ospitare nuovi insediamenti; 4. altre aree di completamento oggetto di trasformazioni di rilievo. I casi suddetti possono essere classificati in gruppi omogenei in ragione delle similari condizioni di fatto e di diritto: 2.1 CLASSIFICAZIONE: 1. Zone di perequazione urbana di riqualificazione (punto 1 suddetto); 2. Zone di perequazione urbana di completamento (punto 4 suddetto) 3. Zone di perequazione urbana oggetto di piani decaduti, o non attuati (punto 2 suddetto); 4. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti residenziali e commerciali; (punto 3 suddetto); 5. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti produttivi (punto 3 suddetto); 16

17 2.3 MODALITA DI DEFINIZIONE INDICI DI PEREQUAZIONE Il PI con riferimento alle zone classificate attribuirà l indice edilizio di zona (IEZ) tenendo conto delle modalità successivamente specificate nel presente documento. (definizione degli indici edilizi - valutazione urbanistica) Di seguito vengono specificate le quantità volumetriche oggetto di perequazione e la percentuale di perequazione da applicare rispetto al vantaggio economico a seconda della classificazione delle zone: 1. zone di perequazione urbana di riqualificazione: 2. Zone di perequazione urbana di completamento. Possono essere attuate con due diverse modalità / fasi:. PEREQUAZIONE su richiesta del privato operatore in attuazione delle previsioni volumetriche del PI, usufruendo quindi di quota parte o dell intero IEZ, può essere aggiunta quantità volumetrica a quella oggetto di conversione. Tale volumetria sarà oggetto di perequazione del vantaggio economico stimato pari al 50% per la residenza e il produttivo; 65% per la destinazione commerciale e direzionale; 3. Zone di perequazione urbana oggetto di piani decaduti o non attuati; Possono essere attuate con due diverse modalità: 1. PEREQUAZIONE - attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero IEZ nel modo seguente : - quota pari al 30% del volume derivato dall indice territoriale massimo già previsto dal PRG; tali volumi non sono oggetto di perequazione; - il rimanente 70% dell indice territoriale sarà oggetto di perequazione del vantaggio economico stimato pari al 50% per la residenza e il produttivo; 65% per la destinazione commerciale e direzionale In tal caso sarà comunque obbligatorio realizzare almeno il 60% dell indice totale della ZTO; Tale modalità è alternativa alla attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero intero IEZ secondo le modalità previste al paragrafo 3 del precedente capitolo sul Credito edilizio. 17

18 4. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti residenziali e commerciali; 5. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti produttivi; Possono essere attuate con due diverse modalità: 1. PEREQUAZIONE - attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero IEZ nel modo seguente : - in quota pari al 20% dell indice territoriale massimo, attribuita dal PI e non oggetto di perequazione; - il rimanente 80% dell indice territoriale sarà oggetto di perequazione del vantaggio economico stimato pari al: 60% per la residenza e il produttivo; 75% per la destinazione commerciale e direzionale - sarà comunque obbligatorio realizzare almeno il 60% dell indice totale della ZTO; Tale modalità è alternativa alla attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero intero IEZ secondo le modalità previste al paragrafo 3 del precedente capitolo sul Credito edilizio. 2.4 CALCOLO DEL VANTAGGIO ECONOMICO l entità del vantaggio economico al quale applicare gli indici di perequazione sarà così determinato: (Valore area trasformata Valore area agricola) = Vantaggio economico ovvero (mc Volume x valore/mc ICI) (mq area x VAM) = Vantaggio economico dove: mc Volume = volumetria oggetto di perequazione; la volumetria da considerare sarà quella sulla quale applicare la perequazione e non quella totale realizzabile; valore/mc ICI = /mc 111,25 Residenza valore/mc ICI = /mc 57,21 Commerciale Direzionale valore/mc ICI = /mc 25,92 Produttivo si è ritenuto di definire un valore medio a mc utilizzando i valori medi estratti dalla tabella dei valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, approvata con deliberazione di Giunta n 206/2003, valori aggiornati al , con un aumento del +9,47%; tale percentuale è stata determinata utilizzando quale fonte, i dati del consulente immobiliare del Sole 24 Ore. Tali 18

19 mq area valori saranno aggiornati con cadenza biennale mediante deliberazione della Giunta comunale. = Superficie territoriale dell ambito oggetto di trasformazione urbanistica (tutto); VAM valore agricolo medio = /mq 8,25 si è ritenuto di definire un valore medio a mq utilizzando i valori medi riferiti al seminativo estratti dalla tabella dei valori agricoli medi venali determinati dall apposita Commissione provinciale per l anno Tale valore potrà essere aggiornato con cadenza biennale mediante deliberazione della Giunta comunale sulla base dei valori definiti dalla commissione provinciale. 2.5 PERCENTUALE DI PEREQUAZIONE Calcolato il vantaggio economico si deve applicare allo stesso la percentuale di perequazione Vantaggio economico x % di pereq. = Valore della pereq. Il Valore della perequazione può essere soddisfatto dal soggetto privato in favore del Comune di Thiene mediante: 1. cessione di aree inedificate comprese nell ambito del piano urbanistico di entità variabile da un minimo del 50% ad un massimo del 70%; il valore delle aree sarà analogo a quello dell area edificabile. Tale superficie non è comprensiva delle aree di sedime delle opere di urbanizzazione primaria e delle aree per l assolvimento degli standard urbanistici primari, ma potrà soddisfare gli standard secondari individuati dal PI. 2. cessione di lotti edificabili urbanizzati (quindi con volumetria assegnata dal SUA) il valore a mq dell area sarà pari al valore utilizzato per la determinazione del Vantaggio economico; 3. realizzazione di opere pubbliche di ammontare pari al Valore della perequazione. Il valore delle opere sarà quello a base d asta e sarà oggetto di controlli da parte degli uffici tecnici comunali. 2.6 COMPARTI PEREQUATIVI La perequazione può essere attuata su un unico comparto (continuo), ma anche su più aree separate tra loro. 19

20 2.7 DEFINIZIONE DEGLI INDICI EDILIZI Nel Piano degli Interventi la definizione degli indici edilizi dovrà essere effettuata tenendo conto dei seguenti parametri, con riferimento agli effetti generali indotti dall intervento urbanistico: - impatto ambientale; - impatto sociale; - impatto urbanistico; - impatto e/o implicazioni rispetto alla viabilità urbana. - il grado di conformità con la strategia di pianificazione perseguita dal Comune. - La prevenzione ed eliminazione di situazioni di contenzioso. 20

21 ALLEGATI 21

22 ZONE OMI NB. Ai fini dell applicazione dei presenti criteri, la zona C1 comprende la porzione del foglio 6 tra via Vittorio Veneto e la linea ferroviaria e la porzione del foglio 5 tra le vie Vanzetti e S. Gaetano. 22

23 Tabella A 1 COEFFICIENTE 70% VALORI DI MERCATO OMI / DESTINAZIONI D'USO B1 CENTRALE ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI1.500, , , ,00 RESIDENZIALE 1.500,00 1,00 1,05 1,12 0,72 COMMERCIALE 1.575,00 0,95 1,00 1,06 0,68 UFFICI 1.675,00 0,90 0,94 1,00 0,64 PRODUTTIVO 1.075,00 1,40 1,47 1,56 1,00 C1 SEMICENTRALE ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI1.600, , ,00 780,00 RESIDENZIALE 1.600,00 1,00 0,77 0,80 0,49 COMMERCIALE 1.225,00 1,31 1,00 1,04 0,64 UFFICI 1.275,00 1,25 0,96 1,00 0,61 PRODUTTIVO 780,00 2,05 1,57 1,63 1,00 D1 PERIFERICA ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI1.575, ,00 940,00 482,50 RESIDENZIALE 1.575,00 1,00 0,71 0,60 0,31 COMMERCIALE 1.120,00 1,41 1,00 0,84 0,43 UFFICI 940,00 1,68 1,19 1,00 0,51 PRODUTTIVO 482,50 3,26 2,32 1,95 1,00 D2 PERIFERICA ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI 975, ,00 940,00 482,50 RESIDENZIALE 975,00 1,00 1,15 0,96 0,49 COMMERCIALE 1.120,00 0,87 1,00 0,84 0,43 UFFICI 940,00 1,04 1,19 1,00 0,51 PRODUTTIVO 482,50 2,02 2,32 1,95 1,00 D3 PERIF AGRICOLA ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI 975, ,00 0,00 482,50 RESIDENZIALE 975,00 1,00 1,15 0,49 COMMERCIALE 1.120,00 0,87 1,00 0,43 UFFICI 0,00 PRODUTTIVO 482,50 2,02 2,32 0,00 1,00 23

24 Tabella C 1 COEFFICIENTE CARICO URBANISTICO / ZONE 30% PREC RESID A B C D E RESIDENZIALE NUOVA COMM 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 A 1,00 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 B 0,90 1,33 1,67 3,67 0,00 3,67 C 0,90 1,33 1,67 3,67 0,00 3,67 D 1,20 0,00 0,00 0,00 0,00 2,75 E 1,30 0,92 1,15 2,54 0,00 2,54 PREC RESID A B C D E NUOVA PROD 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 A 1,30 0,92 1,15 2,54 0,00 2,54 B 1,10 1,09 1,36 3,00 0,00 3,00 C 1,10 1,09 1,36 3,00 0,00 3,00 D 1,00 1,20 1,25 2,64 0,00 3,30 E 1,00 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 COMMERCIALE PREC COMM - DIREZ A B C D E NUOVA RES 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 A 1,20 0,83 0,75 0,75 1,00 1,08 B 1,50 0,67 0,60 0,60 0,80 0,87 C 3,30 0,30 0,27 0,27 0,36 0,39 D 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 E 3,30 0,30 0,27 0,27 0,36 0,39 PREC COMM - DIREZ A B C D E NUOVA PROD 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 A 1,30 0,77 0,69 0,69 0,92 1,00 B 1,10 0,91 0,82 0,82 1,09 1,18 C 1,10 0,91 0,82 0,82 1,09 1,18 D 1,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 E 1,00 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 PRODUTTIVA PREC PROD A B C D E NUOVA RES 1,30 1,10 1,10 1,00 1,00 A 1,20 1,08 0,92 0,92 0,83 0,83 B 1,50 0,87 0,73 0,73 0,67 0,67 C 3,30 0,39 0,33 0,33 0,30 0,30 D 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 E 3,30 0,39 0,33 0,33 0,30 0,30 PREC PROD A B C D E NUOVA COMM DIREZ 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 A 1,00 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 B 0,90 1,11 1,00 1,00 1,33 1,44 C 0,90 1,11 1,00 1,00 1,33 1,44 D 1,20 0,00 0,00 0,00 1,00 0,00 E 1,30 0,77 0,69 0,69 0,92 1,00 24

25 TABELLA B 2 COEFFICIENTE VALORI DI MERCATO OMI - ZONE OMI RESIDENZIALE PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.500, , ,00 975,00 975,00 B ,00 1,00 1,07 1,05 0,65 0,65 C ,00 0,94 1,00 0,98 0,61 0,61 D ,00 0,95 1,02 1,00 0,62 0,62 D2 975,00 1,54 1,64 1,62 1,00 1,00 D3 975,00 1,54 1,64 1,62 1,00 1,00 COMMERCIALE PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.575, , , , ,00 B ,00 1,00 0,78 0,71 0,71 0,71 C ,00 1,29 1,00 0,91 0,91 0,91 D ,00 1,41 1,09 1,00 1,00 1,00 D ,00 1,41 1,09 1,00 1,00 1,00 D ,00 1,41 1,09 1,00 1,00 1,00 UFFICI PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.675, ,00 940,00 940,00 0,00 B ,00 1,00 0,76 0,56 0,56 C ,00 1,31 1,00 0,74 0,74 D1 940,00 1,78 1,36 1,00 1,00 D2 940,00 1,78 1,36 1,00 1,00 D3 0,00 PRODUTTIVO PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.075,00 780,00 482,50 482,50 482,50 B ,00 1,00 0,73 0,45 0,45 0,45 C1 780,00 1,38 1,00 0,62 0,62 0,62 D1 482,50 2,23 1,62 1,00 1,00 1,00 D2 482,50 2,23 1,62 1,00 1,00 1,00 D3 482,50 2,23 1,62 1,00 1,00 1,00 25

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI Campagna Lupia, 23 maggio 2013 DAL PIANO STRATEGICO (PAT) AL PIANO OPERATIVO (PI) perequazione, compensazione, crediti edilizi OBIETTIVO: Costruire la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO DEI CREDITI EDILIZI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA Piano degli Interventi Art. 18 della Legge Regionale 11/2004 Norme per il governo del territorio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CREDITI EDILIZI E REGISTRO

Dettagli

Regole che cambiano: accordi con i privati, perequazione, diritti edificatori

Regole che cambiano: accordi con i privati, perequazione, diritti edificatori Università IUAV di Venezia Regole che cambiano: accordi con i privati, perequazione, diritti edificatori Ezio Micelli Gli accordi con i privati Gli accordi con i privati nella Lr 11/04 Gli accordi con

Dettagli

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione WORKSHOP MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PIANO: Tecniche attuative del Piano La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione Sala Conferenze Belvedere di San Leucio (CE) 19 febbraio 2015 Il principio

Dettagli

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE EDILIZIA E PIANIFICAZIONE U.O. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE EDILIZIA E PIANIFICAZIONE U.O. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE EDILIZIA E PIANIFICAZIONE U.O. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROGETTO INTERSETTORIALE I.C.I. ATTRIBUZIONE DEL VALORE VENALE ALLE AREE EDIFICABILI DI REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

Comune di Quinto vic.no. Piano degli Interventi PIANO DEGLI INTERVENTI. Atto di Indirizzo Criteri perequativi da applicarsi nel PI P.R.G. P.I. P.A.T.

Comune di Quinto vic.no. Piano degli Interventi PIANO DEGLI INTERVENTI. Atto di Indirizzo Criteri perequativi da applicarsi nel PI P.R.G. P.I. P.A.T. Comune di Quinto vic.no Piano degli Interventi PIANO DEGLI INTERVENTI P.R.G. P.A.T. P.I. Atto di Indirizzo Criteri perequativi da applicarsi nel PI febbraio 2013 CRITERI PEREQUATIVI DA APPLICARSI NEL PIANO

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto Perequazione, crediti edilizi e premialità

Dettagli

arch. Romolo Balasso www.tecnojus.it Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI)

arch. Romolo Balasso www.tecnojus.it Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI) Il Il piano di di assetto del territorio in in relazione ai ai nuovi strumenti urbanistici. Un occasione per ripensare il il modello veneto 1 Castelfranco Veneto 24-10-2007 2007 Perequazione e crediti

Dettagli

integrazione delle politiche urbane con le politiche di welfare; la programmazione come base irrinunciabile della pianificazione;

integrazione delle politiche urbane con le politiche di welfare; la programmazione come base irrinunciabile della pianificazione; ALLEGATO G Indirizzi per l applicazione del titolo V della l.r. 38/07 e s.m.i.. 1. Premesse: principi informatori. La legge regionale 38/07 e s.m.i. è ispirata ad alcuni principi generali che rinnovano

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70)

90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 10898/11 Anno 2011 Ordine del giorno n. 38 90ª Proposta (Dec. G.C. del 19 luglio 2011 n. 70) Adozione variante urbanistica relativa all'ambito n. 2 - Risistemazione della

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP)

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) Incontro Ordini professionali Regione Umbria Legge regionale 21 gennaio 2015, n.1 Testo unico governo del territorio e materie correlate Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) DIREZIONE PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Bando di raccolta delle proposte di Accordi Pubblico-Privato COMUNE DI CALDOGNO (VI) REDAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Comune di Villa Guardia Provincia di Como

Comune di Villa Guardia Provincia di Como Agg.07/04/14- O:\UFFICI\UTC\MARZIA\STRUMENTI URBANISTICI\PGT\REGOLAMENTO NEGOZIAZIONE\REGOLAMENTO NEGOZIAZIONE-APPROVATO.DOC Comune di Villa Guardia Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

CRITERI PEREQUATIVI da APPLICARSI per il PIANO degli INTERVENTI

CRITERI PEREQUATIVI da APPLICARSI per il PIANO degli INTERVENTI PREMESSA La perequazione urbanistica contemplata nella legislazione regionale (art. 35 L.R. 11/2004) rappresenta il mezzo più efficace per l acquisizione delle aree pubbliche (aree a servizi infrastrutture)

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

La valutazione nella pianificazione

La valutazione nella pianificazione Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La valutazione nella pianificazione Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro

Dettagli

Indirizzi e Criteri Generali

Indirizzi e Criteri Generali Comune di ROVERÈ VERONESE Accordi Pubblico Privato - Applicazione art. 6 L. R. n. 11/2004 Indirizzi e Criteri Generali Premessa L'Amministrazione Comunale di Roverè Veronese ai sensi degli artt. 35, 36

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Norme Tecniche Operative IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria Teresa Consoli IL PROGETTISTA ing. Mario

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA,

PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA, PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA, CONTENUTO DELLA PROPRIETÀ FONDIARIA E DI DETERMINAZIONE DELL INDENNITÀ DI ESPROPRIO PREMESSA Un recente forum internazionale promosso dall UNECE

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Il contributo della perequazione e della compensazione urbanistica alle politiche abitative

Il contributo della perequazione e della compensazione urbanistica alle politiche abitative Il contributo della perequazione e della compensazione urbanistica alle politiche abitative L'urbanistica negoziale e lo strumento perequativo a supporto delle politiche abitative Vittorio E. Bianchi Dirigente

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DELLE AREE EDIFICABILI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DELLE AREE EDIFICABILI ALLEGATO- A" CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DELLE AREE EDIFICABILI Art. 1 Finalità 1. Il regolamento determina le modalità di applicazione dell'imposta Comunale sugli Immobili alle aree

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1 COMUNE DI FORLIMPOPOLI R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ai sensi degli artt. 29 e 33 della L.R.20/2000 VARIANTE N.1 GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALE PSC (art. 28 Lr 20/2000) contiene

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO Provincia di Milano DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Originale Numero 50 del 30-06-2015 Oggetto: VALORE DELLE AREE AI FINI IMU ANNO 2015 L'anno duemilaquindici il giorno

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Provincia di Reggio Emilia

Provincia di Reggio Emilia COMUNE di CASTELNOVO di SOTTO Provincia di Reggio Emilia VALOR I MED I DI MERCATO DELLE AREE FABBRICABIL I - INTRODUZIONE - QUADRO D UNIONE - DESCRIZIONE ZONE OMOGENEE - TABELLE VALORI DI MERCATO anno

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011

BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011 COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011 PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER L AUTOMOBILE CON AUTOHOTEL PER

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI VALORI VENALI MINIMI DELLE AREE FABBRICABILI NONCHÉ STIMA DEI VALORI PER LE AREE DA CEDERE E/O MONETIZZARE PER STANDARD

DETERMINAZIONE DEI VALORI VENALI MINIMI DELLE AREE FABBRICABILI NONCHÉ STIMA DEI VALORI PER LE AREE DA CEDERE E/O MONETIZZARE PER STANDARD Comune di Montorfano (CO) RELAZIONE PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI VENALI MINIMI DELLE AREE FABBRICABILI NONCHÉ STIMA DEI VALORI PER LE AREE DA CEDERE E/O MONETIZZARE PER STANDARD A DECORRERE DALL ANNO

Dettagli

PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE E INCENTIVAZIONE URBANISTICA. SCHEMI TEORICI E MODELLI OPERATIVI

PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE E INCENTIVAZIONE URBANISTICA. SCHEMI TEORICI E MODELLI OPERATIVI PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE ED INCENTIVAZIONE URBANISTICA: NUOVE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE E INCENTIVAZIONE URBANISTICA. SCHEMI TEORICI E MODELLI

Dettagli

Città di Campodarsego Provincia di Padova

Città di Campodarsego Provincia di Padova Città di Campodarsego Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 87 O G G E T T O DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO AL 1 GENNAIO DELL ANNO DI IMPOSIZIONE DELLE

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con modificazioni,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012 ASSESSORATO PIANIFICAZIONE, TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E PROTEZIONE CIVILE Dott. Gianfranco Giuliante DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA,POLITICHE LEGISLATIVE E COMUNITARIE, PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

PRC - Piano Regolatore Comunale

PRC - Piano Regolatore Comunale COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso Regione del Veneto PRC - Piano Regolatore Comunale Articolo 12 Legge Regionale 23 aprile 2004, n. 11 PI - Piano degli Interventi - Variante 3 Articoli 17 e

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 fra il COMUNE DI SPINEA, cf. 82005610272, rappresentato in questo atto dall arch. Fiorenza Dal Zotto nata

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli