Analisi dei mercati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi dei mercati finanziari"

Transcript

1 K CAPITAL Analisi dei mercati finanziari Il mondo non finirà nel 212

2 Alcune lezioni che abbiamo (ri)imparato quest anno The real secret of investing is that there is no secret to investing. Every important aspect of value investing has been made available many times over, beginning in 1934 with the first edition of Security Analysis. That so many people fail to follow this timeless and almost foolproof approach enables those who adopt it to remain successful. The foibles of human nature that result in the mass pursuit of instant wealth and effortless gain seem certain to be with us forever. So long as people succumb to this aspect of their natures, value investing will remain, as it has been for 75 years, a sound and low-risk approach to successful long-term investing. (Seth Klarman, prefazione alla sesta edizione di Security Analysis ) Se c è un insegnamento che dobbiamo trarre (ancora una volta) dall andamento dei mercati finanziari nel 211 è che le caratteristiche migliori per un investimento di successo sono la pazienza e la disciplina. L incertezza nei mercati è infatti la regola, non l eccezione: le realtà economiche sono troppo complesse per essere modellate in maniera precisa ed i mercati finanziari, soprattutto nel breve periodo, sono governati dalle scienze comportamentali, non dalla matematica o dalla fisica. Cose che non sono mai successe sono destinate ad accadere: in un investimento il rischio non è dato dalla volatilità di un mercato o di uno strumento, bensì dalla possibilità che il capitale possa essere perso in maniera definitiva. La principale favola dei moderni sistemi di risk management (e spesso quello che guida le decisioni di gestori, promotori finanziari e consulenti vari, assieme alle previsioni di breve periodo) è invece la convinzione che un analisi completa e dettagliata del portafoglio possa essere condotta basandosi esclusivamente sulle serie storiche dei prezzi di mercato, senza alcun riferimento all attività sottostante. Modelli come il VaR sono matematicamente eleganti ma fondamentalmente difettosi: sono utili per analizzare e cercare di prevedere i rischi solo se tutto va come deve andare (in particolare, se il futuro non è troppo diverso dal passato). L andamento dei mercati sfugge tuttavia a questa regola, perché questi sono meno razionali di quello che i sistemi di risk management assumono. Occorre sempre ricordare che un investimento non è un biglietto della lotteria: investire in azioni significa diventare proprietari di una parte di un attività produttiva, mentre un obbligazione è una quota parte del debito di un azienda o di uno stato. Nel lungo periodo il rendimento del portafoglio è dato da cosa acquistate ma soprattutto da quanto lo pagate.

3 I mercati finanziari nel 211 If you can avoid the losers, the winners will take care of themselves (Howard Marks, Oaktree Capital) Per un anno che ha dovuto sopportare il terremoto in Giappone, il downgrade del rating degli Stati Uniti e lo scoppio della crisi dei debiti sovrani in Europa (oltre a crescita economica ancora anemica e problemi politici in varie parti del mondo), i rendimenti di molte classi d investimento sono stati sorprendemente stabili. Anche se vi è stata la tipica variabilità tra settori e paesi, in valuta locale a livello globale i mercati obbligazionari sono saliti del 6%, mentre le azioni hanno perso solo 7% (in euro le performance sono di 9% e -4%, rispettivamente). Andamento dei mercati azionari ed obbligazionari nel 211 e ribilanciato a 1 all inizio della recente crisi (marzo 27) Azioni globali Obbligazioni globali Azioni globali (sx) Obbligazioni globali (dx) gen mar mag lug set nov Fonte: MSCI, Bank of America Merrill Lynch. Gli indici di riferimento sono BofA ML Global Fixed Income Markets Index e MSCI All Countries World Index, misurati in valuta locale. L andamento dei mercati mostra però un sviluppo nettamente divergente tra la prima e la seconda metà dell anno appena passato. All inizio, le aspettative di una sostenuta crescita degli utili (16% atteso per il 211 dopo il 35% del 21) e le iniezioni di liquidità da parte della Fed avevano puntellato i mercati azionari; ma in seguito, le preoccupazioni sui debiti sovrani e la realizzazione che la crescita economica nei paesi occidentali sarebbe stata inferiore a quanto previsto li hanno spinti al ribasso.

4 La progressione tipica di un normale ciclo economico con un mercato rialzista che continua finché non viene strozzato da tassi d interesse in aumento e crescita in rallentamento non sembra verosimile per i prossimi anni. Piuttosto, sono possibili scenari estremi. Quello maggiormente negativo con la disgregazione dell euro che causa una recessione globale, esacerbata da problemi strutturali in Cina non è quello più probabile, ma sicuramente non è un esito impossibile. Ma poiché le valutazioni di molti mercati sono basse ed il sentimento degli investitori è già profondamente negativo, un rimbalzo inaspettato non può essere escluso a priori. Un altra delle caratteristiche del 211 è stata la riprova, se mai ce ne fosse stato bisogno, che la crescita del PIL non è l unica variabile che determina il rendimento del mercato azionario di un paese: come mostra la tabella seguente, i paesi con crescita superiore (di nuovo quelli emergenti) non hanno necessariamente offerto le performance migliori. Crescita PIL 211A Performance mercato azionario 211 US 1,7% 2% Giappone (,7%) (19%) Eurozona 1,5% (15%) Germania 2,8% (15%) Francia 1,4% (14%) Italia,3% (21%) Spagna,5% (9%) UK 1,1% (2%) Cina 9, (18%) India 8, (25%) Brasile 3,5% (12%) Russia 4,5% (16%) Fonte: Deutsche Bank, Bloomberg, MSCI. In valuta locale, include il re-investimento dei dividendi. Uno dei fattori che influenzeranno in maniera preponderante l andamento dei mercati nei prossimi anni continueranno ad essere le decisioni di carattere politico, e non soltanto per quello che riguarda il futuro dell Eurozona. Le tensioni sociali nei paesi sviluppati, la crisi dell Eurozona e la continua richiesta di protezionismo commerciale e finanziario per ribilanciare domanda ed offerta globali rimarranno le variabili chiave per determinare la direzione dei mercati. Con gli interventi governativi (voluti o meno) in vari aspetti dell attività economica, l opinione pubblica ed il ruolo dei politici diventerà sempre più preponderante nella sfera degli investimenti.

5 1 investiti il 1 gennaio 211 sono diventati a fine anno: 113,1 114,3 1 97,5 11,1 12, 12,2 14,2 14,4 15,9 17,1 92,5 94,3 79, 79,5 8,4 84,6 Azioni euro small Metalli industriali Azioni Italia Azioni EM Azioni europee Govt. Italia HY euro Commodities Corp euro BOT Corp euro non-fin Azioni US Obbl. EM Govt. euro (Aaa) Petrolio Oro Fonte: MSCI, Bank of America Merrill Lynch, S&P, Bloomberg. Tutti i rendimenti sono stati convertiti in euro usando i cambi di inizio e fine anno. I migliori investimenti per il 211 sono stati l oro (di nuovo come nel 21, + 14,3%) e petrolio (+13,1%), oltre ai titoli del tesoro sicuri, ovvero paesi con rating AAA e mercati emergenti. Altre classi che hanno fatto bene includono le obbligazioni di quelle nazioni che hanno preso l austerità fiscale sul serio già da un paio d anni, in particolare UK ed Irlanda. I peggiori investimenti sono stati invece le azioni (non solo i mercati europei ma anche il Giappone e quelli emergenti), i metalli industriali (molto sensibili al ciclo economico ed alle attese di crescita globale) ed ovviamente le obbligazioni dei paesi periferici europei. Da notare che alcune delle classi più conservative (in questo caso i Treasuries americani ed i bund tedeschi) hanno registrato la miglior performance nella seconda parte dell anno, quando i problemi del debito europeo sono diventati più acuti. Ma altri beni rifugio tradizionali, come l oro ed il franco svizzero, hanno invece mostrato enorme volatilità e basse performance proprio in questo contesto 1 : dopo aver aperto l anno a $1.41/oncia, l oro ha raggiunto un picco di circa $1.89 a settembre, salvo poi chiudere l anno a $1.575, per una diminuzione di 17% dal massimo. 1 La correzione del franco svizzero è stata tuttavia dovuta al massiccio intervento della banca centrale che non vuole una valuta troppo forte.

6 Nel corso del 211 i mercati azionari europei sono stati guidati quasi esclusivamente dalla percezione del rischio sovrano, come ben mostrato nel primo grafico a sinistra (l indice dei CDS sovrani è su scala inversa). In termini settoriali, come era facile aspettarsi i titoli peggiori sono stati quelli finanziari (sia in Italia che nell intera Eurozona), seguiti dagli industriali e dalle utilities. L unico settore che ha registrato un rendimento soddisfacente è stato quello farmaceutico, ma sono stati positivi anche il settore energetico e quello dei beni di consumo, più resistenti ai periodi negativi MSCI Euro (sx) Indice SovX Europa (dx, inverso) 1 1 (1) 8 2 (2) 7 3 (3) Eurozona 6 4 (4) Italia gen mar mag lug set nov HC EN CS TLC CD IT MAT UTI IND FIN Fonte: Bank of America Merrill Lynch, MSCI. Include società di qualsiasi capitalizzazione ed il re-investimento dei dividendi. Legenda: EN = energia; MAT = materiali di base; IND = industriali; CD = beni di consumo discrezionali; CS = beni di consumo di base; HC = farmaceutici e prodotti per la salute; FIN = finanziari; IT = information technology; TLC = telecomunicazioni; UTI = Utilities.

7 Un rivisitazione delle previsioni per il 211 There are two types of forecasters: those who don t know, and those who don t know they don t know (John Kenneth Galbraith) All inizio dello scorso anno, praticamente tutte le banche d affari erano ottimiste sull andamento dei mercati azionari: c era chi preferiva gli US, chi l Europa; quasi tutte erano concordi nel puntare sui mercati emergenti. A livello globale i rendimenti attesi erano compresi tra 12% ed 2 per la maggior parte dei mercati 2. Come visto in precedenza, i risultati attuali sono stati ben diversi. I principali fattori portati a favore delle azioni 12 mesi fa erano: I mercati azionari erano considerati a buon mercato, trattando a multipli inferiori alle loro valutazioni storiche: ad esempio, i multipli P/E erano circa 11x 13x rispetto ad una media storica di circa 15x; Gli utili aziendali erano ancora depressi, in quanto non tutti i settori erano usciti dalla crisi in maniera uniforme: le previsioni erano di ulteriori aumenti negli anni seguenti; Il ROE aveva recuperato dal minimo di 8% nel 29 fino al 14%, ed era quindi in linea con la media degli ultimi 2 anni; Le aziende avevano sistemato i loro bilanci e ridotto il debito eccessivo, e molte avevano ampia liquidità disponibile per espandersi attraverso acquisizioni e fusioni. In realtà molti degli argomenti erano circolari. Il principale è quello secondo cui le azioni sono convenienti perché le obbligazioni non lo sono : qualsiasi multiplo può essere giustificato da previsioni di crescita futura che sono sufficientemente elevate (od eccessivamente basse). Ad esempio, determinare il P/E equo utilizzando il rendimento delle obbligazioni corporate avrebbe portato a gennaio 211 ad un valore di 17x; utilizzando il modello della Fed (basato sui titoli del tesoro a 1 anni e molto in voga negli anni 199) portava addirittura a 36x. Il secondo punto debole di queste previsioni è che nel denominatore del P/E le banche d affari utilizzano le loro previsioni sugli utili aggregati nei successivi 12 mesi: queste sono sempre, invariabilmente, positive, quindi il P/E potenziale è più basso di quello che è in realtà. Dubitate sempre delle previsioni fatte sull andamento a breve dei mercati azionari od obbligazionari: questo non perché gli analisti delle banche siano incapaci (è anzi vero il contrario), piuttosto perché sono caratteristiche psicologiche, e quindi sistematiche, che dominano le loro conclusioni. In particolare sono soggetti ai problemi di ancoraggio/conservatorismo (la tendenza a formarsi un punto di riferimento sulla base del quale effettuare le proprie scelte) e di herding (o istinto gregario: la tendenza a seguire la massa e ad adattare il proprio pensiero all opinione prevalente). Gli eventi estremi (sia in positivo che in negativo) sono invece sempre più probabili di quello che pensa la maggioranza: una scelta presa da un comitato non è migliore della media delle scelte individuali se tutti hanno le stesse preferenze e pregiudizi. 2 Mentre questi rendimenti sono ovviamente possibili in ogni singolo anno, è difficile pensare che siano sostenibili nel lungo periodo in un mondo in cui la crescita nominale è del 3%-4%.

8 L Europa è il nuovo Giappone? There is an old saying that stock markets are ruled by optimists and bond markets are populated with pessimists. The winners are ultimately the realists. (David Rosenberg) Tra il 198 ed il 199 il PIL nominale giapponese aumentò cumulativamente di 82,5%; per i successivi venti anni la crescita fu solo di 8,3%. Nel 199 il Giappone aveva un rapporto tra debito e PIL di circa 7; oggi questo valore supera 22. I prezzi delle attività sono prima saliti e poi crollati, lasciando in eredità una montagna di debito che è stato scaricato sul settore pubblico, mentre misure di austerità, trend demografici negativi e la produttività sono diventate una pesante zavorra sulla crescita. L Europa è quindi destinata a ripercorrere la strada del Giappone? La risposta veloce è no: l attuale situazione europea, pur simile sotto vari aspetti, non è la stessa del paese del sol levante due decadi fa. In particolare, l Europa non è entrata nella propria crisi partendo da valutazioni stratosferiche per il mercato immobiliare, gli investimenti ed il debito aziendale: al loro picco i mercati azionari europei hanno toccato appena un quarto dei valori massimi di quello giapponese. Cadere dal secondo piano di un palazzo è sicuramente pericoloso, ma molto meno che cadere dal decimo piano. Per l Europa si è trattato di un boom nella redditività delle aziende più che una crescita del PIL, e le similitudini tra le due economie riguardano soprattutto l esplosione del credito necessaria ad alimentare le spese, avvenuta al di fuori del normale sistema finanziario. Ci sono infatti più differenze che punti di contatto. In senso negativo, l Europa sta soffrendo di un problema dei debiti sovrani molto più acuto di quello sperimentato dal Giappone, anche se in entrambi i casi c è stato un deterioramento della posizione fiscale. L Eurozona sarà costretta ad una maggiore austerità forzata, mentre il Giappone aveva maggior spazio di manovra, soprattutto per quello che riguardava la politica monetaria della propria banca centrale (anche se questa fu tardiva). Molti dei paesi europei hanno invece una montagna di debito che è come se fosse denominato in una valuta non domestica, dato che non hanno alcun potere sul tasso di cambio. Minimo 29 = massimo 1999 In positivo, in Europa non vi è stata un esplosione del debito immobiliare o per investimenti aziendali come quella vissuta in Giappone. Qui i prezzi delle proprietà commerciali aumentarono infatti del 3 nei 5 anni precedenti il picco del 1989; nei paesi europei sono invece cresciuti solo del 6 prima del 27. Le spese per investimenti delle aziende toccarono il massimo del 33% del PIL in Giappone prima di ridursi stabilmente attorno al 21%; in Europa l apice è stato del 22% ed è già diminuito al 19%, più o meno i livelli raggiunti dopo lo scoppio della bolla Internet nel 21. Infine, come mostra il grafico a destra, uno dei risultati più impressionanti della recessione del è il modo in cui le aziende europee hanno mantenuto la loro redditività: i margini operativi (ex banche) si sono contratti nel 29, ma ad un livello che rappresentava il picco degli anni % 1 5% Fonte: UBS.

9 Dove investire: Giappone vs. Eurozona Quali investimenti hanno ottenuto i migliori risultati dopo lo scoppio della bolla giapponese? Il chiaro vincitore sono stati i titoli governativi, come mostrato nel primo grafico qui sotto: tra il 1989 ed il 211 il loro rendimento totale è stato di 18. Le azioni, al contrario, dopo oltre venti anni sono ancora a -65%. Può la stessa situazione ripetersi in Europa? Se si guarda ai rendimenti obbligazionari, le condizioni sono molto diverse: allo scoppio della bolla i titoli giapponesi erano molto più a buon mercato, con rendimenti oltre il doppio di quelli in Europa nel 27 e ben 4 volte quello che rende oggi il bund (secondo grafico). È difficile immaginare che i rendimenti dei paesi core possano scendere ancora dalle valutazioni attuali. Andamento dei mercati giapponesi dopo la bolla Tassi d interesse in Giappone e nella Eurozona % Titoli giapponesi 7-1 anni Titoli Euro Aaa 7-1 anni Euro: oggi 2,5% % % 2 Indice azioni (sx) Indice titoli stato (7-1 anni, dx) % Jpn: oltre 8% Fonte: Bank of America Merrill Lynch, MSCI. I tassi d interesse delle Eurozona sono quelli dei paesi core. Alla fine degli anni 198 la maggior parte dei paesi sviluppati erano appena entrati in un mercato obbligazionario rialzista, poiché l inflazione era in una fase di strutturale calo. Anche questa è una prospettiva che difficilmente verrà ripetuta in Europa nei prossimi anni: oggi i titoli europei con rating AAA offrono un rendimento che è del 35% inferiore rispetto alla loro media degli ultimi 15 anni, mentre i rendimenti reali sono prossimi allo zero o addirittura negativi (Francia,6%, Germania -,5% ed UK -1% su scadenze di 5 anni). I fondi pensione dovranno prima o poi interrompere il massiccio ri-bilanciamento verso le obbligazioni, iniziato a partire dal 28, perché hanno bisogno di ottenere rendimenti reali nell ordine del 3%-4% e le obbligazioni europee non offrono nemmeno lontanamente questi valori. È difficile immaginare per i prossimi anni un rally continuato e sostenuto per i titoli di stato europei come quello avvenuto in Giappone.

10 Per quello che riguarda le azioni, il grafico a destra mostra il premio implicito nelle valutazioni (rispetto ai valori storici) al momento del picco. Il mercato giapponese trattava ad un premio del 73% rispetto al dividend yield, del 13% rispetto al P/E e del 64% sul P/BV in aggregato, una sopravvalutazione di circa 8 3. Per l Europa, al contrario, la sopravvalutazione media era solo del 22%. Quindi un ben diverso punto di partenza. Quali settori hanno fatto meglio in Giappone dopo la bolla? Quando il premio al rischio per le azioni aumentò drasticamente, i settori che fecero meglio furono ovviamente quelli più difensivi (come beni di consumo e farmaceutici), oltre alle azioni di società con bilanci sani e che pagavano dividendi stabili. I finanziari, complici sia l alto livello di indebitamento del sistema che la ridotta crescita, furono i peggiori % 13% Europa (maggio 27) Giappone (dicembre 1989) 35% 64% 19% 73% Performance azioni giapponesi ( ) Performance azioni europee (27-211) Beni di consumo 132,8% 56,9% Farmaceutici 93,7% 44,9% Industriali 67,1% 3, Tecnologia 57,7% 7,9% Telecom 23,5% 19,7% Materiali di base (15,6%) 34, Energia (16,8%) 27,4% Utilities (28,3%) (17,3%) Finanziari (63,2%) (39,8%) Fonte: UBS. Fonte: UBS. P/E P/BV Dividend yield 3 Questo significa che gli investitori ottenevano un dividend yield inferiore del 73% rispetto alla media storica, e che pagavano un P/E e P/BV superiori del 13% e del 64%, rispettivamente, rispetto al passato.

11 Asset allocation: Life in the slow lane Alice: Would you tell me, please, which way I ought to go from here? That depends a good deal on where you want to get to, said the Cat. (Alice s Adventures in Wonderland) Una delle prime decisioni prese da qualsiasi investitore riguarda l asset allocation, ovvero la ripartizione del portafoglio a differenti macro-classi (mercato monetario, obbligazioni, azioni, commodities, immobiliare, ). Nessuna di queste classi dovrebbe essere vista come superiore alle altre in senso assoluto: l asset allocation è infatti una funzione degli obiettivi personali, della necessità di una rendita, dell avversione al rischio, Tuttavia, gli obiettivi di rendimenti reali devono essere realistici: questi sono infatti una funzione delle opportunità offerte dai mercati, non dei propri bisogni o desideri. L elemento più importante da tenere in considerazione per molti investitori è il fatto che nel corso dell ultima generazione i rendimenti di molte classi sono diminuiti drasticamente, come mostrato nei due grafici sottostanti. Rendimento (yield) obbligazioni Rendimento annuo composto azioni globali (su 1 anni) 15% 12% Titoli di stato G7 (5-1 anni) BOT 2 15% 9% 1 6% 5% 3% (5%) Fonte: Bank of America Merrill Lynch, MSCI. Tutti i valori sono in valuta locale, ed include il re-investimento dei dividendi.

12 A partire dal secondo dopoguerra, la generazione che era uscita dalla Grande Depressione aveva una decisa preferenza per gli investimenti obbligazionari, come mostrato nel grafico a lato. [EY (=earnings yield, l inverso del rapporto P/E) è il rendimento delle azioni e BY (=bond yield) è il rendimento delle obbligazioni. Quando EY>BY gli investitori hanno una preferenza per le obbligazioni: un alto EY significa che P/E è basso. L opposto vale quando EY < BY: in questo caso i mercati azionari sono euforici, P/E è alto ed EY è inferiore a BY]. Questa preferenza diminuì progressivamente negli anni 196, che furono infatti un periodo di boom per i mercati azionari, ma poi tornò da metà degli anni 197, caratterizzati da elevata inflazione e mercati azionari moribondi. Il trend si capovolse di nuovo all inizio degli anni 198, quando cominciò il più lungo mercato rialzista della storia. Questa ritrovata cultura azionaria durò ininterrotta fino al 27, soltanto scalfita dallo scoppio della bolla Internet. Oggi, dopo la crisi del 28, i mercati sono tornati in una situazione di chiara preferenza per le obbligazioni. Differenza tra earning yield (misurato su 1 anni) e bond yield (rendimento dei titoli del tesoro a 1 anni) Mentre i rendimenti diminuivano, la correlazione tra classi d investimento - ed all interno delle classi stesse aumentava 4 : Correlazione tra: e: Variazione Azioni paesi sviluppati Azioni mercati emergenti,62,87 25% Azioni paesi sviluppati (loc) Azioni mercati emergenti (loc),58,83 25% Azioni paesi sviluppati Commodities (,9),29 38% Azioni globali Obbligazioni G7,34,9 (25%) Azioni globali (loc) Obbligazioni G7 (loc),27 (,33) (6) Azioni globali Obbligazioni corporate IG,34,32 (2%) Azioni globali Obbligazioni corporate HY,42,69 27% Fonte: MSCI, Bank of America Merrill Lynch. Valori misurati in USD tranne dove specificato (loc = valuta locale) su base mensile. 1 5% (5%) EY < BY: preferenza per azioni EY > BY: preferenza per obbligazioni Fonte: Prof. Shiller (Yale University). 4 Con l unica eccezione di quella tra azioni globali e titoli di stato dei paesi sviluppati. Questa è stata soprattutto una conseguenza degli eventi degli ultimi tre anni e gran parte della riduzione nella correlazione è dovuta ai movimenti delle varie valute più che ai prezzi delle obbligazioni. Quando si decide sulle allocazioni bisognerebbe fare delle ipotesi sulle correlazioni attese future piuttosto che utilizzare semplicemente quelle storiche.

13 La realtà che dobbiamo accettare è che siamo in un mondo di bassi rendimenti, causati dalla ridotta crescita a livello globale. In termini teorici si hanno infatti le seguenti relazioni: PIL nominale = crescita effettiva + inflazione effettiva Rendimento titoli tesoro = crescita attesa + inflazione attesa Le conseguenze per l asset allocation sono contrastanti: i trend demografici di allungamento della vita media comportano l esigenza di accumulare di più durante il periodo lavorativo per sostenere i propri bisogni per più anni (e quindi minori consumi, maggiori risparmi ed investimenti ad alto rendimento); la necessità di flussi di capitale costanti e periodici nel periodo della pensione porta invece ad una preferenza per strumenti a reddito fisso, il cui rendimento potrebbe però non essere sufficiente. Inflazione I timori di molti investitori continuano ad essere ancorati attorno ad un tema principale: la lotta tra le spinte deflazionistiche e quelle inflazionistiche. Da un lato, infatti, c è la possibilità (in particolare in Europa) di uno scenario giapponese light, caratterizzato da bassa crescita, continue perdite da parte delle banche e domanda dei consumatori molto debole. L alternativa è un ritorno agli anni 197, quando un errata politica monetaria espansiva portò ad elevata inflazione e fallimenti aziendali. Nel corso degli ultimi 2 anni l inflazione non ha avuto un impatto significativo sulle scelte d investimento. Data la crescente importanza del mandato istituzionale delle banche centrali di contenere l inflazione, le aspettative si sono progressivamente livellate sugli obiettivi delle banche centrali stesse. Questa situazione di inflazione bassa e stabile ha contribuito in maniera significativa allo sviluppo economico delle ultime due decadi, che potrebbero essere definite di grande moderazione in quanto caratterizzate da una situazione macroeconomica molto ordinata nei paesi sviluppati. Ma la crisi del 28, e le sue conseguenze che continuano a propagarsi nei mercati, hanno costretto gli investitori a porsi delle domande sulla stabilità nei prossimi anni sia dell inflazione che della crescita globale. Gli alti livelli di debito e la fragilità dei mercati stanno rendendo molto complicato per le banche centrali focalizzarsi unicamente sugli obiettivi di inflazione, con il mantenimento della stabilità finanziaria e dell occupazione che prendono pian piano precedenza nella loro agenda. Soltanto 18 mesi fa la maggior parte degli economisti erano preoccupati dallo spettro della deflazione; ma negli ultimi mesi l inflazione è salita molto più velocemente di quanto si aspettavano ed è oggi a livelli ben superiori rispetto ai target. Ad esempio, le ultime letture per la Eurozona indicano un livello di 3% rispetto all obiettivo di 2% della BCE; in UK l indice dei prezzi al consumo è addirittura aumentato del 5,5% su base annuale.

14 Le banche centrali sono tuttavia bloccate in una trappola di tassi prossimi allo zero, necessari per tenere a galla le economie. Tutte le maggiori banche centrali hanno mantenuto tassi bassi ed effettuato operazioni di quantitive easing; la BCE, unica eccezione, ha provato a rialzare i tassi per due volte nel corso del 211, salvo poi vedersi costretta a fare retromarcia quando i problemi dell Italia sono esplosi in maniera lampante. L effetto più visibile è la pressione verso l alto nei prezzi delle attività reali che, soprattutto attraverso il percorso delle materie prime, è stata il principale fattore nell accelerazione dei prezzi dei beni. L esperienza post-28 mostra come le banche centrali continueranno ad intervenire in maniera aggressiva in supporto della crescita economica e dei mercati tollerando quindi il rischio di un aumento dell inflazione in particolare in US e UK, dove le autorità hanno fatto chiaramente capire di essere pronte a fornire aiuti aggiuntivi qualora ce ne fosse bisogno. Per molte banche centrali (con l eccezione della BCE, modellata sull esperienza della Bundesbank), il rischio di inflazione superiore ai propri obiettivi è visto come un prezzo accettabile da pagare per mantenere la stabilità economica e finanziaria. In questo scenario, i mercati dell inflazione possono offrire opportunità interessanti. I tassi breakeven l inflazione implicita nei prezzi dei titoli nominali ed inflation-linked sono stati recentemente impattati da diversi fattori: la fuga verso i titoli nominali, più liquidi; le preoccupazioni sul rischio di recessione e crescita negativa; e gli interventi ufficiali di acquisto da parte delle banche centrali di gilts inglesi e BTP italiani (nominali). In molti mercati le valutazioni anticipano tassi d inflazione al di sotto degli obiettivi per i prossimi anni: per i titoli francesi e tedeschi l inflazione breakeven su titoli a 5 anni è oggi di 1,3%. Di conseguenza, gli investitori possono spostarsi dai titoli nominali a quelli inflation-linked ed ottenere un profitto se l inflazione effettiva sarà invece in linea con gli obiettivi delle banche centrali.

15 Azioni: separare il rischio di ciclicità dal rischio finanziario An astute investor whose abilities we highly respect has observed that stock prices are much more volatile than the businesses whose ownership they represent. Thus, well established profitable businesses tend to be stable, consistent, even surprisingly predictable, and are capable of withstanding periods of adversity without lasting damage. In contrast, stock prices are uncertain, variable, capricious, unpredictable and highly responsive to short-term transient influences. It is ironic that so many investors devote so much effort to the exceptionally demanding challenge of predicting these volatile short-term price movements. We prefer to direct our energies toward accumulating the basic knowledge necessary to identify and value the essentially stable, profitable, superior business enterprises in which we have an investment interest. (George Michaelis, Source Capital: Lettera agli investitori 1979) Cercare semplicemente valore nei mercati azionari può al momento non essere sufficiente. Nello scenario peggiore il rischio per gli investitori non è infatti legato agli utili (cioè una componente ciclica nell equazione della valutazione), bensì alla liquidità, ovvero la possibilità che una società non abbia più accesso ai mercati dei capitali (rischio finanziario). Gli investimenti migliori per i prossimi anni saranno pertanto quelli che già prezzano una recessione (contrazione degli utili) ma sono finanziariamente solidi da poter sopravvivere la parte discendente del ciclo economico. Come in tutti i periodi di recessione, il multiplo P/BV è un indicatore più attendibile del P/E perché è una misura più stabile del valore. Una delle massime di Wall Street ammonisce infatti che gli investitori guardano il conto economico durante i boom economici e lo stato patrimoniale durante le recessioni. Sotto questo aspetto il mercato giapponese è molto vicino al minimo storico. L Europa (escludendo il Regno Unito) è soltanto 16% sopra i minimi di marzo 29, anche se è ben lontana da raggiungere i valori del 1982, quando il P/BV scese fino a,74x. Gli US ed i mercati emergenti, i più veloci a riprendersi dalla crisi del 28, sono addirittura sopra i minimi del 29 del 28% e 41%, rispettivamente. P/BV P/BV P/BV Differenza (211) (min 28-29) (min dal 1974) Differenza Giappone,92x,9x (3%),9x (3%) Europa (ex UK) 1,28x 1,7x (16%),74x (42%) Europa 1,37x 1,11x (19%),77x (44%) US 2,3x 1,46x (28%),98x (52%) Asia (ex Giappone) 1,58x 1,12x (29%) 1,12x (29%) Mercati emergenti 1,58x,93x (41%),93x (41%) Fonte: HSBC, MSCI.

16 Gli storici dei mercati fanno notare come tutte le maggiori bolle azionarie (come quelle negli US nel 1929 e 1965 e quella in Giappone nel 1989), dopo la loro implosione tornarono velocemente sotto i trend di lungo periodo e vi rimasero per alcuni anni. Ma le politiche di stimolo applicate in particolare dalla Fed sotto Alan Greenspan ed il suo successore Ben Bernanke hanno portato come risultato 2 anni di mercati sopravvalutati e margini di profitto atipicamente elevati. La prima bolla a scoppiare (quella Internet) non riportò affatto i valori sotto il loro trend storico, e la seconda (nel 28 la prima vera bolla globalizzata ) ha impiegato solo tre mesi per recuperare fino ai prezzi di lungo periodo. Questo comportamento è unico nella storia: in media ci sono voluti infatti circa 14 anni dopo lo scoppio di una bolla per tornare ai valori di trend 5. Molti investitori, abituati agli ultimi mercati ribassisti - severi ma sempre brevi - hanno oggi aspettative di una rapida ripresa che potrebbe non realizzarsi. Per la cronaca, il grafico a destra mostra quale sarebbe l andamento dell indice S&P 5 se seguisse la traiettoria media dei mercati dopo lo scoppio di bolle simili: non molto incoraggiante Preferite azioni che pagano buoni dividendi Data l incertezza sugli utili, da un punto di vista delle valutazioni l elemento che maggiormente può supportare i mercati azionari è il dividend yield: in Europa questo è infatti del 4,8% rispetto ad una media degli ultimi 3 anni del 3%. Con i tassi monetari ancorati vicino allo zero ed i rendimenti delle obbligazioni ai minimi storici ed inferiori all inflazione, gli investitori alla ricerca di una rendita saranno costretti a rivolgersi ai dividendi azionari: a maggior ragione considerando che gli stati patrimoniali aziendali sono molto meno sotto stress del 28 e che i dividendi sono sufficiente coperti dai flussi di cassa. In periodi di crescita nulla o negativa i dividendi sono sempre più stabili degli utili: nelle 5 recessioni dagli anni 197 ad oggi, in Europa gli utili hanno registrato in media un calo del 4, mentre i dividendi solo di 11%. Se possibile, le aziende preferiscono mantenere i dividendi 5 Jeremy Grantham: The shortest letter ever (GMO, dicembre 211). Fonte: GMO. 5% 4% 3% 2% 1% Dividend yield Obb. corporate AA Oggi Media storica Bund Euribor 3 mesi Fonte: Bloomberg, UBS, Bank of America Merrill Lynch.

17 anche quando la situazione macroeconomica peggiora: in caso contrario temono di mandare al mercato un segnale troppo negativo sulle proprie condizioni reali (anche se in casi estremi sono ovviamente forzate a tagliarli o cancellarli, come successo alle banche nel 28 e 29). Il pay-out (ovvero quanto le aziende pagano in dividendi rispetto agli utili) è oggi in aggregato attorno al 45%, anch esso inferiore alla media storica: in ogni recessione dal 197 ad oggi il pay-out è cresciuto fino a 6-75%, quindi il valore odierno concede spazio di manovra. Infine, nel passato i dividendi hanno rappresentato circa il 95% del rendimento complessivo in situazioni di mercato laterale. Banche europee: ancora non dei buoni investimenti Il necessario de-leveraging nel settore bancario a seguito della crisi del è appena cominciato 6. I due principali fattori che determineranno l andamento dei titoli bancari saranno il costo di finanziamento delle loro attività e l esposizione ai titoli dei paesi periferici (GIIPS). La solvibilità e la liquidità delle banche europee rimarrà infatti uno dei temi centrali anche nel 212, ed ovviamente aumenterà la necessità di una loro ri-capitalizzazione in caso di default di uno stato sovrano (ma anche a causa di una nuova recessione, che quasi tutti danno ormai per scontata). Per quanto riguarda il primo punto (costo del funding) il grafico sottostante mostra l andamento dell indice itraxx Financials, un paniere di CDS su titoli finanziari europei, sia per strumenti senior che subordinati. Come si evince dal grafico, gli spread sono andati allargandosi in maniera significativa nel corso del 211, raggiungendo e poi superando i picchi toccati dopo il fallimento di Lehman Brothers. 6bp Senior Subordinati 4bp 2bp bp lug 8 gen 9 lug 9 gen 1 lug 1 gen 11 lug 11 Fonte: Bank of America Merrill Lynch. 6 Per maggiori informazioni vedere anche il report Banche europee - valutazioni e prospettive, presente nella sezione Links & Reports del sito.

18 Questo rende molto più costoso, ed alle volte impossibile, per le banche rifinanziare i titoli in scadenza, aumentando il rischio di una riduzione improvvisa e significativa della liquidità: come presentato nelle due tabelle seguenti, nei prossimi due anni vi è una enorme massa di obbligazioni bancarie in scadenza nella Eurozona (le tabelle riportano solo alcuni paesi ed alcune delle principali banche) Totale Germania 137,2 126,2 263,4 Spagna 142,8 9,9 233,7 UK 117,3 64,8 182,1 Italia 84,5 71,1 155,6 Francia 78,7 68,5 147,2 Olanda 47,9 35, 82,9 Fonte: Deutsche Bank. Dati in miliardi di euro Senior Covered Garantiti* Totale Senior Covered Garantiti* Totale Totale Santander 17,5 12,6 1,2 31,2 14,6 12,6-27,2 58,3 Lloyds 7,1 9, 2,5 36,5 8,4 9, - 17,4 53,9 RBS 6,8 3,2 21, 31, 11,6 3,3-14,9 45,9 Intesa Sanpaolo 12,5 6,6-19,1 17,4 6,6-24, 43, Unicredit 22, 4,4-26,3 1,1 4,4-14,4 4,7 Rabobank 2, ,2 17, ,6 37,9 BBVA 6,4 12,3,4 19, 5,4 12,3-17,7 36,7 HSBC 15,6 2,3-17,9 15,8 2,3-18,1 36, Credit Agricole 17,1 2,8-19,9 8,3 2,8-11,1 31, Barclays 7,3-8,3 15,6 6, ,3 21,9 BNP 8,8 2,8-11,6 7,6 2,7-1,3 21,9 ING 4,3 1, 4,4 9,7 9, 1,,5 1,5 2,2 Monte dei Paschi 8,4 2,8-11,2 5,1 2,8-7,9 19,1 Fonte: Deutsche Bank. Dati in miliardi di euro. * Titoli garantiti dallo Stato.

19 Per quello che riguarda l esposizione ai paesi periferici, le due tabelle seguenti mostrano l esposizione alle nazioni GIIPS del settore bancario di diversi paesi, sia a livello totale che direttamente ai titoli di stato. Mentre le banche americane hanno un esposizione limitata, Francia, Germania ed in parte UK hanno significativi investimenti nei paesi periferici, inclusa la Grecia. Esposizione Altri Totale Francia Germania UK complessiva Europa Europa US Grecia 55,7 21,4 12,6 31,1 12,8 8,4 Irlanda 32, 11,5 14,9 96,7 38,1 53,6 Italia 416,4 161,8 73,7 185,6 837,5 46,9 Portogallo 25,7 35,9 25,4 19,7 196,7 5,3 Spagna 15,9 177,5 1,9 213,9 643,2 66,8 Totale 68,7 57, 353,5 637, 2.178,2 18,9 Esposizione a Altri Totale Francia Germania UK titoli di stato Europa Europa US Grecia 1,7 12,4 3,3 1,2 36,6 2,3 Irlanda 2,9 3,5 3,7 3,4 13,5 1,9 Italia 16,8 47,6 17,4 65,5 273,3 12,9 Portogallo 6,2 9, 1,9 12,9 29,9 1,1 Spagna 3,5 29,5 7,6 18,9 86,5 7,6 Totale 157, 11,9 33,9 111, 43,8 25,9 Fonte: Bank for International Settlements (BIS), Deutsche Bank. Dati in miliardi di euro. Se ai problemi nei paesi GIIPS aggiungiamo le nuove regolamentazioni sui ratios patrimoniali (non ancora del tutto chiarite) e la poca chiarezza sulle riserve e sulla valutazione dei prestiti incagliati, non sorprende che il ROE medio implicito nei prezzi delle banche sia oggi inferiore a 7%, ovvero ben inferiore al dei mezzi propri (= distruzione di valore). Esiste la concreta possibilità che gli azionisti siano chiamati ad ulteriori, massicci aumenti di capitale, se non vere e proprie ri-capitalizzazioni a carico degli stati: nonostante i prezzi di saldo, le banche non sono ancora un buon investimento.

20 Contrarian investing We don t buy and sell stocks based upon what other people think the stock market is going to do (I never have an opinion), but rather upon what we think the company is going to do. (Warren Buffett) La domanda che molti si pongono all inizio di questo nuovo anno è: il 212 sarà come il 211? Un sentimento di generale rassegnazione domina l outlook per il prossimo anno: sono pochi gli investitori che si aspettano una rapida e costruttiva soluzione ai problemi dei debiti sovrani europei. E nonostante alcuni segnali incoraggianti, molti si aspettano un rallentamento della crescita globale, una recessione in Europa e politiche monetarie poco efficaci nei paesi emergenti. Il consensus tra gli analisti è che la fiducia e la liquidità nei mercati non miglioreranno: gli elevati premi richiesti per il rischio sovrano e per la fase discendente del ciclo economico dovrebbero portare i mercati azionari a muoversi in maniera laterale, con ancora alta volatilità e correlazioni elevate. Poiché non si avranno significative ri-allocazioni verso le azioni, le conclusioni sono di ridurre il rischio di portafoglio con ri-bilanciamenti tattici quando i vari mercati sembrano periodicamente troppo comprati o troppo venduti, ma in generale di mantenere una preferenza per investimenti sicuri. Diversamente dalla percezione comune, non vi è niente di nobile né di sconsiderato negli investimenti di tipo contrarian. Il loro scopo non è di comportarsi in maniera opposta al resto del mercato per il solo piacere di farlo; essere contrari non è nemmeno una strategia per diventare ricchi in pochi giorni. Seguire la massa è un approccio molto più appropriato per un investitore poco esperto rispetto a controbattere in maniera cieca l opinione prevalente. La chiave per gli investimenti contrarian è di cercare di capire perché il consensus di mercato potrebbe essere errato, ma anche cercare un catalizzatore che innescherà un rovesciamento dell opinione e renderà l investimento di successo. Contrarian investing è, a tutti gli effetti, un estensione dell approccio value, ovvero quello che ricerca investimenti che sono sottovalutati a causa di uno scollamento tra i fondamentali e le aspettative del mercato. Anche se intuitivamente questo sembra essere esattamente quello che tutti fanno, l idea che sia invece una filosofia contraria alla massa è perfettamente logica: un azione non può essere troppo venduta se tutti la stanno comprando, e viceversa. La stessa natura del value investing è pertanto radicata in una ideologia di tipo contrarian. Se questa strategia è logica, intuitiva e redditizia, come mai non è adottata da tutti i gestori? La risposta è che, per ragioni psicologiche, la maggioranza degli investitori trova molto difficile essere positivi quando tutti gli altri sono pessimisti; allo stesso modo, molti hanno paura di essere gli unici a cantare fuori dal coro. Molti investitori preferiscono la semplicità, previsioni rosee e la prospettiva di una navigazione tranquilla: scelgono quello che ha fatto bene recentemente rispetto a quello che è rimasto indietro, indipendentemente dal prezzo da pagare. Poiché i gestori non sono penalizzati se aderiscono a prassi convenzionali, da un punto di vista professionale questa è la strategia meno rischiosa, anche se garantisce quasi matematicamente contro una performance superiore. Riconoscere e superare questi ostacoli mentali è essenziale al contrarian investing.

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

CAPITAL. Debiti sovrani nel 2020

CAPITAL. Debiti sovrani nel 2020 K CAPITAL Debiti sovrani nel 2020 Debiti sovrani nel 2020 I rischi non sono necessariamente dove si pensa Dopo la crisi del 2008, le economie dei paesi sviluppati e di quelli emergenti hanno cominciato

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 02-06 2013 Numero 33 Il punto in breve La performance del mercato azionario inizia ad intimorire anche i più ottimisti. A Wall Street i listini continuano

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Arca Vita Unit Linked. Unit Team INDICE

Arca Vita Unit Linked. Unit Team INDICE Trimestre Ottobre - Dicembre 2005 17 Gentile Cliente, Le inviamo Unit Voice, il trimestrale di aggiornamento finanziario riservato agli investitori del Gruppo Assicurativo Arca. Unit Voice è suddiviso

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Perché investire oggi in fondi hedge? Alessandra Manuli, Amministratore Delegato, Hedge Invest Sgr

Perché investire oggi in fondi hedge? Alessandra Manuli, Amministratore Delegato, Hedge Invest Sgr Perché investire oggi in fondi hedge? Alessandra Manuli, Amministratore Delegato, Hedge Invest Sgr Milano, 28 settembre 2011 Da dove arriviamo e dove siamo La BCE l 11/4/2011 e l 11/7/2011 aumentava i

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy: la risposta alla financial repression

Allianz Flexible Bond Strategy: la risposta alla financial repression Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente al dettaglio. Prima dell adesione consultare il KIID e il prospetto disponibile presso i soggetti distributori

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

HI Sibilla Macro Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC

HI Sibilla Macro Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC HEDGE INVEST INTERNATIONAL FUNDS PLC Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax. +39 02 6674450 www.hedgeinvest.it POLITICA DI INVESTIMENTO Fondo ucits single manager specializzato

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Active Marzo Management 2015 La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Mauro Vittorangeli CIO Conviction Fixed Income e Senior Portfolio Manager Le politiche monetarie

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

SODDISFARE LE ESIGENZE DI REDDITO

SODDISFARE LE ESIGENZE DI REDDITO SODDISFARE LE ESIGENZE DI REDDITO Amplia la ricerca di reddito Generare reddito è uno dei motivi principali per cui investire sui mercati finanziari. Che tu stia risparmiando per una vacanza o per pagare

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Stefano Guglielmetto Head of Portfolio Management Italy Osservatorio PMI 212 Milano 11 Luglio 212 Il 212 a metà strada: economic summary L economia mondiale

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi Napoli, 4 dicembre 28 Crisi finanziaria e recessione globale La situazione

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

L IMPORTANZA DI INVESTIRE NEL LUNGO PERIODO

L IMPORTANZA DI INVESTIRE NEL LUNGO PERIODO INVESTMENT INSIGHT AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI QUALIFICATI L IMPORTANZA DI INVESTIRE NEL LUNGO PERIODO MALGRADO LA VOLATILITÀ, I MERCATI HANNO REGISTRATO UN APPREZZAMENTO NEL CORSO DEL TEMPO I mercati

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Scenario Macroeconomico e Mercati 27.04.10

Scenario Macroeconomico e Mercati 27.04.10 Scenario Macroeconomico e Mercati 27.04.10 Sommario Quadro Macroeconomico Occupazione Inflazione Fiducia del business Fiducia del consumatore Mercati dei tassi monetari e obbligazionari Tassi a breve e

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Alla ricerca di reddito: guardare oltre l evidenza

Alla ricerca di reddito: guardare oltre l evidenza Alla ricerca di reddito: guardare oltre l evidenza Intervista con Francesco Sandrini INTERVISTA Gli investitori focalizzati solo sul rischio di mercato ignorano i nuovi pericoli in cui potrebbero incorrere

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Settimanale valute e mercati 3 luglio 2014

Settimanale valute e mercati 3 luglio 2014 Settimanale valute e mercati 3 luglio 2014 Euforia irrazionale, massimi 2000, 2007, 2014? Il mercati azionari accolgono con euforia il macroprudential approach delle banche centrali, mentre valute e obbligazioni

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Arca Vita Unit Linked. Unit Team INDICE

Arca Vita Unit Linked. Unit Team INDICE Trimestre Aprile Giugno 2004 11 Gentile Cliente, Le inviamo Unit Voice, il trimestrale di aggiornamento finanziario riservato agli investitori del Gruppo Assicurativo Arca. Abbiamo messo a punto questo

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Strategie di investimento per i mercati azionari

Strategie di investimento per i mercati azionari Strategie di investimento per i mercati azionari Aggiornamento al giugno 2006 Torino, 22 giugno 2006 I mercati azionari nel 2006 I mercati internazionali Le performance dei principali mercati mondiali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Fondo AcomeA ETF attivo

Fondo AcomeA ETF attivo Articolo pubblicato su Borsa Italiana il 28 giugno 2012 http://www.borsaitaliana.it/speciali/trading/inside-markets/23/etf-fondoacomeaetfattivo.htm Fondo AcomeA ETF attivo Il fondo AcomeA ETF Attivo è

Dettagli

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori.

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori. Morning Call 25 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Quotazione del Brent: andamento dal 2008 I temi del giorno Lunedì nero per le borse; oggi Shanghai perde ancora oltre il 7,0% ma i listini europei tentano

Dettagli

COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE

COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE AD USO ESCLUSIVO DI INTERMEDIARI AUTORIZZATI E INVESTITORI QUALIFICATI COME COSTRUIRSI UN REDDITO PER GLI ANNI DELLA PENSIONE BLACKROCK GLOBAL FUNDS (BGF) GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND Offri ai tuoi clienti

Dettagli

M&G Dynamic Allocation Fund M&G Prudent Allocation Fund. Juan Nevado, Gestore del fondo

M&G Dynamic Allocation Fund M&G Prudent Allocation Fund. Juan Nevado, Gestore del fondo M&G Dynamic Allocation Fund M&G Prudent Allocation Fund Juan Nevado, Gestore del fondo 6 May 2015 4%* + 2%- 4% Multi Asset di M&G Un approccio efficace che può essere adattato per soddisfare esigenze di

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, per la quale Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Annuncio di Borsa. 8 febbraio 2012. Gentile Azionista,

Annuncio di Borsa. 8 febbraio 2012. Gentile Azionista, Annuncio di Borsa Agli Azionisti di Aggregate Bond (ISIN Code IE00B3DKXQ41), ishares Barclays Capital Euro Corporate Bond (ISIN Code IE00B3F81R35), Corporate Bond 1-5 (ISIN Code IE00B4L60045), Government

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Price Earning e Dividend Yield Analisi dei più noti tra i multipli azionari

Price Earning e Dividend Yield Analisi dei più noti tra i multipli azionari Price Earning e Dividend Yield Analisi dei più noti tra i multipli azionari Introduzione Buy low, sell high. Easy if you know how Il tema a cui l'analisi statistica finanziaria ha, praticamente da sempre,

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Fondi & Gestioni Gennaio 2014 Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Indice Classifiche: rassegna stampa fondi...3 AcomeA Classifiche

Dettagli

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 04/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 Aprile 2014 Analisi di scenario Mercati 17/04/2014 2 Jun 13 Jul 13 Aug 13 Sep 13 Oct 13 Nov 13 Dec 13 Jan 14 Feb 14 Mar 14

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta mediamente debole, ma dai minimi del 3 ottobre è in recupero- ha chiuso a 1,267 - Il cambio

Dettagli

Osservatori metà giugno 2013

Osservatori metà giugno 2013 Osservatori metà giugno 2013 Mercati azionari I mercati azionari hanno iniziato a correggere dal 22 maggio e prodotto nel mese rendimenti divergenti: il mercato americano poco mosso, quello europeo negativo,

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Asset Allocation Mensile Febbraio 2015 CLIMA DI MERCATO IN SINTESI QE della BCE al momento giusto, economia in miglioramento La crescita USA non è così debole da ritardare il rialzo dei tassi della Fed

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli