Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna"

Transcript

1 Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna Arch. Paolo Simonetti Illustrazione di alcuni casi applicativi TEATRO AUDITORIUM SAN FEDELE Milano, 16 novembre 2010 I casi illustrati potranno subire modifiche a seguito dell accoglimento di osservazioni In collaborazione con

2 Caso A Intervento con DIA/Permesso di Costruire per sostituzione edilizia Area a pertinenza diretta con slp esistente > di indice UT in ADR Utilizzo slp esistente Cambio di destinazione d uso da produttivo a residenziale Monetizzazione della dotazione di servizi per cambio d uso Caso B Intervento con Permesso di Costruire Convenzionato per nuova costruzione Due aree di intervento una a pertinenza diretta in ARU e una a pertineza indiretta Utilizzo indice UT 0,5 + 0,35 + 0,15 Trasferimento delle volumetrie dall area a pertinenza indiretta su quella a pertinenza diretta Monetizzazione della dotazione di servizi Caso C Intervento con DIA/Permesso di Costruire per sostituzione edilizia nel NAF Area a pertinenza diretta con slp esistente > di indice UT nel NAF Utilizzo slp esistente Concentrazione della volumetria lungo il fronte stradale per il rispetto delle regole morfologiche > Casi studio: modalità diretta di attuazione

3 Caso D Intervento con Piano Attuativo Area a pertinenza diretta in ADR 1 caso: utilizzo indice UT 0,65 con 20% di edilizia residenziale convenzionata 2 caso: utilizzo indice UT 0,5 + 0,35 + 0,15 In entrambi i casi cessione di area come reperimento della dotazione di servizi Caso E Intervento con Piano Attuativo Area a pertinenza diretta in ARU Utilizzo indice UT 0,65 + 0,35 di Edilizia Residenziale Sociale e acquisizione di slp aggiuntiva Cessione di area e monetizzazione come reperimento della dotazione di servizi > Casi studio: Piani Attuativi

4 Indice Unico di Utilizzazione Territoriale: pari a 0,5 mq/mq attribuito it su tutte tt le aree PdR art. 6 a pertinenza diretta e indiretta 05 0,5 mq di slp Esempio: su 1 mq St: 12 mq di superficie territoriale slp: 12 mq x 0,5 mq = 6 mq

5 Pertinenza diretta: area di utilizzo dei diritti volumetrici perequati PdR art. 4 Pertinenza diretta Pertinenza indiretta: area oggetto di cessione gratuita al Comune in relazione al trasferimento dei diritti volumetrici perequati PdR art. 4 Pertinenza indiretta

6 Aree a pertinenza indiretta: èriconosciutounindiceunicoterritorialeparia05mq/mq un indice a 0,5 PdS art. 5 Via Eritrea Stralcio PdS Tav. S02 Il diritto edificatorio è liberamente trasferibile sul territorio comunale ad eccezione degli ambiti periurbani, previa cessione al Comune PdS art. 5

7 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo o Residenziale i Via Montecuccoli CASO A > edificio produttivo esistente con slp > UT

8 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo o Residenziale i Stralcio PdR Tav. R02 CASO A > Stralcio tavola R02 - Regole Morfologiche

9 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo Residenziale i PdR art ST S.T. Slp esistente (> dell UT = 0,5 mq/mq): - Totale Slp: - Slp cambio destinazione d uso mq mq PdR art mq mq - Dotazione di servizi da reperire: per cambio di destinazione d uso 100% slp* -Totale Dotazione di servizi monetizzata mq mq PdS art. 9 * Nel caso in cui non ci sia cambio di destinazione d uso duso non si corrisponde dotazione di servizi per l UT o per la slp esistente (non ad uso produttivo) CASO A > Scenario di sviluppo

10 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo o Residenziale i Azzonamento da PRG: I Produttivo : art. 32 NTA PRG Slp esistenti *** Produttivo mq PRG 100% del 70% della slp complessiva PGT 100% slp % da monetizzare PRG ** PGT 4.900mq x 235,94 * /mq = mq x * /mq da monetizzare * Valore monetizzazione aree in zona n.61 Borsino (OSMI) Tripoli Bande Nere 235,94 /mq ** Il PRG consente il cambio d uso verso il terziario e non il residenziale *** Con il PGT, ai fini del cambio d uso, s intendono le slp assentite dai titoli abilitativi CASO A > Determinazione valore di monetizzazione per cambio d uso

11 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo Residenziale i PdS art. 9 Funzioni Urbane Private Slp esistente mq 100% slp Per cambio d uso duso Tipologia Intervento indice Dotazione di servizi CASO A > Schema dotazione di servizi da reperire

12 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo Residenziale i ST mq mq Slp esistente Monetizzazione mq CASO A > Schema scenario di sviluppo

13 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo o Residenziale i Nei tessuti urbani ad impianto aperto gli interventi edilizi diretti mantengono gli allineamenti in rapporto alle edificazioni preesistenti sullo spazio pubblico. (art. 15 comma 3 del PdR) Nel caso ci si discosti dalle regole morfologiche si dovrà procedere ad una modalità diretta ma Convenzionata (art. 11 comma 1.b del PdR) CASO A > Regole morfologiche previste

14 DIA /Permesso di Costruire per sostituzione edilizia con cambio destinazione d uso Produttivo o Residenziale i CASO A > Possibile scenario volumetrico

15 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Viale Espinasse Pertinenza diretta: Edificio industriale Con slp < di UT Via Teocrito Pertinenza indiretta: aree per le infrastrutture CASO B > edificio esistente con slp < UT e perequazione

16 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Stralcio PdR Tav. R02 Pertinenza diretta: edificio industriale In ambito ARU Stralcio PdS Tav. S02 Pertinenza indiretta: aree per le infrastrutture CASO B > Stralcio tavole R02 e S02

17 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione S.T : mq area pertinenza diretta (con slp esistente mq < UT) mq area pertinenza indiretta PdR art. 11 Slp: 0,5 x = mq per funzioni urbane private (pert. diretta) PdR art. 9 0,5 x = mq perequata per funzioni urbane private (pert. indiretta) 0,35 x = mq per Edilizia Residenziale Sociale (ERS) 0,15 x = mq per Residenza Libera Totale Slp: mq (i.f. deve essere < 7mc/mq) (art. 11 comma 1.c del PdR) Dotazione di servizi da reperire: 0% di della slp della pertinenza diretta 0 mq PdS art % di della slp perequata (pert. indiretta) mq 100% di della slp aggiuntiva per l Edilizia Libera mq 36% di della slp per l Edilizia Residenziale Sociale mq Totale dotazione di servizi da reperire Totale Dotazione di servizi da monetizzare CASO B mq mq > Scenario di sviluppo

18 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Funzioni Urbane Private (pert. Indiretta) 0,5 mq/mq 100% slp PdS art. 9 Funzioni Urbane Private 0,15 mq/mq 100% slp Edilizia Residenza Sociale 0,35 mq/mq 36% slp Non si reperisce la Funzioni 05mq/mq 0,5 dotazione di Urbane Private servizi (pert. Diretta) Tipologia Intervento indice Dotazione di servizi CASO B > Schema dotazione di servizi da reperire

19 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Pertinenza indiretta mq L area ceduta al comune non concorre al reperimento dei servizi mq Area di cessione Pertinenza diretta mq mq mq mq mq Slp Pertinenza Indiretta Slp Aggiuntiva Slp Pertinenza diretta Slp Edilizia Res. Sociale Monetizzazione mq CASO B Funzioni Urbane Private > Schema scenario di sviluppo

20 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Schema esemplificativo applicazione art a Nel caso ci si discosti dalle regole morfologiche si dovrà procedere ad una modalità diretta ma Convenzionata (art. 11 comma 1.b del PdR) CASO B > Regole morfologiche previste

21 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Stato di fatto Simulazione volumetrica Edilizia libera Edilizia residenziale sociale Perimetro su cui applicare l art. 17 comma 2: 258 m Perimetro edificato con la proposta di progetto: 212 m (82 %) Perimetro edificato > 50% non necessario convenzionamento per fini planivolumetrici CASO B > 1 Scenario: rispetto delle regole morfologiche

22 Permesso di Costruire Convenzionato due aree di intervento (pertinenza diretta e indiretta) Nuova costruzione Stato di fatto Simulazione volumetrica Edilizia libera Edilizia residenziale sociale Perimetro su cui applicare l art. 17 comma 2: 258 m Perimetro edificato con la proposta di progetto: 67 m (26 %) Perimetro edificato < 50% necessario convenzionamento anche per fini planivolumetrici CASO B > 2 Scenario: discostamento dalle regole morfologiche

23 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF Via Cicco CASO C > Area edificata

24 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF - Complessi edilizi con valore storico-architettonico intrinseco (art a) -Composizione architettonica vegetale con carattere-storico- testimoniale (Art b) 2 manutenzione ordinaria, straordinaria e recupero - Complessi edilizi con valore architettonico intrinseco (art c) manutenzione ordinaria, straordinaria, recupero e risanamento conservativo Stralcio PdR Tav. R03 - Immobili con valore estetico-culturale-ambientale (art. 12.2d) manutenzione ordinaria, straordinaria, recupero, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia con mantenimento della sagoma e del sedime - Immobili non ricadenti nelle precedenti categorie (art. 12.2e) 2e) manutenzione ordinaria, straordinaria, recupero, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia anche con demolizione e ricostruzione, sostituzione edilizia, completamento e nuova costruzione. CASO C > Stralcio Tavola R03 NAF Analisi dei valori storico-morfologici

25 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF PdR art. 11 -S.T. Pertinenza diretta: 830 mq -Slp esistente (> dell UT = 0,5 mq/mq): mq PdR art. 9 -Totale Slp di progetto mq (i.f. deve essere < 7mc/mq ) (art. 11 comma 1.c del PdR) - Verifica If: 4,71 mc/mq < 7 mc/mq - Destinazioni funzionali assentite: Residenziale - Destinazione da PGT: Indifferenziata - Dotazione di servizi da reperire: Non si prevede cambio di destinazione d uso non richiesto reperimento di servizi PdS art. 9 - Totale dotazione di servizi da reperire 0 mq CASO C > Scenario di sviluppo

26 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF PdS art. 9 Funzioni Urbane Private Slp esistente mq Non si reperisce la dotazione di servizi Tipologia Intervento indice Dotazione di servizi CASO C > Schema dotazione di servizi da reperire

27 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF ST 830 mq mq Slp esistente CASO C > Schema scenario di sviluppo

28 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF Nel caso si idisattendono d le regole morfologiche si idovrà procedere ad una modalità diretta ma Convenzionata (art. 11 comma 1.b del PdR) CASO C > Stralcio Tavola R04 NAF Tipologie d intervento

29 DIA/Permesso di Costruire Sostituzione edilizia nel NAF Stato di fatto Stato di progetto CASO C > Possibile scenario volumetrico

30 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR Via Viterbo CASO D > Area libera

31 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR Stralcio PdR Tav. R02 CASO D > Stralcio Tavola R02 - Indicazioni Morfologiche

32 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR 1 caso: UT 0,65 mq/mq -S.T: mq area pertinenza diretta PdR art. 11 PdR art. 9 -Slp: 0,65 mq/mq x mq = mq per funzioni urbane private (pertinenza diretta) - Totale Slp: mq (min 20% edilizia convenzionata) - 1 verifica: dotazione di servizi da reperire : PdS art % della slp eccedente lo 0,5 per funzioni private mq - 2 verifica: dotazione di servizi reperita in loco ( 36% slp realizzata, in loco) - Totale dotazione di servizi da reperire in loco: mq > di mq mq CASO D > Scenario di sviluppo

33 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR 1 caso: UT 0,65 mq/mq 0,15 mq/mq 100% slp PdS art. 9 Funzioni Urbane Private 0,5 mq/mq Non si reperisce la dotazione di servizi Comunque non inferiore del 36% della slp complessiva Tipologia Intervento indice Dotazione di servizi CASO D > Schema dotazione di servizi da reperire

34 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR 1 caso: UT 0,65 mq/mq ST mq mq mq Slp Pertinenza diretta Area di cessione Comunque minimo 36% della slp complessiva da reperire in loco CASO D > Schema scenario di sviluppo

35 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR 2 caso: UT 0,65 mq/mq + 0,35 mq/mq ERS PdR art. 11 -S.T : mq area pertinenza diretta - Slp: 065mq/mqx 0, mq = mq per funzioni urbane private 0,35 mq/mq x mq = mq Per Edilizia Residenziale Sociale (ERS) PdR art. 9 - Totale Slp: mq - 1 verifica dotazione di servizi da reperire: 100% della slp eccedente lo 0,5 per funzioni private 36% della slp ERS Totale dotazione di servizi da reperire - 2 verifica dotazione di servizi da reperire in loco ( 36% slp realizzata) - Totale dotazione di servizi da reperire in loco: 2250mq mq mq mq > di mq PdS art. 9 CASO D > Scenario di sviluppo

36 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR 2 caso: UT 0,65 mq/mq + 0,35 mq/mq ERS Edilizia Residenziale Sociale 0,35 mq/mq 36% slp PdS art. 9 Funzioni Urbane Private 0,15 mq/mq 100% slp Comunque non inferiore del 36% della slp 0,5 mq/mq Non si complessiva reperisce la dotazione di servizi Tipologia Intervento indice Dotazione di servizi CASO D > Schema dotazione di servizi da reperire

37 Intervento con Piano Attuativo per ristrutturazione urbanistica Area a pertinenza diretta in ADR 2 caso: UT 0,65 mq/mq + 0,35 mq/mq ERS St mq mq mq mq Slp Pertinenza diretta Slp Edilizia Res. Sociale Area di cessione Comunque minimo 36% della slp complessiva da reperire in loco CASO D > Schema scenario di sviluppo

38 Intervento con Piano Attuativo per IF > di 7 mc/mq con UT 0,65 + 0,35 ERS e acquisizione slp aggiuntiva Aggiungere foto via espinasse Viale Espinasse CASO E > Area parzialmente edificata

39 Intervento con Piano Attuativo per IF > di 7 mc/mq con UT 0,65 + 0,35 ERS e acquisizione slp aggiuntiva Stralcio PdR Tav. R02 CASO E > Stralcio Tavola R02 - Indicazioni Morfologiche

40 Intervento con Piano Attuativo per IF > di 7 mc/mq con UT 0,65 + 0,35 ERS e acquisizione slp aggiuntiva - ST: S.T : mq area pertinenza diretta -Slp: 0,65 mq/mq x mq = mq per funzioni urbane private mq per funzioni urbane private (perquata) 035mq/mq 0,35 x mq = mq Per Edilizia Residenziale Sociale (ERS) PdR art. 11 PdR art. 9 - Totale Slp: mq - 1 verifica dotazione di servizi da reperire: 100% della slp eccedente lo 0,5 per funzioni private 36% della slp ERS 100% della slp perequata per funzioni urbane private Totale dotazione di servizi da reperire mq mq mq mq PdS art. 9-2 verifica dotazione di servizi da reperire in loco mq < ( 36% slp realizzata) - Totale dotazione di servizi da reperire mq - da reperire in loco: mq - da monetizzare 660 mq CASO E > Scenario di sviluppo

41 Intervento con Piano Attuativo per IF > di 7 mc/mq con UT 0,65 + 0,35 ERS e acquisizione slp aggiuntiva Funzioni Urbane Private Slp aggiuntiva 100% slp PdS art. 9 Edilizia Residenza Sociale 0,35 mq/mq q 0,15 mq/mq 36% slp 100% slp Comunque non inferiore del 36% della slp complessiva Funzioni Urbane Private (pert. Diretta) 05mq/mq 0,5 Non si reperisce la dotazione di servizi Tipologia Intervento indice Dotazione di servizi CASO E > Schema dotazione di servizi da reperire

42 Intervento con Piano Attuativo per IF > di 7 mc/mq con UT 0,65 + 0,35 ERS e acquisizione slp aggiuntiva Acquisizione diritti volumetrici per mq di slp Monetizzazione 660 mq St mq mq mq mq mq Slp aggiuntiva Slp Pertinenza diretta Slp Edilizia Res. Sociale minimo 36% della slp complessiva da reperire in loco Funzioni Urbane Private CASO E > Schema scenario di sviluppo

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE E DELLE MONETIZZAZIONI AGGIORNAMENTO 2016

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE E DELLE MONETIZZAZIONI AGGIORNAMENTO 2016 COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Città Metropolitana di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEGLI ONERI TABELLARI, DEL CONTRIBUTO PER IL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

SOMMARIO DEI PRINCIPALI CONTENUTI

SOMMARIO DEI PRINCIPALI CONTENUTI SOMMARIO DEI PRINCIPALI CONTENUTI PGT Piano di Governo del Territorio ASSESSORATO ALL URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA Area Territorio Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Urbanistica

Dettagli

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi 0 NOTA : LE PARTI MODIFICATE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI MODIFICATE A SEGUITO ACCOGLIMENTO ERRORI MATERIALI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI STRALCIO DEL P.T.R.

Dettagli

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010 Legge Regionale 03 Gennaio 2005 n 1 - Norme per il governo del territorio art. 120 e seguenti TABELLE ONERI E CONTRIBUTI allegate alla deliberazione del C.C. n 25 del 31/03/2005 aggiornamento Maggio 2010

Dettagli

COMUNE DI PARATICO Provincia di Brescia

COMUNE DI PARATICO Provincia di Brescia COMUNE DI PARATICO Provincia di Brescia Piano Governo del Territorio VARIANTE 3 PIANO DEI SERVIZI ALL. E1 - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE Il Progettista arch. Agostino Baronchelli l u g l i

Dettagli

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA

ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA ADOZIONE P.U.A. DEL COMPARTO N. 2 DELL AMBITO C1-6 DI VIA EUROPA RELAZIONE Con istanza acquisita al protocollo comunale in data 10/4/2015 al n. 6514, il sig. Oliviero Francesco nella qualità di Procuratore

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI VERDI PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A:

Dettagli

Planivolumetrico Parco Possibile

Planivolumetrico Parco Possibile Area Garibaldi-Repubblica-Isola-Varesine Planivolumetrico Parco Possibile 5 dicembre 2007 Superfici lorde di pavimento calcolate su tutti i piani (slp) Intervento Città della Moda mq slp 110.500 mq slp

Dettagli

TITOLO I - NORME GENERALI

TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO I - NORME GENERALI - CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 - Natura, scopi, contenuti e riferimenti del PRG pag. 1 Art. 2 - Modalità generali di attuazione, piani attuativi pag. 1 Art. 3 - Effetti e cogenza

Dettagli

(D) (E) Superficie minima Uf. Costo a mq

(D) (E) Superficie minima Uf. Costo a mq TABELLA A: URBANIZZAZIONE SECONDARIA: Incidenza economica edifici residenziali e servizi (A) (B) (C) (D) (E) (F) (G) (H) (I) Categorie opere ex art. 4 RR 2/2015 Asili nido Scuole d infanzia Scuole dell

Dettagli

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Allegato A alle Disposizioni attuative del del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi agli ambiti di pianificazione convenzionata Elaborato adeguato rispetto alle osservazioni approvate

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Documento di Piano Allegato A Ambiti di Trasformazione

Piano di Governo del Territorio Documento di Piano Allegato A Ambiti di Trasformazione Comune di Dovera Provincia di Cremona Piano di Governo del Territorio Documento di Piano Allegato A Ambiti di Trasformazione 10 luca menci responsabile del progetto gianluca vicini analisi ambientali roberto

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

- - - - - 1 - 2 - - - - 3 - - 4 - 5 - - 6 - - 7 - 8 PROGETTO SPECIALE n.6 - Caionvico Inquadramento dell area Localizzazione: Quadrante est della città Via S. Orsola Stato di fatto: L ambito interessa

Dettagli

TITOLO I - NORME GENERALI

TITOLO I - NORME GENERALI TITOLO I - NORME GENERALI - CAPO I - GENERALITÀ Art. 1 - Natura, scopi, contenuti e riferimenti del PRG pag. 1 Art. 2 - Modalità generali di attuazione, piani attuativi pag. 1 Art. 3 - Effetti e cogenza

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*)

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*) ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI COLLEGNO RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO (*) DESCRIZIONE DEL SITO DI INSEDIAMENTO caratteri ambientali del sito aspetti relativi all'esposizione, morfologici,

Dettagli

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1)

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (approvate con deliberazione della Giunta provinciale n. 2023 di data 3 settembre 2010) Art. 1 Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno AREA 1 - UFFICIO TECNICO TABELLE RELATIVE AL CALCOLO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE (Titolo VII - Capo I - Legge regionale n.65/2014) Regolamentazione approvata con delibera Consiglio

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI SESTO S. GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO - LEGGE REGIONALE 11 MARZO 2005, N 12 AMBITO VIA FALCK/VIA MAZZINI RELAZIONE ECONOMICA SULLA FATTIBILITA DEL PROGRAMMA

Dettagli

Comune di Casorezzo Allegato energetico al Regolamento Edilizio

Comune di Casorezzo Allegato energetico al Regolamento Edilizio Comune di Casorezzo Allegato energetico al Regolamento Edilizio Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 15/04/2013, esecutiva ai sensi dell art. 134 comma 3^ del D.Lgv. n. 267/2000. Pubblicato all Albo

Dettagli

VILLAFRANCA DI VERONA - CAPOLUOGO

VILLAFRANCA DI VERONA - CAPOLUOGO VILLAFRANCA DI VERONA - CAPOLUOGO VALORE MEDI FISSO (euro a metro quadro di superficie lorda) determinata dalla volumetria del fabbricato diviso tre Z.T.O. "A" Centro Storico fabbricati soggetti agli interventi

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. B3$ Aree di particolare valore storico-ambientale Zona Monterosso B3 Aree ricadenti nel Perimetro del Parco, assoggettate

LA GIUNTA COMUNALE. B3$ Aree di particolare valore storico-ambientale Zona Monterosso B3 Aree ricadenti nel Perimetro del Parco, assoggettate LA GIUNTA COMUNALE VISTO che sulla proposta di deliberazione di cui trattasi è stato favorevolmente espresso il parere ai sensi dell art. 49 del D. Lgs. n. 267 del 18.8.2000 in ordine alla regolarità tecnica

Dettagli

Tabella B - Contributo di urbanizzazione per edifici residenzali: applicazione valori percentuali (aliquote)

Tabella B - Contributo di urbanizzazione per edifici residenzali: applicazione valori percentuali (aliquote) Tabella B - Contributo di per edifici residenzali: applicazione valori percentuali (aliquote) Ai sensi dell art.39 del R.R. 2/2015 la quota di contributo relativa agli e per edifici residenziali è determinata

Dettagli

Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna

Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna Arch. Marino Bottini La struttura del Piano dei Servizi TEATRO AUDITORIUM SAN FEDELE Milano, 16 novembre 2010 In collaborazione con

Dettagli

Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5.

Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5. Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5.000 abitanti opere di urbanizzazione primaria sistema viario pedonale e

Dettagli

Indefiniti orizzonti. distanze infinite

Indefiniti orizzonti. distanze infinite CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE PROCEDURE PREVISTE DALLA l.p. 4 marzo 2008, n. 1 Deliberazione G.P. n. 2023, del 3 settembre 2010, come modificata dalla deliberazione G.P. n. 1427, del 1 luglio 2011 A cura

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA La presente richiesta di Piano Esecutivo Convenzionato prevede variazioni interne del locali di proprietà della ditta Ribauto s.a.s., su lotto sito in Alba in Corso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il presente progetto tratta del Piano di Recupero ai sensi degli art. 27 e 28 della L. 457/78 e della contestuale applicazioni delle previsioni della L.R. n. 22 del 08/10/2009

Dettagli

Comune di GANDOSSO. Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio

Comune di GANDOSSO. Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio 1 Comune di GANDOSSO Variante n.1 al Piano di Governo del Territorio 1 OBIETTIVI DELLA VARIANTE L Amministrazione Comunale di Gandosso, ha predisposto la presente Variante al PGT al fine di perseguire

Dettagli

diritti L. 68/93. 135,38 1,50 1,00 0,52 3,0 141,40 16,00 2,00 159,40 114,18 1,50 1,00 0,52 3,0 120,20 16,00 2,00 138,20

diritti L. 68/93. 135,38 1,50 1,00 0,52 3,0 141,40 16,00 2,00 159,40 114,18 1,50 1,00 0,52 3,0 120,20 16,00 2,00 138,20 Tabella atti e procedure edilizie (deliberazioni istitutive: tariffe G.C. 94 03698/02; C.C. 97 00615/20; aggiornamenti cfr. colonna "") Tipo di / attività istruttoria L. a legge 68/93 art. 10 comma 10

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO DIFFUSO NELLA CITTA CONSOLIDATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE AMBITO N.1 RONDO TORRETTA

PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO DIFFUSO NELLA CITTA CONSOLIDATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE AMBITO N.1 RONDO TORRETTA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO DIFFUSO NELLA CITTA CONSOLIDATA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE AMBITO N.1 RONDO TORRETTA Indice Titolo I Art.1 Art.2 Ambito di applicazione, articolazione territoriale,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI DAIANO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI DAIANO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI DAIANO VARIANTE N. 1 AL PIANO REGOLATORE GENERALE SCHEDE EDIFICI DEL CENTRO STORICO PRIMA ADOZIONE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 di data 22 Agosto 2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL REGISTRO DEI DIRITTI EDIFICATORI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL REGISTRO DEI DIRITTI EDIFICATORI CITTÀ DI VALMADRERA Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL REGISTRO DEI DIRITTI EDIFICATORI (Art.11 comma 4 Legge Regionale 11 marzo 2005 n.12 e s.m.i.) Approvato con Deliberazione di Consiglio

Dettagli

Art. 72 Altezza dell'edificio

Art. 72 Altezza dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEI CENTRI STORICI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEI CENTRI STORICI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEI CENTRI STORICI Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 14 del 28.04.2010 ARTICOLO 1. FINALITÀ Il presente Regolamento ha lo scopo di normare, incentivare e favorire

Dettagli

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV)

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Variante di PRG Redatta ai sensi del DPR 447/98 S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Luglio 2009 VIA SCOPOLI, 12 27100 PAVIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE A STANDARDS PER PARCHEGGI PRIVATI E A STANDARDS URBANISTICI NEGLI INTERVENTI EDILIZI DIRETTI.

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE A STANDARDS PER PARCHEGGI PRIVATI E A STANDARDS URBANISTICI NEGLI INTERVENTI EDILIZI DIRETTI. REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE A STANDARDS PER PARCHEGGI PRIVATI E A STANDARDS URBANISTICI NEGLI INTERVENTI EDILIZI DIRETTI. Approvato con Delibera di C.C. n. 55 del 24 luglio 2012 1 2 INDICE

Dettagli

Piano casa della Regione Marche Le modifiche

Piano casa della Regione Marche Le modifiche Piano casa della Regione Marche Le modifiche Febbraio 2011 Arch. Rodolfo Novelli L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITA EDILIZIE

Dettagli

Terreno in via Santorre di Santarosa - Marghera

Terreno in via Santorre di Santarosa - Marghera Terreno in via Santorre di Santarosa - Marghera Terreno in via Santorre di Santarosa - Marghera UBICAZIONE: tra via Settembrini e via Santorre di Santarosa - Marghera CARATTERI GENERALI Descrizione dell

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Oggetto del Piano delle Regole... 3 Art. 2 Validità e efficacia... 4 Art. 3 Struttura e contenuti del Piano delle Regole... 4 Art. 4 Definizioni, indici e parametri

Dettagli

Cap.3. IL PRG, LA SITUAZIONE IDROGRAFICA E IL PARERE DELLA SOVRINTENDENZA

Cap.3. IL PRG, LA SITUAZIONE IDROGRAFICA E IL PARERE DELLA SOVRINTENDENZA Cap.3. IL PRG, LA SITUAZIONE IDROGRAFICA E IL PARERE DELLA SOVRINTENDENZA 3. 1 Il deposito e il nuovo PRG La figura seguente mostra la tavola del PRG (sistemi e regole) dove sono riportati il sistema insediativo,

Dettagli

Comune di San Vendemiano Provincia di Treviso

Comune di San Vendemiano Provincia di Treviso San Vendemiano, 12 agosto 2015 OGGETTO: Perizia di stima del valore di mercato di un area con soprastante fabbricato di proprietà comunale, situata in località Saccon - Via Trieste n. 79 (ex Scuola Elementare).

Dettagli

Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile. - Padova (PD) 30 settembre 2009 -

Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile. - Padova (PD) 30 settembre 2009 - Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile - Padova (PD) 30 settembre 2009 - Ing. Marco Frau Premesse La LR 08.07.2009 n 14 è stata pubblicata

Dettagli

FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio?

FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio? FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio? Il Piano casa ammette i seguenti interventi di ampliamento: - Ampliamento

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli

AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli AUTOSTRADE // per l ITALIA S.p.A. A14 BOLOGNA BARI TARANTO Tratto: Vasto Sud Termoli Realizzazione di una bretella autostradale in località Petacciato tra il Km 461+938 e il Km 463+576 (viadotti Cacchione

Dettagli

incidenza delle spese di urbanizzazione primaria e secondaria per l'anno 2016 relativa all' AGRICOLTURA urbanizzazione secondaria

incidenza delle spese di urbanizzazione primaria e secondaria per l'anno 2016 relativa all' AGRICOLTURA urbanizzazione secondaria incidenza delle spese di e per l'anno 2016 relativa all' AGRICOLTURA A - centro storico 15,33 1,90 17,23 B - completamento 12,96 1,63 14,59 C - espansione 12,96 1,63 14,59 D - insediamenti produttivi 12,96

Dettagli

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI -

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - REGOLAMENTO DI CALCOLO E GESTIONE DEGLI STANDARDS QUALITATIVI PER ATTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E ATTUAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI VARIANTE PARZIALE N 18/2015. ai sensi dell art.15 comma 4 della Legge regionale n 47/1978 STESURA ADOTTATA

COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI VARIANTE PARZIALE N 18/2015. ai sensi dell art.15 comma 4 della Legge regionale n 47/1978 STESURA ADOTTATA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA FORLI -CESENA P.R.G. PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI VARIANTE PARZIALE N 18/2015 ai sensi dell art.15 comma 4 della Legge regionale n 47/1978 STESURA

Dettagli

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo Via Arnosto n. 25 24030 Fuipiano Valle Imagna Tel. 035856134 - Fax 035866402 C. Fisc. 00542030168 RELAZIONE DI STIMA DEL TERRENO POSTO IN VIA ITALIA

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Regione Lombardia comune Lonate Ceppino PGT PIANO di GOVERNO del TERRITORIO adottato in data 15 novembre 2012 approvato in data 10 giugno 2013 Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. ALLEGATO A MODALITA DI

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni Allegato F Relazione Tecnica aggiornamento Giugno 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi Architetto 20900 Monza MB

Dettagli

CAPO V DISPOSIZIONI PER GLI INTERVENTI SUI FABBRICATI Art. 11 - Disposizioni generali per gli interventi sui fabbricati

CAPO V DISPOSIZIONI PER GLI INTERVENTI SUI FABBRICATI Art. 11 - Disposizioni generali per gli interventi sui fabbricati INDICE DELLE NORME CAPO I STRALCIO DI NTA DEL PRG IN VARIANTE Art. 1 - Strategie attuative della zona RU5 Art. 2 - Motivazione dei contenuti normativi e grafici proposti in variante CAPO II DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A

Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A Determinazione valore unitario aree edificabili e valore imponibile ai fini IMU L art. 5 del D.Lgs. 504/92 stabilisce che la base imponibile ai fini della

Dettagli

Piano di Governo del Territorio 1

Piano di Governo del Territorio 1 Piano di Governo del Territorio 1 INDICE Nuove aree di trasformazione di iniziativa privata... 3 TR 1 Area di trasformazione residenziale... 4 TR 2 Area di trasformazione residenziale... 8 TR 3 Area terziaria

Dettagli

La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali - ing. Fulvio Bartoli

La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali - ing. Fulvio Bartoli La tolleranza costruttiva, le varianti in corso d'opera e le varianti essenziali ing. Fulvio Bartoli Dirigente Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola Le tolleranze La tolleranza:

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

RICHIESTA PARERE CONSULTIVO MONETIZZAZIONE PARCHEGGI Art. 1 comma 6 Delibera C.C. n. 73/2010

RICHIESTA PARERE CONSULTIVO MONETIZZAZIONE PARCHEGGI Art. 1 comma 6 Delibera C.C. n. 73/2010 Se società Municipio ROMA XI RICHIESTA PARERE CONSULTIVO MONETIZZAZIONE PARCHEGGI Art. 1 comma 6 Delibera C.C. n. 73/2010 MODULO Via B. Croce 50 Il/La sottoscritto/a Cognome Nome Nato/a a ( ) il residente

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 24.09.2014 Verbale n. 59 COPIA OGGETTO: Legge Regionale 3 Gennaio 2005 n. 1 Norme per il governo del territorio.

Dettagli

INDIVIDUAZIONE COEFFICIENTI

INDIVIDUAZIONE COEFFICIENTI ESTRATTO DELIBERA G.C. N. 31 DEL 27.03.2014 OGGETTO Aggiornamento dei valori di mercato delle aree edificabili per l anno 2014. Il mercato immobiliare italiano attraversa un momento molto particolare della

Dettagli

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi

COMUNE DI PELAGO. (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi COMUNE DI PELAGO (Provincia di Firenze) Oneri di Urbanizzazione e oneri verdi 11 Aggiornamento ISTAT (0,0%) dopo l'entrata in vigore della L.R. 1/05 ai sensi dell'art. 250 della L.R. 65/14 ANNO 2016 Servizio

Dettagli

AVVISO DI BANDO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE DI IMMOBILI COMUNALI. IL COMUNE DI CAMPOBASSO

AVVISO DI BANDO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE DI IMMOBILI COMUNALI. IL COMUNE DI CAMPOBASSO 16/01/2014 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE nr. 1 293 PARTE III AVVISI AVVISO DI BANDO DI ASTA PUBBLICA PER ALIENAZIONE DI IMMOBILI COMUNALI. IL COMUNE DI CAMPOBASSO In esecuzione della delibera

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE PERLA

PIANO DI LOTTIZZAZIONE PERLA studio di architettura candiani PIANO DI LOTTIZZAZIONE PERLA MAGNAGO (MI) VIA MAMELI - VIA PIER DELLE VIGNE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DI PIANO N.T.A. IMPALA S.p.a. C.so Buenos Aires, 54 Milano Busto

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART.1 VALIDITAʼ DELLE NORME La porzione di territorio del Comune di Ceggia, situata tra via Roma e via Foscolo, che insiste sui mappali 92, 94, 824, 756, 1639, 1641, del Foglio

Dettagli

Regolamentazione dei contributi di costruzione

Regolamentazione dei contributi di costruzione Comune di ARESE Città Metropolitana di Milano Regolamentazione dei contributi di costruzione Testo Unico dell Edilizia Articolo 16 e seguenti Articolo 43 e seguenti della Legge Regionale n. 12 del 2005

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone 1 VALUTAZIONE INVESTIMENTO E RICAVI Superficie ambito di P.I.I. superficie 289 920 mq Parametri edilizi di riferimento Destinazione Slp(mq) V(mc) Residenziale

Dettagli

RELAZIONE DEL PROGETTISTA

RELAZIONE DEL PROGETTISTA Allegato L REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Il presente allegato deve essere redatto per ogni tipologia di intervento di cui all art. 7 comma 2 del Bando e per ogni unità abitativa RELAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 08/04/2014 COMUNE DI CAPENA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI

Dettagli

Permessi di Costruire - II semestre 2014

Permessi di Costruire - II semestre 2014 Estremi Permesso N. Data OGGETTO - CONTENUTO UBICAZIONE Estremi principali documenti fascicolo N. pratica 01/07/2014 2014/53 DIVISIONE IMMOBILIARE DEL PIANO TERRA LOCALE ESPOSIZIONE LE GRAZIE (VIA), 55

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AREE URBANE e SEMPLIFICAZIONI PROCEDURALI

RIQUALIFICAZIONE AREE URBANE e SEMPLIFICAZIONI PROCEDURALI Direzione Legislazione Mercato Privato RIQUALIFICAZIONE AREE URBANE e SEMPLIFICAZIONI PROCEDURALI Attuazione regionale del D.L. 70/2011 (Legge 106/2011) Regioni che hanno dato attuazione Regioni che non

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE N. 11 AL P.R.G.

VARIANTE STRUTTURALE N. 11 AL P.R.G. Settore Ambiente e Territorio Servizio Pianificazione Urbanistica e Strategica VARIANTE STRUTTURALE N. 11 AL P.R.G. ai sensi dell art.15 della L.R. 56/77 e s.m.e i. Ambito di valorizzazione della Città

Dettagli

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CUSAGO SETTORE EDILIZIA OGGETTO: Integrazione Relazione Tecnica Edilizia Libera Cusago (MI), Via Cisliano 4-10. Piano di Recupero Ristrutturazione e Risanamento Conservativo

Dettagli

Piano di Recupero. Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Servizio Edilizia Privata. Comune: CREMA Provincia: CREMONA

Piano di Recupero. Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Servizio Edilizia Privata. Comune: CREMA Provincia: CREMONA Spett.le: Alla c. a.: Comune di CREMA Piazza Duomo, 25 26013 - Crema (CR) Ufficio Tecnico Servizio Edilizia Privata Piano di Recupero Comune: CREMA Provincia: CREMONA Richiedente: Progettista: ZAMBELLI

Dettagli

Schema di ATTI DI PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI

Schema di ATTI DI PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI ATTI DI PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI (API) P 04 Schema di ATTI DI PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI TITOLO I - Disposizioni preliminari Articolo 1 - Finalità 1. Gli Atti di programmazione degli interventi

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO. Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO. Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, AL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ED ONERI VERDI PER INTERVENTI

Dettagli

ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE ANALISI DEL PROCESSO EDILIZIO

ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE ANALISI DEL PROCESSO EDILIZIO ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE ANALISI DEL PROCESSO EDILIZIO SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI COMMISSIONE

Dettagli

Norme tecniche di Variante Urbanistica

Norme tecniche di Variante Urbanistica Norme tecniche di Variante Urbanistica relative al Comparto di via Milano via Pace / ex Monastero di San Nicolao, oggetto di Programma Integrato di Intervento ex Legge Regionale 9/99. 1 Le presenti disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Art. 1 - Determinazione del costo base di urbanizzazione Ai sensi degli artt.

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art. 1 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabelle parametriche Il Comune di

Dettagli

Allegato I. Relazione sul sistema della viabilità e mobilità. 01 Aprile 2016. 22 Giugno 2015. Arch. Franco Oggioni

Allegato I. Relazione sul sistema della viabilità e mobilità. 01 Aprile 2016. 22 Giugno 2015. Arch. Franco Oggioni Allegato I Relazione sul sistema della viabilità e mobilità Arch. Franco Oggioni 01 Aprile 2016 22 Giugno 2015 Z:\monza\via_taccona_giambelli\IN CORSO\ Premessa L area oggetto del presente Piano Attuativo

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA SERVIZI AL TERRITORIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA E SVILUPPO ECONOMICO Unità Pianificazione Urbanistica *********

COMUNE DI FORLI' AREA SERVIZI AL TERRITORIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA E SVILUPPO ECONOMICO Unità Pianificazione Urbanistica ********* COMUNE DI FORLI' AREA SERVIZI AL TERRITORIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA E SVILUPPO ECONOMICO Unità Pianificazione Urbanistica ********* VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE ED AL REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

PROGETTI SPECIALI DEL PIANO DELLE REGOLE

PROGETTI SPECIALI DEL PIANO DELLE REGOLE SOMMARIO PROGETTI SPECIALI DEL PIANO DELLE REGOLE QUADRANTE NORD QUADRANTE OVEST QUADRANTE CENTRO QUADRANTE SUD QUADRANTE EST PRN1 CONICCHIO 3 PRN2 SGUASS 5 PRN3 CAMPANE 7 PRN4 TRIUPLINA-GRAZZINE 9 PRN5

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Pero. Piano delle regole RP.04 - Norme tecniche di attuazione Con le modifiche introdotte in sede di approvazione

Comune di Pero. Piano delle regole RP.04 - Norme tecniche di attuazione Con le modifiche introdotte in sede di approvazione Comune di Pero Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio 2011 Piano delle regole RP.04 - Norme tecniche di attuazione Con le modifiche introdotte in sede di approvazione 5 maggio 2011 aggiornamento

Dettagli

Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI 7. Art.1. CONTENUTO E FINALITA DEL PIANO DELLE REGOLE 8

Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI 7. Art.1. CONTENUTO E FINALITA DEL PIANO DELLE REGOLE 8 NORME DI ATTUAZIONE INDICE Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI 7 Art.1. CONTENUTO E FINALITA DEL PIANO DELLE REGOLE 8 Art. 2. COORDINAMENTO DEL PIANO DELLE REGOLE CON GLI ALTRI DOCUMENTI DEL PGT 9 Art. 3.

Dettagli

ATTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA

ATTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA ATTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA Certificati di destinazione urbanistica, previsti dall'art. 30 comma 3 del D.P.R. n. 380 del 6/06/2001 - per ogni mappale e fino a n. 5 mappali - da

Dettagli

COMUNE DI MONTEMIGNAIO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI MONTEMIGNAIO PROVINCIA DI AREZZO COMUNE DI MONTEMIGNAIO PROVINCIA DI AREZZO TABELLE PARAMETRICHE PER LA DETERMINAZIONE CONTRIBUTO PER ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA, SECONDARIA E COSTO DI COSTRUZIONE anno 2016 Legge Regionale 10.11.2014

Dettagli

COMUNE DI MELDOLA. Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE

COMUNE DI MELDOLA. Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE COMUNE DI MELDOLA Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE Approvato con delibera C.C. n. 36 del 3.5.99, rettificato con delibera C.C. n. 73 del 27.9.1999, integrato

Dettagli

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi.

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi. VARIANTE ALL ART.13 (zona omogenea D1-Insediamenti Produttivi), ART.14(zona omogenea D2-Insediamenti Produttivi), ART.16(zona omogenea F - Attrezzature Pubbliche di interesse Comprensoriale), ART.17(zona

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

BANDO DI ASTA PUBBLICA IMMOBILIARE N. 1/2013. LOTTO N. 11 Terreno in via Albrizzi Lido di Venezia. Direzione Patrimonio e Casa

BANDO DI ASTA PUBBLICA IMMOBILIARE N. 1/2013. LOTTO N. 11 Terreno in via Albrizzi Lido di Venezia. Direzione Patrimonio e Casa BANDO DI ASTA PUBBLICA IMMOBILIARE N. 1/2013 LOTTO N. 11 Terreno in via Albrizzi Lido di Venezia Direzione Patrimonio e Casa Agosto 2013 Lotto n. 11 1 Terreno in via Albrizzi - Lido UBICAZIONE: via Malamocco

Dettagli