QUADERNO DIDATTICO DELL INSEGNANTE NADIA ZALUNARDO CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA ALESSANDRO MANZONI DI AQUILEIA I. C. DON LORENZO MILANI - AQUILIEIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNO DIDATTICO DELL INSEGNANTE NADIA ZALUNARDO CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA ALESSANDRO MANZONI DI AQUILEIA I. C. DON LORENZO MILANI - AQUILIEIA"

Transcript

1 QUADERNO DIDATTICO DELL INSEGNANTE NADIA ZALUNARDO CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA ALESSANDRO MANZONI DI AQUILEIA I. C. DON LORENZO MILANI - AQUILIEIA PREMESSA Al progetto Adotta arte e scienza nella scuola ha partecipato la classe prima della scuola primaria di Aquileia, composta da 22 alunni di cui 13 maschi e 9 femmine (il livello della classe è mediobasso e al suo interno ci sono 2 bambini seguiti dall'insegnante di sostegno). La scuola funziona a tempo pieno (40 ore settimanali) dalle 8.30 alle Nell'orario settimanale si dedicano 3 ore alle attività di scienze. La programmazione svolta nelle ore di scienze fino all'inizio del progetto ha riguardato i 5 sensi e l'attività dello scienziato. I bambini sin dai primi giorni hanno dimostrato un gran interesse per la disciplina. Il progetto si è svolto nel periodo dicembre-maggio 2014 e ad esso si sono dedicate sia ore del mattino che del pomeriggio. Il presente quaderno è stato compilato e redatto in parte in itinere, in parte alla fine del percorso. Nella stesura di esso si è seguito il seguente schema, inviato dall'insegnante referente: OBIETTIVI OGGETTO DI VALUTAZIONE (La Professoressa Michelini diceva che gli obiettivi si metteranno alla fine, in quanto sono l arrivo e non la partenza) REGISTRO DELLE ATTIVITÁ PROPOSTE DALL INSEGNANTE DATA: TEMPO DEDICATO ALL ATTIVITÁ: (Scrivo il numero della fase in modo che ci sia corrispondenza con il progetto, descrivo l attività che faccio, ad esempio riporto le domande che pongo ai bambini/ragazzi, il contesto di attuazione, ) REGISTRO DELLE ATTIVITÁ/ RISPOSTE DEGLI ALUNNI (Riporto le risposte degli alunni alle mie domande, ai compiti assegnati, le loro domande, le loro ipotesi durante un esperimento, ) OB Dimostrare interesse nei confronti di un'attività proposta. Data: 22 novembre 2013 Fase: 2 Tempo: 60 minuti La luce: conversazione sulla luce e raccolta da parte dell'insegnante delle riflessioni e definizioni dei bambini su di essa. Rappresentazione della luce su un foglio da disegno. L'insegnante chiede ai bambini: Cos'è la luce? Rispetto alla domanda posta dall'insegnate quasi tutti hanno dato delle risposte, anche se alcuni ripetevano quelle dei compagni. Dopo i vari interventi, concordando con gli alunni le scelte, la docente ha scritto a computer, in quanto i bambini non erano ancora in grado di scrivere autonomamente, le seguenti definizioni: LA LUCE E' UNA COSA CHE PUOI VEDERE E NON HAI PIU' PAURA E' UNA LAMPADINA CON DENTRO UN FILETTO LA LUCE BRILLA IL SOLE E' FATTO DI FUOCO E SI PUO' VEDERE TUTTO CON LA LUCE PUOI VEDERE OB Dimostrare interesse nei confronti di un'attività proposta.

2 Data: 9 dicembre 2013 Fase: 1 Tempo: 15 minuti Assegnazione come compito per casa della seguente consegna: Cerca su riviste, giornali o Internet immagini sulla luce COMPITO DI SCIENZE - PER LUNEDI' 16 DICEMBRE PORTA IMMAGINI VARIE (ANCHE DI OPERE D'ARTE) DI FENOMENI CHE RIGUARDANO LA LUCE (DA RIVISTE, INTERNET, FOTO, ECC.). Tutti si sono dimostrati disponibili alla ricerca. Alcuni bambini hanno chiesto cosa voleva dire immagini sulla luce. L'insegnante ha spiegato di ricercare immagini riguardanti tutte le cose legate alla luce di cui avevamo parlato nella lezione precedente. OB Dimostrare interesse nei confronti di un'attività proposta Data: 16 dicembre 2014 Fase: 1 Tempo: - Raccolta delle immagini portate sulla luce dai bambini e classificazione di esse da parte dell'insegnante. I bambini hanno portato molte immagini: solo 3 alunni non hanno portato nulla. Le immagini sono di vario tipo: ritagli di giornale, stampe di foto personali, stampe di foto recuperate in Internet. Tra esse l'insegnante ha selezionato un campionario di circa 30 immagini, scartando quelle che presentavano doppioni o fenomeni difficilmente classificabili e per la classificazione di esse da parte del docente si è ricorsi all'aiuto della Prof.. Michelini (Vedi allegato 2: in cui sono raccolte) OB Classificare immagini sulla luce date Data: 17 e 24 febbraio 2014 Fase: 4 Tempo: 3 ore circa Classificazione individuale delle immagini sulla luce portate dagli alunni. Nelle ore di compresenza con l'insegnante di italiano, l'insegnante ha portato fuori dalla classe un bambino alla volta per eseguire la classificazione. Tutti sono usciti volentieri, anche se qualcuno ha mostrato indecisione e imbarazzo alla richiesta di riordinare le immagini. Per le risposte date vedi allegato 3.

3

4

5 OB Classificare collettivamente immagini sulla luce Data: 7 marzo 2014 Fase: 5 Tempo: 15 minuti circa Affissione di tutte le immagini portate dai bambini sulla luce a una parete dell'aula e osservazionee collettiva di esse. I bambini a uno a uno, su richiesta dell'insegnante hanno attaccato al muroo un'immagine a testa. Tutti hanno dimostrato di teneree in considerazione il compito e di essere orgogliosi delle proprie immagini.

6

7 OB Eseguire una classificazione spontanea collettiva Data: 10 marzo 2014 Fase: 5 Tempo: 1 ora e 20 minuti Osservazione di tutte le immagini sulla luce appese in classe e formulazione orale di alcune ipotesi di classificazione di esse. Agli alunni è stato proposto di mettere assieme, spostandole, le immagini in casette vuote (preparatee precedentemente su dei cartelloni) e di dare a ciascuna un nome. I bambini hanno classificato le immagini nell seguente modo: FUOCO LAMPADINE E CANDELE NEVE FULMINI GROTTE TRAMONTI Sul quaderno poi ognuno ha rappresentato lee casette disegnando inn ciascuna qualche immagine. OB Eseguire una classificazione fenomenologica Data: 14 marzo e 17 marzo 2014 Fase: 6 Tempo: 1 ora e 20 minuti Classificazione collettiva (guidata dall'insegnante) di tutte le immagini portate dai bambini sulla luce. Ai bambini l'insegnante ha suggerito di mettere le immagini nelle n casette come farebbero gli

8 scienziati e ha dato a ciascuna il nome scientifico ( di scienze ). Una U volta dato il nome alla prima casetta e suggerito sommariamente il suo significato senza spiegare il fenomeno (sorgente di luce per esempio) quasi tutti sono stati sorprendentemente in grado di riconoscere r tra le immagini quellee di tale tipologia e di collocarle nella casetta giusta. L'insegnante inizialmente ha chiamato i volontari e poi tutti gli altri. Le immagini sono state così classificate: SORGENTI DI LUCE SORGENTI DI LUCE NELL'UNIVERSO RIFLESSIONEE LUCI E OMBRE MOTO RETTILINEO RIFRAZIONE DIFFUSIONE DISPERSIONE OPERE D'ARTE

9

10

11

12 In data 21 marzo 2014 i bambini hanno registrato sul quaderno l'attività svoltaa (vedi allegato 4). OB Classificazione delle sorgenti di luce in naturali e artificiali Data: 24 marzo 2014 Fase: 7 e 8 Tempo: 1 ora e 20 minuti Scoperta del significato di sorgente di luce e distinzione delle sorgenti in naturali e artificiali. Dopo aver analizzato alcune sorgenti di luce presenti a scuola (neon della classe, pila) e aver osservato le sorgenti presenti nelle immagini l'insegnante ha guidato i bambini a chiedersi qual era la differenza tra esse e un bambino ha avuto l'intuizione di dire che alcunee sono fatte dall'uomo. L'insegnante ha introdotto così i termini t di sorgente di luce naturale e artificiale. I bambini hanno poi rappresentato sul quaderno le immagini divise in due colonne a seconda della loro tipologia. Tutti si sono dimostrati partecipi e abbastanza interessati. OB Eseguire esperimenti e osservare le varie fasi di essi Data: 28 e 31 marzo 2014 Fase: 9 Tempo: 1 ora e 20 minuti Esecuzionee dell'esperimento con la scatola fumo e registrazione sul quaderno di quanto osservato. L'insegnante ha proposto ai bambini di scoprire quale è la strada che c percorre la luce quando parte da una sorgente di luce. Si è effettuato l'esperimento con la scatolaa fumo con il puntatore laser (vedi allegato 4). I bambini hanno osservato che laa luce percorre una strada diritta e l'insegnante quindi ha introdotto il termine rettilineo per definire la strada della luce. A fine esperimento Giulio ha

13 chiesto Cosa succedee se si punta il puntatore su uno specchio?. OB Eseguire esperimenti e osservare le varie fasi di essi Data: 7 e 11 aprile 2014 Fase: 9 Tempo: 1 ora e 200 minuti Esecuzionee di alcuni esperimenti sulla riflessione e registrazione sul quaderno di uno di esso e di quanto osservato. Prendendo spunto dalla domanda posta daa un bambino nella lezione precedente l'insegnante ha riproposto l'esperimento della scatola fumo puntando il puntatore su uno specchietto (vedi allegato 4). I bambini hanno osservato che dallo specchio partiva un'altra strada s della a luce e che questa era obliqua e meno luminosa. Inoltre hanno osservato, anche, che sul fondo della scatola si s vedevano 2 puntini luminosi. Federico B. ha suggeritoo che i puntini erano il riflesso r della luce. Per Nora erano i puntini del puntatore. L'insegnante ha introdotto così il fenomeno della riflessione. Sii sono fatte poi delle esperienze di riflessione usandoo lo specchio e la carta stagnola, prima intera e poi spiegazzata. I bambini si sono divertiti molto e alla fine guardando le immagini Alessio ha osservato che l'acqua è come uno specchio perché vi si riflette la montagna. Erin ha puntualizzato che questo succede perché c'è il sole. s OB Eseguire esperimenti e osservare le varie fasi di essi Data: 14 e 28 aprile 2014 Fase: 9 Tempo: 1 ora e 20 minuti Esecuzionee di alcuni esperimenti sulla rifrazione e registrazione sul quaderno di uno di esso e di

14 quanto osservato. Entusiasti per gli esperimenti fatti fino a quel momentoo in classe, i bambini hanno portato a scuola alcuni libri di esperimenti. L'insegnante dunque ne ha scelto uno opportuno, a suo parere, per continuare il percorsoo sulla luce.. In un contenitore trasparente si è posto un bastoncinoo di incenso infilato nel pongo e si è versata dell'acqua. Si è acceso poi l'incenso e chiuso il contenitore con il coperchio: si è puntato quindi il puntatore laser sul fumo e sull acqua (vedi allegato 4). Prima di ciò l'insegnante aveva chiesto ai bambini se, secondo loro, la luce avrebbe a attraversato l' acqua e 12 bambini avevano risposto di sì, 8 di no. I bambini hanno così osservato che la luce del laser non si vedeva in acqua e poi usciva piegata. L'insegnante ha spiegato a questo punto il fenomeno della rifrazione: si è osservato quindi come si vedeva lo stick di incenso dentro e fuori dell'acqua e si è provato poi a mettere e a toccare vari oggetti nell'acqua (cannuccia, pennarello, matita) osservandoo il fenomeno e come la nostra percezione della posizione degli oggetti o inganni. I bambini hanno raccontato le loro esperienze in merito in piscina quando inciampano nei gradini e all mare. Si è poi provatoo a osservare invece, da vari punti di vista, un oggetto completamec ente immerso in acqua, come una moneta. I bambini hanno notato che ne vedevano più d'una.

15 OB Eseguire esperimenti e osservare le varie fasi di essi Data: 2 e 5 maggio 2014 Fase: 9 Tempo: 1 ora 20 minuti Esecuzionee di alcuni esperimenti su luci e ombre. Rappresentazione sul quaderno di un esperimento su luci e ombre. L'insegnante ha portato a scuola 2 torce di intensità diversa e alcune sagomee di carta fissate su un bastoncino. Oscurata l'aula, inizialmente i bambini hanno giocatoo con le torce a formare ombre e hanno osservato che la luce nonn oltrepassaa gli oggetti ma fa un' ombra e poi anche che l'ombra assomigliaa all'oggettoo ma non è uguale e che è più scura con laa pila più forte (vedi allegato 4). L'insegnante ha così spiegato le ombre e poii ha proposto ai bambini, usando la sagoma di un cane e di un canile, di far entrare il cane nel canilee spostandoo le torce. Anche A in queste attività i bambinii hanno mostrato grande interessee e partecipazione. Alcuni hanno poi raccontato le loro esperienzee personali in materia. Federico D. ha raccontato che a volte vede 2 ombre o 4 di sera al campo di calcio. Andrea ha detto che gli è capitato di vedere con gli occhiali l'arcobaleno.

16

17 OB Eseguire esperimenti e osservare le variee fasi di essi Data: 8 maggio 2014 Fase: 9 Tempo: 1 ora e 20 minuti Esecuzionee di alcuni esperimenti sul colore e sulla dispersione e registrazione sul quaderno di quanto osservato. Riprendendo le riflessioni fatte dai bambini nella lezione precedente l'insegnante ha proposto nuovi giochi sulla luce, vista anche la bella giornata di sole che si presentava quel giorno. Si è posto così sulla finestra dell'aulaa un vaso dii vetro pieno d'acqua per osservare come i raggi del sole, che stavaa alzandosi in cielo, l' 'avrebbero colpito. Sii è riproposto poi un esperimento con il contenitoree trasparentee e l'acqua: in esso è stato fissato con il pongoo uno specchio inclinato e poi con la torcia si è puntato lo specchio e si è messo davanti ad esso un foglio di carta bianca, spostandoloo fino a che non si riusciva a vedere qualcosa. I bambinii hanno osservato che a un cero punto si vedeva un po' di arcobaleno (vedi allegato 4). L'insegnante ha così spiegato chee l'acqua separa la luce bianca nei suoi diversi colori e il fenomeno della dispersione. Si è così provato a formaree un nuovo arcobalenoo usando un prisma e una torcia. Sii è poi giocato con il disco colorato (disco di Newton) per vedere se si riusciva a formare ancora la luce bianca.

18

19

20

21 OB Registrare gli interessi di ciascun bambino Data: 9 maggio 2014 Fase: 11 Tempo: 10 minuti Registrazione delle preferenze di ciascunn bambino rispetto aii fenomeni i sulla luce affrontati Per fare una verifica dell'attività svolta e valutare anche la terminologia usata dai bambini è stato chiesto a ognuno di scrivere su un fogliettinoo cosa gli è piaciuto di più tra gli argomenti sulla s luce. I bambini hanno dato le seguenti risposte: FEDERICO: B Riflessione. MARTINA: Moto rettilineo, perché l'albero era bellissimo. SIMONA: Moto rettilineo, perché c'era la luce che era diritta e perché si vede certe volte. ALESSANDRO C.: Luci e ombre. ALESSIO: A me è piaciuto il moto rettilineo, perché c'erano le nuvole e il solee che batte con la luce. FEDERICO D.: Mi è piaciuto di più la diffusione. ALESSANDRO D.: Riflessione perché la luce si rifletteva. AUGUSTO: Moto rettilineo. ANDREA: La rifrazione perché quando ti vedi ti sembra di essere distrutto. GIULIO: - PAOLO: A me è piaciuta la riflessione. ERIN: Riflessione perché l'acquaa fa come uno specchio. LUCA: Moto rettilineo perché c'è la luce. CHIARA: Riflessionee perché le cose che erano vicino all'acqua si riflettevanor o. GINEVRA: Sorgenti di luce. FRANCESCO: Luci e ombre perché mi piace vederle.

22 SERENA: Mi è piaciuta la foto delle ballerine blu. ANTONIO: Devi cercare nello spazio: c'è laa chiave di cosa mi è piaciuto di più della luce. MATTEO: Tutti i colori dell'arcobaleno. GAIA: Riflessione perché si possono riflettere tante cose belle. NORA: Mi è piaciuta la riflessione perché sii riflette il disegno. CAMILLA: Sorgenti di luce nell' 'universo. Qualche bambino ha anche rappresentato nel foglietto il fenomeno. Dalle risposte evince che per i bambini il riferimento alle immagini appese e classificate è moltoo forte e che i vari fenomeni hanno tutti avuto almeno una preferenza. Non tutti, nel disegno fatto successivamentee per il Concorso, hanno poi rappresentato il fenomenoo più gradito. OB Osservare i fenomeni della luce in operee d'arte Data: 13 maggio 2014 Fase: 100 Tempo: T Uso della LIM per visionare alcune opere d'arte in cui sono riconoscibili fenomeni sulla luce. l Si sono utilizzate le immagini del sito Esplica, in compresenz a con l'insegnante di immagine. L'insegnante di scienze presentava il titolo dell'opera e l'autore e chiedeva ai bambini di dire qual era, secondo loro, il fenomenoo sulla lucee rappresentato. Un piccolo p gruppo di bambini si è dimostratoo molto partecipe, entusiasta e preparato. Tra questi un bambino ha riconosciutoo un'immagine da lui portata.

23 OB Eseguire una rappresentazione personalee che si riferisca ai fenomeni sullaa luce studiati Data: 16 e 19 maggio 2014 Fase: 100 Tempo: T 2 ore Esecuzionee del disegno sui fenomeni della luce per partecipare al concorso. c I bambini hanno eseguito i disegni per il concorso a scuola. Unaa parte di essi ha usato i colori a matita sfumando i disegni e usando anche brillantini, una parte ha usato i pennarelli, un piccoloo gruppo la tecnica mista (vedi disegni pubblicati su Facebook). Alcuni A vi hanno posto particolare cura. L'insegnante ha preferito partire dal disegno e non dalla frase in quantoo ha ritenuto che per il livello della classe tale compitoo era più facile e concreto. Nell' 'esecuzione e dei disegni ha avuto grande influenza il lavoro di osservazione delle opere d'arte fatto con la LIM, che ha colpito alcuni alunni in modo particolare. OB Saper formulare una frase relativa alla rappresentazione eseguita e suii fenomeni della luce studiati Data: 20 maggio 2014 Fase: 100 Tempo: 1 ora e 30 minuti Formulazione individuale della frase accompagnatoria del disegnoo sui fenomeni della luce. L'insegnante, ha portato fuori dal gruppo classe un bambino allaa volta e ha a chiesto a ciascuno di osservare il disegno e di esprimere quanto ha rappresentato e prendendo nota delle varie frasi.

24 Alcuni bambini hanno avuto difficoltà nell'esprimersi, pochi si sono dimostrati sicuri. OB Valutare le conoscenze acquisite dai bambini sui fenomeni studiati Data: 23 maggio 2014 Fase: 11 Tempo: 2 ore Interrogazione orale sui fenomeni della luce. Tutti gli alunni, anche quelli con difficoltà hanno dimostrato di aver interiorizzato i fenomeni affrontati e anche la terminologia. OB Esercitare gli alunni nella lettura delle frasi sulla luce da loro formulate Data: 26 e 27 maggio 2014 Fase: 10 Tempo: 30 minuti In preparazione al Convegno di Udine uso della LIM per esercitare gli alunni a leggere la frase. I bambini con difficoltà nella lettura hanno fatto esercizio anche a casa. OB Presentare un lavoro svolto e partecipare a un evento all'università Data: 28 maggio 2014 Fase: 11 Tempo: 3 ore Partecipazione al Convegno a Udine. L'intera classe, accompagnata dai genitori, ha partecipato alla manifestazione, ad eccezione di due bambini che comunque hanno aderito al concorso. OB Ripassare argomenti studiati in classe Data: 9 giugno 2014 Fase: 11 Tempo: 1 ora Ripasso di tutti gli argomenti affrontati sulla luce. Osservando i cartelloni in classe, dialogando con i bambini e riguardando le immagini sulla luce si è fatto un ripasso generale dell'argomento. CONCLUSIONI Al termine del lavoro effettuato le considerazioni da fare sull'attività svolta sono molte: l'esperienza è stata senza dubbio positiva e significativa e l'interesse che i bambini hanno dimostrato è stato forte e prolungato. Molti di essi in momenti diversi hanno continuamente osservato fenomeni riguardanti la luce attorno a sé, sia a scuola che a casa, e oltre a riferirli e a parlarne hanno chiesto più volte spiegazioni in merito. Inoltre nelle varie attività le curiosità e le osservazioni lasciavano spazio a ulteriori sviluppi che non sempre l'insegnante ha saputo o potuto cogliere. In particolare i maschi hanno dimostrato un amore per le scienze che anche l'insegnante di lingua ha colto e valorizzato, sollecitandoli a scrivere un diario, anche durante le vacanze estive dei loro esperimenti (anche per esercitarli nella letto-scrittura). Purtroppo il tempo dedicato alle scienze nella scuola primaria è circoscritto e l'insegnante di scienze, in una scuola a tempo pieno, deve portare avanti, parallelamente anche le programmazioni di matematica, geografia e scienze motorie, per cui non sempre è stato possibile sviluppare gli argomenti quando si presentavano. Inoltre, per documentare quanto svolto, con bambini di questa età (per non perdere la loro concentrazione) sarebbe stato opportuno lavorare in compresenza (impossibile in base all'orario scolastico). Il collegamento,

25 infine, del lavoro di scienze con le opere d'arte è stato magico e ha coinvolto ancora di più i bambini, soprattutto i più sensibili e quelli con qualche difficoltà. BIBLIOGRAFIA L'enciclopedia attiva della scienza - Editoriale Scienza Il buio è una luce nera. Scienze nella scuola elementare a cura di Giuliana Cavaggioni - Edizioni Università di Trieste Scatola gioco FX-EFFETTI SPECIALI - Clementoni

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON LORENZO MILANI» DI AQUILEIA IL TEMA DEI FENOMENI OTTICI IN PROSPETTIVA VERTICALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON LORENZO MILANI» DI AQUILEIA IL TEMA DEI FENOMENI OTTICI IN PROSPETTIVA VERTICALE NELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO «DON LORENZO MILANI» DI AQUILEIA IL TEMA DEI FENOMENI OTTICI IN PROSPETTIVA VERTICALE NELLA SCUOLA PRIMARIA SEQUENZA CONCETTUALE AFFRONTATA 1. FORMULAZIONESCRITTADAPARTEDEIBAMBINI

Dettagli

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Progetto PRO.VA.RE PROgettare per VAlutaRE in Scienze Istituto Capofila: I.C. di Trescore

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE Gruppo : DOCENTI DI CLASSE TERZA Ordine di Scuola: PRIMARIA Istituti coinvolti: ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO Classi/anni: CLASSI TERZE /ANNI NOVE Competenze:

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico Scuola primaria Capraia Isola Pluriclasse (classi terza e quinta):

Dettagli

LA LUCE E IL FUOCO. Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna SCHEDA SINTETICA

LA LUCE E IL FUOCO. Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna SCHEDA SINTETICA SCHEDA SINTETICA LA LUCE E IL FUOCO Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna Sede: 33034 Fagagna (UD) - Via del Castello 1 Tel. 0432 800258 Fax. 0432

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA?

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? Mi fa pensare all'oscurità, perchè l'ombra è oscura, nera e paurosa. Penso ad un bambino che non ha paura della sua ombra perchè è la sua. Mi fa venire in

Dettagli

MICHELA LA BELLA 5 C INTERFERENZA DELLA LUCE

MICHELA LA BELLA 5 C INTERFERENZA DELLA LUCE MICHELA LA BELLA 5 C INTERFERENZA DELLA LUCE I giorni 25 gennaio e 10 febbraio 2013 io Michela La Bella della classe 5 C insieme ad alcuni miei compagni ho partecipato alla giornata "scuola aperta". Questo

Dettagli

DI SEGNARE PER IMPARARE

DI SEGNARE PER IMPARARE DI SEGNARE PER IMPARARE A scuola di Guggenheim è un programma formativo, arrivato alla sua decima edizione, rivolto a tutte le scuole del Veneto, di ogni ordine e grado, realizzato attraverso la collaborazione

Dettagli

Lunedì 18 febbraio (tempo: 2 ore)

Lunedì 18 febbraio (tempo: 2 ore) Lunedì 18 febbraio (tempo: 2 ore) Alice ha portato a scuola il suo criceto di nome Popi La sua presenza ha suscitato l interesse di tutti i bambini, che lo hanno potuto osservare in gabbia ma anche all

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

scienza come gioco vedo

scienza come gioco vedo IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Raggi di

Dettagli

La luce: materiali, colori, visione

La luce: materiali, colori, visione PROGETTO DI DIDATTICA ORIENTATIVA Laboratorio Fisico-Chimico per un curricolo verticale tra scuole di istruzione secondaria di 1 e 2 grado. La luce: materiali, colori, visione La finalità del progetto

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico CURRICOLO DI SCIENZE A.S. 2013-2014 I MATERIALI: CLASSE PRIMA

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico Orientarsi con il sole Istituto Comprensivo Carrara e Paesi a

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA HANNO PARTECIPATO AL CORSO DI FORMAZIONE TUTTE LE SCUOLE DELL INFANZIA PIMPA DI AQUILEIA Insegnante Titotto MICHIELI DI FIUMICELLO Insegnante Puntin (Che proporranno

Dettagli

I Lezione. II Lezione

I Lezione. II Lezione I Lezione Ho fatto il test sui prerequisiti dell'unità di apprendimento La luce e le sue illusioni ottiche. Gli esercizi erano in totale 17, tra cui 8 saperi e 9 i saper fare. La durata del test è stata

Dettagli

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Cosa serve per vedere Didattica della Fisica A.A. 2009/10 Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Per poter vedere un oggetto è necessario che un fascio di luce emesso da una sorgente

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

EDUCAZIONE SCIENTIFICA

EDUCAZIONE SCIENTIFICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO SCUOLA DELL INFANZIA EDUCAZIONE SCIENTIFICA Destinatari: bambini anni 3 4-5 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO SCUOLE DELL INFANZIA DI: Campagnola Cr.,

Dettagli

L'organizzazione della giornata e della settimana tipo. Spunti per la programmazione. Verona, 12/06/2012 Relatrice: dott.

L'organizzazione della giornata e della settimana tipo. Spunti per la programmazione. Verona, 12/06/2012 Relatrice: dott. L'organizzazione della giornata e della settimana tipo. Verona, 12/06/2012 Relatrice: dott.ssa Elena Ziviani Suggerimenti in generale 1. Creare delle routine: la ciclicità e il ripetersi dell'organizzazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO CLASSI QUARTE A/B Collocazione del percorso effettuato nel

Dettagli

Corsista: ins.olivieri Lorenza. 1 Circolo Didattico Ortona ch

Corsista: ins.olivieri Lorenza. 1 Circolo Didattico Ortona ch Corso di formazione per docenti Titolo:sviluppare modalità di pratica per potenziare l apprendimento scientifico Sede:istituto De Titta comune Lanciano ch Corsista: ins.olivieri Lorenza 1 Circolo Didattico

Dettagli

SITUAZIONE DELLA CLASSE

SITUAZIONE DELLA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

4. Ombre e luce Un percorso didattico sulla luce

4. Ombre e luce Un percorso didattico sulla luce 4. Ombre e luce Un percorso didattico sulla luce Elena Tuzzi Introduzione Il momento più problematico dell attività didattica è l inizio: come introdurre l argomento, come strutturare il percorso, quali

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento 1 Il progetto Il progetto ha coinvolto alunni e docenti dei plessi dei tre ordini scolastici dell Istituto

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 1 Indice Componenti del gruppo di lavoro pag. 2 Premessa pag. 3 Descrizione dell'attività di laboratorio pag. 4 Verifica

Dettagli

FARE SCIENZA A SCUOLA

FARE SCIENZA A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/16 PROGETTO DI RICERCA AZIONE (Sviluppo del pensiero scientifico) FARE SCIENZA A SCUOLA NOI LA LUCE E LE OMBRE NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Dettagli

FISICA GOVONE ESPERIMENTI DI FISICA PER LA SCUOLA ELEMENTARE. Realizzazione di. Lucia Baratella Sara Tidu Maria Teresa Prandi. prof.

FISICA GOVONE ESPERIMENTI DI FISICA PER LA SCUOLA ELEMENTARE. Realizzazione di. Lucia Baratella Sara Tidu Maria Teresa Prandi. prof. FISICA GOVONE ESPERIMENTI DI FISICA PER LA SCUOLA ELEMENTARE Realizzazione di Lucia Baratella Sara Tidu Maria Teresa Prandi prof. Renato Giri del Liceo Classico Govone di Alba Alba 1 Giugno 2013 Introduzione

Dettagli

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica lettera ai genitori : informazioni sul progetto Alle famiglie degli alunni della classe II B della Scuola Primaria Virgilio Giotti. Oggetto: Educazione stradale e attività scientifiche collegate. La sottoscritta

Dettagli

PRIMO APPROCCIO ALLA STATISTICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PRIMO APPROCCIO ALLA STATISTICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO APPROCCIO ALLA STATISTICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell infanzia Don Lorenzo Milani Sezioni 3-4-5 anni IC Barberino di M.llo Insegnanti: Annalisa Dell anno Barbara Scarpelli Anna M. Brunetto

Dettagli

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006 Aula Magie Mi sento così Progetto sulla consapevolezza emotiva Anno scolastico 2005/2006 Scuola provinciale dell infanzia Rione Sud ROVERETO (TRENTO) Quest'anno abbiamo deciso di aderire, come scuola,

Dettagli

La scoperta dei gusti personali è importante per evidenziare le differenze e cominciare a superare l egocentrismo infantile.

La scoperta dei gusti personali è importante per evidenziare le differenze e cominciare a superare l egocentrismo infantile. Alla scoperta dei gusti personali. 1 La scoperta dei gusti personali è importante per evidenziare le differenze e cominciare a superare l egocentrismo infantile. Colora il tuo cibo preferito; se non è

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE...

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... INSEGNANTI: SIMONA MINNUCCI MICHELA BASTIANI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 CLASSE: SECONDA TEMPI: GENNAIO-GIUGNO OBIETTIVO FORMATIVO ESPLORARE LA REALTÀ ATTRAVERSO ESPERIENZE

Dettagli

DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA

DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA Tenuto da Florian Reischauer ed Elena Capra per La Casa di Ibrahima, Keur Massar, Senegal Durata dal 16 Febbraio all 8 Marzo 2012 Partendo

Dettagli

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di primo grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo materiale è quello di fornire i presupposti

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CARVICO SOTTO IL M. VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARVICO CURRICOLO DI L2 /L3 classe prima A.S. 2010/2011 OBIETTIVI FORMATIVI (i nostri OSA) COMPETENZE (Fioroni) Utilizza

Dettagli

Progettazione Dipartimentale

Progettazione Dipartimentale PROGETTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO A CURA DEL DIPARTIMENTO DI ARTE E IMMAGINE Progettazione Dipartimentale Anno scolastico 2012/2013 Piano di studio personalizzato di Arte e immagine Anno scolastico

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROSPETTIVA MONDIALISTICA. Mappa Concettuale. AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali)

PROSPETTIVA MONDIALISTICA. Mappa Concettuale. AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali) AMBIENTE: Cinque diavoletti di Sarah Dyer PROSPETTIVA MONDIALISTICA Unità di Lavoro: Ambiente Scuola dell Infanzia 5 anni Mappa Concettuale AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali) in

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA Tempo Tema Destinatari Evento e progettazione delle attività Organizzazione Campi di esperienza e Obiettivi formativi e di apprendimento Settembre-Ottobre Io quaggiù, il cielo

Dettagli

Classe seconda scuola primaria

Classe seconda scuola primaria Classe seconda scuola primaria Il percorso di seconda cerca di approfondire le differenze tra le principali proprietà delle figure geometriche solide, in particolare il cubo, e di creare attività di osservazione

Dettagli

Scuola dell infanzia Andersen GRUPPO BAMBINI DI 5 ANNI Periodo Gennaio Febbraio 08. Ins. Chinellato A. Padoan M.

Scuola dell infanzia Andersen GRUPPO BAMBINI DI 5 ANNI Periodo Gennaio Febbraio 08. Ins. Chinellato A. Padoan M. Scuola dell infanzia Andersen GRUPPO BAMBINI DI 5 ANNI Periodo Gennaio Febbraio 08 Ins. Chinellato A. Padoan M. Documentazione a cura di Chinellato Alessandra Obiettivi formativi Sviluppo delle capacità

Dettagli

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta Percorso di Storia e Geografia per la classe seconda della Scuola Primaria Insegnante: Di Nucci Nicoletta Questo percorso è stato svolto nelle classi seconde, nell anno scolastico 2007/2008. In teoria

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

L'osservazione dell'ambiente classe, delle dinamiche relazionali che in esso si sviluppano e dei processi di apprendimento che vi si attivano.

L'osservazione dell'ambiente classe, delle dinamiche relazionali che in esso si sviluppano e dei processi di apprendimento che vi si attivano. Università degli Studi di Udine Scuola di Specializzazione per l insegnamento nella Scuola Secondaria Sede di Udine via Petracco, 8, 33100 Udine tel. **39 432 556398/0 fax ** 432 556391 TITOLO: Osservazione

Dettagli

FASI DEL PERCORSO FORMATIVO

FASI DEL PERCORSO FORMATIVO FASI DEL PERCORSO FORMATIVO 1. Presentazione del corso di formazione 2. Scelta della tematica centrale 3. Formazione dei gruppi di lavoro secondo i seguenti criteri: Ambiti disciplinari di appartenenza

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

Gita alla fattoria. Gli animali (cavallo, cane, mucca ) Elementi naturali (fiore, albero, prato...)

Gita alla fattoria. Gli animali (cavallo, cane, mucca ) Elementi naturali (fiore, albero, prato...) Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Esprimere e motivare preferenze riguardo agli animali (Il mio animale preferito è... perché ) Raccontare un evento accaduto nel passato Comprendere un testo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Castiglione dei Pepoli - Camugnano (BO)

Istituto Comprensivo di Castiglione dei Pepoli - Camugnano (BO) Istituto Comprensivo di Castiglione dei Pepoli - Camugnano (BO) a.s. 2002/2003 PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DIDATTICA: L INSEGNAMENTO DELL AREA GEO STORICO SOCIALE ATTRAVERSO LA COSTRUZIONE DEI QUADRI DI

Dettagli

Come potenziare l'attenzione negli alunni con difficoltà

Come potenziare l'attenzione negli alunni con difficoltà Come potenziare l'attenzione negli alunni con difficoltà marzo 2013 Gianluca Perticone - Aidai Toscana Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia Università di Firenze di cosa parliamo importanza

Dettagli

Progetto Arimat ricerca matematica attiva A.S. 2011-2012

Progetto Arimat ricerca matematica attiva A.S. 2011-2012 Progetto Arimat ricerca matematica attiva A.S. 2011-2012 "Dati e previsioni: un percorso curricolare Marialaura Lapucci Direzione Didattica Figline Valdarno SEMINARIO NAZIONALE CIDI SUL CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingua straniera : Inglese, Francese

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingua straniera : Inglese, Francese PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE I SEZ. A ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Lingua straniera : Inglese, Francese Tempo prolungato Numero alunni 19, di cui 4 maschi e 15 femmine Composizione

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO FINALITA Favorire il piacere allo studio GENERALI Acquisire un efficace metodo di studio Acquisire una buona autonomia di lavoro a scuola e a casa.

Dettagli

Obiettivi. Scoprire alcune proprietà delle ombre Conoscere le condizioni necessarie affinché si possa creare l ombra;

Obiettivi. Scoprire alcune proprietà delle ombre Conoscere le condizioni necessarie affinché si possa creare l ombra; Laboratorio didattico scientifico Ombre Classe 1 B Plesso Fonte Grande Direzione Didattica 1 Circolo Ins. Olivieri Lorenza Obiettivo formativo Sviluppare capacità di: osservazione, porre domande e sollecitare

Dettagli

C.L. e inserimento bambini HC. ins. Fabrizia Monfrino

C.L. e inserimento bambini HC. ins. Fabrizia Monfrino C.L. e inserimento bambini HC ins. Fabrizia Monfrino Scuola: I circolo di Giaveno (To) Disciplina: scienze Classe: 2 elem Anno scolastico: 2002/2003 Analisi classe: Scuola: 2 elementare a tempo pieno Classe:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Dalla biodiversità alla luce La visione

Dalla biodiversità alla luce La visione Istituto d Istruzione Superiore C. POERIO Foggia Presidio Territoriale Presidio Territoriale Dalla biodiversità alla luce La visione Presentazione Moro Patrizia 2 Circolo didattico E. De Amicis - Foggia

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 RICERCA-AZIONE Insegnare per competenze: Lo sviluppo dei processi cognitivi Scuola Elementare Fiorentino DESCRIZIONE DELL ESPERIENZA Docente: Rosa

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Prima Pipolo Giulia Primaria G. Giusti Sezione A Disciplina Storia Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015-2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza Scuola dell Infanzia Don Lorenzo Milani Sezione tre anni Anno scolastico 2012-2013 2013 Insegnanti: Dell Anno ell Anno Annalisa Scarpelli Barbara LA TERRA PORTATA

Dettagli

Natale nei cieli di Mirò

Natale nei cieli di Mirò Natale nei cieli di Mirò Al corso #miramirò a seguito visita mostra di #miromantova abbiamo proposto un grande cielo natalizio con i segni e i simboli letti nelle Costellazioni di Miró. Le Costellazioni

Dettagli

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi Clio 92. Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Corso di formazione per formatori La progettazione dei corsi di formazione Clio 92 sulla storia Bellaria, 13-14 ottobre 2007

Dettagli

PICCOLI ARTISTI CRESCONO

PICCOLI ARTISTI CRESCONO SCUOLA DELL' INFANZIA PARITARIA LEONARDO ZANNIER FOSSALTA DI PORTOGRUARO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA: PICCOLI ARTISTI CRESCONO Anno scolastico 2014/2015 PREMESSA La scelta di lavorare con il colore è motivata

Dettagli

Seminario: Difficoltà di apprendimento. Cause, individuazione precoce. e strategie di intervento

Seminario: Difficoltà di apprendimento. Cause, individuazione precoce. e strategie di intervento Rete di scuole dell Alto Friuli www.sbilf.eu Seminario: Difficoltà di apprendimento Cause, individuazione precoce e strategie di intervento Tolmezzo 9 settembre 2011 Docenti referenti dislessia e coordinatori

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

Prove associate al percorso NE VEDIAMO DI TUTTI I COLORI

Prove associate al percorso NE VEDIAMO DI TUTTI I COLORI Titolo: Prove associate al percorso NE VEDIAMO DI TUTTI I COLORI Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Ne vediamo di tutti i colori AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

Progetti di promozione della solidarietà

Progetti di promozione della solidarietà Progetti di promozione della solidarietà Anno 2014-2015 1 Indice 1. Proposte per le scuole a) Proposte: a.1 scuola primaria di primo grado: intervento in classe; a.1.1 scuola primaria di primo grado: visita

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LETTURA LA SCUOLA VA IN BIBLIOTECA: ATTIVITA' DI PROMOZIONE ALLA LETTURA RISERVATA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA RIVOLTO A alunni della scuola dell infanzia e loro insegnanti. POSTI DISPONIBILI

Dettagli

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio Nulla è come appare Viaggio nello Spazio Oggi, 12 marzo 2012 è venuto nella nostra scuola, il dott. Renzo Rancoita, biofisico vegetale nonché studioso e appassionato di scienza e filosofia orientale e

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

Barchette di carta. Video Poesia in classe e. la scoperta della magia nelle piccole cose

Barchette di carta. Video Poesia in classe e. la scoperta della magia nelle piccole cose Barchette di carta Video Poesia in classe e la scoperta della magia nelle piccole cose Diario di bordo di un esperienza realizzata nella classe 2 A della Scuola Primaria di Premariacco. Insegnante: Giuliana

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

SCHEDA TUTORIALE TEMA: PRENDERE APPUNTI IN CLASSE

SCHEDA TUTORIALE TEMA: PRENDERE APPUNTI IN CLASSE SCHEDA TUTORIALE TEMA: PRENDERE APPUNTI IN CLASSE GIUSTIFICAZIONE: Una maniera pratica ed efficace di mantenere l'attenzione in classe mentre il professore spiega è il prendere appunti. Prendere appunti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

il viaggio della luce

il viaggio della luce IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Raggi di

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Scatole piene di geometria

Scatole piene di geometria Scatole piene di geometria Alunni: Arevalo Angela; Batchev Mario; Berselli Davide; Bucciero Simone; Colombo Nicolò; De Guzman Kylie; Galli Giulia; Gatto Aurora; Magarelli Giada; Piombo Valentina; Piras

Dettagli

Raccontimmagini - Guida didattica

Raccontimmagini - Guida didattica Raccontimmagini. Che cosa sono? Sono 10 racconti brevi indirizzati a bambini stranieri o italiani. Ogni libro presenta due storie accomunate da un affinità tematica, seguite da una sezione di esercizi

Dettagli