5. La comunicazione pubblica dell ente locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. La comunicazione pubblica dell ente locale"

Transcript

1 5. La comunicazione pubblica dell ente locale 5.1 «La distanza sociale» Rappresentando il primo momento di contatto con le istituzioni, è proprio al comune che i cittadini si rivolgono per ottenere le risposte più elementari, eppure spesso più importanti. Ne consegue che una doverosa e corretta comunicazione fa parte integrante dell attività dell ente locale. Le difficoltà, ovviamente notevoli, sono rappresentate dalla presenza di una burocrazia selezionata in modo non certo funzionale all efficienza; da una mentalità che confonde «diritti» con «favori» e che ritiene concessioni graziose dell apparato fornire notizie che invece è un diritto del cittadino ricevere; da una babele di competenze e di leggi che assegnano agli enti locali compiti e funzioni senza garantire risorse e strumenti adeguati. Ed è facile rilevare come, soprattutto all interno dei comuni, è possibile riscontrare la «distanza sociale», intesa sia come «una differente conoscenza delle opportunità (norme, servizi, ecc.) disponibili, sia una diversificata oppor - tunità di accesso (conoscenza generale, procedure, modi amministrativi, ecc.)» PORRO R., Comunicazione pubblica ed enti locali: un primo scena - r i o, in ARENA G. (a cura), La comunicazione di interesse generale, cit., pag Ancora più specifica è la spiegazione che prosegue nel testo: «Più in generale per «distanza sociale» possiamo intendere una diversa capacità del singolo o di particolari gruppi sociali di stabilire rapporti di scambio e di re l a - zione con l articolata rete istituzionale e amministrativa. Al tempo stesso essa è, frequentemente, sinonimo di una «p o v e r t à» di rapporti interpersona - li, di una condizione di modesta «densità re l a z i o n a l e». Questi due fattori 48

2 Occorre, allora, rimuovere tutti quegli ostacoli che mantengono le diseguaglianze di fatto all interno del corpo sociale. Come pure è davvero necessario invertire l attuale concezione, spostando l attenzione dai s o g g e t t i che promuovono la comunicazione pubblica ai d e s t i n a t a r i. Ciò significa, altresì, «s o t t o l i n e a re la necessità di una elevata coerenza tra l agire amministrativo e la strategia comunicativa re a l i z z a t a» 6 0. Ma, soprattutto, incentrare l attenzione sul cittadino significa che «il destinatario del messaggio comunicativo rap - presenta al tempo stesso uno strumento e una fonte per ride - finire e migliorare l immagine dell ente o dell apparato, per verificare la congruenza dell agire amministrativo, per valuta - re il significato della strategia comunicativa» 61. Prima della nuova legge sull ordinamento delle autonomie locali e delle successive norme sul procedimento amministrativo, le attività informative comunali erano scarne ed abbastanza tradizionali, affidate a qualche sporadica pubblicazione o in alcuni casi, pochi per la verità, all istituzione della figura del difensore civico 62. È indubbio, però, che negli anni Novanta vi sia stato un notevole salto di qualità nell azione informativa dei comuni 6 3, come in tutti gli ambiti della pubblica amministrazione. Ciò è stato possibile in quanto è risultato maggiormente chiaro l indirizzo legislativo che ha assecondato la richiesta sociale in atto, e che considera giustamente l informazione una r i s o r s a. rendono più difficoltoso l agire individuale quotidiano, non favoriscono il superamento di una crescente frammentazione del sociale e l affermazione di meccanismi e di pratiche di solidarietà, contribuiscono a cre a re un clima di estraneità, se non di insofferenza, tra il cittadino e l ente locale». 60 IDEM, pag IBIDEM. 62 ZURLA P., Cittadini e pubblica amministrazione locale: diritti di informazione e nuove prestazioni informative, in ZUANELLI E. (a cura), Il Diritto all informazione in Italia, Presidenza del Consiglio dei Ministri, D.I.E., Roma, 1990, pag In P. MANCINI, Manuale di comunicazione pubblica, cit., c è un capitolo dedicato a «L aria nuova delle amministrazioni locali» (pagg ). 49

3 Si è avvertita, cioè, una forte esigenza di trasformare la comunicazione da immagine in servizio, fornendo alla pubblica amministrazione gli strumenti necessari per sviluppare la capacità di ascolto 64. In questo modo sono stati messi sullo stesso piano cittadini e burocrati, per dare corpo ad un amministrazione che sa parlare, ma che sa pure recepire, dialogare, assicurare risposte immediate e concrete. Si diceva nel capitolo precedente che l intervento più sistematico e capillare per promuovere la comunicazione pubblica è costituito dagli URP. Queste strutture sono operanti in molti comuni. Ci sono però dei limiti, perché «in alcuni casi si è pensato al - l URP solo come garante della trasparenza, in altri dell acces - so, in altri ancora come un moderno ufficio reclami o una sofi - stica struttura di informazione elettronica» 65. Questo determina una «concezione parziale e limitata, qualche volta strumentale o volutamente riduttiva dell URP» «Cases histories» Pur dimostrando limiti vistosi, i comuni hanno dimostrato di essere più solleciti dell amministrazione centrale a promuovere l innovazione e le nuove tecnologie, tanto che finora sono state promosse oltre 40 reti civiche, attraverso le quali viene dato l accesso alle informazioni degli stessi comuni e di altri enti 67. Inoltre, molte sono le iniziative intraprese dai comuni per promuovere la cultura della comunicazione, comprese le cosiddette città digitali IDEM, pag La definizione è di M. Crozier. 65 A. ROVINETTI, Gli «sportelli al cittadino», in AA.VV., La comuni - cazione pubblica in Italia, cit., pag IBIDEM. 67 A livello europeo, il progetto Socrate rivolge consistenti investimenti in tale direzione, mentre un ruolo molto attivo lo sta svolgendo la Telecom Italia. Tra i Comuni che si stanno particolarmente distinguendo c è anche Torino. 68 Tra le 105 più importanti città italiane, sono oggi presenti sulla rete internet in 66, pari al 62,9% del totale. 50

4 Nel complesso di queste attività, si riscontra come «le amministrazioni comunali...sono destinate ad avere un ruolo di primo piano nella transizione della società italiana verso un economia a prevalente produzione immateriale» 69. Tra gli esperimenti più innovativi, ne ricordiamo soprattutto due: «Cento progetti al servizio del cittadino» e «Il Comune ideale». Il primo è un programma promosso dal Dipartimento della funzione pubblica 70 e finanziato nel 1993 per migliorare la qualità dei servizi e le prestazioni della pubblica amministrazione 71. I progetti presentati dalle varie amministrazioni pubbliche sono stati oltre e tra questi ne sono stati selezionati appunto cento. La Lombardia, in termini numerici, è stata la più ricettiva con 230 proposte avanzate. I comuni ne hanno presentati complessivamente 503, così suddivisi: 131 da quelli con oltre abitanti; 133 da quelli compresi tra e abitanti; 211 da quelli fino a abitanti. Ne sono stati finanziati complessivamente 33, suddivisi secondo la ripartizione sopra riportata in 10, 11 e 9. Come si vede, si è trattato quasi esattamente di un terzo di tutti i progetti scelti. L obiettivo è di creare l «albero della qualità del servizio pubblico», composto da quattro fattori descritti in ordine di approccio ai servizi: facilitazione dell accesso (che comprende l informazione, l accoglienza e la trasparenza); migliora - mento della fornitura (velocità, comodità, chiarezza, gestione delle attese, personalizzazione); controllo e correzione 69 Sito internet cliccare su Municipia, cap Nuovi strumenti per i Comuni italiani. 70 «Cento progetti» è uno degli esperimenti pilota previsti dalla legge 11 marzo 1988, n. 67 e successive modificazioni. 71 Un resoconto esauriente e completo di questa iniziativa è stato pubblicato nel volume «Cento progetti al servizio dei cittadini - Come migliorare gli uffici pubblici», edito a cura del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel marzo del 1995 e si riferisce alla situazione esistente all aprile del L introduzione è firmata dal Ministro della funzione pubblica Franco Frattini. Tutti i dati che seguono sono ripresi dal volume citato. 51

5 (affidabilità, standard, prontezza di risposta, ascolto); inno - vazione ed evoluzione (arricchimento, utenze particolari, innovazione). Come sottolineato, sono interventi indirizzati a migliorare le prestazioni della pubblica amministrazione e non per nulla il primo momento che viene affrontato è proprio l informazione. Giustamente, si ritiene che fare conoscere i servizi all utenza costituisca il preventivo e necessario approccio da cui partire, «ma gli uffici pubblici non sempre dedicano una suf - ficiente attenzione a far sapere all utente cosa fare, dove anda - re, se e quanto pagare, se esistono alternative. Tendono inve - ce a dare per scontato che i cittadini siano già al corrente di tutto, conoscano indirizzi, orari, documenti da portare, moda - lità di fruizione del servizio» 72. Da sottolineare il progetto «TuttoBologna», promosso dal comune, che ha predisposto un sistema di informazione, composto da decine di videostazioni self-service ubicate in luoghi centrali e che possono essere consultate direttamente dai cittadini attraverso tastiere semplificate. Vengono forniti tipi di informazioni sul capoluogo romagnolo e sui 59 comuni dell area metropolitana. L altra iniziativa molto interessante è «Il Comune idea - le», promossa da Anci, Ancitel e dal Forum P.A. e che è stata presentata nell ambito del Forum P.A. svoltosi a Roma nel maggio del Si tratta di 22 progetti incentrati sulle innovazioni realizzate dai comuni tra i ed i abitanti e che riguardano otto tipologie di attività: territorio e ambiente; anagrafe e gestione delle pratiche; tributi; politiche sociali; reti civiche e sportelli di informazione per i cittadini; politiche culturali; efficienza interna; polizia municipale. Si è inteso ipotizzare, attraverso questi servizi, «il comu - ne ideale in cui ciascuno di noi vorrebbe vivere» 73. Sono esperienze interessanti, che andrebbero meglio 72 IDEM, pag «Il Comune ideale» in Quaderni URP n. 5, luglio 1996, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roma, pagg

6 conosciute e praticate, perché se un servizio è stato migliorato in un comune significa che è possibile, creandone le condizioni, attuarlo in tanti altri. Anche in questo, l informazione riveste un ruolo essenziale, in quanto consente un flusso costante di esperienze tra le varie amministrazioni. Tra i progetti de «Il Comune ideale», disponibili pure su un sito internet 74, non caso ben 8 riguardano l informazione e tutti sono stati realizzati in comuni del centro-nord, tanto che non se ne trova nessuno al di sotto della Toscana. Pure questo è un sintomo indicativo della diversa sensibilità inevitabilmente riscontrata nelle differenti aree del Paese, sui temi che caratterizzeranno sempre di più la società del prossimo millennio. Ed al momento non si può non constatare la conferma delle storiche differenze civili ed economiche esistenti tra le regioni italiane. Infatti, le città meridionali sono ai margini della comunicazione digitale, in una fase decisiva degli assetti dell economia europea e mondiale. Bisognerà quindi investire molto per recuperare soprattutto su questo terreno, magari facendo perno sulle iniziative di Napoli e di Bari, dove è in atto una potente cablatura del territorio. 5.3 La Rete Urbana delle Rappresentanze (RUR) 75 Le città sono state definite come luoghi privilegiati per la circolazione delle informazioni 76, dove vi si sperimentano le esperienze più innovative. Tra queste, un posto a parte merita la Rete Urbana delle Rappresentanze (RUR), promossa dal Censis nel 1989 con l adesione di altri soggetti, compresa la Telecom Italia. Lo scopo della RUR è di valorizzare le città attraverso l innovazione, ricercando concrete forme di collaborazione 74 I progetti relativi all informazione sono stati raccolti dal sito internet (www.ancitel.it/comune ideale.html) stampati ed allegati in appendice al presente volume 75 Per collegarsi tramite internet alla RUR l indirizzo è 76 A. MELA, Innovazione tecnologica, città e comunicazioni sociali, in M. C. BELLONI-M. R. RAMPAZI (a cura), Luoghi e reti, Rubbettino, Soveria Mannelli, 1996, pag

7 di tutti i soggetti sul modello dei Patti territoriali promossi dallo stesso Censis e già operativi in più regioni. Il mezzo per raggiungere questi obiettivi è la rete telematica attraverso la quale scambiare esperienze e attivare relazioni in tempo reale. Essa è riservata per ora alle città con più di abitanti, che in Italia sono 153. Da meno di un anno è stato promosso il consorzio internazionale Municipia (Multilingual Urban Network for the Integration of City Planners ad Involved local Actors) attraverso il quale il collegamento in rete consente non solo di avere a disposizione uno strumento particolarmente efficace di dialogo con tutti i soggetti della comunità locale, ma altresì una maggiore visibilità internazionale, oltre alla ormai indispensabile conoscenza in tempo reale di tutte le iniziative che l Unione Europea svolge a favore delle città. Si consideri che l 80% degli abitanti dell Unione Europea risiede nei centri urbani, all interno dei quali viene stimolato lo sviluppo economico e promossa l integrazione sociale. La RUR si può considerare un tentativo di comunicazione pubblica di grande spessore, che induce all innovazione, promuove i teleservizi, sollecita la formazione per acquisire la cultura telematica, rafforza i sistemi informativi delle amministrazioni comunali in vista di un accesso diretto dei cittadini, delle altre istituzioni e delle aziende private. In questo modo, si creano sinergie fondamentali tra pubblico e privato, coinvolgendo da una parte le amministrazioni locali e dall altra le università, gli istituti di ricerca e le imprese. I risultati raggiunti attraverso le tecnologie avanzate vanno poi costantemente fatti conoscere perché si traducono in vantaggi indubbi per la collettività. Realmente, e velocemente, i sistemi telematici possono trasformare la comunicazione della pubblica amministrazione da virtuale, quale allo stato praticamente è, a reale, cioè davvero utilizzabile e fruibile per il cittadino. Finora, a partire dal 1990, la RUR sta realizzando interessanti iniziative, per promuovere una nuova cultura dell informazione. 54

8 Tra queste, ricordiamo libri, ricerche, convegni e seminari di notevole interesse, che si possono trovare descritti ampiamente sul sito internet relativo alla RUR, dove tra l altro ci sono dati sempre aggiornati sullo sviluppo telematico delle città e delle regioni italiane, oltre a riferimenti di estremo interesse locale, nazionale ed internazionale. Alla fine di queste considerazioni, in cui vengono evidenziate le «meraviglie» delle reti informatiche, per completezza non si può non rilevare come sull impatto e le conseguenze delle nuove tecnologie all interno delle realtà urbane ci sia un ampio dibattito in corso, con posizioni molteplici. Riassume a riguardo Alfredo Mela che «nonostante lo sviluppo delle telecomunicazioni renda possibile la costruzio - ne di autostrade informatiche e di piazze virtuali, queste ulti - me non potranno mai sostituirsi alle forme fisiche della città «reale» sviluppatesi nei secoli con una sedimentazione di forme e di significati e - soprattutto - atte a promuovere la relazione diretta, faccia-a-faccia, la quale, a sua volta, non potrà mai essere soppiantata nel suo ruolo sociale dalle rela - zioni telematiche» IDEM, pag

9 6. Le Regioni e la comunicazione 6.1 Un tentativo degli albori: il difensore civico Prima di tutto va detto che le Regioni hanno concretizzato prima dello Stato il diritto all informazione, che nel nostro Paese si è affermato in modo singolare 7 8. E non casualmente in tutti gli statuti sono previste delle forme di consultazione e di partecipazione degli enti locali, delle associazioni e dei cittadini. Inoltre, risorse considerevoli sono state dirette verso le attività editoriali e gli uffici stampa. La presenza del difensore civico è sintomatica di un modo diverso di porsi della pubblica amministrazione rispetto ai cittadini, tanto che è stata prevista addirittura negli statuti del Lazio, della Toscana e della Liguria 79 e progressivamente in quasi tutte le regioni d Italia «Il diritto all informazione ha avuto, nel nostro paese, una matrice giurisprudenziale. Forse più che in qualsiasi altro settore del diritto pubbli - co, in questa materia, durante tutto l arco dell esperienza repubblicana, la giurisprudenza (e in particolare la giurisprudenza costituzionale) ha antici - pato ed orientato la scelta del legislatore...il fatto è che, in questi settori, il legislatore è arrivato sempre con molto ritardo, dopo che la giurisprudenza costituzionale e ordinaria avevano già ripetutamente indicato i valori da rispettare e gli indirizzi da seguire. Le ragioni di questo fatto - che ha inver - tito l ordine naturale delle cose proprio in un paese a diritto scritto - vanno ricercate nelle vicende che hanno caratterizzato la storia della nostra Repubblica nel campo dei diritti di libertà». E. CHELI in G. CORASANITI, Diritto dell informazione, CEDAM, Padova, 1995, pag.ix 79 M.R. FERRAGINA, Il difensore civico, Rubbettino, Soveria Mannelli, 1991, pag Nel volume c è un intero capitolo dedicato al difensore civico nelle regioni (pagg ). 80 Le leggi istitutive del difensore civico in ordine cronologico sono le seguenti: Regione Toscana (legge 21 gennaio 1974 n. 8); Liguria (legge 6 giugno 1974 n. 17); Regione Campania (legge 11 agosto 1978 n. 23); 56

10 Ad oggi, solo la Valle d Aosta, l Abruzzo, il Molise e la Sicilia non hanno proceduto ad istituire formalmente tale figura. Dove invece è stato prevista o non è stata addirittura mai nominata (come nel caso della Calabria, la cui legge risale al 1985) oppure svolge un ruolo di basso profilo. Peraltro, la stessa esperienza introdotta anche a livello comunale, risulta essere contraddittoria e senza alcun risultato di rilievo, tranne episodici casi locali. Infatti, nei contesti regionali e comunali, dove è operante, il difensore civico non è praticamente di alcuna utilità. In primo luogo perché viene scelto di norma dal consiglio, ed è espressione di un maggioranza, qualificata o meno che sia. Ne consegue che chi è individuato non entra mai in contrasto con chi lo sceglie. In secondo luogo, quasi sempre non ci sono né risorse e né strutture. In definitiva, allo stato non smentibile dei fatti, il tentativo del difensore civico come strumento di comunicazione della pubblica amministrazione non ha prodotto risultati apprezzabili. Ciò era prevedibile, considerato che tale figura è stata mutuata da sistemi politici ed istituzionali che hanno poco in comune con l Italia 81. E attualmente le funzioni assegnate al difensore civico sono in larga parte ricomprese tra quelle degli URP, che, a questo punto, sarebbe più vantaggioso promuovere. Regione Umbria (legge 22 agosto 1979); Lombardia (legge 18 gennaio 1980 n. 7); Regione Lazio (legge 28 febbraio 1980 n. 17); ); Regione Friuli Venezia Giulia (legge 23 aprile 1981); Puglia (legge 9 luglio 1981); Regione Marche (legge 24 ottobre 1981 n. 29); Piemonte (legge 9 dicembre 1981 n. 50); Regione Trentino - Alto Adige - Provincia Autonoma di Trento (legge 20 dicembre 1982 n. 28); Trentino - Alto Adige - Provincia Autonoma di Bolzano (legge 9 giugno 1983); Regione Emilia Romagna (legge 6 luglio 1987); Regione Calabria (legge 16 gennaio 1985 n. 4); Regione Basilicata (legge 14 giugno 1986 n. 11); Veneto (legge 6 giugno 1988); Regione Sardegna (legge 17 gennaio 1989 n. 4). 81 Il difensore civico nasce in Svezia all inizio del Per un inquadramento esauriente del sistema politico svedese c è una pregevole tesi di laurea non pubblicata (E. CHIODO, Forma di governo e struttura istituzionale in Svezia, Università della Calabria, Facoltà di Scienze Economiche e Sociali, anno accademico 1989/90). 57

11 6.2 L editoria regionale come comunicazione: un occasione sprecata Nel corso dell ultimo quarto di secolo, le regioni hanno investito molte risorse nell informazione, con particolare riferimento all editoria, poichè anche con tale strumento si è inteso comunicare in modo più ampio con le rispettive comunità regionali. Però, tranne qualche eccezione 8 2, tale attività ha rappresentato un modello quasi da manuale su cosa non bisogna assolutamente fare nel campo della comunicazione pubblica 8 3. Nonostante vengano editi centinaia di titoli e finanziate collane, i risultati della comunicazione risultano spesso scadenti e disorganici: si pubblica di tutto ed a tutti, senza prefiggersi alcun obiettivo e senza conseguire un effettiva utilità informativa per i cittadini. Per esempio, quasi nessuna regione d Italia ha un catalogo dei volumi che pubblica o che sovvenziona, come non esiste una strategia coerente per fornire ai cittadini ed alle istituzioni operanti nel territorio delle informazioni adeguate rispetto alle attività dell Ente Regione. Un caso emblematico è il mancato utilizzo dei fondi europei da parte di quasi tutte le regioni italiane, e soprattutto di quelle meridionali 84. Questo avviene, oltre che per una serie di motivi 85, anche per mancanza di programmazione e di progetti. Il pri- 82 L esperienza della Regione Toscana sembra distaccarsi dal quadro generale. Cfr. R. DINI, L editoria delle regioni, tra identità e relazioni cul - turali. «Il caso della Toscana», in AA.VV., La comunicazione pubblica in Ita - lia, cit., pagg R. VECCHIET (a cura), Regioni, editoria, enti locali, Atti Istituto Gramsci Friuli Venezia Giulia, Trieste, Soprattutto R. VECCHIET, Tra letteratura grigia, carta patinata e legislazione regionale: una biblioteca sconosciuta in cerca di lettori, pagg «Nel Mezzogiorno la debolezza della politica regionale comunitaria si è maggiormente evidenziata a causa della complessità dei problemi di svilup - po dell area, non aggredibili con meccanismi d intervento uniformi, che pre - scindono dalla natura delle diverse problematiche territoriali». L a b o r a t o r i territoriali, Un futuro per il Mezzogiorno, C N E L, Roma, 1996, pag IDEM, pag

12 mo aspetto riguarda la struttura interna dell Ente Regione che non è sufficientemente formata ed informata; l altro è invece rappresentato dall assenza di conoscenze degli enti locali, delle istituzioni, delle stesse università e dei privati. Tutti soggetti ai quali non viene indirizzata una comunicazione adeguata. È ovvio che questo rappresenti solo un lato del problema, però certo il meno rilevante. Pure da tali constatazioni, si può evidenziare come un adeguata azione di comunicazione pubblica sia estremamente opportuna e possa avvenire finanche attraverso una mirata azione editoriale ed informativa sostenuta dalle Regioni. Diventa proficuo predisporre delle normative regionali che disciplinino le attività editoriali all interno di un più vasto disegno che riguardi la comunicazione 86. Tra queste, molto suggestiva è la proposta di Elvio Guagnini, il quale ritiene che potrebbe essere «utile un gran - de progetto unitario riguardante il finanziamento come pure l organizzazione della distribuzione, del marketing e dei ser - vizi di consulenza alle piccole case editrici» 87. Inoltre, si è pure riscontrata la «necessità di una politica regionale di investimento a lungo termine per finanziare iniziative di ricer - ca che producano testi scientifici di livello, che siano frutto di lavoro svolto in sede regionale, o di una cooperazione tra enti di ricerca regionali, nazionali ed internazionali di grande autorevolezza scientifica» 88. È evidente che, per una efficace azione delle Regioni, e della pubblica amministrazione in genere, il rapporto tra aziende editoriali ed istituzioni universitarie può costituire uno strumento privilegiato anche per elaborare nuove tecniche di comunicazione a vantaggio dei cittadini. Ovviamente, preponderante attenzione dovrà essere assegnata all editoria elettronica ed alle informazioni che viag- 86 E. GUAGNINI, Regione per l Editoria, editoria in Regione. Alcune considerazioni, in R. VECCHIET (a cura), Regioni, editoria, enti locali, cit., pagg IDEM, pag IDEM, pag

13 giano su internet o reti similari e che rappresentano, già da ora, pur con tutti i rischi 89, il presente della comunicazione. 6.3 L esperimento della Lombardia Una delle regioni finora più attente ai problemi della comunicazione istituzionale è senza dubbio la Lombardia 90. Oltre a garantire l informazione come uno dei principi istitutivi all atto della sua costituzione, la Regione ha sollecitamente messo in pratica i contenuti previsti nella L. 241/90, istituendo nello stesso anno un agenzia della Giunta regionale per la comunicazione, l editoria e l immagine. La Legge Regionale n. 33/90 comprende tutta una serie di interventi organizzativi ed innovativi. Apre con la costituzione di un agenzia, che ha il compito di fornire un informazione tempestiva ed efficace sull attività della Giunta regionale. Prosegue, poi, individuando una Commissione, che ha il compito di coordinare, programmare ed esprimere 89 «La questione dell elettronica applicata alle tecnologie comunicati - ve si presenta alla fine del secolo XX aperta di aspettative inaudite e nello stesso tempo irta di interrogativi inquietanti». F. FERRAROTTI, La perfe - zione del nulla, Laterza, Roma-Bari, 1997, pag. VII. Un altra regione assai attenta e sollecita verso i temi della comunicazione pubblica è stata il Piemonte che il 30 luglio 1990 ha approvato la legge regionale n. 52 dal titolo «Interventi per l informazione locale». All art. 5 della citata legge specifica che tutte le iniziative pubblicitarie dell Ente sono rivolte a: a ) alla promozione dell immagine e delle attività regionali; b ) alla conoscenza da parte dei cittadini dei servizi pubblici e delle modalità di accesso ai medesimi; c ) a l l a sensibilizzazione dei cittadini su argomenti specifici di comportamento civico, sociale ed economico; d ) all informazione su normative regionali o di interesse regionale o su atti regionali quando, per l importanza o la particolarità delle norme e degli interessi su cui esse si riferiscono, non sia sufficiente la pubblicazione ufficiale ovvero occorra assicurare la più ampia e diffusa conoscenza. Le iniziative pubblicitarie di qualsiasi genere non devono essere personalizzate né avere forma di interviste o di dichiarazioni di singoli amministratori o funzionari regionali. Esse sono destinate ai vari strumenti informativi senza discriminazioni e con criteri di equità, obiettività ed econ o m i c i t à. (Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 32 dell ). 90 F. FERRARIO-S. TAMBORINI, Riorganizzazione delle funzioni di comunicazione. Il caso della Lombardia, in AA.VV., La comunicazione pub - blica in Italia, cit., pagg

14 un parere obbligatorio su tutte le attività riguardanti la comunicazione, l editoria e l immagine condotte dall Ente. Inoltre, gestito dalla Presidenza della Giunta, è istituito in bilancio un unico capitolo di spesa, in cui vengono però escluse le materie del turismo e della sanità, che invece usufruiranno di fondi dei rispettivi assessorati. Infine, viene costituito all interno della struttura burocratica, un ufficio di coordinamento della comunicazione e dell editoria per la gestione di tutti gli interventi predisposti dall Ente. Alla luce di questo, la comunicazione, compresa la promozione dell immagine, viene assunta quale compito istituzionale della Regione. Alcuni significativi indirizzi sono stati introdotti dalla Commissione per la comunicazione, l editoria e l immagine. Per esempio: privilegiare i testi editi direttamente che informano sulle attività della Regione; il divieto di apporre le firme degli assessori sulle pubblicazioni; la raccomandazione di produrre una dettagliata relazione sui risultati delle varie campagne di comunicazione intraprese. In questo modo, si è inteso dare risposta ad almeno due degli aspetti maggiormente negativi che si sono verificati, in Lombardia come altrove, relativamente alle iniziative di comunicazione istituzionale: l assenza di una strategia organica di comunicazione, che determina sprechi e risultati modesti; e l uso prevalente del materiale a stampa, che tiene solo parzialmente conto delle nuove tecnologie. Nel frattempo, sono stati individuati dei progetti che rappresentano un tentativo concreto ed ordinato di comuni - care la Regione in modo efficace. Prima di tutto, si sta elaborando un Centro informativo regionale, con il compito di dare notizie precise su come funziona la Regione: modalità di accesso ai servizi, procedure, responsabili, ubicazione e compiti degli uffici. Questa iniziativa viene diretta ai cittadini, agli enti locali, agli imprenditori, alle associazioni, pertanto a chi intende conoscere sia le attività promosse e sia le opportunità garantite dall Ente. Poi, è stata riservata grande attenzione al riordino dell editoria regionale, considerato che oltre libri sono 61

15 stati prodotti dal 1970 in poi. Dopo la predisposizione di un catalogo informatizzato, si passerà alla fase di promozione di queste pubblicazioni, che, senza entrare in competizione con l editoria privata, intendono avere un carattere divulgativo e costituire una seppur modesta fonte di entrata, che potrà essere reinvestita successivamente per sostenere la stessa attività editoriale. Infine, tramite una società specializzata, si è avviata una ricerca sui processi di comunicazione interna, che rappresentano un aspetto fondamentale della comunicazione pubblica. Da qui, si è prevista anche un adeguata formazione del personale e dei dirigenti, che verrà effettuata tramite l Istituto regionale della formazione. La formazione allora «si pone come condizione necessa - ria sia per la creazione e la diffusione di una cultura della comunicazione all interno dell ente e come premessa per la qualità di tutte le iniziative di comunicazione in atto e sia per lo sviluppo delle iniziative future» 91. Ed appartiene proprio alla Lombardia il primo tentativo di regolamentare la comunicazione pubblica regionale. Infatti, il 27 febbraio 1995 il Consiglio Regionale ha approvato un apposita legge, che però è decaduta perché il Commissario di Governo ne ha evidenziato alcune imperfezioni 9 2. Essa è stata di nuovo tempestivamente ripresentata il 6 luglio 1995 ed attende di essere discussa dal Consiglio Regionale, dopo l esame della I Commissione ed il parere consultivo del Comitato Regionale Radiotelevisivo 93. Questo testo, ovviamente adattato a tutte le varie realtà, potrebbe rappresentare una valida base per le altre Regioni che intenderebbero affrontare l argomento in modo sistematico. 91 IDEM, pag Il testo della legge regionale (n. 292/95), unitamente alle deduzioni del Commissario di Governo della Regione Lombardia, è contenuto nelle Appendici. 93 Si tratta del progetto di legge numero 24/95 riguardante la «Disciplina del sistema di comunicazione pubblica regionale», sottoscritto dai consiglieri regionali Adamo, Danuvola, Baruffi, Agostinelli, Monguzzi e Crippa. 62

16 Nella definizione di comunicazione pubblica regionale contenuta all interno della proposta, sono inseriti gli elementi essenziali per inquadrare il servizio nel modo più adeguato 94. In tutto il progetto di legge si colgono aspetti molto interessanti. Infatti, si intende valorizzare il ruolo degli enti locali (art. 3), costituire un comitato di coordinamento che propone il piano annuale della comunicazione pubblica regionale (art.4), prevedere strutture con apposite figure professionali (art. 5), formare adeguatamente gli addetti (art. 8), istituire l albo regionale delle imprese di informazione e comunicazione e l osservatorio sull informazione regionale (art. 9). Oltre a quanto rilevato dal Commissario di Governo 95, sarebbe proficuo approfondire: il rapporto con l apparato burocratico; la definizione della figura professionale dei 94 La definizione di comunicazione pubblica regionale è contenuta nell art. 2 che è suddiviso nei seguenti 3 commi: «1) La comunicazione pubblica regionale è un servizio di interesse pubblico. 2) È considerato comunicazione pubblica qualsiasi atto di comunicazione destinato a diffon - dere un messaggio di interesse pubblico e diretto all esterno dell ammini - strazione, utilizzando le tecniche pubblicitarie di informazione e comunque ogni azione comunicativa afferente al campo della pubblicità. 3) Le iniziati - ve della comunicazione pubblica regionale sono rivolte a: a) far conoscere l attività legislativa, amministrativa e di programmazione della regione e in particolare l applicazione da parte della stessa delle leggi e degli altri atti di rilevanza sociale, dei programmi e dei piani di sviluppo, nonché delle diret - tive comunitarie e degli altri atti della Comunità Economica Europea (CEE); b) promuovere e tutelare l immagine della Regione; c) migliorare la conoscenza dei servizi pubblici prestati in ambito regionale e delle modalità di accesso ai medesimi; d) realizzare, nell ambito delle competenze regiona - li, azioni di comunicazione sociale dirette a stimolare comportamenti fun - zionali ad obiettivi di crescita civile della società; e) sensibilizzare i cittadi - ni alla difesa della salute, dell ambiente, del patrimonio culturale ed artisti - co e dei beni pubblici; f) promuovere le attività istituzionali, culturali, arti - stiche, sociali, ambientali e produttive della società lombarda». 95 Le osservazioni del Commissario di Governo attengono il personale, le consulenze e la quantizzazione degli oneri derivanti dalla legge. Detti rilievi sono in gran parte superabili se si è provveduto alla «ridefi - nizione complessiva delle strutture organizzative della Regione e della dota - zione organica del personale», come prevede la legislazione vigente. 63

17 comunicatori regionali; un efficace conservazione e diffusione cartacea ed informatica di quanto prodotto; il potenziamento della comunicazione tra pubbliche amministrazioni e quella interna. Dall insieme di tali considerazioni, emerge l importanza della comunicazione pubblica regionale, in quanto, anche a questo livello, devono trovare attuazione quegli inderogabili principi informativi che, ci si augura, si affermeranno presto in Italia. 6.4 Altri casi: il Trentino Alto Adige e l Emilia Romagna Per avere uno spaccato più completo della comunicazione pubblica regionale, è opportuno esaminare, pur se molto brevemente, le esperienze del Trentino Alto Adige e dell Emilia Romagna. In Trentino Alto Adige, sulla base di una ricerca empirica di qualche anno fa 96, si sono evidenziate alcune tendenze che, in linea di massima, sono comuni a tutte le altre Regioni, come a gran parte delle articolazioni della pubblica amministrazione. Prima di tutto, non si rinviene alcuna raccolta, archivio o censimento della comunicazione pubblica realizzata. Non esiste alcuna cultura della conservazione di quanto è stato prodotto, né tanto meno può esservi un qualsiasi riscontro dei risultati ottenuti con le varie campagne di comunicazione. Ci si affida, quando va bene, al ricordo di qualche funzionario. In alcuni casi, poi, non esiste neppure la collezione completa delle riviste pubblicate dalla Giunta, dal Consiglio e dai vari assessorati F. ZENI, La comunicazione istituzionale. Alcune esperienze nella regione Trentino Alto Adige, in AREAN G. (a cura), La comunicazione di interesse generale, cit., pagg In Calabria, per esempio, c è solo qualche numero sporadico delle riviste prodotte: «Calabria» (Mensile del Consiglio Regionale), «La Regione» (Mensile della Giunta), «Agricoltura Calabria» (Assessorato all Agricoltura), «Turismo Calabria» (Assessorato al Turismo), «Calabria Emigrazione» (Assessorato all Emigrazione). 64

18 Inoltre, sarebbe difficile riuscire ad individuare l attività di comunicazione attraverso l esame dei bilanci, in quanto queste voci sono disseminate per ogni dove, non essendoci un capitolo unitario di spesa neanche per i singoli assessorati. Infine, è difficile compiere un censimento sulla produzione del settore nel contesto regionale, in quanto oltre all Ente Regione esistono centinaia di altre istituzioni pubbliche che comunque avrebbero il dovere di comunicare e di informare. Il complesso di questi elementi è ulteriormente indicativo della scarsa considerazione nella quale è stata finora considerata la comunicazione pubblica nel nostro Paese. Ma tutto ciò ha, com è noto, aspetti storici e culturali. Spiega Paolo Mancini che il ritardo riscontrato in Italia «ha radici lontane e molto complesse. La cultura del segre t o, opposta alla cultura della trasparenza, è un dato storico che risale alla stessa formazione dello stato italiano, alla debolezza e contraddittorietà dei soggetti che l hanno promosso, alle tra - versie che la nostra democrazia ha attraversato, alla diffusione di un forte «familismo amorale» come lo definì Banfield» 9 8. Un altro caso indicativo, ma per motivi esattamente opposti, è quello della Regione Emilia Romagna, che si è nel tempo dotata di una legislazione piuttosto avanzata. Infatti, anche recentemente ha approvato un provvedimento significativo che è la Legge n. 63, approvata dal Consiglio regionale il 21 novembre 1996 e che ha per titolo «Disciplina del comitato regionale per i servizi radiotelevisivi. Istituzione del - l osservatorio regionale sul sistema comunicativo». Infatti, in questo provvedimento vi sono due articoli di sicuro interesse. Il primo (art. 10) riguarda l istituzione dell osservatorio permanente sul sistema comunicativo regionale, che funziona presso la Presidenza del Consiglio regionale e che ha un compito conoscitivo del sistema dell informazione e della comunicazione. 98 P. MANCINI, Manuale di comunicazione pubblica, cit., pagg La definizione di Banfield è contenuta nel discusso Una comunità nel mezzogiorno, Il Mulino, Bologna, 1961 (l edizione americana è del 1958). 65

19 In particolare, l osservatorio si interessa: dell informazione locale; della produzione multimediale orientata alla comunicazione pubblica; del mercato del ramo; dell innovazione e delle tecnologie collegate alla comunicazione ed all informazione. Il successivo articolo attiene alla «Comunicazione di pubblica utilità del Consiglio regionale». Nella norma si prevede l individuazione di programmi che determinino obiettivi, tipologie di comunicazione, destinatari e strumenti. Inoltre comprende pure le convenzioni con le emittenti locali ed il servizio pubblico radiotelevisivo. Quello dell Emilia Romagna è un altro tentativo per dare contenuti normativi ed operativi alla comunicazione pubblica in una regione che, come si è visto, è particolarmente attenta a questi temi 99. Sarebbe ora assai interessante verificare i risultati di questa azione, come anche della proposta di legge della Regione Lombardia, descritta nel paragrafo precedente. 6.5 Un esempio recente: la Calabria In una lunga inchiesta di qualche anno fa, apparsa appunto su una rivista istituzionale 100, veniva evidenziata l immagine negativa che la regione aveva nel resto d Italia e del mondo. In effetti, la Calabria «portava e porta il marchio di regione meno dotata di senso civico, con la sua struttura sociale feudale, frammentaria, alienata e isolata» 101, a cui si aggiungono, solo per citare i più clamorosi, fenomeni sociali particolarmente devastanti quali i sequestri di persona, gli 99 L Emilia Romagna è stata la prima regione ad interessarsi di comunicazione pubblica con la legge 20 ottobre 1992, n. 39, avente per oggetto: «Norme per l attività di comunicazione della regione e per il soste - gno del sistema dell informazione operante in Emilia Romagna». Il testo si trova nel Bollettino Ufficiale dell Emilia Romagna n. 113 del e consta di 15 articoli. 100 Si tratta del mensile del Consiglio Regionale, «Calabria», dicembre 1991, pagg R.D. PUTNAM, La tradizione civica nelle regioni italiane, Mondadori, Milano, 1993, pag

20 omicidi efferati che hanno fatto il giro del mondo, l inefficienza prevalente dei pubblici servizi. Eppure, nella regione esistono risorse notevoli: dal turismo ai beni culturali, dalle strutture universitarie alle iniziative imprenditoriali. La comunicazione pubblica regionale su cui intendiamo soffermarci, e che potrebbe rappresentare nel suo genere un caso esemplare, è la promozione dei beni ambientali, turistici e culturali calabresi condotta dall assessorato regionale al turismo nel , e che può considerarsi, a tutti gli effetti, come si vedrà, non una semplice campagna di propaganda. Infatti, anche presentando notevoli punti di contatto con la comunicazione aziendale, essa costituisce una vera e propria azione di comunicazione pubblica i n t e g r a t a Tanto per cominciare, attraverso mirate scelte strategiche, si sono individuate alcune iniziative che hanno fatto si che la regione riscontrasse, nella stagione turistica appena conclusa, un incremento di presenze del 30% in più rispetto all anno precedente: caso unico nel settore contrassegnato al contrario in Italia da un netto regresso. L unica condizione mutata rispetto agli anni precedenti è stata appunto la significativa azione di promozione dell immagine predisposta dalla regione ed è appunto esclusi- 102 M. CALIGIURI, Un attenta politica dell immagine rende allo svi - luppo della Calabria, in Pitagora, n.4, 1996, pagg «In realtà, non dovrebbe neppure essere necessario qualificare la comunicazione con il termine «integrata». L integrazione delle varie attività di comunicazione di un impresa dovrebbe essere sottintesa. Qualsiasi azio - ne di comunicazione, infatti, se non possiede il requisito dell integrazione con le altre azioni e, più in generale, con la generale politica di comunica - zione dell impresa, rischia, quantomeno, di risultare scarsamente efficace ed efficiente. Non raramente, l assenza di integrazione comporta l insorgere di effetti negativi, mentre un comportamento dettato da adeguati livelli di integrazione tende ad arricchire i risultati ottenibili innescando sinergie di effetti sui vari pubblici di riferimento. Da un certo punto di vista, quindi, non si dovrebbe parlare di comunicazione integrata come di un concetto diverso di quello di comunicazione, perché quest ultima, per essere consi - derata tale, deve essere integrata». R. FIOCCA, Comunicazione integrata, in R. FIOCCA (a cura), La comunicazione integrata nelle aziende, EGEA, Milano, 1994, pag

1992-93, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l informazione e l editoria, Roma, 1994.

1992-93, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l informazione e l editoria, Roma, 1994. BIBLIOGRAFIA AA.VV., Professionisti della cultura. Formazione, strategie e sbocchi dei laureati in Lettere e Filosofia, Franco Angeli, Milano, 1987. AA.VV., Digesto, UTET, Torino, 1992. AA.VV., Cultura,

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

LA PRESENZA SUL TERRITORIO L attività di formazione della Scuola viene svolta prevalentemente a livello territoriale.

LA PRESENZA SUL TERRITORIO L attività di formazione della Scuola viene svolta prevalentemente a livello territoriale. schede descrittive delle scuole e degli organismi formativi per la pa allegato i 1 0. s c u o l a s u p e r i o r e d e l l a p u B B l i c a a m m i n i s t r a Z i o n e l o c a l e La Scuola Superiore

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita)

IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita) IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita) L indagine L indagine sul pubblico dell arte contemporanea, condotta dal Centro Studi e Ricerche dell Associazione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia Al 30 giugno 2015, i progetti finanziati dagli strumenti programmatici delle

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

QUANTO COSTA STUDIARE IN ITALIA?

QUANTO COSTA STUDIARE IN ITALIA? CARTELLA STAMPA Presentata a Roma un indagine promossa dal Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario su La valutazione del costo degli studi universitari in Italia QUANTO COSTA STUDIARE

Dettagli

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale

INTEGRAZIONE. Tante diversità. Uguali diritti. Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Tante diversità. Uguali diritti INTEGRAZIONE Interventi a favore degli alunni stranieri e per l educazione interculturale MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO

LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO 1. Compiti vecchi e nuovi del Consulente del Lavoro Il Consulente del Lavoro appartiene ad una professione ordinistica attualmente regolamentata dalla

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 CRITERI DI ESPOSIZIONE DEI DATI L analisi che segue espone i dati dello spettacolo relativi alle manifestazioni avvenute nel primo semestre 2006 rilevati

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio.

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio. COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani prosegue il suo percorso: sono 179.439 i giovani che si sono registrati, 41.989 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 26.668 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Quote albo 2012 5.236.825,00

Quote albo 2012 5.236.825,00 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO PREVENTIVO 2012 ENTRATE CORRENTI Quote albo 2012 5.236.825,00 La previsione per il 2012 è calcolata sui dati forniti dagli Ordini regionali e sull importo dovuto per le quote

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA E BISOGNO DI SALUTE. 10-11 MARZO 2016 presso la Camera di commercio di Cremona

CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA E BISOGNO DI SALUTE. 10-11 MARZO 2016 presso la Camera di commercio di Cremona CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA E BISOGNO DI SALUTE 10-11 MARZO 2016 presso la Camera di commercio di Cremona L ORGANIZZAZIONE DEGLI ACQUISTI NEL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (testo licenziato dal

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 1. PREMESSA La legge regionale n. 22/2002, recependo la normativa nazionale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

7. IL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

7. IL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE Il sistema italiano delle comunicazioni - Il Registro degli operatori di comunicazione 7. IL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE L Autorità ha approvato il 31 maggio 2001, con delibera n. 236/01/CONS,

Dettagli

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI PROGETTO: DONNA E IMPRESA: CAPITANE CORAGGIOSE DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI The future liesin the handsofwomen thathavethe couragetodream Kerry Kennedy, Firenze Giugno 2013 al Convegno di Microsoft

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna

L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna Cagliari, 18 novembre 2014 Annalisa Giachi Promo PA Fondazione 1 I temi di oggi 1. Il quadro complessivo della spesa pubblica in Sardegna nel

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Relazione illustrativa al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Roma, 30 aprile 2014 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL PIANO DI RIMODULAZIONE ESTIVA DEGLI UFFICI POSTALI ANNO 2014 Il piano

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE OMISSIONI CONTRIBUTIVE. inadempienze, procedure concorsuali e fallimenti

RELAZIONE SEMESTRALE OMISSIONI CONTRIBUTIVE. inadempienze, procedure concorsuali e fallimenti OMISSIONI CONTRIBUTIVE inadempienze, procedure concorsuali e fallimenti RELAZIONE SEMESTRALE Parte I GESTIONE E PRASSI OPERATIVE 1 La norma Statutaria sull omissione 2 Tipi di mora e calcolo delle stesse

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41%

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41% COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani entra nel vivo: sono 110.333 i giovani che si sono registrati, 10.241 sono stati già chiamati dai servizi per il lavoro per il primo colloquio e profilazione; 2.743 le

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione -------------------- ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 La politica regionale nazionale del FAS

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 1. Premessa: a) la Commissione Salute delle Regioni e Province Autonome ha approvato il

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica Osservazioni sul documento base Problematiche relative alla partecipazione alle gare di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006 delle Università e degli Istituti similari Audizione presso l Autorità

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

L OSPITALITA E INTERNET

L OSPITALITA E INTERNET L OSPITALITA E INTERNET UNO STRUMENTO (DI PROMOCOMMERCIALIZZAZIONE) MA NON LA SOLUZIONE (DEI PROBLEMI) 1 INDICE Premessa 3 1. Aumenta l interesse e l attenzione 5 2. La parola agli albergatori 8 IL TEAM

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

Lab 1 Turismo incontri con gli specialisti

Lab 1 Turismo incontri con gli specialisti Lab 1 Turismo incontri con gli specialisti Carlo Marcetti 63 Anni, Olbia. Economista Impuro. Tutto ha un costo. Un peso specifico. Un influenza. Che il sistema da osservare sia l individuo, il suo microcosmo,

Dettagli

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Cos è l Art Bonus Ai sensi dell'art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83 e s.m.i., è stato introdotto un credito d'imposta

Dettagli

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR A. LEPORE, V. UBALDI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale La conoscenza delle problematiche relative all inquinamento indoor,

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Roma e Lazio, dati e tendenze - La dotazione culturale e l offerta Il territorio del Lazio, con all interno

Dettagli

EDILIO crea opportunità di business

EDILIO crea opportunità di business EDILIO crea opportunità di business LUOGO D INCONTRO TRA PROFESSIONISTI E AZIENDE Listino Pubblicità 2014 EDILIO: testata giornalistica, network, community. Uno strumento per la tua azienda Edilio.it è

Dettagli

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. L ipotesi contemplata nello schema di decreto per il federalismo fiscale

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350 Camera dei Deputati 81 Senato della Repubblica Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 040) Migliaia 0 0 10 0 20 300 30 Piemonte 0,0 Valle

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

92 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2011, n. 1075

92 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2011, n. 1075 92 14.12.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DELIBERAZIONE 5 dicembre 2011, n. 1075 Strategia nazionale per la biodiversità. Approvazione e sottoscrizione del protocollo di intesa

Dettagli