Kit per test APPY1 - Italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Kit per test APPY1 - Italiano"

Transcript

1 Kit per test APPY1 - Italiano Uso previsto Il test APPY1 è un test diagnostico in vitro a indice multivariato (IVDMIA) utilizzato come ausilio nell identificazione dei pazienti a basso rischio di appendicite acuta. Il test APPY1 misura le concentrazioni dell eterocomplesso di proteine mieloide-correlate MRP 8/14 (calprotectina) e della proteina C reattiva (CRP) nel plasma EDTA mediante saggio immunologico a flusso laterale. Le concentrazioni quantitative di MRP 8/14 e CRP, in aggiunta a un conteggio determinato indipendente dei globuli bianchi (WBC), vengono quindi calcolate mediante un algoritmo proprietario pre-programmato per generare un risultato del test APPY1. Indicazioni per l uso Il test APPY1 è indicato per l uso in pazienti pediatrici, adolescenti e giovani, di età compresa tra 2 e 20 anni, con dolori addominali e altri segni e sintomi fisici e clinici indicativi di appendicite acuta. Esclusivamente per uso professionale Sommario e spiegazione La diagnosi di pazienti che presentano dolore addominale rimane una delle problematiche più comuni e difficili nella medicina di emergenza. Oltre 22,2 milioni di pazienti si sono recati presso i reparti di pronto soccorso degli ospedali di Europa e Stati Uniti nel 2010 per dolore addominale come problema principale. 1,2 L appendicite registra la massima incidenza nei pazienti pediatrici, adolescenti e giovani di età compresa tra 10 e 19 anni, 3 ma la diagnosi di appendicite in questi pazienti rimane difficile poiché essi presentano un ampia varietà di caratteristiche cliniche atipiche. 4 Fino al 50% di neonati e bambini con appendicite acuta (AA) possono presentare segni e sintomi atipici 5 in grado di ritardare la diagnosi e portare a complicazioni potenzialmente fatali quali appendice perforata, ascesso addominale, peritonite, sepsi e shock. Quindi è importante identificare strumenti diagnostici che facilitino una diagnosi obiettiva, tempestiva e accurata e la stratificazione del rischio di pazienti con sospetta AA. Attualmente, la capacità di diagnosticare con precisione l appendicite è limitata all acquisizione di segni e sintomi fisici e clinici e a varie modalità diagnostiche. Sono stati sviluppati numerosi strumenti di previsione clinica che fanno uso di sintomi classici quali data point come ausilio nella diagnosi dell appendicite. Le prestazioni di questi sistemi di punteggio non sono coerenti e sono altamente variabili. 5,6 Inoltre, tali sistemi non vengono utilizzati di routine dai reparti di pronto soccorso. 7 Viene eseguito di routine il conteggio dei globuli bianchi, che si è tuttavia dimostrato di limitata utilità quale singolo marker, anche quando combinato con segni e sintomi clinici di AA. 8 In funzione della valutazione del rischio iniziale del paziente del svolta dal medico, possono essere ordinati imaging diagnostico, incluse l ecografia addominale (US) o la tomografia computerizzata (TC) con o senza contrasto, nei casi in cui la presentazione clinica è equivoca e sono necessarie più informazioni. Mentre la TC è accurata nella diagnosi dell appendicite acuta quando l appendice possa essere visualizzata con chiarezza, essa comporta un rischio significativo dovuto all aumentata esposizione alle radiazioni ionizzanti, accrescendo pertanto la dipendenza da test meno dannosi Report recenti hanno mostrato che l uso della TC nei pazienti in età pediatrica ha raggiunto una stabilizzazione; tuttavia, la preoccupazione correlata all esposizione alla TC, specialmente nei pazienti giovani, non è diminuita. 12,13 La combinazione di tre biomarker nel test APPY1, anziché di un singolo marker, aumenta la capacità di identificare pazienti a basso rischio. 7 Il test APPY1, impiegato in associazione con risultati fisici e clinici, fornisce ulteriori informazioni obiettive che consentono di guidare le decisioni nella stratificazione del rischio di pazienti che presentano dolore addominale indicativo di AA. I pazienti identificati come a basso rischio dal test APPY1 possono essere gestiti in modo maggiormente conservativo, ad es. con test o imaging minimi oppure in assenza di essi, con la sola osservazione o dimissione precoce. Principi del test Il sistema APPY1 comprende lo strumento APPYReader (il lettore), un vassoio di test APPY1 monouso, una fiala monouso di buffer di diluizione e una fiala monouso di anticorpi liofilizzati coniugati con microparticelle marcate con un colorante fluorescente. La procedura di test richiede l aggiunta del plasma del paziente al buffer di diluizione, seguita dalla ricostituzione del coniugato liofilizzato con il plasma/buffer diluito. I complessi MRP 8/14 e CRP disponibili nel campione diluito del paziente sono legati dal coniugato dell anticorpo ricostituito. Un aliquota della miscela viene quindi applicata al vassoio di test, dove i complessi MRP 8/14 e CRP ora marcati con colorante fluorescente si legano agli anticorpi corrispondenti della zona di acquisizione sulla membrana di nitrocellulosa. Il vassoio di test viene inserito immediatamente nel lettore che misura la concentrazione di ciascun analita presente nel APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 45

2 campione in base all intensità della fluorescenza di ciascuna zona di acquisizione della linea di test. La concentrazione di MRP 8/14 e CRP presente nel campione viene calcolata in base alle curve di calibrazione pre-programmate sui tag RFID incorporati in ogni singolo vassoio di test. Le concentrazioni dei due marker, in combinazione con i valori del conteggio dei globuli bianchi ottenuti da un analizzatore ematologico dell ospedale e inseriti in un lettore dedicato, vengono utilizzate per generare i risultati del test APPY1 del paziente mediante l uso di un algoritmo proprietario pre-programmato. Il sistema APPY1 comprende inoltre i controlli di qualità elettronici (a secco) e procedurali (liquido) per garantire l integrità dei risultati. Il tempo totale necessario per l elaborazione del campione e per l esecuzione del test è di circa 20 minuti. La MRP 8/14 (nota anche come S100A8/A9 o calprotectina), un complesso di proteine che si legano al calcio, è presente nel citoplasma dei neutrofili ed è associata a condizioni infiammatorie acute aspecifiche. È stato rilevato che la MRP 8/14 è elevata in modo differenziale nel tessuto dell appendice e nel sangue periferico in pazienti con appendicite acuta La proteina C reattiva (CRP), prodotta dal fegato, è associata a infiammazione. La CRP è una proteina di fase acuta che risulta elevata in varie malattie e condizioni associate a infiammazione acuta aspecifica. Concentrazioni elevate di CRP nel sangue periferico sono state correlate ad appendicite acuta Le caratteristiche prestazionali analitiche del dosaggio della CRP con il test APPY1 sono coerenti con quelle del dosaggio della CRP a elevata sensibilità (hscrp), come descritto in basso. Valori totali elevati della formula leucocitaria sono associati ad appendicite acuta quando i sintomi sono presenti per 24 ore o più. 22 La leucocitosi non è specifica dell AA poiché è osservata anche in varie altre condizioni infettive e disturbi infiammatori. Gli studi suggeriscono che una normale formula leucocitaria, in combinazione con bassi livelli di MRP 8/14 e CRP e altri biomarker, riduce la probabilità che sia presente appendicite acuta. 18 Reagenti e materiali Kit per test APPY1, 25 test F10000 Vassoio di test APPY1, sacchetto, 25 Membrana in nitrocellulosa con striscio di anticorpi monoclonali specifici per CRP e MRP 8/14 e una IgY policlonale di capra non correlata anti-pollo come controllo interno. Tampone di test APPY1, 990 µl, 25 Coniugato di test APPY1, liofilizzato, 25 Istruzioni per l uso, 1 Materiali necessari, ma non forniti Kit APPYReader F10008 Vassoio APPYReader QC, sacchetto, 1 F10004 Kit di controllo APPY1, 10 fiale F10005 Livello di controllo 1 APPY1, 40 µl, 5 Livello di controllo 2 APPY1, 40 µl, 5 Centrifuga per trattamento del plasma, rotore ad angolo fisso 45 gradi o rotore oscillante, in grado di raggiungere x g ± 100 (RCF, forza centrifuga relativa) Micropipette calibrate e punte monouso per micropipette in grado di dispensare 10 µl, 70 µl e 150 µl Miscelatore vortex Minicentrifuga (per centrifugare i controlli se necessario) Dispositivi di protezione personale e contenitori per smaltimento di rifiuti pericolosi sotto il profilo biologico Conservazione e stabilità Subito dopo il ricevimento, il kit per test APPY1 deve essere conservato a 2-8 ºC (35,6-46,4 ºF) lontano dalla luce diretta. I componenti del kit devono essere conservati nella confezione originale, intatta, fino al momento dell utilizzo. Il kit per test APPY1 è stabile fino alla data di scadenza stampata sulla scatola del kit e sui componenti del test, se conservato come raccomandato. Il vassoio APPYReader Quality Control (QC) deve essere conservato a C ( F) nella confezione originaria, non aperta, fino al primo utilizzo. Il vassoio QC è riutilizzabile e deve essere richiuso nel sacchetto originale subito dopo ogni utilizzo. Non gettare. Proteggere dall esposizione alla luce diretta. Il kit di controllo APPY1 deve essere conservato nella confezione originale a una temperatura -20 C (-4 F). Non conservare in un congelatore no-frost. Scongelare prima dell uso solo il numero di fiale di controllo APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 46

3 necessarie e gettarle dopo l analisi. Le fiale di Controllo 1 e Controllo 2 APPY1 non devono essere ricongelate dopo lo scongelamento. Precauzioni Precauzioni generali Esclusivamente per uso professionale Ciascun vassoio di test è destinato esclusivamente a un singolo utilizzo su un solo campione di un paziente. I vassoi di test non possono essere riutilizzati. Non miscelare i componenti di diversi lotti di kit di test, poiché i componenti sono abbinati all interno di ciascun lotto di kit per garantire prestazioni ottimali. Non rimuovere i vassoi di test dal sacchetto fino al momento dell uso. Non rimuovere dalla confezione il coniugato di test fino al momento dell uso. Tra un utilizzo e il successivo, conservare il vassoio APPYReader QC nel sacchetto originale richiudibile che protegge dalla luce. Dopo ogni utilizzo, riporre il vassoio QC nel sacchetto originale richiudibile. Non gettare. Non usare fiale di controllo APPY1 scongelate e ricongelate. Non forare o danneggiare il vassoio di test durante la manipolazione prima dell uso. Qualora venga forato o danneggiato, gettare il vassoio e usarne uno nuovo. Non usare i componenti del kit oltre la data di scadenza indicata sulla scatola del kit e sulle etichette dei componenti stessi. Dopo aver caricato il campione da analizzare nell apposito pozzetto del vassoio di test, chiudere immediatamente il cassetto del vassoio per avviare il ciclo di test. Un ritardo può determinare un risultato non valido. Per ottenere un risultato valido occorre inserire un valore confermato della formula leucocitaria del paziente entro 90 minuti dall avvio del ciclo di test. Tutti i materiali che sono stati a contatto con sangue o emoderivati di origine umana devono essere smaltiti come rifiuti pericolosi sotto il profilo biologico. Il kit di controllo APPY1 contiene derivati di pool di plasma di origine umana. Ciascuna unità di donatore è stata analizzata mediante metodi approvati dalla FDA ed è risultata negativa per HBsAg, HCV, HIV-1, HIV-2, HIV-1Ag, HIV-1-NAT, ALT e sifilide. Poiché nessuno degli attuali metodi di analisi è in grado di offrire la totale garanzia relativamente all assenza di agenti infettivi, i reagenti devono essere maneggiati come plasma umano potenzialmente infetto. Si raccomanda di attenersi alle precauzioni universali e alle norme di sicurezza relative agli agenti patogeni a trasmissione ematica. Ogni laboratorio deve seguire le linee guida stabilite internamente in relazione alle prassi di sicurezza del laboratorio stesso. Il tampone di test contiene azoturo di sodio allo 0,095% come conservante. In caso di contatto cutaneo, sciacquare con acqua abbondante. L azoturo di sodio può reagire con tubazioni in piombo e/o in rame, formando azidi metalliche esplosive; far scorrere abbondante acqua durante lo smaltimento. Tutti i campioni dei pazienti devono essere manipolati come materiali in grado di trasmettere malattie. Si raccomanda di attenersi alle precauzioni universali e alle norme di sicurezza relative agli agenti patogeni a trasmissione ematica. Ogni laboratorio deve seguire le linee guida stabilite internamente in relazione alle prassi di sicurezza del laboratorio stesso. Prelievo e conservazione dei campioni Il sangue del paziente deve essere prelevato tramite normale venipuntura o linea endovenosa (con flush) in una provetta K2 EDTA (tappo color lavanda) contenente 1,8 mg di EDTA/cc di sangue. Dopo il prelievo ematico, centrifugare la provetta per 10 minuti a 1300 x g ± 100 (RCF) a temperatura ambiente. La centrifugazione deve iniziare entro una (1) ora dal prelievo del campione. La centrifuga deve essere a rotore fisso con un angolo maggiore di 45 o a rotore oscillante. Per calcolare la conversione di RPM in RCF, consultare il manuale d uso per il modello di centrifuga o contattare l assistenza tecnica di Venaxis. Procedura di test Impostazione del Lettore Eseguire l impostazione del lettore come descritto nel manuale d uso dell APPYReader e/o nella guida all avvio. Accedere al lettore con l ID operatore assegnato. Attendere che il lettore si riscaldi per almeno 10 minuti prima di eseguire l analisi di un controllo o di campioni dei pazienti. APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 47

4 Preparazione dei reagenti per il QC e il test Se si utilizza il controllo di qualità (QC) liquido, rimuovere il necessario numero di fiale di Controllo 1 e Controllo 2 dal kit di controllo APPY1 conservato a -20 C. Scongelare a temperatura ambiente mentre il lettore si riscalda. Per ulteriori informazioni, consultare le istruzioni per l uso del kit di controllo APPY1. Rimuovere una quantità sufficiente di vassoi, fiale di tampone e fiale di coniugato da un kit per test APPY1 conservato a 2-8 C necessaria per completare tutti i test (QC e campioni dei pazienti). Attendere che i componenti raggiungano la temperatura ambiente mentre il lettore si riscalda. Utilizzo del vassoio QC Utilizzarlo ogni giorno in cui si eseguono test dei pazienti e/o prima di eseguire i Controlli 1 e 2. I campioni dei pazienti non possono essere analizzati a meno che il vassoio QC non abbia riportato un risultato valido (PASS (RIUSCITO)) entro le ultime 24 ore. IMPORTANTE: per mantenere la durata utile prevista del vassoio QC, evitare l esposizione alla luce. Conservare e richiudere il vassoio QC nel sacchetto originale in alluminio subito dopo ogni utilizzo. Non gettare il vassoio QC fino alla data di scadenza. Per ulteriori informazioni, consultare le istruzioni per l uso del vassoio APPYReader QC. 1. Accedere come operatore o passare alla modalità operatore. 2. Premere per visualizzare la schermata Main Menu (Menu principale). 3. Usare e per evidenziare Maintenance (Manutenzione) e premere Select (Seleziona). 4. Usare e per evidenziare Check APPYReader (Controlla APPYReader) e premere Select (Seleziona). 5. Usare e per evidenziare APPYReader QC Cassette (Vassoio APPYReader QC) e premere Select (Seleziona). Il cassetto del lettore si apre e viene visualizzata la schermata Insert Cassette (Inserisci vassoio). Al termine del test viene visualizzata la schermata APPYReader QC Cassette (Vassoio APPYReader QC). 6. Per stampare il risultato del vassoio QC: a. Premere Options (Opzioni). b. Usare e per evidenziare Print Result (Stampa risultato) e premere Select (Seleziona). 7. Per inviare il risultato a un sistema informatico di laboratorio, consultare il manuale d uso dell APPYReader. 8. Premere Back (Indietro) per ritornare alla schermata Check APPYReader (Controlla APPYReader) o premere per ritornare alla schermata Main Menu (Menu principale). Valori attesi a. Se i risultati dell unità di fluorescenza relativa (RFU) rilevati sul vassoio QC rientrano negli intervalli accettabili programmati sul chip RFID del vassoio QC, il risultato del test viene refertato come PASS (RIUSCITO). b. Se i risultati RFU rilevati sul vassoio QC non rientrano negli intervalli accettabili programmati sul chip RFID del vassoio QC, il risultato del test viene refertato come FAIL (NON RIUSCITO) e all operatore non è consentito analizzare i campioni dei pazienti. Ripetere il test con un altro vassoio QC. c. Se il risultato del secondo vassoio QC è PASS (RIUSCITO), procedere con l analisi dei campioni dei pazienti. d. Se non è disponibile un altro vassoio QC diverso o se il risultato del secondo vassoio QC è FAIL (NON RIUSCITO), il lettore resterà bloccato. Contattare l assistenza tecnica Venaxis al numero o il distributore di zona per assistenza. Test dei campioni dei pazienti Preparazione del vassoio di test APPY1 1. Accedere come operatore o passare alla modalità operatore. 2. Premere per visualizzare la schermata Main Menu (Menu principale). 3. Usare e per evidenziare Run Test (Esegui test) e premere Select (Seleziona). 4. Inserire l ID paziente utilizzando uno dei metodi riportati di seguito. Manualmente, usare il tastierino numerico per inserire l ID paziente. a. Premere Keypad (Tastierino) per inserire lettere, spazi e punteggiatura. b. Quando sullo schermo del lettore appare il tastierino, usare,, e per evidenziare il APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 48

5 carattere desiderato. c. Premere Confirm & Next (Conferma e avanti) per aggiungere il carattere evidenziato all ID paziente. d. Ripetere i punti a, b e c secondo necessità. e. Una volta completato l ID paziente, premere Back (Indietro) o selezionare Done (Fatto) per uscire dalla funzionalità del tastierino. Utilizzando il lettore di codice a barre esterno opzionale, leggere il codice a barre del paziente 5. Nella schermata Enter Patient ID (Inserisci ID paziente), premere Confirm (Conferma). 6. Se è disponibile il risultato della formula leucocitaria del paziente, inserirlo e premere Confirm (Conferma). In caso contrario, premere Skip (Ignora). Se si preme Skip (Ignora), viene chiesto di inserire la formula leucocitaria del paziente dopo il test. 7. Estrarre il vassoio di test dal sacchetto e collocarlo nel cassetto. Preparazione del campione di plasma del paziente per il test 1. Predisporre il tampone e le fiale di coniugato. 2. Usare una nuova punta monouso per pipetta per ciascun trasferimento. 3. Rimuovere 10 µl di campione di plasma del paziente dalla provetta K2 EDTA centrifugata, prestando attenzione a non disturbare lo strato di leucociti e piastrine (buffy coat). Trasferire nella fiala con il tampone. Tappare e agitare nel vortex o miscelare bene manualmente. 4. Trasferire 150 µl del campione di plasma diluito del paziente nella fiala di coniugato. Miscelare bene pipettando in alto e in basso per 8-10 volte, assicurarsi che tutto il coniugato venga risospeso. Non introdurre aria nella miscela per evitare che si formi schiuma. Avvio del test 1. Aggiungere immediatamente 70 µl della miscela costituita dal campione diluito del paziente/coniugato anticorpale nel pozzetto del campione del vassoio di test. 2. Chiudere con delicatezza il cassetto. Il test si avvia automaticamente. 3. Il lettore visualizza lo stato del test nella schermata Run Test (Esegui test). 4. Al termine del test, viene chiesto di inserire la formula leucocitaria del paziente o di confermarne l inserimento prima del test. Nel frattempo il vassoio di test deve rimanere nel lettore. 5. Reinserire la formula leucocitaria del paziente e premere Confirm (Conferma). Viene visualizzata la schermata Test Result (Risultato del test). 6. Premere Next (Avanti) per visualizzare la schermata Confirm Patient ID (Conferma ID paziente). 7. Confermare che l ID paziente visualizzato in questa schermata è corretto. Visualizzazione e stampa dei risultati 1. Se l ID paziente è corretto: premere Confirm (Conferma) per visualizzare il risultato del test nella schermata Result List (Risultato del test). Se nel lettore è attivata la funzione di stampa automatica, il risultato viene stampato automaticamente. 2. Se l ID paziente è errato: 3. Inserire l ID paziente corretto e premere Confirm (Conferma) per visualizzare la schermata di mancata corrispondenza dell ID paziente. 4. Reinserire l ID paziente e premere Confirm (Conferma) per visualizzare il risultato del test nella schermata Result List (Risultato del test). 5. Se nel lettore è attivata la funzione di stampa automatica, il risultato viene stampato automaticamente. 6. Premere per aprire il cassetto. Estrarre il vassoio di test e smaltirlo in un contenitore per rifiuti pericolosi sotto il profilo biologico. APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 49

6 Interpretazione dei risultati RISULTATO DEL TEST APPY1 NEGATIVO/Basso rischio di appendicite NON CONCLUSIVO per appendicite RISULTATO NON VALIDO O MESSAGGIO DI ERRORE INTERPRETAZIONE Al di sotto del punto di decisione clinica per il test. Il paziente è a basso rischio di appendicite acuta. Al di sopra del punto di decisione clinica per il test. Rischio non conclusivo per appendicite acuta. Vedere le restrizioni qui di seguito. Ripetere il test. Se il secondo test genera nuovamente un Risultato non valido o un Messaggio di errore, consultare il manuale d'uso dell'appyreader per le istruzioni sulla risoluzione dei problemi o contattare l'assistenza tecnica. Controllo di qualità Funzioni di controllo integrate Il software del lettore include un autoverifica al momento dell inizializzazione che calibra i motori ottici, controlla il sistema di trasporto del vassoio, controlla il sistema del ricevitore ottico ed esegue un controllo di integrità delle impostazioni del lettore. In caso di discrepanza con le specifiche preprogrammate, sarà generato un Risultato non valido o un Messaggio di errore. Controlli esterni Vassoio APPYReader QC Il vassoio APPYReader QC consente il controllo ottico e dell idoneità del sistema volto a confermare il corretto funzionamento del lettore e deve essere eseguito giornalmente prima di utilizzare reagenti liquidi di controllo della qualità o campioni dei pazienti. Per poter procedere con l analisi dei campioni dei pazienti, il vassoio QC deve fornire risultati positivi. Kit di controllo APPY1 Sono disponibili controlli di qualità liquidi come controllo procedurale per il test APPY1. Gli intervalli stabiliti per ciascun controllo sono forniti con ciascun lotto di kit. Seguire le istruzioni per l uso in dotazione a ciascun kit per eseguire i controlli secondo necessità. I controlli devono essere eseguiti: almeno una volta al mese con ogni nuovo lotto e ogni nuova spedizione di kit per test APPY1 in caso di dubbi sull integrità del sistema, sulle condizioni di conservazione dei reagenti o sull affidabilità di qualche risultato del test in conformità con le linee guida nazionali o locali in conformità con le procedure QC del laboratorio Limitazioni 1. Un risultato del test APPY1 Negativo/Basso rischio di appendicite non preclude una diagnosi di appendicite acuta. Nelle fasi iniziali della risposta alla fase acuta (<24 ore dalla comparsa dei sintomi) o nell appendicite focale, i livelli di MRP 8/14 e CRP nel plasma potrebbero non aver raggiunto livelli significativi dal punto di vista clinico, determinando un falso risultato negativo del test. 2. Un risultato del test APPY1 Non conclusivo per appendicite non deve essere usato per formulare una diagnosi di appendicite acuta oppure interpretato come positivo, poiché altri disturbi infiammatori o malattie infettive possono evidenziare la presenza nel plasma di maggiori livelli di MRP 8/14 e CRP e un conteggio elevato dei globuli bianchi. 3. Il risultato del test APPY1 si basa su un punteggio calcolato da un algoritmo proprietario che utilizza input multivariati. Per arrivare al risultato del test APPY1 Test, il punteggio viene quindi messo a confronto con un punto di decisione clinica predeterminato. 4. MRP 8/14, CRP e formula leucocitaria sono regolati verso l alto aspecificamente in condizioni infiammatorie quali infezioni acute, lesioni tissutali acute e altri disturbi infiammatori. Una diagnosi di appendicite acuta deve essere quindi formulata nel contesto dell anamnesi del paziente e dei risultati fisici e clinici. 5. Le variazioni intra-individuali dei livelli di CRP possono essere comprese tra il 30 e il 60%. Anche la variabilità dei livelli di MRP 8/14 è ben caratterizzata. 6. Errori nel trattamento dei campioni possono determinare risultati negativi o falsi positivi. APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 50

7 Risultati attesi L algoritmo e il valore limite/punto di decisione clinica sono stati ottenuti da uno studio clinico pilota condotto su 503 pazienti. In base all analisi relativa alla Curva caratteristica operativa del ricevitore (ROC) e all accordo clinico con diagnosi di dimissione, è stato determinato il punto di decisione clinica per il test APPY1. I risultati dei test relativi ai pazienti al di sotto del valore limite vengono considerati NEGATIVI/Basso rischio di appendicite acuta, mentre i risultati al di sopra del valore limite vengono considerati NON CONCLUSIVI per appendicite. Prestazioni cliniche Lo studio clinico di convalida dell sistema APPY1 System è stato condotto su campioni di plasma congelati archiviati. I campioni sono stati prelevati durante un precedente studio osservazionale, prospettico, multicentrico, in aperto volto alla valutazione, all analisi, al triage e alle dimissioni di pazienti di età compresa tra 2 e 20 anni che si sono presentati in reparti di pronto soccorso con sintomi indicativi di appendicite acuta. I pazienti arruolati nello studio sono stati sottoposti a prelievi ematici dai quali sono stati ottenuti campioni di plasma, congelati entro 2 ore. I campioni sono stati conservati nei centri a -70 ºC fino alla spedizione a Venaxis, dove sono stati archiviati e conservati a -70 ºC fino al momento del test. Nel laboratorio di Venaxis sono stati condotti test dei campioni in cieco con con il sistema APPY. I risultati del test APPY1 sono stati confrontati con la diagnosi originale alle dimissioni (Negativo per appendicite acuta, AA-) o all istopatologia (Positivo per appendicite acuta, AA+). Nello studio di convalida sono stati usati complessivamente 465 campioni di pazienti prelevati durante precedenti studi clinici pilota, contenenti un volume sufficiente per l analisi completa. I soggetti erano di età compresa tra 2 e 20 anni, età media 12,0 ± 4,3 anni. All incirca il 49% erano di sesso maschile e il 52% di sesso femminile. La razza caucasica era quella predominante corrispondente al 70%, quella ispanica/latina al 19% e altre all 11%. Non vi era una differenza significativa nell età media tra la coorte AA+ (12,5±3,8) e la coorte AA- (11,9±4,5). Risultati del test APPY1 confrontati alla diagnosi clinica Risultato del test APPY1 N=465 AA- AA+ Sotto il valore limite: NEGATIVO/Basso rischio di AA Sopra il valore limite: NON CONCLUSIVO per AA Dati delle prestazioni cliniche Misura Stima (IC al 95%) Prevalenza AA 28,4% (24,5 32,6) Sensibilità 95,5% (90,4 97,9) Specificità 46,2% (41,0 51,6) NPV 96,3% (92,1 98,3) PPV 41,3% (35,9 46,9) Rapporto di verosimiglianza positivo 1,78 (1,60 1,99) Rapporto di verosimiglianza negativo 0,098 (0,045-0,217) Prestazioni analitiche Limite di rilevazione Il limite del bianco (LOB), il limite di rilevazione (LOD) e il limite di quantificazione (LOQ) sono stati determinati da 2 operatori che hanno analizzato 3 lotti di kit per test APPY1 contro 6 campioni di plasma e campioni bianchi di tampone del test APPY1 nell arco di 3 giorni, con i campioni randomizzati ogni giorno. APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 51

8 LOD, LOB e LOQ Limite CRP, µg/ml MRP, µg/ml Bianco 0,201 0,030 Rilevazione 0,254 0,045 Quantificazione 0,341 0,064 Linearità Per ciascun analita è stata dimostrata la linearità per un intervallo compreso all incirca tra il LOD/LOQ fino a oltre il valore di troncamento superiore del dosaggio. Il dosaggio è lineare per entrambi gli analiti nell intervallo del valore limite clinico. Il dosaggio della MRP è lineare da 0,052 a 0,933 µg/ml; il dosaggio della CRP è lineare da 0,187 a 51,4 µg/ml. Utilizzando il LOD della CRP come valore basso, il dosaggio della CRP è lineare da 0,254 µg/ml a 51,4 µg/ml. MRP 8/14 misurata in μg/ml 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 Linearità di MRP 8/14 y = 0,9998x - 0,0062 R² = 0,9959 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 Stimata in µg/ml CRP misurata in μg/ml Linearità di CRP y = 1,0545x - 0,451 R² = 0, Stimata in µg/ml Precisione Le prestazioni di precisione del test APPY1 sono state valutate in conformità con le linee guida CLSI EP-5A2, Evaluation of Precision Performance of Quantitative Measurement Methods; Approved Guideline (Valutazione delle prestazioni di precisione dei metodi di misurazione quantitativi; Linee guida approvate). Cinque campioni di plasma tra LOQ e il valore limite (punteggio del test APPY1 pari a 4,0), in corrispondenza o in prossimità del valore limite, e a intervalli superiori al valore limite sono stati analizzati nell arco di 20 giorni, 2 cicli di test al giorno, 2 replicati per ciclo, 1 operatore. I campioni sono stati randomizzati su 5 lettori in ciascun giorno di test. Per completare il calcolo del punteggio del test APPY1, a ciascun campione è stata assegnata una formula leucocitaria fissa. Il coefficiente percentuale totale di variazione (CV%) era compreso tra 0,0 e 2,8% per il punteggio del test APPY1, tra 6,5 e 12,0% per MRP 8/14 e tra 4,8 e 15,1% per CRP. Prossimi al valore limite stabilito, i CV% per MRP 8/14 e CRP sono stati 10,6%. APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 52

9 Test di precisione: punteggio del test APPY1 con formula leucocitaria fissa Punteggio del test APPY1 Intra-analisi Inter-analisi Totale Campione N (medio) DS CV % DS CV % DS CV % ,2 0,000 0,0 0,000 0,0 0,000 0, ,9 0,000 0,0 0,000 0,0 0,000 0, ,0 0,050 1,2 0,000 0,0 0,050 1, ,1 0,037 0,9 0,027 0,7 0,046 1, ,2 0,143 2,8 0,000 0,0 0,148 2,8 Test di precisione: concentrazione di MRP 8/14 Parametri Campione MRP 8/14 µg/ml Media 0,10 0,15 0,24 0,31 0,52 Ripetibilità (intra-analisi) DS 0,006 0,009 0,024 0,016 0,058 CV % 6,3 6,1 10,0 5,1 11,2 Inter-analisi DS 0,000 0,007 0,002 0,012 0,000 CV % 0,0 4,5 0,7 3,8 0,0 Totale DS 0,006 0,011 0,025 0,021 0,062 CV % 6,5 7,1 10,6 6,9 12,0 Test di precisione: concentrazione di CRP Parametri Campione CRP µg/ml Media 0,58 2,31 5,06 5,25 18,88 Ripetibilità (intra-analisi) DS 0,027 0,126 0,341 0,364 2,953 CV % 4,6 5,5 6,7 6,9 15,6 Inter-analisi DS 0,013 0,097 0,280 0,262 0,000 CV % 2,3 4,2 5,5 5,0 0,0 Totale DS 0,028 0,149 0,453 0,453 2,851 CV % 4,8 6,5 8,6 8,6 15,1 Riproducibilità La riproducibilità è stata valutata nel laboratorio Venaxis da 3 operatori, ciascuno con un lettore dedicato, completamente all oscuro dei risultati ottenuti dagli altri operatori. Una combinazione operatore + lettore è stata designata quale sito separato per un totale di 3 siti. Ogni operatore ha testato 5 campioni di plasma più 2 controlli per 3 giorni, 2 cicli di test al giorno, 2 replicati per ciclo. L ordine dei campioni è stato variato in ciascun ciclo di test. Per completare il calcolo del punteggio del test APPY1, a ciascun campione è stata assegnata una formula leucocitaria fissa. Per i punteggi dei test APPY1, il CV% all interno del ciclo (ripetibilità) era 3,4%, il CV% tra un ciclo e l altro era 0,9%, il CV% tra un giorno e l altro era 0,7% e il CV% tra gli operatori/siti era 0,5%. L imprecisione totale (riproducibilità) era 3,4%. I risultati relativi al punteggio del test APPY1, MRP 8/14 e CRP sono mostrati di seguito: APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 53

10 Test di riproducibilità: punteggio del test APPY1 con formula leucocitaria fissa Parametri Campione Punteggio del test APPY1 Media 3,2 3,9 4,0 4,2 5,4 Ripetibilità (intra-analisi) DS 0,014 0,019 0,048 0,049 0,168 CV % 0,4 0,5 1,2 1,2 3,1 Inter-analisi Inter-die Inter-operatore Riproducibilità (totale) DS 0,004 0,010 0,019 0,017 0,049 CV % 0,1 0,3 0,5 0,4 0,9 DS 0,005 0,014 0,010 0,012 0,036 CV % 0,1 0,4 0,2 0,3 0,7 DS 0,003 0,005 0,011 0,010 0,030 CV % 0,1 0,1 0,3 0,3 0,5 DS 0,015 0,026 0,054 0,054 0,182 CV % 0,5 0,7 1,3 1,3 3,4 Test di riproducibilità: concentrazione di MRP 8/14 Parametri Campione MRP 8/14 µg/ml Media 0,10 0,15 0,25 0,34 0,59 Ripetibilità (intra-analisi) DS 0,003 0,010 0,029 0,026 0,656 CV % 2,9 6,6 11,5 7,7 11,1 Inter-analisi Inter-die Inter-operatore Riproducibilità (totale) DS 0,002 0,005 0,009 0,008 0,013 CV % 1,9 3,1 3,5 2,3 2,3 DS 0,003 0,007 0,006 0,007 0,017 CV % 2,6 4,7 2,4 2,0 3,0 DS 0,010 0,002 0,006 0,006 0,015 CV % 9,6 1,6 2,5 1,7 2,5 DS 0,009 0,013 0,031 0,029 0,071 CV % 8,6 8,8 12,6 8,4 12,0 Test di riproducibilità: concentrazione di CRP Parametri Campione CRP 8/14 µg/ml Media 0,63 2,52 5,55 5,94 24,34 Ripetibilità (intra-analisi) DS 0,039 0,166 0,309 0,568 3,375 CV % 6,1 6,6 5,6 9,6 13,9 Inter-analisi Inter-die Inter-operatore Riproducibilità (totale) DS 0,016 0,13 0,281 0,228 1,226 CV % 2,5 5,2 5,1 3,8 5,0 DS 0,012 0,116 0,065 0,132 0,743 CV % 1,9 4,6 1,2 2,2 3,1 DS 0,009 0,048 0,099 0,121 0,902 CV % 1,4 1,9 1,8 2,0 3,7 DS 0,044 0,245 0,434 0,638 3,776 CV % 7,0 9,7 7,8 10,7 15,5 APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 54

11 Interferenza Sono stati analizzati campioni di pool plasmatico contenenti concentrazioni basse (L), medie (M) e alte (H) di MRP 8/14 e CRP per valutare l interferenza da parte di emoglobina, bilirubina (coniugata e non coniugata), lecitina, anticorpi umani anti-murini (HAMA), fattore reumatoide (FR) e immunoglobulina G (IgG). I valori di controllo per ciascun pool plasmatico (L, M, H) sono stati stabiliti utilizzando la media di 3 misurazioni replicate. L effetto di ciascuna sostanza interferente è stato valutato usando la media di 3 misurazioni replicate su ciascun pool plasmatico. A ciascun pool plasmatico è stato assegnato un valore fisso della formula leucocitaria per calcolare il punteggio del test APPY1. Al pool plasmatico basso è stato assegnato un valore della formula leucocitaria di 4, al pool plasmatico medio è stato assegnato un valore della formula leucocitaria di 7 e al pool plasmatico alto è stato assegnato un valore della formula leucocitaria di 10, assegnando rispettivamente punteggi del test APPY1 di 3,1, 3,6 e 4,6. Non è stata osservata alcuna interferenza significativa sul punteggio del test APPY1 per nessuna delle sostanze interferenti, tutte le differenze sono risultate inferiori al 10%. Tuttavia, è stata rilevata una potenziale interferenza a livelli bassi di MRP 8/14 quando è stata utilizzata la bilirubina non coniugata a questi livelli di test. Come dimostrato nel grafico in basso, questa interferenza ha un effetto molto limitato sul punteggio del test APPY1. Inoltre, è stata rilevata interferenza a bassi livelli di CRP nel confronto tra il campione di plasma positivo al FR e il rispettivo controllo. Tuttavia, in questo campione sono stati rilevati bassi livelli di CRP con l immunoblot, indipendentemente dai pool di test. Se si analizza una fonte più pulita di FR, la differenza percentuale indicata in basso risulterà ridotta. Un risultato simile è stato ottenuto con tutti i livelli di MRP 8/14 quando è stato eseguito il test dell interferente IgG. È stato dimostrato che l IgG purificata è contaminata con MRP 8/14 e che se si ottiene un materiale di origine più pulito anche gli effetti dell interferenza indicati in basso dovrebbero ridursi. Test dell interferenza: test APPY1 Potenziale interferente Concentrazione Pool basso Punteggio test APPY1 = 3,1 Pool medio Punteggio test APPY1 = 3,6 Pool alto Punteggio test APPY1 = 4,6 Differenza % rispetto al campione di controllo o NSD Emoglobina 2 g/l 0,69-0,79-0,08 Bilirubina, non coniugata 342 µmol/l 1,37 0,56 1,78 Bilirubina, coniugata 342 µmol/l -0,28-1,52-1,80 Lecitina 11,1 mmol/l 0,38-0,09 0,17 HAMA 153,3 ng/ml 0,24-0,93-2,18 Fattore reumatoide 60 IU/ml 0,06 0,42-1,99 IgG 52,8 mg/ml 5,55 7,06 4,30 Il kit per test APPY1 è destinato esclusivamente all esportazione in USA. Venaxis è un marchio registrato di Venaxis, Inc. APPY1 e APPYReader sono marchi di Venaxis, Inc. APPY1 Test Instructions for Use L10003IT 04 Italiano 2014 Venaxis, Inc. Page 55

12 REFERENCES 1. EU Market Study by Venaxis, Inc. (Benelux, France, Italy, Germany, UK), Venaxis analysis of data from: National Hospital Ambulatory Medical Care Survey, Available at: ahcd_questionnaires.htm#public_use. Accessed November Addiss D, et al. The Epidemiology of Appendicitis and Appendectomy in the United States. American Journal of Epidemiology. 1990;132: Becker, et al. Atypical Clinical Features of Pediatric Appendicitis. Academic Emergency Medicine. 2007;14: Brennan G. Pediatric Appendicitis: Pathophysiology and appropriate use of diagnostic imaging. Canadian Journal of Emergency Medicine. 2006;8: Kharbanda, et al. A Clinical Decision Rule to Identify Children at Low Risk for Appendicitis. Pediatrics. 2005;116: Huckins DS, et al. A novel biomarker panel to rule out acute appendicitis in pediatric patients with abdominal pain, American Journal of Emergency Medicine. (in press), 8. Cardall, et al. Clinical Value of the Total White Blood Cell Count and Temperature in the Evaluation of Patients with Suspected Appendicitis. Academic Emergency Medicine. 2004;11: Hennelly K and Bachur R. Appendicitis Update. Current Opinion Pediatrics. 2011;23: Wan M, et al. Acute Appendicitis in Young Children: Cost Effectiveness of US versus CT in Diagnosis A Markov Decision Analytical Model. Radiology. 2009;250: Glatter R. What role do imaging studies play in diagnosing pediatric appendicitis in the ED? MedScape Emergency Medicine, Web MD. June 18, Available at: Accessed April 9, Stoker J, et al. Imaging patients with acute abdominal pain. Radiology. 2009;253: Bachur R, et al. Advanced Radiologic Imaging for Pediatric Appendicitis: Trends and Outcomes. Journal of Pediatrics Menoch M, et al. Trends in Computed Tomography Utilization in the Pediatric Emergency Department. Pediatrics. 2012:129:e690-e Bealer J and Colgin M. S100A8/A9: A potential New diagnostic Aid for Acute Appendicitis. Academic Emergency Medicine. 2010:17: Mills A, et al. Diagnostic Characteristics of S100A8/A9 in a Multicenter Study with Patients With Acute Right Lower Quadrant Abdominal Pain. Academic Emergency Medicine. 2012;19: Kharbanda A, et al. Novel Serum and Urine Markers for Pediatric Appendicitis. Academic Emergency Medicine. 2012;19: Thuijl G, et al. A Pilot study on potential new plasma markers for diagnosis of acute appendicitis Shindoh J, et al. Diagnostic Power of Inflammatory Markers in Predicting Severity of Appendicitis. Hepato-Gastroenterology. 2011;58: Cole M, Maldonado N. Evidence-Based Management of Suspected Appendicitis in the Emergency Department. Emergency Medicine Practice. 2011;13: Siddique K, et al. Diagnostic accuracy of white cell count and C-reactive protein for assessing the severity of paediatric appendicitis. Journal of the Royal Society of Medicine. 2011;2: Doraiswamy NW. Progress of acute appendicitis: a study in children. British Journal of Surgery 1978;65: Symbol Key: Symbolschlüssel: Leyenda de los símbolos: Légende des symboles: Descrizione dei simboli: Verklaring van symbolen: Symbol Symbol Símbolo Symbole Simbolo Symbool EN DE ES FR IT NL Used for Verwendet für Significa Utilisé pour Spiegazione Gebruikt voor CE Mark CE-Zeichen Marca CE Marque CE Marcatura CE CE-markering Contents Inhalt Contenido Contenu Contenuto Inhoud Venaxis, Inc South Perry Street Castle Rock, CO USA Tel: Fax: Emergo Europe Molenstraat BH, The Hague, The Netherlands The APPY1 Test Kit is for U.S. Export Only. Venaxis is a registered trademark of Venaxis, Inc. APPY1 and APPYReader are trademarks of Venaxis, Inc. APPY1 Test Instructions for Use L Venaxis, Inc. Page 67

GRAVIDANZA test. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante.

GRAVIDANZA test. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. GRAVIDANZA test MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve

Dettagli

Calprotectina ELISA KIT Per la determinazione di calprotectina fecale in vitro (MRP 8/14)

Calprotectina ELISA KIT Per la determinazione di calprotectina fecale in vitro (MRP 8/14) Li StarFish S.r.l. Via Cavour, 35 20063 Cernusco sul Naviglio (MI), Italy Tel. +39-02-92150794 Fax. +39-02-92157285 info@listarfish.it - www.listarfish.it Calprotectina ELISA KIT Per la determinazione

Dettagli

Trattare come prodotto potenzialmente infettivo.

Trattare come prodotto potenzialmente infettivo. ISTRUZIONI PER L USO VITROS Immunodiagnostic Products Confezione dei reagenti Anti-HIV 1+2 ahiv 124 1850 Impiego Per la valutazione qualitativa in vitro degli anticorpi diretti contro il virus dell immunodeficienza

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Test delle urine multi-strisce (1-11 parametri)

Test delle urine multi-strisce (1-11 parametri) Test delle urine multi-strisce (1-11 parametri) PER USO PROFESSIONALE FOR PROFESSIONAL USE MANUALE D USO ATTENZIONE: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

Foglietto illustrativo QuantiFERON Monitor (QFM ) ELISA 2 96

Foglietto illustrativo QuantiFERON Monitor (QFM ) ELISA 2 96 Novembre 2014 Foglietto illustrativo QuantiFERON Monitor (QFM ) ELISA 2 96 Il test dell IFN-γ su sangue intero per misurare le risposte agli immunostimolanti innati e adattivi Versione 1 Per uso diagnostico

Dettagli

C-peptide. Codice K6220. Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativadi C-peptide in campioni clinici umani.

C-peptide. Codice K6220. Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativadi C-peptide in campioni clinici umani. C-peptide Codice K6220 Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativadi C-peptide in campioni clinici umani. Il kit contiene i reagenti sufficienti per 96 micropozzetti. (111857-002) K6220/IT/CKJ/2009.06.17

Dettagli

Mercodia Ultrasensitive C-peptide ELISA

Mercodia Ultrasensitive C-peptide ELISA Mercodia Ultrasensitive C-peptide ELISA Instruzioni per l uso 10-1141-01 REAGENTI PER 96 RILEVAZIONI Per l uso diagnostico in vitro Prodotto da Mercodia AB, Sylveniusgatan 8A, SE-754 50 Uppsala, Svezia

Dettagli

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin RIDASCREEN FAST T-2 Toxin Saggio immunoenzimatico per l analisi quantitativa della tossina T-2 Cod. R5302 Test in vitro Conservare a 2-8 C R-Biopharm AG, Darmstadt, Germany Tel.: +49 (0) 61 51 81 02-0

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata

QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata Finalità d uso QUANTA Lite TM ACA IgG III è un test immunoenzimatico per la ricerca semi-quantitativa di anticorpi

Dettagli

QuantiFERON -CMV Foglietto illustrativo 2 x 96

QuantiFERON -CMV Foglietto illustrativo 2 x 96 QuantiFERON -CMV Foglietto illustrativo 2 x 96 Test dell interferone gamma nel sangue intero per la misurazione delle risposte agli antigeni peptidici del citomegalovirus umano 0350-0201 Cellestis, società

Dettagli

APPLICAZIONE QMS TACROLIMUS Beckman Coulter AU480 /AU680 /AU5800

APPLICAZIONE QMS TACROLIMUS Beckman Coulter AU480 /AU680 /AU5800 APPLICAZIONE QMS TACROLIMUS Beckman Coulter AU480 /AU680 /AU5800 Reagente Beckman Coulter REF A53727 L'immunodosaggio QMS per il tacrolimus è concepito per la determinazione quantitativa di tacrolimus

Dettagli

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti MYCHLE v.3 1 Finalità d uso RealCycler MYCHLE è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Mycoplasma pneumoniae, Chlamydophila pneumoniae spp. in campioni

Dettagli

Maxwell 16 Blood DNA Purification System

Maxwell 16 Blood DNA Purification System Manuale Tecnico Maxwell 16 Blood DNA Purification System Attenzione maneggiare le cartucce con attenzione, le estremità dei sigilli possono essere taglienti. 2800 Woods Hollow Rd. Madison, WI USA Dispositivo

Dettagli

OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 18018-1799 Phone: (610) 882-1820 (800) 869-3538 (USA) Fax: (610) 882-1830 www.orasure.

OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 18018-1799 Phone: (610) 882-1820 (800) 869-3538 (USA) Fax: (610) 882-1830 www.orasure. OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 1818-1799 Phone: (61) 882-182 (8) 869-3538 (USA) Fax: (61) 882-183 www.orasure.com SALIVA ALCOHOL TEST Istruzioni sul prodotto per A15 Codice

Dettagli

ELISA PeliClass human IgG subclass kit REF M1551

ELISA PeliClass human IgG subclass kit REF M1551 Sanquin Reagents Plesmanlaan 5 0 CX Amsterdam The Netherlands Phone: +.0.5.599 Fax: +.0.5.570 Email: reagents@sanquin.nl Website: www.sanquinreagents.com M55/ November 007 ELISA PeliClass human IgG subclass

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 Dispositivi medico-diagnostici in vitro nel diabete: stato dell arte Ruolo del Farmacista Angela Ricci Frabattista

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

Quantikine IVD ELISA. Inserto aggiuntivo dell EPO Umana ELISA Kit. Codice catalogo DEP00

Quantikine IVD ELISA. Inserto aggiuntivo dell EPO Umana ELISA Kit. Codice catalogo DEP00 Quantikine IVD ELISA Inserto aggiuntivo dell EPO Umana ELISA Kit Codice catalogo DEP00 Questo inserto supplementare contiene il protocollo di dosaggio ed esecuzione e deve essere letto interamente prima

Dettagli

Diagnostics Innovative Solutions for a Healthier World

Diagnostics Innovative Solutions for a Healthier World Diagnostics Innovative Solutions for a Healthier World Kit per striscio F.A.S.T. TM AFB E-Z Manuale d istruzioni Form 425 Rev. B Ultima revisione: 18.1.2012 Italiano Kit per striscio F.A.S.T. TM AFB E-Z

Dettagli

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro 1 CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI: APETTI REGOLATORI E APPLICATIVI Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro Roma, 19 MAGGIO 2009 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR METODO NAZIONALE STANDARD SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR VSOP 26 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no.3 Data di revisione 05.03.08 Emesso

Dettagli

ALLEGATO 1B QUESTIONARIO TECNICO LOTTO 1

ALLEGATO 1B QUESTIONARIO TECNICO LOTTO 1 ALLEGATO 1B QUESTIONARIO TECNICO LOTTO 1 VIROLOGIA IMMUNOLOGIA Risposta DITTA Analizzatore Nome Strumento Rispondenza alle norme di sicurezza CE Dimensioni Peso Tipologia di materiali biologici analizzabili

Dettagli

Test Monofase Menopausa

Test Monofase Menopausa Test Monofase Menopausa MANUALE D USO ATTENZIONE: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. 0197 ITALIANO 2 PRINCIPIO La menopausa è la cessazione

Dettagli

GE Healthcare MAC 5500. Sistema ECG diagnostico

GE Healthcare MAC 5500. Sistema ECG diagnostico GE Healthcare MAC 5500 Sistema ECG diagnostico Caratteristiche principali del MAC 5500 Frutto delle dimostrate capacità innovative di GE nel campo dell acquisizione e dell analisi ECG, il MAC 5500 è il

Dettagli

URGENTE: avviso di sicurezza per operatori sanitari

URGENTE: avviso di sicurezza per operatori sanitari per operatori sanitari Alere INRatio PT/INR Monitor system 22 dicembre 2014 Gentile operatore sanitario, Questa lettera contiene informazioni importanti su Alere INRatio PT/INR Monitor system (INRatio

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

Sonicaid. Lactate Pro TM

Sonicaid. Lactate Pro TM Sonicaid Lactate Pro TM 1.IL PRODOTTO IN BREVE 1.I Descrizione Il Lactate Pro è un dispositivo che rileva la concentrazione di lattato nel sangue, per la sua precisione, praticità ed economia di esercizio

Dettagli

Introduzione. Il sistema Accu-Chek Aviva Connect. Perché è importante misurare la glicemia regolarmente? w AVVERTENZA

Introduzione. Il sistema Accu-Chek Aviva Connect. Perché è importante misurare la glicemia regolarmente? w AVVERTENZA Indice Introduzione...3 Capitolo 1: Il nuovo sistema...5 Capitolo 2: Controllo di funzionalità...13 Capitolo 3: Test della glicemia...19 Capitolo 4: Impostazioni del misuratore...29 Capitolo 5: Revisione

Dettagli

Clinical Chemistry system

Clinical Chemistry system Clinical Chemistry system Dalla routine ai test specifici Ora, puoi eseguire le tue analisi con successo Fino a 400 test per ora con il modulo ISE 55 parametri on-board con possibilità di back-up Formato

Dettagli

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva Introduzione L accuratezza del sistema è stata valutata in base allo standard ISO 15197:2003. Il sangue capillare di soggetti a cui è

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO ASS 4 MEDIO FRIULI PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO Dr.ssa Mauro Katia Dipartimento di Prevenzione DEFINIZIONI Incidente a Rischio Biologico: si definisce

Dettagli

EDI Kit ELISA Cromogranina A umana ELISA Kit per la valutazione della Cromogranina A umana nel siero

EDI Kit ELISA Cromogranina A umana ELISA Kit per la valutazione della Cromogranina A umana nel siero EDI Kit ELISA Cromogranina A umana ELISA Kit per la valutazione della Cromogranina A umana nel siero EPI-KT 812 Italiano US: Per determinazioni in vitro FINALITA D USO kit ELISA per la determinazione quantitativa

Dettagli

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione HERPLX v.2 1 Finalità d uso RealCycler HERPLX è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Herpesvirus tipo 1 (HSV1), Herpesvirus tipo 2 (HSV2), virus Varicella-Zoster

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

Insulin. Codice K6219. Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativa dell insulina in campioni clinici umani.

Insulin. Codice K6219. Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativa dell insulina in campioni clinici umani. Insulin Codice K6219 Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativa dell insulina in campioni clinici umani. Il kit contiene i reagenti sufficienti per 96 micropozzetti. (106014-005) K6219/IT/CKJ/2009.06.17

Dettagli

L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga

L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica e Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Il trattamento del paziente epilettico richiede il contributo multidisciplinare di competenze mediche,

Il trattamento del paziente epilettico richiede il contributo multidisciplinare di competenze mediche, ANTIEPILETTICI plasmatici in LC-MS - Codice LC04910 (Levetiracetam, Lamotrigina, Primidone, Oxcarbazepina, Carbamazepina Epossido, Monoidrossicarbamazepina, Carbamazepina, Felbamato, Desmetilsuccimide,

Dettagli

CITOMEGALOVIRUS Ab IgM

CITOMEGALOVIRUS Ab IgM MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. CITOMEGALOVIRUS Ab IgM PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

SIMT-IO 041 ESECUZIONE EMOCROMI

SIMT-IO 041 ESECUZIONE EMOCROMI 1 Prima Stesura Data: 15/02/2014 Redattori: Rizzo, Carone SIMT-IO 041 ESECUZIONE EMOCROMI Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 5 3 BIBLIOGRAFIA... 5 4 INDICATORI... 6 Stato delle Modifiche

Dettagli

ahbc ISTRUZIONI PER L USO VITROS Immunodiagnostic Products Confezione dei reagenti Anti-HBc

ahbc ISTRUZIONI PER L USO VITROS Immunodiagnostic Products Confezione dei reagenti Anti-HBc ISTRUZIONI PER L USO VITROS Immunodiagnostic Products Confezione dei reagenti Anti-HBc ahbc 849 6812 Impiego Per la misura qualitativa in vitro di anticorpi dell antigene core dell epatite B (anti-hbc)

Dettagli

EPSTEIN BARR Ab IgG (VCA)

EPSTEIN BARR Ab IgG (VCA) MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. EPSTEIN BARR Ab IgG (VCA) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente

Dettagli

LABORATORI ANALISI ASP. Verifica e miglioramento continuo della qualità per l esecuzione di ogni esame

LABORATORI ANALISI ASP. Verifica e miglioramento continuo della qualità per l esecuzione di ogni esame Pag.1 di 9 OGGETTO VERIFICA E MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA QUALITÀ PER L ESECUZIONE DI OGNI ESAME Redazione Verifica Approvazione Funzione Data Firma Funzione Data Firma Funzione Data Firma DIRIGENTI BIOLOGI/MEDICI

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO LOTTO 1

DISCIPLINARE TECNICO LOTTO 1 Allegato n 1 al Capitolato di Speciale di gara FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD scarl DISCIPLINARE TECNICO LOTTO 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SISTEMI ANALITICI PER L ESECUZIONE

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

ASPECT Reader Manuale dell'utente - Italiano Versione software 1.1.0. UG0001 - IT AW201192 Rev. 1

ASPECT Reader Manuale dell'utente - Italiano Versione software 1.1.0. UG0001 - IT AW201192 Rev. 1 ASPECT Reader Manuale dell'utente - Italiano Versione software 1.1.0 UG0001 - IT AW201192 Rev. 1 Marzo 2015 Prima di cominciare Per cominciare sono a vostra disposizione alcune importanti fonti di informazione

Dettagli

valore max 5,8 utilizzo puntale monouso per distribuzione campioni no 0 si 3,9

valore max 5,8 utilizzo puntale monouso per distribuzione campioni no 0 si 3,9 ALLEGATO B4-LOTTO LI1 analizzatore automatico per dosaggi immunochimici REQUISITI MINIMI rilevazione in chemiluminescenza e/o fluorescenza produttività teorica pari ad almeno 90 test/ora caratteristiche

Dettagli

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari Cos è il Food-Detective? E un test rapido per la rilevazione delle intolleranze alimentari E un test sicuro ed affidabile E un test che si esegue

Dettagli

Allegato A C.S.A. analiti off-line consolidamento

Allegato A C.S.A. analiti off-line consolidamento Allegato A al C.S.A. per fornitura in service di sistema di automazione della fase preanalitica e perianalitica e di analizzatori di chimica clinica, dosaggio proteine specifiche, immunometria da ubicare

Dettagli

PLATELIA HSV 2 IgG 96 TEST 72821

PLATELIA HSV 2 IgG 96 TEST 72821 PLATELIA HSV 2 IgG 96 TEST 72821 DETERMINAZIONE QUALITATIVA DEGLI ANTICORPI IgG ANTI-HSV 2 NEL SIERO O NEL PLASMA UMANO MEDIANTE IMMUNODOSAGGIO ENZIMATICO 1. USO PREVISTO Platelia HSV 2 IgG è un immunodosaggio

Dettagli

smart emergency battery + power management app Istruzioni per l uso Italiano

smart emergency battery + power management app Istruzioni per l uso Italiano smart emergency battery + power management app Istruzioni per l uso Italiano +battery Indice Tappo da trasporto Tappo 1. Come usare il manuale 1.1 Contenuto del manuale 1.2 Guida all uso 1.2.1 Argomenti

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

SOMMARIO E SPIEGAZIONE DEL TEST

SOMMARIO E SPIEGAZIONE DEL TEST ITALIAN Prima di usare il prodotto, leggere completamente il foglietto illustrativo. Attenersi scrupolosamente alle istruzioni durante l'esecuzione del test. La mancata osservanza delle istruzioni può

Dettagli

Prodotti per lo screening neonatale: usati originariamente per il test della fenilchetonuria, questi cartoncini possono essere ora applicati per lo

Prodotti per lo screening neonatale: usati originariamente per il test della fenilchetonuria, questi cartoncini possono essere ora applicati per lo : usati originariamente per il test della fenilchetonuria, questi cartoncini possono essere ora applicati per lo screening di più di 30 malattie potenziali. Semplici. Accurati. Efficienti. Salvavita. Carta

Dettagli

ANTI-EBV EA IgM ELISA

ANTI-EBV EA IgM ELISA ANTI-EBV EA IgM ELISA 96 807015 Analisi immunoenzimatica per la determinazione in vitro di anticorpi IgM contro l antigene precoce (EA) p54/p138 del virus di Epstein-Barr in siero o plasma umano SOMMARIO

Dettagli

25-OH VITAMINA D 3 e 25-OH VITAMINA D 2 PLASMATICHE IN LC/MS Codice LC19015

25-OH VITAMINA D 3 e 25-OH VITAMINA D 2 PLASMATICHE IN LC/MS Codice LC19015 25-OH VITAMINA D 3 e 25-OH VITAMINA D 2 PLASMATICHE IN LC/MS Codice LC19015 INTRODUZIONE La vitamina D ha un ruolo fondamentale nel controllo delle concentrazioni di calcio e fosforo nel liquido extracellulare

Dettagli

URGENTE: avviso di sicurezza per operatori sanitari

URGENTE: avviso di sicurezza per operatori sanitari Alere INRatio PT/INR Monitor system 10 dicembre 2014 Gentile operatore sanitario, questa lettera contiene informazioni importanti su Alere INRatio PT/INR Monitor system (INRatio / INRatio 2 Monitors e

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Dott. Antonella Martini

Dott. Antonella Martini Self help dimostrazioni pratiche V corso di approfondimento professionale per il Pediatra 19-22 novembre 2007 Dott. Antonella Martini Pdf Rm E Test rapido per l antigene dello treptococco beta emolitico

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI. Contatore di particelle video con fotocamera integrata. Modello VPC300

MANUALE D ISTRUZIONI. Contatore di particelle video con fotocamera integrata. Modello VPC300 MANUALE D ISTRUZIONI Contatore di particelle video con fotocamera integrata Modello VPC300 Introduzione Grazie per aver scelto il Contatore di particelle con fotocamera Modello VPC300 di Extech Instruments.

Dettagli

GENSCREEN HIV1/2 version 2

GENSCREEN HIV1/2 version 2 GENSCREEN HIV1/2 version 2 1 micropiastra - 96 test 72278 5 micropiastre - 480 test 72279 PER LA RILEVAZIONE DEGLI ANTICORPI ANTI-HIV1 E ANTI-HIV2 NEL SIERO/PLASMA PER TECNICA IMMUNOENZIMATICA IVD Controllo

Dettagli

Tabella 1 : Glucosio Età

Tabella 1 : Glucosio Età Tabella 1 : Glucosio Età V.R. (mg/dl) Fino a 2 giorni 40 60 Da 2 giorni a 1 mese 50 80 Da 1 mese a 12 anni 60 110 Da 12 anni a 60 anni 70 105 Da 60 anni a 70 anni 80 115 Oltre 70 anni 83 105 Tabella 2

Dettagli

ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC06510

ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC06510 ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC BIOCHIMICA L alcol propilico è un alcol, che a temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore alcolico. È un composto molto infiammabile,

Dettagli

ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC02010

ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC02010 ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC BIOCHIMICA L acetato di isobutile è comunemente usato come solvente, nelle lacche e nella nitrocellulosa. E un liquido molto infiammabile. Il metodo proposto

Dettagli

DSSD per Therapeutic Drug Monitoring e Farmacogenetica.

DSSD per Therapeutic Drug Monitoring e Farmacogenetica. Via Lessolo, 19-10153 TORINO Tel.011.8129005 - fax.011.5364575 e-mail : info@biomicron.it DSSD Dried Sample Spots Device for Low Cost Shipping (Laboratori Biomicron srl in collaborazione con Laboratorio

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

C1q CIC ELISA 704620

C1q CIC ELISA 704620 QUANTA Lite Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata C1q CIC ELISA 704620 Finalità d uso Il presente dosaggio permette la determinazione in vitro degli immunocomplessi circolanti (CIC) leganti

Dettagli

DH001. Hycult Dx Human MBL

DH001. Hycult Dx Human MBL DH001 Hycult Dx Human MBL KIT ELISA INFORMAZIONI SUL PRODOTTO E MANUALE D'USO Leggere attentamente prima di iniziare le procedure! 96 test www.hycultbiotech.com Edizione 06-12 info@hycultbiotech.com Si

Dettagli

ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z23010

ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z23010 ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z BIOCHIMICA Il dosaggio dell acido trans,trans-muconico ( t,t-ma ) viene da tempo proposto come un marker biologico affidabile e sensibile per il

Dettagli

AFLA-V FOGLIO D ISTRUZIONI

AFLA-V FOGLIO D ISTRUZIONI AFLA-V FOGLIO D ISTRUZIONI CULTIVIAMO IL SUCCESSO MEDIANTE LA SCIENZA Nel settore della sicurezza alimentare,vicam è da più di 20 anni il primo fornitore di tecnologie innovative e di test rapidi per la

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

Principali simboli utilizzati

Principali simboli utilizzati Sistema microelisa per HTLV-I/II Avioq Principali simboli utilizzati Numero di catalogo Consultare le istruzioni per l'uso Codice di lotto Dispositivo medicodiagnostico in vitro Data di scadenza Controllo

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Sistema ma pe la det r la deter ina minazione della glice licemi mia MANUALE PER L USO

Sistema ma pe la det r la deter ina minazione della glice licemi mia MANUALE PER L USO Sistema per la determinazione della glicemia MANUALE PER L USO Funzioni principali di BGStar Non richiede l uso di un codice: BGStar non richiede l inserimento di un codice. Inserire una striscia reattiva

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PROCEDURALI. per la marcatura degli ELEMENTI DEL SANGUE

RACCOMANDAZIONI PROCEDURALI. per la marcatura degli ELEMENTI DEL SANGUE Associazione Italiana di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare RACCOMANDAZIONI PROCEDURALI per la marcatura degli ELEMENTI DEL SANGUE a cura del Gruppo di Studio Infezioni- Infiammazioni Estensori: Alberto

Dettagli

LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue

LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue U.O.C. SIMT, U.O.C. CAPE LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue NB: I sub-lotti A e B del lotto

Dettagli

Azienda USL Frosinone. Lotto n 3. Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S)

Azienda USL Frosinone. Lotto n 3. Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S) Azienda USL Frosinone Lotto n 3 Service per analisi settore specialistico di autoimmunità per il Laboratorio di Frosinone(LEC/S) SPECIFICHE TECNICHE E ORGANIZZATIVE 1. Oggetto della fornitura L oggetto

Dettagli

VITAMINA D. FASE POST-ANALITICA: I dati ottenuti vengono validati tecnicamente poi clinicamente e quindi firmati digitalmente.

VITAMINA D. FASE POST-ANALITICA: I dati ottenuti vengono validati tecnicamente poi clinicamente e quindi firmati digitalmente. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. VITAMINA D PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve trovarsi

Dettagli

Una storia di innovazione

Una storia di innovazione neo Una storia di innovazione Solo Immucor è da sempre impegnata a realizzare soluzioni automatiche di nuova generazione nei laboratori di immunoematologia di tutto il mondo ABS HV Galileo 1998 1999 2004

Dettagli

ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina)

ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina) ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina) INTRODUZIONE Tecnicamente si definisce antibiotico una sostanza di origine naturale prodotta da un microrganismo,

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay

Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay ELISA: Combina la specificità degli anticorpi con la sensibilità dei dosaggi enzimatici. immunoassay techniques used for detection or quantification of a substance based

Dettagli

Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD. Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna

Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD. Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna Controllo Qualità L'analisi è un procedimento metrologico che ha lo

Dettagli

CanAg CEA EIA. Prod. No. 401-10. Il kit CanAg CEA EIA è finalizzato alla determinazione quantitativa in siero dell antigene tumore associato CEA.

CanAg CEA EIA. Prod. No. 401-10. Il kit CanAg CEA EIA è finalizzato alla determinazione quantitativa in siero dell antigene tumore associato CEA. CanAg CEA EIA Prod. No. 401-10 Istruzioni per l uso Dosaggio immunoenzimometrico 2013-06 96 tests FINALITA DEL DOSAGGIO Il kit CanAg CEA EIA è finalizzato alla determinazione quantitativa in siero dell

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

VOICE. Sistema Di Controllo Della Glicemia. Manuale del proprietario

VOICE. Sistema Di Controllo Della Glicemia. Manuale del proprietario VOICE Sistema Di Controllo Della Glicemia Manuale del proprietario Italiano Gentile utente del sistema FORA Diamond VOICE: Grazie per avere acquistato il sistema di controllo della glicemia FORA Diamond

Dettagli