Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta"

Transcript

1 Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta Valerio Teta_Project Management 1

2 Definizione di Progetto Definizione proposta dal Project Management Institute : Un progetto è uno sforzo temporaneo atto a creare un prodotto o un servizio unico. Di seguito si potrà intendere per progetto un organizzazione temporanea finalizzata alla realizzazione di un prodotto o un servizio unico Valerio Teta_Project Management 2

3 Gestione Attività coordinate per guidare e tenere sotto controllo un organizzazione in relazione agli obiettivi stabiliti Valerio Teta_Project Management 3

4 Project Management GENERALITÀ SUI PROCESSI DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO Valerio Teta_Project Management 4

5 Modello di interpretazione Struttura di un generico processo direzionale Avvio e definizione degli obiettivi Pianificazione Esecuzione Controllo riesami e valutazioni Chiusura Valerio Teta_Project Management 5

6 Gestione dell organizzazione gestione corrente d impresa Avvio e definizione degli obiettivi Pianificazione Esecuzione Controllo riesami e valutazioni Chiusura Definizione del mercato di sbocco Definizione dei requisiti delle Parti interessate Definizione degli obiettivi dell iniziativa imprenditoriale Analisi di fattibilità e Stima Formulazione di un piano per la gestione - Business Plan Avviamento del lavoro (processi primari e processi di supporto) Allocazione risorse, Assegnazione obiettivi operativi Monitoraggio dell andamento attraverso i sistemi di gestione Verifiche periodiche - Bilancio trimestrale Sorveglianza e controllo indicatori di prodotto e processo (cruscotto) Analisi dei problemi ed eventuale gestione delle azioni correttive Bilancio annuale ed Analisi di bilancio Iterazione del processo Valerio Teta_Project Management 6

7 Gestione del progetto Processo di direzione di uno specifico progetto Avvio e definizione degli obiettivi - STUDIO Pianificazione Esecuzione Controllo riesami e valutazioni Chiusura Definizione del problema-opportunità Definizione dei requisiti delle Parti interessate Definizione dell ambito - obiettivi Analisi di fattibilità e Stima - prodotto da consegnare e processo da eseguire Pianificazione del progetto in funzione degli obiettivi fissati in termini di ambito, tempi, costi, qualità, Risorse Umane, comunicazione, rischio, acquisti Predisposizione del contesto di esecuzione: acquisizione delle risorse, attivazione degli impianti, costruzione della squadra ed avviamento del lavoro. Esecuzione delle attività pianificate. Comunicazione delle informazioni di progetto. Consegna dei prodotti intermedi e finali previsti. Esecuzione dei controlli pianificati - monitoraggio risultati vs obiettivi - eventuali azioni correttive (feedback) verso esecuzione e pianificazione Rilascio al Committente del prodotto di progetto. Produzione consuntivi e valutazione risultati vs obiettivi. Rilevazione della soddisfazione delle Parti Valerio Teta_Project Management 7

8 Avvio e definizione degli obiettivi - STUDIO La Direzione valuta interessante per l Organizzazione una opportunità di mercato ed ha la necessità di decidere sull avvio del progetto: fissa gli obiettivi ed affida al Capo-progetto uno studio preliminare incentrato su fattibilità e stima Valerio Teta_Project Management 8

9 Avvio Lo studio di fattibilità può essere visto come un (piccolo) progetto limitato a raccogliere ed elaborare i dati relativi a scenario-problema-opportunità Valerio Teta_Project Management 9

10 Avvio Cosa definire: Il problema - opportunità (processo di acquisizione, fornitura, Innovazione, ); le Parti interessate (cliente, utente, finanziatore, prospect, fornitore, partner, sorgente di tecnologia, ); il Capo-progetto responsabile dell iniziativa progettuale; gli obiettivi operativi da conseguire; Le soluzioni tecniche applicabili Valerio Teta_Project Management 10

11 Dall avvio alla pianificazione Valerio Teta_Project Management 11

12 Dalla stima alla pianificazione La stima (pianificazione preliminare) non produce tutte le informazioni necessarie all avvio dell esecuzione; pertanto, si deve scendere nel dettaglio di tempi, impegni, costi, dimensioni, prestazioni attraverso la fase di pianificazione esecutiva Valerio Teta_Project Management 12

13 Definizione di Pianificazione Insieme di attività che hanno come obiettivo la definizione di un quadro di riferimento che permetta di programmare realisticamente sviluppo del processorealizzazione del prodotto. Gli elementi del quadro programmatico sono gli input, gli output, le risorse, le attività ed i relativi metodi Valerio Teta_Project Management 13

14 Definizione - pianificazione Elementi Input Output Metodi Attività Cosa programmare Disponibilità-Acquisizione-analisi Realizzazione-consegna-collaudo Scelta - Adeguamento del modello di processo Tempi, impegni, responsabilità Risorse Umane Infrastrutture Numero, skill, reclutamento, turnover, costi Specifiche, acquisti, installazione, manutenzione, costi Valerio Teta_Project Management 14

15 Dettaglio della Pianificazione La pianificazione esecutiva eredita ed aggiorna i risultati dello studio. Il livello di dettaglio della pianificazione esecutiva scaturisce da una decisione che il Capo-progetto prende tenendo congiuntamente presenti due riferimenti: riferimento esterno - rispondere punto su punto alle richieste del cliente, riferimento interno - scegliere la tecnica di pianificazione e dimensionare il controllo in relazione all identificazione iniziale del rischio Valerio Teta_Project Management 15

16 Dettaglio della Pianificazione Il Capo-progetto può, eventualmente, prevedere nel piano una o più attività di raffinamento e d'approfondimento del livello di dettaglio iniziale (es.: prima la pianificazione di base e poi il completamento tecnico). Le ripianificazioni sono necessarie per mantenere il livello di dettaglio della pianificazione costantemente adeguato alla fase corrente del ciclo di vita ed alle esigenze di controllo Valerio Teta_Project Management 16

17 Dettaglio della Pianificazione L'aggiornamento del piano va collegato alla disponibilità dei risultati dell'analisi dei requisiti e degli altri processi di sviluppo che nel tempo completano e stabilizzano il quadro di riferimento del progetto. In corso d'opera sono probabili anche aggiornamenti non pianificati necessari per recepire sia i ritorni dei processi di controllo sia nuovi input Valerio Teta_Project Management 17

18 Dettaglio della Pianificazione La pianificazione di progetto può essere: compresa in un unico documento, suddivisa su più documenti, a loro volta completi o con riferimenti ad ulteriori documenti (tipicamente perché prodotti con strumenti diversi) Valerio Teta_Project Management 18

19 Dettaglio della Pianificazione Schedulazione esecutiva Piano di gestione della qualità Piano di gestione dei costi Piano di gestione della configurazione Piano di gestione del progetto Piano di gestione dei rischi Piano di verifica e validazione Valerio Teta_Project Management 19

20 Distribuzione dei gruppi di processi nel tempo Valerio Teta_Project Management 20

21 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO La distribuzione dei gruppi di processi nel tempo (fonte PMI) ci dice che la pianificazione del progetto non si esaurisce in un unico evento capace di produrre il piano. Il piano nasce, si evolve e si stabilizza nel tempo attraverso una serie di passi di pianificazione Valerio Teta_Project Management 21

22 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO Il nostro approccio prevede (almeno) due passi: Pianificazione di base Pianificazione di dettaglio. Un fondamento pratico dell approccio può essere individuato in una interpretazione della curva dei costi tipica per i casi in cui le Risorse Umane (conoscenze) siano assolutamente prevalenti Valerio Teta_Project Management 22

23 Curva dei costi in funzione del tempo mese 3 mese 5 mese 7 mese 9 mese 11 mese 13 mese costi Valerio Teta_Project Management 23

24 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO Fatta l ipotesi dei costi unitari costanti per l arco temporale del progetto, possiamo affermare che la pendenza della curva rappresenta il numero delle Risorse Umane allocate sul progetto Valerio Teta_Project Management 24

25 I processi di gestione e le variabili gestionali di un progetto definizione pianificazione esecuzione controllo chiusura integrazione ambito tempo costi qualità risorse umane comunicazione rischio acquisti Valerio Teta_Project Management 25

26 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Gestione dell ambito di progetto Project scope management Valerio Teta_Project Management 26

27 avvio PIANIFICAZIONE DI BASE Project charter Pianificazione di base Core planning processes Project plan esecuzione Valerio Teta_Project Management 27

28 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 28

29 Project scope management Initiation Avvio 5.1 Scope planning 5.2 Scope definition Valerio Teta_Project Management 29

30 Elementi contrattuali definizione di progetto proposta di soluzione, consegne, obiettivi di fornitura; Configurazione dei requisiti Modello di processo Valerio Teta_Project Management 30

31 Avvio Initiation Valerio Teta_Project Management 31

32 Initiation Avvio Metodi aziendali di selezione dei progetti (mono-multi-criterio) Valutazioni di esperti (consulenti, etc.) Studio di fattibilità, Richiesta d offerta, Offerta e contratto T Project charter Piano Strategico- Piano di programma I O Identificazione del Project manager Portafoglio, Vincoli Criteri di selezione Ipotesi di avvio Informazioni storiche Valerio Teta_Project Management 32

33 Input Studio di fattibilità, richiesta d offerta, offerta e contratto: i documenti disponibili devono descrivere il sistema da realizzare nel progetto. Piano strategico piano di programma: costituisce il riferimento per la selezione del progetto da avviare. Portafoglio progetti e criteri di selezione: la direzione dell organizzazione decide quale progetto avviare tra tutti quelli in portafoglio. Informazioni storiche: nel decidere la direzione dell organizzazione tiene conto anche delle esperienze fatte Valerio Teta_Project Management 33

34 Output 1. Documento Formale di avvio: Project charter. 2. Assegnazione dell incarico di capo progetto: identificazione del Project Manager. 3. Vincoli della gestione del progetto: stime globali di costi e tempi capacità di processo. 4. Ipotesi necessarie di avvio: assunzioni per la formulazione del piano di progetto Valerio Teta_Project Management 34

35 Pianificazione dell ambito Scope planning Valerio Teta_Project Management 35

36 Obiettivo della pianificazione dell ambito Identificare il prodotto da realizzare nel progetto; Identificare i collegamenti tra prodotto da realizzare e processo di realizzazione lavoro Valerio Teta_Project Management 36

37 Scope planning Input Studio di fattibilità descrizione del prodotto Accordo contratto Ipotesi di avvio Vincoli della gestione del progetto Assunzioni necessarie per la pianificazione Valerio Teta_Project Management 37

38 Scope planning Output descrizione dell ambito Obiettivi Piano delle consegne Condizioni ed ipotesi di lavoro Lista dei requisiti aggiornamento della descrizione del prodotto Valerio Teta_Project Management 38

39 Scope planning Azioni Riesame del contratto analisi dei requisiti analisi costi-benefici Valerio Teta_Project Management 39

40 Definizione dell ambito Scope definition Valerio Teta_Project Management 40

41 Obiettivo della definizione dell ambito assicurare che il progetto includa tutto il lavoro necessario; assicurare che il progetto escluda tutto il lavoro inutile; Sviluppare la WBS Valerio Teta_Project Management 41

42 WBS Work Breakdown Structure Struttura gerarchica del lavoro da fare nel progetto Valerio Teta_Project Management 42

43 WBS Scomposizione a più livelli del sistema da realizzare nei suoi elementi componenti. Gli oggetti di consegna contrattualmente definiti orientano la scomposizione che organizza il contenuto totale del lavoro di progetto in modo da rispondere a tutti e soli i requisiti contrattuali. Ogni ulteriore livello di decomposizione definisce con dettaglio maggiore ciascuno degli elementi del livello precedente Valerio Teta_Project Management 43

44 Scope definition Input Accordo, vincoli, assunzioni descrizione dell ambito piano di consegne Soluzioni tecniche modello di processo ciclo di vita del sistema da realizzare progetti analoghi Valerio Teta_Project Management 44

45 Scope definition Output WBS ed eventuali altre strutture di progetto aggiornamento dell ambito Valerio Teta_Project Management 45

46 Scope definition Azioni Revisione del contratto oggetti di consegna deliverable esterni revisione della soluzione tecnica modello di prodotto deliverable interni confronto con progetti analoghi analisi delle tecnologie di realizzazione revisione delle scelte di impostazione modello di processo personalizzazione del modello di processo identificazione della WBS Valerio Teta_Project Management 46

47 Scope definition Le Azioni del processo devono tener conto di punti di vista diversi: Vista contrattuale Vista tecnico-ingegneristica Vista gestionale pianificazione e controllo Vista organizzativa processi, responsabilità, parti interessate, competenze Valerio Teta_Project Management 47

48 Scope definition Le Azioni si articolano nei seguenti passi: 1. Identificazione della consegna finale il sistema da consegnare in chiusura per avere successo 2. Identificazione delle consegne intermedie 3. Identificazione dei componenti di sistema non oggetto di consegna ma fondamentali per integrazione e controllo di componenti e sistemi da consegnare 4. Identificazione di una struttura base sia del prodotto sia del processo costruzione della WBS ed eventuali ricicli di raffinamento Valerio Teta_Project Management 48

49 WBS Work Breakdown Structure Progetto Criteri di esplosione: prodotti di lavoro, fasi di lavoro Valerio Teta_Project Management 49

50 Criteri di esplosione WBS (es. 1) progetto prodotto 1 prodotto 2 prodotto 3 fase 2.1 fase 2.2 fase Valerio Teta_Project Management 50

51 Criteri di esplosione WBS (es. 2) progetto fase 1 fase 2 fase 3 prodotto 2.1 prodotto 2.2 prodotto Valerio Teta_Project Management 51

52 Esempio di WBS Valerio Teta_Project Management 52

53 WBS primo livello Costruzione edificio Preparazione sito 1 Realizzazione strutture 2 Impiantistica meccanica ed idraulica 3 Impiantistica elettrica 4 Finiture Valerio Teta_Project Management 53

54 WBS secondo livello Preparazione sito 1 Recinzione cantiere 1.1 Allacciamenti acqua, gas ed elettricità 1.2 Movimentazione terra Valerio Teta_Project Management 54

55 WBS secondo livello Realizzazione strutture 2 Fondazioni 2.1 Strutture in elevazione 2.2 Tamponamenti esterni Valerio Teta_Project Management 55

56 WBS secondo livello Impiantistica meccanica ed idraulica 3 Impianti idrici 3.1 Impianti di condizionamento 3.2 Ascensori Valerio Teta_Project Management 56

57 WBS secondo livello Impiantistica elettrica 4 Collegamenti rete esterna 4.1 Rete interna 4.2 Quadri ed apparecchiature accessorie Valerio Teta_Project Management 57

58 WBS secondo livello Finiture 5 Serramenti esterni 5.1 Serramenti interni 5.2 Pavimentazioni Valerio Teta_Project Management 58

59 Le (altre) strutture di progetto Albero delle funzioni Albero del prodotto Struttura del processo WBS Struttura dei costi CBS Struttura dell organizzazione OBS Valerio Teta_Project Management 59

60 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Definizione e sequenziazione delle attività Valerio Teta_Project Management 60

61 PIANIFICAZIONE DI BASE pianificazione avvio di esecuzione base Valerio Teta_Project Management 61

62 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 62

63 Project time management Definizione delle attività 6.1 Sequenziazione delle attività 6.2 Durata delle attività 6.3 Date delle attività scheduling Valerio Teta_Project Management 63

64 Elementi contrattuali (dalla definizione di progetto) proposta di soluzione, consegne, obiettivi di fornitura; Configurazione dei requisiti Modello di processo stime e dimensionamenti Valerio Teta_Project Management 64

65 Definizione delle attività Valerio Teta_Project Management 65

66 Obiettivo della definizione delle attività Definire le attività necessarie alla realizzazione del prodotto nel rispetto di quanto precedentemente elaborato: studio accordo pianificazione e definizione ambito Valerio Teta_Project Management 66

67 Activity definition Input Accordo, requisiti, vincoli, assunzioni Pianificazione dell ambito piano delle consegne Definizione dell ambito WBS ed eventuali altre strutture Progetti analoghi Valerio Teta_Project Management 67

68 Activity definition Output Lista delle attività Ingresso/uscita per ciascuna attività Aggiornamento WBS Valerio Teta_Project Management 68

69 Activity definition Azioni di decomposizione top-down decomposizione del sistema in componenti ed oggetti elementari, decomposizione delle fasi di lavoro del modello in attività elementari, Abbinamenti oggetti ed attività, Definizione lista attività, Definizione input/output per attività Valerio Teta_Project Management 69

70 Consegne contrattuali Item di consegna Data Ente Sito Controllo Valerio Teta_Project Management 70

71 Prodotti di lavorazione non oggetto di consegna Item di lavorazione Data di fine lavorazione Controllo Valerio Teta_Project Management 71

72 Approccio iniziale alla strutturazione del sistema Elaborare i requisiti Elaborare/Costruire una struttura ad albero delle funzioni che elabori una risposta ai requisiti (funzionalità attese) Elaborare/Costruire una struttura ad albero del prodotto che riunisca tutti i componenti del sistema (oggetto di consegna e non) Valerio Teta_Project Management 72

73 Approccio iniziale alla strutturazione del sistema Dare coerenza interna alla struttura copertura del modello corrispondenza tra oggetti ed attività Dare coerenza esterna alla struttura copertura dei requisiti corrispondenza tra oggetti e funzionalità attese Valerio Teta_Project Management 73

74 Approccio iniziale alla strutturazione del lavoro Sulla bozza di struttura del prodotto appena definita il PM comincia a fare i suoi ragionamenti per impostarerivedere le scelte di "make or buy" Valerio Teta_Project Management 74

75 Approccio iniziale alla strutturazione del lavoro Si tratta di capire (in base agli input di progettazione disponibili) quali parti del prodotto conviene che si facciano all'interno dell'organizzazione (make) e quali altre conviene che si acquistino già fatte da Fornitori qualificati (buy) Valerio Teta_Project Management 75

76 Approccio iniziale alla strutturazione del lavoro Costruire una struttura ad albero che rappresenti le attività definite nel modello di ciclo di vita prescelto (in fase di definizione) ed applicabili al caso specifico Confrontare struttura del prodotto ed attività in modo che ogni attività abbia input ed output Valerio Teta_Project Management 76

77 Risultati A questo punto è stata specificataaggiornata la struttura del processo (a partire dal modello): Lista delle attività, con Input ed output per ciascuna attività. È altresì disponibile un aggiornamento della WBS Valerio Teta_Project Management 77

78 Risultati - lista delle attività Attività Input Output Fase ciclo Analisi Raccolta requisiti Info Verbali Minute interviste Specifiche d uso Consolidamento condivisione Contratto Esigenze Specifiche Documento specifiche dei requisiti Valerio Teta_Project Management 78

79 Project time management Definizione delle attività 6.1 Sequenziazione delle attività 6.2 Durata delle attività 6.3 Date delle attività scheduling Valerio Teta_Project Management 79

80 Sequenziazione delle attività Valerio Teta_Project Management 80

81 Obiettivo della sequenziazione delle attività identificare e descrivere le relazioni logiche tra le attività definite Valerio Teta_Project Management 81

82 Input Activity sequencing lista delle attività definite struttura del sistema vincoli di carattere generale imposti da modello di ciclo di vita (sequenza delle fasi) tecnologie prassi e procedure interne scelte make or buy milestone imposte dalla segmentazione del progetto Valerio Teta_Project Management 82

83 Activity sequencing Output grafo di flusso del progetto aggiornamento lista delle attività Valerio Teta_Project Management 83

84 Activity sequencing Azioni scelta del tool scelta del metodo (AON) di rappresentazione della sequenza costruzione graduale del grafo elaborando i flussi input-output ed i vincoli Valerio Teta_Project Management 84

85 WBS Per ciascun elemento della WBS devono essere chiaramente definiti: Responsabile della realizzazione Specifiche di prodotto Eventuali apporti esterni ed ordini di acquisto Milestone contrattuali Valerio Teta_Project Management 85

86 Lista delle attività Fase del ciclo di vita Attività Input Output Valerio Teta_Project Management 86

87 Milestone e attività collegate Il cuore della sequenziazione consiste nell identificare tutte le relazioni logiche tra le attività: Per ciascuna attività devono essere chiaramente definite propedeuticità e conseguenze mantenendo la coerenza tecnico-produttiva del flusso input-output; Il punto di partenza della sequenziazione è l insieme delle milestone definite nella segmentazione di progetto contratto Valerio Teta_Project Management 87

88 Risultati Diagramma di flusso costruito con uno strumento tipo MS_PROJECT Aggiornamento della WBS Valerio Teta_Project Management 88

89 Tecniche reticolari: vocabolario Attività: produce (un) output, acquisisce (un) input, usa risorse e tempo Evento: stato identificabile e derivante dal completamento di una o più attività non usa risorse né tempo Reticolo: è un diagramma di nodi e archi orientati con un inizio ed una fine rappresenta le relazioni logiche fra le attività ammette due distinte convenzioni AOA (Activity On Arc) e AON (Activity On Node) Valerio Teta_Project Management 89

90 Reticolo-Convenzione AOA Attività reale Attività fittizia (dummy) Evento di inizio Evento di fine Valerio Teta_Project Management 90

91 Rappresentazione attività-arco Esiste un solo nodo che sia solo origine di archi rappresentativo dell evento iniziale del progetto Esiste un solo nodo che sia solo destinazione di archi rappresentativo dell evento finale del progetto due nodi-eventi possono essere connessi da un solo arco sul reticolo non esistono circuiti sono necessarie attività fittizie per rappresentare particolari relazioni temporali Valerio Teta_Project Management 91

92 Reticolo-Convenzione AON Attività Vincolo di sequenza Valerio Teta_Project Management 92

93 Rappresentazione attività-nodo Le attività sono associate ai nodi gli archi esprimono le relazioni temporali tra le attività si introduce un nodo-origine fittizio che sia rappresentativo dell inizio del progetto si introduce un nodo-destinazione fittizio che sia rappresentativo della fine del progetto non sono necessarie attività fittizie per rappresentare particolari relazioni temporali Valerio Teta_Project Management 93

94 Grafo del progetto Valerio Teta_Project Management 94

95 lista attività aggiornata Attività Input Output Prec Fase Analisi 6.Raccolta requisiti Info Verbali Ordini servizio Minute interviste Specifiche d uso 7.Consolidamento condivisione Contratto Esigenze Specifiche Documento specifiche dei requisiti Valerio Teta_Project Management 95

96 Diagramma di GANTT Attività 6 7, , Tempo Valerio Teta_Project Management 96

97 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Pianificazione delle risorse Valerio Teta_Project Management 97

98 PIANIFICAZIONE DI BASE avvio Project charter Pianificazione di base Core planning processes Project plan esecuzione Valerio Teta_Project Management 98

99 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 99

100 Elementi contrattuali definizione di progetto proposta di soluzione, consegne, obiettivi di fornitura; Configurazione dei requisiti Modello di processo stime e dimensionamenti Valerio Teta_Project Management 100

101 Project cost management Pianificazione delle risorse 7.1 Previsione dei costi 7.2 Budget Valerio Teta_Project Management 101

102 Pianificazione delle risorse resource planning Valerio Teta_Project Management 102

103 Risorse resource Insieme organico di persone e mezzi messi a disposizione dalla Direzione per l esecuzione dei processi. Esempio. Le risorse di un progetto sono le persone ed i mezzi allocati nell arco temporale di riferimento sulle attività del progetto per trasformare gli input di progettazione disponibili negli output di progettazione attesi Valerio Teta_Project Management 103

104 Categorie di risorse Personale Infrastrutture telematiche Impianti Ambiente fisico di lavoro Informazioni Fornitori Partner Risorse naturali Risorse economico-finanziarie Valerio Teta_Project Management 104

105 Le categorie non hanno la stessa importanza Le risorse di natura economicofinanziaria e di conoscenza devono essere allocate sul progetto prima delle altre perché ne consentono una successiva adeguata acquisizione Valerio Teta_Project Management 105

106 Obiettivo della pianificazione delle risorse (resource planning) Elaborare il fabbisogno di tecnologia (risorse infrastrutturali e Risorse Specialistiche) per eseguire le attività del progetto Valerio Teta_Project Management 106

107 Input resource planning repertorio delle risorse interne dell organizzazione politiche e prassi dell organizzazione per l allocazione delle risorse interne il reperimento delle risorse esterne descrizione dell ambito WBS progetti analoghi Modello di ciclo di vita del sistema Valerio Teta_Project Management 107

108 resource planning Output requisiti delle risorse da allocare sulle fasi/attività del modello Ipotesi di produttività per tipo risorsa Valerio Teta_Project Management 108

109 resource planning Azioni analisi delle tecnologie di progetto analisi delle risorse disponibili analisi delle fonti di tecnologia analisi delle specifiche tecniche delle risorse materiali analisi degli skill delle Risorse Umane (conoscenze, competenze, capacità gestionali) formulazione ipotesi di allocazione Valerio Teta_Project Management 109

110 Fabbisogno di Tecnologia L elaborazione del fabbisogno di tecnologia non parte da zero ma riprende ed approfondisce i risultati dello studio: ci riferiamo, in particolare, alla soluzione tecnica, alle scelte di impostazione (modello del ciclo di vita) ed alle indicazioni per le componenti tecnologiche Valerio Teta_Project Management 110

111 Fabbisogno di Tecnologia Fase/attività del modello Metodi, tecniche e strumenti Disegno Tecniche di disegno dei componenti di sistema Sviluppo e test Tecniche di sviluppo Strumenti dell ambiente di lavoro Tecniche ed ambienti di test Valerio Teta_Project Management 111

112 Fabbisogno di Tecnologia individuazione delle risorse materiali e degli strumenti tecnici (tool) da allocare nell ambiente di lavoro per ciascuna fase individuazione di numero e tipo delle Risorse Specialistiche cui affidare i compiti individuali di fase Valerio Teta_Project Management 112

113 Risorse Umane Numero Competenze Responsabilità Compiti Valerio Teta_Project Management 113

114 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Stima delle durate Valerio Teta_Project Management 114

115 PIANIFICAZIONE DI BASE avvio Project charter Pianificazione di base Core planning processes Project plan esecuzione Valerio Teta_Project Management 115

116 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 116

117 Project time management Definizione delle attività 6.1 Sequenziazione delle attività 6.2 Stima delle durate delle attività 6.3 Date delle attività scheduling Valerio Teta_Project Management 117

118 Stima delle durate delle attività Valerio Teta_Project Management 118

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 2: Reti di attività CARLO MANNINO Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Definizioni di ase Il Progetto è costituito

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

05/03/07 Anna Maria Baratta. Lavorare per progetti

05/03/07 Anna Maria Baratta. Lavorare per progetti 05/03/07 Anna Maria Baratta Lavorare per progetti Cosa e` un Progetto Un progetto e` una serie di attività temporanee e mirate alla creazione un nuovo unico prodotto/servizio. (Project Management Institute

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Programmazione e controllo IL PROCESSO DI BUDGET prof. Pagina 1 di 58 IL PROCESSO DI BUDGET IN AZIENDA Pagina 2 di 58 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE DEL

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Le attività di project management

Le attività di project management Le attività di project management 1 Corso di Gestione della Produzione II Le caratteristiche dei processi oggetto di analisi 1. Attraversano l organizzazione, in quanto richiedono molteplici competenze

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012)

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Il Project Management: approcci gestionali e processi (Prof. Ing. Guido Capaldo)

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Pianificazione e dimensionamento di un progetto Controllo e gestione operativa del progetto.

Dettagli

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq Fundamentals Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di epmq Modulo 1 Fundamentals. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it La verifica di fattibilità Dagli studi sull opportunità all'avvio del progetto. Studio del mercato. Cenni di business

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI Project Management Alessandro Silvestri A.A. 010/011 1 AGENDA - Introduzione PROJECT MANAGEMENT - TECNICHE DI BASE - TECNICHE RETICOLARI PERT Deterministico (CPM) PERT

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Generalità DIB 2 Progetto PROGETTO: esecuzione di un insieme di attività in un tempo e con risorse limitati per raggiungere uno specifico scopo. A causa dell

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Progettare il tempo Il metodo, il processo e gli strumenti della progettazione in ottica temporale Costantina Regazzo, Antiforma srl - Milano Percorso formativo

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli