RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE"

Transcript

1 COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

2 INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale 11 marzo 2005, n.12 «Legge per il governo del territorio» prevede che i titoli abilitativi per gli interventi di nuova costruzione, ampliamento di edifici esistenti e ristrutturazione edilizia sono soggetti alla corresponsione degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, del contributo sul costo di costruzione, in relazione alle destinazioni funzionali degli stessi, nonché, in caso di pianificazione esecutiva e/o Permesso di Costruire convenzionato, alla monetizzazione per mancata cessione delle aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o generale previste dal Piano dei Servizi, ai sensi dell art. 46 della stessa L.R. L art.19 del DPR 6 giugno 2001, n.380 «Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia», inoltre, prevede che il rilascio, di titoli abilitativi per gli interventi relativi a costruzioni e impianti industriali o artigianali comporta anche la corresponsione di un contributo pari all incidenza delle opere necessarie al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti solidi, liquidi e gassosi. I Comuni secondo quanto disposto dall art.44 della L.R.12/2005 hanno l obbligo di aggiornare ogni 3 anni gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, in relazione alle previsioni del piano dei servizi e a quelle del programma triennale delle opere pubbliche, tenendo conto dei prevedibili costi delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, incrementati da quelli riguardanti le spese generali. L ultimo aggiornamento degli oneri è avvenuto nel 2008 con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 26/6/2008, essendo perciò decorso il periodo previsto dalla normativa su citata, si rende necessario procedere all aggiornamento degli importi unitari degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria al fine di adeguarli ai costi effettivi delle opere di urbanizzazione che vengono sostenuti dall Amministrazione Comunale nei propri interventi di potenziamento, adeguamento, ripristino e nuove realizzazioni di opere di urbanizzazione sul territorio comunale. Ciò premesso stante l obbligo di attualizzare e allineare il valore degli oneri ai costi effettivi delle opere di urbanizzazione l ufficio con l assessore all urbanistica ha predisposto l aggiornamento degli oneri e le tabelle allegate. La proposta di aggiornamento è stata assentita dalla Giunta Comunale con deliberazione n. 82 del 18 maggio 2011 ed esaminata dalla Commissione Consiliare Urbanistica nella seduta del 27 maggio I costi unitari effettivi delle opere di urbanizzazione sono stati ricavati dai prezzi medi contenuti nel Prezziario delle Opere Pubbliche della Regione Lombardia del 2009 e, in assenza di quelli, da altri prezziari dei Comuni contermini o dai prezzi medi di mercato. Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 2 di 11

3 L incidenza dei costi effettivi di urbanizzazione sulle costruzioni è stata analizzata su dei modelli insediativi predisposti attraverso indici e parametri medi urbanistici ed edilizi previsti per le diverse destinazioni d uso del territori dal PGT in itinere. Per quel che riguarda le opere di urbanizzazione secondaria per gli asili nido, le scuole materne, le scuole elementari e le scuole medie per il loro dimensionamento si sono assunte le relative fasce di età della popolazione residente effettivamente esistente ed il reale tasso di utilizzo di queste strutture desumendole dall analisi effettuata dal Piano dei Servizi. Si è fatto riferimento per la determinazione degli oneri di urbanizzazione alle tabelle approvate dalla Regione Lombardia con deliberazione del Consiglio Regionale n. II/557 del 28/07/1977, in applicazione degli articoli 5 e 10 della legge 28/01/1977, n. 10 e contenute nella legge regionale n. 60 del 05/12/1977. Tenendo presente che alla data del 31/12/2009 la popolazione residente nel Comune di Pregnana Milanese era pari a 6824 abitanti (fonte ufficio anagrafe del Comune di Pregnanza Milanese), si sono applicati i coefficienti di adeguamento contenuti nella TABELLA regionale B-2 (RESIDENZA) ed i parametri minimi d incidenza degli oneri d urbanizzazione contenuti nella TABELLA regionale C-2 (INDUSTRIA ED ARTIGIANATO, INDUSTRIA ALBERGHIERA, ATTIVITA COMMERCIALI E DIREZIONALI) corrispondenti alla fascia di ampiezza dei Comuni da a abitanti. Gli oneri di urbanizzazione per gli interventi di ristrutturazione non comportanti demolizione e ricostruzione, se dovuti, sono quelli riguardanti gli interventi di nuova costruzione ridotti della metà ai sensi del comma 10 art. 44 della L:R: 12/2005 e s.m.i. I nuovi valori di applicazione degli oneri di urbanizzazione sono calcolati attraverso le seguenti tabelle allegate : - TABELLA 1 - RESIDENZA - TABELLA 2 - INDUSTRIA ED ARTIGIANATO - TABELLA 3 - INDUSTRIA ALBERGHIERA - TABELLA 4 - ATTIVITA DIREZIONALI E COMMERCIALI - TABELLA 5 - OPERE DI INTERESSE GENERALE NON CONSIDERATE DAL PUNTO F DELL ART. 9 LEGGE 28/07/1977 N. 10 I nuovi valori di applicazione degli oneri di urbanizzazione sono contenuti nella tabella riepilogativa. Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 3 di 11

4 1. ONERI DI URBANIZZAZIONE 1.1. Criteri per l applicazione dei valori tabellari degli oneri di urbanizzazione nei Piani Attuativi Premessa Come è possibile desumere dalla relazione di calcolo e dalla tabella riepilogativa allegata alla presente relazione, si ritiene di applicare il medesimo regime (valore tabellare) a tutti i Piani Attuativi previsti dal P.G.T. senza distinzioni tra le varie tipologie di Piano. Tale scelta è da ritenersi corretta secondo i principi di perequazione che stanno alla base del P.G.T. stesso, considerando che gli ambiti edificabili del territorio previsti dal P.G.T. destinati a residenza e soggetti a P.A non hanno livelli di urbanizzazioni dissimili tra loro in quanto inseriti in zone residenziali consolidate, completamente edificate ed urbanizzate; sono infatti previsti dal P.G.T.: - ambiti di trasformazione che riguardano zone già edificate del territorio nelle quali operare una modifica della destinazione d uso (da aree produttive a residenziali) attraverso un P.A.; - ambiti di trasformazione che riguardano zone di espansione già previste come P.A. dal P.R.G. precedentemente vigente; - ambiti di completamento che riguardano zone di completamento già previste come P.A. dal P.R.G. precedentemente vigente; Tale scelta è inoltre da ritenersi utile e necessaria in funzione del fatto che i contributi derivanti dall applicazione degli oneri tabellari risultano in questo senso ugualmente indispensabili: - per la manutenzione e per il potenziamento delle opere di urbanizzazione primaria relative ad ambiti con un livello simile di urbanizzazione, per i quali è richiesto un riassetto o un completamento dello stato di fatto dovuto ai nuovi carichi urbanistici previsti; - per il potenziamento delle opere di urbanizzazione secondaria a livello puntuale o comunale, secondo quanto previsto dal Piano dei Servizi, per ambiti che risultano avere indici di edificabilità simili tra loro, alla luce dei nuovi carichi urbanistici previsti. Modalità applicative Il valore indicato nella tabella riepilogativa per la Residenza, Nuove Costruzioni, Zona C e B compresa in piani attuativi sarà pertanto utilizzato per calcolare il valore degli oneri tabellari dovuti: - in tutti gli ambiti soggetti a piano attuativo previsti dal P.G.T. vigente come Ambiti di Trasformazione Residenziale (vedi in particolare il Documento di Piano); - in tutti gli ambiti soggetti a piano attuativo previsti dal P.G.T. vigente come Zona B2 con obbligo di Piano Attuativo (vedi in particolare il Piano delle Regole); - in tutte le varianti a piani attuativi previsti dal P.R.G. precedentemente vigente, avviati prima dell approvazione del P.G.T. vigente e tuttora in corso di attuazione, senza distinzione tra quelli interessanti zone B e/o zone C, con particolare riferimento ai P.I.I. in corso di attuazione, per le eventuali volumetrie aggiuntive; - in tutti gli ambiti per i quali, in attuazione delle norme del P.G.T., potranno o dovranno essere proposti Piani Attuativi oggi non esplicitamente definiti dal P.G.T. vigente e/o in variante ad esso, con particolare riferimento ai Piani Integrati di Intervento, Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 4 di 11

5 indipendentemente dal fatto che tali Piani interessino zone B e/o ambiti di trasformazione del territorio comunale. Il valore tabellare in questione non sarà invece utilizzato: - per le pratiche edilizie interessanti ambiti o edifici ricadenti in zona B, per i quali verrà utilizzato il valore tabellare Zona B non compresa in piani attuativi ; - per le pratiche edilizie e per i Piani di Recupero che verranno proposti nelle zone A, per le quali verrà utilizzato il valore tabellare Zona A. In ogni caso, in sede di stipula di convenzione di qualsiasi Piano Attuativo o pratica edilizia convenzionata, è fatta salva da parte dell Amministrazione Comunale la possibilità di concordare il versamento da parte del soggetto attuatore di contributi economici aggiuntivi ai sensi dell Art. 46 della L.R. 12/05, con particolare riferimento ai Programmi Integrati di Intervento Mutamento della destinazione d uso senza opere per immobili ricadenti in zone residenziali e aventi s.l.p. uguale o inferiore a 150 mq Premessa Al fine di incentivare le attività economiche e lavorative presenti sul territorio, con particolare riferimento alle attività terziarie che per loro natura sono più compatibili con la residenza, ovvero quelle definite dall Art delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole, salvo contrasti con altre norme locali e/o sovra locali vigenti, nei casi di mutamento di destinazione d uso senza opere edilizie di cui all art. 52 della L.R. 12/05, per singole unità immobiliari di dimensioni uguali o inferiori a 150 mq di s.l.p., si propone di non applicare il conguaglio degli oneri di urbanizzazione di cui all art. 44 della medesima legge. Con questa disposizione di intende facilitare l insediamento delle attività sopra elencate all interno degli ambiti residenziali con il duplice fine di: - agevolare l apertura di nuove attività lavorative con tutti i benefici che questo può comportare (incremento dell occupazione, del gettito fiscale, ricadute sull indotto, ecc.); - vitalizzare le zone residenziali attraverso la presenza di attività aperte al pubblico o comunque di pubblico interesse; Modalità applicative Nei casi di mutamento della destinazione d uso senza opere di cui all art. 52 della L.R. 12/05, che prevedano come destinazioni d uso finali quelle compatibili secondo l art delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole, relative a singole unità immobiliari ricadenti in zone residenziali come definite dal P.G.T. vigente e aventi s.l.p. inferiore a 150 mq, non è dovuto il conguaglio del contributo previsto per gli oneri di urbanizzazione di cui all art. 44 della L.R. 12/ MONETIZZAZIONI Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 5 di 11

6 2.1. Monetizzazione delle aree per servizi all interno dei perimetri ATS Principio di riferimento Il Piano dei Servizi individua le aree destinate ad attrezzature pubbliche alle quali, in base al principio della perequazione, è attribuita una edificabilità legale pari all Ut di base 0,33 mq/mq. Tale edificabilità è subordinata alla cessione gratuita al Comune delle relative aree, ed è realizzabile negli Ambiti di Trasformazione indicati dal P.G.T. in aggiunta alla capacità propria di ciascun ambito, secondo le prescrizioni che vi sono contenute. La s.l.p. complessiva assegnata all insieme delle aree esterne destinate a servizi è trasferita negli Ambiti di Trasformazione in misura proporzionale alle rispettive s.l.p. di nuova costruzione consentite dall applicazione dell Ut di base e come indicato nei Criteri Tecnici di Attuazione del Documento di Piano. Negli ambiti di trasformazione il raggiungimento dell edificabilità totale originata dall indice di base e dal trasferimento di edificabilità dalle aree a servizi è obbligatorio. In alternativa alla cessione delle aree a servizi esterne agli ambiti di trasformazione, il Comune potrà accettare il versamento del corrispettivo dell indennità di esproprio per l acquisizione di una parte di dette aree nella quantità dovuta in base al suddetto criterio di proporzionalità. Si ritiene pertanto che il valore di esproprio unitario di dette aree sia determinabile in funzione dell edificabilità legale delle stesse aree, ovvero dell Ut di base 0,33 mq/mq, e in funzione della loro destinazione d uso. Riferimenti normativi Criteri Tecnici di Attuazione del Documento di Piano Art. 9 (Criteri per la perequazione) Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi Art. 3 (Cessione aree) Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi Art. 14 (Monetizzazioni) Modalità applicative Il lottizzante che intenda avvalersi della monetizzazione (parziale o totale) in alternativa alla cessione delle aree a servizi nella quantità prevista dalle norme del P.G.T., dovrà indicare nella documentazione allegata alla proposta di Piano la quantità delle aree che intende cedere (ovviamente possedendone i titoli) e la quantità che invece intende monetizzare e dovrà allegare una relazione di calcolo del valore di esproprio e del valore di monetizzazione delle stesse. Il valore complessivo delle monetizzazioni di aree per servizi all interno dei perimetri ATS, come prevista dall art. 9.3 dei Criteri Tecnici di Attuazione del Documento di Piano, dovrà essere stabilito sulla base di una perizia di stima dei valori di esproprio redatta dall Agenzia del Territorio in relazione alle aree interessate, in coerenza con quanto previsto dalle normative vigenti in materia di Espropriazione per Pubblica Utilità, tenendo conto del fatto che in ultima istanza le risorse economiche così generate saranno utilizzate dal Comune proprio per ottenere la proprietà delle aree oggetto di monetizzazione. La perizia di stima del valore di esproprio: - sarà redatta dall Agenzia del Territorio sulla base di una richiesta presentata dal lottizzante ovvero dal Comune per conto di quest ultimo, accompagnata da una relazione adeguata; - sarà redatta a cura dell Agenzia del Territorio e a spesa del lottizzante; - dovrà essere allegata alla proposta di Piano dal lottizzante unitamente alla relazione di calcolo sopra citata. Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 6 di 11

7 2.2. Monetizzazione delle aree per servizi per mancata cessione della dotazione minima prevista all interno dei Piani Attuativi o per permessi di costruire convenzionati Principio di riferimento Qualora l acquisizione delle aree per servizi non risulti possibile o non sia ritenuta opportuna dal Comune in relazione alla loro estensione, conformazione o localizzazione, ovvero in relazione ai programmi comunali di intervento, la convenzione può prevedere, in alternativa totale o parziale della cessione, che all atto della stipula i soggetti obbligati corrispondano al Comune una somma commisurata all utilità economica conseguita per effetto della mancata cessione e comunque non inferiore al costo dell acquisizione di altre aree con caratteristiche analoghe. Il calcolo del valore delle monetizzazioni mira pertanto, ove questo sia possibile, a stabilire l utilità economica conseguita per effetto della mancata cessione delle aree necessarie per soddisfare la dotazione minima prevista dal P.G.T. all interno dei comparti soggetti a pianificazione attuativa o in pratiche edilizie convenzionate; in ogni caso il valore delle monetizzazioni al metro quadro non può comunque essere inferiore al costo di acquisizione di un area con caratteristiche analoghe. Riferimenti normativi Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi, Artt. 11, 12 (dotazione minima prevista di aree a servizi) Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi, Art. 14 (monetizzazioni) Principio di riferimento: La convenzione del piano attuativo o del permesso di costruire convenzionato può prevedere, in alternativa totale o parziale alla cessione, la corresponsione di una somma commisurata all utilità economica conseguita per effetto della mancata cessione e comunque non inferiore al costo dell acquisizione di altre aree di analoghe caratteristiche e di pari dimensioni. Articolo 46, comma 1, lettera a) della LR 12/05 (monetizzazioni) Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole, Art. 3 (definizioni) Modalità applicative Il lottizzante o operatore che intenda avvalersi della monetizzazione (parziale o totale) in alternativa alla cessione delle aree a servizi nella quantità prevista dalle norme del P.G.T., dovrà indicare nella documentazione allegata alla proposta di Piano o di progetto la quantità delle aree che intende cedere (ovviamente possedendone i titoli) e la quantità che invece intende monetizzare e dovrà allegare una relazione di calcolo del valore di esproprio e del valore di monetizzazione delle stesse. Il valore complessivo delle monetizzazioni di aree per servizi all interno dei perimetri dei Piani Attuativi, o nei casi di pratiche edilizie convenzionate, come previsto dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi, Artt. 11, 12, dovrà essere stabilito sulla base di una perizia di stima redatta dall Agenzia del Territorio in relazione alle aree interessate, che miri a determinare l utilità economica conseguita per effetto della mancata cessione delle stesse, ovvero i valori di esproprio delle medesime aree o di aree con caratteristiche analoghe, in coerenza con quanto previsto dalle normative vigenti in materia di Espropriazione per Pubblica Utilità, tenendo conto del Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 7 di 11

8 fatto che in ultima istanza le risorse economiche così generate risulteranno necessarie al Comune proprio per acquisire altre aree da destinare a servizi. La perizia di stima dell utilità economica o del valore di esproprio: - sarà redatta dall Agenzia del Territorio sulla base di una richiesta presentata dal lottizzante o operatore ovvero dal Comune per conto di quest ultimo, accompagnata da una relazione adeguata; - sarà redatta a cura dell Agenzia del Territorio e a spesa del lottizzante o operatore; - dovrà essere allegata alla proposta di Piano o di progetto dal lottizzante o operatore unitamente alla relazione di calcolo sopra citata Monetizzazione dei parcheggi privati negli interventi di recupero di sottotetti ai fini abitativi Principio di riferimento Qualora sia dimostrata l impossibilità di assolvere all obbligo di reperimento di idonei spazi da destinarsi a parcheggi privati, negli interventi di recupero ai fini abitativi di sottotetti esistenti, è ammessa la loro monetizzazione come previsto dalla disciplina speciale di cui all Art. 64 della L.R. 12/05. Il valore di tale monetizzazione deve essere pari al costo base di costruzione per metro quadrato di spazio per parcheggi da reperire. Riferimenti normativi Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole, Art (monetizzazioni) Qualora sia dimostrata l impossibilità di assolvere all obbligo di reperimento di idonei spazi da destinarsi a parcheggi privati, è ammessa la loro monetizzazione. Art. 64, L.R. 12/05 (disciplina degli interventi di recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti) Modalità applicative L operatore che intenda avvalersi della monetizzazione (parziale o totale) dei parcheggi privati in alternativa reperimento di idonei spazi da destinarsi a tale uso, negli interventi di recupero ai fini abitativi di sottotetti ex L.R. 12/05, dovrà indicare nella documentazione allegata alla pratica edilizia la quantità dei parcheggi che può reperire e la quantità che invece intende monetizzare, dimostrando attraverso tale documentazione l impossibilità di assolvere completamente agli obblighi previsti. In merito alla determinazione del costo di realizzazione, si tenga conto delle voci che compongono detto costo: - il valore metro cubo di un terreno edificabile centrale a Pregnana è pari a /mc secondo la Borsa Immobiliare di Milano; tale valore, con una oscillazione piuttosto contenuta, è riscontrabile anche nei più recenti atti di compravendita immobiliare effettuati a Pregnana di cui si è reperita documentazione; - l indice di edificabilità nelle zone B residenziali secondo il P.G.T. (ambiti nei quali è possibile realizzare gli interventi di recupero di sottotetto esistenti) è pari a 0,4-0,6 mq/mq, ovvero 1,2-1,8 mc/mq; Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 8 di 11

9 - ne deriva che il valore dei terreni edificabili centrali a Pregnana è pari a circa /mq; - questa stima non tiene conto del fatto che in tali aree il P.G.T. garantisce a determinate condizioni bonus volumetrici una tantum per edifici esistenti, oltre alla possibilità di recupero dei sottotetti ex L.R. 12/05 per i soli edifici già esistenti alla data di adozione del Piano, garantendo in questo senso alle aree già edificate un valore aggiunto; - a titolo precauzionale si utilizzerà pertanto il valore maggiore di 342, tenendo conto del fatto che il problema della impossibilità di reperire la quantità prevista di parcheggi pertinenziali è più frequente nelle aree già edificate con maggiore densità e in quelle più centrali, anche alla luce di quanto già richiamato al punto precedente; - secondo l Analisi dei Costi allegata alla presente deliberazione il costo di realizzazione di un area a parcheggio è pari a 75,67 /mq; - dai dati sopra riportati si può desumere che il costo per acquisire aree centrali da destinare a parcheggi privati e per realizzarvi un parcheggio a raso è pari a 417,67 /mq. - si può ritenere che un posto auto abbia misura minima 2,5 x 5,0 m, ovvero 12,5mq, e che pertanto abbia un valore di 5.220,00. A titolo di raffronto si tenga conto del fatto che il valore medio di mercato di un box a Pregnana in zona centrale secondo la Borsa Immobiliare di Milano è pari a circa ,00. Alla luce di quanto sopra si determina che in caso di mancato reperimento di parcheggi pertinenziali negli interventi di recupero ai fini abitativi di sottotetti ex L.R. 12/05, l operatore dovrà versare al Comune una quota pari a 417,67 /mq per ogni mq di parcheggio non ceduto, e comunque una quota minima di 5.220,00 per ogni nuova unità immobiliare che risulti sprovvista di posto auto pertinenziale. I due valori applicativi di cui sopra saranno aggiornati: - annualmente applicando un incremento percentuale proporzionale all incremento del costo di costruzione; - ogni tre anni aggiornando la relazione di calcolo di cui sopra con i dati più recenti che sarà possibile reperire. Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 9 di 11

10 3. MODALITA DI VERSAMENTO Il contributo di costruzione sarà corrisposto per intero all atto del rilascio del titolo abilitativo e in caso di Denuncia Di Inizio Attività entro 30 giorni dalla presentazione della pratica. E possibile avvalersi della rateizzazione con le modalità di seguito riportate: 3.1. Oneri di urbanizzazione Il versamento del contributo afferente agli oneri di urbanizzazione dovrà essere così ripartito: - 50% al rilascio del titolo abilitativo e in caso di Denuncia d Inizio Attività, entro 30 giorni dalla presentazione della pratica. - 25% maggiorato degli interessi legali, entro 12 mesi dalla data del rilascio del titolo abilitativo e in caso di della Denuncia di Inizio Attività entro 12 mesi dall efficacia della stessa. - 25% maggiorato degli interessi legali a fine lavori e comunque non oltre i 36 mesi dal rilascio del titolo abilitativo e in caso di Denuncia d Inizio Attività entro e non oltre entro 36 mesi dall efficacia della stessa Costo di costruzione Il versamento del contributo afferente al costo di costruzione dovrà essere così ripartito: - 50% al rilascio del titolo abilitativo e in caso di Denuncia d Inizio Attività, entro 30 giorni dalla presentazione della pratica. - 25% maggiorato degli interessi legali, entro 12 mesi dalla data del rilascio del titolo abilitativo e in caso di della Denuncia di Inizio Attività entro 12 mesi dall efficacia della stessa. - 25% maggiorato degli interessi legali a fine lavori e comunque non oltre i 36 mesi dal rilascio del titolo abilitativo e in caso di Denuncia d Inizio Attività entro e non oltre entro 36 mesi dall efficacia della stessa. A garanzia del pagamento della seconda e terza rata del contributo dovuto, dovranno essere presentate opportune garanzie bancarie o assicurative Monetizzazione per mancata cessione di aree per servizi essenziali Il versamento della monetizzazione per la mancata cessione di aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o generale dovrà essere effettuato, ai sensi dell art. 46 della L.R. 12/05, all atto della stipula della Convenzione urbanistica relativa alla pianificazione esecutiva in attuazione Monetizzazione degli spazi a parcheggio Il versamento della monetizzazione per la mancata dotazione di spazi a parcheggio privato da reperire ai sensi dell art. 64, comma 3, L.R. 12/05 dovrà essere effettuato in unica soluzione all efficacia dell atto abilitativo in caso di DIA, ovvero prima del rilascio del Permesso di Costruire. Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 10 di 11

11 3.5. Realizzazione opere a scomputo oneri (art. 45 della L.R. 12 /2005) A scomputo totale o parziale del contributo commisurato afferente agli oneri di urbanizzazione, gli interessati possono chiedere, nell istanza per l ottenimento dei titoli abilitativi, di essere autorizzati a realizzare direttamente una o più opere di urbanizzazione primaria e secondaria alle condizioni di cui all art. 32, comma 1, lettera g) del D.Lgs. 163/06. La richiesta di scomputo dovrà essere corredata da elaborati grafici e da computo metrico estimativo redatto in base ai prezzi unitari risultanti dal Bollettino Regionale, e per i prezzi mancanti dal listino della C.C.I.A.A. di Milano, in vigore all atto della richiesta dei titoli abilitativi. Le opere, la cui congruità tecnico-economica sarà valutata dall ufficio tecnico comunale, dovranno essere assentite dalla Giunta Comunale. Per le opere autorizzate dovrà essere presentata idonea garanzia bancaria o assicurativa aumentata del 10% del costo posto a base di gara. In caso di inottemperanza verranno applicate le sanzioni previste dalla convenzioni che dovrà essere sottoscritta all efficacia dell atto abilitativo in caso di DIA ovvero prima del rilascio del Permesso di Costruire. Le opere, collaudate a cura del comune con oneri a carico del richiedente, saranno acquisite alla proprietà comunale. Criteri applicativi per oneri e monetizzazioni rev AE.docx 17 maggio - Pagina 11 di 11

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO COMUNE DI CINISELLO BALSAMO SETTORE SERVIZI AL TERRITORIO REVISIONE/AGGIORNAMENTO DELLE MODALITA DI DETERMINAZIONE E DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AGGIORNAMENTO 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE AVENTE AD OGGETTO: DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI AD ATTI EDILIZI ED URBANISTICI SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Descrizione Min/Max pr evisti Valori.

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI URBANISTICI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI URBANISTICI CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI AMBITO DI APPLICAZIONE I presenti criteri sono di ausilio nella determinazione dei contributi afferenti agli interventi di trasformazione del territorio comunale assentiti

Dettagli

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Regolamento per l'applicazione e la determinazione del contributo di costruzione commisurato alla incidenza degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione

Dettagli

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA ALLEGATO A COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Regione Toscana * * * Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DOVUTO PER GLI INTERVENTI SOGGETTI AL PERMESSO DI COSTRUIRE ED A SEGNALAZIONE

Dettagli

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72 Determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria di cui agli artt. 3-4- 7 Legge 10/1977 adeguati alle disposizioni di cui alla L.R. 03 Gennaio 2005, n. 1. A TABELLA (COSTI

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI -

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - REGOLAMENTO DI CALCOLO E GESTIONE DEGLI STANDARDS QUALITATIVI PER ATTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E ATTUAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA INDICAZIONI PROCEDURALI PER L APPLICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE DI CUI AGLI ARTT. 5 E 10 DELLA L. N. 10/77, AGGIORNATE IN SEGUITO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 849

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE. Piano di Governo del Territorio (ai sensi della L.R. 12/2005 e succ. smi) S2b Norme Tecniche del piano dei servizi

COMUNE DI VIGNATE. Piano di Governo del Territorio (ai sensi della L.R. 12/2005 e succ. smi) S2b Norme Tecniche del piano dei servizi COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO Piano di Governo del Territorio (ai sensi della L.R. 12/2005 e succ. smi) S2b Norme Tecniche del piano dei servizi PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO VERSIONE APPROVATA

Dettagli

CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ART. 16 D.P.R

CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ART. 16 D.P.R allegato A alla delibera di Consiglio Comunale CITTÀ DI LEGNAGO Ufficio Tecnico Via XX Settembre, 29 37045 Legnago (Verona) CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento Comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione degli incentivi (Approvato con delibera di

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano)

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MELEGNANO E LA PROPRIETA MALAVASI - POLLI PER L ATTUAZIONE DI UN PIANO DI RECUPERO AI SENSI DELLA LEGISLAZIONE URBANISTICA

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.it REGOLAMENTO E TABELLE PARAMETRICHE DI CALCOLO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CARASSAI Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO COMUNALE Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 per la determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione Approvato con: Delibera

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle. Via G. Ripamonti 44 20141 Milano 02 36520482 Luglio 2013

FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle. Via G. Ripamonti 44 20141 Milano 02 36520482 Luglio 2013 FDA INTERNATIONAL Urbanistica, Architettura Marco Facchinetti, Marco Dellavalle Via G. Ripamonti 44 20141 Milano 02 36520482 Luglio 2013 Proponente: AREA MELZO SERVIZI IMMOBILIARI S.R.L. ALHAFIN SPA COGESER

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI

LA PIANIFICAZIONE OPERATIVA: STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI STRUMENTI E PROCEDURE PER IL PIANO DEGLI INTERVENTI Campagna Lupia, 23 maggio 2013 DAL PIANO STRATEGICO (PAT) AL PIANO OPERATIVO (PI) perequazione, compensazione, crediti edilizi OBIETTIVO: Costruire la

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Via Garibaldi, 4 Tel. 0577 351308/14/22 - Fax 0577/351328 e-mail: urbanistica.edilizia@comune.castelnuovo-berardenga.si.it

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata Prot. n. 117048 del 25.09.2012 Oggetto: - Risposte a quesiti sul piano casa e non solo. Modifica del punto 7 della precedente nota prot. 57027 del 18.05.2012

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

SEDUTA DEL 3 NOVEMBRE 2008 AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL COSTO BASE DI COSTRUZIONE. LA GIUNTA COMUNALE

SEDUTA DEL 3 NOVEMBRE 2008 AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL COSTO BASE DI COSTRUZIONE. LA GIUNTA COMUNALE SEDUTA DEL 3 NOVEMBRE 2008 N.43/109838 AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL COSTO BASE DI COSTRUZIONE. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il Consiglio Comunale con delibera n.

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli Lottizzanti: Proprieta': Caprotti Emilia Procuratori Marina Strazzeri, Franco Flavio Strazzeri, ALLEGATI 01:

Dettagli

TARIFFE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA CONTRIBUTO COSTO DI COSTRUZIONE

TARIFFE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA CONTRIBUTO COSTO DI COSTRUZIONE TARIFF RLATIV AGLI ONRI DI URBANIZZAZION PRIMARIA SCONDARIA CONTRIBUTO COSTO DI COSTRUZION (Determinazione dirigenziale n 231 del 14 maggio 2015) Le presenti tabelle sono valide per le richieste di permesso

Dettagli

Oggetto: Inquadramento urbanistico delle aree site in Milano, comprese tra le via Giovanni da Udine, Perin del Vaga e Polidoro da Caravaggio

Oggetto: Inquadramento urbanistico delle aree site in Milano, comprese tra le via Giovanni da Udine, Perin del Vaga e Polidoro da Caravaggio Milano 28 ottobre 2011 Le informazioni contenute nella presente relazione non sono da considerarsi alla stregua di dichiarazioni e garanzie, né di esame esaustivo, né di parere legale e non prescindono

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1)

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Testo coordinato artt.li 1-6 testo, con modifiche introdotte dalla

Dettagli

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona

COMUNE DI CREMA Provincia di Cremona Spett.le: Alla c. a.: Comune di CREMA Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Ufficio Tecnico Servizio Edilizia Privata Piano di Recupero Comune: CREMA Provincia: CREMONA Richiedente: Progettista: ZAMBELLI

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - =====================================================================

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 del 16.06.2008 COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== REGOLAMENTO

Dettagli

il Consiglio Comunale

il Consiglio Comunale il Consiglio Comunale Premesso che: a) in data 7 luglio 2008, con atto a rogito del Notaio Ercole La Civita, gli Operatori: DODICI srl, ROTOLITO LOMBARDA spa e ELDAP srl, hanno stipulato con il Comune

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROV. DI ENNA

CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROV. DI ENNA CITTA DI PIAZZA ARMERINA PROV. DI ENNA LINEE GUIDA PER IL PAGAMENTO DEGLI ONERI CONCESSORI PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI EDILIZIE LQG Approvate con deliberazione di Giunta Comunale n.

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione Piano di Lottizzazione della zona F4B2 PRUSST Via Ciccotti ed approvazione progetto preliminare strada di collegamento tra

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI COMUNE DI BARDONECCHIA Provincia di Torino CAP. 10052 UFFICIO TECNICO EDIIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI Maggio 2010 Approvato con deliberazione

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28 del 10.03.1997 In vigore dal 29.03.1997

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28 del 10.03.1997 In vigore dal 29.03.1997 Criteri e modalità per l erogazione di contributi finalizzati alla realizzazione di edifici di culto e di attrezzature destinate ai servizi religiosi ai sensi della l.r. 9 maggio 1992 n.20 Approvato con

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. (Omissis il verbale)

GIUNTA COMUNALE. (Omissis il verbale) GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 44 del 15/04/2015 OGGETTO: Disciplina dei contributi e delle sanzioni relative agli interventi edilizi, in applicazione dei disposti di cui al titolo VII, Capo I e II della

Dettagli

RISOLUZIONE N.350/E. agosto Roma,07 agosto 2008

RISOLUZIONE N.350/E. agosto Roma,07 agosto 2008 RISOLUZIONE N.350/E agosto Roma,07 agosto 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA - Cessione di bene immobile a favore di un

Dettagli

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica COMUNE DI THIENE UFFICIO URBANISTICA CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica 1 Premessa Il presente documento detta i criteri di valutazione

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE In base al combinato disposto dagli artt. 15, 29 e 30 della L.R. 19/09 e dagli artt. 6 e 7 del relativo Regolamento di Attuazione nonché, con riferimento alla Circolare 1/2012

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di Stima delle aree edificabili secondo l aspetto economico del p.p.v. di trasformazione Esempio di calcolo plano-volumetrico su lotto edificabile 30 x 22 m. Sia da valutare un area edificabile ricadente

Dettagli

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 37 del 29-09-2009 Oggetto: L.R. 16 LUGLIO 2009 N. 13 - RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E REPERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INCENTIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

REGOLAMENTO SUGLI INCENTIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE COMUNE DI TAVAGNACCO PROVINCIA DI UDINE C.A.P. 33010 Sede Uffici Municipali in Feletto Umberto Piazza Indipendenza, Cod. Fisc. 00461990301 Tel. (0432) 577311 Fax. 570196 REGOLAMENTO SUGLI INCENTIVI PER

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008.

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. Premesso che: - la Regione Puglia, con la Legge Regionale 10 giugno 2008, n. 13, Norme per l abitare

Dettagli

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e P R O V I N C I A D I P A R M A Comune di SALA BAGANZA PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Q U A D R O C O N O S C I T I V O Bilancio urbanistico del PRG vigente Sindaco Cristina Merusi

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO N. 11 SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO L anno del mese di del giorno. dinanzi a me Dott. Notaio in, iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti di.. si costituiscono: da una parte: il Comune

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

PROSPETTO DIRITTI DI SEGRETERIA URBANISTICA ED EDILIZIA

PROSPETTO DIRITTI DI SEGRETERIA URBANISTICA ED EDILIZIA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE Tel. 039/6757039 P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 AREA TERRITORIO E AMBIENTE e-mail: ufficiotecnico@comune.usmatevelate.mi.it sito internet: www.comune.usmatevelate.mi.it

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO PROVINCIA DI MILANO. SCHEMA DI CONVENZIONE URBANISTICA ai sensi dell art. 46 della Legge Regionale 12/2005 s.m.i.

COMUNE DI ABBIATEGRASSO PROVINCIA DI MILANO. SCHEMA DI CONVENZIONE URBANISTICA ai sensi dell art. 46 della Legge Regionale 12/2005 s.m.i. COMUNE DI ABBIATEGRASSO PROVINCIA DI MILANO SCHEMA DI CONVENZIONE URBANISTICA ai sensi dell art. 46 della Legge Regionale 12/2005 s.m.i. PIANO ATTUATIVO DI RECUPERO CASCINA MONZA TRA Il Comune di Abbiategrasso

Dettagli

ALLEGATO 3 alla proposta di deliberazione C.C. P.G. 888667/2007 Costituito da N 6 pagine

ALLEGATO 3 alla proposta di deliberazione C.C. P.G. 888667/2007 Costituito da N 6 pagine TABELLA N. 2 ONERI DI URBANIZZAZIONE DA APPLICARE RESIDENZA VALORI TABELLE A1 / A2 Parametro incidenza tabella C1 della deliberazione Consiglio Regionale del 28 luglio 1977, n. II/557 - RESIDENZA ZONA

Dettagli

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 e ss.mm.ii. recante Norme per

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale)

Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) aggiornato alle proposte di legge 75/2013 e 76/2013

Dettagli

Comune di Brescia Oneri di Urbanizzazione

Comune di Brescia Oneri di Urbanizzazione Comune di Brescia Oneri di Tariffe Oneri di definite con deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 P.G. n. 49199 del 20/12/2004 Adeguate in base alla L.R. n. 12 dell 11-03-2005 (tabella 1) (art. 60)

Dettagli

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4)

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Apporre contrassegno telematico (marca da bollo) da 14.62 Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Avvertenze

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI COMO. del mese di... fra i signori:

COMUNE DI COMO. del mese di... fra i signori: COMUNE DI COMO SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DI UN PIANO di RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA INTERESSANTE L AREA SITA IN COMUNE DI COMO, VIA..., AL MAPPALE N.... FOGLIO N...DELLA SEZIONE CENSUARIA

Dettagli

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio D.I.A. MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI

Dettagli

MUTUO ACQUISTO. Immobile esistente o di nuova costruzione

MUTUO ACQUISTO. Immobile esistente o di nuova costruzione MUTUO ACQUISTO Immobile esistente o di nuova costruzione DOCUMENTI BASE da consegnare in filiale (in copia) DESCRIZIONE DOVE RECUPERARLI 1) ATTO DI PROVENIENZA o del terreno Tipicamente è costituito da

Dettagli

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione WORKSHOP MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PIANO: Tecniche attuative del Piano La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione Sala Conferenze Belvedere di San Leucio (CE) 19 febbraio 2015 Il principio

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DOTT. ING. ANSELMO GAFFURI - Via Fiume n. 9-22036 ERBA (CO) Tel. 031/642511 - Fax 031/642361 - e-mail: ing.gaffuri@tiscali.it COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - =====================================================================

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

C O M U N E DI C A S T E L F I D A R D O Provincia di Ancona ^^^ SettoreUrbanistica - Edilizia Privata

C O M U N E DI C A S T E L F I D A R D O Provincia di Ancona ^^^ SettoreUrbanistica - Edilizia Privata C O M U N E DI C A S T E L F I D A R D O Provincia di Ancona ^^^ SettoreUrbanistica - Edilizia Privata (ai sensi del D.P.R. n 380 del 6 giugno 2001) - Testo Unico in Materia di Edilizia Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

COMUNE DI COLONNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO

COMUNE DI COLONNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO COMUNE DI COLONNA P r o v i n c i a d i R o m a ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli