A4 INGEGNERIA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A4 INGEGNERIA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4."

Transcript

1 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4.3 COMPATIBILITA1 IDRAULICA DELLE OPERE IDRAULICHE PREVISTE NEL PMU 4.3 CON LE OPERE COMPRESE NEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE DEL "COLLETTORE ORIENTALE DI SCARICO DELLE ACQUE METEORICHE SCOLANTI PROVENIENTI DALL'ABITATO DI CAMPI BISENZIO" DOTI. ING. DAVID MALOSSI OTTOBRE 2012

2 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI STANI SOMMARIO 1 PREMESSA,, 2 2 DESCRIZIONE DELLE OPERE PREVISTE NEL PROGETTO GENERALE "RING" 2 3 INDICAZIONI PROGETTUALI., 4 4 DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE 6 5 CONCLUSIONI G-PRATO

3 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI I PREMESSA La presente relazione tecnica è a corredo del Piano di Massia Unitario 4,3 nel coune di Capi Bisenzio. Il piano prevede una destinazione produttiva degli iobili in fase di realizzazione con a corredo opere di urbanizzazione quali strade, parcheggi ed aree a verde. II presente approfondiento si rende necessario al fine di valutare la copatibilita dell'intervento proposto con la disciplina vigente in ateria di rischio idraulico, in particolare la conforità della previsione di intervento con le indicazioni previste nel Progetto Preliinare del "Collettore orientale di scarico delle acque eteoriche scolanti provenienti dall'abitato di Capi Bisenzio". Il suddetto progetto preliinare infatti rappresenta una generale sisteazione idraulica del reticolo delle acque basse relativo all'intera area urbana di Capi Bisenzio ed è stato redatto al fine di conciliare le esigenze di espansione urbana del Coune con i vincoli iposti dalle effettive possibilità di saltiento delle acque nei canali di bonifica presenti sul territorio. Il progetto generale di sisteazione idraulica fa riferiento per la stia delle portate di picco allo studio idrologico idraulico redatto a fira dell'lng. David Settesoldì relativo all'intero abitato di Capi Bisenzio. Di seguito verranno indicate quelle che sono le linee generali che dovranno essere seguite in fase di progettazione esecutiva delle opere idrauliche a corredo del nuovo piano di lottizzazione. 2 DESCRIZIONE DELLE OPERE PREVISTE NEL PROGETTO GENERALE "RING" 11 progetto generale prevede la realizzazione di una rete di canali ed opere idrauliche che garantiscano il deflusso delle acque eteoriche del centro abitato di Capi Bisenzio all'interno del reticolo di bonifica. Il progetto generale è stato suddiviso in 6 lotti funzionali dei quali analizzereo nello specifico quello di interesse per l'intervento edilizio specifico ovvero il LOTTO 1. Il lotto 1 prevede la realizzazione di un sistea di casse di espansione ubicato in loc. Lupo, coposto da due oduli distinti ubicati rispettivaente in destra idrografica (area Lupo) e in sinistra idrografica (area Razzai). Le principali caratteristiche geoetriche dei suddetti oduli del sistea di lainazione sono riportate nella tabella di seguito. Cassa dì espansione [codice] Superficie [2] Quota fondo [ s.l..j Quota argine [ s.i..j Sezione portella (codice] Quota portella [ s.l..] Lupo 40' VH500_ Razzai 49 ' VI1500_ TEI/FAX a4ingegneria.it

4 ÌNGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSl E TANI Ciascun odulo del sistea di lainazione è separato con argini in terra dal corso d'acqua. La quota delle soità arginali di ciascun odulo risulta quella del piano capagna, ad eccezione del lato sud in adiacenza alla loc. Casa Razzai. Il sistea di lainazione risulta alientato dal t. Vingone ediante due coppie di portene per ciascuna cassa di espansione, che collegano la sezione VI1500 ai rispettivi oduli. Le portelle sono tutte caratterizzate da due luci rettangolari larghe 4.0 ed alte 1.60, con quota di iposta a s.l.., e dotate di paratoie piane. E' prevista inoltre la realizzazione di una bocca tarata in corrispondenza della sez. V11500, costituita da tre luci rettangolari, larghe 3.0 quelle laterali e 4.0 quella centrale, dotate tutte di paratoie piane in odo da avere una aggiore flessibilità di utilizzo. La tipologia della bocca tarata risulta analoga a quelle esistente sul t. Vingone in corrispondenza delle opere di alientazione della cassa di espansione in toc. Dietti. A onte della bocca tarata sono previste le opere di alientazione delle casse di espansione. / / X/ Figura 1 - PLANIMETRIA INTERVENTI DI LOTTO 1 a4ingegneha.it

5 A4 INGEGNERÌA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E T<ANI Le casse di espansione previste avranno sia la funzione di lainare le portate di piena del Fosso Vingone che di copensare gli auenti di ipereabilizzazione derivanti dai nuovi interventi previsti nel regolaento urbanistico (tra cui il PMU 4.3). 3 INDICAZIONI PROGETTUALI L'intervento edilizio relativo al PMU 4.3 quindi risulta strettaente legato alia realizzazione degli interventi di LOTTO 1. Attualente risulta in fase di approvazione da parte del Coune di Capi Bisenzio il progetto definitivo di Prio Stralcio delle casse di espansione del LOTTO 1 il quale fornirà le voluetrie necessarie alla copensazione idraulica delle aree di nuova lottizzazione. Alla luce della previsione ipotizzata nel progetto generale deriva che l'intervento PMU 4.3 risulta fattibile senza che all'interno del piano vengano realizzate nuove aree di copensazione con la prescrizione però che il diensionaento delle opere di scarico fognario sia in linea con quanto previsto nel progetto generale del Ring e che la nuova lottizzazione contribuisca econoicaente alla realizzazione della cassa di LOTTO 1 in ragione di un contributo da quantificare. Il progetto preliinare fa diretto riferiento per le portate idrologiche allo studio redatto dall'lng. David Settesoldi di cui in preessa, nel quale sono stati valutati i contributi di ogni intervento edilizio di progetto. Nello specifico il PMU 4.3 ricade all'interno del bacino idrografico relativo all'iissione 12 del odello idrologico coe di seguito chiaraente rappresentato in figura. V/x 7^*K Figura 2 - INDIVIDUAZIONE BACINI IDROGRAFICI 591QO-PRATO

6 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E tani La durata crìtica del bacino relativo all'iissione 12 è pari a circa 1 ora valore per il quale si assiizza fa portata scaricata nel Fosso Vingone secondo il seguente idrograa. Subbasin"iM 12"ResuitsforRun "Run TR2QO oraot" Legend (CopateTe: i8apr20u, 19:27:58) " "" Run RunjrR2GOj3ratri teerilmj2resuft;precipitaiion Run:Run_TR2QQj>rstai Beent:M_12 Resutt Qutflow " RurvRun_TR300_ora01 RunRun TR20Q orao! Beent;IM 12Resutt:Baseffow _ Project: CAMPI_01 Siulation Run: Run_7R200_oraQ 1 Subbasin: IM_12 Start of Run: 01gen200G, 00:00 End of Run: Olgen2000, 12:00 Coputo Tie: 18apr2Gll, 19:27:08 Basin Model: CBOB Meteorologie Model: TR200_ora01 Contro! Specifications; d <= lora Volue Unite: a M 1000 M3 Coputed Resutts Peak Dìscharge : (M3/S) Tota! Precipttation : (MM) TotalLoss: 19.79(MM) TotalExcess: (MM) Date/Tie of Peak Dìscharge ;01gen2000,01:15 Tote! Direct Runoff : (MM) Total Basefìow : 0,00 (MM) ttscharge: 51.25(MM) Figura 3- INDIVIDUAZIONE DELLA PORTATA DI DIMENSIONAMENTO DEL RETICOLO FOGNARIO PRINCIPALE eail:inf

7 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI 6.TANI Di conseguenza il valore di portata che dovrà essere saltito dal reticolo fognario sarà pari a 1.66c/sec. 4 DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE Prowedereo adesso al diensionaento della condotta capace di saltire la portata calcolata nel paragrafo precedente. Allo stato di progetto verrà posizionata una condotta circolare DN1000 in cls a partire dal liite sud del PMU 4.3 sotto il tappeto stradale della Via di Centola fino a raggiungere il Fosso Vingone dove verrà realizzato un anufatto di scarico in scogliera, che rivesta la sezione idraulica nella sua copletezza per 3 a onte e 3 a valle rispetto all'iissione, al fine di evitare fenoeni di erosione e scalzaento dovuti alle portate in uscita dalla nuova condotta. Il tubo sarà dotato di valvola di non ritoo. La pendenza del tubo sarà pari al 1%. Di seguito procedereo alla verifica del corretto diensionaento della condotta ediante la Forula di Chezy con coefficiente scabrezza di Gauckler-Strickler Con: v velocità di scorriento R raggio idraulico K coefficiente di scabrezza pari a SO i pendenza del tratto 0.01 B eail:inf

8 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSS! E TANI L 60,000 Ah G.80G i N.B.: Le celle arancioni sono di input h , Q , A q S75 0, , P r B R h - Tirante idrico A- Sezione idrica (area bagnata) P- Contoo bagnato B - Larghezza del pelo libero R-Raggio idraulico A/P Gauckksr-Strickler L Ks Dh h , V - x-v'r x i < A X = K s X xr1/6 r V /s Q c/s VA/r , Q/Qr , ,0X h/r , , '* 200 u O y^ ^r-*"^*,,1771, ^ X / s / Diagraa delle velocità > 4 grado di riepiento "h" Diagraa delle portate js _^*^ Jr-1*""*s^ i / *! / \ , , ,95 grado di rie piento "h" La assia portata saltibile dalla condotta è pari a 2.67c/sec. la portata di progetto pari a 1.66c/sec viene saltita con un franco pari a 40c. a4ingegneria.it

9 1NGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSì E TANI SITUAZIONE ATTUALE TEUFAX a4ingegneria.it

10 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI nuovo pozzetto in sostituzione di quello esistente tubo cls diaetro 1000 p = 1% NOTA: la quota de) fondo del nuovo tubo all'innesto del Vìngone Lupo sarà!a stessa del tubo esistente SITUAZIONE MODIFICATA a4ingegneria.it

11 INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI 5 CONCLUSIONI Alla luce di quanto sopra descritto l'intervento risulta fattibile ed in linea con i progetti generali depositati ed approvati. Pertanto la presente relazione può essere allegata al parere preliinare da richiedere al Consorzio di bonifica Obrone P.se Bisenzio circa fa copatibilita idraulica del PMU 4.3 con gli interventi idraulici generali in corso di progettazione. FIRMA DOTT. 1NG. DAVID MALOSS) 10

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA VIALE ALDO MORO OLBIA GOLFO ARANCI V.LE. d7 d8 ALDO MORO VIA CAIRO VIA ATENE VIA VIA TUNISI

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA VIALE ALDO MORO OLBIA GOLFO ARANCI V.LE. d7 d8 ALDO MORO VIA CAIRO VIA ATENE VIA VIA TUNISI 40 HELSINKI 70 VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA LE ALDO MORO OLBIA GOLFO ARANCI d1 d3 d4 d2 d5 d6 d7 d8 V.LE ALDO MORO CAIRO ATENE TUNISI 40 LUBIANA MOSCA MOSCA NAIROBI STRADA 3

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Dott. Ing. Cristiano Cappelli RELAZIONE TECNICA SOMMARIO

Dott. Ing. Cristiano Cappelli RELAZIONE TECNICA SOMMARIO SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 FASI DELLO STUDIO... 3 3 ACQUISIZIONE ED ANALISI DEI RISULTATI DELLO STUDIO IDRAULICO A SUPPORTO DEL RU... 4 3.1 Corsi d'acqua studiati... 4 3.2 Dati topografici... 5 3.3 Analisi

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi Comune di Concesio Provincia di Brescia Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi VERIFICHE DI COMPATIBILITÀ

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Comune di Sestri Levante (GE) Area di San Bartolomeo. Analisi del rischio idraulico

Comune di Sestri Levante (GE) Area di San Bartolomeo. Analisi del rischio idraulico Area di San Bartolomeo Analisi del rischio idraulico Genova, 10 gennaio 2014 SF 766 rev. 00 STUDIOELB INGEGNERI ASSOCIATI Ing. Ernesto La Barbera - Ing. Riccardo Giammarini - Ing. Andrea Deprati Ing. Simona

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA

IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA CONSORZIO DI BONIFICA SAVIO RUBICONE CESENA - COLLEGIO INGEGNERI E ARCHITETTI DI CESENA E COMPRENSORIO IL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA ORDINE INGEGNERI PROVINCIA FC COMUNE DI CESENA Programma dei lavori

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO

PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO Servizio Edilizia Scolastica FABBRICATI DEL CIRCONDARIO DI IMOLA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI. Valutazione di Compatibilita' Idraulica

PIANO DEGLI INTERVENTI. Valutazione di Compatibilita' Idraulica PROVINCIA DI PADOVA P.I.n.3 Elaborato 12 Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Valutazione di Compatibilita' Idraulica tav. 1.1.1 Sindaco: Mirco Gastaldon Ufficio di Piano: Nicoletta Paiaro Valentina Giacon Roberta

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE PREMESSA... 2 1. DATI DI PARTENZA... 4 2. ESPANSIONE DEMOGRAFICA... 5 3. CALCOLO DELLA RETE NERA... 6 3.1 Parametri di calcolo... 6 3.2 Analisi dei beni e dei servizi da fornire ed individuazione

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA

PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA AUTORIZZAZIONI / CONCESSIONI PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA - aggiornamento agosto 2010 - pag. 1 PARALLELISMI - aggiornamento agosto 2010 - pag. 2 1. Canali a cielo aperto incassati (non arginati)

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

COMITATO ISTITUZIONALE

COMITATO ISTITUZIONALE COMITATO ISTITUZIONALE Verbale della Deliberazione n. 23 del 18 giugno 2015 Oggetto: Acque Veronesi scarl - Approvazione progetto definitivo Sistemazione rete fognaria Via Mangano Comune di San Giovanni

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI ZONA C2 del PRE: NUOVA URBANIZZAZIONE DI INTERESSE TURISTICO (Foglio n 8 particelle n.n. 4100, 264, 265) PROGETTO EDILIZIO UNITARIO (P.E.U.) OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA

Dettagli

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Progetto Esecutivo Oggetto : Realizzazione di una rotatoria all incrocio tra la S.P. n. 2 Sirolo-

Dettagli

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta ESERCITAZIONE N. 1 (23 MARZO 2005) Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta PROBLEMA 1 Una portata Q di 1260 m 3 /h scorre in un canale circolare

Dettagli

GUVALIT SRL Verifica idraulica delle reti fognarie al servizio del P.I.I. TS1 - GAGGIANO RELAZIONE TECNICA

GUVALIT SRL Verifica idraulica delle reti fognarie al servizio del P.I.I. TS1 - GAGGIANO RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA 1 - Premesse La Società GUVALIT SRL ha in programma di realizzare un piano di intervento integrato denominato TS1 in Comune di GAGGIANO, in cui sono comprese, tra le opere di urbanizzazione

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA

AIRIS INGEGNERIA PER L AMBIENTE. Piano Particolareggiato Comparto D2.32 COMUNE DI MINERBIO. Proprietà: INVER R.E. S.r.l. RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA Piano Particolareggiato Comparto D2.32 Proprietà: INVER R.E. S.r.l. Progetto: No Gap Progetti S.r.l. Gruppo di lavoro Francesca RAMETTA (coordinamento) Valeriano

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

DETERMINAZIONE NUMERO: 38 DEL 18/02/2010

DETERMINAZIONE NUMERO: 38 DEL 18/02/2010 DETERMINAZIONE NUMERO: 38 DEL 18/02/2010 OGGETTO: approvazione del progetto preliminare relativo ai lavori di Rifacimento tronco fognario di Frazione Castello da Frazione Caucino a Via Piave nel Comune

Dettagli

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148)

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) D.M. 16 aggio 1987, n. 246 Nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) Sono approvate le nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE INDICE 1

Dettagli

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE P I E T R O B O N & R O S S I E N G I N E E R I N G S I N E R G O P R O G E T T I piazza della serenissima, 20-31033 castelfranco veneto (tv) tel. 0423/49.49.55/72.46.83 - fax 0423/72.09.66 www.sinergoprogetti.it

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Coo via El Alaein 11/b - Coo Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5 2.1 INTERVENTI DI PROGETTO... 5 2.2 GESTIONE DELLE INTERFERENZE... 7 Progetto esecutivo 1 1 PREMESSA L Amministrazione Comunale di Montalcino, con l obiettivo

Dettagli

COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE

COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE CALCOLO DELLA PORTATA DELLE ACQUE METEORICHE Il calcolo per la verifica idraulica di seguito riportato

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso Pagina 1di 16 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DESCRITTIVA DEL RISCHIO IDRAULICO INDIVIDUATO... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITA... 6 4 OPERA DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO: GENERALITA' E SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

COMPLESSO SAN BENIGNO

COMPLESSO SAN BENIGNO COMPLESSO SAN BENIGNO Studio per una infrastruttura di condizionaento del coplesso attraverso l uso dell acqua di are Introduzione Lo studio riporta alcune idee di assia ed una valutazione costi benefici

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini:

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: un esempio virtuoso di collaborazione fra Istituzioni e Gestore per il miglioramento degli standard ambientali Luca Migliori Responsabile Ingegneria

Dettagli

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO

PROGETTO. Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO PROGETTO Contratti di quartiere II - CASCINA RASARIO RELAZIONE IDRAULICA FOGNATURE ACQUE NERE E BIANCHE PROGETTO REDATTO IN DATA ottobre 2013 RESPONSABILE PROCEDIMENTO : ING. MARCELLO MONFRINOLI PROGETTISTA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Comune di Soliera. Provincia di Modena

Comune di Soliera. Provincia di Modena Comune di Soliera Provincia di Modena PROGETTO PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI DI RIEQUILIBRIO IDRAULICO RETE FOGNARIA PRINCIPALE DELLA ZONA OVEST DEL CAPOLUOGO E RELATIVO RETICOLO IDROGRAFICO SUPERFICIALE

Dettagli

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali III Le esperienze nei piani provinciali e comunali 2 PARTE III L invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche nel contesto della VAS di Davide Broccoli, Leonardo Giorgi, Paolo Mazzoli e Alberto

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO ATR10

PIANO ATTUATIVO ATR10 STUDIO DI INGEGNERIA CIVILE-IDRAULICA Dott. Ing. Michele Giorgio Via Stelvio, 2 24125 Bergamo Tel 035-402214 Fax 035-402214 P. IVA 02685550168 C.F.: GRG MHL 71D15 A794F e-mail: michele.giorgio@sfera.biz

Dettagli

Comune di RAVENNA (EMILIA ROMAGNA) RELAZIONE IDRAULICA

Comune di RAVENNA (EMILIA ROMAGNA) RELAZIONE IDRAULICA Pag. 1 di 22 Comune di RAVENNA ALLEGATO 11 (EMILIA ROMAGNA) Piano Urbanistico Attuativo (PUA) Ambito a programmazione unitaria e concertata denominato: CoS4 - De Andrè RELAZIONE IDRAULICA Soggetti Richiedenti:

Dettagli

RETI E IMPIANTI AFFERENTI AL COMPARTO 4M, 4M SUB.1, 4M SUB.5 IN COMUNE DI CASTEL MAGGIORE

RETI E IMPIANTI AFFERENTI AL COMPARTO 4M, 4M SUB.1, 4M SUB.5 IN COMUNE DI CASTEL MAGGIORE 14/6/213 D.P. L.R. N.G. Emissione REV. DATA ioate) REDATTO (DRWN.BY) CONTROL, rchgk'dj APPROVATO (APPR-D) DESCRIZIONE (DESCRIPTION) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) DIREZIONE TECNICA CLIENTI - LAVORI -

Dettagli

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA...

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... 3 1.3 DIMENSIONAMENTO DELLA RETE FOGNARIA NERA... 4 1.4 DIMENSIONAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST Studio di inserimento viabilistico nel quadrante Sud-Ovest della città, tra la tangenziale e la linea ferroviaria Firenze

Dettagli

S T U D I O I N G E G N E R I A S S O C I A T I

S T U D I O I N G E G N E R I A S S O C I A T I Oggetto: Piano Attuativo ex sceda norma 13.2-13.3 in variante Campaldo - via Pietrasantina La Porta Nuova Progetto Opere di Urbanizzazione Relazione tecnica descrittiva PREMESSA Il progetto delle opere

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

Relazione di verifica idraulica Pag. 1

Relazione di verifica idraulica Pag. 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Sottovia veicolare km 172+308... 2 1.2. Sotttopasso pedonale km 169+423... 2 2. IDROGEOLOGIA... 2 3. VALUTAZIONE DEGLI APPORTI METEORICI... 4 4. METODOLOGIA DI CALCOLO...

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Il sottoscritto Carlo Milani, nato a Massa il 15/12/49 residente in Massa, Via Venturini n 2, laureato in Ingegneria Civile Sez. Idraulica presso l università di Pisa il 12/12/1973

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli