L ENERGY MANAGER NEL MERCATO DEL GAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENERGY MANAGER NEL MERCATO DEL GAS"

Transcript

1 L ENERGY MANAGER NEL MERCATO DEL GAS Napoli, 12 novembre 2012 Ing. Francesca A. Sabatini 1

2 AGENDA Contesto normativo Filiera gas Mercato Libero e Tutelato La bolletta. Cosa si paga e come si legge 2

3 CONTESTO NORMATIVO 3

4 PREMESSA Il mercato energetico europeo negli ultimi anni è stato oggetto di una profonda rivoluzione, da parte della normativa comunitaria, principalmente mirata ad una progressiva liberalizzazione e privatizzazione dell energia elettrica e del gas naturale. L input per la liberalizzazione del mercato del gas naturale avviene a livello comunitario con la direttiva 98/30/CE, che è stata recepita dai vari Stati membri attraverso la normativa nazionale, la quale ha modificato radicalmente i mercati nazionali. In Italia il recepimento della direttiva comunitaria è avvenuto con il d.lgs. 164/2000 (Decreto Letta) e si è passati da un regime monopolista di fatto, verticalmente integrato lungo tutta la filiera produttiva, ad un mercato concorrenziale con più operatori, che devono confrontarsi con gli altri operatori nazionali degli altri Stati membri. 4

5 CONTESTO NORMATIVO Numerosi passi sono stati compiuti da quando ha avuto inizio il processo di liberalizzazione con il Decreto Letta. La Direttiva 2009/73/CE, relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale abroga la direttiva 2003/55/CE. Con tale direttiva gli Stati membri possono imporre alle imprese che operano nel settore del gas obblighi relativi al servizio pubblico concernenti, tra l altro, la qualità e il prezzo delle forniture (articolo 3, comma 2) tutela di prezzo assicurare in particolare ai clienti vulnerabili un'adeguata protezione, comprendente misure idonee a permettere loro di evitare l'interruzione delle forniture (articolo 3, comma 3) garanzia della fornitura 5

6 CONTESTO NORMATIVO Il cammino verso una maggior concorrenzialità del mercato ha trovato, anche recentemente, nuovo impulso. In particolare con: 1. Con il D.Lgs. 93/11 lo scorso 1 giugno 2011 è stato recepito nel nostro ordinamentoil Terzo Pacchetto Energia, inclusivodella Direttiva 2009/73/CE e del Regolamento 2009/715/CE. 2. il Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n.130 (c.d. Decreto stoccaggi ); 3. l avvio del bilanciamento di merito economico. 6

7 LA FILIERA DEL GAS 7

8 LA STRUTTURA DEL MERCATO Per filiera del gas si intende l intero ciclo produttivo che va dalla produzione, o approvvigionamento dall estero, sino alla distribuzione finale che consente ai consumatori di usufruire con continuità del rifornimento di gas presso le proprie abitazioni ed industrie. L industria del gas in Italia è organizzata in tre grandi fasi: 1. Approvvigionamento del gas; 2. Trasporto (comprendente le attività di stoccaggio e dispacciamento, di trasporto e di distribuzione); 3. Commercializzazione gas naturale. 8

9 9 IMPORTAZIONE PRODUZIONE Commercializzazione LA STRUTTURA DEL MERCATO VENDITA AI CLIENTI FINALI STOCCAGGIO TRASPORTO DISTRIBUZIONE Approvigionamento Infrastrutture

10 LA TARIFFA GAS CCI QS QTI QD QVD QOA F Componente commercializza zione all ingrosso Approvigionamento IMPORTAZIONE PRODUZIONE Component e stoccaggio STOCCAGGIO Componente trasporto Infrastrutture TRASPORTO Componente distribuzione DISTRIBUZIONE Componente a remunerazione attività di vendita Commercializzazione VENDITA AI CLIENTI FINALI Componente oneri aggiuntivi Fiscalità 10

11 APPROVVIGIONAMENTO DEL GAS Produzione: è l estrazione del gas dal sottosuolo; è un attività libera e il principale operatore è Eni Spa (90,04%). Importazione: è l immissione di gas prodotto all estero (Algeria, Russia, Olanda, Nordafrica) nel mercato italiano. Si tratta di un attività libera (autorizzazione del MAP per i paesi extra europei). I principali importatori sono: gruppo Eni (64,1%); gruppo Enel (14,6%); gruppo Edison (9,5%). 11

12 PRODUZIONE DI GAS NATURALE IN ITALIA 2011 M (m 3 ) 12

13 IMPORTAZIONE DI GAS NATURALE IN ITALIA

14 APPROVVIGIONAMENTO DEL GAS L'approvvigionamento del gas è principalmente legato all'importazione che viene svolta stipulando contratti con società estere proprietarie dei giacimenti, società che spesso sono rappresentanti degli stessi stati produttori. Il gas di provenienza estera entra nella rete nazionale attraverso quattro punti, utilizzando strutture dedicate (appositamente costruite a seguito della stipula di un contratto di importazione); in particolare metanodotti da Russia, Olanda ed Algeria ed un terminale di ricezione del GNL ubicato a Panigaglia (La Spezia). 14

15 APPROVVIGIONAMENTO DEL GAS 15

16 STOCCAGGIO E DISPACCIAMENTO Per stoccaggio si intende il deposito delle eccedenze di gas rispetto ai consumi in depositi naturali, che in Italia sono costituiti da giacimenti esausti; è la gestione di gas per compensare le variazioni giornaliere o stagionali dei consumi o garantire la fornitura in caso di crisi del sistema o riduzione degli approvvigionamenti. E' un attività regolata (concessione del MAP) e il principale operatore è Stogit SpA (gruppo Eni), 96,6%. La tariffa viene fissata dall'autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Per dispacciamento si intende l'attività con cui viene assicurato l'equilibrio costante ed in tempo reale fra domanda ed offerta, ed è strettamente funzionale al suo trasporto, viene svolta con funzioni di telecontrollo che agiscono sulla pressione in entrata del gas dai giacimenti naturali o dagli stoccaggi, operando anche sui flussi del gas in determinati tratti della rete.. 16

17 Una volta importato o rigassificato, il gas viene immesso nella Rete di Trasporto nei punti di entrata per essere movimentato fino alle reti di distribuzione locale, ai punti di riconsegna della Rete Regionale o a grandi clienti finali che possono essere centrali termoelettriche o impianti di produzione industriale. 17

18 TRASPORTO La fase di trasporto comprende l'attività di veicolazione di gas, che viene effettuata con gasdotti o trasporto con navi di gas naturale che viene liquefatto e mantenuto liquido a bassa temperatura (GNL). La rete di trasporto si suddivide in "primaria" (o dorsale), relativa la trasporto di gasdirettamente dai luoghi di produzione od importazione, e "secondaria" comprendente l'insieme delle condotte (adduttori secondari) che collegano la rete primaria e raggiungono i centri di consumo. La rete primaria italiana di metanodotti ha una lunghezza di circa km ed è presente in maniera estesa su tutto il territorio nazionale ad esclusione della Sardegna. 18

19 DISTRIBUZIONE Distribuzione: è il trasporto del gas attraverso reti di gasdotti locali fino agli impianti dei clienti finali. E' un attività regolata (concessione dell ente locale). I principali operatori sono circa 560 imprese di distribuzione fra cui Italgas SpA (gruppo Eni) e Enel Gas Distribuzione (gruppo Enel). 19

20 RETE NAZIONALE DEI GASDOTTI

21 AMBITI TARIFFARI Articolo 36 parte II regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione (RTDG) L ambito tariffario è l area geografica dove trovano applicazione le medesime tariffe per il servizio di distribuzione e misura. Sono identificati i seguenti ambiti tariffari: 1) Ambito nord occidentale, comprendente le regioni Valle d Aosta, Piemonte e Liguria 2) Ambito nord orientale, comprendente le regioni: Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli - Venezia Giulia, Emilia Romagna 3) Ambito centrale, comprendente le regioni Toscana, Umbria e Marche 4) Ambito centro-sud orientale, comprendente le regioni Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata 5) Ambito centro-sud occidentale, comprendente le regioni Lazio e Campania 6) Ambito meridionale, comprendente le regioni Calabria e Sicilia. 21

22 PUNTI DI ENTRATA E USCITA DELLA RETE NAZIONALE ANNO

23 VENDITA Vendita: è l'attività di vendita ai clienti finali del gas acquistato da grossisti o importato. Si tratta di un attività libera; principali operatori sono circa 380 imprese. Il prezzo è libero, l Autorità definisce però condizioni economiche di riferimento. 23

24 24 MERCATO LIBERO E TUTELATO

25 MERCATO LIBERO Dal 1 gennaio 2003, con l'attuazione di quanto stabilito dal D.lgs 164/2000, Decreto Letta, si è finalmente aperto il libero mercato del gas naturale, creando libera concorrenza a completo vantaggio del Cliente. Il Cliente può infatti valutare qual è il fornitore di gas naturale che risponde meglio alle proprie esigenze in termini di convenienza ed affidabilità. Ogni Cliente, oggi, ha la grande opportunità di cambiare il proprio fornitore, senza dover apportare alcuna modifica agli impianti in essere e senza sostenere alcun costo di passaggio. 25

26 REGIMI DI TUTELA Ai sensi della normativa vigente sono dichiarati vulnerabili tutti i clienti domestici tutti i clienti civili e non civili con consumi inferiori a m3/anno 26

27 MERCATO FINALE PER SETTORE DI CONSUMO 2011 M (m 3 ) 27

28 TASSI DI SWITCHING CLINETI FINALI

29 TASSI DI SWITCHING CLIENTI FINALI 2011 L Indagine della Aeeg (Relazione Annuale 2012) ha evidenziato che la percentuale di clienti che nel 2011 hanno cambiato fornitore di gas è stata complessivamente pari al 5,3%, ovvero al 29,9% se valutata in termini di volumi di gas consumati dai clienti che hanno effettuato il cambio. I consumatori domestici, che tradizionalmente mostra un elevata prudenza a spostarsi sul mercato libero, nel 2011 ha espresso una maggiore reattività alle offerte di cambio rispetto agli anni precedenti: la percentuale che ha scelto un nuovo fornitore è salita infatti al 5,2% ancora in crescita rispetto al 4,4% del 2010, l 1,8% del 2009 e l 1,1% del In termini di volumi le percentuali sono leggermente più elevate e pari, rispettivamente, al 5,7% nel 2011, al 4,8% nel 2010, al 2,4% nel 2009 e all 1,3% nel

30 TASSI DI SWITCHING CLIENTI FINALI 2011 Una maggiore dinamicità caratterizza i condomini con uso domestico e gli altri usi. Nel 2011i condomini che hanno cambiato fornitore sono stati il 5,9% del totale (il 9,2% in termini di consumi), mentre gli altri usi che si sono spostati sul mercato libero sono stati complessivamente il 6,3% del totale in termini di clienti e il 38% in termini di volumi. Com è ovvio le percentuali di switch aumentano al crescere della classe dimensionale dei clienti. Ciò in quanto all ampliarsi dei volumi di consumo, si innalza la spesa per l acquisto di gas e, di conseguenza, crescono sia l interesse verso la possibilità di risparmiare, che è generalmente la prima motivazione del cambio di fornitore, sia la conoscenza del settore e la capacità del cliente finale di compiere scelte consapevoli. 30

31 31 LA BOLLETTA COSA SI PAGA E COME SI LEGGE

32 COME SI LEGGE LA BOLLETTA ARG/com202/09: definisce la struttura delle bollette e le informazioni da riportare a partire dal 1 gennaio La delibera prevede 3 macro-aree: Quadro di sintesi dove troviamo i dati anagrafici del cliente, il periodo di riferimento della fattura, il riepilogo dei corrispettivi, e la lettura dei consumi. Quadro di dettaglio contenente il dettaglio dei diversi importi che vanno a comporre il totale della bolletta Ulteriori informazioni, contiene tutte le informazioni relative alla modalità di pagamento e alla sospensione della fornitura oltre a comunicazioni utili per il cliente periodicamente definite dall Autorità. 32

33 COME LEGGERE UNA FATTURA In una fattura è importante individuare: 1. Se il cliente è sul mercato libero o tutelato 2. I dati di fornitura 3. PCS e Coefficiente C 4. Periodo di fornitura 5. Il riepilogo degli importi 6. I dati di consumo 13/11/ Direzione Operativa CEnPI - 33

34 LA BOLLETTA - QUADRO DI SINTESI

35 PDR o Punto Di Riconsegna REMI o Codice Punto di Riconsegna Tipologia d uso Coefficiente di conversione C E il codice numerico di 14 cifre che identifica in maniera univoca il punto di fornitura gas E il codice identificativo assegnato da Snam alla cabina di Regolazione e Misura. Essa consente il controllo dei volumi e delle portate tra il metanodotto Snam e la rete di distribuzione E il tipo di utilizzo a cui viene destinato il gas distinguendo, per i clienti domestici tra: riscaldamento; acqua calda sanitaria/cottura cibi abitazione. converte il consumo misurato dal contatore, espresso in mc, nell'unità di misura utilizzata per la fatturazione, cioè gli Standard metri cubi (Smc). Ad esempio, la stessa quantità di gas occupa un volume diverso a seconda che venga consegnato in una località di mare o di montagna. Per fare in modo che tutti i clienti paghino lo stesso importo a parità di energia consumata è necessario effettuare questa conversione: ad esempio, se il consumo misurato dal contatore è pari a 110 mc ed il valore del coefficiente C è 1,024438, allora i metri cubi standard fatturati saranno: 110 x 1,024438= 112,68818 Smc.

36 Gli Standard Metri Cubo Il potere calorifico superiore Lo Standard metro cubo esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di temperatura (15 C ) e pressione (1.013,25 millibar, cioè la pressione atmosferica).il contatore misura il gas in metri cubi (mc), ma nella bolletta i consumi di gas sono fatturati in Smc. Gli Smc si ottengono moltiplicando i mc per un coefficiente di conversione (C), definito dall AEEG per ogni località secondo precisi criteri. Indica l'energia fornita al cliente attraverso un metro cubo standard di gas; converte il consumo di gas, espresso in metri cubi, in consumo di energia (grandezza rilevante per il cliente finale). Viene utilizzato in particolare per convertire eventuali importi espressi in /Smc in /GJ e viceversa. Aliquota IVA applicata Per gli usi civili (quindi anche per i clienti domestici) è pari al 10% per i primi 480 mc consumati e del 21% su tutti gli altri consumi e sulle quote fisse; per gli usi industriali è del 21% (salvo agevolazioni richieste dal cliente in base alla normativa vigente). 36

37 VOCI DELLA BOLLETTA Con la bolletta del gas, famiglie e piccoli consumatori, pagano sostanzialmente per tre voci di spesa: 1. i servizi di vendita, cioè il prezzo del gas consumato; 2. i servizi di rete per il trasporto, lo stoccaggio, la distribuzione e la gestione del contatore; 3. le imposte. L'Autorità per l Energia Elettrica e Gas ha stabilito che queste voci e la relativa spesa siano indicate con chiarezza nel quadro di riepilogo, alla prima pagina della bolletta. 37

38 LA BOLLETTA QUADRO DEL DETTAGLIO La voce servizi di vendita comprende i costi sostenuti dal venditore per l acquisto e la vendita del gas al cliente. Prevedono una quota fissa (indipendente dai consumi) e una quota energia (da pagare in relazione alla quantità di energia consumata). La voce servizi di rete comprende i costi sostenuti dal venditore per il trasporto del gas sulle reti di trasmissione e distribuzione fino al contatore del cliente. In particolare comprendono gli importi dovuti per i servizi di trasporto, stoccaggio, distribuzione e misura. Sono suddivisi in una quota fissa ed una quota variabile v v 38

39 39 1.SERVIZI DI VENDITA

40 SERVIZI DI VENDITA. I servizi di vendita sono composti da tre diverse voci di spesa: componente energia commercializzazione all'ingrosso vendita al dettaglio La componente energia è il costo dell'acquisto della gas e corrisponde a circa il 40% del totale della bolletta. La commercializzazione all'ingrosso e la vendita al dettaglio, corrisponde a circa l'8% del totale della bolletta del gas. Serve per coprire i costi sostenuti dai fornitori per l'attività di vendita all'ingrosso e al dettaglio, come ad esempio la gestione commerciale, i servizi al cliente, ecc... 40

41 SERVIZI DI VENDITA (2) Sono la principale voce di spesa nella bolletta del gas (corrispondono a circa il 50% del totale) e comprendono tutte le attività svolte dal fornitore per l'acquisto e la commercializzazione della materia prima gas naturale. Si pagano, per una piccola parte, in quota fissa, indipendentemente da quanto consumiamo e, per la maggior parte, in quota variabile secondo i nostri effettivi consumi di gas. Per i clienti che hanno cambiato fornitore, passando al mercato libero, i costi del servizio di vendita sono stabiliti nel contratto di fornitura. Per tutti i clienti rimasti nel servizio di tutela, vengono invece definiti e aggiornati ogni 3 mesi dall'autorità per l'energia con un metodo studiato per garantire il più possibile ai clienti finali una ragionevole stabilità e attenuare l'effetto dei picchi di prezzo degli idrocarburi. 41

42 CCI Componente commercializza zione all ingrosso Approvigionamento IMPORTAZIONE PRODUZIONE LA TARIFFA GAS QS QTI QD QVD QOA F Component e stoccaggio STOCCAGGIO Componente trasporto Infrastrutture TRASPORTO Componente distribuzione DISTRIBUZIONE Componente a remunerazione attività di vendita Commercializzazione VENDITA AI CLIENTI FINALI Componente oneri aggiuntivi Fiscalità 42

43 LA STRUTTURA DEL PREZZO CCI QS QTI QD QVD QOA Componente di commercializzazione all ingrosso ; Corrispettivo di stoccaggio (definito da AEEG e unico a livello nazionale) Corrispettivo per il servizio di trasporto (definito da Snam Rete Gas per ambito tariffario) Corrispettivo per il servizio di distribuzione ( quanto addebitato al Fornitore dal distributore locale) composto da una parte fissa e una variabile. Corrispettivo vendita al dettaglio (definito dall AEEG per ambito tariffario) composto da una parte fissa e una parte variabile. Corrispettivo a copertura degli oneri aggiuntivi, sul mercato libero può non essere applicata. F Fiscalità ( definita dalla Stato e variabile in base all utilizzo).

44 LA BOLLETTA QUADRO DEL DETTAGLIO QVD fix Totale servizi di Vendita QOA QVD var CCI QD fix Totale servizi di Rete QS QTI QD var F 44

45 CCI QS QTI QD QV D QO A F COMPONENTE COMMERCIALIZZAZIONE ALL INGROSSO CCI E' la componente che copre i costi relativi all'acquisto della "materia prima" gas che rappresentano circa il 50% della bolletta ed è soggetta a sconti sul mercato libero. E sensibilmente influenzata dalle quotazioni internazionali degli idrocarburi alle quali è legato il suo aggiornamento trimestrale da parte dell AEEG. Questa componente è costituita dalla somma di due elementi: QCI, a copertura degli oneri di commercializzazione del gas all'ingrosso e QEt, a copertura dei costi di approvvigionamento del gas. CCIt =QCI + QEt 45

46 CCI QS QTI QD QVD QOA F Componente commercializzazione all ingrosso CCI Tabella I trimestre 2012 Delibera ARG/gas 202/11 46

47 CCI QS QTI QD QVD QOA F COMPONENTE RELATIVA AGLI ONERI AGGIUNTIVI QOA La componente relativa agli oneri aggiuntivi(qoa) è costituita dalla somma dei seguenti elementi: CVi per la contribuzione al contenimento dei consumi gas; Cconr per la compensazione degli oneri non recuperabili sostenuti dalle imprese a seguito dell'eliminazione della soglia di invarianza a gennaio 2009; CFgui la compensazione degli oneri derivanti dall'attività svolta dai fornitori grossisti di ultima istanza nell'inverno ; CVfg pari al corrispettivo unitario variabile per la copertura deglioneri del fattore di garanzia per il servizio di rigassificazione; Cvos pari al corrispettivo unitario variabile per la copertura degli oneri derivanti dall applicazione del fattore di garanzia dei ricavi per il servizio di stoccaggio e degli oneri sostenuti dal Gestore dei Servizi Energetici per l erogazione delle misure. La Delibera ARG/gas 202/11 in vigore dal 01/01/2012 azzera tutte le componenti tranne la Cvos.Questa componente è pari a circa lo 0,5% della bolletta gas. 47

48 CCI QS QTI QD QVD QOA F Componente relativa agli oneri aggiuntivi QOA 48

49 CCI QS QTI QD QVD QO A F COMPONENTE REMUNERAZIONE ATTIVITÀ DI VENDITA QVD Copre i costi relativi alla vendita al dettaglio,come ad esempio la gestione commerciale, i servizi al cliente etc. La QVD rappresenta circa il 2,0 % della bolletta ed è costituita da: una quota fissa per ogni fornitura di 36,82 /anno/pdr, una quota variabile legata ai consumi del cliente finale di 0,0048 /smc. 49

50 50 2. SERVIZI DI RETE

51 SERVIZI DI RETE I servizi di rete rappresentano in media il 17 % della spesa totale lorda della bolletta e sono pagati non con un prezzo (come per l'energia) ma in base a tariffe stabilite dall'autorità per tutti i clienti sia del mercato libero che nel servizio di tutela. Sono riferiti a tutte quelle attività svolte dai fornitori per consegnare il gas ai clienti, trasportandolo nei gasdotti nazionali e nelle reti di distribuzione locale fino alle abitazioni. Comprendono anche l'attività di stoccaggio -ovvero i depositi in cui il gas viene 'conservato'- e la gestione del contatore domestico. Queste attività necessitano di infrastrutture che sono 'uniche' e non possono essere replicate ma devono essere utilizzate da tutti i fornitori per servire tutti i consumatori. Quindi, a differenza dei servizi di vendita dove per effetto della liberalizzazione gli operatori sono in concorrenza fra loro, nei servizi di rete non c'è concorrenza e tutti pagano una tariffa fissata sulla base di con criteri uniformi su tutto il territorio nazionale. Le tariffe vengono aggiornate annualmente per tener conto dell'inflazione, degli investimenti realizzati e degli obiettivi di recupero di efficienza fissati dall'autorità. 51

52 SERVIZI DI RETE La tariffa è obbligatoriamente applicata dal distributore al venditore; sul libero mercato, di norma il venditore ribalta sul cliente finale la tariffa senza modifiche ma può anche applicare un prezzo/tariffa diverso, ad esempio nelle offerte a forfait. La differenza fra servizi di vendita e servizi di rete è molto importante. Infatti, è solo sui servizi di vendita che si gioca la concorrenza e si può eventualmente risparmiare passando al mercato libero, dopo aver scelto fra le diverse offerte commerciali (sconti, prezzi bloccati etc etc) dei fornitori in concorrenza fra loro. I servizi di rete si pagano in una quota variabile legata ai consumi e in una quota fissa sempre uguale e comprendono due diverse voci di spesa: il trasporto e lo stoccaggio e la distribuzione locale - 52

53 SERVIZI DI RETE Il trasporto e lo stoccaggio, incidono per circa il 5% sul totale della bolletta del gas. Questi costi servono per coprire i servizi di trasporto e per i 'depositi' sotterranei dove il gas viene conservato e poi prelevato per soddisfare le richieste del mercato nei diversi momenti o per fare fronte a eventuali emergenze; La distribuzione locale, pesa il 12% circa sul totale della bolletta e serve per coprire i costi del trasporto del gas sulle reti locali fino al contatore ma anche per alcuni oneri relativi a iniziative di risparmio energetico, di miglioramento della qualità del servizio e per il contenimento della spesa dei clienti con bassi consumi. Vi sono poi gli oneri aggiuntivi, una percentuale molto piccola della bolletta, che servono per coprire costi riferiti, ad esempio, al contenimento dei consumi di gas, alle garanzie per il servizio di rigassificazione e allo sviluppo degli stoccaggi 53

54 CCI QS QTI QD QV D COMPONENTE STOCCAGGIO QS Copre i costi di stoccaggio, cioè i costi per il servizio di "immagazzinamento" del gas, conservato in depositi sotterranei da dove viene poi prelevato per soddisfare le richieste del mercato nei diversi momenti o per far fronte a eventuali emergenze. Il livello è fissato dall Autorità entro l 1 aprile di ogni anno sulla base delle tariffe di stoccaggio definite dell Autorità. rimane fisso per il periodo 1 aprile N 31 marzo N+1. La quota di stoccaggio è uguale in tutto il territorio italiano e il suo valore attuale è di 0, euro/gj. Rappresenta circa l 2% della bolletta. QO A F 54

55 CCI QS QTi QD QV D QO A F COMPONENTE TRASPORTO QTI Copre i costi per il servizi di trasporto e cioè per l'utilizzo dei gasdotti della rete nazionale. E calcolata sulla base dei corrispettivi tariffari di trasporto nei punti di entrata e uscita della rete dei gasdotti nazionali e rappresenta circa il 6% della bolletta gas. E' costituita dalla somma di due elementi: QTF a copertura dei costi delle reti di trasporto e QTV a copertura dei costi sostenuti per assicurare la movimentazione del gas e per compensare le perdite di rete e gli sbilanciamenti tra il gas immesso nelle reti e quello prelevato. Il livello è fissato all inizio di ciascun anno termico sulla base della formula definita dall AEEG ed è pubblicato per ogni ambito. 55

56 CCI QS QTI QD QV D QO A F COMPONENTE TRASPORTO QTI L ambito tariffario è l area geografica dove trovano applicazione le tariffe per il servizio di distribuzione e misura. 56

57 CCI QS QTI QD QV D QO A F COMPONENTE DISTRIBUZIONE QD Copre i costi per il servizio di distribuzione del gas naturale al cliente finale, nonché il servizio di misura, che consiste nelle funzioni di istallazione e manutenzione dei contatori, oltre che di rilevazione, registrazione dei dati di misura e interventi di natura commerciale. Rappresenta circa il 20 % della bolletta gas ed è composta da: Quota Variabile: funzione della quantità di gas consumata, e differenziate per 8 scaglioni di consumo; Quota Fissa: definita per ciascun ambito tariffario che è l'area geografica dove trovano applicazione le medesime tariffe per il servizio di distribuzione e misura. 57

58 58 3. IMPOSTE

59 IMPOSTE Le imposte rappresentano in media il 35% sul totale della bolletta del gas e comprendono: l'imposta sul consumo (accisa) l'addizionale regionale l'imposta sul valore aggiunto (IVA) 59

60 IMPOSTE L'accisa per gli usi civili, e quindi per quelli domestici, incide per un 17% sul totale della bolletta. E' diversificata per le due macro zone Centro nord e Centro sud e varia in relazione a 4 scaglioni di consumo; per gli usi industriali ha un'unica aliquota per i consumi fino a 200mila Smc; L'addizionale regionale pesa per un 2% circa sul totale della bolletta ed è decisa in modo autonomo da ciascuna regione nei limiti fissati dalla legge. Sia l'accisa nazionale che l'addizionale regionale si pagano in relazione alla quantità di energia consumata. L'IVA è applicata sulla somma di tutte le voci della bolletta (costo dei servizi di vendita+costo dei servizi di rete+accise); per gli usi civili è del 10% per i primi 480mc consumati, del 21% su tutti gli altri consumi e sulle quote fisse; per gli usi industriali generalmente è del 21%. Questa voce incide per circa il 15% sul totale della spesa. 60

61 CCI QS QTI QD QVD QOA F FISCALITÀ E MODALITÀ DI APPLICAZIONE F Le forme di tassazione sul gas metano sono: ACCISE: imposta erariale di consumo (unica a livello nazionale), ADDIZIONALE REGIONALE: è determinata autonomamente da ogni Regione I.V.A.: imposta valore aggiunto Note: le tasse variano in base alle diverse modalità di utilizzo del gas metano da parte dei clienti. NB. consigliare il cliente di rivolgere quesiti sulla corretta applicazione delle accise / IVA formalmente e direttamente all'ufficio delle Dogane competente per territorio, in quanto unica autorità deputata ad esprimere un parere certo. 61

62 CCI QS QTI QD QV D QO A F ACCISE AGEVOLATE I soggetti aventi diritto sono: 1.Produttori di energia elettrica (indipendente dal soggetto titolare della fornitura es. impianto di cogenerazione) 2.Imprese industriali ed artigiani con produzione di beni e servizi 3.Imprese agricole (società semplici e cooperative) 4.Imprese alberghiere (Agriturismo compresi) 5.Attività ricettive per assistenza di disabili, orfani, anziani e indigenti 6.Esercizi di ristorazioni (Agriturismo compresi) 7.Impianti sportivi adibiti ad attività dilettantistiche e gestiti senza fini di lucro 8.Distribuzione commerciale 9.Autotrazione 62

63 CCI QS QTI QD QV D QO A F ESENZIONE ACCISA I soggetti che sono esentati dal pagamento delle accise sono: 1.Sedi diplomatiche e consolari, 2.Organizzazioni internazionali, 3.Forze armate Nazionali (anche Basi Nato o comandi USA). 63

64 CCI QS QTI QD QV D QO A F FISCALITÀ IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) Applicata con aliquota differenziata in base alla tipologia d uso 10% Cottura alimenti; imprese manifatturiere ed estrattive comprese imprese poligrafiche, editoriali e simili imprese agricole e imprese che impiegano il gas per la produzione di energia elettrica. 21 % Altri usi Sospensione d imposta (esenzione IVA) Esportatori abituali Stati aderenti alla NATO Organizzazioni internazionali Vaticano 64

65 CCI QS QTI QD QV D QO A F IVA -AGEVOLAZIONI IVA al 10% - Ha diritto alle agevolazioni sull Iva il gas metano utilizzato dalle imprese operanti nei seguenti settori: 1. Industrie estrattive di minerali metalliferi e non metalliferi; 2. Industrie agricole; 3. Industrie manifatturiere; 4. Alimentari, del legno, metallurgiche, meccaniche dei minerali non metalliferi, chimiche, della carta, delle pelli e del cuoio, tessile, dell arredamento, della gomma e delle materie plastiche; 5. Industrie poligrafiche, editoriali e affini. 65

66 GRAZIE PER L ATTENZIONE 66

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas Mauro Antonetti Corso per Energy Manager ANEA Napoli 16 Novembre 2012 Struttura

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA Hanno diritto alle condizioni economiche di tutela per

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA Nel servizio di maggior tutela le tariffe di riferimento sono definite

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM

CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM Hanno diritto alle condizioni economiche di tutela per il settore del gas naturale le seguenti tipologie di punti

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE ENERGY SUPPLIER Codice contratto CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE P 2945 PROCESS CYAN OFFERTA PREZZO FISSO GAS WEB ENERGY SUPPLIER Per la somministrazione del gas naturale ai sensi del Contratto,

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

Cenni sul libero mercato del gas

Cenni sul libero mercato del gas Cenni sul libero mercato del gas Fino a pochi anni fa il servizio gas non era discutibile né negoziabile, grazie alla liberalizzazione del mercato del gas, avvenuta nel 2003, tutti i clienti finali possono

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente fìttale, al punto dì prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente fìttale, al punto dì prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente fìttale, al punto dì prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero E' il mercato in cui le condizioni economiche e contrattuali dì fornitura

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili

Dettagli

Guida alla lettura della bolletta del gas.

Guida alla lettura della bolletta del gas. L'AEEG (Autorità per l'energia elettrica e il gas), con deliberazione ARG/com 202/09, ha predisposto le nuove modalità di armonizzazione e trasparenza per i documenti di fatturazione del consumo di gas

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012 IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA VICENZA 29 MARZO 2012 La filiera del mercato del gas naturale Approvvigionamento Sistema infrastrutturale Vendita Produzione nazionale Importazione GNL

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica Informativa in base Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (Attuazione della direttiva 96/92/CE norme per il mercato

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

Elettricità. milioni di euro alimentata in bassa tensione (BT).

Elettricità. milioni di euro alimentata in bassa tensione (BT). GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili

Dettagli

Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Pag. 1 di 8 Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE 4 Le bollette dei vettori energetici appaiono generalmente quasi un documento oscuro, quasi cripticocriptate. Vengono In esse si trovanoinnumerevoliriportate

Dettagli

Bolletta per la fornitura di Gas Naturale

Bolletta per la fornitura di Gas Naturale HERA COMM MARCHE s.r.l. Via Sasso, 120-61029 Urbino (PU) Reg. Imprese 02106730415 C.F. / P. Iva 02106730415 Cap. Soc. 1.977.332 int. versato Società soggetta alla direzione e al coordinamento di Hera Comm

Dettagli

eni spa divisione gas & power

eni spa divisione gas & power Mancato recapito: Casella Postale 2289 Napoli 50 Corso Meridionale, 54 80143 NAPOLI Sede legale in Roma Capitale Sociale Euro 4.005.358.876,00 i.v. Piazzale Enrico Mattei 1 Registro Imprese di Roma, 00144

Dettagli

eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche

eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche eni3 è il primo pacchetto integrato gas, luce e carburanti di eni per chi vuole gestire le spese per la casa e avere ulteriori vantaggi per l auto blocchi

Dettagli

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE Prof. Massimo Beccarello Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Strategie, Studi e Documentazione 22 dicembre 2004 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

IL COSTO DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE PAGATO DALLE IMPRESE TOSCANE

IL COSTO DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE PAGATO DALLE IMPRESE TOSCANE IL COSTO DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE PAGATO DALLE IMPRESE TOSCANE ANNO 2011 A cura di Settembre 2011 Nell ottica di promuovere la trasparenza e favorire un migliore funzionamento dei mercati, l Unioncamere

Dettagli

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA ENERGIA VITALE IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA Nelsa Gas srl Sede legale: via Fratelli Induno, 2 20154 Milano Sede amministrativa: via Varesina, 118 22075 Lurate Caccivio (Co) +39 031 393241 nelsagas@pec.netclean.it

Dettagli

2. Nella sezione Contatti trovi tutti i riferimenti per comunicare con noi, per ricevere informazioni e assistenza relative alle sue forniture. 4. In quest area trovi il totale da pagare, la data di scadenza

Dettagli

COME LEGGERE LE BOLLETTE DOMESTICHE. 13 maggio 2014

COME LEGGERE LE BOLLETTE DOMESTICHE. 13 maggio 2014 COME LEGGERE LE BOLLETTE DOMESTICHE 13 maggio 2014 LA BOLLETTA ELETTRICA LA BOLLETTA ELETTRICA Fonte: AEEG 15 maggio 2014 www.ape.ud.it 2 LA BOLLETTA ELETTRICA Fonte: AEEG 15 maggio 2014 www.ape.ud.it

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - IV trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

Merceologia delle Risorse Naturali

Merceologia delle Risorse Naturali GAS NATURALE-ORIGINI Il gas naturale è un combustibile fossile di origine organica, costituito in massima parte da metano (CH4). Il gas naturale si trova nel sottosuolo, normalmente negli stessi giacimenti

Dettagli

prezzo vendita + dispacciamento + trasporto + oneri + imposte vendita (approvvigionamento energia)

prezzo vendita + dispacciamento + trasporto + oneri + imposte vendita (approvvigionamento energia) Leggere le bollette appunti di energy management Elettricità Le bollette dei vettori energetici sembrano quasi un documento oscuro. In esse si trovano riportate tante voci da cui risulta davvero difficile

Dettagli

Olimpia Energia e Gas S.p.A.

Olimpia Energia e Gas S.p.A. Olimpia Energia e Gas S.p.A. Sede operativa: Via O. Guerrini, 20-00137 Roma Sede legale: Via della Commenda, 20 20122 Milano Sede commerciale: Via XXV Aprile, 5 20016 Pero MI P. Iva e CF 02745010542 T

Dettagli

www.eni.it Scopri l offerta

www.eni.it Scopri l offerta www.eni.it Scopri l offerta 1 Le caratteristiche dell offerta DUAL 10 2 Confronto con le condizioni economiche AEEG 3 La promozione 1.000 punti You&Agip 4 Il concorso Vinci 20.000 punti You&Agip 5 Come

Dettagli

CONTRATTI SERVIZIO ENERGIA NUOVO METODO AEEG MODALITA DI APPLICAZIONE DEGLI INDICI REVISIONALI

CONTRATTI SERVIZIO ENERGIA NUOVO METODO AEEG MODALITA DI APPLICAZIONE DEGLI INDICI REVISIONALI CONTRATTI SERVIZIO ENERGIA NUOVO METODO AEEG MODALITA DI APPLICAZIONE DEGLI INDICI REVISIONALI Per Contratto Servizio Energia si intende l atto contrattuale che disciplina l erogazione dei beni e servizi

Dettagli

Leggere la bolletta dell energia elettrica

Leggere la bolletta dell energia elettrica Leggere la bolletta dell energia elettrica Premessa Leggere ed interpretare correttamente la bolletta dell'energia elettrica può risultare un impresa ardua per i non addetti ai lavori. Ciò è assolutamente

Dettagli

info utili Servizio Clienti: Numero Verde 800 900.700 Attivo tutti i giorni 24 ore su 24 gratuito anche da cellulare 28,74 28,74 0,00

info utili Servizio Clienti: Numero Verde 800 900.700 Attivo tutti i giorni 24 ore su 24 gratuito anche da cellulare 28,74 28,74 0,00 Mancato recapito: Casella Postale 2289 Napoli 50 Corso Meridionale, 54 80143 NAPOLI Rif. Fattura: M136173206 emessa il 13/02/2013 (ex.art. 21D.P.R. N.633/72 IVA e art. 1 D.M. 370 24/10/2000) Intestatario

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE

SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE Corrispettivi previsti dall offerta PREZZO FISSO - DOMESTICO di Argos energia Srl alla data del 01/04/2014 valida fino alla data

Dettagli

Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento

Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento Egidio Fedele Dell Oste Direzione Tariffe Milano - Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 La filiera del gas Approvvigionamento

Dettagli

La bolletta del gas. Ravenna 03 ottobre 2012. Dott. Christian Alpi

La bolletta del gas. Ravenna 03 ottobre 2012. Dott. Christian Alpi La bolletta del gas Ravenna 03 ottobre 2012 Dott. Christian Alpi 2 LA BOLLETTA frontespizio 3 LA BOLLETTA dati tecnici e contrattuali 4 LA BOLLETTA Dettaglio importi 5 Vendita gas Mercato Libero Le componenti

Dettagli

DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE

DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE TITOLO I Definizioni e ambito di applicazione Articolo

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

-GUIDA ALLA LETTURA-

-GUIDA ALLA LETTURA- -GUIDA ALLA LETTURA- Questa piccola guida si propone di aiutare il consumatore nella lettura della bolletta così da consentire una facile comprensione delle voci e dei contenuti che compongono l importo

Dettagli

Glossario. Elettricità QUADRO SINTETICO

Glossario. Elettricità QUADRO SINTETICO Glossario Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

Energia elettrica e Gas: il mercato è libero

Energia elettrica e Gas: il mercato è libero Energia elettrica e Gas: il mercato è libero Il mercato libero dell energia in Italia parte dai decreti legislativi che hanno introdotto il concetto di vendita dell energia: Bersani per l elettricità,

Dettagli

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità

Dettagli

La bolletta elettrica nel mercato libero

La bolletta elettrica nel mercato libero Federico Luiso La bolletta elettrica nel mercato libero Indicazioni utili per la comprensione di una bolletta per la fornitura dell energia elettrica Milano, 12 febbraio 2015 Indice Le voci della bolletta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

Che cos è l energia elettrica

Che cos è l energia elettrica Mercato Elettrico Che cos è l energia elettrica Un flusso ordinato di elettroni Un prodotto fisico generato da qualsiasi fonte naturale (es. fulmine) o artificiale (es. dinamo) È UN BENE NON IMMAGAZZINABILE

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

IL CONSORZIO NAZIONALE INNOVA ENERGIA: OPPORTUNITÀ NEL MERCATO LIBERO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS METANO

IL CONSORZIO NAZIONALE INNOVA ENERGIA: OPPORTUNITÀ NEL MERCATO LIBERO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS METANO IL CONSORZIO NAZIONALE INNOVA ENERGIA: OPPORTUNITÀ NEL MERCATO LIBERO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS METANO Ferrara, 31 marzo 2015 Dott.ssa Elisa Pivato IL CONSORZIO INNOVA ENERGIA Il Consorzio Nazionale

Dettagli

GRUPPO CPL CONCORDIA Soc. Coop

GRUPPO CPL CONCORDIA Soc. Coop GRUPPO CPL CONCORDIA Soc. Coop Chi è CPL Concordia» Cooperativa di Produzione Lavoro» Intero mondo dell energia» Il Gruppo è composto da 22 Società» Sedi in Italia, Grecia, Croazia, Romania, Algeria, Argentina,

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Centralizzazione dell energia elettrica,reti elettriche e tariffe elettriche

Dettagli

GRUPPO IREN: CHI SIAMO?

GRUPPO IREN: CHI SIAMO? GRUPPO IREN: CHI SIAMO? IREN è nata il 1 luglio 2010 dalla fusione tra IRIDE, la Società che nel 2006 aveva riunito AEM Torino ed AMGA Genova, ed ENÌA, l Azienda nata nel 2005 dall unione tra AGAC Reggio

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il servizio di distribuzione e la vendita al dettaglio di energia elettrica: regolazione e concorrenza. Parte 5. Bari Ottobre 2011 Clara Poletti

Il servizio di distribuzione e la vendita al dettaglio di energia elettrica: regolazione e concorrenza. Parte 5. Bari Ottobre 2011 Clara Poletti Il servizio di distribuzione e la vendita al dettaglio di energia elettrica: regolazione e concorrenza Parte 5 Bari Ottobre 2011 Clara Poletti IEFE - UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI 1) Introduzione

Dettagli

Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society

Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society CONSUNTIVO DEI CONSUMI DI GAS NATURALE PER SETTORI DI DOMANDA NEL 2001 settore produz.ne

Dettagli

Versione modificata con deliberazioni ARG/gas 69/09, 209/09, 42/10 e 43/10

Versione modificata con deliberazioni ARG/gas 69/09, 209/09, 42/10 e 43/10 TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Versione modificata con deliberazioni ARG/gas 69/09, 209/09,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA

MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Università di Pavia 6 giugno 2006 CSE SRL VIA RIVIERA, 39 27100 PAVIA TEL. 0382 528850 FAX 0382 528851 e.mail cse@cseit.it www. cseit.it VIALE

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO IN MERITO AGLI OBBLIGHI DI SEPARAZIONE CONTABILE (UNBUNDLING CONTABILE) PER LE IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

2013 0000 0000000001025647 107,00

2013 0000 0000000001025647 107,00 VIVIGAS S.p.A. Via Vittorio Emanuele II, 4/28 25030 Roncadelle (BS) Reg. Imprese di Brescia,C. Fiscale e P.IVA 13149000153 R.E.A. di Brescia n. 439186 Capitale Sociale 9.533.414,00 i.v. Soggetta ad attività

Dettagli

Per saperne di più sull offerta eni: Energia Elettrica.

Per saperne di più sull offerta eni: Energia Elettrica. Per saperne di più sull offerta eni: Energia Elettrica. Cosa si intende per DUAL 10+10? Per la somministrazione di energia elettrica sono fatturati al Cliente i Corrispettivi Energia e i Corrispettivi

Dettagli

FAQ del Progetto Energia: diritti a viva voce

FAQ del Progetto Energia: diritti a viva voce FAQ del Progetto Energia: diritti a viva voce D. Quali sono le imprese che possono vendere l elettricità nel mercato libero? R. L elettricità nel mercato libero NON può essere venduta né dalla società

Dettagli

A cosa serve questa collana

A cosa serve questa collana leggere la bolletta A cosa serve questa collana In seguito alle liberalizzazioni introdotte dall Unione europea, abbiamo acquisito il diritto di scegliere liberamente il fornitore di gas, dal 2003, e quello

Dettagli

Il nuovo mercato dell energia

Il nuovo mercato dell energia A cosa serve questa collana In seguito alle liberalizzazioni introdotte dall Unione europea, noi consumatori abbiamo acquisito il diritto di scegliere liberamente il fornitore di gas, dal 2003, e quello

Dettagli

Fornitura del GPL e altri gas a mezzo di reti locali (o cittadine)

Fornitura del GPL e altri gas a mezzo di reti locali (o cittadine) Camera dei Deputati 129 Senato della Repubblica Fornitura del GPL e altri gas a mezzo di reti locali (o cittadine) L indagine annuale sui settori dell energia elettrica e del gas svolta dall Autorità quest

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing.

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing. IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Ing. Claudio DI MACCO LA FILIERA DEL GAS NATURALE Importazione/produzione nazionale Rigassificazione

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) in vigore dall 1 ottobre 2012 Versione modificata con deliberazioni

Dettagli

TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003

TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003 TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003 La Tariffe di Trasporto e Dispacciamento è stata calcolata secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l Energia

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 marzo 2013. Versione modificata con deliberazioni nn. 565/2012/R/EEL, 583/2012/R/EEL, 456/2013/R/EEL e 508/2013/R/EEL

Allegato A. Valido dall 1 marzo 2013. Versione modificata con deliberazioni nn. 565/2012/R/EEL, 583/2012/R/EEL, 456/2013/R/EEL e 508/2013/R/EEL TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

GAS METANO USO DOMESTICO INDIVIDUALE * - Stima della spesa annua ( ) escluse IVA e imposte II trimestre 2011

GAS METANO USO DOMESTICO INDIVIDUALE * - Stima della spesa annua ( ) escluse IVA e imposte II trimestre 2011 GAS METANO USO DOMESTICO INDIVIDUALE * - Stima della spesa annua ( ) escluse IVA e imposte II trimestre 2011 * Gas per riscaldamento, produzione acqua calda e cottura cibi CONSUMO ANNUO (mc) FORNITORI

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS RILEVANTI AI FINI DELLA

Dettagli

La rete cambia verso? Dal GPL/Metano alle colonnine elettriche, nuova energia per I distributori di benzina

La rete cambia verso? Dal GPL/Metano alle colonnine elettriche, nuova energia per I distributori di benzina La rete cambia verso? Dal GPL/Metano alle colonnine elettriche, nuova energia per I distributori di benzina La rete nazionale di distribuzione del metano per autotrazione di domani: vincoli strutturali

Dettagli

Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A.

Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. Allegato A Capitolato Tecnico Fornitura di gas naturale sui punti di riconsegna situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. 1 1. OGGETTO. 1.1. Il presente Capitolato

Dettagli

Liberalizzazione, accise, diritti doganali

Liberalizzazione, accise, diritti doganali Liberalizzazione, accise, diritti doganali Roma, 2 luglio 2002 L attività di trasporto del gas nel nuovo mercato liberalizzato Francesco Carìa Responsabile Operazioni Commerciali Snam Rete Gas S.p.A. Agenda

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Riscaldamento - La classificazione energetica degli edifici marzo 2013

Osservatorio SosTariffe.it Riscaldamento - La classificazione energetica degli edifici marzo 2013 Osservatorio SosTariffe.it Riscaldamento - La classificazione energetica degli edifici marzo 2013 Analisi sul costo per riscaldare abitazioni con diverse classi energetiche nelle quattro principali aree

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Mercato libero OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 ottobre 2015 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB small Codice: ATFDWS/15 Destinatari offerta La presente offerta è riservata

Dettagli

IL MERCATO DELL ENERGIA. Corso di Progettazione dei sistemi energetici

IL MERCATO DELL ENERGIA. Corso di Progettazione dei sistemi energetici IL MERCATO DELL ENERGIA Corso di Progettazione dei sistemi energetici Argomenti della lezione: Attualità politico-economica del problema Energia Il mercato unico europeo dell energia: riferimenti normativi

Dettagli

PROTOCOLLO R.e.p.i.e.

PROTOCOLLO R.e.p.i.e. PROTOCOLLO R.e.p.i.e. L innovazione per rilanciare il comparto dell edilizia WWW.R.E.P.I.E.IT 1. PARTE GENERALE 2. OPERATORI ECONOMICI 3. AFFIDAMENTO LAVORI 4. OPERATORI FINANZIARI 5. FORNITORI TECNOLOGIA

Dettagli

La bolletta elettrica e le sue insidie Pietro Barbucci

La bolletta elettrica e le sue insidie Pietro Barbucci La bolletta elettrica e le sue insidie Pietro Barbucci Seminari Energia Ecologia Economia 2015 Centro S. Michele degli Scalzi Pisa 23 Ottobre 2015 Indice La struttura della bolletta I servizi di vendita

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

Minimizzazione delle distorsioni della concorrenza

Minimizzazione delle distorsioni della concorrenza DCO 5/09 TESTO INTEGRATO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO DEL GAS NATURALE: MECCANISMI DI TUTELA DEI CLIENTI FINALI E CRITERI PER IL CALCOLO E L AGGIORNAMENTO DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA

Dettagli