INDUSTRIALE ALLEGATO 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDUSTRIALE ALLEGATO 5"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE L ICE O SCIENTIFICO OPZI O N E SCIENZE A P P L I C A T E FRANCESCO GIORDANI VIA LAVIANO, C ASERTA - C E N T R A L I N O FAX E_MAIL - S I T O W E B: C O D. I S T I T U T O C E T F X - D I S T R E T T O S C O L A S T I C O N.12 - C.F ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DOTAZIONI TECNOLOGICHE E LABORATORI MULTIMEDIALI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE PER LE SCUOLE DEL SECONDO CICLO CODICE PROGETTO: A-2-FESR Titolo: "La scuola tra utopia e nuove tecnologie"

2 Pag. 2 di 54

3 Sommario PREMESSA...5 Linee guida per l edilizia scolastica... 5 L aula... 5 Lo spazio di gruppo...5 Lo spazio laboratoriale... 5 Lo spazio individuale...6 Lo spazio informale e di relax...6 Arredi... 6 Bando MePI: Soluzioni per la Scuola... 6 La normativa sulla sicurezza... 7 Le norme U.N.I. per la scuola... 7 Banchi e sedie...7 Lavagne e L.I.M Illuminazione artificiale e naturale delle aule... 8 La situazione attuale dell I.T.I.S. Francesco Giordani... 9 Spazi ambienti esistenti Tecnologie e strumenti presenti L'evoluzione di breve termine Gli obiettivi del progetto "La scuola tra utopia e nuove tecnologie" DEFINIZIONE DELLA FORNITURA Oggetto Durata e inizio delle attività...13 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA Lotto 1 - Tecnologie per gli ambienti di apprendimento Lotto 2 - Web TV...14 Lotto 3 - LIM in aula...14 Lotto 4 - Arredi per i nuovi ambienti di apprendimento APPENDICE A TECNOLOGIE PER GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO I servizi d aula...15 Gli Spazi del Fare (Open Space) Consegna ed installazione...20 Corso di formazione Servizio di ritiro dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) Pag. 3 di 54

4 Servizio di assistenza e manutenzione in garanzia Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, predisposizione del documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DVRI) e determinazione dei costi della sicurezza L. 123/2007 e modifica dell Art. 3 D.Lgs. n. 163/ APPENDICE A WEB TV DESCRIZIONE DEI SERVIZI CONNESSI Consegna ed installazione...25 Corso di formazione Servizio di ritiro dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) Servizio di assistenza e manutenzione in garanzia Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, predisposizione del documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DVRI) e determinazione dei costi della sicurezza L. 123/2007 e modifica dell Art. 3 D.Lgs. n. 163/ APPENDICE A LIM IN AULA...28 I servizi d aula...28 DESCRIZIONE DEI SERVIZI CONNESSI Consegna ed installazione...31 Corso di formazione Servizio di ritiro dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) Servizio di assistenza e manutenzione in garanzia Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, predisposizione del documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DVRI) e determinazione dei costi della sicurezza L. 123/2007 e modifica dell Art. 3 D.Lgs. n. 163/ APPENDICE A ARREDI PER I NUOVI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO Aula tipo...34 Aula prototipo Spazi del fare MATRICE ACQUISTI...35 DESCRIZIONE DEI SERVIZI CONNESSI Consegna ed installazione...53 Servizio di assistenza e manutenzione in garanzia Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, predisposizione del documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DVRI) e determinazione dei costi della sicurezza L. 123/2007 e modifica dell Art. 3 D.Lgs. n. 163/ Pag. 4 di 54

5 PREMESSA L I.T.I.S. Francesco Giordani di Caserta è stato individuato dal M.I.U.R. come uno degli istituti scolastici chiamati a sperimentare e promuovere l innovazione delle metodologie didattiche e nell impiego di nuove tecnologie secondo l azione Patto per la del Piano Nazionale Scuola digitale. Con nota M.I.U.R. prot. n. AOODGAI/3514 del è stata comunicata la formale autorizzazione con finanziamento nell'ambito del PON 2007/2013 Ambienti per l'apprendimento (FESR) del progetto dal titolo La scuola tra utopia e nuove tecnologie codice A-2-FESR Linee guida per l edilizia scolastica Il principale riferimento, nella progettazione di nuovi ambienti di apprendimento per la è rappresentato dalle nuove Linee guida per l edilizia scolastica, varate, nell aprile del 2013, su proposta del ministro Francesco Profumo, dopo il parere favorevole della Conferenza Unificata. Le linee guida prefigurano la scuola come spazio unico integrato in cui i microambienti finalizzati ad attività diversificate hanno la stessa dignità e presentano caratteri di abitabilità e flessibilità in grado di accogliere in ogni momento persone e attività della scuola offrendo caratteristiche di funzionalità, confort e benessere. In tale scuola l uso diffuso delle tecnologie permette e richiede un organizzazione diversa dello spazio dell apprendimento. Di qui la necessità di una progettazione integrata tra gli ambienti in cui si pratica una didattica coinvolgente che non ha paura di pareti trasparenti che consentono la condivisione oltre l aula. Queste necessità hanno alla base un principio di autonomia di movimento per lo studente che solo uno spazio flessibile e polifunzionale può consentire. Dunque lo spazio in cui l insegnante avvia le attività o fornisce indicazioni agli alunni diventerà, nel segmento successivo dell attività didattica, uno spazio organizzato per attività collaborative tra gli studenti in cui ciascuno può avere un compito individuale che però ha un senso anche all'interno di un gruppo. La flessibilità degli arredi e la polifunzionalità degli ambienti permettono di aumentare il tempo di utilizzo grazie alla possibilità di riconfigurazione finalizzata allo svolgimento di attività diverse. L adattabilità degli spazi si estende anche all esterno, offrendosi alla comunità locale e al territorio: la scuola si configura come civic center in grado di fungere da motore del territorio in grado di valorizzare istanze sociali, formative e culturali. Le linee guida individuano 5 tipologie di ambiente per l apprendimento: L aula L aula moderna è ancora uno spazio pensato per interventi frontali, ma è ora uno dei tanti momenti di un percorso di apprendimento articolato e centrato sullo studente. Nell aula il docente introduce temi nuovi, fornisce indicazioni per le attività da svolgere o gestisce momenti di sintesi e valutazione. E lo spazio in cui il ruolo del docente si fa più esplicito e diretto e in cui si pongono le basi e si traggono le conclusioni del percorso didattico complessivo. Lo spazio di gruppo In questo spazio lo studente è coinvolto attivamente nel processo di apprendimento e l insegnante non svolge interventi frontali ma assume il ruolo di facilitatore e organizzatore delle attività, strutturando ambienti di apprendimento atti a favorire un clima positivo e la partecipazione e il contributo di ciascuno studente in tutte le fasi del lavoro dalla pianificazione alla valutazione. Dovranno dunque essere pensati spazi per i lavori di gruppo, con arredi flessibili in modo tale da consentire configurazioni diverse coerentemente con lo svilupparsi e l alternarsi delle diverse fasi dell attività didattica. Ambienti di questa natura devono essere in grado di essere sufficientemente flessibili da consentire, ad esempio, lo svolgimento di attività in gruppi di piccola o media composizione (ad es. in gruppi specialistici che lavorano, in parallelo, su argomenti affini), discussione e brainstorming (ad es. studenti e docente che si confrontano sulla soluzione di problemi, condividono le conoscenze pregresse, discutono su ipotesi di lavoro), esposizione/introduzione/sintesi a cura del docente, presentazione in plenaria di un elaborato a cura degli studenti, esercitazioni che coinvolgono tutta la classe ecc. Lo spazio laboratoriale Il laboratorio si configura come lo spazio del fare e di qui l uso del termine atelier, e richiede un ambiente nel quale lo studente possa muoversi in autonomia attivando processi di osservazione, esplorazione e produzione di artefatti. Poiché i compiti di realtà, come i prodotti e le modalità organizzative, possono variare significativamente in funzione delle discipline e degli obiettivi curricolari, con essi variano anche le risorse necessarie ad operare nei contesti laboratoriali. In quest ottica, lo spazio fisico diviene uno spazio attrezzabile che accoglie strumenti e risorse per la creazione di contesti di esperienza. Ne sono esempio i contesti immersivi e le simulazioni ad alta fedeltà di situazioni concrete, anche attraverso le tecnologie digitali. Tra le altre cose, questo spazio del fare deve poter accogliere attività hands-on che spaziano da un lavoro Pag. 5 di 54

6 di investigazione a raccolte di dati/informazioni e analisi attraverso attrezzature tecnologiche specifiche fino all esplorazione/manipolazione in ambienti immersivi di contesti e variabili legate a fenomeni reali. Lo spazio individuale Nel suo percorso di apprendimento scolastico lo studente ha bisogno di uno spazio individuale e di momenti per lo studio, la lettura, in cui organizzare i propri contenuti e pianificare le proprie attività. Questo spazio sarà un ambiente che risponde alle esigenze del singolo, separato dall aula e dai contesti d incontro sociale e garantirà l accesso a informazioni e contenuti, la possibilità di utilizzare strumenti tecnologici e connettersi alla rete. Nello spazio individuale lo studente dovrà poter lavorare in autonomia e in sintonia con i propri tempi e ritmi al di fuori delle attività didattiche supportate dal docente. Questo è il luogo idoneo allo svolgimento di attività come, ad esempio, lo studio individuale, attività in autoapprendimento (elaborazione/esercitazioni individuali, simulazioni ), ricerche, dialogo e confronto con il docente o e-tutor, momenti per il recupero online: il recupero del debito scolastico può essere facilitato grazie all uso di tecnologie di rete. Ad esempio, la scuola può mettere a disposizione un proprio repository di risorse o utilizzare una piattaforma di e-learning oppure mettere lo studente in contatto con figure esperte collegate in videoconferenza. Lo spazio informale e di relax Spazi che supportino l apprendimento informale e il relax sono luoghi nei quali gli studenti possono distaccarsi dalle attività d apprendimento strutturate e trovare occasioni per interagire in maniera informale con altre persone, per rilassarsi, o per avere accesso a risorse anche non correlate con le materie scolastiche. In particolare lo spazio deve garantire un certo grado di privacy, definito da una serie di elementi fisici e non. Gli studenti devono godere di un adeguato comfort fisico dato da arredi in particolare arredo soffice, sedute confortevoli, pouf e tappeti e condizioni termo-igrometriche adeguate. Molteplici sono le attività che possono essere svolte in questa area informale. Spaziano dall accesso a risorse (libri, video, siti web), riposo/pausa, interazioni informali, gioco di gruppo, piccoli lavori manuali. Arredi Le nuove linee guida forniscono, inoltre, utili indicazioni sugli arredi. Gli arredi giocano un ruolo fondamentale in un architettura flessibile, attraversabile, che si modifica e vuole consentire usi e attività in continua trasformazione, è un architettura generica, che ha prestazioni hardware di comfort climatico, di comportamento energetico, che offre un paesaggio acustico, cromatico, luminoso, spaziale di base e che si modifica e caratterizza in base al software ambientale che si attiva con luci di accento, terminali di climatizzazione modificabili, tecnologie, dati, arredi. Gli arredi sono l interfaccia di uso tra gli utenti e lo spazio, consentono la declinazione dell uso: hanno il compito di dare concretezza alle possibilità, di innescare le relazioni (come enzimi); sono i veri tools della scuola. I tavoli sostituiscono i banchi: consentono di lavorare a piccoli gruppi, fare ricerca, spostarsi lungo i confini dei tavoli ma anche di guardare tutti insieme la lavagna o una proiezione. Altri tavoli sono trasformabili con parti inclinabili come i tavoli delle vecchie scuole d arte. I modi di sedersi sono vari: al tavolo, su sedie con tavolino, su elementi morbidi o informali. Gli strumenti didattici sono contenuti in carrelli che vengono estratti da un dispenser a seconda delle attività. Si prevede la moltiplicazione dei supporti di comunicazione (smartboard, lavagna tradizionale, tablet, pannelli con possibilità di riposizionare i materiali, boards, ecc.), la smaterializzazione della cattedra che è sostituita da una serie di luoghi dove l adulto può usare gli strumenti, sedersi, depositare materiale, lavorare. Gli arredi portano nel complesso a un territorio interno ibrido, un misto tra uno studio di design e un laboratorio artigianale, tra una bottega rinascimentale e un aeroporto. Gli arredi consentono di creare spazi di gruppo, spazi laboratoriali, spazi individuali, spazi informali e di relax con componenti di reversibilità, valorizzano la capacità evolutiva della scuola e contribuiscono in modo determinante non solo al funzionamento ma alla definizione della sua identità estetica, raccontano e supportano un nuovo modello educativo e risultano quindi centrali nel processo progettuale. Bando MePI: Soluzioni per la Scuola Ulteriori indicazioni relative alla visione elaborata dal MIUR per i nuovi ambienti per l apprendimento sono contenute nel Bando MePI: Soluzioni per la Scuola, Abilitazione al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione, del marzo 2013, con riferimento all Abilitazione di Soluzioni Integrate per la Scuola Digitale, in cui si legge: Le soluzioni dedicate all Azione 2.0 consentono di integrare tutte le azioni del Piano Nazionale Scuola Digitale, al fine di realizzare una scuola che superi gli schemi e i canoni tradizionali d istituto scolastico, sia in termini di didattica sia a livello di organizzazione delle strutture e del personale. Pag. 6 di 54

7 La 2.0 deve essere un luogo dove i saperi possono costruirsi in spazi collaborativi, flessibili e dinamici insieme all integrazione con le metodologie didattiche formali, informali e non-formali. La realizzazione di spazi di apprendimento completamente nuovi, quindi, offre l opportunità di individuare strategie che coniughino l innovazione nella programmazione didattica con i modelli di organizzazione delle risorse umane, strutturali e infrastrutturali dell istituzione scolastica. La normativa sulla sicurezza Le leggi e le normative di sicurezza da applicare nei luoghi di lavoro, e negli edifici scolastici in particolare, sono numerose e spaziano dall organizzazione dell organigramma alle misure tecniche costruttive, dalla gestione delle emergenze alle condizioni di sicurezza antincendio, dalle norme di primo soccorso alla formazione del personale. Le leggi più importanti sono comunque le seguenti: Testo unico sulla Sicurezza n.81 del 2008: miglioramento della salute e della sicurezza dei lavoratori; DM 10 marzo 1998: sicurezza antincendio; Decreto 26 agosto 1992: prevenzione incendi per l edilizia scolastica; Di particolare interesse per l innovazione tecnologica prevista nei nuovi ambienti di apprendimento, è la normativa sull impiego di videoterminali contenute nel titolo VII del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, integrato dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106, artt Secondo le indicazioni dell art.174 comma 3 il datore di lavoro organizza e predispone i posti di lavoro in conformità ai requisiti minimi di cui all allegato XXXIV al d.l. 81/2008. Le norme U.N.I. per la scuola Nel settembre 2010 l Ente Italiano di Unificazione ha pubblicato la nuova edizione di alcune norme che stabiliscono i requisiti minimi a cui adeguare gli ambienti e gli arredi scolastici. Banchi e sedie Le norme della serie UNI EN 1729 indicano i requisiti che garantiscono la sicurezza d uso di banchi e di sedie scolastici in modo da permettere anche una corretta postura degli studenti. Si tratta di norme che recepiscono gli standard europei sugli arredi scolastici e che fissano nuove dimensioni per banchi e sedie in linea con le attuali tendenze che registrano un innalzamento dell'altezza media ed un incremento di bambini dalla conformazione fisica robusta. Le norme stabiliscono i requisiti di sicurezza e i metodi di prova per riconoscere gli arredi scolastici a norma, dunque sicuri. In tema di sicurezza la norma stabilisce che gli spigoli (della seduta, dello schienale o comunque di tutte le parti con cui l'utilizzatore può venire a contatto) devono essere arrotondati con un raggio minimo di 2 mm. Le superfici devono essere lisce, le estremità rivestite per evitare di generare schegge taglienti. Ogni sedia o banco a norma deve superare una serie di prove di laboratorio tra le quali quelle di stabilità (ad esempio, applicando dei pesi con una forza orizzontale in avanti pari a 20 N la sedia non si deve ribaltare o spostare), di resistenza (dopo aver posizionato un peso sul banco o sulla sedia campione non si devono verificare rotture o deformazioni permanenti), di durata (si applica una forza di N sul sedile e di 300 N sullo schienale per 100 mila volte) e d urto (ad esempio la sedia campione viene colpita per 10 volte da un peso che cade da un altezza che può variare dai 18 ai 30 cm). Al termine delle prove il prodotto deve essere stabile e deve continuare ad espletare la propria funzionalità. In relazione all'altezza dello studente (si parte da un minimo di 80 cm per i bambini fino ad arrivare ai ragazzi delle scuole superiori che possono superare i due metri di altezza), le norme assegnano agli arredi scolastici delle vere e proprie "taglie". Per fasce di altezza omogenee si può quindi disporre di banchi e sedie delle misure più idonee. In questo modo le norme intendono favorire l'adozione di una corretta postura contribuendo allo sviluppo psicofisico di bambini e ragazzi che ormai trascorrono gran parte della loro giornata a scuola. Per una corretta postura, la norma prescrive che lo schienale debba avere un'inclinazione compresa tra i 95 e i 110, questo indipendentemente dalla statura dello studente. Le norme fissano le dimensioni del "banco europeo" anche in relazione alla crescente diffusione dell'utilizzo di PC nella didattica. Gli arredi scolastici a norma sono progettati in modo che gli studenti possano appoggiare le braccia mantenendo le spalle rilassate sia che si trovino dinanzi ad un monitor sia che siano alle prese con i più tradizionali quaderni a righe o quadretti. Le sedie e i banchi scolastici dovranno recare ben visibili: la "taglia" o misura del banco (a ogni misura corrisponderà un codice di diversi colori) il nome o logo del fabbricante, del distributore, dell'importatore o del venditore la data di fabbricazione che specifichi almeno l'anno e il mese di produzione. Pag. 7 di 54

8 Lavagne e L.I.M. La nuova edizione della norma UNI EN specifica, tra le altre superfici verticali di scrittura, anche i requisiti ergonomici, tecnici e di sicurezza delle lavagne, sia quelle montate a parete sia quelle autoportanti che vengono utilizzate nei locali adibiti a fini scolastici e formativi. La norma si applica a tutti i tipi di lavagna: da quelle verticali a rullo o a cavalletto, a quelle che scorrono sia orizzontalmente sia verticalmente, dalle superfici verticali inclinabili (ad esempio schermi per lavagne luminose) a quelle verticali a parete. La norma ha l obiettivo di prevenire lesioni gravi durante il normale utilizzo delle lavagne: per questo motivo specifica, ad esempio, che nessuna parte della superficie verticale deve costituire un potenziale pericolo per l'utente e che la superficie deve essere tale da evitare danni agli indumenti e macchie durante l utilizzo. Tutti i bordi e gli angoli accessibili devono essere arrotondati o smussati e non devono avere bave. Le estremità cave devono essere incappucciate o chiuse in altro modo. Tra le varie parti della lavagna che si muovono in relazione l'una all'altra deve esserci sempre una distanza di sicurezza che deve essere meno di 8 mm o più di 25 mm in ogni posizione durante il movimento. Le lavagne a norma vengono sottoposte a prove per verificarne l attitudine alla scrittura e alla cancellazione, la resistenza all abrasione, alla graffiatura, all urto e alla macchiatura. E siccome le lavagne non devono essere solo sicure ma anche facili da usare, la UNI EN fornisce alcuni requisiti ergonomici, come ad esempio il posizionamento di comandi e maniglie. Infine la norma stabilisce la documentazione che deve accompagnare questi prodotti come, ad esempio, le istruzioni per il montaggio e l installazione. Illuminazione artificiale e naturale delle aule Infine, un altro aspetto importante che influisce sul comfort delle aule scolastiche è quello dell illuminazione. Proprio di questo si occupa la UNI che specifica i criteri generali per l illuminazione artificiale e naturale delle aule e di altri locali scolastici, in modo da garantire condizioni che soddisfino il benessere e la sicurezza degli studenti e degli altri utenti della scuola. I locali scolastici vengono utilizzati prevalentemente durante le ore diurne, perciò la UNI 10840:2007 fornisce le prescrizioni generali sia per l illuminamento artificiale sia per l illuminazione naturale. Per i livelli di illuminamento e le prescrizione generali sull illuminazione artificiale la norma fa ampio riferimento anche ad un altro documento normativo: la UNI EN Luce e illuminazione- Illuminazione dei posti di lavoro Posti di lavoro in interni. Tale norma prevede che i requisiti illuminotecnici debbano soddisfare tre esigenze fondamentali: il comfort visivo, cioè la sensazione di benessere percepita la prestazione visiva, cioè la possibilità da parte degli studenti/lavoratori di svolgere le proprie attività anche in condizioni difficili e al lungo nel tempo la sicurezza, cioè la garanzia che l illuminazione non incida negativamente sulle condizioni di sicurezza degli studenti. Tra i principali parametri che caratterizzano l ambiente luminoso e che devono essere considerati in fase di progettazione troviamo, ad esempio: distribuzione delle luminanze: una luminanza ben bilanciata è necessaria per aumentare la nitidezza della visione, la sensibilità al contrasto e l efficienza delle funzioni oculari; illuminamento: la sua ripartizione influenza notevolmente la percezione del compito visito e la sua esecuzione in modo rapido e sicuro; abbagliamento: può causare errori, affaticamento e incidenti; questo fenomeno può essere evitato per esempio con un adeguata schermatura delle lampade o con la copertura delle finestre mediante tende e schermi idonei; aspetti del colore: devono essere considerati sempre separatamente i due attributi di apparenza del colore e di resa del colore; sfarfallamento ed effetti stroboscopici: lo sfarfallamento provoca distrazione e può dar luogo per esempio a cefalee; gli effetti stroboscopici possono comportare situazioni di pericolo risparmio energetico: l impianto dovrebbe soddisfare i requisiti d illuminazione di uno specifico spazio senza comportare sprechi di energia; questo richiede un attenta valutazione dei sistemi d illuminazione, delle apparecchiature dei dispositivi di controllo e della luce naturale disponibile; luce diurna: può fornire tutta o in parte l illuminazione necessaria. Tuttavia la luce naturale cambia nel corso della giornata producendo percezioni diverse dell ambiente circostante. D altra parte a causa del flusso luminoso orizzontale che proviene dalle finestre laterali la luce naturale può essere utile per la creazione di una particolare distribuzione delle luminanze nell ambiente scolastico. L UNI riporta - in un apposito prospetto - gli illuminamenti medi mantenuti previsti per vari tipi d interni, Pag. 8 di 54

9 compiti o attività che sono svolte all interno dei locali. Per illuminamento medio mantenuto s intende il valore al di sotto del quale l illuminamento medio, su una specifica superficie, non può mai scendere. Il prospetto riporta questi valori a seconda dei locali considerati: aule scolastiche, sale lettura, aule educazione artistica, laboratori linguistici, ingressi, corridoi, sale professori, mensa, bagni, etc.. Gli illuminamenti indicati in tale prospetto si riferiscono in generale alla superficie di lavoro orizzontale ad un altezza di 85 cm dal pavimento. Per altre posizioni della superficie di lavoro l illuminamento medio mantenuto deve riferirsi alle situazioni specifiche (per esempio ad altezze diverse nel caso si tratti di aule di asili nido o scuole materne, o verticale per la lavagna, etc). Per l illuminazione artificiale la norma prescrive i valori del fattore medio di luce diurna per gli stessi tipi di interni, compiti o attività dell illuminazione artificiale. Il fattore medio di luce diurna viene calcolato usando una formula (equivalente a quella contenuta nella Circolare del Ministro dei Lavori Pubblici n del 22 maggio 1967) che fa riferimento a un modello semplificato dell ambiente. La parte finale dell UNI 10840:2007 definisce i criteri da adottare per le verifiche illuminotecniche. Infine, un appendice informativa, fornisce i criteri e le formule per la verifica dell indice di abbagliamento per la luce diurna DGI con, in bibliografia, alcuni testi o documenti che è possibile consultare per approfondire temi legati all illuminazione naturale. La situazione attuale dell I.T.I.S. Francesco Giordani L'istituzione scolastica prevede nell'anno scolastico 2013/2014 la presenza di 77 classi, così distribuite: 1. Liceo Scientifico opzione Sceinze Applicate: 1 classe prima; 2 classi seconde; 1 classe terza; 2 classi quarte; 2. Istituto Tecnico Tecnologico: Biennio: 16 classi prime; 15 classi seconde; specializzazione Meccanica e Meccatronica: 1 classe terza; 2 classi quarte; specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica: 2 classi terza; 2 classi quarte; specializzazione Chimica e Materiali: 2 classi terza; 1 classe quarta; specializzazione Trasporti e Logistica opzione Costruzioni Aeronautiche: 1 classe terza; 1 classi quarte; specializzazione Informatica e Telecomunicazioni: 5 classi terza; 6 classi quarte; classi quinte vecchio ordinamento: 1 classe Indirizzo sperimentale per l'ambiente; 1 classe Elettrotecnica ed Automazione; 2 classi Meccanica; 2 classi Costruzioni Aeronautiche; 1 classe Termotecnica; 4 classi Informatica; 1 classe Tecnologie Alimentari; 2 classi Elettronica e Telecomunicazioni; 1 classe Chimica; 2 classi Liceo Scientifico Tecnologico. Pag. 9 di 54

10 L area su cui si sviluppa l Istituto ha una estensione di circa mq. La superficie coperta complessiva è pari a 8020 mq con superficie utile di circa mq. Ad esclusione della palestra i quattro edifici principali sono collegati con una dorsale in fibra ottica ad un server router ADSL ubicato nella palazzina uffici. Planimetria generale con indicazione della rete principale in fibra ottica Spazi ambienti esistenti L Istituto si articola in un plesso per i corsi del biennio, un plesso per i corsi del triennio, la palazzina uffici, la palestra, gli ex reparti di lavorazione. Nel dettaglio le strutture sono: 80 aule di cui 22 dotate di LIM; Aula Magna con 150 posti attrezzata con apparecchiature audio, video; Auditorium con 200 posti; biblioteca con circa volumi dotata di LIM; laboratorio multimediale con 30 postazioni e LIM; laboratorio multimediale con 20 postazione e LIM; Laboratorio di microbiologia; laboratorio di Analisi Chimiche Strumentali; Pag. 10 di 54

11 laboratorio scientifico multidisciplinare (fisica- chimica matematica); laboratorio multimediale multidisciplinare; laboratorio multimediale al servizio delle Scienze; 4 laboratori di indirizzo elettronico; 7 laboratori di indirizzo informatica sistemi matematica di cui due con LIM; 3 laboratori di indirizzo meccanica - Cad/Cam Macchine CNC con LIM; 2 laboratori di indirizzo costruzioni aeronautiche di cui uno con LIM; 5 laboratori di indirizzo chimica; 2 laboratori di fisica con LIM; 1 laboratori di indirizzo elettrotecnica; 1 laboratori di automazione e robotica; 1 laboratorio musicale. Tecnologie e strumenti presenti Nell Istituto Giordani sono presenti le seguenti dotazioni tecnologiche: rete LAN in tutti gli uffici e laboratori già in essere da oltre quindici anni; copertura wireless delle aule; collegamento in fibra ottica tra i plessi; 2 linee ADSL Alice Business intestate all Istituto; sistema di rilevazione automatica delle presenze degli alunni; giustificazioni automatizzata di assenze e ritardi; registro elettronico per i docenti; scrutinio informatizzato; comunicazioni on-line scuola- famiglie. Con riferimento ai sistema di rilevazione automatica delle presenze acquisito dall'istituzione scolastici, esso si compone dei seguenti elementi: server in-house con software di gestione; n. 2 postazioni totem per la rilevazione delle presenze degli allievi e rilascio di scontrino di autorizzazione per gli ingressi in ritardo posizionate agli ingressi principali dei due plessi; n. 4 mini-postazioni di rilevazione degli accessi dislocate sui vari piani dei plessi per evitare code di accesso sulle postazioni totem; n. 5 penne ottiche per la lettura automatica del codice a barre dell allievo per i servizi di segreteria; tesserini con codice a barre e foto per tutti allievi; libretti di giustifica assenze-ritardi-permessi con codice a barre per la registrazione automatica tramite lettura con penna ottica; n. 6 postazioni dislocate nelle sale docenti per consentire agli insegnanti di gestire il proprio registro elettronico. Sono inoltre in dotazione nelle aule e nei diversi laboratori specialistici: 29 L.I.M complete di notebook, videoproiettore a ottica ultracorta, ed impianto audio; circa 300 personal computer, di cui circa 30 notebook, con accesso ad Internet con installato il S.O. Windows nelle varie versione. Su alcuni è installato il S.O. Linux; 30 videoproiettori; 50 stampanti laser e/o a getto d inchiostro; 7 torni a controllo numerico; 2 frese a controllo numerico; 5 torni tradizionali; 1 isola di automazione per simulazione attività produttive robotizzate; 1 plotter formato A0 plus; 1 galleria del vento; 1 sezione di motore a turbina; 4 fotocopiatrici/scanner/stampanti di rete in servizio di noleggio; 1 spettrofotometro; L'evoluzione di breve termine Nell'immediato futuro e, presumibilmente, prima della definizione della presente procedura, l'istituzione scolastica riuscirà ad avere un collegamento a banda larga mediante il punto di presenza (PoP) della Seconda Università degli Studi di Napoli che ci convoglierà sulla rete del Consorzio GARR. L infrastruttura di rete GARR è dedicata alla Comunità Italiana delle Università e della Ricerca. Pag. 11 di 54

12 La struttura magliata e ridondante, organizzata attorno a oltre 50 PoP (Point of Presence), garantisce alla rete una elevata affidabilità e sicurezza, e raggiunge un gran numero di istituzioni grazie alle sua diffusione capillare su tutto il territorio nazionale. L accesso a banda ultralarga permette di offrire pieno supporto ad applicazioni innovative quali Griglie, Telemedicina, e-learning, Multimedia, Fisica delle Alte Energie, Radio Astronomia, Osservazione della Terra e Supercalcolo e permette l impiego di tecnologie d avanguardia come QoS (Quality of Service), VPN (Virtual Private Network), Multicast e il protocollo di nuova generazione IPv6. La Rete GARR è parte integrante del sistema mondiale delle reti della Ricerca e dell Istruzione e collabora con istituzioni ed organizzazioni di prima grandezza nel campo del networking. Grazie al finanziamento di cui alla presente procedura, si prevede anche l'implementazione di una rinnovata infrastruttura di rete per rispondere alle esigenze del progetto Essa sarà realizzata attraverso l'acquisizione di beni e servizi mediante Ordinativo di Fornitura a valere sulla Convenzione denominata Rete4 stipulata tra Consip S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. in data 08/10/2012. Il progetto esecutivo prevede: il rifacimento dell intero cablaggio orizzontale con cavo UTP cat.6, in sostituzione di quello esistente; il cablaggio di due punti rete in ogni aula posizionati in corrispondenza della postazione del docente in conformità a quanto richiesto dalle norme sulla sicurezza; il cablaggio della rete elettrica con almeno quattro punti di alimentazione in prossimità della postazione del docente in conformità a quanto richiesto dalle norme sulla sicurezza; il posizionamento di tutti gli armadi rack di rete nei diversi plessi della scuola. La scelta del mezzo trasmissivo del cablaggio verticale è ricaduta sulla fibra ottica multimodale mentre il collegamento dei plessi con lo switch di campo situato nella palazzina uffici sarà in fibra monomodale. Gli obiettivi del progetto "La scuola tra utopia e nuove tecnologie" Con la realizzazione di aule multimediali con server d aula e tablet/netbook/thin client per ogni studente, collegati in una rete didattica, il docente oltre alla personalizzazione e costruzione della situazione di apprendimento può immediatamente verificare e misurare, con questionari, test o altro, la partecipazione e la comprensione dell argomento da parte degli allievi e provvedere all eventuale ricostruzione della situazione di apprendimento. Con ambienti dotati di TIC si potrà sviluppare inoltre l apprendimento cooperativo (cooperative learning) non solo tra alunni della stessa classe ma anche di altre classi e Istituti diversi per la realizzazione di progetti comuni. I laboratori d informatica saranno riconvertiti e le risorse tecnologiche saranno distribuite nelle aule. Le aule saranno riproposte combinando gli elementi in maniera flessibile, in questo modo sarà possibile realizzare gli spazi come ambienti autonomi d apprendimento, capaci però di rispondere a esigenze diverse e modificabili nel tempo; sarà completata la dotazione di L.I.M. in tutte le aule. Saranno distribuite le attrezzature informatiche portatili della scuola agli alunni, su richiesta dei docenti, in base alle diverse esigenze didattiche. Per raggiungere l obiettivo di un computer per ogni alunno intendiamo consentire e favorire l utilizzo di device personali degli allievi integrandoli con dispositivi forniti dalla scuola agli studenti sprovvisti. Il risparmio economico che si può ottenere da questa soluzione sarà investito nel setting d aula, anche con armadi di sicurezza per la custodia e ricarica dei dispositivi portatili sia della scuola sia degli alunni. Saranno realizzati tre open space (definiti spazi del fare nelle linee guida per l edilizia scolastica dell aprile 2013) per attività individuali e di gruppo aperti anche per attività pomeridiane: spazi per la didattica aperti e flessibili, con ambienti adeguati allo sviluppo della ricerca sperimentale auto prodotta, delle capacità pratiche e della creatività, esperienze da documentare con sistemi digitali per condividerle in una logica di cooperative learning. I tre open space saranno: open space per il dipartimento delle discipline umanistiche nei locali della Biblioteca con superficie di 190 mq che, conservando l originaria funzione, sarà potenziata e valorizzata dalle nuove attrezzature informatiche che saranno introdotte; open space per il dipartimento delle discipline tecniche nei locali degli ex reparti di lavorazione oltre ad altri ambienti contigui con superficie complessiva di 489 mq per attività individuali e di gruppo; open space per il dipartimento delle discipline scientifiche, al secondo piano del plesso biennio, con superficie di 254 mq, che comprende un locale già utilizzato come laboratorio di scienze e due aule adiacenti. L'istituzione scolastica intende realizzare un sistema di trasmissione video in tempo reale all interno dell Istituto scolastico. Pag. 12 di 54

13 In particolare il sistema sarà composto da: una postazione regia mobile per la gestione in tempo reale dei flussi audio-video e la trasmissione tramite rete LAN, fruibile direttamente da ogni PC collegato in rete; videocamere digitali per la ripresa degli eventi; set di illuminazione portatile, per illuminare correttamente la scena da riprendere; microfoni e radiomicrofoni per la cattura accurata dell audio in scena. Tramite le apparecchiature che si vogliono acquisire dovrà essere possibile la realizzazione di semplici spazi informativi e la realizzazione di spazi video autogestiti dalla comunità scolastica sia in diretta che registrati. Tutti gli apparati dovranno essere mobili per consentire lo sfruttamento del sistema anche durante eventi in aula magna o in palestra (ad esempio per registrare seminari, dibatti, eventi culturali e sportivi). DEFINIZIONE DELLA FORNITURA Oggetto Oggetto della gara, suddivisa in quattro Lotti, è la fornitura di prodotti e servizi per la realizzazione del progetto PON 2007/2013 A-2-FESR "La scuola tra utopia e nuove tecnologie". Oggetto del Contratto che verrà stipulata con l aggiudicatario di ciascuno dei quattro Lotti è la fornitura dei prodotti e la prestazione dei servizi richiesti per la realizzazione del progetto PON 2007/2013 A-2-FESR "La scuola tra utopia e nuove tecnologie", e segnatamente: LOTTO 1: Tecnologie per gli ambienti di apprendimento, fornitura di tecnologiche per l'allestimento di ambienti di apprendimento innovativi finalizzati alla realizzazione del progetto PON A-2-FESR dal titolo "La scuola tra utopia e nuove tecnologie. LOTTO 2: Web TV, fornitura di tecnologie per l'allestimento di una WebTV per la realizzazione degli obiettivi del progetto PON A-2-FESR dal titolo "La scuola tra utopia e nuove tecnologie. LOTTO 3: LIM in aula, fornitura di tecnologie per la didattica in ambienti di apprendimento innovativi finalizzati alla realizzazione del progetto PON A-2-FESR dal titolo "La scuola tra utopia e nuove tecnologie. LOTTO 4: Arredi per i nuovi ambienti di apprendimento, fornitura di arredi per la riorganizzazione degli ambienti di apprendimento finalizzati alla realizzazione del progetto PON A-2-FESR dal titolo "La scuola tra utopia e nuove tecnologie. Tutti i prodotti/servizi sopra indicati devono avere le caratteristiche minime (tecniche e/o di funzionalità e/o conformità) stabilite nel presente Capitolato Tecnico, pena l esclusione dalla gara, nonché dovranno essere forniti ed erogati alle condizioni e modalità stabilite nel presente Capitolato Tecnico e nello Schema di Contratto, ovvero, se migliorative, nell Offerta Tecnica. L'I.T.I.S. Francesco Giordani di Caserta potrà effettuare, avvalendosi del proprio Ufficio Tecnico, apposite verifiche relativamente al rispetto dei livelli di servizio prestati dal Fornitore di ciascun singolo Lotto. Durata e inizio delle attività Anche ai sensi di quanto disposto dall art. 2, comma 2 della L.241/1990 e dell art. 11, comma 6, del D.Lgs. 163/2006, in ragione della particolare complessità delle offerte che verranno presentate dai partecipanti e del numero di concorrenti che si prevede interverranno alla presente gara che potrebbe comportare un prolungamento delle attività della Commissione di gara, la durata del presente procedimento e della relativa garanzia è fissata in 270 giorni naturali e consecutivi dalla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione delle offerte. E designato quale Responsabile del procedimento, ai sensi e per gli effetti dell art. 10 del D.Lgs. n. 163/2006, la dott.ssa Antonella Serpico. DESCRIZIONE DELLA FORNITURA Lotto 1 - Tecnologie per gli ambienti di apprendimento Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità del lotto sono dettagliatamente descritte nell'appendice A1. Pag. 13 di 54

14 Lotto 2 - Web TV Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità del lotto sono dettagliatamente descritte nell'appendice A2. Lotto 3 - LIM in aula Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità del lotto sono dettagliatamente descritte nell'appendice A3. Lotto 4 - Arredi per i nuovi ambienti di apprendimento Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità Caratteristiche tecniche minime, opzioni, requisiti di conformità del lotto sono dettagliatamente descritte nell'appendice A4. Pag. 14 di 54

15 APPENDICE A1 TECNOLOGIE PER GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO Con la realizzazione di aule multimediali con server d aula e tablet/netbook/thin client per ogni studente, collegati in una rete didattica, il docente oltre alla personalizzazione e costruzione della situazione di apprendimento può immediatamente verificare e misurare, con questionari, test o altro, la partecipazione e la comprensione dell argomento da parte degli allievi e provvedere all eventuale ricostruzione della situazione di apprendimento. Con ambienti dotati di TIC si potrà sviluppare inoltre l apprendimento cooperativo (cooperative learning) non solo tra alunni della stessa classe ma anche di altre classi e Istituti diversi per la realizzazione di progetti comuni. Per raggiungere l obiettivo di un device per ogni alunno intendiamo consentire e favorire l utilizzo di device personali degli allievi integrandoli con dispositivi forniti dalla scuola agli studenti sprovvisti. Il risparmio economico che si può ottenere da questa soluzione sarà investito nel setting d aula, anche con armadi di sicurezza per la custodia e ricarica dei dispositivi portatili sia della scuola sia degli alunni. I servizi d aula Le tecnologie a servizio dell aula sono state individuate nei seguenti elementi di base: la lavagna interattiva multimediale (LIM) prevista nello specifico LOTTO 3 e per la quale si rinvia all'appendice A3; un computer che funga da server d aula; un software per la gestione della classe; tecnologie accessorie a servizio. Il server d'aula, oltre che consentire, attraverso l'apposito software, la gestione dell'aula, dovrà consentire di operare in diversi ambienti operativi e dovrà sincronizzarzi con sistemi N.A.S. (Network Attached Storage). Il software d'aula, con licenza utile per l'attivazione in tutte le aule dell'istituzione scolastica, dovrà assicurare la capacità di relazionarsi con i diversi device attualmente in commercio e con i rispettivi sistemi operativi Gli Spazi del Fare (Open Space) A supporto delle attività che si prevede di attivare negli Spazi del Fare, si rende necessaria l'acquisizione delle seguenti risorse strumentali: Schermi interattivi; Mobili per ricarica notebook e/o Tablet; Strumentazioni per la realizzazione di una Web TV; Tablet; Notebook; MATRICE ACQUISTI N. Quantità Descrizione 1 n. 76 Server d'aula Nettop completo di tastiera, mouse, webcam 2 n. 76 Monitor 21" Monitor per nettop 3 n. 1 software d'aula Rete didattica software per ogni classe 4 n. 1 software Office Automation Software Office Automation per almeno 79 postazioni 5 n. 10 N.A.S. Network-Attached Storage 6 n. 110 Tablet Tablet con display multi-touch- architetture ARM (architettura con consumi energetici inferiori) 7 n. 4 Notebook 15" Notebook professionale per realizzazioni grafiche e video HD 8 n. 12 Notebook 13" Notebbok professionale per produzioni grafiche HD 9 n. 4 Mobili ricarica Tablet Armadietti ricarica per almeno 30 tablet Pag. 15 di 54

16 10 n. 1 Mobile ricarica Notebook Armadietti ricarica per almeno 20 notebook 11 n. 5 U.P.S. Uninterruptible Power Supply 1. SERVER D'AULA Nettop completo di tastiera e mouse Catratteristiche tecniche minime Processore: Dual core con frequenza minima di 2,5 GHz Dimensioni massime: Altezza 40 mm, larghezza 200 mm, prfondità 200 mm Disco rigido: 500 GB Memoria: 4GB Connessioni: USB 3 (almeno 3 porte), HDMI, Ethernet, FireWire (fino a 800 Mbps), Thunderbolt (fino a 10 Gbps) Ingresso/Uscita audio anche per connessioni a LIM Comunicazioni: Wi-Fi, Bluetooth e Ethernet Sistema Operativo: preinstallato con possibilità di installare anche più Sistemi Operativi tra cui almeno Windows, Mac OS e Linux distro Ubuntu. 2. MONITOR Monitor 21" per nettop ± 1,0" Catratteristiche tecniche minime Lunghezza diagonale: 21" Tecnologia retroilluminazione VA Formato 16:9 Tempo di risposta: 4ms Angolo di visione: Orizzontale 170, Verticale 170 Contrasto standard 5000:1 Risoluzione: 1920x1080 Alimentatore interno Connessioni: VGA, HDMI Compatibilità: Windows, Mac OS, Linux Certificazioni: TCO 6.0, ECOFACTS Label 3. SOFTWARE D'AULA Caratteristiche del software Il software fornito sarà installato in un'ambiente virtualizzato e/o su di un server d'aula in tutti gli ambienti di apprendimento presenti nell'istituzione scolastica. Il software fornito deve consentire all insegnante di controllare tutti i device degli studenti (notebook, netbook, tablet, smartphone, ecc.) in un'aula/laboratorio scolastico in cui si tengono lezioni interattive in cui è prevista l'installazione di una L.I.M. e di un server d'aula tipo nettop. Il software dovrà permettere al docente di visualizzare la medesima schermata su tutti i device in utilizzo in una determinata classe. Il software dovrà consentire anche l'eventuale utilizzo in un ambiente 1:1, in cui ogni studente dispone di un proprio device e il docente può monitorare l'attività svolta da ciascuno studente. 4. SOFTWARE OFFICE AUTOMATION Il software fornito sarà installato in un'ambiente virtualizzato e/o su di un server d'aula in tutti gli ambienti di apprendimento presenti nell'istituzione scolastica. La versione dovrà consentire l'utilizzo dei principali Pag. 16 di 54

17 strumenti di Office Automation. 5. NETWORK ATTACHED STORAGE La configurazione richiesta dovrà consentire l'immagazzinamento dei dati in dispositivi accessibili a tutti i nodi della rete e di permettere di implementare schemi RAID (Redundant Array of Independent Disks), al fine di garantire una migliore gestione della sicurezza dei dati. Si prevede di dedicare un'unità per ciascuna delle specializzazioni presenti nell'istituzione scolastica destinate a garantire la gestione e l'archiviazione dei software, delle lezioni e dei dati utili alla gestione di ciascuna singola classe. Caratteristiche tecniche minime Capacità: 10TB Interfaccia: 2 x Intel Gigabit Ethernet 10/100/1000 Base-TX Processore: dual-core 2.1 3GHz Ram: 4GB DDR III Accesso: locale o tramite cloud proprietario Compatibilità: PC, Mac, Linux, ios, Android Protocolli di rete: SMB, AFP, SFTP, NSF, HTTP, HTTPS Porte: USB 2.0, VGA standard Modalità RAID: Standrad Modalità backup: manuale, programmato: da PC a NAS, da NAS a NAS Accessi simultanei: TABLET Tablet con display Multi-Touch Catratteristiche tecniche minime Processore: frequenza minima di MHz Dimensioni massime: Altezza 250 mm, larghezza 200 mm, prfondità 12 mm Capacità di memoria: 16 GB Display: Multi-Touch widescreen da 9,5" ± 0,5" risoluzione x 768 pixel Comunicazioni: Wi-Fi, Bluetooth 2.1 Sistema Operativo: preinstallato con possibilità di installare anche più Sistemi Operativi Videocamera: registrazione foto/video in HD con audio e zoom digitale 5x Batteria integrata ricaricabile con almeno 8 ore di autonomia Accessibilità: lettore di schermo, supporto per la riproduzione di contenuti sottotitolati, ingrandimento a schermo intero Certificazioni: EMC Directive 2004/108/EC, Low Voltage Directive 2006/95/EC, R&TTE Directive 1999/5/EC 7. NOTEBOOK PROFESSIONAL 15" Notebook con monitor 15" Catratteristiche tecniche minime Processore: Quad core con frequenza minima di 2,3 GHz Cache: 6 MB Dimensioni massime: Altezza 25 mm, larghezza 375 mm, prfondità 250 mm Disco rigido: 500 GB, giri/min. Memoria: 4GB espandibile Schermo: Dimensioni 15,0", retroilluminazione LED, risoluzione 1440x900, contrasto 400:1 con possibilità di duplicazione Pag. 17 di 54

18 Webcam integrata Ingresso/Uscita audio Connessioni: USB 3 (almeno 2 porte), HDMI, Scheda video dedicata Comunicazioni: Wi-Fi, Bluetooth e Ethernet Sistema Operativo: preinstallato con possibilità di installare anche più Sistemi Operativi tra cui almeno Windows, Mac OS e Linux distro Ubuntu. Certificazioni: Energy Star 8. NOTEBOOK PROFESSIONAL 13" Notebook con monitor 13" Catratteristiche tecniche minime Processore: Quad core con frequenza minima di 2,3 GHz Cache: 6 MB Dimensioni massime: Altezza 25 mm, larghezza 375 mm, prfondità 250 mm Disco rigido: 500 GB, giri/min. Memoria: 4GB espandibile Schermo: Webcam integrata Ingresso/Uscita audio Connessioni: Dimensioni 13,0", retroilluminazione LED, risoluzione 1440x900, contrasto 400:1 con possibilità di duplicazione USB 3 (almeno 2 porte), HDMI, Scheda video dedicata Comunicazioni: Wi-Fi, Bluetooth e Ethernet Sistema Operativo: preinstallato con possibilità di installare anche più Sistemi Operativi tra cui almeno Windows, Mac OS e Linux distro Ubuntu. Certificazioni: Energy Star 9. MOBILE RICARICA TABLET Mobile/carrello per riporre, trasportare e ricaricare contemporaneamente un numero di tablet non inferiore a 30. Costituito da ripiani fissi in cui vanno riposti i tablet. L'apparecchiatura deve prevedere un sistema di controllo integrato al pannello di alimentazione con protezione dalle sovratensioni e dai sovraccarichi. La struttura, dotata di ruote e maniglie, deve rendere agevole il trasporto e la ricarica dei tablet. Catratteristiche tecniche minime Numero e sistemazione alloggiamenti: 30 tablet Telaio in estruso di alluminio anodizzato naturale; 4 ruote pivot tanti di cui due dotate di freno Grandezza Tablet 10" Vano alimentazione Protetto con porta con gancio Vaschette in plastica e tappetini in gomma di protezione Angolari paracolpi Sistema di programmazione periodi di alimentazione, spegnimento automatico dopo la ricarica Sistema di ventilazione e raffreddamento automatico durante la ricarica Comprensivo di ciabatte di alimentazione con posizioni universali (prese schuko ed italiana) Porte di accesso al vano Tablet con serratura Certificazione CE 10. MOBILE RICARICA NOTEBOOK Pag. 18 di 54

19 Mobile/carrello per riporre, trasportare e ricaricare contemporaneamente un numero di notebook non inferiore a 20. Costituito da ripiani fissi in cui vanno riposti i computer portatili. L'apparecchiatura deve prevedere un sistema di controllo integrato al pannello di alimentazione con protezione dalle sovratensioni e dai sovraccarichi. La struttura, dotata di ruote e maniglie, deve rendere agevole il trasporto e la ricarica degli apparecchi. Catratteristiche tecniche minime Numero e sistemazione alloggiamenti: 20 Notebook Telaio in estruso di alluminio anodizzato naturale; 4 ruote pivot tanti di cui due dotate di freno Formato portatile Da 13 a 19" Vano alimentazione Protetto con porta con gancio Vaschette in plastica e tappetini in gomma di protezione Angolari paracolpi Sistema di programmazione periodi di alimentazione, spegnimento automatico dopo la ricarica Sistema di ventilazione e raffreddamento automatico durante la ricarica Comprensivo di ciabatte di alimentazione con posizioni universali (prese schuko ed italiana) Porte di accesso al vano Notebook con serratura Certificazione CE 11. UNINTERRUPTIBLE POWER SUPPLY Impianto UPS tipo tower per postazioni informatiche e dispositivi periferici con regolazione automatica della tensione (AVR), protezione da sovratensione per linee RJ-45 e RJ-11, dalla caduta dell'alimentazione e protezione da sovratensione. Catratteristiche tecniche minime Potenza in uscita: 400 Watt / 700 VA Efficienza nella modalità a doppia conversione (pieno carico) > 94% (According to IEC ) Efficienza nella modalità a doppia conversione (metà carico) > 93% (According to IEC ) Efficienza in Energy Saver System (ESS) fino a 99% Emissione sonora < 76 db Range tensione di ingresso +10% / -10% Certificazioni: CE REQUISITI DI CONFORMITÀ Le apparecchiature fornite devono essere munite dei marchi di certificazione riconosciuti da tutti i paesi dell Unione Europea e devono essere conformi alle norme relative alla compatibilità elettromagnetica. Il Fornitore dovrà garantire la conformità delle apparecchiature alle normative CEI o ad altre disposizioni internazionali riconosciute e, in generale, alle vigenti norme legislative, regolamentari e tecniche disciplinanti i componenti e le modalità di impiego delle apparecchiature medesime ai fini della sicurezza degli utilizzatori. Le apparecchiature fornite dovranno in particolare: 1. essere in possesso dell etichetta EPA ENERGY STAR versione 5.0 o equivalente; 2. essere conformi alle specifiche tecniche di base e alle clausole contrattuali dei "Criteri Ambientali Minimi" per IT adottati con DM 22 febbraio 2011 (G.U. n. 64 del 19 marzo 2011) con specifico riferimento ai paragrafi: Requisito Aggiornabilità delle componenti ; Requisito Manuale di istruzioni ; Requisito Informazioni sul prodotto ; Requisito Requisiti dell imballaggio ; Requisito Garanzia limitatamente alla disponibilità delle parti di ricambio per un periodo di 5 anni. Requisito Consumo energetico ; Pag. 19 di 54

20 Requisito Emissioni sonore ; Requisito Gestione rifiuti elettrici ed elettronici ; Requisito Ritiro e gestione degli imballaggi ; 3. rispettare i requisiti di compatibilità elettromagnetica stabiliti nella direttiva 2004/108/CE recepita dalla legislazione italiana con D.Lgs. 6 novembre 2007, n. 194; 4. essere conformi alla direttiva 2002/95/CE, anche nota come "Restriction of Hazardous Substances (RoHS), recepita dalla legislazione italiana con D.Lgs. 151/2005; 5. rispettare i requisiti stabiliti nel D. Lgs. 88/2008, che recepisce la direttiva 206/66/CE concernente pile, accumulatori e relativi rifiuti; 6. essere conformi al D.Lgs 15/2011 che recepisce la direttiva 2009/125/CE relativa all istituzione di un quadro per l elaborazione di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all energia; 7. essere conformi al Regolamento (UE) n.1103/2010 della Commissione del 29 novembre 2010 che stabilisce, ai sensi della direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, norme relative all'etichettatura indicante la capacità di pile e accumulatori portatili secondari (ricaricabili) e per autoveicoli; 8. rispettare la normativa sulla sicurezza sul lavoro D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.. DESCRIZIONE DEI SERVIZI CONNESSI Consegna ed installazione Tutto il materiale dovrà essere consegnato direttamente presso la sede della stazione appaltante, entro e non oltre il termine previsto al paragrafo 6.9 del Disciplinare, previo accordo con il Dirigente Scolastico. Non sono accettati periodi massimi di consegna superiori a quelli indicati, salvo espressa approvazione da parte della stazione appaltante; l eventuale clausola migliorativa contrattuale (eventualmente dichiarata in offerta ed approvata) per un periodo minore si intende comunque obbligatoria ed è da intendersi espressa in giorni solari. Il soggetto aggiudicatario deve obbligatoriamente consegnare beni e apparecchiature nuove di fabbrica e nella versione corrispondente all offerta; nel caso siano state introdotte innovazioni, il soggetto aggiudicatario è obbligato a darne tempestiva comunicazione alla stazione appaltante e deve offrire l attrezzatura nella sua versione più avanzata senza maggiori oneri. La stazione appaltante si riserva il diritto di valutare a proprio insindacabile giudizio se accettare le innovazioni migliorative offerte a parità di condizioni economiche o pretendere la consegna dello strumento offerto (o comunque con caratteristiche non inferiori). Tutte le apparecchiature previste nel contratto di fornitura dovranno essere consegnate in un'unica soluzione. Il Fornitore dovrà consegnare ciascuna apparecchiatura con i Sistemi Operativi già precaricati e pronti all uso e gli eventuali dispositivi e software aggiuntivi richiesti dalla medesima Amministrazione, assicurando il corretto funzionamento dell intera configurazione. Le attività di consegna ed installazione delle apparecchiature si intendono comprensive di ogni onere relativo ad imballaggio, trasporto, facchinaggio, consegna al piano, messa in esercizio, verifica di funzionalità delle apparecchiature, asporto dell imballaggio e qualsiasi altra attività ad esse strumentale. Le apparecchiature, con il relativi software già installati, dovranno essere consegnate a cura e spese del Fornitore nei luoghi e nei locali indicati dall I.T.I.S. F. Giordani di Caserta. Le apparecchiature devono essere consegnate unitamente alla manualistica tecnica d uso (hardware e software), nonché all attestazione di conformità di cui al paragrafo precedente. I lavori di posa, installazione e collaudo dovranno essere obbligatoriamente eseguiti e completati dalla ditta aggiudicataria entro 10 giorni lavorativi, previo accordo con il Dirigente Scolastico e comunque entro e non oltre il termine massimo di 15 giorni lavorativi dalla consegna del bene. L attività di installazione dovrà essere espletata mediante un team comprendente almeno un tecnico con conoscenza specifica degli ambienti hardware e software oggetto di fornitura, nonché con almeno 5 anni di esperienza in attività di installazione e configurazione sistemi informatici (hw e sw) non particolarmente complesse. All atto dell installazione le apparecchiature devono essere sottoposte a verifica di funzionalità da intendersi quale attestazione: dell avvenuta accensione e del funzionamento dei computer (completi di tutti i dispositivi sia base che opzionali); del caricamento dei software preinstallati. Pag. 20 di 54

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Linee guida per l azione Scuol@ 2.0

Linee guida per l azione Scuol@ 2.0 Linee guida per l azione Scuol@ 2.0 1. Introduzione al Piano Nazionale Scuola Digitale Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) comprende una pluralità di azioni coordinate, finalizzate a creare ambienti

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Relazione funzione strumentale Area 4: Progettazione tecnologica, WebTV, WebRadio Docente: Leonardo Campanale

Relazione funzione strumentale Area 4: Progettazione tecnologica, WebTV, WebRadio Docente: Leonardo Campanale Relazione funzione strumentale Area 4: Progettazione tecnologica, WebTV, WebRadio Docente: Leonardo Campanale Anno scolastico 2012/2013 Sommario Sintesi delle attività svolte...2 Supporto alla gestione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA

Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA Denominazione scuola Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFI CO DENOMINAZIONE ISTITUTO UDIS01600T ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Arturo Malignani INDIRIZZO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli