Pubblica Amministrazione: gli effetti stimati dei pagamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblica Amministrazione: gli effetti stimati dei pagamenti"

Transcript

1 La Newsletter del Consorzio Camerale SOMMARIO Gli approfondimenti Pubblica Amministrazione: gli effetti stimati dei ritardi dei pagamenti Esposizioni scadute deteriorate: in corso la consultazione di Banca d Italia L unione fa la forza: dalla microfinanza al crowdfunding Confidi vigilati: la segnalazione delle esposizioni deteriorate Gli eventi Roadshow Marchi e Disegni comunitari : seconda tappa a Reggio Calabria Le segnalazioni News in sintesi Consultazioni pubbliche Pubblicazioni La Newsletter del Consorzio Camerale Pubblicazione mensile Via Camperio 1, Milano Tel Presidente: Carlo Sangalli Direttore: Pier Andrea Chevallard Coordinatore: Roberto Calugi Economic outlook Responsabile progetto editoriale: Gianmarco Paglietti Redazione: Gianmarco Paglietti Carlo Bettonica Laura Ferrari Milena Bolchini Valentina Morelli 1

2 Pubblica Amministrazione: gli effetti stimati dei pagamenti dei ritardi V. Morelli L Italia recepirà entro il 2012 la Direttiva Late payments ( Pagamenti in ritardo ) e nel frattempo ha presentato un pacchetto di decreti volti a mitigare il problema del ritardo dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione. L Italia, come si sa, non soltanto ha tempi standard di pagamento molto dilatati rispetto agli altri Paesi europei, ma registra anche il maggior ritardo medio nei pagamenti verso le imprese. Questa la situazione attuale che ha spinto alcune società di ricerca a simulare i potenziali benefici per le imprese e per la società, che sarebbero scaturiti nel 2011 se la Pubblica Amministrazione avesse ridotto i tempi di pagamento. Secondo l indagine condotta da Finest (Financial Intermediation of European Studies), se la Pubblica Amministrazione avesse onorato la scadenza standard dei 90 giorni, il Pil sarebbe cresciuto dello 0,7%, invece che dello 0,5%, con un beneficio quantificabile in 3,2 miliardi. D altra parte, se la PA italiana avesse pagato a 30 giorni, il Pil del nostro Paese avrebbe raggiunto lo 0,83% in più rispetto all anno precedente, con una differenza pari a 5,3 miliardi di euro. Come si nota dal grafico in basso, l Italia detiene il primato di peggior Stato pagatore nell Unione europea. Il nostro ritardo di 90 giorni registrato nel 2012, così come nel 2011, si allontana molto dai 21 giorni della Francia, dai 18 del Regno Unito, dagli 11 dalla Germania e, in generale, dai 31 giorni della media europea. Ritardo dei pagamenti della PA nei principali Paesi UE (giorni) Italia Spagna Francia Regno Unito Germania Media UE Fonte: Elaborazione del Consorzio Camerale su dati dello studio I-Com A preoccupare non è soltanto lo scenario descritto dal confronto internazionale, ma l analisi delle serie storiche relative ai pagamenti della PA italiana: il grafico in basso evidenza come, nel corso degli anni, i ritardi siano progressivamente aumentati, passando dai 40 impiegati nel 2008 ad una cifra più che raddoppiata nel Ritardo dei pagamenti della PA in Italia (giorni) Fonte: Elaborazione del Consorzio Camerale su dati dello studio I-Com 2

3 Esposizioni scadute deteriorate: in corso la consultazione di Banca d Italia Nei giorni scorsi la Banca d Italia ha pubblicato il 13 aggiornamento della Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006, contenente le disposizioni di vigilanza prudenziale relative alla definizione di esposizioni scadute e/o sconfinanti. In particolare, l aggiornamento prevede che, a prescindere dalla metodologia utilizzata ai fini del calcolo dei requisiti patrimoniali a fronte del rischio di credito, tutte le esposizioni scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni sono classificate come esposizioni scadute. Le nuove disposizioni, che sono entrate in vigore lo scorso 31 maggio, sono state sottoposte a consultazione pubblica e ad analisi di impatto della regolamentazione. Di seguito si riportano le parti salienti della consultazione. Tra le raccomandazioni che erano state formulate dal Financial Stability Board vi era quella di adeguarsi ad una nozione di attività scadute deteriorate che facesse riferimento unicamente al limite di 90 giorni. In relazione a ciò, la Banca d Italia si impegnò a: a) introdurre, entro l anno, il limite di 90 giorni (in luogo dei 180 giorni temporaneamente consentiti dalla CRD fino a tutto il 2011) per le banche standardizzate zate e, relativamente al portafoglio corporate, per le banche IRB; b) passare, entro l anno, dal limite di 180 giorni a quello di 90 giorni anche per i portafogli esposizioni al dettaglio ed esposizioni verso enti del settore pubblico delle banche IRB, per i quali la vigente direttiva CRD consente l adozione in via permanente dei 180 giorni. A questo proposito, si rammenta che la proposta di regolamento comunitario che recepisce Basilea 3 (cd. CRD IV) elimina la deroga permanente prevista nell ambito del metodo IRB, allineando a 90 giorni, per tutti i portafogli, il termine per la classificazione di un esposizione scaduta come deteriorata. È previsto che il regolamento entri in vigore dal 1 gennaio Facendo seguito a tali raccomandazioni, la Banca d Italia chiarisce che dalle segnalazioni di vigilanza (statistiche e prudenziali) prodotte a partire dal 1 gennaio 2012 e dai bilanci in corso a tale data, gli intermediari standardizzati e quelli IRB sono tenuti a fare riferimento al limite di 90 giorni, ai fini della determinazione delle esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate ; di conseguenza il limite di 180 giorni viene abrogato con riferimento a tutti i portafogli prudenziali. In relazione agli Accordi per la sospensione dei pagamenti, la Banca d Italia precisa che le disposizioni stabiliscono che la prevista modalità di sospensione dei pagamenti (sia in linea capitale che interessi) non comporta un automatico cambiamento della classificazione della qualità creditizia delle esposizioni. Pertanto, salvo che non intervengano elementi obiettivi nuovi che inducano gli intermediari a rivedere in senso peggiorativo, nella loro responsabile autonomia, il giudizio sulla qualità creditizia del debitore o della posizione, durante il periodo di durata della sospensione le esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate oppure scadute e/o sconfinanti non deteriorate devono continuare ad essere rilevate nelle loro originarie categorie di classificazione. Per l intero periodo di efficacia della sospensione one gli intermediari devono fermare (e non azzerare) il computo dei giorni di persistenza dello scaduto e/o sconfinamento. Il testo integrale della consultazione è disponibile al seguente link: pubblica/proc_concluse/raccolta/2012/esposizioni_scadute/documento%20consultazione%20past%20due.p df 3

4 L unione fa la forza: dalla microfinanza al crowdfunding V. Morelli Difficoltà di accesso al credito, peggioramento delle condizioni applicate, diminuzione della fiducia degli investitori: sono queste le parole che risuonano nell aria (e nei fatti) nell attuale contesto economico internazionale. Ma c è chi ha smesso di limitarsi a commentare il problema e sta provando ad inventare una soluzione: one: il crowdfunding. Per i più può essere una parola sconosciuta, ma per chi smanetta on line è già uno slogan. Letteralmente significa finanziamento dalla folla e fonda le sue basi su una pratica molto comune, la colletta. C è qualcuno che ha un idea brillante o un progetto innovativo ma non trova i mezzi per finanziarlo: cosa fare? Se non si riesce a trovare un grande investitore, si ricorre alla folla, ossia ad un numero elevato ed indistinto di persone che intendono contribuire alla realizzazione di quel progetto o di quell idea attraverso una piccola quota. Come funziona? Su delle apposite piattaforme, che funzionano come delle vetrine, si carica il proprio progetto, si fissa un budget minimo per finanziarlo e una scadenza entro cui raggiungere l ammontare predefinito. Dopo la valutazione del progetto da parte della community che gestisce la piattaforma, parte la campagna di promozione: grazie alla forza della rete, si punta a coinvolgere il maggior numero di utenti, che potrebbero diventare possibili investitori. Tutti i finanziatori ricevono un premio strettamente legato al progetto o prodotto finanziato e che, in base all ammontare del contributo, può consistere in una ricompensa di tipo materiale, ad esempio una copia del cd o libro finanziato, oppure di natura intangibile, ad esempio la possibilità di usufruire del servizio. All estero il crowdfunding è già un successo: la società americana Massolution ha elaborato il primo report relativo a questo fenomeno, da cui è emerso che nel 2011 sono stati raccolti fondi per circa 1,5 miliardi di dollari destinati a finanziare un milione di progetti. In cima alla classifica dei Paesi dove la pratica è più diffusa si trovano gli Stati Uniti, dove sono stati raccolti 837 milioni di dollari, seguiti da Regno Unito e Francia. E l Italia? Nel nostro Paese si tratta di un fenomeno appena agli inizi: nel 2011 sono nate due piattaforme di crowdfunding, Eppela e Starteed, che sono al momento le più gettonate. La prima ha gli stessi criteri di funzionamento delle altre piattaforme, ossia si basa su un modello rewardbased ; Starteed, invece, si presenta con una nuova formula: i premi sono sostituiti da un vero e proprio ritorno economico, calcolato in base all entità del finanziamento versato al progetto e derivante dalle vendite dei servizi o dei prodotti nati grazie all iniziativa finanziata. Come ogni progetto innovativo, il crowdfunding deve risolvere alcune criticità: il progetto o l idea, una volta pubblicati sulla piattaforma, diventano bene pubblico, quindi tutti possono sono usufruirne e magari copiarli o imitarli. Esploso dunque il fenomeno, si pone il problema di definire la sua cornice legale a livello internazionale e nazionale, al fine di rendere il sistema del crowdfunding non soltanto trasparente e ma anche tutelabile. Si entra nel campo e nelle competenze della proprietà intellettuale: si tratta di un tema di particolare interesse ed attualità, che sarà certamente approfondito dal Consorzio Camerale, grazie anche alla collaborazione di esperti nella materia. 4

5 Confidi vigilati: la segnalazione delle esposizioni deteriorate Come è noto, la vigilanza di Banca d Italia nei confronti dei confidi 107 ha comportato per quest ultimi una serie di incombenze, fra cui emerge quella della corretta valutazione, allocazione e segnalazione del credito deteriorato, nonché del suo costante monitoraggio. Si tratta di un passaggio di non poco conto. Secondo quanto disposto dalla Circolare n. 217 della Banca d Italia, che disciplina le segnalazioni di vigilanza degli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale, la finalità delle segnalazioni è di fornire all Autorità di Vigilanza i dati necessari per svolgere le sue funzioni. A tal scopo, viene stabilito che le esposizioni per cassa e fuori bilancio devono essere suddivise in cinque categorie, sofferenze, incagli, ristrutturati, urati, scaduti, in bonis, e il significato di ciascuna voce viene specificato nel dettaglio. Dall analisi della normativa segnaletica emerge, inoltre, che l escussione della garanzia non è condizione né necessaria né sufficiente per segnalare e la condizione di sofferenza di una esposizione. Ciò significa che un confidi deve segnalare una sofferenza su una garanzia anche se il relativo credito non è stato ancora escusso dalla banca. Segnalare tempestivamente il passaggio di una garanzia da uno status a un altro è fondamentale nonché necessario per un corretto monitoraggio del rischio e per una sua opportuna valutazione a fini gestionali e di bilanci. Rimane d altra parte scontato che una efficace gestione dei rischi si può ottenere solo con un ulteriore miglioramento della collaborazione e dello scambio di informazioni tra banche e confidi. Fonte: Moderari S.r.l. L articolo completo è disponibile alla seguente pagina web: moderari/mailid- 64-prova-ias 5

6 Roadshow Marchi e Disegni comunitari : seconda tappa a Reggio Calabria V. Morelli Continua il roadshow sui marchi e disegni comunitari, il progetto che nasce dalla collaborazione tra l Ufficio per l Armonizzazione nel Mercato Interno, la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi e il Consorzio Camerale per il credito e la finanza. Il secondo appuntamento si terrà presso la Camera di commercio di Reggio Calabria il prossimo 19 giugno. Il seminario, dal titolo Tutela e valorizzazione dei segni distintivi: disciplina generale e focus in ambito agroalimentare, approfondirà la normativa relativa ai segni distintivi tipici e atipici, evidenziandone le metodologie di protezione (uso e registrazione) e di valorizzazione (licensing e capitalizzazione), nonché gli strumenti di difesa in sede giudiziale e amministrativa. Verranno inoltre analizzati i segni tipici nel settore agroalimentare, quali sono le denominazioni di origine e le indicazioni geografiche protette. A conclusione del seminario, tutti i partecipanti interessati potranno confrontarsi rsi singolarmente con i relatori che risponderanno a domande e dubbi relativi ai titoli di proprietà industriale. È possibile scaricare il programma integrale consultando il sito internet dedicato al roadshow: 6

7 News in sintesi Parlamento europeo: proposta di indagine sulle agenzie di rating Nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha vagliato la proposta di avviare un indagine sulle tre grandi agenzie di rating internazionali per verificare i sospetti di violazione della concorrenza e manipolazione del mercato. Nel frattempo, la Procura di Trani ha dichiarato concluse le indagini preliminari che vedono gli analisti di Standard & Poor s accusati di manipolazione di mercato pluriaggravata e continuata in relazione ai continui declassamenti operati all Italia. L inchiesta passa per competenza alla Procura di Milano. Sentenza interpretativa della Corte di giustizia europea sulla Pac La Corte di giustizia europea ha risposto a una richiesta di interpretazione pervenuta dalla Corte suprema polacca in merito alla natura penale o meno delle sanzioni comminate nell ambito della politica agricola comune. Nello specifico, la Corte di giustizia ha stabilito che l eventuale sospensione dall accesso agli aiuti diretti comunitari comminata a un agricoltore per dichiarazioni inesatte circa l estensione delle superfici ammesse al beneficio non costituisce di per sé una pena che rende impossibili ulteriori sanzioni penali da parte della giustizia nazionale. Pertanto, tali sanzioni hanno natura solo amministrativa e possono coesistere con altre sanzioni penali comminate secondo il diritto penale dei singoli paesi membri. Libro Verde sugli Stability Bonds: approvazione del Parlamento europeo La Commissione giuridica del Parlamento europeo ha approvato il Libro Verde della Commissione europea sugli Stability Bonds, che ora passa al giudizio della Commissione Affari economici e monetari. Il Parlamento, nonostante abbia ritenuto la proposta un buon punto di partenza per valutare possibili soluzioni volte a promuovere la stabilità finanziaria, la disciplina di bilancio e la crescita economica all'interno dell'ue, ha però invitato la Commissione a formulare tempestivamente proposte adeguate relative a tutti i problemi in campo legati all'implementazione di un quadro di riferimento delle obbligazioni. Il Libro Verde sugli Stability Bonds è disponibile alla pagina: Dalla Commissione europea una proposta salva banche La Commissione europea ha elaborato una proposta di direttiva che prevede la costituzione di un fondo salva-banche, alimentato dagli stessi soggetti finanziari, che interverrà in caso di crisi del sistema bancario. La proposta prevede un prelievo annuale pari all 1% dei depositi totali annui, che sarà gestito dalle Autorità di risoluzione nazionale, nel nostro caso da Banca d Italia. La proposta di direttiva è consultabile al seguente link: 7

8 Unione europea: accordo a sostegno dei Project Bond Nei giorni scorsi la Commissione europea, il Parlamento e il Consiglio hanno raggiunto un accordo sui cosiddetti Project Bond, i prestiti obbligazionari che verranno emessi da apposite società veicolo e che serviranno a finanziare grandi opere infrastrutturali. Nello specifico, si garantiranno 230 milioni di euro a sostegno dei Project Bond, che potrebbero sbloccare investimenti per 4,6 miliardi di euro. Gli accordi presi verranno discussi dal Parlamento il prossimo luglio. Il comunicato stampa della Commissione è disponibile al seguente link: Bond bancari: Protocollo d intesa tra Banca d Italia e Consob La Banca d'italia e la Consob hanno pubblicato un Protocollo d'intesa volta a stabilire modalità di scambio di informazioni sulle banche emittenti titoli di debito. Il Protocollo ha lo scopo di assicurare una maggiore efficienza nello scambio di informazioni tra le due Autorità nell'ambito delle procedure di approvazione da parte della Consob dei prospetti relativi all'offerta pubblica di titoli di debito bancari. Il Protocollo è consultabile al link: italiane/protocollobi- Consob_ pdf Abi: smobilizzo crediti PA e investimenti PMI Sono stati inviati alle banche i protocolli siglati da Abi con le Associazioni delle imprese, volti a smobilizzare i crediti verso la Pubblica Amministrazione e finanziare gli investimenti delle PMI. Nello specifico, le misure adottate prevedono la costituzione di due plafond, ciascuno di 10 miliardi di euro: il plafond Crediti PA, che contribuirà a supportare le PMI che soffrono dei ritardi della PA, potrà essere attivato attraverso lo sconto pro soluto o pro solvendo e l anticipazione senza cessione di credito; il plafond Progetti Investimenti Italia servirà a finanziare le PMI che registrano temporanee tensioni di liquidità, di difficoltà nel rispetto delle scadenze di rimborso dei prestiti bancari e di accesso a nuove forme di finanziamento. Il comunicato stampa ufficiale è disponibile alla pagina web: In Italia aumentano i contratti di rete Secondo i dati diffusi da Unioncamere, in Italia i contratti di rete hanno raggiunto quota 333, coinvolgendo 1767 imprese. Tali aggregazioni, introdotte dall art. 42 della legge 122/2010, costituiscono un importante risposta delle PMI alla crisi finanziaria, perché permettono loro di realizzare progetti comuni, pur mantenendo la propria autonomia. Maggiori dettagli sono disponibili al link: Contratti-di-rete-- un-analisi-comparativa-.htm 8

9 In calo il credito al consumo Secondo i dati riportati da Assofin, nel primo quadrimestre del 2012 si è registrato un forte calo del credito al consumo. Nel periodo considerato, infatti, sono state finanziate poco più di operazioni, in calo del 10,9% rispetto allo stesso so periodo del Sono in calo i prestiti finalizzati, che diminuiscono del quasi 16%, i prestiti personali che arretrano del 12,8% e la cessione del quinto dello stipendio con -17,5%. Brevetto europeo: ancora disaccordo sulla sede della Corte Non è stato ancora raggiunto un accordo sulla sede della Corte per il brevetto europeo, che vede come candidate Monaco, Londra e Parigi. Se non si giungerà ad un intesa nel prossimo Consiglio Competitività a fine giugno, il testimone passerà alla presidenza cipriota, iota, il cui incarico partirà dal 1 luglio. Tale ipotesi potrebbe comportare il rilancio da parte dell Italia delle e candidature di Milano o Torino, che erano state annullate lo scorso anno a causa della mancata presentazione delle domande entro i termini stabiliti. La Commissione europea a sostegno di una maggiore tutela dei consumatori La Commissione europea ha promosso un nuovo piano volto a rafforzare la tutela e la sicurezza dei consumatori. Tale strategia comporterà effetti positivi per la concorrenza e la crescita economica. Il piano contribuirà ad accrescere le informazioni disponibili per gli acquirenti, a potenziare l applicazione delle norme e a rafforzare le procedure di risarcimento in caso di problemi nell acquisto. La Comunicazione è disponibile alla pagina web: 9

10 Consultazioni pubbliche Scadenza: 8 giugno 2012 Remunerazione degli affidamenti e degli sconfinamenti La Banca d Italia ha avviato la consultazione sulla proposta che intende formulare al Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio (CICR) per dare attuazione all articolo 117-bis del Testo Unico Bancario, il quale disciplina la remunerazione degli affidamenti e degli sconfinamenti. Il testo della consultazione è disponibile al link: Scadenza: 12 giugno 2012 Conti bancari La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica sulla trasparenza delle tariffe legate al funzionamento dei conti bancari, sui costi necessari per passare da un prestatore di servizi bancari all'altro e sull'accesso dei consumatori ai conti bancari di base. Tutti gli interessati possono sono inviare i loro contributi collegandosi al link: Scadenza: 21 giugno 2012 Diritto fallimentare La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica sulla modernizzazione della normativa europea che disciplina le procedure di fallimento delle imprese. Maggiori dettagli sono reperibili sul sito: /civil/opinion/120326_en.htm Scadenza: 13 luglio 2012 Marchio europeo del turismo di qualità La Commissione europea ha pubblicato una consultazione sulla proposta di istituzione di un marchio europeo del turismo di qualità, per accrescere la trasparenza e la coerenza dei sistemi di valutazione della qualità a livello di UE. Tutte le informazioni sono disponibili alla seguente pagina web: Scadenza: 13 luglio 2012 Politica industriale nell ambito di Europa 2020 La Commissione europa ha avviato una consultazione per definire le priorità in materia di politica industriale al fine di individuare un numero limitato di azioni volte ad affrontare la crisi economica nel breve e medio periodo, nonché individuare e correggere i problemi che hanno impedito la corretta implementazione dell attuale stategia di politica industriale. La consultazione è disponibile al link: 10

11 Scadenza: 30 luglio 2012 Esposizioni scadute e/sconfinate deteriorate La Banca d Italia ha avviato una consultazione relativa alle esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate. Lo scopo è quello introdurre entro l anno il limite di 90 giorni in luogo degli attuali 180 previsti da Basilea 2 ai fini dell individuazione delle cosiddette past due loans. Il documento in consultazione è disponibile al seguente link: pubblica/proc_concluse/raccolta/2012/esposizioni_scadute/documento%20consultazione%20past%20due.p df Scadenza: 7 settembre 2012 Requisiti per il trading book Il Comitato di Basilea per la Vigilanza bancaria ha avviato una consultazione sulla revisione dei requisiti patrimoniali sul rischio di mercato, applicati alle esposizioni classificate nel trading book. La consultazione pubblica è disponibile al seguente link: Scadenza: 9 settembre 2012 Revisione del regime europeo per il settore ortofrutticolo La Commissione europea ha lanciato una consultazione sulla revisione del settore ortofrutta, nonché sulle opzioni politiche a disposizione e la loro valutazione d impatto. I dettagli sulla consultazione sono disponibili alla pagina web: ltation_paper_en.pdf Scadenza: 31 ottobre 2012 Principi contabili nazionali L Organismo Italiano di Contabilità ha avviato la consultazione sul secondo set di principi contabili nazionali, che riguardano nello specifico le rimanenze di magazzino, le disponibilità liquide, i crediti e i titoli di debito. L obiettivo è di migliorare la struttura dei principi contabili nazionali, tenedo conto delle recenti modifiche normative in materia contabile. Osservazioni e commenti possono essere inviati collegandosi al link: 11

12 Pubblicazioni Studi, paper, discorsi sul tema dell economia e della finanza. E possibile scaricare i documenti al seguente indirizzo: Banca d'italia: Relazione Annuale sul 2011 È stata pubblicata le Relazione annuale sul 2011 della Banca d Italia che contiene un ampia analisi dei principali sviluppi dell economia italiana e internazionale e fornisce un dettagliato resoconto delle decisioni di politica monetaria e delle altre attività istituzionali della Banca. Il ruolo delle Fondazioni bancarie e delle Casse di risparmio È stato pubblicato l intervento to del Direttore Generale di Banca d Italia, Fabrizio Saccomanni, presso il XXII Congresso Nazionale delle Fondazioni di Origine Bancaria e delle Casse di Risparmio Spa, tenutosi a Palermo. Vademecum sui Servizi di Interesse Economico Generale Il Servizio Concorrenza e Aiuti di Stato del Dipartimento to Politiche Europee ha realizzato un vademecum che offre chiarimenti sull applicazione delle regole europee al finanziamento dei Servizi di Interesse Economico Generale. Si tratta di una guida operativa destinata sia alle pubbliche amministrazioni che erogano gli aiuti di Stato sotto forma di compensazione per oneri di servizio pubblico sia alle imprese beneficiarie delle risorse. Relazione della Corte dei Conti europea sull efficienza operativa della gestione della BCE relativa al 2012 La Banca centrale europea (BCE) ha divulgato la relazione della Corte dei conti europea sull efficienza operativa della gestione della BCE per l esercizio finanziario 2010, unitamente alla risposta della Banca. Dimensione delle attività criminali e costi per l economia È stato pubblicato l intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia, Anna Maria Tarantola, su Dimensione delle attività criminali, costi per l economia, effetti della crisi economica. 12

13 ECONOMIC OUTLOOK Tassi di interesse A cura di C. Bettonica Fonte: Banca d Italia, Giugno

14 Statistiche macro-economiche: Paesi del G7 e Emergenti Cambi (dati aggiornati al 7 giugno2012) Paese PIL Tasso Inflaz. Tasso Disocc. Paese Prezzo Stati Uniti 2,0% 2,3% 8,2% Euro $ USA Eurozona 0,0% 2,6% 11,0% Euro Sterlina Germania 1,2% 1,9% 6,7% Euro Yen Regno Unito -0,1% 3,0% 8,2% Euro Fr. Svizzero Francia 0,3% 2,1% 9,8% Euro Yuan Cina Italia -1,3% 3,2% 9,8% Euro $ Canada Spagna -0,4% 1,9% 24,4% Euro Rublo Russo Giappone 2,7% 0,4% 4,6% Euro Real Brasile Cina 8,1% 3,4% 4,1% Euro - $ Hong Kong India 6,1% 7,6% 9,4% Euro - $ NZ Hong Kong 3,0% 4,9% 3,4% Euro - $ AUS Corea del Sud 2,8% 2,6% 3,4% Fonte: Bloomberg. Brasile 1,4% 5,2% 6,2% Argentina 7,3% 9,8% 6,7% Fonte: Bloomberg. I dati sono annuali e si riferiscono all ultima rilevazione ufficiale. Variazione annua 1,243-4,1% 0,809-3,0% 97,010-2,7% 1,201-1,2% 7,920-2,9% 1,294-2,3% 41,870 0,4% 2,537 5,0% 9,649-4,2% 1,648-1,1% 1,206 1,0% 14

15 Mercati azionari (dati aggiornati al 7 giugno 2012) Variazione Paese Valore 1 sett 1 sett( ) FTSE/Mib Milano ,15% Dax Francoforte ,57% Cac 40 Paris Eurostoxx ,20% -4,31% FTSE London ,71% -2,96% -5,60% -2,76% 6.732,40 15-giu-07-21,9% 3.530,73 49,0% Swiss Mkt. Zurich ,28% -1,30% -2,67% -1,51% 9.531,46 01-giu-07-39,4% 4.311,61 34,0% S&P 500 US ,23% -2,58% 1,63% 5,71% 1.565,15 09-ott-07-18,3% 683,38 87,0% Nasdaq Comp US ,24% -2,59% 5,46% 9,70% 5.048,62 10-mar-00-45,6% 1.293,85 112,3% Nikkei ,63% 1,13% -0,18% 2,34% ,87 29-dic-89-78,3% 7.173,10 17,7% Hang Seng Index ,83% -0,13% 0,67% 4,78% ,22 30-ott-07-41,3% ,52 55,7% Bovespa - Brasil ,56% -7,55% -11,18% -11,73% ,81 20-mag-08-27,4% ,09 43,9% RTS Russia ,71% 1,98% 7,91% 11,18% 2.847,92 19-mag-08-56,9% 634,921 93,3% Shangai Cina ,95% -3,84% -5,90% -10,20% 6.092,57 16-ott-07-61,0% 2.118,75 12,0% MSCI Mondo 292-2,74% -2,09% -2,50% -1,42% Fonte: Bloomberg. Materie prime (dati aggiornati al 7 giugno 2012) Commodities Valore 1 settimana 1 sett( ) YTD YTD ( ) Petrolio (WTI) (barile) 83,2-8,20% -7,58% -15,78% -12,22% Oro (oncia) 1.624,1 3,25% 3,94% 3,86% 8,26% Argento (oncia) 28,5-0,05% 0,61% 2,40% 5,74% Platino (oncia) 1.444,5 0,96% 1,63% 3,10% 7,47% Rame (libbra) 333,4-3,22% -2,58% -3,75% 0,33% Mais (bushel) 551,1-4,67% -4,03% -16,67% -13,06% Fonte: Bloomberg. YTD YTD ( ) -15,57% 2,58% -6,67% -10,70% Variazione Massimo assoluto storico Data massimo storico % rispetto al massimo Minimo al 9 marzo 2009 % rispetto al minimo ,00 18-mag-07-71,3% ,00-1,2% 8.105,69 16-lug-07-25,4% 3.666,41 65,0% 6.168,15 01-giu-07-52,1% 2.534,45 16,4% 4.557,57 16-lug-07-54,6% 1.809,98 14,3% 15

16 Indici obbligazionari (dati aggiornati al 7 giugno 2012) 1 Paese Italia govern. 1 3 anni 344-1,15% Italia govern. 3 5 anni 424-1,81% Italia govern. 5 7 anni 499-1,95% Italia govern anni 529-1,81% Italia govern. > 10 anni 476-1,81% Euro govern. 1 3 anni 157-0,33% Euro govern. 3 5 anni 173-0,18% Euro govern. 5 7 anni 182-0,11% Euro govern anni 186 0,20% Euro govern. > 10 anni 201 1,01% JP Morgan 1-3 anni 211-0,25% JP Morgan 1 10 anni 189 0,20% 0% Fonte: Bloomberg. Variazione Valore 1 sett 1 sett( ) YTD YTD ( ) Mercato monetario (dati aggiornati al 7 giugno 2012) Costo denaro Libor 3 mesi Europa 0,,67% 1,00% -0,34% Regno Unito 0,,99% 0,50% 0,49% Stati Uniti 0,47% 0,25% 0,22% Giappone 0,20% 0,10% 0,10% Fonte: Bloomberg. 2,62% 4,32% 5,80% 7,92% 11,53% 1,18% 2,81% 4,89% 6,03% 9,01% 1,14% 3,66% Banca Centrale Tasso di sconto Delta 1 Le variazioni percentuali degli indici obbligazionari comprendono sia la variazione in conto capitale che la cedola (per la quota parte riservata al periodo). Le variazioni percentuali in tengono conto dei rapporti di cambio a inizio e fine del periodo preso in considerazione. 16

17 Spreads verso Italia (dati aggiornati al 7 giugno 2012) 2 anni 5 anni 10 anni Italia 4,31% 5,39% 5,72% Germania -4,30% -5,07% -4,55% Grecia 6,,00% 7,91% 5,95% Spagna 0,60% 0,56% 0,77% Fonte: Bloomberg. 30 anni 6,15% -4,49% 3,68% 0,46% 17

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli