UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Domenica, 09 marzo 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Domenica, 09 marzo 2014"

Transcript

1 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Domenica, 09 marzo 2014

2 Domenica, 09 marzo 2014 Prime Pagine 09/03/2014 Prima Pagina Il Sole 24 Ore 1 09/03/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) 2 09/03/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna 3 Enti locali 08/03/2014 Il Sole 24 Ore (Plus) Pagina 23 GIANFRANCO URSINO La tassazione delle rendite finanziarie è già oltre il 20% 4 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 Irpef Irap, Renzi studia il taglio 6 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 PANORAMA 7 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 Puntare sulla competitività delle aziende 8 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 Ridurre il cuneo per rilanciare crescita e lavoro 9 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 GIANNI TROVATI Il «salva Roma» non risolve il caos Tasi 11 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 L' Ance: sì al commissario ma facciamo le gare 13 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 GIORGIO SANTILLI Sconti sugli affitti: il piano casa accelera 15 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 CLAUDIO TUCCI «Concentrare le risorse sulle aziende» 18 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 Irpef Irap, Renzi punta al taglio 70 30% 20 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 5 LAURA DI PILLO Dal taglio alle partecipate locali possibili risparmi per 12,8 miliardi 22 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 5 CARMINE FOTINA, EUGENIO BRUNO Debiti Pa, verso lo sblocco di 50 miliardi nel /03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 9 I DATI APERTI SONO CIVICI 26 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 10 La rivoluzione della trasparenza 27 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 10 Notizie nascoste nei fogli excel 29 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 13 DAVIDE COLOMBO Quando Pomicino scoprì la mobilità pubblica 31 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 17 VINCENZO CHIERCHIA «Asfissiante la pressione fiscale» 33 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 17 La grande sfida del Meridione contro l' arretratezza 35 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 17 MARZIO BARTOLONI Per il Fondo di garanzia scatta il d day 37 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 18 DOMENICO PALMIOTTI Bruxelles frena gli ambientalisti tarantini 39 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 19 Immobiliari, boom di interpelli 41 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 19 ROBERTO GALULLO Sulla «disclosure» le barricate di San Marino 43 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 21 Esma, faro sulle quote Bankitalia 45 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 21 FRANCESCA MILANO Il gettito per lo Stato rimane garantito 47 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 41 Sburocratizzare l' Italia 48 09/03/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 42 Che bello farsi la mostra in casa 51 Web 09/03/2014 Lugonotizie.it Inaugurato a Lugo largo Staffette Partigiane 53 09/03/2014 Lugonotizie.it A fuoco un capannone agricolo sulla San Vitale 54 09/03/2014 Lugonotizie.it Questa sera al Teatro Rossini di Lugo concerto di beneficenza della Croce /03/2014 Lugonotizie.it Crossroads, il jazz di Maria Pia De Vito e Ares Tavolazzi questa sera a... 56

3 09/03/2014 Lugonotizie.it Elezioni a Lugo: lista civica Per la Buona Politica, presentati la nuova /03/2014 Lugonotizie.it Domani il Carnevale del Ghetto di Lugo. Modifiche alla viabilità 60 09/03/2014 Lugonotizie.it Il cammino delle donne per i propri diritti: un incontro lunedì /03/2014 Lugonotizie.it Eleonora Proni candidata sindaco a Bagnacavallo: al via i gruppi di lavoro /03/2014 Lugonotizie.it Il candidato sindaco di Insieme per Fusignano Nicola Pasi (Pd) si presenta 63 09/03/2014 Lugonotizie.it Bagnacavallo, per le Domeniche di Acrylico domani appuntamento con il /03/2014 Lugonotizie.it A Conselice inaugurata la scuola di musica "Giovanni Salvo Bartolini" 65 09/03/2014 Lugonotizie.it Domani ad Alfonsine un caffè a 5 stelle con i candidati sindaci 66 09/03/2014 Lugonotizie.it Bagnacavallo, l'assemblea per la sicurezza di terrà giovedì /03/2014 Lugonotizie.it A Bagnacavallo torna domani il Carnevallo 68 09/03/2014 Più Notizie Lugo, inaugurata oggi la nuova sede del comitato elettorale della Lista /03/2014 Più Notizie La grande eccellenza di Lugo, Cesare Magalotti è partita senza /03/2014 Più Notizie Cultura e Spettacoli Cotignola: il cammino delle donne per i propri /03/2014 Più Notizie "Villanova insieme" organizza un corso di primo soccorso 73 09/03/2014 Piunotizie Bagnacavallo: continuano le "Domeniche ad acrylico" 74 09/03/2014 Settesere.it Capannone agricolo in fiamme, ingenti danni 76 08/03/2014 Ravenna24Ore.it R3 Ravenna, costantino Ricci confermato alla guida della Cgil 77 08/03/2014 Ravenna24Ore.it R3 Incendio a Bagnacavallo, distrutto un /03/2014 RavennaNotizie.it Progetto Martina, lunedì un incontro per gli studenti su tumori e /03/2014 RavennaNotizie.it Crossroads, il jazz di Maria Pia De Vito e Ares Tavolazzi questa sera a 81 08/03/2014 RavennaNotizie.it A fuoco un capannone agricolo sulla San Vitale 83 08/03/2014 RavennaNotizie.it RavennAntica e Cristina Rocca per Linea Rosa contro la violenza di genere 84 Il Resto del Carlino Ravenna 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 5 Trattative con Volkswagen Potrebbe riaprire alla Sva 86 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 11 VECA ANTONIO Uffici di polizia a rischio soppressione 87 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 19 OGGI POMERIGGIO C' È IL CARNEVALE DEL GHETTO 89 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 19 Quaranta liceali lughesi in gita intossicati a Praga 90 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 19 MONTANARI LORENZA All' ospedale di Lugo saranno eliminati 58 letti 91 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 21 SCARDOVI LUIGI Capannone brucia nella notte 92 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 21 Officina Ambiente: «non ci saranno dispersioni o polveri» 93 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 22 Nonna Stella al traguardo dei 102 anni 94 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 22 SAVIOLI MONIA Bagnacavallo, Costa ci riprova 95 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 22 Nelle vie del centro c' è il?carnevallo' 97 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 22 Elezioni, domani le presentazioni di altri aspiranti sindac 98 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 22 Le mimose di Ranalli e nuova sede per Verlicchi 99 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 25 Una vita in musica «Ho esportato il liscio» /03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 Non sparate sul postino 101

4 09/03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 CINEMA Documentario a Bagnacavallo /03/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27?SPETTACOLI a merenda' a Massa Lombarda. 103 Corriere di Romagna Ravenna 09/03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Un forte boato e poi le fiamme Va a fuoco un capannone agricolo /03/2014 Corriere di Romagna (Ravenna) Altro muretto abbattuto nei pressi del bar Croazia /03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 «Casa della salute interna all' ospedale» /03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Tenta furto: bloccato dal comandante di Pm che passava per caso /03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 Il candidato Ranalli: gli avversari più ostici sono Verlicchi e /03/2014 Corriere di Romagna (Ravenna) Il centrosinistra schiera Marzetti /03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 Buscaroli guida la lista civica "X Massa" /03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 La lista civica della Antonellini sceglie il nome di Bellalfonsine /03/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 28 La Romagna conquista "Danza in Fiera" 116 La Voce di Romagna Ravenna 09/03/2014 La Voce di Romagna Pagina 1 La gita scolastica finisce all' ospedale /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 12 Ravenna diventa "città amica" delle donne /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 18 Pensioni minime e maggiorazioni /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 33 La gita scolastica finisce all' ospedale /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 33 Rogo all' alba: distrutto magazzino agricolo Danni ingenti. Cause: nessuna /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 33 Pasi (Pd) presenta la sua candidatura /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 33 Silvano Verlicchi apre "bottega" al grattacielo di Lugo /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 33 Furto sfumato grazie ai vigili /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Ausl unica, progetto avanti ma con giudizio /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 SANITÀ CHE CAMBIA INCONTRO AL CARMINE /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Pentagramma per tutti: la scuola di musica alza il volume /03/2014 La Voce di Romagna Torna il Carnevale del Ghetto /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Inaugurato il largo delle "Staffette partigiane" /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Eleonora Proni (Pd) studia il programma coi cittadini /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 42 Un cuore di ghiaccio /03/2014 La Voce di Romagna Pagina 42 L' omaggio a Fellini 137

5 Il Sole 24 Ore Prima Pagina 1

6 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Prima Pagina 2

7 La Voce di Romagna Prima Pagina 3

8 8 marzo 2014 Pagina 23 Il Sole 24 Ore (Plus) Enti locali in cifre. La tassazione delle rendite finanziarie è già oltre il 20% Gianfranco Ursino Gli spunti non sono mancati. Eppure nel fiume di dichiarazioni rilasciate in queste ultime settimane da politici e operatori sulla tassazione delle rendite finanziarie, non c' è alcuna traccia della volontà di eliminare la stortura che da anni genera incomprensibili bizzarrie agli occhi dei tartassati risparmiatori. Si tratta dell' incomunicabilità fra "redditi di capitale" (proventi periodici dell' investimento, come interessi e dividendi, ma anche le plusvalenze generate con i fondi comuni) e "redditi diversi" (plusvalenze derivanti da differenze positive tra prezzo di vendita e costo di acquisto di altri strumenti finanziari). Una distinzione presente nell' ambito del sistema di tassazione dei redditi di natura finanziaria, che non permette agli investitori la completa compensazione di guadagni e perdite conseguiti con i diversi strumenti finanziari. Un handicap che, di norma, già oggi determina un prelievo effettivo molto più alto del 20% previsto sui redditi realizzati con la gran parte degli strumenti finanziari e dell' aliquota agevolata del 12,5% prevista sui titoli di Stato ed equiparati. L' aumento al 22, 25, 30 ma anche al 35% di cui abbiamo tanto sentito parlare in questi giorni, di fatto, già oggi viene pagato dagli investitori. Pagare le tasse sui guadagni realizzati, senza possibilità di compensare le perdite è infatti la regola e non l' eccezione. I redditi di capitale non sono mai compensabili con eventuali perdite (minusvalenze) pregresse, mentre i redditi diversi lo sono, ma solo nell' arco dei quattro anni successivi a quello in cui la perdita si è determinata. Se il bond stacca cedole o le azioni dividendi, i proventi quindi vengono tassati a prescindere dell' esistenza o meno di minusvalenze nello zainetto fiscale dell' investitore (vedi anche pagina 4). Poi c' è l' astrusità sui fondi comuni, che rende impossibile compensare i proventi positivi (considerati redditi di capitale) con eventuali minusvalenze (redditi diversi) realizzate sui medesimi fondi. E, infine, c' è l' assurdità di non poter registrare una minusvalenza quando c' è in portagolio un titolo che va in default e non c' è possibilità di venderlo. Sarebbe quindi opportuno, in previsione di un innalzamento dell' aliquota sulle rendite finanziarie, abbandonare la distinzione fra redditi di capitale e redditi diversi, Continua > 4

9 8 marzo 2014 Pagina 23 < Segue Il Sole 24 Ore (Plus) Enti locali a favore dell' adozione di un' unica categoria di redditi finanziari, senza far più caso agli strumenti utilizzati per produrli e alla scadenza di 4 anni per compensarli. Una rimodulazione che renderebbe più equa e semplice la tassazione dei risparmi degli italiani e consentirebbe al neopremier Renzi di andare nella direzione, annunciata fin dal suo discorso di insediamento, di voler instaurare un rapporto diverso tra cittadino e pubblica amministrazione. RIPRODUZIONE RISERVATA. GIANFRANCO URSINO 5

10 Pagina 1 Il Sole 24 Ore Enti locali L' ipotesi di Palazzo Chigi: 7 8 miliardi ai lavoratori, 2 3 alle attività produttive Squinzi: dare priorità al cuneo. Irpef Irap, Renzi studia il taglio I viceministri Calenda e Morando: concentrare le risorse sulle imprese. Palazzo Chigi punta a un taglio del cuneo fiscale da 10 miliardi: 7 8 dovrebbero essere destinati alla riduzione dell' Irpef e 2 3 sull' Irap. Ma la partita sulla destinazione delle risorse tra imprese e lavoratori è aperta. Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi: il taglio del cuneo è una priorità. I vicemininistri dello Sviluppo economico Calenda e dell' Economia Morando: concentrare le risorse sulle attività produttive.servizi u pagina 3. 6

11 Pagina 1 Il Sole 24 Ore Enti locali PANORAMA Napolitano: sessismo in politica è virus Parità di genere: aperture da Forza Italia Il presidente della Repubblica, per la festa della donna, ha consegnato un' onorificenza a Lucia Annibali, avvocatessa sfregiata dall' ex fidanzato. Napolitano: sessismo «virus duro da estirpare». Da FI e ministro Boschi aperture sulla parità di genere nell' Italicum.u pagina 13 OSSERVATORIO POLITICO Roberto D' Alimonte u pagina 13 Ucraina, Mosca minaccia stop ai controlli sul nucleare Ancora tensioni Mosca Occidente su Kiev. Mosca ipotizzerebbe stop a ispezioni all' arsenale strategico, missili nucleari compresi, in risposta alle "minacce" di sanzioni Usa. u pagina 8 Aereo malese: 239 dispersi, giallo passaporti rubati Un Boeing 777 della Malaysian Airlines diretto a Pechino con 239 persone e bordo è scomparso dai radar ed è probabilmente caduto in mare. A bordo due passeggeri con passaporti rubati. u pagina 8 Sangalli (Confcommercio): «Fisco asfissiante» «La pressione fiscale sta diventando asfissiante, il governo deve abbassare con urgenza Irap e Irpef per favorire la ripresa». Lo dice al Sole 24 Ore il presidente della Confcommercio, Carlo Sangalli. u pagina 17. 7

12 Pagina 1 Il Sole 24 Ore Enti locali L' ANALISI. Puntare sulla competitività delle aziende La scelta tra Irap e Irpef nel taglio del cuneo fiscale, con annesse le coperture da garantire soprattutto a Bruxelles, va calibrata con l' attenzione rivolta alle priorità cui deve far fronte nell' immediato il nostro paese. E al primo posto vi è il fondamentale recupero di competitività da parte del sistema produttivo, come la stessa Commissione europea non ha mancato di sottolineare nel suo recente rapporto sugli «squilibri macreoecomici» con cui ci troviamo a dover fare i conti. E sarà tutt' altro che agevole coniugare, a parità di risorse disponibili, la necessità di dare una "scossa" all' economia e i pressanti impegni chiesti da Bruxelles sul fronte della riduzione di debito e deficit strutturale. In apparenza, è una sorta di mission impossible quella che impegnerà Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan nelle prossime settimane. In primo piano, i risparmi attesi dalla spending review, che Bruxelles già lo scorso novembre ha chiesto di indirizzare alla riduzione del deficit strutturale (lo 0,5% del Pil) in direzione dell' obiettivo del pareggio di bilancio, e che il governo si accinge invece a convogliare al taglio del cuneo fiscale. Se così stanno le cose, l' abilità tattica e diplomatica di Renzi e Padoan si misurerà sulla capacità di convincere la Commissione europea che il taglio del cuneo, accanto allo sblocco di altri 60 miliardi di debiti commerciali della Pa, è un fondamentale atout per accrescere il potenziale di crescita, e dunque di competitività della nostra economia. In poche parole, occorre rimuovere quei cronici «squilibri macroeconomici» sui quali la stessa Commissione chiede di intervenire al più presto. Spingere sul "denominatore" è la strada maestra per assicurare che la riduzione del debito rispetti la traiettoria prevista dalla nuova disciplina di bilancio europea, senza ricorrere a nuove manovre correttive dall' effetto ulteriormente depressivo. In quest' ottica, alleggerire il costo del lavoro con un intervento massiccio sull' Irap avrebbe effetti più in linea con le stesse raccomandazioni che la Commissione europea ha rivolto al nostro paese negli ultimi mesi. Ben si comprende il timore, peraltro esplicitato chiaramente da Bruxelles, che l' Italia deragli nuovamente dal rigido controllo dei propri conti pubblici con effetti a valanga sulla tenuta dell' intera eurozona. Ma qui non si tratta di riaprire improvvide stagioni all' insegna del deficit spending, quanto piuttosto di sperimentare un accorto dosaggio di disciplina di bilancio e opportuni stimoli alla crescita. RIPRODUZIONE RISERVATA. 8

13 Pagina 1 Il Sole 24 Ore Enti locali POLITICA E FISCO. Ridurre il cuneo per rilanciare crescita e lavoro Alberto Quadrio Curzio Il dibattito sulle critiche della Commissione Europea all' Italia non ha tenuto conto di tutta la risposta delministro dell' Economia Pier Carlo Padoan. Nella stessa si legge, tra l' altro, che le imprese manifatturiere italiane hanno compresso i costi di produzione, i margini di profitto ed i prezzi, da un lato, e migliorato la qualità dei prodotti, dall' altro, in tal modo recuperando competitività e contribuendo al passaggio in surplus della bilancia commerciale. Infatti la stessa da un deficit di 30 miliardi nel 2010 e arrivata ad un surplus di 30 miliardi nel Ciò è stato determinante per spostare il saldo delle partite correnti da un insostenibile deficit del 3,5% del Pil ad un surplus dello 0,8 per cento. Dunque è stata la competitività delle imprese esportatrici ad attenuare un po' la pesante recessione italiana e questo nonostante i gravami fiscali, l' alto costo dell' energia, il peso della burocrazia. Se riducessimo questi oneri alla media dell' eurozona aumenterebbero molto la nostra competitività, crescita ed occupazione. E non solo tramite l' export ma anche per i maggiori investimenti, interni ed esteri, ossia per una crescita di iniziative imprenditoriali essenziali per aumentare produttività e posti di lavoro. Perciò adesso che si ricomincia a parlare di alleggerimenti fiscali per rilanciare la crescita bisogna, data la scarsezza delle risorse, fare scelte selettive e di massima efficacia. Perchè purtroppo non è possibile una riduzione generalizzata della pressione fiscale malgrado abbia raggiunto il 43,8% del Pil che, depurato dall' evasione, porta al 56% sui contribuenti leali. Per dare una spinta alla crescita, alla competitività e all' occupazione bisogna ridurre il cuneo fiscale e contributivo che arriva (incluse Irap, Tfr e trattenuta Inail) al 52,9% del costo del lavoro. Siamo molto sopra la media della Uem e quindi ha ragione la Commissione europea quando chiede da tempo di ridurlo. Per fare una scelta corretta consideriamo tra i molti due punti di riferimento. Il primo è quanto fatto nel 2007 dal governo Prodi che tagliò il cuneo fiscale di 5 punti percentuali per 7,5 miliardi con una ripartizione del 60% sulle imprese e del 40% sul lavoro. Fu ridotta l' Irap sul costo del lavoro (ottima scelta anche per l' impropria natura di questa imposta) delle imprese e ridisegnata la curva Irpef per i lavoratori. Fu una operazione importante ma che ebbe un effetto molto limitato per i lavoratori dipendenti soprattutto perché fu distribuita su tutti i contribuenti in forza delle minori aliquote Irpef. Oggi una misura analoga sull' Irpef sarebbe ancora meno efficace perché l' incremento della domanda Continua > 9

14 Pagina 1 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali interna per una riduzione delle aliquote spalmato su tutti verrebbe molto attenuato dalle scelte di risparmio precauzionale delle famiglie pressate dalle incertezze occupazionali. Il secondo riferimento è uno studio di Confindustria, che risale a tempi non sospetti (marzo 2008) e che calcola diversi effetti di una riduzione del cuneo per 9 miliardi, cifra analoga a quella di cui si tratta oggi. Delle tre ipotesi fatte da Confindustria e cioè una riduzione del cuneo solo per i lavoratori o solo per le imprese o mista (con il 60% al lavoro e il 40% alle imprese), quella che produce i maggiori effetti espansivi su crescita e occupazione è quella concentrata sulla riduzione del costo per le imprese. L' effetto cumulato triennale sarebbe dello 0,92% del Pil, dell' 1,15% dei consumi e dello 0,55% dell' occupazione. Viceversa, un taglio della stessa entità concentrato sulle famiglie avrebbe un impatto dimezzato. Tuttavia a noi pare che una soluzione mista sarebbe oggi più condivisa. Ovviamente gli effetti crescono se l' importo totale della riduzione del cuneo aumenta e, a nostro avviso, se ci fosse una qualche correlazione degli sgravi per le imprese in termini di maggiore produttività congiunta ad occupazione, specie giovanile. RIPRODUZIONE RISERVATA. 10

15 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali Dopo il provvedimento. I possibili effetti del decreto legge appena varato. Il «salva Roma» non risolve il caos Tasi LA SITUAZIONE Conseguenze articolate dalla combinazione fra aumento di aliquote e introduzione delle detrazioni. Gianni Trovati MILANO Scritta la clausola «anti rincari» per l' abitazione principale, ora bisogna studiarne gli effetti, e la previsione non è semplice. Il fisco locale 2014 sul mattone ha trovato la propria ennesima versione nel decreto «salva Roma» ter, che ora attende l' esame del Parlamento, e l' attenzione si concentra ancora una volta sul destino fiscale delle abitazioni principali. Per tutelarle, la nuova regola (figlia di un accordo raggiunto settimane fa tra i sindaci e il Governo Letta) permette ai Comuni di introdurre un' aliquota aggiuntiva dello 0,8 per mille, sulle prime case o sugli altri immobili, a patto di introdurre detrazioni che per le abitazioni principali producano «effetti sul carico di imposta Tasi equivalenti a quelli determinatisi con riferimento all' Imu relativamente alla stessa tipologia di immobili». Il testo non è chiarissimo, gli effetti neppure. Partiamo dalle certezze: il primo obiettivo, che pare raggiunto, è quello di azzerare la Tasi per i cinque milioni di case che, grazie al loro valore fiscale basso, non hanno mai pagato l' Imu perché le detrazioni fisse erano sufficienti ad azzerare l' imposta lorda. Con la nuova formula queste case, in genere monolocali o bilocali piccoli e lontani dalle grandi città, dovrebbero essere salvi anche dalla Tasi. Certo: l' applicazione di «super aliquota» e detrazioni non è obbligatoria, e il Comune potrebbe legittimamente decidere di far pagare a tutti la stessa aliquota (dall' 1 al 2,5 per mille) senza detrazioni, ma pare una scelta politicamente suicida e priva di vantaggi per il bilancio locale. Più difficile è anticipare che cosa potrà accadere alle abitazioni principali di valore medio, quelle che hanno una rendita catastale fra i 350 e i 450 euro, e che di conseguenza pagavano un' Imu compresa fra 50 e 250 euro a seconda dell' aliquota locale. Che cosa chiede, per loro, la nuova norma? La regola scritta all' articolo 1 del «salva Roma» ter, citata sopra, dice che i Comuni possono introdurre l' aliquota aggiuntiva a patto di prevedere per la Tasi «effetti equivalenti» a quelli dell' Imu «sulla stessa tipologia di immobili», non «sullo stesso immobile». La clausola, quindi, non sembra applicarsi casa per casa, anche perché un obbligo del genere imporrebbe ai Comuni di introdurre detrazioni su misura, diverse da abitazione ad abitazione. Continua > 11

16 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali La «tipologia di immobile» indicata dal decreto comprende in generale le «abitazioni principali» del Comune, per cui sembra chiedere alle amministrazioni di non chiedere al totale delle abitazioni principali più di quanto hanno ottenuto dall' Imu. Nulla sembra vietare, per esempio, che il Comune concentri le detrazioni su particolari categorie, per esempio le famiglie con un' Isee inferiore a una certa soglia, lasciando "scoperte" altre: ma fino a 460 euro di rendita, e quindi fino a euro di base imponibile, la Tasi al massimo costa più dell' Imu al massimo. Un' altra variabile da capire meglio è rappresentata dal termine di paragone della «equivalenza» chiesta dalla norma: in altre parole, gli effetti fiscali della Tasi a che cosa devono essere «equivalenti»? Il riferimento più probabile è all' Imu 2012, dal momento che l' anno scorso l' imposta sull' abitazione principale non è stata pagata (a parte la mini Imu nei Comuni che con aliquote superiori al 4 per mille), ma i sindaci sono interessati a ottenere il pareggio con le entrate 2013, che in molti casi erano più elevate rispetto all' anno prima. In questa «equivalenza», poi, vanno calcolate le detrazioni da 50 euro per ogni figlio convivente fino a 26 anni? La regola dell'«equivalenza» sembrerebbe imporlo, ma questi sconti aggiuntivi erano previsti solo per il , e le amministrazioni potrebbero sostenere che non sono più dovuti. Per ritrovare certezze, bisogna salire ancora la scala dei valori catastali, e bussare alla porta delle case più importanti. Dai 700 euro di rendita in su, la Tasi al 3,3 per mille, senza detrazioni, è inferiore all' Imu massima, e dai 3mila euro di rendita la Tasi massima non è in grado di raggiungere nemmeno l' Imu standard. Naturalmente, al crescere del valore scende il numero di immobili coinvolti, ma il carattere progressivo della vecchia Imu faceva sì che più del 50% del gettito arrivasse dalla minoranza delle case di maggior valore: proprio gli sconti assicurati dalla Tasi a queste abitazioni hanno creato i problemi nei conti che il «salva Roma» ter prova a risolvere. RIPRODUZIONE RISERVATA I NUMERI 0,8 per mille L' aliquota aggiuntiva decisa dal decreto legge Il decreto legge «salva Roma» ter ha previsto per i Comuni di introdurre un' aliquota aggiuntiva dello 0,8 per mille a patto che vengano introdotte detrazioni che, per le abitazioni principaili, producano, in relazione alla Tasi, effetti equivalenti a quelli previsti per l' Imu 11,4 per mille Ancora rincari e rischio complicazioni Come per la prima casa l' aliquota aggiuntiva per finanziare le detrazioni si può applicare agli altri immobili, con il risultato di aumentare la pressione fiscale su questi soggetti anche nei Comuni dove l' Imu aveva già raggiunto il tetto del 10,6 per mille. GIANNI TROVATI 12

17 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali Edilizia scolastica. Il presidente Buzzetti approva il progetto allo studio del governo: servono criteri rigorosi per scegliere i progetti. L' Ance: sì al commissario ma facciamo le gare LE INDICAZIONI Per gli interventi fino a 20 milioni opportuno prevedere l' esclusione automatica delle offerte anomale. ROMA L' Ance saluta molto positivamente il piano straordinario per le scuole ma invita il governo a non accontentarsi dell' intervento di emergenza e a farne invece «un modello per gli interventi futuri nei lavori pubblici». Paolo Buzzetti, presidente dell' associazione dei costruttori, ha appena inviato a Palazzo Chigi un documento che spiega come può funzionare questo modello e con quali strumenti normativi e amministrativi. In questo momento è necessario far emergere tutto il potenziale riformatore per rimettere i lavori pubblici sul binario giusto. Buzzetti dice anzitutto sì all' ipotesi che circola in queste ore di un supercommissario per l' edilizia scolastica a Palazzo Chigi. «Noi chiediamo da tempo una cabina di regia alla presidenza del consiglio che coordini l' azione dei vari ministeri e degli enti locali, ma ci vuole anche un soggetto, ben venga se fosse lo stesso presidente Renzi o il sottosegretario Delrio, che abbia capacità di decidere davvero pur ascoltando gli altri». C' è da mettere ordine in 8 piani e 12 procedure diverse, con l' obiettivo di spendere quei 2,1 miliardi fermi che emergono dai documenti ministeriali e dalle stesse analisi dell' Ance. «Dai nostri calcoli, con quelle risorse si possono finanziare cinquemila progetti, ma è necessario che il governo dia subito criteri rigorosi per la selezione dei progetti fermi per scegliere non solo quelli cantierabili, ma anche utili ed effettivamente prioritari in termini di urgenza». Il modello proposto viene sintetizzato da Buzzetti con uno slogan che il presidente dell' Ance utilizzò già per il Giubileo, quando guidava i costruttori romani: «Bisogna correre negli uffici, non nei cantieri». Oggi, come allora, Buzzetti si batte contro le procedure speciali che puntano a evitare le gare «a danno della concorrenza» e ad affidare gli appalti a trattativa privata. «Siamo contrari a deroghe sia sulle gare che sui piani sicurezza dice e in questo siamo pronti, anche insieme ai sindacati, a fornire qualunque assistenza perché le cose siano fatte nel rispetto delle regole, al meglio e con la giusta velocità». Dove si deve correre «è prima del cantiere», per esempio con la «smaterializzazione di tutti i documenti» e nel trasferimento dei fondi. «Denunciamo ormai da anni i ritardi che molti programmi infrastrutturali hanno subito per procedure di trasferimento delle risorse da parte del ministero dell' Economia, un po' Continua > 13

18 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali per volontà, un po' per norme e procedure sbagliate, come nel caso della perenzione anticipata delle risorse». È inevitabile che oggi tutto il mondo imprenditoriale guardi a Via Venti settembre per capire se qualcosa è cambiato davvero. È chiaro, per esempio, che tutta questa corsa non avrebbe alcun senso se non si svincolassero subito queste spese dal patto di stabilità. Quanto alle metodologia di gara, Buzzetti propone di escludere il metodo dell' offerta economicamente più vantaggiosa «comunque troppo oneroso» e di applicare invece sempre fino a importi in gara di 20 milioni di euro l' esclusione automatica delle offerte anomale, «con un metodo matematico anti turbativa d' asta già sperimentato e che ha anche avuto un numero limitato di ricorsi». Se sono necessarie commissioni di gara, «i presidenti dovrebbero essere scelti come membri esterni da un albo depositato presso il ministero delle infrastrutture». Ma l' Ance chiede di guardare anche oltre questo primo piano straordinario. «Dal censimento che abbiamo svolto con Ispredil dice Buzzetti vediamo spazi anche per interventi privati. Oggi il 30% degli edifici scolastici ha bisogno solo di una manutenzione straordinaria, ma il 30% è da buttare e andrebbe demolito e ricostruito. L' ultimo 40% è quello che ha bisogno di una riqualificazione pesante ma che può anche restringere gli spazi per l' attività scolastica lasciando metri quadri per possibili valorizzazioni». Senza contare il piano per l' efficientamento energetico (che Ance ha presentato con Cresme, Consiglio nazionale architetti e Legambiente), la necessità di interventi di prevenzione idrogeologica e antisismica e infine «un ripensamento delle scuole che tenga conto dell' evoluzione didattica e li avvicini a un concetto di moderno». G.Sa. RIPRODUZIONE RISERVATA. 14

19 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali Le vie della ripresa LE MISURE DEL GOVERNO Le misure in arrivo. Sconti sugli affitti: il piano casa accelera Da definire sgravi Imu per i proprietari e riduzione Iva per i costruttori impegnati nel social housing LE ALTRE PREVISIONI Detrazione più alta per inquilini a canone concordato Recupero e vendita degli alloggi Iacp. Giorgio Santilli ROMA Restano due nodi da sciogliere per il decreto casa che mercoledì approderà in Consiglio dei ministri nel pacchetto "choc" per lo sviluppo insieme a Jobs act, piano scuole e forse pagamenti Pa: il primo, quello politicamente più rilevante, è la riduzione dell' Imu al 4 per mille per tutti i proprietari che affittano la seconda o terza casa a canone concordato; il secondo riguarda la norma che dovrebbe prevedere una riduzione delle imposte, semplificazioni procedurali e premi urbanistici per i costruttori che realizzano immobili vincolando una quota degli appartamenti all' affitto secondo la formula del social housing. Sull' Imu ridotta per chi affitta il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, si è trovato di fronte lo sbarramento della Ragioneria generale che quantifica il costo della norma a 380 milioni, 95 l' anno per il quadriennio Sulla seconda, la considerazione in corso nel governo, ma anche con le regioni, è se sia sufficiente il piano di recupero degli alloggi Iacp per 568 milioni inserito nel decreto o se il social housing abbia bisogno di una forte spinta anche con la costruzione di nuovi alloggi. I costruttori, ovviamente, sono per quest' ultima soluzione e il ministro Lupi è con loro, convinto come è che la soluzione alla tensione abitative nelle nostre città e il rilancio del mercato dell' affitto per la fascia sociale e a canone concordato debbano passare per un ampio ventaglio di misure. Per il resto il decreto casa da 1,35 miliardi di spesa in quattro anni è ormai definito. A partire da quella riduzione ulteriore dal 15 al 10% dell' aliquota per la cosiddetta cedolare secca per chi affitta a canone concordato (costo annuo per l' Erario stimato in 29,7 milioni). Già il decreto del fare del governo Letta sempre su proposta di Lupi aveva previsto una riduzione dell' aliquota dal 20 al 15 per cento. Con questo ulteriore taglio delle tasse, Lupi è convinto di rendere nuovamente conveniente su larga scala il contratto a canone concordato anche rispetto al canone di libero mercato che in questi anni ha subito una forte discesa per la stasi del mercato immobiliare. Senza dimenticare che, sull' altro lato, quello dell' inquilino, è previsto un aumento della detrazione Irpef fino a 900 euro per le fasce di reddito più basse (fino a ,71 euro). Qui la concorrenza che si tenta di sbaragliare a colpi di incentivi fiscali non è solo quella del mercato libero, ma anche e soprattutto quella del mercato nero. Continua > 15

20 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali Le agevolazioni fiscali valgono in tutto 441 milioni mentre altri 568 milioni saranno destinati a un piano straordinario di recupero di alloggi Iacp e altri 341 milioni andranno ad accrescere le risorse del fondo affitto e del fondo "morosità incolpevoli". Il piano per il recupero degli alloggi popolari degli Iacp e dei comuni (articolo 4) dovrà essere messo a punto dal ministero delle Infrastrutture entro sei mesi e sarà finanziato in gran parte (500 milioni) con fondi dello stesso ministero recuperati con le revoche dei fondi a opere bloccate, individuate con decreto Infrastrutture Economia. Anche i restanti 68 milioni saranno messi a disposizione dal ministero delle Infrastrutture con il recupero di fondi non spesi nel settore dell' edilizia residenziale. Le risorse del piano saranno ripartite in base a un accordo con le regioni ma affluiranno direttamente a comuni e Iacp senza "intermediazione" regionale. Un aspetto del decreto che le Regioni hanno contrastato fino alla fine è quello che prevede sconti per l' acquisto di alloggi popolari da parte di inquilini che li abitano. Lupi, viceversa, ci punta molto e ne ha fatto una battaglia contro le opposizioni dei Governatori. Alla fine il compromesso è che gli sconti sono inseriti nel quadro nazionale, rivitalizzando una norma del 2008 che non ha mai funzionato, ma saranno definiti in ambito locale, caso per caso, con accordi fra centro e periferie. Resta da capire se ci saranno ulteriori agevolazioni che favoriranno massicci piani di privatizzazione degli alloggi oppure le operazioni saranno limitate a qualche caso. Questo dipenderà molto dalla sensibilità delle singole Regioni e anche dei singoli comuni. La norma dell' articolo 3 prevede comunque che i ricavi dei piani di vendita degli alloggi vadano a finanziare interventi di manutenzione e riqualificazione del patrimonio. Nel decreto Lupi ci saranno certamente anche alcune norme per potenziare e rendere più favorevole lo strumento del "Rent to buy", che consente all' inquilino di riscattare l' appartamento utilizzando i canoni di affitto pagati come rate anticipate da scalare dal prezzo di acquisto dell' immobile. La novità dovrebbe consentire di differire il momento della decisione di riscattare la proprietà dell' immobile al settimo anno lasciando accollate le imposte sull' immobile all' ente proprietario nella prima fase. RIPRODUZIONE RISERVATA ALLOGGI POPOLARI 568 milioni Tra le misure ormai stabilizzate del decreto casa atteso mercoledì in Cdm c' è innanzitutto il piano straordinario di recupero degli alloggi Iacp da 568 milioni. Che dovrà essere messo a punto dal ministero delle Infrastrutture entro sei mesi e sarà finanziato in gran parte (500 milioni) con fondi dello stesso ministero recuperati con le revoche dei fondi a opere bloccate, individuate con decreto Infrastrutture Economia. Mentre i restanti 68 milioni saranno recuperati dai fondi non spesi nel settore dell' edilizia residenziale IL RECUPERO CEDOLARE SECCA 10% È prevista poi la riduzione ulteriore dal 15 al 10% dell' aliquota della cosiddetta cedolare secca per chi affitta a canone concordato. Una misura che costerà 29,7 milioni di euro l' anno e che segue la discesa dal 20 al 15% già decisa con il decreto del fare del governo Letta. Grazie a questo misura il ministro Maurizio Lupi è convinto di rendere nuovamente conveniente su larga scala il contratto a canone concordato anche rispetto al canone di libero mercato che in questi anni ha subito una forte discesa per la stasi del mercato immobiliare LA NUOVA PERCENTUALE RENT TO BUY 60% Nel decreto Lupi ci saranno certamente anche alcune norme per potenziare e rendere più favorevole lo strumento denominato «Rent to buy», che consente all' inquilino di riscattare l' appartamento utilizzando i canoni di affitto pagati come rate anticipate da scalare dal prezzo di acquisto dell' immobile. La novità dovrebbe consentire nel differimento del momento della decisione di riscattare la proprietà dell' immobile al settimo anno lasciando le imposte sull' immobile a carico dell' ente proprietario nella prima fase SCONTO NEI PRIMI 4 ANNI DETRAZIONI IRPEF 900 Accanto ai benefici per il proprietario prodotti dalla riduzione dell' aliquota della cedolare secca il decreto dovrebbe prevederne uno anche per l' inquilino. Per il conduttore che affitta un immobile a canone concordato è previsto un aumento della detrazione Irpef fino a 900 euro per le fasce di reddito più basse (fino a ,71 euro), a fronte dei 450 euro attuali. In questo caso la concorrenza che si tenta di sbaragliare a colpi di incentivi fiscali non è solo quella del mercato libero, ma anche e soprattutto quella del mercato nero DETRAZIONE ANNUA FONDI RIFINANZIATI 241 milioni Tra le misure degne di nota contenute nel decreto Lupi c' è Continua > 16

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 SOMMARIO 05 LE PRIORITÀ 07

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli