Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 11 DICEMBRE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 11 DICEMBRE 2012"

Transcript

1 Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 11 DICEMBRE

2 M A G A Z I N E NUMERO 11 DICEMBRE 2012 Sommario DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE, PUBBLICITÀ: Via Vochieri, Alessandria Tel Fax Direttore RESPONSABILE: Franco Capone Responsabile redazione: Cristina Pasino Redazione: Franco Capone Antonio Fiori Pier Luigi Pasino Collaboratori: Katia Catassi Ivan Trevisin Cristian Vergani Mauro Tita Matteo Alfonso Vito Saccinto Grafica e IMPAGINAZIONE: Salvatore Zagari webmaster: Marco Assandri segreteria: Francesca Zancanaro Tiziana Capone PUBBLICITÀ: Pasino P. Cell COPYRIGHT: Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, dell' opera, in ogni forma e con ogni mezzo senza previa autorizzazione. Testi ed opinioni in essi contenuti sono sotto la responsabilità dei singoli autori Distribuzione in copie inviate agli operatori della Funeraria Italiana Proprietà editoriale e copyright: O.F. ITALIA s.a.s O.F. ITALIA MAGAZINE è un marchio depositato CONTATTI: Registrazione: Tribunale di Alessandria n 2/2011 del 30/06/ Editoriale Franco Capone 4 Toscana, cremazioni off-limits: La difficile situazione del territorio regionale. Impianti insufficienti Dott.ssa Katia Catassi 6 Eurocof Redazionale 10 Cronache Italiane La Redazione 16 Federcofit: Anche quest anno sta giungendo al termine Dott. Giuseppe Bellachioma 18 Assocofani Redazionale 20 Calabria A Cosenza costituita Federcofit Calabria La Redazione 24 I Riti: I Sikh e la morte Dott. Antonio Fiori 27 Disef Redazionale 30 Tradizioni: La Festa di Yule Dott. Antonio Fiori 36 Il Fatto: Senza la fiducia Monti si dimette La Redazione 42 Due metri sotto il palco Editoriale Teatro Matteo Alfonso 44 Teatro: Bambole? Matteo Alfonso 48 Anche la morte nell agenda digitale Dott. Graziano Pelizzaro - A.N.U.S.C.A 54 Natura Ambiente Ecologia: Emergenza Amianto Dott. Antonio Fiori 60 Curiosità: Infinity Burial La Redazione 64 Sport: FORMULA UNO: Vettel è campione del mondo La Redazione 71 Lettera del Presidente Informazione mensile di Federcofit 2 3

3 Editoriale Eccoci giunti al numero di Dicembre, l ultimo mese di un anno sicuramente non facile, a voi tutti come al solito un ben tornati tra le righe del nostro Magazine, se state leggendo queste parole siete certamente sopravvissuti alla tanto pubblicizzata fine del mondo prevista per lo scorso 21 dicembre. Questo mese nelle nostre rubriche ospiteremo l inizio di una collaborazione con il Dott. Graziano Pelizzaro (A.N.U.S.C.A.), che con la sua esperienza e professionalità metterà a fuoco dei temi importanti di lettura per gli operatori del settore. Dicembre mese di bilanci e ringraziamenti, un grazie particolare va sicuramente a tutto lo staff e i collaboratori di O.F. Italia Magazine, in particolare alla Dott.ssa Katia Catassi che attraverso i suoi pezzi ha saputo suscitare e tener vivo l interesse e la curiosità dei nostri lettori. Al prossimo numero ed ancora Buone Feste a tutti voi!!! Le Imprese di Onoranze Funebri presenti nelle pagine successive, danno la loro disponibilità ai colleghi per il disbrigo pratiche, documenti, trasporti e/o altri servizi garantendo serietà e professionalità, al pari di tutte le Imprese aderenti a O.F.Italia e visibili sul Volume e sul portale web dedicato A G A Z 4 5

4 Toscana, cremazioni off-limits La difficile situazione del territorio regionale. Impianti insufficienti. Dott.ssa Katia Catassi Grave, anzi gravissima la situazione dei forni crematori in Toscana e l utenza, laddove non può permettersi di sostenere i costi extra di un viaggio, (spesso anche fuori regione per cremare un proprio caro), abbandona questa scelta suo malgrado. Ma in risposta a ciò, mancano gli spazi per le inumazioni ed acquistare una tomba in muratura equivale per le famiglie ad un terremoto finanziario. E allora che fare? Dott.ssa Catassi Katia Presidente Federcofit Regione Toscana Molte imprese funebri Toscane, soprattutto questo anno, si sono scontrate con una triste realtà. Dei forni crematori presenti sul territorio regionale, pochi sono quelli rimasti operativi, tra questi, alcuni non accettano salme provenienti da fuori provincia con il risultato di far aumentare il numero di cremazioni, e di fatto anche la lista di attesa degli altri. Una buona parte delle Imprese funebri toscane sta tristemente toccando con mano la realtà. Una situazione insostenibile, che oltre allo stress psicologico che pesa sui familiari dell estinto, ha visto lievitare il costo delle esequie. Ad incidere c è proprio il viaggio verso l impianto di cremazione e la sosta presso le camere mortuarie che ospitano le salme in attesa di essere cremate, sosta che purtroppo è spesso a pagamento. Facendo un viaggio tra le città della Toscana questo è il quadro che ci appare. -Massa: impianto operativo, ma risponde soltanto alle necessità dei propri cittadini; -Pisa: impianto non operativo da alcuni anni e non si prevede nulla di nuovo all orizzonte; -Firenze: impianto operativo ma risponde alle richieste dei propri cittadini, a quelle dei comuni limitrofi e naturalmente a quelle dei propri soci Socrem; -Pistoia: impianto momentaneamente non operativo, la sua riapertura è prevista entro fine dicembre 2012; -Siena: impianto non operativo, peccato non ci sia nessuno a gestirlo, era l unico forno in Toscana dove potevano essere portati anche i feretri provenienti dalle estumulazioni straordinarie, (quelli con lo zinco/doppia cassa); -Livorno: impianto operativo, ma da gennaio 2012, dato il forte aumento delle richieste dalle città limitrofe, ha cessato di accettare salme da fuori provincia, troppo alto il numero di cremazioni che si stava prospettando. Accetta i propri cittadini, i propri soci Socrem e le imprese funebri che avevano vecchie convenzioni in essere con lo stesso ( ma pare soltanto fino a fine anno); -Arezzo: impianto operativo, ma dato che al momento risponde alle esigenze di oltre mezza Toscana ha lunghi tempi di attesa. Ma possibile che nel terzo millennio, con le cremazioni in aumento vertiginoso la situazione sia così paradossale? Come spiegare alle famiglie di Pisa, di Lucca, o di Carrara, (ho citato queste tre solo per fare riferimento ad un triangolo attualmente in forte disagio), che per cremare un loro caro devono necessariamente andare ad Arezzo nei tempi e nei modi previsti dal forno? Sì, perché i viaggi al forno alla fine saranno due: il primo quando l impresa trasporta il feretro, ma poi bisogna necessariamente tornare all impianto per ritirare l urna, perché c è l attesa!! Ed ecco allora paventarsi davanti alla famiglia una stanza piena di feretri... in fila! Alla luce di ciò, molte famiglie informate dalle imprese funebri sulla reale situazione, decidono di cambiare strada. Molte optano per l inumazione, sempre che i cimiteri di destinazione abbiano ancora lo spazio per poterla permettere. Quale potrebbe essere un ottima soluzione, una valida alternativa per le famiglie? Recentemente abbiamo parlato dei loculi areati, (vedi articolo O.F. Magazine di agosto e di novembre), e qualche giorno fa, abbiamo partecipato all inaugurazione presso il Cimitero di Soffiano a Firenze, della messa in opera degli stessi. Soffiano è la prima struttura ad aver optato per questa scelta, ci dobbiamo augurare che altre amministrazioni comunali e ASL, si impegnino affinché ci sia una soluzione valida alle inumazioni, ma soprattutto per far si che le famiglie possano assicurarsi una tomba in muratura o un colombaro/loculo a prezzi accessibili. Oggi l acquisto del diritto a sepoltura in muratura rappresenta per il bilancio delle famiglie un vero dissesto economico. 6 7

5 8 9

6 10 11

7 Cronache Italiane La Redazione Bergamo Si discute sul reparto cimiteriale islamico Lettera pubblicata su Bergamonews.it: Egregio Direttore, mi permetto di inviare questa lettera per dare un piccolo contributo alla discussione che in queste ultime settimane si è accesa sul tema dell apertura del cimitero islamico di Colognola. Premetto che non è mia intenzione entrare nel merito delle questioni amministrative o legali in corso, né tanto meno esprimere un giudizio politico sulla questione. Da semplice cittadino, dopo aver letto tanti articoli e commenti, voglio esprimere una mia considerazione sul problema. È una questione di civiltà, umanità e giustizia ha ribadito il sindaco Tentorio. Vi sono i diritti in gioco ha scritto il Vice Presidente Acli di Bergamo. Numerosi giornalisti parlando del funerale del piccolo Yasin (seppellito grazie ad una deroga del sindaco nel cimitero di Colognola) hanno titolato Yasin, simbolo del dialogo. I genitori del piccolo Yasin hanno detto che si può vivere uniti e in pace anche se di religioni diverse e poi ancora è ora che ci si renda conto che questa è l Italia e che l amore vince su tutto, anche sugli scontri tra religioni e battaglie politiche. Sono frasi molto belle e toccanti queste che ho appena riportato, sono frasi che partono tutte da un presupposto: gli islamici non possono seppellire i propri cari in Italia e soprattutto a Bergamo. Commentando la presenza al funerale dell Assessore ai servizi sociali, il Presidente della Comunità Islamica Bergamasca, a conferma di quanto sopra riportato, ha detto: Per noi la convenzione non può aspettare. Ci vediamo costretti a portare le salme dei nostri morti nei paesi d origine, ma si tratta di cittadini italiani, le cui famiglie vivono qui da anni. E se questo presupposto fosse falso? E se l apertura di una sezione speciale del cimitero islamico in Colognola fosse un privilegio e non un diritto? Mi spiego meglio. Tutti i cimiteri di Bergamo e d Italia non sono cimiteri cattolici, sono cimiteri civici dove possono essere seppellite tutte le persone senza distinzione di origine, di cittadinanza e di religione. Pertanto in tutti i reparti del Cimitero Monumentale e degli altri due (Grumello e Colognola) i musulmani possono oggi, ma anche ieri essere tranquillamente seppelliti. E quindi dove è il problema a Bergamo? È forse impedito a qualcuno che abbia una religione diversa dalla cattolica di seppellire i propri cari? Non mi risulta. E allora come mai nasce questo equivoco? Come mai si fanno affermazioni tanto toccanti quanto fuorvianti? Per difendere una idea o un progetto, dico io, che è tutto il contrario dell ideale di integrazione che gli stessi rappresentanti della comunità musulmana vogliono far credere. Infatti la legge italiana dà facoltà e non obbligo ai Comuni di istituire all interno dei cimiteri civici delle sezioni speciali per i non cattolici, forse nella convinzione che l integrazione si può conseguire anche condividendo gli spazi all interno dei cimiteri, senza creare particolari delimitazioni. In ogni caso, tutte le regole del cimitero civico e sottolineo tutte, devono essere rispettate anche nelle sezioni speciali, in quanto parti integranti del cimitero stesso. Il fatto che la Comunità Islamica di Bergamo, per esempio, abbia espressamente voluto e ottenuto un accesso con una porta distinta rispetto all entrata utilizzata da tutti mi fa pensare che non ci sia una volontà di integrazione ma invece una volontà di distinzione e separazione rispetto alla nostra comunità. Le istituzioni devono quindi assecondare tale rivendicazioni? E più in generale noi tutti intesi come comunità dobbiamo accettare, per paura di essere tacciati di razzismo, tale visione di integrazione? Io penso di no, penso invece che le tematiche dell integrazione debbano essere strettamente collegate al rispetto delle regole (che debbono valere per tutti ), al principio dell equità e al principio che i fondamenti delle nostra cultura e del nostro stare insieme non possono essere derogati per i desideri di alcune minoranze. R. Cadonati 12 13

8 ROSSANO Il Comune interviene contro le imprese funebri che hanno fatto vergognare il Paese delle licenze di agenzia di affari per il disbrigo di pratiche di onoranze funebri in capo ai titolari delle società coinvolte nei fatti denunciati pubblicamente e come notificato formalmente in tarda mattinata ai Sindaci di Rossano e di Crosia, al Prefetto, al Questore ed alla Procura della Repubblica. Turbato dalla gravità della vicenda e ribadendo la condanna ferma dell Amministrazione e dell intera comunità per il disumano sciacallaggio subito dalle vittime, dalle loro famiglie, dai presenti e dalla stessa dignità di una Città che non si sente affatto rappresentata dai comportamenti di singoli barbari e incivili il sindaco Antoniotti, che è da giorni in stretto contatto con l Arcivescovo di Rossano-Cariati Mons. Santo Marcianò per la condivisione della data di lutto cittadino riconferma la massima solidarietà dei rossanesi e di tutto il territorio all operosa comunità rumena doppiamente colpita, nel dolore della morte dei propri connazionali e nella stessa dignità di esseri umani. MARSALA - Chiesto un sistema di videosorveglianza cimiteriale Comunicato del Comune di Rossano sui vergognosi fatti accaduti alcune settimane fa: L immagine di Rossano è stata infangata, su tutti i media nazionali, in questi giorni, a causa di comportamenti che rappresentano quanto di più indegno possa verificarsi in una società civile. Quanto accaduto nella notte di sabato 24 sul luogo del gravissimo incidente ferroviario che ha cancellato le vite di 6 lavoratori, distruggendo per sempre altrettante famiglie, è senza alcun dubbio una delle pagine più buie della storia prestigiosa e civile di questa Città. Con la massima fermezza, interpretando il sentimento diffuso nella stragrande maggioranza dei rossanesi, il Sindaco e l Amministrazione Comunale della città cosentina hanno espresso la più ferma e dura condanna per quanto accaduto, deplorando sin da ora quanti, all esito delle indagini in corso, dovessero risultare diretti ed effettivi responsabili di gesti e azioni che di umano non hanno nulla. Non è tollerabile ed accettabile affermano dall Amministrazione che possa esservi tanto vergognoso disprezzo dei defunti, dei loro corpi, del dolore dei famigliari e della stessa sensibilità e commozione di una comunità profondamente colpita da una tragedia, come quella di sabato scorso, che tocca e non può non toccare indistintamente tutti. La particolare situazione venutasi a creare sabato 24, nell immediatezza dell arrivo dei soccorsi ed alla presenza delle forze dell ordine, così come denunciato in atti formali, ha determinato turbamento e concrete minacce all ordine pubblico, con la commissione di atti punibili penalmente e che hanno generato e generano nella collettività paura e disagi. Per queste ragioni, d intesa con il Prefetto di Cosenza Raffaele Cannizzaro, con la Questura di Cosenza Commissariato di Pubblica Sicurezza di Rossano guidato dal Dirigente Raffaele De Marco e la Compagnia dei Carabinieri guidata dal Capitano Francesco Panebianco, gli uffici comunali stanno provvedendo in queste ore a perfezionare i provvedimenti di sospensione del Tulps Sono numerosi i furti e gli scippi all interno delle mura del cimitero, e così il Consigliere comunale di Marsala Pino Carnese, ha deciso di indirizzare un interrogazione al sindaco, al Presidente del Consiglio e all assessore preposto su questa preoccupante situazione. È assurdo che nel cimitero di Marsala dichiara Carnese non si può più commemorare i propri cari, senza correre il rischio di essere molestati o di essere scippati. Com è anche assurdo che non si può depositare sulla tomba qualche fiore nel ricordo di un familiare, di un parente, di un amico o di un conoscente perché spesso viene rubato. Il Consigliere del Pdl (gruppo misto), vorrebbe sapere se il sindaco e la Giunta, intendono intervenire con tempestività per la sicurezza del cimitero, istallando magari un sistema di video sorveglianza per scongiurare il ripetersi degli atti e per individuare gli autori; collocando lungo i viali, appositi pulsanti per la chiamata urgente del personale e cartelli che rendano facilmente individuabile l ufficio degli operatori addetti; adottando un diverso sistema per l avviso al pubblico circa la chiusura del cimitero. Inoltre, per quanto riguarda la pulizia afferma Pino Carnese, è necessaria una potatura generalizzata degli alberi e della vegetazione esistente e delle migliorie per rendere meno scivolosi i percorsi dove ci sono le scale

9 16 17

10 Anche quest anno sta giungendo al termine... Anche il 2012 sta giungendo al termine: un anno che ci ha visti protagonisti di eventi importanti e progetti che speriamo troveranno la loro concretezza nel Dott. Giuseppe Bellachioma La nostra Federazione, con l impegno di tutti, ma anche con alcune note dolenti, ha vissuto una stagione di enormi soddisfazioni che hanno trovato la loro massima espressione nel Congresso che è stato celebrato lo scorso 8 di giugno nel Palazzo delle Fontane a Roma. Il coraggio di affrontare nuove sfide, la forza di confrontarsi a tutti i livelli nazionali e internazionali e quel pizzico di incoscienza che non guasta mai, quando mai ci si accontenta, ci hanno portato ad assumere un ruolo di primissimo piano nella funeraria italiana. Da cosa nasce cosa e dalle luci di un congresso a dir poco meraviglioso per forme e contenuti ci siamo ritrovati a settembre a dover dimostrare che alle parole sarebbero seguiti i fatti.. e i fatti sono seguiti. Il documento programmatico firmato tra Federcofit e Feniof che stabilisce i principi guida verso una collaborazione a dir poco innovativa è stata la condizione fondamentale per avviare il progetto di riunificazione delle Federazioni che l intero comparto si auspica e di cui ha indiscusso bisogno. Altrettanto importante e significativa è stata la risposta di tutto il mondo funerario alla genesi del Consiglio Superiore Nazionale che ha visto sin da subito la partecipazione attiva e attenta di ogni realtà associativa e federativa e di tutte quelle componenti non aggregate che hanno portato un ricco contributo di esperienza e di sinergie all intero organismo. La legge nazionale, le leggi regionali, la comunicazione e soprattutto la voglia di innovare, di fare sinergia, sono i temi principali del Consiglio Nazionale la cui genesi ha anche lo scopo del confronto diretto, della discussione ma soprattutto della realizzazione di tutti quei obiettivi che in passato non sono stati perseguiti causa il prevalere di interessi di parte e logiche personalistiche che male hanno fatto a tutto il comparto funebre I cambiamenti sono inevitabili non possiamo fermare ciò che sta cambiando.. possiamo solo cambiare noi stessi e le logiche superate verso un cammino nuovo per la funeraria italiana. Certo non e tutto oro quello che luccica e con animo sereno ma velato di una leggera tristezza devo constatare che su alcuni aspetti non tutto è stato fatto o meglio di piu poteva esser fatto. Mi riferisco alla difficoltà di mantenere posizioni di bilancio riguardo le quote associative che hanno un po deluso le aspettative e altresì una carenza di partecipazione da parte dei componenti degli Organi della Federazione agli appuntamenti importanti quali la Presidenza e il Consiglio nazionale della federazione che hanno generato poi una mia presa di posizione forte richiamando tutti alle proprie responsabilità ed agli impegni presi soprattutto nel rispetto di coloro che con passione e spirito di sacrificio hanno portato con impegno e passione valore aggiunto per il bene di tutti. A tutti gli associati che non hanno ancora rinnovato l adesione dico: fatelo subito! Dovete essere partecipi e dare il vostro contributo ad una grande azione per l intero settore: quella che è partita con il Congresso di Roma. La speranza è che il 2013 sia un anno in cui la consapevolezza di esser diventati grandi porti ancora più stimolo ed entusiasmo in ognuno di noi e ci proietti seriamente verso obiettivi che fino a pochi anni fa sembravano pindarici e irraggiungibili. A voi tutti un augurio dal profondo del mio cuore di un Natale sereno e di gioia e di un anno nuovo ricco di soddisfazioni personali e collettive.. Con stima e altrettanto affetto porgo i miei auguri più sinceri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo agli amici di Feniof e, senza bisogno di citarli tutti, a tutte le associazioni, i gruppi produttivi, gli imprenditori, le riviste e le organizzazioni fieristiche che insieme a noi hanno deciso di intraprendere un percorso comune di cui tutti dobbiamo esser onorati e assolutamente fieri. Un abbraccio a tutti voi Giuseppe Bellachioma Presidente Federcofit 18 19

11 Il legno: fin dall antichità è stato il primo materiale che l uomo ha usato per costruire e proteggersi. Ecologico, rinnovabile e biodegradabile al 100%, il legno è una risorsa naturale che ha delle caratteristiche che lo rendono unico e insostituibile. Vallevaraita Del Bosco Società Cooperativa Via Rossana Piasco(CN) Tel Fax EUROPAG spa Via Fante d'italia Giavera del Montello(TV) Tel F.A.C. F.LLI RESMINI srl Via Castel Ronzone, Lurano(BG) Tel Fax FERRARI spa Via Marzan Peschiera del Garda(VR) Tel Fax GRUPPO URCIUOLI snc di Fulvio Urciuoli & C. Zona Industriale Pianodardine Avellino(AV) Tel Fax INDUSTRIA DEL LEGNO PINO SPAGNOLETTI srl Via Bari Località Ponte Giovinazzo(BA) Tel Fax LOMBARDA LAVORAZIONE LEGNO srl Via Milano, 44 - Frazione Mandolossa Gussago(BS) Tel Fax LORANDI spa Via A. Vespucci 7/ Nuvolera(BS) Tel Fax ROTASTYLE srl Via Ghiaie Presezzo(BG) Tel Fax SCACF spa Località Pitigliano 23/ San Giustino(PG) Tel Fax STRAGLIOTTO spa Via Bassano Rossano Veneto(VI) Tel Fax MARCO GHIRARDOTTI Presidente Assocofani ASSOCOFANI 20 21

12 22 23

13 24 25

14 I Sikh e la morte Dall India attraverso meditazione, filosofia e religione. Dott. Antonio Fiori Da alcuni anni alcune comunità Sikh si sono stabilite anche in Italia, prevalentemente immigrati dal subcontinente indiano, e al giorno d oggi sono circa i fedeli di questa religione che vanno a comporre la seconda comunità Sikh più grande d Europa dopo il Regno Unito. Nel nostro paese sono presenti circa 33 edifici per il culto sikh (i Gurdwara), il più antico si trova a Novellara, l estate dello scorso anno è stato inaugurato a Pessina Cremonese il più grande tempio sikh d Italia, uno dei più grandi d Europa. I Riti Il termine Sikh significa discepolo, i Sikh credono in un solo Dio e negli insegnamenti dei dieci maestri (i Guru), contenuti nel Shri Guru Granth Sahib ji, il libro sacro dei Sikh, questo fu compilato e curato nel 1604 dal quinto Shri Guru Arjan dev ji, si tratta dell unica scrittura al mondo che è stata redatta dai fondatori di una religione nel corso della loro stessa vita. Questo culto è stato fondato da Shri Guru Nanak ji, nato nel 1469, insieme ai nove Guru che gli sono succeduti un magnifico esempio di vita spirituale. Il decimo e ultimo Guru, Shri Guru Gobind Singh ( d.c.) nel 1699 diede un identità distintiva ai Sikh introducendo la cerimonia del battesimo. I primi cinque Sikh battezzati furono chiamati Panj Pyare (i cinque diletti), questi a loro volta battezzarono il Guru su sua richiesta, un evento fino a quel momento mai verificatosi nella storia dell umanità. Alla sua morte Guru Gobind Singh stabilì che l ultima autorità spirituale dei sikh fosse il Shiri Guru Granth Sahib ji e che il potere temporale fosse attribuito alla comunità dei Sikh, la Khalsa Panth. Le cerimonie più rilevanti ed importanti per i Sikh sono quelle associate all esistenza umana, come la nascita, l attribuzione del nome al bambino, il battesimo (Amrit), il matrimonio (l Anand Karj) e il funerale. La religione Sikh considera la morte come un evento naturale attribuibile alla volontà divina, non sono ben viste infatti le manifestazioni eccessive del dolore durante le cerimonie funebri, inoltre è proibito il culto dei morti attraverso lapidi e immagini, il corpo non è altro che un involucro per l anima che viene liberata una volta sopraggiunta la morte per raggiun

15 gere il creato e congiungersi con Dio. La morte è un atto di Dio e deve essere accettata senza remore, tutti gli inni e le commemorazioni del rituale oltre ad aiutare l anima a liberarsi dai vincoli della reincarnazione e diventare una cosa sola con Dio, servono anche a convogliare le emozioni e i pensieri verso il Supremo e a ricordare la fugacità dell esistenza umana. Il corpo del defunto viene lavato, vestito e successivamente collocato in una bara, accanto ad esso vengono solitamente posizionati alcuni oggetti dall alto valore simbolico per i Sikh: un bracciale di ferro (Kara), un coltello (Kirpan) che rappresenta la compassione e il compito di difendere la verità, un pettine (Kangha), un intimo (Kachera) e una ciocca di capelli lunghi non tagliati (Kesh). La veglia solitamente avviene in casa o in un luogo di culto, qui tutti i presenti, per consolare i famigliari, reciteranno senza sosta per quarantotto ore le Scritture insieme a loro, la lettura continuerà poi anche nei dieci giorni successivi fino a leggere l intero libro sacro. In seguito il corpo verrà cremato (pratica più diffusa) oppure sepolto, per il rito funebre gli uomini indosseranno un velo nero, mentre per le donne sarà bianco, prima della cremazione si prega e vengono intonati inni sacri per sancire una sorta di distacco dal triste evento e favorire la separazione dell anima dal corpo, un famigliare ha il compito di dare fuoco alla pira funebre mentre il resto dei presenti continua le preghiere e i canti, le ceneri verranno successivamente disperse in un canale o nel fiume più vicino. Avvenuta la cremazione del corpo, i famigliari ritornano a casa e proseguono le letture e i canti insieme al resto del presenti, tutti si lavano in segno di purificazione, mentre per purificare l intera casa viene accesa una candela di ghee (una sorta di burro) e cotone, i vicini si occupano di preparare il pasto per i famigliari. Il lutto durerà al massimo cinque settimane, al primo anniversario della morte la famiglia dovrà recitare una preghiera e preparare un pasto cerimoniale, un modo commemorare e ricordare il defunto

16 30 31

17 La festa di Yule Dalle tradizioni Germanica e Celtica per commemorare il solstizio d inverno Dott. Antonio Fiori Si tratta di una ricorrenza precristiana che veniva celebrata intorno al 21 dicembre nell emisfero settentrionale e introno al 21 giugno in quello meridionale, nonostante siano numerosi i riferimenti a Yule nelle saghe islandesi, scarseggiano i documenti circa la natura delle celebrazioni Tradizioni Il solstizio d inverno è prima di tutto un evento astronomico, il sole (nel suo moto apparente), raggiunge il punto più basso sull orizzonte e la sua traiettoria in cielo appare più breve, tutto questo accade nel periodo che va dal 21 al 25 dicembre, è permette il verificarsi del giorno più breve e, di conseguenza, della notte più lunga dell anno, dopo di questa le giornate ricominciano poco alla volta ad allungarsi. L origine della parola Yule non è chiara, alcuni linguisti ritengono abbia una derivazione norrenica, più precisamente da Hjól (ruota), con riferimento al fatto che, nel solstizio d inverno, la ruota dell anno si trova al suo estremo inferiore e inizia a risalire. Atri suggeriscono invece che Jól derivi dalle lingue germaniche, più precisamente da un substrato linguistico pre-indoeuropeo. Nei linguaggi scandinavi, il termine Jul ha entrambi i significati di Yule e di Natale, talvolta viene anche usato per indicare altre festività di dicembre. Il termine si è diffuso anche nelle lingue finniche per indicare il Natale (in finlandese Joulu), nonostante tali lingue non siano di ceppo germanico. Lo Yule era caratterizzato da un periodo di riposo e danze, che in Islanda continuò a essere celebrato per tutto il medioevo, fino all epoca della riforma. Durante le celebrazioni veniva spesso sacrificato un maiale per onorare del dio norreno Freyr, questa usanza in particolare è giunta fino ai giorni nostri restando nella tradizione della cultura scandinava, dove a Natale si consuma carne di maiale. La ricorrenza celebrava la nascita del Sole Bambino, il figlio divino, il nuovo sole che ri-

18 porterà la Luce in un intrecciarsi di significati quali la speranza, la rigenerazione e la sconfitta delle tenebre. Festa di Luce e di allegria pervasa dallo spirito della rinnovata certezza di calore e prosperità, in questo giorno infatti il Vecchio Dio Sole si sacrificava e cedeva il suo trono al Sole Bambino, nato dal grembo oscuro e notturno della Dea, la Luce che nasce dall Ombra dunque, questa nascita era soprattutto una promessa, ovvero il ritorno delle energie in primavera ed estate, queste garantiranno fecondità alla terra e sostentamento agli uomini. Yule veniva celebrato attraverso il fuoco, un ceppo di quercia decorato con aghi di pino e pigne e poi bruciato per simbolizzare il ritorno del sole, un pezzo di ceppo veniva però salvato e tenuto durante l anno per proteggere la casa. I bambini si recavano nelle altre case per regalare mele speziate ai chiodi di garofano e arance pieni di chiodini infilati nella buccia, che tenevano in cesti di rami di pino insieme a dei gambi di grano ricoperti di farina. Le arance e le mele rappresentavano il sole, i rami l immortalità e il grano simboleggiava il raccolto. Infine la farina era la consapevolezza del trionfo, della luce e della vita. Ma lo Yule è stato ripreso come una delle principali festività del neopaganesimo, alcune tradizioni, riscoprendo le antiche spiritualità pagane, celebrano la morte dello Holly King (Re agrifoglio che simbolizza l anno vecchio ed il sole al declino), per mano del suo successore Oak King (Re Quercia), che simboleggia l anno nuovo ed il sole, in altre tradizioni si celebra la nascita del nuovo dio Sole, il rituale tradizionale prevede una veglia celebrata dal tramonto all alba successiva per assicurarsi che il sole sorga nuovamente. Questa festività pagana pare abbia molti punti in comune con la festa del Natale, sembra infatti che tutto ebbe inizio quando i missionari iniziarono la conversione dei popoli germanici, per fare questo dovettero adattare alla tradizione cristiana numerosi simboli e feste locali, e così lo Yule venne convertito in Natale, mantenendo però alcune sue tradizioni originarie. Il Natale stesso sarebbe la versione cristiana della rinascita del sole, fissato al 25 dicembre da Papa Giulio I ( ) con il duplice scopo di celebrare Gesù e allo stesso tempo creare una celebrazione alternativa alla più popolare feste pagane diffuse in quasi tutta l Europa. La festa di Yule venne quindi adattata al Natale, mantenendo però alcune delle sue tradizioni originarie, alcuni simboli del Natale sarebbero quindi derivati dallo Yule, come l uso decorativo del vischio e dell agrifoglio e l albero di Natale. Così come gli alberi da frutta, anche i sempreverdi sono un elemento fondamentale delle celebrazioni del solstizio invernale. L albero sempreverde, che mantiene le sue foglie tutto l anno, è un ovvio simbolo della persistenza della vita anche attraverso il freddo e l oscurità dell inverno

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Art.61 Oggetto e finalità 1. Il presente Capo disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Tel. 0122/755955 Fax 0122/755935 COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE DI CESANA PROVINCIA DI TORINO Via Principale 25 C.A.P. 10054 E-mail info@comune.sauzedicesana.to.it Allegato alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di MOMBELLO MONFERRATO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO II

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera C.C. n. 32

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di OZZANO MONFERRATO Via S. Maria nr. 1 Cap.15039 Ozzano Monferrato Tel. 0142/487153 Fax 0142/487038 Servizio Cimiteriale REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 53 del 13 ottobre 2003 ART. 1 ESERCIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

«Salus populi suprema lex esto» (Cicerone)

«Salus populi suprema lex esto» (Cicerone) INTERVENTO PER LA POSA DELLA PRIMA PIETRA DELLA NUOVA CASERMA DEI CARABINIERI DI OGGIONO 14 MARZO 2010. «Salus populi suprema lex esto» (Cicerone) In questa splendida giornata, in cui anche il clima dopo

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Le successioni Successioni, iter di gestione Disposizione dei beni acquisiti in via successoria I rapporti con un Beneficiario psichiatrico Il supporto

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA

IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA Degna Sepoltura Il primo portale in Italia sui funerali www.degnasepoltura.com/blog 1 Indice 1) Introduzione...3 2) Lista dei servizi e utili consigli...3 2-a) Mezzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6055 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ALTEA Norme in materia di cremazione dei defunti Presentata il 20 maggio 1999 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento sala del commiato Approvato con D.C.C. n. 82 del 29/12/2011 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto il complesso delle norme

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE

CARTA DEI SERVIZI TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE CARTA DEI SERVIZI TRIBUNALE ORDINARIO DI FIRENZE LA CARTA DEI SERVIZI DEL TRIBUNALE DI FIRENZE Sommario PRESENTAZIONE DELLA CARTA... 4 INTRODUZIONE ALLA CARTA DEI SERVIZI... 5 IL PROGETTO REGIONALE E LA

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. Approvato con Delibera C.C. n. 75 del 30/10/2007 IN VIGORE DAL 17/11/2007 Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 18/2009 (Atti del Consiglio) Modifiche alla legge regionale 4 aprile 2007, n. 18 (Disciplina del trasporto di salme e di cadaveri). ***************

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli