I compiti di queste strutture e dei loro operatori specializzati,.nel processo civile minorile, vqnno,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I compiti di queste strutture e dei loro operatori specializzati,.nel processo civile minorile, vqnno,"

Transcript

1 TRIBUNALE PER I MINORENNI DI TRIESTE Videoconferenze di formazione per i Servizi Socio-Sanitari Quando, quattro anni fa, sono stato onorato del compito di presiedere il Tribunale per i Minorenni di Trieste, non ho tardato a rendermi conto che, se volevo garantire all'utenza minorile del territorio una uniformità di trattamento da parte degli svariati servizi socio-sanitari che, longa manus del Tribunale, si occupavano di loro, dovevo arrendermi alla necessità di sobbarcarmi un compito di coordinamento, da gestire attraverso una info/formazione unitaria di tutto quel personale. Conscio della gravosità del compito (peraltro non strettamente ricompreso nelle funzioni presidenziali), nondimeno ho ritenuto che rientrasse tra i miei doveri operativi, dato che puntare all'uniformità delle prassi, awebbe giovato alla qualità e al forte contenimento della tempistica dei procedimenti civili in tutte le fasi dipendenti da quelle prassi: segnalazioni, attività istruttorie, attuazione dei prowedimenti. E così, dopo un faticoso primo tentativo attuato attraverso il metodo della mia fisica peregrinazione per i quattro canti della Regione, ho pensato di realizzare un sistema molto più efficiente, incostoso e agile. Lo spiego nel dettaglio qui sotto, attraverso le parole al ternpo úllizzate per convincere "lo sponsor" (l'amministrazione della Regione Friuli venezia Giulia), che ha capito e mi ha fomito una postazione audio/video (al costo di una tv lcd), I'ha cablata al circuito chiuso della rete regionale di videoconfererua collegandomi alle numerose altre postazioni già esistenti (ve ne sono di simili in tutte le Regioni). Risultato: da due anni, una volta al mese, mi collego a tutto il personale socio-sanitario individuato in base alle ternatiche calendarizzate, che converge presso le varie postazioni. Praticamente nessuno viaggia e non si perde tempo. In calce il calendario, che dà contezza dei temi trattati. Benefici ottenuti: uniformità di informazioni giuridiche (che fomisco personalmente); conformità delle prassi operative alle norme; maggior rapidità di tutte le fasi dei procedimenti; autoaffinamento continuo mediante scambi "in diretta" fra tutti; sensibile deflazione del carico giurisdizionale. Ecco quanto scrissi per convincere I'Amministrazione regionale: "Videoconferenza al Tribunale per i minorenni del Friuli Venezia Giulia Il senso e I'utilità Nella sua attività civilistica, comprendente gli ffidamenti familiari, le adozioni nazionali e internazionali, la sottrazione internazionale di minorenni e tutti i prowedimenti sulle potestà genitoriali nei casi di incuria, maltrattamenti e abusi, il tribunale per i minorenni è funzionalmente e per legge ffiancato dai servizi sociali territoriali (cioè dei Comuni) e dai servizi socio-sanitari delle 6 ASS della nostra Regione, che comprendono, ciascuna: i C.F. (consultorí familiari), i D.S.M.'(dípartimenti di salute mentale), i SER.T e i D.A. (Servizi Territoriali contro le alcool e tos sícodipendenze), gli S. N. P I (S ervízi dí neurops ichiatria infantile). I compiti di queste strutture e dei loro operatori specializzati,.nel processo civile minorile, vqnno, per legge, dalla segnalazione del caso giunto a loro conoscenza, all'attività istruttoria che il Tribunale minorile gli ffida, all'attuazione esecutiva dei prowedimenti decisori del Tribunale minorile stesso.

2 La predetta quantità di servizi socio-sanitarí distribuiti in tutto il territorio regíonale, dotati ciascuno del suo dirigente nonché delle proprie distinte prassi ed autonomie amministrative, rende terribilmente problematica la standardizzazione delle loro modalità operative afini dell'essenziale tempestività ed fficienza, qualitativa e quantítativa. Benché non sia espressamente rimesso da alcuna norma di legge o di regolamento al Tribunale per i minorenni, né ai suoi Giudici, né al suo Presídente, la funzione di coordinamento tra tutte le predette unità amminístrative esterne, questo presídente sente su di sé la responsabilítà morale, prima che processuale, di realizzare l'uniformità operativa che da sempre, in questa Regione, manca. Diversamente, contínueremo a mantenere la situazione che tutti imputano al Tribunale per i minorenni che da poco dirigo, cioè di essere lento e quindi tardivo, appiattíto in ogní caso sulle prassi dei servizi sociali, benché tra loro dffirmi e spesso non abbastanza fficienti; disparitario nelle decisioni, in dipendenza di queste diverse prassi. Critica impietosa, ma difatto, ritengo, sostanzialmente non lontana dal vero. Occupandomi da 25 anni di diritto, con la costante di quello anche minorile, so bene che la chiave per la soluzione del suddetto terribile problema non è quella dell'autorità. Tanto più che non v'è alcun rapporto di subordinazione reciproca tra il Tribunale per í minorenni e le predette Autorità amministrative. Il Tribunale minoríle è però quello che ha il compito di decidere ciascun singolo caso (con soprawenienze di un migliaio di casi civili nuovi ogni anno -altra ed ulteriore è poi la competenza penale del Tribunale minorenni-). Dunque la chiave solutoria sta unicamente nell'informare e formare i nostri interlocutori tecnici del sociale, sulle prassi funzionali al processo che i servizi sociali devono seguire, se vogliono conseguire í risultati pro-minore che accomunano i nostri intenti. Molti risultati positivi sulla via della predetta standardizzazione, chi vi scrive rítiene di aver già conseguito itinerando con la propría personale vettura (dato che I'Ufficio non ne ha avuta assegnata una per molti mesi, e solo da poco ha ricevuto quella di scarto del Tribunale ordinario di Trieste) su tutto il territorio regionale, dove, dal luglio 2009 (data del proprio insediamento) al marzo 2010 ha svolto 6 incontri di ínformazione-formazione, di quattro ore ciascuno, con tutto il personale dei predetti servizí socio-sanítari della Regione, dírigenziale e non. Vi hanno partecípato un totale di circa 500 persone, le quali hanno fornito un riscontro generalmente molto positivo, che sta cominciando a dare una ricaduta positiva su numerosi procedímenti, vecchi e nuovi, sia per tempi di trattazione, clte, personalmente ritengo, anclte per qualità di decisione. I difetti insuperabili del "sistema itinerante" sopra descritto, sono due: I) non sí realízza la necessaria compresenza di tutti gli ínterlocutori regionali (che giocoforza si son dovuti dividere nei detti 6, distinti, incontri). Compresenza indispensabile alla trattazione e discussione unitaria delle linee guida che lo scrivente deve spiegare, príma dí proporre, rispondendo a domande efornendo ogni chiarimento richiesto. 2) la sottrazione della forza lavoro dello scrivente, che, data I'esiguità e le regolari vacanze nell'organíco del Tribunale per i minorenní, egli mette in campo in prima persona: ogni volta che deve formare/informare i servizi, il presidente perde una giornata di lavoro processuale. Questo lavoro dí informazione-formazione tra lo scrivente e i gangli dei servizi socio-sanitari deve svolgersi con continuità perché è continuo il cambiamento delle leggi, della giurisprudenza e anclte delle persone, che nel tempo si awicendano, spesso senza trasmettersi saperi e competenze. Inoltre è un lavoro sempre perfettibile: ci si aggiusta stradafacendo. Il lavoro già compiuto a prezzo dí tempo e di chilometri ha piantato I'arbusto del rinnovamento, che gíà fruttifica, ma è solo col mezzo della videoconferenza che venanno superati i due suddetti limiti del "sistema itinerante".

3 Essa, darà la possibilità di incontri brevi, tematici, con interlocutori meno numerosi perchè selezionati secondo un criterio di omogeneità e compresenti per tutto I'ambito regionale. Poiché esiste già una serie di postazioni di videoconferenza, opportunamente dislocate, di proprietà di codesta Amministrazione regionale e cablate fra loro su rete chiusa e dedicata, basterebbe dotare il sottoscritto di una simile postazione, altrettanto cablata (costo presumibile forse inferiore a 3.000), per realizzare un sistema senza precedenti per praticità ed fficacia. Questo íl senso. Questa l'utilità. Chi ne sa qualcosa di realtà e di processo minorile lo capisce al volo. Gli altri no. Quel che è certo è che, se, sul píano dei risultati concreti, cioè processi più brevi e decisioni più soddisfacenti, crescerdnno gli effetti positivi che già albeggiano, I'utenza minorile ne trarrà apprezzabile beneficio. Da ultimo, anche l'immagine dí questa Regione e della magistratura tutta, nonché dei suoi stessi vertici regionali, non potranno che trarne vantaggio. Ritengo abbiamo tutti bisogno di una nuova legittimazione agli occhi dei cittadini, che discenda dal fare. E dalfare bene. Trieste, I7 giugno 2010 Il presidente del Tribunale per i minorenni del F.I/.G. dott. Paolo Sceusa" Questo è il calendario delle sessioni fin qui tenute, un secondo ciclo riprenderà a breve: VIDEO CONFERENZE ANNO ORARI TEMATICHE INVITATI 1) zo oucno 2011 La segnalazione fuori dai casi di abuso o di maltrattamento grave dei minori sanitari 2) 17 OTTOBRE ) r+ trtovembre l tzorcembre 2011 il ricorso nei procedimenti di potestà: soggetti legittimati L'istruttoria civile nei procedimenti di potestà il decreto conclusivo: la notifica e I'esecuzione nei casi di allontanamento. minore; del genitore del

4 5) 16 GENNATO ) zo reaararo 2012 ii decreto conclusivo: la notifica e I'esecuzione prescrizioni e presa in carico; illustrazione del decreto alle parti il decreto conclusivo: la notifica e loesecuzione l'affidamento per sostegno e controllo 7) 1e MARZO ) ro nnnt:zol2 9) r+ runcc'o 2012 La segnalazione nei casi di abuso o di maltrattamento grave dei minori Il ricorso e I'istruttoria civile per la dichiarazione di adottabilità Lo studio sociale nel procedimento per I'idoneità all'ad. int e a seguito della domanda per adozione nazionale (22 e29 bis LA) Consultori familiari Consultori familiari ANNO ORARI TEMATICHE INVITATI 10) re crucno tt SETTEMBRE 2012 Visite Presenziate - finalità istruttorie - finalità ripristinanti il grande minore di condotta irregolare art. 25 e SS. R.D.1404i ts orrobre Dati sensibili e tutela "privacy" -Segreto professionale - Informazioni al TM 13) rs NovEMBRE 2012 E quíp e s multidisciplinari - ricognizione dello status quo

5 141tt DTCEMBRE 2012 Il collocamento del minore in comunità; previsione della durata; oneri finanziari. comunità; 15) r1marzo2013 Io feedback di verifìca e confronto su tematiche vdcf 1), 2\,3) sanítari e 16) r s APRTLE 2013 flo feedback di verifica e confronto su tematiche vdcf 4), 5), 6) 17l- 20 MAGGTO 2013 IIIo feedback di verifica e confronto su tematiche vdcf 7), 8), 9) Naturalmente futte le sessioni sono state videoregistrate, per consentire la consultazione, il ripasso per chi c'eía,la partecipazione per gli assenti e la trasmissione dei saperi agli operatori venturi. Utilità finale: la partecipazione alle ultime tre sessione del personale dei servizi del Veneto orientale, in tempo per l'inclusione di quel territorio nella competenza di questo tribunale minorile. Il Presidente ( dott. Paolo Sceusa)

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI (ai sensi della L. 184/83 e modifiche L. 149/01) INDICE PRINCIPI ISPIRATORI Art. 1. OGGETTO Art. 2. TIPOLOGIA DI INTERVENTI

Dettagli

L affido condiviso: la potestà dei genitori e l esercizio della stessa secondo la nuova legge. Avv. A. Fissore

L affido condiviso: la potestà dei genitori e l esercizio della stessa secondo la nuova legge. Avv. A. Fissore Corso di formazione dell avvocato della famiglia e del minore. Lunedì 12 febbraio 2007 L affido condiviso: la potestà dei genitori e l esercizio della stessa secondo la nuova legge. Avv. A. Fissore Art.

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

Il quadro delle responsabilità civili

Il quadro delle responsabilità civili Firenze Istituto degli Innocenti 11 maggio 2012 Il quadro delle responsabilità civili Relatrice: Manuela Cecchi 1 IL QUADRO DELLE RESPONSABILITÀ CIVILI Secondo il Glossario del portale degli assisti sociali

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Regolamento Per L Affidamento Familiare Di Minori.

Regolamento Per L Affidamento Familiare Di Minori. ORIGINALE COMUNE DI SOMMA VESUVIANA Provincia di Napoli Regolamento Per L Affidamento Familiare Di Minori. Approvato dal coordinamento istituzionale dell Ufficio di Piano dei Comuni di Somma Vesuviana

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH

WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH &60±)RUPD]LRQHGHFHQWUDWDGHOGLVWUHWWRGL7UHQWR ³,OSURFHGLPHQWRPLQRULOHSHUO DIILGDPHQWRGHLILJOL WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH 7UHQWRRWWREUH'RWW/XFLDQR6SLQD ±3UHPHVVD La disciplina dell affidamento di figli

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI Premessa La Carta del Servizio Adozioni

Dettagli

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale.

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale. Assessorato Regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Politiche Sociali Casa Famiglia Rosetta Onlus Caltanissetta Necessità

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE PROGRAMMA DIDATTICO BIENNIO 2013-2014 Il corso è stato accreditato dal Consiglio Nazionale Forense, ai fini del riconoscimento

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

L ADOZIONE MITE: una iniziativa allarmante del Tribunale per i minorenni di bari, mai autorizzata dal Consiglio Superiore della Magistratura

L ADOZIONE MITE: una iniziativa allarmante del Tribunale per i minorenni di bari, mai autorizzata dal Consiglio Superiore della Magistratura Associazione Nazionale Famiglie Adottive e Affidatarie Ente Morale D.P.R. 19-3-1973 n. 462 Via Artisti 36 10124 Torino Tel. 011/8122327 Fax.011/8122595 Anfaa "1962-2006: da 44 anni dalla parte dei bambini"

Dettagli

L AVVOCATO DEL MINORE: NUOVA FIGURA, NUOVA PROFESSIONALITA? DUBBI INTERPRETATIVI E PRIME SOLUZIONI 1

L AVVOCATO DEL MINORE: NUOVA FIGURA, NUOVA PROFESSIONALITA? DUBBI INTERPRETATIVI E PRIME SOLUZIONI 1 L AVVOCATO DEL MINORE: NUOVA FIGURA, NUOVA PROFESSIONALITA? DUBBI INTERPRETATIVI E PRIME SOLUZIONI 1 Camera minorile di Milano 10 ottobre 2008 Il titolo the day after posto dagli organizzatori per presentare

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo Presidente avv. Maurizio Consoli e il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE

DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE COME AFFRONTARE L UDIENZA DI LAVORO Milano, 6 maggio 2013 Avv. Giorgio Scherini, partner Inquadramento e Principi Generali Il Diritto di Difesa e il Diritto al Giusto Processo

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

Copia deliberazione della Giunta Comunale

Copia deliberazione della Giunta Comunale C o m u n e d i M a r t i g n a n o P r o v i n c i a d i L e c c e ------------------------------------------ Copia deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 16/07/2014 Oggetto: Costituzione di un

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 475 del 21/10/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 475 del 21/10/2014 n. 79 del 24 Novembre 2014 Delibera della Giunta Regionale n. 475 del 21/10/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 12 - Direzione Generale politiche

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 25 luglio 2007 ha adottato la seguente deliberazione:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 25 luglio 2007 ha adottato la seguente deliberazione: 1 Conferimento degli uffici direttivi: risoluzione in tema di limite di età a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 245/07. (Deliberazione del 25 luglio 2007) Il Consiglio superiore della

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli

SCUOLA PER LA FORMAZIONE DELL AVVOCATO DELLA FAMIGLIA E DEL MINORE 2007. Programma

SCUOLA PER LA FORMAZIONE DELL AVVOCATO DELLA FAMIGLIA E DEL MINORE 2007. Programma SCUOLA PER LA FORMAZIONE DELL AVVOCATO DELLA FAMIGLIA E DEL MINORE 2007 Programma martedì 30 gennaio 2007 ore 14.30-16.30 1. Il diritto di famiglia alla luce delle recenti riforme: panorama delle leggi

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

INTERVENTI TERRITORIALI DI ORIENTAMENTO E PREVENZIONE

INTERVENTI TERRITORIALI DI ORIENTAMENTO E PREVENZIONE Area Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. INTERVENTI TERRITORIALI DI ORIENTAMENTO E PREVENZIONE Commissione provinciale Affidamento Familiare con coordinamento provinciale, partecipazione di associazioni

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO A Z I E N D A P E R L A S S I S T E N Z A S A N I T A R I A N. 1 T R I E S T I N A REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA TRIESTE Decreto n 28 del 29/01/2015 OGGETTO Adempimenti connessi alla Legge 6 novembre

Dettagli

Dott.ssa Rossella Salvati Sostituto Procuratore presso il Tribunale per i minorenni Venezia

Dott.ssa Rossella Salvati Sostituto Procuratore presso il Tribunale per i minorenni Venezia Padova, 18 dicembre 2010 Il ruolo del pubblico ministero per i minorenni: le iniziative giuridiche a tutela dei minori abusati e la necessità di un efficace coordinamento tra istituzioni. Dott.ssa Rossella

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE 1. LE FASI La liquidazione deve essere effettuata tenendo conto della attività prestata dal difensore in relazione a cinque fasi individuate dal legislatore (Studio, Introduttiva,Istruttoria,

Dettagli

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato-

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- SCHEDA FEDERAVO n 18 (ultimo aggiornamento gennaio 2010) SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- Obiettivo Fornire indicazioni operative in tema di sicurezza Premessa 1)

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

Seminari di diritto minorile e di famiglia I procedimenti che riguardano i minori

Seminari di diritto minorile e di famiglia I procedimenti che riguardano i minori CamMiNo - Camera Minorile Nazionale e Laboratorio di Diritto delle persone e dei mercati dell Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale " IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA SUPERIORE DELL'AVVOCATURA

Dettagli

Domande e risposte sulla professione Counsellor 06/03/2013

Domande e risposte sulla professione Counsellor 06/03/2013 1) Ora che la legge ha riconosciuto la professione di counsellor possiamo ancora essere accusati di esercizio abusivo della professione? Non è corretto dire che la legge ha riconosciuto la professione

Dettagli

INDICE NORMATIVA RILEVANTE IN MATERIA DI TUTELA DEI MINORI IN DIFFICOLTA E DELLE LORO FAMIGLIE NORMATIVA EUROPEA IN TEMA DI TUTELA DEI MINORI

INDICE NORMATIVA RILEVANTE IN MATERIA DI TUTELA DEI MINORI IN DIFFICOLTA E DELLE LORO FAMIGLIE NORMATIVA EUROPEA IN TEMA DI TUTELA DEI MINORI INDICE NORMATIVA RILEVANTE IN MATERIA DI TUTELA DEI MINORI IN DIFFICOLTA E DELLE LORO FAMIGLIE NORMATIVA EUROPEA IN TEMA DI TUTELA DEI MINORI Convenzione di Strasburgo del 1975 - Convenzione europea sullo

Dettagli

PREMESSA ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

PREMESSA ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE Allegato alla deliberazione di Assemblea Consortile n 10 del 29/11/2012 REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEI GENITORI AL PAGAMENTO DELLE RETTE DEI MINORI INSERITI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O IN PARTICOLARI

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

Premessa. Servizio programmazione interventi sociali testo esito dell incontro del tavolo tecnico del 15 dicembre 2009. 1

Premessa. Servizio programmazione interventi sociali testo esito dell incontro del tavolo tecnico del 15 dicembre 2009. 1 Protocollo regionale di intesa in materia di adozione internazionale tra Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Aziende per i Servizi sanitari, Enti autorizzati di cui all articolo 39 ter della legge

Dettagli

La conferenza di servizi - Massime giurisprudenziali. Consiglio di Stato

La conferenza di servizi - Massime giurisprudenziali. Consiglio di Stato La conferenza di servizi - Massime giurisprudenziali Consiglio di Stato CDS Sez. VI, sent. n. 239 del 25 gennaio 2010 Commissioni esaminatrici, di gare o di concorsi pubblici Mentre le commissioni esaminatrici,

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2012-2014 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

LA GIURISDIZIONALIZZAZIONE DEL PROCESSO MINORILE

LA GIURISDIZIONALIZZAZIONE DEL PROCESSO MINORILE Consiglio Superiore della Magistratura Ufficio referenti per la formazione decentrata dei magistrati del distretto di Milano Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D Aquino, Claudio Galoppi, Giuseppe

Dettagli

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) SEZIONE I: PRINCIPI GENERALI E DISCIPLINA COSTITUZIONALE 1. I rapporti personali tra coniugi a oltre trent anni dalla riforma del diritto di famiglia.....................................

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Modifiche al Regolamento recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione adottato dalla Consob e dalla Banca d Italia

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

Area tecnica P.O. Area Minori Sottoposti a Provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. Area Minori Territorio. Area Adulti Area Disabili Area Anziani

Area tecnica P.O. Area Minori Sottoposti a Provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. Area Minori Territorio. Area Adulti Area Disabili Area Anziani RAGAZZE A DISAGIO : PERCORSI D AIUTO Dott. Giovanni La Mantia Assistente Sociale Responsabile dell Area Minori Rapporti con la Magistratura XV Municipio di Roma Capitale Organizzazione dell Ufficio di

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Milano in collaborazione con la Regione Lombardia.

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Milano in collaborazione con la Regione Lombardia. - Il 5 novembre 1996 ha svolto, presso l Accademia Europea di Otzenhausen, una relazione sulla riforma italiana del diritto internazionale privato e processuale in materia di diritto di famiglia, nell

Dettagli

ALFRIDA TONIZZO Associazione nazionale famiglie adottanti e affidatarie

ALFRIDA TONIZZO Associazione nazionale famiglie adottanti e affidatarie ALFRIDA TONIZZO Associazione nazionale famiglie adottanti e affidatarie Come Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie abbiamo preparato una nota che riprendeva il contributo dato nel corso

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Il presente provvedimento costituisce una delle prime decisioni da parte di un tribunale per i minorenni sulle questioni economiche relativamente ai figli di genitori non coniugati dopo la nota ordinanza

Dettagli

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile 220 Alberto Figone 8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile Molto si è discusso sui rapporti tra Tribunale ordinario e minorile nell assunzione dei provvedimenti a vario modo incidenti sulla potestà,

Dettagli

Programma Corso di Alta Formazione in Psicologia Giuridica Minorile

Programma Corso di Alta Formazione in Psicologia Giuridica Minorile Sezione Distrettuale di Salerno Programma Corso di Alta Formazione in Psicologia Giuridica Minorile DESTINATARI Medici (pediatri,neuropsichiatri infantili,medici legali). Psicologi, sociologi, assistenti

Dettagli

Protocollo Operativo tutela minorile

Protocollo Operativo tutela minorile protocollo operativo 1 Protocollo Operativo tutela minorile Tra Tribunale per i Minorenni di L Aquila e Ordine Assistenti Sociali della Regione Abruzzo e Ambiti territoriali protocollo operativo 1 Protocollo

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. PREMESSA La legge 4 maggio 1983, n. 184, come modificata dalla legge 28 marzo 2001,

Dettagli

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 giugno 1998, ha adottato la seguente deliberazione:

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 giugno 1998, ha adottato la seguente deliberazione: Impiego dei componenti privati del Tribunale per i minorenni in attività istruttoria e nella redazione di provvedimenti collegiali (Risposta a quesito del 17 giugno 1998) Il Consiglio Superiore della Magistratura,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

ENTE PER LA ZONA INDUSTRIALE DI TRIESTE. S t a t u t o

ENTE PER LA ZONA INDUSTRIALE DI TRIESTE. S t a t u t o ENTE PER LA ZONA INDUSTRIALE DI TRIESTE S t a t u t o Adottato con deliberazioni del CdA n. 86 dd. 10.07.2003 e n. 97 dd. 24.07.2003 ed approvato con delibera della Giunta Regionale n. 2480 dd. 08.08.2003

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli