Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Attività Clinico-Scientifica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Attività Clinico-Scientifica 2005-2007"

Transcript

1 Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Attività Clinico-Scientifica

2 Istituto Oncologico Veneto IRCCS Via Gattamelata Padova, Tel Web:

3 PRESENTAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO 1 PRESENTAZIONE DEL DIRETTORE SCIENTIFICO 3 ORGANIGRAMMA 5 DIREZIONE GENERALE 7 Prevenzione e Protezione Qualità e Accreditamento Comunicazione/Marketing Relazioni Sindacali e Valutazione DIREZIONE SCIENTIFICA 13 Comitato Tecnico Scientifico Amministrazione della Ricerca Biblioteca Laboratori Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica La Rete Oncologica Veneta DIREZIONE SANITARIA 27 Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizio Infermieristico Infermieri di Ricerca Formazione e Comunicazione Scientifica DIREZIONE AMMINISTRATIVA 33 Affari Generali Bilancio e Programmazione Finanziaria Controllo di Gestione Amministrazione del Personale COMITATO ETICO 39 REGISTRO TUMORI DEL VENETO 45 UNITÀ OPERATIVE 49 AREA DEI SERVIZI 51 Cardiologia Unità Galenica Farmacia Psico Oncologia AREA DI CHIRURGIA ONCOLOGICA 59

4 Chirurgia Oncologica Endoscopia Diagnostica e Operativa Centro Multidisciplinare Melanoma AREA DI RADIO ONCOLOGIA 67 Radioterapia e Medicina Nucleare Radiodiagnostica Oncologica Senologia Fisica Sanitaria AREA ONCOLOGICA CLINICA E SPERIMENTALE 81 Oncologia Medica 1 Oncologia Medica 2 Anatomia Patologica Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica ATTIVITÀ CLINICA IN CIFRE 97 ATTIVITÀ DI RICERCA 105 Linea n. 1: Epidemiologia, fattori di rischio e prevenzione Linea n. 2: Oncogenesi Linea n. 3: Valutazione del rischio genetico Linea n. 4: Ricerca di nuovi marcatori molecolari a scopo diagnostico, prognostico e predittivo della risposta Linea n. 5: Ottimizzazione delle tecniche diagnostiche e strumentali e della indicazione alla chirurgia Linea n. 6: Innovazioni nel campo della chemioterapia e della radioterapia Linea n. 7: Oncologia geriatrica Linea n. 8: Immunologia dei tumori e approcci terapeutici innovativi Linea n. 9: Analisi biostatistica e supporto informatico Linea n. 10: Integrazione dei servizi sanitari e socio-sanitari e valutazione della qualità di vita e delle cure ATTIVITÀ FORMATIVE 179 Eventi formativi Scuola di specializzazione in Oncologia Scuola di specializzazione in Radioterapia Scuola di specializzazione in Radiodiagnostica Dottorato di Ricerca in Oncologia e Oncologia Chirurgica PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE 197

5 PRESENTAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO L Istituto Oncologico Veneto, Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, avviato con la Legge Regionale n 26 del 22 dicembre 2005, dopo questa fase di avvio, rappresenta una realtà scientifica e sanitaria di sicura importanza per la città di Padova e per la Regione del Veneto. Nato per realizzare nei fatti una rete oncologica che coinvolgesse tutte le realtà regionali, ha certamente profuso lo sforzo maggiore in questi primi anni nel rafforzare la struttura clinico scientifica della propria sede, dovendo anche procedere alla ristrutturazione, all adeguamento ed allo sviluppo di uno stabilimento ospedaliero, sì prestigioso, ma anche bisognoso di urgenti interventi, non sempre agevoli in una realtà attentamente vigilata dalla Sovraintendenza ai Beni Architettonici ed Ambientali. L avere anche mantenuto un sostanziale equilibrio economico nei primi bilanci di esercizio, rappresenta per noi motivo di grande soddisfazione. Oggi possiamo iniziare, e guardare con fiducia, la seconda fase dello sviluppo dell Istituto, che si realizzerà: a) con il completamento, nell arco massimo di un triennio, di quanto previsto dal piano degli investimenti tecnico-edilizi, già approvato; b) con la piena realizzazione delle collaborazioni di ricerca e di assistenza con le strutture oncologiche della Regione del Veneto, nelle quali sono già operativi su specifici progetti di ricerca ricercatori dipendenti dello IOV, e delle Regioni limitrofe; c) con l ulteriore sviluppo delle attività scientifiche già in atto con i principali IRCCS oncologici nazionali, anche grazie alla rete di Alleanza contro il Cancro; d) con la estensione dei rapporti di collaborazione internazionale, sia in tema di ricerca, sia in tema di aiuto e cooperazione con Paesi in via di sviluppo, in particolare del continente Africano, obiettivo per il quale si sta per realizzare un apposito ufficio. Sul piano assistenziale l Istituto implementerà il Registro Oncologico Regionale ed altri registri di alcune condizioni preneoplastiche con il fine di monitorare il fenomeno della oncogenesi a livello regionale. La gestione della assistenza ospedaliera sarà realizzata secondo il principio della dipartimentalizzazione. La oncologia internistica continuerà ad operare su tutte le neoplasie, mentre la Chirurgia Oncologica sarà mirata ad alcuni tumori di largo impatto sociale, mammella, coloretto, melanomi etc, e ad alcuni settori di nicchia nei quali lo IOV vanta competenze specifiche riconosciute a livello nazionale ed internazionale, come le neoplasie epatiche, esofagee, tiroidee. L Istituto continuerà a dotarsi delle attrezzature tecnologicamente più innovative, al fine di offrire la diagnostica e la terapia più innovative ed anche al fine di contribuire a stilare le linee guida di applicazione delle innovazioni stesse. Ultimo ma non meno ambizioso obiettivo sarebbe la possibilità di realizzare una collaborazione organica, in armonia anche con le eventuali indicazioni del Ministero della Salute, con strutture sanitarie del Sud del nostro Paese, in maniera tale da perseguire un vero tessuto di omogenei livelli di qualità di assistenza e di ricerca sul territorio nazionale. 1

6 Tutto questo comporterà un grandissimo sforzo che non potrà che partire da un solido rafforzamento del nostro Istituto sia sul piano tecnologico sia, ancor più, su quello della qualità, continuità ed umanità delle cure: è un obiettivo che non riteniamo impossibile, considerato il forte aiuto che ci è sinora venuto, e ci continua a venire, dalle Istituzioni Pubbliche e Private della nostra Regione, dal Ministero della Salute, ma, soprattutto, dai cittadini, che già hanno dimostrato con le loro significative contribuzioni, e in particolare quelle relative al 5x1000, che ci hanno collocato al 11 posto su scala nazionale già in questi primi due anni, quanto essi abbiano a cuore l esistenza ed il progresso dell Istituto Oncologico Veneto. Il Commissario Straordinario Prof. Pier Carlo Muzzio 2

7 PRESENTAZIONE DEL DIRETTORE SCIENTIFICO Questo volume compare a tre anni dalla nascita dell'istituto Oncologico Veneto (IOV), e vuole rappresentare un primo bilancio di un triennio di avvio della attività, un'occasione di presentazione alla comunità scientifica degli IRCCS, ma anche un momento di riflessione per noi che nello IOV da sempre operiamo. Dopo anni di attesa, il Ministero della Salute e la Regione del Veneto hanno finalmente autorizzato la nascita di un IRCCS pubblico deputato a coniugare la cura dei malati e la ricerca sui tumori in un'unica struttura che concentrasse le migliori competenze già esistenti, permettendo un dialogo e una compenetrazione ottimale tra la realtà clinica e quella di laboratorio. Si parla spesso oggi di ricerca "traslazionale", riferendosi alla necessità che le ricerche svolte in laboratorio si trasferiscano rapidamente al letto del malato; è vero però che si deve verificare anche il percorso inverso, con i campioni del paziente che tornano al laboratorio per essere analizzati con gli strumenti più avanzati della ricerca, allo scopo di illuminare e indirizzare le scelte terapeutiche dei medici. Il poter avere in una stessa struttura, continuamente a contatto tra loro, clinici e laboratoristi, così come è in un IRCCS che fa della cura e della ricerca la propria ragione di vita, non può che rendere più facile questo circuito virtuoso fatto di sempre maggiori conoscenze e quindi di sempre migliore efficacia terapeutica. La nascita di un IRCCS oncologico pubblico in una realtà quale quella padovana e veneta, dove l'oncologia ha da tempo caratteri di eccellenza ed è trasversalmente distribuita tra professionalità e competenze diverse, laboratoristiche, mediche e chirurgiche, non può considerarsi un'operazione semplice. La filosofia che anima l'intervento dello IOV è quella di contribuire ad ottimizzare le risorse già presenti nel territorio, catalizzando processi virtuosi e implementando sinergie che stenterebbero altrimenti a nascere. Da questa filosofia discendono due tipi di scenari diversi ma complementari: da un lato assorbire nello IOV "nicchie" di eccellenza oncologica già definite su temi ben precisi (i tumori eredo-familiari ne sono un esempio emblematico), dall'altro proporsi come maglia essenziale di una "rete" oncologica estesa al Veneto ed in continuo dialogo con gli altri network oncologici regionali e nazionali, condividendo progetti di ricerca, percorsi diagnostici, protocolli di terapia. I vantaggi di lavorare in rete? Il primo e il più evidente è quello di poter raccogliere rapidamente e studiare casistiche di pazienti sufficientemente numerose: sappiamo oggi che per poter validare un approccio diagnostico o terapeutico innovativo è necessario studiare larghe coorti di pazienti. Il secondo, e forse il più importante, è che la qualità delle cure oncologiche abbia lo stesso elevato standard in qualsiasi ospedale, e che ogni paziente abbia la possibilità di accedere a strumenti di diagnosi e terapia che per il loro costo impongono una centralizzazione in uno o pochi centri. Nonostante la sua giovane età, lo IOV è già ben radicato nella realtà oncologica nazionale, in particolare per quanto riguarda la capacità di integrare la propria progettualità con quella degli altri IRCCS oncologici e di altre Istituzioni pubbliche, attraendo risorse sempre maggiori da agenzie pubbliche e private. In questi anni, lo IOV ha fatto molto, e molto bene, sotto la guida del suo primo Direttore Scientifico, gettando le basi del proprio sviluppo, alla ricerca di un non sempre facile equilibrio tra tutte le strutture che operano nella sanità pubblica regionale. Ma proprio la vicinanza con queste realtà dà a tutti noi (e in particolare a me, che ho recentemente "raccolto il testimone" e mi preparo alla responsabilità della Direzione Scientifica per il prossimo quinquennio) la tranquillità di poter proseguire la nostra missione nella maniera migliore: l'attività di formazione alla ricerca, ad 3

8 esempio, uno dei requisiti fondamentali di un IRCCS, è enormemente facilitata dalla contiguità con l'università, a cui parte del personale IOV fa riferimento. Nei nostri laboratori e reparti lavorano decine di giovani ricercatori, tra laureandi, borsisti, assegnisti, specializzandi, dottorandi di ricerca e quant'altro, che sono la migliore promessa e garanzia di una crescita futura, scientifica e professionale. Questa è la speranza e il progetto dello IOV, questa la filosofia che ci anima. Il Direttore Scientifico Prof. Alberto Amadori 4

9 Organigramma Direttore Generale Commissario Straordinario Direttore Scientifico Collegio Sindacale Collegio di Direzione Consiglio dei Sanitari Comitato etico Comitato Tecnico Scientifico STAFF DIREZIONE Controllo di Gestione Prevenzione e Protezione Qualità Comunicazione e Marketing Relazioni sindacali e valutazione Comitato Tecnico Scientifico Registro tumori AREA SERVIZI DI STAFF Amministrazione della ricerca Sistema bibliotecario INDIRIZZO E COORDINAMENTO RICERCA Sperimentazioni cliniche e biostatistica Direttore Amministrativo Ufficio Relazioni con il Pubblico Direttore Sanitario Servizio Infermieristico Formazione del Personale Direzione Medica di Presidio Infermieri di Ricerca Clinica AREA DEI SERVIZI AREA GIURIDICA Acquisti e Logistica Affari Generali Personale Libera Professione AREA ECONOMICA Bilancio e Programmazione Finanziaria Informatica Tecnico Laboratorio Analisi Satellite Medicina del Lavoro Cardiologia Terapia Antalgica e Prog. Territorio Anestesia Farmacia Psico Oncologia AREA DI CHIRURGIA ONCOLOGICA Chirurgia Oncologica Day Surgery T.I.P.O. Endoscopia Operativa Centro Regionale Melanoma AREA DI RADIO ONCOLOGIA Radioterapia con medicina nucleare e Ce Mu RNI Radiodiagnostica Oncologica Senologia Fisica Sanitaria AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE Oncologia Medica 1 Oncologia Medica 2 Anatomia Patologica Immun. e Diagnostica Molecolare Oncologica 5

10

11 Direzione Generale 7

12

13 Direzione Generale Commissario straordinario: Prof. Pier Carlo Muzzio Tel.: MISSION Alla Direzione Generale è assegnata la responsabilità della gestione ordinaria e straordinaria dell Istituto. La Direzione Generale coordina e dirige l'attività dei seguenti servizi: PREVENZIONE E PROTEZIONE Responsabile: Salvatore D Amico Le funzioni assegnate sono: Collaborare con la Direzione Generale all elaborazione dei piani e programmi per il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori; Collaborare con le strutture committenti nel fornire alle imprese appaltatrici e ai lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività. Il Servizio è inoltre preposto (ex art.9 D.Lgs. 626/94): all individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale; ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive e i sistemi di protezione individuale, nonché i sistemi di controllo di tali misure; ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e di sicurezza; a fornire ai lavoratori le informazioni in merito: o ai rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività, alle misure e alle attività di protezione e prevenzione adottate o ai rischi specifici cui sono esposti in relazione all attività svolta o alle normative di sicurezza e alle disposizioni aziendali in materia o ai pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi o alle procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei lavoratori o ai compiti del responsabile dei servizi di prevenzione e protezione e del medico competente o ai nominativi dei lavoratori preposti all attuazione delle misure di prevenzione e comunque di gestione dell emergenza; a visitare, assieme al medico competente, gli ambienti di lavoro almeno due volte l anno; a partecipare alla programmazione del controllo dell esposizione e a fornire al medico competente i livelli di esposizione professionale individuali dei lavoratori esposti agli agenti chimici pericolosi per la salute, che rispondono ai criteri per la classificazione come molto tossici, tossici, nocivi, sensibilizzanti, irritanti, tossici per il ciclo riproduttivo. 9

14 Tutte le attività vengono attualmente gestite come Servizio Interaziendale con l'ulss 16 e l'azienda Ospedaliera di Padova. QUALITÀ E ACCREDITAMENTO Responsabile: Dott.ssa Daniela Chiusole Le funzioni assegnate sono: Garantire l implementazione, la valutazione, la misurazione l aggiornamento e la gestione del sistema della qualità aziendale promuovendo e coordinando le iniziative in materia previste; Promuovere e diffondere all interno dell Istituto, in collaborazione con la Formazione e Aggiornamento del Personale, la cultura e i metodi per il miglioramento continuo della qualità; Curare la progettazione e le attività inerenti l ottenimento dell accreditamento istituzionale; Favorire e sviluppare l'integrazione delle attività ordinarie e progettuali che vengono svolte per migliorare i processi aziendali; Assicurare la predisposizione e l aggiornamento della Carta dei Servizi aziendale. COMUNICAZIONE/MARKETING Responsabile: Dott. Bruno Bandoli Le funzioni assegnate sono: Curare i rapporti con la stampa, nonché la promozione e il coordinamento della corretta circolazione delle informazioni e comunicazioni istituzionali, interne ed esterne; Provvedere alla divulgazione di comunicati stampa e all organizzazione di conferenze stampa, garantendo un adeguata presenza sui mezzi di informazione; Curare la gestione e lo sviluppo del sito web aziendale, offrendo agli utenti informazioni aggiornate sull assistenza sanitaria erogata nonché sullo stato della ricerca scientifica, anche con il supporto di rassegne stampa tematiche e la produzione di opuscoli; Redigere il calendario delle iniziative scientifiche, provvedendo alla concessione del patrocinio e del logo aziendale, nonché assegnando eventuali spazi disponibili per attività seminariali; Promuovere e sviluppare iniziative finalizzate all integrazione tra lo IOV e il territorio, creando le condizioni favorevoli per ottenere elargizioni da parte di soggetti pubblici e privati; Curare la programmazione e organizzazione, adeguata al particolare contesto etico, di manifestazioni e altre iniziative volte a far meglio conoscere lo IOV e, in particolare, la struttura di assistenza e ricerca ivi operante; Svolgere attività di coordinamento operativo con la neo costituita Associazione Il Faro per lo IOV realizzata dall ASCOM Padova e dai Ricercatori IOV per la ricerca e la raccolta di fondi a sostegno dell Istituto Oncologico Veneto, creando così nuove opportunità e sinergie con il Servizio nella programmazione e organizzazione integrata degli eventi destinati alla raccolta fondi. RELAZIONI SINDACALI E VALUTAZIONE Responsabile: Sig.ra Laura Scappin 10

15 Le funzioni assegnate sono: Definire e gestire in collaborazione con le altre strutture coinvolte e il Nucleo di Valutazione metodologie, strumenti e processi di sviluppo delle risorse umane (valutazione delle posizioni, delle prestazioni individuali, piani retributivi, di incentivazione e di carriera); Supportare, su richiesta, la Direzione nelle relazioni con le OO.SS.; Redigere, sulla base della normativa contrattuale vigente e dell'organizzazione dell'istituto, i contratti individuali di lavoro. 11

16

17 Direzione Scientifica 13

18

19 Direzione Scientifica Direttore Scientifico: Prof. Ermanno Ancona, Medico-Chirurgo Tel.: Fax: Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel Specialista in Chirurgia Generale, Chirurgia Toracica, Anestesia e Rianimazione. Nel novembre 1966 è diventato Assistente Volontario, di nomina Rettoriale, presso l'istituto di Patologia Chirurgica dell'università di Padova, diretto dal Prof. G. Pezzuoli. Dal maggio 1970 Assistente universitario di Ruolo presso l'istituto di Anatomia Chirurgica, diretto dal Prof. Peracchia. Da Maggio 1973 aiuto di ruolo. Nel maggio 1971 ha conseguito la libera Docenza in Chirurgia Sperimentale. Nel 1980 diviene Professore Associato di Semeiotica Chirurgica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Padova, nel 1986 diviene Professore di prima fascia. E' titolare del corso di Chirurgia Generale per il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Insegna nelle Scuole di Specializzazione di Chirurgia Generale ( 2^ scuola) e Anestesia e Rianimazione. Direttore della Clinica Chirurgica 3^ di Padova. Dal 1987 è responsabile primariale della Divisione Chirurgica connessa all'istituto. Dal 1988 è responsabile del Centro Trapianti di Rene e di Pancreas dell'ospedale di Padova. E' stato direttore del Dipartimento Trapianti dello stesso ospedale nel Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche. E' Direttore del Centro Regionale Veneto per lo Studio delle Malattie dell'esofago. Presidente del Comitato Scientifico del Consorzio IOV. E' stato Consigliere di Amministrazione dell'università di Padova e, nel Prorettore della stessa Università. E' Membro del Consiglio Direttivo della SICE (Società Italiana di Chirurgia Endoscopica e Mininvasiva). E' stato Presidente della GEEMO (Group d'etude Européen pour les Maladies de l'oesophage). E' membro dell'esa (European Surgical Association). Fellow dell'american College of Surgeons. E' socio dell'esot (European Society of Organ Transplantation). E' stato rappresentante italiano dell'isde (International Society of Diseases of the Esophagus). E' redattore di numerose riviste nazionali ed internazionali. E' autore di 6 monografie, di oltre 500 pubblicazioni a stampa e di 186 abstracts inerenti la Microchirurgia sperimentale e clinica, la patologia neoplastica e funzionale dell'esofago, la chirurgia laparoscopica ed i trapianti di rene e pancreas. MISSION La Direzione Scientifica promuove e coordina la ricerca clinica e sperimentale dell Istituto. In aderenza al mandato della Giunta Regionale del Veneto, promuove lo sviluppo delle collaborazioni scientifiche a livello di tutta la regione e integra le attività di ricerca clinica e sperimentale condotte nelle diverse realtà provinciali in un programma unitario condiviso. Attività Nel triennio si è provveduto a costituire il primo nucleo della rete scientifica utilizzando i finanziamenti della Regione per la Ricerca Finalizzata, i finanziamenti del 15

20 Ministero della Salute per la Ricerca Corrente e Finalizzata ed i finanziamenti elargiti da Enti Pubblici e Privati. Le linee di ricerca dell Istituto per il triennio sono così programmate: 1: Epidemiologia, fattori di rischio e prevenzione Responsabile: Zambon Paola, Di Maggio Cosimo Registro tumori del Veneto: studi epidemiologici analitici e descrittivi; campagne per la prevenzione primaria; monitoraggio e valutazione degli screening oncologici strumentali e clinico-strumentali. 2: Oncogenesi Responsabile: De Rossi Anita, Ciminale Vincenzo, Rugge Massimo Retrovirus e virus umani nell'oncogenesi, con particolare riferimento alle proteine che mediano la trasformazione neoplastica e alle interazioni di proteine virali con pathways di signalling intracellulare; interazioni tra proteine di virus erpetici (EBV, HHV-8) e proteine di HIV; modelli animali di linfomagenesi umana da virus erpetici; studio della sequenza metaplasia-displasia-cancro nell'esofago di Barrett. 3: Valutazione del rischio genetico Responsabile: D'Andrea Emma Studi sulla eredo-familiarità nelle neoplasie di mammella, ovaio, prostata, melanoma, apparato digerente e tiroide; identificazione e definizione dei prodotti di geni mutati (quali BRCA, CDKN2 etc.); relazioni tra gene di p53 ed altri oncogeni ed oncosoppressori; attivazione trascrizionale di geni per citochine in neoplasie pancreatiche, tiroidee, esofagee, gastrointestinali. 4: Ricerca di nuovi marcatori molecolari a scopo diagnostico, prognostico e predittivo della risposta Responsabile: Nitti Donato Implementazione di piattaforme di genomica funzionale, proteomica e fosfoproteomica per studi su campioni di tumore e liquidi biologici nei tumori gastrointestinali, urologici, nel melanoma e nei sarcomi delle parti molli; alterazioni citogenetiche e molecolari in neoplasie cerebrali; marcatori prognostici nelle malattie linfoproliferative croniche; sviluppo di marcatori non invasivi per il monitoraggio delle neoplasie; studio della telomerasi come marcatore molecolare di neoplasia; nuovi marcatori molecolari di risposta alla terapia nel carcinoma dell'esofago, rene e prostata. 5: Ottimizzazione delle tecniche diagnostiche e strumentali e della indicazione alla chirurgia Responsabile: Muzzio Pier Carlo, Ancona Ermanno Ottimizzazione di indagini strumentali quali la mammografia, la PET, la TAC/PET, la RMN e l'ecografia nella diagnosi e nella valutazione d'efficacia della terapia; endoscopia ed ecoendoscopia per la valutazione neoplastica morfo-volumetrica; sviluppo di software per l'analisi volumetrica di immagini radiologiche ed ecografiche; applicazioni della chirurgia robotica; valutazione e standardizzazione della tecnica della biopsia del linfonodo sentinella; indicazioni e risultati del trapianto di fegato nei pazienti con epatocarcinoma; chemioterapia perfusiva locoregionale dei tumori localmente avanzati degli arti e del fegato. 6: Innovazioni nel campo della chemioterapia e della radioterapia Responsabile: Cartei Giuseppe, Jirillo Antonio, Sotti Guido 16

21 Sperimentazione di nuove combinazioni chemioterapiche e chemio-radioterapiche in tumori primitivi e metastatici; neoplasie pediatriche, con particolare riferimento alla caratterizzazione molecolare nella terapia dei linfomi, e al trattamento dei gliomi e dei rabdomiosarcomi; valutazione dell'efficacia di nuovi farmaci o combinazioni di farmaci, e definizione di nuovi approcci farmacodinamici preclinici, anche sulla base di dati di farmacogenomica, proteomica e di test di chemiosensibilità; farmaci "target" e farmaci antiangiogenetici; terapia radiometabolica, radioterapia conformazionale e brachiterapia; terapia fotodinamica associata o meno alla BNCT per il trattamento dei tumori dell'esofago e del melanoma cutaneo. 7: Oncologia geriatrica Responsabile: Monfardini Silvio Biologia dell'invecchiamento e dei tumori nell'anziano; studi prospettici osservazionali in tumori della mammella e del colon-retto; studio dei fattori limitanti l'entrata nei trials; polifarmacoterapia nell'anziano. 8: Immunologia dei tumori e approcci terapeutici innovativi Responsabile: Amadori Alberto, Zanovello Paola Tumore e microambiente: ruolo delle cellule mieloidi soppressorie, e loro modulazione farmacologica; neoangiogenesi e strategie di terapia genica per la sua modulazione; meccanismi di dormienza tumorale; vaccinazione verso antigeni tumorali nel modello del topo TRAMP; identificazione di markers surrogati di protezione in pazienti vaccinati; TCR transgenici per la terapia adottiva di melanomi; protocolli di immunoterapia adottiva in pazienti con linfomi EBV-positivi. 9: Analisi biostatistica e supporto informatico Responsabile: De Salvo Gian Luca Supporto metodologico-biostatistico ed informatico a progetti clinici; sviluppo di sistemi di raccolta e gestione dei dati da remoto; informatizzazione e messa in rete dei dati prodotti/raccolti; applicazione di nuove tecniche per lo sviluppo di modelli clinici di diagnosi e prognosi. 10: Integrazione dei servizi sanitari e socio-sanitari e valutazione della qualità di vita e delle cure Responsabile: Bonavina Giuseppina Maria Modelli assistenziali per integrare la continuità delle cure tra ospedale e territorio; identificazione di modelli di comunicazione fra medico ospedaliero e medico di medicina generale basati sulla centralità del cittadino; percorsi di appropriatezza sull'utilizzo dei servizi con iniziative finalizzate al sostegno della domiciliarità; implementazione del sistema qualità basato su indicatori di efficacia delle cure. 17

22 Comitato Tecnico Scientifico Supporto per la promozione, la pianificazione e l organizzazione della ricerca. Componenti Ermanno Ancona Direttore Scientifico IOV - Professore Ordinario di Chirurgia Generale Direttore Clinica Chirurgica III Università di Padova - Alberto Amadori Professore Ordinario di Immunologia - Direttore Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica IOV Giuseppe Cartei Direttore Oncologia Medica 1 IOV Massimo Gion Direttore CRIBT Venezia Silvio Monfardini Direttore Oncologia Medica 2 IOV Donato Nitti Professore Ordinario di Chirurgia Generale - Direttore Clinica Chirurgica II Università di Padova Giovanni Pizzolo Professore Ordinario di Malattie del Sangue - Direttore Ematologia Università di Verona Guido Sotti. Direttore Radioterapia e Medicina Nucleare IOV 18

23 Amministrazione della Ricerca Referente: Sig.ra Daniela Battistuzzi L Amministrazione della Ricerca rappresenta l anello di congiunzione tra le strutture dello IOV, la rete oncologica veneta ed il Ministero della Salute. Ha tra i suoi compiti istituzionali la promozione, il coordinamento, la gestione e lo sviluppo dei Progetti di Ricerca Scientifica proposti dalle varie strutture dell'istituto, nell'ambito della Ricerca Biomedica e Organizzativo-Gestionale finanziata sia da soggetti pubblici che privati in ambito regionale, nazionale ed internazionale. Gestisce i rapporti con il Ministero della Salute che si sono articolati tramite la partecipazione del Direttore Scientifico alle periodiche riunioni degli altri Direttori degli IRCCS e la preparazione, in collaborazione con l Ufficio Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica, della documentazione necessaria per l'acquisizione dei finanziamenti per la Ricerca Corrente e Finalizzata. Oltre alle ordinarie mansioni burocratico-amministrative, l Ufficio Amministrazione della Ricerca gestisce la parte amministrativa di tutte le attività di ricerca dell Istituto nell ambito dei seguenti progetti: Ricerca Corrente Ricerca Finalizzata Istituto Superiore di Sanità Alleanza Contro il Cancro Comunità Europea 19

24 Biblioteca Responsabile: Dott. Antonio Rosato La biblioteca dell Istituto Oncologico Veneto è situata presso il Servizio di Immunologia e Diagnostica Molecolare Oncologica. Consta di circa 40 periodici in formato cartaceo ed online. Larga parte delle strutture IOV ha accesso ai servizi della Biblioteca Pinali della Facoltà di Medicina e Chirurgia (1300 periodici in formato cartaceo e 3300 in formato online). La disponibilità delle risorse online di BiblioSan, a cui lo IOV istituzionalmente aderisce, ha ulteriormente migliorato la situazione sia delle strutture IOV non collegate alla Biblioteca Pinali che di quelle collegate. Il principale obiettivo a breve termine consiste nell'implementazione di un capillare collegamento di tutte le strutture con la Biblioteca Pinali e nell'integrazione di tali risorse con quelle accessibili tramite BiblioSan. Ciò può essere realizzato, e in tal senso si registra il forte interesse del Sistema Bibliotecario di Ateneo padovano, mediante la partecipazione della Biblioteca Pinali al progetto Bibliosan, che include il censimento in ACNP del materiale posseduto e lo scambio di articoli mediante Document Delivery con la rete degli IRCSS. 20

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. 10 febbraio 2009 - Aviano Gli I.R.C.C.S. Oncologici nel Nord-Est ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Unità di Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica MISSION: Programmare e coordinare progetti di ricerca

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. 10 febbraio 2009 - Aviano Gli I.R.C.C.S. Oncologici nel Nord-Est p.c. muzzio Con legge regionale 22 dicembre 2005, n 26 è stato istituito l Istituto Oncologico Veneto

Dettagli

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit 2014 Motore Sanità: Il nuovo patto Stato-Regioni: tra tagli ed efficienza Milano 15.9.2014 Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit Mario Saia Area Sanità e Sociale Direttore Generale

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Arcispedale S. Maria Nuova Infrastruttura Statistica, Qualità e Studi Clinici Direttore p. t - dott. Salvatore De Franco PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Presentazione del Ministro della Salute Roma,

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it IRCCRO_00914 Sperimentazione Clinica e Good Clinical Practice Crediti assegnati: 4.8 Durata: 4 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di formazione Organizzato da: I.R.C.C.S.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

ALLEGATO D. Corrispondenza di ufficio ingr./uscita Archivio dati sanitari

ALLEGATO D. Corrispondenza di ufficio ingr./uscita Archivio dati sanitari ELENCO TRATTAMENTI DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO TRATTAMENTI U.O. Gestione acquisizione beni e servizi area amm.vo generale. U.O.C. Gestione Beni e Servizi Gestione albo fornitori U.O.C. Gestione Beni e

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo Nome ed Indirizzo Mangoni Marcellina ( Lina) Via Ruggero da Parma 3 43100 Parma Qualifica professionale Prof. Associato II Fascia Med /15 Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche Cattedra di

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica L organo decisionale istituito in base all Accordo intercantonale sulla medicina

Dettagli

U.O.S. Oncologia Responsabile: Dott. A. Garaventa

U.O.S. Oncologia Responsabile: Dott. A. Garaventa U.O.S. Oncologia Responsabile: Dott. A. Garaventa Missione L Unità Operativa Semplice (U.O.S.) Oncologia svolge attività di assistenza e cura ai bambini affetti da tumori solidi e linfomi, in particolare

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario) è parte integrante

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Dal 2 Giugno 2014 a tutt'oggi. Istituto Oncologico Veneto IRCCS Padova

Dal 2 Giugno 2014 a tutt'oggi. Istituto Oncologico Veneto IRCCS Padova F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Vittorina ZAGONEL Indirizzo Via P. Scalcerle. 4/a Padova Telefono cell + 39 049.8215953-5910 + 39 348.4430311

Dettagli

ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA. coniglio@med.unibs.it

ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA. coniglio@med.unibs.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA Telefono 030-393507 Fax 030-3397476 E-mail coniglio@med.unibs.it

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA. 3 ottobre 2014. Per un ruolo strategico degli Igienisti

PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA. 3 ottobre 2014. Per un ruolo strategico degli Igienisti PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA 3 ottobre 2014 Concetti chiave: unità delle componenti, SItI casa di tutti gli igienisti dei diversi settori operativi, lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Obiettivi del progetto:

Obiettivi del progetto: BIBLIOTECA PER PAZIENTI Descrizione del contesto territoriale L idea di dare vita a una biblioteca per i pazienti nasce, nel nostro ospedale, da alcune iniziative pilota avviate in questi anni su tre versanti:

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO 1 Premessa Le malattie epatiche sono patologie cronico-degenerative che comprendono malattie diverse

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico. Regione del Veneto

CARTA DEI SERVIZI. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere S cientifico CARTA DEI SERVIZI ESENZIONE TICKET U n a v o l t a a c c

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

ALESSANDRO MARIO GIOVANNI GHIRARDINI

ALESSANDRO MARIO GIOVANNI GHIRARDINI C U R R I C U L U M V I T A E D I A L E S S A N D R O M A R I O G I O V A N N I G H I R A R D I N I 1. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALESSANDRO MARIO GIOVANNI GHIRARDINI VIA GATTESCHI,52 Telefono

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SANITARI

CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI www.policlinicogemelli.it I Progetti per la Qualità e gli impegni per il futuro CARTA DEI SERVIZI www.policlinicogemelli.it Il Policlinico A. Gemelli è coinvolto

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

Regolamento del XVIII Dipartimento Oncologico della Regione Lombardia - Dipartimento Oncologico Bresciano (DOB)

Regolamento del XVIII Dipartimento Oncologico della Regione Lombardia - Dipartimento Oncologico Bresciano (DOB) Regolamento del XVIII Dipartimento Oncologico della Regione Lombardia - Dipartimento Oncologico Bresciano (DOB) Art.1 Il Dipartimento Oncologico Bresciano In attuazione della Deliberazione del Consiglio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie

Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie le UU.OO. di Staff Dalla Formazione Continua alla Qualità dell Assistenza Sanitaria Bologna, 19 novembre 2010 Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie Il percorso dell Ospedale

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE DEL DOTT. LUPPI GABRIELE

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE DEL DOTT. LUPPI GABRIELE CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE DEL DOTT. LUPPI GABRIELE Nato a San Benedetto Po (Mantova) il 21/08/1956; residente a Modena, via Saliceto Panaro 19; residente a Modena, via Saliceto Panaro 19, tel

Dettagli

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Network nazionale italiano Tumori Eredo-Famigliari (intef): creazione di strumenti

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale R. Pizzuti, O.E.R. Campania A. Donato, R.T. Provincia di

Dettagli

CRITICITÀ DEL DATA MANAGEMENT A LIVELLO NAZIONALE

CRITICITÀ DEL DATA MANAGEMENT A LIVELLO NAZIONALE Senonetwork: incontro centri di Senologia CRITICITÀ DEL DATA MANAGEMENT A LIVELLO NAZIONALE 19 Febbraio 2016 -Bologna Denise Casella- Eleonora Miano Giuseppina Riboni Margherita Serra I dati e la documentazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA Premessa LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA ALLEGATO A Il rinnovamento e le trasformazioni organizzative dei sistemi sanitari sono posti da tutti i paesi industrializzati come elementi fondamentali

Dettagli

Vicuna Mackenna (Repubblica Argentina) PGN LSN 57B22 Z600D

Vicuna Mackenna (Repubblica Argentina) PGN LSN 57B22 Z600D F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAGANINI ALESSANDRO M. Indirizzo 72, Via di Quarto Annunziata, 00189, Roma, Italia Telefono +39.335.5650366

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Rete anatomie patologiche Rete delle anatomie patologiche regionali: gestione dei referti e condivisione informatizzata delle informazioni Definizione della rete

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Angelamaria Silvestri Indirizzo Piazza G. Galilei n. 32 Cagliari Telefono 070 6096618 Fax 070 6096348 E-mail

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA RETE

L ESPERIENZA DELLA RETE XIV CONGRESSO NAZIONALE CIPOMO L ESPERIENZA DELLA RETE ONCOLOGICA DELL UMBRIA Pesaro 19-21 maggio 2010 Maurizio Tonato Coordinatore 2 1 L ONCOLOGIA IN UMBRIA NEI PRIMI ANNI 2000 L istituzione in Umbria

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO ART. 1 ASSETTO ISTITUZIONALE L Istituto Oncologico Veneto (di seguito denominato IOV) è un istituto

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Appartenente alla classe di laurea L-2 Biotecnologie) Titolo di ammissione Diploma di maturità. Durata 3 anni Modalità di accesso Il numero massimo di studenti iscrivibili

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i)

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) LUIGI CAVANNA Azienda USL, Ospedale di Piacenza, via Taverna, 49, 29100 Piacenza. Dipartimento di Oncologia-Ematologia.

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale la Performance - Obiettivi Aziendali Dimensione la 1 Performance la produzione 1.a Efficienza dei Processi Ottimizzazione dei

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

La Cura del malato oncologico

La Cura del malato oncologico La Cura del malato oncologico Salvagno Luigi U.O. Oncologia Amb onco-ematologia ULSS 7 Conegliano 23 aprile 2016 Mortalità per neoplasia negli USA anni 1975-2012 Questo dipinto rivela il mio stato d'animo

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

(IRCCRO_00877) Terapie cellulari

(IRCCRO_00877) Terapie cellulari (IRCCRO_00877) Terapie cellulari Crediti assegnati: 5.3 Durata: 7 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Conferenza, convegno/congresso Organizzato da: I.R.C.C.S. Centro di Riferimento

Dettagli

Laurea in Scienze Biologiche conseguita il 24. 03. 1975 nella Universita'degli Studi di Parma con tesi sperimentale in Microbiologia Clinica.

Laurea in Scienze Biologiche conseguita il 24. 03. 1975 nella Universita'degli Studi di Parma con tesi sperimentale in Microbiologia Clinica. CURRICULUM Dott. Angelo Albani Il sottoscritto dott. Angelo Albani nato ad Arcola La Spezia il 23.01.1951ed ivi residente in Via Aurelia Nord 133, C.F. : LBN NGL 51A23A373F, coniugato con due figlie di

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

CARTA DEI SERVIZI. Ricerca. Prevenzione. Diagnosi. Cura e Assistenza. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto CARTA DEI SERVIZI Ricerca Prevenzione Diagnosi Cura e Assistenza ESENZIONE TICKET Una

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Criticità liguri. Gabriella Paoli

Criticità liguri. Gabriella Paoli Criticità liguri Gabriella Paoli Cosa serve per poter applicare in Liguria programmi di prevenzione secondaria per il tumore eredo familiare della mammella? Normativa a supporto Competenze Organizzazione

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it

E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome ETTORE CESARE SEREGNI Indirizzo Telefono 0223902635 Fax 0223903739 E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it Nazionalità ITALIANA CURRICULUM

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

BIOTECNOLOGIE UNIVERSITA DI UDINE. CORSO DI STUDIO in

BIOTECNOLOGIE UNIVERSITA DI UDINE. CORSO DI STUDIO in UNIVERSITA DI UDINE 1. DIPARTIMENTO DI CHIMICA, FISICA E AMBIENTE 2. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI 3. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE ED AMBIENTALI 4. DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA

Dettagli