Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Attività Clinico-Scientifica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Attività Clinico-Scientifica 2005-2007"

Transcript

1 Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Attività Clinico-Scientifica

2 Istituto Oncologico Veneto IRCCS Via Gattamelata Padova, Tel Web:

3 PRESENTAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO 1 PRESENTAZIONE DEL DIRETTORE SCIENTIFICO 3 ORGANIGRAMMA 5 DIREZIONE GENERALE 7 Prevenzione e Protezione Qualità e Accreditamento Comunicazione/Marketing Relazioni Sindacali e Valutazione DIREZIONE SCIENTIFICA 13 Comitato Tecnico Scientifico Amministrazione della Ricerca Biblioteca Laboratori Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica La Rete Oncologica Veneta DIREZIONE SANITARIA 27 Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizio Infermieristico Infermieri di Ricerca Formazione e Comunicazione Scientifica DIREZIONE AMMINISTRATIVA 33 Affari Generali Bilancio e Programmazione Finanziaria Controllo di Gestione Amministrazione del Personale COMITATO ETICO 39 REGISTRO TUMORI DEL VENETO 45 UNITÀ OPERATIVE 49 AREA DEI SERVIZI 51 Cardiologia Unità Galenica Farmacia Psico Oncologia AREA DI CHIRURGIA ONCOLOGICA 59

4 Chirurgia Oncologica Endoscopia Diagnostica e Operativa Centro Multidisciplinare Melanoma AREA DI RADIO ONCOLOGIA 67 Radioterapia e Medicina Nucleare Radiodiagnostica Oncologica Senologia Fisica Sanitaria AREA ONCOLOGICA CLINICA E SPERIMENTALE 81 Oncologia Medica 1 Oncologia Medica 2 Anatomia Patologica Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica ATTIVITÀ CLINICA IN CIFRE 97 ATTIVITÀ DI RICERCA 105 Linea n. 1: Epidemiologia, fattori di rischio e prevenzione Linea n. 2: Oncogenesi Linea n. 3: Valutazione del rischio genetico Linea n. 4: Ricerca di nuovi marcatori molecolari a scopo diagnostico, prognostico e predittivo della risposta Linea n. 5: Ottimizzazione delle tecniche diagnostiche e strumentali e della indicazione alla chirurgia Linea n. 6: Innovazioni nel campo della chemioterapia e della radioterapia Linea n. 7: Oncologia geriatrica Linea n. 8: Immunologia dei tumori e approcci terapeutici innovativi Linea n. 9: Analisi biostatistica e supporto informatico Linea n. 10: Integrazione dei servizi sanitari e socio-sanitari e valutazione della qualità di vita e delle cure ATTIVITÀ FORMATIVE 179 Eventi formativi Scuola di specializzazione in Oncologia Scuola di specializzazione in Radioterapia Scuola di specializzazione in Radiodiagnostica Dottorato di Ricerca in Oncologia e Oncologia Chirurgica PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE 197

5 PRESENTAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO L Istituto Oncologico Veneto, Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, avviato con la Legge Regionale n 26 del 22 dicembre 2005, dopo questa fase di avvio, rappresenta una realtà scientifica e sanitaria di sicura importanza per la città di Padova e per la Regione del Veneto. Nato per realizzare nei fatti una rete oncologica che coinvolgesse tutte le realtà regionali, ha certamente profuso lo sforzo maggiore in questi primi anni nel rafforzare la struttura clinico scientifica della propria sede, dovendo anche procedere alla ristrutturazione, all adeguamento ed allo sviluppo di uno stabilimento ospedaliero, sì prestigioso, ma anche bisognoso di urgenti interventi, non sempre agevoli in una realtà attentamente vigilata dalla Sovraintendenza ai Beni Architettonici ed Ambientali. L avere anche mantenuto un sostanziale equilibrio economico nei primi bilanci di esercizio, rappresenta per noi motivo di grande soddisfazione. Oggi possiamo iniziare, e guardare con fiducia, la seconda fase dello sviluppo dell Istituto, che si realizzerà: a) con il completamento, nell arco massimo di un triennio, di quanto previsto dal piano degli investimenti tecnico-edilizi, già approvato; b) con la piena realizzazione delle collaborazioni di ricerca e di assistenza con le strutture oncologiche della Regione del Veneto, nelle quali sono già operativi su specifici progetti di ricerca ricercatori dipendenti dello IOV, e delle Regioni limitrofe; c) con l ulteriore sviluppo delle attività scientifiche già in atto con i principali IRCCS oncologici nazionali, anche grazie alla rete di Alleanza contro il Cancro; d) con la estensione dei rapporti di collaborazione internazionale, sia in tema di ricerca, sia in tema di aiuto e cooperazione con Paesi in via di sviluppo, in particolare del continente Africano, obiettivo per il quale si sta per realizzare un apposito ufficio. Sul piano assistenziale l Istituto implementerà il Registro Oncologico Regionale ed altri registri di alcune condizioni preneoplastiche con il fine di monitorare il fenomeno della oncogenesi a livello regionale. La gestione della assistenza ospedaliera sarà realizzata secondo il principio della dipartimentalizzazione. La oncologia internistica continuerà ad operare su tutte le neoplasie, mentre la Chirurgia Oncologica sarà mirata ad alcuni tumori di largo impatto sociale, mammella, coloretto, melanomi etc, e ad alcuni settori di nicchia nei quali lo IOV vanta competenze specifiche riconosciute a livello nazionale ed internazionale, come le neoplasie epatiche, esofagee, tiroidee. L Istituto continuerà a dotarsi delle attrezzature tecnologicamente più innovative, al fine di offrire la diagnostica e la terapia più innovative ed anche al fine di contribuire a stilare le linee guida di applicazione delle innovazioni stesse. Ultimo ma non meno ambizioso obiettivo sarebbe la possibilità di realizzare una collaborazione organica, in armonia anche con le eventuali indicazioni del Ministero della Salute, con strutture sanitarie del Sud del nostro Paese, in maniera tale da perseguire un vero tessuto di omogenei livelli di qualità di assistenza e di ricerca sul territorio nazionale. 1

6 Tutto questo comporterà un grandissimo sforzo che non potrà che partire da un solido rafforzamento del nostro Istituto sia sul piano tecnologico sia, ancor più, su quello della qualità, continuità ed umanità delle cure: è un obiettivo che non riteniamo impossibile, considerato il forte aiuto che ci è sinora venuto, e ci continua a venire, dalle Istituzioni Pubbliche e Private della nostra Regione, dal Ministero della Salute, ma, soprattutto, dai cittadini, che già hanno dimostrato con le loro significative contribuzioni, e in particolare quelle relative al 5x1000, che ci hanno collocato al 11 posto su scala nazionale già in questi primi due anni, quanto essi abbiano a cuore l esistenza ed il progresso dell Istituto Oncologico Veneto. Il Commissario Straordinario Prof. Pier Carlo Muzzio 2

7 PRESENTAZIONE DEL DIRETTORE SCIENTIFICO Questo volume compare a tre anni dalla nascita dell'istituto Oncologico Veneto (IOV), e vuole rappresentare un primo bilancio di un triennio di avvio della attività, un'occasione di presentazione alla comunità scientifica degli IRCCS, ma anche un momento di riflessione per noi che nello IOV da sempre operiamo. Dopo anni di attesa, il Ministero della Salute e la Regione del Veneto hanno finalmente autorizzato la nascita di un IRCCS pubblico deputato a coniugare la cura dei malati e la ricerca sui tumori in un'unica struttura che concentrasse le migliori competenze già esistenti, permettendo un dialogo e una compenetrazione ottimale tra la realtà clinica e quella di laboratorio. Si parla spesso oggi di ricerca "traslazionale", riferendosi alla necessità che le ricerche svolte in laboratorio si trasferiscano rapidamente al letto del malato; è vero però che si deve verificare anche il percorso inverso, con i campioni del paziente che tornano al laboratorio per essere analizzati con gli strumenti più avanzati della ricerca, allo scopo di illuminare e indirizzare le scelte terapeutiche dei medici. Il poter avere in una stessa struttura, continuamente a contatto tra loro, clinici e laboratoristi, così come è in un IRCCS che fa della cura e della ricerca la propria ragione di vita, non può che rendere più facile questo circuito virtuoso fatto di sempre maggiori conoscenze e quindi di sempre migliore efficacia terapeutica. La nascita di un IRCCS oncologico pubblico in una realtà quale quella padovana e veneta, dove l'oncologia ha da tempo caratteri di eccellenza ed è trasversalmente distribuita tra professionalità e competenze diverse, laboratoristiche, mediche e chirurgiche, non può considerarsi un'operazione semplice. La filosofia che anima l'intervento dello IOV è quella di contribuire ad ottimizzare le risorse già presenti nel territorio, catalizzando processi virtuosi e implementando sinergie che stenterebbero altrimenti a nascere. Da questa filosofia discendono due tipi di scenari diversi ma complementari: da un lato assorbire nello IOV "nicchie" di eccellenza oncologica già definite su temi ben precisi (i tumori eredo-familiari ne sono un esempio emblematico), dall'altro proporsi come maglia essenziale di una "rete" oncologica estesa al Veneto ed in continuo dialogo con gli altri network oncologici regionali e nazionali, condividendo progetti di ricerca, percorsi diagnostici, protocolli di terapia. I vantaggi di lavorare in rete? Il primo e il più evidente è quello di poter raccogliere rapidamente e studiare casistiche di pazienti sufficientemente numerose: sappiamo oggi che per poter validare un approccio diagnostico o terapeutico innovativo è necessario studiare larghe coorti di pazienti. Il secondo, e forse il più importante, è che la qualità delle cure oncologiche abbia lo stesso elevato standard in qualsiasi ospedale, e che ogni paziente abbia la possibilità di accedere a strumenti di diagnosi e terapia che per il loro costo impongono una centralizzazione in uno o pochi centri. Nonostante la sua giovane età, lo IOV è già ben radicato nella realtà oncologica nazionale, in particolare per quanto riguarda la capacità di integrare la propria progettualità con quella degli altri IRCCS oncologici e di altre Istituzioni pubbliche, attraendo risorse sempre maggiori da agenzie pubbliche e private. In questi anni, lo IOV ha fatto molto, e molto bene, sotto la guida del suo primo Direttore Scientifico, gettando le basi del proprio sviluppo, alla ricerca di un non sempre facile equilibrio tra tutte le strutture che operano nella sanità pubblica regionale. Ma proprio la vicinanza con queste realtà dà a tutti noi (e in particolare a me, che ho recentemente "raccolto il testimone" e mi preparo alla responsabilità della Direzione Scientifica per il prossimo quinquennio) la tranquillità di poter proseguire la nostra missione nella maniera migliore: l'attività di formazione alla ricerca, ad 3

8 esempio, uno dei requisiti fondamentali di un IRCCS, è enormemente facilitata dalla contiguità con l'università, a cui parte del personale IOV fa riferimento. Nei nostri laboratori e reparti lavorano decine di giovani ricercatori, tra laureandi, borsisti, assegnisti, specializzandi, dottorandi di ricerca e quant'altro, che sono la migliore promessa e garanzia di una crescita futura, scientifica e professionale. Questa è la speranza e il progetto dello IOV, questa la filosofia che ci anima. Il Direttore Scientifico Prof. Alberto Amadori 4

9 Organigramma Direttore Generale Commissario Straordinario Direttore Scientifico Collegio Sindacale Collegio di Direzione Consiglio dei Sanitari Comitato etico Comitato Tecnico Scientifico STAFF DIREZIONE Controllo di Gestione Prevenzione e Protezione Qualità Comunicazione e Marketing Relazioni sindacali e valutazione Comitato Tecnico Scientifico Registro tumori AREA SERVIZI DI STAFF Amministrazione della ricerca Sistema bibliotecario INDIRIZZO E COORDINAMENTO RICERCA Sperimentazioni cliniche e biostatistica Direttore Amministrativo Ufficio Relazioni con il Pubblico Direttore Sanitario Servizio Infermieristico Formazione del Personale Direzione Medica di Presidio Infermieri di Ricerca Clinica AREA DEI SERVIZI AREA GIURIDICA Acquisti e Logistica Affari Generali Personale Libera Professione AREA ECONOMICA Bilancio e Programmazione Finanziaria Informatica Tecnico Laboratorio Analisi Satellite Medicina del Lavoro Cardiologia Terapia Antalgica e Prog. Territorio Anestesia Farmacia Psico Oncologia AREA DI CHIRURGIA ONCOLOGICA Chirurgia Oncologica Day Surgery T.I.P.O. Endoscopia Operativa Centro Regionale Melanoma AREA DI RADIO ONCOLOGIA Radioterapia con medicina nucleare e Ce Mu RNI Radiodiagnostica Oncologica Senologia Fisica Sanitaria AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE Oncologia Medica 1 Oncologia Medica 2 Anatomia Patologica Immun. e Diagnostica Molecolare Oncologica 5

10

11 Direzione Generale 7

12

13 Direzione Generale Commissario straordinario: Prof. Pier Carlo Muzzio Tel.: MISSION Alla Direzione Generale è assegnata la responsabilità della gestione ordinaria e straordinaria dell Istituto. La Direzione Generale coordina e dirige l'attività dei seguenti servizi: PREVENZIONE E PROTEZIONE Responsabile: Salvatore D Amico Le funzioni assegnate sono: Collaborare con la Direzione Generale all elaborazione dei piani e programmi per il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori; Collaborare con le strutture committenti nel fornire alle imprese appaltatrici e ai lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività. Il Servizio è inoltre preposto (ex art.9 D.Lgs. 626/94): all individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale; ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive e i sistemi di protezione individuale, nonché i sistemi di controllo di tali misure; ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e di sicurezza; a fornire ai lavoratori le informazioni in merito: o ai rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività, alle misure e alle attività di protezione e prevenzione adottate o ai rischi specifici cui sono esposti in relazione all attività svolta o alle normative di sicurezza e alle disposizioni aziendali in materia o ai pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi o alle procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei lavoratori o ai compiti del responsabile dei servizi di prevenzione e protezione e del medico competente o ai nominativi dei lavoratori preposti all attuazione delle misure di prevenzione e comunque di gestione dell emergenza; a visitare, assieme al medico competente, gli ambienti di lavoro almeno due volte l anno; a partecipare alla programmazione del controllo dell esposizione e a fornire al medico competente i livelli di esposizione professionale individuali dei lavoratori esposti agli agenti chimici pericolosi per la salute, che rispondono ai criteri per la classificazione come molto tossici, tossici, nocivi, sensibilizzanti, irritanti, tossici per il ciclo riproduttivo. 9

14 Tutte le attività vengono attualmente gestite come Servizio Interaziendale con l'ulss 16 e l'azienda Ospedaliera di Padova. QUALITÀ E ACCREDITAMENTO Responsabile: Dott.ssa Daniela Chiusole Le funzioni assegnate sono: Garantire l implementazione, la valutazione, la misurazione l aggiornamento e la gestione del sistema della qualità aziendale promuovendo e coordinando le iniziative in materia previste; Promuovere e diffondere all interno dell Istituto, in collaborazione con la Formazione e Aggiornamento del Personale, la cultura e i metodi per il miglioramento continuo della qualità; Curare la progettazione e le attività inerenti l ottenimento dell accreditamento istituzionale; Favorire e sviluppare l'integrazione delle attività ordinarie e progettuali che vengono svolte per migliorare i processi aziendali; Assicurare la predisposizione e l aggiornamento della Carta dei Servizi aziendale. COMUNICAZIONE/MARKETING Responsabile: Dott. Bruno Bandoli Le funzioni assegnate sono: Curare i rapporti con la stampa, nonché la promozione e il coordinamento della corretta circolazione delle informazioni e comunicazioni istituzionali, interne ed esterne; Provvedere alla divulgazione di comunicati stampa e all organizzazione di conferenze stampa, garantendo un adeguata presenza sui mezzi di informazione; Curare la gestione e lo sviluppo del sito web aziendale, offrendo agli utenti informazioni aggiornate sull assistenza sanitaria erogata nonché sullo stato della ricerca scientifica, anche con il supporto di rassegne stampa tematiche e la produzione di opuscoli; Redigere il calendario delle iniziative scientifiche, provvedendo alla concessione del patrocinio e del logo aziendale, nonché assegnando eventuali spazi disponibili per attività seminariali; Promuovere e sviluppare iniziative finalizzate all integrazione tra lo IOV e il territorio, creando le condizioni favorevoli per ottenere elargizioni da parte di soggetti pubblici e privati; Curare la programmazione e organizzazione, adeguata al particolare contesto etico, di manifestazioni e altre iniziative volte a far meglio conoscere lo IOV e, in particolare, la struttura di assistenza e ricerca ivi operante; Svolgere attività di coordinamento operativo con la neo costituita Associazione Il Faro per lo IOV realizzata dall ASCOM Padova e dai Ricercatori IOV per la ricerca e la raccolta di fondi a sostegno dell Istituto Oncologico Veneto, creando così nuove opportunità e sinergie con il Servizio nella programmazione e organizzazione integrata degli eventi destinati alla raccolta fondi. RELAZIONI SINDACALI E VALUTAZIONE Responsabile: Sig.ra Laura Scappin 10

15 Le funzioni assegnate sono: Definire e gestire in collaborazione con le altre strutture coinvolte e il Nucleo di Valutazione metodologie, strumenti e processi di sviluppo delle risorse umane (valutazione delle posizioni, delle prestazioni individuali, piani retributivi, di incentivazione e di carriera); Supportare, su richiesta, la Direzione nelle relazioni con le OO.SS.; Redigere, sulla base della normativa contrattuale vigente e dell'organizzazione dell'istituto, i contratti individuali di lavoro. 11

16

17 Direzione Scientifica 13

18

19 Direzione Scientifica Direttore Scientifico: Prof. Ermanno Ancona, Medico-Chirurgo Tel.: Fax: Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel Specialista in Chirurgia Generale, Chirurgia Toracica, Anestesia e Rianimazione. Nel novembre 1966 è diventato Assistente Volontario, di nomina Rettoriale, presso l'istituto di Patologia Chirurgica dell'università di Padova, diretto dal Prof. G. Pezzuoli. Dal maggio 1970 Assistente universitario di Ruolo presso l'istituto di Anatomia Chirurgica, diretto dal Prof. Peracchia. Da Maggio 1973 aiuto di ruolo. Nel maggio 1971 ha conseguito la libera Docenza in Chirurgia Sperimentale. Nel 1980 diviene Professore Associato di Semeiotica Chirurgica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Padova, nel 1986 diviene Professore di prima fascia. E' titolare del corso di Chirurgia Generale per il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Insegna nelle Scuole di Specializzazione di Chirurgia Generale ( 2^ scuola) e Anestesia e Rianimazione. Direttore della Clinica Chirurgica 3^ di Padova. Dal 1987 è responsabile primariale della Divisione Chirurgica connessa all'istituto. Dal 1988 è responsabile del Centro Trapianti di Rene e di Pancreas dell'ospedale di Padova. E' stato direttore del Dipartimento Trapianti dello stesso ospedale nel Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche. E' Direttore del Centro Regionale Veneto per lo Studio delle Malattie dell'esofago. Presidente del Comitato Scientifico del Consorzio IOV. E' stato Consigliere di Amministrazione dell'università di Padova e, nel Prorettore della stessa Università. E' Membro del Consiglio Direttivo della SICE (Società Italiana di Chirurgia Endoscopica e Mininvasiva). E' stato Presidente della GEEMO (Group d'etude Européen pour les Maladies de l'oesophage). E' membro dell'esa (European Surgical Association). Fellow dell'american College of Surgeons. E' socio dell'esot (European Society of Organ Transplantation). E' stato rappresentante italiano dell'isde (International Society of Diseases of the Esophagus). E' redattore di numerose riviste nazionali ed internazionali. E' autore di 6 monografie, di oltre 500 pubblicazioni a stampa e di 186 abstracts inerenti la Microchirurgia sperimentale e clinica, la patologia neoplastica e funzionale dell'esofago, la chirurgia laparoscopica ed i trapianti di rene e pancreas. MISSION La Direzione Scientifica promuove e coordina la ricerca clinica e sperimentale dell Istituto. In aderenza al mandato della Giunta Regionale del Veneto, promuove lo sviluppo delle collaborazioni scientifiche a livello di tutta la regione e integra le attività di ricerca clinica e sperimentale condotte nelle diverse realtà provinciali in un programma unitario condiviso. Attività Nel triennio si è provveduto a costituire il primo nucleo della rete scientifica utilizzando i finanziamenti della Regione per la Ricerca Finalizzata, i finanziamenti del 15

20 Ministero della Salute per la Ricerca Corrente e Finalizzata ed i finanziamenti elargiti da Enti Pubblici e Privati. Le linee di ricerca dell Istituto per il triennio sono così programmate: 1: Epidemiologia, fattori di rischio e prevenzione Responsabile: Zambon Paola, Di Maggio Cosimo Registro tumori del Veneto: studi epidemiologici analitici e descrittivi; campagne per la prevenzione primaria; monitoraggio e valutazione degli screening oncologici strumentali e clinico-strumentali. 2: Oncogenesi Responsabile: De Rossi Anita, Ciminale Vincenzo, Rugge Massimo Retrovirus e virus umani nell'oncogenesi, con particolare riferimento alle proteine che mediano la trasformazione neoplastica e alle interazioni di proteine virali con pathways di signalling intracellulare; interazioni tra proteine di virus erpetici (EBV, HHV-8) e proteine di HIV; modelli animali di linfomagenesi umana da virus erpetici; studio della sequenza metaplasia-displasia-cancro nell'esofago di Barrett. 3: Valutazione del rischio genetico Responsabile: D'Andrea Emma Studi sulla eredo-familiarità nelle neoplasie di mammella, ovaio, prostata, melanoma, apparato digerente e tiroide; identificazione e definizione dei prodotti di geni mutati (quali BRCA, CDKN2 etc.); relazioni tra gene di p53 ed altri oncogeni ed oncosoppressori; attivazione trascrizionale di geni per citochine in neoplasie pancreatiche, tiroidee, esofagee, gastrointestinali. 4: Ricerca di nuovi marcatori molecolari a scopo diagnostico, prognostico e predittivo della risposta Responsabile: Nitti Donato Implementazione di piattaforme di genomica funzionale, proteomica e fosfoproteomica per studi su campioni di tumore e liquidi biologici nei tumori gastrointestinali, urologici, nel melanoma e nei sarcomi delle parti molli; alterazioni citogenetiche e molecolari in neoplasie cerebrali; marcatori prognostici nelle malattie linfoproliferative croniche; sviluppo di marcatori non invasivi per il monitoraggio delle neoplasie; studio della telomerasi come marcatore molecolare di neoplasia; nuovi marcatori molecolari di risposta alla terapia nel carcinoma dell'esofago, rene e prostata. 5: Ottimizzazione delle tecniche diagnostiche e strumentali e della indicazione alla chirurgia Responsabile: Muzzio Pier Carlo, Ancona Ermanno Ottimizzazione di indagini strumentali quali la mammografia, la PET, la TAC/PET, la RMN e l'ecografia nella diagnosi e nella valutazione d'efficacia della terapia; endoscopia ed ecoendoscopia per la valutazione neoplastica morfo-volumetrica; sviluppo di software per l'analisi volumetrica di immagini radiologiche ed ecografiche; applicazioni della chirurgia robotica; valutazione e standardizzazione della tecnica della biopsia del linfonodo sentinella; indicazioni e risultati del trapianto di fegato nei pazienti con epatocarcinoma; chemioterapia perfusiva locoregionale dei tumori localmente avanzati degli arti e del fegato. 6: Innovazioni nel campo della chemioterapia e della radioterapia Responsabile: Cartei Giuseppe, Jirillo Antonio, Sotti Guido 16

21 Sperimentazione di nuove combinazioni chemioterapiche e chemio-radioterapiche in tumori primitivi e metastatici; neoplasie pediatriche, con particolare riferimento alla caratterizzazione molecolare nella terapia dei linfomi, e al trattamento dei gliomi e dei rabdomiosarcomi; valutazione dell'efficacia di nuovi farmaci o combinazioni di farmaci, e definizione di nuovi approcci farmacodinamici preclinici, anche sulla base di dati di farmacogenomica, proteomica e di test di chemiosensibilità; farmaci "target" e farmaci antiangiogenetici; terapia radiometabolica, radioterapia conformazionale e brachiterapia; terapia fotodinamica associata o meno alla BNCT per il trattamento dei tumori dell'esofago e del melanoma cutaneo. 7: Oncologia geriatrica Responsabile: Monfardini Silvio Biologia dell'invecchiamento e dei tumori nell'anziano; studi prospettici osservazionali in tumori della mammella e del colon-retto; studio dei fattori limitanti l'entrata nei trials; polifarmacoterapia nell'anziano. 8: Immunologia dei tumori e approcci terapeutici innovativi Responsabile: Amadori Alberto, Zanovello Paola Tumore e microambiente: ruolo delle cellule mieloidi soppressorie, e loro modulazione farmacologica; neoangiogenesi e strategie di terapia genica per la sua modulazione; meccanismi di dormienza tumorale; vaccinazione verso antigeni tumorali nel modello del topo TRAMP; identificazione di markers surrogati di protezione in pazienti vaccinati; TCR transgenici per la terapia adottiva di melanomi; protocolli di immunoterapia adottiva in pazienti con linfomi EBV-positivi. 9: Analisi biostatistica e supporto informatico Responsabile: De Salvo Gian Luca Supporto metodologico-biostatistico ed informatico a progetti clinici; sviluppo di sistemi di raccolta e gestione dei dati da remoto; informatizzazione e messa in rete dei dati prodotti/raccolti; applicazione di nuove tecniche per lo sviluppo di modelli clinici di diagnosi e prognosi. 10: Integrazione dei servizi sanitari e socio-sanitari e valutazione della qualità di vita e delle cure Responsabile: Bonavina Giuseppina Maria Modelli assistenziali per integrare la continuità delle cure tra ospedale e territorio; identificazione di modelli di comunicazione fra medico ospedaliero e medico di medicina generale basati sulla centralità del cittadino; percorsi di appropriatezza sull'utilizzo dei servizi con iniziative finalizzate al sostegno della domiciliarità; implementazione del sistema qualità basato su indicatori di efficacia delle cure. 17

22 Comitato Tecnico Scientifico Supporto per la promozione, la pianificazione e l organizzazione della ricerca. Componenti Ermanno Ancona Direttore Scientifico IOV - Professore Ordinario di Chirurgia Generale Direttore Clinica Chirurgica III Università di Padova - Alberto Amadori Professore Ordinario di Immunologia - Direttore Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica IOV Giuseppe Cartei Direttore Oncologia Medica 1 IOV Massimo Gion Direttore CRIBT Venezia Silvio Monfardini Direttore Oncologia Medica 2 IOV Donato Nitti Professore Ordinario di Chirurgia Generale - Direttore Clinica Chirurgica II Università di Padova Giovanni Pizzolo Professore Ordinario di Malattie del Sangue - Direttore Ematologia Università di Verona Guido Sotti. Direttore Radioterapia e Medicina Nucleare IOV 18

23 Amministrazione della Ricerca Referente: Sig.ra Daniela Battistuzzi L Amministrazione della Ricerca rappresenta l anello di congiunzione tra le strutture dello IOV, la rete oncologica veneta ed il Ministero della Salute. Ha tra i suoi compiti istituzionali la promozione, il coordinamento, la gestione e lo sviluppo dei Progetti di Ricerca Scientifica proposti dalle varie strutture dell'istituto, nell'ambito della Ricerca Biomedica e Organizzativo-Gestionale finanziata sia da soggetti pubblici che privati in ambito regionale, nazionale ed internazionale. Gestisce i rapporti con il Ministero della Salute che si sono articolati tramite la partecipazione del Direttore Scientifico alle periodiche riunioni degli altri Direttori degli IRCCS e la preparazione, in collaborazione con l Ufficio Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica, della documentazione necessaria per l'acquisizione dei finanziamenti per la Ricerca Corrente e Finalizzata. Oltre alle ordinarie mansioni burocratico-amministrative, l Ufficio Amministrazione della Ricerca gestisce la parte amministrativa di tutte le attività di ricerca dell Istituto nell ambito dei seguenti progetti: Ricerca Corrente Ricerca Finalizzata Istituto Superiore di Sanità Alleanza Contro il Cancro Comunità Europea 19

24 Biblioteca Responsabile: Dott. Antonio Rosato La biblioteca dell Istituto Oncologico Veneto è situata presso il Servizio di Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica. Consta di circa 40 periodici in formato cartaceo ed online. Larga parte delle strutture IOV ha accesso ai servizi della Biblioteca Pinali della Facoltà di Medicina e Chirurgia (1300 periodici in formato cartaceo e 3300 in formato online). La disponibilità delle risorse online di BiblioSan, a cui lo IOV istituzionalmente aderisce, ha ulteriormente migliorato la situazione sia delle strutture IOV non collegate alla Biblioteca Pinali che di quelle collegate. Il principale obiettivo a breve termine consiste nell'implementazione di un capillare collegamento di tutte le strutture con la Biblioteca Pinali e nell'integrazione di tali risorse con quelle accessibili tramite BiblioSan. Ciò può essere realizzato, e in tal senso si registra il forte interesse del Sistema Bibliotecario di Ateneo padovano, mediante la partecipazione della Biblioteca Pinali al progetto Bibliosan, che include il censimento in ACNP del materiale posseduto e lo scambio di articoli mediante Document Delivery con la rete degli IRCSS. 20

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli