ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale"

Transcript

1 ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale Se hai bisogno di una valvola che non perde fai di tutto pur di trovarla. Ma il mondo reale può darti solo una valvola che perde, quindi devi stabilire la perdita massima che puoi tollerare e cosa fare per non superarla mai. Arthur Rudolph, il progettista del razzo Saturno 5 che, nella missione Apollo 11, portò il primo uomo sulla Luna. (Intervista al New York Times, 3 gennaio 1996) Il presente rapporto è utilizzabile solo con l ausilio esplicativo della consulenza 1

2 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 2

3 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 3

4 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del Sistema di gestione dei Rischi PROCESSI AZIENDALI ORM IDENTIFICAZIONE MISURAZIONE MONITORING MANAGEMENT METODOLOGIE Modello Eventi Modello Fattori di Rischio Dati di perdita Valutazioni Soggettive Controlli Fattori di influenza Modello Organizzativo Analisi quantitativa Integrazione e calcolo CaR Valutazione del Business Environment Reporting Andamentale Sistema di Warning Capital Allocation Insurance Policy Modelli Decisionali Risk Taking Risk Mitigation Risk Transfer TOOLS Self Assessment Raccolta Perdite Tool ORMA Analisi Quantitativa Analisi Qualitativa Motore di calcolo Reporting System 4

5 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (1/4) ORMA È un Operational Risk Management costituito da un sistema esperto il cui modello concettuale si compone di due elementi: Base della Conoscenza (anagrafe dei Rischi Operativi bancari-assicurativi) Metodo di valutazione (algoritmi di calcolo dei rischi) 5

6 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (2/4) IDENTIFICAZIONE Modello Eventi Modello Fattori di Rischio Dati di perdita Valutazioni Soggettive Controlli Fattori di influenza Modello Organizzativo La Base della Conoscenza consiste nel mapping dei processi aziendali e nelle modalità di caratterizzare il business environment, costruiti sulla base dell esperienza consulenziale e validati da: rilevazione delle perdite avvenute raccolta dei reclami dei clienti rilievi effettuati nel corso delle verifiche ispettive attività di Risk Self Assessment 6

7 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (3/4) MISURAZIONE Analisi quantitativa Integrazione e calcolo CaR Valutazione del Business Environment Il Metodo di valutazione integra: Valutazione quantitativa Dimensione economica degli Eventi dannosi per per ciascun ciascun processo come come risultato risultato della della modellizzazione dei dei fatti fatti in in termini termini di di frequenza, impatto, worst case Valutazione qualitativa Giudizio sulla sulla rischiosità del del processo in in base base alla alla modellizzazione delle delle caratteristiche ambientali in in termini termini di di connotazione e e pesi pesi 7

8 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (4/4) Alla Base della Conoscenza ed al Modello di valutazione, ORMA integra al suo interno gli strumenti necessari per la gestione dei rischi operativi, che consentono la: Rilevazione dei R.O. Monitoraggio dei R.O. Valutazione dei R.O. Reporting dei R.O. 8

9 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio Il Il censimento degli Eventi di (x1000) EVENTO TIPO TIPO RISCHIO WORST CONTROLLI KR1 KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 PERDITA EVENTO STIMATO CASE 001 F ,5 0,8 degli Eventi di 002 F ,5 1,0 CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 Rischio II Livello Suggerimenti buono 005 E ,5 10,0 Esterni 006 E ,0 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo (x1000) 008 D ,5 1,0 TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 medio direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE mappatura dei processi governance datawarehouse self assessment MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) 2 σθ (Xm) Pm [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 modellizzazione MODELLO DATI RILEVATI (OGGETTIVI) dati da operatività 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo 1,211 0,868 Aprile Maggio Giugno 0,475 0,668 0,787 Luglio Agosto 1,0210,981 1,332 0,882 Settembre Ottobre Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% monitoraggio t BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE 9

10 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (1/4) LINEE DI BUSINESS 01. Corporate Finance 02. Negoziazioni e vendite 03. Retail Banking 11. Ramo danni 12. Ramo vita PROCESSO Anagrafe Generale Antiriciclaggio Contratti di lavoro Finanza Proprietà Privacy Segnalazioni di Vigilanza Nuclei di attività STRUTTURA Immobili Investimento e Trading Rapporti di Lavoro Recupero Crediti Safety e Security Insieme di attività finalizzate al conseguimento di un specifico obiettivo che non è possibile allocare in strutture organizzative diverse 10

11 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (2/4) Nuclei di attività: Gestione dei sinistri Individuazione Eventi Descrizione secondo i modelli classificatori SCHEDA DELL EVENTO DI RISCHIO Descrizione (Tipo di Evento) Conseguenze (Tipo di Perdita) Modalità di calcolo Disposizioni esterne Canale Prodotto Anagrafica dell Evento: Liquidazione di sinistri a fronte di polizze scadute o sospese Modello classificatorio TIPO EVENTO 01- Frode Interna 02- Frode Esterna 03- Rapporto di impiego e sicurezza sul lavoro 04- Clientela, prodotti e prassi operative 05- Danni ad attività materiali 06- Interruzioni dell operatività e disfunzioni sistemi informatici 07- Esecuzione, consegna e gestione dei processi Errori di esecuzione Dispute contrattuali con produttori e fornitori 11

12 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (3/4) Nuclei di attività: Gestione dei sinistri SCHEDA DELL EVENTO DI RISCHIO Liquidazione di sinistri a fronte di polizze scadute o sospese Conseguenze (Rischio - Tipo di Perdita) Modalità di calcolo Disposizioni esterne Canale Prodotto Anagrafica del Rischio: Perdita in caso di mancato recupero di indennizzi di polizze scadute o sospese TIPO PERDITA Responsabilità legale Azione Autorità di Regolamentazione Perdita o danno alle attività Restituzioni Perdite per errore non recuperate Write - down Modello classificatorio TIPO EFFETTO Perdita effettiva Accantonamento specifico Rapidly recovered loss Timing loss Riliquidazione / Storno Minor ricavo / Mancato guadagno Near miss Guadagno operativo Altra perdita stimata / maggior costo 12

13 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (4/4) Nuclei di attività: Gestione dei sinistri SCHEDA DELL EVENTO DI RISCHIO Descrizione (Tipo di Evento) Conseguenze (Tipo di Perdita) Modalità di calcolo Disposizioni esterne Canale Prodotto PRODOTTO DISPOSIZIONI ESTERNE Codice Civile Italiano Codice PenaleItaliano B.I. e Consob - Provvedimento del 2007/10/29 (MIFID) D. Lgs. 2001/06/08 n. 231 D. Lgs. 2003/06/30 n. 196 (Privacy) D. Lgs. 2005/09/07 n. 209 (Codice Assicurazioni Private) D. Lgs. 2008/04/09 n. 81 (Tutela salute lavoratori) CANALE Filiali e altri canali classici Posta Fax Call center Internet Telematici Promotori 13

14 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: caratterizzazione della Base della Conoscenza La Base della Conoscenza di ORMA è organizzata e strutturata in modo da: integrarsi facilmente con la tassonomia dei processi dell azienda e seguirne l evoluzione associare al nucleo di attività l Unità Organizzativa, che ne è responsabile 14

15 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: caratterizzazione della Base della Conoscenza La Base della Conoscenza di ORMA è inoltre organizzata e strutturata in modo da: costituire il riferimento unico per tutti gli eventi di Rischio Operativo che sono accaduti in azienda, che possono accadere sulla base delle segnalazioni degli operatori interni, dei clienti, degli ispettori seguire nel continuo l evoluzione della mappatura Organizzazione-Rischio Utile anche a supportare efficacemente la realizzazione dei Testi Unici della normativa interna Modelli Organizzativi (D. Lgs. N. 231 del 08/06/2001) 15

16 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio (x1000) EVENTO TIPO TIPO RISCHIO WORST CONTROLLI KR1 KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 PERDITA EVENTO STIMATO CASE 001 F ,5 0,8 002 F ,5 1,0 il modello di CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 II Livello Suggerimenti buono 005 E ,5 10,0 Esterni 006 E ,0 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso il modello di funzionamento del sistema 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo (x1000) 008 D ,5 1,0 TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 medio direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE mappatura dei processi governance datawarehouse self assessment MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) 2 σθ (Xm) Pm [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 modellizzazione MODELLO DATI RILEVATI (OGGETTIVI) dati da operatività 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo 1,211 0,868 0,475 0,668 0,787 Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre 1,0210,981 1,332 0,882 Ottobre Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% monitoraggio t BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE 16

17 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (1/7) La rischiosità di un Nucleo di attività è influenzata da: la qualità delle risorse utilizzate per la sua esecuzione la presenza dei vincoli esistenti l efficacia dei controlli Rischio Operativo 17

18 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (2/7) Le componenti trattate da ORMA per descrivere il contesto ambientale sono: Controlli di I livello Risorse umane Affidabilità Procedure Controlli di Audit Controlli Esterni Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni 18

19 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (3/7) EVENTI RISCHIO (valutazioni quantitative) CONTROLLI (valutazioni qualitative) Controlli di I Controlli di Audit Controlli Esterni Nuclei di attività Regole Pesi FATTORI DI INFLUENZA (valutazioni qualitative) Fattore umano Affidabilità procedure Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni Regole Pesi 19

20 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (4/7) Valutazione quantitativa FREQUENZA MEDIA FREQUENZA MEDIA Numero atteso di eventi nell arco temporale di riferimento IMPATTO MEDIO IMPATTO MEDIO Importo medio atteso per singolo evento 20 WORST CASE WORST CASE Impatto del singolo evento qualora esso si manifesti nel peggior modo concepibile

21 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (5/7) REGOLE PESI Valutazione qualitativa 21

22 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (6/7) 22

23 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE il modello di funzionamento (7/7) Valutazione Fattori Influenza Nucleo Attività 1 Nucleo Attività 2 Nucleo Attività 3 Nucleo Attività 4 Nucleo Attività 5 Fatture Umano Affidabilità Procedure 4 3, Tecnologie Contesto Esterno Eventi Esterni Metrica Valutazione Buono Medio Scarso Range 5,3 3,1 0,1 Rilevanza Fattori Influenza Fatture Umano Affidabilità Procedure Tecnologie Contesto Esterno Nucleo Attività 1 alta alta media media Nucleo Attività 2 alta alta alta alta Nucleo Attività 3 alta alta alta alta Nucleo Attività 4 alta media media media Nucleo Attività 5 alta media media alta Eventi Esterni trascurabile alta alta trascurabile media Giudizio Fattori Influenza Fatture Umano Affidabilità Procedure Nucleo Attività 1 buono scarso Nucleo Attività 2 scarso scarso Nucleo Attività 3 medio scarso Nucleo Attività 4 scarso buono Nucleo Attività 5 scarso buono Priorità AZIONI di MITIGAZIONE Tecnologie buono scarso scarso medio buono Contesto Esterno buono scarso medio scarso scarso Eventi Esterni buono buono buono buono buono 23

24 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio mappatura dei processi l acquisizione delle informazioni sugli eventi realmente 2 σθ (Xm) Pm avvenuti [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 modellizzazione governance datawarehouse MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI MODELLO DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) DATI RILEVATI (OGGETTIVI) dati da operatività EVENTO TIPO TIPO PERDITA EVENTO 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo RISCHIO STIMATO 001 F ,5 0,8 1,211 0,868 Aprile Maggio Giugno 0,475 0,668 0,787 Luglio Agosto 1,021 0,981 Settembre Ottobre 1,332 0,882 Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% (x1000) WORST CONTROLLI KR1 CASE KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 002 F ,5 1,0 CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 II Livello Suggerimenti 005 E ,5 10,0 buono 006 E ,0 Esterni 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo 008 D ,5 1,0 (x1000) TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% monitoraggio medio self assessment t direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE 24

25 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE dati da operatività (1/2) 25

26 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE dati da operatività (2/2) Le perdite avvenute, i reclami, le verifiche ispettive sono registrate secondo la classificazione della Base della Conoscenza in modo da conseguire due risultati: avere la storia degli accadimenti rischiosi che si sono verificati nel tempo monitorare la validità delle informazioni acquisite con il Self Assessment, confrontando la perdita potenziale con quella effettiva la perdita potenziale con la qualità del processo la perdita potenziale con la qualità dei comportamenti 26

27 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio La La modellizzazione mappatura dei processi delle rilevazioni governance datawarehouse MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) EVENTO TIPO TIPO PERDITA EVENTO RISCHIO STIMATO 001 F ,5 0,8 (x1000) WORST CONTROLLI KR1 CASE KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 002 F ,5 1,0 CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 II Livello Suggerimenti 005 E ,5 10,0 buono 006 E ,0 Esterni 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo (x1000) 008 D ,5 1,0 TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 self assessment medio direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE 2 σθ (Xm) Pm [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 MODELLO DATI RILEVATI (OGGETTIVI) 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo 1,211 0,868 0,475 0,668 0,787 1,0210,981 1,332 0,882 Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% t BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE modellizzazione dati da operatività monitoraggio 27

28 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE i dati ottenuti da operatività e da RSA Processo Nucleo Attività n.1 Nucleo Attività n.2 Evento di rischio n.22 Evento di rischio n.14 Evento di rischio n.1 Evento di rischio n.55 Evento di rischio n.34 Evento di rischio n.32 Evento di rischio n Scheda dell evento di rischio Perdite Avvenute RSA (frequenza/impatto/worst case) Reclami Verifiche ispettive 28

29 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE informazioni di contesto ambientale Processo Nucleo Attività n.1 Nucleo Attività n.2 Controlli di I livello Controlli di Audit Controlli Esterni Risorse umane Procedure Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni Controlli di I livello Controlli di Audit Controlli Esterni Risorse umane Procedure Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni 29

30 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE alimentazione del motore di calcolo determinazione del Requisito Patrimoniale 30

31 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 31

32 MODELLO DI ANALISI L INPUT INFORMATIVO DEL MODELLO DI ANALISI È RAPPRESENTATO DA: Informazioni fornite dagli intervistati e/o prodotte dagli analisti esperti di Rischi Operativi nella fase di effettuazione del Risk Self Assesment (RSA) Eventi specifici individuati ed oggetto di valutazione nella mappatura dei rischi Frequency e severity caratterizzanti le perdite operative potenzialmente riconducibili ai suddetti eventi specifici individuati 32

33 ANALISI QUANTITATIVA Approccio metodologico che consente di ottenere un output espresso in termini di rischio (expected loss e unexpected loss) a partire dalle valutazioni fornite dagli intervistati in sede di Risk Assesment. A tal proposito si definisce: EXPECTED LOSS (EL): valore atteso della distribuzione delle potenziali perdite (Loss Distribution); UNEXPECTED LOSS (UL): differenza tra un percentile elevato della Loss Distribution e il suo valore atteso. 33

34 IL MODELLO COMPOSTO PER LA DISTRIBUZIONE DELLE PERDITE (1/2) OBIETTIVO CREARE UN MODELLO CHE RAPPRESENTI L AMMONTARE DELLA PERDITA COMPLESSIVA LEGATA AL NUMERO COMPLESSIVO DI EVENTI RISCHIOSI IN UN DETERMINATO INTERVALLO TEMPORALE 34

35 IL MODELLO COMPOSTO PER LA DISTRIBUZIONE DELLE PERDITE (2/2) Costruire la distribuzione di probabilità per il numero degli eventi rischiosi nell arco temporale considerato, per singolo evento indagato, partendo dai dati Costruire la distribuzione di probabilità dell impatto economico al verificarsi del singolo evento rischioso Utilizzare le due distribuzioni al fine di ottenere la distribuzione di probabilità delle perdite distribuzione di Poisson distribuzione di Weibull S = X + X + K+ 1 2 X N 35

36 CONVOLUZIONE: LOSS DISTRIBUTION (1/2) PER OTTENERE LA LOSS DISTRIBUTION OCCORRE: Considerare una Poisson definita nel parametro λ pari alla frequency media stimata; Considerare una Weibull definita nei parametri scale e shape ottenibili dalla severity media e dal worst case stimati; Realizzare la convoluzione (tramite simulazione Montecarlo) di tali distribuzioni in modo da ottenere la Loss Distribution su cui determinare Expected ed Unexpected Loss. 36

37 CONVOLUZIONE: LOSS DISTRIBUTION (2/2) Definite le ipotesi distributive per frequency e severity, è possibile ottenere - via convoluzione - la Loss Distribution 37

38 IL PROCESSO PER CALCOLARE LA LOSS DISTRIBUTION Simulare il numero di eventi rischiosi, quindi nel nostro caso simulare una v.a. Poisson Simulare l importo di ogni singolo evento, quindi nel nostro caso simulare una v.a. Weibull Simulare la perdita aggregata come somma degli importi dei singoli eventi Ripetere l esperimento n volte e calcolare le statistiche che ci interessano 38

39 SIMULAZIONE MONTECARLO 39

40 IL VALORE AGGIUNTO DI ORMA MAPPATURA NEL CONTINUO IMPLEMENTAZIONE ED AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE DEI RISCHI POTENZIALMENTE UTILIZZABILE DAGLI OPERATORI DELLA COMPAGNIA - CONSULENZA ED AFFIANCAMENTO - REPORT PER L ALTA DIREZIONE 40

41 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 41

42 Il modello concettuale di ORMA ed i suoi output Cruscotto Organizzativo Cruscotto Compliance R.O. perdite Requisito Patrimoniale Requisito Patrimoniale R.O. R.O. Contesto R.O. Self R.O. R.O. perdite Contesto ambientale Contesto assessment Self Self perdite ambientale Reclami ambientale assessment Reclami Verifiche assessment Verifiche Processi aziendali Processi - Unità aziendali Organizzative - Unità Organizzative 42

43 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (1/4) Rivisitazione del regime di adeguatezza del Capitale per Assicurazioni e Riassicurazioni europee Solvency 2 Requisiti di capitale Tecniche di valutazione Standard di gestione dei rischi 43

44 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (2/4) CEIOPS: Committee of European Insurance and Occupational Pensions Supervisors (operativo dal novembre 2003) (autorità di vigilanza dei paesi EU) Solvency 2 Basilea 2 Pilastro I: aspetti quantitativi regole sui requisiti finanziari Pilastro II: vigilanza - aspetti qualitativi che riguardano la gestione d impresa Pilastro III: disclosure - informazioni sulla situazione finanziaria 44

45 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (3/4) Basilea 2 Il Comitato di Basilea è un organo formato dai rappresentanti delle Autorità Nazionali. Ha il compito di proporre misure di controllo del sistema bancario e vigilare sul suo funzionamento. I paesi aderenti sono praticamente quasi tutte le principali nazioni del mondo 45

46 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (2/4) Basilea 2 Il Nuovo Accordo sui requisiti patrimoniali (del giugno 2004) è un insieme di norme per la determinazione del Capitale Proprio di ciascuna banca, necessario a far fronte ai rischi bancari: di credito di mercato di concentrazione di tasso operativi di compliance reputazionali ecc. 46

47 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (3/4) Basilea 2 L obiettivo di Basilea 2 è quello di determinare (Pillastro I) e controllare (Pilastro II) la saldezza del settore bancario inteso come componente fondamentale per la stabilità e lo sviluppo delle aziende e dell intero sistema economico e sociale 47

48 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (3/4) Solvency 2: regole sui requisiti finanziari calcolo dei requisiti di capitale: formula basata su coefficienti Base fissi Standard coerente con i rischi effettivamente sopportati dall impresa ispirate a Basilea 2 48

49 MARGINE DI SOLVIBILITA : gestione dei rischi Solvency 2: metodo Standard Rischi aziendali: Assunzione Riservazione Mercato Credito Liquidità Rischio di appartenenza ad un gruppo Operativi (inclusi i rischi legali) Compliance Reputazionali e derivanti da decisioni strategiche 49

50 MARGINE DI SOLVIBILITA : gestione dei rischi Calcolo della componente relativa ai rischi: Operativi (inclusi i rischi legali) Compliance Valutazione delle perdite potenziali e loro quantificazione (RSA: autovalutazione) Raccolta dei dati di perdita avvenute, registrati in contabilità 50

51 MARGINE DI SOLVIBILITA : Perdite avvenuta Rischio Operativo: raccolta dei dati di perdita ORIC Il Consorzio Operational risk insurance raccoglie dal 2005 i dati relativi alle perdite operative subite dagli associati (circa 20 compagnie di assicurazione inglesi). In particolare vengono segnalate al Consorzio le perdite dovute ad inadeguatezza o venir meno di processi, risorse, sistemi, o eventi esterni di importo unitario > Nel periodo sono stati registrati eventi per un importo complessivo di

52 MARGINE DI SOLVIBILITA : Perdite avvenuta Rischio Operativo: raccolta dei dati di perdita DIPO Il Consorzio DIPO raccoglie dal 2003 i dati relativi alle perdite operative subite dagli associati (circa 200 istituti bancari italiani). In particolare vengono segnalate al Consorzio le perdite dovute ad inadeguatezza o venir meno di processi, risorse, sistemi, o eventi esterni di importo unitario > Nel periodo sono stati registrati eventi per un importo complessivo di

53 MARGINE DI SOLVIBILITA : Perdite avvenuta Analisi delle perdite avvenute per TIPO EVENTO ( ) ET 7 15% 23% ET 6 1% 1% ET 5 1% 1% ET 4 25% 44% numerosità ammontare ET 3 7% 7% ET 2 18% 40% ET 1 2% 14% 0% 50% Legenda TIPO EVENTO 1. Illeciti interni 2. Illeciti esterni 3. Rapporti con il personale e sicurezza sul lavoro 4. Clienti, prodotti e prassi operative 5. Disastri e altri eventi 6. Sistemi tecnologici 7. Esecuzione, consegna e gestione dei processi 53

54 Il modello concettuale di ORMA ed i suoi output Cruscotto Organizzativo Cruscotto Compliance Cruscotto Compliance Requisito Patrimoniale R.O. perdite R.O. Self assessment Contesto ambientale Reclami Verifiche Processi aziendali - Unità Organizzative 54

55 CRUSCOTTO COMPLIANCE: l Organismo di Vigilanza (1/5) D. Lgs. N. 231 del 08/06/2001 (Responsabilità Amministrativa dell Ente) Art. 6 lettera b): Gli Amministratori dell Ente non rispondono degli eventuali reati se provano che: il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli, nonché di curare il loro aggiornamento, è stato affidato ad un organismo dell Ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo Organismo con duplice ruolo 1. Aggiornamento del Modello rispetto ai cambiamenti normativi esterni ed organizzativi interni 2. Vigilanza sulla conformità dei comportamenti al Modello di Organizzazione 55

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Linee Guida ABI per l applicazione degli Orientamenti ESMA concernenti alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza prescritti dalla MiFID

Linee Guida ABI per l applicazione degli Orientamenti ESMA concernenti alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza prescritti dalla MiFID Linee Guida ABI per l applicazione degli Orientamenti ESMA concernenti alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza Linee Guida ABI Premessa Le presenti Linee Guida sono state elaborate sulla scorta di

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli