Corso One Day 2011 di Dermatologia Plastica ISPLAD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso One Day 2011 di Dermatologia Plastica ISPLAD"

Transcript

1 Corso UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO MILANO 26 Novembre 2011 Hotel NHow Via Tortona, Milano PROGRAMMA SCIENTIFICO Aggiornato al 7 novembre 2011

2 INFORMAZIONI GENERALI PROGRAMMA SCIENTIFICO Ore 8.00 Ore 8.45 Registrazione dei partecipanti Inizio dei lavori e saluto delle Autorità e dei Presidenti Presidenti del Corso: Dr.ssa L. Brambilla, Prof. P. Pigatto Presidente Fondatore : Prof. A. Di Pietro Presidente : Dr. A. Romani Segreteria Scientifica: Dr.ssa L. Brambilla Segreteria Organizzativa - International-Italian Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology Via Plinio, Milano Tel Fax Sede del Corso Hotel NHow Via Tortona, Milano Legenda HOSPITALITY DESK E REGISTRAZIONE: Foyer Sala Plenaria piano terra del Centro Congressi SALA PLENARIA: Sala Madrid - piano terra del Centro Congressi SALA ESPOSITIVA: Area Congressuale New York - primo piano del Centro Congressi Servizi di Ristorazione dalle ore alle ore coffee break presso la Sala Espositiva dalle ore alle ore lunch a buffet presso la Sala Espositiva Eventi Sociali Al termine dei lavori Cocktail di Arrivederci nell Area Lounge Crediti Formativi (E.C.M) Il Corso è stato regolarmente accreditato presso la Commissione Nazionale per l Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) del Ministero della Salute per un numero massimo di 150 partecipanti. 2 Riferimento Crediti Evento n Crediti preassegnati: n 5,3 (cinque/3). Al fine dell erogazione dei crediti è necessario seguire il 100% dell attività formativa. Discipline di riferimento che avranno diritto ai Crediti E.C.M.: e venereologia Chirurgia e Ricostruttiva Chirurgia Generale Le presenze effettive del corso saranno verificate mediante firma di presenza in entrata e uscita della giornata. È fondamentale riconsegnare all Hospitality Desk i questionari debitamente compilati e firmati, al termine del Corso. I questionari e le schede di valutazione E.C.M. sono disponibili all Hospitality Desk. Moderatori e Relatori Indipendentemente dai crediti attribuiti al Corso, i moderatori e i relatori hanno diritto, previa richiesta alla segreteria, a 2 crediti formativi per ogni ora di moderazione e/o di docenza. I moderatori e i relatori non possono conseguire i crediti formativi in qualità di discenti durante gli eventi ove effettuano attività di docenza. Attestati E.C.M. Gli attestati E.C.M. saranno inviati successivamente al termine del Corso, dopo il completamento delle procedure ministeriali previste. Attestato di partecipazione L attestato di partecipazione sarà rilasciato al termine dei lavori congressuali, presso l Hospitality Desk, a tutti i partecipanti regolarmente iscritti che ne faranno richiesta. SESSIONE 1 Mani e piedi Moderatori: Prof. Dr. F. Bruno, Dr.ssa S. Ferrucci, Dr.ssa E. Schmitt Ore 9.00 Eczema delle mani e dei piedi Prof. P. Pigatto Senza dubbio, l eczema delle mani e dei piedi sono condizioni dermatologiche molto comuni che spesso hanno un elevato impatto sui singoli pazienti e sulla società. L eczema è la più frequente dermatosi che interessa le mani. Clinicamente, è caratterizzata da segni di eritema, vescicole, papule, croste,ragadi, ipercheratosi, e sintomi quali prurito e dolore I sintomi non sono uniformi e variano a causa della eziologia, la gravità e la morfologia. Anche se esistono diverse opzioni di trattamento, la gestione dei pazienti con dermatite cronica delle mani è spesso insoddisfacente. In questa presentazione verranno riviste l'epidemiologia, la classificazione clinica della dermatite cronica delle mani e le procedure diagnostiche così come per quelle dei piedi che numericamente sono sicuramente meno frequenti. Ore 9.30 Psoriasi, non solo palmo-plantare Dr. A. Cattaneo Malattia infiammatoria a carattere cronico-recidivante, su base genetica, condizionata dal sistema immunitario, caratterizzata da un aumentata proliferazione epidermica che nella forma volgare in chiazze (modalità espressiva più frequente), porta alla formazione di chiazze eritematose tondeggianti od ovalari, a margini netti, ricoperta di squame argentee, lamellari, compatte, poco aderenti e facili a sfaldarsi. Sedi più frequenti: capillizio, gomiti, ginocchia regione lombo-sacrale Forma più comune: volgare a chiazze (80%) Prevalenza: 2,6% (Italia 2,7%) Forme severe: 10% Età di insorgenza: anni e anni Sesso: 1:1 (più precoce nel sesso femminile) Decorso: Cronico-recidivante La psoriasi può interessare le mani in modo molto variabile, sia dal punto di vista della gravità che dalla espressività clinica. Le manifestazioni più frequenti sono: Volgare Pustolosa Acrodermatite continua di Hallopeau Onicopatia psoriasica (con particolare rilievo del rapporto tra onicopatia psoriasica e artrite psorisica) Nella maggior parte dei casi le terapie topiche classiche (derivati vitd e cortisonici topici) sono in grado di controllare le manifestazioni cliniche. Nei casi più gravi, in virtù anche dell impatto sulla qualità della vita che una patologia di questo tipo può comportare, sono necessarie terapie sistemiche. Tra le terapie tradizionali il farmaco di prima scelta, in particolare nelle forme pustolose, è l acitretina ma anche gli altri farmaci (ciclosporina, methotrexate) risultano efficaci. Nel caso di mancata risposta ai farmaci tradizionali o in caso di controindicazioni cliniche alle precedenti terapie i farmaci antitnf-α possono essere una valida opzione terapeutica. 3

3 Programma Scientifico HPV, e, possibilmente, con le sue varianti cancerogene, che possono portare a degenerazione neoplastica, specie in condizioni predisponenti come nell immunosoppressione iatrogena o in rimaneggiamenti continui tipici di malattie genetiche come le cheratodermie palmo-plantari. Le lesioni melanocitarie presentano poi una morfa del tutto peculiare a livello palmo-plantare, in particolare alla dermatoscopia, per cui è importante conoscerne le varianti benigne e maligne. Non da ultimo le mani e piedi sono sedi preferenziali di tumori che trovano qui la loro sede d elezione in quanto a livello delle estremità sono presenti le strutture anatomiche da cui tali tumori prendono origine: il poroma eccrino dalle ghiandole sudoripare palmo-plantari, il glomangioma dai vasi caratteristici dei capillari digitali, la patologia tumorale ungueale e periungueale, esclusiva delle estremità. Ore Ore Coffee Break nell Area Espositiva SESSIONE 2 Diagnostica Moderatori: Dr. V. Boneschi, Dr. M. Ghislanzoni, Prof. R. Gianotti Ore Cheratodermie palmo-plantari e genodermatosi Dr.ssa L. Pezzani Ore Dermatoscopia palmo-plantare ed ungueale Dr. S. Cavicchini Le Cheratodermie Palmoplantari (KPP) sono un gruppo vasto ed eterogeneo di genodermatosi, accomunate solo dal criterio topografico di classificazione. Sarà proposto un criterio classificativo basato sulle caratteristiche cliniche (Kpp isolate, Kpp sindromiche e ciascuna divisa tra Kpp a solo coinvolgimento palmoplantare o con associati segni cutanei in altri distretti corporei). Inoltre saranno fornite le caratteristiche epidemiologiche di ciascuna Kpp e i criteri diagnostici (istologia, istochimica, ultrastruttura) e di biologia molecolare. A questo proposito sarà proposta una classificazione integrata che comprenda anche la patogenesi con cenni di genetica funzionale e di correlazioni genotipo-fenotipo. Ore Lo spazio interdigitale: un luogo molto frequentato Dr. V. Boneschi Negli spazi interdigitali (SID) dei piedi prevale un microclima caldo-umido facilitato dall occlusione di calze e scarpe. Sono abbondanti le ghiandole eccrine ma scarse o assenti quelle sebacee. Lo spessore notevole dello strato corneo contribuisce inoltre all abbondante macerazione. Il PH che viene a determinare è alcalino. L associazione quindi umidità, temperatura e PH favoriscono la proliferazione di flore microbiche. A questo contribuisce anche il basso livello dei lipidi di superficie che hanno normalmente capacità inibitoria sulla crescita di microrganismi commensali o patogeni. Vengono a mancare quei batteri liofili e lipolitici che danno origine a acidi grassi i quali, in associazione con acidi organici presenti nelle secrezioni eccrine e sebacee con l alta concentrazione salina presente nel sudore, tengono sotto controllo la proliferazione batterica e l attecchimento di ceppi patogeni. La flora residente più frequentemente isolata dai SID è composta da stafilococchi, streptococchi e difteroidi. In presenza di intertrigine si assiste ad un cambiamento compaiono lo stafilococco aureo, lo streptococco fecale e i batteri Gram negativi; in questi ultimi prevalgono nelle lesioni maggiormente infiammatorie. Le stesse condizioni predisponenti la proliferazione di patogeni opportunisti appaiono come causa di più facile attecchimento di infezioni micotiche, sia di dermatofiti interumani che lieviti come la Candida. I dermatofiti maggiormente coinvolti sono il T. Rubrum, il T. Interdigitale e l E. Floccosum. Ore Patologia oncologica della mano e del piede Dr.ssa L. Brambilla A livello delle estremità si possono evidentemente presentare tutte le forme neoplastiche che incidono sulla cute nelle altre zone del corpo. Nondimeno, vi sono alcune caratteristiche peculiari di queste zone che ne rendono interessante una trattazione specifica. In particolare, il dorso delle mani è tra le zone più fotoesposte, in cui le cheratosi attiniche e il morbo di Bowen sono più frequenti, le mani e i piedi facilmente vengono a contatto con il virus Le lesioni pigmentate benigne in sede acrale non sono sempre facilmente differenziabili dal melanoma con il solo esame clinico e per tale motivo è regola approvata la exeresi di ogni lesione melanocitaria più ampia di 7 mm. Nella pratica clinica d altra parte esistono casi con caratteristiche di non univoca interpretazione anche con dimensioni minori o con policromatismo sospetto. In letteratura è ormai ampiamente dimostrata l utilità della dermoscopia nella diagnosi precoce fra nevi e melanomi in sede non volare.pattern specifici dermoscopici acrali, correlati alla particolare struttura anatomica in esame, inizialmente descritti in popolazioni asiatiche e succesivamente anche nei caucasici, ne dimostrano la capacità di migliorare l accuratezza diagnostica delle lesioni pigmentate anche in questa sede permettendo inoltre una previsione del livello di invasività a seconda delle strutture osservate. Più discusso è attualmente il ruolo della dermoscopia nella analisi delle pigmentazioni ungueali. Il maggior limite in questa sede è legato al fatto che l analisi dermoscopica esamina solo il prodotto finale dei melanociciti e degli onicociti senza osservare direttamente le cellule stesse. Solo la dermoscopia intraoperatoria permette la visione diretta della matrice e del letto ungueale ma, oltre ad essere un esame invasivo, ha una scarsa riproducibilità e viene considerata utile solo per definire i confini operatori. Nondimeno la dermoscopia della lamina ungueale presenta vantaggi nel definire la sospetta natura delle bande pigmentate e la loro localizzazione nella matrice, fornendo un ausilio nella definizione prechirurgica della sede di biopsia e integrando gli algoritmi diagnostici clinico anamnestici specifici per la sede. Ore L istopatologo nella patologia delle estremità Dr. G. Ferranti La sede del prelievo bioptico assume costantemente per l istopatologo una importanza molto significativa per una corretta diagnostica. Per tale motivo questa informazione, fornita dal clinico, non deve mai essere omessa. Volendo sistematizzare gli elementi salienti dell argomento in questione, si può tentare una semplice classificazione delle patologie acroposte. Sostanzialmente potremmo individuare due grandi categorie: le patologie infiammatorie e quelle neoplastiche. Esistono infatti alcune dermatiti che hanno la loro elezione a livello di tali sedi e che svolgono il loro ruolo nosologico in quanto specificatamente acroposte e non possono ( es. ipercheratosi palmoplantare ), per definizione, riscontrarsi in altre aree. A queste entità propriamente sede-dipendenti, si associano numerose patologie che più frequentemente si osservano a livello delle estremità ( es. vasculiti o porpore ), ma non possono essere considerate specifiche o esclusive. Per quanto riguarda la patologia oncologica si può ripetere lo schema sopra-esposto. Alcuni tumori (carcinoma verrucoso di Gottron ) non possono prescindere da aree elettive di insorgenza, mentre altre condizioni insorgono prevalentemente in sedi acroposte ( nevo di Spitz ), ma ovviamente non possono essere considerate elemento unico di giudizio. La relazione vuole sviluppare questo algoritmo diagnostico cercando di correlare costantemente la clinica all istopatologia. Ore

4 Programma Scientifico di vita (palestre, piscine). Le muffe non dermatofitiche si riscontrano nell 1,5-6% delle onicomicosi e più frequentemente negli anziani a livello degli alluci che spesso presentano già alterazioni ungueali. Talvolta, possono essere associate ai dermatofiti. Le specie che vengono isolate più frequentemente sono: Scopulariopsis brevicaulis Fusarium oxysporum e solani Acremonium spp Si trovano nell ambiente prevalentemente come saprofiti del suolo e delle piante. Dal punto di vista clinico possono presentarsi con le stesse caratteristiche di quelle da dermatofiti ma spesso si differenziano per una parassitazione totale della lamina e fenomeni di infiammazione periungueale. Ore Trattamento dell'unghia incarnita Prof.ssa B. M. Piraccini La chirurgia dell unghia include la biopsia ed altre procedure terapeutiche o diagnostiche. Prima di qualsiasi procedura è necessario avere buona conoscenza dell anatomia dell apparato ungueale e della sua fisiologia. Vi sono varie tecniche anestetiche e di medicazione, così come molte procedure bioetiche. Ore Lunch a Buffet nell Area Espositiva SESSIONE 3 Patologia ungueale Dr.ssa M. Bucci, Dr. A. Gorani, Dr.ssa M. Romagnoli Ore Patologia ungueale infiammatoria Dr.ssa M. Starace Le più comuni patologie infiammatorie ungueali sono il lichen planus, la psoriasi e la perionissi. Le prime due patologie sono di tipo cronico-recidivanti e presentano diversi quadri clinici in base alla sede colpita, la localizzazione dell infiammazione, matrice o letto, ed interessamento sistemico. La biopsia cutanea è necessaria per la diagnosi di lichen planus ungueale mentre la psoriasi, nella maggior parte dei casi, si diagnostica clinicamente. Ci sono molti trattamenti sia di natura locale che sistemici e la scelta terapeutica dipende dalle manifestazioni cliniche. La perionissi è un infiammazione dei tessuti periungueali generalmente di natura irritativa; può essere acuta o cronica. Il trattamento richiede una terapia topica con associazione di steroidi e antisettici. Ore Patologia ungueale infettiva Dr. A. Gorani Il termine onicomicosi sta genericamente ad indicare un infezione micotica di una o più strutture dell apparato ungueale. Negli ultimi anni le onicomicosi hanno acquisito un importanza epidemiologica, clinica e socioeconomica sempre più rilevante piochè rappresentano la patologia ungueale più frequente (quasi il 50% di tutte le onicopatie) con una prevalenza del 2-14% nella popolazione generale e molto più alta negli anziani. Secondo i dati del più grande studio europeo sulle patologie del piede, Achilles Project, la prevalenza delle onicomicosi sarebbe ben più alta di quanto stimato in passato, arrivando al 29.6%. La patologia è invece molto rara nei bambini nei quali la prevalenza, secondo i dati di uno studio americano, sarebbe dello 0.44%. Le unghie più colpite sono quelle dei piedi con un rapporto rispetto a quelle delle mani di 1:4 (secondo dati spagnoli) o 1:19 (secondo dati canadesi). Alcune fasce della popolazione risultano particolarmente predisposte alle infezioni fungine delle unghie. In particolare i soggetti affetti da malattie croniche e i trapiantati che si sottopongono costantemente a terapie immunosoppressive (cortisonici, antibiotici, ciclosporina, interferone) e i soggetti HI+. Un elevata prevalenza di onicomicosi si osserva anche nelle persone che presentano distrofie ungueali croniche (alluce valgo, insufficienza circolatoria, traumi, psoriasi, sindrome delle unghie gialle). La frequenza dei fattori di rischio è risultata diversa nei due sessi e nei diversi paesi (Achilles Project). Altri fattori predisponesti, altrettanto importanti, sono quelli ambientali (clima caldo-umido), quelli professionali (calzature pesanti e occlusive) e le abitudini Ore Ha senso parlare di integrazione? La nutriceutica Dr.ssa M. Bucci, Dr.ssa S. Lorenzi La lamina ungueale è costituita per l' 80-90% da cheratine dure ad alto contenuto di ponti disolfuro e per il 10-20% da cheratine molli. La composizione in aminoacidi dell' unghia è più simile a quella del capello che non a quella dello strato corneo. In particolare l'unghia è molto ricca in arginina, treonina, cistina e povera in glicina. Contiene solo un 5% di lipidi e questo rende ragione della sua grande permeabilità all' acqua con una maggiore proporzione di acidi grassi liberi ed una minore proporzione di steroli. Il profilo lipidico dell' unghia è influenzato dagli ormoni sessuali e per questo cambia nelle varie fasi della vita: età pediatrica, età fertile e menopausa. Dopo la menopausa il contenuto lipidico della lamina diminuisce e le unghie divengono tipicamente più fragili, secche e suscettibili a fratture. Questo spiega la diversa incidenza della fragilità ungueale nei due sessi e nelle diverse età a parità di fattori ambientali predisponenti. L'unghia è molto più permeabile all' acqua dello strato corneo e si comporta come una membrana idrofilica. Il contenuto in acqua dell' unghia varia molto rapidamente a causa della grande permeabilità della lamina. La disidratazione è più rapida se le unghie sono lunghe. Quando il contenuto di acqua scende al di sotto del 16% le unghie diventano fragili, quando è superiore al 25% le unghie divengono opache, tenere e flessibili. Nella fragilità idiopatica l idratazione topica e l apporto di olidoelementi e vitamine trova un razionale specifico di trattamento. Ore SESSIONE 4 Funzionalità e distrofie Moderatori: Dr. A. Gorani, Dr.ssa N. Grimoldi, Prof. P. Pigatto Ore La mano: Il punto di vista dell ortopedico Dr. F. Torretta Le lesioni dermatologiche che possono interessare la mano sono molteplici, possono essere dovute a patologie infiammatorie, infettive, a dermatiti, malattie eritemato-papulo-desquamative, a disordini della cheratinizzazione, a patologie autoimmuni o vascolari. La complessità della citoarchitettura della cute è alla base della grande varietà di neoplasie benigne e maligne che possono coinvolgere la mano. I fattori di rischio sono numerosi, fra i principali le radiazioni ultraviolette, gli inquinanti atmosferici, le ustioni, le infiammazioni croniche, gli stati immunodepressivi e alcune patologie congenite. La terapia delle neoformazioni della cute è per lo più chirugica e nel caso interessino la mano, data la necessità di coniugare una escissione radicale alla conservazione della funzione della mano, il trattamento deve essere programmato accuratamente e preceduto da un esame istologico. 6 7

5 Ore Il piede: Il punto di vista dell ortopedico Dr. F. Malerba Programma Scientifico Molte malattie reumatiche infiammatorie croniche e autoimmuni (Artrite reumatoide, Artrite psoriasica, Lupus eritematoso sistemico, Sclerodermia, Dermatomiosite, La sindrome di Sjiogren) iniziano con una localizzazione al piede. Particolare rilievo deve essere dato alla artrite psoriasica che è una malattia reumatica infiammatoria cronica associata alla psoriasi. Viene classificata con le spondiloartriti sieronegative e presenta una vasta eterogeneità del tipo di articolazioni colpite: da una forma con poliartrite periferica, a una forma con prevalente coinvolgimento della colonna vertebrale (spondilite). L eziologia è sconosciuta. Nel 10% dei pazienti l artrite precede la comparsa della psoriasi e frequentemente il piede è sede delle manifestazioni iniziali (entesiti achillee, fasciti plantari), dattilici con tumefazione e rossore esteso all interno segmentato del dito. Radiologicamente fanno sospettare una artrite psoriasica il coinvolgimento delle interfalangee distali, la asimmetria dell artrite, la tendenza all anchilosi, la presenza di erosioni marginali ed osteofiti o di zone di osteolisi con periostite. Il riconoscimento precoce della malattia, particolarmente in quei casi in cui la prima manifestazione è entesitica (fasciti calcaneari, tendinopatie achillee inserzionali) è essenziale per fare intervenire lo specialista competente a prevenire la evolutività delle lesioni articolari. Anche la sclerodermia rappresenta, pur nella sua rarità, un problema in patologia del piede. L ispessimento della cute è specifica della sclerodermia con limitazione del movimento articolare, alterata funzione e comparsa di zone di sovraccarico dolorose. Il loro trattamento prevede ortesi di scarico e autorieducazione del movimento delle articolazioni irrigidite. Una problematica ulteriore è rappresentata dalla difficoltà alla guarigione di ferite chirurgiche e quindi la scelta sia dell intervento che delle zone di incisione è molto importante. SESSIONE 5 Estetica Moderatori: Dr.ssa M. Bellinvia, Dr.ssa L. Brambilla, Prof. A. Di Pietro Ore Invecchiamento e ringiovanimento delle mani Dr.ssa M. Romagnoli Come per gli altri distretti corporei, anche per le mani, l invecchiamento deve essere distinto in cronologico e fotoindotto. Le strutture che subiscono modifiche nel corso dell invecchiamento sono l osso il tessuto sottocutaneo ed la cute. Entrambi i sessi subiscono questo processo caratterizzato da presenza di atrofia cutanea e prominenza della trama vascolare, alterazioni della trama cutanea con aumen to della distanza tra le rughe che però diventano più profonde, alterazioni cromatiche, lentigo solari in particolare ed eventuali patologie come le cheratosi attiniche ed altri tumori cutanei foto indotti. Contribuiscono all aspetto vecchieggiante delle mani ovviamente anche le alterazioni e deformità articolari che però richiedono la terapia di altre discipline. Nel processo di ringiovanimento delle mani la terapia più incisiva è quella che permette di ridurre la visualizzazione dei vasi ridando turgore e pienezza al dorso della mano. E possibile rimediare a questa alterazione con tessuto autologo, attraverso il lipofilling, o in modo più semplice con materiali di riempimento. Tra questi acido ialuronico, acido polilattico e calcioidrossiapatite i materiali più impiegati, ultimamente anche con l uso di microcanule per un trattamento ancor meno invasivo. Le alterazioni melaniche e della trama possono invece giovare dell uso del peeling o di alte tecnologie quali laser QS, frazionale ed IPL. L autrice esporrà le metodiche più utilizzate in base alla sua esperienza personale indicandone benefici e rischi. Ore Rieducazione e ricostruzione ungueale Dr.ssa M. Palmucci Ribadita l importanza fondamentale di una terminologia corretta nella patologia del piede, viene descritta la classificazione delle lamine del piede. L autore esamina le condizioni in cui si necessita dell intervento di rieducazione ungueale, i vantaggi e gli svantaggi della diverse tecniche (ricostruzione ungueale, ortonixie). Spesso i traumi ungueali vengono sottovalutati, la terapia stessa in seguito a onicocriptosi (unghia incarnita) viene lasciata al caso, con conseguenti recidive o alterazioni della lamina. L attività clinica quotidiana mostra sempre più frequentemente casi di dolore alle lamine, specialmente alla prima lamina, problemi di alterata biomeccanica della fase propulsiva in seguito ad assenza della 1 lamina e conseguente dito a babbuccia. Tutto ciò rende ancora più pregnante il ruolo del podologo nel fornire le corrette indicazioni alla possibile rieducazione ungueale. Ore SESSIONE 6 Lezione Magistrale Moderatori: Dr.ssa L. Brambilla, Prof. A. Di Pietro, Prof. P. Pigatto Ore Il punto di vista del podologo Prof. A. Serafin Ore Aggiornamenti in tema di cellulite Dr.ssa A. Sparavigna Frequentemente le alterazioni cutanee quali ipercheratosi semlici o nucleate, le abrasioni o lesioni superficiali sono espressione di alterate funzioni biomeccaniche che si sviluppano durante la deambulazione. Con questo intervento il relatore fornirà le nozioni di base per correlare queste alterazioni cutanee con le più frequenti manifestazioni di patomeccanica. Ore Obiettivo della moderna cosmesi è conferire al cosmetico la giusta dignità scientifica per quanto riguarda la possibilità di intervenire sugli inestetismi, e sotto certi aspetti curare e prevenire, ed al contempo ottenere formule sempre più gradevoli ed ecosostenibili. Un attento monitoraggio delle letteratura scientifica dermatologica consente di individuare le reali novità inerenti le tematiche cosmetiche, tematiche che spesso si collocano al confine, relativamente poco definito, esistente tra la normalità e la patologia. Scopo di questo intervento è di fornire non solo notizie ed informazioni utili su quanto viene attualmente proposto per il trattamento degli inestetismi a livello cosmetico e dermocosmetico ma anche un aggiornamento tale da poter valutare e discriminare l attendibilità delle proposte a venire. La pelle è l organo che letteralmente ci avvolge ed è quindi il primo organo a stabilire, controllare e trasmettere i contatti con il mondo esterno. Inoltre, essa è ritenuta responsabile della protezione dell organismo dall impatto con il mondo circostante (insulti fisici, chimici, biologici) ed è ben nota la sua importanza nel mantenimento dell omeostasi termica ed osmotica. Questi concetti convenzionali sono de- 8 9

6 stinati a subire un ulteriore ampliamento, date le sempre maggiori evidenze sperimentali che sottolineano il ruolo della cute quale esteso ed altamente attivo organo di produzione. La cute è in grado di sintetizzare, trasformare e/o metabolizzare una serie impressionante di composti chimici quali, ad esempio, proteine strutturali, glucidi, lipidi e molecole messaggere. Inoltre, è sempre più evidenziato che la cute rappresenta non solo una parte integrante dei sistemi immunitario, nervoso ed endocrino, ma anche quanto essa sia in grado di stabilire, al suo interno, una serie di interconnessioni tra questi sistemi. Tutte queste funzioni emergenti attribuite alla cute servono non solo a superare il concetto di organo di barriera e sensoriale ma sono destinate a rivoluzionare la dermatologia, offrendo la chiave di risoluzione di molti dei dilemmi con i quali la dermatologia ancora si confronta e potranno suggerire, in un futuro molto prossimo, nuove, attraenti, strategie di intervento terapeutico. SESSIONE 7 Ore Questionario E.C.M. Consegna Questionario E.C.M. Dr.ssa L. Brambilla, Prof. A. Di Pietro Al termine dei lavori Cocktail di Arrivederci nell Area Lounge Programma Scientifico Si ringraziano per il contributo scientifico: Dr.ssa Monica Bellinvia Dr. Vinicio Boneschi Dr.ssa Lucia Brambilla Prof. Francesco Bruno Dr.ssa Maria Bucci Dr. Angelo Cattaneo Dr. Stefano Cavicchini Prof. Antonino Di Pietro Dr. Giulio Ferranti Dr.ssa Silvia Ferrucci Dr. Massimo Ghislanzoni Dr. Raffaele Gianotti Dr. Alberto Gorani Dr.ssa Nadia Grimoldi Dr.ssa Sandra Lorenzi Dr. Francesco Malerba Dr.ssa Maria Palmucci Dr.ssa Lidia Pezzani Prof. Paolo Pigatto Prof.ssa Bianca Maria Piraccini Dr.ssa Marina Romagnoli Dr. Andrea Romani Dr.ssa Erika Schmitt Prof. Antonio Serafin Dr.ssa Adele Sparavigna Dr.ssa Michela Starace Dr. Ferruccio Torretta Dr.ssa Athanasia Tourlaki Prof. Stefano Veraldi 10 11

7 Si ringraziano per aver contribuito alla realizzazione dell evento scientifico: NOTE Ales Group Almirall Avantgarde Beiersdorf Bioderma Bracco Difa Cooper General Topics Inverni della Beffa Istituto Ganassini Johnson&Johnson Keratrade Laboratoires SVR L'Oreal - Divisione La Roche Posay L'Oreal - Divisione Vichy Palomar - Tecnolux Pharcos Rottapharm Savoma Medicinali Sifarma Sisley Cosmetici Società Italo Britannica L. Manetti - H. Roberts e C. per Azioni Sweden & Martina WRC Un particolare ringraziamento a Donatella Baruzzi in qualità di Organizzatrice della mostra L iconografia della mano e del piede nell arte. Si ringraziano gli artisti Mario Alvar-ez, Clara Bartolini, Donatella Baruzzi, Giuliana Bellini, Giulio Calegari, Elisabetta Casamassima, Athos Collura, Loriana Castano, Ruggero Maggi, Pierantonio Manca, Ornella Piluso, Tiziana Priori, Micaela Tornaghi, Susanna Vallebona, Monica Wolf per aver realizzato L'Area Arte" durante l'evento scientifico. 12

8 NOTE

9 Corso SEGRETERIA ORGANIZZATIVA International-Italian Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology Via Plinio, Milano Tel Fax

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una

Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una cittadina ricca di storia da scoprire, ma perché la struttura

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche ANMAR ONLUS Conoscere le malattie reumatiche ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Conoscere le malattie reumatiche A cura di: ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Realizzato

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE CHE COSA E UN NEVO? Il Nevo, parola latina che significa voglia o mola, è un termine generico che indica una lesione congenita della cute. Mola è il termine

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

64 CONGRESSO NAZIONALE SICPRE

64 CONGRESSO NAZIONALE SICPRE 64 CONGRESSO NAZIONALE SICPRE Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica MILANO (16) 17-19 Settembre 2015 PROSPETTO SPONSOR INFORMAZIONI GENERALI: Presidente: Prof. Riccardo Mazzola,

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli