Una periodizzazione dello sviluppo finanziario italiano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una periodizzazione dello sviluppo finanziario italiano"

Transcript

1

2 Una periodizzazione dello sviluppo finanziario italiano Seguendo una periodizzazione relativa alle strategie di regolamentazione del sistema bancario possiamo distinguere cinque periodi: la situazione preunitaria; :dall Unità italiana alla nascita della Banca d Italia; dal 1894 al 1936: nascita di un sistema bancario moderno e finanziamento del decollo industriale; dal 1937 al 1989: vigilanza strutturale, banca pubblica e doppia intermediazione; dagli anni 90 fino ad oggi: vigilanza prudenziale, liberalizzazione e privatizzazione del sistema bancario.

3 La situazione preunitaria "L Italia arriva all unità nazionale in condizioni di arretratezza economica rispetto ai paesi dell Europa Centro-Settentrionale" (Toniolo 1978). L attività agricola costituisce il 60% del prodotto interno privato, contro il 20% delle attività secondarie ed il 22% delle attività terziarie. Il periodo si caratterizza per il «deserto bancario»: il 90% delle transazioni monetarie avviene ancora con l impiego di moneta metallica. Il sistema bancario è formato da diversi istituti di emissione, aziende di credito ordinarie, Casse di Risparmio e Banche Popolari.

4 StatoPre-unitario Istituto di Emissione Anno di creazione Sistema di conto Unita di Moneta Regno di Sardegna Banca Nazionale 1849 Decimale Lira Nuova di Piemonte Ducato di Parma Banca di Parma 1858 Decimale Lira Nuova di Parma Lombardi-Veneto Granducatodi Toscana Banca Nazionale Austriaca 1816 Stabilimento Merc.Di Venezia 1853 Banca Nazionale Toscana 1857 Banca Toscana di Credito 1860 Nondecimale Fiorino di Nuova Valuta Austriaca Non decimale Lira Toscana Nuova Stato Pontificio Regnodelle Due Sicilie Banco dello S.P Bancaper le Quattro Legazioni 1855 Banco delle Due Sicilie 1816 Banco dei Reali domini aldi là del Faro 1850 Decimale Lira Pontificia Non Decimale Ducato del Regno

5

6 Al momento dell unificazione abbiamo una presenza consistente della finanza informale. All interno di questa, sono da menzionare il credito fondato su rapporti fiduciari, amicali e parentali e l attività delle ditte bancarie.

7 La monetizzazione dell economia F = circolazione fiduciaria; M = circolazione metallica Fonti: De Mattia 1967

8 Nel trentennio post-unitario si assiste ad un rapido sviluppo del sistema delle banche popolari che vedono decuplicare la presenza numerica. In questo periodo fino al primo conflitto mondiale si registra una notevole crescita delle dimensioni finanziarie dell economia.

9 L evoluzione del Financial Interrelations Ratio in Italia:

10 Le crisi di liquidità Il sistema bancario post-unitario è sprovvisto di una banca che svolga le funzioni di banca centrale e per di più è assente il mercato interbancario. Ciò impedisce la circolazione della liquidità fra le singole banche e all interno dell economia e contribuisce a spiegare le ricorrenti crisi di liquidità e i fallimenti che caratterizzano il sistema finanziario in quell epoca.

11

12 La nascita della Banca d Italia Il 30 ottobre 1893, dopo lo scandalo della Banca Romana, è istituita la Banca d Italia in seguito al riordino degli istituti di emissione esistenti ovvero alla fusione della Banca Nazionale, della Banca Nazionale Toscana e della Banca Toscana di Credito. Pur mantenendo una pluralità di banche di emissione, si concretizza una preminenza della nuova Banca d Italia sui due banchi meridionali (Napoli e Sicilia). La Banca d Italia resta una società privata, ma i controlli esercitati dagli organi politici sono sempre più stringenti onde evitare il ripetersi degli scandali degli anni precedenti.

13

14 Dal 1890 inizia la prima fase dello sviluppo industriale dell economia italiana: allo sviluppo della struttura produttiva si accompagna l accentuazione del divario tra le due macro aree del paese. Nel periodo si sviluppa l industria italiana: 5,5% il tasso medio annuo di incremento della produzione industriale; 10,5% il tasso medio annuo di incremento degli investimenti.

15 La borsa all inizio del 900 E altamente rappresentativa della realtà industriale: le banche finanziano la crescita delle imprese, accompagnandole fino alle quotazione. Nel 1905 le società quotate rappresentano il 70% del capitale azionario emesso. Numero di società quotate: 59 nel 1900, 169 nel 1907 Nel 1907 si verifica la peggiore crisi di tutto il Novecento e il valore dei titoli quotati scende dell 80% in termini reali tra il 1907 e il La crisi è determinata da un incremento dei tassi di interesse a breve, collegato a una crisi di liquidità internazionale.

16 Controvalore degli scambi azionari nelle borse italiane Fonte: Consob 2011

17 La finanza pubblica In seguito all unificazione, tutti i debiti dei territori annessi sono consolidati nel Grande libro del debito pubblico italiano. Il debito pubblico del neonato Regno proviene per il 57,2% dal Regno di Sardegna, per il 29,4% dal Regno di Napoli e di Sicilia e per la quota rimanente dagli altri Stati annessi. Il primo trentennio dell Unità d Italia vede un enorme crescita del debito sul Pil dovuta in parte all esplosione della spesa pubblica, usata per "cementare" il paese, e in parte per la depressione economica che terminò solo agli inizi del Novecento.

18 Nelle vicende della finanza pubblica italiana post-unificazione si possono individuare le seguenti fasi: : viene perseguito il pareggio del bilancio pubblico; : i bilanci di parte corrente sono prima in disavanzo, e a partire dall esercizio finanziario , oscillanti tra avanzi e disavanzi; : decollo economico del Paese, con un tasso di sviluppo del reddito molto elevato e bilanci di parte corrente sempre in attivo fino agli esercizi finanziari e , allorché la tendenza si inverte a causa delle spese militari straordinarie conseguenti alla guerra di Libia; Successivamente alle due guerre mondiali ed all enorme sforzo finanziario, si ricorre alla copertura dei disavanzi con imposte, prestiti bancari ed emissione di carta moneta.

19 Debito dello stato in rapporto al PIL e indice di sostenibilità, Fonte: Conti 2008

20 Fonte: Banca d Italia 2011 Dinamica del debito pubblico: (in milioni di lire)

21 In questo periodo vengono istituite due grandi banche miste: Banca Commerciale Italiana (1894 ) e Credito Italiano (1895). Tale tipologia di banca si caratterizzava per il fatto di raccogliere risparmio attraverso i depositi e di erogare credito mediante concessione di finanziamenti a breve, medio e lungo termine e di fornire capitali alle imprese anche attraverso l assunzione di partecipazioni. Le banche miste giocheranno un ruolo decisivo per la nascita dell industria pesante concentrata nelle tre regioni del triangolo industriale.

22 Nel corso degli anni Venti, le banche accrescono notevolmente il loro ruolo di finanziatori delle grandi imprese industriali fino ad assumerne il pieno controllo: ciò provoca una crescita degli immobilizzi bancari e, quindi, una situazione patrimoniale decisamente appesantita.

23 Negli anni Trenta l economia italiana risente fortemente del propagarsi della crisi del mercato mondiale. A pagarne gli effetti sono soprattutto il mercato industriale e quello borsistico con il crollo dei corsi azionari. Crisi della Banca mista: le principali banche miste italiane (Comit e Credito Italiano), che controllano direttamente o indirettamente gran parte dei pacchetti azionari delle imprese in crisi, si trovarono in serie difficoltà: precarietà dei fidi concessi alle imprese industriali;

24 A causa della crisi di borsa le banche miste italiane sono costrette a intervenire per sostenere i corsi dei titoli azionari di cui detengono una buona fetta (1/3), con le quotazioni scese del 25% il primo anno ed il 21% il secondo. La crisi industriale richiede, inoltre, ulteriori interventi creditizi, finanziati ancora dalle banche miste. Nel 1931 l intreccio crisi economica-banche miste esplode, anche per il ritiro dei depositi e la riduzione dei crediti a breve da parte delle banche estere.

25 La crisi delle industrie, dunque, coinvolge e si propaga alle banche miste e rende indispensabile l adozione di provvedimenti che, almeno sul piano formale, recidono il legame tra banca e impresa.

26 L intervento pubblico Tra il 1926 ed il 1936 si succedono una serie di interventi legislativi che incidono profondamente sul sistema finanziario: 1. nascita della Banca d Italia; 2. istituzione dell IMI; 3. costituzione dell IRI; 4. legge bancaria.

27 1926: la prima legge bancaria Fino al 1926 l attività bancaria era considerata come una normale attività commerciale ; pertanto era regolamentata dalle norme del Codice Civile, e non vi era uno statuto per il settore bancario. Con la legge n. 812 del 1926 si gettano le basi del central banking in Italia, riconoscendo alla sola Banca d Italia sia la facoltà di emissione delle banconote, sia l esercizio della funzione di vigilanza sull attività degli intermediari bancari. Inoltre, al fine di favorire la liquidità del sistema, la legge introduce la riserva obbligatoria.

28 1931: la costituzione dell Istituto Mobiliare Italiano L istituto Mobiliare Italiano (IMI) viene costituito come ente di diritto pubblico con gestione autonoma per la concessione di finanziamenti a protratta scadenza (mutui) e all assunzione di partecipazioni industriali. L attività dell IMI è incentrata sul credito per attività industriali su lungo e medio periodo, emettendo obbligazioni per finanziarsi.

29 1933: nasce l Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI) Il 23 gennaio del 1933 il governo istituisce l IRI allo scopo di eliminare la commistione fra imprese industriali e banche miste. L IRI, diventa proprietario dei pacchetti azionari di maggioranza di molte imprese industriali, salva le banche miste e aiuta molte imprese, finanziandole o assumendone la gestione diretta. L IRI, a seguito di queste operazioni, diventa la più grande holding del Paese con oltre il 40% del capitale azionario italiano.

30 La legge bancaria del 1936 Nel 1936 nasce il sistema bancario fondato su una legge che ne disciplina forme e contenuto con una specifica funzione nel comparto del controllo assunto dalla Banca d Italia; Con tale provvedimento si sancisce lo sviluppo di un sistema il cui modello si basa sulla banca istituzione, con il compito di garantire il sostegno allo sviluppo economico del paese attraverso un adeguato finanziamento al settore industriale.

31 Si assiste ad un deciso cambiamento di alcuni principi dell ordinamento creditizio: a. Principio della specializzazione del credito: Settoriale: le banche vengono distinte in base alla destinazione e, cioè, in relazione ai diversi rami di attività (credito fondiario, credito agrario, ect); Temporale: il credito è distinto secondo la sua natura (credito finanziario e credito commerciale); Territoriale: le banche vengono ordinate in diverse categorie: 1. Banche di interesse nazionale (Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano, Banco di Roma) e la Banca Nazionale del lavoro: costituite in società per azioni e operanti in tutto il territorio; 2. Istituti di diritto pubblico: con una sfera di azione regionale o interregionale; 3. Banche Ordinarie, casse di Risparmio e Banche Popolari: aziende di competenza regionale, provinciale e interprovinciale; 4. Casse rurali: operanti nell ambito comunale.

32 b. principio del pluralismo istituzionale: inteso come "pluralità" di enti creditizi, aventi natura giuridica, caratteristiche strutturali e finalità diverse. Accanto agli istituti di credito ordinario sorge un numero ristretto di istituti di credito speciale. Sia i primi sia i secondi possono essere: privati pubblici

33 c. principio della separatezza tra banca e industria Per evitare il coinvolgimento del sistema bancario nelle crisi delle imprese industriali, si vietano i rapporti di partecipazione azionaria delle banche nelle imprese e viceversa.

34 Inoltre, la legge bancaria del 1936 assegna alla Banca d Italia le seguenti funzioni: Vigilanza sulle banche, attraverso un attività autorizzativa ed ispettiva nella costituzione di nuove banche, nell apertura/chiusura degli sportelli; Gestione della politica monetaria.

35

36 Negli anni che precedono la seconda guerra mondiale, l Italia adotta una politica autarchica come risposta alle sanzioni economiche imposte dalla Società delle Nazioni per la Guerra d Etiopia. Tale strategia nel periodo fascista è volta in realtà a rafforzare l economia di guerra e comporta il drenaggio di risorse pubbliche a sostegno dell industria pesante e la rinuncia a varie importazioni vitali, con gravi distorsioni nei consumi e negli investimenti per un paese poverissimo di materie prime

37 Negli anni immediatamente successivi alla fine del secondo conflitto mondiale la politica del credito è indirizzata al sostegno alle banche a vocazione localistica e allo sviluppo di un sistema di istituti di credito speciale per il finanziamento della grande impresa e la gestione degli incentivi pubblici. La nuova normativa bancaria, unita all azione degli organi di vigilanza favoriscono il processo di concentrazione del sistema con un aumento della dimensione media delle aziende di credito.

38 Con l istituzione dell IRI e dello ISVEIMER inizia un lento processo di riequilibrio territoriale dei flussi finanziari e di azioni concrete in favore dello sviluppo dell attività produttiva nelle regioni del Mezzogiorno. Nel secondo dopoguerra fino ai primi anni 70 vengono delineate le politiche di sviluppo regionale (Cassa per il Mezzogiorno) e si intraprende un impostazione di politica economica improntata a interventi dal lato dell offerta (infrastrutture prima e politiche industriali poi), volti a favorire l ampliamento della base produttiva.

39 Un inversione di tendenza: verso il modello di banca universale Nella seconda metà degli anni 70 lo sviluppo dell economia reale sempre più aperta ai mercati internazionali, esige mercati finanziari più: complessi; organizzati; efficienti; concorrenziali perché minacciati sempre più dalle banche estere. Progressiva liberalizzazione della normativa bancaria e necessità di una riforma che promuovesse l evoluzione del sistema creditizio e finanziario.

40 Durante gli anni 80 si assiste ad una forte innovazione finanziaria ed alla nascita di nuovi intermediari ma la perdita di centralità delle banche è solo apparente, dato che esse controllano buona parte degli intermediari finanziari non bancari.

41 Fonte: Della Torre 2008

42 Fonte: Banca d Italia 2011

43

44 Esplosione del debito pubblico Dopo il 1963 il deficit pubblico inizia piano piano a crescere in seguito alle nazionalizzazioni, ma ancor più negli anni 70-80, in conseguenza di politiche più assistenzialiste del governo. Nel contempo l economia rallenta, esplode la pressione fiscale e l Italia entra in recessione.

45

46

47 Dalla fine degli anni Settanta e nel corso degli anni Ottanta maturano le esigenze di riforma del sistema bancario. Tra i limiti della legge del 1936 troviamo: La banca a proprietà pubblica ha difficoltà a crescere per linea esterna e può risentire di condizionamenti politici. E difficile la contendibilità della proprietà e la raccolta di capitale; La regolamentazione limita la concorrenza: la vigilanza strutturale subordina ad autorizzazioni con elevato contenuto discrezionale l accesso al mercato, le concentrazioni e la stessa espansione territoriale.

48 Il sistema bancario Le continue trasformazioni normative del settore creditizio e il recepimento della seconda direttiva comunitaria rendono difficile e complessa la normativa in materia creditizia. Da qui la decisione nel 1993 di definire un Testo Unico in materia bancaria

49 Il testo Unico (385/93) Definitiva liberalizzazione della proprietà. Abolizione dell obbligo del controllo pubblico sulle banche trasformate in s.p.a.; Superamento della specializzazione per legge : ammissione della banca universale anche nella forma multidivisionale; Prevalenza della vigilanza prudenziale su quella strutturale. L applicazione dei ratios patrimoniali diventa la regola principale, analoga a quella seguita in tutti i sistemi evoluti. Il metodo dei ratios, pienamente applicabile grazie alla privatizzazione del sistema, coniuga fini di prudenza e parità concorrenziale.

50 Nella seconda metà degli anni Novanta, dopo la breve ma durissima recessione 93-94, l effetto combinato della maggiore concorrenza e delle ampie insolvenze determina la crisi quasi sistemica del sistema bancario del Sud. Cessa l indipendenza dei banchi e delle casse di risparmio meridionali; si ha il fallimento del Banco di Napoli

51 In questo periodo iniziano le trasformazioni societarie da banche pubbliche a società per azioni (legge Amato-Carli) con una progressiva privatizzazione del settore bancario

52 Data Privatizzazioni gestite direttamente dal T esoro Operazione Proventi lordi (Euro mln) % del capitale Tipo di vendita Settore feb-94 IMI ,90* Offerta Pubblica Bancario giu-94 INA ,45* Offerta Pubblica Assic. lug-95 IMI ,48 Trattativa diretta Bancario ott-95 INA ,37 Trattativa diretta Assic. nov-95 ENI ,05* Offerta Pubblica Petrolifero giu-96 INA 3** ,08 Convertibile (PENs) Assic. giu-96 IMI ,94 Marketed block trade Bancario nov-96 ENI ,19* Offerta Pubblica Petrolifero giu-97 San Paolo 148 3,36 Offerta Pubblica Bancario giu-97 Banco di Napoli Trattativa diretta Bancario lug-97 ENI ,21* Offerta Pubblica Petrolifero ott-97 Telecom Italia ,54 Off. Pubblica /Tratt. diretta Telecom nov-97 Seat ,74 Trattativa diretta Editoria giu-98 ENI ,21* Offerta Pubblica Petrolifero dic-98 BNL ,85 Off. pubblica/tratt. diretta Bancario ott-99 ENEL ,43* Offerta Pubblica Utility dic-99 Mediocredito Centrale Trattativa diretta Bancario dic-99 Unim 22 1,9 Adesione ad OPA Immobiliare mag-00 CIS 22 53,32 Trattativa diretta Bancario ago-00 Meliorbanca 30 7,21 Trattativa diretta Bancario set-00 Mediolombardo 39 3,39 Trattativa diretta Bancario dic-00 Banco di Napoli ,16 Adesione ad OPA Bancario feb-01 ENI Accelerated Bookbuilding Petrolifero 2001 Quote residue (***) Tratt. diretta / Mercato Bancario 2002 Quote residue (***) Tratt. diretta / Mercato Bancario Totale *l ammontare include le bonus shares allocate agli investitori retail italiani. ** Nel giugno 1996, il Tesoro ha emesso titoli di Stato (Privatisation Exchangeable Notes) convertibili in azioni INA, per il 31,08 del capitale dell INA. *** Quote residue in società finanziarie (mediocrediti regionali) ed in BNL, SanPaolo IMI, INA/Generali e Beni Stabili

53 Il sistema creditizio italiano Alla fine degli anni Novanta il sistema finanziario assume questa configurazione dimensionale: 1) grandi gruppi universali con estensione sull intero territorio, in grado di espandersi all estero; 2) robuste banche di medie dimensioni (con radicamento locale, spesso popolari ); 3) rete delle banche di credito cooperativo; 4) intermediari non bancari indipendenti di piccole dimensioni e con mercati di nicchia: sim, società finanziarie.

54 Sviluppo del mercato azionario Le privatizzazioni avvicinano all investimento azionario i risparmiatori italiani, promuovendo lo sviluppo del mercato finanziario italiano in termini di: Dimensione (numero imprese e capitalizzazione) e liquidità (volume scambi giornalieri); Segmentazione dei mercati azionari a seconda del tipo di imprese (Nuovo Mercato; Star, ); Regole di corporate governance (necessità di regole più moderne e di maggiore tutela degli azionisti di minoranza in presenza di azionariato diffuso).

55 Il rapporto tra capitalizzazione di borsa e PIL: 1996: 20% 2000: 70% 2001: 50% Controvalore delle attività scambiate: 1996: 80 miliardi di Euro; 2000: 870 miliardi di Euro.

56 Crescita del rapporto capitalizzazione di Borsa società italiane/pil dall 11,5% del 1992 al 70,5% del 2000 (ma 48,7% nel 2001). 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 0,00%

57 Anno Peso delle privatizzazioni nello sviluppo del mercato azionario italiano Offerte titoli azionari pubblici su totale offerte equity (%) Offerte titoli azionari pubblici su totale operazioni equity (%)* ,3 9, ,9 43, ,5 43, ,4 63, ,5 83, ,7 53, ,2 64,1 * Offerte pubbliche ed aumenti di capitale

58 Le privatizzazioni hanno costituito l occasione sia per attrarre gli investitori esteri nei mercati finanziari italiani, sia per portare sui mercati finanziari esteri le imprese italiane (ENI ed ENEL, ad esempio, sono quotate anche al NYSE).

59 Inoltre, il mercato azionario italiano mostra una significativa crescita riconducibile, da un lato, ai numerosi interventi legislativi che hanno contribuito all attuale strutturazione del comparto e all ampliamento degli scambi, e, dall altro, alla riduzione dei tassi di interesse che ha favorito una differente allocazione del risparmio.

60 ..ma cosa limita lo sviluppo del mercato azionario italiano? Il problema principale è la carenza di nuove società che si quotano: solo 36 in 16 anni: 271 società nel 1991, 307 nel Inoltre è molto esiguo il grado di internazionalizzazione del listino azionario italiano, nonostante nel 2007 la Borsa Italiana si sia fusa con la Borsa di Londra (London Stock Exchange) Mercato Variazione Variazione % Italia % Francia % Germania % Gran Bretagna %

61 Ma perché così poche imprese quotate? Struttura produttiva con schiacciante prevalenza di imprese familiari; Nanismo industriale: la dimensione è cruciale per la quotazione; Coincidenza tra proprietà e controllo: struttura proprietaria concentrata, finanziamento con capitale proprio o debito, manager poco coinvolti nelle scelte strategiche.

62 La fase attuale: l incertezza Il nuovo secolo ha interrotto il ciclo precedente; la crisi economica in atto ha creato incertezze sull evoluzione futura degli strumenti finanziari. I tassi sono bassissimi e su livelli minimi. La borsa ha pagato lo sgonfiamento della bolla finanziaria e la crisi dei paesi europei periferici (Grecia e Cipro) ha ulteriormente depresso il mercato.

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti DEBITO PUBBLICO! Debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese,

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati L Evoluzione del Listino: società e titoli quotati Nel biennio 1997-98 la Borsa italiana ha compiuto importanti progressi, in termini sia di dimensione complessiva che di livello qualitativo del listino.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire)

RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire) RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire) RISERVE TECNICHE Totale riserve tecniche di cui all art. 32 L. 22/10/1986 n. 742 Quote

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA INDICE SOMMARIO Capitolo I EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA I.1. Le origini: dalle suggestioni filo-germaniche alla legislazione del 1926......................... 1 I.2. Le crisi bancarie degli anni

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Roma, 21 settembre 2015

Roma, 21 settembre 2015 Roma, 21 settembre 2015 CREDITO, SVIMEZ: CONFIDI AL SUD TROPPO PICCOLI E POVERI, EROGANO IL 25% RISPETTO A QUELLI DEL CENTRO-NORD La SVIMEZ: Servono interventi organici nell ambito del credito e dei Confidi

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI Franco BASSANINI LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI (pubblicato in Fondazioni maggio-giugno 2011) E ancora presto per delineare un bilancio dell esperienza delle Fondazioni

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO. Economia degli Intermediari Finanziari

REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO. Economia degli Intermediari Finanziari REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO Economia degli Intermediari Finanziari MOTIVAZIONI DELLA REGOLAMENTAZIONE Il fatto che il settore finanziario è, rispetto ad altri settori, fortemente regolamentato

Dettagli

Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale

Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale Il rapporto banca-impresa Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale Massimo Talone Milano, 18 ottobre 2012 Differenze strutturali e competitive tra piccole e medie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO (AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 3, DELLA LEGGE 27 OTTOBRE 1993 N. 432) Nel 2003 il Ministero dell economia

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento La crisi segna uno spartiacque epocale per le banche italiane come

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA corso di Storia economica lezione 09.05.2014 gli altri casi nazionali INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA (1896-1920...) LA MINORITA DELLA BORGHESIA INDUSTRIALE: - il liberoscambismo dominante - la faticosa

Dettagli

Crescita economica e il fantasma del sistema finanziario. Alessandro Penati 25 gennaio 2013

Crescita economica e il fantasma del sistema finanziario. Alessandro Penati 25 gennaio 2013 Crescita economica e il fantasma del sistema finanziario Alessandro Penati 25 gennaio 2013 1 Crescita e vincolo finanziario Non c è crescita economica senza un sistema finanziario che la sostenga, e che

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa BANCA ETRURIA Cartella Stampa Chi siamo La storia I nostri Valori Il Gruppo Banca Etruria nasce ad Arezzo e successivamente si consolida attraverso numerose fusioni e incorporazioni fra Banche Popolari

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

un possibile modello per finanziare le imprese con il risparmio privato

un possibile modello per finanziare le imprese con il risparmio privato un possibile modello per finanziare le imprese con il risparmio privato Andrea Crovetto Luglio 2013 1. Andrea CROVETTO Direttore Generale di Banca Finnat. 8 anni di esperienza di capital markets in Citibank

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

TAVOLA -A1 FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO (a tutto il 31.12.2001)

TAVOLA -A1 FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO (a tutto il 31.12.2001) TAVOLA -A1 PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO (a tutto il 31.12.2001) Provenienza Data di entrata Valore di bilancio Capitolo Data di trasferimento (causale) in bilancio (valori espressi

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1

AZIONI SVILUPPO. infografica by 1 AZIONI SVILUPPO Ottobre 2007 infografica by 1 IL MOTIVO DELLE AZIONI SVILUPPO infografica by 2 IL MOTIVO 1 2 Dove siamo? Sistema Italia Tessuto industriale ricco di imprese a BMC (Bassa e Media Capitalizzazione,

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo. Piano strategico 2012-2014

Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo. Piano strategico 2012-2014 Cassa Rurale ed Artigiana di Cortina d Ampezzo e delle Dolomiti Credito Cooperativo Piano strategico 2012-2014 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 17 gennaio 2012 1 POLITICHE DI SVILUPPO GENERALE

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria La finanza d impresa in Italia: banche e mercato Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Perugia, 16 aprile 2015 Traccia dell intervento Punti di debolezza della struttura finanziaria

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli