Una periodizzazione dello sviluppo finanziario italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una periodizzazione dello sviluppo finanziario italiano"

Transcript

1

2 Una periodizzazione dello sviluppo finanziario italiano Seguendo una periodizzazione relativa alle strategie di regolamentazione del sistema bancario possiamo distinguere cinque periodi: la situazione preunitaria; :dall Unità italiana alla nascita della Banca d Italia; dal 1894 al 1936: nascita di un sistema bancario moderno e finanziamento del decollo industriale; dal 1937 al 1989: vigilanza strutturale, banca pubblica e doppia intermediazione; dagli anni 90 fino ad oggi: vigilanza prudenziale, liberalizzazione e privatizzazione del sistema bancario.

3 La situazione preunitaria "L Italia arriva all unità nazionale in condizioni di arretratezza economica rispetto ai paesi dell Europa Centro-Settentrionale" (Toniolo 1978). L attività agricola costituisce il 60% del prodotto interno privato, contro il 20% delle attività secondarie ed il 22% delle attività terziarie. Il periodo si caratterizza per il «deserto bancario»: il 90% delle transazioni monetarie avviene ancora con l impiego di moneta metallica. Il sistema bancario è formato da diversi istituti di emissione, aziende di credito ordinarie, Casse di Risparmio e Banche Popolari.

4 StatoPre-unitario Istituto di Emissione Anno di creazione Sistema di conto Unita di Moneta Regno di Sardegna Banca Nazionale 1849 Decimale Lira Nuova di Piemonte Ducato di Parma Banca di Parma 1858 Decimale Lira Nuova di Parma Lombardi-Veneto Granducatodi Toscana Banca Nazionale Austriaca 1816 Stabilimento Merc.Di Venezia 1853 Banca Nazionale Toscana 1857 Banca Toscana di Credito 1860 Nondecimale Fiorino di Nuova Valuta Austriaca Non decimale Lira Toscana Nuova Stato Pontificio Regnodelle Due Sicilie Banco dello S.P Bancaper le Quattro Legazioni 1855 Banco delle Due Sicilie 1816 Banco dei Reali domini aldi là del Faro 1850 Decimale Lira Pontificia Non Decimale Ducato del Regno

5

6 Al momento dell unificazione abbiamo una presenza consistente della finanza informale. All interno di questa, sono da menzionare il credito fondato su rapporti fiduciari, amicali e parentali e l attività delle ditte bancarie.

7 La monetizzazione dell economia F = circolazione fiduciaria; M = circolazione metallica Fonti: De Mattia 1967

8 Nel trentennio post-unitario si assiste ad un rapido sviluppo del sistema delle banche popolari che vedono decuplicare la presenza numerica. In questo periodo fino al primo conflitto mondiale si registra una notevole crescita delle dimensioni finanziarie dell economia.

9 L evoluzione del Financial Interrelations Ratio in Italia:

10 Le crisi di liquidità Il sistema bancario post-unitario è sprovvisto di una banca che svolga le funzioni di banca centrale e per di più è assente il mercato interbancario. Ciò impedisce la circolazione della liquidità fra le singole banche e all interno dell economia e contribuisce a spiegare le ricorrenti crisi di liquidità e i fallimenti che caratterizzano il sistema finanziario in quell epoca.

11

12 La nascita della Banca d Italia Il 30 ottobre 1893, dopo lo scandalo della Banca Romana, è istituita la Banca d Italia in seguito al riordino degli istituti di emissione esistenti ovvero alla fusione della Banca Nazionale, della Banca Nazionale Toscana e della Banca Toscana di Credito. Pur mantenendo una pluralità di banche di emissione, si concretizza una preminenza della nuova Banca d Italia sui due banchi meridionali (Napoli e Sicilia). La Banca d Italia resta una società privata, ma i controlli esercitati dagli organi politici sono sempre più stringenti onde evitare il ripetersi degli scandali degli anni precedenti.

13

14 Dal 1890 inizia la prima fase dello sviluppo industriale dell economia italiana: allo sviluppo della struttura produttiva si accompagna l accentuazione del divario tra le due macro aree del paese. Nel periodo si sviluppa l industria italiana: 5,5% il tasso medio annuo di incremento della produzione industriale; 10,5% il tasso medio annuo di incremento degli investimenti.

15 La borsa all inizio del 900 E altamente rappresentativa della realtà industriale: le banche finanziano la crescita delle imprese, accompagnandole fino alle quotazione. Nel 1905 le società quotate rappresentano il 70% del capitale azionario emesso. Numero di società quotate: 59 nel 1900, 169 nel 1907 Nel 1907 si verifica la peggiore crisi di tutto il Novecento e il valore dei titoli quotati scende dell 80% in termini reali tra il 1907 e il La crisi è determinata da un incremento dei tassi di interesse a breve, collegato a una crisi di liquidità internazionale.

16 Controvalore degli scambi azionari nelle borse italiane Fonte: Consob 2011

17 La finanza pubblica In seguito all unificazione, tutti i debiti dei territori annessi sono consolidati nel Grande libro del debito pubblico italiano. Il debito pubblico del neonato Regno proviene per il 57,2% dal Regno di Sardegna, per il 29,4% dal Regno di Napoli e di Sicilia e per la quota rimanente dagli altri Stati annessi. Il primo trentennio dell Unità d Italia vede un enorme crescita del debito sul Pil dovuta in parte all esplosione della spesa pubblica, usata per "cementare" il paese, e in parte per la depressione economica che terminò solo agli inizi del Novecento.

18 Nelle vicende della finanza pubblica italiana post-unificazione si possono individuare le seguenti fasi: : viene perseguito il pareggio del bilancio pubblico; : i bilanci di parte corrente sono prima in disavanzo, e a partire dall esercizio finanziario , oscillanti tra avanzi e disavanzi; : decollo economico del Paese, con un tasso di sviluppo del reddito molto elevato e bilanci di parte corrente sempre in attivo fino agli esercizi finanziari e , allorché la tendenza si inverte a causa delle spese militari straordinarie conseguenti alla guerra di Libia; Successivamente alle due guerre mondiali ed all enorme sforzo finanziario, si ricorre alla copertura dei disavanzi con imposte, prestiti bancari ed emissione di carta moneta.

19 Debito dello stato in rapporto al PIL e indice di sostenibilità, Fonte: Conti 2008

20 Fonte: Banca d Italia 2011 Dinamica del debito pubblico: (in milioni di lire)

21 In questo periodo vengono istituite due grandi banche miste: Banca Commerciale Italiana (1894 ) e Credito Italiano (1895). Tale tipologia di banca si caratterizzava per il fatto di raccogliere risparmio attraverso i depositi e di erogare credito mediante concessione di finanziamenti a breve, medio e lungo termine e di fornire capitali alle imprese anche attraverso l assunzione di partecipazioni. Le banche miste giocheranno un ruolo decisivo per la nascita dell industria pesante concentrata nelle tre regioni del triangolo industriale.

22 Nel corso degli anni Venti, le banche accrescono notevolmente il loro ruolo di finanziatori delle grandi imprese industriali fino ad assumerne il pieno controllo: ciò provoca una crescita degli immobilizzi bancari e, quindi, una situazione patrimoniale decisamente appesantita.

23 Negli anni Trenta l economia italiana risente fortemente del propagarsi della crisi del mercato mondiale. A pagarne gli effetti sono soprattutto il mercato industriale e quello borsistico con il crollo dei corsi azionari. Crisi della Banca mista: le principali banche miste italiane (Comit e Credito Italiano), che controllano direttamente o indirettamente gran parte dei pacchetti azionari delle imprese in crisi, si trovarono in serie difficoltà: precarietà dei fidi concessi alle imprese industriali;

24 A causa della crisi di borsa le banche miste italiane sono costrette a intervenire per sostenere i corsi dei titoli azionari di cui detengono una buona fetta (1/3), con le quotazioni scese del 25% il primo anno ed il 21% il secondo. La crisi industriale richiede, inoltre, ulteriori interventi creditizi, finanziati ancora dalle banche miste. Nel 1931 l intreccio crisi economica-banche miste esplode, anche per il ritiro dei depositi e la riduzione dei crediti a breve da parte delle banche estere.

25 La crisi delle industrie, dunque, coinvolge e si propaga alle banche miste e rende indispensabile l adozione di provvedimenti che, almeno sul piano formale, recidono il legame tra banca e impresa.

26 L intervento pubblico Tra il 1926 ed il 1936 si succedono una serie di interventi legislativi che incidono profondamente sul sistema finanziario: 1. nascita della Banca d Italia; 2. istituzione dell IMI; 3. costituzione dell IRI; 4. legge bancaria.

27 1926: la prima legge bancaria Fino al 1926 l attività bancaria era considerata come una normale attività commerciale ; pertanto era regolamentata dalle norme del Codice Civile, e non vi era uno statuto per il settore bancario. Con la legge n. 812 del 1926 si gettano le basi del central banking in Italia, riconoscendo alla sola Banca d Italia sia la facoltà di emissione delle banconote, sia l esercizio della funzione di vigilanza sull attività degli intermediari bancari. Inoltre, al fine di favorire la liquidità del sistema, la legge introduce la riserva obbligatoria.

28 1931: la costituzione dell Istituto Mobiliare Italiano L istituto Mobiliare Italiano (IMI) viene costituito come ente di diritto pubblico con gestione autonoma per la concessione di finanziamenti a protratta scadenza (mutui) e all assunzione di partecipazioni industriali. L attività dell IMI è incentrata sul credito per attività industriali su lungo e medio periodo, emettendo obbligazioni per finanziarsi.

29 1933: nasce l Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI) Il 23 gennaio del 1933 il governo istituisce l IRI allo scopo di eliminare la commistione fra imprese industriali e banche miste. L IRI, diventa proprietario dei pacchetti azionari di maggioranza di molte imprese industriali, salva le banche miste e aiuta molte imprese, finanziandole o assumendone la gestione diretta. L IRI, a seguito di queste operazioni, diventa la più grande holding del Paese con oltre il 40% del capitale azionario italiano.

30 La legge bancaria del 1936 Nel 1936 nasce il sistema bancario fondato su una legge che ne disciplina forme e contenuto con una specifica funzione nel comparto del controllo assunto dalla Banca d Italia; Con tale provvedimento si sancisce lo sviluppo di un sistema il cui modello si basa sulla banca istituzione, con il compito di garantire il sostegno allo sviluppo economico del paese attraverso un adeguato finanziamento al settore industriale.

31 Si assiste ad un deciso cambiamento di alcuni principi dell ordinamento creditizio: a. Principio della specializzazione del credito: Settoriale: le banche vengono distinte in base alla destinazione e, cioè, in relazione ai diversi rami di attività (credito fondiario, credito agrario, ect); Temporale: il credito è distinto secondo la sua natura (credito finanziario e credito commerciale); Territoriale: le banche vengono ordinate in diverse categorie: 1. Banche di interesse nazionale (Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano, Banco di Roma) e la Banca Nazionale del lavoro: costituite in società per azioni e operanti in tutto il territorio; 2. Istituti di diritto pubblico: con una sfera di azione regionale o interregionale; 3. Banche Ordinarie, casse di Risparmio e Banche Popolari: aziende di competenza regionale, provinciale e interprovinciale; 4. Casse rurali: operanti nell ambito comunale.

32 b. principio del pluralismo istituzionale: inteso come "pluralità" di enti creditizi, aventi natura giuridica, caratteristiche strutturali e finalità diverse. Accanto agli istituti di credito ordinario sorge un numero ristretto di istituti di credito speciale. Sia i primi sia i secondi possono essere: privati pubblici

33 c. principio della separatezza tra banca e industria Per evitare il coinvolgimento del sistema bancario nelle crisi delle imprese industriali, si vietano i rapporti di partecipazione azionaria delle banche nelle imprese e viceversa.

34 Inoltre, la legge bancaria del 1936 assegna alla Banca d Italia le seguenti funzioni: Vigilanza sulle banche, attraverso un attività autorizzativa ed ispettiva nella costituzione di nuove banche, nell apertura/chiusura degli sportelli; Gestione della politica monetaria.

35

36 Negli anni che precedono la seconda guerra mondiale, l Italia adotta una politica autarchica come risposta alle sanzioni economiche imposte dalla Società delle Nazioni per la Guerra d Etiopia. Tale strategia nel periodo fascista è volta in realtà a rafforzare l economia di guerra e comporta il drenaggio di risorse pubbliche a sostegno dell industria pesante e la rinuncia a varie importazioni vitali, con gravi distorsioni nei consumi e negli investimenti per un paese poverissimo di materie prime

37 Negli anni immediatamente successivi alla fine del secondo conflitto mondiale la politica del credito è indirizzata al sostegno alle banche a vocazione localistica e allo sviluppo di un sistema di istituti di credito speciale per il finanziamento della grande impresa e la gestione degli incentivi pubblici. La nuova normativa bancaria, unita all azione degli organi di vigilanza favoriscono il processo di concentrazione del sistema con un aumento della dimensione media delle aziende di credito.

38 Con l istituzione dell IRI e dello ISVEIMER inizia un lento processo di riequilibrio territoriale dei flussi finanziari e di azioni concrete in favore dello sviluppo dell attività produttiva nelle regioni del Mezzogiorno. Nel secondo dopoguerra fino ai primi anni 70 vengono delineate le politiche di sviluppo regionale (Cassa per il Mezzogiorno) e si intraprende un impostazione di politica economica improntata a interventi dal lato dell offerta (infrastrutture prima e politiche industriali poi), volti a favorire l ampliamento della base produttiva.

39 Un inversione di tendenza: verso il modello di banca universale Nella seconda metà degli anni 70 lo sviluppo dell economia reale sempre più aperta ai mercati internazionali, esige mercati finanziari più: complessi; organizzati; efficienti; concorrenziali perché minacciati sempre più dalle banche estere. Progressiva liberalizzazione della normativa bancaria e necessità di una riforma che promuovesse l evoluzione del sistema creditizio e finanziario.

40 Durante gli anni 80 si assiste ad una forte innovazione finanziaria ed alla nascita di nuovi intermediari ma la perdita di centralità delle banche è solo apparente, dato che esse controllano buona parte degli intermediari finanziari non bancari.

41 Fonte: Della Torre 2008

42 Fonte: Banca d Italia 2011

43

44 Esplosione del debito pubblico Dopo il 1963 il deficit pubblico inizia piano piano a crescere in seguito alle nazionalizzazioni, ma ancor più negli anni 70-80, in conseguenza di politiche più assistenzialiste del governo. Nel contempo l economia rallenta, esplode la pressione fiscale e l Italia entra in recessione.

45

46

47 Dalla fine degli anni Settanta e nel corso degli anni Ottanta maturano le esigenze di riforma del sistema bancario. Tra i limiti della legge del 1936 troviamo: La banca a proprietà pubblica ha difficoltà a crescere per linea esterna e può risentire di condizionamenti politici. E difficile la contendibilità della proprietà e la raccolta di capitale; La regolamentazione limita la concorrenza: la vigilanza strutturale subordina ad autorizzazioni con elevato contenuto discrezionale l accesso al mercato, le concentrazioni e la stessa espansione territoriale.

48 Il sistema bancario Le continue trasformazioni normative del settore creditizio e il recepimento della seconda direttiva comunitaria rendono difficile e complessa la normativa in materia creditizia. Da qui la decisione nel 1993 di definire un Testo Unico in materia bancaria

49 Il testo Unico (385/93) Definitiva liberalizzazione della proprietà. Abolizione dell obbligo del controllo pubblico sulle banche trasformate in s.p.a.; Superamento della specializzazione per legge : ammissione della banca universale anche nella forma multidivisionale; Prevalenza della vigilanza prudenziale su quella strutturale. L applicazione dei ratios patrimoniali diventa la regola principale, analoga a quella seguita in tutti i sistemi evoluti. Il metodo dei ratios, pienamente applicabile grazie alla privatizzazione del sistema, coniuga fini di prudenza e parità concorrenziale.

50 Nella seconda metà degli anni Novanta, dopo la breve ma durissima recessione 93-94, l effetto combinato della maggiore concorrenza e delle ampie insolvenze determina la crisi quasi sistemica del sistema bancario del Sud. Cessa l indipendenza dei banchi e delle casse di risparmio meridionali; si ha il fallimento del Banco di Napoli

51 In questo periodo iniziano le trasformazioni societarie da banche pubbliche a società per azioni (legge Amato-Carli) con una progressiva privatizzazione del settore bancario

52 Data Privatizzazioni gestite direttamente dal T esoro Operazione Proventi lordi (Euro mln) % del capitale Tipo di vendita Settore feb-94 IMI ,90* Offerta Pubblica Bancario giu-94 INA ,45* Offerta Pubblica Assic. lug-95 IMI ,48 Trattativa diretta Bancario ott-95 INA ,37 Trattativa diretta Assic. nov-95 ENI ,05* Offerta Pubblica Petrolifero giu-96 INA 3** ,08 Convertibile (PENs) Assic. giu-96 IMI ,94 Marketed block trade Bancario nov-96 ENI ,19* Offerta Pubblica Petrolifero giu-97 San Paolo 148 3,36 Offerta Pubblica Bancario giu-97 Banco di Napoli Trattativa diretta Bancario lug-97 ENI ,21* Offerta Pubblica Petrolifero ott-97 Telecom Italia ,54 Off. Pubblica /Tratt. diretta Telecom nov-97 Seat ,74 Trattativa diretta Editoria giu-98 ENI ,21* Offerta Pubblica Petrolifero dic-98 BNL ,85 Off. pubblica/tratt. diretta Bancario ott-99 ENEL ,43* Offerta Pubblica Utility dic-99 Mediocredito Centrale Trattativa diretta Bancario dic-99 Unim 22 1,9 Adesione ad OPA Immobiliare mag-00 CIS 22 53,32 Trattativa diretta Bancario ago-00 Meliorbanca 30 7,21 Trattativa diretta Bancario set-00 Mediolombardo 39 3,39 Trattativa diretta Bancario dic-00 Banco di Napoli ,16 Adesione ad OPA Bancario feb-01 ENI Accelerated Bookbuilding Petrolifero 2001 Quote residue (***) Tratt. diretta / Mercato Bancario 2002 Quote residue (***) Tratt. diretta / Mercato Bancario Totale *l ammontare include le bonus shares allocate agli investitori retail italiani. ** Nel giugno 1996, il Tesoro ha emesso titoli di Stato (Privatisation Exchangeable Notes) convertibili in azioni INA, per il 31,08 del capitale dell INA. *** Quote residue in società finanziarie (mediocrediti regionali) ed in BNL, SanPaolo IMI, INA/Generali e Beni Stabili

53 Il sistema creditizio italiano Alla fine degli anni Novanta il sistema finanziario assume questa configurazione dimensionale: 1) grandi gruppi universali con estensione sull intero territorio, in grado di espandersi all estero; 2) robuste banche di medie dimensioni (con radicamento locale, spesso popolari ); 3) rete delle banche di credito cooperativo; 4) intermediari non bancari indipendenti di piccole dimensioni e con mercati di nicchia: sim, società finanziarie.

54 Sviluppo del mercato azionario Le privatizzazioni avvicinano all investimento azionario i risparmiatori italiani, promuovendo lo sviluppo del mercato finanziario italiano in termini di: Dimensione (numero imprese e capitalizzazione) e liquidità (volume scambi giornalieri); Segmentazione dei mercati azionari a seconda del tipo di imprese (Nuovo Mercato; Star, ); Regole di corporate governance (necessità di regole più moderne e di maggiore tutela degli azionisti di minoranza in presenza di azionariato diffuso).

55 Il rapporto tra capitalizzazione di borsa e PIL: 1996: 20% 2000: 70% 2001: 50% Controvalore delle attività scambiate: 1996: 80 miliardi di Euro; 2000: 870 miliardi di Euro.

56 Crescita del rapporto capitalizzazione di Borsa società italiane/pil dall 11,5% del 1992 al 70,5% del 2000 (ma 48,7% nel 2001). 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 0,00%

57 Anno Peso delle privatizzazioni nello sviluppo del mercato azionario italiano Offerte titoli azionari pubblici su totale offerte equity (%) Offerte titoli azionari pubblici su totale operazioni equity (%)* ,3 9, ,9 43, ,5 43, ,4 63, ,5 83, ,7 53, ,2 64,1 * Offerte pubbliche ed aumenti di capitale

58 Le privatizzazioni hanno costituito l occasione sia per attrarre gli investitori esteri nei mercati finanziari italiani, sia per portare sui mercati finanziari esteri le imprese italiane (ENI ed ENEL, ad esempio, sono quotate anche al NYSE).

59 Inoltre, il mercato azionario italiano mostra una significativa crescita riconducibile, da un lato, ai numerosi interventi legislativi che hanno contribuito all attuale strutturazione del comparto e all ampliamento degli scambi, e, dall altro, alla riduzione dei tassi di interesse che ha favorito una differente allocazione del risparmio.

60 ..ma cosa limita lo sviluppo del mercato azionario italiano? Il problema principale è la carenza di nuove società che si quotano: solo 36 in 16 anni: 271 società nel 1991, 307 nel Inoltre è molto esiguo il grado di internazionalizzazione del listino azionario italiano, nonostante nel 2007 la Borsa Italiana si sia fusa con la Borsa di Londra (London Stock Exchange) Mercato Variazione Variazione % Italia % Francia % Germania % Gran Bretagna %

61 Ma perché così poche imprese quotate? Struttura produttiva con schiacciante prevalenza di imprese familiari; Nanismo industriale: la dimensione è cruciale per la quotazione; Coincidenza tra proprietà e controllo: struttura proprietaria concentrata, finanziamento con capitale proprio o debito, manager poco coinvolti nelle scelte strategiche.

62 La fase attuale: l incertezza Il nuovo secolo ha interrotto il ciclo precedente; la crisi economica in atto ha creato incertezze sull evoluzione futura degli strumenti finanziari. I tassi sono bassissimi e su livelli minimi. La borsa ha pagato lo sgonfiamento della bolla finanziaria e la crisi dei paesi europei periferici (Grecia e Cipro) ha ulteriormente depresso il mercato.

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli