PAOLO CAMAGNI RICCARdO NIkOLAssy. CORsO di JAVA. Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche HOEPLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAOLO CAMAGNI RICCARdO NIkOLAssy. CORsO di JAVA. Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche HOEPLI"

Transcript

1 PAOLO CAMAGNI RICCARdO NIkOLAssy CORsO di JAVA Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche HOEPLI

2

3 Corso di Java

4

5 Paolo camagni riccardo nicolassy Corso di Java Dalla programmazione ad oggetti alle applicazioni grafiche editore ulrico hoepli milano

6 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili: materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

7 Indice Indice Unità di apprendimento 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo L1 L ambiente di programmazione I programmi in Java... 2 L ambiente di programmazione... 3 Programmare in Java... 5 Installazione di JSESDK per Windows... 6 Il settaggio delle variabili d ambiente... 8 Installare l ambiente di sviluppo BlueJ Utilizzare l ambiente di sviluppo BlueJ Il debugging con BlueJ Verifichiamo le conoscenze L2 La struttura del codice Le classi Un programma Java La classe System I commenti Verifichiamo le conoscenze L3 Le variabili e i tipi primitivi Gli identificatori Le variabili Le costanti La tipizzazione dei dati Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L4 Le operazioni sui dati Gli operatori aritmetici Le conversioni Gli operatori di confronto e logici L operatore ternario Gli operatori di incremento e decremento Le operazioni sui bit Le priorità tra gli operatori Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L5 Le stringhe Le stringhe Le sottostringhe Altre funzioni di confronto Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L6 Le strutture di controllo I blocchi di istruzioni La struttura di sequenza Il costrutto di selezione La selezione nidificata Gli operatori logici L iterazione con il ciclo while L iterazione con il ciclo do Verifichiamo le conoscenze... 76

8 Indice L7 Le strutture di controllo derivate La selezione multipla Istruzione Switch I cicli a conteggio Le istruzioni break e continue Verifichiamo le conoscenze Unità di apprendimento 2 La OOP di Java L1 La programmazione object oriented La programmazione a oggetti L oggetto La classe Il paradigma della OOP Gerarchia delle classi Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L2 I package e le classi I package Le classi Gli attributi di una classe I metodi L overloading Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L3 Il ciclo di vita degli oggetti Java e la memoria Il ciclo di vita di un oggetto Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L4 Le variabili reference e l istanza delle classi Variabili e reference Le istanze di una classe Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L5 Derivazione ed ereditarietà Ereditarietà Derivazione di una classe derivata L override dei metodi La classe Object Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L6 Gli array I vettori in Java L ordinamento a bolle La ricerca sequenziale in un array La ricerca dicotomica in un array Le matrici Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L7 Interfacce e casting tra oggetti Le conversioni in Java Metodi e classi astratte Le interfacce Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze Unità di apprendimento 3 Realizzare applicazioni GUI L1 La classe grafica AWT Struttura di un interfaccia grafica Disegnare con la classe Canvas La classe Graphics2D Immagini JPG e GIF Verifichiamo le conoscenze Verifichiamo le competenze L2 La gestione degli eventi Azioni ed eventi Gestire eventi sulla finestra La classe ActionListener Gli eventi del mouse: la classe MouseListener Gli ascoltatori della tastiera: KeyListener Gli oggetti Item e i relativi eventi Verifichiamo le competenze L3 L interfaccia utente con NetBeans NetBeans come IDE Creare un progetto con NetBeans Creare un interfaccia grafica con NetBeans Associare il codice agli elementi grafici L oggetto TextArea L oggetto List Gli oggetti ComboBox, RadioButton e CheckBox Verifichiamo le competenze VI

9 Indice Unità di apprendimento 4 Realizzare applicazioni Android L1 L interfaccia IDE Eclipse Scaricare e installare Eclipse Creare un progetto con Eclipse Il debugging con Eclipse Verifichiamo le conoscenze L2 Installare e configurare Eclipse per Android Il sistema operativo Android Eclipse e Android Verifichiamo le competenze L3 Creare un progetto Java per Android Creare un nuovo progetto La struttura del progetto La struttura di una applicazione Android Il ciclo di vita di una Activity I widget Usare l id dei controlli Verifichiamo le competenze VII

10

11 lità di creare dei sottotipi di una classe già esistente. Presentazione Presentazione L 1 L ambiente di programmazione L 2 La struttura del codice L 3 Le variabili e i tipi primitivi OBIETTIVI Il volume è stato impostato tenendo conto dell esperienza degli autori maturata in diversi anni di insegnamento nei quali hanno adottato Java come linguaggio di programmazione orientato agli oggetti assai versatile e utile per comprendere in modo chiaro e approfondito la programmazione Object Oriented. Il volume si pone come obiettivo la presentazione dei concetti relativi alla programmazione a oggetti con Java in maniera nuova, limitando al massimo le introduzioni noiose e nozionistiche. Gli esempi sono parte integrante del testo, l allievo è stimolato alla comprensione mediante l interazione con gli stessi attraverso le sezioni denominate Prova adesso!. Si sentiva la mancanza di un volume che potesse mettere in luce tutti gli aspetti peculiari del linguaggio, passando dalla programmazione attraverso l ambiente di apprendimento BlueJ, per passare poi all uso dell ambiente GUI NetBeans, fino alla progettazione di semplici progetti per dispositivi mobili attraverso Eclipse per Android. La filosofia del volume si può esprimere in una breve citazione: incominciare dove gli altri finiscono. Il testo è organizzato in quattro unità di apprendimento. Ogni unità di apprendimento è organizzata in singole lezioni, dove vengono illustrati alcuni concetti corredati da segmenti di codice completamente commentati e descritti. 1LA SINTASSI JAVA E L AMBIENTE DI SVILUPPO Riconoscere il ruolo degli ambienti IDE Conoscere e utilizzare le librerie Java (JDK) e la JVM Gestire progetti con BlueJ Saper riconoscere le classi e gli operatori Conoscere la sintassi Java per le istruzioni di selezione e iterazione L 4 Le operazioni sui dati UNITÀ DI APPRENDIMENTO Info L 5 Le stringhe Nella cartella AU01 del CD-ROM allegato al volume sono presenti i progetti e i file sorgenti utili per questa unità di apprendimento. L 6 Le strutture di controllo L 7 Le Le strutture strutture di di controllo controllo derivate derivate ATTIVITÀ Utilizzare l editor e il debugger BlueJ Applicare i tipi e le conversioni offerti dal linguaggio Java Utilizzare le istruzioni per sequenza, selezione e iterazione in Java La prima unità di apprendimento affronta in modo organico e articolato la sintassi di Java e l ambiente di sviluppo JDK. La seconda unità di apprendimento illustra i concetti relativi alla programmazione ad oggetti, i package, le classi, le istanze, la derivazione, l ereditarietà, il casting tra oggetti. La terza unità di apprendimento affronta la gestione degli ascoltatori e la definizione delle interfacce utente, facendo uso delle classi AWT e JSwing; vengono analizzati i singoli componenti mediante un approccio graduale, fornendo esempi di utilizzo dei metodi e degli eventi ad essi associati, prima in modalità manuale, scrivendo il codice in modo diretto, quindi attraverso l ambiente di sviluppo GUI NetBeans. L ultima unità di apprendimento illustra i concetti relativi alla realizzazione di applicazioni Android, iniziando dalla interfaccia IDE del pacchetto Eclipse, per poi passare a installare e configurare Eclipse per Android, creando infine alcuni semplici progetti Java per Android. UdA 2 La OOP di Java lezione 5 DerivAzione ed ereditarietà in questa lezione impareremo... a definire una classe derivata ridefinendone i metodi a impedire la derivazione di classi e metodi a conoscere i metodi clone() e equals() della classe Object a clonare oggetti anche in classi derivate Ereditarietà In questa lezione passiamo a esaminare come ereditare ed espandere le caratteristiche di un oggetto attraverso ereditarietˆ e derivazione. esempio 12 Classe Quadrilatero L esempio mostra come specializzare una classe. In questo esempio la classe Quadrilatero è una classe generica in grado di gestire un ipotetico quadrilatero, con un 132 Ereditarietà e derivazione L ereditarietà consente di derivare nuove classi a partire da quelle già definite. Una classe derivata attraverso l ereditarietà viene chiamata sottoclasse e mantiene i metodi e gli attributi delle classi da cui deriva. Quando una classe eredita da una sola superclasse si parla di eredità singola; viceversa, si parla di eredità multipla. Java non prevede l ereditarietà multipla. L ereditarietà è un meccanismo che consente di estendere e riutilizzare il codice già scritto in una classe. Specializzare La specializzazione di una classe in Java rappresenta la possibi- Indice degli obiettivi che si intendono raggiungere e delle attività che si sarà in grado di svolgere Nella pagina iniziale di ogni unità di apprendimento è presente un indice delle lezioni trattate All'inizio di ogni lezione sono indicati in modo sintetico i contenuti Le parole chiave vengono poste in evidenza e spiegate allo studente

12 Presentazione UdA 2 La OOP di Java La classe Prima di tutto è necessario fare una distinzione. Nella programmazione a oggetti una classe non è altro che lo schema dal quale l oggetto viene creato, mentre invece l oggetto è un elemento con una propria identità univoca. 88 Da una classe possono essere creati un numero infinito di oggetti, inoltre è sull oggetto che il programmatore potrà modificarne il contenuto degli attributi oppure eseguirne i metodi. La classe, che ha una struttura statica, ha lo scopo di definire quale forma (in termini di attributi e metodi) avranno gli oggetti o, se vogliamo, ha lo scopo di fornire uno stampo generico entro il quale definire diversi oggetti. Gli oggetti possono essere molteplici all interno del processo, ma tutti avranno la stessa forma: quella definita dallo schema dato dalla classe. Ciascun oggetto è però una entità a se stante, dotato di una specifica area di memoria dedicata alla memorizzazione del proprio valore degli attributi. Lo stato di un oggetto Classe La classe è la definizione della struttura che l oggetto avrà, in termini di attributi e metodi. La classe è uno schema necessario per produrre una categoria di oggetti identici nella loro struttura, possiamo dire cha una classe ne costituisce il prototipo e ne descrive le caratteristiche. Possiamo anche immaginare una classe come una fabbrica di istanze in quanto ne possiede lo schema e la tecnica di produzione: istanze classe Oggetto 1 Oggetto 2 Classe (modello) Oggetto 3 Lo stato di un oggetto è rappresentato dall insieme dei valori degli attributi che individuano i dati su cui i metodi possono operare. Per esempio, lo stato di un oggetto quale un ascensore potrebbe includere la posizione attuale della cabina (numero di piano) e una eventuale prenotazione da parte Le osservazioni aiutano lo studente a comprendere e ad approfondire Le finalità e i contenuti dei diversi argomenti affrontati sono descritti da obiettivi generali e attività indicate nell intestazione di ciascuna unità di apprendimento, mentre per ciascuna lezione vi sono le indicazioni: In questa lezione impareremo. Per permettere allo studente di approfondire i concetti appresi è stato allegato al volume un CD-ROM che contiene tutti gli esempi presentati nel libro. In questo modo l alunno può verificare direttamente quanto esposto nel testo e saggiare le proprie ipotesi di modifica. Le variabili reference e l istanza delle classi Lezione 4 Nell esempio sopra riportato la classe FormaGeometrica è la classe principale e possiede una visibilità public, in tal modo è possibile creare una istanza della classe principale in qualunque altra classe. Solo all interno della classe FormaGeometrica è invece possibile creare una istanza della classe Triangolo. Possiamo anche salvare ogni classe in un file distinto, purché memorizzato nella stessa cartella del file contenente la classe principale. In tal modo a ciascuna classe viene associato un file.java che, una volta compilato, genera il corrispondente file.class. Prova adesso! Usare l istanza delle classi APRI IL PROGETTO Esercizio 3 Modifica il codice in modo da aggiungere un metodo stamparombo() in grado di visualizzare a video un rombo di asterischi di altezza n. 2. Crea una classe UsaFormeGeometriche in grado di istanziare e usare la classe FormeGeometriche. Confronta la tua soluzione con quella presente nel progetto Esercizio3_solux. APRI IL PROGETTO Esercizio 4 Aggiungi una classe UsaPersona in grado di istanziare tre oggetti della classe Persona inizializzandone gli attributi attraverso l input da tastiera. Confronta la tua soluzione con quella presente nel progetto Esercizio4_solux. Lo studente può mettere in pratica in itinere quanto sta apprendendo nel corso della lezione Zoom su... GENERARE NUMERI CASUALI In questo esempio istanzieremo un oggetto di classe java.util.random per utilizzarne alcuni metodi quali per esempio nextint() che genera un valore casuale di tipo intero. Questa classe mette a disposizione diversi metodi che consentono anche di generare valori booleani. Per ogni tipo primitivo è disponibile un metodo che genera un valore random in base al tipo. Data un istanza della classe Random: Random random = new Random(); Possiamo ottenere: //valore booleano boolean b = random.nextboolean(); //valore intero int k = random.nextint(); 123 In questa sezione viene approfondito un argomento di particolare importanza Alla pagina web sono disponibili le risorse online, tra cui unità didattiche integrative, numerosi esercizi aggiuntivi per il recupero e il rinforzo, nonché schede di valutazione di fine unità. UdA 2 La OOP di Java Verifichiamo le conoscenze g Esercizi a scelta multipla 1 Se la classe Cane deriva da Animale, Bassotto deriva da Cane, e fido = new Cane(), quali istruzioni sono sintatticamente corrette? a) Animale a = fido; d) Bassotto c = (Animale) fido; b) Cane b1 = fido; e) Animale a = (Animale) fido; c) Bassotto c = fido; 2 Indica quale affermazione tra le seguenti corretta riguardo a una classe astratta: a) può essere dotata di metodi concreti d) può generare oggetti b) deve essere dotata di metodi astratti e) può avere sottoclassi c) può avere metodi astratti 3 Se X deriva da Y e x = new X(), quali istruzioni sono sintatticamente corrette? a) X x1 = x; c) Y y = x; b) x = new Y(); d) X x1 = new Y(); 4 Quali istruzioni tra le seguenti sono sintatticamente corrette? a) Object o = null; e) long[] a = new int[ 10 ]; b) String s = null; f) int[] f = (new int[ 10 ]); c) Object o = new int[ 10 ]; g) int[] f = (new String[ 10 ]); d) String[] a = (String[])(new int[ 10 ]); h) int[] a = (int [])new long[ 10 ] 5 Le interfacce supportano: a) solo l ereditarietà singola b) l ereditarietà multipla c) l istanza diretta d) consentono di istanziare classi astratte 6 Quali delle seguenti affermazioni riguardo classi e interfacce sono vere? a) le interfacce sono intercambiabili b) una classe astratta può implementare una interfaccia c) una classe astratta può derivare da una interfaccia d) una classe astratta può derivare da una classe concreta e) una classe astratta può derivare da una classe astratta f) una classe concreta può derivare da una interfaccia g) una classe concreta può implementare una interfaccia concreta h) una classe concreta può derivare da una classe concreta i) una classe concreta può derivare da una classe astratta j) una interfaccia può derivare da una interfaccia k) una interfaccia può derivare da più interfacce l) una interfaccia può derivare da una classe astratta m) una interfaccia può derivare da una classe derivata n) una interfaccia può derivare da una classe concreta o) una classe derivata può derivare da una interfaccia p) una classe derivata può implementare una interfaccia q) una classe derivata può implementare una interfaccia concreta r) una classe derivata può derivare da una classe concreta s) una classe derivata può derivare da una classe astratta Per la verifica delle conoscenze e delle competenze è presente un'ampia sezione di esercizi Verifichiamo le competenze g Problemi 1 Crea un progetto NetBeans che risolva un sistema lineare. L aspetto del programma è riportato di seguito: Per inserire le due parentesi graffe puoi collocare nel Frame due etichette (Label), quindi modificare la dimensione del carattere attraverso l attributo font. 2 Crea un progetto NetBeans che mostri un Frame come indicato di seguito: Facendo Click su Aggiungi l utente immette i dati inseriti (il prezzo del prodotto, la quantità venduta e l importo parziale calcolato dal prodotto del prezzo per la quantità). Facendo click sul pulsante relativo posto sotto alle caselle di testo il programma deve calcolare il prezzo medio, la quantità media e il valore totale delle vendite. L interfaccia utente con NetBeans Lezione X

13 1LA SINTASSI JAVA E L AMBIENTE DI SVILUPPO UNITÀ DI APPRENDIMENTO L 1 L ambiente di programmazione L 2 La struttura del codice L 3 Le variabili e i tipi primitivi L 4 Le operazioni sui dati L 5 Le stringhe L 6 Le strutture di controllo L 7 Le Le strutture strutture di di controllo controllo derivate derivate OBIETTIVI Riconoscere il ruolo degli ambienti IDE Conoscere e utilizzare le librerie Java (JDK) e la JVM Gestire progetti con BlueJ Saper riconoscere le classi e gli operatori Conoscere la sintassi Java per le istruzioni di selezione e iterazione ATTIVITÀ Utilizzare l editor e il debugger BlueJ Applicare i tipi e le conversioni offerti dal linguaggio Java Utilizzare le istruzioni per sequenza, selezione e iterazione in Java Info Nella cartella AU01 del CD-ROM allegato al volume sono presenti i progetti e i file sorgenti utili per questa unità di apprendimento.

14 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo lezione 1 L Ambiente di programmazione in questa Lezione impareremo... a installare e utilizzare le librerie di Java (JDK) e la JVM a utilizzare gli strumenti di debugging di BlueJ a utilizzare i breakpoints e le variabili locali I programmi in Java Prima di poter scrivere un programma mediante il linguaggio Java vogliamo introdurre il concetto di ambiente di programmazione di questo linguaggio. Innanzi tutto è necessario chiarire il concetto fondamentale di classe. Java Un programma Java si compone di una o più classi. Ogni classe risiede in un file che possiede lo stesso nome della classe con estensione.java, e inoltre deve esistere almeno una classe con il nome del programma e con un metodo speciale chiamato main. Programma Classe 1 Classe 2 Classe principale con metodo main Classe 3 Programma Tuttavia per i primi esempi utilizzeremo una sola classe che fungerà anche da programma includendo al suo interno il metodo main. 2

15 L ambiente di programmazione Lezione 1 L ambiente di programmazione Per eseguire una qualunque applicazione dobbiamo svolgere tre attività: 1 editing: mediante questa fase rendiamo il programma accessibile al computer; 2 compilazione: mediante questa fase traduciamo il programma in un formato eseguibile dal computer; 3 esecuzione: mediante questa fase facciamo eseguire il programma al computer. Editing Per rendere accessibile al calcolatore una classe o un programma dobbiamo memorizzare la definizione di ciascuna classe all interno di un file di testo con estensione.java. La definizione della classe prende il nome di codice sorgente e può essere scritto mediante un programma chiamato Editor. La figura seguente mostra l editing di una semplice applicazione in Java: Ciascuna classe Java è contenuta all interno di un singolo file di testo, il cui nome riflette quello della classe. Non è possibile memorizzare più classi pubbliche all interno di uno stesso file di testo; in questo caso il compilatore segnala un errore di sintassi. La compilazione e l esecuzione in Java Un compilatore è un programma che in grado di tradurre programmi scritti in un linguaggio di programmazione nel linguaggio macchina del computer. Linguaggio macchina È un linguaggio di programmazione molto più elementare e primitivo di Java, ed è specifico di un computer. La fase di compilazione traduce da un linguaggio di alto livello a un linguaggio macchina: ovvero dal codice sorgente scritto in linguaggio di alto livello al codice eseguibile scritto in linguaggio macchina. Tuttavia la compilazione e l esecuzione sono dipendenti dall ambiente hardware e software e un compilatore in generale è in grado di tradurre uno specifico linguaggio di programmazione (come per esempio il linguaggio C++) in uno specifico linguaggio macchina relativo a uno specifico processore (per esempio Intel MMX) e inoltre relativamente a uno specifico sistema operativo (per esempio Windows 8). In tal modo il codice eseguibile generato da un compilatore potrà essere eseguito soltanto dai computer corredati di uno specifico ambiente hardware/software. 3

16 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo Java utilizza un approccio molto particolare per la compilazione dei programmi, infatti possiamo compilare il codice sorgente scritto in Java ottenendo un codice misto chiamato bytecode Java, una sorta di linguaggio assembly di un calcolatore virtuale. Inoltre il programma nella forma di bytecode Java potrà essere eseguito da un interprete chiamato JVM (Java Virtual Machine). JVM È un applicazione che sa eseguire il bytecode Java e inoltre rende il computer una macchina virtuale in grado di eseguire programmi in bytecode Java. Abbiamo un diverso compilatore Java e una diversa macchina virtuale JVM per ciascun ambiente hardware/software. Il bytecode Java prodotto in uno specifico ambiente hardware/software potrà essere infatti eseguito in qualsiasi altro ambiente hardware/software, purché dotato di una macchina virtuale Java apposita. In sintesi le fasi che consentono di compilare ed eseguire un programma scritto in Java sono così riassunte: Editing Scrittura codice sorgente CompilazionE Bytecode Java getstaɵc #6 <Field java.io.printstream out> interpretazione Computer dotato di JVM Esecuzione programma Una caratteristica Java è proprio quella di essere un codice sorgente scrivibile su una piattaforma qualsiasi ed eseguibile su altrettante diverse piattaforme secondo il motto Write once, run everywhere. 4

17 L ambiente di programmazione Lezione 1 Come possiamo notare nella figura seguente, una volta compilato il sorgente e generato il bytecode esso può essere eseguito su piattaforme tra loro diverse sia come caratteristiche hardware che software: Bytecode Java getstaɵc #6 <Field java.io.printstream out> Computer e dispositivi dotati di JVM PC Windows PC Linux Apple MAC OS Smartphone Android Tablet Android Risultato esecuzione Programmare in Java Per poter programmare in Java dobbiamo procurarci: un compilatore; un ambiente di sviluppo. Il primo si chiama JSESDK (Java Standard Edition Software Development Kit spesso abbreviata in JDK) e consente di compilare i programmi realizzati in Java. Lo si può scaricare gratuitamente dal sito della Oracle (www.oracle.com) technetwork/java/javase/downloads Il secondo programma di cui abbiamo bisogno è l ambiente di sviluppo che funziona appoggiandosi al JDK scaricato prima. Esistono numerosi ambienti di sviluppo di tipo IDE tra cui citiamo i più noti: BlueJ: per uso didattico, freeware; Eclipse: per uso professionale, freeware; netbeans: fornito insieme alle librerie di JDK, freeware; JBuilder: fornito dalla Borland, a pagamento. IDE (Integrated Development Environment). Indica un software che consente di sviluppare programmi mediante un ambiente amichevole che aiuta il programmatore consentendo a volte l immissione del codice in modo più agevole. L ambiente di sviluppo può essere semplice o integrato. L ambiente integrato offre tutte le funzionalità di sviluppo all interno di una unica applicazione, con il vantaggio di fornire passaggi più agevoli alle varie fasi; in alternativa possiamo usare strumenti singoli per eseguire le varie fasi (editing, compilazione ecc.). 5

18 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo JSESDK Java Standard Edition Software Development Kit è un ambiente di sviluppo per la programmazione in Java realizzato dalla Sun Microsystems per diverse piattaforme. Fornisce un certo numero di funzionalità sotto forma di comandi da eseguire in una shell dei comandi. Inoltre comprende i seguenti strumenti di programmazione: un compilatore Java javac; una macchina virtuale Java java; alcune librerie API (Application Programming Interface) di Java; un visualizzatore di Applet appletviewer; un debugger jdb; e un generatore automatico di documentazione javadoc. Le attività che dobbiamo svolgere mediante JDK sono le seguenti: editing (mediante l uso di un editor oppure direttamente nell ambiente di sviluppo prescelto); compilazione (mediante l uso del compilatore Java presente nel JSESDK comando javac da linea di comando oppure mediante un comando presente nell ambiente di sviluppo); esecuzione (mediante l uso di una macchina virtuale Java presente nel JSESDK comando java da linea di comando oppure mediante un comando presente nell ambiente di sviluppo). Installazione di JSESDK per Windows Per prima cosa dobbiamo scaricare l ultima versione della SDK per Java dal sito della Oracle (www.oracle.com) La procedura che segue illustra come scaricare, installare e mandare in esecuzione la SDK. 1 Una volta aperto il sito all indirizzo indicato sopra, dobbiamo focalizzare la nostra attenzione sulla sezione che ci interessa, cioè quella relativa al download. In questa sezione dobbiamo selezionare il pulsante che indica la piattaforma Java (Java Platform (JDK), così infatti si chiama l intero kit di sviluppo per Java: 2 A questo punto, dopo aver selezionato Accept License Agreement per indicare di accettare i termini della licenza d uso, dobbiamo selezionare la versione di JDK che intendiamo scaricare, in accordo con il sistema in uso. In questo caso decidiamo di scaricare la versione a 64 bit per Windows: Comando javac Se questo comando viene eseguito senza parametri, si ottiene una schermata che ne riassume l uso: 6

19 L ambiente di programmazione Lezione 1 3 Il file che otteniamo è di questo tipo (dipenderà ovviamente dalla versione, quella della figura a fianco è valida al momento della scrittura del testo ma varierà nel tempo con versioni più aggiornate): 4 Dopo aver fatto doppio click sul file appare la seguente finestra di installazione nella quale si deve selezionare Next per iniziare la fase di installazione: 5 Adesso dobbiamo selezionare i componenti da installare, tuttavia è consigliabile installare tutti quelli proposti. Mediante il pulsante Change si può modificare il percorso di installazione. Facendo click su Next proseguiamo con l installazione: 6 A questo punto viene eseguita l installazione di tutti i componenti necessari mediante una barra di progressione: 7 Una volta completata la procedura viene chiesto di fare click su Continue per uscire dall installazione: Adesso la JVM è in esecuzione e tutti i componenti per la compilazione sono stati installati. 7

20 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo Il settaggio delle variabili d ambiente Affinchè la JDK possa funzionare è necessario settare le variabili d ambiente del sistema operativo. In questo caso avendo deciso di effettuare una installazione per Windows a 64 bit procediamo come segue. 1 Facciamo click con il tasto destro del mouse sull icona Computer e selezioniamo la voce Proprietà: 2 A questo punto attiviamo la voce Impostazioni di sistema avanzate: 3 Appare una finestra nella quale dobbiamo selezionare la scheda Avanzate e quindi fare click sul pulsante Variabili d ambiente: 8

21 L ambiente di programmazione Lezione 1 4 A questo punto dobbiamo selezionare la variabile d ambiente chiamata Path che contiene i percorsi che il sistema è in grado di riconoscere da solo. Il percorso della JDK è importante per poter utilizzare il compilatore e la macchina virtuale per l esecuzione delle nostre applicazioni. Per fare questo dobbiamo selezionare la riga della variabile d ambiente Path e aggiungere alla fine della riga chiamata valore variabile il percorso della JDK installata sul computer. Nel nostro caso esso è: C:\Programm Files\Java\jdk1.7.0._05\bin 5 A questo punto possiamo provare il nostro primo programma. Per fare questo editiamo il codice seguente all interno del file ScriviSulVideo.java, usando un editor qualunque: 9

22 UdA 1 La sintassi Java e l ambiente di sviluppo 6 Salviamo il file in una cartella qualunque, in questo caso di nome prova direttamente nella root del disco fisso C:\ ScriviSulVideo.java 7 Adesso per verificare l avvenuta installazione della JDK dobbiamo provare il compilatore usando l ambiente a linea di comando. Per fare questo attiviamo l ambiente prompt dei comandi attraverso il comando cmd.exe: 8 Ora ci posizioniamo nella cartella che contiene il file. La cartella prova è stata creata proprio sotto alla root del disco fisso per agevolare gli spostamenti nell ambiente a linea di comando. Digitiamo il comando cd \prova seguito dal tasto Invio per posizionarci all interno della nostra directory che contiene il programma da compilare: 9 Adesso possiamo compilare il codice sorgente rappresentato dal file ScriviSulVideo.java attraverso il comando javac seguito dal nome del file da compilare: Il risultato della compilazione viene memorizzato in un file avente il medesimo nome di quello della classe contenuta nel file java, ma con estensione.class. Si trova quindi nella stessa directory di lavoro utilizzata nel comando precedente, un file chiamato ScriviSulVideo.class che contiene il bytecode della classe compilata. Il bytecode non è direttamente eseguibile dalla macchina, ma viene interpretato dall ambiente di esecuzione, il Java Runtime Environment (JRE). Java Runtime Environment Si tratta del software che consente l esecuzione di programmi compilati per la piattaforma Java. All interno di questo componente troviamo la Virtual Machine per la piattaforma Java che si occupa di eseguire il bytecode Java risultato della compilazione, le librerie di base che contengono le funzionalità di base della piattaforma, come per esempio la classe String e i file di supporto come per esempio i messaggi localizzati nelle diverse lingue supportate da Java, le icone e altro. 10

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Il Tutorial per BlueJ

Il Tutorial per BlueJ Il Tutorial per BlueJ Versione 1.4 per BlueJ Versione 1.2.x Michael Kölling Mærsk Institute University of Southern Denmark Tradotto in italiano da Vito Di Viggiano, Orlando Demauro, Gianluca Leo, Gianpaolo

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

guida utente showtime

guida utente showtime guida utente showtime occhi, non solo orecchie perché showtime? Sappiamo tutti quanto sia utile la teleconferenza... e se poi alle orecchie potessimo aggiungere gli occhi? Con Showtime, il nuovo servizio

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi Primo in C Un semplice L ambiente di sviluppo Dev-C++ Codifica del Compilazione e correzione errori Esecuzione e verifica 2 Esercizio Somma due numeri Si realizzi un in linguaggio C che acquisisca da tastiera

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli