Proiezione cinematografica digitale: scegliere la giusta tecnologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proiezione cinematografica digitale: scegliere la giusta tecnologia"

Transcript

1 Libro bianco Proiezione cinematografica digitale: scegliere la giusta tecnologia Alen Koebel

2 PROIEZIONE CINEMATOGRAFICA IGITALE E sempre meglio avere delle scelte. Oggi, al momento di decidere quale sistema di proiezione cinematografica digitale soddisfa meglio le esigenze del vostro business e le aspettative dei vostri clienti, avete più scelte che mai. In primo luogo è possibile scegliere tra le tecnologie di proiezione, oggi sono due e potenzialmente saranno di più in futuro. i può scegliere tra due formati di pixel (risoluzioni). Avete una scelta di tecnologie per il 3, un alto valore aggiunto per la proiezione cinematografica digitale. Infine, avete una scelta di fornitori. Non tutte queste scelte sono indipendenti. E non è sempre chiaro quale di loro sia quella giusta per un determinato cinema. Per chiarire la confusione, questo libro bianco tratta le tecnologie pertinenti, le loro differenze fondamentali e mostra come influenzano i fattori più importanti per la proiezione al cinema: qualità dell immagine, funzionalità, affidabilità e costi di gestione. Che cosa rende una buona immagine? La proiezione di un immagine al cinema con buona qualità è ovviamente un fattore molto importante. Ma cosa fa sembrare un immagine buona? Tecnicamente le immagini possono essere definite da una serie di diversi parametri quali luminosità, contrasto, spazio colore, profondità di colore, risoluzione, frequenza di aggiornamento del dispositivo e, per le immagini in movimento, la risoluzione temporale. La valutazione soggettiva di un immagine come buona o povera si basa sull effetto complessivo di tutti questi parametri che lavorano insieme. La risoluzione in particolare è spesso proposta come il parametro più importante da coloro che hanno interesse a farlo. Tuttavia, la maggior parte delle persone sarebbe d accordo sul fatto che un immagine fioca, slavata con colori poveri, come un esempio estremo, comunque non sarebbe buona, non importa quanto sia nitida. Tutto il resto deve essere concentrato nella risoluzione per fare la differenza. Come questo documento vi mostrerà, non tutte le tecnologie di proiezione sono ugualmente abili nell ottenere tutto nel modo corretto. Conteggio pixel al momento che la risoluzione è spesso presentata come il parametro più pertinente, esaminiamolo in qualche dettaglio. La risoluzione è spesso identificata con il formato dei pixel del dispositivo di visualizzazione, quindi spesso si sente dire che un proiettore 2K dispone di un risoluzione di 2048 x 1080, mentre quella di un proiettore 4K è di 4096 x Tuttavia, formato dei pixel in di display non ha la stessa risoluzione. Il formato pixel vi dà solo un idea della quantità di informazioni che un immagine può contenere, considerando che la risoluzione spiega come gran parte di quelle informazioni effettivamente vengono trasmesse alla schermata e possono (potenzialmente) essere viste dal pubblico. La risoluzione dipende sia dalla tecnologia di proiezione e che dalle capacità del sistema visivo umano (HV) in un cinema. Per quanto riguarda le HV, gli optometristi usano comunemente l immagine di nellen (figura 1) per determinare approssimativamente la capacità visiva in base alla riga letta nel modo migliore ad una determinata distanza di riferimento. L acuità visiva normale è identificata con i 10/10 (o 6/6 in metrica), significa che una specifica riga sulla carta può essere letta ad una distanza di 6 metri. Ancora più importante per questa discussione, i dettagli più fini delle lettere su quella linea (ad esempio, i tratti della lettera E) sono uno minuto angolare dell ampiezza dell arco, o 1/60th di un grado. e le immagini sono state presentate in digitale utilizzando pixel discreti, la visione a 20/20 di questo tipo equivale alla risoluzione di 60 pixel per grado. Tuttavia, risolvere in questo contesto significa soltanto che possiamo identificare una lettera composta da pixel. Non dice che possiamo vedere chiaramente la forma di ogni pixel (se si tratta di un quadrato o di un punto tondo, per esempio) e non dice nemmeno se saremo in grado di vedere chiaramente alcuna separazione o differenza tra pixel adiacenti che potrebbero esistere. Per fare entrambe le cose bisognerebbe avrebbe probabilmente una maggiore acuità visiva. Questo è importante nel contesto del cinema digitale, dal momento che tutte le tecnologie di proiezione attualmente in uso utilizzano pixel quadrati, con una bassa variabilità di spazio tra pixel. La luminosità richiede un altra considerazione. Nel test di nellen la tabella deve essere adeguatamente illuminata, in modo tale che la luminanza minima dello sfondo bianco sia di 120 candele per metro quadro (cd / m²) [1]. Questo assicura che la pupilla dell occhio si dilati a circa tre millimetri, con conseguente acuità massima [2]. La luminanza nominale di picco bianco specifica per immagini da cinema digitale, invece, è solo di 48 cd/mq, più comunemente espressa come 14 foot-lamberts (fl) [3]. In combinazione con l effetto di un bordo scuro, questo comporta una dilatazione della pupilla nell intervallo di 4-6mm [2]. Perché le aberrazioni ottiche aumentano con apertura dell obiettivo, questo provoca un calo di circa il 30% della acuità visiva, pari ad una visione di 20/28, circa 42 pixel per grado [4]. Ad ogni modo, c è disaccordo sul fatto che la normale acuità visiva corrisponda a 60 pixel per grado. Alcuni ipotizzano numeri più bassi come 44, che in un ambiente scuro come il cinema diventano soltanto 32 pixel per grado [5]. i noti che i numeri di cui sopra si applicano solo ad un immagine prevalentemente bianca contenente testo nero, come l immagine di nellen. La luminanza media delle immagini più reali in un film, che contengono un mix di colori e livelli di grigio, è nettamente inferiore, con conseguente dilatazione delle pupille al massimo delle dimensioni, di conseguenza con inferiore acuità. Le scene molto scure in particolare, possono indurre lo HV ad avvicinarsi o addirittura entrare nella regione mesopica, in cui esso è più sensibile alla luce normale, ma con inferiore distinzione del colore e meno acuità. Vedere in modo nitido Indipendentemente da quale numero effettivo si applichi all acuità mentre si guarda un film al cinema, questo ci spiega solo i minimi dettagli che possiamo rilevare. Come si è notato, a causa di un altra proprietà dello HV i dettagli più fini non contribuiscono molto alla nostra percezione di nitidezza. Un rapporto chiamato Funzione di sensibilità al contrasto (Figura 2) descrive come differenti frequenze di dettaglio spaziale (il ritmo in base al quale linee chiare e scure si alternano) sono viste con diverse quantità di contrasto. Vediamo i dettagli più chiaramente cioè con il massimo contrasto nell intervallo tra le 4 e e le 9 coppie di linee per grado, ovvero tra gli 8 ei 18 pixel per grado [6]. Un immagine che riproduce le frequenze spaziali di questa gamma con un elevato contrasto sarà nitida. 1

3 PROIEZIONE CINEMATOGRAFICA IGITALE Figura 1 Tipica Tabella di nellen Figura 2 Funzione di ensibilità al Contrasto Le frequenze spaziali elevate dell immagine contribuiscono molto meno a questa percezione. Per comprendere l effetto della sensibilità al contrasto, dobbiamo esaminare le distanze dei posti a sedere in un cinema. Le dimensioni dello schermo e le geometrie dei cinema sono diverse, naturalmente, ma riguardo agli attuali posti a sedere degli stadi, la distanza dei posti a sedere dallo schermo varia in un range molto simile quando si esprime in multipli di altezza dello schermo. I sedili più vicini lo sono di solito un po meno rispetto ad una singola altezza dello schermo, mentre i più lontani sono più vicini rispetto a tre altezze dello schermo (Figura 3). alla distanza di un altezza dello schermo, lo schermo si estenderà per 53 gradi del nostro campo visivo verticale. Orizzontalmente, sarà ovunque da quasi 100 gradi a quasi 130 gradi, ben oltre ciò che la maggior parte dei telespettatori preferisce sperimentare. La scelta alla fine più esigente della gamma di frequenze spaziali che sono importanti per la nitidezza - 18 pixel per grado - si traduce in un requisito minimo di 956 pixel verticali (le righe di pixel). In direzione orizzontale, un immagine piatta (1.85:1) richiederebbe un minimo di 1769 pixel. (Per campo di applicazione, i requisiti dipenderanno dalla costanza dello schermo, se in larghezza o in altezza.) Considerato che il contrasto pixel-to-pixel è molto elevato per le frequenze spaziali più importanti, un immagine con queste dimensioni in pixel o superiori sarà nitida. Questa conclusione è coerente con le esperienze soggettive dei clienti dei cinema su innumerevoli immagini di visualizzazione LP Cinema nel corso degli ultimi anni. Le immagini di questi proiettori 2K, che si inseriscono all interno di un immagine full-frame contenitore di 2048 x 1080, effettivamente appaiono nitide, anche dalla prima fila del cinema. Questo non sarebbe possibile se non fosse per le elevate prestazioni della stessa tecnologia LP, che fornisce l elevato e necessario contrasto pixel-to-pixel. Vedere i pixel E riguardo al 4K? Come abbiamo visto, non è necessario ottenere immagini nitide in quanto anche la proiezione 2K fornisce una risoluzione sufficiente, assumendo l uso della tecnologia LP. Il vantaggio principale del 4K è, piuttosto, la riduzione che offre nella visibilità dei pixel, un problema che è completamente diverso rispetto alla risoluzione. In certe immagini (i titoli di coda di un film, per esempio) gli spettatori seduti nelle prime file di un cinema possono rilevare la forma quadrata dei pixel in un immagine 2K mentre caratteri scorrono sullo schermo. I posti più vicini sono tradizionalmente sempre stati i meno desiderabile per la maggior parte dei clienti, in quanto gli angoli di visione sono troppo ampi e l inclinazione può risultare sgradevole. Nel caso di una visione in 35 millimetri, la grana pellicola è anche molto più evidente. Tuttavia, a causa della sua naturale grana, la pellicola può essere meno discutibile rispetto ad una struttura statica in pixel. Un immagine 4K ha il doppio dei pixel in entrambe le direzioni, orizzontale e verticale, che si traduce in quattro pixel nello spazio occupato da un singolo pixel in una immagine 2K. ato che i pixel sono la metà della dimensione in ogni direzione sono proporzionalmente più difficili da rilevare. Questo diventa più importante per gli schermi più ampi, dal momento che la larghezza aumentata del cinema pone un maggior numero di poltrone più vicine allo schermo. Un argomento tipico del 4K è che semplicemente ha molti più pixel che la TV ad alta definizione 1080p TV. Perché i clienti dovrebbero venire al cinema per vedere quasi lo stesso numero di pixel che possono guardare a casa? In questo caso, ancora una volta, la qualità delle immagini non viene considerata in modo corretto, considerando un unico parametro: il numero di pixel. Ciò trascura il fatto che le immagini digitali del cinema sono molto, molto meglio in altri aspetti più importanti che anche dei migliori formati home video (ad esempio, Blu-ray isc ). Rispetto al Blu-ray isc, le immagini digitali cinema hanno una gamma di colori più ampia, quattro volte le informazioni sul colore, sono fino a sedici volte migliori in termini di risoluzione delle tonalità di grigio e sono stati compresse molto più leggermente con uno schema di compressione che consente che gli artefatti siano meno visibili (JPEG 2000 ). Un altra differenza fondamentale tra cinema e home theater è che ben poche case hanno la possibilità di avere un ampio schermo da circa 6 metri o oltre (nella maggior parte sono meno di quattro metri di larghezza). L argomento basato sul fatto che sedersi più vicino a uno schermo più piccolo, in proporzione, equivale alla visualizzazione di un grande schermo in un cinema, ignora il fatto che la distanza fra gli occhi non cambia percepiamo la dimensione reale dello schermo e la distanza. Il cinema digitale non è mai stato solo HTV. 2

4 PROIEZIONE CINEMATOGRAFICA IGITALE Figura 3 Tipico auditorium dove la prima fila è a poco meno di 1 schermo d altezza dallo schermo e l ultima fila è circa 3 altezze di schermo dallo schermo stesso. Tecnologie di proiezione Infine, la scelta della tecnologia di proiezione ha il massimo effetto sulla qualità dell immagine, nonché su altri fattori importanti della proiezione nelle sale, tra cui funzionalità, affidabilità e costi di gestione. ue tecnologie di proiezione vengono utilizzate oggi per cinema digitale: LCo (Liquid Crystal on ilicon) e LP. Queste sono anche comunemente utilizzate per applicazioni di altri tipi di proiezione, dove sono unite dall LC (Liquid Crystal isplay). L LC, tuttavia, non ha soddisfatto le esigenti richieste del cinema digitale ed i proiettori LC non sono attualmente certificati per la riproduzione di Hollywood tudio Content, soltanto i proiettori LP Cinema hanno ottenuto con successo il CI (igital Cinema Initiatives, LLC) superando il piano di certificazione CI. Lo stesso vale per tecnologie alternate quali GLV (Grating Light Valve) e la proiezione a scansione laser, che oggi hanno un uso molto limitato e non sono ancora in grado di esprimere livelli di luce necessari per il cinema digitale ad un prezzo accessibile. LCo e LP sono fondamentalmente tecnologie molto diverse. LCo funziona imprimendo un voltaggio proporzionale ad un livello desiderato di grigio, attraverso un sottile strato di materiale cristallino liquido per controllare la polarizzazione della luce generata dalla sorgente. Nelle applicazioni cinema la sorgente luminosa è quasi sempre una lampada ad arco allo Xeno. In un dispositivo LCo (figura 4) lo strato di cristallo liquido è inserito tra un elettrodo di vetro trasparente da un lato e ciò che è essenzialmente un circuito integrato con uno specchio di alluminio come strato superiore sull altro lato. opo aver superato una volta lo strato di cristallo liquido, la luce viene riflessa dallo specchio e passa attraverso lo strato di nuovo, andando nella direzione opposta (figura 5). Per creare immagini, il dispositivo è organizzato in una matrice rettangolare di pixel che vengono indirizzati individualmente, utilizzando una serie di righe e di colonna di elettrodi che sono nascosti sotto lo strato dello specchio. LP è basato su un principio completamente diverso dallo strato di cristalli liquidi. In questo caso, la luce dalla lampada colpisce direttamente e riflette una serie di specchi di alluminio estremamente piccoli su di un circuito integrato, uno specchio per ogni pixel dell immagine (Figura 6). Ogni specchio è singolarmente indirizzato, non da un voltaggio analogico proporzionale all intensità dei pixel, ma da un singolo bit digitale. Nello stato 1 o on, uno specchio si inclina su un angolo, dirigendo la luce verso l obiettivo del proiettore allo schermo. Nello stato 0 o off, lo specchio inclinato nella direzione opposta, dirigere la luce ad un assorbitore di luce (Figura 7). Questo produce rispettivamente un picco di bianco o di nero puro. Per generare tra essi dei livelli di grigio, gli specchi sono capovolti tra lo stato on e off migliaia di volte al secondo. A questa velocità gli impulsi di luce singoli che ne derivano sembrano fondersi completamente tanto da vedere solo una media del livello di luce proporzionale al rapporto tra i tempi di on e off. I proiettori LCo e LP per il cinema digitale ottengono immagini a colori dalla scissione di una luce bianca ad alta intensità proveniente da una lampada allo Xeno in componenti rossi, verdi e blu e direzionandoli verso singoli dispositivi, uno per ogni colore. Un gruppo di prisma sovrappone le tre immagini componenti in un immagine a colori per la proiezione sullo schermo. LCo versus LP Le differenze fondamentali tra LCo e LP influiscono direttamente sulla progettazione dei proiettori per il cinema digitale, portando a significative differenze molto importanti in alcuni parametri di prestazione. Il primo parametro colpito è l efficienza ottica. Questo riguarda in primo luogo la potenza della lampada necessaria per ottenere la luminosità dell immagine specificata da MPTE (ociety of Motion Picture and Television Engineers) su uno schermo di una determinata dimensione [3]. Un basso rendimento ottico significa maggiore potenza, il che aumenta i costi operativi dovuti al consumo di energia elettrica superiore e la sostituzione delle lampade più frequentemente (nonché un costo unitario più elevato sulla lampada stessa se una lampada di maggior potenza è richiesta). i pone anche un limite alla dimensione massima di uno schermo che un proiettore è in grado di supportare, fattore che diventa un problema ancora maggiore per il 3 (argomento che sarà ripreso). Ad esempio, in base alle specifiche pubblicate del proiettore ony RX-R320, che utilizza una versione proprietaria dell LCo chiamata XR, emette lumen utilizzando una lampada a 4,2 kw [7]. Il rendimento ottico è quindi di 5 lumen per watt. In confronto, il proiettore Christie CP2220 LP Cinema, utilizzando una lampada molto meno potente dai 3,0 kw, può produrre altrettanti lumen centrali, con un efficienza ottica di 7,3 lumen per watt. Questo porta quasi un vantaggio del 50% per la tecnologia LP. Le misurazioni dei proiettori che operano nei cinema indicano che un vantaggio effettivo a favore del Christie CP2220 si avvicina al 100%. L uniformità in tutta l immagine è un altra area in cui LCo e LP operano in modo diverso. Questo a causa della diversa natura dei dispositivi. LCo è fondamentalmente una tecnologia analogica, in cui i livelli di grigio sono proporzionali ad un voltaggio. (LCo è solo digitale nel senso che l immagine è composta da pixel discreti.) La tensione necessaria per un determinato livello di grigio dipende principalmente dalle proprietà elettro-ottiche dello strato di cristalli liquidi, che possono variare attraverso il dispositivo. Queste proprietà sono influenzate anche dalle condizioni ambientali, in particolare la temperatura. Il cristallo liquido si riscalda in quanto assorbe inevitabilmente una certa intensità della luce, estremamente elevata, che lo attraversa nell applicazione per il cinema digitale. Ciò può causare problemi di uniformità ed alternanza di colore nell immagine. 3

5 PROIEZIONE CINEMATOGRAFICA IGITALE Figura 4 ispositivo LCo (Liquid Crystal on ilicon) Figura 5 Percorso della luce attraverso un dispositivo LCo È interessante notare che la tecnologia LP Cinema è stato riconosciuta dall Academy Boards of Governors ricevendo il AMPA cientific and Engineering Award* nel 2009 per la precisione del colore nelle anteprime digitali delle immagini in movimento. A differenza dell LCo, LP è una tecnologia veramente digitale. I pixel sono binari, che siano accesi o spenti. I livelli di grigio vengono raggiunti variando la temporizzazione tra ON e OFF. Non solo è altamente riproducibile, ma i tempi necessari per un determinato livello di grigio non sono sensibile alla temperatura o ad altre condizioni ambientali. Quindi, sfumature di grigio e colori sono intrinsecamente stabili e uniformi su tutto il dispositivo. Raggiungere prestazioni simili via LCo è una sfida. Con molta attenzione, sembra necessaria una calibrazione on-site, che deve essere eseguita periodicamente. ony offre un optional, un sistema camera-based CC che automatizza il processo. L affidabilità è un altro problema importante. opo molti anni di funzionamento, LP ha un track record ammirevole. Ad esempio, i proiettori Christie LP Cinema hanno un rapporto di uptime del 99,99% sulla base del monitoraggio della rete di migliaia di proiettori installati per un periodo di diversi anni. L affidabilità dei proiettori LCo è più difficile da stabilire, dal momento che ony non ha pubblicato i dati di affidabilità (al momento della stesura). Forse questo è semplicemente perché sono molti meno i siti che hanno operato abbastanza a lungo per raccogliere statistiche significative. Tuttavia, i problemi che ony ha sperimentato con i prodotti di consumo XR possono essere motivo di preoccupazione [8]. Una delle ragioni per cui Hollywood ha approvato oggi il cinema digitale è che ci sono tre produttori di proiettori LP Cinema, ma solo produttore di proiettori LCo, con conseguenti maggiori possibilità di scelta sul lato LP. Il marchio LP Cinema assicura anche una misura di intercambiabilità e un elevato grado di interoperabilità con altre apparecchiature nel cinema. L ultima generazione di proiettori LP Cinema continua questa filosofia, consentendo ai fornitori di terze parti di progettare prodotti Image Media Block che installano all interno dei proiettori, tutti sulla base di una specifica comune. La soluzione ony, al contrario, è interamente proprietaria. Figura 6 ispositivo LP device Figura 7 Percorso ottico verso un pixel inserito in un M (igital Micromirror evice) *I destinatari del riconoscimento dell Academy sono. cott ewald, Greg Pettitt, Brad Walker e Bill Werner. 4

6 ProiEZionE cinematografica igitale How it Works Tecnologie 3 Il 3 stereoscopico è un catalizzatore importante per il cinema digitale. I tentativi di portare al cinema nei primi anni 1950 e ancora nei primi anni 80, erano ostacolati dai limiti pratici di proiezione del film. Oggi, la tecnologia digitale per il cinema ha permesso una vera rinascita del 3, che rende più pratica che mai la sua proiezione in generale nei cinema. Ci sono molte scelte per aggiungere il 3 ad un proiettore Cinema LP, con offerte da olby, MasterImage, Real, Xpan e ora Panavision. Tutti condividono la tecnica di una rapida alternanza delle immagini per occhio destro e sinistro. Essi differiscono nel modo di assicurare che ciascuna di tali immagini raggiunga l occhio giusto. I sistemi Real e MasterImage impiegano dispositivi unici, quando posti davanti alla lente di proiezione cambiano la polarizzazione della luce tra le immagini per l occhio destro e quelle per l occhio sinistro. Gli spettatori indossano gli occhiali passivi (non alimentati) che dirigono lo stato di polarizzazione dell occhio sinistro e lo stato di polarizzazione per l occhio destro. Al contrario, i sistemi di olby e Panavision impiegano una filtro di colore all interno del proiettore che cambia la gamma di colori tra immagini per i rispettivi occhi. Gli occhiali passivi che gli spettatori indossano sono essenzialmente sofisticati filtri di colore. Il sistema Xpan si differenzia in quanto non modifica le immagini che lasciano i proiettori. Piuttosto, le lenti agiscono come saracinesche, che attivamente effettuano il passaggio tra l occhio sinistro e quello destro, alternativamente ostruiscono la vista di una apertura, consentendo la visione all altra parte. La scelta di un sistema rispetto ad un altro può dipendere da come le differenze di implementazione pratiche compromettere l azienda. I sistemi di Real e MasterImage richiedono schermi d argento, non è così per olby, Panavision e Xpan. (Tuttavia, poiché tutti i sistemi 3 beneficiano di uno schermo di qualità superiore, un nuovo schermo può essere utile in ogni caso.) Gli occhiali utilizzati da Real e MasterImage sono economici a tal punto da essere lasciati ai clienti. Gli occhiali olby, Panavision e Xpan sono relativamente costosi e che vengono in genere raccolti e lavati per l uso. Ci sono anche differenze nei modelli di business in offerta (costi di licenza vs proprietà). Tutti i sistemi 3 per singolo proiettore LP Cinema alternano le immagini tra occhio destro e sinistro a 144 fotogrammi al secondo (Figura 8), una tecnica nota come flash triple. Il XR di ony non è abbastanza veloce per fare ciò, pur essendo una delle più veloci implementazioni di LCo disponibile (.1) di conseguenza, nessuno dei sistemi sopra descritti funzionerà facilmente con un proiettore XR. Una tecnica che funziona è quella di visualizzare immagini sinistradestra nella stessa immagine, posizionate una sopra l altra (nota come over / under ). Un complicato adattatore ottico poi proietta e sovrappone le due immagini sullo schermo, che possono essere viste con occhiali Real polarizzanti (Figura 9). Questo approccio porta ad una serie di compromessi. Il primo compromesso è la luce in uscita. Nonostante gli sforzi eroici per recuperare la luce che altrimenti verrebbe sprecata, un immagine 3 viene visualizzata attraverso le lenti per essere soltanto il 18% brillante rispetto ad un immagine 2 dallo stesso proiettore sullo stesso schermo, sulla base dei numeri pubblicati da ony. Il sistema Real XL di proiettori LP Cinema, in confronto, è almeno del 50% più efficiente [10]. Accoppiato con l efficienza ottica superiore dei proiettori LP Cinema, che possono produrre più di lumens, questo permette al LP Cinema di supportare schermi molto più grandi rispetto a proiettori 3 basati su tecnologia ony LCO. Il secondo compromesso è quello della risoluzione. Paradossalmente, l immagine 3 di un proiettore XR 4K potrebbe facilmente apparire meno nitida di una immagine 3 di un proiettore 2K LP Cinema. Ogni immagine dell occhio arriva in un formato 2K dal server. Tuttavia, le immagini piatte (1.85:1) devono essere ridimensionate per adattarsi sul dispositivo LCo per una corretta visualizzazione attraverso il sistema ottico 3. Il ridimensionamento può degradare l immagine, soprattutto quando si riduce il numero di pixel come accade in questo caso. Le ottiche complesse che le immagini che proiettano le immagini occhio destro-sinistro con lenti separate e la loro sovrapposizione sullo schermo, possono ulteriormente degradare l immagine se non è stata applicata un estrema cura durante l allineamento. L adattatore 3 può avere presentazioni di grande impatto anche sulle proiezioni in 2 se non viene rimosso. al momento che l allineamento è così difficile, c è una tentazione naturale nel lasciare l adattatore al suo posto e semplicemente rimuovere i polarizzatori, che trasformano in modo efficace un proiettore 4K in un povero proiettore 2K con una luminosità molto ridotta. 1 Triple Flash frames cambiano al ritmo di uno ogni 7ms. Per un livello accettabile di crosstalk tra le immagini dell occhio destro e sinistro il dispositivo deve rispondere molto più rapidamente. Attualmente, i proiettori XR richiedono quasi 2,5 ms per cambiare lo stato di un pixel, che è più del 33% del lasso di tempo del triple-flash e quindi non idonei [9]. 5

7 How it Works Input Un Proiettore (Campo sequenziale) Flash oppio Flash Triplo 1/24 sec. 24 fps 48 fps 96 fps 144 fps XR Pannelli Unità prisma Lente rotativa Lenti di proiezione eparazione Prisma Lenti di proiezione Filtro 3 chermo ProiEZionE cinematografica igitale Figura 8 Triple Flash 3 Figura 9 ony XR sistema ottico Over / Under 3 conclusión Quale tecnologia di proiezione digitale può soddisfare al meglio le esigenze della vostra attività e le aspettative Lenti di dei proiezione vostri clienti? Per Filtro 3 determinarlo occorre esaminare tutti gli aspetti delle prestazioni rispetto alla qualità delle immagini, funzionalità, affidabilità e costi di gestione. XR eparazione Pannelli Per maggiori informazioni contattate Christie: Prisma Unità Lente prisma rotativa alen Koebel Lenti di proiezione chermo In qualità di senior design quality specialist nel reparto Global Quality di Christie, Alen Koebel è responsabile dello sviluppo e di promuovere a livello mondiale le pratiche di progettazione e le procedure di Christie. Il ruolo di Alen implica una revisione della progettazione dei prodotti, lo sviluppo di test e metodologie di misurazione e la promozione dei principi di Lean Product evelopment. L esperienza di Alen nel product design spazia dai primi proiettori analogici CRT ad alta potenza, ai proiettori interamente digitale LP Cinema. Alen è stato direttamente coinvolto nella progettazione di molte delle principali linee di prodotti dell azienda tra cui un ruolo di un system architect per la gamma leader CP2000 dei proiettori LP Cinema che ha iniziato la conversione alla proiezione digitale in corso nei cinema. Alen è un membro della ociety for Information isplay. Egli è anche un Contributing Editor per la rivista Widescreen Review, una nota pubblicazione per il mercato home-theater. Riferimenti [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] Figura 10 Immagini piatte per occhio sinistro e destro devono essere ridimensionate per il formato over/under. B :2003, Test charts for clinical determination of distance visual acuity pecification, British tandards Institute (2003) Reeves, Prentice. The Response of the Average Pupil to Various Intensities of Light. Journal of the Optical ociety of America. 4, (1920) MPTE , -Cinema Quality - creen Luminance Level, Chromaticity, and Uniformity. ociety of Motion Picture and Television Engineers (2006) Fulton, James T., Processes in Biological Vision, Vision Concepts (2009) chubin, Mark. High & Why. Videography, (Ottobre, 2004). Cowan, Matt. igital Cinema Resolution Current ituation and Future Requirements. Entertainment Technology Consultants (2002). Product brochure: RX-R32 4K igital Cinema Projector, LMT-300 Media Block, TM-100 Theater Management ystem. I-0189 (MK10626V1) ony Electronics Inc. (2009) Christie igital ystems. Christie Releases igital Cinema Reliability ata: % Proven Uptime [Press release]. (Marzo 30, 2009). United tates istrict Court, outhern istrict of New York, Case 1:06-cv RPP. ony XR Rear Projection Television Class Action Litigation. (2008) XR 4K Projection Whitepaper, I-0099A, econd Edition, V3.11, ony Electronics Inc. (Gennaio 2008) Robinson, Andrew. creen election for igital Projection. Cinema Technology. (Giugno 2009) 6

8 Uffici aziendali Christie igital ystems UA, Inc UA Cypress Tel.: Christie igital ystems Canada Inc. Canada Kitchener Tel.: Uffici Consulente Vendite indipendente Italia Tel.: +39 (0) udafrica Tel.: +27 (0) Uffici nel mondo Regno Unito Tel.: +44 (0) Germania Tel.: Francia Tel.: +33 (0) pagna Tel.: Europa dell Est e Federazione Russa Tel.: +36 (0) Emirati Arabi Uniti Tel.: +971 (0) Per le informazioni specifiche più aggiornate, visitare il sito Copyright 2011 Christie igital ystems UA, Inc. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi e nomi di prodotti sono marchi, marchi registrati o marchi registrati dei rispettivi proprietari. Il sistema di gestione Christie igital ystems Canada Inc. è certificato IO 9001 e IO Le specifiche di prestazione sono rappresentative. Grazie alla costante ricerca, le specifiche sono soggette a modifiche senza preavviso. tampato in Canada su carta riciclata ottobre

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia Daniele Marini Dispositivi di uscita e videotecnologia Introduzione La tecnologia più diffusa, dopo quella Crt (Cathode Ray Tube), è oggi la Lcd (Liquid Crystal Display). Impiegata, in particolare nei

Dettagli

Qualità dell immagine sui TV Philips UHD. Press Backgrounder Settembre 2013

Qualità dell immagine sui TV Philips UHD. Press Backgrounder Settembre 2013 Qualità dell immagine sui TV Philips UHD Press Backgrounder Settembre 2013 La qualità delle immagini dei TV UHD Philips La qualità delle immagini è e resterà sempre uno dei fattori di acquisto più determinanti

Dettagli

RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007

RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007 RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007 La risoluzione, specie in fotografia digitale, è una misura della qualità di un immagine. Questo concetto può essere applicato

Dettagli

La scienza delle immagini a colori e dei CCD

La scienza delle immagini a colori e dei CCD INTRODUZIONE SULLE IMMAGINI A COLORI IMMAGINI A COLORI La scienza delle immagini a colori e dei CCD autore: Daniel Duggan traduzione e adattamento Alessandra Zanazzi Pag 1 di 6 Questo progetto è stato

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA È l ora della videosorveglianza basata su FPGA Kambiz Khalilian, Strategic marketing manager Lattice Semiconductor Le preoccupazioni crescenti per la sicurezza hanno costretto i governi e le istituzioni

Dettagli

1.4d: Periferiche di Output

1.4d: Periferiche di Output 1.4d: Periferiche di Output 2 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 4.10, 4.11, 4.12, 4.13, 4.14 IV ediz.: cap. 3.10, 3.11, 3.12, 14.1, 14.2

Dettagli

DLP contro LCD. Bassi costi di manutenzione. Brilliant Color. Altissima leggibilità. Durata nel tempo. Progettati per fare a meno dei filtri

DLP contro LCD. Bassi costi di manutenzione. Brilliant Color. Altissima leggibilità. Durata nel tempo. Progettati per fare a meno dei filtri DLP contro LCD Bassi costi di manutenzione Grazie alla tecnologia DLP è possibile fare a meno di un filtro, che richiede di essere pulito e cambiato regolarmente. Meno manutenzione significa meno spese.

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Nexsoft. Business Solutions. Stereoscopia

Nexsoft. Business Solutions. Stereoscopia Nexsoft Business Solutions Stereoscopia La storia della stereoscopia L'idea di stereoscopia è molto antica. Fu Euclide nel 208 a.c. a comprendere i principi della visione tridimensionale: ciascuno dei

Dettagli

Elementi di grafica raster

Elementi di grafica raster Elementi di grafica raster Le immagini Una immagine è una rappresentazione spaziale di un oggetto o di una scena Una immagine digitale è una rappresentazione di una scena anche 3D dopo il processo di acquisizione

Dettagli

CARATTERISTICHE VIDEO

CARATTERISTICHE VIDEO CARATTERISTICHE VIDEO Quando si parla di definizione video ci sono diversi parametri che contribuiscono alla formazione del quadro dell immagine e di conseguenza alla relativa qualità. Il rapporto d'aspetto,

Dettagli

Panoramica sulla tecnologia di stampa a colori utilizzata per la serie HP LaserJet Pro

Panoramica sulla tecnologia di stampa a colori utilizzata per la serie HP LaserJet Pro Documentazione tecnica Panoramica sulla tecnologia di stampa a colori utilizzata per la serie HP LaserJet Pro Come la tecnologia HP Image Resolution garantisce una qualità di stampa senza confronti Sommario

Dettagli

EOS 500D. Comunicazioni alla stampa. Approfondimento. Canon Consumer Imaging SEGUE COMUNICATO COMPLETO

EOS 500D. Comunicazioni alla stampa. Approfondimento. Canon Consumer Imaging SEGUE COMUNICATO COMPLETO Canon Consumer Imaging Cliccando sul pulsante verde accedi alla pagina Internet da cui è possibile scaricare le foto ad alta risoluzione EOS 500D Approfondimento SEGUE COMUNICATO COMPLETO Tecnologia CMOS

Dettagli

Elaborazione digitale delle immagini

Elaborazione digitale delle immagini Elaborazione digitale delle immagini Dal Dizionario: rappresentazione, imitazione di un oggetto o di una cosa; descrizione grafica o visiva di oggetti o cose; qualcosa introdotto o rappresentare qualcos

Dettagli

La nuova star dell'intrattenimento su grande schermo ad alta definizione

La nuova star dell'intrattenimento su grande schermo ad alta definizione La nuova star dell'intrattenimento su grande schermo ad alta definizione Full HD 1.080p Pannelli C2Fine Epson 3LCD di ultima generazione Rapporto di contrasto 12:000:1 Tecnologia Epson Cinema Filter La

Dettagli

Lavorate in modo più efficiente, più veloce e più facile.

Lavorate in modo più efficiente, più veloce e più facile. DR-2580C DR-2580C Scanner per workgroup Lavorate in modo più efficiente, più veloce e più facile. Lavorate in modo più efficiente. Risparmiate tempo e spazio. Gestite i documenti cartacei alla perfezione.

Dettagli

elecomando opzionale a funzioni multiple (per la serie MT) Telecomando a scheda (per la serie LT)

elecomando opzionale a funzioni multiple (per la serie MT) Telecomando a scheda (per la serie LT) elecomando opzionale a funzioni multiple (per la serie MT) Telecomando a scheda (per la serie LT) Questo telecomando interattivo illustra proprietà, funzioni, impostazioni e menù regolabili dei telecomandi

Dettagli

Photohands. Software di ritocco e stampa per Windows. Manuale di istruzioni. Versione 1.0 K862PSM8DX

Photohands. Software di ritocco e stampa per Windows. Manuale di istruzioni. Versione 1.0 K862PSM8DX I Photohands Versione 1.0 Software di ritocco e stampa per Windows Manuale di istruzioni K862PSM8DX Windows è un marchio di fabbrica di Microsoft Corporation. Altre aziende e nomi di prodotti sono marchi

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO.

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Nel mondo della fotografia tradizionale la sensibilità ISO (in passato ASA) rappresenta la velocità del negativo fotografico. Poiché le camere digitali non usano il

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi 2008 Esperimento Esperimento Albedo Albedo Massimo Massimo Bosetti Bosetti Referente Museo scientifico Tridentino di Scienze Museo Tridentino di Scienze Naturali, Naturali Laboratorio di Laboratorio di

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli

Olografia. Marcella Giulia Lorenzi

Olografia. Marcella Giulia Lorenzi Olografia Marcella Giulia Lorenzi 2 Che cos è l olografia L olografia è un modo per creare immagini tridimensionali, chiamate ologrammi, usando i raggi laser. Fu inventata da Dennis Gabor, che nel 1971

Dettagli

RB 42 / RD 42. Installazione sempre a cura del cliente! 8.103. RB 42 Rainbow Button. Area di marcatura INSTALLAZIONE SPECIALE RB 42.

RB 42 / RD 42. Installazione sempre a cura del cliente! 8.103. RB 42 Rainbow Button. Area di marcatura INSTALLAZIONE SPECIALE RB 42. DISEGNO / MARCATURA RB 42 / RD 42 RB 42 Rainbow Button Area di marcatura 0.5 3 0 min. 56 2 9.5 9.5 INSTALLAZIONE SPECIALE RB 42 Area di marcatura 45. 9.5 9.5 37. 2 Per l installazione su vetro con strato

Dettagli

Stazione Totale Geomax Serie Zoom30

Stazione Totale Geomax Serie Zoom30 Stazione Totale Geomax Serie Zoom30 Geomax Profilo aziendale GeoMax è una società internazionale del gruppo Hexagon che progetta, sviluppa e distribuisce soluzioni integrate di alta qualità per cantiere

Dettagli

Copia. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Copia. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Copia In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Copia di base" a pagina 3-2 "Regolazione delle opzioni di copia" a pagina 3-4 "Impostazioni di base" a pagina 3-5 "Regolazioni delle immagini"

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

White paper. HDTV (High Definition Television, TV ad alta definizione) e video sorveglianza

White paper. HDTV (High Definition Television, TV ad alta definizione) e video sorveglianza White paper HDTV (High Definition Television, TV ad alta definizione) e video sorveglianza Indice Introduzione 3 1. L impatto dell HDTV sul mercato della video sorveglianza 3 2. Sviluppo dell HDTV 3 3.

Dettagli

Manuale Utente. Per un uso corretto leggere queste istruzioni con attenzione e conservarle in un luogo sicuro per futura consultazione!

Manuale Utente. Per un uso corretto leggere queste istruzioni con attenzione e conservarle in un luogo sicuro per futura consultazione! Manuale Utente Per un uso corretto leggere queste istruzioni con attenzione e conservarle in un luogo sicuro per futura consultazione! Contenuti 1. Precauzioni sulla sicurezza... 2 2. Contenuto della confezione...

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

LYNX FL. Macchina da taglio laser fibra LVDGROUP.COM LAVORAZIONE LASER A PORTATA DI MANO

LYNX FL. Macchina da taglio laser fibra LVDGROUP.COM LAVORAZIONE LASER A PORTATA DI MANO Macchina da taglio laser fibra LYNX FL LAVORAZIONE LASER A PORTATA DI MANO LVDGROUP.COM LYNX FL ENTRA NEL MONDO DEL TAGLIO LASER Progettato per lavorazioni laser economicamente vantaggiose, il Lynx offre

Dettagli

Manuale d istruzioni My Custom Design

Manuale d istruzioni My Custom Design Manuale d istruzioni My Custom Design Leggere questo documento prima di utilizzare la macchina. Si consiglia di conservare questo documento nelle vicinanze per un eventuale riferimento futuro. Introduzione

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI... SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...20 CREAZIONI DI FILE DI IMMAGINI...20 APERTURA DI FILE DI IMMAGINI...21

Dettagli

Super Hi-Vision a IBC 2008 Riceve lo Special Award

Super Hi-Vision a IBC 2008 Riceve lo Special Award Super Hi-Vision a IBC 2008 Riceve lo Special Award 1. Oltre l Alta Definizione La Rai ha seguito sempre con particolare attenzione l evoluzione tecnologica al fine di garantire la migliore qualità dell

Dettagli

3restituzione - stereoscopia

3restituzione - stereoscopia 3restituzione - stereoscopia La condizione che deve essere verificata perché si realizzi l orientamento esterno è la complanarità dei raggi omologhi Perché i raggi omologhi si intersechino devono essere

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE

HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE S HDTV: LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE In questo articolo cercheremo di spiegare il concetto di HDTV. Prima di tutto, daremo un occhiata alla tecnologia della

Dettagli

Analisi ottica dei dipinti in falso colore.

Analisi ottica dei dipinti in falso colore. Analisi ottica dei dipinti in falso colore. Questa tecnica di analisi, denominata anche infrarosso colore è utilizzato dal restauratore o dallo storico dell Arte per individuare sul dipinto zone che hanno

Dettagli

Canon stabilisce nuovi standard nei proiettori da installazione con XEED WUX4000

Canon stabilisce nuovi standard nei proiettori da installazione con XEED WUX4000 Comunicazioni alla stampa you can Canon stabilisce nuovi standard nei proiettori da installazione con XEED WUX4000 Canon presenta il nuovo modello di punta della sua gamma di proiettori ad alte prestazioni

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

TV LED. con Digital Crystal Clear 32PHH4309/88

TV LED. con Digital Crystal Clear 32PHH4309/88 Opuscolo prevendita per Italia () Philips TV LED con Digital Crystal Clear 81 cm (32") TV LED DVB-T/C 32PHH4309/88 TV LED con Digital Crystal Clear Tutti a casa apprezzeranno le immagini nitide e chiare

Dettagli

PROGETTARE UNA PAGINA WEB

PROGETTARE UNA PAGINA WEB PROGETTARE UNA PAGINA WEB Che differenza c è tra una grafica cartacea e una grafica per web? Nella maggior parte dei casi, quando parliamo di grafica cartacea parliamo di cartellonistica volantini, manifesti

Dettagli

CARATTERISTICHE TV LCD FULL HD

CARATTERISTICHE TV LCD FULL HD CARATTERISTICHE TV LCD FULL HD La durata di uno schermo LCD è di circa 60.000 ore! La scheda CAM nel TV deve essere CI+ per vedere i canali in HD! Non indispensabile ma per i puristi : Full led e local

Dettagli

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS Maria Teresa Natale (OTEBAC) 12 aprile 2010 Introduzione Argomenti: terminologia

Dettagli

magic digital lighting www.claypaky.it MIRAGE ITALIANO Display a led semi-trasparente

magic digital lighting www.claypaky.it MIRAGE ITALIANO Display a led semi-trasparente ITALIANO magic digital lighting www.claypaky.it MIRAGE Display a led semi-trasparente MIRAGE Cod. C24110 Da sempre azienda leader nel settore delle luci professionali per lo spettacolo, con una strutturata

Dettagli

QUALE TV LED LED MIGLIORE???

QUALE TV LED LED MIGLIORE??? QUALE TV LED LED MIGLIORE??? L altra caratteristica che i pannelli Full Led possono avere oltre al Local Dimming è il LED RGB. Alcune aziende infatti usano un singolo led bianco per retro illuminare il

Dettagli

Samsung Electronics Co., Ltd. Via Carlo Donat Cattin, 5 20063 Cernusco sul Naviglio (MI)

Samsung Electronics Co., Ltd. Via Carlo Donat Cattin, 5 20063 Cernusco sul Naviglio (MI) Samsung Electronics Co., Ltd. Via Carlo Donat Cattin, 5 20063 Cernusco sul Naviglio (MI) Per il gaming L esperienza è ancora più realistica e coinvolgente grazie allo schermo curvo, l ampio angolo di

Dettagli

SISTEMA MOTION 5D CINEMA

SISTEMA MOTION 5D CINEMA 24/06/2013 SISTEMA MOTION 5D CINEMA Il sistema sarà costituito da: n 1 pc laptop +joystick per EDITOR n 1 pc desktop per pilotare il motion: la connessione con il PLC avverrà mediante cavo Ethernet n 1

Dettagli

La nuova generazione del sistema AFL: fari intelligenti che accompagnano i movimenti dello sterzo

La nuova generazione del sistema AFL: fari intelligenti che accompagnano i movimenti dello sterzo Gennaio 2008 La nuova generazione del sistema AFL: fari intelligenti che accompagnano i movimenti dello sterzo La nuova generazione dei fari AFL debutterà nel 2008 sulla nuova Opel Insignia La luce si

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali

Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Mini-guida ai principi fondamentali di funzionamento delle telecamere, utili per chi deve valutare i prodotti e fare la

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Guida rapida di riferimento

Guida rapida di riferimento Guida rapida di riferimento Intel Education Lab Camera di Intellisense Versione desktop di Windows* 7 e 8.x Accesso all'applicazione 1. Premere l'icona di Intel Education Lab Camera per accedere alla schermata

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

GUIDA DI PRIMO SOCCORSO

GUIDA DI PRIMO SOCCORSO GUIDA DI PRIMO SOCCORSO SULL USO DEL CODICE HTML NELL EMAIL MARKETING Il marketing via email è sicuramente uno dei più potenti ed efficaci strumenti di promozione. Veloce da implementare, offre risultati

Dettagli

La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala

La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala DR-7580 DR-9080C Scanner veloci per grandi tirature La velocità e la qualità di cui avete bisogno per la scansione dei documenti su larga scala DR-7580 / DR-9080C Scansione su larga scala a tempi di record

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

ZOOM20. Stazione Totale GeoMax Serie Zoom20

ZOOM20. Stazione Totale GeoMax Serie Zoom20 ZOOM20 Stazione Totale GeoMax Serie Zoom20 GeoMax Profilo aziendale GeoMax è una società interna- allo stato dell arte delle tecno- zionale del gruppo Hexagon che logia e degli impianti produttivi progetta,

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

PROCESSO COMPLETA- MENTE DIGITALIZZATO

PROCESSO COMPLETA- MENTE DIGITALIZZATO LASER 4000 5Ax PROCESSO COMPLETA- MENTE DIGITALIZZATO La rivoluzionaria LASER 4000 5Ax di GF AgieCharmilles consente a color & trim, product e interior designer del settore automobilistico di proiettare

Dettagli

Corso di Grafica Computazionale

Corso di Grafica Computazionale Corso di Grafica Computazionale Premesse Teoriche Docente: Massimiliano Corsini Laurea Specialistica in Ing. Informatica Università degli Studi di Siena Overview Premesse Teoriche Mini-ripasso geometria

Dettagli

ZOOM30. Estação Total GeoMax Série Zoom30

ZOOM30. Estação Total GeoMax Série Zoom30 ZOOM30 Estação Total GeoMax Série Zoom30 GeoMax Profilo aziendale GeoMax è una società interna- allo stato dell arte delle tecno- zionale del gruppo Hexagon che logia e degli impianti produttivi progetta,

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

BORESCOPE. sistema di video ispezione portatile. Manuale d uso

BORESCOPE. sistema di video ispezione portatile. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Video Projector. Istruzioni per l uso VPL-VW500ES 4-477-222-52 (1)

Video Projector. Istruzioni per l uso VPL-VW500ES 4-477-222-52 (1) 4-477-222-52 (1) Video Projector Istruzioni per l uso Leggere attentamente questo manuale e la Guida rapida all uso in dotazione prima di utilizzare l unità, e conservarli per riferimenti futuri. VPL-VW500ES

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA GV-LPR IN STRADA

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA GV-LPR IN STRADA GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA GV-LPR IN STRADA 1. Scopo: lo scopo di questa guida è di fornire alcune indicazioni e suggerimenti sia per l installazione del sistema di controllo basato su PC sia

Dettagli

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili.

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Tutto ciò che vi aspettate da una telecamera termica oltre alle normali funzionalità offerte da Axis. Proteggete

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

PTX-TX114R (cod. PTX114R)

PTX-TX114R (cod. PTX114R) PTX-TX114R (cod. PTX114R) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore passivo di infrarossi PULTEX. Questo prodotto è in grado

Dettagli

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria Lezione 2: Codifica binaria dell informazione Codifica binaria Elaborazione di dati binari Materiale didattico Lucidi delle lezioni, disponibili al sito: http://wwwinfo.deis.unical.it/~irina Oppure sul

Dettagli

zoom in DAVID ASKEW Tecnologia TATTILE RESISTIVA e CAPACITIVA

zoom in DAVID ASKEW Tecnologia TATTILE RESISTIVA e CAPACITIVA indi DAVID ASKEW Tecnologia TATTILE RESISTIVA e CAPACITIVA 24 Il boom del mercato dei sensori tattili ha dato vita a una vasta gamma di tecnologie tattili, tra cui i touch-screen resistivi realizzati in

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di RAPONE Provincia di POTENZA

COMPUTO METRICO. Comune di RAPONE Provincia di POTENZA Comune di RAPONE Provincia di POTENZA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: "PROGETTO C.E.R.A." AI SENSI DEL PSR 2007/2013 MISURA 323 - AZIONE C - INTERVENTO DI RECUPERO FUNZIONALE DEL COMPENDIO

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

AITTCZIR56A ATTENZIONE!

AITTCZIR56A ATTENZIONE! AITTCZIR56A ATTENZIONE! Non guardare direttamente i led ad infrarossi. Possono provocare danni alla vista. 1 Aspetto della telecamera 2 MENU OSD Indice o Utilizzo delle icone del menù.. 4 o MAIN MENU -

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Reflecmedia. Chroma Key innovativi per studi di tutte le dimensioni

Reflecmedia. Chroma Key innovativi per studi di tutte le dimensioni Reflecmedia Chroma Key innovativi per studi di tutte le dimensioni L evoluzione dell arte del Chroma Key Reflecmedia è una divisione della Reflex Pic Group of Companies specializzata nello sviluppo e nella

Dettagli

1. Architettura del sistema

1. Architettura del sistema 1. Architettura del sistema La proposta offerta da Solari di Udine spa è concepita nell ottica della modularità, con possibilità di ampliare e modificare in qualsiasi momento l impianto esistente. La stessa

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

TECNOLOGIA E MERCATO: QUALI SCENARI

TECNOLOGIA E MERCATO: QUALI SCENARI 24 CINEMA DIGITALE: UNA PANORAMICA TECNOLOGIA E MERCATO: QUALI SCENARI Cos è esattamente il cinema digitale? È corretto parlare di cinema elettronico? Chi può stabilire i parametri e gli standard per il

Dettagli

Le immagini digitali. Modulo 2. Rappresentazione analogica. Rappresentazione digitale. Una palette a 16 colori

Le immagini digitali. Modulo 2. Rappresentazione analogica. Rappresentazione digitale. Una palette a 16 colori Foto digitale, invio via mail e inserimento in una pagina web Modulo 2 Cosa si intende con analogico e digitale? Come avviene la rappresentazione digitale delle immagini? Come è possibile trasformare un

Dettagli

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST Canon XL1s: nata per soddisfare gli utenti più esigenti Canon è alla continua ricerca di sistemi in grado di offrire una qualità d immagine superiore. Da questa

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

Telecamere TD7301. Telecamera WDR Day & Night 960H Effio-P con rimozione del filtro IR. Telecamere Day & Night WDR 960H Effio-P

Telecamere TD7301. Telecamera WDR Day & Night 960H Effio-P con rimozione del filtro IR. Telecamere Day & Night WDR 960H Effio-P Telecamera WDR Day & Night 960H Effio-P con rimozione del filtro IR L eccellente telecamera Day & Night WDR con rimozione del filtro IR, si rinnova tecnologicamente grazie al nuovissimo CCD Sony Super

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI asdf LA CODIFICA DELLE IMMAGINI 3 March 2012 Premessa L'articolo che segue vuole essere, senza alcuna pretesa di rigore scientifico e di precisione assoluta, in quanto non ne possiedo le competenze, una

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli