CALCIO - LA STORIA DEL CALCIO. Il calcio e la televisione di Marco Brunelli. Enciclopedia dello Sport

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CALCIO - LA STORIA DEL CALCIO. Il calcio e la televisione di Marco Brunelli. Enciclopedia dello Sport"

Transcript

1 CALCIO - LA STORIA DEL CALCIO Enciclopedia dello Sport di Adalberto Bortolotti, Gianni Leali, Mario Valitutti, Angelo Pesciaroli, Fino Fini, Marco Brunelli, Salvatore Lo Presti, Leonardo Vecchiet, Luca Gatteschi, Maria Grazia Rubenni, Franco Ordine, Ruggiero Palombo, Gigi Garanzini Il calcio e la televisione di Marco Brunelli L'affermazione della televisione ha avuto sullo sviluppo del calcio moderno un impatto stupefacente, arrivando a rivoluzionare le basi economiche dell'attività dei club. Fino ai ricchissimi contratti televisivi degli anni Novanta, infatti, l'industria del calcio era ben diversa da oggi, tanto in Italia quanto all'estero. Addirittura, in alcuni periodi, è sembrato che il calcio non fosse in grado di reggere la sfida competitiva con altre attività del tempo libero, che attiravano pubblico e consumi in misura maggiore. Negli anni , i ricavi dalla cessione dei diritti televisivi del Campionato, nel frattempo estesisi anche ai diritti Internet, UMTS e altri nuovi media, sono passati da 190 miliardi di lire a 1880 in Inghilterra, da 108 a 995 in Italia, da 75 a 460 in Spagna, da 180 a 750 in Germania e da 63 a 770 in Francia, e sono diventati di gran lunga la prima voce di entrata dei club. In complesso, nel periodo , le cinque principali Leghe calcistiche europee hanno visto aumentare il valore dei loro diritti televisivi, Internet e UMTS in media del 993%. Il 'valore' televisivo della UEFA Champions League è aumentato in misura enorme, facendo passare le entrate complessive dei club partecipanti da 38 milioni di franchi svizzeri (1993) a 730 (2001). Ancora più impressionante è l'impennata dei diritti televisivi della Coppa del Mondo: la FIFA ha ceduto quelli relativi alle edizioni 2002 e 2006 per 2,8 miliardi di franchi svizzeri, contro i 95 milioni del 1990, i 110 del 1994 e i 135 del Alla base di questi aumenti vi sono la crescita della concorrenza tra emittenti televisive, la comparsa di nuovi mercati e di nuove tecnologie (televisione a pagamento, televisione digitale, banda larga, integrazione tra televisione, Internet e telefoni cellulari), ma soprattutto l'affermazione dello sport, e del calcio in particolare, come un contenuto irrinunciabile per qualsiasi programmazione televisiva. Tutti i dati confermano la natura di killer content del calcio: 28 dei 30 programmi più seguiti di tutti i tempi della TV italiana sono state partite della nazionale o finali di Champions League con squadre italiane; 19 delle 20 trasmissioni sportive complessivamente più viste in Europa nel 2000 sono stati incontri di calcio. La convergenza fra TV, Internet e nuovi media intensificherà ulteriormente il fenomeno: l'uefa ha recentemente stimato in un miliardo di franchi svizzeri le entrate aggiuntive che i club europei potrebbero ricavare nei prossimi dieci anni dalla vendita dei diritti Internet. La disponibilità delle immagini delle partite di calcio viene ritenuta un elemento decisivo per il decollo dei servizi UMTS, come dimostrano i ricchi contratti sottoscritti da Hutchison 3G con una decina di società italiane e con la Premier League inglese, e da Orange con i club francesi. Lo stesso contratto di sponsorizzazione siglato dal Manchester United con Vodafone, il più caro della storia, risponde a questa logica. Paradossalmente, però, l'aumento delle entrate TV, avendo portato con sé quello degli stipendi dei calciatori, ha finito per penalizzare la redditività dei club. I calciatori inglesi sono addirittura arrivati a codificare questo principio, minacciando di non giocare se i loro guadagni non fossero stati legati ai nuovi contratti televisivi della Lega. La TV ha comunque mutato le prospettive delle grandi organizzazioni calcistiche mondiali. Da quando è lievitato il valore dei diritti televisivi, FIFA e UEFA hanno smesso di essere semplici istituzioni che amministrano le competizioni internazionali, per trasformarsi in agenzie di commercializzazione delle stesse, sul modello delle Leghe professionistiche americane o della Premier League inglese. Inoltre, è stato proprio il mezzo televisivo a ideare nuove manifestazioni. È infatti naturale,

2 dal momento che il calcio costituisce un fenomeno così importante per le emittenti, che queste pensino a costruirsi avvenimenti su misura: dal Mundialito clubs proposto dalle reti Fininvest nel 1981 alla Superlega Europea progettata da altri grandi gruppi televisivi e agenzie mediatiche. La TV ha poi ridefinito le gerarchie e, in qualche misura, la geografia del calcio: il bacino di utenza televisivo è diventato la vera misura del valore di mercato di un club, persino al di là dei suoi risultati sportivi. Inevitabilmente, la ripartizione sempre più squilibrata delle maggiori risorse televisive ha accresciuto il divario tra grandi e piccole società. Sul modo stesso di giocare a calcio il mezzo televisivo ha esercitato una notevole influenza: per sfruttare o accontentare la TV si sono cambiati i formati (la Champions League), i calendari (gli anticipi e i posticipi), gli orari (le partite giocate a mezzogiorno durante il Mondiale americano), le regole delle competizioni (i tre punti a vittoria, il golden gol). D'altra parte, la presenza di tante telecamere ha certamente assicurato incontri più regolari e in alcuni paesi, come la Germania e l'inghilterra, la prova televisiva ha addirittura consentito, in alcuni casi, di ripetere gare viziate da errori tecnici. La TV ha modificato anche le abitudini degli spettatori. Le partite trasmesse in televisione sono ormai in maggioranza a pagamento: nella stagione il Campionato è stato trasmesso in chiaro solo in Spagna, Portogallo, Austria e Svizzera, e anche gli incontri della Champions League sono per la maggior parte criptati. Lo spettatore si è abituato, dunque, a tecnologie di ripresa sofisticate, pluralità di punti di osservazione, grafica virtuale, statistiche, replay, moviola, interviste pre- e post-partita, regia personalizzata (TV interattiva), e non è più disposto a rinunciarvi. Il calcio televisivo è diventato un succedaneo di quello allo stadio, al punto che è prevedibile che non sono pochi i tifosi che hanno smesso di seguire le loro squadre in trasferta, come accadeva frequentemente un tempo, potendo vedere meglio la partita in televisione. Secondo alcuni, anzi, il calcio diventerà quasi gratuito allo stadio perché lo si farà pagare soprattutto in televisione. La dimensione del fenomeno è tale che per regolamentare il rapporto fra calcio e televisione sono state necessarie nuove leggi. In molti paesi, è stato tutelato il diritto del pubblico a vedere in TV brevi estratti degli incontri indipendentemente da chi ha acquistato in esclusiva i diritti (diritto di cronaca). Per contrastare la formazione di posizioni anticompetitive sul mercato, sono state disciplinate sia la titolarità dei diritti sia le modalità di negoziazione degli stessi (collettiva o individuale). Una direttiva dell'unione Europea ha imposto ai paesi membri di definire gli eventi di rilevanza generale, la cui visione deve essere accessibile a tutti: partite della nazionale; fasi finali delle maggiori competizioni mondiali; eventi simbolo a livello nazionale come, per es., la finale della Coppa di Inghilterra. Infine, la TV ha cambiato l'organizzazione e la struttura dei club: la figura dell'addetto stampa ha lasciato il posto a quella del responsabile dell'area comunicazione. Nuove figure professionali, specializzate nella vendita dei diritti, sono entrate negli organigrammi. Grandi gruppi televisivi o agenzie specializzate nella commercializzazione dei diritti sono diventati azionisti di riferimento di club in Italia, Inghilterra, Scozia, Francia, Germania, Svezia, Grecia, Svizzera, Brasile. Inevitabilmente, però, anche il calcio ha trasformato la televisione. Dal primo incontro trasmesso in TV (Everton-Arsenal dalla BBC), nel 1936, vi sono stati molti cambiamenti. In particolare in Italia sono legate al calcio alcune tappe fondamentali della storia della televisione: il palinsesto del primo giorno di trasmissioni (3 gennaio 1954), che aveva il suo pezzo forte nella Domenica Sportiva; la diffusione al Sud ( apparecchi venduti in pochi giorni prima di un Napoli-Fiorentina del 1955); l'avvento del colore (in occasione dei Mondiali del 1978); il boom delle emittenti locali; la rottura del monopolio RAI all'inizio degli anni Ottanta; la comparsa della pay-tv e della pay-per-view; la sperimentazione di nuovi linguaggi, tecnologie e modalità di ripresa. Il futuro del calcio in televisione è legato alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie e, in particolare, al grado di complementarità, piuttosto che di sostituibilità, che queste presenteranno rispetto al mezzo

3 televisivo tradizionale. Non c'è alcun dubbio che il calcio continuerà a rappresentare, per tutti gli operatori della comunicazione, un contenuto insostituibile, e dunque preziosissimo, per l'affermazione di qualsiasi nuovo media. L'acquisto, nel giugno 2001, da parte di Hutchison 3G UK dei diritti per la telefonia mobile di terza generazione del Campionato inglese di Premier League, valutati circa 60 milioni di euro per tre stagioni (l'accordo più caro negoziato fino a oggi in Europa), è stato motivato dall'azienda con la possibilità di differenziare nettamente i contenuti del proprio servizio di telefonia cellulare da quelli dei principali concorrenti, offrendo in esclusiva risultati, notizie, resoconti di partite, immagini statiche e in movimento e materiale di archivio di uno dei tornei più importanti del mondo, praticamente in tempo reale. La novità più rilevante, rispetto alla televisione attuale, consisterà nella personalizzazione sempre più marcata dei contenuti, per rispondere alle esigenze di un'audience molto più frammentata di un tempo, e nella ricerca continua dell'interazione con il pubblico. Forme di comunicazione che oggi appaiono residuali o di nicchia acquisteranno una rilevanza precisa, anche in termini di redditività, proprio perché consentiranno di raggiungere gruppi di utenti che, per quanto poco numerosi, si caratterizzano tuttavia per un'omogeneità di gusti, una fedeltà di ascolto e una predisposizione all'interazione del tutto sconosciute al pubblico televisivo attuale. Molti nuovi media consentono, inoltre, una gestione diretta della comunicazione, a costi moderati e con ritorni potenzialmente molto interessanti dal punto di vista sia economico sia della possibilità di interagire senza intermediari con la propria base di utenti/tifosi. Si spiega così, per esempio, il moltiplicarsi dei canali televisivi tematici offerti direttamente dai club calcistici in partnership con primari gruppi media, su piattaforme digitali (Olympique Marsiglia, Lione, Roma, Milan, Inter, Barcellona, Real Madrid, Chelsea, Manchester United), via cavo (Middlesbrough, partito per primo nel febbraio 1998) o attraverso Internet (Arsenal, Chelsea, Liverpool, Leeds United). Alle prospettive dell'autoproduzione televisiva guardano con interesse anche alcune Leghe professionistiche europee: Inghilterra, Germania, Scozia, Belgio, Danimarca. Il palinsesto standard dei canali autoprodotti è costituito dalle telecronache integrali delle partite (attualmente in differita per tutelare l'esclusiva delle emittenti che hanno acquistato i primi diritti del Campionato), da brevi estratti riassuntivi (highlights), notiziari, interviste, immagini di archivio, cronache degli allenamenti, partite delle squadre giovanili, che consentono agevolmente di coprire 6-12 ore di programmazione giornaliera. In prospettiva, con la definitiva affermazione delle modalità di trasmissione a banda larga, l'utilizzo di Internet da parte di Leghe e club calcistici come canale di diffusione delle immagini diventerà preponderante. Secondo un'inchiesta realizzata nel 1999 daglobecast, il 68% degli operatori della televisione e dei dirigenti delle grandi organizzazioni sportive ritiene che, entro il 2009, Internet diventerà la principale piattaforma di distribuzione dei contenuti sportivi, prendendo progressivamente il posto della televisione a pagamento. I grandi vantaggi di Internet sono rappresentati dalla sua utenza mondiale, dal carattere non mediato e fortemente interattivo della comunicazione e dai costi di avviamento, sviluppo e gestione notevolmente inferiori a quelli di una piattaforma televisiva, che lo rendono un canale di comunicazione facilmente accessibile a club, Federazioni e Leghe sportive.

4 Calcio e Sponsor di Marco Brunelli Se il calcio è, in Europa e nel mondo, lo sport più diffuso, più praticato, più seguito in televisione e più letto sui giornali, appare naturale che a esso si rivolgano con sempre maggiore insistenza le aziende che hanno bisogno di promuovere la propria immagine o i propri prodotti. Tutte le ricerche di mercato più recenti sono, tuttavia, d'accordo nell'affermare che la straordinaria forza del calcio come veicolo di comunicazione non dipende solo dall'ampiezza della sua audience, ma soprattutto dalla qualità del pubblico che esso riesce ad attirare. Gli appassionati di calcio sono fedeli come nessun altro consumatore, assidui, attenti, partecipi fino in fondo di ciò che vedono e sentono, passionali, inclini a lasciarsi coinvolgere emotivamente. Il pubblico del calcio è, per definizione, il più trasversale che esista: ne fanno parte uomini e donne, giovani e anziani, persone di tutte le professioni, fasce di reddito e categorie sociali, abitanti di ogni regione del paese. Tuttavia, come sanno da sempre gli appassionati, i tifosi non sono tutti uguali. Il supporter del Manchester United è quanto mai diverso da quello del Manchester City. La torcida del Palmeiras non ha nulla a che vedere con quelle delle altre squadre di San Paolo: Corinthians, San Paolo, Portuguesa. I fans dell'arsenal non possono che essere originari di quel quartiere a nord di Londra. I tifosi dell'athletic di Bilbao non possono essere confusi con quelli di nessuna altra squadra spagnola. Il calcio è, per questo, uno dei canali di collegamento con il territorio più efficaci che le aziende hanno a loro disposizione. Negli ultimi anni le tecniche di segmentazione del mercato applicate al calcio hanno fatto passi da gigante, consentendo alle aziende di differenziare enormemente il loro approccio a questo canale di marketing, utilizzandolo in maniera personalizzata, flessibile e mirata. Non solo: gli sponsor si sono resi conto che, pur nella trasversalità di fondo che caratterizza la loro composizione, gli appassionati di calcio si concentrano nelle categorie sociodemografiche più ricercate dalle aziende, a cominciare da quelle a più elevato potere di acquisto. Ciò ha indubbiamente accresciuto l'efficacia del calcio come strumento di comunicazione commerciale. Secondo uno studio condotto nel 2001 da Oliver & Ohlbaum Associates, il 43% del mercato europeo delle sponsorizzazioni sportive, pari a 5,5 miliardi di euro nel 2000, è stato destinato al calcio. Tale dato è confermato da una ricerca realizzata in Italia nel 1999 da Forces, secondo la quale il 53% delle aziende che scelgono di utilizzare lo sport come veicolo promozionale optano per il calcio. Il termine 'sponsorizzazione' viene comunemente usato in senso assai ampio. In realtà, la partnership tra una o più aziende e un club, un'organizzazione calcistica, un testimonial o un evento può assumere forme molto diverse tra loro. Una prima distinzione fondamentale riguarda sponsorizzazione e pubblicità. Secondo la definizione contenuta nel Codice delle sponsorizzazioni della Camera di commercio internazionale (1992) la sponsorizzazione è "ogni forma di comunicazione per mezzo della quale uno sponsor fornisce contrattualmente un finanziamento o un supporto di altro genere, al fine di associare positivamente la sua immagine, la sua identità, i suoi marchi, i suoi prodotti o servizi a un evento, un'attività, un'organizzazione o una persona da lui sponsorizzata". Se si considera una definizione piuttosto comune di pubblicità ("la promozione diretta di un'azienda attraverso l'acquisto di spazio su un mezzo di stampa o di tempo televisivo o radiofonico, avente quello specifico scopo"), non è difficile notare le differenze. La pubblicità consiste nel veicolare un messaggio costruito ad hoc, con una collocazione molto precisa in termini di tempo e di spazio di esposizione (quell'orario televisivo, quella pagina di giornale); inoltre, la natura del messaggio pubblicitario permette di soffermarsi sulle qualità intrinseche del prodotto o servizio reclamizzato, arricchendo la comunicazione di contenuti informativi specifici, ma il messaggio resta chiaramente distinto dal contenitore che lo ospita, al punto che si può leggere il giornale o guardare la trasmissione televisiva ignorando la pubblicità. Al contrario, la sponsorizzazione crea un'associazione molto forte tra azienda e sponsorizzato, che finiscono per identificarsi nella mente dell'appassionato/consumatore. L'atteggiamento favorevole del tifoso si confonde così con la predisposizione all'acquisto del cliente. Perché

5 ciò accada, l'abbinamento deve essere credibile, ovvero sponsor e sponsorizzato devono esprimere gli stessi valori. L'entrata massiccia della Opel nel calcio europeo a metà degli anni 1980 traeva origine, per esempio, dalla decisione della casa tedesca di lanciare una gamma di auto più moderne e giovanili di quelle prodotte sino a quel momento, puntando sul calcio e sulla sua immagine giovane, dinamica, moderna, eccitante per rinnovare la propria identità, mentre i principali concorrenti di gamma alta sceglievano il golf, la vela o il tennis. Con la sponsorizzazione, inoltre, le aziende parlano simultaneamente a tutte le categorie di interlocutori istituzionali, mentre la pubblicità si rivolge a un target definito (gli spettatori televisivi, i lettori del giornale). Attraverso un mix molto ampio di soluzioni (esposizione del marchio, utilizzo degli atleti per iniziative sul territorio, uso a fini commerciali o di relazioni pubbliche del sito Internet dello sponsorizzato, aree riservate allo stadio per i propri ospiti o dipendenti), una sponsorizzazione può essere di grande aiuto per migliorare le relazioni dell'azienda con i clienti, i dipendenti, la forza vendita, i media. Perché dieci grandi aziende accettano di pagare 65 milioni di dollari a testa per diventare per quattro anni Top Partner del Comitato olimpico internazionale, sapendo che il loro nome e il loro logo non verranno visti a bordo campo in nessuna delle gare delle Olimpiadi? La risposta sta nella possibilità di stampare i cinque cerchi olimpici su ogni prodotto e comunicazione dell'azienda, usufruire di spazi pubblicitari dedicati sulla stampa e la televisione olimpica, partecipare con un ruolo di rilievo a promozioni ed eventi speciali, invitare ospiti di riguardo alle gare olimpiche, ma anche utilizzare la partecipazione agli eventi olimpici per motivare e incentivare il personale dell'azienda: in altre parole, associare in esclusiva il proprio nome al simbolo più prestigioso e famoso che ci sia, tutte le volte che un cliente, in qualsiasi parte del mondo, entra in contatto con l'azienda. Tutto ciò non significa che la pubblicità applicata al calcio sia una forma meno diffusa ed efficace di comunicazione: il costo di uno spot televisivo durante un grande evento calcistico o di una pagina di pubblicità su un quotidiano sportivo del lunedì sono tra i più elevati delle rispettive categorie. Forme di pubblicità tradizionali come quella sui biglietti di ingresso agli stadi, i cartelloni a bordo campo o i programmi e le riviste ufficiali dei club fanno ormai parte di qualsiasi pacchetto di comunicazione proposto agli sponsor. Infine, l'industria specializzata guarda con grande interesse alle nuove opportunità offerte dalla pubblicità su Internet oppure da quella cosiddetta 'virtuale' in televisione. Una classificazione standard delle sponsorizzazioni, sulla quale sono modellati gran parte dei pacchetti offerti dalle organizzazioni sportive alle aziende, distingue tra sponsor principale, sponsor tecnico (nel caso delle squadre e degli atleti), altre categorie di sponsor di livello inferiore (sponsor istituzionali, partner ufficiali ecc.), fornitori ufficiali e licenziatari. Per sponsor principale si intende lo sponsor che, in cambio del corrispettivo più elevato, ottiene, in via esclusiva, i maggiori benefici in termini di visibilità, riconoscibilità, sviluppo di iniziative di comunicazione in partnership con il soggetto sponsorizzato: per esempio, il diritto di apporre il proprio nome sulle divise da gioco. In Europa, la prima Federazione ad autorizzare la comparsa dei marchi pubblicitari sulle maglie da calcio fu quella francese, nel Di lì a poco seguirono il Belgio e la Germania, mentre l'inghilterra, l'italia, la Spagna e l'olanda si uniformarono solo all'inizio del decennio successivo. In Italia la decisione fu presa nel 1981, sotto la presidenza della Lega nazionale professionisti di Renzo Righetti, in un momento di particolari difficoltà finanziarie per i club. Da allora, in venti stagioni sportive, 313 diversi marchi si sono alternati sulle divise dei club di serie A e B. L'introduzione ufficiale degli sponsor sulle maglie era stata preceduta dalla comparsa delle inserzioni sui programmi delle partite (segnalata in Inghilterra già nel 1890), dalla sponsorizzazione dei nuovi stadi (White Hart Lane, stadio del Tottenham, nel 1914), dalla pubblicità sui biglietti e sui cartelloni dentro e fuori lo stadio (presenti in Francia nel primo dopoguerra) e dall'utilizzo dei calciatori come testimonial pubblicitari

6 (Meazza e Monzeglio negli anni Trenta in Italia; Compton, Finney e Wright alla fine degli anni Quaranta in Inghilterra). A dire il vero, nel calcio italiano, gli sponsor sulle maglie erano già arrivati nel 1953, con l'abbinamento tra il Vicenza e la ditta Lanerossi. Ma si trattò di una parentesi breve, frutto del vuoto normativo dell'epoca, mentre già da tempo le sponsorizzazioni erano presenti in altre discipline sportive (Reyer Società Scherma e Ginnastica Venezia, dal 1914; Olimpia Borletti Milano, dal 1936) e proprio in quegli anni si affacciavano nel ciclismo. Negli sport di squadra diversi dal calcio allo sponsor principale viene spesso concesso anche il diritto di abbinare il proprio nome a quello del club, che assume così la denominazione (e sovente anche i colori) dell'azienda. Il fenomeno è molto meno frequente nel calcio, anche se non mancano esempi storici in tal senso: oltre al già citato Lanerossi Vicenza, il Simmenthal Monza, l'ozo Petroli Mantova, lo Zenith Modena, la Sarom Ravenna, il Talmone Torino tra la seconda metà degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta in Italia; l'inter Cable Tel di Cardiff, in Galles, qualificatasi per la Coppa UEFA nel Negli ultimi anni, diversi club calcistici europei hanno invece ceduto agli sponsor la titolazione dei loro stadi, secondo una prassi invalsa da quarant'anni nello sport professionistico statunitense dove il mercato dei naming rights vale ormai 3 miliardi di dollari, con oltre 200 esempi e che si è affermata anche in Australia (Victoria, Sydney), Nuova Zelanda (Auckland) e Sudafrica (Johannesburg). Attualmente, vi sono impianti che portano il nome di aziende in Inghilterra (Bolton, Middlesbrough, Stoke City, Southampton), Germania (Amburgo, Leverkusen), Olanda (Eindhoven, Breda, Rotterdam), Austria (Salisburgo) e Finlandia (Helsinki). Analogamente, molte Leghe e Federazioni hanno tratto significative entrate dalla sponsorizzazione della principale manifestazione calcistica organizzata. Il Campionato assume il nome dello sponsor in Austria, Belgio, Bulgaria, Finlandia, Inghilterra (dal 1983), Irlanda, Islanda, Italia, Norvegia, Olanda, Repubblica Ceca, Scozia, Slovacchia e Slovenia. L'investimento più oneroso è certamente quello sostenuto dal da BarclayCard per dare il proprio nome alla Premier League inglese: 48 milioni di sterline per tre anni. Lo sponsor tecnico è chi, in cambio di riconoscibilità e visibilità, fornisce a un club, atleta o organizzazione sportiva i materiali strettamente necessari per lo svolgimento della propria attività: nel caso del calcio, abbigliamento da gioco e da allenamento, scarpe, palloni. Naturalmente, tra i privilegi garantiti allo sponsor c'è quello dell'esclusiva merceologica. Da alcuni anni, i contratti di sponsorizzazione tecnica per i top teams europei hanno superato in durata e importo quelli con gli sponsor ufficiali: pochi mesi dopo avere concluso il contratto di sponsorizzazione più ricco della storia del calcio con Vodafone (30 milioni di sterline per quattro anni), il Manchester United ha stretto con Nike un accordo per 13 stagioni, del valore complessivo di 303 milioni di sterline. Nella stagione le sponsorizzazioni tecniche e gli accordi di licenza e fornitura hanno per la prima volta superato il 50% del totale delle entrate da sponsorizzazioni delle società di serie A (solo due anni prima erano meno del 40%). Alla base di tale sviluppo c'è il ricco giro d'affari delmerchandising delle divise ufficiali: nel caso del Manchester United, la Nike potrà ora gestire direttamente un mercato che, nel 2001, ha assicurato al club oltre 35 milioni di euro all'anno, grazie a 50 milioni di tifosi sparsi in tutto il mondo, una presenza commerciale radicata in Asia, un accordo di partnership con i New York Yankees e clienti in oltre 40 paesi. Gli sponsor istituzionali e i partner ufficiali, a differenza dello sponsor principale, non hanno un'esclusiva assoluta ma solo per settore merceologico e dispongono di una gamma più ristretta di opportunità associate al club o all'evento sponsorizzato. I fornitori ufficiali sono coloro che forniscono all'organizzazione sportiva determinati beni o servizi, in cambio del riconoscimento ufficiale di tale ruolo, che esercitano in maniera esclusiva all'interno del proprio settore merceologico, e di una gamma di opportunità di comunicazione più limitata rispetto a quelle delle categorie precedenti di sponsor. I licenziatari sono aziende che hanno acquisito il diritto di realizzare e commercializzare prodotti, generalmente di largo consumo, utilizzando il marchio, i colori e il nome del

7 club, dell'evento o dell'organizzazione sportiva, in cambio del pagamento di una royalty. Da alcuni anni, a quelle appena elencate si è aggiunta la categoria dei media sponsors. Si tratta di emittenti radio e televisive, giornali e aziende Internet che, in cambio di investimenti in denaro o, più spesso, della messa a disposizione di tempo e spazio pubblicitario, ottengono gli stessi riconoscimenti di una delle categorie di sponsor secondari. Secondo la Lega nazionale professionisti, nel 2000 le società di serie A e B hanno concluso 759 accordi di partnership non classificabili come sponsorizzazioni principali o tecniche, denominandoli in 26 maniere diverse, da 'Gold Partner' a 'Sponsor Sala Vip', per un valore complessivo di 89 miliardi di lire. Tra le forme più innovative di collaborazione tra aziende e organizzazioni sportive rientrano le attività di hospitality. La possibilità di invitare e intrattenere clienti importanti, ospiti di riguardo, agenti di vendita o personale dell'azienda in occasione di eventi sportivi di richiamo, avendo a disposizione aree riservate allo stadio, servizi di parcheggio, ristorazione e altre attività pre-partita dedicate, viene sempre più spesso utilizzata dalle aziende a fini di pubbliche relazioni. Questa opportunità, che è da molto tempo fonte di ingenti risorse finanziarie per i club professionistici americani, è ampiamente diffusa tra i club inglesi e olandesi, mentre stenta ancora a decollare altrove, soprattutto per le carenze infrastrutturali degli stadi. Nel 2000 in Inghilterra il giro d'affari dell'ospitalità aziendale (non solo legata allo sport) è stato di 1,2 miliardi di euro, quasi sette volte il valore di due anni prima. Il Manchester United ricava il 40% delle sue entrate da stadio dall'affitto alle aziende dell'11% dei posti dell'old Trafford. Secondo stime effettuate da SRI (Sponsorship research international), nel 1999 in Europa il 59% delle sponsorizzazioni calcistiche ha avuto per destinatari dei club, il 32% eventi, il 7% accordi di partnership o fornitura ufficiale e il 2% singoli atleti. Nel , secondo le stime della Lega nazionale professionisti, le entrate da sponsorizzazioni, pubblicità e altre attività commerciali (pari a 1350 milioni di euro) hanno rappresentato in Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Olanda e Spagna il 32% del fatturato dei club calcistici di prima divisione, dietro i diritti televisivi (42%), ma prima dei biglietti (26%). Il dato aggregato nasconde situazioni molto diverse da paese a paese. La Germania è la nazione nella quale i contratti di sponsorizzazione raggiungono i valori più elevati: complessivamente, le partnership commerciali rappresentano il 44% delle entrate dei club. In Inghilterra questo dato non supera il 35%, ma la diversificazione delle entrate commerciali non ha uguali in Europa, grazie allo sviluppo del merchandising e all'utilizzo polifunzionale degli stadi. Un club non di primissimo piano come l'aston Villa ha ricavato, nel 2000, 9,2 milioni di euro da sponsorizzazioni e ospitalità, 8,1 milioni da merchandising e 5 da attività di ristorazione e conferenze, contro i 16,6 da diritti televisivi, su un fatturato totale di 57,8. Al contrario la Spagna (anche per la tradizione di alcuni club importanti, come Barcellona e Athletic Bilbao, di non ospitare alcun marchio commerciale sulla divisa da gioco), l'italia e la Francia sono i paesi dove lo sviluppo delle entrate commerciali è stato, fino a oggi, sopravanzato da quello dei diritti televisivi. Tanti segnali indicano che questa tendenza potrebbe invertirsi nel prossimo futuro: molti mercati televisivi appaiono ormai saturi, mentre le ultime stagioni sono state caratterizzate da una sensibile crescita del valore complessivo dei contratti pubblicitari, che sicuramente riequilibrerà il peso attualmente detenuto dai diritti televisivi nei bilanci di molte società. Secondo un rapporto dell'istituto tedesco Sport+Markt AG, nella stagione le sole entrate da sponsor ufficiali delle 112 società partecipanti ai Campionati di prima divisione di Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Olanda e Spagna hanno superato i 301 milioni di euro, con un incremento del 22% rispetto al A trascinare il mercato sono stati soprattutto i club francesi e inglesi, le cui entrate da sponsor principali sono cresciute rispettivamente del 98% (grazie al boom della multisponsorizzazione) e del 67%, mentre la Germania si conferma il mercato più ricco con 4,4 milioni di euro spesi in media per ogni contratto. In Premier League vi sono oggi tre dei cinque contratti di sponsorizzazione più ricchi d'europa (Manchester United-Vodafone, primo in assoluto; Chelsea-Emirates Airline; Liverpool-Carlsberg). Alcuni dei recenti rinnovi contrattuali riflettono chiaramente l'accentuazione della natura 'globale' degli

8 investimenti nel calcio: Nike al posto di Umbro (Manchester United); Emirates Airline di Autoglass (Chelsea); Siemens di Cirio (Lazio). Tuttavia, la strategia di penetrazione su più mercati attraverso l'abbinamento del proprio nome con club calcistici di diversi paesi sembra ancora limitata a un numero ristretto di casi: nel 2001, gli unici marchi che comparivano sulle maglie di club di almeno due dei cinque Campionati più importanti d'europa erano Opel (3 club), Sega/Dreamcast (3) e Siemens (2). Più spesso le sponsorizzazioni rispondono a una logica prettamente nazionale. In qualche caso, addirittura, lo sponsor principale del Campionato è diverso da quello delle Coppe Europee. Molti marchi 'globali' preferiscono non legare il proprio nome a una sola società per paese, ma decidono di sponsorizzare eventi di risonanza nazionale o internazionale o, al limite, diventare partner ufficiali di raggruppamenti molto ampi di club. Aziende come Coca Cola o McDonald's, per esempio, tendono da sempre ad apparire come la bevanda o il ristorante 'del calcio', nell'accezione più ampia del termine, piuttosto che lo sponsor di una singola squadra. Sempre di più queste aziende utilizzano anche grandi campioni, scelti per la loro immagine positiva e la popolarità che si estende oltre il naturale bacino di tifosi della squadra di appartenenza, come propri testimonial. Se il trend di questi ultimi anni verrà confermato (secondo un autorevole quotidiano inglese, i diritti di immagine delle quattro stelle della Premier League, Owen, Beckham, Keane e Giggs, valgono attualmente quasi 40 milioni di euro totali), anche il calcio potrà rapidamente raggiungere le vette già toccate dal mercato dell'endorsement in sport come il tennis, il golf, l'automobilismo o il basket NBA. L'approccio multinazionale è più evidente tra gli sponsor tecnici di squadre o atleti: nel 2001, Adidas, Nike e Puma hanno firmato l'abbigliamento di 36 club di prima divisione in Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Spagna. Ma si tratta di una scelta quasi obbligata in presenza di un ristretto numero di grandi aziende produttrici che si contendono quote di mercato su scala mondiale. Anche in questo campo, tuttavia, sono numerosi gli esempi di strategie autarchiche, soprattutto in Spagna, Germania e Inghilterra, dove tre società (Coventry, Ipswich e Southampton) producono, e vendono, addirittura in proprio le maglie da gioco. Allo stesso modo, sembrano connotarsi in maniera 'nazionale' anche i settori di attività economica che si legano più facilmente al calcio: l'industria alimentare in Italia, le banche locali in Spagna, i fabbricanti di birra e le aziende di telecomunicazioni in Inghilterra, le aziende di telefonia e giochi elettronici in Francia. Giova notare, in conclusione, come la crescita del mercato delle sponsorizzazioni calcistiche non sia stata accompagnata, se non in casi sporadici, da due fenomeni piuttosto frequenti nelle altre discipline di squadra: da un lato, l'identificazione dei club con i nomi e i colori delle aziende che li sostengono; dall'altro, l''effetto marmellata' dato dalla presenza, spesso indistinguibile, di una molteplicità di marchi sulle maglie dei ciclisti o le tute dei piloti di Formula 1. Pur senza arrivare alla regola degli sport professionistici americani, dove gli sponsor non hanno a disposizione le divise da gioco, le principali Leghe e Federazioni calcistiche europee regolamentano in maniera molto severa gli spazi a disposizione delle aziende. Fanno eccezione le maglie dei club francesi e di alcuni altri paesi, come Austria e Norvegia, dove si è cercato di sopperire alla povertà dei diritti televisivi moltiplicando le opportunità offerte agli sponsor. SITOGRAFIA:

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Diritti calcistici televisivi in Italia

Diritti calcistici televisivi in Italia Diritti calcistici televisivi in Italia I diritti calcistici televisivi sono i diritti di riprendere e trasmettere, in diretta o in differita e su qualunque piattaforma televisiva, le partite di calcio.

Dettagli

IL MARKETING SPORTIVO, COOPERAZIONI E MODELLI GESTIONALI NEL CALCIO

IL MARKETING SPORTIVO, COOPERAZIONI E MODELLI GESTIONALI NEL CALCIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA Corso di Laurea Interdipartimentale in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

piani marketing aziende

piani marketing aziende STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 piani marketing aziende Idea Volley Associazione Sportiva Dilettantistica 1 Piani di Marketing AZIENDE I piani di marketing a seguito descritti, sono stati pensati per ottenere

Dettagli

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657 focus 71.689 squadre Le squadre in attività nel 2010-2011 sono 71.689, delle quali 470 professionistiche, 17.020 dilettantistiche e 54.199 impegnate in attività di settore giovanile. Hanno disputato 704.496

Dettagli

PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO NOI, VOI. STESSA STRADA, STESSO SUCCESSO Pubblicità o sponsorizzazioni? Ti stai chiedendo cosa dovresti guadagnarci

Dettagli

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011 agosto 2010 Sommario Introduzione.. pag. 3 Analisi del business pag. 5 Analisi dei bacini d utenza pag. 16 2 Introduzione (1/2) La stagione di Serie

Dettagli

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League Comunicato Stampa Deloitte: Il Real Madrid rimane in testa alla Football Money League, compatto il gruppo delle squadre italiane. AS Roma e Juventus fanno un passo avanti verso le prime posizioni. Sette

Dettagli

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione:

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: PROFILE La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: La Kick Off Group nasce con la prospettiva di offrire al mercato il proprio know how, basandosi sull esperienza

Dettagli

Seminario sulle Sponsorizzazioni Stella Romagnoli. Lezione 4: valorizzazione delle sponsorizzazioni

Seminario sulle Sponsorizzazioni Stella Romagnoli. Lezione 4: valorizzazione delle sponsorizzazioni Seminario sulle Sponsorizzazioni Lezione 4: valorizzazione delle sponsorizzazioni Valorizzazione delle sponsorizzazioni Definizione: che vuol dire valorizzare le sponsorizzazioni Gli strumenti utilizzati

Dettagli

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE Il calcio a 5 è fermo, bloccato, immobile. Và ricostruito, viene da un periodo troppo lungo di non scelte, di non coraggio di

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Le main sponsorship del calcio in Europa

Le main sponsorship del calcio in Europa Report speciale Le main sponsorship del calcio in Europa contenuto nell Annuario della Sponsorizzazione 2010 Sommario Introduzione pag.3 Investimenti medi per club pag.4 Ricavi per settore pag.5 Bundesliga

Dettagli

piano marketing 2014-2015

piano marketing 2014-2015 piano marketing 2014-2015 La Mission La scomparsa del calcio professionistico ha ferito l orgoglio della citta che grazie al pronto intervento del nostro gruppo e tornato ad essere rappresentata a livello

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010. settembre 2010

CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010. settembre 2010 CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010 settembre 2010 INTRODUZIONE (1/3) Nella stagione 2009/10, l UEFA ha distribuito 746,4 milioni di Euro ai club partecipanti alla

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

L incontro tra Europa e Asia nell ambito del progetto internazionale della GAZPROM, dedicato ai ragazzi FOOTBALL FOR FRIENDSHIP

L incontro tra Europa e Asia nell ambito del progetto internazionale della GAZPROM, dedicato ai ragazzi FOOTBALL FOR FRIENDSHIP L incontro tra Europa e Asia nell ambito del progetto internazionale della GAZPROM, dedicato ai ragazzi FOOTBALL FOR FRIENDSHIP La società Gazprom, partner ufficiale della UEFA Champions League, ha lanciato

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

COMPANY PROFILE bwin bwin bwin bwin bwin Italia bwin e Gioco Digitale Gruppo bwin Italia bwin Gioco Digitale,

COMPANY PROFILE bwin bwin bwin bwin bwin Italia bwin e Gioco Digitale Gruppo bwin Italia bwin Gioco Digitale, COMPANY PROFILE bwin Fondata nel 1997 e quotata alla Borsa di Vienna (ATX) dal 2000, bwin Interactive Entertainment AG ( bwin ) si è affermata rapidamente come uno dei principali operatori internazionali

Dettagli

prima fila in prima fila

prima fila in prima fila con la tessera del tifoso vivi lo spettacolo in prima fila prima fila in La tessera del tifoso è il futuro per tutte le Società calcistiche che traggono, ogni domenica, energia dal cuore pulsante dei tifosi.

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

PROPOSTA DI SPONSORIZZAZIONE SQUADRE FEMMINILI DI CA5 Zona - Quartiere Flaminio - Roma

PROPOSTA DI SPONSORIZZAZIONE SQUADRE FEMMINILI DI CA5 Zona - Quartiere Flaminio - Roma PROPOSTA DI IZZAZIONE SQUADRE FEMMINILI DI CA5 Zona - Quartiere Flaminio - Roma CHI SIAMO Il Futbolclub è un impianto sportivo che si trova nel quartiere Flaminio in Via degli Olimpionici, 71 nelle immediate

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 774 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FOSSATI Disposizioni per la tutela dei segni distintivi delle società sportive, enti e federazioni,

Dettagli

IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009. Dati aggiornati al 26 Agosto 2008

IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009. Dati aggiornati al 26 Agosto 2008 IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009 2009 Dati aggiornati al 26 Agosto 2008 INDICE ARGOMENTI Introduzione Il Campionato delle metropoli Il giro d affari della Serie A in benchmark con gli altri campionati

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli Il prodotto giornale: specificità e attributi Non immagazzinabile Consumo

Dettagli

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE Una grande occasione per promuovere l azienda attraverso i valori del Giro d Italia. EMOZIONE, IMPEGNO, ENTUSIASMO, PASSIONE E GIOCO DI SQUADRA. Queste sono le principali caratteristiche

Dettagli

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento evento Scaricato da Bologna, 26 ottobre 2007 www.largoconsumo.info IL BACINO DEI TIFOSI DELLA SERIE A 2 I TIFOSI DELLE SQUADRE DI SERIE A Oltre

Dettagli

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com Online shopping & Conversion Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic I consumatori europei in cerca di ispirazione sui brand o sui prodotti da acquistare si rivolgono prima di tutto

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT Lo sport in Italia, è uno dei pochi settori in crescita costante che richiede nuovi professionisti in grado di affiancare alla passione le conoscenze tecniche e

Dettagli

Il WEB per creare nuovo BUSINESS Rivitalizzare il prodotto

Il WEB per creare nuovo BUSINESS Rivitalizzare il prodotto Antonio Allegra Il WEB per creare nuovo BUSINESS Rivitalizzare il prodotto Estratto presentazione La storia Panini 1954: nasce l agenzia di distribuzione giornali Fratelli Panini 1961: viene commercializzata

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

111 Società partecipanti ai 4 campionati professionistici 2012-2013. 20 su 20. 94 su 111. 20 su 22. 64 su 94. 16 su 94. 26 su 36.

111 Società partecipanti ai 4 campionati professionistici 2012-2013. 20 su 20. 94 su 111. 20 su 22. 64 su 94. 16 su 94. 26 su 36. ReportCalc o2014 CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE ANALIZZATO 2012-2013 SERIE A, SERIE B E LEGA PRO 2012-2013 40 0 33 36 28 20 20 22 26 18 18 20 17 18 11 10 6 2 9 11 5 3 Serie A Serie B Lega Pro 1 a Div Lega

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.11.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.12.0 DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.20.0 ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE Giugno 2007 PREMESSA

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse?

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse? CORSO DI MARKETING INDUSTRIALE a.a. 2009/2010 13/07/2010 Nome: Cognome: Matricola: La Aplep è riuscita da qualche anno ad imporsi nel settore della telefonia mobile grazie al suo cellulare itel, prodotto

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

UEFA EUROPEAN UNDER-21 CHAMPIONSHIP TM 2015

UEFA EUROPEAN UNDER-21 CHAMPIONSHIP TM 2015 UEFA EUROPEAN UNDER-21 CHAMPIONSHIP TM 2015 Repubblica Ceca, 17-30 giugno speciali. L EVENTO È RAI GIORNI DI GARA SQUADRE VITTORIE ITALIA (nelle precedenti edizioni) PARTITE TORNEO 13 8 5 15 Non solo Tv

Dettagli

U.P. COMUNALE TAVAGNACCO Calcio femminile di serie A

U.P. COMUNALE TAVAGNACCO Calcio femminile di serie A PROPOSTA ECONOMICA- FINANZIARIA Il piano marketing dell Unione Polisportiva Comunale Graphistudio Tavagnacco è stato pensato e strutturato sulla base delle stagioni precedentemente condotte, offre molteplici

Dettagli

.seguita dalla Manifestazione organizzata durante gli internazionali Giovanili al T.C. Caserta...

.seguita dalla Manifestazione organizzata durante gli internazionali Giovanili al T.C. Caserta... DOPO IL SUCCESSO della prima esibizione di tennis in carrozzina al Tennis Club Napoli, nel corso della 72 edizione del Torneo Internazionale di tennis maschile.seguita dalla Manifestazione organizzata

Dettagli

Analisi dei Concorrenti

Analisi dei Concorrenti Analisi dei Concorrenti Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L analisi della concorrenza consiste nell'osservazione delle scelte e delle strategie delle imprese (competitor) in un determinato segmento

Dettagli

Campionati Europei di Scherma Under 23. Vicenza, 22 26 aprile 2015

Campionati Europei di Scherma Under 23. Vicenza, 22 26 aprile 2015 Campionati Europei di Scherma Under 23 Vicenza, 22 26 aprile 2015 IL CAMPIONATO L Europeo Under 23 è il campionato di scherma più importante e seguito al mondo. Per la prima volta si terrà in Veneto: si

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: Gruppo Espresso: utile netto consolidato in crescita da 46,1 a 67,8 milioni di euro (+47,2%)

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: Gruppo Espresso: utile netto consolidato in crescita da 46,1 a 67,8 milioni di euro (+47,2%) GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: Gruppo Espresso: utile netto consolidato in crescita da 46,1 a 67,8 milioni di euro (+47,2%) Si è riunito oggi a Roma, presieduto da Carlo Caracciolo, il Consiglio

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

Il mercato del vino in Germania

Il mercato del vino in Germania Il mercato del vino in Germania Baccelle Enrico Aprile 212 milioni di euro milioni di litri Mercato del vino imbottigliato in Germania (GTI, Istituto Spagnolo Commercio Estero -ICEX-, Euromonitor, Aprile

Dettagli

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI PREMESSA Il presente Regolamento integra le disposizioni del Regolamento Federale sul Team Italia e si applica ad atleti e tecnici

Dettagli

L Area Marketing di SDA Bocconi, in collaborazione con SAP Italia, ha realizzato uno studio su Il futuro secondo i Direttori Marketing.

L Area Marketing di SDA Bocconi, in collaborazione con SAP Italia, ha realizzato uno studio su Il futuro secondo i Direttori Marketing. PREMESSA L Area Marketing di SDA Bocconi, in collaborazione con SAP Italia, ha realizzato uno studio su Il futuro secondo i Direttori Marketing. L analisi, che ha coinvolto 122 direttori marketing di imprese

Dettagli

QRcode turistico QRpass al servizio del settore turistico

QRcode turistico QRpass al servizio del settore turistico QRcode turistico QRpass al servizio del settore turistico Al servizio dei cittadini, Pubblica Amministrazione, Imprese Il nostro servizio permette di: Trasformare campagne off- line in campagne on- line

Dettagli

CHI SIAMO. Opentennis ASD è un'associazione Sportiva Dilettantistica senza fini di lucro costituita ad Aprile 2013.

CHI SIAMO. Opentennis ASD è un'associazione Sportiva Dilettantistica senza fini di lucro costituita ad Aprile 2013. CHI SIAMO Opentennis ASD è un'associazione Sportiva Dilettantistica senza fini di lucro costituita ad Aprile 2013. Opentennis è già affiliata FIT, ed ha già ottenuto l'accreditamento presso il CONI. MISSION

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Una soluzione web per ridurre i costi e aumentare il potere contrattuale verso i Distributori. Ovvero: Come scavalcare la Rete Vendita e farla felice

Una soluzione web per ridurre i costi e aumentare il potere contrattuale verso i Distributori. Ovvero: Come scavalcare la Rete Vendita e farla felice Una soluzione web per ridurre i costi e aumentare il potere contrattuale verso i Distributori Ovvero: Come scavalcare la Rete Vendita e farla felice Il problema da risolvere Una piccola azienda commerciale

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it 17-18-19 luglio 2015 Marina di Ravenna Bagno Obelix

www.noinoncilasceremomai.it 17-18-19 luglio 2015 Marina di Ravenna Bagno Obelix www.noinoncilasceremomai.it 17-18-19 luglio 2015 Marina di Ravenna Bagno Obelix BOVELIX e MINIBOVELIX Il Bovelix è un una tre giorni di beach volley a Marina di Ravenna, al Bagno Obelix. E ormai un appuntamento

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

Analisi settoriale - Fai da te

Analisi settoriale - Fai da te Analisi settoriale - Fai da te Acquisto razionale innanzitutto Per tre consumatori europei su cinque fare gli acquisti del fai da te è una necessità mentre è un piacere solo per una persona su quattro.

Dettagli

Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale

Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale Università degli Studi di Udine Laboratorio di Ricerca Economica e Manageriale Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale Milano, 10 marzo 2011 Considerazioni di metodo

Dettagli

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione www.puntolegno.it La soluzione ideale per chi vuole affrontare il mercato con la forza di un grande internazionale, senza perdere la propria identità

Dettagli

LGS SPORTLAB LAVORARE PER GESTIRE IL SUCCESSO. company profile. www.lgssportlab.com

LGS SPORTLAB LAVORARE PER GESTIRE IL SUCCESSO. company profile. www.lgssportlab.com SPORTLAB LAVORARE PER GESTIRE IL SUCCESSO company profile CHI SIAMO SportLab è una società di riferimento che opera nel mondo dello sport e dell'intrattenimento: - specializzata nel management di atleti

Dettagli

IL DIRITTO E LO SFRUTTAMENTO COMMERCIALE DELL IMMAGINE DELLO SPORTIVO IL DIRITTO ALL IMMAGINE 14/09/2013 L IMMAGINE

IL DIRITTO E LO SFRUTTAMENTO COMMERCIALE DELL IMMAGINE DELLO SPORTIVO IL DIRITTO ALL IMMAGINE 14/09/2013 L IMMAGINE L IMMAGINE IL DIRITTO E LO SFRUTTAMENTO COMMERCIALE DELL IMMAGINE DELLO SPORTIVO L'immagine della persona può consistere in un disegno, una fotografia o una riproduzione televisiva o cinematografica, che

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile. anno scolastico 2013 2014 Il programma Coca-Cola Cup propone alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado un articolata

Dettagli

Class Editori spa per esaminare l'andamento delle attività della Casa Editrice nei primi sei

Class Editori spa per esaminare l'andamento delle attività della Casa Editrice nei primi sei Class Editori Milano, Roma, Londra, New York via Burigozzo 5 20122 - Milano Tel : + 39 0258219.1 Tel : + 39 0258317376 Comunicato stampa Approvata la semestrale al 30/06/2003. Costi (43,63 mil. Euro) in

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI A. LINEE GUIDA GENERALI. 1. Chi sono i Media?

DOMANDE FREQUENTI A. LINEE GUIDA GENERALI. 1. Chi sono i Media? DOMANDE FREQUENTI A. LINEE GUIDA GENERALI 1. Chi sono i Media? I media sono considerati la stampa (compresi i giornalisti del sito web), fotografi, emittenti radiofoniche e televisive a cui non sono stati

Dettagli

Gli europei e le lingue

Gli europei e le lingue Speciale Eurobarometro 386 Gli europei e le lingue SINTESI Rispetto alla popolazione dell'ue, la lingua più parlata come lingua madre è il tedesco (16%), seguita da italiano e inglese (13% ciascuna), francese

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Radio 24 Nuova Offerta Tabellare on air e on line. System24 Concessionaria di pubblicità Sole24ore

Radio 24 Nuova Offerta Tabellare on air e on line. System24 Concessionaria di pubblicità Sole24ore Radio 24 Nuova Offerta Tabellare on air e on line 1 Radio 24 Moduli IMPACT 2 FORMATI DEI MODULI IMPACT di RADIO24 on air A seconda delle diverse esigenze di comunicazione e possibile scegliere il formato

Dettagli

VIVERE IL MATCH DA PROTAGONISTA

VIVERE IL MATCH DA PROTAGONISTA STAGIONE 2014/2015 VIVERE IL MATCH DA PROTAGONISTA S.S. LAZIO CORPORATE è l esclusivo programma di hospitality che consente di vivere al top le partite della Lazio allo Stadio Olimpico. Un esperienza unica

Dettagli

Il Franchising Bricofer. Corporate Profile. Tra il dire e il fare.

Il Franchising Bricofer. Corporate Profile. Tra il dire e il fare. Il Franchising Bricofer Corporate Profile Tra il dire e il fare. IL FRANCHISING DI BRICOFER Un fenomeno in crescita. Una solida realtà. Combinazioni vincenti. Protagonisti del mercato. La struttura. I

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

Business model canvas F.C. BARCELONA

Business model canvas F.C. BARCELONA Business model canvas F.C. BARCELONA VALUE PROPOSITION: Il valore offerto dal Barcellona è sicuramente il divertimento e la vittoria, quasi sempre assicurata, tutto ciò grazie al suo stile di gioco straordinario

Dettagli

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it DIFFERENZIARE

Dettagli

Emozione Bici Il nuovo circuito di Granfondo Ciclismo Stagione 2015

Emozione Bici Il nuovo circuito di Granfondo Ciclismo Stagione 2015 Emozione Bici Il nuovo circuito di Granfondo Ciclismo Stagione 2015 Lascia crescere la Passione! Il Ciclismo in Italia. Agonismo, Sport, Turismo Il ciclismo, in Italia come in Europa, continua ad essere

Dettagli

Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid. maggio 2010

Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid. maggio 2010 Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid maggio 2010 Sommario Introduzione pag.3 La Finale in cifre pag.4 Le sfidanti a confronto pag.9 Analisi dei Premi

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

I risultati. Ripartizione investimenti in comunicazione per tipologia. pubblicità. promozione. internet. eventi. sponsorizzazioni. direct.

I risultati. Ripartizione investimenti in comunicazione per tipologia. pubblicità. promozione. internet. eventi. sponsorizzazioni. direct. 10 dicembre 2009 Quelle che seguono sono le principali risultanze dell ascolto del Panel di Lavori in Corsa che ha coinvolto circa 100 soggetti tra aziende ed esperti del settore. La ripartizione degli

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

www.pwc.com ReportCalcio 2015 Monza 07 luglio 2015

www.pwc.com ReportCalcio 2015 Monza 07 luglio 2015 www.pwc.com ReportCalcio 2015 Monza 07 luglio 2015 Caratteristiche del campione analizzato 599 Società partecipanti ai 4 campionati professionistici dal 2008-2009 al 2013-2014 100% Bilanci analizzati per

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013 I MONDIALI DELLA PALLAVOLO 27 Giugno 2013 La pallavolo in Italia 5.000 Società di pallavolo 11,5 milioni affiliate alla FIPAV 340.000000 Appassionati di pallavolo di Atleti Tesserati cui il 28% tra 25

Dettagli

SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE 2006-2007 COSTRUIAMO LA SPERANZA

SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE 2006-2007 COSTRUIAMO LA SPERANZA SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE COSTRUIAMO LA SPERANZA Il Villaggio SO.SPE Solidarietà e Speranza di Suor Paola in Via De Iacovacci 21 - Roma Obiettivo del Progetto Il Progetto si propone la realizzazione

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli