CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica"

Transcript

1 COMUNE DI THIENE UFFICIO URBANISTICA CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica 1

2 Premessa Il presente documento detta i criteri di valutazione e di applicazione della perequazione urbanistica, del credito edilizio e della compensazione. Questi nuovi istituti da impiegare per l attuazione del PAT e nei PI sono stati introdotti dalla legge regionale 11/2004 con gli artt. 35, 36 e 37. Il PAT del Comune di Thiene entrato in vigore il 26 maggio 2011 ha disciplinato ulteriormente tali istituti agli articoli 49, 50 e 51 delle Norme di Attuazione. L applicazione dei principi perequativi, del credito edilizio e della compensazione pongono molteplici criticità, sotto i profili giuridico ed economico; d altra parte essi costituiscono una grande opportunità sia in alternativa a strumenti come l esproprio, sia per la realizzazione di dotazioni territoriali ed opere di pubblico interesse che la carenza di disponibilità finanziarie e di spesa da parte degli Enti locali, rende sempre più difficili. Al fine di procedere nell applicazione dei suddetti principi appare fondamentale determinare prioritariamente: a. per il credito edilizio e la compensazione - le regole applicative - i parametri di trasformazione dei volumi esistenti in ragione delle diverse destinazioni d uso, b. per la perequazione: - le regole applicative - i valori da applicare nella determinazione del vantaggio stimato; - il vantaggio economico generato. Tale predeterminazione è passaggio indispensabile, non solo ai fini dell attivazione delle procedure competitive e comparative finalizzate alla individuazione di soggetti con i quali concludere accordi di pianificazione ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004, ma anche per l attivazione di eventuali operazioni di riqualificazione. Quindi il piano degli interventi preciserà e definirà puntualmente interventi e normative sulla base dei presenti criteri generali e recepirà gli accordi con i privati sottoscritti ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004, in particolare definendo, in relazione alle singole aree, il cosiddetto INDICE EDILIZIO DI ZONA (IEZ) che rappresenta la potenzialità massima di cubatura realizzabile in una singola Zona Territoriale Omogenea ZTO. Il raggiungimento di tale indice, può avvenire, a seconda dei casi che saranno di seguito enucleati e descritti, con il concorso, in quote diverse ed eventualmente combinate tra loro, di crediti edilizi, di volumi attribuiti dal PI previa perequazione, ovvero in relazione all esistenza di precedenti previsioni di piano. La necessità di fissare regole precise è imprescindibile al fine di garantire l applicazione di criteri di valutazione omogenei per tutte le operazioni di trasformazione previste dal PI. Per tutto ciò, al fine di minimizzare distorsioni nell applicazione, si è optato per meccanismi che restino nell ambito della facoltatività dell operatore privato, quanto meno tra le due opzioni : credito o perequazione; il credito infatti può 2

3 essere sfruttato entro un ampio insieme di aree non predeterminate univocamente. Certamente questi meccanismi determinano una nuova concezione della pianificazione urbanistica; il Piano degli Interventi non è predeterminato a priori, approvato una volta per tutte; la pianificazione è costantemente in divenire, testa mano a mano la sua efficacia mediante bandi, stralci di piani degli interventi e pianificazione attuativa per meglio rispondere alle esigenze di flessibilità di un mondo costantemente in trasformazione. Infine va ricordato che la perequazione rappresenta un dispositivo per l acquisizione delle dotazioni territoriali al quale devono essere affiancati altri strumenti attuativi e gestionali in funzione degli strumenti che si intende attuare. Il suo ruolo non può essere quindi sovradimensionato rispetto alle effettive potenzialità stabilite nel PI. Analogamente l operatività del credito edilizio è circoscritta ai progetti caratterizzati da operazioni di riqualificazione ambientale e urbana che comportano demolizione di fabbricati e manufatti. 3

4 CREDITO EDILIZIO e COMPENSAZIONE 1. Definizioni generali Il credito edilizio è una quantità di volumetria o superficie edificabile attribuita dall Amministrazione ad un operatore privato allo scopo di attivare un processo di trasformazione urbanistica. - CREDITO DA TRASFORMAZIONI - La compensazione urbanistica può essere rappresentata con un credito edilizio riconosciuto a titolo compensativo ai proprietari di beni immobili oggetto di vincolo preordinato all esproprio quali aree per servizi e opere pubbliche, qualora tali beni vengano ceduti all Amministrazione. - CREDITO DA COMPENSAZIONI - Il registro dei crediti è un documento nel quale verranno annotati i crediti edilizi che saranno liberamente commerciabili all interno del territorio comunale, con le modalità e i limiti di cui ai successivi criteri e nelle forme previste dalla legge. (vd. Art. 5 comma 3 L. 106/2011 cd. Decreto Sviluppo) Il registro dei crediti edilizi è elemento costitutivo del Piano degli Interventi ai sensi dell art. 17 della Legge Regionale n. 11 del 2004, e quindi è strumento funzionale all attuazione degli interventi in esso previsti. Nel Registro sono annotati i seguenti elementi: a) dati identificativi catastali della particella cui afferiscono i crediti e edilizi attribuiti a seguito di accordo con il Comune di Thiene e della particella di atterraggio dei crediti (dopo la compravendita); b) quantità e destinazione urbanistica dei crediti edilizi riconosciuti in origine dal Comune alla particella catastale; c) quantità e destinazione urbanistica dei crediti edilizi, riconosciuti dal Comune, in seguito a trasformazione e alla compravendita tra privati; d) quantità e destinazione dei crediti edilizi utilizzati dalla proprietà, e quindi posti in detrazione; d) estremi degli atti comunali attinenti al riconoscimento dei Crediti Edilizi ovvero degli atti notarili attinenti all acquisto o alla cessione di Crediti Edilizi; e) volture catastali. Il registro dei crediti sarà consultabile nel sito internet comunale con scopi informativi e pubblicitari nonché a fini impositivi. Il credito edilizio per il quale non siano individuate le aree di atterraggio è valido ed efficace per 20 anni dalla sottoscrizione dell accordo con il Comune di Thiene e la conseguente annotazione nel registro dei crediti edilizi. Entro 20 anni 4

5 dall annotazione del credito nel registro dei crediti edilizi dovranno essere comunicate al Comune da parte del titolare del credito le aree di atterraggio del medesimo e la disponibilità dell eventuale diverso proprietario delle stesse a riceverlo. All annotazione nel registro della individuazione delle aree di atterraggio, previa verifica di conformità alle direttive e prescrizioni del PRG, consegue la assimilazione dello stesso ad ordinaria previsione urbanistica del Piano degli Interventi, con ogni conseguente effetto in ordine al contenuto, all efficacia e alla validità delle relative previsioni edificatorie. La riserva di volume per credito edilizio e perequazione per la sola destinazione residenziale connessa al dimensionamento degli standard, deriva: - dalla volumetria già prevista dal PRG negli strumenti attuativi che decadono o non vengono attuati, nel rispetto delle quantità fissate per ogni ATO; - dalla costituzione di un fondo mediante prelievo, con il Piano degli Interventi, dalla nuova volumetria prevista dal PAT (mc ) in disponibilità all Amministrazione. I processi di trasformazione che utilizzano crediti sono soggetti a Permesso di Costruire convenzionato che attesti la titolarità dell intervento e riporti l ammontare della capacità edificatoria del credito. 5

6 2. Riconoscimento L art. 50 delle Norme di Attuazione del PAT stabilisce che il credito edilizio è riconosciuto in conseguenza: a. della demolizione delle opere incongrue; b. della eliminazione degli elementi di degrado; c. del miglioramento della qualità urbana paesaggistica, architettonica e ambientale; d. compensazione di cui all articolo 37 della L.R. 11/'04. demolizione delle opere incongrue Alcune opere incongrue sono già individuate nella tavola n 4 del PAT e la disciplina di riferimento è quella contenuta all art. 48 delle Norme di Attuazione. L individuazione delle opere incongrue dovrà essere integrata e definita con il Piano degli Interventi in relazione alla loro inadeguatezza rispetto all ambiente e al paesaggio circostante ed alla urgenza per le quali è necessario programmare azioni volte alla loro eliminazione e/o mitigazione. eliminazione degli elementi di degrado; Gli elementi di degrado sono manufatti in palese contrasto con gli elementi qualificanti il territorio, anche se modificato ad usi agricoli. Gli elementi qualificanti sono stati individuati nelle tavole n 1, 2 e 4 del PAT con l indicazione: - delle aree soggette a vincolo paesaggistico; - delle aree di notevole interesse pubblico; delle aree boscate - dei beni culturali, delle ville venete, e dei loro contesti figurativi; - del centro storico; - delle invarianti di natura paesaggistica e agricolo produttiva; - degli ambiti a cui attribuire obiettivi di tutela, riqualificazione e valorizzazione; - dei coni visuali di pregio e di degrado. Piani degli Interventi tematici, in particolare quelli per il centro storico e per il paesaggio e l ambiente, definiranno anche in modo puntuale gli elementi in contrasto con gli elementi qualificanti. miglioramento della qualità urbana paesaggistica, architettonica e ambientale; Sono gli interventi riconducili alla ristrutturazione urbanistica che prevedono la riqualificazione di un area o di edifici dismessi, di tessuti edilizi degradati con il completamento di servizi mancanti, delle opere di urbanizzazione, di interventi di mitigazione ambientale e anche con riprogettazione morfologica, o di implementazione quantitativa e qualitativa degli spazi pubblici, talora anche con riprogettazione morfologica. 6

7 Rientrano in tale fattispecie gli interventi nelle aree elencate nelle Norme di Attuazione del PAT all art. 38 AREE DI RIQUALIFICAZIONE RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE del punto a) IN AMBITO URBANO e tutti i piani di recupero già individuati dal PRG. compensazione di cui all articolo 37 della L.R. 11/'04. La compensazione urbanistica si applica in luogo dell espropriazione al fine dell acquisizione di aree oggetto di vincolo, per finalità e opere pubbliche, permettendo ai proprietari di recuperare adeguata capacità edificatoria nelle forme del credito edilizio. La cessione riguarda perlopiù aree ma potrebbe interessare anche edifici per i quali si prevedono specifici parametri. Non si prevedono opere di sistemazione delle aree o demolizioni a carico dei proprietari; nel caso in cui venissero realizzate si prevede un indice premiante. Al punto 5 successivo sono specificate le modalità applicative. 7

8 3. AMBITI, NEI QUALI UTILIZZARE I CREDITI EDILIZI Il credito è innanzi tutto un potenziale di edificazione da impiegare, in alternativa o in concorso con l applicazione della perequazione urbanistica, nelle aree di trasformazione urbanistica, quali: > le aree trasformabili a seguito di decadenza, ai sensi dell art. 5 commi 6 e 7 delle Norme di Attuazione del PAT, degli strumenti attuativi previsti dal PRG; > le aree trasformabili di cui alla tavola 4, comprese all interno dei limiti fisici della nuova edificazione che saranno soggette a strumento attuativo; > le aree di completamento specificamente individuate dal PI. All interno delle aree trasformabili a seguito di decadenza degli strumenti attuativi previsti dal PRG la volumetria edificabile sarà: 1. per il 30% dell indice edilizio di zona (IEZ) attribuita dal PI; 2. per il 40% derivante da crediti edilizi da acquisire; 3. per la parte rimanente sono previsti seguenti indici premianti per l accoglimento all interno del SUA di volumetrie derivate da crediti edilizi, secondo i seguenti scaglioni: % per l accoglimento di almeno il 25% della suddetta quota del 40%; % per l accoglimento di almeno il 50% della suddetta quota del 40%; % per l accoglimento di almeno il 75% della suddetta quota del 40%; In alternativa la volumetria di cui ai punti 2. e 3. può essere acquisita con le modalità di cui al successivo punto (perequazione). All interno delle aree trasformabili di cui alla tavola 4, comprese all interno dei limiti fisici della nuova edificazione che saranno soggette a strumento attuativo la volumetria edificabile sarà 1. per il 20% dell indice edilizio di zona (IEZ) attribuita dal PI; 2. per il 50% derivante da crediti edilizi da acquisire; 3. per la parte rimanente sono previsti seguenti indici premianti per l accoglimento all interno del SUA di volumetrie derivate da crediti edilizi, secondo i seguenti scaglioni: % per l accoglimento di almeno il 25% della suddetta quota del 50%; % per l accoglimento di almeno il 50% della suddetta quota del 50%; % per l accoglimento di almeno il 75% della suddetta quota del 50%. 8

9 In alternativa la volumetria di cui ai punti 2. e 3. può essere acquista con le modalità di cui al successivo punto (perequazione). All interno delle Aree di riqualificazione e conversione il credito edilizio sarà calcolato usufruendo della conversione del volume o superficie esistente mediante calcolo secondo i principi espressi nel paragrafo 4. Consistenza, di seguito riportato; tali volumi non saranno oggetto di perequazione. All interno delle Aree di completamento è possibile collocare volumetrie di credito edilizio in aggiunta agli indici massimi esistenti fino al raggiungimento dell IEZ. 9

10 4. Consistenza - determinazione del credito edilizio attraverso coefficienti di conversione e premianti. Per la determinazione del credito edilizio sembrerebbe, dalle rare esperienze e normative che si sono potute esaminare, non si possa prescindere dal rapporto/confronto e valutazione del valore monetario di mercato, delle opere da demolire o riqualificare e quello della volumetria assegnata quale credito edilizio commerciabile. Tale procedura appare difficoltosa: - per le diverse caratteristiche delle opere esistenti che influiscono sul loro valore; - per la quantità e qualità delle opere previste in demolizione e riqualificazione; - per la variabilità e l alternanza del mercato immobiliare. Con il presente atto però si è cercato di ovviare, almeno in parte, alla determinazione del credito attraverso la stima dei soli valori monetari, che anche in presenza di formule stabilite, possono risultare aleatori a seconda dei diversi casi e dei tempi di applicazione e risentire di eventuali valutazioni e contrattazioni tra i privati e l Amministrazione. Si vuole in essenza stabilire dei coefficienti che consentano di determinare il credito edilizio in termini di volumetria o di superficie a seconda delle diverse destinazioni d uso, limitando quindi le conseguenze dell instabilità dei valori immobiliari. 4.1 Definizione criteri di conversione Si sono individuati dei criteri di conversione, ritenendo che una volumetria o superficie con una certa destinazione d uso e ora localizzata in una certa zona, se trasferita e impiegata in zona diversa, debba essere trasformata in ragione dei seguenti coefficienti: 1 coefficiente (DESTINAZIONE D USO) a. in parte derivato dal valore di mercato che è diverso per le differenti destinazioni d uso; b. in parte derivato dal cosiddetto carico urbanistico che ha una diversa incidenza a seconda della destinazione d uso; il 1 coefficiente è composto da due fattori ai quali si è ritenuto dare un diverso peso ai fini della definizione del coefficiente: - il fattore a. ha una incidenza del 70%; - il fattore b. ha una incidenza del 30%. 10

11 2 coefficiente (LOCALIZZAZIONE) c. derivato dalla modifica del valore di mercato rispetto alle diverse zone identificabili sul territorio; 4.2 Modalità di definizione dei coefficienti di conversione 1 coefficiente a. valore di mercato / destinazioni d uso Quale riferimento per la determinazione dei valori di mercato sono stati utilizzati i cosiddetti valori OMI dell Osservatorio del Mercato Immobiliare pubblicati dall Agenzia del Territorio. Sono stati utilizzati valori medi riferiti al 2 semestre 2010 (ultimi disponibili) che pur essendo indicazioni di larga massima, dato che solo una stima puntuale può definire il valore di mercato di un immobile, possono ritenersi indicativi e rappresentativi in quanto rapportabili tra loro al fine della determinazione di un coefficiente. I valori sono suddivisi per destinazioni d uso e riferiti alle zone OMI nelle quali gli immobili e i loro valori presentano caratteristiche di omogeneità. Il fattore rappresenta il passaggio dalla destinazione d uso attuale a quella nuova ed è stato calcolato mediante il rapporto tra il valore a metro quadrato della destinazione d uso attuale dell immobile e la destinazione d uso della nuova superficie che costituirà il credito edilizio. Nella sezione degli allegati al presente documento sono inserite una planimetria delle zone OMI e la tabella A per la determinazione dei fattori. Verificato che le zone OMI comprendono vaste porzioni del territorio nelle quali vi sono zone agricole ma anche insediamenti residenziali cospicui come ad esempio le frazioni di Santo e Rozzampia nelle quali i valori immobiliari non sono certo quelli agricoli si stabilisce quanto segue: - i coefficienti da utilizzare per le zone agricole, come identificate dal PRG vigente, comprese nelle zone OMI C1, D1 e D2, saranno quelli della zona OMI D3; - i coefficienti da utilizzare per le zone diverse dalle zone agricole (residenziali etc.) come identificate dal PRG vigente, e comprese nella zona OMI D3, sono quelle indicate nella tabelle della zona D1. b. valore di mercato / zone Il secondo fattore considera il cosiddetto carico urbanistico che si determina dall insediamento di una destinazione d uso piuttosto che di un altra. Il carico urbanistico è in sostanza determinabile con la quantità di servizi e quindi di opere di urbanizzazione primaria e secondaria che una destinazione d uso comporta; ad esempio un insediamento residenziale implica una serie di servizi pubblici e standard (verde, parcheggi, scuole, reti tecnologiche) che ad una zona produttiva non necessitano o sono diversi. 11

12 Quali parametri da utilizzare per la determinazione del coefficiente sono stati ritenuti idonei quelli contenuti nelle tabelle per la determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione e della quota del costruzione allegato A alla legge regionale 27 giugno 1985, n 61. Nelle tabelle è indicato per le diverse destinazioni d uso il costo teorico base delle opere di urbanizzazione e i parametri per la determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione. Il fattore rappresenta il passaggio dalla destinazione d uso attuale a quella nuova per le diverse destinazioni d uso ed è stato calcolato mediante il rapporto tra il parametro di incidenza a metro quadrato della destinazione d uso attuale dell immobile e la destinazione d uso della nuova superficie che costituirà il credito edilizio. I coefficienti sono contenuti nella tabella C nella sezione degli allegati. 2 coefficiente carico urbanistico / zone Sempre utilizzando i valori di mercato OMI si è calcolato il coefficiente che rappresenta il trasferimento di una destinazione d uso da una zona OMI ad un altra, in ragione del fatto che i valori di mercato di una medesima destinazione d uso si modificano a seconda se l immobile è ad esempio in zona residenziale o agricola. I coefficienti sono contenuti nella tabella B nella sezione degli allegati. 4.3 Modalità di definizione degli incentivi premianti Oltre ai coefficienti di conversione vengono stabiliti degli incentivi premianti che andranno sommati al credito calcolato con i coefficienti suddetti. Gli incentivi premianti hanno principalmente lo scopo di favorire l avvio del meccanismo incentivando l interesse degli operatori. Essi sono in pratica rapportati ai benefici pubblici aggiuntivi derivanti dall operazione che possono essere diretti per la pubblica amministrazione e/o indiretti per il territorio. Anche in questo caso si è cercato di individuare un coefficiente che consentisse una equa applicazione indipendentemente dai diversi casi e dai costi delle aree o delle opere messe in atto. Questi incentivi in aumento del credito sono riconosciuti per: - la cessione delle aree oggetto di credito al Comune; - la formazione, previo convenzionamento, di sistemi ecologici ambientali; - la realizzazione di interventi di miglioramento della qualità urbana, paesaggistica ed architettonica; 1. Cessione di aree al Comune di Thiene > 0,04 mq/mq mq di superficie utile edificata per mq di superficie area ceduta - per le aree oggetto di ripristino e riqualificazione che vengano 12

13 cedute al Comune di Thiene per la realizzazione di opere o per l incremento di standard urbanistici già previsti dal PRG. Le aree dovranno essere cedute prive di manufatti sopra e sotto suolo, eventualmente bonificate. 2. Realizzazione sistemi ecologici e ambientali > 0,03 mq/mq mq di superficie utile edificata per mq di superficie area oggetto di sistemi ecologici ambientali - sono da intendersi le opere per migliorare la naturalità la realizzazione di interventi di mitigazione quali le fasce boscate e l eliminazione dei coni visuali di degrado. Le aree dovranno essere realizzate secondo progetti specifici e soggette di convenzionamento per la gestione privata delle medesime. 3. Miglioramento della qualità urbana, paesaggistica ed architettonica In questo caso l incentivo premiante è applicabile esclusivamente per interventi di messa in sicurezza e bonifica dei terreni, ai sensi dell art. 242 comma 2 del D.Lgs 3 aprile 2006 n > 0,01 mq/mq mq di superficie utile edificata per mq di superficie area oggetto di intervento. 13

14 5. AMBITI, NEI QUALI UTILIZZARE LA COMPENSAZIONE URBANISTICA La compensazione urbanistica si applica con modalità diverse nei seguenti casi: a. cessione di area utilizzata a scopi agricoli; b. cessione di area destinata ad edificazione; c. cessione di area con manufatti. CONSISTENZA DELLA COMPENSAZIONE URBANISTICA La determinazione del credito edilizio corrispondente alla compensazione, sarà così effettuato rispetto ai casi suddetti: a. cessione di area utilizzata a scopi agricoli; si applica il coefficiente premiante di 0,04 mq/mq di cui al punto 1. suddetto; b. cessione di area destinata ad edificazione; si applica il coefficiente premiante di.0,04 mq/mq di cui al punto 1. suddetto + la volumetria calcolata determinando il volume edificabile / il valore a mc stabilito al punto Vantaggio economico del capitolo perequazione; c. cessione di area con manufatti. si applica il coefficiente premiante di.0,04 mq/mq di cui al punto 1. suddetto + la volumetria calcolata determinando (il volume edificabile / il valore a mc stabilito al punto Vantaggio economico del capitolo perequazione + costo di costruzione manufatto esistente calcolato applicando valori Camera di Commercio deprezzati per vetustà e altro. 14

15 PEREQUAZIONE 1. Premesse L art. 35 della L.R. 11/2004 definisce gli obiettivi della perequazione urbanistica che persegue l equa distribuzione, tra i proprietari degli immobili interessati dagli interventi, dei diritti edificatori riconosciuti dalla pianificazione urbanistica e degli oneri derivanti dalla realizzazione delle dotazioni territoriali Con la perequazione urbanistica è in primo luogo, possibile per l amministrazione innovare le modalità di acquisizione di aree destinati allo sviluppo delle attrezzature collettive, dei servizi e delle infrastrutture lasciando all esproprio per pubblica utilità un ruolo secondario. La perequazione, inoltre è il riconoscimento di una quantità volumetrica a fronte della realizzazione di opere pubbliche o cessione di aree in favore del comune, calcolata sulla base del vantaggio economico stimato. Il Comune di Thiene aveva già approvato con deliberazione consiliare n 161/2004 Indirizzi e criteri di valutazione per l attuazione del piano regolatore attraverso atti di urbanistica negoziata e concertata che costituiva in mancanza di norme nazionali o regionali un supporto per la definizione di criteri trasparenti e omogenei nelle seguenti ipotesi: 1. di Varianti parziali al P.R.G.; 2. di Strumenti Attuativi comprendenti zone F per servizi ed attrezzature; 3. di Programmi integrati o più in generale di Programmi di Riqualificazione Urbanistica. Tali criteri sono stati applicati più volte per i casi di cui ai punti 1. e 2. 15

16 2. Applicabilità PEREQUAZIONE OBBLIGATORIA La perequazione deve essere applicata obbligatoriamente all interno di ambiti di pianificazione attuativa per la ripartizione dei diritti edificatori tra tutti i proprietari degli immobili interessati dal piano attuativo. (comma 2 art. 49 NTA del PAT) Ad esempio nel caso in cui all interno di uno stesso ambito territoriale siano individuate aree edificabili e aree a standard quali verde e parcheggi pubblici, aree per servizi, tutti i proprietari di aree hanno il medesimo diritto edificatorio anche se la volumetria sarà in fase progettuale concentrata per lasciare spazio alle aree a standard suddette. PEREQUAZIONE PER VOLONTA DEL PROPRIETARIO Il PI prevede inoltre che la perequazione, può essere applicata su richiesta del proprietario e previo accordo nei seguenti casi: 1. aree di riqualificazione e trasformazione della città in ambito urbano art.38 NdA 2. aree gia destinate a strumentazione attuativa dal PRG ma decadute ai sensi art. 5 commi 6 e 7 NdA del PAT, o mai attuate; 3. aree che da agricole divengono urbane perché destinate ad ospitare nuovi insediamenti; 4. altre aree di completamento oggetto di trasformazioni di rilievo. I casi suddetti possono essere classificati in gruppi omogenei in ragione delle similari condizioni di fatto e di diritto: 2.1 CLASSIFICAZIONE: 1. Zone di perequazione urbana di riqualificazione (punto 1 suddetto); 2. Zone di perequazione urbana di completamento (punto 4 suddetto) 3. Zone di perequazione urbana oggetto di piani decaduti, o non attuati (punto 2 suddetto); 4. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti residenziali e commerciali; (punto 3 suddetto); 5. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti produttivi (punto 3 suddetto); 16

17 2.3 MODALITA DI DEFINIZIONE INDICI DI PEREQUAZIONE Il PI con riferimento alle zone classificate attribuirà l indice edilizio di zona (IEZ) tenendo conto delle modalità successivamente specificate nel presente documento. (definizione degli indici edilizi - valutazione urbanistica) Di seguito vengono specificate le quantità volumetriche oggetto di perequazione e la percentuale di perequazione da applicare rispetto al vantaggio economico a seconda della classificazione delle zone: 1. zone di perequazione urbana di riqualificazione: 2. Zone di perequazione urbana di completamento. Possono essere attuate con due diverse modalità / fasi:. PEREQUAZIONE su richiesta del privato operatore in attuazione delle previsioni volumetriche del PI, usufruendo quindi di quota parte o dell intero IEZ, può essere aggiunta quantità volumetrica a quella oggetto di conversione. Tale volumetria sarà oggetto di perequazione del vantaggio economico stimato pari al 50% per la residenza e il produttivo; 65% per la destinazione commerciale e direzionale; 3. Zone di perequazione urbana oggetto di piani decaduti o non attuati; Possono essere attuate con due diverse modalità: 1. PEREQUAZIONE - attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero IEZ nel modo seguente : - quota pari al 30% del volume derivato dall indice territoriale massimo già previsto dal PRG; tali volumi non sono oggetto di perequazione; - il rimanente 70% dell indice territoriale sarà oggetto di perequazione del vantaggio economico stimato pari al 50% per la residenza e il produttivo; 65% per la destinazione commerciale e direzionale In tal caso sarà comunque obbligatorio realizzare almeno il 60% dell indice totale della ZTO; Tale modalità è alternativa alla attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero intero IEZ secondo le modalità previste al paragrafo 3 del precedente capitolo sul Credito edilizio. 17

18 4. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti residenziali e commerciali; 5. Zone di trasformazione della zona agricola con insediamenti produttivi; Possono essere attuate con due diverse modalità: 1. PEREQUAZIONE - attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero IEZ nel modo seguente : - in quota pari al 20% dell indice territoriale massimo, attribuita dal PI e non oggetto di perequazione; - il rimanente 80% dell indice territoriale sarà oggetto di perequazione del vantaggio economico stimato pari al: 60% per la residenza e il produttivo; 75% per la destinazione commerciale e direzionale - sarà comunque obbligatorio realizzare almeno il 60% dell indice totale della ZTO; Tale modalità è alternativa alla attuazione previsioni volumetriche del PI usufruendo dell intero intero IEZ secondo le modalità previste al paragrafo 3 del precedente capitolo sul Credito edilizio. 2.4 CALCOLO DEL VANTAGGIO ECONOMICO l entità del vantaggio economico al quale applicare gli indici di perequazione sarà così determinato: (Valore area trasformata Valore area agricola) = Vantaggio economico ovvero (mc Volume x valore/mc ICI) (mq area x VAM) = Vantaggio economico dove: mc Volume = volumetria oggetto di perequazione; la volumetria da considerare sarà quella sulla quale applicare la perequazione e non quella totale realizzabile; valore/mc ICI = /mc 111,25 Residenza valore/mc ICI = /mc 57,21 Commerciale Direzionale valore/mc ICI = /mc 25,92 Produttivo si è ritenuto di definire un valore medio a mc utilizzando i valori medi estratti dalla tabella dei valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, approvata con deliberazione di Giunta n 206/2003, valori aggiornati al , con un aumento del +9,47%; tale percentuale è stata determinata utilizzando quale fonte, i dati del consulente immobiliare del Sole 24 Ore. Tali 18

19 mq area valori saranno aggiornati con cadenza biennale mediante deliberazione della Giunta comunale. = Superficie territoriale dell ambito oggetto di trasformazione urbanistica (tutto); VAM valore agricolo medio = /mq 8,25 si è ritenuto di definire un valore medio a mq utilizzando i valori medi riferiti al seminativo estratti dalla tabella dei valori agricoli medi venali determinati dall apposita Commissione provinciale per l anno Tale valore potrà essere aggiornato con cadenza biennale mediante deliberazione della Giunta comunale sulla base dei valori definiti dalla commissione provinciale. 2.5 PERCENTUALE DI PEREQUAZIONE Calcolato il vantaggio economico si deve applicare allo stesso la percentuale di perequazione Vantaggio economico x % di pereq. = Valore della pereq. Il Valore della perequazione può essere soddisfatto dal soggetto privato in favore del Comune di Thiene mediante: 1. cessione di aree inedificate comprese nell ambito del piano urbanistico di entità variabile da un minimo del 50% ad un massimo del 70%; il valore delle aree sarà analogo a quello dell area edificabile. Tale superficie non è comprensiva delle aree di sedime delle opere di urbanizzazione primaria e delle aree per l assolvimento degli standard urbanistici primari, ma potrà soddisfare gli standard secondari individuati dal PI. 2. cessione di lotti edificabili urbanizzati (quindi con volumetria assegnata dal SUA) il valore a mq dell area sarà pari al valore utilizzato per la determinazione del Vantaggio economico; 3. realizzazione di opere pubbliche di ammontare pari al Valore della perequazione. Il valore delle opere sarà quello a base d asta e sarà oggetto di controlli da parte degli uffici tecnici comunali. 2.6 COMPARTI PEREQUATIVI La perequazione può essere attuata su un unico comparto (continuo), ma anche su più aree separate tra loro. 19

20 2.7 DEFINIZIONE DEGLI INDICI EDILIZI Nel Piano degli Interventi la definizione degli indici edilizi dovrà essere effettuata tenendo conto dei seguenti parametri, con riferimento agli effetti generali indotti dall intervento urbanistico: - impatto ambientale; - impatto sociale; - impatto urbanistico; - impatto e/o implicazioni rispetto alla viabilità urbana. - il grado di conformità con la strategia di pianificazione perseguita dal Comune. - La prevenzione ed eliminazione di situazioni di contenzioso. 20

21 ALLEGATI 21

22 ZONE OMI NB. Ai fini dell applicazione dei presenti criteri, la zona C1 comprende la porzione del foglio 6 tra via Vittorio Veneto e la linea ferroviaria e la porzione del foglio 5 tra le vie Vanzetti e S. Gaetano. 22

23 Tabella A 1 COEFFICIENTE 70% VALORI DI MERCATO OMI / DESTINAZIONI D'USO B1 CENTRALE ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI1.500, , , ,00 RESIDENZIALE 1.500,00 1,00 1,05 1,12 0,72 COMMERCIALE 1.575,00 0,95 1,00 1,06 0,68 UFFICI 1.675,00 0,90 0,94 1,00 0,64 PRODUTTIVO 1.075,00 1,40 1,47 1,56 1,00 C1 SEMICENTRALE ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI1.600, , ,00 780,00 RESIDENZIALE 1.600,00 1,00 0,77 0,80 0,49 COMMERCIALE 1.225,00 1,31 1,00 1,04 0,64 UFFICI 1.275,00 1,25 0,96 1,00 0,61 PRODUTTIVO 780,00 2,05 1,57 1,63 1,00 D1 PERIFERICA ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI1.575, ,00 940,00 482,50 RESIDENZIALE 1.575,00 1,00 0,71 0,60 0,31 COMMERCIALE 1.120,00 1,41 1,00 0,84 0,43 UFFICI 940,00 1,68 1,19 1,00 0,51 PRODUTTIVO 482,50 3,26 2,32 1,95 1,00 D2 PERIFERICA ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI 975, ,00 940,00 482,50 RESIDENZIALE 975,00 1,00 1,15 0,96 0,49 COMMERCIALE 1.120,00 0,87 1,00 0,84 0,43 UFFICI 940,00 1,04 1,19 1,00 0,51 PRODUTTIVO 482,50 2,02 2,32 1,95 1,00 D3 PERIF AGRICOLA ATTUALE RESID COMM UFFICI PROD NUOVA VALORI OMI 975, ,00 0,00 482,50 RESIDENZIALE 975,00 1,00 1,15 0,49 COMMERCIALE 1.120,00 0,87 1,00 0,43 UFFICI 0,00 PRODUTTIVO 482,50 2,02 2,32 0,00 1,00 23

24 Tabella C 1 COEFFICIENTE CARICO URBANISTICO / ZONE 30% PREC RESID A B C D E RESIDENZIALE NUOVA COMM 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 A 1,00 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 B 0,90 1,33 1,67 3,67 0,00 3,67 C 0,90 1,33 1,67 3,67 0,00 3,67 D 1,20 0,00 0,00 0,00 0,00 2,75 E 1,30 0,92 1,15 2,54 0,00 2,54 PREC RESID A B C D E NUOVA PROD 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 A 1,30 0,92 1,15 2,54 0,00 2,54 B 1,10 1,09 1,36 3,00 0,00 3,00 C 1,10 1,09 1,36 3,00 0,00 3,00 D 1,00 1,20 1,25 2,64 0,00 3,30 E 1,00 1,20 1,50 3,30 0,00 3,30 COMMERCIALE PREC COMM - DIREZ A B C D E NUOVA RES 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 A 1,20 0,83 0,75 0,75 1,00 1,08 B 1,50 0,67 0,60 0,60 0,80 0,87 C 3,30 0,30 0,27 0,27 0,36 0,39 D 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 E 3,30 0,30 0,27 0,27 0,36 0,39 PREC COMM - DIREZ A B C D E NUOVA PROD 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 A 1,30 0,77 0,69 0,69 0,92 1,00 B 1,10 0,91 0,82 0,82 1,09 1,18 C 1,10 0,91 0,82 0,82 1,09 1,18 D 1,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 E 1,00 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 PRODUTTIVA PREC PROD A B C D E NUOVA RES 1,30 1,10 1,10 1,00 1,00 A 1,20 1,08 0,92 0,92 0,83 0,83 B 1,50 0,87 0,73 0,73 0,67 0,67 C 3,30 0,39 0,33 0,33 0,30 0,30 D 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 E 3,30 0,39 0,33 0,33 0,30 0,30 PREC PROD A B C D E NUOVA COMM DIREZ 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 A 1,00 1,00 0,90 0,90 1,20 1,30 B 0,90 1,11 1,00 1,00 1,33 1,44 C 0,90 1,11 1,00 1,00 1,33 1,44 D 1,20 0,00 0,00 0,00 1,00 0,00 E 1,30 0,77 0,69 0,69 0,92 1,00 24

25 TABELLA B 2 COEFFICIENTE VALORI DI MERCATO OMI - ZONE OMI RESIDENZIALE PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.500, , ,00 975,00 975,00 B ,00 1,00 1,07 1,05 0,65 0,65 C ,00 0,94 1,00 0,98 0,61 0,61 D ,00 0,95 1,02 1,00 0,62 0,62 D2 975,00 1,54 1,64 1,62 1,00 1,00 D3 975,00 1,54 1,64 1,62 1,00 1,00 COMMERCIALE PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.575, , , , ,00 B ,00 1,00 0,78 0,71 0,71 0,71 C ,00 1,29 1,00 0,91 0,91 0,91 D ,00 1,41 1,09 1,00 1,00 1,00 D ,00 1,41 1,09 1,00 1,00 1,00 D ,00 1,41 1,09 1,00 1,00 1,00 UFFICI PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.675, ,00 940,00 940,00 0,00 B ,00 1,00 0,76 0,56 0,56 C ,00 1,31 1,00 0,74 0,74 D1 940,00 1,78 1,36 1,00 1,00 D2 940,00 1,78 1,36 1,00 1,00 D3 0,00 PRODUTTIVO PRECEDENTE B1 C1 D1 D2 D3 NUOVA VALORI OMI 1.075,00 780,00 482,50 482,50 482,50 B ,00 1,00 0,73 0,45 0,45 0,45 C1 780,00 1,38 1,00 0,62 0,62 0,62 D1 482,50 2,23 1,62 1,00 1,00 1,00 D2 482,50 2,23 1,62 1,00 1,00 1,00 D3 482,50 2,23 1,62 1,00 1,00 1,00 25

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona LA RIQUALIFICAZIONE URBANA NEL DECRETO SVILUPPO. SEMPLIFICAZIONE O COMPLICAZIONE DEL PROCEDIMENTO? 1. Premessa

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DOSSIER SU STANGIONI - bozza CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE...

DOSSIER SU STANGIONI - bozza CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE... DOSSIER SU STANGIONI - bozza Dossier Su Stangioni CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE... 4 LA STRADA STATALE 554 COME LIMITE...

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile.

Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile. Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile. Oggetto: INDIRIZZI APPLICATIVI IN MERITO ALLE PROCEDURE PER LA DETERMINAZIONE E L'APPLICAZIONE DELLA FISCALIZZAZIONE

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli