Bilancio Sociale 2003

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Sociale 2003"

Transcript

1

2 Società per Azioni Sede Sociale e Direzione Generale in Orvieto Capitale Sociale ,40 int. vers. Riserve ,88 Registro delle Imprese, Codice fiscale e Partita IVA: Albo delle Banche n Gruppo Banca C.R. Firenze Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari n Bilancio Sociale 2003 Orvieto: Palazzo Ottaviani - Sede della Banca Il Filo a Piombo opera dell artista orvietano Livio Orazio Valentini - Anno 1965 GRUPPO BANCA CR FIRENZE 3

3 INDICE: Prefazione Pag. 8 Il bilancio sociale: processo e contenuti Pag. 10 La banca in cifre Pag. 11 L IDENTITÀ AZIENDALE La storia Pag. 15 La visione strategica Pag. 17 L assetto istituzionale ed organizzativo Pag. 18 IL GRUPPO BANCA C.R. FIRENZE La composizione del Gruppo Pag. 25 La strategia del Gruppo Pag. 28 Aree di integrazione del Gruppo Pag. 29 Network territoriale del Gruppo Pag. 29 I prodotti Pag. 31 Il processo di corporate identity Pag. 31 LA RELAZIONE SOCIALE I clienti Pag. 34 Composizione della clientela Pag. 34 La raccolta Pag. 34 Gli impieghi Pag. 35 I prodotti e i servizi per le imprese Pag. 37 I prodotti e i servizi della Banca Pag. 45 Iniziative particolari Pag. 53 Reclami e contenziosi Pag. 55 La collettività Pag. 57 Gli interventi a favore dello sport Pag. 58 Gli interventi a favore della promozione del territorio Pag. 58 Gli interventi a favore di arte e cultura Pag. 59 L attività della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto Pag. 60 Sostenibilità ambientale Pag. 77 Gli azionisti Pag. 78 La composizione del capitale sociale Pag. 79 La remunerazione degli azionisti e destinazione dell utile Pag. 81 Le risorse umane Pag. 82 La composizione del personale Pag. 83 Pari opportunità Pag. 87 Tempo di lavoro e assenze Pag. 88 La comunicazione interna Pag. 91 La formazione Pag. 93 La remunerazione Pag. 94 Le condizioni di lavoro e di sicurezza Pag. 96 Le relazioni sindacali Pag. 97 Il contenzioso Pag. 97 Il circolo aziendale Pag. 97 Lo Stato e gli Enti Locali Pag. 99 Servizi per la Pubblica Amministrazione Pag. 99 Imposte, tributi e tasse Pag. 99 I fornitori Pag. 100 Analisi dei fornitori Pag. 100 Criteri di selezione e condizioni negoziali Pag. 101 DATI GESTIONALI E VALORE AGGIUNTO Dati significativi di gestione Pag. 105 Il valore aggiunto e il suo significato Pag. 109 La formazione del valore aggiunto Pag. 109 La distribuzione del valore aggiunto Pag. 113 Considerazioni Pag. 119 Stampa: Tipolito Marsili - Orvieto Fotografie: Massimo Roncella Le foto delle pagg. 4, 14, 16, 39, 101 e 102 sono state gentilmente concesse dall Opera del Duomo Orvieto, Duomo, particolare del Giudizio Universale 5

4 ORGANI SOCIALI E DIREZIONE GENERALE Consiglio di Amministrazione Presidente Vice Presidente Consiglieri Giovanni Guariglia Giuseppe Rogantini Picco Corrado Bottai Alberto Calvelli Franco Gambi Giuseppe Leonardi Marcello Morotti Marco Ravanelli Remo Romoli Comitato Esecutivo Presidente Vice Presidente Membri Giovanni Guariglia Giuseppe Rogantini Picco Franco Gambi Giuseppe Leonardi Marcello Morotti Collegio Sindacale Presidente Sindaci effettivi Sindaci supplenti Vieri Fiori Luca Bravetti Luciano Sarnari Libero Mario Mari Marco Sacconi Direzione Generale Direttore Generale Bruno Pecchi Orvieto, facciata del Duomo 7

5 PREFAZIONE Nel concluderne la presentazione, lo scorso anno, espressi l auspicio che il bilancio sociale avesse stimolato un più ampio confronto prodigo di spunti e contributi per il nostro miglioramento. L apprezzamento mostrato dai nostri interlocutori per l iniziativa ci ha convinti della sua bontà e della utilità di offrire una immagine dell operato della banca meno asettica e più vicina alla realtà di quella che traspare dal bilancio di esercizio, limitato alla sola enunciazione dei numeri del nostro successo. Anche quest anno, pertanto, continueremo a raccontarci illustrando, non solo i risultati contabili della gestione d impresa, ma anche e sopratutto gli effetti che ne sono scaturiti, in termini di ricadute, su tutto il territorio in cui la Cassa di Risparmio di Orvieto opera. Crediamo, infatti, che sia questo il modo migliore di riaffermarne la innata vocazione di banca locale. IL PRESIDENTE Giovanni Guariglia Orvieto, particolare di Palazzo Ottaviani - Sede della Banca 8

6 IL BILANCIO SOCIALE: PROCESSO E CONTENUTI LA BANCA IN CIFRE Importi in migliaia di euro 31/12/03 31/12/02 Variaz.% Il bilancio sociale 2003 della Cassa di Risparmio di Orvieto SpA è stato elaborato secondo i principi del Modello di redazione del Bilancio Sociale per il settore del credito proposto dall Associazione Bancaria Italiana. Il processo di rendicontazione è stato gestito da un gruppo operativo interno, facente riferimento alla Funzione Contabilità e Bilancio della Banca. Tale struttura ha coinvolto le diverse funzioni dell azienda attraverso riunioni specificamente dedicate, il reperimento e l analisi di dati e notizie, e una riunione conclusiva che ha valutato la bozza finale del documento. Il documento viene stampato e viene inoltre reso disponibile sul sito internet della Banca (www.cariorvieto.it) e sull Intranet aziendale. Il documento, conformemente ai principi di riferimento suddetti, si articola in tre distinte sezioni: l Identità aziendale, in cui viene presentata sinteticamente storia, visione strategica, assetto e rete distributiva della Banca; la Relazione Sociale, in cui si rende conto dell operato della Banca nei confronti dei suoi principali stakeholder: azionisti, clienti, risorse umane, Stato ed enti locali, fornitori, collettività e tutti coloro che hanno un interesse rilevante nella conduzione dell impresa. Dati Gestionali e di Valore Aggiunto, che secondo le metodologie proprie del bilancio sociale riporta il conto economico e lo stato patrimoniale riclassificati, le principali grandezze economico-finanziarie, alcuni indici gestionali nonché il calcolo del valore aggiunto creato dalla Banca e l analisi della sua distribuzione. In conclusione viene allegato un questionario, per facilitare l espressione di osservazioni e commenti da parte dei lettori. Tale feedback costituirà un importante elemento per migliorare le future edizioni del bilancio sociale. Dati economici Margine di interesse ,30% Margine di intermediazione ,13% Commissioni nette ed altri proventi di gestione netti ,79% Spese amministrative ,13% Accanton. e rettifiche nette su crediti ,31% Utile delle attività ordinarie ,38% Utile netto ,60% Dati patrimoniali Totale attività ,43% Crediti netti v/clientela (esclusi crediti netti in sofferenza) ,63% Titoli ,84% Partecipazioni ,00% Debiti v/ clientela, debiti rappr. da titoli e fondi di terzi ,53% Passività subordinate - - Patrimonio netto (incluso l utile del periodo) ,66% Attività finanziarie della clientela Attività finanziarie totali ,95% Raccolta diretta ,53% Raccolta indiretta ,84% - Risparmio amministrato ,64% Gestioni patrimoniali (GPM-GPS-GPF) ,06% Fondi ,39% Assicurazioni (riserve tecniche) ,30% - Risparmio gestito ,02% Indici di redditività (in %) ROE 1) 7,96 3,10 Cost / Income ratio 2) 74,10 76,92 Indici di rischiosità del credito (in %) Crediti netti in sofferenza / Crediti netti verso clientela 2,04 2,53 Crediti dubbi netti (escluso sofferenze) / Crediti netti v/ clientela 3,79 4,35 Struttura operativa Dipendenti della banca Filiali bancarie )Utile netto/patrimonio netto medio escluso l utile del periodo 2)Spese amministrative ed ammortamenti al netto dei recuperi di spesa/margine di intermediazione 10 11

7 Particolare della tomba Golini I (350 a.c. ca) rinvenuta in loc. Settecamini (Porano) Orvieto, Museo Archeologico Nazionale L IDENTITÀ AZIENDALE

8 LA STORIA 1852 Su iniziativa di quaranta privati cittadini orvietani, la Cassa di Risparmio di Orvieto (Ente pubblico economico) nasce il 17 novembre 1852, come da Rescritto Pontificio, emanato dal Papa Pio IX; il suo scopo è quello di raccogliere il risparmio, al quale viene attribuita una rendita sicura, e quello di impiegarlo convenientemente presso operatori economici locali La Cassa apre la sua prima filiale nel comune di Bolsena La Banca si insedia con dieci filiali nei comuni del comprensorio Orvietano La Cassa si espande con altre cinque filiali intorno allo stesso territorio Agli inizi dell anno, particolare significato assume, nella vita della Banca, l ingresso della Cassa di Risparmio di Roma (oggi Banca di Roma) nella compagine sociale della Cassa di Risparmio di Orvieto con una partecipazione pari al 40% del Fondo Istituzionale della Cassa 1991 La Banca, alla fine dell anno, ha provveduto alla costituzione della società per azioni Cassa di Risparmio di Orvieto SpA quale risultato del conferimento dell azienda bancaria da parte dell Ente pubblico economico Cassa di Risparmio di Orvieto, ai sensi della normativa di riforma del sistema bancario (c.d. legge Amato n. 218/1990); detta legge prevedeva la creazione di due soggetti giuridici separati la società bancaria da un lato e l Ente Conferente dall altro ed anche alla distinzione dei loro ruoli: quello creditizio della banca e quello non profit della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto; quest ultima risultava così, dopo la suddetta trasformazione, detentrice del 71,43% del pacchetto azionario della Cassa di Risparmio di Orvieto SpA, mentre la quota del 28,57% veniva assegnata alla Banca di Roma 1998 Nell anno, la Banca di Roma provvedeva a cedere la suddetta partecipazione di minoranza alla Cassa di risparmio di Firenze SpA La Cassa di risparmio di Firenze SpA acquisiva con il trasferimento dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto alla Cassa di Risparmio di Firenze SpA la quota di maggioranza azionaria della Cassa di Risparmio di Orvieto SpA, mediante un accordo di compravendita, siglato fra le parti, nel quale la Cassa di Risparmio di Firenze SpA ha raggiunto nel 2001, il 73,57% del capitale della Banca. La Cassa di Risparmio di Orvieto SpA entrava così a far parte del Gruppo Banca C.R. Firenze 2003 È proseguita negli anni dal 1990 a 2003 l espansione territoriale che ha visto la Banca aprire altre diciannove filiali nei comuni delle province di Terni, Viterbo e Perugia. 14 Emblema delle Arti Orvietane - Pergamena del 1602 Orvieto, Museo dell Opera del Duomo 15

9 LA VISIONE STRATEGICA C.R. Orvieto è ben consapevole dei legami storici che la legano al territorio, peraltro ribaditi all art. 4, 3 comma, del proprio statuto, ed è fermamente intenzionata a preservarli pur in presenza di strategie di espansione che la portano ad aprire nuove filiali in Umbria e nel vicino alto Lazio. In questa ottica viene prestata molta attenzione alle esigenze degli operatori economici, rivolgendo particolare cura nell assistenza alle categorie degli artigiani, dei piccoli commercianti, dei produttori agricoli e dei soggetti impegnati nel settore turistico che ne rappresentano la componente caratteristica e più numerosa. La difesa e lo sviluppo dell economia locale passano attraverso queste figure la cui soddisfazione, in termini di redditività, bene si coniuga con l analoga esigenza della banca di generare valore. Di qui l impegno dell azienda a recepire prontamente le esigenze delle diverse tipologie di operatori al fine di predisporre prodotti idonei a fornire loro la migliore assistenza possibile in termini quantitativi e qualitativi. Ma C. R. Orvieto affianca a questo primario obiettivo l attenzione verso altri soggetti portatori di interessi diversi quali possono essere, accanto agli azionisti ed ai dipendenti, la generalità dei clienti, i fornitori ed i cittadini tutti. In particolare, con il fermo intendimento di migliorare il rapporto con il cliente, la banca si è fortemente impegnata nelle seguenti linee strategiche: ristrutturazione e riorganizzazione della rete degli sportelli con il fine di migliorarne l efficienza operativa; inserimento nella rete di nuove figure professionali in grado di assicurare una migliore qualità complessiva nel rapporto banca-cliente; segmentazione della clientela per poter fornire nuovi e più specifici servizi alle nuove reti Corporate, Retail e Private ; sviluppo dei nuovi canali di banca virtuale affinché risultasse ulteriormente facilitato l accesso, da parte della clientela, ai diversi servizi bancari attraverso internet, telefono e GSM; accentramento di lavorazioni a livello di gruppo ed esternalizzazione di attività non facenti parte del core business della banca. valorizzazione delle risorse umane mediante ricorso ad una intensa attività di formazione e ad una più attenta comunicazione interna finalizzata a creare unità di intenti e di scopo nel personale tutto. La volontà di comunicare il collegamento con la tradizione e la storia locale si sono espresse anche con l adozione, nei primi mesi del 2004, del nuovo marchio aziendale di cui si dirà più ampiamente nel bilancio relativo al prossimo esercizio. 16 Orvieto, Simboli araldici riportati nello stemma del Comune di Orvieto 17

10 L ASSETTO ISTITUZIONALE ED ORGANIZZATIVO L assetto istituzionale di C.R. Orvieto Spa viene trattato nella parte relativa agli azionisti. DISTRIBUZIONE TERRITORIALE La Banca opera tramite 36 sportelli dislocati in due regioni (Umbria e Lazio) e tre province (Terni, Viterbo e Perugia) Per quanto attiene, invece, alla struttura organizzativa è doveroso rappresentare che nel corso del 2003 si è dato inizio ad una complessa fase di riorganizzazione che ha interessato sia la rete delle filiali sia la Direzione Generale e che si è conclusa con l approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione di un nuovo Organigramma/Funzionigramma entrato in vigore il 1 febbraio Il progetto, sottostante la riorganizzazione cui ci si riferisce, ha coinvolto la banca sin dall inizio del decorso anno ed è stato molto incisivo in quanto ha portato a dare attuazione ad un nuovo modello organizzativo di rete che ne ha interessato la parte caratterizzata da filiali di piccole dimensioni, precisamente quelle situate in aree territoriali ove non erano e non sono attesi significativi sviluppi economici e/o demografici. FIRENZE ANCONA A seguito di ciò 17 filiali di piccole dimensioni sono state aggregate a 10 filiali maggiori e allo stesso tempo sono state rese operative nuove figure professionali di dipendenti, riqualificati in addetto clienti, gestore family e Gestori di portafoglio. Inoltre, a livello di Direzione Generale, è stata rivista l articolazione dell Area Commerciale con l assegnazione della clientela, opportunamente segmentata, ai settori Corporate, Retail e Private. Castiglione del Lago Città di Castello Umbertide Gubbio Gualdo Tadino PERUGIA Assisi L attuale organigramma è in appresso riportato: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DIRETTORE GENERALE MONTEGABBIONE Foligno FABRO MARSCIANO PARRANO SAN VENANZO CASTEL VISCARDO TODI ORVIETO SPOLETO CASTEL GIORGIO BASCHI PORANO MONTECCHIO GROTTE DI CASTRO BOLSENA CASTIGLIONE IN TEVERINA LUBRIANO GUARDEA ALVIANO AMELIA TERNI CAPODIMONTE ATTIGLIANO NARNI GROTTE S. STEFANO PENNA IN TEVERINA VITERBO SORIANO NEL CIMINO Tuscania VIGNANELLO Montalto di Castro FABRICA DI ROMA SERVIZI DI STAFF AUDITING In Capogruppo Tarquinia CIVITA CASTELLANA ROMA AREA CREDITI AREA COMMERCIALE AREA AMMINISTRATIVA 18 19

11 I comuni serviti dalla rete di vendita della Banca sono evidenziati nel seguente prospetto: PROVINCIA DI TERNI (23) Orvieto: Filiale di Ciconia Filiale di Città Filiale di Orvieto Scalo Filiale di Sede Filiale di Sferracavallo Sportello ASL Alviano Amelia Attigliano Baschi Castel Giorgio Castel Viscardo Fabro Guardea Montecchio Montegabbione Parrano Penna in Teverina Porano Narni San Venanzo Terni: Filiale di Terni Filiale di Terni 1 PROVINCIA DI VITERBO (10) Bolsena Capodimonte Castiglione in Teverinna Civita Castellana Fabrica di Roma Grotte di Castro Grotte S. Stefano (VT) Lubriano Soriano nel Cimino Vignanello PROVINCIA DI PERUGIA (3) Marsciano Spoleto Todi Le apparecchiature Bancomat sono presenti presso tutti gli sportelli, nonché all interno di Enti o luoghi pubblici per un totale di 39 unità di cui due, uno presso la Sede Centrale di Orvieto ed uno presso la filiale di Terni, attrezzate per l utilizzo da parte di ipovedenti. Orvieto, Maiolica prima metà del XV secolo, dal cui dipinto si è preso lo spunto per la realizzazione del nuovo logo della Banca 20 21

12 Firenze, particolare della porta vetrata d ingresso della Sede Centrale di Banca CR Firenze, realizzata da Galileo e Tito Chini, 1926 Il Gruppo BANCA CR FIRENZE

13 Il Gruppo Banca CR Firenze nasce nel 1998 per iniziativa di Banca CR Firenze, che assume così il ruolo di Capogruppo, sviluppandosi sul territorio del Centro-Nord Italia grazie alla progressiva assimilazione delle Casse di Risparmio di Civitavecchia, Mirandola, Orvieto, Pistoia e La Spezia e di altre società di prodotto e servizi. La politica del Gruppo è caratterizzata da una progressiva integrazione di attività e processi nel rispetto dell autonomia delle singole banche, in modo tale da combinare i vantaggi di un profondo radicamento territoriale e di una rete commerciale capillarmente diffusa con quelli di una rete finanziaria di dimensione globale, in grado di garantire elevata qualità, approccio dinamico ed internazionalità di offerta e servizi. I numeri consolidati del Gruppo Banca CR Firenze 2 (in milioni di euro) Posizionamento tra i Gruppi bancari italiani (fonte Prometeia) Quota di mercato in Toscana (% sul totale degli sportelli) 14,8% 15,0% 15,0% Numero di sportelli LA COMPOSIZIONE DEL GRUPPO Il Gruppo è articolato in: 5* casse di risparmio (banche retail) e 1 banca specializzata nel mercato del credito al consumo controllata al 50%; 8 società finanziarie e di prodotto, che rendono disponibile per il Gruppo un ampia gamma di prodotti e servizi diretti alla clientela in settori specifici come leasing, factoring e assicurazioni; 5 società strumentali, in grado di offrire servizi di supporto alle altre entità del Gruppo garantendo economie di scala, integrazione di prodotti e di servizi con le altre società del Gruppo e operando in alcuni casi anche sul mercato; 7 società che svolgono attività di servizio. All interno del Gruppo, Banca CR Firenze svolge il ruolo sia di capogruppo che di banca operativa, promuovendo l integrazione tra le società del Gruppo. * dal 26 aprile 2004, con l acquisizione di CR della Spezia, le casse di risparmio sono 6 Numero di dipendenti Spazi finanziari Promotori Raccolta diretta Raccolta indiretta Impieghi Utile netto 95,5 82,6 92,3 2) I dati presentati in tabella sono stati sottoposti a revisione rispetto allo scorso anno, alla luce degli aggiornamenti apportati dalle fonti (voce posizionamento tra i Gruppi bancari, fonte Prometeia Analisi dei Bilanci Bancari - giugno 2003), intervenuti nei conteggi (voce quote di mercato in Toscana ) o per la definizione del numero dei dipendenti in base alla quota di partecipazione del Gruppo in società consolidate proporzionalmente (voce Numero di dipendenti ). 3) Posizionamento dei Gruppi bancari facendo riferimento al Totale Attivo Lordo

14 Società controllate e collegate (partecipate sopra il 20%) dal Gruppo Banca CR Firenze distinte secondo la natura di attività Società controllate e collegate (partecipate oltre il 20%) dal Gruppo Banca CR Firenze distinte secondo i settori di attività BANCHE SOCIETA FINANZIARIE E DI PRODOTTO Banca CR Firenze S.p.A.(capogruppo) Cassa di Risparmio di Civitavecchia S.p.A. Cassa di Risparmio di Mirandola S.p.A. Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia S.p.A. Cassa di Risparmio della Spezia S.p.A* Findomestic Banca S.p.A. (credito al consumo) CR Firenze Gestion Internationale S.A. CentroVita Assicurazioni S.p.A. Centro Factoring S.p.A. Cerit S.p.A. S.r.t. S.p.A.** Centro Leasing S.p.A. Arval Service Lease Italia S.p.A. C.F.T. Finanziaria S.p.A. Perseo Finance S.r.l. BANCARIO Banca CR Firenze S.p.A. (Capogruppo) CR Civitavecchia S.p.A. 51,0% CR Pistoia e Pescia S.p.A. 51,0% CR Orvieto S.p.A. 73,6% CR Mirandola S.p.A. 99,9% CR La Spezia S.p.A. 68,09% * Findomestic Banca S.p.A. 50,0% PARABANCARIO CR Firenze Gestion Int. S.A. 80,0% Centro Leasing S.p.A.34,7% Centro Factoring S.p.A. 46,6% Cerit S.p.A. 100,0% S.r.t. S.p.A.** 100,0% CFT Finanziaria S.p.A. 47,0% GRUPPO BANCA CR FIRENZE SOCIETA STRUMENTALI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO Infogroup S.p.A. Info2B S.p.A. Mirafin S.p.A. Data Centro S.p.A. Tebe Tours S.p.A. Sviluppo Industriale S.p.A. Citylife S.p.A. Beta S.r.l. Ce.spe.Vi. S.p.A. Et Group S.p.A. Centro di Telemarketing S.p.A. Il Nocciolo S.r.l. INFORMATICA Infogroup S.p.A. 100,0 % Info2B S.p.A. 100,0% Data Centro S.p.A. 100,0% ASSICURAZIONI SERVIZI Ce.Spe.Vi S.p.A. 20,0% Citylife S.p.A. 98,5% Arval Service Lease Italia S.p.A. 30,0% Centro Telemarketing S.p.A. 100,0% Et Group S.p.A. 42,7% Mirafin S.p.A. 100,0% Perseo Finance S.r.l. 60,0% Sviluppo Industriale S.p.A. 29,9 % Tebe Tours S.p.A.90,0% IMMOBILIARI Centrovita S.p.A. 51,0% Beta S.r.l. 49,0% Il Nocciolo S.r.l. 100,0% * acquisizione avvenuta da Banca CR Firenze nel gennaio 2004, dopo la sottoscrizione dell acquisto datata luglio Ottenuta l autorizzazione della Banca d Italia, la banca fa parte del Gruppo dal 26 aprile ** dal 26 aprile 2004 * acquisizione avvenuta da Banca CR Firenze nel gennaio 2004, dopo la sottoscrizione dell acquisto datata luglio Ottenuta l autorizzazione della Banca d Italia, la banca fa parte del Gruppo dal 26 aprile ** dal 26 aprile

15 LA STRATEGIA DI GRUPPO AREE DI INTEGRAZIONE DEL GRUPPO Il Gruppo Banca CR Firenze agisce in un contesto di alleanze e di complementarietà tra le aziende che ne fanno parte, operando secondo le seguenti linee strategiche: alleanza federativa: all interno del Gruppo ciascuna Banca mantiene una propria autonomia d azione e decisionale, soprattutto nel campo delle attività attinenti al proprio territorio di riferimento; al tempo stesso condivide le linee di indirizzo a livello di Gruppo, mirando a rafforzare sempre più la presenza e la penetrazione del Gruppo nelle regioni del Centro-Nord Italia; espansione territoriale: l aggregazione delle banche all interno del Gruppo avviene secondo una logica di vicinanza territoriale, in grado di saldare le rispettive reti commerciali e relazionali presenti sul territorio di riferimento. Ne sono conferma il recente ingresso nel Gruppo della Cassa di Risparmio della Spezia e l espansione verso l Emilia Romagna; completezza funzionale: il Gruppo Banca CR Firenze annovera al proprio interno importanti società di prodotto e strumentali, che rivolgono la propria offerta di servizi sia verso la clientela esterna, sia verso le altre aziende del Gruppo. In questo modo vengono garantite economie di scala e capacità di sviluppo e ricerca dell innovazione; differenziazione dell offerta: grazie alla presenza di società specializzate e di importanti alleanze con partner di livello internazionale, come San Paolo IMI S.p.A. e BNP Paribas S.A., il Gruppo è in grado di fornire risposte adeguate alle varie esigenze di prodotti e servizi, favorendo un approccio fortemente personalizzato verso il cliente; identità di Gruppo: ogni Banca del Gruppo ha partecipato al lungo processo di revisione della corporate identity, finalizzato al rafforzamento di un marchio comune e di un immagine di gruppo distintiva. Tale impegno comune assume riflessi su tutte le attività del Gruppo, dalla comunicazione alle relazioni istituzionali, e ha portato il Gruppo verso il progressivo rafforzamento della riconoscibilità e del senso di appartenenza. NETWORK TERRITORIALE DEL GRUPPO Il Gruppo Banca CR Firenze dispone di 438 filiali (12 in più rispetto al 2002), presenti in Toscana, Emilia Romagna, dell Umbria, del Lazio, Lombardia e Veneto. Nel 2003, con l acquisizione della Cassa di Risparmio della Spezia, il Gruppo è entrato anche in Liguria. Le Filiali del Gruppo Banca CR Firenze Banca CR Firenze CR Civitavecchia CR Mirandola CR Orvieto CR Pistoia e Pescia Totale ) Con l ingresso nel Gruppo di CR La Spezia, la rete distributiva aumenterà di 62 filiali, di cui 51 ubicate in provincia di La Spezia, 8 in provincia di Massa Carrara, 1 nelle province di Parma, Lucca e Pistoia

16 Spazi Finanziari del Gruppo Banca CR Firenze Città Roma Bologna Modena Pesaro Ancona Porto S. Elpidio Fabriano Ferrara Forlì Pescara Ravenna Rimini Totale CENTRI PRIVATE BANKING DI BANCA CR FIRENZE Toscana Empoli Viareggio Siena Firenze Ovest Firenze Est Arezzo Firenze Centro Figline Valdarno Prato Totale 9 Centri Private CENTRI IMPRESE DI BANCA CR FIRENZE Toscana Empoli Santa Croce sull'arno Viareggio Siena Firenze Ovest Firenze Est Arezzo Livorno Prato Capalle Montevarchi Umbria Perugia I PRODOTTI La gamma dei prodotti e dei servizi forniti è ampia e differenziata, volta a soddisfare le molteplici richieste del mercato: i depositi a risparmio ed i conti correnti, i prestiti obbligazionari, il credito ordinario, agrario e speciale a breve ed a medio termine inclusi il leasing e il factoring, il credito al consumo, i mutui ipotecari, i servizi di incasso e pagamento, il risparmio gestito, la bancassicurazione, l intermediazione mobiliare, la finanza d impresa, il project financing, il servizio di riscossione tributi. IL PROCESSO DI CORPORATE IDENTITY A partire dal 2001 Banca CR Firenze, capogruppo, ha attivato un processo di revisione dell identità del Gruppo con l obiettivo di raccogliere sotto un unico nome e marchio tutte le banche appartenenti al gruppo stesso. La presenza di più banche, ciascuna portatrice della propria storia e identità, necessitava infatti di una sintesi formale che accomunasse tali diverse identità in un unica realtà quella di Gruppo capace di rendersi distintiva in un ambito fortemente concorrenziale. Tale processo ha innanzitutto puntato a definire la forma grafica del nuovo marchio, decisa nel corso del 2002, e il successivo processo di applicazione di tale marchio per tutte le banche del Gruppo. GRUPPO BANCA CR FIRENZE L adozione del marchio di Gruppo, in abbinamento a quello di ogni banca, ha comportato l adeguamento delle forme di comunicazione di tutte le Banche secondo linee-guida condivise, tali da rendere omogenea la comunicazione e, soprattutto, dar forza al marchio e all identità del Gruppo Banca CR Firenze. Sono quindi state adottate impostazioni grafiche comuni per tutto il Gruppo, sia su prodotti di comunicazione istituzionale sai nella comunicazione commerciale, contribuendo in questo modo al consolidamento di un immagine di Gruppo più forte, univoca e moderna, coerente con il suo posizionamento strategico e in grado di dare razionalità alla sua comunicazione. Emilia Romagna Bologna Totale 13 Centri Imprese 30 31

17 Orvieto, Panorama LA RELAZIONE SOCIALE

18 I CLIENTI CR Orvieto, coerentemente con le caratteristiche e le esigenze del tessuto economico-produttivo del territorio di riferimento, ha fatto la scelta strategica di focalizzarsi sulla Clientela Privati (Famiglie) e sulle Piccole e Medie Imprese. Prossimità al cliente, attraverso una forte capillarità territoriale, adozione di politiche commerciali per servire meglio i segmenti di clientela e soddisfarne le specifiche esigenze, utilizzo integrato di più canali distributivi, costituiscono le linee strategiche fondamentali seguite dalla Banca nei suoi processi di sviluppo. Sulla base di tale approccio, nel 2003 CR Orvieto ha progettato un nuovo modello distributivo, con implementazione nel corso del 2004, che prevede l adozione di modelli di servizio specifici per ciascun segmento. In particolare la raccolta indiretta, valorizzata a prezzi di mercato, a fine 2003 è attestata a 239,71 milioni di euro, con un calo dello 0,84% rispetto al 2002, connesso alla situazione avversa dei mercati mobiliari e alla pressante azione della concorrenza nell area Orvietana. La raccolta diretta è invece aumentata del 3,52%. I principali strumenti di raccolta diretta sono quelli tipici della raccolta a vista (i conti correnti passivi ed i depositi a risparmio costituiscono il 65,94%); seguono le obbligazioni ordinarie (22,18%) ed i certificati di deposito (7,55%). Molto consistente è stato l incremento delle obbligazioni CR Orvieto, passate da 58,65 a 98 milioni di euro (+67,1%); la ottima tenuta dei certificati di deposito (33,36 milioni di euro pari al 7,55% della raccolta diretta), quasi scomparsi nei dati delle altre banche anche a causa della fiscalità che li penalizza rispetto alle obbligazioni, testimonia il forte gradimento della clientela per questo tradizionale strumento di raccolta. Oltre l 83% della raccolta diretta proviene dai privati, l 82% circa proviene da residenti in Umbria, il 15,2% da residenti in provincia di Viterbo. COMPOSIZIONE DELLA CLIENTELA CR Orvieto annovera oltre clienti. Composizione clientela (al 31 dicembre 2003) N. % Privati ,14% Imprese con fatturato inferiore a 2,5 milioni di euro ,57% Imprese con fatturato superiore a 2,5 milioni di euro 236 0,62% Enti privati 206 0,53% Enti pubblici 52 0,13% Altro 9 0,01% Totale ,0% Fonte: Controllo di Gestione-Marketing GLI IMPIEGHI Nel 2003 gli impieghi netti a clientela ordinaria sono cresciuti del 21,00% rispetto all anno precedente. Tale aumento, è decisamente superiore a quello espresso dai mercati di riferimento. Ciò ha determinato un buon recupero di quote di mercato, avvenuto in sintonia con il miglioramento della qualità complessiva del credito e utilizzando forme tecniche più appropriate, meno rischiose per la banca e più efficienti per i clienti. Oltre il 90% dei crediti vengono concessi a privati ed imprese residenti in Umbria ed in provincia di Viterbo, storiche zone d insediamento della banca. LA RACCOLTA La raccolta totale a fine 2003 ha raggiunto 681,41 milioni di euro, con un aumento dell 1,94% rispetto all anno precedente. La raccolta negli ultimi 3 anni (milioni di euro) Raccolta diretta 401,71 426,66 441,70 Raccolta indiretta 243,41 241,73 239,71 Raccolta totale 645,12 668,39 681,

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato il modello distributivo integrato Cassa di Risparmio di Firenze - Banca CR Firenze, società per azioni quotata al listino ufficiale della Borsa Italiana dal luglio 2000, è la capogruppo del Gruppo Bancario

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La prima banca i lavoratori dipendenti Pag. 1 L offerta: sonalizzazione e sicurezza Pag. 3 Il credito al consumo: un settore in evoluzione Pag. 5 I dati economico-finanziari

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

PRODOTTI e SERVIZI BANCARI

PRODOTTI e SERVIZI BANCARI Allegato 4 Convenzione Nazionale CISL - UGF PRODOTTI e SERVIZI BANCARI Condizioni riservate alle strutture e dipendenti della CISL Premessa Nel presente allegato sono riepilogate le principali caratteristiche

Dettagli

Scopri il Conto di base

Scopri il Conto di base Un conto con spese molto contenute per tutti, senza canone né imposta di bollo per chi oggi è in difficoltà economiche e a canone zero o ridotto per i pensionati. LOGO BANCA Il Conto di base 6 Il Conto

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Microcredito La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Gennaio 2016 Normativa relativa al Microcredito in Italia. Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Tavola 19.1 Distribuzione Banche e sportelli per gruppi istituzionali di banche e per provincia - Anni 2002-2003-2004 di cui: Totale

Tavola 19.1 Distribuzione Banche e sportelli per gruppi istituzionali di banche e per provincia - Anni 2002-2003-2004 di cui: Totale Credito 19 CREDITO La presente sezione riporta i dati statistici di fonte Banca d Italia relativi al settore Credito nel Lazio. In particolare riporta i dati relativi all offerta di Banche e Sportelli,

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria BANCA ETRURIA Cartella Stampa 1 In Amministrazione Straordinaria Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa in amministrazione straordinaria Il Ministero dell Economia e delle Finanze,

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento; La carta dei servizi dedicati; La carta dei prodotti; Gli interventi

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

PRODOTTI E CONDIZIONI RISERVATE Agli iscritti Cassa Forense

PRODOTTI E CONDIZIONI RISERVATE Agli iscritti Cassa Forense PRODOTTI E CONDIZIONI RISERVATE Agli iscritti Cassa Forense Siamo a sottoporvi la nostra migliore offerta in merito ai seguenti servizi: Conti correnti per Clienti non consumatori Liberi Professionisti

Dettagli

SLF, un partner unico per le tue soluzioni di finanziamento. Leasing, noleggio, finanziamenti, consulenza.

SLF, un partner unico per le tue soluzioni di finanziamento. Leasing, noleggio, finanziamenti, consulenza. SLF, un partner unico per le tue soluzioni di finanziamento. Leasing, noleggio, finanziamenti, consulenza. SLF, per i tuoi progetti, le migliori soluzioni. Il gruppo SLF nasce alla fine degli anni Novanta,

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

LA PRESENTE ANNULLA E SOSTITUISCE INTEGRALMENTE LA COMUNICAZIONE A PROT. 51/2002 SERVIZIO NEGOZI FINANZIARI E PROMOTORI DEL 13/03/2002.

LA PRESENTE ANNULLA E SOSTITUISCE INTEGRALMENTE LA COMUNICAZIONE A PROT. 51/2002 SERVIZIO NEGOZI FINANZIARI E PROMOTORI DEL 13/03/2002. Disposizioni Operative per Agenzie Abilitate e Negozi Finanziari Bologna, 17 settembre 2003 COMUNICAZIONE N. 7/2003 Ai NEGOZI FINANZIARI Alle AGENZIE ASSICURATIVE ABILITATE Ai PROMOTORI FINANZIARI Alle

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Offerta riservata agli iscritti ASSARCO Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio - Napoli

Offerta riservata agli iscritti ASSARCO Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio - Napoli Offerta riservata agli iscritti ASSARCO Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio - Napoli Codice di Originazione (da fornire al Gestore BNL all apertura del conto) 306871389 F Offerta riservata

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita.

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita. DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. LA BANCA COME TU LA DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. VUOI Per Una banca che sia il mio consulente

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

tasso creditore: euribor 1 mese (media mese precedente) diminuito di punti 0,500 euribor 1 mese (media mese precedente) più 1,875 punt

tasso creditore: euribor 1 mese (media mese precedente) diminuito di punti 0,500 euribor 1 mese (media mese precedente) più 1,875 punt Riservata ai Comitati (Nazionale, Regionale e Territoriali) Società Sportive, Circoli e soci individuali (iscritti) a U.I.S.P. Unione Italiana Sport per tutti COMITATI (Nazionale, Regionali, Provinciali

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa BANCA ETRURIA Cartella Stampa Chi siamo La storia I nostri Valori Il Gruppo Banca Etruria nasce ad Arezzo e successivamente si consolida attraverso numerose fusioni e incorporazioni fra Banche Popolari

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA

CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA individuati CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA Che cos è l ISC L INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) è un indice definito da Banca d Italia per quantificare,

Dettagli

CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA

CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Offerta

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita.

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita. DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. LA BANCA COME TU LA DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. VUOI Per Una banca che sia il mio consulente

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

L offerta di Banca CR Firenze per l Ordine degli Avvocati di Firenze

L offerta di Banca CR Firenze per l Ordine degli Avvocati di Firenze L offerta di Banca CR Firenze per l Ordine degli Avvocati di Firenze Firenze, Dicembre 2011 1 LA RETE DI BANCA CR FIRENZE IN TOSCANA 275 sportelli in Toscana 118 sportelli in provincia di Firenze 1 Filiale

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Valore Professioni. UniCredit e Confprofessioni per il mondo delle libere professioni

Valore Professioni. UniCredit e Confprofessioni per il mondo delle libere professioni Valore Professioni UniCredit e Confprofessioni per il mondo delle libere professioni Global F&SME Marketing and Segments Small Business Offer Innovation Bologna, Novembre 2010 Valore Professioni è un iniziativa

Dettagli

Convenzione Ordine Dottori Commercialisti

Convenzione Ordine Dottori Commercialisti di endiadii Convenzione Ordine Dottori Commercialisti VENETO BANCA BANCA DEL GARDA BANCA DI BERGAMO BANCA MERIDIANA conto endiadi private un conto per le esigenze strettamente personali e familiari del

Dettagli

PATRIMONIO, FUTURO PRESENTE. TUTELIAMO IL PATRIMONIO E LA FIDUCIA DEI NOstri CLIENTI

PATRIMONIO, FUTURO PRESENTE. TUTELIAMO IL PATRIMONIO E LA FIDUCIA DEI NOstri CLIENTI PATRIMONIO, FUTURO PRESENTE. TUTELIAMO IL PATRIMONIO E LA FIDUCIA DEI NOstri CLIENTI Valori senza tempo e un orientamento comune La VOSTRA unicità e le nostre competenze si incontrano nel più ampio orizzonte

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO I RISULTATI PRELIMINARI DELL ESERCIZIO 1 AGOSTO 2014 31 DICEMBRE 2014 PRIMO BILANCIO D ESERCIZIO IN

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Attività federale di marketing

Attività federale di marketing Attività federale di marketing Gestione e certificazione delle sponsorizzazioni Il Feedback Web Nel piano di sviluppo della propria attività di marketing, la FIS ha adottato il sistema Feedback Web realizzato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA

COMUNICATO STAMPA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA Siglato in data odierna un protocollo d intesa per una partnership industriale di lungo periodo

Dettagli

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese

Dettagli

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it IL CONSORZIO STABILE Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni Agoraa.it indice Cos è un consorzio pag. 4 Il Consorzio Stabile Agoraa pag. 5 Valori pag. 6 Servizi pag. 8 Vantaggi pag.

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Ognuno di voi è unico.

Ognuno di voi è unico. www.unicospa.it Ognuno di voi è unico. Sede centrale: Lainate (Mi) - Via per Garbagnate 63 - tel. 02.93793500 - fax 02.93793218 Ognuno di noi è unico. È il maggiore distributore farmaceutico italiano interamente

Dettagli

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno Progetto Arti&Mestieri Protocollo di Intesa tra Comune di Salerno Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana CIDEC Salerno Pagina 1 di 7 Addì nove del mese di marzo dell anno 2011, a Palazzo di Città tra:

Dettagli

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI Premessa Ai sensi dell art. 2 comma 594 e 598 della Legge n.244/2007 (Legge Finanziaria 2008),

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 Introduzione APE è un Marchio che contraddistingue una catena di agenzie in affiliazione, che si occupano di servizi per la ristrutturazione e la manutenzione di

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012. Comunicato stampa. I pagamenti si effettuano con una fotografia

Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012. Comunicato stampa. I pagamenti si effettuano con una fotografia Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012 Comunicato stampa I pagamenti si effettuano con una fotografia I pagamenti si fanno con smartphone e tablet Effettuare i propri pagamenti dallo smartphone o tablet,

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli