Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta"

Transcript

1 Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta Valerio Teta_Project Management 1

2 Definizione di Progetto Definizione proposta dal Project Management Institute : Un progetto è uno sforzo temporaneo atto a creare un prodotto o un servizio unico. Di seguito si potrà intendere per progetto un organizzazione temporanea finalizzata alla realizzazione di un prodotto o un servizio unico Valerio Teta_Project Management 2

3 Gestione Attività coordinate per guidare e tenere sotto controllo un organizzazione in relazione agli obiettivi stabiliti Valerio Teta_Project Management 3

4 Project Management GENERALITÀ SUI PROCESSI DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO Valerio Teta_Project Management 4

5 Modello di interpretazione Struttura di un generico processo direzionale Avvio e definizione degli obiettivi Pianificazione Esecuzione Controllo riesami e valutazioni Chiusura Valerio Teta_Project Management 5

6 Gestione dell organizzazione gestione corrente d impresa Avvio e definizione degli obiettivi Pianificazione Esecuzione Controllo riesami e valutazioni Chiusura Definizione del mercato di sbocco Definizione dei requisiti delle Parti interessate Definizione degli obiettivi dell iniziativa imprenditoriale Analisi di fattibilità e Stima Formulazione di un piano per la gestione - Business Plan Avviamento del lavoro (processi primari e processi di supporto) Allocazione risorse, Assegnazione obiettivi operativi Monitoraggio dell andamento attraverso i sistemi di gestione Verifiche periodiche - Bilancio trimestrale Sorveglianza e controllo indicatori di prodotto e processo (cruscotto) Analisi dei problemi ed eventuale gestione delle azioni correttive Bilancio annuale ed Analisi di bilancio Iterazione del processo Valerio Teta_Project Management 6

7 Gestione del progetto Processo di direzione di uno specifico progetto Avvio e definizione degli obiettivi - STUDIO Pianificazione Esecuzione Controllo riesami e valutazioni Chiusura Definizione del problema-opportunità Definizione dei requisiti delle Parti interessate Definizione dell ambito - obiettivi Analisi di fattibilità e Stima - prodotto da consegnare e processo da eseguire Pianificazione del progetto in funzione degli obiettivi fissati in termini di ambito, tempi, costi, qualità, Risorse Umane, comunicazione, rischio, acquisti Predisposizione del contesto di esecuzione: acquisizione delle risorse, attivazione degli impianti, costruzione della squadra ed avviamento del lavoro. Esecuzione delle attività pianificate. Comunicazione delle informazioni di progetto. Consegna dei prodotti intermedi e finali previsti. Esecuzione dei controlli pianificati - monitoraggio risultati vs obiettivi - eventuali azioni correttive (feedback) verso esecuzione e pianificazione Rilascio al Committente del prodotto di progetto. Produzione consuntivi e valutazione risultati vs obiettivi. Rilevazione della soddisfazione delle Parti Valerio Teta_Project Management 7

8 Avvio e definizione degli obiettivi - STUDIO La Direzione valuta interessante per l Organizzazione una opportunità di mercato ed ha la necessità di decidere sull avvio del progetto: fissa gli obiettivi ed affida al Capo-progetto uno studio preliminare incentrato su fattibilità e stima Valerio Teta_Project Management 8

9 Avvio Lo studio di fattibilità può essere visto come un (piccolo) progetto limitato a raccogliere ed elaborare i dati relativi a scenario-problema-opportunità Valerio Teta_Project Management 9

10 Avvio Cosa definire: Il problema - opportunità (processo di acquisizione, fornitura, Innovazione, ); le Parti interessate (cliente, utente, finanziatore, prospect, fornitore, partner, sorgente di tecnologia, ); il Capo-progetto responsabile dell iniziativa progettuale; gli obiettivi operativi da conseguire; Le soluzioni tecniche applicabili Valerio Teta_Project Management 10

11 Dall avvio alla pianificazione Valerio Teta_Project Management 11

12 Dalla stima alla pianificazione La stima (pianificazione preliminare) non produce tutte le informazioni necessarie all avvio dell esecuzione; pertanto, si deve scendere nel dettaglio di tempi, impegni, costi, dimensioni, prestazioni attraverso la fase di pianificazione esecutiva Valerio Teta_Project Management 12

13 Definizione di Pianificazione Insieme di attività che hanno come obiettivo la definizione di un quadro di riferimento che permetta di programmare realisticamente sviluppo del processorealizzazione del prodotto. Gli elementi del quadro programmatico sono gli input, gli output, le risorse, le attività ed i relativi metodi Valerio Teta_Project Management 13

14 Definizione - pianificazione Elementi Input Output Metodi Attività Cosa programmare Disponibilità-Acquisizione-analisi Realizzazione-consegna-collaudo Scelta - Adeguamento del modello di processo Tempi, impegni, responsabilità Risorse Umane Infrastrutture Numero, skill, reclutamento, turnover, costi Specifiche, acquisti, installazione, manutenzione, costi Valerio Teta_Project Management 14

15 Dettaglio della Pianificazione La pianificazione esecutiva eredita ed aggiorna i risultati dello studio. Il livello di dettaglio della pianificazione esecutiva scaturisce da una decisione che il Capo-progetto prende tenendo congiuntamente presenti due riferimenti: riferimento esterno - rispondere punto su punto alle richieste del cliente, riferimento interno - scegliere la tecnica di pianificazione e dimensionare il controllo in relazione all identificazione iniziale del rischio Valerio Teta_Project Management 15

16 Dettaglio della Pianificazione Il Capo-progetto può, eventualmente, prevedere nel piano una o più attività di raffinamento e d'approfondimento del livello di dettaglio iniziale (es.: prima la pianificazione di base e poi il completamento tecnico). Le ripianificazioni sono necessarie per mantenere il livello di dettaglio della pianificazione costantemente adeguato alla fase corrente del ciclo di vita ed alle esigenze di controllo Valerio Teta_Project Management 16

17 Dettaglio della Pianificazione L'aggiornamento del piano va collegato alla disponibilità dei risultati dell'analisi dei requisiti e degli altri processi di sviluppo che nel tempo completano e stabilizzano il quadro di riferimento del progetto. In corso d'opera sono probabili anche aggiornamenti non pianificati necessari per recepire sia i ritorni dei processi di controllo sia nuovi input Valerio Teta_Project Management 17

18 Dettaglio della Pianificazione La pianificazione di progetto può essere: compresa in un unico documento, suddivisa su più documenti, a loro volta completi o con riferimenti ad ulteriori documenti (tipicamente perché prodotti con strumenti diversi) Valerio Teta_Project Management 18

19 Dettaglio della Pianificazione Schedulazione esecutiva Piano di gestione della qualità Piano di gestione dei costi Piano di gestione della configurazione Piano di gestione del progetto Piano di gestione dei rischi Piano di verifica e validazione Valerio Teta_Project Management 19

20 Distribuzione dei gruppi di processi nel tempo Valerio Teta_Project Management 20

21 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO La distribuzione dei gruppi di processi nel tempo (fonte PMI) ci dice che la pianificazione del progetto non si esaurisce in un unico evento capace di produrre il piano. Il piano nasce, si evolve e si stabilizza nel tempo attraverso una serie di passi di pianificazione Valerio Teta_Project Management 21

22 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO Il nostro approccio prevede (almeno) due passi: Pianificazione di base Pianificazione di dettaglio. Un fondamento pratico dell approccio può essere individuato in una interpretazione della curva dei costi tipica per i casi in cui le Risorse Umane (conoscenze) siano assolutamente prevalenti Valerio Teta_Project Management 22

23 Curva dei costi in funzione del tempo mese 3 mese 5 mese 7 mese 9 mese 11 mese 13 mese costi Valerio Teta_Project Management 23

24 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO Fatta l ipotesi dei costi unitari costanti per l arco temporale del progetto, possiamo affermare che la pendenza della curva rappresenta il numero delle Risorse Umane allocate sul progetto Valerio Teta_Project Management 24

25 I processi di gestione e le variabili gestionali di un progetto definizione pianificazione esecuzione controllo chiusura integrazione ambito tempo costi qualità risorse umane comunicazione rischio acquisti Valerio Teta_Project Management 25

26 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Gestione dell ambito di progetto Project scope management Valerio Teta_Project Management 26

27 avvio PIANIFICAZIONE DI BASE Project charter Pianificazione di base Core planning processes Project plan esecuzione Valerio Teta_Project Management 27

28 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 28

29 Project scope management Initiation Avvio 5.1 Scope planning 5.2 Scope definition Valerio Teta_Project Management 29

30 Elementi contrattuali definizione di progetto proposta di soluzione, consegne, obiettivi di fornitura; Configurazione dei requisiti Modello di processo Valerio Teta_Project Management 30

31 Avvio Initiation Valerio Teta_Project Management 31

32 Initiation Avvio Metodi aziendali di selezione dei progetti (mono-multi-criterio) Valutazioni di esperti (consulenti, etc.) Studio di fattibilità, Richiesta d offerta, Offerta e contratto T Project charter Piano Strategico- Piano di programma I O Identificazione del Project manager Portafoglio, Vincoli Criteri di selezione Ipotesi di avvio Informazioni storiche Valerio Teta_Project Management 32

33 Input Studio di fattibilità, richiesta d offerta, offerta e contratto: i documenti disponibili devono descrivere il sistema da realizzare nel progetto. Piano strategico piano di programma: costituisce il riferimento per la selezione del progetto da avviare. Portafoglio progetti e criteri di selezione: la direzione dell organizzazione decide quale progetto avviare tra tutti quelli in portafoglio. Informazioni storiche: nel decidere la direzione dell organizzazione tiene conto anche delle esperienze fatte Valerio Teta_Project Management 33

34 Output 1. Documento Formale di avvio: Project charter. 2. Assegnazione dell incarico di capo progetto: identificazione del Project Manager. 3. Vincoli della gestione del progetto: stime globali di costi e tempi capacità di processo. 4. Ipotesi necessarie di avvio: assunzioni per la formulazione del piano di progetto Valerio Teta_Project Management 34

35 Pianificazione dell ambito Scope planning Valerio Teta_Project Management 35

36 Obiettivo della pianificazione dell ambito Identificare il prodotto da realizzare nel progetto; Identificare i collegamenti tra prodotto da realizzare e processo di realizzazione lavoro Valerio Teta_Project Management 36

37 Scope planning Input Studio di fattibilità descrizione del prodotto Accordo contratto Ipotesi di avvio Vincoli della gestione del progetto Assunzioni necessarie per la pianificazione Valerio Teta_Project Management 37

38 Scope planning Output descrizione dell ambito Obiettivi Piano delle consegne Condizioni ed ipotesi di lavoro Lista dei requisiti aggiornamento della descrizione del prodotto Valerio Teta_Project Management 38

39 Scope planning Azioni Riesame del contratto analisi dei requisiti analisi costi-benefici Valerio Teta_Project Management 39

40 Definizione dell ambito Scope definition Valerio Teta_Project Management 40

41 Obiettivo della definizione dell ambito assicurare che il progetto includa tutto il lavoro necessario; assicurare che il progetto escluda tutto il lavoro inutile; Sviluppare la WBS Valerio Teta_Project Management 41

42 WBS Work Breakdown Structure Struttura gerarchica del lavoro da fare nel progetto Valerio Teta_Project Management 42

43 WBS Scomposizione a più livelli del sistema da realizzare nei suoi elementi componenti. Gli oggetti di consegna contrattualmente definiti orientano la scomposizione che organizza il contenuto totale del lavoro di progetto in modo da rispondere a tutti e soli i requisiti contrattuali. Ogni ulteriore livello di decomposizione definisce con dettaglio maggiore ciascuno degli elementi del livello precedente Valerio Teta_Project Management 43

44 Scope definition Input Accordo, vincoli, assunzioni descrizione dell ambito piano di consegne Soluzioni tecniche modello di processo ciclo di vita del sistema da realizzare progetti analoghi Valerio Teta_Project Management 44

45 Scope definition Output WBS ed eventuali altre strutture di progetto aggiornamento dell ambito Valerio Teta_Project Management 45

46 Scope definition Azioni Revisione del contratto oggetti di consegna deliverable esterni revisione della soluzione tecnica modello di prodotto deliverable interni confronto con progetti analoghi analisi delle tecnologie di realizzazione revisione delle scelte di impostazione modello di processo personalizzazione del modello di processo identificazione della WBS Valerio Teta_Project Management 46

47 Scope definition Le Azioni del processo devono tener conto di punti di vista diversi: Vista contrattuale Vista tecnico-ingegneristica Vista gestionale pianificazione e controllo Vista organizzativa processi, responsabilità, parti interessate, competenze Valerio Teta_Project Management 47

48 Scope definition Le Azioni si articolano nei seguenti passi: 1. Identificazione della consegna finale il sistema da consegnare in chiusura per avere successo 2. Identificazione delle consegne intermedie 3. Identificazione dei componenti di sistema non oggetto di consegna ma fondamentali per integrazione e controllo di componenti e sistemi da consegnare 4. Identificazione di una struttura base sia del prodotto sia del processo costruzione della WBS ed eventuali ricicli di raffinamento Valerio Teta_Project Management 48

49 WBS Work Breakdown Structure Progetto Criteri di esplosione: prodotti di lavoro, fasi di lavoro Valerio Teta_Project Management 49

50 Criteri di esplosione WBS (es. 1) progetto prodotto 1 prodotto 2 prodotto 3 fase 2.1 fase 2.2 fase Valerio Teta_Project Management 50

51 Criteri di esplosione WBS (es. 2) progetto fase 1 fase 2 fase 3 prodotto 2.1 prodotto 2.2 prodotto Valerio Teta_Project Management 51

52 Esempio di WBS Valerio Teta_Project Management 52

53 WBS primo livello Costruzione edificio Preparazione sito 1 Realizzazione strutture 2 Impiantistica meccanica ed idraulica 3 Impiantistica elettrica 4 Finiture Valerio Teta_Project Management 53

54 WBS secondo livello Preparazione sito 1 Recinzione cantiere 1.1 Allacciamenti acqua, gas ed elettricità 1.2 Movimentazione terra Valerio Teta_Project Management 54

55 WBS secondo livello Realizzazione strutture 2 Fondazioni 2.1 Strutture in elevazione 2.2 Tamponamenti esterni Valerio Teta_Project Management 55

56 WBS secondo livello Impiantistica meccanica ed idraulica 3 Impianti idrici 3.1 Impianti di condizionamento 3.2 Ascensori Valerio Teta_Project Management 56

57 WBS secondo livello Impiantistica elettrica 4 Collegamenti rete esterna 4.1 Rete interna 4.2 Quadri ed apparecchiature accessorie Valerio Teta_Project Management 57

58 WBS secondo livello Finiture 5 Serramenti esterni 5.1 Serramenti interni 5.2 Pavimentazioni Valerio Teta_Project Management 58

59 Le (altre) strutture di progetto Albero delle funzioni Albero del prodotto Struttura del processo WBS Struttura dei costi CBS Struttura dell organizzazione OBS Valerio Teta_Project Management 59

60 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Definizione e sequenziazione delle attività Valerio Teta_Project Management 60

61 PIANIFICAZIONE DI BASE pianificazione avvio di esecuzione base Valerio Teta_Project Management 61

62 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 62

63 Project time management Definizione delle attività 6.1 Sequenziazione delle attività 6.2 Durata delle attività 6.3 Date delle attività scheduling Valerio Teta_Project Management 63

64 Elementi contrattuali (dalla definizione di progetto) proposta di soluzione, consegne, obiettivi di fornitura; Configurazione dei requisiti Modello di processo stime e dimensionamenti Valerio Teta_Project Management 64

65 Definizione delle attività Valerio Teta_Project Management 65

66 Obiettivo della definizione delle attività Definire le attività necessarie alla realizzazione del prodotto nel rispetto di quanto precedentemente elaborato: studio accordo pianificazione e definizione ambito Valerio Teta_Project Management 66

67 Activity definition Input Accordo, requisiti, vincoli, assunzioni Pianificazione dell ambito piano delle consegne Definizione dell ambito WBS ed eventuali altre strutture Progetti analoghi Valerio Teta_Project Management 67

68 Activity definition Output Lista delle attività Ingresso/uscita per ciascuna attività Aggiornamento WBS Valerio Teta_Project Management 68

69 Activity definition Azioni di decomposizione top-down decomposizione del sistema in componenti ed oggetti elementari, decomposizione delle fasi di lavoro del modello in attività elementari, Abbinamenti oggetti ed attività, Definizione lista attività, Definizione input/output per attività Valerio Teta_Project Management 69

70 Consegne contrattuali Item di consegna Data Ente Sito Controllo Valerio Teta_Project Management 70

71 Prodotti di lavorazione non oggetto di consegna Item di lavorazione Data di fine lavorazione Controllo Valerio Teta_Project Management 71

72 Approccio iniziale alla strutturazione del sistema Elaborare i requisiti Elaborare/Costruire una struttura ad albero delle funzioni che elabori una risposta ai requisiti (funzionalità attese) Elaborare/Costruire una struttura ad albero del prodotto che riunisca tutti i componenti del sistema (oggetto di consegna e non) Valerio Teta_Project Management 72

73 Approccio iniziale alla strutturazione del sistema Dare coerenza interna alla struttura copertura del modello corrispondenza tra oggetti ed attività Dare coerenza esterna alla struttura copertura dei requisiti corrispondenza tra oggetti e funzionalità attese Valerio Teta_Project Management 73

74 Approccio iniziale alla strutturazione del lavoro Sulla bozza di struttura del prodotto appena definita il PM comincia a fare i suoi ragionamenti per impostarerivedere le scelte di "make or buy" Valerio Teta_Project Management 74

75 Approccio iniziale alla strutturazione del lavoro Si tratta di capire (in base agli input di progettazione disponibili) quali parti del prodotto conviene che si facciano all'interno dell'organizzazione (make) e quali altre conviene che si acquistino già fatte da Fornitori qualificati (buy) Valerio Teta_Project Management 75

76 Approccio iniziale alla strutturazione del lavoro Costruire una struttura ad albero che rappresenti le attività definite nel modello di ciclo di vita prescelto (in fase di definizione) ed applicabili al caso specifico Confrontare struttura del prodotto ed attività in modo che ogni attività abbia input ed output Valerio Teta_Project Management 76

77 Risultati A questo punto è stata specificataaggiornata la struttura del processo (a partire dal modello): Lista delle attività, con Input ed output per ciascuna attività. È altresì disponibile un aggiornamento della WBS Valerio Teta_Project Management 77

78 Risultati - lista delle attività Attività Input Output Fase ciclo Analisi Raccolta requisiti Info Verbali Minute interviste Specifiche d uso Consolidamento condivisione Contratto Esigenze Specifiche Documento specifiche dei requisiti Valerio Teta_Project Management 78

79 Project time management Definizione delle attività 6.1 Sequenziazione delle attività 6.2 Durata delle attività 6.3 Date delle attività scheduling Valerio Teta_Project Management 79

80 Sequenziazione delle attività Valerio Teta_Project Management 80

81 Obiettivo della sequenziazione delle attività identificare e descrivere le relazioni logiche tra le attività definite Valerio Teta_Project Management 81

82 Input Activity sequencing lista delle attività definite struttura del sistema vincoli di carattere generale imposti da modello di ciclo di vita (sequenza delle fasi) tecnologie prassi e procedure interne scelte make or buy milestone imposte dalla segmentazione del progetto Valerio Teta_Project Management 82

83 Activity sequencing Output grafo di flusso del progetto aggiornamento lista delle attività Valerio Teta_Project Management 83

84 Activity sequencing Azioni scelta del tool scelta del metodo (AON) di rappresentazione della sequenza costruzione graduale del grafo elaborando i flussi input-output ed i vincoli Valerio Teta_Project Management 84

85 WBS Per ciascun elemento della WBS devono essere chiaramente definiti: Responsabile della realizzazione Specifiche di prodotto Eventuali apporti esterni ed ordini di acquisto Milestone contrattuali Valerio Teta_Project Management 85

86 Lista delle attività Fase del ciclo di vita Attività Input Output Valerio Teta_Project Management 86

87 Milestone e attività collegate Il cuore della sequenziazione consiste nell identificare tutte le relazioni logiche tra le attività: Per ciascuna attività devono essere chiaramente definite propedeuticità e conseguenze mantenendo la coerenza tecnico-produttiva del flusso input-output; Il punto di partenza della sequenziazione è l insieme delle milestone definite nella segmentazione di progetto contratto Valerio Teta_Project Management 87

88 Risultati Diagramma di flusso costruito con uno strumento tipo MS_PROJECT Aggiornamento della WBS Valerio Teta_Project Management 88

89 Tecniche reticolari: vocabolario Attività: produce (un) output, acquisisce (un) input, usa risorse e tempo Evento: stato identificabile e derivante dal completamento di una o più attività non usa risorse né tempo Reticolo: è un diagramma di nodi e archi orientati con un inizio ed una fine rappresenta le relazioni logiche fra le attività ammette due distinte convenzioni AOA (Activity On Arc) e AON (Activity On Node) Valerio Teta_Project Management 89

90 Reticolo-Convenzione AOA Attività reale Attività fittizia (dummy) Evento di inizio Evento di fine Valerio Teta_Project Management 90

91 Rappresentazione attività-arco Esiste un solo nodo che sia solo origine di archi rappresentativo dell evento iniziale del progetto Esiste un solo nodo che sia solo destinazione di archi rappresentativo dell evento finale del progetto due nodi-eventi possono essere connessi da un solo arco sul reticolo non esistono circuiti sono necessarie attività fittizie per rappresentare particolari relazioni temporali Valerio Teta_Project Management 91

92 Reticolo-Convenzione AON Attività Vincolo di sequenza Valerio Teta_Project Management 92

93 Rappresentazione attività-nodo Le attività sono associate ai nodi gli archi esprimono le relazioni temporali tra le attività si introduce un nodo-origine fittizio che sia rappresentativo dell inizio del progetto si introduce un nodo-destinazione fittizio che sia rappresentativo della fine del progetto non sono necessarie attività fittizie per rappresentare particolari relazioni temporali Valerio Teta_Project Management 93

94 Grafo del progetto Valerio Teta_Project Management 94

95 lista attività aggiornata Attività Input Output Prec Fase Analisi 6.Raccolta requisiti Info Verbali Ordini servizio Minute interviste Specifiche d uso 7.Consolidamento condivisione Contratto Esigenze Specifiche Documento specifiche dei requisiti Valerio Teta_Project Management 95

96 Diagramma di GANTT Attività 6 7, , Tempo Valerio Teta_Project Management 96

97 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Pianificazione delle risorse Valerio Teta_Project Management 97

98 PIANIFICAZIONE DI BASE avvio Project charter Pianificazione di base Core planning processes Project plan esecuzione Valerio Teta_Project Management 98

99 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 99

100 Elementi contrattuali definizione di progetto proposta di soluzione, consegne, obiettivi di fornitura; Configurazione dei requisiti Modello di processo stime e dimensionamenti Valerio Teta_Project Management 100

101 Project cost management Pianificazione delle risorse 7.1 Previsione dei costi 7.2 Budget Valerio Teta_Project Management 101

102 Pianificazione delle risorse resource planning Valerio Teta_Project Management 102

103 Risorse resource Insieme organico di persone e mezzi messi a disposizione dalla Direzione per l esecuzione dei processi. Esempio. Le risorse di un progetto sono le persone ed i mezzi allocati nell arco temporale di riferimento sulle attività del progetto per trasformare gli input di progettazione disponibili negli output di progettazione attesi Valerio Teta_Project Management 103

104 Categorie di risorse Personale Infrastrutture telematiche Impianti Ambiente fisico di lavoro Informazioni Fornitori Partner Risorse naturali Risorse economico-finanziarie Valerio Teta_Project Management 104

105 Le categorie non hanno la stessa importanza Le risorse di natura economicofinanziaria e di conoscenza devono essere allocate sul progetto prima delle altre perché ne consentono una successiva adeguata acquisizione Valerio Teta_Project Management 105

106 Obiettivo della pianificazione delle risorse (resource planning) Elaborare il fabbisogno di tecnologia (risorse infrastrutturali e Risorse Specialistiche) per eseguire le attività del progetto Valerio Teta_Project Management 106

107 Input resource planning repertorio delle risorse interne dell organizzazione politiche e prassi dell organizzazione per l allocazione delle risorse interne il reperimento delle risorse esterne descrizione dell ambito WBS progetti analoghi Modello di ciclo di vita del sistema Valerio Teta_Project Management 107

108 resource planning Output requisiti delle risorse da allocare sulle fasi/attività del modello Ipotesi di produttività per tipo risorsa Valerio Teta_Project Management 108

109 resource planning Azioni analisi delle tecnologie di progetto analisi delle risorse disponibili analisi delle fonti di tecnologia analisi delle specifiche tecniche delle risorse materiali analisi degli skill delle Risorse Umane (conoscenze, competenze, capacità gestionali) formulazione ipotesi di allocazione Valerio Teta_Project Management 109

110 Fabbisogno di Tecnologia L elaborazione del fabbisogno di tecnologia non parte da zero ma riprende ed approfondisce i risultati dello studio: ci riferiamo, in particolare, alla soluzione tecnica, alle scelte di impostazione (modello del ciclo di vita) ed alle indicazioni per le componenti tecnologiche Valerio Teta_Project Management 110

111 Fabbisogno di Tecnologia Fase/attività del modello Metodi, tecniche e strumenti Disegno Tecniche di disegno dei componenti di sistema Sviluppo e test Tecniche di sviluppo Strumenti dell ambiente di lavoro Tecniche ed ambienti di test Valerio Teta_Project Management 111

112 Fabbisogno di Tecnologia individuazione delle risorse materiali e degli strumenti tecnici (tool) da allocare nell ambiente di lavoro per ciascuna fase individuazione di numero e tipo delle Risorse Specialistiche cui affidare i compiti individuali di fase Valerio Teta_Project Management 112

113 Risorse Umane Numero Competenze Responsabilità Compiti Valerio Teta_Project Management 113

114 PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 1ª PARTE - PIANIFICAZIONE DI BASE Stima delle durate Valerio Teta_Project Management 114

115 PIANIFICAZIONE DI BASE avvio Project charter Pianificazione di base Core planning processes Project plan esecuzione Valerio Teta_Project Management 115

116 Core planning processes 5.2 Scope planning 6.1 activity definition 6.2 activity sequencing 6.4 Schedule development 5.3 Scope definition 6.3 acti.dur. estimating Project charter 7.1 resource planning 7.2 cost estimating 7.3 cost budgeting Project plan 11.1 risk planning 4.1 project plan development Valerio Teta_Project Management 116

117 Project time management Definizione delle attività 6.1 Sequenziazione delle attività 6.2 Stima delle durate delle attività 6.3 Date delle attività scheduling Valerio Teta_Project Management 117

118 Stima delle durate delle attività Valerio Teta_Project Management 118

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado ISBN 9788896354643 CC BY ND Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado Autori Antonio Dell Anna info@antoniodellanna.it Martina Dell

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli