PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI NOVEMBRE 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI NOVEMBRE 2005"

Transcript

1 DISTRETTO 2030 Anno 7 NUMERO 72 ottobre 2005

2 PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI NOVEMBRE 2005 Mercoledì 2 Novembre Riunione annullata e posticipata a Sabato 5 Novembre. Sabato 5 Novembre Riunione conviviale presso il Ristorante Cà Brusà, Loc. Manzoni 25, Monforte d Alba (Cn) - ore 13,00. Relazione del Dott. Remo Gattiglia, Assistente del Governatore per il gruppo Langhe e Roero, sul tema La storia e le caratteristiche delle Langhe. Mercoledì 9 Novembre Riunione annullata e posticipata a Venerdì 11 Novembre. Venerdì 11 Novembre Serata conviviale Interclub in onore delle Forze Armate con R.C. Genova Ovest, R.C. Rapallo Tigullio e R.C. Chiavari Tigullio. Hotel Portofino Kulm - ore 20,00. Relazione del Gen. C.A. Goffredo Mencagli sul tema L Arma dei Carabinieri, la formazione del personale e le missioni all estero. Mercoledì 16 Novembre Riunione conviviale - Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Visita ufficiale del Governatore Distrettuale Dott. Luigi Salvati. L incontro con il Governatore è programmato come segue : ore 17,30 incontro con il Presidente ed il Segretario; ore 18,45 incontro con i membri del Consiglio Direttivo e i Presidenti di Commissione; ore 19,30 incontro con i Soci entrati nell ultimo anno. segue aperitivo e conviviale. Si raccomanda la presenza dei Coniugi e la prenotazione in segreteria. Mercoledì 23 Novembre Riunione conviviale - Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Relazione dell Ing. Giorgio De Maestri, Amministratore Delegato di Genova Sviluppo, sul tema Il recupero delle aree industriali dismesse : un opportunità di sviluppo per la città. Mercoledì 30 Novembre Riunione conviviale - Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Relazione del Prof. Umberto Valente, direttore del Centro Trapianti dell Università di Genova, sul tema Stato attuale delle donazioni e trapianti d organo in Italia ed in Europa. Per le riunioni in sede (Jolly Hotel Plaza), se non specificatamente richiesto, vale la regola generale del Club secondo la quale i Soci sono invitati a preavvertire la Segreteria solo in caso di assenza. In mancanza si intenderanno presenti. Pertanto il mese di novembre occorrerà prenotarsi per le riunioni del 5, del 11 e del Segreteria del Club - Genova, Corso Armellini 15 Telefono e Fax E Mail :

3 LETTERA DEL GOVERNATORE - NOVEMBRE 2005 Cari amici, Novembre, mese della Rotary Foundation. Si tratta, sicuramente, del periodo più significativo dell anno rotariano, durante il quale più puntuale deve essere l attenzione ed il sostegno alla Fondazione, moltiplicando le energie e l impegno di noi tutti per non cedere neppure di passo rispetto ai risultati conseguiti negli anni precedenti, ma anzi, avanzando per ottenere nuovi primati. È quanto è stato sottolineato nel Seminario distrettuale della Rotary Foundation svoltosi lo scorso 24 settembre a Chiavari, presso il Centro Benedetto Acquarone del Villaggio del Ragazzo di Don Nando Negri e che ha visto succedersi interessanti e approfonditi interventi del Past Chairman della Fondazione Carlo Ravizza (le trasformazioni del Fondo di dotazione), di Filippo Maria Pirisi, Presidente per la Zona 12 del R. I. della Fondazione (Conoscenza e informazione sull utilizzo dei fondi) e, infine del Presidente della Commissione Distrettuale Roberto Napolitano (le contribuzioni ed i meccanismi di finanziamento dei progetti). Ebbene, cari Presidenti e Amici tutti dei Club del Distretto 2030, cerchiamo, anche quest anno di essere all altezza della nostra fama di generosità e di capacità di servizio in tutte le attività che fanno capo alla Fondazione. E, in questo settore, dovremo coinvolgere sempre più i nostri Club giovanili. Io ho avuto il piacere di partecipare all Assemblea Distrettuale del Rotaract, svoltasi a Genova il 1 ottobre scorso, e posso assicurarvi che l entusiasmo, la determinazione e l organizzazione dei Rotaractiani e del loro Delegato Distrettuale Riccardo Perinetto possono essere veramente di esempio per fare Rotary. Dopo questi richiami a eventi significativi, consentitemi di dedicare alcune considerazioni alle esperienze che sto facendo visitando i Club. Alla data del 6 ottobre, quando ho sospeso le visite per dedicarmi alla partecipazione alle manifestazioni del Premio Galileo Galilei a Pisa ed al Rotary Institute di Lille, avevo già incontrato i Dirigenti ed i soci di 32 Club e, devo dire che ho avuto delle piacevoli sorprese. Ho trovato alcuni Club ben organizzati, con programmi già definiti e con perfetta consapevolezza dell alto valore della missione che oggi, sempre più, si chiede ai rotariani. Ma una cosa vorrei ricordare a tutti: l esigenza che l informatizzazione sia estesa sempre più in quanto ciò consente non solo la velocizzazione dell informazione ma, anche, una notevole riduzione di costi per esempio, nella stampa e spedizione del notiziario dei Club. Infine consentitemi di ricordarvi che, oltre al Seminario, riservato agli addetti ai lavori, sulla Leadership Distrettuale del prossimo 19 novembre a Torino organizzato dal PDG Viale nella stessa città, il 3 dicembre p.v., si terrà un convegno sull Alfabetizzazione con la presentazione dei progetti della Commissione presieduta dal PDG Vinciguerra. In definitiva, cari Amici, abbiamo molto da lavorare: cerchiamo di farlo con buona volontà ed entusiasmo dimostrando di essere dei buoni rotariani. Luigi 3

4 GLI INCONTRI DEL CLUB Mercoledì 5 Ottobre Riunione interclub con Rotary Club Genova Ovest Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Incontro con il Sindaco di Genova Prof. Avv. Giuseppe Pericu. PRESENZE SOCI : Amoretti, Bagnasco, Benedetti, Bruni, Dodero, Faganelli, Fuselli, Gazzano, Gotelli, Gramatica, Grimaldi, Gualeni, Iachino, Icardi, La Luce, La Terra, Marconi, Melchiori, Natoli, Panfili, Parodi Adriana, Parodi Annamaria, Raucci, Romeo, Roncallo, Sarpero, Savioli, Spadolini, Tomaselli, Vassallo, Viale. PERCENTUALE PRESENZE SOCI (30/58) = 52 % CONIUGI : di Iachino, Parodi Adriana, Vassallo. OSPITI DEI SOCI : di Bruni il Dott. Giovanni Merella. VISITATORI ROTARIANI : Il Presidente del RC Chiavari Tigullio Giovanni Cereda. Resoconto della serata La serata conviviale, in Interclub con il RC Genova Ovest, ha inizio con i saluti di benvenuto, da parte di entrambi i Presidenti, Cervetti del RC Genova Ovest e Iachino del RC Golfo di Genova, all illustre ospite e relatore della serata, il Sindaco di Genova Prof. Avv. Giuseppe Pericu, nonché ai numerosissimi intervenuti: ospiti dei Club e dei soci, visitatori rotariani, coniugi e soci stessi. I due Presidenti prendono quindi la parola a turno, per informare ciascuno i propri soci delle iniziative in corso e dei futuri programmi del Club da loro presieduto: per quanto concerne il RC Golfo di Genova, il Presidente Iachino ricorda gli importanti appuntamenti di ottobre, e in particolare sottolinea il rilievo della riunione in Interclub con il RC Genova Ovest del 26 p.v., con l incontro sul tema Il cancro: trattamenti convenzionali e non, che vedrà la partecipazione di prestigiosi relatori italiani e stranieri. Dopo la cena, il Presidente del RC Genova Ovest Cervetti introduce il relatore della serata riassumendone il ragguardevole Curriculum Vitae, dal quale emerge l alto livello dell impegno e l importanza dei risultati conseguiti dall Avv. Pericu sia in ambito professionale e accademico, sia nella partecipazione alla vita politica di Genova e dell intero Paese. Cede quindi la parola allo stesso Sindaco Avv. Pericu, il quale, dopo aver ringraziato i RC Genova Ovest e Golfo di Genova per l invito a discutere dei problemi e delle prospettive future della città, illustra con onestà intellettuale e rigore espositivo il quadro della situazione della città di Genova, collocandolo da un lato nella peculiare realtà locale, inserendolo dall altro all interno del più ampio e condizionante scenario non solo italiano, ma anche europeo e ormai mondiale. In apertura del suo intervento, il Sindaco non nasconde la tendenza negativa della situazione economica complessiva nazionale e internazionale, la quale influisce anche sulle grandi questioni ancora irrisolte ma essenziali per lo sviluppo di Genova, ma parimenti evidenzia la possibilità di interpretare la realtà inquadrandola in una prospettiva positiva, intesa soprattutto a valorizzare le peculiarità della città e del suo ruolo in un contesto più generale. La chiacchierata tocca quindi tutti i nodi 4

5 centrali del presente e del futuro di Genova il porto, i nodi stradali e ferroviari, i trasporti, il piano regolatore, la cultura e il turismo (con il lusinghiero bilancio delle manifestazioni del 2004, anno di Genova Capitale Europea della cultura, la cui immagine come città turistica deve però meglio consolidarsi), l impresa e la ricerca scientifica, fornendo un analisi serena e oggettiva dei problemi più complessi e delle possibili soluzioni in fase di attuazione o in via di studio. Dalla rassegna del Sindaco emerge l immagine di una città senza dubbio condizionata da svantaggi naturali e dal trend negativo dell economia nazionale e internazionale, ma non per questo impossibilitata a trovare soluzioni che, in virtù delle qualità dei Genovesi e delle peculiarità della città e della regione, consentano non solo di affrontare le sfide della globalizzazione e dell internazionalizzazione senza complessi d inferiorità di sorta, ma anche di guardare al futuro con un cauto ottimismo. Al termine dell interessante relazione, dopo il caloroso applauso di ringraziamento dei presenti, si sviluppa un vivace dibattito, al quale prendono parte numerosi soci di entrambi i Club, che sottopongono al Sindaco una serie di domande su temi specifici della situazione di Genova, quesiti ai quali il Sindaco risponde con puntualità e precisione, contribuendo a meglio definire il quadro presentato nel corso del suo intervento. Al termine del dibattito i due Presidenti Cervetti e Iachino ringraziano ancora a nome di tutti i presenti il Sindaco Pericu per la disponibilità e per l interessante relazione, e con il rituale tocco di campana la serata ha termine intorno alle ore PERCHE SOSTENIAMO LA FONDAZIONE ROTARY (Messaggio del Presidente del C.d.A. della Rotary Foundation) Novembre è il mese dedicato dal Rotary alla sua Fondazione. Nei Club di tutto il mondo i rotariani provvederanno alla donazione annuale nell ambito dell iniziativa Ogni rotariano, ogni anno. Perché i Rotariani sostengono la Fondazione donando ogni anno di più? Perché sanno che la Fondazione agisce nel nome degli stessi ideali e principi etici condivisi da tutti i soci: onestà, responsabilità e affidabilità. Sanno che il denaro affidato alla Fondazione finirà dove ce n è più bisogno, per fornire acqua pulita, debellare la polio, prevenire la cecità, istruire i giovani e migliorare il tenore della vita in tutto il mondo. Attraverso la Fondazione ogni Rotariano riesce a partecipare ai progetti realizzati nelle zone più povere del mondo, dove ogni vaccino, ogni scatola di medicinali e ogni zanzariera può fare la differenza tra la vita e la morte. La Fondazione Rotary appartiene a tutti i rotariani. E la nostra Fondazione: conta sul nostro sostegno per sopravvivere e con il nostro aiuto porta sollievo e speranza a chi ne ha più bisogno. Un dono alla Fondazione non manca mai di restituire qualcosa a chi lo fà: la soddisfazione di migliorare il mondo, poco a poco, giorno per giorno. 5

6 Mercoledì 12 Ottobre Riunione con piccola conviviale - Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Riunione di affiatamento. PRESENZE SOCI : Alberti, Bagnasco, Bellin, Bruni, Cecconi, Chiodini, de Concilio, Fuselli, Garaventa, Gazzano, Gotelli, Gualeni, La Luce, La Terra, Marconi, Maresca, Milintenda, Muratori, Parodi Adriana, Piana, Raucci, Romeo, Sanguinetto, Tomaselli, Vassallo, Viano. PERCENTUALE PRESENZE SOCI (26/58) = 45 % Resoconto della serata In assenza del Presidente Iachino, impegnato in un congresso fuori Genova, a fare gli onori di casa è il Vice Presidente, nonché Assistente del Governatore, Alberto Bagnasco, il quale dopo aver dato inizio alla serata con il consueto tocco di campana saluta i soci presenti e cede la parola al Prefetto Emma Tomaselli, che a nome del Club rivolge gli auguri ai soci che nel mese di ottobre festeggiano l onomastico o il compleanno. Ricevuto nuovamente il microfono, il vice Presidente Bagnasco sottolinea l importanza delle riunioni che, come quella odierna, sono destinate non solo a incrementare l affiatamento fra i soci, ma anche e soprattutto a discutere in modo amichevole e informale (ma non per questo meno proficuo) di programmi e iniziative: molto spesso le idee più interessanti nascono, sotto forma di spunti di riflessione, di sollecitazioni reciproche, proprio in serate come questa, che per tale motivo dovrebbero diventare per i veri rotariani appuntamenti non tanto fissi, quanto piuttosto irrinunciabili. Il Vice Presidente dà quindi conto di un importante notizia concernente la nostra socia Anna Maria Faganelli, la quale è stata nominata Difensore Civico della Regione Liguria: i presenti salutano la novità con un lungo applauso. Il Vice Presidente prosegue quindi con le comunicazioni, ricordando gli appuntamenti di ottobre ed alcuni già fissati per novembre e dicembre: in particolare, le riunioni del 26 ottobre, del 5 novembre che avrà luogo a Monforte d Alba, nelle Terre del Barolo e soprattutto il prossimo 16 novembre, la visita ufficiale del Governatore Salvati, nonché il 6 dicembre l assemblea dei soci che dovrà decidere sia lo staff del Presidente eletto Fuselli, sia il suo successore per l anno 2007/2008. Il Vice Presidente propone ai soci intervenuti di interpretare la riunione odierna anche come preliminare a quella del 16 novembre, destinandola cioè ad effettuare una rassegna delle iniziative svolte o progettate nell ambito delle singole Commissioni, chiedendo ai Presidenti o ai componenti delle Commissioni presenti di offrire una breve comunicazione sul lavoro svolto. Infine, nel concludere la prima parte della serata, il Vice Presidente informa che il progetto nato da un idea del nostro socio Edmondo Fresia di sensibilizzare i cittadini e i mezzi di comunicazione sull esistenza e sulle possibilità di utilizzo delle isole ecologiche ha avuto un notevole riscontro a livello degli altri Club, e si sta per trasformare in un progetto di ampio respiro e di sicura importanza per la città e per il territorio: ancora una volta, una conferma del ruolo essenziale che il Rotary può e vuole svolgere a sostegno della società e del prossimo. Dopo la cena, prima di cedere il microfono ai rappresentanti delle varie Commissioni, il Vice Presidente fornisce una fotografia del Club attraverso una veloce disamina dei dati raccolti e analizzati dalla Segreteria e dal 6

7 Consiglio, sottolineando sia i punti di forza per esempio l età media dei soci, che risulta abbastanza bassa, a livello del Distretto, o l equilibrio fra soci e socie, o ancora l assiduità media, che appare positiva sia i punti deboli, o meglio le situazioni che possono essere migliorate con l impegno e l attività dei soci. Prosegue ancora elencando tutti i progetti che il Club ha patrocinato e concretizzato di propria iniziativa, e quelli in cantiere per il futuro; ricorda anche tutti i progetti (a livello locale, distrettuale e internazionale) ai quali il Club ha fornito un contributo, nonché tutti quelli per cui ha già dato la propria adesione, sia in termini finanziari, sia in termini di disponibilità dei soci a collaborare. Tutto questo, conclude, costituirà l ossatura della relazione che il Consiglio presenterà al Governatore in occasione della sua visita ufficiale, e per questo i soci sono invitati fin d ora a contribuire attivamente perché la fotografia del Club appaia il più possibile nitida e riuscita, sottolineando anche come il Presidente Iachino abbia chiesto ai soci, nella sua relazione, un impegno costante e non saltuario. A turno, quindi, il microfono è dato ai Presidenti o ai Componenti presenti delle varie Commissioni, i quali forniscono un riassunto delle iniziative intraprese (o in cantiere) e dei risultati conseguiti: ogni intervento suscita a sua volta interventi, proposte, quesiti e riflessioni da parte di tutti gli intervenuti, in un clima di piena collaborazione e di entusiasmo: la fotografia del Club si va in tal modo arricchendo di particolari, sfumature, tonalità. Alcuni temi di particolare rilievo emersi nel corso del vivace dibattito: l attenzione all ambito professionale dei potenziali nuovi soci, onde evitare l affollamento in determinate classifiche; la possibilità di incrementare l affiatamento dei soci attraverso iniziative di brevi viaggi (a Modena in primavera, per esempio, per visitare la prestigiosa Accademia Militare e la sede della Ferrari a Maranello) e di gite di una giornata come quelle già effettuate ad Entracque e ai Giardini Hanbury; l attenzione per gli eventi di grande rilievo scientifico (il Festival della Scienza), culturale e sportivo (l organizzazione di un convegno sullo sport dilettantistico e professionistico); le novità informatiche (la possibilità di visualizzare sul cellulare il programma del mese o la pagina delle news del sito, e di avere un proprio indirizzo nel dominio - del Club); l incidenza del fattore comunicazione per favorire la conoscenza del Rotary all interno con il ruolo chiave dell Informazione rotariana e all esterno; i numerosi service da implementare o lanciare ex novo. Al termine dell intensa e proficua discussione, il Vice Presidente ringrazia tutti coloro che hanno contribuito al dibattito e alle ore circa, con il consueto tocco di campana ha termine la serata. COOPERAZIONE E CONTINUITA CHIAVI PER IL SUCCESSO (dal messaggio del Presidente Internazionale Carl W. Stenhammar) Il ruolo delle organizzazioni di volontariato, come il Rotary International, è fondamentale nella società di oggi e lo sarà sempre di più. Le parole chiave sono due: cooperazione e continuità. La cooperazione non deve avere necessariamente un respiro globale, ma può concretizzarsi anche a livello locale: club e distretti possono fare molto di più insieme, utilizzando gli stessi fondi, che non lavorando individualmente. Tutti i temi che il Rotary affronta sono ampi e complessi, dalla salute alla fame, dall alfabetizzazione all acqua, tanto per citarne alcuni. Non è possibile trovare una soluzione a problemi di questa portata in tempi brevi, altrimenti sarebbero già stati superati. Per questo la continuità è così importante. Lavorare alla costruzione di un mondo migliore per l intera umanità è come mettere insieme un puzzle enorme: per sistemare i pezzi serve l aiuto di tutti. Attraverso il Servizio al di sopra di ogni interesse personale il Rotary International si impegna a dare un contributo quanto più ampio possibile, nell intento di riaffermare il proprio ruolo di guida nell ambito del volontariato mondiale. 7

8 Mercoledì 19 Ottobre Riunione con piccola conviviale - Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Relazione professionale del Socio Prof. Dott. Giancarlo Icardi dal titolo L influenza aviaria - il pericolo della ricombinazione. PRESENZE SOCI : 28 Albini (dopo cena), Amoretti, Bagnasco, Bellin, Benedetti, Bruni, Cecconi, Doria Lamba, Fuselli, Garlaschi, Ghezzi, Gotelli, Iachino, Icardi, La Terra, Mascia, Milintenda, Panfili, Parodi Adriana, Parodi Annamaria, Raucci, Romeo, Sanguinetto, Sarpero, Tomaselli, Vassallo, Viale, Viano. PERCENTUALE PRESENZE SOCI (28/58) = 48 % CONIUGI : di Milintenda, Panfili, Parodi Adriana, Vassallo e Viano. VISITATORI ROTARIANI : Il Presidente del RC Chiavari Tigullio Cav. Giovanni Cereda; il Dott. Ing. Michele Renzi del RC Bolzano (ospite del Club). Resoconto della serata Il Presidente Carlo Iachino, dopo aver dato inizio alla serata con il consueto tocco di campana, saluta i soci presenti e cede la parola al Prefetto Emma Tomaselli, che a nome del Club rivolge un cordiale benvenuto ai soci, coniugi e visitatori rotariani. Il Presidente prosegue quindi con le comunicazioni, ricordando l ultimo appuntamento di ottobre, la riunione interclub del 26 con il dibattito sui trattamenti convenzionali e non del cancro, la conviviale del 5 novembre a Monforte d Alba, la visita ufficiale del Governatore Salvati il 16 novembre e l assemblea elettiva del 6 dicembre, per le quali raccomanda la massima partecipazione. Dopo la cena prende la parola il Socio Prof. Giancarlo Icardi il quale espone con l aiuto di audiovisivi - la sua relazione, molto chiara ed esauriente nonostante la complessità della materia. Sul tema dell influenza aviaria si sta diffondendo un panico mediatico che allo stato attuale è privo di fondamento, non bisogna infatti fare confusione tra questa malattia che colpisce gli animali, l influenza umana e la cosiddetta pandemia influenzale. Per meglio comprendere i meccanismi biologici del virus influenzale, egli ricorda che questo microrganismo ha 8 elementi genomici, costituiti da acido ribonucleico (RNA); due di questi opportunamente tradotti danno origine ad altrettante proteine esterne, denominate neuraminidasi (N) e emoagglutinina (H). Di quest ultima conosciamo 16 sottotipi e sappiamo, ad esempio, che è importante per consentire l attacco del virus alle cellule del sistema respiratorio. I virus influenzali riconoscono ospiti sia animali, sia umani, tra i serbatoi naturali di questi agenti patogeni riconosciamo oltre all uomo il maiale, il cavallo, gli uccelli ed i mammiferi marini. Generalmente i virus che colpiscono le altre specie animali non sono in grado di provocare malattia nell uomo. In altre parole esistono delle barriere di specie in base alle quali possiamo distinguere influenza umana, influenza suina, influenza equina, influenza aviaria ecc. In questo periodo sta suscitando grande preoccupazione a livello mondiale l estensione dell epidemia di influenza 8

9 aviaria che, dopo aver interessato nazioni asiatiche quali Cina, Vietnam, Tailandia, Indonesia e Turchia, ha ora raggiunto alcuni paesi europei: Russia, Romania e forse Grecia. In queste nazioni il virus è giunto attraverso uccelli migratori infetti che hanno condiviso ambienti acquatici con volatili domestici del luogo, eliminando in tali ambienti il microrganismo attraverso le feci. Il virus che provoca l influenza nei volatili, caratterizzato dalla sigla A/H5N1, è motivo di estremo timore poiché dal dicembre 2003 ad oggi, superando la barriera di specie, ha contagiato 118 esseri umani e di questi oltre la metà sono morti a causa della malattia. Tutti questi casi si sono verificati in paesi del sudest asiatico, (la maggior parte in Vietnam), ed hanno interessato persone che vivevano in estrema contiguità con i volatili. Il motivo per cui si parla di salto di specie deriva dal fatto che finora non è stato descritto alcun caso di trasmissione da uomo a uomo di questo virus A/H5N1. A proposito dell epidemia che colpisce i polli, la prima misura adottata per il suo contenimento è rappresentata dall abbattimento estensivo dei capi, tuttavia la diffusione esponenziale dell influenza aviaria tra gli animali allevati nel sudest asiatico, fa si che questo intervento non sia più ritenuto idoneo per cui si sta provvedendo alla vaccinazione dei volatili. Ad esempio si prevede che entro il novembre 2005 saranno vaccinati gli oltre 200 milioni di polli vietnamiti. Da quanto finora esposto risulta quindi evidente come il virus A/H5N1 costituisca un problema di sanità veterinaria, tuttavia la diffusione dell influenza aviaria fa aumentare la probabilità che emerga un ceppo virale capace di adattarsi all uomo. Ad esempio l infezione contemporanea nella stessa persona con un virus umano ed uno aviario potrebbe portare ad un riassortimento genetico capace di dare origine ad un nuovo ceppo influenzale che potrebbe avere caratteristiche di estrema virulenza e letalità per l uomo. Ritornando all influenza umana è opportuno precisare che nessun esperto è in grado di fare previsioni su quando una nuova pandemia (epidemia che interessa tutto il globo) possa iniziare; tutti comunque concordano sul fatto che è un evento possibile e al quale bisogna prepararsi per tempo. Attualmente ci si trova in quella che è tecnicamente definita fase interpandemica ricordando che storicamente la prima pandemia del XX secolo è stata la c.d. spagnola del 1918/1919, provocata dal virus A/H1N1, la seconda (virus H2N2) conosciuta coma asiatica risale al 1957 e la terza (virus H3N2) denominata Hong Kong del 1968: da allora non si sono più verificate pandemie. A proposito dell essere preparati ad affrontare in futuro un eventuale pandemia, il Ministero della Salute sta rivedendo il piano pandemico nazionale redatto nel 2002, alla luce delle modifiche intervenute in quest ultimo triennio, vale a dire epidemia di influenza aviaria, disponibilità di farmaci antivirali specifici, ecc. Nell ottica dell essere preparati riveste particolare importanza la capacità di un paese come l Italia di vaccinare contro l influenza un gran numero di persone in un periodo limitato di tempo; per saggiare tale capacità nella circolare ministeriale del luglio scorso avente ad oggetto la vaccinazione contro l influenza stagionale 2005/ 2006, viene enfatizzata la necessità di immunizzare il maggior numero di persone con condizioni di rischio (anziani oltre 65 anni, soggetti con meno di 65 anni ma portatori di patologie croniche quali diabete, asma e cardiopatie, gravide nel terzo trimestre, ecc.). In Italia la stagione influenzale va da metà ottobre a metà aprile, di solito il periodo epidemico è nei mesi di gennaio e febbraio. 9

10 E importante ribadire il concetto che il vaccino antinfluenzale di stagione non serve per proteggere dal virus dell influenza aviaria, microrganismo che peraltro al momento non è presente in Italia. Concludendo: attualmente siamo in una fase interpandemica caratterizzata da sporadici casi di influenza aviaria verificatisi nell uomo a causa del salto di specie in alcuni paesi asiatici; ciò fa si che gli enti preposti siano in fase di allerta con l obiettivo di minimizzare il rischio di trasmissione del virus all uomo. Se si dovessero verificare casi di trasmissione interumana del virus aviario con evidenza di focolai epidemici sarebbero prese misure specifiche, come il controllo della circolazione delle persone, ecc. Al termine della completa e chiara relazione, dopo gli applausi al Relatore, si registrano numerosi interventi di Soci: Iachino, Viale, Mascia, Albini, Milintenda, Bagnasco, Bellin e Tomaselli. I calorosi applausi dei Soci sanciscono il successo della serata, che viene chiusa dal Presidente verso le con il rituale tocco di campana. Pillole di Rotary: lettera aperta al Socio Come per la maggior parte dei rotariani, la tua scelta di diventare socio del nostro Club Rotary è probabilmente motivata dal desiderio di contribuire al miglioramento della qualità della vita nella nostra comunità, come nel resto del mondo. Quest anno il Rotary ha festeggiato un secolo di attività e di iniziative umanitarie, il cui successo è dovuto anche e soprattutto all impegno, al sostegno ed alla partecipazione dei suoi soci. L esperienza mostra come l attaccamento e la dedizione dei soci ai rispettivi Club di appartenenza cresca in misura proporzionale al loro coinvolgimento nelle attività dell associazione. Per questo sei invitato a dedicare un poco del tuo tempo e del tuo talento a quelle attività e iniziative che ritieni importanti ed alle quali credi di poter dare un contributo significativo. Mercoledì 26 Ottobre Riunione interclub con Rotary Club Genova Ovest Jolly Hotel Plaza - ore 20,00. Incontro sul tema : Il cancro : trattamenti convenzionali e non. Partecipano il Prof. Fabio Truc, IGR - Ospedale Gustave Roussy di Parigi; il Dott. Giuseppe Di Bella; il Prof. Alberto Sobrero, Primario di Oncologia dell Ospedale San Martino; la Dott. Adriana Albini, Vicedirettore scientifico dell IST; il Prof.Michele Carella, ematologo, socio del R.C. Genova Ovest. PRESENZE SOCI : 28 Albini, Amalfitano, Bregante, Doria Lamba, Faganelli, Fuselli, Garaventa, Gotelli, Gramatica, Gualeni, Iachino, Icardi, La Luce, La Terra, Manicardi, Melchiori, Milintenda, Panfili (dopo cena), Parodi Adriana, Parodi Annamaria, Piana, Raucci, Romeo, Roncallo, Sanguinetto, Traversa, Vassallo, Viano. PRESENZE COMPENSATE : Bagnasco (partecipazione conviviale RC Genova Sud-Ovest). PERCENTUALE PRESENZE SOCI (29/58) = 50 % CONIUGI : di Bregante, Garaventa, Iachino, Manicardi, Sanguinetto, Vassallo e Viano. 10

11 OSPITI DEI CLUB : Prof. Fabio Truc e Signora (dopo cena), Prof. Alberto Sobrero, Dott. Giuseppe Di Bella, Prof. Maurizio Pianezza e Signora (quest ultima dopo cena). OSPITI DEI SOCI : di Bregante le Proff. Alda e Laura Brianzi, di La Luce il Dott. Giuseppe Gola, di Piana la Sig.ra Paola Cecchi, di Traversa la Mamma Sig.ra Irandokht Ghaffari e la Sorella Roberta Traversa, di Vassallo il Figlio Dott. Enrico e Signora M. Caterina e la Sig.ra Maria Beatrice Merlano. VISITATORI ROTARIANI : Il Presidente del RC Chiavari Tigullio Cav. Giovanni Cereda; il Dott. Ing. Michele Renzi del RC Bolzano. Resoconto della serata Il Presidente del RC Golfo di Genova Iachino apre la serata con il consueto tocco di campana, porgendo il più cordiale benvenuto a tutti gli intervenuti e ringraziando i Relatori per la loro disponibilità; elenca quindi gli Ospiti del Club e dei Soci ed i visitatori rotariani. Cede poi la parola al Presidente del RC Genova Ovest Cervetti, che analogamente saluta e ringrazia i partecipanti alla serata e ricorda, tra le prossime iniziative, la serata Interclub dell 11 novembre a Portofino Vetta, organizzata dai quattro Club RC Chiavari Tigullio, RC Rapallo Tigullio, RC Golfo di Genova ed RC Genova Ovest in onore delle Forze Armate. Relazione del Gen. C.A. Goffredo Mencagli dal titolo L Arma dei Carabinieri: la formazione del personale e le missioni all estero. Dopo la cena l incontro-dibattito ha inizio con l intervento della Socia Dott. Adriana Albini, Direttore del Laboratorio di Oncologia Molecolare all IST, la quale introduce il tema della serata ricordando che all inizio le terapie contro i tumori erano tradizionali, mentre negli ultimi anni l oncologia ha fatto grandi progressi, si è adeguata a tutto quello che sappiamo di genetica e di biologia molecolare, ed attualmente si è orientati verso sistemi più mirati, farmaci di tipo biologico che vanno a colpire un bersaglio particolare (le diverse cellule neoplastiche), da usare eventualmente in combinazione con terapie tradizionali (chemioterapia, radioterapia, ecc.). Oggi c è stata una grande rivoluzione, esistono molte più terapie e sempre più mirate contro specifici recettori, cercando di identificare la mappa genica delle varie neoplasie. Ad esempio lei si occupa in particolare di angiogenesi, cioè di agire sui meccanismi di crescita delle cellule tumorali: bloccare l angiogenesi significa far morire il tumore per fame, interromperne lo sviluppo tagliando i vasi sanguigni: adesso i farmaci contro l angiogenesi sono utilizzati con successo, in combinazione con altri farmaci, in vari tipi di neoplasie, come il colon ed il polmone. Tra questi farmaci che hanno un bersaglio ovvero un recettore c è anche la somatostatina, parte del complesso terapeutico del metodo Di Bella, che all inizio era usata per i tumori endocrini, che hanno i recettori: la cellula dei vasi sanguigni ha recettori per tale sostanza. Per stabilire la validità di una terapia di tipo biologico, a suo parere si devono seguire criteri di validazione attraverso studi 11

12 clinici condotti in modo scientifico. Si controllano e confrontano sempre terapie diverse, aggiungendo o no un nuovo componente, aumentando le dosi, o i tempi, cercando di effettuare terapie su misura per ogni paziente. La parola passa quindi al Dott. Giuseppe Di Bella, figlio del Prof. Di Bella scomparso nel 2003, autore con il padre di numerose pubblicazioni e Presidente della Fondazione omonima. Il Relatore ribadisce la scientificità del metodo che porta il suo nome. Ha incominciato a vedere i risultati di tale terapia intorno agli anni 70, utilizzando i farmaci in modo meno invasivo dei trattamenti convenzionali per agire sulle cause del tumore. Nel 1997 dissero che la terapia Di Bella non aveva fondamento scientifico, ma già allora c erano circa pubblicazioni a sostegno, che confermavano cioè che queste sostanze (somatostatina, retinoidi, melatonina, vitamina D3) hanno effetto positivo sulle cellule cancerose. Ora si sa che alcune bloccano l angiogenesi, cioè i vasi che le nutrono; col tempo le pubblicazioni sono diventate : si tratta di medicina basata sull evidenza. Le polemiche non furono mai volute da suo padre; la sua Fondazione continua a portare avanti la terapia e ad effettuare un costante e preciso monitoraggio in collegamento con numerosi studi medici. Il Prof. Alberto Sobrero inizia il suo intervento in modo polemico, affermando che il fenomeno Di Bella si è potuto sviluppare anche per scarsa credibilità della classe medica. E vero, le sostanze del metodo Di Bella hanno potenziali attività antitumorali, ma ci sono circa sostanze con tali caratteristiche. Il problema è un altro: quanto funzionano? Le industrie farmaceutiche orientano le loro ricerche e sperimentazioni proprio tenendo conto di questo, oltre che degli altri parametri, cioè che la sostanza non sia tossica, che esista una nicchia di mercato, ecc.. Nella terapia Di Bella il ministero ha condotto dieci studi che hanno dimostrato che l attività antitumorale delle sostanze c era, ma funzionava in una percentuale del 2-3% dei casi e questo è troppo poco, è ben al di sotto del minimo di un 20-30%. Il vero problema del cancro è rispondere alla domanda quanto è grave?, cioè la difficoltà prognostica, legata anche al fatto che oggi sappiamo che non esistono solo pochi tipi di tumore, ma diversi profili molecolari con infinite variabili, per cui talvolta un tumore avanza rapidamente ed uno simile si stabilizza, o addirittura regredisce, anche spontaneamente. In conclusione il Relatore afferma che l industria farmaceutica già oggi e nel futuro effettuerà investimenti solo per farmaci che si dimostrano efficaci in una percentuale di casi veramente significativa. Il Prof. Michele Carella, ematologo, ricorda che esistono attualmente farmaci di importanza fondamentale, capaci di bloccare la proliferazione neoplastica. Esistono almeno quattro farmaci c.d. intelligenti, come il Glivec, che inibisce un gene mutato del tumore, che dice alla cellula tu non muori. Si è introdotto un nuovo modo di effettuare i trapianti di midollo, non occorrono più camere sterili e tutto è più semplice. Si cerca di attivare una terapia immunologia per pazienti in cui non si può effettuare altra terapia convenzionale. In sostanza lui auspica e ritiene di fondamentale importanza una maggiore collaborazione ed integrazione tra oncologi, ematologi ed altri specialisti. Il Prof. Fabio Truc non è un clinico, ma un fisico, e si sta dedicando con il Prof. Israel allo studio dell oncogenesi del 12

13 fenomeno cancro in chiave evoluzionistica. Perché esiste il cancro? Quali sono le ragioni ontologiche, dell essere della malattia? Si sa che il cancro è una malattia genetica, la progressione nella malignità è dovuta a mutazioni nel genoma dettate dal caso e da selezioni. Ma forse non sono proprio casuali: tre miliardi di anni fa i primi organismi erano batteri unicellulari, che evidentemente hanno imparato a sopravvivere molto bene perché oggi sono ancora qua: quando un batterio viene aggredito, si attiva in lui una specie di programma di sopravvivenza (sistema SOS), in base al quale si difende riuscendo a mutare per adattarsi ad un ambiente ostile. Con il tempo c è stata un evoluzione che ci ha portati dall unica cellula del batterio ai nostri organismi multicellulari: non ci può forse essere anche per noi un sistema SOS, che in qualche modo produce le cellule tumorali? Se il tumore è un processo, e non un entità morfologica, occorrerà controllare il processo per ridurre al silenzio i geni che hanno attivato il problema. In sintesi con la sua attività cerca di indagare sui meccanismi di origine dei tumori, meccanismi che ancora ci sfuggono. Il Dott. Di Bella riprende la parola per affermare che le statistiche sul suo metodo sono molto più favorevoli di quanto riferito dal Prof. Sobrero, circa il 70% dei pazienti trattati sono migliorati entro un mese, la sopravvivenza è aumentata, ed hanno reagito meglio ai farmaci i pazienti che non erano stati chemiotrattati. Agli interventi dei Relatori, sottolineati dai calorosi applausi del pubblico, fanno seguito alcuni quesiti ai quali viene data risposta. Dopo i ringraziamenti da parte dei Presidenti dei due Rotary Club e la consegna dei guidoncini e degli omaggi, la serata ha termine alle ore con il tradizionale tocco di campana. 13

14 IL CLUB VISITA I GIARDINI BOTANICI HANBURY Grazie all interessamento della nostra Socia Rosanna Muratori sabato 8 ottobre 2005, in una bellissima giornata di sole, si è svolta a Ventimiglia la visita ai Giardini Botanici ed alla Villa Hanbury, accompagnati dal Curatore Dott. Pier Giorgio Campodonico. Presenti i Soci Bagnasco, Benedetti, Iachino, Muratori, Romeo, Tomaselli, Vassallo e Viale; i Coniugi di Bagnasco, Benedetti, Chiodini, Iachino, Muratori e Vassallo; nonché gli Ospiti Signora Maria Ludovica Forti di Bagnasco, Dott. Francesco Sias di Iachino, Dott. Graziano Maio e Signora di Romeo. La visita si è snodata negli itinerari di salita e di discesa, appositamente studiati, ed è stata illustrata dal Curatore con dovizia di particolari. Nel 1867 Thomas Hanbury acquistò quello che sarebbe poi diventato uno dei più importanti giardini botanici del mondo; al gentiluomo inglese, tornato ricchissimo dall Estremo Oriente, quel piccolo capo della Mortola era sembrato subito un angolo di paradiso: un declivio verde che terminava in una punta protesa in un mare azzurro e quieto, uliveti, agrumeti e vigneti delimitati ai lati dal denso e verdeggiante tappeto della macchia mediterranea. Dopo varie vicende, nel 1983 la gestione dei giardini fu affidata all Università di Genova: da allora il giardino sta progressivamente ritornando ai fasti antichi. Su un estensione complessiva di 18 ettari, 9 sono occupati da specie spontanee boschive (specialmente pini d Aleppo e macchia mediterranea) e 9 da flora esotica: il rigoglio di esemplari propri di lontani paesi del mondo testimonia le straordinarie potenzialità del Giardino come luogo di acclimatazione per vegetali con esigenze ecologiche molto dissimili. Degne di particolare menzione le piante delle foreste australiane, le succulente tipiche di vari deserti del globo, le specie che compongono il giardino giapponese: un insieme magico, fatto di forme, colori e profumi che idealmente ci trasportano in paesi lontanissimi, un incredibile concentrato di sofisticati adattamenti all ambiente, molto distanti in natura ed ospitati qui per l ammirazione e lo studio di chi vuole approfondire la conoscenza del mondo vegetale. Dopo i ringraziamenti al Dott. Campodonico per la sua disponibilità, competenza e chiarezza espositiva, e la consegna del guidoncino e di un omaggio del Club, la visita si è conclusa con una colazione organizzata nella veranda del piccolo bar sulla scogliera. 14

15 Fotoalbum 15

16

17 Riflessioni ai Giardini Hanbury di Patrizia Targani Iachino Incantata mi vedo percorrere i viali tempestati di diamanti di colore verde in tutte le sue sfumature. I passi sfiorano il selciato, quasi non osassero disturbare il cinguettio dei passeri e il rincorrersi delle farfalle. Entro nella favola e la natura mi apre le porte di casa. Fiori e piante mi accolgono con un abbraccio. Seguo il profumo dei pini e il pulviscolo dei colori si specchia nei miei occhi. L azzurro del cielo è uno sfondo perenne e mutevole con il variare delle stagioni. Il mare invade il mio cuore e da lui mi lascio cullare... La magia della natura mi ha colpito ancora. Guardo laggiù, dove lo sguardo sprofonda nel mare calmo. Mi sostiene una brezza leggera e mi accompagna laddove l oltre non è così lontano... In un attimo i miei occhi si adagiano nelle acque tranquille, bagnandosi di commozione... Il cuore sussulta lieve, inondando i miei sensi ancora assopiti. Mi avvolge il silenzio; solo il fruscio delle palme mosse dall aria tiepida innalza il suo verde canto al cielo eterno... Chiudo gli occhi e mi lascio cullare dalla quiete di ottobre.

18 L IMMAGINE DEL MESE Nave Amerigo Vespucci, accolta trionfalmente al suo arrivo ad Auckland (New Zealand) nel Marzo 2003, in occasione delle regate di Coppa America. La campagna annuale del Vespucci ha portato la Nave della nostra Marina Militare a compiere la circumnavigazione del globo, navigando attraverso l Oceano Atlantico, il Canale di Panama, l Oceano Pacifico, quello Indiano e rientrando in Mediterraneo via Suez. Bollettino mensile del Rotary Club Golfo di Genova Distribuzione riservata ai soci Per comunicazioni con la redazione prego inviare una all indirizzo: 18

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Manuale del presidente di club

Manuale del presidente di club Manuale del presidente di club Parte della Cartella per dirigenti di club 222-IT (312) FATTURA DI CLUB: NUOVA PROCEDURA Che cosa è cambiato A decorrere da gennaio 2015, la fattura di club sarà contenuta

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

L agenda dei lavori dovrebbe essere così articolata:

L agenda dei lavori dovrebbe essere così articolata: CERIMONIALE Sotto questo sostantivo si intendono quell insieme di norme e consuetudini attenendosi alle quali qualsiasi manifestazione ha uno svolgimento ordinato ed armonico. Il Cerimoniale che noi proponiamo

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli