Micropropagazione e tecnologie in vitro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Micropropagazione e tecnologie in vitro"

Transcript

1 Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana Gruppo di Lavoro Newsletter n 3 Luglio 2010 In questo numero: Ricerca & Innovazione L embriogenesi somatica: un valido strumento di risana mento da virus in vite di Ivana Gribaudo e Giorgio Gambino Pag. 2 Conservazione dei semi in azoto liquido (-196 C): un metodo efficiente di salvaguardia della biodiversità vegetale di Anna De Carlo Pag. 4 Laboratori di Ricerca e Commerciali Il Laboratorio del Centro Sperim. Ortofloricolo Po di Tramontana di Rosolina (RO) Veneto Agricoltura Pag. 6 Laboratori di ricerca e sperimentazione del Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiver sità Forestale (C.N.B.F.) del C.F.S., Pieve S. Stefano (AR) Pag. 8 Il Laboratorio Commerciale di Claudio Depaoli Pag. 9 Convegni, Congressi & Simposi La micropropagazione alle IX Giornate Scientifiche SOI Pag. 10 Giornata Dimostrativa Enbiojet Pasteurizer, Pag. 11 La coltura in vitro al Convegno VIVAFLOR, Pag. 12 Prossimi appuntamenti del Gruppo di Lavoro Workshop La coltura in vitro applicata alla conservazio ne e alla valorizzazione della biodiversità. L Aquila, 30 settembre-1 ottobre 2010 Programma provvisorio Pag. 14 II Conv. Naz. sulla Micropropagazione - Save The Date! Pag. 16 Novità Editoriali Pag. 17

2 Ricerca & Innovazione L embriogenesi somatica: un valido strumento di risanamento da virus in vite Le malattie virali costituiscono, com'è noto, un grave problema patologico per molte specie di interesse agrario, tra le quali la vite. Non esistendo ad oggi la possibilità di effettuare direttamente trattamenti in campo per mancanza di fitofarmaci antivirali validi, il principale metodo di lotta preventiva è la diffusione di materiale di propagazione sano. Quando non sia possibile reperire in natura biotipi esenti almeno dalle virosi più importanti (come ad esempio avviene di frequente nel caso di vitigni di antica coltivazione in zone ristrette e su un limitato numero di ceppi) o quando un certo biotipo sia interessante per molti aspetti ma non possa essere avviato alle procedure di selezione clonale perché affetto da una o più virosi, diventa necessario procedere al risanamento artificiale. I metodi comunemente utilizzati per ottenere il risanamento di viti affette da malattie virali sono la termoterapia e la coltura di apici meristematici; negli ultimi anni, però, l'embriogenesi somatica si sta dimostrando uno strumento, di grandi potenzialità sanitarie, sebbene di non semplice applicazione. Com è noto, l embriogenesi somatica consiste nella differenziazione di embrioni da tessuti di diversa origine, quali foglie, parti del fiore immaturo, internodi, ecc. In vite questo avviene in modo indiretto, mediante la formazione di callo (callogenesi) e la successiva differenziazione degli embrioni (embriogenesi). Da tali embrioni si sviluppa una pianta intera con un processo molto simile a quello proprio dell embrione zigotico. L embriogenesi somatica è ampiamente utilizzata, per la vite e per moltissime altre specie, per la rigenerazione a partire da cellule sottoposte a trasferimento genico; embrioni somatici possono altresì essere usati come espianti da sottoporre a crioconservazione e come potenziale fonte di variabilità somaclonale. Il fatto che piante derivate da embrioni somatici di vite potessero risultare esenti dai virus presenti nelle piante madri da cui erano stati prelevati gli espianti era già stato notato da un gruppo di ricercatori sudafricani all inizio degli anni 90, osservando però un efficacia limitata a solo alcuni virus, in particolare virus floematici. Alcuni anni più tardi, anche grazie alla disponibilità di efficaci protocolli di rigenerazione per molte specie e cultivar, la tecnica è stata applicata con successo a Citrus, canna da zucchero e cacao. Il gruppo di ricerca dell Istituto di Virologia Vegetale (IVV) del CNR di Grugliasco (TO) da alcuni anni sta effettuando ricerche, non solo sull efficacia dell embriogenesi somatica come metodo di risanamento da virus della vite, ma anche sui meccanismi attraverso i quali si esplica tale effetto. Il risanamento da virus quali Grapevine leafroll-associated virus- 1 e -3 (GLRaV-1 e GLRaV-3), Grapevine virus A (GVA) e Grapevine fleck virus è risultato sempre del 100% in tutte le prove eseguite, su centinaia di linee ottenute da embrioni somatici. Inoltre, questa tecnica ha permesso di ottenere pieno successo nel risanamento da Grapevine rupestris stem pitting-associated virus (GRSPaV), virus per il quale le tecniche tradizionali (coltura di meristemi, termoterapia in vivo e in vitro) applicate in precedenza avevano portato a percentuali di risanamento non superiori al 29%. Per quanto riguarda il Grapevine fanleaf virus (GFLV), un nepovirus che invade con relativa facilità i meristemi, il risanamento è stato possibile nel 98% circa dei casi, mentre precedenti risultati Plantula di vite ottenuta da embrio genesi somatica ottenuti nel 1992 nella Repubblica Sudafricana evidenziavano la necessità di applicare un periodo di termoterapia agli espianti iniziali per ottenere il risanamento da GFLV. Newsletter n 3 Luglio

3 Per spiegare i differenti risultati è stato ipotizzato che nel nostro caso la maggiore concentrazione di fitoregolatori nei substrati utilizzati possa aver contribuito all eradicazione del virus, anche se le conoscenze sugli effetti di citochinine ed auxine esogene sui virus sono poche e non esaustive. Un protocollo analogo a quello da noi seguito è stato recentemente utilizzato da un gruppo di ricerca austriaco che ha ottenuto l eliminazione dell Arabis mosaic virus, un altro nepovirus, nel 100% degli embrioni somatici derivati da viti infette. A fronte di ottimi risultati nel risanamento, rimanevano però molte domande sui meccanismi che lo inducono durante il processo di rigenerazione. E stata quindi studiata la presenza di GRSPaV, GLRaV-1 e GVA in vari stadi delle colture embriogeniche di vite mediante RT-PCR. Mentre i virus erano sempre presenti negli espianti iniziali, dopo 4 mesi di coltura il 65% dei calli era ancora infetto da almeno un virus e dopo 8 mesi non era possibile rilevare la presenza dei virus in alcuno dei calli esaminati. Nessuno degli embrioni somatici e delle viti da essi ottenute risultava Sezione di callo di vite dopo ibridazione in situ per la rilevazione di GFLV: il colore blu indica la presenza dell RNA virale. infetto, neppure dopo ambientamento e anni di coltura in serra. Risultava anche che la rigenerazione di embrioni sani avveniva quando parte dei calli era ancora positiva ai saggi virologici. In un secondo studio è stata valutata in parallelo la distribuzione di GFLV, GLRaV-3 e GVA in calli embriogenici, mediante ibridazione in situ con sonde oligonucleotidiche marcate con digossigenina. Mentre per il GFLV dopo 4 mesi di coltura era possibile osservare un mosaico di cellule infette e di cellule non infette, con forti concentrazioni del virus in alcuni gruppi di cellule in zone periferiche del callo, GVA e GLRaV-3 erano in genere presenti in poche cellule circondate da aree di cellule libere da questi virus. Dopo 6 mesi di coltura, calli ed embrioni risultavano essere liberi dai virus. I risultati ottenuti hanno quindi confermato la diversa capacità da parte dei virus in esame di diffusione nei calli e comunque l efficacia di questo metodo di rigenerazione per l eliminazione dei virus. Indubbiamente la rigenerazione per embriogenesi somatica ha grossi vincoli (i tempi lunghi, la forte dipendenza dal genotipo, la trueness-to-type delle piante rigenerate da accertare) che ancora non le permettono di affiancarsi alle tecniche tradizionali di risanamento nelle applicazioni di routine. In compenso presenta, a nostro parere, un grande interesse dal punto di vista scientifico, mostrando di essere potenzialmente il metodo più efficace per ottenere una vite totalmente virus-esente; in tal senso, si tenga conto che i saggi virologici riguardano in genere i virus più importanti, ma la vite è la coltura agraria in cui è stato identificato il più alto numero di agenti patogeni virali. Speriamo con questa nota di stimolare contributi e un proficuo confronto su questo argomento nell ambito del Gruppo di Lavoro SOI tecnologie in vitro. Bibliografia di approfondimento Goussard, P.G., Wiid, J. & Kasdorf, G.G.F. (1991) The effectiveness of in vitro somatic embryogenesis in eliminating fanleaf virus and leafroll associated viruses from grapevines. South African J. Enol. Vitic., 12, Goussard PG, Wiid J (1992) The elimination of fanleaf virus from grapevines using in vitro somatic embryogenesis combined with heat therapy. South African J. Enol. Vitic. 13: D Onghia A.M., Carimi F., De Pasquale F., Djelouah K., Martelli G.P. (2001) Elimination of Citrus psorosis virus by somatic embryogenesis from stigma and style cultures. Plant Pathology, 50, Gambino G., Bondaz J., Gribaudo I. (2006) Detection and elimination of viruses in callus, somatic embryos and regenerated plantlets of grapevine. Europ. J. Plant Pat. 114: Gribaudo I., Gambino G., Cuozzo D., Mannini F. (2006) Attempts to eliminate Grapevine rupestris stem pitting-associated virus from grapevine clones. J. Plant Path. 88(3): Gambino G., Di Matteo D., Gribaudo I. (2009) Elimination of Grapevine fanleaf virus from three Vitis vinifera cultivars by somatic embryogenesis. Europ. J. Plant Pat. 123: Ivana Gribaudo Giorgio Gambino Istituto Virologia Vegetale-CNR, Unità di Grugliasco (Torino) Newsletter n 3 Luglio

4 Conservazione dei semi in azoto liquido (-196 C): un metodo efficiente di salvaguardia della biodiversità vegetale I semi delle specie vegetali vengono tradizionalmente conservati in banche del seme, in camere fredde mantenute alla temperatura, in genere, di 18 /-20 C. In conservazione, la longevità del seme dipende da fattori intrinseci ed estrinseci e, inoltre, da meccanismi di protezione e riparazione dai danni eventualmente prodotti dalle basse temperature. A secondo del comportamento dei semi sottoposti a disidratazione vengono distinti tre gruppi: semi tolleranti alla disidratazione (semi ortodossi), semi intermedi (semi sub-ortodossi) e semi sensibili alla disidratazione (non ortodossi o recalcitranti). I semi ortodossi, che vanno incontro ad una naturale riduzione del contenuto in acqua già sulla pianta madre, possono essere disidratati fino ad avere un contenuto in acqua anche inferiore al 10%, senza che ne venga compromessa la vitalità e la germinabilità. La conservazione a bassa temperatura di questi semi, opportunamente disidratati, può quindi essere protratta per tempi molto lunghi (anche per decenni). I semi non ortodossi o recalcitranti non entrano in dormienza e sono metabolicamente pronti a geminare quando ancora sulla pianta madre; quindi, a differenza dei semi ortodossi, non vanno incontro ad una naturale disidratazione prima della maturazione. Per la conservazione, i semi non ortodossi devono essere raccolti ad un ben preciso stadio di maturità, spesso di breve o brevissima durata. I tempi di conservazione sono comunque sempre molto limitati, in quanto questi semi hanno, a maturità, un contenuto in acqua che oscilla fra valori del 35% e del 90%, sono molto sensibili alla disidratazione artificiale e perdono facilmente la loro vitalità già quando il contenuto in acqua scende sotto il 30%. Per quanto sopra, la crioconservazione di semi interi o embrioni escissi rappresenta un valido strumento per la conservazione a lungo termine del germoplasma di specie a propagazione gamica, caratterizzate da semi sub- o non-ortodossi. La crioconservazione permette di conservare il materiale vegetale in condizioni di temperatura ultra-bassa per tempi illimitati. La conservazione viene effettuata con organi e tessuti vegetali immersi in azoto liquido, cioè alla temperatura di -196 C, oppure mantenuti nei suoi vapori, a circa -160 C. A queste temperature non si ha alcuna attività biochimica cellulare e, di conseguenza, è bloccata la crescita biologica e lo sviluppo degli organi o tessuti, senza che ne sia compromessa la sopravvivenza. I semi, prima dell immersione in azoto liquido, devono essere opportunamente ridotti nel loro contenuto in acqua a valori, in genere, inferiori al 25%. La disidratazione viene condotta mediante esposizione dei semi per tempi definiti sotto il flusso d aria sterile di una cappa a flusso laminare, oppure in contenitori ermeticamente chiusi, contenenti gel di silice o una soluzione acquosa satura di un sale potassico (acetato, idrossido o carbonato di potassio). La conservazione in azoto liquido si opera ponendo i semi in crioprovette da 2 cc (cryovials) che vengono, a loro volta, inserite in scatole di plastica da criogenia (cryoboxes). Le scatole vengono quindi impilate all interno di appositi contenitori per azoto liquido. Dopo il recupero dall azoto liquido e lo scongelamento in bagno termostatato, i semi sono posti a germinare in vitro. In questa fase, la coltura in vitro svolge un importante ruolo, in quanto la scelta del substrato più idoneo e l applicazione di opportune condizioni di coltura (temperatura, illuminazione e fotoperiodo) possono favorire la germinazione dei semi sopravvissuti alla crioconservazione e il primo sviluppo dei semenzali. E da rilevare che la crioconservazione dei semi si presta, oltre che alla conservazione di specie a propagazione gamica, anche alla conservazione clonale di specie da frutto caratterizzate dalla contemporanea presenza nel seme dell embrione zigotico e di embrioni nucellari. E questo il caso del genere Citrus, all interno del quale si annoverano molte specie poliembrioniche. In tal senso, una recente applicazione della crioconservazione ha riguardato lo studio condotto dal CNR-IVALSA di Sesto Fiorentino (Firenze) su un antica collezione Medicea di agrumi, svolto in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Firenze. Newsletter n 3 Luglio

5 Lo studio ha permesso di sviluppare un idonea procedura di crioconservazione per numerose accessioni della collezione di Citrus della Villa Medicea di Castello in Firenze. La collezione, iniziata da Cosimo I de Medici nel XVI secolo, comprende oltre 600 accessioni di elevato valore storico, la maggior parte delle quali mantenute in grandi conche di terracotta. Il progetto, sviluppato grazie anche ad un finanziamento dell Ente Cassa di Risparmio di Firenze, si basa sulla determinazione, per ogni accessione, del contenuto in acqua del seme più appropriato a garantirne il mantenimento della germinabilità durante l immersione diretta e la conservazione in azoto liquido. I semi, subito dopo il prelievo, sono privati del tegumento esterno e decontaminati mediante immersione in etanolo (al 70%, v/v in acqua) per 5 minuti, successivo trattamento in ipoclorito di sodio (al 2%, peso/v in acqua) per 15 minuti e lavaggio finale con acqua sterile. Il seme originariamente ha un contenuto in acqua del 40-50%, a seconda delle accessioni. Viene pertanto disidratato ponendolo sotto flusso d aria sterile, fino a portarlo ad un contenuto in acqua inferiore al 25%, e successivamente immerso direttamente in azoto liquido all interno di cryovials. Dopo scongelamento, la germinabilità è valutata ponendo i semi in scatole Petri contenenti substrato MS, addizionato di 146 mm di saccarosio e 0.5 g/l di estratto di malto, a ph 5.7. I semi sono poi mantenuti a 26±1 C e in oscurità per una settimana e successivamente trasferiti in fotoperiodo 16h (40 µmol m -2 s -1 ). Trascorsi 21 giorni, si provvede a trasferire le plantule in contenitori di plastica da 80 cc. Ad oggi, il progetto ha permesso di sviluppare un idoneo protocollo di disidratazione e immersione diretta in azoto liquido per 14 antiche accessioni, provenienti da 9 specie di Citrus e da un ibrido; per 11 di queste è stata ottenuta una germinabilità superiore al 75% dopo recupero dall azoto liquido. Obiettivo primario del progetto è la duplicazione in criobanca della collezione di agrumi Medicea, primo esempio applicativo in Italia di crioconservazione di semi. Oltre gli agrumi, presso il CNR-IVALSA è stata in questi anni oggetto di indagine anche la conservazione in azoto liquido del seme di Pistacia spp. e di embrioni escissi di arachide (Arachis hypogaea). Sono inoltre in corso prove sperimentali di crioconservazione di semi di specie forestali (Fagus sylvatica, Abies alba, Pinus cembra, Prunus avium), in collaborazione con Centro Nazionale Biodiversità Forestale di Peri (Verona). La principale criobanca del seme è oggi presso il National Center for Genetic Resources Preservation (NCGRP) di Fort Collins, Colorado, ove sono conservati a -18 C e in crioconservazione semi di oltre specie vegetali. Per maggiori dettagli ed informazioni sulla crioconservazione di semi, organi e tessuti vegetali, nonché per una aggiornata bibliografia sull argomento, si può consultare: Lambardi e De Carlo, Tecniche ed applicazioni della criogenia alla conservazione ed al risanamento di germoplasma vegetale. Italus Hortus, 16 (1): Anna De Carlo CNR-IVALSA, Sesto Fiorentino (FI) Semenzali di Citrus sviluppati da semi crioconservati della collezione della Villa Medicea di Castello (Firenze). a, C. aurantium Virgatum ; b, C. limon Foliis variegatis ; c, C. medica; d, C. sinensis Oblongus. Newsletter n 3 Luglio

6 Laboratori di Ricerca e Commerciali Segnalate le attività del vostro laboratorio in max 500 parole e 1-2 immagini a: Il Laboratorio di Micropropagazione del Centro Sperimentale Ortofloricolo Po di Tramontana di Rosolina (Rovigo) Il Laboratorio di Micropropagazione del Centro Sperimentale Po di Tramontana è stato costituito nel 1988 per l introduzione e la propagazione in vitro di materiale selezionato del comparto ortoflorofrutticolo, adempiendo in questo ad uno dei compiti propri di Veneto Agricoltura a favore del territorio. Specie orticole Tra le numerose ricerche scientifico-applicative svolte dal Laboratorio nell arco di oltre un ventennio è senz altro da segnalare l attività condotta nel settore orticolo, con particolare riguardo a radicchio del Veneto, ad aglio polesano e a carciofo Violetto di Chioggia e Violetto di S. Erasmo. Per quanto riguarda il radicchio, il Laboratorio ha svolto una intensa attività di moltiplicazione, produzione e conservazione in vitro delle migliori linee di varie tipologie del Veneto, quali Rosso di Chioggia, Precoce di Treviso, Tardivo di Treviso, Verona e Castelfranco. Per l aglio polesano sono stati sviluppati efficienti protocolli di micropropagazione e risanamento dal patogeno di qualità OYDV (Onion Yellow Dwarf Virus); questa attività ha permesso di iscrivere alle liste del Ministero due linee selezionate di aglio bianco polesano e di costituire un primo nucleo pre-base presso il Centro stesso, a disposizione dei produttori consorziati per la produzione massale. Sul germoplasma Veneto di carciofo sono al momento in corso prove di conservazione in vitro in crescita rallentata. Specie ornamentali Di noteole interesse anche l attività svolta presso il Laboratorio nell ambito delle specie ornamentali. Si segnala in particolare il risanamento da patogeni di qualità, mediante termoterapia in vitro e coltura di apice meristematico, e la micropropagazione di materiale prebase di crisantemo e rosa. Il lavoro di selezione in vitro svolto in crisantemo ha portato, tra l altro, alla realizzazione di due brevetti europei. Specie da frutto Per quanto concerne i fruttiferi, il Laboratorio possiede una collezione in vitro di piante indicatrici, a disposizione del Centro Pradon di Veneto Agricoltura di Porto Tolle (RO) per l uso in saggi biologici specifici; inoltre, in collaborazione con il Dipartimeno di Colture Arboree dell Università degli Studi di Bologna, sono stati selezionati portinnesti di pero, dei quali uno oggetto di brevettazione ( Fox 9 ). Conservazione in vitro e crioconservazione Da diversi anni il Laboratorio svolge, in collaborazione con il CNR-IVALSA di Sesto Fiorentino (FI), un intensa attività sulla conservazione in vitro e crioconservazione (in azoto liqido) di germoplasma orticolo e frutticolo. In particolare, sono state sviluppate e ottimizzate procedure di crioconservazione mediante vitrificazione di apici vegetativi di radicchio, aglio, melo Una cella climatica del laboratorio Newsletter n 3 Luglio

7 Gruppo di Lavoro e pero. Inoltre, in collaborazione anche con il Centro Pradon, è allo studio una procedura molto innovativa di conservazione del germoplasma di melo e ciliegio mediante disidratazione e conservazione in azoto liquido di gemme dormienti, prelevate direttamente da piante in campo durante la stagione invernale. Proprio nell ambito della crioconservazione, a seguito degli importanti risultati recentemente ottenuti, è allo studio un progetto per la realizzazione presso Veneto Agricoltura della prima Criobanca vegetale italiana. Lo scrivente, Responsabile dal 1991 del Laboratorio di Micropropagazione del Centro Po di Tramontana, si avvale della collaborazione del Tecnico di laboratorio, Sig. Francesco Da Re, e di due operatrici per i trasferimenti sotto cappa, Sig.re Corradin Stefania e Sartore Maristella. Alberto Previati, Responsabile del Laboratorio Poster presentato al Convegno conclusivo del Progetto MiPAF Il Carciofo: dal laboratorio al mercato. CRA, Roma, aprile Poster presentato al 5th International Conference on Propagation of Ornamental Plants. Sofia (Bulgaria), 5-8 settembre Newsletter n 3 Luglio

8 Laboratori di ricerca e sperimentazione del Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale (C.N.B.F.) del Corpo Forestale dello Stato - Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pieve S. Stefano (AR) Il Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale è un centro di ricerca del Corpo Forestale dello Stato, istituito con D. L.vo n. 227 del ai fini della salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità forestale. I laboratori di ricerca del C.N.B.F. del Corpo Forestale dello Stato hanno sede in Pieve S. Stefano (AR), presso le strutture dell Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato. Nati per finalità di analisi delle sementi e per il miglioramento genetico delle specie forestali, i laboratori promuovono ricerche finalizzate alla conservazione ex situ di specie di interesse della flora italiana. Il C.N.B.F. è dotato inoltre di un vivaio forestale della superficie di 17 ha, dotato di serre e tunnel, e di uno stabilimento per la lavorazione e conservazione delle sementi. Laboratorio di micropropagazione Il laboratorio per colture in vitro è stato realizzato nel 1988 per finalità di miglioramento genetico. Localizzato in un edificio appositamente costruito in funzione delle necessità logistiche del laboratorio, al suo interno sono presenti due camere di crescita per un volume totale di circa 50 m 3, una camera sterile con due cappe a flusso laminare orizzontale e le apparecchiature necessarie per la preparazione e conservazione dei substrati di coltura. Nato per incrementare le conoscenze e per l elaborazione di protocolli di micropropagazione di specie del settore forestale, si è inizialmente orientato alla produzioni di cloni di Prunus avium L. per arboricoltura da legno, ottenendo materiale che è stato utilizzato per l impianto di arboreti oligoclonali, tra i quali quello di S. Michele di Alife (CE). Attualmente sono allo studio protocolli di moltiplicazione di esemplari monumentali e di interesse storico, come la Sequoia sempervirens (Lamb.) Endl. del parco di Sammezzano (FI), e di specie ad areale ridotto, come il Pinus leucodermis del Monte Pollino (CS). Laboratorio di analisi delle sementi forestali Presso lo Stabilimento Semi si effettuano le analisi delle partite di sementi lavorate per la determinazione delle caratteristiche fisico-biologiche, secondo i Metodi Ufficiali di analisi per le sementi ai sensi del D.M Sono in corso inoltre ricerche ai fini dell individuazione di protocolli di germinazione di semi di specie rare, endemiche e minacciate (Gentiana pneumonanthe L. subsp. pneumonanthe, Genista pulchella Vis. subsp. aquilana, Pinguicula vulgaris L. subsp. vestina, Astragalus aquilanus Anzal., Goniolimon italicum Tammaro, Succisa pratensis Moench.). Sono inoltre effettuate attività di raccolta di semi di specie ad areale ridotto o sporadico (Ribes petraeum Wulfen, Ribes alpinum L., Ribes multiflorum Kit., Ribes uva crispa L., Ephedra nebrodensis Tineo ex Guss., Frangula alnus Mill., Juniperus sabina L., Amelanchier ovalis Medic., Arctostaphilos uva-ursi (L.) Sprengel, ecc.) sulle quali sono in corso studi sulle modalità di rimozione della dormienza. L Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pieve S. Stefano offre la possibilità alle Università che ne facciano richiesta di effettuare tesi di laurea, di dottorato e tirocini formativi presso i laboratori di ricerca e le altre strutture del C.N.B.F. Informazioni su strutture e attività del Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale di Pieve S. Stefano sono disponibili sul sito del Corpo Forestale dello Stato (www.corpoforestale.it) alla voce Centri di ricerca. Comm. Capo Biondini Dr. Silvia, Ass. Capo Betti Adriano, Newsletter n 3 Luglio

9 Il Laboratorio Commerciale di Micropropagazione di Claudio Depaoli, via Fontanele 1, Taio (TN) Il laboratorio di miropropagazione di Caludio Depaoli nasce dalla grande passione del titolare per questa tecnica e risale agli anni 80. Attualmente il laboratorio è posto su una superficie di circa 200 m 2 e dispone di 6 posti cappa e di un locale termostatato per la crescita delle piante con uno sviluppo di circa 100 m 2 di bancali; può contare all interno del azienda su serre-tunnel per il successivo ambientamento e crescita delle plantule micropropagate, con una potenzialità produttiva di circa piante/anno. Nel corso degli anni si è operato prevalentemente con La stanza delle cappe a flusso laminare portinnesti di drupacee e pomacee e con piccoli frutti; attualmente la maggior parte del lavoro è rivolto alla produzione di piante di kiwi. Il laboratorio ha inoltre rapporti di collaborazione con aziende vivaistiche e istituti di ricerca; tra questi si segnala la collaborazione, instaurata da diversi anni, con l Istituto Agrario di S. Michele all Adige relativamente alla moltiplicazione di piante interessanti ai fini della sperimentazione in campo, quali portinnesti del melo apomittici o selezionati per fattori agronomici o di resistenza a malattie. Recentemente è in corso un attenta valutazione dei fattori limitanti la sopravvivenza economica di un laboratorio di modeste dimensioni, quali l alta incidenza del costo della manodopera e il passaggio dal vitro al vivo, spesso difficoltoso fino al punto di poter pregiudicare per alcune specie i risultati della fase di moltiplicazione e, di conseguenza, il vantaggio economico della produzione. Il modo di operare del laboratorio si è pertanto indirizzato: - nell utilizzo, accanto alla coltura in agar, della coltura liquida (Temporary Immersion System) per la fase di messa in coltura e di moltiplicazione, con conseguente maggior tasso di proliferazione e riduzione di fisiopatie quali la vitrescenza e la necrosi dell apice; - nel fare radicazione-ambientamento direttamente in serra su substrati inerti o su torba, con materiale precondizionato nelle fasi precedenti di laboratorio; questa fase di radicazioneambientamento è gia applicata per la moltiplicazione di kiwi e piccoli frutti, mentre risulta promettente anche per l applicazione a portainnesti di drupacee e pomacee, nonché a varie piante ornamentali. Claudio Depaoli Una tunnel di ambientamento piante Lo scrivente sente il dovere di esprimere tutta la sua gratitudine al Dr. Alberto Previati, profondo conoscitore delle tecniche di coltura in vitro e da anni continua occasione di confronto e di stimolo. Newsletter n 3 Luglio

10 Convegni, Congressi & Simposi Gruppo di Lavoro La micropropagazione alle IX GIORNATE SCIENTIFICHE SOI Firenze, marzo 2010 Le IX Giornate Scientifiche SOI si sono svolte a Firenze dal 10 al 12 marzo, nel bellissimo contesto del Palazzo dei Congressi, registrando anche questa volta un grande successo organizzativo e di partecipazione. Relativamente alla micropropagazione e alla coltura in vitro, si è notato un numero più contenuto di presentazioni rispetto alle precedenti edizioni, aspetto questo peraltro ampiamente compensato dallo svolgimento di un interessante Workshop sull argomento. Il Workshop 5 IL supporto della ricerca alla propagazione in vitro di qualità, infatti, organizzato nell ambito di questo Gruppo di Lavoro, ha ancora una volta dimostrato, con l ampia partecipazione registrata, l utilità del confronto tra ricercatori, studiosi e addetti del settore. I lavori del Workshop sono stati introdotti da due relazioni ad invito, delle quali si riportano brevi riassunti. Nella prima lettura, Margherita Beruto, Direttrice dell Istituto Regionale per la Floricoltura di Sanremo, ha sinteticamente ripercorso 25 anni di storia della micopropagazione, evidenziandone i grandi progressi compiuti in termini sia di innovazione tecnologica, sia di offerta di specie convertite alla propagazione in vitro. Ma ha ribadito, al tempo stesso, l assoluta necessità di proseguire nel promuovere lo sviluppo della ricerca di settore. Nella seconda lettura, Rosario Muleo dell Università degli Studi della Tuscia ha affrontato il problema della possibile instabilità genetica del materiale proveniente da propagazione in vitro. Muleo, dopo aver descritto brevemente i molteplici test molecolari oggi a disposizione dello sperimentatore, ha proposto un interpretazione critica su come l uso combinato di più tecniche, esploranti regioni diverse del DNA, possano incrementarne il livello di attendibilità in termini di valutazione della stabilità genetica. L interesse suscitato da questa presentazione ha fatto emergere la necessità di un ulteriore approfondimento dell argomento, anche attraverso uno specifico incontro che potrebbe essere sviluppato nell ambito del Gruppo di Lavoro. Il Workshop si è concluso con la presentazione di due futuri appuntamenti, patrocinati dalla SOI e che vedono coinvolto il Gruppo di Lavoro nell organizzazione: il Workshop La coltura in vitro applicata alla conservazione e alla valorizzazione della biodiversità che si terrà a L Aquila il 30 settembre-1 ottobre 2010 presso l Auditorium Sericchi, con organizzazione di Loretta Pace e Laura Spanò dell Università degli Studi dell Aquila, e il 2 Convegno Nazionale di Micropropagazione che sarà organizzato nell autunno 2011 dal CRA-Unità di Ricerca per la Floricoltura e le Specie Ornamentali di Sanremo, con Barbara Ruffoni in veste di convenor. Di tali iniziative si da informazione anche in questa Newsletter. Si segnalano inoltre i contributi sulla coltura in vitro presentati durante le Giornate, rimandando per informazioni dettagliate agli Autori corrispondenti, dei quali si fornisce indirizzo . Benelli C., De Carlo A., Previati A., Roncasaglia R. - Recenti acquisizione sulla conservazione in vitro in crescita rellantata (presentazione orale). Campanelli A., Ruta C., Calabrese N., Morone-Fortunato I. - Selezione in vitro di ibridi di carciofo tolleranti lo stress salino (poster). Di Silvestro D., Basile A., Marino G., Gaggia F., Fedi S., Romussi G., Savona M., Pistelli L., Ruffoni B. - Analisi e trattamento delle contaminazioni batteriche durante la micropropagazione di specie ornamentali (poster). Newsletter n 3 Luglio

11 Gruppo di Lavoro Sacco E., Mascarello C., Cassetti A., Ruffoni B. - Relazione tra la qualità delle radicazione in vitro e l ambientamento in serra di specie mediterranee (poster). Airò M., Aprile S., Giovino A., Farruggia G., Zizzo G.V. - Studi preliminari sull introduzione in vitro di ginestre siciliane (poster). Antonetti M., Teani A., Burchi G. - Protocolli per la micropropagazione su larga scala di nuove costituzioni di Limonium Miller (poster). Palma D., Girolomini L., Pandolfini T., Navacchi O., Mezzetti B. - Trasformazione genetica di Vitis vinifera L. vc. Vitroblack per lo studio di geni coinvolti nello sviluppo del frutto (poster). Magnani S., Gargaro A., Maltoni M.L., Palombi M.A., Andreotti C. - Progetto BIO.GENE: impiego del modello di innesto in vitro per l analisi degli eventi biochimici e molecolari caratterizzanti il rapporto tra i bionti di pero (poster). Gargaro A., Frattarelli A., Monticelli S., Damiano C., Palombi M.A. - Monitoraggio della variabilità somaclonale in diverse specie di Prunus micropropagati (poster). Micheli M., Gardi T., Locci L., Standardi A. - Studi preliminari sull impiego della tecnologia dell incapsulamento per la conservazione ex situ di alberi di interesse storico (poster). Caboni E., Frattarelli A., Condello E., Arias M., Damiano C. - Crioconservazione di fruttiferi mediante incapsulazione-disidratazione presso il CRA Centro di Ricerca per la Frutticoltura (poster). Maurizio Lambardi, *************************************** GIORNATA DIMOSTRATIVA del sistema di pastorizzazione dei substrati ENBIOJET COMPACT FLOW PASTEURIZER Martorano di Cesena (FC), 21 maggio 2010 La Giornata Dimostrativa ENBIOJET, organizzata nell ambito del Gruppo di Lavoro il 21 maggio 2010 presso i Vivai Piante Battistini di Martorano di Cesena, è solo la più recente occasione nel segno della continuità dell'azienda ad ospitare eventi e manifestazioni di interesse per il settore delle colture in vitro. La novità di questa giornata, assimilabile ad un "porte aperte" rivolto a ricercatori ed operatori in micropropagazione, ha riguardato un apparecchiatura, l Enbiojet Compact Flow Pasteurizer, proposto dalla giovane ditta polacca Enbio Technology (www.enbiotechnology.com), molto interessan te per il modo di sterilizzare il substrato di coltura sfruttando l'energia delle microonde. Nelle due sessioni della Giornata, il capo-progetto Enbiojet, Marek Krajczynski, e la responsabile commerciale e del marketing, Katarzyna Bednarczyk, hanno brillantemente intrattenuto e mostrato l'operatività del pastorizzatore Enbiojet e del sistema di riempimento del substrato in ambiente sterile, sotto cappa a flusso laminare. La Giornata ha registrato un grande successo di partecipanti (oltre 40) che hanno espresso il loro apprezzamento per questo tipo di iniziative. La descrizione di Enbiojet è sulla Newsletter n 2. Romano Roncasaglia, Newsletter n 3 Luglio

12 La coltura in vitro al Convegno di chiusura del Progetto Nazionale di Ricerca VIVAFLOR Individuazione, caratterizzazione e valorizzazione di specie dotate di caratteristiche mediterranee Pescia (PT), 10 giugno 2010 Si è svolto il 10 giugno 2010 a Pescia (PT), nell accogliente sala Moreno Bambi del CRA-VIV (Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura-Unità di ricerca per il vivaismo e la gestione del verde ambientale ed ornamentale), il Convegno di chiusura del progetto VIVAFLOR, organizzato dal Coordinatore del progetto Antonio Mercuri del CRA-FSO (Unità di ricerca per la floricoltura e le specie ornamentali), in collaborazione con il direttore della sede ospitante Antonio Grassotti. Il progetto, finanziato dal Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con un Decreto Ministeriale del 2006, nasce da un idea di Tito Schiva, ex-direttore del CRA-FSO e ha coinvolto 11 Unità Operative afferenti a Unità di Ricerca del CRA (CRA-FSO, CRA-VIV, CRA-SFM), a Università degli Studi (Napoli e Catania) e all Istituto Regionale per la Floricoltura (IRF). Tredici presentazioni orali e vari poster hanno evidenziato il lavoro svolto nell ambito delle 4 tematiche del progetto: linea a, Individuazione e valutazione di germoplasma adatto alle condizioni pedoclimatiche italiane ; linea b, Miglioramento genetico di germoplasma selezionato, attraverso tecniche già note o da mettere a punto in funzione del materiale oggetto di studio ; linea c, Valorizzazione delle specie mediterranee attraverso l individuazione di tecniche colturali e prove di conservazione più adatte alle specie in esame ; linea d, Messa a punto di sistemi di certificazione della qualità del materiale propagato di nuovo ottenimento. I risultati ottenuti sono stati accuratamente raccolti dal Coordinatore in un volumetto riassuntivo; ai numerosi partecipanti al convegno è stato anche consegnato il coloratissimo libro Le campanule mediterranee di Carla Dalla Guda e Enrico Farina, ACE International, prodotto divulgativo del lavoro di ricerca Valutazione agronomica di germoplasma selezionato di alcune specie di Campanula. Due ricerche, Introduzione e propagazione in vitro di Bouganvillea spp. (Gianvito Zizzo) e Miglioramento genetico di Sterlitzia reginae attraverso interventi di mutagenesi e messa a punto di metodi efficienti di micropropagazione di genotipi superiori (Paolo Chiaiese), hanno messo in evidenza i limiti della coltura in vitro applicata a specie recalcitranti, per le quali è molto difficile trovare un protocollo di micropropagazione efficiente che tenga conto dell estrema variabilità delle cultivar esistenti negli ibridi di Buganvillea e della presenza di endosimbionti e di fenomeni di imbrunimento nei tessuti di Sterlitzia reginae. Solo da gemme preformate dell apice vegetativo, coltivate su un substrato contenete thidiazuron (5mM) per sette giorni, è stato possibile indurre la formazione di gemme multiple e micropropagare i germogli di sterlizia in assenza di fitoregolatori. La coltura in vitro in substrato liquido in immersione temporanea è risultata essere un sistema particolarmente efficace per la rapida proliferazione di cormi di gladiolo e di germogli di Zantedeschia aetiopica ed è proposta come valida alternativa alla coltivazione in mezzo agarizzato nella ricerca Propagazione di specie mediterranee ornamentali mediante tecniche innovative (Barbara Ruffoni). La coltura in vitro di cultivar commerciali di peonie erbacee, finalizzata ad una produzione massale e ad un estensione a livello industriale, è proposta come alternativa alla propagazione convenzionale della specie nella ricerca Valorizzazione attraverso l utilizzo della tecnica di micropropagazione di selezioni di peonia erbacea (Paeonia spp.) adatte alle condizioni climatiche mediterranee (Paolo Curir). L approccio in vitro è presente come supporto al breeding anche nella tematica di miglioramento genetico: nella scheda Induzione di variabilità somaclonale in piante ornamentali, la Passiflora come strumento per indurre variabilità genetica in specie ed ibridi di passiflore (Laura De Benedetti), nella scheda Miglioramento genetico e valorizzazione di Limonium spp. per la conservazione della biodiversità di una specie endemica rara di Limonium (Federica Nicoletti) e, infine, nella Newsletter n 3 Luglio

13 Gruppo di Lavoro scheda Miglioramento genetico di specie adatte all ambiente mediterraneo: Anemone ed Osteospermum per l ottenimento di piante androgenetiche di Anemone coronaria da coltura di antere su terreno a doppio strato, da utilizzare in vivo per la produzione di ibridi F1 (Andrea Allavena). La ricerca della linea d Messa a punto di tecniche molecolari per l identificazione precoce di virosi e risanamento del materiale propagato di nuovo ottenimento in Lilium per il ripristino della qualità del fiore ha utilizzato l introduzione in vitro di meristemi di cloni ibridi asiatici di Lilium, la termoterapia ed un secondo prelievo del meristema come strumenti validi per il risanamento dai virus CMV e LSV (Beatrice Nesi). La qualità del materiale micropropagato è stata oggetto di studio delle ricerche La qualità fisiologica nel materiale micropropagato integrata negli schemi di produzione industriale: il caso del ranuncolo (Margherita Beruto e Simona Rinino) e Messa a punto di sistemi di controllo della qualità del materiale propagato in specie ornamentali (Annalisa Giovannini). I relatori hanno illustrato il successo commerciale della micropropagazione di nuovi cloni di ranuncolo, la cui produzione industriale ha raggiunto nel 2009 un milione di piante, e come contenere il fenomeno della fioritura in vitro, una problematica che può fortemente influenzare la qualità del materiale microprogatato. L aumento del contenuto di sali minerali, una riduzione del contenuto di saccarosio e l aggiunta del fitoregolatore GA3 nel substrato di coltura riducono la percentuale di induzione a fiore nel clone commerciale Minou che presenta una forte attitudine alla fioritura. L induzione dell alterazione fenotipica dei germogli definita bushy, osservata nella micropropagazione massale della varietà commerciale di Gerbera jamesonii Elide, è stata contrastata con l aggiunta del prodotto Imazalil al substrato di coltura. Utilizzando l innovativa tecnica M-SAP (Methylation-Sensitive Amplification Polymorphism assay) con primers fluorescenti è stato possibile associare il fenotipo bushy ad una maggiore percentuale di metilazione del DNA genomico totale. Dopo ogni relazione ha fatto seguito un breve dibattito con i partecipanti al Convegno, oltre cinquanta persone fra le quali ricercatori, floricoltori, vivaisti ed operatori del settore, tutti molto interessati ai risultati ottenuti dal progetto. Si evince quindi come siano importanti ricerche volte a migliorare le tecniche e la qualità del materiale di propagazione a livello fitopatologico, fisiologico, genetico ed epigenetico, per immettere dei prodotti sempre più innovativi e competitivi nel mercato globale. La coltura in vitro è quindi stata la parola chiave di questo progetto, presente trasversalmente in tutte le linee di ricerca, come ha sottolineato Paolo Ranalli, Capo ad interim del Dipartimento di Biologia e di Produzioni Vegetali del CRA, nel suo commento finale a conclusione del Convegno VIVAFLOR. Annalisa Giovannini, Barbara Ruffoni, Il Coordinatore del Progetto VIVAFLOR, Antonio Mercuri La sala del Convegno Newsletter n 3 Luglio

14 Gruppo di Lavoro Prossimi appuntamenti del Gruppo di Lavoro Newsletter n 3 Luglio

15 PROGRAMMA PROVVISORIO 30 settembre ore ore ore ore ore ore ore ore ore ottobre ore 9.00 ore 9.30 ore ore ore ore Registrazione partecipanti - Affissione posters Apertura del Workshop - Indirizzi di saluto Lettura ad invito Sabrina SABATINI, Università della Sapienza, Roma (titolo della presentazione da definire) Comunicazioni orali Coffee break Comunicazioni degli sponsor Comunicazioni orali Visita guidata alla zona rossa della città Cena sociale Lettura ad invito Fiorella LO SCHIAVO, Università degli Studi di Padova "Senescenza e morte programmata in colture cellulari vegetali" Comunicazioni orali Coffee break - Visione poster Comunicazioni orali Discussione finale Comunicazioni del Gruppo di Lavoro SOI Chiusura del Workshop Organizzazione Loretta Pace, Dip. di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell Aquila Laura Spanò, Dip. di Biologia di Base ed Applicata, Università degli Studi dell Aquila Paolo Fasciani, Dip. di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell Aquila Comitato Scientifico Maurizio Lambardi, CNR-IVALSA, Coord. GdL SOI Giordana Marcozzi, Dip. di Biologia di Base ed Applicata, Università degli Studi dell Aquila Loretta Pace, Dipartimento di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell Aquila Luca Sebastiani, BioLabs - Scuola Superiore S.Anna di Studi Universitari e di Perfez., Pisa Laura Spanò, Dip. di Biologia di Base ed Applicata, Università degli Studi dell Aquila Andrea Tartarini, Dip. di Biologia di Base e Applicata, Università degli Studi dell Aquila Per richiedere la scheda di iscrizione rivolgersi all Segreteria del Workshop: Università degli Studi dell Aquila Dipartimento di Scienze Ambientali Via Vetoio, località Coppito, L Aquila Tel.: Fax Per informazioni sul programma scientifico: Dr.ssa Loretta Pace, tel.: Prof.ssa Laura Spanò, tel.: Newsletter n 3 Luglio

16 Save the date! II Convegno Nazionale sulla Micropropagazione Sanremo (IM), 7-9 novembre 2011 Organizzato dal CRA-FSO, Unità di Ricerca per la Floricoltura e le Specie Ornamentali, nell ambito delle attività del Gruppo di Lavoro SOI Comitato organizzatore Barbara Ruffoni, Annalisa Giovannini, Antonio Mercuri, Andrea Allavena, Maurizio Lambardi, Possibili argomenti di interesse: Tecnologie di automazione Rigenerazione ed embriogenesi Qualità del materiale micropropagato Le colture in vitro a supporto del miglioramento genetico e della conservazione del germoplasma Metaboliti secondari Visto che siamo un Gruppo di Lavoro e che il Convegno è un nostro strumento di aggiornamento e confronto, invitiamo colleghi e operatori del settore a mandarci suggerimenti e indicazioni sugli argomenti che si ritiene importante trattare, al fine di rendere questo momento di confronto sulla coltura in vitro il più possibile utile ed interessante. Le proposte saranno raccolte e attentamente valutate prima di definire il programma definitivo del Convegno. Inviate i vostri suggerimenti scrivendo a: Barbara Ruffoni, - oppure alla del Gruppo di Lavoro Newsletter n 3 Luglio

17 Novità Editoriali Gruppo di Lavoro Questa rubrica riporta le novità editoriali (articoli di riviste, libri, note tecniche) di interesse per il settore della micopropagazione e delle. Inviate le vostre segnalazioni a PROTOCOLS FOR IN VITRO PROPAGATION OF ORNAMENTAL PLANTS S. Mohan Jain and Sergio J. Ochatt (eds). Methods in Molecular Biology. 400 pagine, Hardcover, Springer-Humana Press, New York-Dordrecht- Heidelberg-London. ISBN: Le piante ornamentali (da fiore reciso, da interno e da esterno) hanno una straordinaria importanza economica nel mondo, con fatturati che registrano incrementi annuali del 10%, specie in Paesi emergenti. D altra parte, l elevato costo del lavoro nei Paesi sviluppati lascia bassi margini di profitto alle aziende produttrici che possono però trovare nella micropropagazione una tecnica di straordinaria importanza, capace di garantire produzioni in larga scala di piante selezionate e di elevate caratteristiche qualitative. La tecnica ha inoltre importanti applcazioni nella conservazione del germoplasma, nella eliminazione di patogeni e nella manipolazione genetica. A conferma di ciò, la propagazione in vitro è largamente impiegata in laboratori commerciali e di ricerca e molti milioni di piante ornamentali sono oggi prodotte nel mondo con tale tecnica. Per questo motivo, un testo come questo che descrive dettagliatamente i protocolli di numerose e importanti specie ornamentali è di grande beneficio per addetti e studiosi del settore. Edito da due maestri della micropropagazione, Mohan Jain e Sergio Ochatt, nella serie di grande successo dei manuali step-by-step Springer Protocols della Springer-Humana Press, Protocols for In Vitro Propagation of Ornamental Plants consta di 32 capitoli, divisi in due sezioni, scritti dai più autorevoli esperti mondiali del settore della micropropagazione. La Sezione A contiene 26 capitoli che trattano la micropropagazione di importanti specie ornamentali, prevalentemente da fiore reciso (Anthurium andreanum, Begonia tuberous, Vanda teres, Ranunculus asiaticus, Crataeva adansonii, Bromeliads, Poinsettia, Phalaenopsis, Dianthus caryophyllus, Jasminum officinale, Lysionotus pauciflorus, Rhododendron, Passiflora, Rose, Chrysanthemum, Codiaeum variegatum, Pelargonium x hortorum, Marigold, Leucojum vernum, Scaevola spp., Tulip, Myrtus communis, Sunflower, Cyclamen persicum). Ogni capitolo include una breve introduzione, una lista del materiale di laboratorio necessario per la propagazione in vitro e protocolli dettagliati, corredati da numerose note che facilitano la replicabilità delle procedure. La Sezione B contiene 6 reviews su argomenti di grande interesse: produzione in vitro di Lathyrus odoratus mediante germogli ascellari, conservazione in vitro e crioconservazione di specie ornamentali, produzione di piante ornamentali transgeniche, ricostruzione della filogenesi dell azalea mediante tecniche molecolari, stato attuale della floricoltura in Europa, organogenesi di specie ornamentali mediante thin cell layers. Aylin Elif Ozudogru Newsletter n 3 Luglio

18 A GUIDE TO SOME IN VITRO TECHNIQUES - SMALL FRUITS. B. Mezzetti, D. Ruzic and A. Gajdosova (eds). Čacak: Fruit Research Institute; Brussels: COST Action 836, 2009 (Čacak: Grafica Jureš). 116 pagine. ISBN: Questo testo, si avvale dell apporto di esperti internazionali nel settore propagazione in vitro di piccoli frutti. Il volume è il contributo dell Azione COST 836 EUROBERRY, avente lo scopo di promuovere e sostenere l'integrazione tra ricerca, sperimentazione e sistemi di produzione di piccoli frutti di elevata qualità e valore nutrizionale. In particolare questo testo è il risultato di uno Small Group Meeting tenutosi a Nitra, in Slovacchia, nel maggio del La monografia è divisa in 4 capitoli che trattano diversi aspetti della coltura in vitro dei piccoli frutti. Un intero capitolo è dedicato ai protocolli di micropropagazione e/o rigenerazione, sviluppati per singole specie (fragola, lampone, mora, mirtillo e ribes nero). Segue un capitolo sui possibili vantaggi di una introduzione della propagazione in vitro della fragola in un contesto industriale, in cui viene anche esposta una valutazione dei costi nelle singole fasi di produzione. I capitoli 3 e 4 prendono in considerazione gli aspetti genetici del settore, sia per la valutazione della stabilità genetica del materiale micropropagato, sia per la trasformazione genetica, usata come strumento per introdurre nuovi caratteri, quali resistenza a funghi ed insetti o ad erbicidi. Infine uno spazio viene dato alle innovazioni della coltura in vitro, quali la coltura liquida in immersione temporanea e la crioconservazione per il mantenimento di materiale selezionato e germoplasma. Questo testo è un valido supporto per ricercatori, laboratori commerciali, studenti e tutti coloro che hanno intenzione di operare nel settore della micropropagazione dei piccoli frutti. Copie della pubblicazione possono essere chieste direttamente al coordinatore dell Azione COST 836, Prof. Bruno Mezzetti *************************** Carla Benelli MICROPROPAGAZIONE IN VITRO DI TESSUTI VEGETALI di Silvia Pacifici. SEU-Servizio Editoriale Universitario, Pisa pagine, softcover. Prezzo: Є 2. Silvia Pacifici, una giovane collaboratrice del CRA-FSO (Unità di ricerca per la floricoltura e le specie ornamentali) di Pescia, è l Autrice di questo manuale di micropropagazione, conciso ma molto curato, realizzato facendo anche tesoro dell esperienza fatta sul campo dall Autrice che per anni ha operato nel settore della coltura in vitro. Concepito come uno strumento a disposizione di studenti degli Istituti Tecnici e delle Università, è comunque una ricca fonte di informazioni che lo rendono comunque idoneo per chiunque necessita di un primo ma esaustivo approccio alla micropropagazione. Nelle 43 pagine che compongono il manuale vengono descritti il laboratorio di micropropagazione, i mezzi di coltura, i contenitori e i sistemi di propa gazione in vitro, mentre un ampia parte centrale è dedicata ad una precisa descrizione delle diverse fasi di cui si compone la tecnica. Alcune, seppur di poco rilievo, imprecisioni nelle informazioni riportate saranno, ne siamo certi, eliminate in una 2 a edizione del manuale alla quale, è auspicabile, l Autrice vorrà presto dedicarsi. Da rilevare, infine, che il prezzo del manuale (Є 2) va veramente incontro alle tasche degli studenti! Per l acquisto rivolgersi alla SEU di Pisa (tel/fax ) o direttamente all Autrice Maurizio Lambardi Newsletter n 3 Luglio

19 Gruppo di Lavoro SOI Responsabile: Maurizio Lambardi, CNR-IVALSA, Comitato di Redazione della Newsletter Carla Benelli, CNR-IVALSA, Maurizio Capuana, CNR-IGV, Anna De Carlo, CNR-IVALSA, Corrispondenti Specie da frutto: Specie ornamentali: (fiore, interno, esterno) Maurizio Micheli, Claudia Piagnani, Margherita Beruto, Aylin E. Ozudogru, Arboree da legno e forestali: Maurizio Capuana, Anna De Carlo, Specie orticole e medicinali: Giorgio De Paoli, Alberto Previati, Agrumi e vite: Fruttiferi minori: Tecnologie in vitro: Innovazione nei laboratori: M. Antonietta Germanà, Ivana Gribaudo, Edgardo Giordani, Carla Benelli, Emilia Caboni, Giuliano Dradi, Barbara Ruffoni, L della Newsletter è Le note tecnico-scientifiche della Newsletter appaiono anche su

Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale.

Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale. Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale. C. Damiano, B. Lucchesi, A. Frattarelli Riassunto Il notevole sviluppo

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano Le piante producono alimenti, legno, carburante, tessuti, carta, fiori e l ossigeno che respiriamo! La vita

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme Indice L importanza della

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli