ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ANTONIO ARDOLINO SCALE E SBALZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABSTRACT TRATTO DA WWW.DARIOFLACCOVIO.IT - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ANTONIO ARDOLINO SCALE E SBALZI"

Transcript

1 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ANTONIO ARDOLINO SCALE E SBALZI CALCOLO ED ESECUTIVI DI SBALZI D ANGOLO E SCALE A SOLETTA RAMPANTE

2 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le risposte degli autori a quesiti precedenti files di aggiornamento al testo e/o al programma allegato. L'indirizzo per accedere ai servizi è:

3 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI INDICE PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale Capitolo 1 Principi generali 1.1. Premessa... pag I materiali da costruzione...» Il conglomerato cementizio e i suoi componenti...» Il cemento...» L acqua...» I materiali lapidei...» Gli additivi...» Le caratteristiche dell impasto...» L acciaio...» La normativa di riferimento...» Estratto dal D.M. 9 gennaio » Estratto dal D.M. 14 settembre » Cenni sul metodo delle tensioni ammissibili...» Definizione degli stati limite...» Progetto della sezione rettangolare inflessa...» Esempio di calcolo...» Equazioni adimensionalizzate...» Esempio di calcolo...» Ancora sulla sezione rettangolare inflessa...» 45 Capitolo 2 Gli schemi di calcolo per i solai 2.1. Premessa...» L impalcato...» Schemi di calcolo...» Il concetto di fascia...» Le armature...» Casi particolari di solai...» Solai ad asse spezzato...» Sbalzi d angolo...» Sbalzo laterale...» 57 Capitolo 3 Il calcolo di uno sbalzo 3.1. Lo sbalzo d angolo...» Metodo delle tensioni ammissibili...» Metodo agli stati limite...» Metodo agli stati limite semplificato...» La trave di contrappeso...» Metodo delle tensioni ammissibili...» Metodo agli stati limite...» Lo sbalzo laterale...» Calcolo di fascia piena e semipiena nello sbalzo...» Calcolo armature nello sbalzo...» Calcolo travetti...» Travetti del solaio retrostante...» 72 Capitolo 4 Il calcolo di una scala a soletta rampante 4.1. Geometria e aspetti tecnologici della scala...» Classificazione delle scale...» Sfalsamento delle scale...» 78

4 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI 4.4. Tipologie tecniche...» Norme sulle scale...» Esempio di calcolo di una scala ad una rampa...» Analisi dei carichi...» Calcolo dei momenti massimi...» Calcolo delle armature (metodo delle equazioni adimensionalizzate)...» Calcolo delle armature (metodo semplificato)...» 90 PARTE SECONDA Il programma allegato Capitolo 1 Utilizzo del software 1.1. Generalità...» Installazione...» Attivazione del programma...» Il sistema di protezione...» Attivazione via Internet...» Istruzioni per la attivazione via Internet...» La chiave software...» Come collegare la chiave per la prima volta...» Come scollegare la chiave...» Come collegare una chiave scollegata...» Esempi riepilogativi sull utilizzo della chiave software...» Attivazione telefonica...» Assistenza tecnica...» Partenza del programma...» Menu principale...» Menu FILE...» Menu MODIFICA...» Menu SBALZO D ANGOLO...» Menu SCALA A SOLETTA RAMPANTE...» Menu RAMPA A SOLETTA RAMPANTE...» Menu TIPO DI AUTOCAD...» Possibili problemi con AutoCAD...» 101 Capitolo 2 Sbalzo d angolo 2.1. Prima pagina dati...» Seconda pagina dati...» Calcolo e definizione degli esecutivi...» 109 Capitolo 3 Scala a soletta rampante 3.1. Prima pagina dati...» Seconda pagina dati...» Calcolo e definizione degli esecutivi...» La singola rampa...» 122 Capitolo 4 Esempi pratici 4.1. Calcolo di uno sbalzo d angolo...» Calcolo di una scala a soletta rampante...» 128

5 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale

6 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI CAPITOLO 1 PRINCIPI GENERALI 1.1. PREMESSA In questo primo capitolo sono riportati i principi fondamentali sui quali si basa la teoria del cemento armato. Ampio spazio è dedicato alle caratteristiche dei materiali e al legame costitutivo acciaio calcestruzzo. Per comodità del lettore è stata riportata integralmente la normativa di riferimento relativa alle strutture in esame I MATERIALI DA COSTRUZIONE Il calcestruzzo cementizio armato è formato dall accoppiamento del calcestruzzo e dell acciaio. Il primo è un materiale che resiste bene a compressione, il secondo è un materiale resistente a trazione. Il successo di tale accoppiamento è dovuto ad alcune circostanze fondamentali: uguale coefficiente di dilatazione termica; aderenza tra i materiali; capacità che ha il calcestruzzo di proteggere l acciaio sia dal fuoco che dalla corrosione. Una caratteristica importante del conglomerato cementizio armato è la sua attitudine di essere plasmato in qualsiasi forma; quando è fresco, infatti, non ha forma propria e quando indurisce acquisisce la forma della geometria della cassaforma Il conglomerato cementizio e i suoi componenti Il calcestruzzo è costituito da cemento + materiale lapideo + acqua. Un normale conglomerato è composto per ogni metro cubo di impasto da 300 kg di cemento, 0,400 mc di sabbia, 0,800 mc di ghiaia o pietrisco, litri di acqua. Aumentando il quantitativo di cemento e di sabbia rispetto alla ghiaia si ottengono calcestruzzi grassi che sono utilizzati per strutture particolari come archi e travate di ponti, capriate, travature reticolari, tubi, ecc., questi, per ogni m 3 di impasto contengono kg di cemento, 0,450-0,500 mc di sabbia, 0,750-0,700 mc di ghiaia, litri di acqua. Riducendo, invece, dall impasto normale la quantità di cemento a kg si ottengono i calcestruzzi magri utilizzati per le fondazioni, i muri, i blocchi.

7 PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Il cemento La scoperta del cemento è avvenuta tra i secoli XVIII e XIX, ma la sua diffusione si è avuta nella seconda metà dell 800 a seguito di una lunga sperimentazione che ha portato alla produzione di un legante idraulico con caratteristiche uguali a quelle di una pietra calcarea esistente nelle isole Portland in Gran Bretagna. Proprio da queste isole ha preso il nome il cemento portland che è il più diffuso dei leganti idraulici. Il cemento si ottiene principalmente da materiali quali calcare ed argilla, estratti dalle cave, e successivamente trasformati in un prodotto chiamato clinker, il quale, combinato con altri componenti, dà luogo a vari tipi di cemento. Il clinker può essere naturale od artificiale. Il primo si ottiene da materiali (marne) che già contengono i componenti necessari; il secondo si ottiene da miscele preparate artificialmente. Per ottenere il clinker si prepara prima la miscela cruda mediante frantumazione, miscelazione, omogeneizzazione. La seconda fase consiste nella cottura della miscela, fino ad una temperatura di circa 1450 C, generalmente effettuata in grandi forni a rotazione. Il cemento si ottiene con la miscelazione, in proporzioni prestabilite, del clinker raffreddato e degli altri componenti a secondo del tipo di prodotto finale. Questa miscela viene, infine, macinata fino ad ottenere una polvere finissima ed omogenea. Nel corso degli anni si è avuto un notevole aumento dei cementi prodotti. Il più diffuso nel mondo rimane il cemento portland ottenuto dalla macinazione di clinker con opportune aggiunte di gesso o anidrite. Il Italia è molto diffuso il cemento pozzolanico anche a causa della larga disponibilità del materiale di base con cui è ottenuto, la pozzolana, che è di origine vulcanica. Il cemento d altoforno è ottenuto dalla macinazione di clinker con scorie d altoforno granulate; il cemento alluminoso è ottenuto dalla macinazione di clinker di calcare e bauxite. Molto importanti sono i cementi speciali il cui impiego è dovuto a particolari necessità, e possono essere prodotti anche su commissione: cementi bianchi, ferrici, ferrici pozzolanici, per sbarramenti di ritenuta, per pozzi petroliferi. Il contatto tra cemento ed acqua provoca una reazione di idratazione che fa entrare in combinazione i due materiali che formano una massa solida che lega i materiali lapidei. La reazione di idratazione si esplica in due fasi: presa ed indurimento. La presa è dovuta ad una rapida idratazione di alcuni componenti, mentre l indurimento si deve ad una più lenta idratazione del silicato bicalcico ed alla formazione di idrosilicati gelatinosi, che avvolgono i granuli di cemento, rendendo più lenta l idratazione in profondità. La presa dura alcune ore, mentre l indurimento si protrae, è rapido nei primi 28 giorni e più lento nel successivo tempo. Dopo 7 giorni si raggiungono i tre quarti della resistenza a compressione che il cemento ha dopo 28 giorni. Durante la presa e l indurimento si ha un notevole sviluppo di calore ed una riduzione del volume (ritiro). I cementi più usati si dividono in: tipo normale e tipo ad alta resistenza. Il primo ha una resistenza minima a 28 giorni di 325 kg ed è il più diffuso; il secondo ha una resistenza minima a 28 giorni di 425 kg (o 525 kg se è anche a rapido indurimento) 10

8 CAPITOLO 1 Principi generali ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI e ha il vantaggio del risparmio di tempo nella esecuzione dei lavori in cantiere. In definitiva, i cementi normalizzati prodotti in Italia sono i seguenti: di tipo A (portland, altoforno e pozzolanico); di tipo B (alluminoso); di tipo C (cementi per sbarramenti di ritenuta). Per le opere di normali caratteristiche sono da preferire i cementi 325, ma comunque ragioni particolari possono portare all uso degli altri. Ad esempio, nel caso si richieda elevata resistenza meccanica a tempi brevi è preferibile l uso dei cementi alluminosi, che vanno usati sempre con maestranze specializzate. Per le opere in c.a.p. in genere si impiegano i cementi ad alta resistenza e quando la pretensione delle armature avviene in tempi brevi è preferibile il cemento 525 ad alta resistenza e rapido indurimento. Per i manufatti prefabbricati vanno bene i cementi di tipo A. Per le opere in ambiente aggressivo si usano i cementi d alto forno e pozzolanici di tipo 325 (capaci di fissare in composti stabili la calce che si libera durante la presa) perché è necessario che nel calcestruzzo indurito non sia presente calce libera. Per le strutture a faccia-vista si preferiscono i cementi bianchi. In caso di strutture massicce si utilizzano i cementi di Tipo C anche se sono a minore resistenza. Infatti, in tali opere il calore d idratazione viene disperso all esterno molto lentamente, con accelerazione dell indurimento del cemento che provoca fessurazione. Il dosaggio di cemento è funzione delle modalità di posa in opera, dell assortimento granulometrico, della forma e dimensione dei getti, della qualità del cemento impiegato e della resistenza a compressione richiesta per il calcestruzzo. Alti dosaggi migliorano la lavorabilità del conglomerato in quanto il cemento favorisce la plasticità e migliora la fluidità. Dosaggi troppo elevati, però, portano ad un eccessivo ritiro del calcestruzzo, soprattutto quando è alto il rapporto acqua/cemento L acqua L acqua per gli impasti deve essere limpida, priva di sali (particolarmente solfati e cloruri) in percentuali dannose e non essere aggressiva. In genere l acqua potabile è sempre idonea per confezionare il calcestruzzo, ad eccezione delle acque sulfuree che, anche se sono potabili, hanno un elevato contenuto di sali. I solfati ed i cloruri, se sono presenti nell acqua in misura superiore allo 0,5 1,0%, provocano una riduzione della resistenza meccanica. L acqua di mare può essere utilizzata ma comporta un abbassamento della resistenza meccanica, non può essere adoperata per il cemento armato precompresso. L acqua di impasto si divide in acqua di presa, acqua di bagnatura e acqua di lavorabilità. L acqua di presa è la quantità d acqua necessaria per le reazioni di presa e di indurimento del cemento ed è funzione della qualità e del dosaggio di cemento impiegato. 11

9 PARTE PRIMA Teoria per il calcolo degli sbalzi e delle scale ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Si può scrivere: A p = a p. C dove a p è l acqua di presa unitaria in l/kg, mentre C è il dosaggio di cemento in kg/m 3. In genere l acqua di presa unitaria varia, in funzione della qualità del cemento, da 0,23 a 0,33 litri per ogni chilogrammo di cemento. L acqua di bagnatura serve a bagnare gli inerti. La quantità d acqua necessaria per l impasto è tanto maggiore quanto più sono fini i grani dell inerte, ed è direttamente proporzionale alla quantità di inerte. Infatti, aumentando la quantità di inerte o diminuendo i diametri dei granuli aumenta la superficie di inerte e quindi l acqua di bagnatura. Per l inerte fino l acqua di bagnatura unitaria si può calcolare con il metodo della parabola: si pesa un chilogrammo di inerte fino e si versa su di essa una piccola quantità d acqua, rimescolando il tutto. Si riempie un recipiente col miscuglio e si pesa. Si svuota il recipiente e si aggiunge la stessa piccola quantità d acqua messa in precedenza. E così via sempre la stessa operazione mettendo ogni volta la stessa piccola quantità d acqua. Man mano i pesi del miscuglio andranno diminuendo fino a raggiungere un minimo, dopodiché aumenteranno. L acqua corrispondente al peso minimo è l acqua di bagnatura unitaria. Per l inerte grosso si usa un metodo diverso: si riempie un recipiente di inerte e si pesa; si versa poi acqua nel recipiente fino al suo riempimento. Svuotato il recipiente si fa scolare l inerte e lo si pesa ancora bagnato. A questo peso si sottrae il peso dell inerte iniziale (senza bagnatura) e il risultato ottenuto si divide ancora per il peso iniziale di inerte, ottenendo l acqua di bagnatura unitaria. L acqua di lavorabilità riduce l attrito tra i materiali migliorando la fluidità e la lavorabilità I materiali lapidei I materiali lapidei o inerti sono lo scheletro portante del conglomerato. Essi si classificano in naturali ed artificiali. Gli inerti naturali sono quelli che derivano da fiumi, depositi fluviali, alluvionali, depositi di materiale sciolto. Quelli artificiali provengono dalla frantumazione di rocce. Gli inerti naturali hanno una superficie liscia ed arrotondata. Quelli artificiali hanno superficie rugosa ed a spigoli vivi. Altra classificazione può essere data dalla dimensione. Gli inerti con dimensione inferiore a 7 mm sono gli inerti fini e si chiamano sabbie; quelli di dimensioni maggiori di 7 mm sono gli inerti grossi e si chiamano ghiaie e pietrischi a seconda che si tratti di roccia sciolta o di roccia lapidea frantumata. Le sabbie naturali, a seconda della roccia da cui provengono, si distinguono in silicee, quarzose, granitiche, calcaree, gessose. Le più usate sono quelle silicee e vive (lavate cioè da materiali terrosi, prive di calcari teneri e con una percentuale di argilla che non superi il 10%) e preferibilmente di cava o di fiume. È da evitare la sabbia di mare perché contiene salsedine. 12

10 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI PARTE SECONDA Il programma allegato

11 ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI CAPITOLO 2 SBALZO D ANGOLO 2.1. PRIMA PAGINA DATI Uno sbalzo d angolo, nella sua schematizzazione di calcolo, può risultare come mensola incastrata nel pilastro oppure può essere ancorato nel solaio retrostante (vedere il paragrafo della parte prima del testo). Qui è stato considerato solo il caso di ancoraggio nel solaio retrostante tramite una trave di contrappeso, schema che comporta minori problemi sul pilastro. Per lanciare la sezione dello sbalzo basta scegliere INSERIMENTO DATIdal menu SBALZO D ANGOLO, oppure cliccando sul relativo pulsante situato nella barra degli strumenti. Si apriranno le finestre per l input dati in cui occorre inserire i valori necessari a caratterizzare lo sbalzo che vogliamo calcolare e disegnare. L inserimento dei dati avviene in maniera molto semplice ed intuitiva. Per maggiore facilità, oltre che la barra di stato, è stata prevista la presenza di un piccolo riquadro in cui appariranno i necessari suggerimenti per l inserimento dei valori nelle varie caselle che compongono la finestra. Nella prima pagina bisogna inserire le caratteristiche dei materiali utilizzati e i dati geometrici dello sbalzo. Si può, ma non è obbligatorio, descrivere il problema nella casella OGGETTO, descrizione che sarà riportata nella relazione finale, ma che non serve al calcolo. È obbligatorio, invece, ma solo ai fini del disegno, indicare la scala con cui quest ultimo sarà portato su carta. In genere, per avere una più chiara e precisa rappresentazione dell esecutivo, si preferisce utilizzare la scala 1:20, già memorizzata nella casella corrispondente. L utente può comunque utilizzare la scala che più preferisce, tenendo, però, presente che più la scala diminuisce (1:50, 1:100, ecc.) più le scritte aumenteranno di dimensione e potranno sovrapporsi tra loro o con delle linee. Le caratteristiche dei materiali sono indicate dalla resistenza caratteristica cubica del calcestruzzo che, in genere, per i casi più utilizzati, vale 250 oppure 300 kg/cmq, dalla tensione ammissibile dell acciaio (il più usato è 2200 kg/cmq) e dal coefficiente di omogeneizzazione n che viene posto sempre pari a 15 (solo tensioni ammissibili). Le resistenze caratteristiche variano a seconda che si utilizzi la verifica alle tensioni ammissibili oppure quella agli stati limite. Nel secondo caso le resistenze indicate verranno divise, dal programma, per un coefficiente e diventeranno resistenze di calcolo, con cui si confronteranno le azioni di calcolo ottenute moltiplicando le azioni agenti sulla struttura per un coefficiente di amplificazione.

12 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Figura 2.1. Indicazione delle dimensioni dello sbalzo Solo se si sceglie la verifica agli stati limite sarà possibile inserire i valori di questi coefficienti (uno di riduzione per il calcestruzzo, uno di riduzione per l acciaio e due di amplificazione dei carichi). In caso di verifica alle tensioni ammissibili le caselle dei coefficienti saranno disabilitate. I dati geometrici riguardano principalmente le lunghezze dello sbalzo, sia dalla parte dello sbalzo di prosecuzione che dalla parte dello sbalzo laterale. Non è 104

13 ABSTRACT CAPITOLO 2 TRATTO Sbalzo d angolo DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI accettato un valore minore di 50 cm. Occorre, poi, inserire le dimensioni della sezione del pilastro e indicare la direzione dei travetti del solaio inserendo le lettere V oppure O a seconda che il verso sia verticale o orizzontale (figura 2.1). In figura 2.2 è visualizzato il caso in cui la direzione dei travetti è verticale. Indicare poi le larghezze delle due travi che confluiscono nel pilastro, ed infine gli scostamenti tra i centri delle travi e dei pilastri. Questi ultimi servono per l allineamento tra travi e pilastro. Cambiando il loro valore si sposta la trave fino alla posizione voluta. In ogni momento si possono controllare gli effetti dei dati inseriti osservando il disegno. I campi della prima finestra di dati sono: Figura 2.2 Prima pagina sessione sbalzi OGGETTO Indicare, in questo campo, una descrizione del calcolo che si va ad effettuare. Quanto riportato in questo campo viene copiato semplicemente nella relazione di calcolo finale. Ad esempio si può scrivere qualcosa che indichi la posizione dello sbalzo: Sbalzo n. 1 del piano primo. SCALA DEL DISEGNO Indicare in che scala si stamperà il disegno finale. Inserire 20 per la scala 1:20; 50 per la scala 1:50, ecc. Il valore di default è 20, che è la scala più adatta per questo tipo di particolari. Il valore di questo campo agirà esclusivamente sulla dimensione dei caratteri e dei numeri del disegno. Le linee saranno disegnate sempre con la scala: 1 unità video = 1 m. 105

14 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI RESISTENZA R CK Inserire il valore della resistenza caratteristica cubica del DEL CALCESTRUZZO calcestruzzo. I valori consigliati variano da 150 a 500 kg/cmq, ma quelli utilizzati frequentemente sono Da questo valore il programma calcolerà la tensione di rottura di calcolo f c. TENSIONE AMMISSIBILE Il valore da inserire in questo campo dipende dal tipo di DEL FERRI verifica che si va a fare. Per le tensioni ammissibili occorre indicare la tensione ammissibile del ferro in kg/cmq. Per le usuali armature potremo avere: Per gli stati limite occorre indicare la tensione caratteristica di snervamento che potrà essere: AMPLIF.CARICHI COEFF. PER CLS COEFF. ACCIAIO LUNGH. SBALZO L1 LUNGH. SBALZO L2 BASE PILASTRO ALTEZZA PILASTRO Composto da due campi. Nel primo bisogna indicare il coefficiente amplificativo dei carichi γ g (peso proprio + permanenti); l EC2 lo pone pari a 1.4. Nel secondo indicare il coefficiente amplificativo γ q (accidentali); l EC2 lo pone pari a 1,5. I due campi saranno disabilitati se è selezionato il metodo delle tensioni ammissibili. Indicare il coefficiente riduttivo per il calcestruzzo γ c. La normativa attuale fornisce 1.5 per il cemento armato precompresso ed 1,6 per il cemento armato e il cemento armato parzialmente compresso. Il campo sarà disabilitato se è selezionato il metodo delle tensioni ammissibili. Indicare il coefficiente riduttivo per l acciaio γ a. La normativa attuale fornisce 1,15. Il campo sarà disabilitato se è selezionato il metodo delle tensioni ammissibili. Inserire in centimetri la lunghezza dello sbalzo indicato come L1 nella figura. Non saranno accettati valori minori di 50 cm. Inserire in centimetri la lunghezza dello sbalzo indicato come L2 nella figura. Non saranno accettati valori minori di 50 cm. Indicare in centimetri la dimensione orizzontale di figura della sezione del pilastro. Indicare in centimetri la dimensione verticale di figura della sezione del pilastro. 106

15 CAPITOLO 2 Sbalzo d angolo ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ORDITURA SOLAIO In questo campo sono ammesse solo due lettere. Inserire la lettera O se l orditura del solaio è orizzontale rispetto al disegno visualizzato. Inserire la lettera V se è verticale. LARGHEZZA TRAVE T1 Indicare in centimetri la larghezza T1 della trave verticale del disegno. LARGHEZZA TRAVE T2 Indicare in centimetri la larghezza T2 della trave orizzontale del disegno. SCOSTAMENTI Indicare in centimetri le distanze tra i centri delle travi e dei pilastri. Questi valori servono a posizionare bene le travi rispetto al pilastro. Verificarne l esattezza guardando il disegno SECONDA PAGINA DATI La seconda pagina riguarda l analisi dei carichi che gravano sulla struttura. Buona parte dei dati è già assegnata per default e riguarda il peso specifico e lo spessore dei materiali che normalmente si utilizzano in uno sbalzo, quali il pavimento, il massetto e l intonaco. Rimane da inserire solamente lo spessore dello sbalzo che, in genere, è di circa 4 cm più piccolo dello spessore del solaio (il solaio, a sua volta, varia con la luce, così come da normativa), e lo spessore della soletta collaborante che è di circa 4-5 cm. ALTEZZA DELLO SBALZO SPESSORE SOLETTA PESI SPECIFICI SPESSORI Indica in centimetri l altezza complessiva dello sbalzo. In genere l altezza dello sbalzo è 4 cm più bassa di quella del solaio retrostante. Modificando il valore si aggiorna automaticamente il carico fisso sullo sbalzo mostrato nel riquadro a destra. Indica lo spessore della soletta dello sbalzo. Questa dimensione è utile per l analisi dei carichi sullo sbalzo laterale, visto che il programma considera lo sbalzo d angolo come zona tutta piena di calcestruzzo, senza alleggerimenti con laterizi. Nelle caselle dei pesi specifici sono già indicati i valori tipici per i materiali che completano lo sbalzo, quali intonaco, pavimento, massetto. Anche le caselle degli spessori dei predetti materiali contengono già dei valori prestabiliti. Modificando tutti questi 107

16 ABSTRACT TRATTO DA PARTE SECONDA - TUTTI I Il DIRITTI programma RISERVATI allegato valori nei modi opportuni si potrà raggiungere qualsiasi valore del carico che possa servire. CARICO ACCIDENTALE Indica il valore del carico accidentale dello sbalzo. È stabilito dalla normativa in base alla destinazione d uso dell edificio. Per gli usuali edifici per civile abitazione va posto pari a 400 kg/mq. Figura 2.3 Seconda pagina sessione sbalzi Anche i dati del solaio servono per definire i carichi necessari al calcolo. In un normale solaio si è soliti utilizzare, in un metro, due travetti da 10 cm e due laterizi di 40 cm. Se la casella dello spessore del solaio è vuota, nel momento in cui si inserisce lo spessore dello sbalzo sarà calcolato automaticamente anche quello del solaio pari a 4 cm più grande. Nel riquadro DATI DEL SOLAIO si hanno i seguenti campi, riferiti ad un metro di solaio. ALTEZZA SOLAIO SPESSORE SOLETTA Questo campo sarà definito in automatico quando si indica l altezza dello sbalzo. Comunque è sempre possibile modificarne il valore per adeguare i carichi alla situazione reale. Indicare lo spessore della soletta collaborante presente nel solaio. In genere è pari a 4-5 cm. NUMERO TRAVETTI In genere in un solaio classico il numero dei travetti è 2 ciascuno con larghezza di 10 cm. L analisi può essere 108

17 CAPITOLO 2 Sbalzo d angolo ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI effettuata anche per solai diversi da quelli usuali. Ad esempio per un solaio pieno si ha un numero di travetti uguale ad 1 ed una larghezza del travetto uguale a 100 cm. SPESSORE TRAVETTI In genere in un solaio classico il numero dei travetti è 2 ciascuno con larghezza di 10 cm. L analisi può essere effettuata anche per solai diversi da quelli usuali. Ad esempio per un solaio pieno si ha un numero di travetti uguale ad 1 ed una larghezza del travetto uguale a 100 cm. INCIDENZA TRAMEZZI In genere, per tener conto del peso dei tramezzi si considera un carico di 100 kg/mq spalmato sul solaio. CARICO ACCIDENTALE Il carico accidentale sul solaio è dato dalla normativa in funzione della destinazione d uso dell edificio CALCOLO E DEFINIZIONE DEGLI ESECUTIVI Una volta inseriti tutti i dati fondamentali, si può passare al calcolo con l apposito comando CALCOLO del menu SBALZO D ANGOLO. Sarà visualizzata una finestra con l indicazione dell armatura calcolata per lo sbalzo d angolo, per la trave di contrappeso e per lo sbalzo laterale. È possibile cambiare l armatura calcolata in automatico scegliendo dei tondini che più si preferisce utilizzare. Nel riquadro ARMATURA DELLO SBALZO D ANGOLO si hanno i campi di seguito indicati. NUMERO FERRI DI DIAMETRO Nel campo è indicato il numero di tondini calcolato in automatico dal programma. Inserire un diverso valore nel caso si voglia cambiare l armatura calcolata. Per rendere effettivo il cambio del numero dei ferri eseguire [INVIO] per memorizzare il nuovo valore. Indica il diametro dei ferri; è possibile inserire un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Nel riquadro ARMATURA SULLA TRAVE DI CONTRAPPESO si hanno i campi di seguito indicati. LARGHEZZA Indica la larghezza della trave di contrappeso; nel caso che si preferisca una trave più larga di quella calcolata basta cambiare il valore in questo campo ed eseguire [INVIO] per memorizzarlo e renderlo effettivo. 109

18 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ARMATURA SUP. N. FERRI DI DIAMETRO ARMATURA INF. N. FERRI DI DIAMETRO Indica il numero di tondini che formano l armatura. È possibile indicare un diverso numero di tondini superiori per la trave di contrappeso. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo. È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Indica il numero di tondini che formano l armatura inferiore. È possibile indicare un diverso numero di tondini inferiori per la trave di contrappeso. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo. È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Nel riquadro ARMATURA SULLO SBALZO LATERALE si hanno i campi di seguito indicati ARMATURA NUMERO Indica il numero di tondini che formano l armatura dello sbalzo laterale. Eventualmente è possibile indicare un diverso numero di tondini tenendo presente la larghezza del travetto. Eseguire [INVIO] per memorizzarlo. FERRI DI DIAMETRO FASCIA PIENA FASCIA SEMIPIENA Indica il diametro dei ferri. È possibile indicare un diametro diverso se si ritiene che quello calcolato non sia soddisfacente. Per memorizzare il nuovo diametro eseguire [INVIO]. Indica la larghezza della fascia piena. Eventualmente cambiare il valore della fascia piena indicata in questo campo. Eseguire [INVIO] per memorizzare. Indica la larghezza della fascia semipiena. Eventualmente cambiare il valore indicato in questo campo. Eseguire [INVIO] per memorizzare. Dopo il controllo delle armature il successivo passo è quello di creare il disegno esecutivo e la relazione di calcolo. Per ottenere ciò bisogna ricorrere ai comandi del menu ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA. Con il primo comando sarà visualizzata la finestra di dialogo per l inserimento del nome del file e sarà creato il file dxf del disegno esecutivo formato da una 110

19 CAPITOLO 2 Sbalzo d angolo ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI Figura 2.4 Pagina correzione armature sbalzi carpenteria della zona dello sbalzo d angolo e dai particolari di tre sezioni con relativa distinta ferri: una sezione sullo sbalzo d angolo; una sezione sulla trave di contrappeso; una sezione sullo sbalzo laterale. I colori utilizzati nel disegno sono tre: il rosso per le linee più sottili (generalmente pennino 0,25); il verde per le linee intermedie (generalmente pennino 0,35); il nero per le linee doppie (generalmente pennino 0,50). Comunque, ogni particolare del disegno è posto in layer (piani) differenti, in modo che il suo colore può essere modificabile facilmente cambiando il colore del layer corrispondente. I layer creati dal programma sono i seguenti: LIN-EST per le linee esterne delle sezioni; LATERIZI che contiene le linee dei laterizi; FERRI che contiene i disegni dei ferri; RIPART per la rete di ripartizione; TRATPUNT per le linee tratto-punto; TESTO1 per le scritte più grandi; DIMENS per le linee di dimensione; TESTO2 per le scritte del tipo di ferro; TESTO3 per le dimensioni dei ferri; DESCRIZ per le indicazioni. Selezionando il comando RELAZIONE TECNICA, si aprirà una finestra con la relazione creata dal programma. È possibile modificarla e stamparla. Volendo usare un word processor più completo si può salvare la relazione in un file e riprenderla con qualche altro elaboratore testi. È conveniente salvare le modifiche effettuate in un file anche quando si ritorna alle schermate precedenti, in quanto ogni volta che si eseguirà il comando RELA- 111

20 PARTE SECONDA Il programma allegato ABSTRACT TRATTO DA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI ZIONE TECNICA ci sarà una nuova elaborazione e saranno perse le modifiche effettuate in precedenza. Una volta creati il disegno e la relazione il lavoro è concluso. A questo punto si possono salvare i dati inseriti, si può tornare alle pagine di inserimento dati oppure si può chiudere il programma. Se dalla finestra INDICAZIONE E CORREZIONE DELLE ARMATURE si ritorna a quelle di inserimento dati e si cambiano alcuni valori i comandi ESPORTA GRAFICO IN DXF e RELAZIONE TECNICA saranno di nuovo disabilitati. Per abilitarli nuovamente sarà necessario rieffettuare il calcolo. 112

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante 11 LE SCALE Le scale rappresentano quelle parti di struttura che consentono il collegamento tra i vari piani. A seconda dello schema strutturale che le caratterizzano si differenziano in: Scale a soletta

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

ANALISI, MONITORAGGIO

ANALISI, MONITORAGGIO Università degli Studi di Genova DISEG - Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Laboratorio Ufficiale dei Materiali da Costruzione Ordine degli Architetti della Provincia di Genova ANALISI,

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli