Riforme finanziarie in Europa: le false soluzioni Andrea Baranes

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riforme finanziarie in Europa: le false soluzioni Andrea Baranes"

Transcript

1 Riforme finanziarie in Europa: le false soluzioni Andrea Baranes Abstract L'Unione Europea sta studiando nuovi strumenti per migliorare il finanziamento dell'economia, delle infrastrutture e delle piccole e medie imprese. Proposte che vanno nella direzione di un'ulteriore espansione dei mercati finanziari e del rilancio del sistema bancario ombra, delle cartolarizzazioni e di altre operazioni. Quali sono i rischi di tali strumenti, e quelli di una nuova bolla finanziaria? E' possibile partire dall'assunto che la finanza privata sia la soluzione e quella pubblica il problema? In secondo luogo, di fronte a un sistema ipertrofico e autoreferenziale, che senso ha allargare ulteriormente la torta finanziaria, invece di ridurla ma fare in modo che una fetta nettamente più grande sia destinata alle attività economiche? 1. Cosa succede in Europa (e in Italia)? In Europa la tanto annunciata e proclamata ripresa economica stenta. Se ci sono alcuni segnali positivi, siamo ben lontani da una inversione di rotta rispetto alla crisi degli ultimi anni. La disoccupazione in molti Paesi rimane elevata, le diseguaglianze crescono. Uno dei principali problemi è la difficoltà di accesso al credito per buona parte del sistema produttivo e per le famiglie. Pochi investimenti, consumi che ristagnano, e un sistema bancario e finanziario che non sostiene l'economia. Questo è vero in particolare in Paesi quali l'italia. Le sofferenze bancarie (ovvero la quantità di crediti che non vengono restituiti) sono ormai intorno al 10%, un'enormità. Difficoltà che spingono le banche a chiudere i rubinetti del credito e non prestare alle imprese. Queste ultime si trovano quindi a loro volta in difficoltà, il che fa aumentare le sofferenze, in una spirale che si autoalimenta. Più in generale, l'enorme quantità di denaro immessa dalla BCE con diverse iniziative, ultima in ordine di tempo il Quantitative Easing QE 1, rimane incastrata in una finanza sempre più autoreferenziale, e non arriva all'economia. Un eccesso di liquidità da un lato, una mancanza dall'altro: mentre in Italia diminuiscono i crediti erogati dalle banche, in Europa circolano oltre miliardi di euro di titoli a tasso negativo. Al culmine del paradosso, uno dei principali effetti del QE è lo spingere anche piccoli risparmiatori e fondi pensione verso strumenti sempre più rischiosi, alla disperata ricerca di un qualche profitto. Al di là dell'incredibile inefficienza del sistema, il rischio è di gonfiare ulteriormente una finanza ipertrofica mentre economia e occupazione rimangono al palo; la definizione stessa di una nuova bolla finanziaria. Se la finanza privata si dimostra per l'ennesima volta tanto inefficiente quanto inefficace nel sostenere l'economia, dall'altra parte, l'austerità ha depresso la domanda pubblica e i consumi. I tagli alla spesa pubblica stanno avendo impatti molto pesanti non solo dal punto di vista sociale ma anche da quello macroeconomico. Per questi motivi l'unione Europa sta mettendo in campo diverse misure che dovrebbero fare ripartire la crescita economica. Uno dei più importanti è la Capital Markets Union o CMU. Un insieme di iniziative mirate in particolare a creare nuovi canali di finanziamento per le piccole e medie imprese, le infrastrutture e particolari settori economici. 1 Per un'analisi critica del Quantitative Easing vedi Non Con I Miei Soldi, Come funziona o non funziona il Quantiative Easing, -o-non-funziona-%c2%ad-ilquantitative-easing/ 1

2 2. Capital Markets Union L'idea di fondo del CMU è che se le banche non sono in grado di finanziare l'economia, allora è necessario trovare dei canali finanziari complementari, ovvero sviluppare il mercato dei capitali e altre forme di prestito non bancario. Come spiega Finance Watch 2, alla base c'è l'idea che l'economia europea dipenda troppo dal credito bancario, rispetto ad esempio agli USA, e sia quindi necessario sviluppare ulteriormente i mercati finanziari, anche in considerazione del fatto che i crediti potrebbero ulteriormente diminuire a seguito dell'applicazione delle nuove regole sul rischio bancario, tra le quali la diminuzione della leva finanziaria. Lo sviluppo del mercato dei capitali significa pensare a specifici strumenti per convogliare parte delle risorse di fondi pensione, risparmiatori e altri investitori verso PMI e infrastrutture. In assoluto, una tale proposta potrebbe effettivamente consentire di drenare parte della liquidità in eccesso nella finanza, ma i problemi e i rischi non mancano. Da un lato rischi per pensionati e piccoli risparmiatori. La crisi dei mutui subprime ha reso sin troppo evidente come tali soggetti si siano ritrovati a loro insaputa proprietari di titoli che si sono rivelati carta straccia. Dall'altro il mettere in piedi strumenti per permettere anche alle PMI di accedere ai mercati finanziari potrebbe significare un'ulteriore espansione di una finanza ipertrofica e che avrebbe bisogno di una seria cura dimagrante. Un ulteriore rischio sarebbe in capo all'insieme dei contribuenti: attualmente i fondi pensione hanno limiti severi alle tipologie di titoli nei quali possono investire. Il motivo è che se uno di tali fondi dovesse andare in crisi a seguito di scelte di investimento avventate, sarebbe probabilmente necessario un intervento pubblico per tutelare le pensioni degli aderenti. Allargando lo sguardo, le proposte oggi in discussione sembrano completamente ignorare il maggiore problema che ci troviamo di fronte. Come accennato, e per dirla con uno slogan, la crisi attuale non è dovuta al fatto che non ci sono soldi, ma che ce ne sono troppi; è che sono (quasi) tutti dalla parte sbagliata. La creazione di ulteriori strumenti per espandere ulteriormente la sfera finanziaria può davvero essere una soluzione? Non sarebbe forse meglio pensare a come deviare la sterminata liquidità esistente verso un qualche impiego economicamente e socialmente utile? Pensiamo alla quantità di strumenti finanziari che non hanno nessun ruolo per l'economia, ma il cui unico compito è quello di impiegare l'eccesso di liquidità. L'esempio forse più clamoroso è quello delle opzioni binarie, che ha conosciuto un notevole successo negli ultimi anni, e che permettono di scommettere sul fatto che un dato titolo (azione di un'azienda o altro) salirà o scenderà nel prossimo futuro. In pratica è come giocare a testa o croce, con la differenza che chi organizza la scommessa si tiene comunque una commissione che di solito si aggira intorno al 15%. Non un euro dei soldi che girano in tali scommesse vanno a finanziare l'economia, ma l'esplosione di tali strumenti non fa altro che aumentare la volatilità e l'instabilità. Un discorso simile si potrebbe ripetere per ETF o ETC, indici che seguono l'andamento di determinati titoli o panieri di titoli. Posso scommettere sulla crescita dei prezzi delle materie prime o di qualunque altro asset, nuovamente senza che un solo euro del mio investimento sia diretto all'economia reale. Strumenti che anche un piccolo risparmiatore può acquistare con poche decine di euro. Al di là di strumenti puramente sintetici, è la quasi totalità della finanza a essersi staccata dall'economia. Oggi circa il 99% del mercato delle valute non è legato a operazioni di importexport, ma è costituito da speculazioni sull'oscillazione dei cambi; così come il 99% dei derivati non vien utilizzato a fini assicurativi, ma come scommessa futura sull'andamento dei prezzi. Il 99% 2 Finance Watch, L'Unione dei Mercati dei Capitali in cinque domande, maggio

3 di quello che chiamiamo finanza andrebbe chiamato sala scommesse, casinò o simili, ma semplicemente non fa quello che dovrebbe fare. Il novantanove per cento. 3. Sistema bancario ombra, cartolarizzazioni & C. Questa volta è diverso... E' l'impianto generale del CMU a essere estremamente preoccupante, e in particolare la ricerca di forme alternative di finanziamento. Il ragionamento è il seguente: dopo la crisi sono state rafforzate alcune norme di vigilanza sul sistema bancario (a partire dal nuovo accordo di Basilea), il che ha reso più complesso per le banche finanziare le PMI e le famiglie. Pensiamo allora a favorire operazioni simili a quelle svolte dalle banche, ma realizzate da soggetti e veicoli che non devono sottostare alle regole e limiti che riguardano il sistema bancario. In altre parole, misure per favorire ed espandere il sistema bancario ombra, o shadow banking system. Lo stesso sistema finito sotto accusa solo pochi anni fa come uno dei principali responsabili della crisi, dove quasi tutto è consentito, al di là di ogni controllo o forma di trasparenza. Nella stessa direzione, le istituzioni europee hanno già avviato un programma di cartolarizzazioni, nella speranza di permettere alle banche di erogare più credito. Si tratta di un'operazione che permette di convertire un credito in titoli finanziari. Per capire, una banca che concede un mutuo ha un credito nei confronti del mutuatario, sopporta il corrispondente rischio e deve aspettare il rimborso del prestito rata dopo rata, il che vuol dire tenere bloccato un capitale anche per decenni. Se però la banca può trasformare tale credito in un'obbligazione da rivendere a terzi, saranno ora questi ultimi a ricevere un pagamento legato alle rate del mutuo. La banca si disfa del rischio e libera capitali freschi da utilizzare per nuove operazioni. Nel momento in cui le nuove regole per limitare i rischi per le banche (in primo luogo l'accordo di Basilea) prevedono che per prestiti giudicati più rischiosi, come appunto mutui o prestiti a PMI, le banche debbano tenere da parte una considerevole quantità di capitale proprio, le cartolarizzazioni permettono di non tenere bloccato tale patrimonio, ma di utilizzarlo per nuove operazioni. Quello che nuovamente sembra completamente assente dal dibattito è che tale meccanismo è stato al centro della bolla dei mutui subprime, con banche e intermediari finanziari che concedevano mutui anche a clienti senza garanzie né reddito (appunto i clienti subprime), perché subito dopo trasformavano tale mutuo in titoli finanziari che venivano rivenduti in tutto il mondo. Quando è scoppiata la bolla, nessuno sapeva dove fossero finiti i titoli tossici e una crisi del settore immobiliare USA si è rapidamente trasformata in una crisi di fiducia e finanziaria globali. A distanza di soli otto anni, non solo tale pratica non è stata bloccata, ma viene riproposta come una delle principali soluzioni per rilanciare l'economia. Oggi si parla di cartolarizzazione di alta qualità - high quality securitization - intendendo con tale espressione la volontà di non replicare gli eccessi degli scorsi anni. Nei fatti, però, i problemi del passato sembrano più o meno intatti. In linea generale, il problema di fondo è il venire meno del rapporto che lega creditore e debitore: uno dei compiti fondamentali delle banche è quello di valutare il merito di credito del richiedente: le banche impiegano i risparmi dei correntisti, e devono pertanto valutare con estrema attenzione i rischi corrispondenti. Se però so che potrò rivendere tale credito a terzi, crolla il presupposto di base della stessa attività creditizia. Le cartolarizzazioni sono operazioni complesse, strettamente legate, se non parte integrante, dello stesso sistema bancario ombra. I problemi non si limitano alle operazioni in sé e alle società che li realizzano, ma anche alla trasmissione del rischio agli acquirenti, ovvero nuovamente anche a piccoli risparmiatori, fondi pensioni e dintorni. Chi compra i titoli frutto delle cartolarizzazioni compra anche il rischio connesso. Esiste una asimmetria evidente tra gli istituti finanziari che realizzano tali operazioni e gli acquirenti finali. Quanto le nuove norme in discussione in Europa rischiano di ampliare ulteriormente tale asimmetria? 3

4 Un rischio che si manifesta in generale nell'intero impianto della CMU, che sta studiando modi per permettere a tutti i cittadini dell'ue di accedere liberamente ai nuovi strumenti e mercati che si vorrebbero mettere a punto. L'idea è che i cittadini dei Paesi più forti potrebbero così investire nelle PMI della periferia europea, risolvendo con un colpo di bacchetta magica gli attuali problemi. In altre parole, nella CMU uno dei capitoli riguarda un'ulteriore smantellamento dei (pochi) controlli e limiti sul movimento di capitali ancora esistenti. 4. Dall'Europa all'italia Se questo è il modello che viene promosso in Europa, qui in Italia le indicazioni non sembrano più confortanti. Dopo avere promosso per Decreto una trasformazione delle banche popolari di maggiori dimensione in S.p.A. e avere avviato una riforma di quelle cooperative, il governo sta negoziando con la Commissione europea la creazione di una bad bank, ovvero un veicolo che assorba parte dei crediti inesigibili delle banche. Riguardo la bad bank sono diverse le perplessità, non solo della Commissione europea che vuole verificare che non si tratti di aiuti di Stato, ma più in generale nel capire quali crediti deteriorati verrebbero acquistati da questo veicolo, a quale prezzo, chi dovrebbe farsi carico dell'operazione tra governo, Cassa Depositi e Prestiti o altri, quali potrebbero essere i potenziali impatti sui conti pubblici, e via discorrendo. Ancora peggio, il rischio della bad bank così come quello delle cartolarizzazioni è quello di esasperare l'azzardo morale, ovvero un incentivo per le banche a non valutare correttamente il merito di credito e i rischi delle proprie operazioni: finché le cose vanno bene i profitti sono privati, quando il giocattolo si rompe interviene il paracadute pubblico, e si socializzano le perdite. Il comportamento razionale dell'attore economico è allora quello di assumersi rischi sempre più alti. Sono ancora maggiori le perplessità sulla riforma delle popolari. Se una revisione della governance era probabilmente necessaria, non si capisce dove siano gli elementi di straordinaria urgenza e necessità richiesti dal nostro ordinamento per procedere tramite un Decreto e non per via parlamentare. Nel merito, il rischio è quello di ridurre o eliminare la necessaria biodiversità bancaria e andare verso un modello a taglia unica, dove la taglia è quella dei conglomerati di maggiori dimensioni, gli stessi in gran parte responsabili della crisi degli ultimi anni. 5. Problemi e soluzioni La crisi esplosa nel 2008 ha reso evidente la necessità di imporre delle regole al sistema finanziario. A dispetto delle dichiarazioni che hanno chiuso ogni vertice internazionale, dal G20 in giù, nel migliore dei casi si va avanti con il freno a mano tirato. Ancora peggio, oggi il processo rischia di invertirsi, almeno per due motivi. Il primo è che, anche grazie alla formidabile pressione delle lobby, la finanza privata ha rialzato la testa e segnala che una regolamentazione eccessiva potrebbe frenare la crescita. Al contrario, l'ulteriore smantellamento di regole e controlli permetterebbe di ripartire verso un'era di prosperità. Ancora a monte, il problema è culturale, e nell'incredibile ribaltamento dell'immaginario collettivo avvenuto nel giro di pochissimi anni. La crisi è esplosa per il collasso della finanza privata, che ha successivamente trasferito i problemi alle finanze pubbliche. Oggi cause ed effetti vengono invertiti. Il dogma, accettato come verità indiscutibile, è che la finanza pubblica è il problema, quella privata la soluzione. L'intero dibattito è centrato sui rapporti debito / PIL, l'austerità, quando non sulle inefficienze del pubblico: gli sprechi della casta anzi, la kasta fanno notizia, i disastri della finanza privata no. A maggio 2015 alcuni dei maggiori gruppi bancari del pianeta ricevono una multa di oltre 5 miliardi 4

5 di euro per avere manipolato i tassi di interesse a cui sono legati i mutui e i prestiti di milioni di persone. Quanta attenzione ha ricevuto il fatto che un mutuatario per anni potrebbe avere pagato rate più alte a causa di tali truffe? Che oltre ai tassi di interesse i conglomerati bancari manipolavano il mercato delle valute, quello delle materie prime, erano coinvolte in casi di riciclaggio, evasione fiscale e chi più ne ha più ne metta? Non sono forse i nostri soldi a essere stati messi a rischio o intascati da un sistema finanziario senza scrupoli mentre il Paese si indignava per le auto blu e i finanziamenti pubblici ai quotidiani? Serve una radicale inversione di rotta. Rispetto alle attuali politiche europee e del governo italiano, ma anche rispetto alla visione della crisi che si è imposta negli ultimi anni. La CMU si inserisce in questa visione ideologica, e la spinge ancora più avanti. E' la finanza privata a dovere risolvere gli squilibri tra i Paesi forti dell'ue, a partire dalla Germania, e quelli della periferia: abbattiamo gli ultimi controlli sui movimenti di capitale, creiamo nuovi strumenti per il finanziamento delle PMI, e i capitali delle nazioni più ricche si dirigeranno verso quelle in difficoltà. La mano invisibile del mercato regge una bacchetta magica in grado di risolvere ogni problema. Tutto questo mentre non si può nemmeno parlare di trasferimenti tra i Paesi europei, di espandere un budget europeo che è meno dell'1% del PIL del continente, di andare verso una federazione europea in cui misure fiscali ed economiche sulle finanze pubbliche permettono di affrontare gli squilibri esistenti. 6. Possibili alternative: finanza privata e finanza pubblica La CMU ha se non altro un pregio: ha implicitamente riconosciuto il fallimento o per lo meno la gigantesca inefficienza e inefficacia dell'attuale sistema finanziario, e la necessità di trovare delle soluzioni per rilanciare gli investimenti e il sistema economico. Al di là di questo, devono però essere rimesse in discussione sin dalle fondamenta sia le finalità sia le modalità di questo rilancio. Riguardo il primo aspetto, non possiamo pensare di fare ripartire l'economia come se nulla fosse successo, rilanciando i consumi e gli investimenti in infrastrutture che sono in massima parte le grandi opere. Questo sia perché non ci sono le condizioni economiche e sociali per farlo dall'inizio della crisi l'italia ha perso il 25% della propria produzione industriale sia per i limiti ecologici e i problemi ambientali e dei cambiamenti climatici, non più rinviabili. Per questo non si dovrebbe parlare di un rilancio dell'economia, ma della crisi come opportunità per un cambio di rotta. Spostarsi dai consumi agli investimenti, e in particolare investimenti per una riconversione ecologica dell'economia, per l'efficienza energetica, la mobilità sostenibile, la ricerca, il welfare. Investimenti in settori ad alta intensità di lavoro, mettendo il contrasto alla disoccupazione e alla precarietà al centro delle politiche pubbliche. 3 Politiche pubbliche che devono diventare centrali, nuovamente invertendo la rotta rispetto alla visione che ha dominato gli ultimi anni. Il sistema finanziario privato si è dimostrato totalmente incapace di sostenere l'economia nel suo insieme, e a maggior ragione una trasformazione come quella accennata nel paragrafo precedente. Servono capitali pazienti per investimenti di lungo periodo, come avviene per la ricerca e l'istruzione. Obiettivi che dovrebbe avere un pubblico interessato al benessere dei cittadini, non un privato che insegue il profitto a brevissimo termine. Parliamo allora di un piano per l'occupazione, un piano industriale, un piano energetico, che in Italia mancano da decenni e che non sono oggi in discussione in un'unione Europea per la quale unione continua a essere della moneta, dei capitali e delle merci ma non dei diritti o del sistema fiscale. Il primo passo dev'essere l'abbandono di un'austerità disastrosa, ma anche la revisione delle attuali politiche su scala nazionale, in particolare in Italia, dove l'unico piano industriale sembra essere la privatizzazione e la svendita del patrimonio pubblico. Oggi persino il FMI, membro autorevole della Troika, riconosce che un piano di investimenti pubblici sarebbe urgente e 3 Per maggiori informazioni vedi il rapporto annuale di Sbilanciamoci!, disponibile su 5

6 necessario e permetterebbe di rilanciare economia e occupazione. 4 Studi teorici e evidenza pratica del fallimento delle politiche perseguite negli ultimi anni, ai quali non segue però nessun ripensamento da parte della burocrazia del vecchio continente. 7. Possibili alternative: quale modello finanziario In parallelo con una discussione sul ruolo della finanza pubblica, occorre un'altrettanto radicale trasformazione della finanza privata. E' ai confini dell'incredibile, a pochi anni dalla peggiore crisi degli ultimi decenni, sentire parlare di ulteriore liberalizzazione del movimento dei capitali, di cartolarizzazioni, di sistema bancario ombra come possibili soluzioni, quando parliamo del cuore del problema. Così come è ai confini dell'incredibile vedere come, mentre l'austerità viene imposta con un rigore che rasenta il fanatismo, è difficile fare anche solo l'elenco delle misure messe in campo per sostenere la finanza privata, dai piani di salvataggio, al prestito di oltre miliardi di euro all'1% fatto dalla BCE alle banche tramite il LTRO, con impatti pressoché nulli sull'economia o l'erogazione del credito. A questa operazione ne è seguita un'altra, TLTRO, ancora in corso ma che ha portato fino a oggi risultati estremamente modesti, poi il QE, le cartolarizzazioni, ecc... La soluzione dev'essere quella di spostare verso l'economia almeno una parte delle sterminate risorse incastrate nel sistema finanziario, disincentivare le attività speculative e impedire allo stesso sistema finanziario di provocare continuamente instabilità e crisi dalle quali deve essere salvato con soldi pubblici. Esattamente la direzione in cui andrebbe una tassa sulle transazioni finanziarie, discussa da anni in Europa e ufficialmente sostenuta anche dal nostro governo, anche se non sembra che il semestre di presidenza UE a guida italiana verrà ricordato per i passi in avanti compiuti in materia. Ancora, serve una severa regolamentazione del sistema bancario ombra, non un suo paradossale rilancio. Serve una drastica trasparenza e limiti all'utilizzo dei derivati, il che in Italia comprende anche fare piena chiarezza sulla disastrosa vicenda di quelli presenti nelle pieghe dei bilanci della pubblica amministrazione, che potrebbero portare a perdite per oltre 40 miliardi di euro nei prossimi anni. Analogamente, occorre ripensare il funzionamento del sistema bancario. La misura probabilmente più importante ed efficace deve consistere in una completa separazione tra banche commerciali e di investimento, fondamentale per fare si che i risparmi depositati in banca dai correntisti e la liquidità fornita da BCE e istituzioni pubbliche serva a erogare credito e non alla speculazione. In questo come in altri casi, le difficoltà non sono di natura tecnica, ma nella volontà politica di procedere. Oggi unicamente circa il 30% dei prestiti erogati dalle banche europee è destinato a cittadini e imprese non finanziarie. 5 Come detto sui mercati finanziari, da quello delle valute a quello dei derivati, la percentuale di operazioni legate al sistema economico è addirittura notevolmente inferiore. La questione che si pone è se sia necessario allargare ulteriormente la torta, nella speranza che proporzionalmente una fetta più grande finisca all'economia reale, o se non sia più opportuno capire come a parità di risorse o meglio restringendo la dimensione complessiva del sistema finanziario fare si che una percentuale nettamente maggiore vada a imprese e famiglie. Cambiare rotta significa allora agire lungo tre direttrici. La prima è un sistema di regole per rendere la finanza uno strumento al servizio delle attività economiche, chiudendo una volta per tutte l'attuale casinò. La seconda, in parallelo con un sistema di regole dall'alto, è una riflessione dal basso sull'uso del nostro denaro. A fronte di un sistema bancario con sofferenze che sfiorano il 10%, Banca Etica in Italia, che pure presta a soggetti spesso considerati rischiosi o non bancabili, ha 4 IMF Working Papers, The Macroeconomic Effects of Public Investment: Evidence from Advanced Economies WP/15/95, maggio Finance Watch, L'Unione dei Mercati dei Capitali in cinque domande, maggio

7 chiuso il 2014 con sofferenze al 2,5%, circa quattro volte più basse. A fronte di un sistema che continua a chiudere i rubinetti del credito in tempo di crisi, ovvero con un comportamento prociclico, Banca Etica ha chiuso con un segno più sui prestiti erogati. 6 Una dimostrazione che un diverso sistema bancario, fondato sulla piena trasparenza e la partecipazione, non ha ricadute positive unicamente dal punto di vista ambientale e sociale, ma anche da quello strettamente finanziario, e non necessita di bad bank, cartolarizzazioni o sistemi ombra per sostenere l'economia. E' compito dei decisori politici favorire lo sviluppo di tali iniziative di finanza etica e alternativa, ma è prima di tutto una scelta del singolo cliente e risparmiatore: decidere di mettere i propri soldi al servizio di un diverso modello finanziario e non alimentar un sistema del quale, oltre che vittime, diventiamo anche complici inconsapevoli. Per una tale trasformazione è necessaria agire lungo la terza direttrice: un lavoro culturale per ribaltare l'immaginario costruito in questi anni, per capire quali siano le priorità e le sfide che ci troviamo davanti. Non solo nel rapporto tra finanza pubblica e finanza privata, ma anche nella stessa definizione e finalità del sistema finanziario: deve essere un mezzo al servizio dell'economia o un fine in sé stesso per fare soldi dai soldi? Se la risposta è la prima, allora occorre cambiare alla base l'approccio che oggi guida le istituzioni europee. L'ambito non è unicamente quello finanziario. Ancora a monte non si può non menzionare come le difficoltà economiche siano da ascrivere in buona parte alle crescenti diseguaglianze e all'impoverimento di fasce sempre più ampie della popolazione, il che assieme all'austerità che frena la spesa pubblica porta a un crollo della domanda aggregata. Finché le istituzioni europee si concentreranno unicamente sul miglioramento dell'offerta (rendere le imprese più competitive, esportare di più, aumentare l'offerta di credito e finanziaria) e non sul lato domanda (diseguaglianze, investimenti pubblici, revisione del sistema fiscale), è difficile pensare di trovare soluzioni durature. Rimanendo alla finanza, appare analogamente piuttosto improbabile trovare una soluzione proponendo di accelerare lungo la stessa direzione che ha causato il problema. L'intero edificio finanziario è marcio dalle fondamenta e va ricostruito. Non si può continuare a puntellarlo per tentare di rimandarne il crollo, soprattutto nel momento in cui si sfrutta il fatto che viene continuamente puntellato con soldi pubblici non per ristrutturarlo, ma per costruire torri finanziarie sempre più alte e sempre più instabili. 6 Informazioni disponibili sul sito del bilancio sociale di Banca Etica: 7

Crisi della finanza, modello economico e possibili alternative. Andrea Baranes

Crisi della finanza, modello economico e possibili alternative. Andrea Baranes Crisi della finanza, modello economico e possibili alternative Andrea Baranes 1. Una crisi della finanza pubblica o della finanza privata? Identificare cause e conseguenze Il rapporto debito/pil in Italia

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

30 MILIARDI CONTRO LA CRISI

30 MILIARDI CONTRO LA CRISI La contromanovra di Sbilanciamoci! 2011-2012 30 MILIARDI CONTRO LA CRISI Le proposte della campagna Sbilanciamoci! La campagna Sbilanciamoci! presenta la sua contromanovra, alternativa a quella che il

Dettagli

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA OLTRE LA CRISI? NON ANCORA Le PMI dell Emilia Romagna nella doppia morsa della stretta creditizia e del ritardo dei pagamenti Allarme occupazione: a rischio la sua tenuta Bologna, 17 Novembre 2009 Ricerche

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia DI COSA PARLIAMO Il mercato del Credito: Scenario ante crisi Scenario

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE PER UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE Una piccola Tassa contro la speculazione, una grande risorsa per tutti! PERCHÉ UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (TTF)? La finanza

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI 7 maggio 2014 GR Centro Studi Acen Il tema dei mutui alle famiglie è essenziale nel sistema delle costruzioni

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011)

CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011) CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011) S puntano ormai come funghi offerte per remunerare la liquidità detenuta dagli italiani. Un atto di generosità

Dettagli

Il Piano Juncker Audizione alla Camera dei Deputati Commissione Bilancio 11 marzo 2014

Il Piano Juncker Audizione alla Camera dei Deputati Commissione Bilancio 11 marzo 2014 Il Piano Juncker Audizione alla Camera dei Deputati Commissione Bilancio 11 marzo 2014 - Andrea Baranes Sbilanciamoci! Mario Pianta Università di Urbino Introduzione e descrizione del piano Lo scorso 26

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella CRISI NEL MERCATO immobiliare? No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella 36 CRISI NEL MERCATO IMMOBILIARE?

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire

Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire 24 Gennaio 2011 Le principali banche Statunitensi, incluse tra le altre Wells Fargo, Goldman Sachs e Bank of America, hanno evidenziato recentemente

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

QUALE MODELLO FINANZIARIO?

QUALE MODELLO FINANZIARIO? QUALE MODELLO FINANZIARIO? Dimensione della finanza Il PIL del mondo è di poco superiore ai 60.000 miliardi di dollari l'anno. Una singola banca statunitense detiene strumenti derivati per un nozionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PETERLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 GENNAIO 2012 Delega al Governo per la separazione delle attività bancarie

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

INIZIATIVE E PRIORITÀ DELLA DELEGAZIONE FORZA ITALIA AL PARLAMENTO EUROPEO SU BANCHE ED ECONOMIA REALE

INIZIATIVE E PRIORITÀ DELLA DELEGAZIONE FORZA ITALIA AL PARLAMENTO EUROPEO SU BANCHE ED ECONOMIA REALE 1002 INIZIATIVE E PRIORITÀ DELLA DELEGAZIONE FORZA ITALIA AL PARLAMENTO EUROPEO SU BANCHE ED ECONOMIA REALE Antonio Tajani - Fulvio Martusciello - Lara Comi Rappresentanti di Forza Italia nella commissione

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI DEBITO EUROZONA LA FUGA DEGLI STRANIERI PIGS, EUROPA ABBIAMO UN PROBLEMA. SALVATAGGI IN CORSO Portogallo 78 miliardi Irlanda 85 miliardi Grecia

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 RAPPORTO NAZIONALE Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 ITALIA Rappresentanza della Commissione europea in Italia Eurobarometro Standard 80 / Autunno 2013 TNS Opinion

Dettagli

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile 2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Una fondazione di ricerca e di supporto, ormai un punto di riferimento, per esperti, organizzazioni e imprese della green economy.

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE maggio 2010 commissione conciliazione Marcello Guadalupi Laura Pigoli Massimo Oldani Pietro Biagio Monterisi PREMESSA Il presente

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli