Tot. Dist. fam. R corretto. F_01 foliazione estrem strett molto alta chius 0-2 nessuno HW umid

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tot. Dist. fam. R corretto. F_01 foliazione 275 14 estrem strett molto alta chius 0-2 nessuno HW umid 13 16 18 12 10 15 10 22 18 10 12 13.78 3."

Transcript

1 stazione _01 Data 18 Nov Torrente Giampilieri Quota 380 micascisti J_01 joint larga molto alt chius 2-4 nessuno SW compl asc J_02 joint strett molto alt chius 2-4 nessuno SW compl asc S_03 shear fr strett molto alt molt str 4-6 nessuno SW compl asc S_04 shear fr strett molto alt molt str 8-10 nessuno SW compl asc S_05 shear fr 5 90 strett alta chius 8-10 nessuno SW compl asc S_06 shear fr strett alta chius 6-8 nessuno SW compl asc S_07 shear fr strett alta chius 8-10 nessuno SW compl asc J_08 joint media strett 4-6 nessuno SW umid 85 J_09 joint larga molto alt mod apert 2-4 tenero <5 MW umid J_10 joint bass strett 2-4 nessuno MW bagn S_11 shear fr 3 42 larga molto alt strett 6-8 nessuno MW umid J_13 joint molt larg molto alt chius 6-8 nessuno MW umid S_14 shear fr molt larg alta strett nessuno MW umid S_15 shear fr molt larg molto alt strett 4-6 nessuno MW bagn Tot. fam. R corretto stazione _02 Data 18 Nov dietro scuola molino Quota 200 filladi Tot. fam. R corretto F_01 foliazione estrem strett molto alta chius 0-2 nessuno HW umid J_02 joint bassa apert tenero <5 HW bagn F_03 foliazione estrem strett molto alta chius 2-4 nessuno HW umid

2 S_04 shear fr alta apert 8-10 tenero <5 CW bagn S_05 shear fr molto alta apert tenero <5 HW bagn F_06 foliazione estrem strett molto alta chius 0-2 nessuno SW ascitt J_07 joint media chius 8-10 nessuno MH bagn stazione _01 Data 25 Nov Puntale S.Anna Quota 390 filladi Tot. fam. R corretto S_01 shear fr estr larg molto alta chius 6-8 nessuno SW umid 48 > S_02 shear fr alta apert tenero >5 MW bagn 62 S_03 shear fr 4 90 alta chius nessuno MW bagn S_04 shear fr bassa chius 8-10 nessuno SW asciutt J_05 joint molt bassa strett 6-8 duro >5 SW asciutt 40 10,25, S_06 shear fr alta chius nessuno MW bagn J_07 joint molt strett bassa chius nessuno SW asciutt 45 5 F_08 foliazione estr strett molto alta chius 2-4 nessuno SW asciutt S_09 shear fr molto alta apert 6-8 tenero >5 HW bagn S_10 shear fr 6 90 molto larga molto alta apert duro >5 MW asciutt J_11 joint bassa strett duro <5 SW asciutt S_12 shear fr alta chius 4-6 nessuno SW umid stazione _01 Data 30 Nov sooto Molino sponda sx torrente Quota 180 micascisti 161

3 S_01 shear fr ata molto alta chius 2-4 nessuno SW asciutt S_02 shear fr media chius 6-8 nessuno MW asciutt J_03 joint ata alta chius 4-6 nessuno MW asciutt S_04 shear fr?? 28 - alta chius 2-4 nessuno HW umid S_05 shear fr ata media chius 4-6 nessuno HW asciutt S_06 shear fr ata alta chius 8-10 nessuno HW asciutt J_07 joint strett bassa chius 4-6 nessuno MW asciutt J_08 joint strett media chius 8-10 nessuno MW asciutt S_09 shear fr ata alta chius 4-6 nessuno MW asciutt J_10 joint molto alta strett SW asciutt S_11 shear fr larga alta chius 2-4 nessuno HW umid J_12 joint molto bassa chius 4-6 nessuno SW asciutt J_13 joint strett bassa chius 6-8 nessuno MW umid S_14 shear fr molto bassa chius nessuno MW asciutt S_15 shear fr larga molto bassa chius 6-8 nessuno MW asciutt S_17 shear fr media chius nessuno MW asciutt S_18 shear fr ata bassa chius nessuno MW asciutt J_19 joint strett bassa chius nessuno SW asciutt J_20 joint strett bassa chius 6-8 nessuno SW asciutt S_21 shear fr strett media chius nessuno HW asciutt J_22 joint ata media chius nessuno SW asciutt Tot. fam. R corretto stazione _01 Data 3 Dic alveo Torrente sponda dx Quota 110 filladi Tot. fam. R corretto S_01 shear fr larga alta apert tenero >5 MW umid

4 F_02 foliazione esterm stretta molto alta chius - nessuno SW asciutt - S_03 shear fr molto alta apert 8-10 tenero >5 MW bagnat S_04 shear fr larga alta apert tenero >5 MW umid 45 - J_05 joint media apert - tenero <5 SW umid J_06 joint 2 62 larga (120) media strett - nessuno MW umid J_07 joint larga media apert - nessuno MW bagnat 68 - J_08 joint 4 56 larga (120) bassa apert nessuno MW umid J_09 joint bassa apert 6-8 nessuno SW umid 44 - S_10 shear fr molto alta apert nessuno MW bagnat J_11 joint larga alta strett - tenero <5 MW stillicidio 84 - J_12 joint bassa apert tenero <5 MW stillicidio 63 - ata J_13 joint (30) media chius - nessuno SW asciutt J_14 joint media chius - nessuno SW asciutt 89 - J_15 joint media chius 6-8 nessuno SW asciutt J_16 joint larga media chius 6-8 nessuno SW asciutt 58 - stazione _02 Data 3 Dic Giampilieri, via Vallone Quota 150 micascisti S_01 shear larga alta 318, F_02 shear 290 Tot. fam. R corretto molto strett 6-8 tenero <5 HW umid , 18 molto strett molto alta chius - nessuno MW asciutt JJ_01 joint sistematici molto strett media molto strett 6-8 nessuno MW asciutt JJ_02 joint ata media molto 6-8 nessuno MW asciutt

5 JJ_03 sistematici joint sistematici larga alta strett molto strett 8-10 nessuno MW asciutt stazione _03 Data 7 Dic da Altolia a Portella S.Andrea Quota 410 paragneiss Tot. fam. R corretto F_01 scistosità estr strett molto alta chius 0-2 nessuno SW asciutt J_02 joint strett molto alta apert 8-10 nessuno HW bagn J_03 joint ~267 ~85 strett molto alta strett nessuno MW umid J_04 joint ~210 ~70 at alta strett nessuno HW umid J_05 joint bassa chius nessuno HW asciutt stazione _01 Data 21 Dic Torrente Motte Quota 133 paragneiss Tot. fam. R corretto JJ_01 famiglia joint at bassa molt strett 8-10 nessuno MW umid JJ_02 famiglia joint ~20 26 strett bassa chius 4-6 nessuno MW asciutt JJ_03 famiglia joint strett molt bassa molt strett 4-6 nessuno MW umid JJ_04 famiglia joint strett molt bassa chius 2-4 nessuno MW umid S_05 shear fractr alta apert 6-8 tenero <5 MW stillicidio JJ_06 famiglia joint at molt bassa chius 2-4 nessuno SW asciutt

6 stazione _01 Data 22 Dic Vallone Leddatena Quota 660 paragneiss Tot. fam. R corretto S_01 shear at molto alta chius 2-4 tenero <5 CW bagnat J_02 joint strett media apert tenero >5 CW bagnat J_03 joint media strett nessuno HW bagnat JJ_04 famiglia joint 9 68 molto strett bassa strett 6-8 nessuno MW asciutt J_05 joint alta strett 8-10 tenero <5 HW bagnat J_06 joint ata media strett 4-6 tenero <5 HW bagnat Appendice A. Tabelle complete delle stazioni di misura del Rock Mass Rating; sono riportate le caratteristiche di tutte le discontinuità misurate. 165

4. PREPARAZIONE DEI DATI

4. PREPARAZIONE DEI DATI 4. PREPARAZIONE DEI DATI Frane superficiali diffuse, innescate simultaneamente da eventi meteorici su vaste aree, sono state registrate in molte regioni in tutti i continenti. Proprio per il loro rilevante

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO Dott. Claudio Depoli / 0343 20052 0343-21689 COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72

Dettagli

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo Classificazioni geomeccaniche Bieniawski (1989) Barton (1974) Caratterizzazione degli ammassi Hoek & Brown Barton Parametrizzazione geomeccanica Hoek & Brown Barton Dati utilizzati Confronto parametrizzazioni:

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA PROCEDURE CONCORSUALI PERSONALE ATA 8/07/2015

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA PROCEDURE CONCORSUALI PERSONALE ATA 8/07/2015 GRADUATORIA PERMANENTE PER IL PERSONALE A.T.A. PAG. 1 GRUPPO 1 - VEDOVA/O FIGLI DI VITTIME DEL DOVERE O AZIONI TERRORISTICHE PROFILO A.T.A.: AA - ASSISTENTE AMMINISTRATIVO GRADUATORIA PERMANENTE PER IL

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

In corso di esecuzione (non collaudati) Intervento Importo Note Adeguamento strutturale copertura tratto terminale del torrente Bisagno: 1 lotto.

In corso di esecuzione (non collaudati) Intervento Importo Note Adeguamento strutturale copertura tratto terminale del torrente Bisagno: 1 lotto. In corso di esecuzione (non collaudati) Adeguamento strutturale copertura tratto terminale del torrente Bisagno: 1 lotto. 85.500.000,00 Lavori iniziati nel 2004; fine prevista dicembre 2011. Fondi statali/regionali/

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di

Dettagli

ai fini della pubblicità obbligatoria prevista dall'art. 21 L. 69 del 18/06/2009

ai fini della pubblicità obbligatoria prevista dall'art. 21 L. 69 del 18/06/2009 Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Conservatorio di Musica "A. Boito" Parma Alta Formazione Artistica e Musicale Via del Conservatorio 27/a - 43121 Parma TASSI DI ASSENZA DEL PERSONALE

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE TABELLE EXCEL: IFF, IBE, LIM

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE TABELLE EXCEL: IFF, IBE, LIM GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE TABELLE EXCEL: IFF, IBE, LIM L Amministrazione regionale ha predisposto un protocollo che definisce in maniera univoca il formato per la trasmissione dei dati ambientali raccolti

Dettagli

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 Fase D: Defibrillazione Precoce Se Polso e Segni di Circolo sono

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Deliberazione del Direttore Generale n. DEL-2014-43 del 08/04/2014 Oggetto Servizio Affari istituzionali,

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

Incentivi cantonali nel settore dell energia solare

Incentivi cantonali nel settore dell energia solare Incentivi cantonali nel settore dell energia solare Francesca Trenkwald UACER Bellinzona-03 luglio 2014 Scenario per il futuro 2035-2050 1 Obiettivi PEC al 2050 per l energia solare - Fotovoltaico 250

Dettagli

Tra scuola e lavoro-percorsi di inclusione

Tra scuola e lavoro-percorsi di inclusione Tra scuola e lavoro-percorsi di inclusione Pisa, 25 Gennaio 2015 Dott. D. Ciuffolini, Referente per l inclusione degli alunni disabili donatella.ciuffolini.pisa@gmail.com 1 Le scuole secondarie di II grado

Dettagli

- Eseguibile con accesso diretto via Internet al portale Metodo. - Richiesta conversione chiavi per Azienda principale e collegate.

- Eseguibile con accesso diretto via Internet al portale Metodo. - Richiesta conversione chiavi per Azienda principale e collegate. CARATTERISTICHE: - Eseguibile con accesso diretto via Internet al portale Metodo. - Richiesta conversione chiavi per Azienda principale e collegate. - Inventario con lettura fisica delle chiavi hw (C/S

Dettagli

PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU)

PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA SBASSO-CONFINE NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU) PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RIPRISTINO AMBIENTALE DELLA CAVA "SBASSO-CONFINE" NEI COMUNI DI SERAVEZZA E STAZZEMA (LU) RELAZIONE GEOSTRUTTURALE E VERIFICHE DI STABILITA ai sensi della L.R. 78/98 IL PROPONENTE

Dettagli

Guida Rapida all Installazione BOATraNET

Guida Rapida all Installazione BOATraNET Guida Rapida all Installazione BOATraNET GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE BOATraNET - VR1.00 1. Introduzione Complimenti per aver effettuato l acquisto di BOATraNET. Raccomandiamo che il BOATraNET sia installato

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO COMUNE DI MASSA MARITTIMA (Prov. di Grosseto) RIPRISTINO FUNZIONALE DEL TRATTO DI GALLERIA DEL FOSSO VALCASTRUCCI FRAZIONE FENICE CAPANNE A MASSA MARITTIMA PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO COMPUTO METRICO

Dettagli

4. LONG TERM ENTRA NEI NOSTRI SPAZI

4. LONG TERM ENTRA NEI NOSTRI SPAZI SPAZI PUBBLICITARI MINIMETRO 1. MUPI CIRCUITI A/B 2.WRAPPING 3. SPAZIO ESPOSITIVO 4. 5. UNDERGROUND 6. SCALE MOBILI 7. SHUTTLE WRAPPING 8. INTERNO NAVETTA ENTRA NEI NOSTRI SPAZI spot MINIMETRO SPAZI PUBBLICITARI

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE IN LOCALITA' BERTENGA NEL COMUNE DI TORRE PELLICE

RICOSTRUZIONE DEL NUOVO PONTE IN LOCALITA' BERTENGA NEL COMUNE DI TORRE PELLICE COMUNE D TORRE PELLCE Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile SERVZO NFRASTRUTTURE E ASSSTENZA TECNCA ENT LOCAL RCOSTRUZONE DEL NUOVO PONTE N LOCALTA' BERTENGA NEL COMUNE D TORRE PELLCE l Comune

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Crostolo Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9,0 Tratto: PO_49000 - CR_0000 confluenza Crostolo in Po - località Santa

Dettagli

MAUNUALE D USO DEL SYSTEM WALL

MAUNUALE D USO DEL SYSTEM WALL Roberto Bagnoli MAUNUALE D USO DEL SYSTEM WALL www.climbingtraining.it DESCRIZIONE SW DA ALLENAMENTO 6 7 6 permettono invece di far lavorare soggetti di livello molto diverso sulla stessa inclinazione.

Dettagli

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA dei rifiuti solidi urbani ANNO 2016 GENNAIO 2016 1 venerdì 2 sabato umido ed organico -secco non riciclabile 3 domenica 4 lunedì umido ed organico

Dettagli

1. GENERALITÀ Pag. 3 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GOEMORFOLOGICHE DELLA ZONA D INDAGINE

1. GENERALITÀ Pag. 3 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GOEMORFOLOGICHE DELLA ZONA D INDAGINE Pag. 1 INDICE 1. GENERALITÀ Pag. 3 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GOEMORFOLOGICHE DELLA ZONA D INDAGINE Pag. 6 3. SITUAZIONI DI DISSESTO E CONDIZIONI DI RISCHIO IDROGEOLOGICO NELLA ZONA INTERESSATA DALL

Dettagli

Piano Territoriale di Coordinamento Provincia di Cosenza

Piano Territoriale di Coordinamento Provincia di Cosenza Scheda Monografica N 094 Comune Paterno Calabro Superficie (ha) 2.380 Altitudine media centro abitato (m s.l.m.) 680 Cartografia IGM 1:50.000 Corsi d acqua Comunità Montana Centro Operativo Misto (C.O.M.)

Dettagli

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 IL COMPRENSORIO CONSORTILE Il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio si estende

Dettagli

Centro Olio Val d Agri Sistema di Monitoraggio Ambientale

Centro Olio Val d Agri Sistema di Monitoraggio Ambientale Audizione Commissione Ambiente della Camera Centro Olio Val d Agri Sistema di Monitoraggio Ambientale www.eni.it Viggiano, 7 ottobre 2013 Monitoraggio Ambientale Il Giudizio Favorevole di Compatibilità

Dettagli

OPITZ Sistemi edili personalizzati

OPITZ Sistemi edili personalizzati OPIZ Sistemi edili personalizzati Kit di montaggio completi Strutture per tetti Sopralzi e risanamento tetti Pareti interne ed esterne etti e soffitti Posi-Joist Costruzione di incavallature inchiodate

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA

COMUNE DI RIO MARINA COMUNE DI RIO MARINA REGOLAMENTO URBANISTICO Documentazione Fotografica di supporto alle verifiche idrauliche sul Fosso di Riale 1 foto 1 - Fosso di Riale immediatamente a monte del ponte sulla Provinciale

Dettagli

www.strazzullo-srl.com

www.strazzullo-srl.com Catalogo 2012 La Strazzullo s.r.l. è una delle più importanti aziende del Sud Italia specializzata nel settore dell'arte Funeraria e degli accessori per la lavorazione del marmo e del granito. Nasce nel

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

Utilizzo idroelettrico delle risorse idriche

Utilizzo idroelettrico delle risorse idriche POLITEC 9 Luglio 2010, Montagna in Valtellina (SO) PROGETTO INTERREG: USO DELL ACQUA E SALVAGUARDIA AMBIENTALE E DELLA BIODIVERSITÁ NEI BACINI DI ADDA, MERA, POSCHIAVINO E INN Azione 9: aggiornamento del

Dettagli

RIFLESSIONI A MARGINE DI UNO DEI PERIODI PIÙ NERI DELL ITALIA SOTT ACQUA E CHE FRANA

RIFLESSIONI A MARGINE DI UNO DEI PERIODI PIÙ NERI DELL ITALIA SOTT ACQUA E CHE FRANA RIFLESSIONI A MARGINE DI UNO DEI PERIODI PIÙ NERI DELL ITALIA SOTT ACQUA E CHE FRANA di Vittorio d Oriano, Vice Presidente del Consiglio Nazionale die Geologi In questi frenetici e tragici giorni dove

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI M.I.U.R. - U.S.R. LAZIO - Istituto di Istruzione Superiore "TULLIANO" 03033 ARPINO (FR) fris060008@istruzione.it FRIS006008 C.F. 91011090601 C/C Postale 28880003 Sez. Ass. Liceo Ginnasio - FRPC00601G :

Dettagli

Pressostato di pressione differenziale

Pressostato di pressione differenziale Pressostato di pressione differenziale La ditta svizzera Trafag AG è un produttore leader a livello internazionale di sensori e dispositivi di controllo per la misurazione di temperatura e pressione. x

Dettagli

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE

VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Progetto Studio VALUTAZIONE ERGONOMICA DI ATTIVITÀ CARATTERISTICHE DEL SETTORE EDILE Promosso da: ARS di Bergamo CPT di Bergamo INAIL di Bergamo Realizzato da: U.S.C. Medicina del Lavoro ErgoDesign In

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO PROT. N. 10181 13.06.2006 CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE LOGISTICA SEDE E REGOLAMENTO. Network Training

ORGANIZZAZIONE LOGISTICA SEDE E REGOLAMENTO. Network Training ORGANIZZAZIONE LOGISTICA SEDE E REGOLAMENTO Network Training Regolamento Orario dei corsi L'orario generalmente applicato è dalle ore 9,30 alle ore 17,30 per il primo giorno di corso, e dalle ore 9,00

Dettagli

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA A cura di D. Rigamonti & M. Consonni dario.rigamonti@tethys geco.it, mauro.consonni@tethys geco.it 1 INTRODUZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA D.I.C. - Sezione Georisorse e Ambiente Università di Trieste LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA Eugenio Castelli, Ph.D. Docente di Ingegneria e sicurezza degli scavi presso l Università

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA TECNICA - AMBIENTALE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA TECNICA - AMBIENTALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA TECNICA - AMBIENTALE RESPONSABILE DELL AREA : DOTT. MAURIZIO ROCCHI ESTENSORE: SELENE ANDREAZZOLI DETERMINAZIONE N. 195 DEL 23/03/2015 COPIA Oggetto : P.S.R. 2007/2013

Dettagli

Quale pillola prenderai?*

Quale pillola prenderai?* Quale pillola prenderai?* Distribuzione: PUBBLICA. Il presente documento è da intendersi aperto e di pubblica distribuzione. Data di pubblicazione: 05 FEBBRAIO 2015 Doc. N : T022015. Des4natari: ClienF

Dettagli

DIMORA 4 108,5 7,5 1,2. min 60. schede tecniche vasche / tubs technical data sheets

DIMORA 4 108,5 7,5 1,2. min 60. schede tecniche vasche / tubs technical data sheets Articolo: Peso lordo: kg 19 ca. Peso netto: kg 120 ca. Dimensione imballo: cm 14 x 94 x Capacità*: l 200 ca. Descrizione: Vasca da bagno rettangolare da incasso in Corian con seduta, completa di piedini

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MIUR - DIPARTIMENTO DELL'ISTRUZIONE PROCEDURE CONCORSUALI PERSONALE ATA 11/06/2007 GRADUATORIA PERMANENTE PER IL PERSONALE A.T.A.

SISTEMA INFORMATIVO MIUR - DIPARTIMENTO DELL'ISTRUZIONE PROCEDURE CONCORSUALI PERSONALE ATA 11/06/2007 GRADUATORIA PERMANENTE PER IL PERSONALE A.T.A. GRADUATORIA PERMANENTE PER IL PERSONALE A.T.A. PAG. 1 GRUPPO 1 - VEDOVA/O FIGLI DI VITTIME DEL DOVERE O AZIONI TERRORISTICHE PROFILO A.T.A.: AA - ASSISTENTE AMMINISTRATIVO GRADUATORIA PERMANENTE PER IL

Dettagli

CALCOLO DEL FABBISOGNO DI POTENZA TERMICA DEI SINGOLI LOCALI PER RISCALDAMENTO INVERNALE. Calcolo con vicini assenti. secondo UNI EN 12831

CALCOLO DEL FABBISOGNO DI POTENZA TERMICA DEI SINGOLI LOCALI PER RISCALDAMENTO INVERNALE. Calcolo con vicini assenti. secondo UNI EN 12831 Pag. 1. 1 CALCOLO DEL FABBISOGNO DI POTENZA TERMICA DEI SINGOLI LOCALI PER RISCALDAMENTO INVERNALE Calcolo con vicini assenti secondo UNI EN 12831 Verifica di rispondenza alla Legge 10/91 e DPR 412/93

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Durata Corpo robusto, efficiente ed affidabile. Robusto: Bassi costi di esercizio: Flessibile: Sicuro: Durevole:

Durata Corpo robusto, efficiente ed affidabile. Robusto: Bassi costi di esercizio: Flessibile: Sicuro: Durevole: Durata Durata Corpo robusto, efficiente ed affidabile. L apparecchio Durata, con ottica speculare per ambienti industriali, è estremamente versatile e, grazie alla sua eccellente gestione termica, è idoneo

Dettagli

Fallimento Prot. n. 08/2013 Reg. Fall. Tribunale di Sondrio INVENTARIO DEI BENI AI SENSI ART. 87 L. FALL. PARTE PRIMA: MERCI IN ESPOSIZIONE

Fallimento Prot. n. 08/2013 Reg. Fall. Tribunale di Sondrio INVENTARIO DEI BENI AI SENSI ART. 87 L. FALL. PARTE PRIMA: MERCI IN ESPOSIZIONE ESPOSITORE MARTELLI ESPOSITORE CARTELLI SEGNALETICA ESPOSITORE BASSO CENTRALE ESPOSITORE BASSO CENTRALE ESPOSITORE BOMBOLETTE ESPOSITORE BASSO A DX ENTRANDO DALLA BASCULANTE SCAFFALE ALTO A SX ENTRANDO

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

ISPEZIONE TERMOGRAFICA DI UN SOTTOTETTO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LOCALITA SAN MARTINO BUON ALBERGO

ISPEZIONE TERMOGRAFICA DI UN SOTTOTETTO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LOCALITA SAN MARTINO BUON ALBERGO Dott. Urbanista & Arch. j. Eddy Paiola, Arch. Livio Paiola - www.ec2.it/eddypaiola ISPEZIONE TERMOGRAFICA DI UN SOTTOTETTO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LOCALITA SAN MARTINO BUON ALBERGO Il tecnico..

Dettagli

Prospetto analitico organico di diritto a.s. 2015/16

Prospetto analitico organico di diritto a.s. 2015/16 UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO MOD. A1 I LICEO LINGUISTICO LI04 1^ A 26 3 26 26 26 LICEO LINGUISTICO LI04 1^ B 26 3 26 26 26 LICEO SCIENTIFICO LI02 1^ A 30 30 LICEO SCIENTIFICO LI02 1^ B 30 30

Dettagli

Il monitoraggio delle colate detritiche

Il monitoraggio delle colate detritiche Workshop PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Il monitoraggio delle colate detritiche Lorenzo Marchi (CNR IRPI

Dettagli

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE:

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE: CIRFIBER ECO Pannello fonoassorbente in fibra di poliestere rigenerata. CAMPO DI UTILIZZO: CIRFIBER ECO è un prodotto specifico per l isolamento acustico di pareti e soffitti. Il materiale si presenta

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SU CAMPIONATURA CON PRODOTTO IGRODRY

RELAZIONE TECNICA SU CAMPIONATURA CON PRODOTTO IGRODRY RELAZIONE TECNICA SU CAMPIONATURA CON PRODOTTO IGRODRY Suno 13 maggio 2015 Premessa: il sottoscritto Geom. Umberto Bino, titolare della NCS Nano Coating Systems, domiciliato in Suno (NO) Via Mottoscarone

Dettagli

PROFILO A.T.A.: AA - ASSISTENTE AMMINISTRATIVO NON CI SONO ASPIRANTI DA STAMPARE

PROFILO A.T.A.: AA - ASSISTENTE AMMINISTRATIVO NON CI SONO ASPIRANTI DA STAMPARE GRADUATORIA PERMANENTE PER IL PERSONALE A.T.A. PAG. 1 GRUPPO 1 - VEDOVA/O FIGLI DI VITTIME DEL DOVERE O AZIONI TERRORISTICHE PROFILO A.T.A.: AA - ASSISTENTE AMMINISTRATIVO GRADUATORIA PERMANENTE PER IL

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE E ALL UTILIZZO DEL TERRAZZO ALLA VENEZIANA

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE E ALL UTILIZZO DEL TERRAZZO ALLA VENEZIANA ! " # $ % " # $(!* +,./. " 1223 4!"#$% Tel. e Fax 434 99525 P.IV e C.F 12692937 n. reg di PN 12692937 tel. 423 426 fax 423 77154 1 ( * +,. / % 1 2 3!4 5634 7%6 ; Tel. e Fax 434 99525 P.IV e C.F 12692937

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo PROFILO ALTIMETRICO 2550 2350 QUOTE m slm 2150 1950 1750 1550 1350 0 5000 10000 15000 20000 25000 30000 35000 40000 45000 DISTANZA metri RISTORO COMPLETO RISTORO

Dettagli

Oggetto: modifica disciplina e tariffe per l uso dei parcheggi a pagamento senza custodia su arre pubbliche e nella struttura palaghiaccio.

Oggetto: modifica disciplina e tariffe per l uso dei parcheggi a pagamento senza custodia su arre pubbliche e nella struttura palaghiaccio. Oggetto: modifica disciplina e tariffe per l uso dei parcheggi a senza custodia su arre pubbliche e nella struttura palaghiaccio. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: obiettivo generale dell amministrazione

Dettagli

PERCORSO DIFFICILE - N. 2 VERSO PRATO DELLA VALLE - CENTRO CITTÀ - RIVIERE

PERCORSO DIFFICILE - N. 2 VERSO PRATO DELLA VALLE - CENTRO CITTÀ - RIVIERE PERCORSO DIFFICILE - N. 2 VERSO PRATO DELLA VALLE - CENTRO CITTÀ - RIVIERE A QUESTO PERCORSO PARTECIPERANNO MASSIMO 100 MEZZI. I MEZZI CHE PRENDONO PARTE A QUESTO PERCORSO AVRANNO IL N. 2 SUL CRUSCOTTO.

Dettagli

Allegato 1 Questionario di valutazione del settore ICT

Allegato 1 Questionario di valutazione del settore ICT Progetto CLUOS DM2.1 allegato 1 21 giugno 2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione ed Ingegneria Gestionale Allegato 1 Questionario

Dettagli

CHIUSURE PER SPONDE IN FERRO

CHIUSURE PER SPONDE IN FERRO AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001 : 2008 20 CHIUSURE PER SPONDE IN FERRO CATCHES FOR STEEL BODIES FERMETURES POUR RIDELLES EN ACIER VERSCHLÜSSE FÜR PENDELBORDWÄNDE CIERRES PARA PUERTAS LATERALES DE HIERRO

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Capitolo 5 Quadri elettrici

Capitolo 5 Quadri elettrici Capitolo 5 Quadri elettrici (5.1) Quadri, Leggi e Norme La legge 46/90, obbliga l installatore a redigere la dichiarazione di conformità relativamente ai lavori svolti. Allegati a tale dichiarazione devono

Dettagli

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE PREMESSA I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE Nella scelta di un ciclo di verniciatura bisogna tener conto di: 1. Durata (aspettativa di durata) richiesta 2. Caratteristiche

Dettagli

II appello 17 febbraio 2015

II appello 17 febbraio 2015 II appello 17 febbraio 2015 nome: cognome: - Scrivete in modo CHIARO. Elaborati illegibili non saranno considerati. - NON si contano le BRUTTE copie. - Ricordatevi di ETICHETTARE LE DERIVAZIONI CON LE

Dettagli

Linee guida posa di catene con le fibre sintetiche

Linee guida posa di catene con le fibre sintetiche Opere Provvisionali Linee guida posa di catene con le fibre sintetiche Incatenamento di elementi strutturali con fasce in fibra e tiranti regolabili; la fasciatura consente di applicare anche su superfici

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

1. Premessa Il progetto mira a operare una rivalutazione generale delle architetture impiantistiche, volendo dare peso non solo all efficientamento energetico, ma piuttosto ripensando in toto gli impianti,

Dettagli

Telefono DECT cordless digitale. Istruzioni per l uso OSLO 501

Telefono DECT cordless digitale. Istruzioni per l uso OSLO 501 Telefono DECT cordless digitale Istruzioni per l uso OSLO 501 2 OSLO 501 Indicazioni di sicurezza 1 Indicazioni di sicurezza Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso. 1.1 Impiego conforme

Dettagli

REALIZZARE UN AMPLIFICATORE BIDIREZIONALE Wi-Fi 2.4GHz

REALIZZARE UN AMPLIFICATORE BIDIREZIONALE Wi-Fi 2.4GHz Catania 2-3 ottobre 2004 REALIZZARE UN AMPLIFICATORE BIDIREZIONALE Wi-Fi 2.4GHz IW4ELL Dario Guidetti guidar99@hotmail.com 1 Catania 2-3 ottobre 2004 Rapida Presentazione Nominativo IW4ELL, radioamatore

Dettagli

MANUALE UTENTE GESTIONE PIATTAFORMA TROUBLE TICKETING (GLPI)

MANUALE UTENTE GESTIONE PIATTAFORMA TROUBLE TICKETING (GLPI) MANUALE UTENTE GESTIONE PIATTAFORMA TROUBLE TICKETING (GLPI) SOMMARIO 1 Obiettivo del documento...3 2 Definizioni, acronimi e abbreviazioni...4 3 Accesso al Sistema...5 3.1 Accesso al Sistema...5 4 Gestione

Dettagli

RIDUTTORI DI PRESSIONE E CENTRALI GAS PURI PER USO ALIMENTARE

RIDUTTORI DI PRESSIONE E CENTRALI GAS PURI PER USO ALIMENTARE RIDUTTORI DI PRESSIONE E CENTRALI GAS PURI PER USO ALIMENTARE RIDUTTORI DI PRESSIONE E CENTRALI PER USO ALIMENTARE I riduttori di pressione da bombola e le centrali di decompressione GCE Druva per uso

Dettagli

SOCIETE GENERALE. Oggetto : Rettifica di strumenti aventi come sottostante Fiat Chrysler Automobiles

SOCIETE GENERALE. Oggetto : Rettifica di strumenti aventi come sottostante Fiat Chrysler Automobiles AVVISO n.22018 30 Dicembre 2015 SeDeX Mittente del comunicato : SOCIETE GENERALE Societa' oggetto dell'avviso : SG ISSUER SOCIETE GENERALE Oggetto : Rettifica di strumenti aventi come sottostante Testo

Dettagli

Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici.

Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici. Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici. Renato Taglietti Information Technology Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia Contesto Geografico/Ambientale

Dettagli

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l.

C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. C A V A N U O V A B A R T O L I N A S. r. l. GAVORRANO (GROSSETO) CAVA POGGIO GIROTONDO PROGETTO DI COLTIVAZIONE E RECUPERO AMBIENTALE (Ai sensi del. G.R. 11/02/2002 n 138, punto 5) VARIANTE IN AMPLIAMENTO

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE ODONTOIATRIA 2012

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE ODONTOIATRIA 2012 Pagina 1 1 D.0012.0005.0009 Demolizione di muratura in mattoni forati, anche voltata, di spessore fino a 8 cm, eseguita TOTALMENTE a mano (con la massima cautela e senza compromettere la stabilita' di

Dettagli

TAB 1. Criteri classificativi dell'american College of Rheumatology. Artrite Reumatoide

TAB 1. Criteri classificativi dell'american College of Rheumatology. Artrite Reumatoide ALLEGATO 3 TRATTAMENTO DEI PAZIENTI AFFETTI DA ARTRITE REUMATOIDE CON FARMACI "BIOLOGICI" ANTI TNFa TAB 1 Criteri classificativi dell'american College of Rheumatology Artrite Reumatoide 1. rigidità articolare

Dettagli

Le Scale di Portata come Base Conoscitiva

Le Scale di Portata come Base Conoscitiva Sommario International Centre for Mechanical Sciences Provincia di Udine Servizio Difesa del Suolo e Protezione Civile Il Rilievo Geomorfologico dei Corsi d Acqua La Loro Evoluzione e Stima del Trasporto

Dettagli

controlling controlling X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

controlling controlling X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI controlling X Performance controlling NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per

Dettagli

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA UNITA DI VOLUME L unità fondamentale di volume è il litro (l). Il millilitro (ml) è la millesima parte di un litro ed è largamente usato in tutti i casi in cui il litro è

Dettagli

I.B.S. C ATA LO G O F R E N I

I.B.S. C ATA LO G O F R E N I I.B.S. CATALOGO FRENI 2012 KIT FRENI A TAMBURO COMPLETI I KIT FRENI A TAMBURO I.B.S. sono forniti con ganasce freno a ceppo rigido e retificato per garantire una frenata migliore. Inoltre sono certificate:

Dettagli

Made in Italy. Soluzioni in Kit per Veicoli Commerciali Multimarca

Made in Italy. Soluzioni in Kit per Veicoli Commerciali Multimarca Made in Italy Soluzioni in Kit per Veicoli Commerciali Multimarca Una esperienza quarantennale nel settore dell arredo e una continua ricerca di prodotti e tecnologie all avanguardia per rispondere all

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Denominazione commerciale del prodotto: Plast inox Condotti in PPs / INOX 08 0063 DESIGNAZIONE DEL PRODOTTO SECONDO LA NORMA EN 14471 condotto Certificato n.: 0063-CPD-8602

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA BAGNO ULTIMA SPIAGGIA Viale Italia, 89 Follonica (Gr) - Telefono 0566 40173 TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole

Dettagli

Specchi retrovisori. Motoagricole furgoni Fiat Coppa (mm. 198 x 140) attacco a 3 fori. Destro completo OC07 1000. Sinistro completo OC07 1001

Specchi retrovisori. Motoagricole furgoni Fiat Coppa (mm. 198 x 140) attacco a 3 fori. Destro completo OC07 1000. Sinistro completo OC07 1001 Specchi retrovisori Specchi retrovisori OC07 1000 OC07 1001 Motoagricole furgoni Fiat Coppa (mm. 198 x 140) attacco a 3 fori OC07 1010 OC07 1011 Motoagricole, furgoni Fiat, Alfa-Romeo, Peugeot, Citroen

Dettagli

COMPONENTI PER ANTA RIBALTA

COMPONENTI PER ANTA RIBALTA Cremonesi e Martelline FAENZALine Prezzo Cremonese "NINFA" a 1 cursore Elemento: A 32 70 171 Per infissi ad anta ribalta. 1 cremonese, 1 piastrino di fissaggio e 2 viti M5x12 inox. Confezione da 1 cremonese.

Dettagli

Guida pratica per il rilievo misure delle finestre e delle portefinestre

Guida pratica per il rilievo misure delle finestre e delle portefinestre Guida pratica per il rilievo misure delle finestre e delle portefinestre finestra-shop.com è un martchio registrado di I.S.I. srl Industria Serramenti Italiana Via Regia 21/B, 35018, San Martino di Lupari

Dettagli

DATI AMMINISTRATIVI. Frazione:

DATI AMMINISTRATIVI. Frazione: CODICE ID SITO/RITROVAMENTO: 61 STELE PREISTORICA DATI AMMINISTRATIVI Provincia: Comune: Frazione: Località: Sondrio Ca Morei Ca Morei Localizzazione: All interno di un caseggiato rurale ristrutturato,

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica

Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica Francesco Groppi Conferenza dell Industria Solare Italia 2009 Roma, 5-65 Principali aspetti e problematiche

Dettagli

Circolo Alexander Langer - Monza. Da un incisione della prima metà del 1700

Circolo Alexander Langer - Monza. Da un incisione della prima metà del 1700 Da un incisione della prima metà del 1700 OASI AMBIENTALE DI PIAZZA Dove siamo All intersezione del fiume Lambro con il Lambretto. Di fianco alla Stazione FS di Monza ed al capolinea di molti autobus.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli