T F via Bolzano 30 - TN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "T 0461 961606 F 0461 961209 www.bcomsrl.it info@bcomsrl.it via Bolzano 30 - TN"

Transcript

1

2 Creiamo spazi di lavoro pensati su misura per le vostre esigenze, pratici e funzionali, con in sé la freschezza che solo idee sempre nuove e una grande sensibilità progettuale e immaginativa sanno garantire. Perché possiate essere ancora più fieri del vostro posto di lavoro. T F via Bolzano 30 - TN Reg.N 5521-A UNI EN ISO 9001:2000

3 In copertina: Dal 28 maggio al 2 giugno Trento ospiterà il terzo Festival dell Economia. COOPERAZIONE TRENTINA n 5 - maggio Anno 95 Periodico della Federazione Trentina della Cooperazione Trento, Via Segantini, 10 - Tel Direttore responsabile Walter Liber Coordinatore Corrado Corradini Comitato di Redazione Walter Liber, Diego Nart, Sara Perugini, Dirce Pradella, Corrado Corradini Franco de Battaglia, Cesare Dossi, Michele Dorigatti, Paolo Tonelli, Cristina Galassi, Silvia De Vogli, Sergio Ferrari, Umberto Folena Hanno collaborato Carlo Borzaga, Fabio Lucchi, Norma Benoni, Annalisa Borghese, Cristian Aiardi, Serena Avancini Art director Gabriele Dalla Costa - Progettazione grafica Cooperativa ARCHIMEDE - Stampa tipografica Cooperativa NUOVE ARTI GRAFICHE Abbonamenti Costo singola copia: 3 euro Abbonamento annuale (11 numeri): 30 euro Abbonamento semestrale (5 numeri): 15 euro Promozione 2008 Sconto speciale del 50% per chi sottoscrive più di 10 abbonamenti COOPERAZIONE TRENTINA n 5 - maggio 2008 EDITORIALE 03 Le Alpi sono il nostro ambito naturale di Diego Schelfi IN PRIMO PIANO Festival dell Economia Mercato o democrazia? 05 I forum della cooperazione 05 Sapelli: Possente forza di sviluppo civile e sociale 06 Caselli: Contro il pensiero unico 07 Boeri: L economia cresce di più se c è democrazia CULTURA COOPERATIVA Anniversario 09 Il messaggio di don Guetti a 110 anni dalla scomparsa ATTUALITÀ Confcooperative 12 «Basta pregiudizi, noi le tasse le paghiamo tutte» Assemblea 15 Cooperfidi diventa intermediario finanziario vigilato Mercati finanziari 16 Allacciate le cinture di sicurezza Progetto Restore 19 L impresa sociale per lo sviluppo locale Convegno 20 Il futuro degli anziani Anniversario 21 Un sogno romantico in risposta alla solitudine Servizi all infanzia 23 Tagesmutter premiate con il marchio Family in Trentino Ambiente 24 Costituita associazione per l edilizia sostenibile Incontri in cooperazione 25 Nuove teorie dell impresa RUBRICHE Economia 27 Difficili i rapporti con il sindacato - di Carlo Borzaga Finestra sul mondo 28 Don Guido Zendron, il vescovo delle favelas Educazione cooperativa 31 Soci marziani cercasi Storia 32 Strembo, Bocenago e Caderzone insieme da un secolo Viaggio nelle cooperative 35 Espo, la casa del porfido Pubblicazioni 36 Il mercato d azzardo Recensioni 37 Verdini e il merito Racconti di cooperazione 39 Il ragazzo del 1908 Fotocronaca 43 Foto e volti del mese OPINIONI Orizzonti 47 Chi non educa è perduto - di Umberto Folena La porta aperta 48 Modelli di comunità - di Franco de Battaglia Autorizzazione del Tribunale Civile e Penale di Trento n. 26 Registro stampa di data

4 + archimede.nu Tassi massimi applicabili ai rapporti garantiti da Cooperfidi al 01/05/2008 CREDITO IN SALVO ANTICIPO ANTICIPO CREDITI ANTICIPO MUTUO CONTO CORRENTE BUON FINE CONTRATTI PUBBLICHE AMMIN. SU FATTURE CHIROGRAFARIO CASSA CENTRALE E CASSE RURALI TRENTINE 6,00% 5,30% 5,30% 5,30% 5,30% 5,60% UNICREDIT BANCA 6,838% + 1/8 5,838% 6,338% 6,088% 6,088% 5,738% BNL 6,427% 5,927% 5,927% 5,927% 5,927% 6,248% BANCA POPOLARE A/A 6,50% + 1/8 6,00% 6,00% 6,00% 6,00% 6,00% B.T.B. 6,088% 5,338% 5,588% 5,588% 5,588% 5,838% BANCA SELLA NORD EST - BOVIO CALDERARI 6,25% 5,50% 5,75% 5,75% 5,75% 6,15% BANCA COOP. LA VALSABBINA 6,472% 5,772% 5,772% 6,472% 5,772% 5,772% BANCA POP. SONDRIO 6,338% 5,838% 6,138% 6,138% 5,838% 5,938% MEDIOCREDITO TRENTINO AA 5,80% (SE FISSO DA 5,80% A 5,90% - SE VARIABILE 6,10%) FACILITA IL RAPPORTO CON LE BANCHE I SERVIZI PER I SOCI Cooperfidi, cooperativa provinciale di garanzia fidi, migliora il rapporto banca-utente, garantendo i finanziamenti e le linee di credito aperte dai soci presso gli Istituti di Credito convenzionati. La presenza della garanzia Cooperfidi agevola l accesso al credito, e le relative operazioni di finanziamento vengono trattate a tassi particolarmente convenienti. COOPERFIDI OFFRE AI PROPRI SOCI ULTERIORI SERVIZI - consulenza ed assistenza finanziaria; - finanziamenti tramite Fondo di Solidarietà Sait; - copertura rischio cambio; - anticipo contributi ai sensi L.P. 6/99; - prestiti partecipativi ai sensi L.P. 6/99; - operazioni speciali per gli allevatori e per i caseifici sociali. CHI PUÒ ACCEDERE AI SERVIZI DI COOPERFIDI Cooperfidi è aperta alle cooperative, ai contadini, alle società ed agli Enti operanti nell agricoltura. Possono associarsi al consorzio le cooperative di produzione lavoro, quelle di servizio, di consumo, edilizie, le cooperative agricole e tutti i contadini iscritti all albo provinciale, siano essi allevatori, apicoltori, frutticoltori, coltivatori di piccoli frutti ecc. ORARI E NUMERI UTILI Il personale del Consorzio è a disposizione dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle e dalle ore alle 17.00, per offrire tutte le informazioni desiderate. Trento - Via Vannetti, 1 Tel Fax N QUALITÀ 2000/14533

5 EDITORIALE di Diego Schelfi Le Alpi sono il nostro ambito naturale Bisogna attrezzarsi culturalmente e concretamente per praticare i nuovi scenari dell Europa allargata. Le visite, gli incontri, le proposte di collaborazione rivolte alla Cooperazione Trentina da molti interlocutori vanno vagliate con apertura e generosità Nelle settimane scorse è stato firmato un protocollo di collaborazione fra la Cooperazione Trentina e quella della Valle d Aosta. La nostra società Cooperfidi sta concordando un documento finalizzato a un lavoro comune con il Friuli. Da quasi un anno è stata creata Jobcoop, società di avviamento al lavoro che coinvolge anche parte della cooperazione di Bolzano. Gli atteggiamenti che di solito si registrano davanti a fatti di questo tipo sono tesi a minimizzarne la portata; si valutano (giudicano) carte politiche e poi si ritorna a concentrarsi sulle proprie attività considerate, queste si, affari importanti. Siamo convinti che nel nostro mondo siano ancora presenti posizioni come quelle sopra richiamate. Sono sbagliate! E ciò in riferimento sia all autonomia (da Roma) sia alla costruzione di sempre nuovi rapporti (con l Europa). I nostri predecessori sia politici che cooperatori hanno avuto un compito estremamente difficile nel costruire e difendere la nostra autonomia. Per molte ragioni, non secondarie quelle riferite ad una cultura molto centralista che dominava sostanzialmente tutte le principali forze politiche, sociali ed economiche italiane. Il loro impegno è stato per lungo tempo caratterizzato dal fatto che non avevano retroterra. Erano loro con di fronte lo Stato e con dietro nessuno (o quasi). Eppure hanno lottato raggiungendo risultati ottimi. Oggi, paradossalmente, c è un grande substrato formato dai popoli dei 27 Paesi che costituiscono l Unione Europea, ma non sappiamo cogliere le nuove opportunità autonomistiche che da ciò derivano. Le collaborazioni sopra accennate, a nostro parere, devono diventare le basi su cui costruire alleanze organiche tali da delineare aree regionali da collocare non solo in rapporto con i governi degli Stati, ma per interloquire con Bruxelles. Per dirlo chiaramente: dobbiamo saper puntare su una nuova rete di rapporti tali da tratteggiare nuove macro regioni europee in grado di sancire capacità autonomistica e vigore per essere riconosciute come interlocutrici stabili dagli organi tecnici e politici della UE. In questo senso le Alpi sono il nostro ambito naturale. Le Alpi che tanti popoli vivono da millenni, le Alpi attraversate da sempre dalle persone migranti, le Alpi che non sono state da noi vissute come barriera ma come ponte. Pensate alla ricchezza di culture che vanno dalla Slovenia/Friuli alla Provenza/Liguria, da Mediterraneo a Mediterraneo passando per la Mitteleuropa. Abbiamo quindi la possibilità di impostare nuovi rapporti con Roma. In tutti i sensi e in tutti gli ambiti. Nessuna velleità antistatale ma capacità di vedere lontano, di delineare panorami nuovi. Bisogna quindi attrezzarsi culturalmente e concretamente per praticare i nuovi scenari. Le visite, gli incontri, le proposte di collaborazione che ci vengono da molti interlocutori e distribuite in molti campi di attività, vanno vagliate attentamente e non scartate con sufficienza. Nelle relazioni la reputazione delle parti è fondamentale ed essa si costruisce essendo generosi e curiosi (in tutti i sensi). In questo modo riusciremo a far conoscere positivamente la cooperazione trentina al resto d Europa. Sarà questa nuova collocazione della cooperazione trentina che potrà farci pensare a diverse, nuove e maggiormente libere relazioni con le istituzioni e le organizzazioni cooperativistiche centrali romane.

6 IN PRIMO PIANO festival dell economia 2008 MERCATO O DEMOCRAZIA? Con grandi nomi italiani e internazionali, torna l appuntamento a Trento. Cinque giorni di incontri: dal 29 maggio al 2 giugno. La manifestazione è promossa dalla Provincia autonoma, dall Università e dal Comune di Trento. Nel programma anche due convegni organizzati dalla Cooperazione Trentina. a cura di Corrado Corradini Il Festival di Trento è un idea coraggiosa che è diventata un successo spettacolare. Ha trasformato la scienza triste in una vivace avventura intellettuale... Sono parole di Ralf Dahrendorf il politologo che ha partecipato insieme a studiosi di tante altre discipline alla prima edizione del Festival dell Economia nel Lo slogan di quel primo anno l economia come non ve l hanno mai raccontata era un invito a condividere riflessioni e punti di vista diversi qualche volta opposti su temi di grande attualità. L inaspettata affluenza di pubblico fin da quel primo esordio e la fotografia del popolo dello scoiattolo, il piccolo roditore-logo del Festival, scattata da un indagine Ipsos testimoniano che il Festival dell Economia ha risposto a un bisogno di conoscenza e di partecipazione. Sia con Ricchezza e Povertà il tema della prima edizione, sia con Capitale umano, capitale sociale dello scorso anno, il Festival ha proposto opportunità importanti per comprendere i cambiamenti del mondo nel tempo della globalizzazione. Lo scorso anno si registrarono oltre 50 mila presenze. Con Mercato e democrazia, tema-guida dell edizione 2008, in programma dal 29 maggio al 2 giugno, il Festival torna a proporre occasioni di riflessione e incontro sulle grandi questioni del nostro tempo. L appuntamento avrà per protagonisti alcuni tra i migliori economisti italiani e stranieri, insieme a storici e filosofi, giuristi e antropologi, sociologi e linguisti, giornalisti ed esperti della comunicazione, imprenditori, politici e rappresentanti delle istituzioni. Paul Krugman, docente all Università di Princeton e alla London School of Economics, editorialista del New York Times, rifletterà su quanto le ideologie possano condizionare il funzionamento dei mercati; Paul Collier, professore all Università di Oxford, spiegherà per quale motivo i Paesi africani a basso reddito non riescono a intraprendere con successo la via dello sviluppo; Benjamin Friedman, docente ad Harvard, metterà in discussione la scuola di pensiero che imputa al benessere economico conseguenze morali gravi: dall individualismo allo sfruttamento del lavoro altrui, alla disintegrazione dei legami sociali tradizionali; Luisa Diogo, attuale primo ministro del Mozambico, illustrerà la sua esperienza di governo la cui efficacia ha destato l attenzione degli osservatori di tutto il mondo; Egor Gaidar, primo ministro russo all epoca di Eltsin e tra gli artefici delle prime grandi privatizzazioni, parlerà del passaggio dal sistema sovietico al libero mercato; John Lloyd, giornalista ed editorialista del Financial Times, analizzerà lo scenario dell informazione, in presenza di una crescente concentrazione nella proprietà dei giornali e della televisione sia in Europa che negli Stati Uniti. A questi e tanti altri nomi si aggiungono grandi personalità del dibattito pubblico italiano. Tra gli altri: Mario Monti, Guido Rossi, Luciano Gallino, Sergio Marchionne, Piercamillo Davigo. Il Festival punta sempre più alla qualità, nella convinzione che solo nella direzione dell eccellenza possa esserci risposta adeguata ad un mondo globalizzato che mette in rete infinite specificità. 4 > Foto Ufficio stampa Festival dell Economia

7 IN PRIMO PIANO festival dell economia 2008 I forum della cooperazione La presenza della Cooperazione Trentina all edizione 2007 del Festival è stata caratterizzata dai grandi numeri. Nello spazioso padiglione bianco (650 metri quadrati) montato in piazza Fiera sono passati più di 25 mila visitatori. 32 gli stand allestiti da altrettante cooperative. 16 gli incontri organizzati, a cui hanno partecipato centinaia di persone. Il forum più seguito ha avuto per protagonisti i presidenti di Confcooperative Luigi Marino e di Legacoop Giuliano Poletti, invitati a parlare dell ipotesi di unificare a livello nazionale la rappresentanza cooperativa. La partecipazione della Cooperazione Trentina al Festival 2008 sarà più leggera e consisterà essenzialmente nella proposta di due convegni. Il tendone montato nelle precedenti edizioni in piazza Fiera non sarà quest anno allestito. Il primo convegno, venerdì 30 maggio, approfondirà il tema della democrazia come valore costitutivo dell impresa cooperativa. La riflessione riguarderà la peculiare distintività imprenditoriale e sociale della cooperazione e le sue potenzialità come soggetto propositivo e dinamico capace di darsi nuove linee di innovazione legislativa, di governance, di ricambio generazionale. Interverranno: Diego Schelfi, presidente della Federazione; Victor Pestoff dell Università di Stoccolma; Lorenzo Caselli, docente di Etica economica e responsabilità sociale delle imprese all Università di Genova. Moderatrice: Mariangela Franch dell Università di Trento. Il secondo appuntamento è in programma sabato 31 maggio. Al centro della discussione sarà posto non Appuntamenti coop IMPRESA COOPERATIVA E DEMOCRAZIA ECONOMICA venerdì 30 maggio - ore Sala della Cooperazione - Trento COOPERAZIONE, DEMOCRAZIA E CONCORRENZA sabato 31 maggio - ore Sala della Cooperazione - Trento Spettacolo: DON LORENZO GUETTI E LE STAGIONI DELLA SOLIDARIETÀ Testi di Mauro Neri, musiche di G. Moroder e G. Solera, esegue il coro Croz Corona lunedì 2 giugno - ore 21 Centro S. Chiara - Trento solo il peso economico e culturale delle imprese cooperative, ma anche la loro capacità di essere protagoniste nel competitivo mercato globale creando allo stesso tempo mercato cooperativo. È previsto l intervento di: Mikel Lezamiz, Mondragón Corporación Cooperativa; Daniel Coté, professore di economia all Hec Montreal; Giulio Sapelli, docente di storia economica e di analisi culturale dei processi organizzativi all Università di Milano. Moderatore: Carlo Borzaga dell Università di Trento. Anticipiamo di seguito in forma sintetica i contenuti delle relazioni che saranno presentate da Giulio Sapelli e Lorenzo Caselli. Giulio Sapelli, docente di storia economica all Università di Milano POSSENTE FORZA DI SVILUPPO CIVILE E SOCIALE Oggi, grazie alla globalizzazione, a tutti può apparire evidente che il mercato è un costrutto artificiale: è il frutto di un complesso di regole che l uomo e il suo associarsi possono costruire. La spada del sovrano sospendeva la guerra nelle fiere già nel medioevo: senza di essa nessun mercato e nessun mercante. Le istituzioni di regolazione dei mercati oggi svolgono lo stesso ruolo: allontanano la guerra dal mercato diminuendone i fallimenti ed erigendo barriere all entrata più o meno alte, rendendo più o meno complesso l accesso di nuovi membri alla fiera che è oggi eminentemente finanziaria, non esistendo più nel mondo, neppure a Chi- 5

8 IN PRIMO PIANO festival dell economia 2008 cago, per secoli borsa merci per eccellenza, scambi fisici di beni, essendo tutto dematerializzato con costi di transazione tendenti allo zero grazie all uso delle tecnologie informatiche e della comunicazione (ITC). Naturalmente i rischi di fallimento dell accountability sono sempre in agguato, come dimostra il caso recente di Societe Generale. Anzi, l uso massiccio dell ITC può favorire comportamenti opportunistici altamente professionalizzati, aumentando il rischio delle frodi, diminuendo la pervasività dei controlli. È un tema, questo, destinato a divenire dominante in futuro e che occorre sorvegliare con somma attenzione. Sarebbe sbagliato e questo sarà il messaggio della riflessione che svilupperò al Festival rispondere ai fallimenti dei mercati invocando un nuovo statalismo o nuovi protezionismi. La crescita si arresterebbe molto di più di quanto oggi non accada. Si entrerebbe in una recessione profonda o in una stagnazione simile a quella del Giappone degli anni Novanta, a quella tedesca di pochi anni dopo. Occorre riscoprire i principi della sussidiarizzazione dei mercati. Ossia l unica via di uscita non è la costruzione di pesanti sistemi di controllo statolatrici, ma la frugale e leggera opera di trasformazione culturale che conduce gli attori dei mercati all autoregolazione. Fairness, regole semplici e compliance non stataliste ma affidate agli attori. Rivoluzione culturale e morale. Se non si supera la prova si muore. Ma deve esistere anche la roccia che non si muove nel torrente impetuoso. Ossia il mercato deve subire il confronto e la competizione anche da parte di gruppi di imprese che non sono pervasivamente regolate interamente da esso. E non parlo solo del not for profit, non a caso in sviluppo tumultuoso proprio per reazione alla pervasività assoluta del mercato e alla statolatria (la società si difende, sempre, perché il soggetto non si lascia sempre annichilire ): parlo in primo luogo della cooperazione nelle sua varie e mutevoli forme. Essa appare in una dimensione planetaria come una possente forza di sviluppo civile e sociale. Ecco il trionfo, nel mercato, non contro il mercato, del principio di sussidiarietà. È la cooperazione. Lorenzo Caselli, docente di Etica economica all Università di Genova CONTRO IL PENSIERO UNICO 6 Il pensiero unico può essere sconfitto. In economia più strade sono possibili; i problemi non hanno una e una sola soluzione. Gli elementi costitutivi dell economia di mercato la proprietà dei mezzi di produzione, il rapporto tra capitale e lavoro, il profitto e il suo utilizzo, i meccanismi di decisione e controllo, ecc. possono essere variamente declinati e combinati. In questa prospettiva, l impresa cooperativa, il mondo della cooperazione possono contribuire alla realizzazione di una economia di mercato coerente con la rimozione della ingiustizia sociale e con la promozione di condizioni atte a valorizzare nella diversità delle esperienze le capacità e le potenzialità delle persone e dei gruppi sociali. Il concetto da approfondire come riferimento fondamentale è quello di democrazia economica intendendo con tale espressione un progetto che, oltre alla definizione di precise regole per il mercato, si propone l attivazione di processi partecipativi, sul versante sia della gestione sia del controllo del sistema economico nonché il consolidamento dello stato sociale, facendo interagire dimensioni pubbliche e dimensioni private. L impresa cooperativa, il mondo della cooperazione sono fattori di pluralismo (oltre che plurali al loro interno), di arricchimento, di stimolo nella direzione di una economia multidimensionale, aperta, amica dell uomo lavoratore, consumatore, risparmiatore, cittadino. L impresa cooperativa concorre alla democrazia economica potendo mettere sul piatto della bilancia alcuni punti di forza. È un impresa dotata di stabilità ovvero radicata nella comunità. È un antidoto salutare contro la divaricazione tra dinamiche reali e dinamiche finanziarie speculative. È un impresa che poggiando sull affidabilità, su relazioni di fiducia e di mutualità tra i soci e con l ambiente, contribuisce all aumento del capitale sociale, fonte prioritaria di competitività dei diversi sistemi territoriali.

9 IN PRIMO PIANO festival dell economia 2008 L economia cresce di più se c è democrazia L analisi di Tito Boeri, responsabile scientifico del Festival. I regimi liberali, di norma, generano minori disparità di reddito delle dittature e ci consegnano società meno diseguali Democrazia e mercato non sono termini necessariamente legati. Secondo Tito Boeri, responsabile scientifico del Festival dell Economia, ci eravamo abituati a credere che non ci potesse essere mercato senza democrazia, ma ci siamo dovuti ricredere. Ci possono essere regimi totalitari che tollerano la presenza di mercati. Così è stato con il Cile di Pinochet, così è oggi con il caso della Cina. Non solo i mercati possono coesistere con regimi autoritari, ma dentro ai mercati operano organizzazioni che, al loro interno, non sono affatto democratiche. Chiarisce Boeri: le imprese sono, in genere, gestite in modo autocratico. Decide il boss, il più delle volte senza interpellare i dipendenti e tutti coloro, fornitori e clienti abituali, che sono portatori di interessi nei confronti dell azienda. Se il boss rende conto a qualcuno, è agli azionisti, ma ci sono sempre o quasi sempre alcuni azionisti che contano più degli altri, indipendentemente dal numero di quote che detengono. Il fatto che esistano al mondo mercati senza democrazia e che il mercato pulluli di organizzazioni non democratiche non significa che un economia di mercato possa sopravvivere a lungo senza democrazia. La crescita economica, misurata nell arco di decenni, sembra essere più forte nei regimi democratici che in quelli totalitari. E i regimi democratici, di norma, generano minori disparità di reddito delle dittature, ci consegnano società meno diseguali. Tutto questo permette che ci sia maggiore consenso attorno all operato dei mercati. L analisi di Tito Boeri entra nel dettaglio. La democrazia spiega il docente della Bocconi serve alla sopravvivenza di un economia di mercato perché porta > L economista Tito Boeri alla creazione di istituzioni che difendono i mercati e che rimediano ai fallimenti dei mercati. Senza queste istituzioni, sistemi di leggi, apparati chiamati ad applicarle, autorità di regolazione dei mercati, chi ha maggiore potere economico riuscirebbe a soffocare la concorrenza. Senza sistemi di protezione sociale adeguati, ad esempio, è difficile che il mercato trovi molti sostenitori, si creano margini di consenso per politici che chiedono di imporre dazi e tariffe. Difendono i monopoli ma possono essere ascoltati da lavoratori in ansia per un posto di lavoro minacciato dalla concorrenza internazionale. Non tutte le democrazie sono ugualmente efficienti nel regolare i mercati e nel costruire una infrastruttura a loro protezione. Sempre più economisti studiano i sistemi elettorali, il ruolo delle lobby e i meccanismi di selezione della classe politica, consapevoli dei loro effetti sulla dimensione ed efficienza dei mercati. Studiano anche il pluralismo nell informazione. Guardano con preoccupazione all intreccio fra potere economico e potere mediatico un problema molto forte nel nostro paese dove i primi cinque quotidiani sono posseduti da grandi gruppi industriali convinti che un informazione inadeguata sulla situazione finanziaria delle imprese possa impedire lo sviluppo dei mercati. Non c è in questa scelta solo l interesse distaccato dello studioso, ma anche un impegno civile, democratico. Queste analisi conclude Boeri ci servono oggi a valutare i rischi, sempre presenti, di una degenerazione delle nostre democrazie. Forse un giorno ci serviranno anche a individuare le chiavi per promuovere sviluppi democratici in quei regimi totalitari che oggi hanno un economia di mercato. 7

10 8

11 CULTURA COOPERATIVA anniversario Il messaggio di don Guetti a 110 anni dalla scomparsa Il fondatore del movimento cooperativo trentino è stato ricordato il 19 aprile con una celebrazione nella Pieve di Vigo Lomaso officiata da don Bruno Tomasi, delegato vescovile alla cooperazione. Riportiamo l intervento commemorativo pronunciato dal presidente della Federazione: La cooperazione è messaggio di pace. La povertà non è scomparsa, soprattutto quella culturale. Per questo ci sarà sempre più bisogno di cooperazione di Diego Schelfi Credo non sia un caso che si stia sempre più diffondendo la consapevolezza della centralità della memoria. Ci si sente sempre più spaesati e i più avveduti capiscono che vale la pena cercare nel passato. Noi oggi siamo qui in memoria del nostro fondatore don Lorenzo Guetti ma chiediamoci un attimo che cosa effettivamente significa memoria, e soprattutto che cosa significa il presupposto della memoria, che è il ricordo. La nostra capacità di ricordare è direttamente proporzionale al fatto che la memoria possa sedimentarsi. Il verbo latino recorder esprime il ricordarsi, il rievocare nella mente, ma indica anche l idea di immaginarsi qualcosa al futuro. È costituito da re e cor. Il prefisso re in composizione significa indietro, ma anche di fronte. Il ricordare perciò vive come raccordo fra passato e futuro. Il ricordo è insieme ciò che sta indietro e ciò che ci sta di fronte. Quindi, potrà sembrare strano, ma avere memoria significa pensare al futuro, con il dissolversi della memoria si appanna la visione del futuro. Una proposta per le generazioni future Io penso che il nostro atteggiamento verso la memoria debba essere proprio questo: noi non abbiamo solo memoria del passato, non veniamo qui con atteggiamento contemplativo, quasi fossimo persone esterne al teatro cooperativo, a meditare sui valori, sui principi, sul lavoro del passato. No; noi veniamo qui a ricordarli e quindi a proporli per il futuro. Diciamo qui, accanto alla tomba dove riposa don Guetti che oggi siamo più convinti di ieri che la cooperazione è una proposta per le generazioni future. Davanti allo scambio ineguale che la globalizzazione ha determinato essa è correzione del mercato ma soprattutto è pace. Le parole che Alcide Degasperi > L intervento del presidente Diego Schelfi 9

12 CULTURA COOPERATIVA anniversario pronunciò in occasione dell assemblea del Sait del 1950 sono presenti in noi come fossero scolpite nella pietra: vorrei augurarmi che tutta la nostra famiglia nazionale fosse una famiglia cooperativa, che avesse delle vostre cooperative non soltanto il senso della solidarietà, ma anche quello della responsabilità. Oggi si parla di cooperazione internazionale europea. È lo stesso concetto, lo stesso principio che si muove, onde certi discorsi che sembravano strani da parte dei fondatori del nostro movimento, non erano così vani se si pensa che oggi il principio e lo spirito di quegli ideali sono diventati una necessità internazionale. La cooperazione vuol dire pace e fuori della cooperazione c è la guerra. Pensate, cari cooperatori trentini, che questo nostro principio che voi avete attuato, è lo stesso principio che si deve attuare per salvaguardare la pace! I cultori del dio-profitto Se questo è l atteggiamento giusto che dobbiamo assumere, allora è nostro compito difendere, oggi più di qualche giorno fa, lo strumento e i valori cooperativi come attuali e ottimi per il futuro, dalla critica degli iperliberisti e dalla irrisione dei cultori del dio-profitto. Queste occasioni che giustamente viviamo come nostre, come momento dei cooperatori devono essere anche circostanze per parlare a noi stessi; usare questi momenti per farci lezione, per ripensare il modo con il quale il movimento al quale apparteniamo ha agito per moltissimi anni e su quali binari culturali dovrà agire per il futuro. La cooperazione, quando è nata in queste valli, ha contribuito in maniera determinante ad estirpare la miseria. La condizione largamente maggioritaria fra la popolazione era una condizione di povertà e lavorare su presupposti generalizzati di povertà è, in un certo senso, più facile che lavorare sulle sacche di povertà che sono l altra faccia o il prodotto del benessere diffuso. Se guardiamo alla condizione sociale ed economica di vaste aree dell Africa, ci accorgiamo che è sì la povertà l elemento dominante, ma che dentro e accanto a questa povertà vivono tradizioni, valori, orgoglio, culture. Va anche e subito detto che ciò che sta accadendo in questi ultimi mesi circa il prezzo dei cereali, dimostra che tutti i progetti di sviluppo che non hanno tenuto conto del fatto che la povertà è l altra faccia della ricchezza sono miseramente naufragati. Infatti la Agenzia delle Nazioni Unite per l alimentazione e l agricoltura, la Fao, denuncia che 37 Paesi del mondo o sono già o a breve saranno preda della fame. L aumento dei prezzi d importazione dei cereali negli Stati africani aumenterà nel 2008 del 74%. Quindi ancora una volta è dimostrato che la carestia non è fatto contingente legato alla calamità naturale, ma fatto strutturale intrinseco al modello di sviluppo maggioritariamente diffuso nel mondo. Se invece guardiamo alla povertà nei grandi agglomerati urbani dell America Latina, vediamo che nella povertà di quelle periferie i valori svaniscono, le culture si sono perse. Perdere la speranza Purtroppo quando la povertà, oltre a essere prodotto della ricchezza vive accanto a essa, è spessissimo accompagnata anche da regressione morale, culturale e civile. I poveri delle favelas o delle villas miserias sono immersi quotidianamente nelle regole, nelle immagini, nei costi delle società ricche. Insieme al pane perdono anche la speranza, poi perdono la capacità di discernimento, poi perdono la dignità e vivono riconoscendosi nei sogni e nello sfavillio che i ricchi confezionano virtualmente per loro. Le sacche di povertà nelle nostre aree europee assomigliano a questo secondo esempio e quindi dobbiamo sapere che seppure numericamente di gran lunga inferiori alla condizione della povertà di fine 800 sono qualitativamente diverse e molto più difficili da affrontare. Quindi la cooperazione ha ancora oggi davanti a sé questo compito: la povertà non è scomparsa, è rimasta in alcuni segmenti sociali come povertà pura, in altri come inesorabile impoverimento assoluto, in altri ancora e sempre più vasti, come povertà relativa e si è ulteriormente appesantita della povertà culturale. 10

13 Diritti e doveri Un altra considerazione che mi è venuto di fare quando pensavo alle parole da dire in questa occasione, è quella riferita ai diritti e ai doveri. La questione è sostanzialmente questa: la cooperazione è nata per rispondere al diritto delle persone ad avere una vita dignitosa per sé, per i propri figli e per la comunità. Cioè la molla è stata il prendere atto che i diritti basilari dell uomo non erano esauditi. Ancora oggi spesso non lo sono e anzi disparità e spaventosi squilibri si sono aggiunti. La cooperazione, che don Lorenzo definiva: l arma, il rifugio, la vita dei deboli, ha cercato di dare una risposta a questi diritti attraverso il suo metodo: la responsabilità. Essa implica il dovere di agire in prima persona. Che cos è il dovere per noi? È farci carico, prendere su di noi il nostro problema e il problema di chi ci sta vicino, quindi dovere non è una parola contrapposta alla parola diritto. Il dovere è l evoluzione, secondo noi la più logica, della parola diritto. Quindi il dovere non nega il diritto, il dovere vede il diritto e lo assume su di sé cercando, nella misura del possibile, la soluzione del problema. Insomma se non abbiamo ben chiaro che il dovere è un modo per esaudire un diritto e lo viviamo come contrapposto al diritto, finiremo che i nostri occhi non vedranno più il diritto. Dico questo perché qualche volta mi sembra che anche nelle nostre discussioni tendiamo a contrapporre il dovere al diritto ed è in questa contrapposizione che rischiamo di non accorgerci sia di qualche vecchio diritto mai soddisfatto, sia soprattutto dei nuovi diritti. I più deboli oggi E questi nuovi diritti sono relativi, come sempre, alle persone più deboli. Ma chi sono oggi, le persone deboli? Io penso innanzi tutto ai bambini, quasi totalmente sprovvisti di difese dalle migliaia di aggressioni cui sono sottoposti. Le donne separate o divorziate con figli. Le famiglie il cui reddito non permette loro di vivere dignitosamente. Gli immigrati. Non smettete mai di pensare ai nostri trentini emigrati. È facile cadere in reazioni sbagliate. Riflettete su quanto hanno sofferto nel prendere la decisione di lasciare la loro terra spinti dal bisogno, sulle difficoltà che hanno trovato davanti a lingue incomprensibili, a leggi diverse, a costumi e abitudini totalmente nuovi. Ai sacrifici che hanno fatto per ricongiungere le loro famiglie. Oggi la storia si ripete a rovescio. Anche in questo caso dobbiamo far vivere la memoria e non dimenticando che il Trentino ha accolto in tutta la sua storia popoli migranti; pensate ai Mocheni ed ai Cimbri. E a proposito dei diritti e dei doveri voglio sottolineare una cosa che credo a don Guetti farebbe piacere visto che nel 1887 scriveva: Voi che sedete nelle aule dorate dei parlamenti alla disamina di tante cose minori, cessate ogni ulteriore pertrattazione: c è qui un popolo collo spettro della fame sulla porta... Mi riferisco al comportamento delle cooperative di lavoro e sociali trentine nei confronti dei loro soci e dipendenti (non accenno alle cooperative di tutti gli altri settori dove il problema non si pone). Esse hanno garantito e garantiscono salari uguali o superiori a quelli dei contratti nazionali nonostante la legge permetta loro di agire altrimenti. È una piccola cosa ma molto significativa! Qui la cooperazione non agisce con modalità che contribuiscono a distruggere l etica del lavoro soprattutto nella mente dei giovani. Certe situazioni che conosciamo producono danni incalcolabili non solo in relazione alla buona reputazione della cooperazione. Al giovane, alla giovane, magari già appartenenti a segmenti sociali deboli, cui vengono riservati certi trattamenti sul lavoro viene prima di tutto conculcato il diritto a salari dignitosi e onesti e quindi a una vita nella quale sia effettivamente possibile un progetto di famiglia, di figli, di avere una casa, di futuro. Ma disintegrando in essi l idea stessa di lavoro giusto si impedisce loro di praticare il diritto che riteniamo fondamentale: il diritto di esercitare il dovere, il dovere della responsabilità. È la distruzione della responsabilità. Con ciò aumentando ulteriormente le difficoltà di costruzione di una società autenticamente democratica e libera. Mi direte, mi dico: com è difficile essere sempre in tensione, cercare di essere sempre all altezza di tutto ciò che sappiamo di dover fare. È vero, è molto faticoso! Ma ancora una volta l indicazione del nostro don Lorenzo Guetti ci aiuta: continuiamo cooperando, ce la faremo! > La celebrazione della messa e il momento di preghiera sulla tomba di don Guetti 11

14 ATTUALITÀ Confcooperative «Basta pregiudizi, noi le tasse le paghiamo tutte» All assemblea nazionale di Confcooperative il presidente Luigi Marino, riconfermato per acclamazione, interviene su un luogo comune duro a morire: i privilegi fiscali delle cooperative. Dati alla mano, nessun privilegio «Il governo affronti le necessità dell'italia, mettendo in campo una politica per la crescita, secondo una esigenza che non è specifica delle cooperative, ma di tutta la realtà economica italiana». È questo l'appello arrivato dal presidente Marino, in occasione dell assemblea nazionale che si è tenuta a Roma, auditorium della Tecnica, il 17 e 18 aprile scorsi. Oltre 800 i delegati in rappresentanza delle circa 20mila imprese aderenti e ricco il parterre istituzionale che ha partecipato all evento. Si sono visti, tra gli altri, gli esponenti del governo uscente con il vicepremier Rutelli e i ministri Damiano, Lanzillotta e De Castro, il leader dell Udc Casini e due futuri ministri del nuovo Governo Berlusconi come Tremonti e Sacconi. Sono intervenuti ai lavori anche il presidente di Confcommercio Sangalli, il segretario Cisl Bonanni e il presidente di Legacoop Poletti. Marino ha affermato che «non devono esserci più cooperative di nessun colore - bianco, verde, rosso - ma solo cooperative», autonome dalla politica e centrate su mutualità e sul socio e soprattutto libere da quei pregiudizi di agevolazioni fiscali che ne offuscano l'immagine. «Noi ha ribadito Marino paghiamo tutte le tasse». Il presidente di Confcooperative auspica anche che la frammentazione sia bandita dai tavoli di concertazione, dove non dovrebbero essere ammesse più di dodici grandi associazioni imprenditoriali. La ricetta per rilanciare la competitività italiana, secondo Marino, prevede tra l'altro contratti più snelli, detassazione del lavoro straordinario e del salario di produttività, lotta ad ogni forma di dumping socio - contrattuale. Ovvero tolleranza zero verso le cosiddette cooperative spurie, non autentiche, che speculano sul modello cooperativo senza averne le qualità. Costoro ha detto Marino non sono cooperatori un po meno virtuosi, ma pericolosi nemici della cooperazione. Il falso mito delle agevolazioni fiscali Secondo Marino occorre fare chiarezza sulle mirabolanti voci relative alle agevolazioni fiscali concesse alle cooperative, come se queste non pagassero le tasse. Non è così ha affermato. Le cooperative pagano tutti i contributi previdenziali, l Inail, l Irap, l Iva, l Ici e le tasse sugli utili, tranne (solo in quest ultimo caso) le cooperative a mutualità prevalente. Non sarebbe meglio dire che sono utili tassati con aliquota 100% per una destinazione sociale vincolata (dato che a quegli utili i soci rinunciano per sempre)? Il leggendario tesoro del regime fiscale cooperativo, sul quale tanti vorrebbero mettere le mani, si aggira in realtà intorno ai 300 milioni di euro. Rinnovo la nostra proposta: questo regime fiscale tassare parzialmente gli utili destinati a riserve indivisibili sia applicato a qualunque impresa lo voglia utilizzare alle stesse condizioni della cooperativa. I numeri del sistema Negli ultimi quattro anni il numero delle imprese aderenti alla Confederazione delle cooperative italiane è salito a unità, per un aumento del 5,7% sul Inoltre, sempre negli ultimi quattro anni, il fatturato delle associate è balzato del 31,5%, attestandosi a 59 miliardi di euro. 12 > Il presidente di Confcooperative, Luigi Marino

15 Da sottolineare il boom del lavoro rosa nelle cooperative: è donna il 50,56% degli occupati. E il gentil sesso avanza anche nei ruoli manageriali, rappresentando il 22,5% dei ruoli quadro (rispetto al 16% di quattro anni fa). Ma cresce anche la presenza dei giovani: la composizione della base sociale sotto ai 31 anni è pari al 21% rispetto al 12% del 2003 e quattro amministratori su dieci sono under 40. Botta e risposta su Legacoop L intervento in assemblea di Giuliano Beltrami, direttore della cooperativa sociale Lavori in corso di Roncone, ha provocato la risposta immediata del presidente Marino. Cos era successo? Il cooperatore trentino aveva ripreso due passaggi della relazione, in particolare sui rapporti con l ente pubblico, che va vissuto come partner e mai come controparte, e poi sul progetto di fusione con Legacoop. Beltrami, forte anche dell esperienza trentina, rimasta unica in Italia, ha espresso delusione per non aver trovato nei dieci punti di programma presentati dal presidente nemmeno un accenno all ipotesi di fusione. Marino non si è fatto attendere. Mi pare di dover precisare ha risposto - che cercheremo di fare con trasparenza e autonomia e sensibilità dei cooperatori questo percorso. Ma il rischio che intravedo è di perdere pezzi di soci, e fare passi indietro. Si fa dumping associativo se non si coinvolgono tutti. Noi lavoriamo con onestà intellettuale, ma non vogliamo dare l illusione di processi facili. In Trentino la Lega è stata annessa, ma a livello nazionale non possiamo azzardare. Dobbiamo fare, questo sì, un grande patto di collaborazione. L obiettivo dell'unità è nella storia della cooperazione, ma ci troviamo di fronte ad associazioni profondamente diverse. Vogliamo realizzarlo nel medio periodo, ma dobbiamo trovare le condizioni politiche ed ideologiche. Tutti insieme. Per la crescita non bastano i numeri Luigi Marino nella sua relazione ha ribadito con energia la necessità della crescita dimensionale delle imprese cooperative. Ed ha citato un dato: a livello europeo tra le 25 maggiori cooperative agricole non ce n è nessuna italiana. Eppure, ha affermato intervenendo all assemblea il direttore della Federazione Trentina Carlo Dellasega, proprio nel momento di grande crescita delle cooperative dovremmo uscire dall autocelebrazione e guardarci dentro, ai valori che talvolta sembrano perduti, ai numeri che da soli non rappresentano garanzia di successo. E il concetto stesso di crescita che non ci soddisfa ha affermato Dellasega - perché in essa riconosciamo solo l'aumento della dimensione quantitativa. Ci rendiamo conto invece che dobbiamo puntare allo sviluppo, che porta con sé crescita ma soprattutto è in grado di modificare qualitativamente il sistema economico dentro il quale operiamo. Non basta più misurare i capitali fisici. Sempre di più si riconosce il ruolo fondamentale del capitale umano, frutto degli investimenti in conoscenza, e del capitale sociale inteso come valore delle relazioni presenti in una persona o in una organizzazione. E insieme allo sviluppo dobbiamo produrre progresso, con i suoi elementi di natura etica e civile, di civilizzazione del mercato. È indispensabile ma non è sufficiente avere i conti a posto, deve essere l'uomo, la persona nella sua interezza ad essere al centro della nostra attenzione. Stiamo attenti ha avvertito Dellasega - a non scivolare, complice una normativa sempre più asfissiante, verso una deriva fatta di istituzionalizzazione esasperata e di burocrazia che ci allontanano dalla stretta relazione con i nostri soci e con le nostre comunità. Guai se ci ostiniamo a voler navigare a vista senza avere nessuna stella di riferimento. Perché così si rischia di incagliarsi anziché ritornare, come scriveva monsignor Ravasi, a guardare il cielo, ritrovando la luce fissa e viva della natura umana, della verità solida e dei valori morali autentici. RICONFERMATI I VERTICI Tutti confermati i vertici della Confederazione Cooperative Italiane: Luigi Marino, presidente; Carlo Mitra (vicario); Maurizio Ottolini; Giovenale Gerbaudo; Gaetano Mancini e Diego Schelfi (vicepresidenti). Assieme a Schelfi, compongono la rappresentanza trentina Clara Mazzucchi (nuovo ingresso al posto di Giorgio Fiorini), Ennio Magnani, Michele Odorizzi. > Gli interventi di Carlo Dellasega e Giuliano Beltrami 13

16 Affrontiamo insieme il domani con fiducia e serenità. ITAS, dal 1821 assicuratori veri. ti è sempre più vicino.

17 ATTUALITÀ assemblea Cooperfidi diventa INTERMEDIARIO FINANZIARIO VIGILATO Nei prossimi mesi il consorzio di garanzia fidi della cooperazione completerà la trasformazione in intermediario finanziario vigilato. L evoluzione, che porterà molti vantaggi ai soci, è stata presentata in occasione dell assemblea annuale Con un utile di 802 mila euro il bilancio 2007 di Cooperfidi, presentato in assemblea ai soci, testimonia una situazione stabile, punto di partenza fondamentale per affrontare con fiducia la trasformazione in intermediario finanziario vigilato, come previsto dalle disposizioni recentemente emanate dalla Banca d Italia. Si tratta di un operazione che consentirà a Cooperfidi di ampliare l operatività aziendale e di migliorare i servizi ai soci, offrendo garanzie eligibili dal sistema bancario, quindi in grado di ridurre i tassi di interesse applicati sui finanziamenti. La trasformazione in organismo vigilato dalla Banca d Italia ha spiegato il presidente Fausto Masè si traduce in maggiori controlli, ma anche in maggiori garanzie ed è questo che ci consentirà di offrire condizioni più favorevoli ai nostri soci. Per raggiungere questo risultato, nel corso dell autunno del 2007, Cooperfidi si è sottoposta ad un approfondito check up aziendale, condotto dal servizio internal audit della Federazione Trentina della Cooperazione, che ha messo in luce una situazione di partenza soddisfacente. Successivamente, l azienda ha provveduto a definire un calendario che preveda l individuazione di un software gestionale integrato, l implementazione della struttura organizzativa e la formalizzazione dei controlli interni. Fra centinaia di confidi in tutta Italia ha detto il presidente della Federazione Diego Schelfi Cooperfidi è tra quelli che possono vantare una struttura solida. Si tratta di una realtà sana ha aggiunto l assessore provinciale alla cooperazione Franco Panizza con una buona situazione patrimoniale che gli permette di svolgere bene le sue funzioni e affrontare con tranquillità questa nuova sfida. In questa fase Cooperfidi lavora in collaborazione con gli altri due confidi provinciali per individuare soluzioni operative e gestionali comuni. Tra queste anche l adozione di un programma gestionale integrato, realizzato da una software house trentina, in grado di corrispondere alle esigenze di Banca d Italia e di migliorare ulteriormente il profilo organizzativo aziendale. Il bilancio In linea con quanto previsto per la trasformazione in intermediario vigilato, Cooperfidi offre una situazione aziendale positiva. Il bilancio 2007, presentato dal direttore Claudio Grassi e approvato dai soci, chiude con un utile di 802 mila euro in crescita rispetto al 2006 (259 mila euro) grazie ai maggiori proventi finanziari e a un attento controllo dei costi generali. Le perdite si attestano sui 194 mila euro, pari allo 0,19% delle garanzie complessive, in calo rispetto all anno precedente (210 mila euro). Le garanzie in essere ammontano a 102 milioni di euro. Il dato di quest anno non è tuttavia influenzato dalle garanzie straordinarie Agea, che nel 2006 avevano permesso ai contadini trentini di ottenere nei tempi consueti i contributi pubblici. Dall esame delle garanzie sussidiarie emerge un aumento del ricorso a Cooperfidi da parte delle aziende agricole, in particolare di quelle appartenenti al settore zootecnico, motivato dalla convenienza dei tassi praticati. La base sociale è cresciuta nel corso del 2007 raggiungendo quota 778 soci, di cui 472 aziende agricole, 38 cooperative e associazioni agricole e 265 cooperative non agricole (s.p.). > Da sinistra: Fausto Masé e Claudio Grassi 15

18 ATTUALITÀ mercati finanziari Allacciate le cinture di sicurezza In un incontro in Federazione Claudio Picozza, esperto di economia e banche, ha proposto alcune valutazioni prospettiche sui possibili scenari economici e monetari internazionali. La crisi non è risolta. Dopo un periodo di forte deregulation, è il tempo di tornare a maggiori controlli sulle aziende di Norma Benoni Gli strattoni potrebbero essere forti! Con queste parole ha aperto il suo intervento Claudio Picozza, docente collaboratore dell Università La Sapienza di Roma, che ha fatto visita alla Federazione a fine gennaio. È dalla metà del 2007 che i mercati finanziari sono in tensione e tuttavia gli indicatori finanziari e monetari ancora indicano che la crisi non è affatto risolta. Se è nella normalità delle cose che una singola azienda si trovi in una situazione di crisi, ciò che lascia sconcertati è che la crisi sta attraversando il mercato nel suo complesso e il venir meno della fiducia tra gli stessi operatori. La crisi sembra aver coinvolto anche le istituzioni che dovrebbero sovrintendere i controlli sul mercato. Dopo un periodo di forte deregolamentazione, forse è il tempo di tornare ad un sano controllo delle aziende. La crisi sui mercati finanziari si manifesta in agosto 2007 con il crollo degli indici di borsa a Wall Street, che poi si propaga sulle altre borse asiatiche ed europee. Si comincia a parlare della crisi dei mutui subprime. Si tratta di mutui concessi a clientela con scarse capacità di rimborso delle rate e per questo sono emessi ad un tasso più elevato di quello chiesto per gli altri mutui. I mutui subprime sono un fenomeno tipicamente americano e si sono sviluppati moltissimo tra il 2004 ed il 2006 quando i tassi di mercato erano bassi. Gli effetti catastrofici di questi mutui si sono poi propagati dall America su tutti i mercati mondiali. Circa l 80% dei mutui subprime viene cartolarizzato, ovvero trasformato in attività vendute agli investitori (fondi o altre banche) che forniscono liquidità aggiuntiva alle banche che li hanno emessi e che utilizzano per accendere nuovi mutui. Si è stimolato in tal modo la domanda di case (anche da parte di chi non era assolutamente in grado di farvi fronte) e indirettamente si è alimentata la tendenza crescente del prezzo degli immobili. Questo meccanismo ha indotto una più ampia diffusione della proprietà delle abitazioni da parte delle famiglie e, parallelamente, un aumento del loro grado di indebitamento. Un ulteriore spinta alla crescita del settore giunge inoltre dalla rinegoziazione dei mutui garantita fino a qualche anno fa a condizioni estremamente favorevoli. Tutto questo ha portato ad un forte aumento del tasso di crescita del prezzo degli immobili. 16 > Claudio Picozza

19 La spirale tra rinegoziazione dei mutui e ascesa del prezzo delle case ha termine quando la Fed la banca centrale americana imprime una svolta restrittiva alla propria politica monetaria, aumentando i tassi. A partire da quel momento il mercato entra in crisi. L accesso ai finanziamenti diventa più costoso e restrittivo, mentre la domanda d immobili e i prezzi iniziano a seguire un trend discendente. A tutto questo si aggiunge che la maggior parte dei mutui subprime è a tasso variabile, per cui ogni piccola variazione di tasso si riversa subito su un aumento della rata che va a pesare su un debitore già di per sé poco solvibile. Ne segue evidentemente un aumento della morosità e delle insolvenze, che nella primavera del 2007 subiscono un accelerazione. Questo si traduce in perdite per le finanziarie specializzate in mutui e per le banche il prezzo degli immobili crolla e si riduce il valore delle garanzie reali e perdite in conto capitale anche sui titoli frutto della cartolarizzazione. Le agenzie di rating declassano, seppur tardivamente, il grado di rischio di questi titoli. Gli investitori finali (es. i clienti dei fondi di investimento che hanno acquistato i mutui subprime cartolarizzati ed emesso titoli) temono che le insolvenze sui mutui si traducano in insolvenze sui titoli in portafoglio del fondo di cui sono clienti. Ciò scatena un ondata di richieste di riscatto di quote. I fondi cercano di vendere i titoli in portafoglio, ma non trovano compratori. I fondi sospendono i riscatti creando panico tra gli investitori. Le banche cercano di approvvigionarsi sul mercato interbancario, ma non ci riescono. Le banche diventano caute nel concedere credito alle famiglie e alle imprese, e non si fidano più a concedere prestiti tra di loro perché non sono in grado di valutare la rischiosità dei portafogli delle banche che richiedono liquidità. In alcuni casi i depositanti presi dal panico sono corsi a ritirare i depositi come nel caso della Banca Northern Rock in Inghilterra. Quindi il rischio di credito sui mutui subprime si è tradotto subito dopo in una crisi di fiducia associata al crollo del prezzo dei titoli relativi ai mutui subprime cartolarizzati e a macchia d olio si è diffusa da un mercato finanziario all altro, generando una crisi di liquidità su tutti i mercati azionari e dei fondi interbancari di tutto il mondo. Le banche centrali, a questo punto soprattutto Fed e BCE ma anche la Bank of England hanno cominciato ad intervenire massicciamente come prestatori di ultima istanza per evitare il peggio ovvero il fallimento delle banche (in verità parecchie banche americane sono già nel frattempo fallite). In questo scenario la domanda più importante è quando e come si supererà questa difficile crisi che dai mercati del credito è diventata una crisi di liquidità. Per ristabilire condizioni adeguate sul mercato della liquidità e dell intermediazione creditizia è prioritaria la ricostruzione della fiducia verso il merito di credito e la solidità delle istituzioni finanziarie. Ma questo potrà avvenire solo se sarà ritenuta appropriata la valutazione dei titoli che vengono negoziati sui mercati e dell esposizione al rischio e alla liquidità dei diversi operatori. Le autorità monetarie dovranno maggiormente sostenere la trasparenza di mercato e dei processi di valutazione. Per capire meglio le cause che hanno portato a questi dissesti e come prevenirli, c è chi afferma che la causa remota della crisi dei subprime è la ricerca di alti rendimenti e l associato appetito per il rischio determinatosi dopo il crollo del mercato azionario del 2000 che aveva posto termine alla cosiddetta bolla della New Economy. Gli investitori soprattutto quelli istituzionali a caccia di rendimenti si sono rivelati disposti ad accettare titoli più rischiosi in portafoglio e non trovandone sul mercato azionario si sono rivolti al mercato immobiliare e in particolare ai titoli cartolarizzati dei mutui subprime. Tutto questo inducendo da un lato i consumatori/debitori ad indebitarsi oltre le loro capacità reali di rimborso e i consumatori/investitori a perseguire alti profitti che prima o poi si rivelano insostenibili. Torna quindi in campo il tema dell educazione finanziaria e della valutazione della propria capacità di indebitamento oltre che della sobrietà nel perseguire il giusto profitto anche dai propri risparmi. > La crisi dei mutui subprime ha generato gravi problemi di liquidità sui mercati di tutto il mondo 17

20 25 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1 IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI TRENTO 17 GIUGNO 2009 SILVIO GOGLIO 1 1. Il nuovo contesto bancario. Il sistema finanziario europeo ed italiano ha subito profondi cambiamenti negli

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA. Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile

COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA. Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile Nel dicembre del 2002, l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sulla

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

De Vinco confermato Gaetano De Vinco

De Vinco confermato Gaetano De Vinco 52notizie Modena Economica Numero 1 gennaio-febbraio 2012 De Vinco confermato alla guida di Confcooperative Gaetano De Vinco è stato riconfermato alla presidenza di Confcooperative Modena nella 19 a Assemblea

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA Giorgio Munari, d.g. di Arca Vita e Arca Assicurazioni Una rete di agenzie per Arca di Maria Rosa Alaggio Da sempre attiva nella distribuzione di prodotti vita e danni attraverso il canale bancario, oggi

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

Le imprese, il credito, Internet

Le imprese, il credito, Internet Brescia, 10 Novembre 2000 Convegno di studio Le imprese, il credito, Internet Il ruolo della funzione finanziaria aziendale per lo sfruttamento delle nuove opportunità " La creazione di valore e la valutazione

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

VALORE INGEGNERE LISTA

VALORE INGEGNERE LISTA LISTA VALORE INGEGNERE 1 PELLOSO Stefano 2 BETTALE Alice 3 BUSATO Filippo 4 FACIPIERI Antonio 5 FRINZI Bruno 6 GALLO Mirko 7 LEONARDI Andrea 8 LUCENTE Pietro Paolo 9 MARCHELUZZO Marco 10 MENEGHINI Chiara

Dettagli

Genesi di una crisi finanziaria

Genesi di una crisi finanziaria Genesi di una crisi finanziaria Il ruolo della finanza Per descrivere lo scenario attuale occorre partire da alcune osservazioni di carattere generale. La prima, molto importante, è che negli ultimi cinque

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A.

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. ETICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Possono convivere Etica e finanza? Se rivolgiamo l attenzione ai fatti accaduti nelle

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012

Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012 Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012 Le azioni non premiano più? A proposito dell equity premium Tutti a dieta (di asset) Con buona pace dell equity premium La parola ai guru L equity premium

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

ALCUNE LIBERE RIFLESSIONI SULL ATTUALE CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA

ALCUNE LIBERE RIFLESSIONI SULL ATTUALE CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA ALCUNE LIBERE RIFLESSIONI SULL ATTUALE CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA GLOBALE DI GIORGIO BRUNETTI 1. La crisi profonda che investe tutti noi costituisce anche un momento di riflessione sui comportamenti

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

CONSULTA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA TOSCANA. Linee di indirizzo in vista della Conferenza Regionale del Volontariato. Lucca 10/11 marzo 2007

CONSULTA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA TOSCANA. Linee di indirizzo in vista della Conferenza Regionale del Volontariato. Lucca 10/11 marzo 2007 CONSULTA REGIONALE DEL VOLONTARIATO DELLA TOSCANA Linee di indirizzo in vista della Conferenza Regionale del Volontariato. Lucca 10/11 marzo 2007 La Consulta Regionale del Volontariato (che indicheremo

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano. La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di Tarida - Gruppo Delta nel territorio

Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano. La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di Tarida - Gruppo Delta nel territorio Il Sole 24 ORE e Tarida Gruppo Delta presentano Managerialità e competenze. Gestione e valorizzazione delle risorse nella realtà territoriale La formazione come leva di sviluppo locale: l intervento di

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3178 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Modifiche

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

ASSEMBLEA DI CONFCOOPERATIVE TOSCANA Auditorium della BCC di Vignole Pistoia, 14 novembre 2005

ASSEMBLEA DI CONFCOOPERATIVE TOSCANA Auditorium della BCC di Vignole Pistoia, 14 novembre 2005 ASSEMBLEA DI CONFCOOPERATIVE TOSCANA Auditorium della BCC di Vignole Pistoia, 14 novembre 2005 Relazione del Presidente Gianfranco Tilli Cari amici, stiamo per concludere il primo biennio del nostro mandato;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE

IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE 27 IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE Giorgio Vittadini Presidente Fondazione per la Sussidiarietà La crisi che ha recentemente colpito

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

ASSIOM FOREX. Intervento di Luigi Abete Presidente di BNL-BNP Paribas

ASSIOM FOREX. Intervento di Luigi Abete Presidente di BNL-BNP Paribas ASSIOM FOREX Intervento di Luigi Abete Presidente di BNL-BNP Paribas Roma, 8 febbraio 2014 1 Signor Governatore, Autorità, Signore e Signori delegati, per il Gruppo BNP Paribas, per BNL e per il sottoscritto

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop ed il SOCIAL HOUSING Buongiorno a tutti, oggi abbiamo ascoltato molte cose interessanti; abbiamo

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

LaRepubblica.it 24/09/2010

LaRepubblica.it 24/09/2010 LaRepubblica.it 24/09/2010 La scuola che vorrei Vizi e virtù delle nostre classi L indagine di Milano- Bicocca con la fondazione Intercultura ha prodotto tre tabelle basate sui risultati della ricerca

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Filosofia e processo. filosofia [sostantivo] sistema di principi, valori o convinzioni processo [sostantivo] metodo di esecuzione o produzione

Filosofia e processo. filosofia [sostantivo] sistema di principi, valori o convinzioni processo [sostantivo] metodo di esecuzione o produzione Filosofia e processo INVESTIMENTI AZIONARI E A REDDITO FISSO A USO INTERNO filosofia [sostantivo] sistema di principi, valori o convinzioni processo [sostantivo] metodo di esecuzione o produzione Indice

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

È fondamentale liberalizzare la società

È fondamentale liberalizzare la società È fondamentale liberalizzare la società NEL NOSTRO PAESE SI È PARLATO E SI PARLA ANCORA DI LIBERALIZZAZIONI. TUTTAVIA, CIÒ AVVIE- NE SOLO IN CAMPO ECONOMICO E CON RISULTATI POCO SODDISFACENTI. INFATTI,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Mission SB INVESTMENTS CONSULTANCY

Mission SB INVESTMENTS CONSULTANCY Mission SB INVESTMENTS CONSULTANCY 2001-2011 Il sistema del risparmio ruota tutto sul principio di colpa dell investitore/risparmiatore. Chi desidera risparmiare è indotto a non rivolgersi ad un consulente,

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli