Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale"

Transcript

1 Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Cagliari Segretaria Generale ANCIM Gian Piera Usai Vorrei aprire questa mia riflessione con una raffigurazione geometrica che ben illustra il nuovo metodo comunitario. Lo chiamerò principio della piramide rovesciata o del pensare ed agire locale per cooperare ed integrarsi nel globale. 1

2 Esso non è una novità per l ANCIM che fin dal 2000 ne ha fatto un metodo ed un obiettivo di lavoro nella profonda convinzione che debba essere il territorio, nella sua articolazione produttiva, sociale ed istituzionale, il primo promotore ed attuatore responsabile del proprio sviluppo. È positivo rilevare che ciò che abbiamo proposto ed attuato da oltre 13 anni è oggi il percorso che ci indica la UE nei suoi regolamenti (ancora in itinere) ed anche lo Stato italiano nelle linee di lavoro per la programmazione comunitaria che il precedente Ministro Fabrizio Barca ha elaborato sul tema delle aree interne. Le nuove sfide e la crisi economica mettono in evidenza la necessità di costruire un modello di sviluppo più territorializzato e che abbia come presupposto la condivisione delle scelte da parte della collettività e delle sue forze economiche. 2

3 Sono sempre più evidenti gli effetti che scaturiscono da processi decisionali spesso non adeguati ai problemi da risolvere ed in cui le specificità territoriali non sono state adeguatamente valutate. (cito per tutti i servizi essenziali ed i trasporti) Vorrei anche richiamare un pregevole rapporto sulla riforma delle politiche comunitarie in cui veniva affermato che il principale obiettivo delle politiche di coesione non è solo quello di ridistribuire le risorse per avvicinare le aree più povere a quelle più ricche, ma è soprattutto quello di attivare un cambiamento istituzionale e sociale ed un uso più flessibile degli strumenti, in definitiva una maggiore exaptation generale ed una valorizzazione delle proprie caratteristiche e diversità. Come la UE si appresta a tradurre questi concetti? Direi, in parte con innovazioni interessanti ed in parte timide. 3

4 È sicuramente interessante il nuovo principio geografico come precisato nel punto 1 del Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio e cioè la volontà di ridurre il divario di sviluppo tra le varie Regioni ed il ritardo delle Regioni insulari attraverso l azione integrata tra i vari fondi, la Banca europea per gli investimenti ed altri strumenti. Ugualmente interessante è il principio della condizionalità che potremmo tradurre nell azione di destinare i fondi per la particolare situazione locale e per il contesto geografico economico su cui si vuole influire. Altro principio, o meglio lo definirei obiettivo, è quello di utilizzare gli investimenti pubblici per una crescita intelligente, inclusiva e sostenibile. Un altro principio è quello dei programmi integrati di sviluppo attraverso la valorizzazione ed il coinvolgimento del livello locale e regionale: integrazione tra finanza pubblica e privata; integrazione tra le varie politiche e fondi. 4

5 Si parla di un contratto di partenariato dove definire e riempire di contenuti questi concetti. Il punto 21 evidenzia un altro elemento di novità e cioè la coesione territoriale è stata integrata e coniugata con la coesione economica e sociale per intervenire meglio sui territori sub regionali che hanno specifici problemi geografici e/o demografici. (Aree interne) Afferma che per sfruttare al meglio le potenzialità a livello locale, occorre rafforzare e agevolare le iniziative di sviluppo locale di tipo partecipativo stabilendo norme comuni e prevedendo uno stretto coordinamento per tutti i fondi del QSC (quadro strategico comunitario) 5

6 Un altro elemento di novità è quello di avere fatto, all interno delle Missioni lavoro e sistemi produttivi, valorizzazione gestione e tutela dell ambiente, qualità della vita e inclusione sociale, istruzione, formazione e competenze, dell economia a basse emissioni di carbonio, della tutela dell ambiente, dell uso efficiente delle risorse, del trasporto sostenibile il fil rouge dello sviluppo economico e sociale. Sono azioni che, escludendo l ovvia missione specifica ambientale, vengono indicate come interventi strategici anche nelle altre missioni. Questo rafforza il tema che stiamo affrontando nella riflessione odierna e cioè come il Patto dei Sindaci sia perfettamente incardinato nelle nuove politiche comunitarie teso a valorizzare il locale ed anche la diversità di questo locale. 6

7 Quindi, il Patto dei Sindaci non è un obiettivo a se stante come potrebbe sembrare da una lettura od inquadramento avulso dal contesto generale in cui stiamo operando ma un azione integrata e strategica per lo sviluppo. Azioni che vanno nella direzione ambientale, in senso lato, producono nuova occupazione. Citerò brevemente gli ultimi dati elaborati dall ISTAT nel Marzo 2013 da cui emerge che le problematicità occupazionali non vanno migliorando, ma i tassi che erano negativi continuano ad aggravarsi. È opinione diffusa che sia urgente ed indilazionabile invertire la rotta. Quindi un occasione immediata, anche perché provvista di risorse finanziarie, è rappresentata da questo Patto dei Sindaci per l ambiente. Come ANCIM abbiamo anche una serie di progetti cantierabili. 7

8 Tassi di occupazione, disoccupazione e inattività per sesso Maschi Femmine anni Tasso di occupazione Tasso di disoccupazione Valori percentuali Variaz. Tendenz. 65,9% - 0,9% 10, 7 % 1, 2 % Tasso di inattività 26,0% / Tasso di occupazione Tasso di disoccupazione 46, 7% - 0,3 % 12, 7% 1,1 % Tasso di inattività 46, 5 % - 0, 4% 8

9 L ambiente e la sua tutela può contribuire a cambiare i dati negativi che ci vengono quotidianamente rappresentati? Calo occupazione, aumento degli inoccupati, aumento degli scoraggiati (dati che in Sardegna registrano un ulteriore incremento negativo) economia ferma ed in recessione. La risposta più immediata, ma non fatta in modo superficiale è si. Si perché tutela dell ambiente significa fare azioni diffuse, da parte dei cittadini, delle forze produttive e delle istituzioni, a tutto campo dalle abitazioni private alle strutture alberghiere e produttive agli edifici ed illuminazione pubblica per sviluppare il tema risparmio energetico sia passivo che attivo e cioè come coibentare meglio gli edifici, come usare strumentazioni innovative che portino verso la riduzione di uso energetico, ma anche attivo e cioè quali risorse energetiche rinnovabili attivare per creare nuove fonti energetiche che la natura ci fornisce in modo generoso (sole, vento, moto ondoso, biomasse) 9

10 Su questo punto vorrei fare un breve accenno ai nuovi materiali che vengono proposti e che sono stati studiati proprio per le Isole minori, ma non solo. Nel contesto di pregio paesaggistico nel quale ci troviamo sembravano esclusi interventi diffusi di pale eoliche, pannelli fotovoltaici, ecc. I nuovi materiali in parte già testati ed altri in via di completamento dei test hanno recuperato terreno dal punto di vista dell attrattività e della compatibilità paesaggistica. Parlo di malte con fibre fotovoltaiche, parlo di coppi fotovoltaici, parlo di strutture che hanno una pregiata valenza architettonica (pettine di Venere) e che hanno una funzione di captare l energia solare. Un impiego diffuso di questi materiali sia nel pubblico che nel privato potrebbero portare non solo a raggiungere facilmente l obiettivo del ma anche di superarlo arrivando a creare isole intere a risparmio energetico totale ed a totale autonomia energetica. 10

11 Un altro si va detto sulla mobilità sostenibile. Credo sia noto a tutti che nelle Isole minori l infrastruttura stradale è a scartamento ridotto come si usa dire per il sistema ferroviario, quindi significa opzione per macchine di dimensioni più contenute, ma significa anche velocità più contenuta e quindi la diffusione di mezzi elettrici in modo capillare è da sollecitare ed incentivare. Significa costi di acquisto inferiori, significa emissioni di co2 zero, significa costi di manutenzione (bollo ridotto), significa un bene per gli esausti portafogli delle famiglie, delle imprese, delle istituzioni pubbliche ed un bene per l ambiente. L ANCIM con i suoi Sindaci e con il suo territorio sta, da vari anni, lavorando in questa direzione. Nell ambito di Industria 2015, venne prevista un azione tesa al risparmio energetico ed energie rinnovabili nelle Isole minori. 11

12 L ANCIM presentò un progetto con queste caratteristiche: 1) fare un azione che desse ai cittadini il ruolo di propositori di iniziative e contestualmente quello di fruitori. 2) Semplificare la vita dei cittadini e delle imprese che vogliono avviare una iniziativa di risparmio energetico. 3) Risparmio economico e bollette più leggere per i bilanci familiari, per le imprese e per le istituzioni. 4) Realizzare in tutti i 36 Comuni delle Isole minori un risparmio energetico diffuso (privato-pubblico) attraverso l utilizzo di strumentazioni e di prodotti nuovi. 12

13 5) Produzione di energie rinnovabili diversificate a seconda del contesto paesaggistico ambientale. Consapevoli che in realtà fragili, limitate e peculiari quali le Isole minori è impensabile fare un azione uniforme tesa ad introdurre il fotovoltaico, o l eolico o biocombustibili, ma le soluzioni vanno mirate e calate nella realtà in cui si va ad intervenire. 6) elaborare una procedura autorizzatoria semplificata studiando, anche in questo caso, le varie normative delle Regioni a Statuto speciale, a Statuto ordinario e le ordinarie tra loro. Consapevoli che qualsiasi iniziativa tesa a creare nuovi impianti di energie rinnovabili impatta in modo notevole scoraggiare in procedure lunghe e farraginose. 13

14 Il progetto venne ritenuto interessante, anche perché fu tra i primi ad essere presentato ma, dopo numerosi incontri al Ministero, esso si perse nei cassetti del vogliamo fare innovazione e ricerca obiettivo non conseguibile nei piccoli Comuni insulari che non sono né sede di Università, né sede di industrie. Questo è un esempio classico della Piramide a vertice in su e come si sia praticato l esatto contrario dell agire locale e del bene dei cittadini. Riteniamo che sia stato anche vanificato quello che era -di fatto- il Patto dei Sindaci delle Isole minori. Quale il quadro attuale Sindaci insulari sardi che hanno aderito a PAES di aggregazioni territoriali diversificate. Sindaci dell Isola d Elba che invece hanno costituito un Patto specifico con la sottoscrizione anche da parte dell ANCIM. 14

15 Sindaci insulari che non hanno aderito a nulla. ANCIM che ha aderito ad un Patto in un contesto europeo, ma di cui ancora non sono definiti i contorni. Proposta A partire dalla Sardegna, che diventa quindi pilota, sottoscrivere un Patto dei Sindaci delle Isole minori, in accordo con le altre sei Regioni con gli obiettivi di cui parlavo prima. I Comuni insulari avrebbero già delle proposte cantierabili. Questo Patto nazionale dovrebbe vedere anche il concorso delle Università, delle Banche e finanziariamente creare un paniere integrato di risorse locali, regionali nazionali e comunitarie. 15

16 Concludendo Un modello nuovo di sviluppo economico produttivo ma anche istituzionale quello che si è cercato di tratteggiare. Nuovo perché pone l ambiente, nella sua tutela ma contestualmente nella sua valorizzazione, come motore per lo sviluppo. Nuovo perché trascina con sé altri settori quali turismo, qualità dei prodotti. Nuovo per il coinvolgimento dei cittadini. Nuovo per la finanza integrata che può essere messa in campo. Nuovo per il cambiamento nelle istituzioni che può generare (regime autorizzatorio, ma anche più integrazione) Nuovi gli effetti che può produrre In definitiva credo che rispecchi anche le varie accezioni che la breve parola smart ha e cioè: forte, intelligente, destro, accorto e buono. 16

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Introduzione L Europa dovrà affrontare delle sfide importanti nell immediato futuro: ripresa economica, politica monetaria,

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012

BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012 BIOMASTER Meeting 15 giugno 2012 Comunicazione della Commissione europea del 6 giugno 2012: Renewable Energy: a major player in European energy market Argomenti affrontati 1. Integrare le energie rinnovabili

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 22.11.2012

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 22.11.2012 COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA OGGETTO: Progetto europeo Patto dei Sindaci Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Approvazione. Rientrano in aula i Cons. Pasqualetto Giuseppe e Stradiotto

Dettagli

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 LA SCHEDA DEI PIANI D AZIONE DELLA CETS SCHEDA PAF - Prioritized Action Framework Tipo di attività Soggetto realizzatore Descrizione della misura Obiettivi Target

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico.

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico. Le Alpi sono ancora lontane da una politica climatica sostenibile, ma una inversione di tendenza è possibile. Andreas Götz Questo era il bilancio della conferenza annuale della CIPRA Le Alpi oltre Kyoto

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara)

Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara) Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara) Pescara, 12 Luglio 2012 - sala Figlia di Iorio Provincia di Pescara Cronologia delle attività 1) Il

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

INTERVENTI PROGRAMMATI 233,307. Centro eccellenza energia pulita 8,356. Bonifica aree minerarie dismesse 169,369

INTERVENTI PROGRAMMATI 233,307. Centro eccellenza energia pulita 8,356. Bonifica aree minerarie dismesse 169,369 Oggetto: Piano Sulcis. Presa d atto Protocollo di Intesa per la definizione di obiettivi e condizioni generali di sviluppo e l attuazione dei relativi programmi nel Sulcis-Iglesiente. Atto di indirizzo

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014)

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) La dotazione iniziale del Programma Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) Sicilia 2007/2013 che era pari a euro 6.539.605.100

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

ASSPECT Associazione per la Promozione della Cultura Industriale. Energia e Ambiente: solo un problema o anche una grande opportunità industriale?

ASSPECT Associazione per la Promozione della Cultura Industriale. Energia e Ambiente: solo un problema o anche una grande opportunità industriale? ASSPECT Associazione per la Promozione della Cultura Industriale Energia e Ambiente: solo un problema o anche una grande opportunità industriale? 12/06/2013 Ing. Gian Carlo Vaccari 3 Premessa Non si parla

Dettagli

Accordo di Programma Quadro

Accordo di Programma Quadro UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA DI INTERVENTI DI INFRASTRUTTURAZIONE E SERVIZI CORRELATI ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Legge Regionale 28 dicembre

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Smart City Comuni in classe A La Regione Sardegna accompagna i Comuni verso la sostenibilità ambientale,

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" CCI 2014IT05SFOP014 Titolo POR Sicilia FSE Versione 1.1 Primo anno 2014 Ultimo anno 2020 Ammissibile

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono:

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono: INTRODUZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà dell Amministrazione Comunale di proseguire nelle azioni propositive per il risparmio energetico, e di rivolgere ai cittadini un riferimento per riflettere

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

anche le farfalle lo sanno... Da oltre 5 miliardi di anni un flusso inesauribile di energia proveniente dal Sole sostiene la vita del Pianeta Terra,

anche le farfalle lo sanno... Da oltre 5 miliardi di anni un flusso inesauribile di energia proveniente dal Sole sostiene la vita del Pianeta Terra, anche le farfalle lo sanno... Da oltre 5 miliardi di anni un flusso inesauribile di energia proveniente dal Sole sostiene la vita del Pianeta Terra, ed è ormai, parte integrante della memoria della biosfera

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Con 23.859 MW installati e 58.164 GWh prodotti nel 2008, con un incremento del 21 % rispetto all anno precedente: le energie

Dettagli

AVVISO PUBBLICO "SFIDE"

AVVISO PUBBLICO SFIDE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana AVVISO PUBBLICO "SFIDE" STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE E RIUSO DEL PATRIMONIO EDILIZIO, STORICO

Dettagli

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA PATTO PER ROMA SICURA CONSIDERATO che il diritto alla sicurezza ed alla qualità della vita urbana è una priorità che richiede, a fronte di problematiche complesse, l azione congiunta e sinergica di più

Dettagli

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO N. 02 Registro Generale delle Deliberazioni in seduta del 22.02.2013 Prot. Gen. N. 861 del 25.02.2013 COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PAES - ADESIONE

Dettagli

Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano

Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano Sansepolcro,, 24 Ottobre 2009 Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano Iacopo Magrini Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni iacopo.magrini@unifi.it

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile BEE (Ufficio europeo per l Ambiente) Piattaforma Sociale Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile L Unione Europea e i suoi Stati membri si sono più volte impegnati

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Ferisce più la penna che la spada

Ferisce più la penna che la spada Anno X Gennaio 2015 Ferisce più la penna che la spada Sommario 3 Anno X N 24 - Gennaio 2015 IL NUOVO MODELLO DI SERVIZIO DI BANCA DEI TERRITORI. GIOVANI E SINDACATO CHIAMA Torino Risponde A cura di Simona

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

L eolico volano dello sviluppo locale auto sostenibile. Aurore: Michele Raffa

L eolico volano dello sviluppo locale auto sostenibile. Aurore: Michele Raffa L eolico volano dello sviluppo locale auto sostenibile Aurore: Michele Raffa Aurore: Michele Raffa - Documento Riservato COMMUNITY WIND Community Wind è un'azione imprenditoriale, composta da tre progetti:

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese

Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese Daniele Agostini Roma, 23 giugno 2010 Obiettivi al 2020 per l Europa Gas serra - 20% rispetto al 1990

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili.

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Mynews Ottobre 2008 In questo numero Gentile lettore, In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Ecco le ultime novità:

Dettagli

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE Redatto con il contributo di Italia Lavoro SpA attraverso il Programma "Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale", finanziato dal PON

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

rinnovare l energia Fabrizio Longa 3 giugno 2015

rinnovare l energia Fabrizio Longa 3 giugno 2015 rinnovare l energia Fabrizio Longa 3 giugno 2015 Sommario Scenario Le logiche precedenti, correnti e future Ruolo nazionale e dell Europa Efficienza Energia rinnovabile La componenti di costo nella bolletta

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

IV LA POLITICA PER LA COMPETITIVITA DEL MEZZOGIORNO E DELLE AREE SOTTOUTILIZZATE DEL CENTRO NORD

IV LA POLITICA PER LA COMPETITIVITA DEL MEZZOGIORNO E DELLE AREE SOTTOUTILIZZATE DEL CENTRO NORD IV LA POLITICA PER LA COMPETITIVITA DEL MEZZOGIORNO E DELLE AREE SOTTOUTILIZZATE DEL CENTRO NORD L aumento della competitività del Mezzogiorno e la riduzione del suo divario di sviluppo e di occupazione

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

MASTER ESPERTO DI PROCESSI PER LO SFRUTTAMENTO E IL CONSUMO ENERGETICO SOSTENIBILE MACROAREE E CALENDARIO DELLE ATTIVITA

MASTER ESPERTO DI PROCESSI PER LO SFRUTTAMENTO E IL CONSUMO ENERGETICO SOSTENIBILE MACROAREE E CALENDARIO DELLE ATTIVITA MASTER ESPERTO DI PROCESSI PER LO SFRUTTAMENTO E IL CONSUMO ENERGETICO SOSTENIBILE MACROAREE E CALENDARIO DELLE ATTIVITA AREA PRODUZIONE DELL ENERGIA- SEMINARIO INAUGURALE- IL SISTEMA ENERGETICO: ORGANIZZAZIONE,

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna Relazione Introduttiva FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna LOW CARBON ECONOMY EU ROADMAP 2050 Comunicazione 2011/112 Una tabella di marcia verso un economia competitiva a basse emissioni

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 Tavolo di lavoro: Sviluppo economico, formazione e lavoro Verbale della sessione del 2 luglio 2015 Presenti Amministrazione comunale Virginia Montrasio, assessore

Dettagli

CONFRONTO DEL BILANCIO DEI GAS SERRA TRA 2006, 2007 e 2008

CONFRONTO DEL BILANCIO DEI GAS SERRA TRA 2006, 2007 e 2008 CONFRONTO DEL BILANCIO DEI GAS SERRA TRA 2006, 2007 e 2008 2.000.000 1.591.931 1.534.367 1.502.149 1.500.000 tco2eq 1.000.000 500.000 0 449.193 341.267 257.853 2006 2007 2008-500.000-1.000.000-1.500.000-1.142.738-1.193.100-1.244.296

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Regione Umbria Perché un Agenda urbana nella nuova programmazione 2014-2020 delle risorse europee Le città Motori della crescita e di poli di creatività e innovazione

Dettagli

PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati. Ancona

PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati. Ancona PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati Ancona 1 Ottobre 2012 «RESISTENZA» MARCHE Le Marche continuano ad essere la prima regione in Italia, come nel periodo precrisi, per quota di lavoratori impegnati

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE STANDARD CERTIFICABILI QUALITA UNI EN ISO 9001:2015 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AMBIENTALE OHSAS 18001:2007

SISTEMI DI GESTIONE STANDARD CERTIFICABILI QUALITA UNI EN ISO 9001:2015 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AMBIENTALE OHSAS 18001:2007 SISTEMI DI GESTIONE STANDARD CERTIFICABILI QUALITA UNI EN ISO 9001:2015 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AMBIENTALE OHSAS 18001:2007 UNI EN ISO 14001:2004 In fase di approvazione la nuova 14001 (ottobre 2015)

Dettagli

Proposta di modifiche al PSR conseguenti all Health Check e all European Recovery Plan

Proposta di modifiche al PSR conseguenti all Health Check e all European Recovery Plan Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Proposta di modifiche al PSR conseguenti all Health Check e all European Recovery Plan Informativa dell Autorità Ambientale regionale alle autorità con competenze

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1 Roma, 15 novembre 99 Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi Div. II Agli UU.PPI.CA LORO SEDI Prot. n. 530971 All.: n. 1 E, p.c. UNIONCAMERE P.zza Sallustio, 21 00187 R O M A

Dettagli

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli