Micropropagazione e tecnologie in vitro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Micropropagazione e tecnologie in vitro"

Transcript

1 Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana Gruppo di Lavoro Newsletter n 3 Luglio 2010 In questo numero: Ricerca & Innovazione L embriogenesi somatica: un valido strumento di risana mento da virus in vite di Ivana Gribaudo e Giorgio Gambino Pag. 2 Conservazione dei semi in azoto liquido (-196 C): un metodo efficiente di salvaguardia della biodiversità vegetale di Anna De Carlo Pag. 4 Laboratori di Ricerca e Commerciali Il Laboratorio del Centro Sperim. Ortofloricolo Po di Tramontana di Rosolina (RO) Veneto Agricoltura Pag. 6 Laboratori di ricerca e sperimentazione del Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiver sità Forestale (C.N.B.F.) del C.F.S., Pieve S. Stefano (AR) Pag. 8 Il Laboratorio Commerciale di Claudio Depaoli Pag. 9 Convegni, Congressi & Simposi La micropropagazione alle IX Giornate Scientifiche SOI Pag. 10 Giornata Dimostrativa Enbiojet Pasteurizer, Pag. 11 La coltura in vitro al Convegno VIVAFLOR, Pag. 12 Prossimi appuntamenti del Gruppo di Lavoro Workshop La coltura in vitro applicata alla conservazio ne e alla valorizzazione della biodiversità. L Aquila, 30 settembre-1 ottobre 2010 Programma provvisorio Pag. 14 II Conv. Naz. sulla Micropropagazione - Save The Date! Pag. 16 Novità Editoriali Pag. 17

2 Ricerca & Innovazione L embriogenesi somatica: un valido strumento di risanamento da virus in vite Le malattie virali costituiscono, com'è noto, un grave problema patologico per molte specie di interesse agrario, tra le quali la vite. Non esistendo ad oggi la possibilità di effettuare direttamente trattamenti in campo per mancanza di fitofarmaci antivirali validi, il principale metodo di lotta preventiva è la diffusione di materiale di propagazione sano. Quando non sia possibile reperire in natura biotipi esenti almeno dalle virosi più importanti (come ad esempio avviene di frequente nel caso di vitigni di antica coltivazione in zone ristrette e su un limitato numero di ceppi) o quando un certo biotipo sia interessante per molti aspetti ma non possa essere avviato alle procedure di selezione clonale perché affetto da una o più virosi, diventa necessario procedere al risanamento artificiale. I metodi comunemente utilizzati per ottenere il risanamento di viti affette da malattie virali sono la termoterapia e la coltura di apici meristematici; negli ultimi anni, però, l'embriogenesi somatica si sta dimostrando uno strumento, di grandi potenzialità sanitarie, sebbene di non semplice applicazione. Com è noto, l embriogenesi somatica consiste nella differenziazione di embrioni da tessuti di diversa origine, quali foglie, parti del fiore immaturo, internodi, ecc. In vite questo avviene in modo indiretto, mediante la formazione di callo (callogenesi) e la successiva differenziazione degli embrioni (embriogenesi). Da tali embrioni si sviluppa una pianta intera con un processo molto simile a quello proprio dell embrione zigotico. L embriogenesi somatica è ampiamente utilizzata, per la vite e per moltissime altre specie, per la rigenerazione a partire da cellule sottoposte a trasferimento genico; embrioni somatici possono altresì essere usati come espianti da sottoporre a crioconservazione e come potenziale fonte di variabilità somaclonale. Il fatto che piante derivate da embrioni somatici di vite potessero risultare esenti dai virus presenti nelle piante madri da cui erano stati prelevati gli espianti era già stato notato da un gruppo di ricercatori sudafricani all inizio degli anni 90, osservando però un efficacia limitata a solo alcuni virus, in particolare virus floematici. Alcuni anni più tardi, anche grazie alla disponibilità di efficaci protocolli di rigenerazione per molte specie e cultivar, la tecnica è stata applicata con successo a Citrus, canna da zucchero e cacao. Il gruppo di ricerca dell Istituto di Virologia Vegetale (IVV) del CNR di Grugliasco (TO) da alcuni anni sta effettuando ricerche, non solo sull efficacia dell embriogenesi somatica come metodo di risanamento da virus della vite, ma anche sui meccanismi attraverso i quali si esplica tale effetto. Il risanamento da virus quali Grapevine leafroll-associated virus- 1 e -3 (GLRaV-1 e GLRaV-3), Grapevine virus A (GVA) e Grapevine fleck virus è risultato sempre del 100% in tutte le prove eseguite, su centinaia di linee ottenute da embrioni somatici. Inoltre, questa tecnica ha permesso di ottenere pieno successo nel risanamento da Grapevine rupestris stem pitting-associated virus (GRSPaV), virus per il quale le tecniche tradizionali (coltura di meristemi, termoterapia in vivo e in vitro) applicate in precedenza avevano portato a percentuali di risanamento non superiori al 29%. Per quanto riguarda il Grapevine fanleaf virus (GFLV), un nepovirus che invade con relativa facilità i meristemi, il risanamento è stato possibile nel 98% circa dei casi, mentre precedenti risultati Plantula di vite ottenuta da embrio genesi somatica ottenuti nel 1992 nella Repubblica Sudafricana evidenziavano la necessità di applicare un periodo di termoterapia agli espianti iniziali per ottenere il risanamento da GFLV. Newsletter n 3 Luglio

3 Per spiegare i differenti risultati è stato ipotizzato che nel nostro caso la maggiore concentrazione di fitoregolatori nei substrati utilizzati possa aver contribuito all eradicazione del virus, anche se le conoscenze sugli effetti di citochinine ed auxine esogene sui virus sono poche e non esaustive. Un protocollo analogo a quello da noi seguito è stato recentemente utilizzato da un gruppo di ricerca austriaco che ha ottenuto l eliminazione dell Arabis mosaic virus, un altro nepovirus, nel 100% degli embrioni somatici derivati da viti infette. A fronte di ottimi risultati nel risanamento, rimanevano però molte domande sui meccanismi che lo inducono durante il processo di rigenerazione. E stata quindi studiata la presenza di GRSPaV, GLRaV-1 e GVA in vari stadi delle colture embriogeniche di vite mediante RT-PCR. Mentre i virus erano sempre presenti negli espianti iniziali, dopo 4 mesi di coltura il 65% dei calli era ancora infetto da almeno un virus e dopo 8 mesi non era possibile rilevare la presenza dei virus in alcuno dei calli esaminati. Nessuno degli embrioni somatici e delle viti da essi ottenute risultava Sezione di callo di vite dopo ibridazione in situ per la rilevazione di GFLV: il colore blu indica la presenza dell RNA virale. infetto, neppure dopo ambientamento e anni di coltura in serra. Risultava anche che la rigenerazione di embrioni sani avveniva quando parte dei calli era ancora positiva ai saggi virologici. In un secondo studio è stata valutata in parallelo la distribuzione di GFLV, GLRaV-3 e GVA in calli embriogenici, mediante ibridazione in situ con sonde oligonucleotidiche marcate con digossigenina. Mentre per il GFLV dopo 4 mesi di coltura era possibile osservare un mosaico di cellule infette e di cellule non infette, con forti concentrazioni del virus in alcuni gruppi di cellule in zone periferiche del callo, GVA e GLRaV-3 erano in genere presenti in poche cellule circondate da aree di cellule libere da questi virus. Dopo 6 mesi di coltura, calli ed embrioni risultavano essere liberi dai virus. I risultati ottenuti hanno quindi confermato la diversa capacità da parte dei virus in esame di diffusione nei calli e comunque l efficacia di questo metodo di rigenerazione per l eliminazione dei virus. Indubbiamente la rigenerazione per embriogenesi somatica ha grossi vincoli (i tempi lunghi, la forte dipendenza dal genotipo, la trueness-to-type delle piante rigenerate da accertare) che ancora non le permettono di affiancarsi alle tecniche tradizionali di risanamento nelle applicazioni di routine. In compenso presenta, a nostro parere, un grande interesse dal punto di vista scientifico, mostrando di essere potenzialmente il metodo più efficace per ottenere una vite totalmente virus-esente; in tal senso, si tenga conto che i saggi virologici riguardano in genere i virus più importanti, ma la vite è la coltura agraria in cui è stato identificato il più alto numero di agenti patogeni virali. Speriamo con questa nota di stimolare contributi e un proficuo confronto su questo argomento nell ambito del Gruppo di Lavoro SOI tecnologie in vitro. Bibliografia di approfondimento Goussard, P.G., Wiid, J. & Kasdorf, G.G.F. (1991) The effectiveness of in vitro somatic embryogenesis in eliminating fanleaf virus and leafroll associated viruses from grapevines. South African J. Enol. Vitic., 12, Goussard PG, Wiid J (1992) The elimination of fanleaf virus from grapevines using in vitro somatic embryogenesis combined with heat therapy. South African J. Enol. Vitic. 13: D Onghia A.M., Carimi F., De Pasquale F., Djelouah K., Martelli G.P. (2001) Elimination of Citrus psorosis virus by somatic embryogenesis from stigma and style cultures. Plant Pathology, 50, Gambino G., Bondaz J., Gribaudo I. (2006) Detection and elimination of viruses in callus, somatic embryos and regenerated plantlets of grapevine. Europ. J. Plant Pat. 114: Gribaudo I., Gambino G., Cuozzo D., Mannini F. (2006) Attempts to eliminate Grapevine rupestris stem pitting-associated virus from grapevine clones. J. Plant Path. 88(3): Gambino G., Di Matteo D., Gribaudo I. (2009) Elimination of Grapevine fanleaf virus from three Vitis vinifera cultivars by somatic embryogenesis. Europ. J. Plant Pat. 123: Ivana Gribaudo Giorgio Gambino Istituto Virologia Vegetale-CNR, Unità di Grugliasco (Torino) Newsletter n 3 Luglio

4 Conservazione dei semi in azoto liquido (-196 C): un metodo efficiente di salvaguardia della biodiversità vegetale I semi delle specie vegetali vengono tradizionalmente conservati in banche del seme, in camere fredde mantenute alla temperatura, in genere, di 18 /-20 C. In conservazione, la longevità del seme dipende da fattori intrinseci ed estrinseci e, inoltre, da meccanismi di protezione e riparazione dai danni eventualmente prodotti dalle basse temperature. A secondo del comportamento dei semi sottoposti a disidratazione vengono distinti tre gruppi: semi tolleranti alla disidratazione (semi ortodossi), semi intermedi (semi sub-ortodossi) e semi sensibili alla disidratazione (non ortodossi o recalcitranti). I semi ortodossi, che vanno incontro ad una naturale riduzione del contenuto in acqua già sulla pianta madre, possono essere disidratati fino ad avere un contenuto in acqua anche inferiore al 10%, senza che ne venga compromessa la vitalità e la germinabilità. La conservazione a bassa temperatura di questi semi, opportunamente disidratati, può quindi essere protratta per tempi molto lunghi (anche per decenni). I semi non ortodossi o recalcitranti non entrano in dormienza e sono metabolicamente pronti a geminare quando ancora sulla pianta madre; quindi, a differenza dei semi ortodossi, non vanno incontro ad una naturale disidratazione prima della maturazione. Per la conservazione, i semi non ortodossi devono essere raccolti ad un ben preciso stadio di maturità, spesso di breve o brevissima durata. I tempi di conservazione sono comunque sempre molto limitati, in quanto questi semi hanno, a maturità, un contenuto in acqua che oscilla fra valori del 35% e del 90%, sono molto sensibili alla disidratazione artificiale e perdono facilmente la loro vitalità già quando il contenuto in acqua scende sotto il 30%. Per quanto sopra, la crioconservazione di semi interi o embrioni escissi rappresenta un valido strumento per la conservazione a lungo termine del germoplasma di specie a propagazione gamica, caratterizzate da semi sub- o non-ortodossi. La crioconservazione permette di conservare il materiale vegetale in condizioni di temperatura ultra-bassa per tempi illimitati. La conservazione viene effettuata con organi e tessuti vegetali immersi in azoto liquido, cioè alla temperatura di -196 C, oppure mantenuti nei suoi vapori, a circa -160 C. A queste temperature non si ha alcuna attività biochimica cellulare e, di conseguenza, è bloccata la crescita biologica e lo sviluppo degli organi o tessuti, senza che ne sia compromessa la sopravvivenza. I semi, prima dell immersione in azoto liquido, devono essere opportunamente ridotti nel loro contenuto in acqua a valori, in genere, inferiori al 25%. La disidratazione viene condotta mediante esposizione dei semi per tempi definiti sotto il flusso d aria sterile di una cappa a flusso laminare, oppure in contenitori ermeticamente chiusi, contenenti gel di silice o una soluzione acquosa satura di un sale potassico (acetato, idrossido o carbonato di potassio). La conservazione in azoto liquido si opera ponendo i semi in crioprovette da 2 cc (cryovials) che vengono, a loro volta, inserite in scatole di plastica da criogenia (cryoboxes). Le scatole vengono quindi impilate all interno di appositi contenitori per azoto liquido. Dopo il recupero dall azoto liquido e lo scongelamento in bagno termostatato, i semi sono posti a germinare in vitro. In questa fase, la coltura in vitro svolge un importante ruolo, in quanto la scelta del substrato più idoneo e l applicazione di opportune condizioni di coltura (temperatura, illuminazione e fotoperiodo) possono favorire la germinazione dei semi sopravvissuti alla crioconservazione e il primo sviluppo dei semenzali. E da rilevare che la crioconservazione dei semi si presta, oltre che alla conservazione di specie a propagazione gamica, anche alla conservazione clonale di specie da frutto caratterizzate dalla contemporanea presenza nel seme dell embrione zigotico e di embrioni nucellari. E questo il caso del genere Citrus, all interno del quale si annoverano molte specie poliembrioniche. In tal senso, una recente applicazione della crioconservazione ha riguardato lo studio condotto dal CNR-IVALSA di Sesto Fiorentino (Firenze) su un antica collezione Medicea di agrumi, svolto in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Firenze. Newsletter n 3 Luglio

5 Lo studio ha permesso di sviluppare un idonea procedura di crioconservazione per numerose accessioni della collezione di Citrus della Villa Medicea di Castello in Firenze. La collezione, iniziata da Cosimo I de Medici nel XVI secolo, comprende oltre 600 accessioni di elevato valore storico, la maggior parte delle quali mantenute in grandi conche di terracotta. Il progetto, sviluppato grazie anche ad un finanziamento dell Ente Cassa di Risparmio di Firenze, si basa sulla determinazione, per ogni accessione, del contenuto in acqua del seme più appropriato a garantirne il mantenimento della germinabilità durante l immersione diretta e la conservazione in azoto liquido. I semi, subito dopo il prelievo, sono privati del tegumento esterno e decontaminati mediante immersione in etanolo (al 70%, v/v in acqua) per 5 minuti, successivo trattamento in ipoclorito di sodio (al 2%, peso/v in acqua) per 15 minuti e lavaggio finale con acqua sterile. Il seme originariamente ha un contenuto in acqua del 40-50%, a seconda delle accessioni. Viene pertanto disidratato ponendolo sotto flusso d aria sterile, fino a portarlo ad un contenuto in acqua inferiore al 25%, e successivamente immerso direttamente in azoto liquido all interno di cryovials. Dopo scongelamento, la germinabilità è valutata ponendo i semi in scatole Petri contenenti substrato MS, addizionato di 146 mm di saccarosio e 0.5 g/l di estratto di malto, a ph 5.7. I semi sono poi mantenuti a 26±1 C e in oscurità per una settimana e successivamente trasferiti in fotoperiodo 16h (40 µmol m -2 s -1 ). Trascorsi 21 giorni, si provvede a trasferire le plantule in contenitori di plastica da 80 cc. Ad oggi, il progetto ha permesso di sviluppare un idoneo protocollo di disidratazione e immersione diretta in azoto liquido per 14 antiche accessioni, provenienti da 9 specie di Citrus e da un ibrido; per 11 di queste è stata ottenuta una germinabilità superiore al 75% dopo recupero dall azoto liquido. Obiettivo primario del progetto è la duplicazione in criobanca della collezione di agrumi Medicea, primo esempio applicativo in Italia di crioconservazione di semi. Oltre gli agrumi, presso il CNR-IVALSA è stata in questi anni oggetto di indagine anche la conservazione in azoto liquido del seme di Pistacia spp. e di embrioni escissi di arachide (Arachis hypogaea). Sono inoltre in corso prove sperimentali di crioconservazione di semi di specie forestali (Fagus sylvatica, Abies alba, Pinus cembra, Prunus avium), in collaborazione con Centro Nazionale Biodiversità Forestale di Peri (Verona). La principale criobanca del seme è oggi presso il National Center for Genetic Resources Preservation (NCGRP) di Fort Collins, Colorado, ove sono conservati a -18 C e in crioconservazione semi di oltre specie vegetali. Per maggiori dettagli ed informazioni sulla crioconservazione di semi, organi e tessuti vegetali, nonché per una aggiornata bibliografia sull argomento, si può consultare: Lambardi e De Carlo, Tecniche ed applicazioni della criogenia alla conservazione ed al risanamento di germoplasma vegetale. Italus Hortus, 16 (1): Anna De Carlo CNR-IVALSA, Sesto Fiorentino (FI) Semenzali di Citrus sviluppati da semi crioconservati della collezione della Villa Medicea di Castello (Firenze). a, C. aurantium Virgatum ; b, C. limon Foliis variegatis ; c, C. medica; d, C. sinensis Oblongus. Newsletter n 3 Luglio

6 Laboratori di Ricerca e Commerciali Segnalate le attività del vostro laboratorio in max 500 parole e 1-2 immagini a: Il Laboratorio di Micropropagazione del Centro Sperimentale Ortofloricolo Po di Tramontana di Rosolina (Rovigo) Il Laboratorio di Micropropagazione del Centro Sperimentale Po di Tramontana è stato costituito nel 1988 per l introduzione e la propagazione in vitro di materiale selezionato del comparto ortoflorofrutticolo, adempiendo in questo ad uno dei compiti propri di Veneto Agricoltura a favore del territorio. Specie orticole Tra le numerose ricerche scientifico-applicative svolte dal Laboratorio nell arco di oltre un ventennio è senz altro da segnalare l attività condotta nel settore orticolo, con particolare riguardo a radicchio del Veneto, ad aglio polesano e a carciofo Violetto di Chioggia e Violetto di S. Erasmo. Per quanto riguarda il radicchio, il Laboratorio ha svolto una intensa attività di moltiplicazione, produzione e conservazione in vitro delle migliori linee di varie tipologie del Veneto, quali Rosso di Chioggia, Precoce di Treviso, Tardivo di Treviso, Verona e Castelfranco. Per l aglio polesano sono stati sviluppati efficienti protocolli di micropropagazione e risanamento dal patogeno di qualità OYDV (Onion Yellow Dwarf Virus); questa attività ha permesso di iscrivere alle liste del Ministero due linee selezionate di aglio bianco polesano e di costituire un primo nucleo pre-base presso il Centro stesso, a disposizione dei produttori consorziati per la produzione massale. Sul germoplasma Veneto di carciofo sono al momento in corso prove di conservazione in vitro in crescita rallentata. Specie ornamentali Di noteole interesse anche l attività svolta presso il Laboratorio nell ambito delle specie ornamentali. Si segnala in particolare il risanamento da patogeni di qualità, mediante termoterapia in vitro e coltura di apice meristematico, e la micropropagazione di materiale prebase di crisantemo e rosa. Il lavoro di selezione in vitro svolto in crisantemo ha portato, tra l altro, alla realizzazione di due brevetti europei. Specie da frutto Per quanto concerne i fruttiferi, il Laboratorio possiede una collezione in vitro di piante indicatrici, a disposizione del Centro Pradon di Veneto Agricoltura di Porto Tolle (RO) per l uso in saggi biologici specifici; inoltre, in collaborazione con il Dipartimeno di Colture Arboree dell Università degli Studi di Bologna, sono stati selezionati portinnesti di pero, dei quali uno oggetto di brevettazione ( Fox 9 ). Conservazione in vitro e crioconservazione Da diversi anni il Laboratorio svolge, in collaborazione con il CNR-IVALSA di Sesto Fiorentino (FI), un intensa attività sulla conservazione in vitro e crioconservazione (in azoto liqido) di germoplasma orticolo e frutticolo. In particolare, sono state sviluppate e ottimizzate procedure di crioconservazione mediante vitrificazione di apici vegetativi di radicchio, aglio, melo Una cella climatica del laboratorio Newsletter n 3 Luglio

7 Gruppo di Lavoro e pero. Inoltre, in collaborazione anche con il Centro Pradon, è allo studio una procedura molto innovativa di conservazione del germoplasma di melo e ciliegio mediante disidratazione e conservazione in azoto liquido di gemme dormienti, prelevate direttamente da piante in campo durante la stagione invernale. Proprio nell ambito della crioconservazione, a seguito degli importanti risultati recentemente ottenuti, è allo studio un progetto per la realizzazione presso Veneto Agricoltura della prima Criobanca vegetale italiana. Lo scrivente, Responsabile dal 1991 del Laboratorio di Micropropagazione del Centro Po di Tramontana, si avvale della collaborazione del Tecnico di laboratorio, Sig. Francesco Da Re, e di due operatrici per i trasferimenti sotto cappa, Sig.re Corradin Stefania e Sartore Maristella. Alberto Previati, Responsabile del Laboratorio Poster presentato al Convegno conclusivo del Progetto MiPAF Il Carciofo: dal laboratorio al mercato. CRA, Roma, aprile Poster presentato al 5th International Conference on Propagation of Ornamental Plants. Sofia (Bulgaria), 5-8 settembre Newsletter n 3 Luglio

8 Laboratori di ricerca e sperimentazione del Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale (C.N.B.F.) del Corpo Forestale dello Stato - Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pieve S. Stefano (AR) Il Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale è un centro di ricerca del Corpo Forestale dello Stato, istituito con D. L.vo n. 227 del ai fini della salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità forestale. I laboratori di ricerca del C.N.B.F. del Corpo Forestale dello Stato hanno sede in Pieve S. Stefano (AR), presso le strutture dell Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato. Nati per finalità di analisi delle sementi e per il miglioramento genetico delle specie forestali, i laboratori promuovono ricerche finalizzate alla conservazione ex situ di specie di interesse della flora italiana. Il C.N.B.F. è dotato inoltre di un vivaio forestale della superficie di 17 ha, dotato di serre e tunnel, e di uno stabilimento per la lavorazione e conservazione delle sementi. Laboratorio di micropropagazione Il laboratorio per colture in vitro è stato realizzato nel 1988 per finalità di miglioramento genetico. Localizzato in un edificio appositamente costruito in funzione delle necessità logistiche del laboratorio, al suo interno sono presenti due camere di crescita per un volume totale di circa 50 m 3, una camera sterile con due cappe a flusso laminare orizzontale e le apparecchiature necessarie per la preparazione e conservazione dei substrati di coltura. Nato per incrementare le conoscenze e per l elaborazione di protocolli di micropropagazione di specie del settore forestale, si è inizialmente orientato alla produzioni di cloni di Prunus avium L. per arboricoltura da legno, ottenendo materiale che è stato utilizzato per l impianto di arboreti oligoclonali, tra i quali quello di S. Michele di Alife (CE). Attualmente sono allo studio protocolli di moltiplicazione di esemplari monumentali e di interesse storico, come la Sequoia sempervirens (Lamb.) Endl. del parco di Sammezzano (FI), e di specie ad areale ridotto, come il Pinus leucodermis del Monte Pollino (CS). Laboratorio di analisi delle sementi forestali Presso lo Stabilimento Semi si effettuano le analisi delle partite di sementi lavorate per la determinazione delle caratteristiche fisico-biologiche, secondo i Metodi Ufficiali di analisi per le sementi ai sensi del D.M Sono in corso inoltre ricerche ai fini dell individuazione di protocolli di germinazione di semi di specie rare, endemiche e minacciate (Gentiana pneumonanthe L. subsp. pneumonanthe, Genista pulchella Vis. subsp. aquilana, Pinguicula vulgaris L. subsp. vestina, Astragalus aquilanus Anzal., Goniolimon italicum Tammaro, Succisa pratensis Moench.). Sono inoltre effettuate attività di raccolta di semi di specie ad areale ridotto o sporadico (Ribes petraeum Wulfen, Ribes alpinum L., Ribes multiflorum Kit., Ribes uva crispa L., Ephedra nebrodensis Tineo ex Guss., Frangula alnus Mill., Juniperus sabina L., Amelanchier ovalis Medic., Arctostaphilos uva-ursi (L.) Sprengel, ecc.) sulle quali sono in corso studi sulle modalità di rimozione della dormienza. L Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pieve S. Stefano offre la possibilità alle Università che ne facciano richiesta di effettuare tesi di laurea, di dottorato e tirocini formativi presso i laboratori di ricerca e le altre strutture del C.N.B.F. Informazioni su strutture e attività del Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale di Pieve S. Stefano sono disponibili sul sito del Corpo Forestale dello Stato (www.corpoforestale.it) alla voce Centri di ricerca. Comm. Capo Biondini Dr. Silvia, Ass. Capo Betti Adriano, Newsletter n 3 Luglio

9 Il Laboratorio Commerciale di Micropropagazione di Claudio Depaoli, via Fontanele 1, Taio (TN) Il laboratorio di miropropagazione di Caludio Depaoli nasce dalla grande passione del titolare per questa tecnica e risale agli anni 80. Attualmente il laboratorio è posto su una superficie di circa 200 m 2 e dispone di 6 posti cappa e di un locale termostatato per la crescita delle piante con uno sviluppo di circa 100 m 2 di bancali; può contare all interno del azienda su serre-tunnel per il successivo ambientamento e crescita delle plantule micropropagate, con una potenzialità produttiva di circa piante/anno. Nel corso degli anni si è operato prevalentemente con La stanza delle cappe a flusso laminare portinnesti di drupacee e pomacee e con piccoli frutti; attualmente la maggior parte del lavoro è rivolto alla produzione di piante di kiwi. Il laboratorio ha inoltre rapporti di collaborazione con aziende vivaistiche e istituti di ricerca; tra questi si segnala la collaborazione, instaurata da diversi anni, con l Istituto Agrario di S. Michele all Adige relativamente alla moltiplicazione di piante interessanti ai fini della sperimentazione in campo, quali portinnesti del melo apomittici o selezionati per fattori agronomici o di resistenza a malattie. Recentemente è in corso un attenta valutazione dei fattori limitanti la sopravvivenza economica di un laboratorio di modeste dimensioni, quali l alta incidenza del costo della manodopera e il passaggio dal vitro al vivo, spesso difficoltoso fino al punto di poter pregiudicare per alcune specie i risultati della fase di moltiplicazione e, di conseguenza, il vantaggio economico della produzione. Il modo di operare del laboratorio si è pertanto indirizzato: - nell utilizzo, accanto alla coltura in agar, della coltura liquida (Temporary Immersion System) per la fase di messa in coltura e di moltiplicazione, con conseguente maggior tasso di proliferazione e riduzione di fisiopatie quali la vitrescenza e la necrosi dell apice; - nel fare radicazione-ambientamento direttamente in serra su substrati inerti o su torba, con materiale precondizionato nelle fasi precedenti di laboratorio; questa fase di radicazioneambientamento è gia applicata per la moltiplicazione di kiwi e piccoli frutti, mentre risulta promettente anche per l applicazione a portainnesti di drupacee e pomacee, nonché a varie piante ornamentali. Claudio Depaoli Una tunnel di ambientamento piante Lo scrivente sente il dovere di esprimere tutta la sua gratitudine al Dr. Alberto Previati, profondo conoscitore delle tecniche di coltura in vitro e da anni continua occasione di confronto e di stimolo. Newsletter n 3 Luglio

10 Convegni, Congressi & Simposi Gruppo di Lavoro La micropropagazione alle IX GIORNATE SCIENTIFICHE SOI Firenze, marzo 2010 Le IX Giornate Scientifiche SOI si sono svolte a Firenze dal 10 al 12 marzo, nel bellissimo contesto del Palazzo dei Congressi, registrando anche questa volta un grande successo organizzativo e di partecipazione. Relativamente alla micropropagazione e alla coltura in vitro, si è notato un numero più contenuto di presentazioni rispetto alle precedenti edizioni, aspetto questo peraltro ampiamente compensato dallo svolgimento di un interessante Workshop sull argomento. Il Workshop 5 IL supporto della ricerca alla propagazione in vitro di qualità, infatti, organizzato nell ambito di questo Gruppo di Lavoro, ha ancora una volta dimostrato, con l ampia partecipazione registrata, l utilità del confronto tra ricercatori, studiosi e addetti del settore. I lavori del Workshop sono stati introdotti da due relazioni ad invito, delle quali si riportano brevi riassunti. Nella prima lettura, Margherita Beruto, Direttrice dell Istituto Regionale per la Floricoltura di Sanremo, ha sinteticamente ripercorso 25 anni di storia della micopropagazione, evidenziandone i grandi progressi compiuti in termini sia di innovazione tecnologica, sia di offerta di specie convertite alla propagazione in vitro. Ma ha ribadito, al tempo stesso, l assoluta necessità di proseguire nel promuovere lo sviluppo della ricerca di settore. Nella seconda lettura, Rosario Muleo dell Università degli Studi della Tuscia ha affrontato il problema della possibile instabilità genetica del materiale proveniente da propagazione in vitro. Muleo, dopo aver descritto brevemente i molteplici test molecolari oggi a disposizione dello sperimentatore, ha proposto un interpretazione critica su come l uso combinato di più tecniche, esploranti regioni diverse del DNA, possano incrementarne il livello di attendibilità in termini di valutazione della stabilità genetica. L interesse suscitato da questa presentazione ha fatto emergere la necessità di un ulteriore approfondimento dell argomento, anche attraverso uno specifico incontro che potrebbe essere sviluppato nell ambito del Gruppo di Lavoro. Il Workshop si è concluso con la presentazione di due futuri appuntamenti, patrocinati dalla SOI e che vedono coinvolto il Gruppo di Lavoro nell organizzazione: il Workshop La coltura in vitro applicata alla conservazione e alla valorizzazione della biodiversità che si terrà a L Aquila il 30 settembre-1 ottobre 2010 presso l Auditorium Sericchi, con organizzazione di Loretta Pace e Laura Spanò dell Università degli Studi dell Aquila, e il 2 Convegno Nazionale di Micropropagazione che sarà organizzato nell autunno 2011 dal CRA-Unità di Ricerca per la Floricoltura e le Specie Ornamentali di Sanremo, con Barbara Ruffoni in veste di convenor. Di tali iniziative si da informazione anche in questa Newsletter. Si segnalano inoltre i contributi sulla coltura in vitro presentati durante le Giornate, rimandando per informazioni dettagliate agli Autori corrispondenti, dei quali si fornisce indirizzo . Benelli C., De Carlo A., Previati A., Roncasaglia R. - Recenti acquisizione sulla conservazione in vitro in crescita rellantata (presentazione orale). Campanelli A., Ruta C., Calabrese N., Morone-Fortunato I. - Selezione in vitro di ibridi di carciofo tolleranti lo stress salino (poster). Di Silvestro D., Basile A., Marino G., Gaggia F., Fedi S., Romussi G., Savona M., Pistelli L., Ruffoni B. - Analisi e trattamento delle contaminazioni batteriche durante la micropropagazione di specie ornamentali (poster). Newsletter n 3 Luglio

11 Gruppo di Lavoro Sacco E., Mascarello C., Cassetti A., Ruffoni B. - Relazione tra la qualità delle radicazione in vitro e l ambientamento in serra di specie mediterranee (poster). Airò M., Aprile S., Giovino A., Farruggia G., Zizzo G.V. - Studi preliminari sull introduzione in vitro di ginestre siciliane (poster). Antonetti M., Teani A., Burchi G. - Protocolli per la micropropagazione su larga scala di nuove costituzioni di Limonium Miller (poster). Palma D., Girolomini L., Pandolfini T., Navacchi O., Mezzetti B. - Trasformazione genetica di Vitis vinifera L. vc. Vitroblack per lo studio di geni coinvolti nello sviluppo del frutto (poster). Magnani S., Gargaro A., Maltoni M.L., Palombi M.A., Andreotti C. - Progetto BIO.GENE: impiego del modello di innesto in vitro per l analisi degli eventi biochimici e molecolari caratterizzanti il rapporto tra i bionti di pero (poster). Gargaro A., Frattarelli A., Monticelli S., Damiano C., Palombi M.A. - Monitoraggio della variabilità somaclonale in diverse specie di Prunus micropropagati (poster). Micheli M., Gardi T., Locci L., Standardi A. - Studi preliminari sull impiego della tecnologia dell incapsulamento per la conservazione ex situ di alberi di interesse storico (poster). Caboni E., Frattarelli A., Condello E., Arias M., Damiano C. - Crioconservazione di fruttiferi mediante incapsulazione-disidratazione presso il CRA Centro di Ricerca per la Frutticoltura (poster). Maurizio Lambardi, *************************************** GIORNATA DIMOSTRATIVA del sistema di pastorizzazione dei substrati ENBIOJET COMPACT FLOW PASTEURIZER Martorano di Cesena (FC), 21 maggio 2010 La Giornata Dimostrativa ENBIOJET, organizzata nell ambito del Gruppo di Lavoro il 21 maggio 2010 presso i Vivai Piante Battistini di Martorano di Cesena, è solo la più recente occasione nel segno della continuità dell'azienda ad ospitare eventi e manifestazioni di interesse per il settore delle colture in vitro. La novità di questa giornata, assimilabile ad un "porte aperte" rivolto a ricercatori ed operatori in micropropagazione, ha riguardato un apparecchiatura, l Enbiojet Compact Flow Pasteurizer, proposto dalla giovane ditta polacca Enbio Technology (www.enbiotechnology.com), molto interessan te per il modo di sterilizzare il substrato di coltura sfruttando l'energia delle microonde. Nelle due sessioni della Giornata, il capo-progetto Enbiojet, Marek Krajczynski, e la responsabile commerciale e del marketing, Katarzyna Bednarczyk, hanno brillantemente intrattenuto e mostrato l'operatività del pastorizzatore Enbiojet e del sistema di riempimento del substrato in ambiente sterile, sotto cappa a flusso laminare. La Giornata ha registrato un grande successo di partecipanti (oltre 40) che hanno espresso il loro apprezzamento per questo tipo di iniziative. La descrizione di Enbiojet è sulla Newsletter n 2. Romano Roncasaglia, Newsletter n 3 Luglio

12 La coltura in vitro al Convegno di chiusura del Progetto Nazionale di Ricerca VIVAFLOR Individuazione, caratterizzazione e valorizzazione di specie dotate di caratteristiche mediterranee Pescia (PT), 10 giugno 2010 Si è svolto il 10 giugno 2010 a Pescia (PT), nell accogliente sala Moreno Bambi del CRA-VIV (Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura-Unità di ricerca per il vivaismo e la gestione del verde ambientale ed ornamentale), il Convegno di chiusura del progetto VIVAFLOR, organizzato dal Coordinatore del progetto Antonio Mercuri del CRA-FSO (Unità di ricerca per la floricoltura e le specie ornamentali), in collaborazione con il direttore della sede ospitante Antonio Grassotti. Il progetto, finanziato dal Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con un Decreto Ministeriale del 2006, nasce da un idea di Tito Schiva, ex-direttore del CRA-FSO e ha coinvolto 11 Unità Operative afferenti a Unità di Ricerca del CRA (CRA-FSO, CRA-VIV, CRA-SFM), a Università degli Studi (Napoli e Catania) e all Istituto Regionale per la Floricoltura (IRF). Tredici presentazioni orali e vari poster hanno evidenziato il lavoro svolto nell ambito delle 4 tematiche del progetto: linea a, Individuazione e valutazione di germoplasma adatto alle condizioni pedoclimatiche italiane ; linea b, Miglioramento genetico di germoplasma selezionato, attraverso tecniche già note o da mettere a punto in funzione del materiale oggetto di studio ; linea c, Valorizzazione delle specie mediterranee attraverso l individuazione di tecniche colturali e prove di conservazione più adatte alle specie in esame ; linea d, Messa a punto di sistemi di certificazione della qualità del materiale propagato di nuovo ottenimento. I risultati ottenuti sono stati accuratamente raccolti dal Coordinatore in un volumetto riassuntivo; ai numerosi partecipanti al convegno è stato anche consegnato il coloratissimo libro Le campanule mediterranee di Carla Dalla Guda e Enrico Farina, ACE International, prodotto divulgativo del lavoro di ricerca Valutazione agronomica di germoplasma selezionato di alcune specie di Campanula. Due ricerche, Introduzione e propagazione in vitro di Bouganvillea spp. (Gianvito Zizzo) e Miglioramento genetico di Sterlitzia reginae attraverso interventi di mutagenesi e messa a punto di metodi efficienti di micropropagazione di genotipi superiori (Paolo Chiaiese), hanno messo in evidenza i limiti della coltura in vitro applicata a specie recalcitranti, per le quali è molto difficile trovare un protocollo di micropropagazione efficiente che tenga conto dell estrema variabilità delle cultivar esistenti negli ibridi di Buganvillea e della presenza di endosimbionti e di fenomeni di imbrunimento nei tessuti di Sterlitzia reginae. Solo da gemme preformate dell apice vegetativo, coltivate su un substrato contenete thidiazuron (5mM) per sette giorni, è stato possibile indurre la formazione di gemme multiple e micropropagare i germogli di sterlizia in assenza di fitoregolatori. La coltura in vitro in substrato liquido in immersione temporanea è risultata essere un sistema particolarmente efficace per la rapida proliferazione di cormi di gladiolo e di germogli di Zantedeschia aetiopica ed è proposta come valida alternativa alla coltivazione in mezzo agarizzato nella ricerca Propagazione di specie mediterranee ornamentali mediante tecniche innovative (Barbara Ruffoni). La coltura in vitro di cultivar commerciali di peonie erbacee, finalizzata ad una produzione massale e ad un estensione a livello industriale, è proposta come alternativa alla propagazione convenzionale della specie nella ricerca Valorizzazione attraverso l utilizzo della tecnica di micropropagazione di selezioni di peonia erbacea (Paeonia spp.) adatte alle condizioni climatiche mediterranee (Paolo Curir). L approccio in vitro è presente come supporto al breeding anche nella tematica di miglioramento genetico: nella scheda Induzione di variabilità somaclonale in piante ornamentali, la Passiflora come strumento per indurre variabilità genetica in specie ed ibridi di passiflore (Laura De Benedetti), nella scheda Miglioramento genetico e valorizzazione di Limonium spp. per la conservazione della biodiversità di una specie endemica rara di Limonium (Federica Nicoletti) e, infine, nella Newsletter n 3 Luglio

13 Gruppo di Lavoro scheda Miglioramento genetico di specie adatte all ambiente mediterraneo: Anemone ed Osteospermum per l ottenimento di piante androgenetiche di Anemone coronaria da coltura di antere su terreno a doppio strato, da utilizzare in vivo per la produzione di ibridi F1 (Andrea Allavena). La ricerca della linea d Messa a punto di tecniche molecolari per l identificazione precoce di virosi e risanamento del materiale propagato di nuovo ottenimento in Lilium per il ripristino della qualità del fiore ha utilizzato l introduzione in vitro di meristemi di cloni ibridi asiatici di Lilium, la termoterapia ed un secondo prelievo del meristema come strumenti validi per il risanamento dai virus CMV e LSV (Beatrice Nesi). La qualità del materiale micropropagato è stata oggetto di studio delle ricerche La qualità fisiologica nel materiale micropropagato integrata negli schemi di produzione industriale: il caso del ranuncolo (Margherita Beruto e Simona Rinino) e Messa a punto di sistemi di controllo della qualità del materiale propagato in specie ornamentali (Annalisa Giovannini). I relatori hanno illustrato il successo commerciale della micropropagazione di nuovi cloni di ranuncolo, la cui produzione industriale ha raggiunto nel 2009 un milione di piante, e come contenere il fenomeno della fioritura in vitro, una problematica che può fortemente influenzare la qualità del materiale microprogatato. L aumento del contenuto di sali minerali, una riduzione del contenuto di saccarosio e l aggiunta del fitoregolatore GA3 nel substrato di coltura riducono la percentuale di induzione a fiore nel clone commerciale Minou che presenta una forte attitudine alla fioritura. L induzione dell alterazione fenotipica dei germogli definita bushy, osservata nella micropropagazione massale della varietà commerciale di Gerbera jamesonii Elide, è stata contrastata con l aggiunta del prodotto Imazalil al substrato di coltura. Utilizzando l innovativa tecnica M-SAP (Methylation-Sensitive Amplification Polymorphism assay) con primers fluorescenti è stato possibile associare il fenotipo bushy ad una maggiore percentuale di metilazione del DNA genomico totale. Dopo ogni relazione ha fatto seguito un breve dibattito con i partecipanti al Convegno, oltre cinquanta persone fra le quali ricercatori, floricoltori, vivaisti ed operatori del settore, tutti molto interessati ai risultati ottenuti dal progetto. Si evince quindi come siano importanti ricerche volte a migliorare le tecniche e la qualità del materiale di propagazione a livello fitopatologico, fisiologico, genetico ed epigenetico, per immettere dei prodotti sempre più innovativi e competitivi nel mercato globale. La coltura in vitro è quindi stata la parola chiave di questo progetto, presente trasversalmente in tutte le linee di ricerca, come ha sottolineato Paolo Ranalli, Capo ad interim del Dipartimento di Biologia e di Produzioni Vegetali del CRA, nel suo commento finale a conclusione del Convegno VIVAFLOR. Annalisa Giovannini, Barbara Ruffoni, Il Coordinatore del Progetto VIVAFLOR, Antonio Mercuri La sala del Convegno Newsletter n 3 Luglio

14 Gruppo di Lavoro Prossimi appuntamenti del Gruppo di Lavoro Newsletter n 3 Luglio

15 PROGRAMMA PROVVISORIO 30 settembre ore ore ore ore ore ore ore ore ore ottobre ore 9.00 ore 9.30 ore ore ore ore Registrazione partecipanti - Affissione posters Apertura del Workshop - Indirizzi di saluto Lettura ad invito Sabrina SABATINI, Università della Sapienza, Roma (titolo della presentazione da definire) Comunicazioni orali Coffee break Comunicazioni degli sponsor Comunicazioni orali Visita guidata alla zona rossa della città Cena sociale Lettura ad invito Fiorella LO SCHIAVO, Università degli Studi di Padova "Senescenza e morte programmata in colture cellulari vegetali" Comunicazioni orali Coffee break - Visione poster Comunicazioni orali Discussione finale Comunicazioni del Gruppo di Lavoro SOI Chiusura del Workshop Organizzazione Loretta Pace, Dip. di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell Aquila Laura Spanò, Dip. di Biologia di Base ed Applicata, Università degli Studi dell Aquila Paolo Fasciani, Dip. di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell Aquila Comitato Scientifico Maurizio Lambardi, CNR-IVALSA, Coord. GdL SOI Giordana Marcozzi, Dip. di Biologia di Base ed Applicata, Università degli Studi dell Aquila Loretta Pace, Dipartimento di Scienze Ambientali, Università degli Studi dell Aquila Luca Sebastiani, BioLabs - Scuola Superiore S.Anna di Studi Universitari e di Perfez., Pisa Laura Spanò, Dip. di Biologia di Base ed Applicata, Università degli Studi dell Aquila Andrea Tartarini, Dip. di Biologia di Base e Applicata, Università degli Studi dell Aquila Per richiedere la scheda di iscrizione rivolgersi all Segreteria del Workshop: Università degli Studi dell Aquila Dipartimento di Scienze Ambientali Via Vetoio, località Coppito, L Aquila Tel.: Fax Per informazioni sul programma scientifico: Dr.ssa Loretta Pace, tel.: Prof.ssa Laura Spanò, tel.: Newsletter n 3 Luglio

16 Save the date! II Convegno Nazionale sulla Micropropagazione Sanremo (IM), 7-9 novembre 2011 Organizzato dal CRA-FSO, Unità di Ricerca per la Floricoltura e le Specie Ornamentali, nell ambito delle attività del Gruppo di Lavoro SOI Comitato organizzatore Barbara Ruffoni, Annalisa Giovannini, Antonio Mercuri, Andrea Allavena, Maurizio Lambardi, Possibili argomenti di interesse: Tecnologie di automazione Rigenerazione ed embriogenesi Qualità del materiale micropropagato Le colture in vitro a supporto del miglioramento genetico e della conservazione del germoplasma Metaboliti secondari Visto che siamo un Gruppo di Lavoro e che il Convegno è un nostro strumento di aggiornamento e confronto, invitiamo colleghi e operatori del settore a mandarci suggerimenti e indicazioni sugli argomenti che si ritiene importante trattare, al fine di rendere questo momento di confronto sulla coltura in vitro il più possibile utile ed interessante. Le proposte saranno raccolte e attentamente valutate prima di definire il programma definitivo del Convegno. Inviate i vostri suggerimenti scrivendo a: Barbara Ruffoni, - oppure alla del Gruppo di Lavoro Newsletter n 3 Luglio

17 Novità Editoriali Gruppo di Lavoro Questa rubrica riporta le novità editoriali (articoli di riviste, libri, note tecniche) di interesse per il settore della micopropagazione e delle. Inviate le vostre segnalazioni a PROTOCOLS FOR IN VITRO PROPAGATION OF ORNAMENTAL PLANTS S. Mohan Jain and Sergio J. Ochatt (eds). Methods in Molecular Biology. 400 pagine, Hardcover, Springer-Humana Press, New York-Dordrecht- Heidelberg-London. ISBN: Le piante ornamentali (da fiore reciso, da interno e da esterno) hanno una straordinaria importanza economica nel mondo, con fatturati che registrano incrementi annuali del 10%, specie in Paesi emergenti. D altra parte, l elevato costo del lavoro nei Paesi sviluppati lascia bassi margini di profitto alle aziende produttrici che possono però trovare nella micropropagazione una tecnica di straordinaria importanza, capace di garantire produzioni in larga scala di piante selezionate e di elevate caratteristiche qualitative. La tecnica ha inoltre importanti applcazioni nella conservazione del germoplasma, nella eliminazione di patogeni e nella manipolazione genetica. A conferma di ciò, la propagazione in vitro è largamente impiegata in laboratori commerciali e di ricerca e molti milioni di piante ornamentali sono oggi prodotte nel mondo con tale tecnica. Per questo motivo, un testo come questo che descrive dettagliatamente i protocolli di numerose e importanti specie ornamentali è di grande beneficio per addetti e studiosi del settore. Edito da due maestri della micropropagazione, Mohan Jain e Sergio Ochatt, nella serie di grande successo dei manuali step-by-step Springer Protocols della Springer-Humana Press, Protocols for In Vitro Propagation of Ornamental Plants consta di 32 capitoli, divisi in due sezioni, scritti dai più autorevoli esperti mondiali del settore della micropropagazione. La Sezione A contiene 26 capitoli che trattano la micropropagazione di importanti specie ornamentali, prevalentemente da fiore reciso (Anthurium andreanum, Begonia tuberous, Vanda teres, Ranunculus asiaticus, Crataeva adansonii, Bromeliads, Poinsettia, Phalaenopsis, Dianthus caryophyllus, Jasminum officinale, Lysionotus pauciflorus, Rhododendron, Passiflora, Rose, Chrysanthemum, Codiaeum variegatum, Pelargonium x hortorum, Marigold, Leucojum vernum, Scaevola spp., Tulip, Myrtus communis, Sunflower, Cyclamen persicum). Ogni capitolo include una breve introduzione, una lista del materiale di laboratorio necessario per la propagazione in vitro e protocolli dettagliati, corredati da numerose note che facilitano la replicabilità delle procedure. La Sezione B contiene 6 reviews su argomenti di grande interesse: produzione in vitro di Lathyrus odoratus mediante germogli ascellari, conservazione in vitro e crioconservazione di specie ornamentali, produzione di piante ornamentali transgeniche, ricostruzione della filogenesi dell azalea mediante tecniche molecolari, stato attuale della floricoltura in Europa, organogenesi di specie ornamentali mediante thin cell layers. Aylin Elif Ozudogru Newsletter n 3 Luglio

18 A GUIDE TO SOME IN VITRO TECHNIQUES - SMALL FRUITS. B. Mezzetti, D. Ruzic and A. Gajdosova (eds). Čacak: Fruit Research Institute; Brussels: COST Action 836, 2009 (Čacak: Grafica Jureš). 116 pagine. ISBN: Questo testo, si avvale dell apporto di esperti internazionali nel settore propagazione in vitro di piccoli frutti. Il volume è il contributo dell Azione COST 836 EUROBERRY, avente lo scopo di promuovere e sostenere l'integrazione tra ricerca, sperimentazione e sistemi di produzione di piccoli frutti di elevata qualità e valore nutrizionale. In particolare questo testo è il risultato di uno Small Group Meeting tenutosi a Nitra, in Slovacchia, nel maggio del La monografia è divisa in 4 capitoli che trattano diversi aspetti della coltura in vitro dei piccoli frutti. Un intero capitolo è dedicato ai protocolli di micropropagazione e/o rigenerazione, sviluppati per singole specie (fragola, lampone, mora, mirtillo e ribes nero). Segue un capitolo sui possibili vantaggi di una introduzione della propagazione in vitro della fragola in un contesto industriale, in cui viene anche esposta una valutazione dei costi nelle singole fasi di produzione. I capitoli 3 e 4 prendono in considerazione gli aspetti genetici del settore, sia per la valutazione della stabilità genetica del materiale micropropagato, sia per la trasformazione genetica, usata come strumento per introdurre nuovi caratteri, quali resistenza a funghi ed insetti o ad erbicidi. Infine uno spazio viene dato alle innovazioni della coltura in vitro, quali la coltura liquida in immersione temporanea e la crioconservazione per il mantenimento di materiale selezionato e germoplasma. Questo testo è un valido supporto per ricercatori, laboratori commerciali, studenti e tutti coloro che hanno intenzione di operare nel settore della micropropagazione dei piccoli frutti. Copie della pubblicazione possono essere chieste direttamente al coordinatore dell Azione COST 836, Prof. Bruno Mezzetti *************************** Carla Benelli MICROPROPAGAZIONE IN VITRO DI TESSUTI VEGETALI di Silvia Pacifici. SEU-Servizio Editoriale Universitario, Pisa pagine, softcover. Prezzo: Є 2. Silvia Pacifici, una giovane collaboratrice del CRA-FSO (Unità di ricerca per la floricoltura e le specie ornamentali) di Pescia, è l Autrice di questo manuale di micropropagazione, conciso ma molto curato, realizzato facendo anche tesoro dell esperienza fatta sul campo dall Autrice che per anni ha operato nel settore della coltura in vitro. Concepito come uno strumento a disposizione di studenti degli Istituti Tecnici e delle Università, è comunque una ricca fonte di informazioni che lo rendono comunque idoneo per chiunque necessita di un primo ma esaustivo approccio alla micropropagazione. Nelle 43 pagine che compongono il manuale vengono descritti il laboratorio di micropropagazione, i mezzi di coltura, i contenitori e i sistemi di propa gazione in vitro, mentre un ampia parte centrale è dedicata ad una precisa descrizione delle diverse fasi di cui si compone la tecnica. Alcune, seppur di poco rilievo, imprecisioni nelle informazioni riportate saranno, ne siamo certi, eliminate in una 2 a edizione del manuale alla quale, è auspicabile, l Autrice vorrà presto dedicarsi. Da rilevare, infine, che il prezzo del manuale (Є 2) va veramente incontro alle tasche degli studenti! Per l acquisto rivolgersi alla SEU di Pisa (tel/fax ) o direttamente all Autrice Maurizio Lambardi Newsletter n 3 Luglio

19 Gruppo di Lavoro SOI Responsabile: Maurizio Lambardi, CNR-IVALSA, Comitato di Redazione della Newsletter Carla Benelli, CNR-IVALSA, Maurizio Capuana, CNR-IGV, Anna De Carlo, CNR-IVALSA, Corrispondenti Specie da frutto: Specie ornamentali: (fiore, interno, esterno) Maurizio Micheli, Claudia Piagnani, Margherita Beruto, Aylin E. Ozudogru, Arboree da legno e forestali: Maurizio Capuana, Anna De Carlo, Specie orticole e medicinali: Giorgio De Paoli, Alberto Previati, Agrumi e vite: Fruttiferi minori: Tecnologie in vitro: Innovazione nei laboratori: M. Antonietta Germanà, Ivana Gribaudo, Edgardo Giordani, Carla Benelli, Emilia Caboni, Giuliano Dradi, Barbara Ruffoni, L della Newsletter è Le note tecnico-scientifiche della Newsletter appaiono anche su

Attività in laboratorio (due gruppi alternati): - prelievo e decontaminazione espianti - preparazione del substrato di coltura

Attività in laboratorio (due gruppi alternati): - prelievo e decontaminazione espianti - preparazione del substrato di coltura Programma Lunedì 22 Ore 15.00-15.30 Ore 15.30-18.30 Inizio corso e presentazione dei partecipanti Lezione frontale: Introduzione alla coltura in vitro. Laboratori e produzione in Italia di piante micropropagate.

Dettagli

Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive

Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive L influenza sull ambientamento dei portinnesti di ciliegio da coltivazione in vitro con l utilizzo di reti colorate valutata in una prova effettuata

Dettagli

capacità di rigenerare un individuo completo partendo da cellule e/o tessuti differenziati. Pianta completa Le basi delle tecniche di coltura in vitro

capacità di rigenerare un individuo completo partendo da cellule e/o tessuti differenziati. Pianta completa Le basi delle tecniche di coltura in vitro LE COLTURE IN VITRO Per coltura in vitro s intende l applicazione biotecnologica in cui cellule, tessuti ed organi sono coltivati in un ambiente sterile ed artificiale ed in condizioni chimico fisiche

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA Mannini Franco - Istituto Virologia Vegetale, Unità Staccata Viticoltura, CNR, Grugliasco (TO) 1. Introduzione Negli ultimi decenni in tutti i Paesi in cui il

Dettagli

PROGETTO FINALIZZATO: "Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione"

PROGETTO FINALIZZATO: Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione PROGETTO FINALIZZATO: "Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione" SOTTOPROGETTO: "Germoplasma" TITOLO DELLA RICERCA: "Miglioramento genetico

Dettagli

Cinquant anni di ricerca

Cinquant anni di ricerca SERVIZIO AGRICOLTURA Cinquant anni di ricerca ISTITUTO SPERIMENTALE DI FRUTTICOLTURA La creazione dell'istituto sperimentale di frutticoltura fu decisa dalla Amministrazione Provinciale di Verona con Deliberazione

Dettagli

Plant Genetic variability

Plant Genetic variability Plant Genetic variability Somatic hybridization Mutagenesis Somaclonal variability Haploids Genetic modified plants Plant Genetic variability Haploid Haploid refers to those plants which posses a gametophytic

Dettagli

Selezione di agrumi a duplice attitudine da utilizzare nel verde pensile intensivo nell habitat mediterraneo

Selezione di agrumi a duplice attitudine da utilizzare nel verde pensile intensivo nell habitat mediterraneo Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Arboricoltura, Botanica e Patologia Vegetale Selezione di agrumi a duplice attitudine da utilizzare nel verde pensile intensivo nell habitat

Dettagli

Regione Toscana A.R.S.I.A. Maria Grazia Mammuccini

Regione Toscana A.R.S.I.A. Maria Grazia Mammuccini Regione Toscana A.R.S.I.A. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione nel Settore Agricolo e Forestale Maria Grazia Mammuccini Razze e varietà locali: esperienze dalla Toscana per considerare i

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

1977 Borsa di studio di tre mesi presso il Department of Plant Pathology Hebrew University, Rehovot, Israele.

1977 Borsa di studio di tre mesi presso il Department of Plant Pathology Hebrew University, Rehovot, Israele. ANGELO GARIBALDI Nato a Cipressa (IM) il 7 Aprile 1938 FORMAZIONE Curriculum scolastico e borse di studio 1977 Borsa di studio di tre mesi presso il Department of Plant Pathology Hebrew University, Rehovot,

Dettagli

Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo

Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo Micorriza, un valore aggiunto per la produzione di piantine da seme di carciofo Angela Campanelli, Claudia Ruta, Anna Tagarelli, Irene Morone- Fortunato Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria

Dettagli

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 1 Gennaio 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Applicazioni

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA VEGETALE

LA SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA VEGETALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Dipartimento di Biologia Ambientale e Biodiversità LA SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA VEGETALE Anna Scialabba La biodiversità: una risorsa essenziale della natura conoscenza

Dettagli

Caratteristica fondamentale delle cellule vegetali TOTIPOTENZA. È possibile rigenerare un intera pianta da singole cellule differenziate

Caratteristica fondamentale delle cellule vegetali TOTIPOTENZA. È possibile rigenerare un intera pianta da singole cellule differenziate Caratteristica fondamentale delle cellule vegetali TOTIPOTENZA È possibile rigenerare un intera pianta da singole cellule differenziate Tranne quelle che hanno perso il nucleo (tracheidi, elementi del

Dettagli

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro Istituto di Virologia Vegetale del CNR, Bari e Dipartimento Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Rete regionale di laboratori per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

CURRICULUM DEL PROF. GIOVANNI IAPICHINO

CURRICULUM DEL PROF. GIOVANNI IAPICHINO CURRICULUM DEL PROF. GIOVANNI IAPICHINO DATI ANAGRAFICI Nome e cognome: Giovanni Iapichino Luogo e Data di nascita: Palermo, 8 Maggio 1954 E-mail: giovanni.iapichino@unipa.it STUDI EFFETTUATI E TITOLI

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

IX Giornate Scientifiche SOI Firenze, 10-12 marzo 2010. Seconda e ultima circolare

IX Giornate Scientifiche SOI Firenze, 10-12 marzo 2010. Seconda e ultima circolare IX Giornate Scientifiche SOI Firenze, 10-12 marzo 2010 Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali, del Suolo e dell Ambiente Agroforestale Sezione Coltivazioni Arboree Università di Firenze Società

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE PUGLIA Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro

Dettagli

Convegno Nazionale LA MICROPROPAGAZIONE IN ITALIA: STATO ATTUALE E PROSPETTIVE FUTURE. Un incontro tra operatori del settore e della ricerca

Convegno Nazionale LA MICROPROPAGAZIONE IN ITALIA: STATO ATTUALE E PROSPETTIVE FUTURE. Un incontro tra operatori del settore e della ricerca In collaborazione con Con il Patrocinio di Convegno Nazionale LA MICROPROPAGAZIONE IN ITALIA: STATO ATTUALE E PROSPETTIVE FUTURE. Un incontro tra operatori del settore e della ricerca Corte Benedettina,

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

X CONVEGNO NAZIONALE SULLA BIODIVERSITA

X CONVEGNO NAZIONALE SULLA BIODIVERSITA I Circolare X CONVEGNO NAZIONALE SULLA BIODIVERSITA Roma e Viterbo, 2-5 settembre 2014 Organizzazione a cura di: Centro Interuniversitario per le Ricerche, la Conservazione ed utilizzazione del Germoplasma

Dettagli

Vivaista UFFICIO COMPETENTE

Vivaista UFFICIO COMPETENTE Vivaista UFFICIO COMPETENTE Per avviare un' attività di Vivaio è competente l'assessorato Regionale dell'agricoltura - Servizio V - Fitosanitario Re gionale - Dirigente Vito Sinatra - Unità Operativa 40

Dettagli

PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO

PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO M. Moraldi Azienda Vivaistica Regionale UMBRAFLOR R. Danti, V. Di Lonardo Istituto per la Protezione delle Piante, CNR, Firenze La produzione massale di cipressi

Dettagli

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN GENETICA E GENOMICA La Missione. Ricerca e sviluppo a livello pilota e/o prototipale di processi/prodotti a base biologica, a forte contenuto innovativo e suscettibili di interesse per imprese industriali

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale. Art. 1. (Finalità)

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale. Art. 1. (Finalità) Legge regionale 22 aprile 2002, n. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalità) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell'ambito

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA La sharka o vaiolatura delle drupacee è una grave malattia provocata da un virus, Plum

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Protocollo di micropropagazione di cultivar meridionali di olivo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Nella prova spwerimentale il miglior adattamento alla coltura in vitro è

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE Roma, 25 marzo 2003 Gruppo di lavoro misto CNBB-MIPAF: Protocolli tecnici per la sperimentazione in regime di sicurezza delle attività di ricerca e di sperimentazione riguardanti gli OGM in campo agricolo

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

AUTORI. GIUSEPPE LIMA Professore Associato di Fitoiatria Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell Ambiente Università del Molise, Campobasso

AUTORI. GIUSEPPE LIMA Professore Associato di Fitoiatria Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell Ambiente Università del Molise, Campobasso AUTORI ELENA BARALDI PAOLO BERTOLINI Professore Ordinario di Patologia dei Prodotti e delle Derrate Agrarie STEFANO BRIGATI Professore Associato di Patologia Vegetale RAFFAELLO CASTORIA Professore Associato

Dettagli

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Carmagnola 25 marzo 2011 Michele Baudino, Ezio Portis Il fagiolo da granella in Piemonte Fagiolo per produzione di granella

Dettagli

(GERANI E SURFINIE) FLORA HORTUS

(GERANI E SURFINIE) FLORA HORTUS Hortus Flora (Gerani & Surfinie) Acid Rose Terriccio per Agrumi Terriccio per Colture Biologiche Terriccio per Orchidee Terrazzo Fiorito Terriccio per Tappeti Erbosi BelPrato Sport TSi-70 Verde Pensile

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali UNIVPM - Ancona www.agraria.univpm.it 1 Agricoltura Ambiente Alimenti IL DIPARTIMENTO DELLE TRE A (D3A) LE 3 A IN EUROPA A A A INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività

Dettagli

Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020

Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020 IX Edizione Frutta dell Autunno XXVII Mostra Pomologica Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020 Caserta, 10 ottobre 2014 CRA- Unità di Ricerca

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

Gli OGM nell alimentazione animale: stato dell arte e prospettive future

Gli OGM nell alimentazione animale: stato dell arte e prospettive future VI Convegno Nazionale degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali sull alimentazione animale I 10 anni del C.Re.A.A.: un passo verso il futuro Roma, 11 giugno 2013 Ministero della Salute ILARIA CIABATTI

Dettagli

VI Convegno Nazionale sulla Peschicoltura Meridionale

VI Convegno Nazionale sulla Peschicoltura Meridionale VI Convegno Nazionale sulla Peschicoltura Meridionale comunicato II Il VI Convegno Nazionale sulla Peschicoltura Meridionale si terrà a Caserta il 6 e 7 marzo 2008 presso il Real sito di San Leucio. Lo

Dettagli

Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale.

Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale. Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale. C. Damiano, B. Lucchesi, A. Frattarelli Riassunto Il notevole sviluppo

Dettagli

VIVAISMO E GIARDINAGGIO

VIVAISMO E GIARDINAGGIO CORSO DI VIVAISMO E GIARDINAGGIO INTRODUZIONE Il vivaismo rappresenta un segmento molto importante della filiera produttiva agricola, perché dalla capacità propositiva delle aziende vivaistiche e dalla

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali FISIOLOGIA VEGETALE Gli ormoni vegetali Lo sviluppo delle piante in tutte le sue varie fasi (crescita, fioritura, fruttificazione, formazione e caduta delle foglie) è regolato dall integrazione di stimoli

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA A CURA DELL UFFICIO STAMPA 1 MIPAAF: 21 milioni di euro per le biotecnologie sostenibili Si tratta di un piano articolato su tre anni gestito dal

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto Autore Stefano Tasinazzo Foto Roberto Fiorentin Roberto Masin Bruno Pellegrini Filippo Prosser Stefano Tasinazzo Foto di copertina: Veronella - VR; S. Tasinazzo

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Il florovivaismo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola 07100 Sassari Tel. +39 079 229222/3 Fax +39 079 229222 e-mail agcess@uniss.it Partita IVA

Dettagli

Micropropagazione e tecnologie in vitro

Micropropagazione e tecnologie in vitro Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana Gruppo di Lavoro Newsletter n 4 Novembre 2010 In questo numero: Ricerca & Innovazione Coltura in vitro di Lilium spp. e applicazioni alla produzione e alla conservazione

Dettagli

Tecniche di ingegneria genetica vegetale

Tecniche di ingegneria genetica vegetale Ingegneria genetica vegetale Tecniche di ingegneria genetica vegetale Prima di analizzare i possibili impatti sulla salute e sulla qualità dei prodotti costituiti o derivati da organismi geneticamente

Dettagli

Aspetti riproduttivi e botanici

Aspetti riproduttivi e botanici CONTROLLO E CERTIFICAZIONE DELLE SEMENTI DI COLZA (Barassica napus L.) Corso teorico: Controlli sotto sorveglianza ufficiale Milano 26 Aprile 2013 Maurizio Giolo INRAN ENSE Sezione Verona Aspetti riproduttivi

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare

Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare Dipartimento Scienze Bio-Agroalimentari Direttore: Francesco Loreto e-mail: direttore.disba@cnr.it

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUSEPPINA DI PALMA Indirizzo Via Balbo,19 Stornarella FG Telefono 3297761618,0885-432023 Fax E-mail giusydipalma.3@libero.it Nazionalità

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

piante da coltivazione

piante da coltivazione piante da coltivazione Zampe di Asparago I Magnifici Blu è un azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di zampe di asparago per il coltivatore professionale. Possediamo campi sperimentali

Dettagli

PROGETTO DIMOSTRATIVO IL SISTEMA CLONE DI RANUNCOLO : VALORIZZAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO E DELLA FILIERA TECNICO- ECONOMICA COINVOLTA

PROGETTO DIMOSTRATIVO IL SISTEMA CLONE DI RANUNCOLO : VALORIZZAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO E DELLA FILIERA TECNICO- ECONOMICA COINVOLTA REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E TURISMO PROGETTO DIMOSTRATIVO IL SISTEMA CLONE DI RANUNCOLO : VALORIZZAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO E DELLA FILIERA TECNICO- ECONOMICA COINVOLTA Regolamento CE n.

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso: Biotecnologie genetiche vegetali (6 CFU) (5 CFU Lezioni + Laboratorio) Docente: Prof. Antonio Blanco email: antonio.blanco@uniba.it

Dettagli

IL PRESIDENTE. Decreto del Presidente n.18 del 28 luglio 2014

IL PRESIDENTE. Decreto del Presidente n.18 del 28 luglio 2014 IL PRESIDENTE Decreto del Presidente n.18 del 28 luglio 2014 Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per una borsa di studio annuale, rinnovabile per ulteriori due anni, nell ambito del Progetto Interventi

Dettagli

Dalla pianta all impiego appropriato dei fitoterapici

Dalla pianta all impiego appropriato dei fitoterapici CONGRESSO NAZIONALE: FARMACI NATURALI. ATTUALITÀ E PROSPETTIVE FUTURE Università degli Studi di Napoli Federico II - Dipartimento di Farmacologia Sperimentale Università degli Studi del Molise - Dipartimento

Dettagli

Servizio fitosanitario regionale

Servizio fitosanitario regionale Regione Toscana Servizio fitosanitario regionale Il laboratorio di diagnostica fitopatologica e biologia molecolare Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo

Dettagli

COLTIVAZIONE PROFESSIONALE DI PATATE. Pregermogliazione

COLTIVAZIONE PROFESSIONALE DI PATATE. Pregermogliazione COLTIVAZIONE PROFESSIONALE DI PATATE Pregermogliazione INDICE pagina Il perché della pregermogliazione 3 Sviluppo fisiologico 5 Condizioni d immagazzinamento 6 Degermogliazione 7 Colpo di calore 9 Germogliazione

Dettagli

A che servono le piante transgeniche?

A che servono le piante transgeniche? A che servono le piante transgeniche? Ricerca di base Applicazioni Ricerca di base Favorire la comprensione e lo studio del ruolo fisiologico di molti geni Effetti correlati alla sovraespressione o alla

Dettagli

Il IIII Il Il Il I Il Il' I Al

Il IIII Il Il Il I Il Il' I Al DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ED INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE Ex DIREZIONE GENERALE DELLA COMPETITIVITA PER LO SVILUPPO RURALE Ex COSVIR IX. - - - - - -- - -- p-- - -. EX DO COSVIR Prot.

Dettagli

I contenuti della Difesa antiparassitaria

I contenuti della Difesa antiparassitaria Difesa antiparassitaria I contenuti della Difesa antiparassitaria I contenuti della Difesa antiparassitaria Selezionando la voce Difesa antiparassitaria dell Indice Generale di AGRIMEDIA si passa all indice

Dettagli

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 facoltà di AGRARIA AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica)

TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica) TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE (o trasformazione genetica) Si ottengono organismi transgenici o geneticamente modificati (OGM) Modificazione mirata (si trasferisce solo il gene oggetto di interesse) Si

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Le risposte delle piante all ambiente

FISIOLOGIA VEGETALE. Le risposte delle piante all ambiente FISIOLOGIA VEGETALE Le risposte delle piante all ambiente Per fotoperiodismo si intende il fatto che la lunghezza del giorno è direttamente correlata all innesco del processo di fioritura in molte piante.

Dettagli

Centro floricolo di Ponticelli (NA) Istituto Tecnico Agrario Statale "De Cillis" di Ponticelli (NA) Relazione sintetica sulle attività 2010

Centro floricolo di Ponticelli (NA) Istituto Tecnico Agrario Statale De Cillis di Ponticelli (NA) Relazione sintetica sulle attività 2010 Centro floricolo di Ponticelli (NA) Istituto Tecnico Agrario Statale "De Cillis" di Ponticelli (NA) Relazione sintetica sulle attività 2010 OMBRAIO Superficie complessiva 1000 mq Attività di sperimentazione

Dettagli

Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio

Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio UNIONE EUROPEA REGIONE LAZIO Assessorato all Agricoltura ARSIAL agenzia regionale per lo sviluppo e l innovazione dell agricoltura del Lazio Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio

Dettagli

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati pagina 1 di 5 Cavriglia,. Ottobre 2014 Al Presidente del Consiglio Comunale e Sindaco di Cavriglia Sig. Leonardo Degl Innocenti o Sanni All assessore con delega all ambiente Sig. Filippo Boni MOZIONE VOLTA

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto Luciano Trentini Marco Mingozzi Piemonte Ha 5.000 20% Veneto Ha 3.700-14% Emilia-Romagna 4.000 Ha - 15% Lazio Ha 7.350 30% Il

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 Agroflor di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto Agroflor dal 1951 al servizio dell agricoltura. La nostra azienda è stata fondata

Dettagli

Dr. Agronomo Marcello Parisini

Dr. Agronomo Marcello Parisini Dr. Agronomo Marcello Parisini Via Sicilia 17 24127 Bergamo 035.318.738 333. 86.96.429 marcello.parisini@alice.it Informazioni personali Cognome e nome Parisini Marcello Indirizzo Via Sicilia, 17 24127

Dettagli

2 CONVEGNO NAZIONALE SULLA MICROPROPAGAZIONE. Palafiori SALA NINFEA PROGRAMMA LUNEDÌ 07 NOVEMBRE 2011

2 CONVEGNO NAZIONALE SULLA MICROPROPAGAZIONE. Palafiori SALA NINFEA PROGRAMMA LUNEDÌ 07 NOVEMBRE 2011 2 CONVEGNO NAZIONALE SULLA MICROPROPAGAZIONE Palafiori SALANINFEA 79Novembre2011 PROGRAMMA LUNEDÌ 07 NOVEMBRE 2011 10.00 12.00 14.00 14:20 Registrazionideipartecipanti AffissionePoster Aperturadeilavori

Dettagli

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dott.ssa Barbara Ficociello 27 novembre

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per la diagnosi multipla di agenti causali di marciumi radicali e del colletto di piante ornamentali. Descrizione estesa del risultato I marciumi radicali

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli