ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ANTONIO ARDOLINO SCALE E SBALZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ANTONIO ARDOLINO SCALE E SBALZI"

Transcript

1 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ANTONIO ARDOLINO SCALE E SBALZI CALCOLO ED ESECUTIVI DI SBALZI D ANGOLO E SCALE A SOLETTA RAMPANTE

2 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le risposte degli autori a quesiti precedenti files di aggiornamento al testo e/o al programma allegato. L'indirizzo per accedere ai servizi è:

3 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI INDICE PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale Capitolo 1 Principi generali 1.1. Premessa... pag I materiali da costruzione...» Il conglomerato cementizio e i suoi componenti...» Il cemento...» L acqua...» I materiali lapidei...» Gli additivi...» Le caratteristiche dell impasto...» L acciaio...» La normativa di riferimento...» Estratto dal D.M. 9 gennaio » Estratto dal D.M. 14 settembre » Cenni sul metodo delle tensioni ammissibili...» Definizione degli stati limite...» Progetto della sezione rettangolare inflessa...» Esempio di calcolo...» Equazioni adimensionalizzate...» Esempio di calcolo...» Ancora sulla sezione rettangolare inflessa...» 45 Capitolo 2 Gli schemi di calcolo per i solai 2.1. Premessa...» L impalcato...» Schemi di calcolo...» Il concetto di fascia...» Le armature...» Casi particolari di solai...» Solai ad asse spezzato...» Sbalzi d angolo...» Sbalzo laterale...» 57 Capitolo 3 Il calcolo di uno sbalzo 3.1. Lo sbalzo d angolo...» Metodo delle tensioni ammissibili...» Metodo agli stati limite...» Metodo agli stati limite semplificato...» La trave di contrappeso...» Metodo delle tensioni ammissibili...» Metodo agli stati limite...» Lo sbalzo laterale...» Calcolo di fascia piena e semipiena nello sbalzo...» Calcolo armature nello sbalzo...» Calcolo travetti...» Travetti del solaio retrostante...» 72 Capitolo 4 Il calcolo di una scala a soletta rampante 4.1. Geometria e aspetti tecnologici della scala...» Classificazione delle scale...» Sfalsamento delle scale...» 78

4 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI 4.4. Tipologie tecniche...» Norme sulle scale...» Esempio di calcolo di una scala ad una rampa...» Analisi dei carichi...» Calcolo dei momenti massimi...» Calcolo delle armature (metodo delle equazioni adimensionalizzate)...» Calcolo delle armature (metodo semplificato)...» 90 PARTE SECONDA Il programma allegato Capitolo 1 Utilizzo del software 1.1. Generalità...» Installazione...» Attivazione del programma...» Il sistema di protezione...» Attivazione via Internet...» Istruzioni per la attivazione via Internet...» La chiave software...» Come collegare la chiave per la prima volta...» Come scollegare la chiave...» Come collegare una chiave scollegata...» Esempi riepilogativi sull utilizzo della chiave software...» Attivazione telefonica...» Assistenza tecnica...» Partenza del programma...» Menu principale...» Menu FILE...» Menu MODIFICA...» Menu SBALZO D ANGOLO...» Menu SCALA A SOLETTA RAMPANTE...» Menu RAMPA A SOLETTA RAMPANTE...» Menu TIPO DI AUTOCAD...» Possibili problemi con AutoCAD...» 101 Capitolo 2 Sbalzo d angolo 2.1. Prima pagina dati...» Seconda pagina dati...» Calcolo e definizione degli esecutivi...» 109 Capitolo 3 Scala a soletta rampante 3.1. Prima pagina dati...» Seconda pagina dati...» Calcolo e definizione degli esecutivi...» La singola rampa...» 122 Capitolo 4 Esempi pratici 4.1. Calcolo di uno sbalzo d angolo...» Calcolo di una scala a soletta rampante...» 128

5 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale

6 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI CAPITOLO 1 PRINCIPI GENERALI 1.1. PREMESSA In questo primo capitolo sono riportati i principi fondamentali sui quali si basa la teoria del cemento armato. Ampio spazio è dedicato alle caratteristiche dei materiali e al legame costitutivo acciaio calcestruzzo. Per comodità del lettore è stata riportata integralmente la normativa di riferimento relativa alle strutture in esame I MATERIALI DA COSTRUZIONE Il calcestruzzo cementizio armato è formato dall accoppiamento del calcestruzzo e dell acciaio. Il primo è un materiale che resiste bene a compressione, il secondo è un materiale resistente a trazione. Il successo di tale accoppiamento è dovuto ad alcune circostanze fondamentali: uguale coefficiente di dilatazione termica; aderenza tra i materiali; capacità che ha il calcestruzzo di proteggere l acciaio sia dal fuoco che dalla corrosione. Una caratteristica importante del conglomerato cementizio armato è la sua attitudine di essere plasmato in qualsiasi forma; quando è fresco, infatti, non ha forma propria e quando indurisce acquisisce la forma della geometria della cassaforma Il conglomerato cementizio e i suoi componenti Il calcestruzzo è costituito da cemento + materiale lapideo + acqua. Un normale conglomerato è composto per ogni metro cubo di impasto da 300 kg di cemento, 0,400 mc di sabbia, 0,800 mc di ghiaia o pietrisco, litri di acqua. Aumentando il quantitativo di cemento e di sabbia rispetto alla ghiaia si ottengono calcestruzzi grassi che sono utilizzati per strutture particolari come archi e travate di ponti, capriate, travature reticolari, tubi, ecc., questi, per ogni m 3 di impasto contengono kg di cemento, 0,450-0,500 mc di sabbia, 0,750-0,700 mc di ghiaia, litri di acqua. Riducendo, invece, dall impasto normale la quantità di cemento a kg si ottengono i calcestruzzi magri utilizzati per le fondazioni, i muri, i blocchi.

7 PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Il cemento La scoperta del cemento è avvenuta tra i secoli XVIII e XIX, ma la sua diffusione si è avuta nella seconda metà dell 800 a seguito di una lunga sperimentazione che ha portato alla produzione di un legante idraulico con caratteristiche uguali a quelle di una pietra calcarea esistente nelle isole Portland in Gran Bretagna. Proprio da queste isole ha preso il nome il cemento portland che è il più diffuso dei leganti idraulici. Il cemento si ottiene principalmente da materiali quali calcare ed argilla, estratti dalle cave, e successivamente trasformati in un prodotto chiamato clinker, il quale, combinato con altri componenti, dà luogo a vari tipi di cemento. Il clinker può essere naturale od artificiale. Il primo si ottiene da materiali (marne) che già contengono i componenti necessari; il secondo si ottiene da miscele preparate artificialmente. Per ottenere il clinker si prepara prima la miscela cruda mediante frantumazione, miscelazione, omogeneizzazione. La seconda fase consiste nella cottura della miscela, fino ad una temperatura di circa 1450 C, generalmente effettuata in grandi forni a rotazione. Il cemento si ottiene con la miscelazione, in proporzioni prestabilite, del clinker raffreddato e degli altri componenti a secondo del tipo di prodotto finale. Questa miscela viene, infine, macinata fino ad ottenere una polvere finissima ed omogenea. Nel corso degli anni si è avuto un notevole aumento dei cementi prodotti. Il più diffuso nel mondo rimane il cemento portland ottenuto dalla macinazione di clinker con opportune aggiunte di gesso o anidrite. Il Italia è molto diffuso il cemento pozzolanico anche a causa della larga disponibilità del materiale di base con cui è ottenuto, la pozzolana, che è di origine vulcanica. Il cemento d altoforno è ottenuto dalla macinazione di clinker con scorie d altoforno granulate; il cemento alluminoso è ottenuto dalla macinazione di clinker di calcare e bauxite. Molto importanti sono i cementi speciali il cui impiego è dovuto a particolari necessità, e possono essere prodotti anche su commissione: cementi bianchi, ferrici, ferrici pozzolanici, per sbarramenti di ritenuta, per pozzi petroliferi. Il contatto tra cemento ed acqua provoca una reazione di idratazione che fa entrare in combinazione i due materiali che formano una massa solida che lega i materiali lapidei. La reazione di idratazione si esplica in due fasi: presa ed indurimento. La presa è dovuta ad una rapida idratazione di alcuni componenti, mentre l indurimento si deve ad una più lenta idratazione del silicato bicalcico ed alla formazione di idrosilicati gelatinosi, che avvolgono i granuli di cemento, rendendo più lenta l idratazione in profondità. La presa dura alcune ore, mentre l indurimento si protrae, è rapido nei primi 28 giorni e più lento nel successivo tempo. Dopo 7 giorni si raggiungono i tre quarti della resistenza a compressione che il cemento ha dopo 28 giorni. Durante la presa e l indurimento si ha un notevole sviluppo di calore ed una riduzione del volume (ritiro). I cementi più usati si dividono in: tipo normale e tipo ad alta resistenza. Il primo ha una resistenza minima a 28 giorni di 325 kg ed è il più diffuso; il secondo ha una resistenza minima a 28 giorni di 425 kg (o 525 kg se è anche a rapido indurimento) 10

8 CAPITOLO 1 Principi generali ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI e ha il vantaggio del risparmio di tempo nella esecuzione dei lavori in cantiere. In definitiva, i cementi normalizzati prodotti in Italia sono i seguenti: di tipo A (portland, altoforno e pozzolanico); di tipo B (alluminoso); di tipo C (cementi per sbarramenti di ritenuta). Per le opere di normali caratteristiche sono da preferire i cementi 325, ma comunque ragioni particolari possono portare all uso degli altri. Ad esempio, nel caso si richieda elevata resistenza meccanica a tempi brevi è preferibile l uso dei cementi alluminosi, che vanno usati sempre con maestranze specializzate. Per le opere in c.a.p. in genere si impiegano i cementi ad alta resistenza e quando la pretensione delle armature avviene in tempi brevi è preferibile il cemento 525 ad alta resistenza e rapido indurimento. Per i manufatti prefabbricati vanno bene i cementi di tipo A. Per le opere in ambiente aggressivo si usano i cementi d alto forno e pozzolanici di tipo 325 (capaci di fissare in composti stabili la calce che si libera durante la presa) perché è necessario che nel calcestruzzo indurito non sia presente calce libera. Per le strutture a faccia-vista si preferiscono i cementi bianchi. In caso di strutture massicce si utilizzano i cementi di Tipo C anche se sono a minore resistenza. Infatti, in tali opere il calore d idratazione viene disperso all esterno molto lentamente, con accelerazione dell indurimento del cemento che provoca fessurazione. Il dosaggio di cemento è funzione delle modalità di posa in opera, dell assortimento granulometrico, della forma e dimensione dei getti, della qualità del cemento impiegato e della resistenza a compressione richiesta per il calcestruzzo. Alti dosaggi migliorano la lavorabilità del conglomerato in quanto il cemento favorisce la plasticità e migliora la fluidità. Dosaggi troppo elevati, però, portano ad un eccessivo ritiro del calcestruzzo, soprattutto quando è alto il rapporto acqua/cemento L acqua L acqua per gli impasti deve essere limpida, priva di sali (particolarmente solfati e cloruri) in percentuali dannose e non essere aggressiva. In genere l acqua potabile è sempre idonea per confezionare il calcestruzzo, ad eccezione delle acque sulfuree che, anche se sono potabili, hanno un elevato contenuto di sali. I solfati ed i cloruri, se sono presenti nell acqua in misura superiore allo 0,5 1,0%, provocano una riduzione della resistenza meccanica. L acqua di mare può essere utilizzata ma comporta un abbassamento della resistenza meccanica, non può essere adoperata per il cemento armato precompresso. L acqua di impasto si divide in acqua di presa, acqua di bagnatura e acqua di lavorabilità. L acqua di presa è la quantità d acqua necessaria per le reazioni di presa e di indurimento del cemento ed è funzione della qualità e del dosaggio di cemento impiegato. 11

9 PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Si può scrivere: A p = a p. C dove a p è l acqua di presa unitaria in l/kg, mentre C è il dosaggio di cemento in kg/m 3. In genere l acqua di presa unitaria varia, in funzione della qualità del cemento, da 0,23 a 0,33 litri per ogni chilogrammo di cemento. L acqua di bagnatura serve a bagnare gli inerti. La quantità d acqua necessaria per l impasto è tanto maggiore quanto più sono fini i grani dell inerte, ed è direttamente proporzionale alla quantità di inerte. Infatti, aumentando la quantità di inerte o diminuendo i diametri dei granuli aumenta la superficie di inerte e quindi l acqua di bagnatura. Per l inerte fino l acqua di bagnatura unitaria si può calcolare con il metodo della parabola: si pesa un chilogrammo di inerte fino e si versa su di essa una piccola quantità d acqua, rimescolando il tutto. Si riempie un recipiente col miscuglio e si pesa. Si svuota il recipiente e si aggiunge la stessa piccola quantità d acqua messa in precedenza. E così via sempre la stessa operazione mettendo ogni volta la stessa piccola quantità d acqua. Man mano i pesi del miscuglio andranno diminuendo fino a raggiungere un minimo, dopodiché aumenteranno. L acqua corrispondente al peso minimo è l acqua di bagnatura unitaria. Per l inerte grosso si usa un metodo diverso: si riempie un recipiente di inerte e si pesa; si versa poi acqua nel recipiente fino al suo riempimento. Svuotato il recipiente si fa scolare l inerte e lo si pesa ancora bagnato. A questo peso si sottrae il peso dell inerte iniziale (senza bagnatura) e il risultato ottenuto si divide ancora per il peso iniziale di inerte, ottenendo l acqua di bagnatura unitaria. L acqua di lavorabilità riduce l attrito tra i materiali migliorando la fluidità e la lavorabilità I materiali lapidei I materiali lapidei o inerti sono lo scheletro portante del conglomerato. Essi si classificano in naturali ed artificiali. Gli inerti naturali sono quelli che derivano da fiumi, depositi fluviali, alluvionali, depositi di materiale sciolto. Quelli artificiali provengono dalla frantumazione di rocce. Gli inerti naturali hanno una superficie liscia ed arrotondata. Quelli artificiali hanno superficie rugosa ed a spigoli vivi. Altra classificazione può essere data dalla dimensione. Gli inerti con dimensione inferiore a 7 mm sono gli inerti fini e si chiamano sabbie; quelli di dimensioni maggiori di 7 mm sono gli inerti grossi e si chiamano ghiaie e pietrischi a seconda che si tratti di roccia sciolta o di roccia lapidea frantumata. Le sabbie naturali, a seconda della roccia da cui provengono, si distinguono in silicee, quarzose, granitiche, calcaree, gessose. Le più usate sono quelle silicee e vive (lavate cioè da materiali terrosi, prive di calcari teneri e con una percentuale di argilla che non superi il 10%) e preferibilmente di cava o di fiume. È da evitare la sabbia di mare perché contiene salsedine. 12

10 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI PARTE SECONDA Il programma allegato

11 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI CAPITOLO 2 SBALZO D ANGOLO 2.1. PRIMA PAGINA DATI Uno sbalzo d angolo, nella sua schematizzazione di calcolo, può risultare come mensola incastrata nel pilastro oppure può essere ancorato nel solaio retrostante (vedere il paragrafo della parte prima del testo). Qui è stato considerato solo il caso di ancoraggio nel solaio retrostante tramite una trave di contrappeso, schema che comporta minori problemi sul pilastro. Per lanciare la sezione dello sbalzo basta scegliere INSERIMENTO DATIdal menu SBALZO D ANGOLO, oppure cliccando sul relativo pulsante situato nella barra degli strumenti. Si apriranno le finestre per l input dati in cui occorre inserire i valori necessari a caratterizzare lo sbalzo che vogliamo calcolare e disegnare. L inserimento dei dati avviene in maniera molto semplice ed intuitiva. Per maggiore facilità, oltre che la barra di stato, è stata prevista la presenza di un piccolo riquadro in cui appariranno i necessari suggerimenti per l inserimento dei valori nelle varie caselle che compongono la finestra. Nella prima pagina bisogna inserire le caratteristiche dei materiali utilizzati e i dati geometrici dello sbalzo. Si può, ma non è obbligatorio, descrivere il problema nella casella OGGETTO, descrizione che sarà riportata nella relazione finale, ma che non serve al calcolo. È obbligatorio, invece, ma solo ai fini del disegno, indicare la scala con cui quest ultimo sarà portato su carta. In genere, per avere una più chiara e precisa rappresentazione dell esecutivo, si preferisce utilizzare la scala 1:20, già memorizzata nella casella corrispondente. L utente può comunque utilizzare la scala che più preferisce, tenendo, però, presente che più la scala diminuisce (1:50, 1:100, ecc.) più le scritte aumenteranno di dimensione e potranno sovrapporsi tra loro o con delle linee. Le caratteristiche dei materiali sono indicate dalla resistenza caratteristica cubica del calcestruzzo che, in genere, per i casi più utilizzati, vale 250 oppure 300 kg/cmq, dalla tensione ammissibile dell acciaio (il più usato è 2200 kg/cmq) e dal coefficiente di omogeneizzazione n che viene posto sempre pari a 15 (solo tensioni ammissibili). Le resistenze caratteristiche variano a seconda che si utilizzi la verifica alle tensioni ammissibili oppure quella agli stati limite. Nel secondo caso le resistenze indicate verranno divise, dal programma, per un coefficiente e diventeranno resistenze di calcolo, con cui si confronteranno le azioni di calcolo ottenute moltiplicando le azioni agenti sulla struttura per un coefficiente di amplificazione.

12 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Figura 2.1. Indicazione delle dimensioni dello sbalzo Solo se si sceglie la verifica agli stati limite sarà possibile inserire i valori di questi coefficienti (uno di riduzione per il calcestruzzo, uno di riduzione per l acciaio e due di amplificazione dei carichi). In caso di verifica alle tensioni ammissibili le caselle dei coefficienti saranno disabilitate. I dati geometrici riguardano principalmente le lunghezze dello sbalzo, sia dalla parte dello sbalzo di prosecuzione che dalla parte dello sbalzo laterale. Non è 104

13 ABSTRACT CAPITOLO 2 TRATTO Sbalzo d angolo DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI accettato un valore minore di 50 cm. Occorre, poi, inserire le dimensioni della sezione del pilastro e indicare la direzione dei travetti del solaio inserendo le lettere V oppure O a seconda che il verso sia verticale o orizzontale (figura 2.1). In figura 2.2 è visualizzato il caso in cui la direzione dei travetti è verticale. Indicare poi le larghezze delle due travi che confluiscono nel pilastro, ed infine gli scostamenti tra i centri delle travi e dei pilastri. Questi ultimi servono per l allineamento tra travi e pilastro. Cambiando il loro valore si sposta la trave fino alla posizione voluta. In ogni momento si possono controllare gli effetti dei dati inseriti osservando il disegno. I campi della prima finestra di dati sono: Figura 2.2 Prima pagina sessione sbalzi OGGETTO Indicare, in questo campo, una descrizione del calcolo che si va ad effettuare. Quanto riportato in questo campo viene copiato semplicemente nella relazione di calcolo finale. Ad esempio si può scrivere qualcosa che indichi la posizione dello sbalzo: Sbalzo n. 1 del piano primo. SCALA DEL DISEGNO Indicare in che scala si stamperà il disegno finale. Inserire 20 per la scala 1:20; 50 per la scala 1:50, ecc. Il valore di default è 20, che è la scala più adatta per questo tipo di particolari. Il valore di questo campo agirà esclusivamente sulla dimensione dei caratteri e dei numeri del disegno. Le linee saranno disegnate sempre con la scala: 1 unità video = 1 m. 105

14 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI RESISTENZA R CK Inserire il valore della resistenza caratteristica cubica del DEL CALCESTRUZZO calcestruzzo. I valori consigliati variano da 150 a 500 kg/cmq, ma quelli utilizzati frequentemente sono Da questo valore il programma calcolerà la tensione di rottura di calcolo f c. TENSIONE AMMISSIBILE Il valore da inserire in questo campo dipende dal tipo di DEL FERRI verifica che si va a fare. Per le tensioni ammissibili occorre indicare la tensione ammissibile del ferro in kg/cmq. Per le usuali armature potremo avere: Per gli stati limite occorre indicare la tensione caratteristica di snervamento che potrà essere: AMPLIF.CARICHI COEFF. PER CLS COEFF. ACCIAIO LUNGH. SBALZO L1 LUNGH. SBALZO L2 BASE PILASTRO ALTEZZA PILASTRO Composto da due campi. Nel primo bisogna indicare il coefficiente amplificativo dei carichi γ g (peso proprio + permanenti); l EC2 lo pone pari a 1.4. Nel secondo indicare il coefficiente amplificativo γ q (accidentali); l EC2 lo pone pari a 1,5. I due campi saranno disabilitati se è selezionato il metodo delle tensioni ammissibili. Indicare il coefficiente riduttivo per il calcestruzzo γ c. La normativa attuale fornisce 1.5 per il cemento armato precompresso ed 1,6 per il cemento armato e il cemento armato parzialmente compresso. Il campo sarà disabilitato se è selezionato il metodo delle tensioni ammissibili. Indicare il coefficiente riduttivo per l acciaio γ a. La normativa attuale fornisce 1,15. Il campo sarà disabilitato se è selezionato il metodo delle tensioni ammissibili. Inserire in centimetri la lunghezza dello sbalzo indicato come L1 nella figura. Non saranno accettati valori minori di 50 cm. Inserire in centimetri la lunghezza dello sbalzo indicato come L2 nella figura. Non saranno accettati valori minori di 50 cm. Indicare in centimetri la dimensione orizzontale di figura della sezione del pilastro. Indicare in centimetri la dimensione verticale di figura della sezione del pilastro. 106

15 CAPITOLO 2 Sbalzo d angolo ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ORDITURA SOLAIO In questo campo sono ammesse solo due lettere. Inserire la lettera O se l orditura del solaio è orizzontale rispetto al disegno visualizzato. Inserire la lettera V se è verticale. LARGHEZZA TRAVE T1 Indicare in centimetri la larghezza T1 della trave verticale del disegno. LARGHEZZA TRAVE T2 Indicare in centimetri la larghezza T2 della trave orizzontale del disegno. SCOSTAMENTI Indicare in centimetri le distanze tra i centri delle travi e dei pilastri. Questi valori servono a posizionare bene le travi rispetto al pilastro. Verificarne l esattezza guardando il disegno SECONDA PAGINA DATI La seconda pagina riguarda l analisi dei carichi che gravano sulla struttura. Buona parte dei dati è già assegnata per default e riguarda il peso specifico e lo spessore dei materiali che normalmente si utilizzano in uno sbalzo, quali il pavimento, il massetto e l intonaco. Rimane da inserire solamente lo spessore dello sbalzo che, in genere, è di circa 4 cm più piccolo dello spessore del solaio (il solaio, a sua volta, varia con la luce, così come da normativa), e lo spessore della soletta collaborante che è di circa 4-5 cm. ALTEZZA DELLO SBALZO SPESSORE SOLETTA PESI SPECIFICI SPESSORI Indica in centimetri l altezza complessiva dello sbalzo. In genere l altezza dello sbalzo è 4 cm più bassa di quella del solaio retrostante. Modificando il valore si aggiorna automaticamente il carico fisso sullo sbalzo mostrato nel riquadro a destra. Indica lo spessore della soletta dello sbalzo. Questa dimensione è utile per l analisi dei carichi sullo sbalzo laterale, visto che il programma considera lo sbalzo d angolo come zona tutta piena di calcestruzzo, senza alleggerimenti con laterizi. Nelle caselle dei pesi specifici sono già indicati i valori tipici per i materiali che completano lo sbalzo, quali intonaco, pavimento, massetto. Anche le caselle degli spessori dei predetti materiali contengono già dei valori prestabiliti. Modificando tutti questi 107

16 ABSTRACT TRATTO DA PARTE SECONDA - TUTTI I Il DIRITTI programma RISERVATI allegato valori nei modi opportuni si potrà raggiungere qualsiasi valore del carico che possa servire. CARICO ACCIDENTALE Indica il valore del carico accidentale dello sbalzo. È stabilito dalla normativa in base alla destinazione d uso dell edificio. Per gli usuali edifici per civile abitazione va posto pari a 400 kg/mq. Figura 2.3 Seconda pagina sessione sbalzi Anche i dati del solaio servono per definire i carichi necessari al calcolo. In un normale solaio si è soliti utilizzare, in un metro, due travetti da 10 cm e due laterizi di 40 cm. Se la casella dello spessore del solaio è vuota, nel momento in cui si inserisce lo spessore dello sbalzo sarà calcolato automaticamente anche quello del solaio pari a 4 cm più grande. Nel riquadro DATI DEL SOLAIO si hanno i seguenti campi, riferiti ad un metro di solaio. ALTEZZA SOLAIO SPESSORE SOLETTA Questo campo sarà definito in automatico quando si indica l altezza dello sbalzo. Comunque è sempre possibile modificarne il valore per adeguare i carichi alla situazione reale. Indicare lo spessore della soletta collaborante presente nel solaio. In genere è pari a 4-5 cm. NUMERO TRAVETTI In genere in un solaio classico il numero dei travetti è 2 ciascuno con larghezza di 10 cm. L analisi può essere 108

17 CAPITOLO 2 Sbalzo d angolo ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI effettuata anche per solai diversi da quelli usuali. Ad esempio per un solaio pieno si ha un numero di travetti uguale ad 1 ed una larghezza del travetto uguale a 100 cm. SPESSORE TRAVETTI In genere in un solaio classico il numero dei travetti è 2 ciascuno con larghezza di 10 cm. L analisi può essere effettuata anche per solai diversi da quelli usuali. Ad esempio per un solaio pieno si ha un numero di travetti uguale ad 1 ed una larghezza del travetto uguale a 100 cm. INCIDENZA TRAMEZZI In genere, per tener conto del peso dei tramezzi si considera un carico di 100 kg/mq spalmato sul solaio. CARICO ACCIDENTALE Il carico accidentale sul solaio è dato dalla normativa in funzione della destinazione d uso dell edificio CALCOLO E DEFINIZIONE DEGLI ESECUTIVI Una volta inseriti tutti i dati fondamentali, si può passare al calcolo con l apposito comando CALCOLO del menu SBALZO D ANGOLO. Sarà visualizzata una finestra con l indicazione dell armatura calcolata per lo sbalzo d angolo, per la trave di contrappeso e per lo sbalzo laterale. È possibile cambiare l armatura calcolata in automatico scegliendo dei tondini che più si preferisce utilizzare. Nel riquadro ARMATURA DELLO SBALZO D ANGOLO si hanno i campi di seguito indicati. NUMERO FERRI DI DIAMETRO Nel campo è indicato il numero di tondini calcolato in automatico dal programma. Inserire un diverso valore nel caso si voglia cambiare l armatura calcolata. Per rendere effettivo il cambio del numero dei ferri eseguire [INVIO] per memorizzare il nuovo valore. Indica il diametro dei ferri; è possibile inserire un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Nel riquadro ARMATURA SULLA TRAVE DI CONTRAPPESO si hanno i campi di seguito indicati. LARGHEZZA Indica la larghezza della trave di contrappeso; nel caso che si preferisca una trave più larga di quella calcolata basta cambiare il valore in questo campo ed eseguire [INVIO] per memorizzarlo e renderlo effettivo. 109

18 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ARMATURA SUP. N. FERRI DI DIAMETRO ARMATURA INF. N. FERRI DI DIAMETRO Indica il numero di tondini che formano l armatura. È possibile indicare un diverso numero di tondini superiori per la trave di contrappeso. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo. È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Indica il numero di tondini che formano l armatura inferiore. È possibile indicare un diverso numero di tondini inferiori per la trave di contrappeso. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo. È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Nel riquadro ARMATURA SULLO SBALZO LATERALE si hanno i campi di seguito indicati ARMATURA NUMERO Indica il numero di tondini che formano l armatura dello sbalzo laterale. Eventualmente è possibile indicare un diverso numero di tondini tenendo presente la larghezza del travetto. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo. FERRI DI DIAMETRO FASCIA PIENA FASCIA SEMIPIENA Indica il diametro dei ferri. È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Indica la larghezza della fascia piena. Eventualmente cambiare il valore della fascia piena indicata in questo campo. Eseguire [INVIO] per memorizzare. Indica la larghezza della fascia semipiena. Eventualmente cambiare il valore indicato in questo campo. Eseguire [INVIO] per memorizzare. Dopo il controllo delle armature il successivo passo è quello di creare il disegno esecutivo e la relazione di calcolo. Per ottenere ciò bisogna ricorrere ai comandi del menu ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA. Con il primo comando sarà visualizzata la finestra di dialogo per l inserimento del nome del file e sarà creato il file dxf del disegno esecutivo formato da una 110

19 CAPITOLO 2 Sbalzo d angolo ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Figura 2.4 Pagina correzione armature sbalzi carpenteria della zona dello sbalzo d angolo e dai particolari di tre sezioni con relativa distinta ferri: una sezione sullo sbalzo d angolo; una sezione sulla trave di contrappeso; una sezione sullo sbalzo laterale. I colori utilizzati nel disegno sono tre: il rosso per le linee più sottili (generalmente pennino 0,25); il verde per le linee intermedie (generalmente pennino 0,35); il nero per le linee doppie (generalmente pennino 0,50). Comunque, ogni particolare del disegno è posto in layer (piani) differenti, in modo che il suo colore può essere modificabile facilmente cambiando il colore del layer corrispondente. I layer creati dal programma sono i seguenti: LIN-EST per le linee esterne delle sezioni; LATERIZI che contiene le linee dei laterizi; FERRI che contiene i disegni dei ferri; RIPART per la rete di ripartizione; TRATPUNT per le linee tratto-punto; TESTO1 per le scritte più grandi; DIMENS per le linee di dimensione; TESTO2 per le scritte del tipo di ferro; TESTO3 per le dimensioni dei ferri; DESCRIZ per le indicazioni. Selezionando il comando RELAZIONE TECNICA, si aprirà una finestra con la relazione creata dal programma. È possibile modificarla e stamparla. Volendo usare un word processor più completo si può salvare la relazione in un file e riprenderla con qualche altro elaboratore testi. È conveniente salvare le modifiche effettuate in un file anche quando si ritorna alle schermate precedenti, in quanto ogni volta che si eseguirà il comando RELA- 111

20 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ZIONE TECNICA ci sarà una nuova elaborazione e saranno perse le modifiche effettuate in precedenza. Una volta creati il disegno e la relazione il lavoro è concluso. A questo punto si possono salvare i dati inseriti, si può tornare alle pagine di inserimento dati oppure si può chiudere il programma. Se dalla finestra INDICAZIONE E CORREZIONE DELLE ARMATURE si ritorna a quelle di inserimento dati e si cambiano alcuni valori i comandi ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA saranno di nuovo disabilitati. Per abilitarli nuovamente sarà necessario rieffettuare il calcolo. 112

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

SCHELETRO PORTANTE. - non fornisce alcun contributo al raggiungimento del comfort

SCHELETRO PORTANTE. - non fornisce alcun contributo al raggiungimento del comfort SCHELETRO PORTANTE SCHELETRO PORTANTE E.F. indispensabile per oggetti edilizi realizzati con il procedimento costruttivo a gabbia, in cui il sistema statico verticale è costituito da elementi puntuali

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

MIX DESIGN. b) Esigenze esecutive (lavorabilità, organizzazione del cantiere, modalità di getto, ecc;

MIX DESIGN. b) Esigenze esecutive (lavorabilità, organizzazione del cantiere, modalità di getto, ecc; MIX DESIGN PROCEDIMENTO PER IL CALCOLO DELLA COMPOSIZIONE DEL CLS IN TERMINI DI QUANTITA DI CEMENTO, DI ACQUA, E DI INERTI (SABBIA, GHIAIA, GHIAINO, ETC) PER m 3 CI CLS, A PARTIRE DA: a) Proprietà ingegneristiche

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

resistente si sono sempre differenziati dagli altri per La proprietà di indurire rapidamente

resistente si sono sempre differenziati dagli altri per La proprietà di indurire rapidamente SPECIALEMATERIALI A CURA DELLA REDAZIONE Il materiale resistente per antonomasia La proprietà di indurire rapidamente anche nell acqua è la principale caratteristica che contraddistingue i materiali cementizi

Dettagli

Processo edilizio e computo metrico estimativo

Processo edilizio e computo metrico estimativo Processo edilizio e computo metrico estimativo Seminario 11.V.06 A cura di arch. Federica Mottinelli Il Computo metrico estimativo Il Cme è il procedimento analitico per la stima del costo di costruzione

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R Giusto CEM II/B-LL 32,5 R CEMENTO PER APPLICAZIONI STRUTTURALI Come si utilizza Giusto è un prodotto che si consiglia per la confezione di calcestruzzi con resistenza caratteristica inferiore a 30 C25/30

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA

PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE Corso di Progetto di Strutture PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA

Dettagli

PROGETTO DI ELEMENTI STRUTTURALI IN CEMENTO ARMATO

PROGETTO DI ELEMENTI STRUTTURALI IN CEMENTO ARMATO Aurelio Ghersi, Lucio Blandini PROGETTO DI ELEMENTI STRUTTURALI IN CEMENTO ARMATO SECONDO LE INDICAZIONI DELLA NORMATIVA EUROPEA (EUROCODICE 2) 2 a edizione Marzo 2002 Indice Indice...3 Introduzione...7

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m.

COMUNITA' MONTANA DELL'ALTO CHIASCIO VIA G. MATTEOTTI 17 06024 GUBBIO (PG) 12/04/2011 ELENCO PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. 2.1.30.1 Scavi fino alla profondità di m 1,50. ( Euro novevirgolanovanta ) 2.3.40.1 Con l uso di mezzo meccanico. ( Euro settantaquattrovirgolazerozero ) mc 9,90 mc 74,00 2.6.70.1 ( Euro dodicivirgolasessanta

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO D.P.R. n 380/01 s.m.i. art. 67 Lavori: Costruzione Progettista architettonico: con

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 398 Analisi E.04.10.10.a Solaio misto di cemento armato e laterizio gettato in opera, per strutture piane, con calcestruzzo non inferiore a Rck 30 N/mm², costituito da pignatte interposte fra nervature

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera La corretta esecuzione dei solai in laterizio Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera 2Indice La corretta esecuzione dei solai in laterizio Indice Premessa pag. 3 I blocchi in laterizio

Dettagli

Indice. Introduzione 3. Qualità prestazionali 4. Gamma cromatica 5. Blocco faccia a vista Modulo 50 6-7. Blocco faccia a vista Modulo 40 8

Indice. Introduzione 3. Qualità prestazionali 4. Gamma cromatica 5. Blocco faccia a vista Modulo 50 6-7. Blocco faccia a vista Modulo 40 8 Murature Tecniche Indice Introduzione 3 Qualità prestazionali 4 Idrorepellenza e traspirabilità Resistenza al fuoco Gamma cromatica 5 Blocco faccia a vista Modulo 50 6-7 Blocco faccia a vista Modulo 40

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

COSTRUZIONI E DISSESTI STATICI

COSTRUZIONI E DISSESTI STATICI Ministero dell Interno Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco COSTRUZIONI E DISSESTI STATICI Servizio Tecnico Centrale ISPETTORATO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSI MULTIMEDIALI COSTRUZIONI E DISSESTI

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO

COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Come si sceglie il calcestruzzo INDICE 2 COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO 2.2 2.4 2.6 CLASSE DI RESISTENZA RAPPORTO ACQUA/CEMENTO DIMENSIONE MASSIMA CLASSE NOMINALE

Dettagli

Macroscopicamente la ex sede del Municipio di Gargnano si presenta come un edificio di pianta pressoché quadrata di lato 13m articolato come segue:

Macroscopicamente la ex sede del Municipio di Gargnano si presenta come un edificio di pianta pressoché quadrata di lato 13m articolato come segue: Relazione tecnica redatta in conformità a quanto previsto dall ordinanza n 36 del 2/03/2005 Allegato C - PROCEDURE E MODALITA TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PER IL RIPRISTINO

Dettagli

La muratura armata in blocchi Alveolater 18

La muratura armata in blocchi Alveolater 18 Indice La muratura armata 2 Premessa 2 Che cos è la muratura armata 3 Perché la muratura armata 4 Gli edifici in muratura in zona sismica 4 Le strutture devono resistere a terremoti di qualsiasi intensità

Dettagli

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto, in alternativa ai sistemi tradizionali, alla realizzazione di vespai

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

https://bioslab.unile.it/courses.html

https://bioslab.unile.it/courses.html https://bioslab.unile.it/courses.html dal Brisi-Borlera (pg. 172-267) LEGANTI: Conglomerati Cementizi CONGLOMERATI CEMENTIZI LEGANTI: Conglomerati Cementizi CALCESTRUZZO (CLS) ARMATO L unione di questi

Dettagli

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA Comune di Noto Provincia di Siracusa PROGETTO ESECUTIVO DEI LOCULI ZONA AREA LIBERA CIMITERO INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA Art. 39 D.P.R. 207/10 INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA N.R. ARTICOLO

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

MANUALE OPERATIVO BLUMATICAD PROJECT

MANUALE OPERATIVO BLUMATICAD PROJECT INDICE DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE... 2 FUNZIONI DI EASY 2D... 3 MURATURE E TRAMEZZI... 4 MURI ESTERNI PERIMETRALI... 4 DIVISORI INTERNI... 6 CREAZIONE AMBIENTI... 8 INFISSI INTERNI ED ESTERNI... 12

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti A - Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti 1 01.A18.A25 Carpenteria varia per piccoli

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

www.didatticaonline.altervista.org RELAZIONE DI CALCOLO DI UNA SCALA IN C.C.A. CON TRAVI A GINOCCHIO

www.didatticaonline.altervista.org RELAZIONE DI CALCOLO DI UNA SCALA IN C.C.A. CON TRAVI A GINOCCHIO RELAZIONE DI CALCOLO DI UNA SCALA IN C.C.A. CON TRAVI A GINOCCHIO La scala oggetto della presente relazione è stata calcolata tenendo conto delle norme vigenti (D.. 9 Gennaio 1996, D.. 16 Gennaio 1996).

Dettagli

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it LINEA STUCCATUTTO visita il sito dedicato www.stuccatutto.it 28 Stucco in Pasta Stucco in Pasta per Interni, pronto all uso STUCCO LINEA STUCCATUTTO Prodotto pronto all uso, di facile applicazione con

Dettagli

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Secondo la Normativa sismica (OPCM) n. 3274 del 20/03/2003 Franco Iacobelli Ecco uno strumento operativo per la progettazione e il calcolo

Dettagli

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 Le scale Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

POZZETTI PER ALLOGGIAMENTO CAVI IN FIBRA OTTICA PER TELECOMUNICAZIONI. dimensioni interne cm 90 x 70

POZZETTI PER ALLOGGIAMENTO CAVI IN FIBRA OTTICA PER TELECOMUNICAZIONI. dimensioni interne cm 90 x 70 Telecomunicazioni POZZETTI PER ALLOGGIAMENTO CAVI IN FIBRA OTTICA PER TELECOMUNICAZIONI dimensioni interne cm 90 x 70 Modello depositato con Autorizzazione Ministeriale Pozzetto prefabbricato in calcestruzzo

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

La corretta esecuzione delle murature in laterizio

La corretta esecuzione delle murature in laterizio La corretta esecuzione delle murature in laterizio Tipologie di murature Le murature si dividono in tre principali categorie: - murature portanti o strutturali - murature non portanti o di tamponamento

Dettagli

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I . Pagina 20 B.03.004 Pali trivellati di grande diametro eseguiti con fusto in calcestruzzo armato Rck 30, compresa la formazione del foro, l'onere della posa della gabbia metallica e gli eventuali sovraspessori

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA FERRACIN SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA VESPAIO SVELTO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto per realizzare vespai, intercapedini e pavimenti aerati in ogni tipo di costruzione nuova

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario VERIFICHE LOCALI DEI PANNELLI MURARI Messina,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

Una unione del ferro e del conglomerato cementizio tale che i. esercitino una azione comune contro le forze esterne

Una unione del ferro e del conglomerato cementizio tale che i. esercitino una azione comune contro le forze esterne Hennebique brevetta "CEMENTO ARMATO" (1892) avvia la stagione della struttura in conglomerato armato che Morsch, a cavallo del secolo, definirà come "materiale in cui ai due componenti (il calcestruzzo

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

b. Discontinue o isolate zattere

b. Discontinue o isolate zattere Ordinarie o continue a.continue travi rovesce platee FONDAZIONI DIRETTE SUPERFICIALI plinti b. Discontinue o isolate zattere a.1 CONTINUE Quando il carico da trasmettere al terreno non è elevato e la struttura

Dettagli

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1.

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1. 1. CONSOLIDAMENTO VOLTE 1.01 SE.01 Svuotamento di volte mq. 187,49 1.02 SE.02 Consolidamento di volte mq. 187,49 1.03 SD.06 Soletta in cls armata per solai mq. 187,49 CAPITOLO 1. 124/09 3.S.CM (ADS) PAGINA

Dettagli

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara)

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) RELAZIONE TECNICA STUDIO TECNICO MP MATTEO FELITTI Architetto Strutturista (Scuola F.lli Pesenti) e Tecnologo del

Dettagli

INDICE. Un cls di qualità 1/6

INDICE. Un cls di qualità 1/6 INDICE,OFDOFHVWUX]]RIUHVFR 7UDVSRUWR /DYRUDELOLWj 0HVVDLQRSHUDSHUYLEUD]LRQH 6HJUHJD]LRQHHFRHVLRQH %OHHGLQJ GHOFOV 3RPSDJJLRGHOFOV 0L['HVLJQRSURSRU]LRQDPHQWR GHO FDOFHVWUX]]R 1 Un cls di qualità 1/6 I fenomeni

Dettagli

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO Deposito: c/da Malapezza - 98042 Pace Del Mela (ME) Tel. 090. 9385533 Fax 090. 9383307 e-mail: info@currolaterizi.it sito web: www.currolaterizi.it

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 306 Analisi R.04.10.10.a Sostituzione di travi di grossa orditura per solaio in legno incluse le opere di raccordo con l'orditura esistente per dare il lavoro finito a regola d'arte, esclusa rimozione:

Dettagli

ANALISI DEI COSTI. Comune di Ancona. Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale. Lavori di: Impresa Bianchi Costruzioni.

ANALISI DEI COSTI. Comune di Ancona. Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale. Lavori di: Impresa Bianchi Costruzioni. Esempio Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni ANALISI DEI COSTI Ancona, 04/11/2011 Codice voce: 01.20.001/001 U.M.:

Dettagli

PARZ. Q.TA' PREZZO ( ) IMPORTO ( ) N Codice DESCRIZIONE U.M FATTORI

PARZ. Q.TA' PREZZO ( ) IMPORTO ( ) N Codice DESCRIZIONE U.M FATTORI 1 NP 01 Oneri per lo spostamento e l'accatastamento all'interno della chiesa di arredi in legno e suppellettili varie presenti sulla pavimentazione, compreso lo smontaggio degli elementi lignei del coro

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA LE FONDAZIONI Le opere di fondazione sono la parte dello scheletro portante utile a sostenere il peso proprio dell edificio sovrastante oltre il peso delle persone e delle attrezzature di arredo e a trasmetterlo

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

MURATURA A SECCO. Epoca protostorica : opere essenzialmente di difesa, realizzate con blocchi irregolari sovrapposti tra loro. Nuraghe.

MURATURA A SECCO. Epoca protostorica : opere essenzialmente di difesa, realizzate con blocchi irregolari sovrapposti tra loro. Nuraghe. MURATURA A SECCO Epoca protostorica : opere essenzialmente di difesa, realizzate con blocchi irregolari sovrapposti tra loro. Nuraghe. Le mura ciclopiche di Segni tipiche della civiltà megalitica. MURATURA

Dettagli

Articolo: 002 - con struttura portante in c.a., eseguita con mezzi meccanici, in qualsiasi condizione di altezza Prezzo a mc 13,80572

Articolo: 002 - con struttura portante in c.a., eseguita con mezzi meccanici, in qualsiasi condizione di altezza Prezzo a mc 13,80572 Firenze Codice regionale: 01 Tipologia: NUOVE COSTRUZIONI EDILI: I prezzi sono relativi a una nuova costruzione di edilizia civile di circa 5000 mc vuoto per pieno, e si riferiscono a lavori con normali

Dettagli

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca 1RIEMPIMENTI, ALLEGGERIMENTI, ISOLAMENTI Argilla espansa a Argilla espansa basso assorbimento antirisalita di Argilla espansa. d acqua. umidità. Leca Lecapiù

Dettagli