Project bond e finanziamento delle infrastrutture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project bond e finanziamento delle infrastrutture"

Transcript

1 Project bond e finanziamento delle infrastrutture 1. Premessa Le numerose disposizioni legislative in tema di infrastrutture introdotte su proposta dell attuale Governo, oltre un centinaio - ma un'altra ventina è di imminente emanazione per dare una spinta più decisa allo sviluppo - si caratterizzano non soltanto per la novità delle soluzioni adottate, ma anche perché inserite nel contesto di un corpus mirato a dare finalmente le certezze necessarie alle imprese ed agli investitori per operare. Un tassello molto importante è stato posto con la nuova disciplina del project bond (Slide n. 1). Si tratta di una norma assolutamente nuova, che consente di creare un moderno strumento all avanguardia in Europa e nel resto del Mondo, senza gravare sul debito pubblico e a un costo minore rispetto ai prestiti bancari. Ciò in quanto le obbligazioni e i titoli di debito, sino all'avvio della gestione dell'infrastruttura da parte del concessionario, possono essere garantiti dal sistema finanziario, da fondazioni e da fondi privati. Ma prima di entrare nelle peculiari caratteristiche di questo strumento, vorrei spendere solo poche parole - dal momento che mi rivolgo a qualificati studiosi ed operatori - per spiegare perché lo abbiamo ritenuto un ausilio molto utile per il rilancio delle infrastrutture. 2. Perché si è ritenuto il project bond un ausilio molto utile per il rilancio delle infrastrutture. La concezione tutta incentrata sulla finanza pubblica è superata dagli eventi. Appare quindi scontata l esigenza di ricercare fonti alternative al «tutto pubblico» in un ottica di cofinanziamento attraverso un forte partenariato. In prospettiva, il fabbisogno complessivo di investimenti per le reti di importanza europea nei settori dell energia, dei trasporti e delle tecnologie dell informazione e delle telecomunicazioni (TIC) è pari a circa mille miliardi di euro per il periodo fino al 2020 ( 1 ); solo da noi arriviamo ad un fabbisogno complessivo di opere per il triennio per oltre 100 miliardi di euro e per il periodo 1 Fonte: Cfr. Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo - Pacchetto per la crescita: integrazione delle infrastrutture europee, in data , ove si stima un fabbisogno complessivo di investimenti per le reti di importanza europea nei settori dell energia, dei trasporti e delle tecnologie dell informazione e delle telecomunicazioni (TIC) pari a circa mille miliardi di euro per il periodo fino al 2020.

2 fino al 2020 pari ad almeno 300 miliardi di euro; facendo un calcolo molto approssimativo, circa la metà di queste cifre dovrà essere coperta dal settore privato. Quindi la domanda di finanziamenti a lungo termine è destinata a svilupparsi fortemente. Resta il fatto, però, che è anche superata dagli eventi la propensione degli istituti di credito a concedere finanziamenti a lungo termine. In prospettiva, dunque, la domanda di capitale per investimenti a lungo termine manifesterà la tendenza a crescere, mentre l'offerta di risorse a lungo termine non riuscirà a marciare con lo stesso ritmo della domanda. Tutto ciò comporterà per i progetti di project finance un incremento notevole dei costi. E quindi auspicabile l adozione di politiche atte a favorire gli investimenti a lungo termine, spostando l ago della bilancia verso una riduzione degli investimenti speculativi a breve termine. Ma tutto ciò, data l enorme mole del fabbisogno, non potrà bastare. Prima della crisi, a livello mondiale quasi la totalità di tutti i debiti per realizzare opere con lo strumento del project financing veniva finanziata dalle banche. Ma, dopo la crisi, le banche, in specie quelle europee, hanno notevolmente ridotto gli apporti di nuovo credito per gli investimenti a lungo termine, che richiedono notoriamente elevati spread. Per l Europa, le cause sono riconducibili anche agli effetti di Basilea III, ma è significativo l'aumento del costo del finanziamento. In Europa, quindi, stiamo assistendo a questo fenomeno: le banche non stanno aumentando il numeratore dei loro coefficienti patrimoniali, cioè l'equity, ma stanno riducendo il denominatore, cioè le attività di rischio. Fenomeno che per almeno un anno non dovrebbe attenuarsi. Ma è proprio sul terreno della finanza di progetto che si gioca la grande sfida e la responsabilità da affidare alle imprese in un momento così delicato per la ripresa. Tra le misure possibili per il successo di questo strumento, il Governo ha scelto la via, che ritengo vincente, di modellare una forma del tutto peculiare di project bond adattandola alla situazione dell economia e della finanza pubblica italiana. Il project bond non risulta ancora una forma di finanziamento molto utilizzata nel Mondo, ove si eccettuino gli Stati Uniti d America, il Canada ed il Regno Unito e l Australia. Dal 1990, specie in questi paesi, ma con forme diverse, si erano sviluppate consistenti emissioni di tripla A, garantite soprattutto da compagnie di assicurazioni monoline, cioè da soggetti esclusivamente rivolti alla bond insurance. Cosicché, quando con la crisi molti titoli assicurativi hanno cominciato a traballare, il mercato ha punito maggiormente le emissioni monoline. Dopo il netto calo tra il 2008 e il 2010, sono stati recuperati alcuni miliardi di emissioni nel Ora si registra, in particolare, una vigorosa ripresa dei project bond nel mercato canadese. 2

3 Vi sono, com è noto, due tipi fondamentali di project bond: quelli emessi direttamente dalle autorità pubbliche, come i Build American Bonds (BABs), attuativi dell Obama Recovery Plan, per circa 200 miliardi di dollari, e quelli emessi dalle società di progetto, com è il caso dell ipotesi di project bond europeo. E proprio di questi giorni la notizia del via libera ai project bond europei. Parlamento e Consiglio Ue hanno trovato infatti un accordo per un progetto-pilota, sulla base dell iniziativa «Prestiti obbligazionari Europa 2020», che accorda 230 milioni di euro di garanzie e prestiti per l'emissione di obbligazioni, con un moltiplicatore atteso tra 15 e 20. Il programma, di 18 mesi, potrebbe infatti mobilitare, nella migliore delle ipotesi, 4,6 miliardi di euro di investimenti privati nei settori trasporti, energia e tecnologie dell'informazione. Ancor prima del via libera ai project bond europei, l attuale Governo, con l art. 41 del decreto - legge 24 gennaio 2012, n. 1, aveva già provveduto ad introdurre un apposita norma sullo strumento in discorso. In perfetta linea con la richiamata iniziativa «Prestiti obbligazionari Europa 2020», il nostro strumento riguarda obbligazioni del settore privato, emesse dalla società che realizza il progetto. Per il modello italiano, siamo infatti partiti dalla considerazione che l utilizzazione del nuovo strumento non avrebbe dovuto gravare sul debito pubblico. Abbiamo inoltre considerato che le operazioni finanza di progetto richiedono di regola asset strategici di elevata potenzialità e contratti di lungo periodo che generano risultati relativamente stabili e flussi di cassa estesi nel tempo. Tanto che, secondo un recente rapporto di Moody, i tassi di recupero finali per il mercato dei prestiti per il project finance risultano abbastanza elevati, con una media del 76,4% nel corso degli anni Questi tassi poi si dimostrano relativamente stabili nei diversi cicli economici e, in ogni caso statisticamente superiori ai comuni prestiti alle imprese. Anche durante la recente crisi finanziaria, ivi compresa quella italiana, il grado di default del debito utilizzato dal project finance è rimasto a livelli bassi( 2 ). Abbiamo avuto, quindi, conferma, sotto il profilo soggettivo, della bontà del modello che stava ipotizzando la Commissione europea, modello che ci avrebbe consentito di introdurre con il project bond italiano, una classe attrattiva intermedia tra i governance bond e i corporate bond. I primi infatti 2 Cfr.: 2012 OECD Forum - Long-Term Investment Roundtable - Policies for a new infrastructure investment model 23 May 2012, Paris, Franco Bassanini, Public policies to enhance project financing and PPP in Europe. 3

4 impattano sul debito, i secondi invece presentano un costo notevolmente più elevato. Collegando, invece, i corporate bond con la finanza di progetto, i cui tassi, come si è visto, si dimostrano relativamente stabili anche in avversi cicli economici, avremmo creato una nuova validissima classe fortemente attrattiva di capitali privati, senza impatto con il debito pubblico. Ai vantaggi che in generale possono derivare dall adozione dello strumento del project bond (costi di finanziamento più bassi nei confronti dei prestiti bancari; temporalità più estese rispetto ai prestiti medesimi; impatto limitato sui bilanci pubblici), si aggiunge l ulteriore vantaggio, per quello italiano, di un impatto nullo sulla finanza pubblica. 3. I tratti fondamentali della nuova disciplina introdotta sul project bond Il Governo, con il sopra richiamato decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, ha rilanciato il project bond attraverso due misure. Con la prima si deroga alla regola dell'articolo 2412 del codice civile - che impone di garantire le obbligazioni tramite ipoteca se il loro importo supera il doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili - nel caso in cui le obbligazioni siano destinate alla sottoscrizione da parte solo di investitori qualificati. Per «investitori qualificati», in base al regolamento Consob 14 maggio 1999 e successive modificazioni, si intendono le persone giuridiche autorizzate o ammesse a operare sui mercati finanziari, compresi le banche, le imprese di investimento, le assicurazioni, le società di gestione del risparmio, i fondi pensione, gli intermediari finanziari, le fondazioni bancarie, le imprese la cui attività principale consista nel negoziare per conto proprio merci, «come pure le entità non autorizzate né regolamentate aventi come esclusivo scopo sociale l'investimento in strumenti finanziari». La eliminazione dell'obbligo di ipoteca, purché il bond sia rivolto appunto a investitori qualificati, facilita e rende molto più semplice per i concessionari ricorrere allo strumento dell emissione obbligazionaria. La seconda misura consiste nella possibilità che le obbligazioni di progetto siano garantite durante la fase di costruzione dell'opera (Slide n. 2, 3 e 4). Sarà quindi possibile emettere project bond immediatamente, utilizzando i prestiti degli investitori per contribuire al finanziamento della fase più rischiosa, che è quella realizzativa dell'opera. Si rammenta che secondo lo schema della Commissione europea, gli aiuti possono essere disponibili durante tutto il ciclo vitale del progetto, anche nella fase di costruzione. Con la nuova disciplina in materia di emissione delle obbligazioni da parte delle società di progetto, si agevola quindi il reperimento, da parte dell operatore 4

5 privato dell opera pubblica, delle risorse finanziarie da utilizzare per la realizzazione dell opera. Il profilo del migliorato profilo delle certezze, che costituisce una variabile macroeconomica molto critica per lo spread, potrebbe in tal modo rendere più agevoli gli interventi delle istituzioni finanziarie e delle banche. Ciò, ad esempio, potrebbe rendere anche più agevoli interventi dei fondi partecipati da istituzioni, fondazioni bancarie e banche, che hanno investito finora principalmente in brownfield, cioè in partecipazioni in società che gestiscono infrastrutture già in esercizio, e meno in iniziative greenfield, cioè per la costruzione e gestione di nuove opere. Cimentarsi in un analisi comparata del project bond nel Mondo non è un impresa semplice, in ragione anche della scarsa attenzione che sino a poco tempo fa è stata rivolta dalla letteratura verso questa forma di finanziamento ancora non molto utilizzata in buona parte del Globo( 3 ). Dai pochi studi rinvenuti sembra che si possa ricavare una certa relazione fra spread e durata del finanziamento: all aumentare della durata del finanziamento si registra una riduzione dello spread, sì da compensare, attraverso cash flow positivi e più stabili nel tempo, la probabilità di avere cash flows negativi e instabili nei primi anni in cui è in corso la costruzione dell opera. Ora è chiaro che garantendo la copertura dei rischi di costruzione, lo spread potrebbe notevolmente ridursi. Come potrebbe ridursi anche per la qualità del rating e per la presenza delle garanzie che la disposizione mira ad assicurare. La norma, infine, permetterebbe di realizzare anche alcune considerazioni della Commissione Ue, secondo cui il nuovo strumento di project bond consentirebbe di conciliare i requisiti degli investitori istituzionali - come i fondi pensione e le compagnie di assicurazione, che hanno bisogno di attività di lungo termine per fronteggiare i loro impegni - con le esigenze di finanziamento di lungo termine dei progetti. 3 Cfr. scheda allegata sul project bond nel Mondo. Lo studio più aggiornato che si è rinvenuto si basa su un estrazione di campioni fatta utilizzando il Project finance outlook 2005 di Standard & Poor s e il Project & infrastructure finance rating list (2005) di Moody s. I dati così raccolti sono stati confrontati con il database di Bloomberg, ottenendo in tal modo una serie di 145 osservazioni comprendenti emissioni di progetti realizzati in paesi industrializzati e paesi in via di sviluppo (Cfr.: Mara Maimone: Il mercato dei project bond: un analisi empirica nel caso dei paesi in via di sviluppo. LUISS - Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli). 5

6 4. Il profilo fiscale Per rendere operativo lo strumento italiano del project bond occorrono, tuttavia, adeguati incentivi, in specie agevolazioni fiscali. Per essere efficace, questo strumento dovrebbe essere equiparato ai titoli di Stato. C'è chi teme che con tale agevolazione i project bond possano fare concorrenza al debito pubblico. Ma appare evidente che si tratta una categoria diversa, in quanto è destinata a istituzioni, come i fondi sovrani o fondi pensione, che possiedono già titoli del debito e intendono investire su titoli che rappresentano infrastrutture con certezze sui rendimenti. Dal momento che in prima battuta, l art. 41 del d.l. n. 1/2012 non ha previsto agevolazioni di carattere fiscale, il Ministero delle infrastrutture ha predisposto ora una norma, che insieme ad altre misure indispensabili per lo sviluppo si trova all esame del Consiglio dei Ministri, che accorda alla sottoscrizione di obbligazioni di progetto l aliquota agevolata al 12,50% per la ritenuta sugli interessi, equivalente appunto a quella attualmente prevista per i titoli di Stato. Il tema delle agevolazioni fiscali investe più in generale l intero sistema della finanza di progetto, in quanto misura estremamente necessaria per potenziarne gli effetti sullo sviluppo economico del paese. Ma occorrono anche misure fiscali specificamente dedicate alle infrastrutture. Sono state fatte scelte molto importanti con i provvedimenti di urgenza presi dall attuale Governo. Occorre, peraltro, assumere ancora decisioni coraggiose, partendo dal corretto principio che la fiscalità generata da nuove infrastrutture è completamente addizionale e che può benissimo essere utilizzata, in termini differiti, per finanziare le nuove opere, senza con ciò determinare riduzione di entrate per l erario. 5. Le differenze con il project bond europeo Si è visto come, in linea con lo schema proposto dalla Commissione europea attraverso l iniziativa «Prestiti obbligazionari Europa 2020» per il finanziamento di progetti, il nostro strumento riguarda obbligazioni del settore privato, emesse dalla società che realizza il progetto. E tuttavia un modello del tutto peculiare, in quanto mentre il nostro strumento punta su garanzie private, l Unione europea prevede una collaborazione con la BEI al fine di creare un meccanismo in grado di sostenere l emissione di prestiti obbligazionari privati per il finanziamento di progetti. L idea della Commissione è quella di utilizzare gli stanziamenti del bilancio dell UE per finanziare i progetti nella misura necessaria a rafforzarne il rating del credito, 6

7 attirando in tal modo finanziamenti da altre fonti, compresi gli investitori privati operanti sul mercato dei capitali (Slide n. 5). Va da sé, come spiegherò tra poco, che il nostro project bond potrebbe anche candidarsi per ottenere la garanzia BEI e quindi un ulteriore rafforzamento sul piano del rating. Lo scopo principale dei prestiti obbligazionari per progetti è, secondo la Commissione, attirare e agevolare il finanziamento di progetti da parte del settore privato, ritenendo tali strumenti particolarmente adatti a ridurre ostacoli specifici che frenano il flusso dei finanziamenti in forma di prestiti e di capitale proprio, specie nell attuale situazione di grave crisi economica e del debito sovrano. I prestiti obbligazionari sono mirati ad ampliare la base di investitori per il finanziamento di progetti da parte del settore privato, passando dall erogazione di prestiti all investimento obbligazionario. Allo scopo di migliorare la situazione creditizia per il finanziamento di progetti, la Commissione prevede di suddividere il debito della società che realizza il progetto in una quota di debito privilegiato (il massimo livello della struttura debitoria di un impresa con la massima certezza di rimborso) e una quota di debito subordinato (il debito sotto il debito privilegiato, il quale è, però, privilegiato rispetto al capitale proprio). L inserimento della quota subordinata è mirato ad accrescere la qualità del credito della quota privilegiata a un livello tale da invogliare la maggior parte degli investitori istituzionali a conservare le obbligazioni per un lungo periodo di tempo. E previsto, infine, che la quota subordinata possa assumere la forma di un prestito concesso subito alla società che realizza il progetto, o di una linea di credito contingente cui ricorrere per il servizio del debito privilegiato in caso di necessità, o ancora in una combinazione di queste due formule. Gli aiuti sarebbero disponibili durante tutto il ciclo vitale del progetto, anche nella fase di costruzione, che di solito è la parte più rischiosa di un progetto, ma non sarebbero in alcun caso di importo superiore al 20% della quota di debito privilegiato del progetto. 6. E ragionevole una prospettiva di complementarietà tra il project bond italiano e quello europeo? Partirei da una duplice considerazione: da un canto la strategia Europa 2020 vede la mobilitazione di strumenti obligazionari finalizzati alla realizzazione di progetti come parte di una strategia di finanziamento coerente che metta insieme i fondi pubblici e privati unionali e nazionali; dall altra, la Commissione propone a tal fine di standardizzare e armonizzare la struttura e la governance di tali strumenti. 7

8 Sempre ad avviso della Commissione, lo strumento dei prestiti obbligazionari per il finanziamento di progetti è visto come uno strumento integrativo che non è inteso a sostituire fonti esistenti di finanziamento dei progetti attraverso prestiti bancari o programmi di sussidi del settore pubblico; esso deve anzi integrare tali fonti come ulteriore risorsa per colmare le carenze nel finanziamento di infrastrutture. La filosofia di base presenta similitudini con il caso dell Ospedale McGill University Health Center, che costituisce una best practice nel mercato canadese, ove si registra, come ricordato, una vigorosa ripresa del project bond. Il caso dell Ospedale McGill si caratterizza infatti per un modello di funding innovativo costituito dal ricorso congiunto all equity, al mercato bancario e al mercato dei capitali, tramite l emissione di un project bond; l ammontare complessivo è pari a 1,3 miliardi di CAD$, di cui addirittura 764,1 Min. di CAD$ recati da un senior bond a lungo termine (al 30 giugno 2044). Il ricorso a queste tre diverse fonti di finanziamento è inteso a massimizzare la leva finanziaria, a generare un valore aggiunto in termini di garanzie e di costi e superare, attraverso i bond, l avversione al rischio degli investimenti a lungo termine nel mondo bancario. Com è noto, il meccanismo per collegare l Europa finanzierà predeterminate infrastrutture prioritarie di interesse per l intera UE nei settori del trasporto, dell energia e delle TIC nonché infrastrutture sia fisiche che telematiche che rispettano i criteri di sviluppo sostenibile. E interessante notare come, secondo la Commissione, la ripartizione del rischio dell UE non influisca sulla valutazione Eurostat volta a verificare se il progetto debba essere iscritto nel bilancio nazionale della pubblica amministrazione o nel bilancio privato. Ciò significa che se l UE assume fino al 20% del rischio, la valutazione riguarderà soltanto il restante 80% del progetto. Poiché l intenzione manifestata dalla Commissione è di incoraggiare finanziamenti privati per questo 80%, il progetto dovrebbe normalmente essere classificato come privato. Tuttavia, se il governo fornisce una garanzia superiore al 50% della parte finanziata dal partner privato, il progetto sarà iscritto nel bilancio della pubblica amministrazione nei casi in cui il contratto preveda il trasferimento futuro dell infrastruttura al governo. E vista con favore, in altri termini, la possibilità che il restante 80% del finanziamento sia coperto dal capitale privato dei singoli Stati membri. Nulla sembra vietare che nel caso italiano parte di questa copertura sia assicurata da bond nazionali, emessi sulla base della nostra normativa interna. E significativo che la Commissione intende avvalersi anche delle conoscenze di altre istituzioni finanziarie dei 27 Stati membri, nonché valutare il loro interesse e le loro possibilità di diventare partner nella ripartizione del rischio. 8

9 Chiaramente si tratta di coordinare la governance dei diversi strumenti, mentre per la definizione di questo profilo bisognerà attendere le esperienze applicative della fase pilota. Ancor prima dell emanazione della nostra norma sul project bond, un esempio di forme di integrazione con rating pubblici, anche europei, viene proprio dall Italia. Mi riferisco all emissione nel 2010 da parte di una società finanziaria di un project bond italiano destinato al completamento dell'impianto solare di Montalto di Castro, comprendente due classi di titoli, una con una garanzia SACE e l altra da sottoscrivere (per la prima volta) dalla Banca Europea per gli Investimenti. L utilizzazione congiunta dei due bond, comunitario e nazionale, potrebbe recare un forte valore aggiunto anche sotto il profilo delle variabili di tipo macroeconomico che incidono sullo spread. E noto, infatti, che le variabili legate alle certezze del sistema giuridico sono quelle che incidono di più sul livello dello spread( 4 ). La BEI, essendo l organizzazione dell UE che ha il compito di sostenere le politiche dell Unione europea, vanta un esperienza unica nel finanziamento di progetti infrastrutturali nell Unione europea. Deve rendere conto alle competenti istituzioni europee e risponde politicamente al Parlamento europeo; è soggetta inoltre al controllo della Corte dei conti nella misura in cui è responsabile dell utilizzo di risorse del bilancio dell UE. In conclusione, se l idea è quella di utilizzare gli stanziamenti del bilancio dell UE per finanziare i progetti nella misura necessaria a rafforzarne il rating del credito, attirando in tal modo finanziamenti da altre fonti, compresi gli investitori privati operanti sul mercato dei capitali, non si vede perché non debba essere bene accetta l ipotesi di una complementarietà dei bond italiani. Del resto, anche se le dimensioni e l ambito di applicazione della fase pilota saranno limitate, è previsto che questa stimoli la disponibilità del mercato a una maggiore accettazione del finanziamento del debito attraverso il mercato dei capitali, creando così le condizioni per migliorare l iniziativa. Sono pertanto fermamente convinto che l apporto dell esperienza italiana nello sviluppo dei project bond, che siamo stati i primi ad introdurre in Europa, a costi ragionevoli, in quanto garantiti da rating parificabili a quelli pubblici, senza pesare sul debito dello Stato, costituirà un apporto da non sottovalutare nello svolgimento della fase pilota che l Europa sta avviando. 4 Cfr.: Dailami e Hauswald (2003), Sorge e Gadanecz (2004). 9

10 Scheda allegata sul project bond nel Mondo Il project bond non risulta ancora una forma di finanziamento molto utilizzata nel Mondo, ove si eccettuino gli Stati Uniti d America, il Canada ed il Regno Unito. Ciò probabilmente giustifica la scarsa attenzione che sino a poco tempo fa è stata rivolta dalla letteratura verso questo strumento. Lo studio più aggiornato che si è rinvenuto si basa su un estrazione di campioni fatta utilizzando il Project finance outlook 2005 di Standard & Poor s e il Project & infrastructure finance rating list (2005) di Moody s. I dati così raccolti sono stati confrontati con il database di Bloomberg, ottenendo in tal modo una serie di 145 osservazioni comprendenti emissioni di progetti realizzati in paesi industrializzati e paesi in via di sviluppo( 5 ). Chiaramente si tratta di uno studio non esaustivo sotto il profilo del numero delle osservazioni, delle variabili utilizzate, di tipo puramente microeconomico, e da sviluppare in relazione ai cambiamenti degli ultimi anni nell economia mondiale. E tuttavia uno studio interessante perché consente di individuare alcune prime relazioni tra lo spread ed altre variabili microeconomiche. In particolare, le variabili utilizzate sono legate principalmente alla natura del progetto quali: l ammontare del prestito, la durata del prestito (maturity), la presenza di garanzie, il settore di appartenenza. Il campione è composto da 145 emissioni di cui 36 relative ai paesi in via di sviluppo. L Italia è presente con due emissioni, a fronte di 70 per gli Stati Uniti, di 16 per il Canada e di 14 per il Regno Unito (cfr. la Tabella che segue, i cui valori monetari sono espressi in dollari). 5 Mara Maimone: Il mercato dei project bond: un analisi empirica nel caso dei paesi in via di sviluppo. LUISS - Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli. Dottorato di ricerca in Economia e Tecnica della Finanza di Progetto. 10

11 11

12 Come si vede, il valore medio delle emissioni è particolarmente elevato (288 milioni di dollari). Ancora più elevata e la media italiana con 442 milioni di dollari. L emissione più alta è pari a 1,5 miliardi di dollari, mentre la minima è pari a 1,2 milioni. La maturity media è di circa 16,5 anni (pari a 202 mesi); il valore massimo è pari a 38, mentre il minimo è di 5 anni. Riguardo lo spread il valore medio è di 185 basis point, mentre le emissioni che presentano garanzie sono 46. Per quanto riguarda i settori di appartenenza dei progetti, al settore power sono riconducibili 87 emissioni, all olil & gas 26, al transport 17, al water 5, al chemical 2 ed, infine, all other 8. La distribuzione per settori mostra, quindi, una forte propensione ad utilizzare il project finance soprattutto per i progetti legati al settore power. Uno dei risultati più interessanti di questo studio è la relazione esistente fra spread e maturity: l analisi mostra infatti la riduzione dello spread per i finanziamenti project all aumentare della durata del finanziamento. Tale fenomeno potrebbe dipendere dalla circostanza che all incremento della maturity aumenta anche il periodo in cui il progetto si trova in una fase in cui i cash flow possono divenire positivi e più stabili nel tempo, a differenza dei primi anni in cui essendo in corso la costruzione dell opera la probabilità di avere cash flows negativi e instabili è nettamente superiore. Con la conseguenza che il rimborso del debito nei primi anni è soggetto ad un maggior rischio di liquidità. Passando alle variabili macroeconomiche (PIL, inflazione e un set di variabili che misurano la qualità del sistema giuridico, finanziario e delle istituzioni politiche del paese in cui è effettuata l operazione), occorre rifarsi ad atri studi, come quelli di Dailami e Hauswald (2003), Sorge e Gadanecz (2004), i cui risultati ottenuti indicano che fra le variabili di tipo macroeconomico le variabili legate al rischio politico ed al sistema giuridico sono quelle che incidono di più sul livello dello spread. In particolare, la presenza di ostacoli di tipo legale o regolamentare e la mancanza di un quadro di certezze aumentano sensibilmente lo spread sui bond. 12

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond La Commissione europea preferisce i project bond Gli investimenti infrastrutturali possono stimolare crescita e occupazione. Come sostenuto dal neo presidente della Commissione europea Junker. Ma i lavori

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE TITOLO APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE L idea sottostante al Piano d investimenti per l Europa, meglio conosciuto come Piano Juncker, è che le difficoltà dell economia europea

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Anna Maria Fontana Responsabile divisione VII DPS-DGPRUN Investimenti pubblici in infrastrutture

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GITTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GITTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1361 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GITTI Misure fiscali per favorire le operazioni di capitalizzazione e di finanziamento a

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI:

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI: 6. Finanze 1 - Operazioni di capitalizzazione e di finanziamento delle PMI e proposte per contrastare la crisi economica in adesione ai principi europei dello Small Business Act Sono noti i motivi finanziari

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

I TREMONTI BOND. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza

I TREMONTI BOND. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza I TREMONTI BOND Nota tecnica Consorzio Camerale per il credito e la finanza Finalità I TREMONTI BOND sostenere le banche; migliorare le condizioni di accesso al credito per le imprese. Impegni per le banche

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

Promoting Investments for Modernization of the Economy. New Realities

Promoting Investments for Modernization of the Economy. New Realities 1 Traduzione italiana dell intervento del Prof. Franco Bassanini, presidente della Cassa Depositi e Prestiti alla conferenza internazionale, tenutasi il 9 novembre ad Astana, la capitale della Repubblica

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA EURIBOR 3M 08/10

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE MODIFICA DELL ART. 34 TER COMMA 4 DEL REGOLAMENTO EMITTENTI E DELL ALLEGATO 1M AL REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINANTE LA STRUTTURA DEL PROSPETTO SEMPLIFICATO RELATIVO ALL OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO FISSO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi Costantino Di Carlo Alberto Camporesi PREMESSA Fino alla metà degli Anni 90 prevaleva nel dialogo Banca Impresa l attenzione su fatti patrimoniali (prevalentemente immobiliari) e relazioni interpersonali

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Art. 1 - Oggetto La Fondazione Rosselli, istituto di ricerca indipendente e no-profit che opera nell ambito delle scienze

Dettagli

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "Banca del Mugello TASSO VARIABILE" Banca del Mugello - Credito Cooperativo Società

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA DI CESENA 09/03/2009 09/03/2012

Dettagli

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI BOZZA La riforma dei mini-bond. Quali opportunità per le PMI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Roma, 4 marzo 2014 - Confindustria Le banche italiane ed il credit crunch Impieghi bancari alle imprese

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno

Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno Sussidi statali e descrizione del concetto di equa compensazione - Relazione Introduzione La Commissione Europea richiede garanzie su come, senza calcoli

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI Franco BASSANINI LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI (pubblicato in Fondazioni maggio-giugno 2011) E ancora presto per delineare un bilancio dell esperienza delle Fondazioni

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese

Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese Focus su mutui per ricapitalizzazione aziendale e capital light Riccardo Benanti Specialista di Finanza d'impresa Commerciale Corporate Region Sicilia

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli