ONDE - Propagazione e caratteristiche -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ONDE - Propagazione e caratteristiche -"

Transcript

1 IX ciclo - F.I.M PORTFOLIO ONDE - Propagazione e caratteristiche - Specializzanda Manuela Manetta

2 Introduzione Il portfolio dedicato a Onde: propagazione e caratteristiche vuole essere un breve excursus sull evoluzione dell approccio didattico dello studente S.S.I.S. riguardo all argomento in questione. La stesura di esso offre, non solo l opportunità di approfondire un aspetto particolare della materia, ma obbliga, in un certo senso, ad una autocritica costruttiva. In questo lavoro ho, innanzitutto, analizzato gli approcci al moto ondulatorio di alcune fonti facilmente reperibili, evidenziandone i punti forti e i punti di debolezza, e realizzato un ritratto di quello che è oggi un docente tradizionale e come questi dovrebbe convogliare le sue attenzioni, non al polo sapere, ma all apprendimento dei suoi allievi. Ho tentato successivamente di tracciare un percorso didattico (così come suggerito dai corsi, dai laboratori S.S.I.S. e dall esperienza del tirocinio diretto e indiretto) sul moto ondulatorio, scegliendo di dedicarmi ad un particolare ambito di applicazione, l acustica, con lo scopo di seguire un iter quanto più coerente per non creare troppa confusione agli allievi e stimolare la loro curiosità. Tutti i problemi a cui, nel seguito, verrà fornita una risposta sono da intendere come quesiti a cui gli allievi stessi devono sforzarsi di trovare una soluzione e non mere conoscenze da trasmettere loro verbalmente: ogni esperienza va vissuta, toccata con mano, per meglio comprendere che la fisica non è un libro da studiare, ma ciò che accade continuamente attorno e dentro di noi. Le fonti tradizionali Il primo approccio di un testo per la scuola media superiore alle onde: Unità 13: Le onde meccaniche - Lezione 1 La propagazione delle onde I sistemi oscillanti e le onde Una mole, un pendolo, una lamina, una punta vibrante, sono sistemi oscillanti, interessanti perché permettono di generare delle onde, ovvero delle perturbazioni che si propagano trasportando energia ma non materia. Per esempio una punta che vibra nell acqua produce delle onde circolari che si propagano sulla superficie dell acqua. Se nell acqua è presente un tappo di sughero, questo si muove su e giù mantenendosi però sempre nello stesso punto della superficie del liquido, in pratica la perturbazione si muove sull acqua senza trasportare il galleggiante. Una lamina che vibra comprime gli strati d aria circostante col suo movimento. Uno strato d aria compresso comprime a sua volta quello successivo e questo ne comprime un altro ancora e così via, dando origine ad una perturbazione che si propaga nello spazio (onda spaziale). Anche con una molla si possono produrre onde che si propagano; in questo caso la propagazione avviene lungo una retta (onda lineare). I sistemi oscillanti sono quindi le sorgenti delle onde. Le caratteristiche di un onda periodica Le onde più semplici sono quelle sinusoidali, formate da creste e da ventri. Se facciamo riferimento alle onde sull acqua, le creste sono zone in cui il livello dell acqua è molto più alto rispetto alla superficie in quiete e i ventri sono zone in cui il livello è più basso. La distanza fra due creste (o due ventri) successive si chiama lunghezza d onda e si indica con la lettera lambda. Quando l onda si propaga nell acqua, i punti dei liquidi perturbati dall onda hanno un movimento periodico lungo la verticale. Si chiama ampiezza dell onda lo spostamento massimo di un punto dalla sua posizione di equilibrio.

3 Il periodo dell onda è l intervalo di tempo che intercorre fra il passaggio di due creste (o ventri) successive per lo stesso punto. Poiché in un mezzo omogeneo l onda si propaga con velocità costante, il periodo, che indicheremo con T, è l intervallo di tempo che l onda impiega a percorrere una distanza uguale alla lunghezza d onda, Per cui la velocità dell onda è v = " T. La frequenza dell onda, invece, indica quante volte un punto dell acqua oscilla in un secondo; si indica col simbolo f. Poiché la frequenza è il reciproco del periodo, possiamo anche scrivere v = "# f! Questa è l equazione fondamentale di un onda ed è valida per ogni tipo di onda. Esempio 1: se un onda compie un oscillazione completa in un decimo di secondo e in tale intervallo di tempo percorre una distanza di! 2,0 m, la velocità di propagazione è v = 2,0m = 20m/ sec 0,1sec Le onde meccaniche Un mezzo che si deforma quando è sottoposto ad uno sforzo, riassumendo poi la condizione iniziale quando la causa della deformazione! cessa, si dice mezzo elastico. Le onde che si propagano in un mezzo elastico si dicono onde meccaniche. Sia i corpi solidi, sia i fluidi sono più o meno mezzi elastici e consentono la propagazione delle onde meccaniche. Distinguiamo due tipi di onde meccaniche: le onde longitudinali e le onde trasversali. Le onde longitudinali sono quelle in cui le particelle del mezzo oscillano nella direzione di propagazione dell onda. Per esempio, se comprimiamo alcune spire di una molla vincolata ad un estremo e poi le lasciamo andare, provochiamo un impulso longitudinale che si propaga nella molla: ogni punto della molla interessato dall onda oscilla avanti e indietro. Il suono è una tipica perturbazione longitudinale prodotta in un mezzo elastico, per esempio l aria, da un corpo che vibra con una certa frequenza. Le onde trasversali sono quelle in cui le particelle del mezzo oscillano in direzione perpendicolare alla direzione in cui si propaga l onda. Un impulso applicato ad una molla in direzione perpendicolare si propaga in direzione orizzontale. [ ] Unità 13: Le onde meccaniche - Lezione 2 Le onde sonore Onde e sorgenti sonore Il suono è una perturbazione longitudinale prodotta da un corpo che vibra con una certa frequenza. Le corde vocali di una persona, le corde di una chitarra, gli altoparlanti, gli strumenti musicali, sono esempi di sorgenti sonore a noi familiari. Quando parliamo mettiamo in vibrazione le corde vocali; quando diamo un colpo su un tamburo mettiamo in vibrazione la membrana del tamburo; quando pizzichiamo la corda di una chitarra la faccimo vibrare. Una sorgente sonora è un sistema in vibrazione. Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche di ampiezza molto piccola (ma di frequenza grande), non facilmente visibili ad occhio nudo, ma rilevabili tramite un corpo molto piccolo. Queste vibrazioni sono trasmesse all aria e si propagano fino al nostro orecchio o vengono captate da un microfono. La maggior parte dei mezzi materiali trasmette suoni; nel vuoto, invece, il suono non si propaga. I mezzi materiali in cui il suono si propaga con difficoltà si chiamano isolanti acustici. Gli isolanti

4 sono utilizzati nelle abitazioni e negli uffici, per evitare che i rumori si propaghinodove è preferibile avere silenzio. La propagazione del suono Quando la membrana di un altoparlante vibra, essa mette in vibrazione anche le molecole d aria circostanti. Queste molecole comunicano il loro movimento anche a quelle vicine che vibrano a loro volta: l onda sonora si propaga nell aria. Durante la propagazione del suono c è una compressione dell aria e una decompressione (con una diminuzione locale della pressione). L aria trasmette queste perturbazioni della pressione che si propagano come onde. In un mezzo omogeneo, le onde sonore si propagano a velocità costante. Perciò se la distanza d è percorsa nel tempo t, la velocità del suono si calcola con la formula: v = d t Alla temperatura di 20 C e alla pressione di 1atm, la velocità del suono nell aria è circa 340 m/sec. Esempio 1 - Durante un temporale, lampo e tuono sono generati nella stessa zona: prima si vede il lampo e dopo circa 3,0 secondi si sente! il tuono. Trascurando la durata di propagazione del lampo, la distanza a cui è caduto il fulmine è d = v " t = (340m /s) " (3,0s) =1020m Il suono si propaga anche nei solidi e nei liquidi. Se nuoti sott acqua in vicinanza di una barca, riesci a sentire le parole delle persone che stanno chiacchierando sulla barca. Il valore della velocità! del suono dipende dal mezzo. La velocità dipende anche dalla temperatura del mezzo in cui si propaga il suono. Esistono delle formule empiriche, cioè ricavate da esperimenti di laboratorio, che permettono di calcolare la velocità in modo approssimato. Da Lezioni di Fisica, Giuseppe Ruffo, Edt Zanichelli. Vediamo ora, invece, il primo approccio di un testo universitario Capitolo 12 - Fenomeni ondulatori Descrizione di un onda. Equazione differenziale delle onde piane. La propagazione di una grandezza fisica tramite onde è uno dei fenomeni più caratteristici e importanti della fisica. [ ] Le onde elastiche hanno bisogno di un mezzo materiale per propagarsi e la loro propagazione è dovuta all interazione fra atomi o molecole del mezzo: ad esempio un onda sonora in un gas si trasmette attraverso gli urti tra le molecole. Però, in nessuno dei casi citati, la propagazione comporta un trasporto effettivo di materia: gli atomi o molecole oscillano intorno ad una posizione di equilibrio. Vengono invece trasportate energia e quantità di moto, come si deduce dal fatto che l arrivo di un onda elastica può metter in movimento Da FISICA, volume II, ELETTROMAGNETISMO ONDE, Mazzoldi, Nigro, Voci, Edt EdiSES

5 Infine, forse lo strumento a cui un giovane liceale farebbe ricorso più velocemente, vediamo cosa ci propone la rete se volessimo cercare onda su un enciclopedia online: Onda Introduzione Onda - In fisica, qualunque perturbazione che si propaghi nello spazio trasportando energia, ma non materia. Esistono diversi tipi di onde, di natura e caratteristiche differenti, responsabili della propagazione di diverse grandezze e fenomeni. Esempi di onde sono il suono, le onde del mare e le oscillazioni di una corda o di un elastico. In ognuno di questi casi, mentre l'energia trasportata dall onda si sposta nella direzione di propagazione dell onda, produce l oscillazione delle particelle del mezzo investito, nella medesima direzione, o in direzione trasversale. Onde di questo tipo, che si propagano attraverso un mezzo materiale producendone l oscillazione, sono dette meccaniche, appunto perché necessitano di un supporto meccanico (il mezzo materiale) per trasmettere energia. Le onde elettromagnetiche, invece, non hanno bisogno di un supporto: sono infatti variazioni periodiche dell'intensità del campo magnetico ed elettrico, che possono avere luogo in mezzi materiali, come pure nel vuoto. Un onda non comporta trasporto di materia Un onda, quindi, è una perturbazione che si propaga nello spazio, senza portare con sé la materia che investe. Per rendersi conto di questa proprietà, si può osservare il comportamento di un tappo di sughero o di qualunque altro oggetto galleggiante, all arrivo di un onda sulla superficie di un corpo d acqua: il tappo, investito dall onda, si sposta verso l alto insieme all acqua che lo sostiene e torna nella sua posizione iniziale una volta passata l onda: non viene quindi portato via, ma solo perturbato momentaneamente. Tipi di onde La più semplice e significativa tra tutti i tipi di onde è l onda armonica semplice, che rappresenta il modello per lo studio di molti fenomeni periodici naturali. Si può definire come la perturbazione prodotta in un mezzo da una forza elastica. In un onda armonica, la grandezza vibrante cambia intensità periodicamente, con legge sinusoidale, oscillando con regolarità tra un valore minimo e un valore massimo. A seconda che la direzione di oscillazione della grandezza vibrante sia parallela o perpendicolare alla direzione di propagazione, l onda si dice longitudinale o trasversale. Un'onda longitudinale può essere solo di natura meccanica: consiste infatti in una serie di successive compressioni (stati di densità e pressione massime) e rarefazioni (stati di densità e pressione minime) del mezzo; le onde sonore ne sono un esempio tipico. Esempi di onde trasversali sono invece quelle che si propagano lungo una corda tesa o le onde elettromagnetiche, come le onde luminose, i raggi X e le onde radio. Le onde che variano periodicamente nel tempo e hanno caratteristiche di regolarità tali da poter essere descritte da una funzione sinusoidale prendono il nome di onde armoniche; ad esempio, le oscillazioni impresse con regolarità all estremità di una corda si propagano per tutta la sua lunghezza sotto forma di onde armoniche. Per questo tipo di onde, la descrizione matematica è relativamente semplice. Descrizione analitica e definizioni La funzione analitica che descrive un onda armonica è una funzione sinusoidale dipendente dallo spazio e dal tempo. In un istante t e nella posizione x dall origine della perturbazione, un onda trasversale armonica produce una perturbazione y = A cos 2p (t/t x/ ). In questa equazione, rappresenta la lunghezza d onda, vale a dire la distanza tra due creste successive per le onde trasversali, o la distanza tra due compressioni (o rarefazioni) successive per le onde longitudinali. T

6 rappresenta il periodo, vale a dire il tempo necessario perché un punto investito dall onda compia un oscillazione completa o, alternativamente, il tempo necessario perché l onda si propaghi di una lunghezza pari a ; A rappresenta l ampiezza, ossia lo spostamento massimo di una vibrazione (per le onde elettromagnetiche, la massima intensità del campo elettrico o del campo magnetico). Altre grandezze caratteristiche utilizzate per descrivere la propagazione di un onda sono la frequenza, data dal numero di oscillazioni complete compiute nell'unità di tempo in un determinato punto dello spazio; la velocità di propagazione, pari al prodotto della lunghezza d'onda per la frequenza; e la fase, cioè l angolo che compare nell equazione dell onda come argomento della funzione sinusoidale. Si dice che due onde vibrano in fase se nello stesso istante le relative funzioni sinusoidali hanno il medesimo argomento. L insieme dei punti che vibrano in fase è detto fronte d onda; a seconda della sua forma (piana, sferica, circolare) si parla di onde piane, onde sferiche, onde superficiali. Le onde più complesse di quelle armoniche possono anch esse essere rappresentate in forma analitica, ma da funzioni più complesse: come afferma il teorema di Fourier, infatti, qualunque funzione periodica può essere rappresentata come una somma di funzioni armoniche. Da msn encarta, enciclopedia online, Scelta dell approccio didattico Il docente tradizionale, come ben sappiamo, è abituato a seguire, per le sue lezioni, un testo, che sia il libro di testo degli allievi o che sia uno che egli preferisce (magari un volume dei suoi studi universitari). Se si tratta del testo adottato per la classe dove egli ha introdotto l argomento, è facile udirlo domandare: Ragazzi, a che pagina siamo arrivati (con la spiegazione o con gli esercizi) la scorsa lezione?. Non vi è nulla di più deleterio. I problemi di fine capitolo divengono mere applicazioni di formule apprese nelle pagine precedenti (a patto che apprendere sia il verbo giusto, in questo caso) e la fine del capitolo non rappresenta un traguardo di conoscenze e competenze, ma solo il poter dire ora passiamo ad un altro argomento (visione della fisica scissa in temi tutti differenti fra loro). Questo, però, non è solo l approccio del docente, come l ho definito pocanzi, tradizionale, ma anche del neolaureato che si trova per la prima volta a dover affrontare un contesto classe. La fisica continua ad essere ciò che ci hanno insegnato a scuola, non ciò che accade intorno a noi. Ritengo, dunque, che questo sia il modo col quale, specialmente noi matematici, credevamo di iniziare la nostra avventura da docenti della scuola secondaria superiore. I corsi S.S.I.S. stanno, però, sviluppando in noi un certo senso critico verso tipi di approccio tradizionali, in cui viene del tutto meno la centralità dell allievo, allievo che si ritrova vittima di lezioni frontali e che ha il compito di eseguire meccanicamente gli esercizi che gli vengono proposti. Non solo, molto importante risulta a questo proposito anche l esperienza del tirocinio diretto, con la quale si può toccare con mano quanto detto finora. Da qui l esigenza di riportare alcuni frammenti di testi o di riferimenti offerti da internet: da una parte per considerare l approccio tradizionale, quello di cui mi sarei servita da neolaureata e che avrei riportato interamente su questo documento prima dei corsi di specializzazione, dall altra perché credo sia di importanza fondamentale iniziare il viaggio verso un nuovo tipo di didattica (dove è il processo di apprendimento ad essere al centro dell attenzione) a partire da una critica consapevole di quella tradizionale.

7 Il primo riferimento è un testo per la scuola secondaria superiore. Si decide di introdurre l argomento mediante le onde meccaniche. Condivido, di questo, il fatto di non introdurre un onda come un ente astratto molto generico, ma iniziare dall onda di tipo meccanico per poi mostrare che esistono altri tipi di onde. Si ritiene, però, subito necessario introdurre funzioni sinusoidali per caratterizzare un onda, invece di fornirne un idea intuitivamente comprensibile. Nei successivi riferimenti (un testo universitario e una enciclopedia online), invece, si avverte subito l esigenza di introdurre tutti i tipi di onde in maniera più generica. Questo, a mio avviso, può creare un enorme confusione ad un primo approccio con l argomento. Giusta anche, nel primo testo, l introduzione delle onde sonore come esempio di onde meccaniche; mi sembra, infatti, che queste ultime siano particolarmente interessanti, in quanto con esse interagiamo in ogni istante della nostra vita. Troppi però i casi di onde meccaniche da cui si inizia nell introduzione: si rischia di confondere l allievo considerando troppi casi contemporaneamente. Il testo universitario mi sembra quello più lontano per una didattica dell apprendimento, sicuramente di un livello non adatto a dei liceali, in quanto, dopo un primo preambolo dedicato alla definizione di onda e alla sua possibilità di propagarsi, incentra il suo discorso su grandezze vettoriali al fine di fornire l equazione di un onda piana. È facile, comunque, immaginare che un neolaureato che abbia affrontato una così rigorosa trattazione delle onde, possa avere il desiderio di voler trasferire le sue conoscenze in merito nel modo più formale possibile; al contrario non riesco a figurarmi una semplificazione di questo approccio, così come si presenta nel testo. Il riferimento enciclopedico online è il primo in cui si imbatte un ragazzo che cerca informazioni riguardo un argomento. Sicuramente digitando qualche parola chiave su google o altri motori di ricerca si possono ottenere vaste informazioni sulle Onde, sulle loro caratteristiche e i loro metodi di propagazione, ma, se non si svolge un lavoro attento sull alunno, si rischia di ottenere risultati pari a quelli che si avrebbero consultando l enciclopedia di mamma e papà. L allievo più sveglio, o, se vogliamo, colui che davvero sente la sua centralità nel processo di apprendimento/insegnamento, cerca questioni più interessanti, stimolanti sull argomento, per cui le nozioni enciclopediche potranno essere solo un supporto teorico. Come detto in precedenza, mi trovo d accordo sul fatto di introdurre le onde come onde meccaniche, in quanto tangibili e facilmente constatabili. Se della tradizione vogliamo abbandonare il metodo didattico, non possiamo però non avere chiari quali siano i prerequisiti e gli obiettivi per introdurre un argomento: per quanto la lezione possa risultare interessante, rimarrà comunque oscura agli allievi se essi non posseggono le conoscenze e/o le competenze atte a risolvere nuovi problemi posti dal docente, se quest ultimo non ha ben chiaro ciò che vuole trasmettere alla classe e come farlo. Qual è il modo migliore per introdurre fenomeni ondulatori? Lo scopo è quello di introdurre nozioni elementari di teoria del moto ondulatorio, un argomento che, a dirla tutta, spesso viene lasciato da parte nelle scuole superiori. Per richiamare l attenzione degli allievi, bisognerà trovare un modo per farli riflettere su fenomeni interessanti o, quanto meno, a loro familiari, ma che non hanno mai trovato un posto adeguato nel loro sapere inconsciamente scientifico. Ritengo che l ambito sul quale si possano fare osservazioni più tangibili ed interessanti sulla teoria delle onde sia quello dell acustica. Tutti noi, infatti, siamo circondati da suoni e da fenomeni legati al mondo dell acustica: quale ragazzo non ha mai sentito un ambulanza sfrecciare sulla strada a sirene spiegate (effetto doppler) o non ha mai ascoltato musica o uno strumento musicale? Come detto pocanzi, bisognerà tener conto del tipo di uditorio a cui è rivolta la nostra attenzione. A questo proposito, è utile anche rifarsi alla propria esperienza di studenti delle scuole superiori e/o

8 dei primi anni del percorso universitario. È, infatti, fondamentale tenere in considerazione le misconcezioni eventualmente maturate riguardo certi fenomeni e la loro formalizzazione, in modo da poter proporre attività mirate alla decostruzione di modelli mentali errati. La prima tappa è, quindi, quella di capire l idea primitiva che gli allievi possiedono del concetto in questione. Uno dei modi per sondare il terreno è quello di porre una domanda diretta agli allievi, magari da mettere per iscritto e da consegnare al docente. L idea che l insieme classe sembra avere fornirà al docente lo spunto per l inizio del percorso didattico. Con il tirocinio ho avuto l occasione di operare un sondaggio fra studenti del III liceo scientifico, che stanno frequentando quindi un primo vero e proprio corso di fisica (pur avendo già qualche base fornita loro dal biennio all interno di un corso detto laboratorio in cui si dovrebbero fornire le nozioni di fisica, di chimica e di biologia, sottolineando il carattere interdisciplinare di tale insegnamento). Riporto qui di seguito alcune delle risposte fornitemi dagli allievi alla domanda Cos è un onda sonora? - una vibrazione; - un insieme di armonici; - ciò che trasmette un suono; - un onda formata da suoni regolari; - una sinusoide che viaggia; - un modo matematico di scrivere qualcosa che si muove; - un onda longitudinale che si propaga più facilmente nell aria che nei liquidi; e simili. Si evince come sia diffusa l idea di un onda come qualcosa che si muove, viaggia, si trasmette ; sembra sfuggire invece la necessità di un mezzo materiale per la trasmissione dell onda e sembra risultare anzi che un materiale più denso dell aria possa inibire la propagazione. La dipendenza della propagazione dal mezzo Senza fornire la soluzione del quesito proposto, si può porre i ragazzi di fronte ad un problema che sottolinei la dipendenza della propagazione dell onda sonora dal mezzo. Una prima esperienza possibile, allora, è quella della campana da vuoto, che permette di stabilire la condizione necessaria per la propagazione di un onda sonora fino al nostro orecchio: prendiamo una sveglia che suona e la poniamo al di sotto di una campana da vuoto. Il suono della campana si avverte con facilità. Estraiamo lentamente l aria: il suono si affievolirà fino a scomparire. Questa esperienza mostra che un onda sonora non si propaga in assenza di un mezzo materiale. Si potrebbe, poi, indurre gli allievi a constatare che il rumore di un treno in arrivo giunge prima ad un individuo che accosti l orecchio al binario piuttosto che ad uno che si trovi ad aspettare sulla banchina. Si tratta, certamente, di un esempio un po' datato per indicare una prova del fatto che la velocità del suono nei solidi è molto superiore alla velocità del suono in aria. Un esempio del genere sembra più adatto al mondo del far-west, dove interminabili tratte ferroviarie, su cui viaggiavano lenti e rarissimi treni, si stendevano in spazi sconfinati e silenziosi. Se si considera, però, che i treni allora andavano a carbone e lasciavano una vistosa scia di fumo, può darsi che accostare l'orecchio al binario non fosse il modo più rapido di accorgersi dell'arrivo di un treno 1. 1 Questo discorso potrebbe essere sperimentato più avanti mettendo in relazione la velocità della luce e la velocità di propagazione del suono nell aria; nel laboratorio di Didattica della Fisica I, un collega ed io, abbiamo realizzato due esperienze per la misurazione della velocità del suono che hanno fornito discreti risultati: la prima con incudine, martello e torcia e la seconda con pistola da

9 Tanti sono gli esempi di migliore propagazione del suono in un mezzo solido piuttosto che nell aria: si può chiedere ai ragazzi di tentare di ascoltare il tic tac di un orologio appoggiando, ad esempio, l estremità di un righello sull orologio e l altra all orecchio o di pensare al fatto che se si vuol spiare una conversazione che avviene in un altra stanza, l azione sarà molto più efficace se si accosta l orecchio al muro o alla porta che divide le due stanze. Tra le numerose esperienze, si può pensare alla percezione che abbiamo dei suoni e dei rumori quando ci troviamo sotto l acqua: supponiamo di trovarci nella vasca da bagno e di immergere la testa ad un livello tale che le orecchie si trovino completamente immerse; i rumori della casa ci appaiono amplificati. Questo può apparire strano perché, nella stessa situazione, stentiamo a comprendere una conversazione anche nel caso in cui gli interlocutori si trovassero molto vicini alla vasca 2. Come è possibile allora che sott acqua sentiamo meglio certi rumori? La trasmissione del suono è possibile tra l acqua e le pareti della vasca, per cui i rumori udibili sono quelli che provengono dalle vibrazioni trasmesse direttamente alle strutture dell edificio. Riusciamo ad udire bene, infatti, i tonfi, i passi e, più in generale, tutti i rumori prodotti da urti. Ci si chiede a questo punto: perché non si ha propagazione di onda sonora in condizioni di vuoto completo? Ha senso parlare di onda sonora in assenza di un mezzo materiale nello spazio circostante alla sorgente acustica o l onda sonora esiste ma non potendo viaggiare non arriva al nostro orecchio? In definitiva, cos è un onda sonora? Per chiarire quest aspetto, mi propongo di prendere in considerazione lo strumento musicale più diffuso tra i giovani: la chitarra. Sarà necessario munirsi anche di un foglio di cellophane molto sottile e di un laser. Copriamo il foro che mette in comunicazione le corde con la cassa armonica col cellophane in modo che rimanga ben teso. Facciamo incidere sul cellophane un fascio di luce (servendoci del laser), in modo che il riflesso che ne risulta sia visibile su uno schermo o su una parete (o soffitto, per facilitarne la visione da parte di tutti gli allievi). Avendo premura di mantenere il sistema immobile (nei limiti delle facoltà umane), pizzichiamo una o più corde della chitarra, osservando il comportamento del riflesso del laser; si vedrà quest ultimo compiere rapidi movimenti di oscillazione intorno alla posizione in cui lo avevamo sistemato finché il suono non svanisce. Quello che si rileva, in realtà, sono le vibrazioni della pellicola legate a rapide variazioni di pressione dell aria in prossimità della superficie del cellophane; tali variazioni sono da ricondurre alla presenza di un onda sonora. Si potrà, con questa esperienza dalla facile realizzazione, comprendere come un onda sonora altro non sia che un onda di compressione e decompressione del mezzo materiale in cui siamo immersi, cioè un fenomeno oscillatorio di tipo meccanico che comporta variazioni periodiche di pressione locale nel mezzo. Trasporto di energia e caratteristiche di un onda Dopo aver analizzato tali fenomeni e condotto gli allievi (se necessario) alle giuste conclusioni, mediante la tecnica dei brainstorming in modalità uno per volta, è il momento di formalizzare il concetto di onda (longitudinale). Il modo più immediato per visualizzarla è la molla slinky. È questa un esperienza concettuale che può essere realizzata a coppie o individualmente, a seconda di ciò che il docente riterrà più opportuno. Supponendo di voler lavorare in coppie, il modo più facile di procedere è quello di assegnare un capo a ciascun componente; a turno un ragazzo dovrà dare un colpetto alla molla nella direzione del compagno (è più facile realizzare l esperienza se si tiene la starter,. Qualora le circostanze lo permettessero, si potrebbe proporre ai ragazzi di realizzarle in prima persona. 2 quasi tutta l'energia acustica che proviene da uno dei due mezzi e incide all'interfaccia tra aria e acqua viene riflessa, e non trasmessa nell'altro mezzo

10 molla sul banco in modo da non dover esercitare troppa tensione affinché rimanga ben dritta). Per meglio osservare il fenomeno si potrà scegliere di collocare in un punto qualsiasi dello slinky del nastro adesivo, in modo da poterne studiare lo spostamento spaziale e trarre delle conclusioni (la propagazione dell onda avviene nella stessa direzione del punto in questione contrariamente a quello che si vedrebbe con un onda trasversale). È facile ed utile osservare che prima che la perturbazione lo raggiunga, un punto dello slinky è in quiete e torna in quiete non appena la perturbazione lo ha superato. D ora in avanti, per comodità, chiamiamo i due membri della coppia A e B. Supponiamo ora di chiedere ad A di dare più colpi consecutivi all oggetto: è chiaro che, perché l onda inizi a propagarsi, c è bisogno di un certo dispendio di energia. Quando l onda raggiunge B, egli sentirà una certa forza esercitarsi sulla sua mano e, se la sua mano si muove, del lavoro è stato compiuto su di essa; questo vuol dire che l energia impiegata da A per produrre l onda ha raggiunto B. Dunque si è arrivati ad osservare che l onda trasporta energia. E importante indurre gli allievi ad osservare che se fotografassimo la perturbazione dello slinky in due istanti differenti vedremmo che, prima e dopo la perturbazione, l oggetto rimane nella sua posizione indisturbata e i due scatti presentano la medesima struttura geometrica nella parte perturbata, tanto da poter essere quasi perfettamente sovrapponibili (il quasi perfettamente è legato alle condizioni in cui si attua l esperienza). Il punto della molla contrassegnato dal nastro adesivo si muoverà avanti e indietro e il periodo di tempo che il punto impiega per tornare nella sua posizione di partenza è uguale al periodo del moto col quale A muove l estremo dell oggetto; si può definire così la frequenza come il numero di oscillazioni complete al secondo del punto in questione. E ancora, considerando tutta l onda, anziché limitarsi al singolo punto, è facile osservare che la forma dell onda si ripete con cadenza regolare e che la minima distanza fra due punti in cui si ripete la forma dell onda viene detta lunghezza d onda. L onda sarà caratterizzata inoltre da una velocità, che può essere definita come la velocità con la quale ci dovremmo muovere, accanto all onda, per vederla sempre esattamente immobile. Infine, le onde possono distinguersi per diverse ampiezze, dove per ampiezza si intende il massimo spostamento dalla posizione di riposo. Sorgenti di onde sonore Straordinariamente interessante può essere studiare le modalità di produzione di un onda sonora e di come esse influenzino in maniera determinante il timbro, l altezza, l intensità del suono, così come viene percepito dal nostro apparato uditivo. Sarebbe utile a questo proposito proporre agli allievi alcuni esempi di suoni e rumori, dai più banali ai più complessi: il rumore prodotto dallo sbattere delle nocche su un tavolo, il suono prodotto da un dito banato che scorre sul bordo di un bicchiere di cristallo, il suono di una corda di chitarra pizzicata con un dito, il suono prodotto da un soffio opportunamente direzionato all interno di un bottiglia qualunque. È chiaro che tutte quelle citate sono sorgenti di onde sonore, ma cos è esattamente una sorgente di onde sonore? Perché è così facile produrre rumore? Le esperienze appena proposte mirano ad evidenziare il fatto che una sorgente sonora è sempre un corpo sottoposto ad occasionale deformazione, sia esso il piano di un tavolo, il cristallo di un bicchiere, la corda di una chitarra o l aria contenuta in una bottiglia. Ciò è dovuto al fatto che abbiamo a che fare con mezzi elastici, cioè con sistemi che reagiscono a perturbazioni della loro situazione di equilibrio tornando a riposo dopo un certo numero di oscillazioni. All interno di queste esperienze sarà interessante variare la quantità di acqua nei bicchieri di cristallo e/o nelle bottiglie, la lunghezza, lo spessore e la tensione delle corde pizzicate e indurre gli allievi a scoprire le relazioni che intercorrono tra le altezze dei suoni e le grandezze del sistema che variano. Si potrà, inoltre, in questo contesto fornire dei cenni sulla voce umana, il che permetterebbe di richiamare il principio di Bernoulli.

11 Pendolo e corda vibrante La visione della fisica come un insieme di argomenti tra loro sconnessi è uno degli ostacoli più grandi per l apprendimento di tale disciplina. L acustica permette di trovare una corrispondenza tra il pendolo e la corda vibrante. Le analogie fra i due sistemi servirono a Galileo, da un lato per un oggettivazione fisica dei criteri della consonanza musicale classica, e dall altro, per arguire l isocronismo del pendolo. Si potrebbe procedere con un approccio di tipo storico, narrando che Galileo osservò l isocronismo del pendolo osservando i lampadari del Duomo di Pisa e che fu il primo a studiare il fenomeno fisico con rigore scientifico, oppure presentando agli allievi direttamente un esperienza a riguardo. In breve, il punto chiave è che un dato pendolo ambisce ad oscillare ad una sola frequenza, la sua frequenza propria. Quando è stimolato da un perturbazione esterna, risponde entrando in oscillazione solo le la frequenza di quest ultima è quella dovuta. Si parla allora di risonanza e si ha il massimo possibile trasferimento di energia meccanica al pendolo. Realizzare l esperienza è semplice: si prenda un supporto abbastanza alto da poter agganciare fili e piombini; in particolare, però, bisognerà tendere una cordicella proprio al di sotto della parte superiore del supporto e ad essa parallela, a cui annodare un certo numero di pendoli (bisognerà prendere fili di lunghezza diversa, tranne due, che dovranno essere più uguali possibile). La cordicella ha lo scopo di accoppiare tra loro il moto dei vari pendoli, ossia di permettere che l eventuale oscillazione di uno di essi si trasmetta agli altri, agendo in sostanza da stimolo mutuamente perturbatore. Essa permette, cioè, di trasmettere energia da un pendolo all altro. Se si dà ora l avvio a uno dei pendoli eguali, si osserva che gli altri restano sostanzialmente immobili, eccetto quello che ha la medesima frequenza propria caratterizzante il primo, cioè quello col filo di uguale lunghezza. Per risonanza, esso entra in oscillazione, mentre il pendolo stimolatore rallenta fino a fermarsi per poi riprendere a oscillare a scapito del secondo, con un alternanza dovuta al passaggio, dall uno all altro, dell energia meccanica in gioco; il tutto nell indifferenza dei pendoli non risonanti. Il meccanismo appena descritto è alla base della sonorità degli strumenti musicali. In essi il sistema stimolante può essere una corda e il sistema stimolato la cassa acustica. L aria mossa dalla corda vibrante sarebbe infatti insufficiente a far vibrare il nostro timpano (pensiamo alla chitarra elettrica senza amplificazione); se, però, la vibrazione viene trasmessa alla cassa per accoppiamento via ponticello, l estesa superficie della tavola armonica mobilita masse d aria assai maggiori, producendo un suono più forte. Occorre che, tra le molteplici risonanze della cassa, non manchi quella di vibrazione della corda (le casse degli strumenti sono costruite in modo da garantire risonanza su una vasta gamma di frequenze). Così come nei pendoli accoppiati, l energia acustica rimbalza avanti e indietro tra cassa armonica e corde, cosicché l eccitazione impressa su una data corda può trasferirsi su ogni altra capace di oscillare alla stessa frequenza. Per verificare quest effetto di accoppiamento risonante basterebbe dipingere un puntino sulle due corde su cui si vuole verificare l effetto e osservare attentamente il puntino con una lente di ingrandimento: quando una corda viene pizzicata il rispettivo puntino si allunga in una barretta, ma lo stesso avviene per l altro puntino, rivelando che anche l altra corda si è attivata, proprio come nel caso dei pendoli. Per spiegare l eventuale consonanza o dissonanza di un accordo musicale, Galileo traccia un interessante parallelo tra pendolo e corda vibrante. Fin dai tempi dei Greci si sapeva che un accordo di più note risulta gradevole se le frequenze delle loro armoniche fondamentali stanno fra loro in rapporti di numeri interi piccoli. Per esempio, l accordo di tonica do-mi-sol è caratterizzato da rapporti di frequenza 4:5:6 (o periodi di oscillazione 1 : 1 : 1 ). Prendiamo tre pendoli con lunghezze tali da avere periodi di oscillazione così definiti (cioè in rapporti di lunghezza ), e poniamoli simultaneamente in oscillazione. Ogni pendolo oscilla a modo suo, ma 4 2 : 5 2 : 6 2 ogni quattro oscillazioni del pendolo più lento tutti e tre si trovano al passo. Ciò invece avviene assai più di rado se i rapporti tra le frequenze sono dati da numeri interi grandi, e in pratica mai se si tratta di numeri non interi. L ipotesi di Galileo è che, come l occhio apprezza l ordinata eleganza di

12 un moto dei pendoli che non sia mai scorrelato, così l orecchio predilige suoni che, ad intervalli regolari, inducono sul timpano una stimolazione simultanea. Questa visione è di grande attualità, in quanto viene utilizzata nella psicoacustica, con la differenza che la gradevolezza dei suoni non si stabilisca nel timpano ma nel sistema nervoso: per stimolazione consonante, l insieme dei segnali inviati dall orecchio alla rete neurale si presenta più semplice, meglio decifrabile, e più è gradito. Conclusioni Tante ancora le esperienze possibili sulle onde sonore, alcune della quali strabilianti (si pensi alle figure prodotte dai modi di vibrazione di una lastra metallica o alle illusioni sonore); bisogna comunque considerare il tempo che si ha a disposizione nella routine scolastica, dove le ore di fisica sono sempre molto esigue. È per questo motivo che ho scelto di proporre, seppur a volte solo sommariamente, alcune esperienze che mi son sembrate fondamentali alla comprensione del moto ondulatorio. Se si è riusciti ad implicare gli allievi, infatti, saranno loro stessi a cercare curiosità e approfondimenti sull argomento.

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli