Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti"

Transcript

1 Seminario Assolatte Etichettatura dei prodotti lattiero-caseari: IL REGOLAMENTO CONSUMER INFORMATION: NOVITÀ E APPLICAZIONE Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti Roberto Copparoni Ministero della Salute Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Vicenza, 13 maggio

2 Alimenti senza glutine Origine volontaria Nanomateriali E. N. Q&A

3 Alimenti senza glutine

4 REG. DELEGATO (UE) N. 1155/2013 della Commissione che modifica il Reg.1169/2011 L art 36 paragrafo 3 del Reg. UE 1169/2011 attribuisce alla Commissione il compito di adottare atti di esecuzione relativamente all applicazione dei requisiti delle informazioni sugli alimenti fornite su base volontaria Viene aggiunta la lettera d): «informazioni sull assenza di glutine o sulla sua presenza in misura ridotta negli alimenti»

5 REG. DI ESECUZIONE (UE) sui requisiti per la fornitura di informazioni alimentari sul assenza o ridotta presenza di glutine negli alimenti Dichiarazioni concernenti l'assenza o la ridotta presenza di glutine nella etichettatura, la pubblicità e la presentazione dei prodotti alimentari SENZA GLUTINE Una dichiarazione che un alimento è senza glutine e ogni dichiarazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il cibo come venduto al consumatore finale non contiene più di 20 mg/kg di glutine GLUTINE MOLTO BASSO Una dichiarazione che un alimento è a contenuto molto basso di glutine, e qualsiasi dichiarazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il cibo, contenenti o costituiti da uno o più ingredienti a base di grano, segale, orzo, avena o loro varietà incrociate che sono state appositamente elaborate per ridurre il contenuto di glutine, non contiene più di 100 mg / kg di glutine negli alimenti venduti al consumatore finale ALTRI REQUISITI PER ALIMENTI CONTENENTI AVENA L avena contenuta negli alimenti presentati come senza glutine o a contenuto molto basso di glutine devono essere appositamente prodotti, elaborati e / o trasformati in modo da evitare la contaminazione da frumento, segale, orzo e/o delle loro varietà incrociate e il contenuto di glutine non può superare 20 mg/kg

6 Sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze Necessità di informare i consumatori della presenza di allergeni in tutti gli alimenti Diventa obbligatoria l indicazione degli ingredienti allergenici nei prodotti alimentari non preimballati venduti al dettaglio e nei punti di ristoro collettivo 6

7 Sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze riferimento chiaronell elenco degli ingredienti la denominazione è evidenziata attraverso un tipo di carattere chiaramente distinto dagli altri ingredienti elencati, per esempio per dimensioni, stile o colore di sfondo(per ciascun ingrediente allergenico) 7 7

8 Sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze Per un alimento non preimballato, possono essere fornite informazioni su allergeni solo su richiesta del consumatore? No Tali indicazioni sono obbligatorie e devono essere comunicate e rese facilmente accessibili 8 8

9 Sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze Per un alimento non preimballato, possono essere fornite informazioni su allergeni utilizzando mezzi diversi da un'etichetta, compresi strumenti della tecnologia moderna o la comunicazione verbale? Ammessi tutti i mezzi per comunicazione verbale si intende comunicazione orali verificabile Spetta agli Stati membri adottare misure nazionalisulle modalità con cui devono essere comunicate le informazioni sugli allergeni. In mancanza di misure nazionali, si applicano le disposizioni degli alimenti preimballati (facilmente visibili, chiaramente leggibili ed eventualmente indelebili) Ciò significa che le informazioni relative alle allergie devono essere fornite per iscritto fino a quando gli Stati membri non abbiano adottato misure nazionali 9 9

10 Nanomateriali

11 nanomateriali: scelte complesse carotenoidi che consentono ad alcune sostanze di reagire alla luce; nanoimballaggi (pellicole, bottiglie, ecc.) in grado impedire il passaggio di ossigeno; enzimi, pesticidi, additivi dalle molteplici proprietà; materiali antiagglomeranti per miscele di spezie, ecc. nanomateriali capaci di scomporre i grassi per creare alimenti che danno un maggiore senso di sazietà e rallentano la digestione; enzimi, pesticidi, additivi dalle molteplici proprietà, ecc. VANTAGGI?? ma anche attenzione e cautela sull utilizzo e sull eticità del percorso intrapreso 11

12 Nanomateriali Tutti gli ingredienti presenti sotto forma di nanomateriali ingegnerizzati sono chiaramente indicati nell elenco degli ingredienti con la dicitura «nano», tra parentesi, che segue la denominazione di tali ingredienti. Per informare i consumatori circa la presenza di nanomateriali ingegnerizzati negli alimenti è opportuno elaborare una definizione di nanomateriali ingegnerizzati La Commissione, mediante atti delegati, adegua e adatta la definizione di nanomateriali al progresso tecnico e scientifico o alle definizioni concordate a livello internazionale

13 nanomateriali ingegnerizzati nano carry-over additivi devono essere sempre riportati in etichetta? non devono essere inclusi nell'elenco degli ingredienti quando si presentano sottoforma di : additivi e enzimi alimentari già contenuti in uno o più ingredienti di tale alimento, purché non svolgano una funzione tecnologica nel prodotto finito; oppure utilizzati come coadiuvanti tecnologici coadiuvanti e sostanze che non sono additivi alimentari, ma utilizzati allo stesso scopo dei coadiuvanti tecnologici e utilizzati nelle dosi strettamente necessarie 13

14 Atto delegato nanomateriali nanomateriale ingegnerizzato materiale prodotto intenzionalmente contenente particelle allo stato libero, aggregato o agglomerato, e in cui, per almeno il 50 % delle particelle nella distribuzione dimensionale numerica, una o più dimensioni esterne siano comprese fra 1 e 100 nm "particella si intende una parte minuscola di materia con limiti fisici definiti con il termine "agglomerato" si intende un insieme di particelle o aggregati con legami deboli in cui la superficie esterna risultante è simile alla somma delle superfici dei singoli componenti con il termine "aggregato si intende una particella composta da particelle fuse o fortemente legate fra loro con il termine prodotto intenzionalmente" si intende il materiale prodotto per conseguire/svolgere una funzione o scopo specifico

15 Prossime tappe Il progetto di atto delegato è stato notificato al World Trade Organization (WTO) l 11 settembre 2013 I membri del WTO avrebbero dovuto inviare osservazioni entro il 10 novembre Il progetto di atto delegato adottato dalla Commissione e trasmesso al Parlamento europeo e al Consiglio che, in mancanza di obiezioni, doveva essere pubblicato a Marzo 2014 Gli OSA avranno tempo fino al 13 dicembre 2014 per adeguare l'etichettatura dei propri prodotti ai nuovi requisiti introdotti dal presente regolamento delegato

16 Paese origine e luogo di provenienza

17 Origine e luogo di provenienza Entro il 13 dicembre 2013, e a seguito di valutazioni d impatto, la Commissione adotta atti di esecuzione relativi all indicazione del Paese d'origine o il luogo di provenienza di un ingrediente primario quando diverso da quello del prodotto alimentare

18 Paese di origine e luogo provenienza Art. 26 Art. 26 (3) indicazione facoltativa Quando il paese d origine o il luogo di provenienza è diverso da quello del suo ingrediente primario è indicato: anche quello dell ingrediente come diverso da primario quello dell alimento

19 Origine -Definizioni UE Paese di originedefinita dal Regolamento (CEE) n. 2913/92 (codice doganale comunitario): Una merce alla cui produzione hanno contribuito due o più paesi è originaria del paese in cui è avvenuta l'ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed effettuata in un'impresa attrezzata a tale scopo, che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo od abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione Ingrediente primario:l'ingrediente o gli ingredienti di un alimento che rappresentano più del 50%di tale alimento o che sono associati abitualmente alla denominazionedi tale alimento dal consumatore e per i quali nella maggior parte dei casi è richiesta un'indicazione quantitativa (QUID) 19 19

20 Luogo di provenienza??? tutto quello non rientra nel Paese di origine (UE, Stato membro) Possibile conflitto con i DOP prosciutto di Parma / prosciutto fatto a Parma Possibile frammentazione del mercato 20

21 Ingrediente primario l ingrediente di un alimento che ne rappresenta più del 50 %o che è caratterizzante? ingrediente A : + 50% ingrediente B: usualmente associato al prodotto 21

22 Posizioni industria esenzione per prodotti con chiaro riferimento alla città (panettone Milano, Pandoro Verona, ecc.) preferenza per origine dell ingrediente primario trasformato esenzioni per riferimenti all italianità o tradizioni regionali

23 Progetto di norma di attuazione relativa all'articolo 26 (3): indicazione di origine volontaria Il Paese d'origine o il luogo di provenienza di un alimento scatta quando indicazioni, come dichiarazioni, termini, grafici, simboli o immagini, sono chiaramente destinati a dare informazioni sul PO o LP Non sono considerati PO o LP dichiarazioni geografiche che fanno riferimento a ricette o a specifiche pratiche di produzione in alcuni Paesi o luoghi, ben note ai consumatori normalmente informati e ragionevolmente avveduti

24 Progetto di norma di attuazione relativa all'articolo 26 (3): indicazione di origine volontaria PO o LP dell'ingrediente primario deve essere espresso almeno allo stesso livello di precisione del PO o LP dell alimento (UE - SM - SM/Paese terzo, o qualsiasi altro livello più preciso) Se un ingrediente primario proviene da due PO o LP, possono essere date per mezzo della dicitura "... e / o... ", preceduto dal primo PO o LP e seguito dal secondo. Se un ingrediente primario proviene da più di due Po o LP l indicazione può essere data al livello immediatamente inferiore di precisione rispetto a quello dell alimento, e deve essere almeno "UE" o "non UE " Se l'ingrediente principale è un alimento con specifiche disposizioni UE per l'indicazione del PO o LP, queste disposizioni si applicano, mutatis mutandis (es. carne bovina)

25 Norme di attuazione relative all'articolo 26 (3) del Regolamento (UE) 1169/2011 : indicazione di origine volontaria Articolo 26 (3)b: l operatore deve riportare le seguenti dichiarazioni: nel caso del Paese di origine: "... Con (nome dell'ingrediente primario) di origine diversa " nel caso del luogo di provenienza : "...Con (nome dell'ingrediente primario) di diversa provenienza "

26 Norme di attuazione relative all'articolo 26 (3) del Regolamento (UE) 1169/2011 : indicazione di origine volontaria Criticità non vengono risolti i dubbi su come individuare l ingrediente primario, nel caso in cui siano presenti più ingredienti con le stesse prerogative difficoltà per gli organi di controllo ad intervenire in quanto esistono molte varianti (ricette, simboli, bandiere, prodotti caratterizzati da una città come ad es. il pandoro di Verona) nel caso di una marmellata di albicocche, l ingrediente primario da considerare è l albicocca (quindi provenienza) o la polpa di albicocche (quindi ultima trasformazione sostanziale = origine)

27 Indicazione obbligatoria del paese d origine o del luogo di provenienza per: alimenti non trasformati; prodotti a base di un unico ingrediente; ingredienti che rappresentano più del 50 % di un alimento E stata avviata la consultazione con gli stakeholder degli Stati membri La Commissione ha trasmesso agli Stati membri un questionario a cui si deve rispondere entro l 8 aprile 2014 La consultazione si chiuderà a giugno 2014, con una relazione della Commissione europea, elaborata congiuntamente dalla DGSANCO e dalla DGAGRI Il report verrà presentato dalla Commissione a dicembre 2014.

28 Dichiarazione nutrizionale OBBLIGATORIE VALORE ENERGETICO GRASSI TOTALI GRASSI SATURI CARBOIDRATI ZUCCHERI PROTEINE SALE (una dicitura indicante che il contenuto di sale è dovuto esclusivamente al sodio naturalmente presente può figurare immediatamente accanto alla dichiarazione nutrizionale) FACOLTATIVE AC. GRASSI MONOINSATURI AC. GRASSI POLINSATURI POLIOLI AMIDO FIBRE ALIMENTARI VITAMINE E MINERALI 28 28

29 Indicazioni nutrizionali Il consumatore ha la possibilità di acquisire una maggiore conoscenza e prendere parte ad un processo di educazione alimentare DIFFICOLTÀ: il consumatore dovrà gestire un numero crescente di informazioni dal carattere sempre più tecnico e complesso. è quindi necessario realizzare la consapevolezza del consumatore (da soggetto debole a soggetto capace di decifrare i dati) 29

30 Dichiarazione nutrizionale Si può riportare quanto non esplicitamente riportato nelle liste? es. tenore di omega3, trans, colesterolo, licopene, polifenoli NO! Salvo se oggetto di claim 30

31 Dichiarazione nutrizionale Il valore energetico può essere riportato solo in kcal? No, neanche quando ripetuto nel front of pack 31

32 Dichiarazione nutrizionale Nel caso di etichette multilingue destinate per l'unione europea, è permesso di mettere in etichetta anche la dichiarazione nutrizionale nel formato richiesto da Stati Uniti e Canada? No, il formato richiesto da Stati Uniti e Canada non è in linea con i requisiti dell'ue e potrebbe indurre in errore i consumatori a causa dei diversi fattori di conversione utilizzati per il calcolo del valore energetico e le quantità di sostanze nutritive 32

33 Dichiarazione nutrizionale Gli alimenti etichettati con i nuovi requisiti della dichiarazione nutrizionale possono essere immessi sul mercato prima del 13 dicembre 2014? Sì, come stabilito dall articolo 54, comma 3 33

34 Presentazione dichiarazioni nutrizionali obbligatorie e volontarie STESSO CAMPO VISIVO in un formato chiaro (tabulare o, se lo spazio non lo consente, in formato lineare) e nell ordine di presentazione stabilito Bevande alcoliche possono riportare (volontariamente) anche il solo il valore energetico Quando le indicazioni sono ripetute, sono presentate nel CAMPO VISIVO PRINCIPALE, utilizzando una dimensione di carattere conforme e possono riportare anche il solo il valore energetico 34 34

35 Quantità trascurabile Nei casi in cui il valore energetico o la quantità di sostanze nutritive di un prodotto (soggette ai requisiti obbligatori di etichettatura) è trascurabile, è necessario integrare questi elementi nella tabella nutrizionale? No, quando il valore energetico o la quantità di sostanze nutritive è trascurabile, la dichiarazione nutrizionale può essere sostituita dalla dicitura "contiene quantità trascurabili di ", posta immediatamente accanto alla dichiarazione nutrizionale. Le Linee Guida sulle tolleranze" possono dare indicazioni utili per definire la nozione di quantità trascurabile. 35

36 Linee guida per le AC per il controllo del rispetto legislazione comunitaria in materia di alimenti TOLLERANZE ANALITICHE per la dichiarazione nutrizionale di alimenti diversi dagli integratori alimentari di vitamine e minerali negli integratori alimentari di alimenti e integratori alimentari per il controllo della conformità di cui al Regolamento 1924/2006/EC e del Regolamento 1925/2006 / CE Arrotondamento per DICHIARAZIONI NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI 36 36

37 Consumi di riferimento ENERGIA 8400 kj (2000 kcal) GRASSI TOTALI 70 g GRASSI SATURI 20 g CARBOIDRATI 260 g ZUCCHERI 90 g PROTEINE 50 g SALE 6 g 37 37

38 ACIDI GRASSI TRANS La Commissione, deve presentare un rapporto sulla presenza di acidi grassi trans negli alimenti e nella dieta globale della popolazione dell UE L obiettivo preparare un report attraverso una valutazione d impatto per individuare la necessità di riportare in etichetta il valore degli acidi grassi trans e permettere al consumatore di fare scelte informate. La Commissione deve accompagnare il report con una proposta legislativa

39 Q&A vendita a distanza Le informazioni obbligatorie devono già essere disponibili anche nel contesto di una proposta di acquisto o solo su richiesta? Quando non vi è alcuna possibilità di acquistare il cibo direttamente, non è richiesta l'informazione (es. un catalogo pubblicitario di prodotti di un supermercato) Se il catalogo è l'unico strumento di informazione disponibile deve comprendere tutte le indicazioni obbligatorie Se è possibile acquistare il prodotto direttamente (es. attraverso una pagina web) le informazioni obbligatorie devono essere associate alle altre caratteristiche del prodotto sulla stessa pagina web, oppure facilmente raggiungibile con collegamenti ipertestuali 39

40 Q&A Qual è il significato di vendita diretta ai fini dell'esenzione per la dichiarazione nutrizionale per alimenti confezionati per la vendita diretta nei locali di vendita? In tale contesto, i cibi confezionati per la vendita diretta devono essere intesi come confezionati per la vendita nel corso della stessa giornata

41 Q&A Come conciliare la dichiarazione circa la presenza o l'assenza di ingredienti con l art. 7 (3) del Reg. (CE ) N.1924/2006 secondo il quale le informazioni alimentari non devono indurre in errore suggerendo che il prodotto alimentare possiede caratteristiche particolari, quando tutti i prodotti alimentari analoghi possiedono caratteristiche identiche? L'articolo 7, non impedisce l'uso di claims nutrizionali, ma solo prevenire il loro uso quando essi non costituiscono una vera particolarità del cibo Per quanto riguarda l'assenza di ingredienti o sostanze nutritive, è vietato evidenziare l'assenza di zuccheri dalle acque minerali con affermazioni come senza zuccheri, come se l'acqua minerale contenesse zuccheri

42 Q&A Rappresentazioni grafiche possono essere usate per illustrare il valore numerico della dichiarazione nutrizionale? Rappresentazioni simboliche possono essere usate per illustrare la sostanza nutritiva nella dichiarazione nutrizionale? Il regolamento permette ulteriori forme di presentazione per la dichiarazione nutrizionale, a condizione che siano volte a facilitare la comprensione del consumatore sul contributo o l'importanza del prodotto alimentare per l'energia e nutrienti contenuti di una dieta Rappresentazioni grafiche, come ad esempio colonne, barre, torte o grafici possono essere utilizzati in aggiunta ai numeri, al fine di illustrare le quantità o le percentuali di nutrienti e / o di energia Rappresentazioni simboliche di nutrienti, (es. una saliera per simbolizzare il sale) possono essere utilizzati Tuttavia, tali rappresentazione non possono sostituire le informazioni contenute nei nomi e nei numeri dei nutrienti

43 Q&A E possibile ripetere la dichiarazione nutrizionale più volte nel campo visivo principale, come ad es. una volta sotto forma di una semplice dichiarazione di valore energetico e un'altra volta sotto forma di valore energetico accompagnato dalla quantità di grassi, acidi grassi saturi, zuccheri e sale? SI, tuttavia, queste aggiunte volontarie della dichiarazione nutrizionale possono essere riportate solo nel campo visivo principale

44 Q&A Per dichiarare la fibra sugli alimenti non preimballati, quali sono gli altri elementi nutritivi che devono essere dichiarati? In assenza di norme nazionali per gli alimenti non preimballati, la dichiarazione nutrizionale di tali alimenti può essere limitata a : - valore energetico, o - valore energetico grassi, acidi grassi saturi, zuccheri e sale Se un operatore è interessato a dichiarare il contenuto di fibra di un prodotto, allora la dichiarazione nutrizionale deve comprendere : - valore energetico e grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale

45 Q&A E ' possibile determinare il contenuto di carboidrati con la seguente equazione : Carboidrati = ceneri - Umidità - grassi - proteine? Questa equazione porta alla semplificazione del tenore di carboidrati determinando la somma del contenuto di carboidrati e il contenuto di altre sostanze quali fibre e acidi organici ed è accettabile solo quando sono presenti in quantità bassa queste altre sostanze Va inoltre chiarito che la dichiarazione nutrizionale può anche essere basata sul calcolo dei noti o effettivi valori medi relativi agli ingredienti utilizzati, o un calcolo a partire da dati generalmente stabiliti e accettati

46 Q&A Come devono essere dichiarati correttamente nella lista degli ingredienti vitamine e minerali aggiunti? Con il nome della sostanza secondo l'allegato II del Regolamento 1925/2006/EC (ad esempio retinolo) o la descrizione di nutrienti (ad esempio Vit.A) secondo l'allegato I del regolamento 1925/2006/EC? Per la dichiarazione nutrizionale, l Allegato XIII fornisce i nomi e le vitamine e i minerali da utilizzare (es. "vitamina A ). Per l'elenco degli ingredienti, deve essere fornito il nome esatto dell'ingrediente, con la possibilità di completare con il nome di cui all'allegato XIII es. " retinolo " o " retinale ( vitamina A) "

47 Lavori futuri altre problematiche legate all origine indicazione grassi trans (report in itinere) porzioni (per specifiche categorie di prodotti)? indicazione delle assunzioni di riferimento per gruppi specifici di popolazione? informazioni relative alla presenza eventuale e non intenzionale negli alimenti di sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranza? informazioni relative all idoneità di un alimento per vegetariani o vegani?

48 48

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

L etichettatura nutrizionale

L etichettatura nutrizionale Laura Bersani L etichettatura nutrizionale Novara 30 gennaio 2013 ALIMENTAZIONE NUTRIZIONE Consumatore richiede indicazioni sulla salute INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Etichettatura nutrizionale volontaria

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

I claim nutrizionali e salutistici

I claim nutrizionali e salutistici I claim nutrizionali e salutistici Dr.ssa Flavia Milan Dirigente medico Referente area Nutrizionale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione ASL NO NOVARA 27 Febbraio 2014 1 C ERA UNA VOLTA l Art. 2/1

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Le ultime righe fanno riferimento ai cosiddetti preincartati che il regolamento tratta nel successivo art. 44

Le ultime righe fanno riferimento ai cosiddetti preincartati che il regolamento tratta nel successivo art. 44 Regolamento (UE) N. 1169/2011 Art. 2 Definizioni «etichettatura»: qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce a un alimento e che figura su qualunque

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Domande e risposte sull'applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori

Domande e risposte sull'applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori 31 gennaio 2013 Domande e risposte sull'applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori 1 Introduzione Il 25 ottobre 2011, il Parlamento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI il ravvicinamento delle legislazioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Il reg. 1169/2011 In Italia, prima dell armonizzazione

Dettagli

Casi pratici. E. Monica Russo

Casi pratici. E. Monica Russo I claims nutrizionali ii e salutistici Casi pratici E. Monica Russo Reg.1924/2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Approccio di R&C Lab per la verifica delle conformità delle etichette alimentari

Approccio di R&C Lab per la verifica delle conformità delle etichette alimentari R&C Lab S.r.l. Approccio di R&C Lab per la verifica delle conformità delle etichette alimentari Dr.ssa Lorenza Berti SERVIZI DI R&C Lab Servizi di R&C Lab in materia di etichettatura dei prodotti alimentari

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti REGOLAMENTO UE 1169/2011 In vigore dal 13/12/2011 In applicazione dal 13/12/2014 In applicazione dal 01/01/2014

Dettagli

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente

Dettagli

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare.

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare. Indicazioni nutrizionali e sulla salute relative agli alimenti (reg. CE n. 1924/06), LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE Revisione 4 giugno 2009 Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel.

Dettagli

L esportazione dei prodotti alimentari in Europa e nel mondo Atti del Convegno

L esportazione dei prodotti alimentari in Europa e nel mondo Atti del Convegno L esportazione dei prodotti alimentari in Europa e nel mondo Atti del Convegno 14 maggio 2008 Bologna L ESPORTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO Come realizzare la conformità

Dettagli

I claims nutrizionali e salutistici

I claims nutrizionali e salutistici Verbania 19 febbraio 2014 I claims nutrizionali e salutistici Laura Bersani laura.bersani@lab-to.camcom.it ETICHETTATURA VOLONTARIA Riportare informazioni non obbligatorie - Tutela consumatore (art.2 del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Normativa nazionale MINISTERO DELLA SALUTE Decreto 9 agosto 2005, n.199 Regolamento recante recepimento della direttiva 2003/115/CE 1 che modifica la direttiva 94/35/CE sugli edulcoranti destinati ad essere

Dettagli

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Le novità introdotte I punti chiave Il Regolamento UE 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione.

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione. Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti destinati ad una alimentazione particolare e alimenti addizionati

Dettagli

Lezione Interattiva su salute individuale ed ambientale

Lezione Interattiva su salute individuale ed ambientale Con la Scuola verso Expo2015: salute, alimentazione, sostenibilità ambientale Lezione Interattiva su salute individuale ed ambientale Genova, Palazzo Ducale 5 novembre 2014 Cinzia Zucchi Dietista Clinica

Dettagli

Reg. UE 1169/11 ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI

Reg. UE 1169/11 ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI 16 e 23 giugno 2015 Luigi Mancini FARE (Food & Agriculture Requirements) Bruxelles Milano - Roma (+39) 335 5393164 tech@fare.email Introduzione Le regole

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD)

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD) CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD) DENLEG 139 AGRI 485 CODEC 1306 NOTA del: Comitato dei Rappresentanti permanenti

Dettagli

Copyright by Total Quality Food Consultants s.r.l. Ogni marchio, segno distintivo o testo contenuto nella presente pagina non è riproducibile né

Copyright by Total Quality Food Consultants s.r.l. Ogni marchio, segno distintivo o testo contenuto nella presente pagina non è riproducibile né Etichette alimentari: aspetti legali, scientifici e di marketing Atti del Convegno Milano 4 marzo 2003 STAMPA SICURA Total Quality Food Convegno 4 marzo 2003 ETICHETTE ALIMENTARI: ASPETTI LEGALI, SCIENTIFICI

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Approfondimento normativo delle principali indicazioni da riportare in etichetta dei prodotti alimentari destinati al commercio

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari (OCDerr) del 23 novembre 2005 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 10

Dettagli

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009 - G.U. n. 277 del 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009. Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Provvedimento PI6415 - SOJASUN-BURGER DI SOIA. Chiusura istruttoria. numero 17959. data 31/01/2008 PUBBLICAZIONE. Bollettino n.

Provvedimento PI6415 - SOJASUN-BURGER DI SOIA. Chiusura istruttoria. numero 17959. data 31/01/2008 PUBBLICAZIONE. Bollettino n. Provvedimento PI6415 - SOJASUN-BURGER DI SOIA tipo Chiusura istruttoria numero 17959 data 31/01/2008 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 4/2008 Procedimento collegato (esito) - Non violazione Testo Provvedimento

Dettagli

In Europe. www.gs1.eu Leadership in implementation

In Europe. www.gs1.eu Leadership in implementation 3 In Europe Opzioni possibili nella gestione delle varianti di prodotto nella vendita online V1.0 - Marzo 2014 www.gs1.eu Leadership in implementation 1 Prefazione In questo documento GS1 spiega come il

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione Debic Debic TIRAMISÙ 6x1L DEBIC TIRAMISÙ 6X1L

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 06.09.2001 COM(2001) 433 definitivo 2001/0199 (COD) Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che modifica la direttiva 2000/13/CE per quanto

Dettagli

Dalla ricerca Galbusera nascono ColCuore i primi frollini e cracker con betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo

Dalla ricerca Galbusera nascono ColCuore i primi frollini e cracker con betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo COMUNICATO STAMPA Dalla ricerca Galbusera nascono ColCuore i primi frollini e cracker con betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo I due nuovi prodotti ricchi di fibre ampliano la gamma

Dettagli

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno 7 aprile 2006 Pantalla di Todi (PG) EXPORT E CERTIFICAZIONE NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA AGROALIMENTARE GUIDA ALL

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L etichetta di panettone, pandoro, colomba, savoiardo, amaretto e amaretto morbido NOVITÀ

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

Debic zuccherata 6x700ML

Debic zuccherata 6x700ML 7170600 Descrizione del prodotto Panna Spray n Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione

Dettagli

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile!

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! ri-esco Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! Esistono molti modi di alimentarsi, e un solo modo di nutrirsi STATO NUTRIZIONALE Adattato da: Bedogni

Dettagli

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Mira (VE) CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Revisione n : 00 Art. CI43 Data: 01/08/2011 DESCRIZIONE GENERALE DEL PRODOTTO Preparato

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

Primo Corso in Educazione e Conoscenza alimentare www.pharm.unipmn.it/utc LEGGERE LE ETICHETTE

Primo Corso in Educazione e Conoscenza alimentare www.pharm.unipmn.it/utc LEGGERE LE ETICHETTE Primo Corso in Educazione e Conoscenza alimentare www.pharm.unipmn.it/utc 15 Aprile 2011 Prof. Aldo Martelli LEGGERE LE ETICHETTE Le etichettature degli alimenti hanno principalmente due funzioni: - fornirci

Dettagli

Corso di Alta Formazione Didattica per gli Studenti dei corsi di Laurea Magistrale in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche

Corso di Alta Formazione Didattica per gli Studenti dei corsi di Laurea Magistrale in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Corso di Alta Formazione Didattica per gli Studenti dei corsi di Laurea Magistrale in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Alimenti funzionali e nutraceutica Dipartimento di Scienze del Farmaco

Dettagli

La linea baby tutta biologica e tutta italiana.

La linea baby tutta biologica e tutta italiana. ALCE NERO BABY. GENERAZIONE BIO IL BUONO DEL BIOLOGICO DAL 1978 La linea baby tutta biologica e tutta italiana. Alce Nero, leader del biologico italiano da oltre trent anni, completa le sue linee di prodotto

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Chiarimenti in materia di additivi alimentari

Chiarimenti in materia di additivi alimentari Chiarimenti in materia di additivi alimentari Definizione di additivo alimentare Qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti,

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE

SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE MODULO DI RISPOSTA RISPOSTA AL QUESITO: È possibile avere le indicazioni necessarie ad adattare una etichetta esistente al mercato europeo? In base ai dati

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto :

Scheda Tecnica Prodotto : ! 1 Scheda Tecnica Prodotto : Taralli Scaldati Classici, con olio extravergine d oliva 10% Confezione Kg 5 Marchio : FIORE ANTONIO Data Rev. : Gennaio 2015 Cod. Produzione : E813 Cod. EAN : - Cod. Fatturazione

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Prodotto OLISTICO CERTIFICATO, studiato in tutte le sue componenti nutritive per garantire una dieta naturale

Prodotto OLISTICO CERTIFICATO, studiato in tutte le sue componenti nutritive per garantire una dieta naturale Prodotto OLISTICO CERTIFICATO, studiato in tutte le sue componenti nutritive per garantire una dieta naturale The Natural Way s.n.c. via Fiorile, 34-44123 Ferrara (loc. Ravalle) - Italy tel. +39 335 5890910

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità?

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? 18 Novembre Franca Ballaben SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL Con l obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà e l ambiente,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI

ETICHETTATURA PRODOTTI ETICHETTATURA PRODOTTI Alimenti senza segreti con il nuovo servizio di CNA Roma CNA ROMA Viale Guglielmo Massaia, 31 00154 Roma Tel. 06 570151 Fax 06 57015222 info@cnapmi.com www.cnapmi.org PREMESSA Dal

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI IT 25.5.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 136/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 432/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 maggio 2012 relativo alla compilazione di un elenco

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22558 SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 11:24:28 * * * Codice : 22558 Descriz. : SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 014 Ingredienti Purea

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

L etichettatura degli Alimenti

L etichettatura degli Alimenti L etichettatura degli Alimenti 3 Pag. Pag. 12 Pag. Pag. 31 Pag. 8 22 Le etichette Prodotti sfusi, preconfezionati, preincartati La Denominazione di vendita L elenco degli ingredienti Additivi Alimentari

Dettagli

del 28/11/2014 NEWS: APERTURA NUOVA SEDE A CESENA IN VIA CAVALCAVIA N. 55 AREA SICUREZZA

del 28/11/2014 NEWS: APERTURA NUOVA SEDE A CESENA IN VIA CAVALCAVIA N. 55 AREA SICUREZZA NEWSLETTER N 05/2014 del 28/11/2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI: Le responsabilità del lavoratore in materia di sicurezza sul lavoro Ambiente e energia Formazione alimentarista di base e aggiornamento Reg.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

L alimentazione attuale

L alimentazione attuale L alimentazione attuale The Bridge Srl Via Marcigaglia 22 36070 San Pietro Mussolino VICENZA info@thebridgesrl.com - www.thebridgesrl.com Tél./Fax 0444 687880 Scheda tecnica BEVORISO BEVOAVENA VANTAGGI

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti

802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti 802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti Pane bianco Puro Preparazione per pane di tipo 1. Farina di grano tenero (94%) tipo 1, sale iodato, lievito secco, destrosio, proteine di frumento, maltodestrina,

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22998 SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 11:24:28 * * * Codice : 22998 Descriz. : SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 026 Ulteriore descrizione

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE L 145/14 16.5.2014 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE dell'11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio mediante la modifica del

Dettagli

Sei pronto per cambiare la tua vita?

Sei pronto per cambiare la tua vita? Guida al Prodotto Sei pronto per cambiare la tua vita? Se vuoi tenere il peso sotto controllo o mantenerti in buona salute, Body by Vi Challenge può aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo. Con Body by

Dettagli

OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller

OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller La Centrale del latte di Vicenza UN POLO INTERREGIONALE 2 CLVI: FATTURATO PER

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 NoProtein Frolla CODICE PRODOTTO: 2050 CARATTERISTICHE: NoProtein Frolla è un preparato per la produzione di Pasta Frolla senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

Imballaggi delle derrate alimentari - Quali informazioni

Imballaggi delle derrate alimentari - Quali informazioni Primavera 2010 Pagina 1 / 11 Indice: Imballaggi delle derrate alimentari - Quali informazioni si trovano? P. 2 Introduzione P. 2 Elenco degli ingredienti P. 3 Informazioni destinate alle persone allergiche

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli