ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale"

Transcript

1 ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale Se hai bisogno di una valvola che non perde fai di tutto pur di trovarla. Ma il mondo reale può darti solo una valvola che perde, quindi devi stabilire la perdita massima che puoi tollerare e cosa fare per non superarla mai. Arthur Rudolph, il progettista del razzo Saturno 5 che, nella missione Apollo 11, portò il primo uomo sulla Luna. (Intervista al New York Times, 3 gennaio 1996) Il presente rapporto è utilizzabile solo con l ausilio esplicativo della consulenza 1

2 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 2

3 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 3

4 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del Sistema di gestione dei Rischi PROCESSI AZIENDALI ORM IDENTIFICAZIONE MISURAZIONE MONITORING MANAGEMENT METODOLOGIE Modello Eventi Modello Fattori di Rischio Dati di perdita Valutazioni Soggettive Controlli Fattori di influenza Modello Organizzativo Analisi quantitativa Integrazione e calcolo CaR Valutazione del Business Environment Reporting Andamentale Sistema di Warning Capital Allocation Insurance Policy Modelli Decisionali Risk Taking Risk Mitigation Risk Transfer TOOLS Self Assessment Raccolta Perdite Tool ORMA Analisi Quantitativa Analisi Qualitativa Motore di calcolo Reporting System 4

5 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (1/4) ORMA È un Operational Risk Management costituito da un sistema esperto il cui modello concettuale si compone di due elementi: Base della Conoscenza (anagrafe dei Rischi Operativi bancari-assicurativi) Metodo di valutazione (algoritmi di calcolo dei rischi) 5

6 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (2/4) IDENTIFICAZIONE Modello Eventi Modello Fattori di Rischio Dati di perdita Valutazioni Soggettive Controlli Fattori di influenza Modello Organizzativo La Base della Conoscenza consiste nel mapping dei processi aziendali e nelle modalità di caratterizzare il business environment, costruiti sulla base dell esperienza consulenziale e validati da: rilevazione delle perdite avvenute raccolta dei reclami dei clienti rilievi effettuati nel corso delle verifiche ispettive attività di Risk Self Assessment 6

7 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (3/4) MISURAZIONE Analisi quantitativa Integrazione e calcolo CaR Valutazione del Business Environment Il Metodo di valutazione integra: Valutazione quantitativa Dimensione economica degli Eventi dannosi per per ciascun ciascun processo come come risultato risultato della della modellizzazione dei dei fatti fatti in in termini termini di di frequenza, impatto, worst case Valutazione qualitativa Giudizio sulla sulla rischiosità del del processo in in base base alla alla modellizzazione delle delle caratteristiche ambientali in in termini termini di di connotazione e e pesi pesi 7

8 PREMESSA METODOLOGICA: il modello concettuale del tool ORMA (4/4) Alla Base della Conoscenza ed al Modello di valutazione, ORMA integra al suo interno gli strumenti necessari per la gestione dei rischi operativi, che consentono la: Rilevazione dei R.O. Monitoraggio dei R.O. Valutazione dei R.O. Reporting dei R.O. 8

9 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio Il Il censimento degli Eventi di (x1000) EVENTO TIPO TIPO RISCHIO WORST CONTROLLI KR1 KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 PERDITA EVENTO STIMATO CASE 001 F ,5 0,8 degli Eventi di 002 F ,5 1,0 CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 Rischio II Livello Suggerimenti buono 005 E ,5 10,0 Esterni 006 E ,0 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo (x1000) 008 D ,5 1,0 TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 medio direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE mappatura dei processi governance datawarehouse self assessment MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) 2 σθ (Xm) Pm [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 modellizzazione MODELLO DATI RILEVATI (OGGETTIVI) dati da operatività 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo 1,211 0,868 Aprile Maggio Giugno 0,475 0,668 0,787 Luglio Agosto 1,0210,981 1,332 0,882 Settembre Ottobre Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% monitoraggio t BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE 9

10 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (1/4) LINEE DI BUSINESS 01. Corporate Finance 02. Negoziazioni e vendite 03. Retail Banking 11. Ramo danni 12. Ramo vita PROCESSO Anagrafe Generale Antiriciclaggio Contratti di lavoro Finanza Proprietà Privacy Segnalazioni di Vigilanza Nuclei di attività STRUTTURA Immobili Investimento e Trading Rapporti di Lavoro Recupero Crediti Safety e Security Insieme di attività finalizzate al conseguimento di un specifico obiettivo che non è possibile allocare in strutture organizzative diverse 10

11 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (2/4) Nuclei di attività: Gestione dei sinistri Individuazione Eventi Descrizione secondo i modelli classificatori SCHEDA DELL EVENTO DI RISCHIO Descrizione (Tipo di Evento) Conseguenze (Tipo di Perdita) Modalità di calcolo Disposizioni esterne Canale Prodotto Anagrafica dell Evento: Liquidazione di sinistri a fronte di polizze scadute o sospese Modello classificatorio TIPO EVENTO 01- Frode Interna 02- Frode Esterna 03- Rapporto di impiego e sicurezza sul lavoro 04- Clientela, prodotti e prassi operative 05- Danni ad attività materiali 06- Interruzioni dell operatività e disfunzioni sistemi informatici 07- Esecuzione, consegna e gestione dei processi Errori di esecuzione Dispute contrattuali con produttori e fornitori 11

12 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (3/4) Nuclei di attività: Gestione dei sinistri SCHEDA DELL EVENTO DI RISCHIO Liquidazione di sinistri a fronte di polizze scadute o sospese Conseguenze (Rischio - Tipo di Perdita) Modalità di calcolo Disposizioni esterne Canale Prodotto Anagrafica del Rischio: Perdita in caso di mancato recupero di indennizzi di polizze scadute o sospese TIPO PERDITA Responsabilità legale Azione Autorità di Regolamentazione Perdita o danno alle attività Restituzioni Perdite per errore non recuperate Write - down Modello classificatorio TIPO EFFETTO Perdita effettiva Accantonamento specifico Rapidly recovered loss Timing loss Riliquidazione / Storno Minor ricavo / Mancato guadagno Near miss Guadagno operativo Altra perdita stimata / maggior costo 12

13 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il censimento degli Eventi di Rischio (4/4) Nuclei di attività: Gestione dei sinistri SCHEDA DELL EVENTO DI RISCHIO Descrizione (Tipo di Evento) Conseguenze (Tipo di Perdita) Modalità di calcolo Disposizioni esterne Canale Prodotto PRODOTTO DISPOSIZIONI ESTERNE Codice Civile Italiano Codice PenaleItaliano B.I. e Consob - Provvedimento del 2007/10/29 (MIFID) D. Lgs. 2001/06/08 n. 231 D. Lgs. 2003/06/30 n. 196 (Privacy) D. Lgs. 2005/09/07 n. 209 (Codice Assicurazioni Private) D. Lgs. 2008/04/09 n. 81 (Tutela salute lavoratori) CANALE Filiali e altri canali classici Posta Fax Call center Internet Telematici Promotori 13

14 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: caratterizzazione della Base della Conoscenza La Base della Conoscenza di ORMA è organizzata e strutturata in modo da: integrarsi facilmente con la tassonomia dei processi dell azienda e seguirne l evoluzione associare al nucleo di attività l Unità Organizzativa, che ne è responsabile 14

15 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: caratterizzazione della Base della Conoscenza La Base della Conoscenza di ORMA è inoltre organizzata e strutturata in modo da: costituire il riferimento unico per tutti gli eventi di Rischio Operativo che sono accaduti in azienda, che possono accadere sulla base delle segnalazioni degli operatori interni, dei clienti, degli ispettori seguire nel continuo l evoluzione della mappatura Organizzazione-Rischio Utile anche a supportare efficacemente la realizzazione dei Testi Unici della normativa interna Modelli Organizzativi (D. Lgs. N. 231 del 08/06/2001) 15

16 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio (x1000) EVENTO TIPO TIPO RISCHIO WORST CONTROLLI KR1 KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 PERDITA EVENTO STIMATO CASE 001 F ,5 0,8 002 F ,5 1,0 il modello di CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 II Livello Suggerimenti buono 005 E ,5 10,0 Esterni 006 E ,0 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso il modello di funzionamento del sistema 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo (x1000) 008 D ,5 1,0 TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 medio direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE mappatura dei processi governance datawarehouse self assessment MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) 2 σθ (Xm) Pm [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 modellizzazione MODELLO DATI RILEVATI (OGGETTIVI) dati da operatività 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo 1,211 0,868 0,475 0,668 0,787 Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre 1,0210,981 1,332 0,882 Ottobre Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% monitoraggio t BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE 16

17 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (1/7) La rischiosità di un Nucleo di attività è influenzata da: la qualità delle risorse utilizzate per la sua esecuzione la presenza dei vincoli esistenti l efficacia dei controlli Rischio Operativo 17

18 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (2/7) Le componenti trattate da ORMA per descrivere il contesto ambientale sono: Controlli di I livello Risorse umane Affidabilità Procedure Controlli di Audit Controlli Esterni Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni 18

19 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (3/7) EVENTI RISCHIO (valutazioni quantitative) CONTROLLI (valutazioni qualitative) Controlli di I Controlli di Audit Controlli Esterni Nuclei di attività Regole Pesi FATTORI DI INFLUENZA (valutazioni qualitative) Fattore umano Affidabilità procedure Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni Regole Pesi 19

20 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (4/7) Valutazione quantitativa FREQUENZA MEDIA FREQUENZA MEDIA Numero atteso di eventi nell arco temporale di riferimento IMPATTO MEDIO IMPATTO MEDIO Importo medio atteso per singolo evento 20 WORST CASE WORST CASE Impatto del singolo evento qualora esso si manifesti nel peggior modo concepibile

21 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (5/7) REGOLE PESI Valutazione qualitativa 21

22 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE: il modello di funzionamento (6/7) 22

23 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE il modello di funzionamento (7/7) Valutazione Fattori Influenza Nucleo Attività 1 Nucleo Attività 2 Nucleo Attività 3 Nucleo Attività 4 Nucleo Attività 5 Fatture Umano Affidabilità Procedure 4 3, Tecnologie Contesto Esterno Eventi Esterni Metrica Valutazione Buono Medio Scarso Range 5,3 3,1 0,1 Rilevanza Fattori Influenza Fatture Umano Affidabilità Procedure Tecnologie Contesto Esterno Nucleo Attività 1 alta alta media media Nucleo Attività 2 alta alta alta alta Nucleo Attività 3 alta alta alta alta Nucleo Attività 4 alta media media media Nucleo Attività 5 alta media media alta Eventi Esterni trascurabile alta alta trascurabile media Giudizio Fattori Influenza Fatture Umano Affidabilità Procedure Nucleo Attività 1 buono scarso Nucleo Attività 2 scarso scarso Nucleo Attività 3 medio scarso Nucleo Attività 4 scarso buono Nucleo Attività 5 scarso buono Priorità AZIONI di MITIGAZIONE Tecnologie buono scarso scarso medio buono Contesto Esterno buono scarso medio scarso scarso Eventi Esterni buono buono buono buono buono 23

24 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio mappatura dei processi l acquisizione delle informazioni sugli eventi realmente 2 σθ (Xm) Pm avvenuti [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 modellizzazione governance datawarehouse MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI MODELLO DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) DATI RILEVATI (OGGETTIVI) dati da operatività EVENTO TIPO TIPO PERDITA EVENTO 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo RISCHIO STIMATO 001 F ,5 0,8 1,211 0,868 Aprile Maggio Giugno 0,475 0,668 0,787 Luglio Agosto 1,021 0,981 Settembre Ottobre 1,332 0,882 Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% (x1000) WORST CONTROLLI KR1 CASE KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 002 F ,5 1,0 CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 II Livello Suggerimenti 005 E ,5 10,0 buono 006 E ,0 Esterni 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo 008 D ,5 1,0 (x1000) TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% monitoraggio medio self assessment t direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE 24

25 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE dati da operatività (1/2) 25

26 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE dati da operatività (2/2) Le perdite avvenute, i reclami, le verifiche ispettive sono registrate secondo la classificazione della Base della Conoscenza in modo da conseguire due risultati: avere la storia degli accadimenti rischiosi che si sono verificati nel tempo monitorare la validità delle informazioni acquisite con il Self Assessment, confrontando la perdita potenziale con quella effettiva la perdita potenziale con la qualità del processo la perdita potenziale con la qualità dei comportamenti 26

27 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE l architettura PROCESSO attività sottoprocesso eventi potenziali di rischio La La modellizzazione mappatura dei processi delle rilevazioni governance datawarehouse MAPPATURA PROCESSI E DEI RISCHI DATI POTENZIALI (SELF ASSESSMENT) EVENTO TIPO TIPO PERDITA EVENTO RISCHIO STIMATO 001 F ,5 0,8 (x1000) WORST CONTROLLI KR1 CASE KR2 KR3 KR4 KR5 KR6 002 F ,5 1,0 CONTROLLI valutazione 003 E ,0 10,0 I Livello Suggerimenti buono 004 E ,0 10,0 II Livello Suggerimenti 005 E ,5 10,0 buono 006 E ,0 Esterni 10,0 Suggerimenti opportuna una revisone annuale scarso 007 E ,0 10,0 Giudizio complessivo (x1000) 008 D ,5 1,0 TIPO RISCHIO 009 D ,3 0,3 PERDITA STIMATO WORST CASE Sottoprocesso 60,3 53,1 medio medio medio D buono buono 0,8 buono buono 1,3 (x1000) TIPO RISCHIO E 21,5 50,0 EVENTO STIMATO WORST CASE F 38,0 1, ,3 53,1 self assessment medio direzione NORME PROCEDURE REGOLAMENTI FORMAZIONE 2 σθ (Xm) Pm [ Xm-θ ε] ε 2 Valore Jan Feb Mar Apr May Valore 331, , , , ,02876 Media 104, , , , ,2484 Dev std 129, , , , ,6677 UCL 493, , , , ,2514 LCL -284, , , , ,755 UWL 363, , , , ,5838 LWL -155, , , , ,087 frequenza Jan Feb Mar Apr May frequenza 1, , , , , Media 0, , , , , Dev std 0, , , , , UCL 2, , , , , LCL -0, , , , ,73818 UWL 1, , , , , LWL -0, , , , ,25272 MODELLO DATI RILEVATI (OGGETTIVI) 1,400 1,200 1,000 0,800 0,600 0,400 0,200 0,000 0,676 0,754 0,564 Gennaio Febbraio Marzo 1,211 0,868 0,475 0,668 0,787 1,0210,981 1,332 0,882 Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre n UCL UWL LWL LCL REGIONE DI INTERVENTO REGIONE DI SORVEGLIANZA NORMALITA REGIONE DI SORVEGLIANZA REGIONE DI INTERVENTO Media 9, ,98 2, ,9697 4, ,17 Differenza %sulla frequenza (DFP) Differenza %sul valore (DVP) Proiezione %sulla frequenza (PFP) Proiezione %sul valore (PVP) -100,00% 10,45% 1,48% 95,00% 97,45% 127,20% 1,46% 121,46% 26,24% 10,45% 53,17% 1410,75% t BPR AZIONI PREVENTIVE AZIONI CORRETTIVE modellizzazione dati da operatività monitoraggio 27

28 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE i dati ottenuti da operatività e da RSA Processo Nucleo Attività n.1 Nucleo Attività n.2 Evento di rischio n.22 Evento di rischio n.14 Evento di rischio n.1 Evento di rischio n.55 Evento di rischio n.34 Evento di rischio n.32 Evento di rischio n Scheda dell evento di rischio Perdite Avvenute RSA (frequenza/impatto/worst case) Reclami Verifiche ispettive 28

29 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE informazioni di contesto ambientale Processo Nucleo Attività n.1 Nucleo Attività n.2 Controlli di I livello Controlli di Audit Controlli Esterni Risorse umane Procedure Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni Controlli di I livello Controlli di Audit Controlli Esterni Risorse umane Procedure Tecnologie Contesto esterno Eventi esterni 29

30 FRAMEWORK OPERATIVO DI GOVERNANCE alimentazione del motore di calcolo determinazione del Requisito Patrimoniale 30

31 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 31

32 MODELLO DI ANALISI L INPUT INFORMATIVO DEL MODELLO DI ANALISI È RAPPRESENTATO DA: Informazioni fornite dagli intervistati e/o prodotte dagli analisti esperti di Rischi Operativi nella fase di effettuazione del Risk Self Assesment (RSA) Eventi specifici individuati ed oggetto di valutazione nella mappatura dei rischi Frequency e severity caratterizzanti le perdite operative potenzialmente riconducibili ai suddetti eventi specifici individuati 32

33 ANALISI QUANTITATIVA Approccio metodologico che consente di ottenere un output espresso in termini di rischio (expected loss e unexpected loss) a partire dalle valutazioni fornite dagli intervistati in sede di Risk Assesment. A tal proposito si definisce: EXPECTED LOSS (EL): valore atteso della distribuzione delle potenziali perdite (Loss Distribution); UNEXPECTED LOSS (UL): differenza tra un percentile elevato della Loss Distribution e il suo valore atteso. 33

34 IL MODELLO COMPOSTO PER LA DISTRIBUZIONE DELLE PERDITE (1/2) OBIETTIVO CREARE UN MODELLO CHE RAPPRESENTI L AMMONTARE DELLA PERDITA COMPLESSIVA LEGATA AL NUMERO COMPLESSIVO DI EVENTI RISCHIOSI IN UN DETERMINATO INTERVALLO TEMPORALE 34

35 IL MODELLO COMPOSTO PER LA DISTRIBUZIONE DELLE PERDITE (2/2) Costruire la distribuzione di probabilità per il numero degli eventi rischiosi nell arco temporale considerato, per singolo evento indagato, partendo dai dati Costruire la distribuzione di probabilità dell impatto economico al verificarsi del singolo evento rischioso Utilizzare le due distribuzioni al fine di ottenere la distribuzione di probabilità delle perdite distribuzione di Poisson distribuzione di Weibull S = X + X + K+ 1 2 X N 35

36 CONVOLUZIONE: LOSS DISTRIBUTION (1/2) PER OTTENERE LA LOSS DISTRIBUTION OCCORRE: Considerare una Poisson definita nel parametro λ pari alla frequency media stimata; Considerare una Weibull definita nei parametri scale e shape ottenibili dalla severity media e dal worst case stimati; Realizzare la convoluzione (tramite simulazione Montecarlo) di tali distribuzioni in modo da ottenere la Loss Distribution su cui determinare Expected ed Unexpected Loss. 36

37 CONVOLUZIONE: LOSS DISTRIBUTION (2/2) Definite le ipotesi distributive per frequency e severity, è possibile ottenere - via convoluzione - la Loss Distribution 37

38 IL PROCESSO PER CALCOLARE LA LOSS DISTRIBUTION Simulare il numero di eventi rischiosi, quindi nel nostro caso simulare una v.a. Poisson Simulare l importo di ogni singolo evento, quindi nel nostro caso simulare una v.a. Weibull Simulare la perdita aggregata come somma degli importi dei singoli eventi Ripetere l esperimento n volte e calcolare le statistiche che ci interessano 38

39 SIMULAZIONE MONTECARLO 39

40 IL VALORE AGGIUNTO DI ORMA MAPPATURA NEL CONTINUO IMPLEMENTAZIONE ED AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE DEI RISCHI POTENZIALMENTE UTILIZZABILE DAGLI OPERATORI DELLA COMPAGNIA - CONSULENZA ED AFFIANCAMENTO - REPORT PER L ALTA DIREZIONE 40

41 Agenda Apertura dei lavori Approccio metodologico al Risk Management Mappatura dei processi e sistema esperto per la quantificazione del capitale a rischio Analisi quali-quantitativa dell Assessment per la governance aziendale 41

42 Il modello concettuale di ORMA ed i suoi output Cruscotto Organizzativo Cruscotto Compliance R.O. perdite Requisito Patrimoniale Requisito Patrimoniale R.O. R.O. Contesto R.O. Self R.O. R.O. perdite Contesto ambientale Contesto assessment Self Self perdite ambientale Reclami ambientale assessment Reclami Verifiche assessment Verifiche Processi aziendali Processi - Unità aziendali Organizzative - Unità Organizzative 42

43 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (1/4) Rivisitazione del regime di adeguatezza del Capitale per Assicurazioni e Riassicurazioni europee Solvency 2 Requisiti di capitale Tecniche di valutazione Standard di gestione dei rischi 43

44 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (2/4) CEIOPS: Committee of European Insurance and Occupational Pensions Supervisors (operativo dal novembre 2003) (autorità di vigilanza dei paesi EU) Solvency 2 Basilea 2 Pilastro I: aspetti quantitativi regole sui requisiti finanziari Pilastro II: vigilanza - aspetti qualitativi che riguardano la gestione d impresa Pilastro III: disclosure - informazioni sulla situazione finanziaria 44

45 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (3/4) Basilea 2 Il Comitato di Basilea è un organo formato dai rappresentanti delle Autorità Nazionali. Ha il compito di proporre misure di controllo del sistema bancario e vigilare sul suo funzionamento. I paesi aderenti sono praticamente quasi tutte le principali nazioni del mondo 45

46 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (2/4) Basilea 2 Il Nuovo Accordo sui requisiti patrimoniali (del giugno 2004) è un insieme di norme per la determinazione del Capitale Proprio di ciascuna banca, necessario a far fronte ai rischi bancari: di credito di mercato di concentrazione di tasso operativi di compliance reputazionali ecc. 46

47 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (3/4) Basilea 2 L obiettivo di Basilea 2 è quello di determinare (Pillastro I) e controllare (Pilastro II) la saldezza del settore bancario inteso come componente fondamentale per la stabilità e lo sviluppo delle aziende e dell intero sistema economico e sociale 47

48 MARGINE DI SOLVIBILITA : governo del mercato finanziario (3/4) Solvency 2: regole sui requisiti finanziari calcolo dei requisiti di capitale: formula basata su coefficienti Base fissi Standard coerente con i rischi effettivamente sopportati dall impresa ispirate a Basilea 2 48

49 MARGINE DI SOLVIBILITA : gestione dei rischi Solvency 2: metodo Standard Rischi aziendali: Assunzione Riservazione Mercato Credito Liquidità Rischio di appartenenza ad un gruppo Operativi (inclusi i rischi legali) Compliance Reputazionali e derivanti da decisioni strategiche 49

50 MARGINE DI SOLVIBILITA : gestione dei rischi Calcolo della componente relativa ai rischi: Operativi (inclusi i rischi legali) Compliance Valutazione delle perdite potenziali e loro quantificazione (RSA: autovalutazione) Raccolta dei dati di perdita avvenute, registrati in contabilità 50

51 MARGINE DI SOLVIBILITA : Perdite avvenuta Rischio Operativo: raccolta dei dati di perdita ORIC Il Consorzio Operational risk insurance raccoglie dal 2005 i dati relativi alle perdite operative subite dagli associati (circa 20 compagnie di assicurazione inglesi). In particolare vengono segnalate al Consorzio le perdite dovute ad inadeguatezza o venir meno di processi, risorse, sistemi, o eventi esterni di importo unitario > Nel periodo sono stati registrati eventi per un importo complessivo di

52 MARGINE DI SOLVIBILITA : Perdite avvenuta Rischio Operativo: raccolta dei dati di perdita DIPO Il Consorzio DIPO raccoglie dal 2003 i dati relativi alle perdite operative subite dagli associati (circa 200 istituti bancari italiani). In particolare vengono segnalate al Consorzio le perdite dovute ad inadeguatezza o venir meno di processi, risorse, sistemi, o eventi esterni di importo unitario > Nel periodo sono stati registrati eventi per un importo complessivo di

53 MARGINE DI SOLVIBILITA : Perdite avvenuta Analisi delle perdite avvenute per TIPO EVENTO ( ) ET 7 15% 23% ET 6 1% 1% ET 5 1% 1% ET 4 25% 44% numerosità ammontare ET 3 7% 7% ET 2 18% 40% ET 1 2% 14% 0% 50% Legenda TIPO EVENTO 1. Illeciti interni 2. Illeciti esterni 3. Rapporti con il personale e sicurezza sul lavoro 4. Clienti, prodotti e prassi operative 5. Disastri e altri eventi 6. Sistemi tecnologici 7. Esecuzione, consegna e gestione dei processi 53

54 Il modello concettuale di ORMA ed i suoi output Cruscotto Organizzativo Cruscotto Compliance Cruscotto Compliance Requisito Patrimoniale R.O. perdite R.O. Self assessment Contesto ambientale Reclami Verifiche Processi aziendali - Unità Organizzative 54

55 CRUSCOTTO COMPLIANCE: l Organismo di Vigilanza (1/5) D. Lgs. N. 231 del 08/06/2001 (Responsabilità Amministrativa dell Ente) Art. 6 lettera b): Gli Amministratori dell Ente non rispondono degli eventuali reati se provano che: il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli, nonché di curare il loro aggiornamento, è stato affidato ad un organismo dell Ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo Organismo con duplice ruolo 1. Aggiornamento del Modello rispetto ai cambiamenti normativi esterni ed organizzativi interni 2. Vigilanza sulla conformità dei comportamenti al Modello di Organizzazione 55

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012 Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative Le attività di Internal Auditing sull antiriciclaggio tramite sistemi evoluti:

Dettagli

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Indice RISCHI OPERATIVI DEFINIZIONE DI RISCHI OPERATIVI

Dettagli

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Roma, 17 Aprile 2015 Gianfranco Ruggiero Internal Audit Manager Obiettivo del presente lavoro è rappresentare con specifico

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO

SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO 16 Maggio 2013 SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO SERGIO GIOMMETTI VINCENZO CAROLLA 1 AGENDA Presentazione di Interlem Management Consulting Presentazione del Gruppo Banca Popolare di Bari Il Contesto di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo Business International La Compliance nelle Banche Italiane: compiti e responsabilità della funzione compliance alla luce delle Istruzioni della Banca d Italia BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno 2008 - INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Pierluigi Cipolloni Responsabile Direzione Audit Convegno Nazionale AIEA Livorno, 24 maggio 2007 Indice Internal Auditing:

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO

Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO Claudio Ruffini Presidente e Amministratore Delegato Augeos Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO Marco Carelli Responsabile Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Federazione BCC Piemonte,

Dettagli

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Proposte metodologiche dall esperienza del Gruppo UBI Banca Giulia Marini Claudio Andreatta BASILEA 3 2012 RISCHIO OPERATIVO-CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB Milano, 23 Maggio 2013 Franco Nardulli Resp. Linea Risorse Organizzative 1 AGENDA 1 Il Gruppo Banca Popolare di Bari 2 Il Progetto

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Il risk management quale strumento di controllo interno

Il risk management quale strumento di controllo interno Il risk management quale strumento di controllo interno Corso Modelli d'impresa e corporate governance Università degli Studi di Verona, Facoltà di Economia Verona, 1 Agenda Corporate governance nelle

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2011 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI 59th UIA CONGRESS Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI Giovedì 29 ottobre 2015 LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI Enrique Sanz Fernández-Lomana C/ Serrano

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

delle caratteristiche qualitative processo di pianificazione rischi e della conseguente determinazione del capitale interno complessivo.

delle caratteristiche qualitative processo di pianificazione rischi e della conseguente determinazione del capitale interno complessivo. FOOD FOR THOUGHT REGULATORY HIGHLIGHTS L approssimarsi delle attività di reporting, solitamente coincidente con i Consigli di Amministrazione che banche e intermediari riuniranno tra la fine di febbraio

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO

PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO PILLAR III INFORMATIVA AL MERCATO Sede Legale: Via Gramsci, 7 10121 Torino Capitale sociale 156.037.608 int. vers. Codice Azienda Bancaria n. 3043.7 Albo Banche n. 5319 Registro Imprese di Torino n. 02751170016

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2

Certificazione Sistemi di Gestione per la Continuità Operativa. (BCM - Business Continuity Management) - Norma BS 25999-2 Garantire la continuità operativa in caso di interruzioni, siano esse dovute a incidenti gravi o inconvenienti minori, rappresenta oggi un requisito fondamentale per qualsiasi organizzazione che opera

Dettagli

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Alla luce delle nuove Disposizioni di Banca d Italia Ing. Riaz Bashir Opentech Confidi Day 2014 - Castelbuono (PA) 15

Dettagli

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento SDA Bocconi School of Management 2009 In collaborazione con AICOM e SIA SSB Group Copyright SDA Bocconi Premessa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Sulla situazione al 31 dicembre 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1. A - Obiettivi e politiche di gestione del rischio - Art. 435 (1) CRR... 5 Tavola 1. B - Sistemi di Governance

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

La gestione del rischio di malfunzionamento dei sistemi informativi

La gestione del rischio di malfunzionamento dei sistemi informativi COMPRENDERE ED INTERPRETARE IL RISK MANAGEMENT: LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI NEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NELLA PROSPETTIVA DEGLI ORGANI DI GESTIONE E CONTROLLO La gestione del rischio di malfunzionamento

Dettagli

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. 31 dicembre 2011 ver. 2.0

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. 31 dicembre 2011 ver. 2.0 BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico 31 dicembre 2011 ver. 2.0 Sommario PREMESSA...4 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...5 RISCHIO DI CREDITO... 7 RISCHIO DI CONTROPARTE... 9 RISCHIO

Dettagli

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Gestione del rischio operativo

Gestione del rischio operativo Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Gestione del rischio operativo Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha avviato di recente un programma di lavoro sul rischio operativo. Il controllo

Dettagli

Solvency II The implementation phase:

Solvency II The implementation phase: Analisi L informativa dei risultati verso della l esterno survey Rapporto di Ricerca Solvency II The implementation phase: Analisi dei risultati della survey AUTORI: Chiara Frigerio Federico Rajola Francesca

Dettagli

XXIV Convegno AIEA. Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali. Siena, 21 ottobre 2010

XXIV Convegno AIEA. Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali. Siena, 21 ottobre 2010 XXIV Convegno AIEA Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali Siena, 21 ottobre 2010 Agenda Lo scenario di riferimento Il ruolo dell IT Audit nei diversi contesti Scelte

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico.

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico. Situazione al 31 dicembre 2012 Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE... 22 TAVOLA 3 - COMPOSIZIONE

Dettagli

Insight. Direttiva Solvency II

Insight. Direttiva Solvency II Insight N. 22 Dicembre 2008 Direttiva Solvency II Effetti sul Solvency Capital Requirement (SCR) derivanti dall applicazione del Modello Interno rispetto alla Formula Standard: il caso di una Compagnia

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI Il contesto La complessità degli strumenti finanziari e assicurativi è andata crescendo negli ultimi anni, da una lato con effetti

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Sommario Tavola 1 - Requisito informativo generale...5 Informativa qualitativa...5 Tavola

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Informativa al Pubblico Pillar III

Informativa al Pubblico Pillar III 31 dicembre 2013 Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa Sede Legale e Direzione Generale in Arezzo via Calamandrei, 255 Codice Fiscale e numero di Iscrizione nel Registro delle Imprese

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 1 PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 29 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli