PRIVATE LABEL. Corso di Laurea (vecchio ordinamento, ante D.M. 509/1999) In ECONOMIA AZIENDALE. Tesi di Laurea IL CASO PASTA ZARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIVATE LABEL. Corso di Laurea (vecchio ordinamento, ante D.M. 509/1999) In ECONOMIA AZIENDALE. Tesi di Laurea IL CASO PASTA ZARA"

Transcript

1 Corso di Laurea (vecchio ordinamento, ante D.M. 509/1999) In ECONOMIA AZIENDALE Tesi di Laurea PRIVATE LABEL IL CASO PASTA ZARA Relatore Ch. Prof. Giancarlo Corò Co-relatore Ch. Prof. Giuseppe Tattara Laureanda Stefania Prai Anno Accademico 2011 / 2012

2

3 INDICE INTRODUZIONE... 5 CAPITOLO I LE PRIVATE LABEL... 7 DEFINIZIONE DI MARCA E NASCITA E SVILUPPO DELLE PRIVATE LABEL... 9 PRIVATE LABEL E MARCA INDUSTRIALE - CONFRONTO LA MARCA E LA SUA FUNZIONE IL CONSUMATORE DI PRIVATE LABEL I PRODUTTORI DI PRIVATE LABEL SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PRIVATE LABEL CAPITOLO II IL CASO PASTA ZARA STORIA DELL AZIENDA PROFILO AZIENDALE Il mercato e il posizionamento del marchio IL CICLO PRODUTTIVO LE FASI PRINCIPALI Processo Produttivo Confezionamento Logistica SVILUPPO TECNOLOGICO E SOFTWARE- L ECCELLENZA DELLO STABILIMENTO DI MUGGIA LA PRODUZIONE E IL CONSUMO DI PASTA NEL MONDO Il consumo di pasta L export della pasta italiana Andamento del mercato italiano

4 PRODUZIONE IN PERCENTUALE DI PRIVATE LABEL E DEL MARCHIO PASTA ZARA ALL ESTERO Unione Europea Paesi Europei non membri dell Unione Medio Oriente Estremo Oriente Africa America Oceania LA POLITICA DELLA QUALITÀ- DELLE CERTIFICAZIONI E DELLA SOSTENIBILITÀ.. 78 CAPITOLO III CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE I FATTORI DI SUCCESSO DELL AZIENDA BIBLIOGRAFIA WEBGRAFIA

5 INTRODUZIONE L obiettivo di questo lavoro è di fare una panoramica sul mondo delle marche commerciali, di come questa tipologia di prodotto sia riuscita ad approfittare della situazione di crisi quasi globale per imporsi sul consumatore a scapito delle marche industriali, sfruttando le forti conoscenze che i distributori sono riusciti ad ottenere da quando è nata la grande distribuzione ad oggi. Forti dell esperienza da venditori di prodotti a marchio industriale, i distributori sono riusciti negli anni a capire che la maggioranza dei consumatori è sempre più attenta alla qualità e soprattutto sa riconoscere il prodotto con il rapporto qualità/prezzo, fidelizzandosi al marchio che meglio offre questo servizio. Infatti su questo concetto si basa la strategia vincente delle private label, un ottimo rapporto qualità/prezzo, supportato da metodologie di branding ben precise, che hanno fatto si che negli ultimi anni si affermassero in maniera decisa sul mercato mondiale sia nel comparto food che non-food. L interesse per questo argomento nasce dal rapporto di amicizia che mi lega ai titolari dell azienda Pasta Zara S.p.A., in particolare ad Arianna Bragagnolo, membro del C.d.A. Pasta Zara ha capito che produrre per la marca commerciale sarebbe diventata la strategia vincente per affermarsi nel mondo come produttori di pasta e già alla fine degli anni ottanta buona parte della produzione era per la marca commerciale con destinazione Francia e Germania, in Europa stati pionieri delle private label, ora il 13% di pasta consumata nel mondo esce dalle fabbriche di Pasta Zara. 5

6 Ho voluto sottolineare come in questi anni di forte crisi economica, vi sia ancora la possibilità, creandosi gli strumenti e i mezzi necessari per farlo, di crescere e incrementare il proprio fatturato, allargare i mercati e aumentare continuamente le proprie potenzialità con continui investimenti, segno che credere nel prodotto che si crea e nelle proprie capacità è un elemento fondamentale per portare un azienda al successo e mantenerla ai più alti livelli anche in momenti economici difficili. Desidero ringraziare il management dell azienda Pasta Zara Spa. In particolare Arianna Bragagnolo e Francesco Furlan. Le dati relativi all azienda e agli stabilimenti sono limitati alle informazioni reseci disponibili dai responsabili dell azienda in una serie di colloqui. Ringrazio inoltre i professori Giuseppe Tattara e Giancarlo Corò per avermi aiutato a completare questo percorso. 6

7 Capitolo I Le private label 7

8 8

9 Definizione di marca e nascita e sviluppo delle private label Per marca si intende un nome, un termine, un simbolo o un disegno che identifica i beni o i servizi di un venditore (o di un gruppo) e li differenzia da quelli dei concorrenti. (Collesei, 1994, pp. 176). Le imprese, contrassegnando i propri prodotti, forniscono agli acquirenti uno strumento utile per riconoscere e specificare ciò che desiderano ri-acquistare o consigliare ad altri. In pratica la marca permette al titolare di evitare che il suo prodotto diventi un bene generico, acquistato semplicemente sulla base delle forze di mercato. L'uso della marca da parte delle aziende si è esteso enormemente nel corso del tempo, soprattutto nell'ultimo secolo divenendo un elemento centrale nella politica di strategia delle imprese. Tutto questo ha portato alla nascita di una vera e propria "attività di creazione di marche" definita branding (brand = marchio) e finalizzata alla ricerca e al mantenimento di quei valori rilevanti per i consumatori e che distinguono in maniera significativa la marca di un'azienda da quella di un'altra. Nel generico concetto di marca è possibile distinguere il brand mark (marchio) ossia quella parte della marca rappresentata il più delle volte da un disegno, un colore o un'iscrizione caratteristica e il brand name (nome della marca) che è invece la parte della marca esprimibile a parole. La marca ha la capacità di aggiungere valore al prodotto. Una marca solidamente affermata gode, infatti, di un capitale di immagine che apporta al prodotto fiducia e fedeltà da parte del consumatore. E' importante sottolineare che il valore di una marca non deriva soltanto dalla sua capacità di attrarre i clienti; il fatto che i consumatori 9

10 percepiscano il possesso di una marca come il possesso di una serie di valori ben precisi, significa che essi rifiuteranno, o perlomeno tenderanno a rifiutare le alternative che si presentano, in quanto queste possono non avere gli stessi valori. La marca riveste quindi un ruolo fondamentale creando un legame nella comunicazione tra domanda e offerta ed è ciò che crea il contatto diretto con il consumatore; è il mezzo per poter informare il consumatore dell'esistenza di nuovi prodotti e sulle caratteristiche che li distinguono. Grazie alla marca non è più necessario che i distributori forniscano informazioni al consumatore: si dice infatti che la marca prevende i prodotti. Ma, accanto al tradizionale concetto di marca che viene denominato marca industriale, intendendo con ciò designare il brand che utilizza l impresa manifatturiera per mettere in vendita i propri prodotti, è emerso in contrapposizione un nuovo concetto della stessa, denominato marca commerciale, che si riferisce a quei prodotti che un impresa commerciale pone in vendita con il suo (o uno dei suoi) brand dopo averli acquistati da una azienda manifatturiera (denominata co-packer).le imprese commerciali che adottano questo metodo di vendita applicano la politica delle private label o, in italiano, Marca Privata." Secondo la definizione di Morris i prodotti di private label si identificano come prodotti di consumo realizzati da (o per conto di) imprese commerciali e venduti con la denominazione oppure con un marchio della stessa impresa, all interno dei suoi punti vendita (Morris, 1979, pp.59-78). In altre parole, per marca commerciale si considerano tutti i prodotti che vengono proposti al consumatore col nome o col marchio del distributore anziché quello del fabbricante e che vengono commercializzati quasi esclusivamente nei punti vendita del distributore. 10

11 Le private label rappresentano pertanto un sistema utile per diversificare i punti vendita per garantire ai consumatori il vantaggio di poter disporre di un assortimento più vasto e a prezzi più convenienti rispetto alla marca industriale infatti la tendenza non e quella di sostituire i prodotti private label a quelli delle marche industriali ma quella di garantire una scelta più vasta e completa. Così facendo le marche commerciali hanno la possibilità di fidelizzare il cliente. La definizione di private label ci consente di delineare il quadro entro cui si colloca l argomento che stiamo prendendo in esame, parliamo infatti di vendite, di prodotti, di marche, dove, appunto, vige la politica delle private label. I primi esempi di private label (Fornari, 2007, pp. 34) risalgono ad alcune iniziative pioneristiche degli anni Venti. Queste esperienze vennero realizzate negli Stati Uniti, dove si assistette all avvio di un processo di modernizzazione dei mercati commerciali ed industriali. In particolare, nel mercato americano si verificò per certi aspetti un inversione dei cicli di sviluppo dei settori economici, con un industrializzazione del commercio precedente rispetto a quella della produzione. Imprese come A&P, Kroger e Safeway, inserite in un contesto in cui le imprese industriali erano ancora di dimensioni ridotte e avevano una presenza territoriale limitata, trovarono il loro elemento di successo nella proposta di una filosofia di vendita basata su grandi volumi e margini modesti. Alcune statistiche ufficiali di mercato dell epoca riportano che nel 1930, all apice della sua espansione, A&P poteva contare su una rete di punti vendita diretti, allo stesso modo Kroger gestiva punti vendita e Safeway (Tedlow, 1990). 11

12 La realizzazione di questo metodo di business fu possibile grazie all integrazione verticale completa della filiera, dalla produzione alla commercializzazione nei punti vendita. Numerose furono le motivazioni che spinsero a tali scelte, in primo luogo la produzione in proprio consentiva di ridurre i livelli delle scorte, garantendo l ottenimento di economia di scala vantaggiose i cui benefici venivano trasferiti sui prezzi di vendita. Un secondo elemento importante era rappresentato dal fatto che il controllo diretto della fase produttiva permetteva di garantire il mantenimento di elevati standard qualitativi, infine, l autoproduzione rappresentava uno strumento di diversificazione dell offerta e di fidelizzazione della clientela all insegna. Le scelta dell integrazione verticale era quasi obbligata in quanto le marche industriali non avevano intenzione di sostenere lo sviluppo delle marche commerciali preferendo concentrarsi sui propri marchi. Il modello della marca privata autoprodotta entrò però in crisi non solo a causa della difficoltà di mantenere l integrazione verticale ma anche in seguito all affermazione progressiva della marca industriale prima e della distribuzione moderna a libero servizio, con l affermarsi quindi di realtà distributive senza personale che consiglia l acquisto, poi. Una volta definito il concetto di marca privata risulta importante dare una classificazione dei diversi tipi di marca commerciale (Cristini, Pellegrini, 1989). 1) Marchi industriali in esclusiva: è una categoria che comprende tutti i prodotti a marchio industriale che in seguito ad un contratto di fornitura vengono offerti in esclusiva ad un solo distributore, all azienda produttrice rimane il marchio mentre il prodotto viene realizzato tendendo conto e secondo le esigenze di mercato dimostrate dal distributore. Con i marchi in esclusiva, i produttori 12

13 mettono a disposizione dei distributori alcuni vantaggi della politica della marca commerciale senza che questi debbano assumersi l onere della progettazione e del controllo dei beni offerti, oneri inevitabili se e il distributore a possedere il marchio. Proprio in seguito a questo, in molti casi il distributore che adotta il marchio in esclusiva e una impresa di medie dimensioni, non in grado quindi di sostenere gli oneri che possano associare l immagine della catena con il prodotto proposto. Questa forma di commercializzazione è solitamente una strategia degli stessi produttori che si specializzano in produttori conto terzi. 2) I generici: sono prodotti che soddisfano l esigenza di offrire un alternativa ai clienti particolarmente sensibili alla leva del prezzo, soprattutto in seguito allo sviluppo delle formule discount. In genere, l offerta con il marchio generico si propone ai primi prezzi nell area dei prodotti di base, spesso alimentari, con elevati volumi di vendita che il distributore commercializza con una marca di fantasia. Si tratta spesso di articoli a basso prezzo di qualità inferiore rispetto ai prodotti della stessa categoria proposti a scaffale, contraddistinti da un confezionamento semplice, con un prezzo solitamente ridotto del 30-40% rispetto ai marchi leader e con una redditività per il distributore decisamente superiore a quella di tutte le altre categorie di prodotti. Il distributore li utilizza per aumentare l assortimento e il servizio al clientela, quella meno attenta alla qualità ma più attenta al prezzo, infondendo nel cliente un immagine di convenienza della propria insegna. 3) Marchi di fantasia che non identificano il distributore: sono marchi di proprietà del distributore ma che non permettono una chiara associazione ad esso e il prodotto appare al consumatore come 13

14 un qualsiasi altro prodotto industriale. Tutto questo consente al distributore di sviluppare dei vantaggi che nascono dal possesso del marchio e dalla libertà di usarlo a prescindere dal rapporto col fornitore, quindi prodotti con lo stesso marchio possono essere realizzati da produttori differenti, il distributore può esercitare una leva contrattuale molto forte nei confronti del fornitore che può essere cambiato se risulta meno conveniente di altri. D altro canto, sebbene la non associazione tra distributore e marchio non implichi una diretta assunzione di responsabilità dell insegna nei confronti del consumatore il distributore è comunque obbligato ad investire risorse e mezzi nella gestione di strutture che controllino l intero processo produttivo. In conclusione si può indicare che i marchi a fantasia sono utilizzati da quelle aziende che vogliono creare una diversificazione dell offerta, ma che non avendo ancora un marchio consolidato non si sentono pronte ad immettere nel mercato prodotti che possano essere identificati chiaramente con l insegna. 4) Prodotti bandiera: sono prodotti utilizzati dal distributore che intende utilizzare una politica di prodotto più flessibile e articolata rispetto a quella basata sui generici. I prodotti bandiera hanno una qualità superiore rispetto ai generici; il loro marchio e associabile direttamente al distributore, il cui obiettivo e quello di infondere nel consumatore il concetto che quei prodotti sono di qualità, ad un buon prezzo e garantiti direttamente dal distributore. La prima azienda a lanciare questi prodotti è stata Carrefour, che già nal 1976 ha introdotto i produits libres cioè liberi dalla marca, o più precisamente dalla pubblicità industriale ma non quella commerciale che al contrario è stata molto forte. Si distinguono per un confezionamento comune, un budget pubblicitario molto elevato, aree 14

15 comuni dedicate, tutto con la finalità di rendere il prodotto altamente visibile dal consumatore. I prodotti bandiera rappresentano quindi un modo per avviare una politica commerciale che identifichi direttamente il prodotto con l insegna. 5) Marchi insegna: sono i prodotti che vengono commercializzati col nome stesso dell impresa commerciale e realizzati dall industria sulla base di precisi standard qualitativi dettati dal distributore. Solitamente sono prodotti dalla qualità medio alta, con un confezionamento simile a quello dei prodotti di marca industriale ma solitamente con un prezzo inferiore di circa il 10%. Il marchio insegna rappresenta l obiettivo principale di una politica di marca commerciale, infatti il legame tra marchio e insegna è forte e l identificazione di uno nell altro e completa, il distributore intende quindi assumersi in pieno le responsabilità nei confronti del consumatore sulla qualità del prodotto che porta il suo nome, obbligandosi a proporre prodotti particolarmente validi per contrapporsi ai marchi industriali conosciuti e provati e per non compromettere l immagine dell insegna. L utilizzo del marchio insegna rappresenta il punto di arrivo nella politica del distributore in quanto la concorrenza tra insegne diverse non si basa più esclusivamente sul prezzo e sui servizi di vendita ma si sposta anche sui prodotti. Una politica di questo genere, se genera elevati volumi di vendita, diventa uno strumento per infondere nel consumatore non solo la fedeltà al negozio ma anche la fedeltà alla marca del negozio, creando una diretta concorrenza e un confronto costante tra distributore e industria nel soddisfare le esigenze del consumatore, sfociando in un attività di innovazione del prodotto, a diretto vantaggio del consumatore finale. 15

16 E possibile individuare una ulteriore classificazione delle private label per linee di prezzo (Fornari, 2007, pp. 166; Piana, 2009). Primi Prezzi: ovvero i prodotti con il minor prezzo nella categoria, con prezzi inferiori di oltre il 50% rispetto alla marca leader, a volte con un nome di fantasia che non richiama nel logo o nei colori quello dell'insegna. Ad esempio Eco+ (portato in dote a Conad dal partner francese Leclerc), Fidel di Esselunga, 1 di Carrefour, Clever di Standa, i prodotti con l immagine dell Euro nel salvadanaio di Coop. Premium: ovvero prodotti con un prezzo maggiore di quello della marca leader (anche il 30% in più) caratterizzati da alta qualità. In Italia sono spesso declinati su gamme di prodotti tipici italiani come Sapori e Dintorni di Conad, Terre d'italia di Carrefour, Il Viaggiator Goloso di Unes, "Fior Fiore" di Coop. Marca Insegna: ovvero prodotti con il marchio dell'insegna commerciale con un prezzo in media inferiore del 25% rispetto alla marca leader. Nelle aziende della DO, che hanno insegne diverse a livello locale, vengono utilizzati marchi ombrello come Consilia per il gruppo Sun, Selex per il gruppo Selex, Primia per il gruppo Agorà Altre marche: ovvero le marche private che non rientrano nelle precedenti e sono linee dedicate a prodotti biologici, equo e solidali, per bambini. Alcuni esempi possono essere Rik&Rok di Auchan,Naturama di Esselunga, Fairglob e di Lidl, Crescendo di Coop. 16

17 Private label e marca industriale - confronto Se, ad oggi, è vero che la crisi economica è valsa a favorire la diffusione delle private label ed il loro apprezzamento presso il consumatore, si può supporre che queste avranno un ulteriore sviluppo nel futuro, essendo molte le variabili da individuare e su cui fare leva per la loro piena affermazione. Lo standard qualitativo competitivo e il prezzo decisamente vantaggioso rispetto ai prodotti di marca hanno reso il segmento delle private label particolarmente concorrenziale. Secondo L AC Nielsen1, da un indagine dell aprile del 2011, in un contesto di incertezza economica, la marca privata diventa sempre più una opportunità per il risparmio delle famiglie. L atteggiamento parsimonioso dei consumatori è sempre più evidente tra gli scaffali dei supermercati, tanto da ipotizzare che una parte di questi consumatori manterrà questo atteggiamento anche dopo la ripresa economica con una preferenza agli acquisti every day low price. Secondo l indagine di AC Nielsen 1, Consumer Confidence Survey di fine 2010, condotta su oltre 50 paesi ( grafico 1) in cui si sottolinea che a livello mondiale oltre il 60 % dei consumatori dichiara di aver aumentato l acquisto di marca privata durante la recessione a scapito della marca industriale, mentre solo un 39% dichiara di non averne aumentati i consumi. 1 Dati AC Nielsen Online Consumer Opinion Survey, AC Nielsen è l azienda leader mondiale nelle informazioni di marketing, fornendo una visone globale sui consumatori di circa 100 paesi e sui loro comportamenti. I clienti usano le informazioni per meglio orientarsi nei mercati, comprendere le logiche competitive, affrontare nuove opportunità e dare alle loro campagne di marketing maggiore successo. Due volte l anno vengono svolti sondaggi online per studiare gli orientamenti dei consumatori. < > letto il

18 Grafico 1- Acquisto dei prodotti private label nel Fonte: Nielsen (aprile 2011) Grazie a questi sondaggi si può notare come l aumento di consumo delle private label non diminuirà con la fine della recessione, anzi, tenderà ad aumentare. Questo è dovuto al fatto che il consumatore sviluppa sempre più fiducia nella marca commerciale, non considerandola più esclusivamente in funzione del prezzo basso e di scarsa qualità, ma considerandola un acquisto di qualità ad un prezzo conveniente. Come risulta evidente dal grafico 2, il 47% dei consumatori europei percepisce la marca del distributore come una valida alternativa ai prodotti di marca industriale e il 34% ritiene che la qualità delle private label possa essere paragonata a quella della marca industriale. Il 34% pensa addirittura che alcuni prodotti della marca commerciale siano superiori a quelli della marca industriale, (in Italia questa percezione aumenta al 43%) e solo il 26% ritiene che la marca privata ha un packaging dall aspetto economico. Il packaging dei prodotti è decisamente migliorato, passando da un aspetto anonimo ad un aspetto colorato ed accattivante 18

19 trasmettendo l idea di qualità; gli ingredienti sono variati, si pone molta più attenzione alle tendenze dei consumatori proponendo anche prodotti biologici, salutistici, senza glutine, con equilibrio nutrizionale, ecc. La marca commerciale sta così aumentando la propria attenzione nei confronti delle esigenze di tutte le tipologie di consumatori tanto da essere paragonata alla marca industriale. Grafico 2 - la percezione della qualità delle private label Fonte: Nielsen (aprile 2011) Se si guarda invece al fronte prezzi, come indicato nel grafico 3, il 43% dei consumatori intervistati ha dichiarato che le private label hanno un buon rapporto qualità/prezzo, il 24% sarebbe disposto a pagare di più per un prodotto a marchio privato se questo gli piace e solo il 14% ha dichiarato che i prodotti di marca valgono il prezzo più alto rispetto ai marchi commerciali. Si deve pensare che non è esclusivamente il prezzo che spinge verso i marchi commerciali ma la ricerca della qualità; i consumatori hanno dimostrato infatti che preferiscono spendere di più per un buon prodotto che spendere di meno per avere una qualità scadente. Il rapporto qualità/prezzo diventa pertanto un elemento caratterizzante la scelta del consumatore. Infine è stato chiesto ai consumatori se, secondo loro, 19

20 le private label sono dedicate solo a persone che hanno possibilità di spesa limitate e se per questo non possono acquistare le marche industriali, oppure se sono prodotti destinati anche a consumatori con un potere d acquisto medio alto, solo il 35% dei consumatori globali ha dichiarato che le private label sono solo per chi non può permettersi un prodotto migliore. Secondo uno studio condotto dall Università di Parma, il consumatore povero che è disposto a sacrificare la qualità per la convenienza è stato sostituito dal consumatore con redditi medio/alti, con un elevata scolarizzazione, facente parte di una famiglia con 3-4 componenti, che risiede prevalentemente al nord e che acquista la marca commerciale che risponde a canoni di qualità e prezzo precisi.(pozzi, 2006) Vi sono aree nel mondo in cui le private label sono considerate un prodotto per chi non può permettersi le migliori marche, queste zone coincidono con i paesi in via di sviluppo, dove il distributore non ha la stessa capacità di informazione di quello dei paesi industrializzati e di conseguenza i consumatori non conoscendo le marche private non sono disposti a provarle. Grafico 3 - La percezione del prezzo delle private label. Fonte: Nielsen (aprile 2011) 20

21 Le marche private continuano a crescere a si trovano a dover affrontare le problematiche caratterizzanti le marche industriali. I distributori hanno sempre di più la conoscenza caratteristica dei produttori industriali diventando capaci di capire le esigenze del consumatore e soddisfare diversi segmenti della domanda, come risulta evidente dal grafico 4, la marca commerciale ha avuto più successo in Europa dove in media, la quota dei marchi commerciali e del 35% e alcuni distributori arrivano ad avere una quota quasi del 50%, questo permette loro di investire in innovazioni di prodotto, ricerche sulle preferenze del consumatore consentendo quindi una crescita del proprio brand e riuscendo ad attribuire alla marca privata un immagine che va oltre alla visione semplicistica del prezzo basso, congiungendo valore e qualità, elementi necessari che ad oggi i consumatori ritengono fondamentali. Grafico 4 La diffusione delle private label nel mondo. Fonte: Nielsen (aprile 2011) Gli elementi che hanno contribuito alla crescita delle private label in Europa sono numerosi. Sicuramente la crisi economica e il perdurare di un alto tasso di disoccupazione hanno portato il 21

22 consumatore ad avere un atteggiamento cauto e oculato nel fare la spesa a favore delle private label, infatti, Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda sono stati tra i primi cinque Paesi che hanno dichiarato di averne incrementato i consumi durante la recessione. Sapendo che gli acquirenti sono alla ricerca della qualità, del risparmio e di una nuova offerta di prodotti per soddisfare più esigenze possibili, i distributori più attenti sono riusciti ad intervenire tempestivamente modificando la propria offerta assortimentale. Queste strategie, supportate da efficaci attività pubblicitarie a supporto della marca commerciale, hanno portato a risultati concreti. Anche se oggi i consumatori sono più attenti al prezzo rispetto al passato, le private label non sono più solo una alternativa economica al prodotto di marca, sono dei veri e propri brand a pieno titolo, e i distributori, consapevoli che il prezzo non e più l unica leva sufficiente a modificare le scelte di acquisto dei consumatori, hanno investito nello sviluppo assortimentale inserendosi anche in categorie tradizionalmente esclusive dell industria di marca. 22

23 La marca e la sua funzione La marca commerciale si propone di soddisfare le molteplici esigenze del consumatore proponendosi di svolgere un ruolo del tutto simile a quello solitamente svolto della marca industriale (Fornari, 2007, pp. 94). L importanza della marca per il consumatore dipende dalle strategie messe in atto dall azienda per aumentarne il valore e dal significato che il consumatore stesso le attribuisce. Infatti, per quest ultimo la marca può svolgere una semplice funzione informativa e di riconoscimento, che la confina ad un ruolo di semplice attributo al prodotto, fino ad essere generatrice di associazioni che riguardano il sistema di valori individuale. Via via che la marca risale la scala dei valori per il consumatore tanto più essa viene riconosciuta come asset autonomo in grado di svolgere le funzioni superiori. (Zara,1997, pp 4). Il raggiungimento si questo obiettivo è legato alla capacità del distributore di ideare strategie che inducano i consumatori ad attribuire anche alle private label il valore di marca. Studi internazionali di brand management hanno sottolineato che il valore della marca consiste nella capacità dell impresa di attivare un potenziale generativo delle risorse e competenze aziendali. In base a questo possono essere individuate quattro differenti componenti di questo potenziale. differenziazione: riguarda la capacità della marca di consolidare nel sistema cognitivo del consumatore elementi che permettano di distinguere il prodotto. relazione: permette di creare una relazione di fiducia tra distributore e consumatore. 23

24 estensione: la marca viene utilizzata come guida nelle strategie di sviluppo dell impresa, fungendo da fattore moltiplicativo per la possibilità di creazione del valore. la quarta componente è quella di apprendimento che consiste nella capacità della marca di rispettare le aspettative della domanda, quindi, creando conoscenza su ciò che la marca offre, il brand consente di generare aspettative positive nei confronti degli altri prodotti della stessa impresa. In particolare, il valore creato dalla marca nella fase del processo di acquisto dei consumatori è il risultato della combinazione di due elementi: il valore-utilità consiste nella differenza tra i benefici correlati all uso di un certo prodotto e i costi sostenuti per ottenerlo. il valore-equità ossia le percezione della clientela che il valore atteso rispetta la realtà ed è costante nel tempo e negli acquisti successivi. Secondo questa impostazione le strategie di branding dell impresa consistono nel massimizzare le percezioni positive del consumatore rispetto alla marca. Nella letteratura di brand management la marca può svolgere otto funzioni differenti (Kapferer,Thoening, 1991). 1. informativa: consiste nella capacità della marca di dare al consumatore delle informazioni utili in fase di scelta nella decisione di acquisto attraverso l utilizzo di elementi di riconoscimento di vario genere quali simboli, slogan, loghi ecc. 24

25 2. di garanzia: la tranquillità circa gli standard qualitativi del prodotto 3. capacità di identificazione del brand, ovvero la capacità di riconoscere certe caratteristiche in certi prodotti. 4. orientamento: capacità della marca di essere riconosciuta e di ricondurre a determinate qualità. 5. personalizzazione: i consumatori possono individuare nella marca determinati stili che lo rappresentano 6. comunicazione dove attraverso la costruzione di associazioni positive la marca riesce a trasferire determinate percezioni simboliche relative alla propria immagine permettendo al consumatore di cogliere gli elementi emozionali, psico sociali, ecc. 7. capacità ludica :rendere l acquisto un attività piacevole. 8. praticità: il consumatore acquisendo esperienza con l acquisto prodotti della stessa marca, ha la possibiltà di risparmiare tempo e fatica nel processo di scelta degli acquisti. In particolare le funzioni ritenute maggiormente importanti sulla percezione del brand sono quelle di garanzia e formativa. E necessario pertanto sottolineare come, le imprese commerciali intenzionate a sviluppare una marca privata nella quale il consumatore possa riconoscere un effettivo valore, debbano garantire livelli di utilità e di equità e debbano essere in grado di svolgere un gran numero di funzioni. Queste necessità implicano che non tutte le insegne posso sviluppare adeguatamente un marchio proprio, ma solo quelle che attribuiscono alla private label il ruolo di asset strategico nella gestione della relazione con il consumatore. 25

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione www.puntolegno.it La soluzione ideale per chi vuole affrontare il mercato con la forza di un grande internazionale, senza perdere la propria identità

Dettagli

Belgio. Il mercato delle paste alimentari

Belgio. Il mercato delle paste alimentari Belgio Il mercato delle paste alimentari La presente pubblicazione rientra nel programma editoriale dell Agenzia ICE - collana PROFILI PRODOTTO/MERCATO - ed è stata realizzata dall ufficio di Bruxelles.

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015

C E N S I S OUTLOOK ITALIA. Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 C E N S I S OUTLOOK ITALIA Clima di fiducia e aspettative delle famiglie italiane 2015 Roma, settembre 2015 1. CLIMA DI FIDUCIA, PREVISIONI PER IL FUTURO Per la prima volta, dall inizio della crisi economica,

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online Ci occupiamo di realizzare progetti per aziende produttrici grazie ai quali distribuire e vendere prodotti e servizi. Con gli anni abbiamo

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag.

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Le tre aree strategiche d affari Pag. 3 La storia imprenditoriale Pag. 6 La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7 Scheda di sintesi Pag. 8 Milano, marzo 2006

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato UNA RICERCA DI MARKETING NEL SETTORE VITIVINICOLO. IL CASO CANTINA DI MONTALCINO

Dettagli

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma TEMI DELLA LEZIONE I. L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE II.IL QUADRO

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

Fasi di crescita. Chiara Casadio

Fasi di crescita. Chiara Casadio Fasi di crescita Chiara Casadio condizioni interne ed esterne Le strategie di crescita possono essere influenzate da condizioni interne ed esterne all impresa. Le condizioni esogene principali possono

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE ASSERZIONI AMBIENTALI DI PRODOTTO

CERTIFICAZIONE DELLE ASSERZIONI AMBIENTALI DI PRODOTTO CERTIFICAZIONE DELLE ASSERZIONI AMBIENTALI DI PRODOTTO L obiettivo della certificazione L obiettivo della certificazione è quello di promuovere l utilizzo di dichiarazioni e messaggi chiari, rilevanti

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

i migliori stock ai prezzi più bassi d Italia Franchising se c è, costa meno. il nostro motto può essere la chiave del tuo successo!

i migliori stock ai prezzi più bassi d Italia Franchising se c è, costa meno. il nostro motto può essere la chiave del tuo successo! il Franchising affermato e di sicuro successo: in tutta Italia. se c è, costa meno. il nostro motto può essere la chiave del tuo successo! i migliori stock ai prezzi più bassi d Italia Con un investimento

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

Marketing. La segmentazione del mercato

Marketing. La segmentazione del mercato Marketing La segmentazione del mercato 1 Fase analitica e conoscitiva Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Definizione del mercato e analisi della domanda Comportamento del consumatore Struttura

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli