RELAZIONE DESCRITTIVA CONSISTENZA dell INFRASTRUTTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DESCRITTIVA CONSISTENZA dell INFRASTRUTTURA"

Transcript

1 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura CONSORZIO SERVIZI VALLE CAMONICA Daro Boario Terme (BS) Via Mario Rigamonti, 65 Tel Fax Codice Fiscale Partita IVA Capitale Sociale ,55 C.C.I.A.A REA n GESTIONE E VALORIZZAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONI DEL CONSORZIO DEI COMUNI BIM DI VALLE CAMONICA ASSEGNATA AL CONSORZIO SERVIZI VALLE CAMONICA IN GESTIONE, ESTENSIONE, UTILIZZO, MANUTENZIONE, SVILUPPO E POTENZIAMENTO ALLEGATO I RELAZIONE DESCRITTIVA CONSISTENZA dell INFRASTRUTTURA Pagina 1 di 14

2 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura 1 CONSISTENZA DELLA RETE. Struttura della rete A seguito di una serie articolata di investimenti atti negli ultimi anni, sul territorio della Valle Canonica è stata presente una rete per telecomunicazioni a banda larga mista (Fibra Ottica Ponti Radio distribuzione wireless) in grado di portare servizio di connettività alle sedi municipali ed agli enti istituzionali e successivamente ai cittadini ed LLE imprese della Valle. La Rete è attivata dagli apparati elettronici che provvedono alla trasmissione e commutazione del segnale (Router e Ponte Radio) posti ai nodi della Rete. Le consistenze di tale rete risultano essere: Dorsale in Fibra Ottica: Iseo Edolo Cavo da 24 Fibre Ottiche (12 coppie), tagliate, intestate e connettorizzate in appositi armadi situati all interno delle stazioni erroviarie del percorso, di cui: 16 F.O. (8 coppie) escono dalla stazione sugli Sbracci laterali verso le municipalità 8 F.O. (4 coppie) transitano direttamente dalla stazione erroviaria di Iseo a quella di Edolo; Percorso di posa lungo il tracciato erroviario Iseo Edolo (Km 80 circa) in apposita canaletta sul sedime erroviari; Tipologia di Fibra Ottica installata nel cavidotto erroviario Monomodale SMR, conorme alle speciiche ITU T G652; Un unico cavo di 48 ibre ottiche (24 coppie) sono così impiegate: dalla n.1 alla n. 24, sono invece di proprietà di NordCOM, main contractor dell opera realizzata, che vengono utilizzate esclusivamente ad uso interno alla concessione trasporti delle Ferrovie Nord, come esplicitato nel contratto di ornitura depositato presso gli uici del Consorzio BIM; dalla n. 25 alla n. 48, appartenenti al Consorzio B.I.M., anno parte di un unico cavo da 48 ibre ottiche posato lungo la dorsale; Possibile Estensione lungo la Dorsale in Fibra Ottica: Iseo Brescia (FNM_NordCOM) E esistente un cavo in Fibra Ottica con 24 ibre (spente) di proprietà FNM_NordCOM tra la stazioni erroviaria di Iseo e quella di Brescia (lato ovest) Lunghezza della tratta = metri. Le 24 Fibre sono connettorizzate in tutte le stazioni FNM da Iseo a Brescia:questo rende più acile l accesso agli operatori locali; A Iseo il cavo parte dallo stesso locale dove arrivano e sono intestate in un apposito armadio le 24 Fibre di proprietà BIM, rendendo così immediata l interconnessione. A Brescia il cavo arriva alla stazione ovest nel locale di ronte al punto dove terminano i binari per la Valle Camonica. Le caratteristiche elettriche/meccaniche del cavo in Fibra ottica sono conormi rispettivamente alle Norme IEC/ITU-T che la rende compatibile con quella del BIM tra Iseo ed Edolo. Il Consorzio BIM prima ed ora Consorzio servizi valle Camonica ha in essere una trattativa con NordCOM per l utilizzo di più d una coppia in questa tratta. Pagina 2 di 14

3 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura Sbracci in F.O. dalla Dorsale ai Comuni : 28 stacchi/svincoli in Fibra Ottica (sbracci) collegano la Dorsale alle sedi comunali / istituzionali comprese nel perimetro della errovia per una distanza massima dalla dorsale di 2km; 16 ibre ottiche (8 coppie) costituiscono ogni sbraccio è costituito da che arrivano alle sedi municipali dove sono intestate in appositi armadi; Tipologia di Fibra Ottica: Monomodale SMR, conorme alle speciiche ITU T G652 Cavidotto lungo gli Sbracci in Fibra Tutto il percorso in Fibra Ottica degli Sbracci è costituito dal cavo della ibra ottica, anche di un Cavidotto consistente in tre tubi in PVC da 40mm di diametro (tritubo) di cui solo di questi è utilizzato per contenere il cavo in ibra ottica; gli altri due sono liberi, a meno del tratto utilizzato da Telecomitalia ogni 150 metri ca. lungo il percorso degli Sbracci il cavidotto è reso accessibile da appositi chiusini/tombini. Sbracci in Ponte Radio dalla Dorsale ai Comuni: 19 connessioni tramite Ponte Radio staccano dalla Dorsale in ibra ottica per le sedi comunali non raggiunte dalla ibra (ovvero con distanza superiore a 2 km dalla errovia); Tecnologia ad emissione radio tipo hiperlan a 5.4 GHz. Rilancio del segnale Radio su alcune direttrici realizzato tramite n 10 ripetitori di proprietà di TowerTel, utilizzati in concessione d uso, con apposito contratto contratto che include anche l utilizzo delle acilities quale tralicci, alimentazione, UPS ecc e la relativa manutenzione. Distribuzione banda larga all interno dei territori comunali: Realizzazione della copertura con onde radio hiperlan per utenti residenziali di 20 comuni mediante 20 ombrelli wireless; Tecnologia hiperlan a 5.4 GHz, compatibile con il progetto della Provincia di Brescia per l integrazione con la banda larga distribuita sul territorio dei restanti Comuni, realizzati nell ambito di un inanziamento provinciale; Ripetitori per Ponti radio: Per quanto riguarda i siti di rilancio per Ponti Radio di tutti i progetti sopra menzionati, è in essere un contratto con il ornitore Towertel per l uso di 10 Ripetitori con scadenza issata per 08/08/2012 Il canone annuo è di ,00 + IVA pe0 Ripetitori, inclusa manutenzione, accesso e uso dell energia elettrica Pagina 3 di 14

4 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura Documentazione d impianto Una descrizione più dettagliata della Inrastruttura di Telecomunicazione può essere richiesta presso il Consorzio Servizi di valle Camonica, disponendo dei seguenti documenti: Planimetria generale di rete Cartograia d impianto per settore (Alta Valle Camonica, Bassa Valle Camonica) e per singolo Comune Manuale degli apparati elettronici Documentazione di collaudo delle inrastrutture Caratteristica del cavo e della F.O. Schema topograico della rete. Elenco dei comuni serviti dall inrastruttura, suddivisi tra quelli collegati con sbracci in ibra e quelli collegati in ponte radio Equipaggiamenti elettronici di cui sono dotate le singole sedi, divisi per Switch Alta Valle Switch Bassa Valle Ponti Radio & UPS Alta Valle Ponti Radio & UPS Bassa Valle Ponti Radio all interno dei Comuni Il tutto con rierimento alla data del collaudo delle inrastrutture medesime. E tutt ora in corso la valutazione dello stato di consistenza della inrastruttura esistente i cui esiti possono essere resi disponibili, per quanto parziali, presso la sede della Stazione appaltante previa richiesta. Planimetria generale Pagina 4 di 14

5 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura Collegamenti in Fibra e in Ponte Radio D O R S A L E & S B R A C C I COPERTURA HIPERLAN COMUNE SEDE TIPO DI COLLEGAMENTO ROUTER N ANTENNE COLLEGATA FIBRA RADIO HP Procurve Omnidir. Settor. Angolo Terme Municipio X 2650PWR 2 0 Artogne Municipio X 2626 Berzo Demo Municipio X 2650PWR 1 2 Berzo Ineriore Municipio X 2650PWR Bienno Municipio X 2626 Borno Municipio X 2650PWR 5 2 Braone Municipio X 2626 Breno Municipio X 2650PWR Sede BIM X 5308XL Sede CM X Sede ASL X Capo di Ponte Municipio X 2650 Cedegolo Municipio X 5308XL Cerveno Municipio X 2626 Ceto Municipio X 2650PWR Cevo Municipio X 2650PWR 2 0 Cimbergo Municipio X 2650PWR 2 0 Cividate Camuno Municipio X 2626 Corteno Golgi Municipio X 2650PWR 1 3 Daro Boario Terme Municipio X 2650PWR Edolo Municipio X 5308XL 1 2 Ospedale X Esine Municipio X 2626 Ospedale X Gianico Municipio X 2650 Incudine Municipio X 2650PWR 1 2 Iseo Municipio X 2650 Losine Municipio X 2650PWR Lozio Municipio X 2650PWR 1 3 Malegno Municipio X 2626 Malonno Municipio X 2626 Marone Municipio X 2626 Monno Municipio X 2650PWR 1 2 Niardo Municipio X 2626 Ono San Pietro Municipio X 2650PWR 2 0 Ossimo Municipio X 2650PWR 2 2 Paisco Loveno Municipio X 2650PWR 1 2 Paspardo Municipio X 2650PWR 2 0 Pian Camuno Municipio X 2626 Piancogno Municipio X 2626 Pisogne Municipio X 2626 Ponte di Legno Municipio X 2650PWR 1 2 Prestine Municipio X 2626PWR 2 0 Sale Marasino Municipio X 2650PWR Saviore dell A. Municipio X 2650PWR 2 7 Sellero Municipio X 2626PWR Sonico Municipio X 2626 Sulzano Municipio X 2626 Temù Municipio X 2650PWR 1 2 Vezza d Oglio Municipio X 2650PWR 1 2 Vione Municipio X 2650PWR 1 2 Zone Municipio X 2650PWR Pagina 5 di 14

6 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura SWITCH Alta Valle colleg. FO colleg. RADIO hp porte 6.6Mpps 9.6Gbps (J4900B) hp 2626 PWR 24 porte 6.6Mpps 9.6Gbps (J8164A) hp porte 10.1Mpps 13.6Gbps (J4899B) hp 2650 PWR 48 porte 10.1Mpps 13.6Gbps (J8165A) hp 5308XL Chassis 8 slot 48Mpps 76.8Gbps (J4819A) modulo 24 porte 10/100Tx (J4820B) modulo 24 porte 10/100Tx PoE (J8161A) 4 empty slot mini GBIC (J4878B) redundant power supply per 5308XL (J8168A) LX-LC mini GBIC (J4859B) r LH-LC mini GBIC (J4860B) Pagina 6 di 14

7 SWITCH Bassa Valle colleg. FO colleg. RADIO hp porte 6.6Mpps 9.6Gbps (J4900B) Allegato I Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura hp 2626 PWR 24 porte 6.6Mpps 9.6Gbps (J8164A) hp porte 10.1Mpps 13.6Gbps (J4899B) hp 2650 PWR 48 porte 10.1Mpps 13.6Gbps (J8165A) hp 5308XL Chassis 8 slot 48Mpps 76.8Gbps (J4819A) modulo 24 porte 10/100Tx (J4820B) modulo 24 porte 10/100Tx PoE (J8161A) 4 empty slot mini GBIC (J4878B) redundant power supply per 5308XL (J8168A) LX-LC mini GBIC (J4859B) Artogne 1 2 Berzo Ineriore 2 Bienno 1 2 Borno Braone 1 2 Breno Capo di Ponte 1 2 Cerveno 1 2 Ceto 2 Cimbergo Cividate 1 2 Daro Boario 2 Esine 1 2 Gianico 1 2 Iseo Losine 2 Lozio comune Malegno 1 2 Marone stazione Marone Municipio r Niardo 1 2 Ono Ossimo Paspardo Piancamuno 1 2 Piancogno 1 2 Pisogne Prestine Sale Marasino 2 Sulzano 1 2 Zone Lozio palo r 14 SIRTEL 12 SIRTEL r Totale Alta Valle LH-LC mini GBIC (J4860B) Pagina 7 di 14

8 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura wireless P2P RN700 collegamento FO collegamento radio wireless P2M RN800 wireless P2M RN900 UPS 1500VA 2 ore UPS 3000VA 2 ore Berzo Demo r 2 1 Cedegolo 1 Cevo 2 1 Corteno 1 Edolo 1 Incudine 1 Malonno Monno 1 Paisco 1 Ponte di Legno 1 Saviore r 8 1 Saviore traliccio r 3 Sellero 1 Sonico Temu 1 Vezza comune r 2 1 Vione SIRTEL r SIRTEL SIRTEL r SIRTEL r SIRTEL r 2 1 Totale Alta Valle PONTI RADIO & UPS Alta Valle Pagina 8 di 14

9 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura PONTI RADIO & UPS Bassa Valle collegament o FO collegament o radio wireless P2P RN700 wireless P2M RN800 wireless P2M RN900 UPS 1500VA 2 ore Angolo Terme 2 1 Artogne Berzo Ineriore 1 Bienno Borno 15 1 Braone Breno Capo di Ponte Cerveno Ceto 1 Cimbergo 2 1 Cividate Daro Boario 1 Esine Gianico Iseo Losine 1 Lozio comune 4 1 Malegno Marone stazione Marone Municipio Niardo Ono r 3 1 Ossimo 4 1 Paspardo 2 1 UPS 3000VA 2 ore Piancamuno Piancogno Pisogne Prestine 2 1 Sale Marasino 1 Sulzano Zone 1 Lozio palo SIRTEL r SIRTEL SIRTEL SIRTEL SIRTEL 1 Totale Bassa Valle Pagina 9 di 14

10 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura ALTA VALLE Comune di Modello Antenne 01 Berzo Demo Alvarion 1 omnidirezionali / 2 settoriali 02 Corteno Golgi Breeze Access 1 omnidirezionali / 3 settoriali 03 Edolo VL 1 omnidirezionali / 2 settoriali 04 Incudine hyperlan 1 omnidirezionali / 3 settoriali 05 Monno Indoor/outdoo omnidirezionali / 2 settoriali 06 Paisco loveno 1 omnidirezionali / 2 settoriali 07 Ponte di Legno 1 omnidirezionali / 2 settoriali 08 Temù 1 omnidirezionali / 2 settoriali 09 Vezza d Oglio 1 omnidirezionali / 2 settoriali 10 Vione 1 omnidirezionali / 2 settoriali Totali 10 omnidirezionali 21 settoriali Ponti Radio Wireless Access all interno dei Comuni BASSA VALLE Comune di Modello Antenne 01 Angolo - Municipio RN900 2 omnidirezionali 02 Borno - Municipio RN800 4 Settoriali - Traliccio Sirtel RN800 2 pannellari - Fraz. Cirese (palo illuminazione pubblica) RN800 2 pannellari, 1 omnidirezionale - Fraz. Croce di Salven (palo illuminazione pubblica) RN800 2 pannellari, 1 omnidirezionale - Fraz. Croce di Salven 2 (palo illuminazione pubblica) RN800 2 pannellari, 1 omnidirezionale - Parco delle Doline (palo illuminazione pubblica) RN800 2 pannellari 03 Cevo - Municipio RN900 2 omnidirezionali 04 Cimbergo - Municipio RN900 2 mnidirezionali 05 Lozio - Fraz. Laveno - Municipio RN800 1 omnidirezionale, 1 pannellare Lozio - Fraz. Resone (palo realizzato ex-novo) RN800 2 pannellari 06 Ono San Pietro - Municipio RN900 2 omnidirezionali 07 Ossimo Sup. - Municipio RN800 1 omnidirezionale, 1 pannellare Ossimo In. - Palo realizzato ex-novo RN800 1 omnidirezionale, 1 pannellare 08 Paspardo - Municipio RN900 2 omnidirezionali 09 Prestine - Municipio RN900 2 omnidirezionali 10 Saviore dell'adamello - Municipio RN800 1 omnidirezionale, 1 pannellare Saviore - Traliccio Sirtel RN800 2 settoriali Saviore - Fraz. Valle - Sede Comunale Via Trento 9 RN800 2 settoriali, 1 pannellare Saviore - Fraz. Fresine (palo illuminazione pubblica) RN800 1 omnidirezionale, 1 pannellare Totali 20 omnidirezionali 8 settoriali 18 pannellari Pagina 10 di 14

11 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura 2 LINEE GUIDA PER LA CONDIVISIONE DELLA RETE La Rete TLC di Valle Camonica in oggetto è progettata e sviluppata secondo linee guida che rimangono valide e vanno tutelate anche per la Gestione e Valorizzazione della inrastruttura medesima, oggi in capo al Consorzio Servizi Valle Camonica a seguito di stipula di convenzione n. 734 del 10 gen 2012 con scadenza 31 dic 2026 in base alle Delibere n. 210/10 e n. 210/11 del 29/10/2001 il Consorzio Comuni BIM di Valle Camonica è stato individuato dai singoli Comuni consorziati come Ente guida per la realizzazione di una inrastruttura a banda larga principalmente in Fibra Ottica all interno del proprio territorio per promuoverne lo sviluppo tecnologico sia per il Pubblico che per il Privato. parte di questa inrastruttura del Consorzio BIM è utilizzata per una Intranet che collega tra loro tutte le sedi comunali e sedi istituzionali sul territorio ( BIM, Comunità Montana, Centro Culturale, Biblioteche ASL ecc ) a questi progetti originari, si è aggiunto nel 2005 il progetto Banda Larga della Provincia di Brescia rivolto a tutti i soggetti del territorio (compresi i cittadini e le imprese) dei Comuni rientranti nelle aree Obiettivo 2 e a Sostegno Transitorio; iniziativa che riguarda anche i comuni della Valle Canonica. le Amministrazioni Comunali della Valle coordinate dal BIM e Comunità Montana hanno messo a disposizione della Provincia (che ha suo tempo ha aidato tramite gara pubblica alla società Linkem) quella parte della inrastruttura del BIM che serve per la distribuzione della connettività sul territorio camuno, in cambio della gestione e manutenzione dell intera inrastruttura del BIM per la durata del contratto tra Provincia e Linkem (sei anni). alla scadenza del contratto tra la Provincia e Linkem previsto per ottobre 2013 cessano gli obblighi reciproci di cui al punto precedente. esiste un Protocollo d Intesa, tra il consorzio Comuni BIM e ASL di ValleCamonica, approvato dal CDA con delibera n 012/10 del 23/02/2000, per la realizzazione di una rete integrata della Vallecamonica, nel rattempo Consorzio BIM ha adattato la sua inrastruttura in Fibra Ottica (DORSALE + FRISL ) per collegare tra di loro in Fibra Ottica l ospedale di Edolo, quello di Esine e la sede amministrativa ASL di Breno, con l obbiettivo di permettere alcune applicazioni di Telemedicina tra gli ospedali della Valle ed (in uturo) verso l ospedale civile di Brescia L utilizzo da parte della ASL di una parte di inrastruttura del BIM è regolata da varie Determine emanate nel tempo con le relative condizioni concordate e/o da concordare; In base a D.L.n.112 del 25 giugno 2008,Telecom Italia ha chiesto l utilizzo di uno dei tre tubi (cavidotto) da 40mm in PVC posati nel territorio dei comuni di Bienno, Berzo Ineriore ed Esine come parte del progetto FRISL, per contenere un cavo in Fibra Ottica di proprietà di Telecom Italia. Esiste una Scrittura Privata tra Telecom Italia ed il Consorzio BIM,(a cui è data delega da parte dei Comuni interessati) che regola i termini della condivisione e manutenzione del cavidotto in questione. Con atto convenzionale n 734 del 10 gennaio 2012 il Consorzio BIM di Valle Camonica stipula con Consorzio Servizi Valle Camonica rapporto per LA GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DELLE STESSE, IL LORO SVILUPPO E POTENZIAMENTO AL FINE DELLA CREAZIONE DI SERVIZI DI TLC, ANCHE INTEGRATI, PER SOSTENERE ED INCREMENTARE IL LIVELLO DI COMPETITIVITÀ DEL TERRITORIO con scadenza 31 dic 2026 Pagina 11 di 14

12 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura 3 ATTUALI UTILIZZATORI DELLA RETE 3.1 Utilizzo delle Fibre Ottiche L utilizzo delle Fibre Ottiche è attualmente il seguente: 4 Fibre Ottiche N 1, 2, 3 e 4 della dorsale e degli sbracci collegano: o 28 sedi municipali o la sede del Consorzio BIM o la sede della Comunità Montana di Valle Camonica o la sede della Comunità Montana del Sebino Bresciano. Esse sono accese e utilizzate tramite gli apparati HP ProCurve, distribuiti come da tabella sopra, per l erogazione del servizio di connettività. Su tali ibre è oggi attivo il servizio di connettività e distribuzione della banda larga territorio, ad uso della Pubblica Amministrazione Locale sul territorio, attraverso la Intranet del BIM. Al momento le due coppie utilizzate per l erogazione del servizio di connettività a banda larga della Provincia di Brescia e per la VPN del BIM sono condivise in orma indierenziata con l obiettivo di ottimizzare l uso degli apparati attivi già presenti. Qualora il traico andasse in crisi per mancanza di banda, necessiti attivare un partizionamento della banda in modo virtuale mediante strumenti di monitoraggio e/o con proporzionalità opportuna, oppure provvedendo a suddivisione isica delle due reti su ibre separate 2 Fibre Ottiche N 37, 38 (dorsale) N 11, 12 (sbracci) collegano tra loro gli ospedali di Edolo ed Esine e questi alla sede dell ASL in Breno per chiudere ad anello le tre sedi menzionate in una rete locale. Gli apparati di accensione installati nelle tre sedi (SWITCH Telsey mod e GBIC) appartengono all ASL di Valle Camonica Sebino 2 Fibre Ottiche N 39, 40 (dorsale) N 13, 14 (sbracci) sono libere in previsione dell utilizzo da parte dei Comuni soci del Consorzio per le loro applicazioni locale (Telesorveglianza, M.A.N. di Unione di Comuni ec ) Al momento sono utilizzate per collegare tra loro gli ospedali di Edolo ed Esine e questi alla sede dell ASL in Breno con un anello ottico 3.2 Utilizzo del cavidotto Tutto il percorso in Fibra Ottica sia della Dorsale che degli Sbracci si compone, oltre che del cavo vero e proprio contenete la ibra ottica, anche di un Cavidotto costituito da tre tubi in PVC da 40mm di diametro; allo stato risulta uno solo di questi tre tubi utilizzato per contenere il cavo in ibra ottica; gli altri due sono liberi, salvo utilizzi speciici (cr. Telecom Italia) Telecom Italia sta usando uno dei tre tubi (cavidotto) da 40mm in PVC posati nel territorio dei comuni di Bienno, Berzo Ineriore ed Esine per un percorso complessivo circa 4,0 km. 3.3 Utilizzo dei Ponti Radio e Ripetitori Tutti i collegamenti in Ponte Radio Hyperlan sopra elencati, compresi i ripetitori di rilancio del segnale all interno di 20 Comuni, sono attualmente utilizzati per la Intranet del Consorzio BIM e per la distribuzione della Banda Larga del progetto della Provincia di Bs. Pagina 12 di 14

13 PROGETTO CONTRATTORE Allegato I Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura 4 CONTRATTI di MANUTENZIONE IN ESSERE INFRASTRUTTURA DEL BIM IN GESTIONE AL CONSORZIO SERVIZI VALE CAMONICA DATA COMPLETAMENTO GARANZIA / MANUTENZIONE SCADENZA CONTRATTO OPERA MANUTENZIONE GARANZIA E MANUTENZIONE INCLUSE NEL DORSALE IN FIBRA OTTICA NORDCOM 21/11/ /11/2012 CONTRATTO DI FORNITURA. SBRACCI IN F.O. E RADIO - Alta Valle CEIT IMPIANTI 31/12/2006 SBRACCI IN F.O. E RADIO - Bassa Valle CEIT IMPIANTI 31/12/2006 NESSUN CONTRATTO DI MANUTENZIONE. GARANZIA SUI MATERIALI / LAVORI COME DA COSTRUTTORE / CONTRATTORE ( 12 / 24 mesi ) GARANZIA E MANUTENZIONE INCLUSE NEL INFRASTRUTTURA DI RILANCIO RADIO SIRTEL 08/O8/2006 CONTRATTO DI FORNITURA - ARTICOLO 2 08/08/2012 Punti ) e g). WIRELESS ACCESS - Alta Valle MEGABEAM 31/12/2006 WIRELESS ACCESS - Bassa Valle CEIT IMPIANTI 31/12/2006 NESSUN CONTRATTO DI MANUTENZIONE. GARANZIA SUI MATERIALI / LAVORI COME DA COSTRUTTORE / CONTRATTORE ( 12 / 24 mesi ) RETE ASL VALLECAMONICA NORDCOM + CEIT 29/10/2007 A cura ASL VALLECAMONICA parte speciica. USO CAVIDOTTO Esine-Berzo-Bienno TELECOM ITALIA 06/2009 DA DEFINIRE COPERTO Pagina 13 di 14

14 Relazione descrittiva consistenza dell inrastruttura 5 CONCESSIONI ANAS IN ESSERE COMUNE CONTRATTORE N. PROT. ANAS DATA CONCESSIONE ANAS OGGETTO DELLA CONCESSIONE CAPO DI PONTE CEIT IMPIANTI O /02/2005 ATTRAVERSAMENTO SOTTERRANEO DI INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONE DELLA SS 42 AL KM CEDEGOLO CEIT IMPIANTI O /02/2005 ATTRAVERSAMENTO SOTTERRANEO DI INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONE DELLA SS 42 AL KM CEDEGOLO CEIT IMPIANTI O /02/2005 FIANCHEGGIAMENTO DI INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONE IN PARTE STAFFATO DEL PONTE SUL FIUME OGLIO DELLA SS 42 DAL KM AL KM NIARDO CEIT IMPIANTI OO236 11/01/2005 ATTRAVERSAMENTO SOTTERRANEO DI INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONE DELLA SS 42 AL KM LOSINE CEIT IMPIANTI OO236 11/01/2005 ATTRAVERSAMENTO SOTTERRANEO DI INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONE DELLA SS 42 AL KM CETO CEIT IMPIANTI OO235 11/01/2005 ATTRAVERSAMENTO SOTTERRANEO DI INFRASTRUTTURA DI TELECOMUNICAZIONE DELLA SS 42 AL KM Pagina 14 di 14

Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta «Silter»

Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta «Silter» Disciplinare di produzione della denominazione di origine protetta «Silter» Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta (DOP) Silter è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle

Dettagli

Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE

Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE La Denominazione di Origine Protetta (DOP) Silter è riservata esclusivamente al formaggio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

MODELLO G.A.P. (Art. 2 legge del 12/10/1982 n. 726 e legge del 30/12/1991 n. 410)

MODELLO G.A.P. (Art. 2 legge del 12/10/1982 n. 726 e legge del 30/12/1991 n. 410) Ufficio Segnalante (*) Nr. Ordine appalto (*) Lotto/Stralcio (*) Anno (*) ENTE APPALTANTE Comune (*) Prov. (*) APPALTO Oggetto (*): Località: ٱ Cottimo fiduciario ٱ Concessione ٱ Asta pubblica ٱ Tipo Gara

Dettagli

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni: NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati. Per questo con NOInet

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

E4A s.r.l. - Soluzioni e Tecnologie Informatiche

E4A s.r.l. - Soluzioni e Tecnologie Informatiche LISTINO FIBRA OTTICA E4A Al fine di rendere accessibili i benefici della connettività in fibra ottica al maggior numero di utenti possibili, e al tempo stesso rendere il servizio tecnicamente realizzabile,

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 19 maggio 2015 Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 62 punti d accesso in tutta la città, una copertura di quasi 1,3 milioni di metri quadrati, con una tecnologia all avanguardia e una potenza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità LAVORI (articoli, e del decreto legislativo n. del 00) Importi in euro: fino a 00.000 da 00.000 a.000.000 da.000.000 di preinformazione

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI

METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI APPENDICE I METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI SOMMARIO METODOLOGIA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITA DEGLI ASPETTI AMBIENTALI...1 SOMMARIO...1 SINTESI...2

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli